Via Durini n MILANO. Costruzione n. 2 Edifici Residenziali Box e Cantine Via Per Ceriano Saronno (Va)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Durini n. 27 20122 MILANO. Costruzione n. 2 Edifici Residenziali Box e Cantine Via Per Ceriano Saronno (Va)"

Transcript

1 Studio di Architettura Ziraldo Mazzola Guerriero Via Durini n MILANO Costruzione n. 2 Edifici Residenziali Box e Cantine Via Per Ceriano Saronno (Va) Il complesso residenziale sarà realizzato in osservanza a quanto previsto dalla normativa in tema di requisiti passivi acustici strutturali (D.P.C.M ) ed in rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico (D.L n.192, D.L n.311) recepimento della Direttiva della Comunità Europea 2002/91 (Classe di efficienza energetica A ). 1

2 Studio di Architettura Ziraldo Mazzola Guerriero 2 DESCRIZIONE DELLE OPERE SCAVI E MOVIMENTI TERRA Gli scavi di sbancamento generale e parziale saranno eseguiti con idonei mezzi meccanici fino alla quota di progetto. I materiali di risulta, se riutilizzabili, saranno accatastati in cantiere, in caso contrario saranno trasportati alle pubbliche discariche. FONDAZIONI E STRUTTURE PORTANTI Le fondazioni saranno del tipo diretto e cioè formate da elementi in C.A. a contatto con il terreno; il piano di imposta sarà regolarizzato in quota con getto di calcestruzzo contro terra. Le strutture portanti verticali ed orizzontali saranno in C.A. gettato in opera, eseguito con casseri e ferro. Tutte le parti strutturali saranno calcolate da Professionista Abilitato, sarà presentata la relativa pratica agli Uffici Competenti e, a termine delle opere stesse, sarà effettuato regolare Collaudo Statico. SOLAI Il solaio di copertura del piano seminterrato e dei boxes esterni al fabbricato sarà del tipo a piastra con intradosso in calcestruzzo a vista, realizzato con lastre prefabbricate (Predalles), con interposti pannelli di polistirolo e sovrastante cappa in calcestruzzo armata con rete elettrosaldata.

3 3 I solai ai piani, compreso quello di copertura non eseguiti con altro materiale, saranno in latero cemento, a travetti prefabbricati con interposti elementi in laterizio e sovrastante caldana in calcestruzzo. MURATURE E TAMPONAMENTI Le murature esterne saranno eseguite con tamponamento effettuato da elementi in laterizio tipo Poroton, spessore cm. 30, isolamento esterno tipo Cappotto spessore cm. 8, con rivestimento di finitura parte in gres porcellanato high-tech, tipo Pietra Piasentina e parte in intonaco ai Silicati, come da progetto. I muri divisori tra gli appartamenti saranno formati da doppia parete costituita da un blocchetto isolante tipo Poroton spessore cm. 12 e mattone forato, spessore cm. 8, con interposto isolamento termoacustico realizzato con pannelli accostati e sigillati, allo scopo di garantire la continuità su tutta la parete. Le pareti interne degli appartamenti saranno eseguite in mattoni forati dello spessore di cm. 8. I muri divisori tra i box e le divisioni tra le cantine saranno in blocchetti di cemento con adeguata resistenza al fuoco della Ditta Vibrapac o simili a vista; ove necessario e disposto nella pratica approvata dal Comando dei Vigili del Fuoco, con adeguate caratteristiche di resistenza REI. INTONACI E FINITURE INTERNE Le pareti interne ed i soffitti dei boxes e delle cantine saranno lasciate a fondo cassero o realizzate con blocchetti di tipo Vibrapac. Tutte le pareti ed i soffitti interni delle abitazioni, degli atrii di ingresso, dei vani scala, dei disimpegni ai piani, del piano sottotetto (parti murarie) e interno volume tecnico, saranno trattate e finite con intonaco tipo pronto e rasate a gesso. Gli angoli sporgenti saranno muniti di paraspigoli in lamiera zincata. I bagni e le cucine, nelle zone non rivestite, saranno intonacati a civile su sottostante intonaco pronto premiscelato a base cementizia. Pure a civile saranno intonacate le pareti degli immondezzai, ove non rivestite e le pareti del locale comune al piano interrato. COPERTURA TETTO Il tetto, sia dei fabbricati principali che dei volumi tecnici, sarà realizzato in solaio semipiano di latero cemento che verrà isolato e impermeabilizzato secondo la seguente stratigrafia di materiali: Barriera al vapore, realizzata con guaina bituminosa.

