P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE PATRIZI BALDELLI CAVALLOTTI Città di Castello (PG)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE PATRIZI BALDELLI CAVALLOTTI Città di Castello (PG)"

Transcript

1 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE PATRIZI BALDELLI CAVALLOTTI Città di Castello (PG) P.O.F PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico INDIRIZZI PROFESSIONALI INDIRIZZO TECNICO ACCOGLIENZA TURISTICA MANUTENZIONE ASSISTENZA TECNICA SERVIZI AGRIC. SVILUPPO RURALE SERVIZI COMMERCIALI SERVIZI ENOGASTRONOMIA SERVIZI SALA E VENDITA TECNICO AGRARIO TECNICO TURISTICO

2 INDICE - SOMMARIO PREMESSA PARTE PRIMA I.I.S. U. Patrizi - A. Baldelli - F. Cavallotti...3 I.P.S.A.A. Ugo Patrizi...3 I.P.S.I.A. A. Baldelli...4 I.P.S.S.A.R.C.T. Felice Cavallotti...5 Obiettivi del P.O.F...9 Obiettivi socio-affettivi...10 Strategie Adottate...11 Strategie didattiche e metodologiche...12 Presentazione...12 Partecipazione...12 Crescita culturale e professionale...13 Uso degli strumenti...13 Integrazione e Successo Formativo...13 PARTE SECONDA La Nostra Offerta: percorsi formativi...15 Indirizzo Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera...16 Operatore dei servizi di enogastronomia (cucina)...16 Operatore dei servizi di settore sala e vendita...16 Operatore dei servizi di accoglienza turistica...17 Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera: articolazione enogastrono - mia...17 Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera: articolazione sala e vendita...18 Tecnico dei servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera: articolazione accoglienza turistica...19 Indirizzo Servizi Commerciali...21 Operatore dei servizi commerciali...21 Tecnico dei servizi commerciali...21 Indirizzo Servizi per l Agricoltura e Sviluppo Rurale...23 Operatore dei Servizi per l Agricoltura e Sviluppo Rurale...23 Tecnico dei servizi per l Agricoltura e Sviluppo Rurale...24 Indirizzo Manutenzione ed Assistenza Tecnica...25 Operatore dei MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA...25 Tecnico dei MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA...25 Indirizzo Tecnico Turismo...27 Perito nel turismo...27 Indirizzo Tecnico Agrario...29 Perito AGRARIO...29 Discipline e Quadri Orari...31 Ind. Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera...31 Indirizzo Servizi Commerciali...32 Indirizzo Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale...33 Indirizzo Manutenzione ed assistenza tecnica...34 Indirizzo Tecnico Turismo (perito nel turismo)...35 Indirizzo Tecnico: Agraria, Agroalimentare e Agroindustria - gestione dell ambiente e del ter - ritorio...36 Il curricolo dei saperi essenziali Primo Biennio (1 e 2 anno Indirizzo Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghie - ra, Servizi Commerciali, Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, Manutenzione ed Assi - stenza Tecnica, Tecnico Turismo e Tecnico Agrario)...37 Competenze chiave di cittadinanza...37 I quattro assi culturali...37

3 Asse dei linguaggi...37 Asse matematico...38 Asse scientifico tecnologico...38 Asse storico sociale...38 Progetti d Istituto...40 Attività di supporto dell offerta formativa...42 Piano aggiornamento e formazione del personale Docente e ATA...42 Griglia dei livelli di competenza all assolvimento dell Obbligo di Istruzione (in uscita al pri - mo biennio)...43 Griglia di valutazione delle conoscenze disciplinari...43 Griglia di valutazione delle abilità disciplinari...44 Griglia di valutazione degli atteggiamenti...45 Griglia di attribuzione del voto di condotta...46 Griglia riconoscimento dei crediti scolastici e formativi...48 Servizi offerti al territorio...50 Aspetti didattico/organizzativi...51 PARTE TERZA Le risorse del sistema...53 Risorse Umane...53 Organigramma d istituto...55 Commissioni interne...56 PARTE QUARTA La qualità del Servizio Scolastico...58 Azioni di monitoraggio e valutazione...58 Indicatori di qualità e prestazioni attese Interventi curriculari ed extra curriculari Prestazioni professionali attese dal personale docente Didattiche e metodologiche Relazionali ed organizzative Prestazioni professionali attese dal Dirigente Scolastico Prestazioni attese dal Personale A.T.A. (indicatori interni)...60