4 4 Massetto delle pendenze. Posa di pannelli isolanti di materiale e spessore a norma delle vigenti disposizioni sul contenimento energetico. Posa di due guaine incrociate di cui la superiore rivestita in graniglia minerale. Il tutto completo di scossaline, cappellotti, banda del sole, canali, pluviali ed ogni altro elemento di lattoneria necessario al completamento della copertura a regola d arte; in acciaio inox. Saranno installate cuffie di aereazione e torrini di esalazione di tutti gli scarichi, realizzati in acciaio inox. IMPERMEABILIZZAZIONI ISOLAMENTI INSONORIZZAZIONI L impermeabilizzazione dei muri contro terra sarà realizzata con guaine bituminose prefabbricate, protette da idonei pannelli, tipo Protefon o analoghi. L impermeabilizzazione dei terrazzi sarà realizzata con doppia guaina bituminosa, con sovrastante pavimentazione; per la copertura delle pensiline di ingresso principale e pedonale saranno pure installate due guaine, delle quali la più esterna con finitura in graniglia minerale. L isolamento delle pareti esterne dei locali abitabili e sottotetto sarà realizzato attraverso formazione di Cappotto Termico spessore cm. 8. L isolamento di terrazzi sarà eseguito a mezzo posa di pannelli isolanti, calcolati in base alla normativa vigente sul contenimento energetico; protetti superiormente da una barriera al vapore con sovrastante sottofondo di sabbia e cemento, armato con rete di irrigidimento. A tutti i piani, compreso il sottotetto, sopra il solaio, sara realizzato un trattamento isolante ed antirumore secondo le seguenti modalità: Posa di massetto in cemento cellulare alleggerito con sfere di polistirolo, protetto superiormente da una barriera al vapore con sovrastante sottofondo di sabbia e cemento, armato con rete di irrigidimento. In alternativa e dietro specifiche disposizioni della D.L. potrà essere impiegato sistema migliorativo, mediante posa a pavimento di pannello di polistirene o altro materiale con la medesima efficacia. In entrambe le soluzioni sopra al massetto sarà posizionato un foglio isolante anticalpestio. I balconi aggettanti, sotto i quali non esiste piano di abitazione, saranno impermeabilizzati a mezzo posa di malta bicomponente elastica (tipo Mapelastic ) con idonei colli nelle zone di contatto con la muratura verticale.

5 5 PAVIMENTI RIVESTIMENTI SCALE Prima della formazione del pavimento al piano seminterrato dovrà essere eseguito un vespaio in ghiaia grossa mista da scavo con sovrastante getto di caldana in calcestruzzo. I pavimenti del locale immondezzaio e del vano comune al piano interrato saranno realizzati con piastrelle di gres ceramico ad alta resistenza da cm. 10x20; il locale immondezzaio sarà pure rivestito su tutte le pareti fino a quota mt. 2,10, col medesimo materiale, mentre nel locale comune, sarà realizzato idoneo zoccolino dell altezza di cm. 10. La pavimentazione della rampa di accesso carraio sarà eseguita con massetto in granulato sferoidale al quarzo tipo Durocret, di colore rosso e getto di calcestruzzo; per le zone inclinate saranno realizzate scanalature antiscivolo. I pavimenti dei boxes, delle cantine, relativi disimpegni e zone macchine sulla copertura, saranno pure eseguiti con massetto in granulato sferoidale al quarzo tipo Durocret, di colore rosso e getto di calcestruzzo, lisciato con macchinario specifico tipo elicottero e dotato di idonei giunti. Le soglie ed i davanzali delle finestre e porte finestre saranno eseguite in serizzo levigato. L atrio di ingresso principale, i disimpegni di distribuzione ai piani (compreso, sottotetto e volume tecnico) e le scale interne (pedate, alzate e zoccolino), saranno realizzati con lastre di granito bianco sardo o simili a scelta della D.L., di adeguate dimensioni e spessori, lucidate. I pavimenti dei balconi, dei marciapiedi intorno ai fabbricati e dei terrazzi al piano sottotetto saranno realizzati con piastrelle antigelive ed antisdrucciolevoli da cm. 10x20 ad impasto integrale. (tipologia e colori a scelta della D.L.). Le pavimentazioni esterne, compreso l accesso pedonale, saranno pure realizzate con piastrelle antigelive ed antisdrucciolevoli analoghe a quelle dei balconi, ma di dimensioni cm. 30x30 (tipologia e colori a scelta della D.L.). I pavimenti dei soggiorni, ingressi, disimpegni, sottotetti e cucine saranno in gres porcellanato smaltato, di prima scelta. I pavimenti dei bagni saranno in gres porcellanato, di prima scelta. Le pareti dei bagni saranno rivestite in ceramica monocottura, di prima scelta, per un altezza di cm Le cucine saranno dotate di rivestimento in ceramica monocottura, di prima scelta; installato sulle due pareti attrezzate, per un altezza di cm La posa delle piastrelle sarà ortogonale rispetto alle pareti dei locali, con giunti massimo di 5 mm. I pavimenti delle camere e disimpegni notte saranno realizzati in Parquet prefinito, essenze Iroko, Merbau e Rovere in varie tinte cm. 50x7, spessore mm. 11, incollato. In tutti i locali di abitazione (ad eccezione di quelli dotati di rivestimento) sarà installato uno zoccolino in essenza lignea di cm. 7/8 x 1 con finitura della medesima essenza/materiale/colore delle porte interne.

6 6 Per ciascun appartamento sara consegnata una scorta di materiale pari a mq. 1,00 per ogni tipologia di piastrelle e a mq. 0,50 per ogni tipo di rivestimento. Pavimenti e rivestimenti saranno scelti dal Cliente, in apposita campionatura predisposta dalla D.L. come di seguito indicato: Pavimenti zona giorno e mansarde: Serie Montalcino (Nuova Riwal) 34x34 Serie FreeTime Ardesia, Pietra. Serie Logica Marrone. Serie Lande Serie Eko Serie Genesi Serie Ortona Serie Athena Ocra, Beige (Nuova Riwal) 30x60/45x45 Tabacco, Avorio,Tortora, (Nuova Riwal) 30x60/45x45 Bianco, Grigio, Nero, Beige, (Coop.Ceram.Imola) 30x30 Cotto, Bianco. (Coop.Ceram.Imola) 30x30 Grigio, Antracite, Marrone (Coop. Ceram.Imola)30x30/40x40 Avorio, Beige, Bianco (Coop.Ceram.Imola )45x45 Avorio, Marrone, Nero, Grigio (Ceram. Ragno) 33x33 Bianco, Rosa Serie Living (Iris Ceramica) 33x33 Pesca, Beige Serie Ideacasa (Iris Ceramica) 33x33/45x45 Tortora, Beige, Nero, Bianco, Beige, Grigio. Serie Legni Caffè, Liquirizia Serie Marmi Argento, Travertino Beige, Grigio (Ceram. Rubiera) 30x60 Crema, Mandorla, Cioccolato, (Ceram.Rubiera) 30x60 Onice Sabbia, Noce, Perla, Pavimenti e rivestimenti bagni: Serie Muro (Ceram. Ragno) 20x20 Rosa, Beige, Azzurro, Verde Serie Fontane (Ceram. Ragno) 20x25 Rosa, Beige, Azzurro, Verde Serie Prisma (Coop.Ceram.Imola)20x30 Rosso, Beige, Marrone, Bianco, Verde, Azzurro, Nero Serie Aliante (Coop.Ceram.Imola)20x30 Arancione, Pesca, Verde, Bianco, Azzurro Serie Young Serie Icon (Area) 20x20)Bianco, Arancione, Azzurro, Lilla, Verde. (Ceram. Atlas) 25x45 White, Ivory, Rose, Sky, Moka.

7 7 Rivestimenti cucine. Serie Frammenti (Iris Ceramica) 20x20 Bianco Serie Tisane (Ceram. Ragno) 20x20 Grigio, Bianco Serie Essenze (Area) 20x20 Beige Parquet per zona notte: Rovere Rovere Perla Rovere Extrabianco Rovere Terra Rovere Silva Merbau Iroko RIVESTIMENTI E FINITURE ESTERNE Le superfici murarie verticali esterne, ove non rivestite con elementi in gres porcellanato high-tech, tipo Pietra Piasentina, saranno trattate con rivestimento murale Silossanico, da applicare sull isolamento a cappotto o su intonaco di sottofondo, nei colori previsti in progetto. Le superfici orizzontali esterne (gronde e sottobalconi) saranno intonacate e tinteggiate con pittura ai Silossani, nei colori previsti in progetto. Alla base delle zone di muratura verticale esterna, ove non presente rivestimento in gres porcellanato, sarà applicata una zoccolatura a nastro realizzata con le medesime piastrelle del pavimento. I muri di contenimento, della rampa, di recinzione, per la formazione delle fioriere e vasche, aperture di ventilazione del seminterrato e scale di emergenza saranno realizzati in calcestruzzo, rasati e tinteggiati con idoneo materiale protettivo. SERRAMENTI INTERNI ED ESTERNI I serramenti degli atrii di ingresso, delle scale e dei volumi tecnici, saranno realizzati con profili estrusi di alluminio elettrocolore grigio antracite e vetri riflettenti, isolanti e antisfondamento e comunque a norma delle vigenti disposizioni sul contenimento energetico; saranno forniti in opera completi di elementi di chiusura e di manovra: Il serramento dell atrio sara realizzato con specchiature laterali e portoncino apribile dotato di serratura elettrica, oltre che di pannelli di rivestimento tipo Bugnall, come da progetto. Le porte degli ingressi secondari, dei vani tecnici e degli accessi ai disimpegni delle cantine e locale comune, saranno cieche e realizzate con