4 PREMESSA Il Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) è strumento giuridico-amministrativo che offre un quadro della realtà dell Istituto, dando notizie sull organizzazione didattica ed amministrativa ed informando sulle attività, sui progetti e sui servizi offerti in relazione ai bisogni del tessuto culturale, sociale ed economico del territorio. Il bacino d utenza del Patrizi-Baldelli-Cavallotti è costituito principalmente da alunni residenti nel territorio altotiberino, umbro e toscano cui si aggiunge un numero consistente di studenti che provengono dalle Marche e dall Emilia Romagna. L economia del territorio è caratterizzata da fiorenti piccole e medie imprese dei settori primario, secondario e terziario; in particolare, sono trainanti le piccole e medie imprese dei settori: grafica, legno, meccanica e informatica, dei servizi turistici, alberghieri e della ristorazione. Tali imprese sono avanzate sia dal punto di vista tecnologico che dei processi di produzione ed erogazione dei servizi, anche attraverso rapporti con aziende estere. L Istituto, da più di vent anni, organizza per gli studenti dei vari indirizzi stage e progetti di alternanza scuola-lavoro con le aziende del territorio altotiberino, il comprensorio di Sansepolcro, Perugia, Norcia e Rimini.

5 PARTE PRIMA

6 I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI A partire dall'anno scolastico , l'istituto accorpa tre scuole cambiando la denominazione in Istituto Istruzione Superiore U. Patrizi - A. Baldelli - F. Cavallotti. Il nuovo sito web dell istituto sarà I.P.S.A.A. UGO PATRIZI L Istituto è articolato in una sede centrale, Istituto Professionale di Stato per l Agricoltura e l Ambiente e una sede aggregata, Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato, situate ambedue a Città di Castello. L IPSAA "U. Patrizi" è sorto nel lontano 1910 come Scuola di Agricoltura; nel 1942 venne annesso alla Scuola Tecnica Agraria e intitolato al marchese Patrizi; nel 1959 con decreto N 1437 venne trasformato in Istituto Professionale per l Agricoltura. Attualmente l Istituto è una scuola moderna nelle strutture e attrezzature didattiche in quanto gran parte degli edifici scolastici è stata ammodernata grazie ai finanziamenti ottenuti con la legge 430/91. La scuola è dotata di supporti tecnici e didattici necessari al raggiungimento degli obiettivi formativi propri dell istruzione professionale agraria: laboratorio di chimica e di micropropagazione, laboratorio linguistico, scientifico-tecnologico, multimediale, topografico, laboratorio informatica, meteorologico, e di meccanica agraria. L Istituto è dotato inoltre di azienda agraria (15 ha) dove vengono coltivate specie erbacee ed arboree rappresentative della zona; una serra divisa in due parti: piante ornamentali e settore orto-floricolo e una piccola cantina dove gli alunni delle classi terze vinificano l uva raccolta nel vigneto della Scuola. Dall anno scolastico è iniziata un nuovo progetto sperimentale di produzione della birra. Dall anno scolastico a fianco del percorso professionale è stato attivato un percorso di Tecnico Agrario. 3 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