8 8 profili di acciaio preverniciato (ove previsto con adeguata resistenza al fuoco - REI ). La porta dell immondezzaio sarà realizzata con caratteristiche analoghe alle precedenti, ma con guarnizioni di tenuta. Le porte delle cantinole saranno in lamiera preverniciata, tamburata e dotate di serratura. Le porte basculanti saranno in lamiera preverniciata, autobilanciate, complete di serratura e maniglie e con fessure di aereazione dimensionate secondo la normativa vigente. I serramenti di finestre e porte finestre di tutte le abitazioni e sottotetti saranno realizzati in pino nordico laccato bianco, completi di accessori e vetrocamera 4+4 Silence/12-15, gas Argon 4 mm. e comunque a norma delle vigenti disposizioni sul contenimento energetico e del rumore. I serramenti saranno muniti, ove indicato in progetto, di avvolgibili in profili di alluminio estrusi colore grigio (RAL da definire da parte della D.L.). Tutti i serramenti garantiscono i seguenti requisiti: Permeabilità all aria secondo UNI EN 42 A3 Tenuta all acqua secondo UNI EN 86 E4 Resistenza al vento secondo UNI EN 77 V2a Sui serramenti del piano terra saranno installati cancelletti di sicurezza a pacchetto. I serramenti esterni del seminterrato saranno in alluminio elettrocolore, completi di vetri float. I portoncini di primo ingresso saranno di tipo blindato, costituiti da struttura in ferro coibentata e rivestimento sulla faccia esterna con pannello a scelta della Direzione Lavori e sulla faccia interna analogo alle porte interne all appartamento; saranno inoltre dotati di rostri antiscasso e serratura di sicurezza con chiave di tipo Europeo e serratura di servizio. Le porte interne degli appartamenti saranno cieche ed impiallacciate in noce Tanganika o laminatino di diverse tonalità, complete di coprifili stondati, maniglie in lega leggera, ferramenta, chiavi ed ogni accessorio.

9 9 Sono previste inoltre porte a scomparsa su telaio tipo SCRIGNO, nelle quantità come da progetto. 13 IMPIANTO IDRAULICO SANITARIO E DI SCARICO Dimensionamento dell impianto Il dimensionamento dell impianto sarà eseguito da tecnico abilitato, con regolare calcolo secondo la normativa vigente e sottoposto alla preventiva approvazione della Direzione Lavori. Reti di alimentazione La rete di distribuzione dell acqua potabile, a valle del contatore installato nella posizione e con modalità impartite dall Ente Acquedotto, sarà eseguita con tubazioni in polietilene e/o metalliche complete di pezzi speciali di intercettazione e raccordo. Impianto di trattamento e sovrappressione acqua fredda potabile All interno di idoneo locale tecnico, l impianto idrico sarà dotato di adeguato gruppo di filtrazione e sistema di addolcimento e trattamento acqua. Sarà inoltre prevista la predisposizione impiantistica di sovrappressione della rete acqua potabile al fine di garantire, se necessario, la corretta pressione alle utenze sanitari dei piani più alti. Reti di distribuzione All interno delle singole unità immobiliari, le reti di distribuzione alle utenze sanitarie saranno realizzate in materiale plastico e protette esternamente con guaina isolante. I diametri ed il percorso delle tubazioni saranno conformi alle indicazioni del progetto esecutivo. Apparecchiature idrosanitarie I diversi nuclei dei servizi, in progetto, saranno equipaggiati con le seguenti dotazioni:

10 10 Cucina N. 1 attacco e scarico per lavello (acqua calda e fredda). N.1 attacco per lavastoviglie, solo acqua fredda completo di sifone e rubinetto cromato. Bagno 1 Le apparecchiature saranno del tipo IDEAL STANDARD serie 21 di colore bianco. Le rubinetterie installate sulle apparecchiature saranno del tipo monocomando Serie Active - IDEAL STANDARD. N. 1 vasca in acrilico dimensione 70 x 170 colore bianco, completa di: miscelatore vasca esterno con doccia a telefono, colonna scarico vasca con salterello automatico. N. 1 vaso igienico, del tipo a cacciata completo di: sedile in plastica pesante, cassetta di lavaggio in PVC del tipo incassato, placca di comando esterna a due tasti capacità 6/9 l. circa, accessori di fissaggio. N. 1 bidet, completo di miscelatore con saltarello, sifone scarico cromato, accessori di fissaggio. N. 1 lavabo a mensola o a colonna completo di miscelatore lavabo con salterello, sifone scarico cromato, accessori di fissaggio.

11 11 Bagno 2 Le apparecchiature saranno del tipo IDEAL STANDARD serie Tesi di colore bianco. Le rubinetterie installate sulle apparecchiature saranno del tipo monocomando Serie Ceraplan - IDEAL STANDARD. N. 1 piatto doccia completo di: miscelatore doccia incasso, asta saliscendi con doccetta a effetti regolabili. N. 1 vaso igienico sospeso, del tipo a cacciata completo di: sedile in plastica pesante, cassetta di lavaggio in PVC del tipo incassato, placca di comando esterna a due tasti capacità l. 10 circa, accessori di fissaggio. N. 1 bidet, modello sospeso, completo di : miscelatore bidet con saltarello, sifone scarico cromato, accessori di fissaggio. N. 1 lavabo a mensola o a colonna completo di: miscelatore lavabo con salterello, sifone scarico cromato, accessori di fissaggio. E inoltre previsto un attacco per lavatrice (solo acqua fredda) completo di sifone incasso e rubinetto cromato esterno; lo stesso sarà posizionato nel bagno o nel disimpegno notte secondo le indicazioni riportate nella scheda di vendita degli alloggi.

12 12 Ogni bagno e ogni cucina sarà dotato di una coppia di rubinetti di intercettazione con cappuccio cromato. Le apparecchiature previste in progetto saranno campionate e a disposizione della Direzione Lavori e dell Utente. Giardini Sarà previsto n 1 punto di innaffio (rubinetto), alloggiato in apposito pozzetto, per ogni unità immobiliare al piano terra ed impianto di irrigazione per le parti comuni. Rete di scarico Le reti di scarico delle acque chiare (cucina) e nere (bagni) saranno eseguite con tubazioni in polietilene ad alta densità Pe; per la distribuzione delle colonne verticali, e gli spostamenti orizzontali ritenuti particolari critici, saranno utilizzate delle tubazioni del tipo insonorizzate. All esterno, la rete di scarico convoglierà le acque di rifiuto nella fognatura pubblica secondo le modalità del Regolamento di Igiene e del Regolamento Edilizio Comunale. IMPIANTO DI RISCALDAMENTO L impianto di riscaldamento e la produzione dell acqua calda sanitaria previsti a progetto saranno del tipo centralizzato. La produzione del fluido destinato al riscaldamento sarà garantito da un sistema in pompa di calore ad assorbimento aria-acqua, con ciclo termodinamico ad altissima efficienza. Per quanto riguarda l obbligo della produzione di acqua calda sanitaria attraverso l utilizzo di energie rinnovabili (art del DGR VIII 5773) il progetto prevede l utilizzo di una centrale di produzione dei fluidi vettori che dispone di pompe di calore ad aria del tipo a bassa entalpia che rispondono in pieno a quanto richiesto dal decreto regionale. La produzione di fluido vettore caldo avverrà utilizzando aria esterna in qualità di fonte energetica rinnovabile. Le unità in pompa di calore saranno installate sulla copertura dei fabbricati, allo scopo di non recare problemi di rumorosità al complesso residenziale. Il suddetto sistema sarà in grado di garantire il fluido vettore caldo necessario per soddisfare il fabbisogno termico richiesto dall intero edificio (riscaldamento invernale) ed in parte contribuirà a fornire l energia necessaria richiesta per la produzione di acqua calda ad uso sanitario. Ad integrazione e tutela del sistema di produzione sopra indicato sarà infatti previsto un generatore di calore alimentato a gas metano del tipo a condensazione ad alto rendimento. La caldaia, anch essa sulla copertura dell edificio, sarà completa di tutti gli accessori di funzionamento e sicurezza nonché di alimentazione idrica e scarico dei prodotti della combustione convogliati oltre la copertura dell edificio tramite idonea canna fumaria. Il suddetto generatore, oltre ad integrare l energia termica necessaria per coprire i picchi di punta richiesti delle utenze sanitarie, garantirà la possibilità