7 I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI I.P.S.I.A. A. BALDELLI La sede IPSIA nasce come scuola grafica, la prima in Città di Castello, nel lontano 1906: era una Scuola Operaia Tipografica, pensata da Scipione Lapi, ma fondata da don Enrico Giovagnoli, con la collaborazione di Elvio Cecci. Si trasformò in Società Tipografica Editrice e, nel 1912, nella Leonardo da Vinci. Sempre nel 1912 monsignor Carlo Liviero fonda la Tipografia vescovile che nel 1915, nato l Ospizio Sacro Cuore, si trasforma in Scuola Tipografica degli orfanelli del Sacro Cuore. Sono tutte esperienze di apprendistato: si impara in ambiente di lavoro. Ma sulla scia di ciò che aveva già sostenuto Scipione Lapi, altri spiriti lungimiranti tra cui anche Aldo Fanfani, direttore della Cassa di Risparmio, si esprimono per una vera e propria scuola pratica: i costi per le attrezzature sono, però, troppo alti e un progetto pensato dai responsabili dello Stabilimento Scipione Lapi non va in porto. Si arriva così al 1938, quando le celebrazioni del IV centenario della stampa del libro a Città di Castello creano le condizioni per la nascita di una vera scuola di settore. Nel l allora provveditore agli studi di Perugia, Salvatore Valitutti, istituisce a fianco della Scuola di Avviamento Professionale, la Reale Scuola Tecnica Industriale per le arti Grafiche Magherini Graziani sotto la direzione dell arch. Balzelli. Dopo tre anni di corso si consegue il diploma di tecnico compositore o impressore: titoli preferenziali per essere assunti nei vari stabilimenti della città. Tanti ed importanti i professori che vi hanno insegnato: Elio Bianchini, Ugo Mercati, Achille Tisti, Elio Quieti, Mario Bioli, Alvaro e Nemo Sarteanesi, Romano Rigucci, Gabrio Rossi. Durante la guerra, al passaggio del fronte, tutti i macchinari e le attrezzature più importanti della scuola vengono nascosti nei locali della scuola di musica in via del Paradiso. Sono sicuramente più sicuri che in Palazzina, troppo vicina alla stazione ferroviaria e più soggetta a possibili bombardamenti e saccheggi. Cessate le ostilità la scuola riprende il suo sviluppo e il livello raggiunto è dato dalla qualità delle sue pubblicazioni tra cui Il parroco di campagna di Nicola Lisi con illustrazioni di Nemo Sarteanesi, Il cantico delle creature illustrato da Aldo Riguccini con tavole stampate al torchio litografico; Le favole della natura sono invece corredate con incisioni in linoleum da Benito Albi Bachini. A partire dal 1946 la gestione della scuola passa ad un Consiglio di amministrazione, di cui è a lungo presidente il Cav. Giuseppe Paci. 4 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

8 I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI All inizio del 1947 si costituisce l Azienda Speciale di produzione industriale. Utilizzando le attrezzature, i locali e il personale della scuola si completa la formazione degli allievi con attività ad alto impegno professionale e si ricavano profitti che vengono reinvestiti in attività didattiche. Con i proventi dell azienda, che produce manifesti, carte intestate, biglietti da visita, libri e riviste d arte come Arti visive, di Colla con Burri, Dorazio e Nuvolo quali collaboratori, negli anni , si finanzia il grosso piano acquisti che dota la scuola di una monotype, una linotype, e successivamente di una offset Parisolithe e di una macchina piana automatica Albert. Nel 1959 la scuola tecnica si trasforma in Istituto Professionale per l industria e l artigianato che nel 1997 viene aggregato all Istituto Professionale per l agricoltura e l ambiente U. Patrizi. I cambiamenti continuano e nell anno scolastico il corso professionale del settore grafico si trasforma in Istituto Tecnico Industriale per le Arti Grafiche mentre, successivamente, con il Nuovo Ordinamento viene a crearsi l'indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica che ingloba sia il settore meccanico che elettrico. I.P.S.S.A.R.C.T. FELICE CAVALLOTTI L istituto professionale Felice Cavallotti, ha sperimentato dal 1988 il Progetto 92, si è praticamente distinto nell attuazione di innovazioni nel campo didattico-organizzativo. In particolare, in attuazione della normativa sull autonomia organizzativa 1, di ricerca e di sviluppo, le risorse strutturali, umane e materiali dell Istituto vengono orientate verso un rapporto sempre più stretto con la realtà produttiva. Inoltre l Istituto è in stretta collaborazione con Enti e Istituzioni locali al fine di offrire spazi di inserimento nel mondo del lavoro ed una formazione professionale adeguata ai continui cambiamenti socio-economici. In tale direzione l istituto aderisce sia al Consorzio degli Istituti Professionali (www.consor- zioprofessionali.it ), che si propone di formulare progetti che mirano all innovazione e alla formazione di attività di vario tipo migliorando la collaborazione tra gli stessi e con gli Enti coinvolti nella formazione; alla Rete Professionali Umbria, alla AEHT (Association Européenne des Écoles de Torurisme), sia all Associazione delle Scuole Autonome dell Umbria (A.S.A.U.), un associazione regionale di Scuole e Istituti che si prefigge di promuovere e tutelare l autonomia di ciascuna scuola, nonché di svolgere un azione di consulenza, di orientamento, di negoziazione con la Regione, gli Enti Locali. e l Ufficio Scolastico Regionale. 1 Art. 21 della Legge 15 marzo 1997 n di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