13 13 di poter effettuare la disinfezione antilegionella del sistema di produzione di acqua calda sanitaria (bollitore + reti di distribuzioni). La distribuzione di sottocentrale termica prevederà oltre alle apparecchiature di produzione dei fluidi caldi (pompe di calore e generatore di calore) un sistema costituito da elettropompe di circolazione e un bollitore di accumulo dell acqua calda sanitaria dotato di scambiatore di calore a fascio tubiero immerso. Unità residenziali terminali di riscaldamento L impianto di riscaldamento previsto all interno delle unità abitative sarà del tipo radiante realizzato con pannelli a pavimento costituiti da tubazioni in polietilene posati su pannelli isolanti di polistirene. L impianto sarà ricoperto da massetto additivato pronto per la posa delle pavimentazioni. Durante la stagione invernale il fluido a bassa temperatura (circa 35 C) sarà in grado di soddisfare il fabbisogno richiesto dagli ambienti garantendo una temperatura superficiale di circa 29 C. Contabilizzazione del calore La ripartizione delle spese avverrà tramite sistema idoneo a garantire la contabilizzazione dei consumi comuni (spese di gestione centrale termica perdite di energia lungo le distribuzioni principali) e dei singoli consumi all interno delle unità. Nella centrale termica ed immediatamente all ingresso di ogni singola unità saranno pertanto installati dei contatori di calore in grado di contabilizzare l energia termica consumata durante la stagione invernale ed estiva. Il medesimo sistema sarà utilizzato per la contabilizzazione dei consumi delle utenze sanitarie (acqua calda e fredda potabile). Le apparecchiature di contabilizzazione ed i pannelli di lettura consumi saranno alloggiati all interno di cassette ispezionabili poste sui vani scala nelle parti comuni. Sarà prevista la predisposizione della remotizzazione dei dati contabilizzati tramite linea bus ad un concentratore (futuro) da cui sarà possibile estrapolarli per la ripartizione delle spese. Termoregolazione del calore Ogni unità immobiliare residenziale sarà dotata di idoneo sistema di termoregolazione capace di gestire in maniera autonoma ed indipendente il funzionamento del proprio impianto e la gestione del calore. A tal proposito verrà prevista una centralina posta all'interno dell'abitazione che consentirà di impostare temperature e orari personalizzabili per ogni singola zona.

14 14 IMPIANTO DEL GAS Le tubazioni che alimentano i fornelli saranno in polietilene per i tratti interrati esterni il fabbricato, in acciaio zincato verniciato o in rame secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Prima dell ingresso nell alloggio (balconi), o immediatamente all interno, sarà installata la valvola di intercettazione generale. La tubazione di alimentazione dei fornelli terminerà con un rubinetto portagomma. All interno delle abitazioni i fuochi di cottura dovranno essere dotati di idonea sicurezza termocoppia in grado di interrompere automaticamente l adduzione del gas metano nell eventualità di mancanza di fiamma. Nel locale cucina sarà prevista una canna di esalazione, sfociante in copertura, dotata di camera di raccolta e scarico condensa, sarà inoltre prevista adeguata griglia di aerazione permanente come richiesto dalla UNI CIG L impianto sarà realizzato secondo la regola dell arte e sarà seguita la normativa tecnica vigente UNI CIG IMPIANTO DI RAFFRESCAMENTO SPLIT SYSTEM Sarà realizzata la sola predisposizione, mediante apposite cassette da incasso, installate nelle posizioni dove andranno alloggiate le future unità evaporanti dell impianto split-system ad espansione diretta. Ognuna di queste sarà collegata con tubazioni in rame preisolato con la futura unità motocondensante esterna; all interno di ogni cassetta le tubazioni saranno lasciate abbondanti per agevolare il futuro collegamento all unità interna; compresa alimentazione elettrica. Per lo smaltimento della condensa da ogni cassetta si dipartirà idonea tubazione in polipropilene da convogliare al più vicino punto di scarico. IMPIANTO DI RISCALDAMENTO RAMPA CARRABILE Sarà realizzato impianto si sbrinamento a servizio della rampa utilizzando cavi, annegati nel cemento, per impedire l accumulo di ghiaccio o la sua formazione. Una centralina con sensore di temperatura, neve e umidità C (sensore da posizionarsi a filo rampa), darà il consenso all avvio dell impianto solo quando sono contemporaneamente presenti bassa temperatura e neve o ghiaccio, ottimizzando i consumi energetici.

15 15 IMPIANTO ELETTRICO L impianto elettrico, a norme CEI, sarà realizzato a regola d arte, in ottemperanza alle norme vigenti al momento dell esecuzione e certificato a norma della Legge 46/90. Tutte le linee elettriche correranno sottotraccia, in tubi flessibili in PVC, impiegando un numero di scatole di derivazione sufficiente a consentire un agevole infilaggio dei conduttori. I cavi saranno dimensionati secondo quanto previsto dalle norme CEI. Frutti e placche saranno della serie Living B Ticino, colore antracite. PARTI COMUNI ILLUMINAZIONE ESTERNA Sulla pensilina di ingresso, lungo i percorsi carrai e pedonali e nelle zone a verde privato e comune saranno installati adeguati punti luce con accensione e spegnimento automatici con fotocellula, completi di corpi illuminanti in numero e tipo a scelta della D.L. VANO SCALA CORRIDOI CANTINE LOCALE IMMONDEZZAIO LOCALE COMUNE VANI TECNICI RIPOSTIGLI. Saranno previsti adeguati punti luce completi di corpi illuminanti a parete o a soffitto per l atrio di ingresso e disimpegni ai piani: N. 4 al piano terra e n. 3 ai piani superiori, n. 2 punti luce per ogni rampa di scala, n. 3 punti luce per corridoi cantine, n. 1 punto luce per locale immondezzaio e n. 1 nel relativo disimpegno; n. 1 punto luce per ripostigli, locali contatori, ingresso secondario al piano interrato, locale comune e vani tecnici. Adeguati punti luce per il corsello auto; il tutto secondo le prescrizioni del Direttore dei Lavori. ELENCO UTILIZZI PREVISTI PER OGNI UNITA IMMOBILIARE INGRESSO N. 1 centralino da incasso comprendente: Un interruttore differenziale bipolare ad alta sensibilità ian = 0,03 A, portata nominale 25 A. Un interruttore bipolare magnetotermico per protezione circuiti di illuminazione, portata nominale 10 A (zona giorno zona notte). Un interruttore bipolare magnetotermico per protezione circuiti elettrodomestici, portata nominale 16 A. Un complesso ronzatore + suoneria + trasformatore. N. 1 campanello con targhetta portanome. N. 1 punto luce deviato. N. 1 videocitofono. N. 1 presa 1 x 10 A + T. CUCINA N. 1 punto luce interrotto.

16 16 N. 1 punto luce interrotto a parete. N. 2 prese 1 x 10 A + T. N. 3 prese 1 x 16 A + T, comandate e valvolate per lavastoviglie e forno. SOGGIORNO N. 2 punti luce deviati. N. 4 prese 1 x 10 A + T. N. 1 presa TV. N. 1 presa telefono. N. 1 punto termostato. CAMERA MATRIMONIALE N. 1 punto luce invertito. N. 2 prese con interruttore per alimentazione abatjour. N. 1 presa 2 x 10 A + T. N. 1 presa TV. N. 1 presa telefono. CAMERA SINGOLA N. 1 punto luce deviato. N. 1 presa con interruttore per alimentazione abatjour. N. 2 presa 2 x 10 A + T. N. 1 presa TV. N. 1 presa telefono. BAGNO N. 2 punto luce interrotti. N. 1 punto luce interrotto a parete. N. 1 presa 1 x 10 A + T. N. 1 presa 1 x 16 A + T, comandata e valvolata per lavatrice (ove previsto in progetto). N. 1 pulsante a tirante per azionamento ronzatore di allarme. DISIMPEGNI N. 1 punto luce invertito. N. 1 presa 1 x 10 A + T. N. 1 punto luce derivazione. SOTTOTETTO N. 1 punto citofono (predisposizione). N. 3 punti luce interrotti. N. 1 punto luce deviato. N. 2 prese 10 A + T. N. 1 presa TV. N. 1 presa telefono. N. 1 pulsante a tirante per azionamento ronzatore di allarme.

17 17 BOX N. 1 punto luce interrotto con interruttore interno, collegato al contatore privato. N. 1 presa 1 x 10 A, collegata al contatore privato. BALCONI TERRAZZI ZONE DI SOTTOBALCONE AL PIANO TERRA N. 2 punti luce interrotti, comandati dall interno. N. 1 presa stagna 10/16/A CANTINE N. 1 punto luce interrotto con interruttore interno, collegato al contatore privato. N. 1 presa 1 x 10 A, collegata al contatore privato. LUCI EMERGENZA Saranno installare luci di emergenza con accensione automatica, in caso mancanza di corrente, in numero adeguato e definito dalla D.L. nelle zone comuni. Il tutto aggiornato in modo migliorativo, alle nuove disposizioni, intervenute durante il corso dei lavori ai sensi della norma CEI 64-8/ Livello 1. Tutte le tapparelle saranno motorizzate con chiusura sia singola con comando adiacente il serramento o simultaneamente, con comando generale posto in zona ingresso. IMPIANTO TELEFONICO Sarà prevista l alimentazione della rete pubblica tramite un pozzetto esterno e raccordo, compresa la distribuzione verticale, da eseguirsi secondo le prescrizioni TELECOM e punti telefono come da voci precedenti. IMPIANTO TV L impianto sarà dimensionato per alimentare prese TV per ogni singola unità immobiliare. L impianto è comprensivo di antenna e palo e consentirà la ricezione dei programmi RAI e programmi reti private attualmente disponibili ed inoltre di antenna parabolica per impianto satellitare (secondo le prescrizioni della D.L.) IMPIANTO DI SEGNALAZIONE Sarà costituito da due segnalatori acustici, uno di tipo squillante ed uno di tipo ronzante. Il primo sarà azionato dal pulsante posto all esterno del complesso residenziale sulla pensilina di ingresso pedonale, attrezzato e munito di portanome e dagli ingressi principali di ogni palazzina; il secondo sarà azionato dal pulsante a tirante ubicato nei bagni.