9 I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI Nel corso degli ultimi anni l Istituto si è aggiornato ed è cresciuto migliorando l offerta di servizi agli utenti e al territorio: Centro FAD (formazione a distanza). Dal 2004 la biblioteca d istituto è stata attrezzata con strumentazione per la formazione a distanza divenendo un centro FAD Simucenter Impresa Formativa Simulata (IFS). Dall anno scolastico l Istituto è stato individuato, dal Ministero della pubblica istruzione, scuola Polo nonché Centro regionale per il SIMUCENTER delle Imprese Formative Simulate (IFS) della Regione Umbria. Certificazione di Qualità UNI EN ISO L Istituto ha partecipato al Progetto Qualità promosso dalla Direzione Regionale dell Umbria, ottenendo nel giugno 2005 la Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001 dall Ente certificatore DER NORSKE VERITAS. Cavallotti online (www.ipcavallotti.it ). Dal novembre 2005 il sito della scuola (www.ipcavallotti.it ) è stato completamente rinnovato ed offre un servizio aggiuntivo alle famiglie che, attraverso l uso di password personali, possono giornalmente, in tempo reale, avere informazioni sui risultati scolastici degli allievi, sulle assenze, sui ritardi, su note di comunicazione da parte dei Docenti, sulle attività dell Istituto Progetti Europei (Leonardo e Comenius). Dal 2006 la scuola offre agli studenti e ai docenti la possibilità di partecipare a porgetti europei (Comenius e Leonardo da Vinci Pass for Job) al fine di agevolare la mobilità all'interno dei paesi partners, quali Francia, Olanda, Danimarca, Estonia, Spagna e Grecia. Centro Supporto Territoriale (CST). Dall anno scolastico 2006/2007 l istituto è stato individuato dalla Direzione Scolastica Regionale come Centro di Supporto Territoriale per Tecnologie e Disabilità (CST) al fine di sostenere le altre scuole del territorio nell uso efficace delle T.I.C., per l integrazione scolastica degli alunni disabili nonché per la formazione degli insegnanti e degli operatori scolastici. A tal fine è stato anche istituito un sito web (www.cstcavallotti.it ). 6 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

10 I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI Membro Association Européenne des Écoles d Hôtellerie et de Tourisme (A.E.H.T.). Dal 2006 il Cavallotti è Membro dell Association Européenne des Écoles d Hôtellerie et de Tourisme (A.E.H.T.) che riunisce scuole alberghiere dei diversi paesi della Unione Europea Biblioteca online. Dall aprile 2007 è disponibile e consultabile online il catalogo dei libri della biblioteca dell istituto (http://www.winiride.it/dbperugia2/index.htm ) Comunicati e circolari online (ipcavallotti-circolari.blogspot.com). Al fine di migliorare l informazione e la comunicazione con gli utenti e gli operatori della scuola, dall anno scolastico è disponibile online un archivio delle circolari, dei comunicati e della modulistica in uso nella scuola (ipcavallotti-circolari.blogspot.com) Accreditamento. Da settembre 2009 la scuola si è annoverata negli elenchi degli istituti accreditati dal MIUR per la formazione e la sua certificazione. Progetto Tuttinclasse. Dall'anno scolastico , l'istituto aumenterà la propria carta dei servizi introducendo due nuovi progetti: Tuttinclasse e Alta Ristorazione a scuola. Il primo permette la rilevazione automatizzata, che viene registrata sul sito dell Istituto quasi in tempo reale (lo scarto è di non più di 10 minuti), di assenze, ritardi, uscite anticipate e relative giustificazioni degli alunni tramite un badge a radiofrequenza di cui saranno forniti gli studenti stessi. Progetto Alta Ristorazione. Il progetto Alta Ristorazione, invece, prevede l utilizzo di un monitor da 40 che dovrà essere posizionato nell ingresso dell Istituto per permettere di visualizzare alcune attività della scuola, per inserirla nel circuito d eccellenza degli Istituti alberghieri italiani (http://ars.spaggiari.eu) e per dare ad ogni alunno una pagina web (portfolio digitale) dove inserire i propri lavori, curriculum ed eventuali specializzazioni Tecnico Turistico. Dall anno scolastico , l istituto amplierà la sia offerta formativa con l attiverà l indirizzo Tecnico Turistico. Si va a completare, assieme al- 7 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

11 I.I.S. U. PATRIZI - A. BALDELLI - F. CAVALLOTTI l indirizzo per l Enogastronomia, Sala e Vendita, accoglienza Turistica e Servizi Commerciali, la rosa delle figure professionali operanti nel settore terziario dei servizi. Tuttavia questa non è una novità: già dal 1992 l istituto aveva attivato un corso professionale di Tecnico dei Servizi Turistici. 8 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

12 OBIETTIVI DEL P.O.F. OBIETTIVI DEL P.O.F. Individuare metodologie didattiche volte a favorire il miglior apprendimento degli alunni Combattere la dispersione e l abbandono scolastico Favorire lo sviluppo armonico dell alunno come persona Favorire l integrazione degli alunni extracomunitari Favorire l integrazione degli alunni diversabili Valorizzare le eccellenze Orientare gli alunni nella scelta dei percorsi Ottimizzare le risorse materiali e umane Offrire formazione e aggiornamento a tutto il personale della scuola Attuare l integrazione col territorio Collaborare in rete con altre scuole Promuovere l educazione permanente e ricorrente Migliorare l immagine della scuola e la comunicazione con l esterno Monitorare, autovalutare e far valutare il servizio scolastico (vedi a pag. 58) 9 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

13 OBIETTIVI SOCIO-AFFETTIVI OBIETTIVI SOCIO-AFFETTIVI AREA ESPRESSIVITÀ APPARTENENZA RISPETTO E TOLLERANZA ORGANIZZAZIONE AUTONOMIA DECISIONALITÀ AUTOVALUTAZIONE AUTOSTIMA COOPERAZIONE COMPETENZE Dimostrare disponibilità a misurarsi con gli altri nel rispetto delle regole Maturare la propria espressività verbale e non verbale Costruire un immagine della scuola come luogo di appartenenza Vivere uno stile di vita sano nel rispetto dell ambiente circostante Rispettare la comunità scolastica e le sue regole Rispettare gli impegni e le consegne Gestire efficacemente il proprio tempo Organizzare in modo razionale ed ordinato il proprio lavoro Abituarsi a lavorare in modo autonomo ed a prendere decisioni al momento opportuno Potenziare il rispetto di sé e degli altri anche nella diversità Autovalutarsi rispetto ai propri livelli di profitto ed anche ai propri atteggiamenti Cogliere le opportunità che la scuola offre per migliorarsi Cooperare con gli altri manifestando disponibilità ad ascoltare e ad essere messi in discussione ATTIVITÀ PROGETTI MODULI - Centro Sportivo d Istituto - Progetto Giornale in classe - Progetto accoglienza - Attività di stage e alternanza scuola-lavoro - Progetti agro-alimentari - Centro Sportivo d Istituto - Progetto Educazione alla Ambientale e alla Salute - Centro Sportivo d Istituto - Progetto Athemi - Orientamento - Attività di stage e alternanza scuola-lavoro - Impresa formativa simulata (I.F.S.) - Centro Sportivo d Istituto - Orientamento - Attività di recupero, sostegno e potenziamento - Impresa formativa simulata (I.F.S.) - Attività di stage e alternanza scuola-lavoro - Centro Sportivo d Istituto - Progetto in rete - Attività di stage e alternanza scuola-lavoro - Centro Sportivo d Istituto - Progetti Comenius, Leonardo da Vinci 10 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

14 STRATEGIE ADOTTATE STRATEGIE ADOTTATE Adattamento del calendario scolastico e flessibilità oraria. Didattica costruita su competenze e obiettivi per macro e micro aree disciplinari di apprendimento. Realizzazione di progetti pluridisciplinari, interdisciplinari, transdisciplinari. Utilizzo delle ICT. Attivazione e organizzazione flessibile degli interventi di recupero, sostegno e potenziamento. Progetti, attività e interventi a favore degli alunni diversabili e in situazione di svantaggio. Collaborazione con Enti ed Associazioni professionali, pubblici e privati. Integrazione e osmosi con il mondo del lavoro: Periodi di Stage (informativo, orientamento, consolidamento, professionalizzante) Periodi di Alternanza scuola-lavoro nel territorio regionale, nazionale e all estero Attività di Simulazione d'impresa (I.F.S. Impresa Formativa Simulata) anche al di fuori dei confini regionali e nazionali. Certificazioni specifiche di settore per le lingue straniere da parte di Agenzie esterne (Trinity College Alliance Française). Attivazione di Progetti Europei (Comenius, Leonardo) per il recupero, sostegno e potenziamento delle competenze linguistiche e professionali Organizzazione flessibile dell area di approfondimento Introduzione di attività extracurriculari ai fini della socializzazione, rimotivazione allo studio, ampliamento dell offerta formativa Orientamento (in entrata, in itinere, in uscita), già nel biennio, ad una scelta consapevole con successivo riorientamento (anche con stage e alternanza scuola-lavoro) Attivazione di corsi per l integrazione degli extracomunitari Attivazione corsi serali e corsi specifici rivolti agli adulti (EDA) Aggiornamento costante del sito dell Istituto Monitoraggio e valutazione dell efficienza ed efficacia della qualità del servizio scolastico (vedi a pag. 58) 11 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

15 STRATEGIE DIDATTICHE E METODOLOGICHE STRATEGIE DIDATTICHE E METODOLOGICHE PRESENTAZIONE Presentare gli obiettivi minimi che si intendono raggiungere. Alternare la lezione frontale con attività centrate sugli studenti Lavoro di gruppo Lavori individuali Role playing Problem solving / poning Lezione integrata Ricerche Realizzazioni di cartelloni Cooperative learning Peer Education Procedere con gradualità nella presentazione degli argomenti, passando da fasi ricettive a fasi produttive prima guidate e poi sempre più autonome. Usare chiarezza ed essenzialità nella presentazione degli argomenti. Rispettare i ritmi di concentrazione e attenzione. PARTECIPAZIONE Dare spazio alla discussione aperta, al dibattito, agli interventi personali. Favorire gli interventi personali in relazione alle tematiche proposte. Sollecitare i ragazzi più timidi coinvolgendoli direttamente senza metterli in difficoltà. Far rispettare tempi e modalità di intervento e di ascolto. Agire da guida, animatore e suscitatore di interessi. Incoraggiare, gratificare ed evitare di mortificare in caso di errore. Individuare eventuali difficoltà e incoraggiarne la manifestazione. Favorire l attività di coppia e di gruppo con livelli non omogenei e alternando i componenti. 12 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

16 STRATEGIE DIDATTICHE E METODOLOGICHE CRESCITA CULTURALE E PROFESSIONALE Stimolare costantemente la riflessione, la comprensione, l approfondimento riferiti sia al proprio apprendimento che alla propria esperienza. Favorire la dimensione operativa di ogni disciplina (simulazioni, role-playing, soluzione casi, ecc ). Selezionare i nuclei fondanti delle discipline, indispensabili per formare il futuro cittadino e lavoratore. USO DEGLI STRUMENTI Acquisire familiarità con il libro di testo. Usare in maniera sistematica, ma razionale e funzionale, il libro di testo. Far usare in modo consapevole e disinvolto, per le diverse discipline tutti i sussidi a disposizione: biblioteca, laboratori, manuali di consultazione e ICT. Integrare, quando necessario, il libro di testo con materiale didattico o altri sussidi. INTEGRAZIONE E SUCCESSO FORMATIVO Attivare esperienze di scuola lavoro, di simulazione aziendale e visite guidate. Far partecipare ad esperienze formative offerte dal territorio. Predisporre interventi di personale esperto nei vari settori, interno ed esterno alla scuola. Ricercare spazi di aperture interdisciplinari per sviluppare interazione e collegamento tra le singole discipline in funzione degli assi culturali Allargare prospettive, interessi, competenze specifiche. Garantire l integrazione sensibilizzando la comunità scolastica verso i soggetti diversabili e/o in situazione di svantaggio. Privilegiare l equilibrato sviluppo psico/fisico degli alunni, anche diversabili, per permettere di raggiungere un livello minimo di autocontrollo e di capacità relazionali. Favorire il successo formativo degli alunni DSA, cioè con «difficoltà specifiche di apprendimento legate alla dislessia, discalculia e disgrafia, ma in presenza di capacità cognitive adeguate e in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriale», (Legge 170/2010). 13 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

17 PARTE SECONDA

18 2 BIENNIO e 5 ANNO (costituiscono un percorso unitario) LA NOSTRA OFFERTA: PERCORSI FORMATIVI SETTORE DEI SERVIZI INDIRIZZI PROFESSIONALI SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO INDIRIZZI TECNICI 1 BIENNIO (1 e 2 ANNO) BIENNIO COMUNE Indirizzo Servizi Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera e ristorazione (1 2 anno) BIENNIO COMUNE Indirizzo Servizi Commerciali (1 e 2 anno) BIENNIO COMUNE Indirizzo Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale (1 e 2 anno) BIENNIO COMUNE Indirizzo Manutenzione e Assistenza Tecnica (1 e 2 anno) BIENNIO Indirizzo Agrario - Gestione dell ambiente e del territorio (1 2 anno) BIENNIO Indirizzo Turismo (1 2 anno) CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE (ASSOLVIMENTO OBBLIGO D ISTRUZIONE) (scelta in funzione del corso di specializzzione) 2 BIENNIO 4 ANNO