18 18 IMPIANTO VIDEO CITOFONO Sarà costituito da pulsantiera con telecamera posta nei pressi del cancello pedonale. Gli apparecchi di ricezione saranno posizionati negli ingressi delle singole unità immobiliari. IMPIANTO DI ALLARME Sarà predisposto per la realizzazione di impianto di tipo misto (volumetrico e perimetrale). Saranno previste le tubazioni vuote e scatole di derivazione in posizioni idonee ed in quantità sufficienti per ogni appartamento. Un punto radar in ogni locale. Un punto su ogni serramento. Scatola di partenza zona centralina. Punto esterno per alloggiamento sirena. IMPIANTO ASCENSORE Fornitura e posa di ascensore a pistone oleodinamico, compreso quadro elettrico di alimentazione generale, quadro di manovra, armadio macchine e ogni elemento necessario. Collegamento viva voce con servizio assistenza, in caso di allarme, bottoniera di cabina con attivazione a sfioramento. L ascensore sarà marca KONE. KONE ha realizzato ed installato il primo ascensore senza locale macchine al mondo, il primo ad aver risolto molti problemi di interferenza con il cantiere, l unico ad avanzata tecnologia Eco Disk, senza riduttore e senza olio. I numeri del successo ineguagliabile di KONE MonoSpace sono i tredici premi internazionali per l innovazione, oltre impianti venduti in tutto il mondo a partire dal 1996, di cui ben in Italia, dal 1998 di cui oltre installati e funzionanti. SISTEMAZIONI ESTERNE OPERE DI COMPLETAMENTO La recinzione sul fronte strada sarà realizzata con muretto in calcestruzzo e sovrastante cancellata in acciaio inox. Il cancello carraio, pure in acciaio inox, realizzato con profili portanti e lamiera forata, come da dettagli architettonici, sarà dotato di motorizzazione oleodinamica, ciascuna unità immobiliare sarà fornita di chiavi e radiocomando. Il cancello pedonale sarà realizzato in acciaio inox con specchiatura in cristallo antisfondamento. Le recinzioni tra le proprietà e con le proprietà confinanti (ove non presenti) saranno realizzate con rete stampata e plastificata. Le aree a verde saranno sistemate attraverso posa e livellatura di terreno di coltura, fresatura del terreno stesso, semina e formazione di prato all Inglese.

19 19 Le fioriere adiacenti gli ingressi principali saranno piantumate con sempreverdi (Juniperus in varietà) a costipazione totale. Le vasche adiacenti le fioriere, la vasca adiacente la scala di emergenza (ove indicato in progetto), saranno costipate con ciotoli burattati bianchi tipo grana di riso. La pensilina di ingresso pedonale sarà realizzata come da progetto, con alloggiamenti per videocitofono e cassette postali in alluminio anticorodal. VARIE Saranno fornite e posate scale interne con struttura a rampa, come da progetto, per accesso dagli appartamenti ai vani sottotetto. Le scale saranno realizzate in metallo verniciato a fuoco, con rivestimento delle pedate in legno. Colore e finitura stabiliti dalla Direzione Lavori. Parapetti scale principali e ballatoi in acciaio inox. Tubolari parapetti balconi in acciaio inox. Rivestimento di parte dei muri delle zone di ingresso al piano terra di ogni palazzina in Geopietra tipo Scaglia o similari. Formazione di vano ribassato antistante gli ingressi principali di ogni palazzina, per alloggiamento zerbino, compresa fornitura e posa di telaio in piatto inox e zerbino in cocco. Saranno realizzati contorni tipo stipite in granito analogo alle scale, per le porte degli ascensori ed i portoncini di ingresso delle singole unità immobiliari. E prevista la tinteggiatura con idropittura lavabile delle scale, atrii, disimpegni ai piani (pareti e soffitti). PISCINA Sarà realizzata, completa di ogni impianto, rivestimento, bordi, sfioratori ed ogni elemento necessario; piscina esterna di forma rettangolare e profondità adeguata, non necessitante della presenza di assistente bagnanti.

20 20 LA PARTE VENDITRICE LA PARTE ACQUIRENTE Saronno, 15 Ottobre 2012

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

OPERE DA ESEGUIRE CAPITOLATO DESCRITTIVO

OPERE DA ESEGUIRE CAPITOLATO DESCRITTIVO Complesso Residenziale Comune di Albavilla via Basso Formiano OPERE DA ESEGUIRE CAPITOLATO DESCRITTIVO PROGETTISTA: Geom. Soggia Antonio, via IV Novembre n.182 - LIPOMO (CO) - DIRETTORE DEIL LAVORI : Geom.

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Tabella della durata di vita

Tabella della durata di vita Avvertimento introduttivo Tabella della durata di vita La tabella della durata di vita è stata allestita congiuntamente dall Associazione Svizzera Inquilini (MV) e dall'associazione Svizzera dei Proprietari

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli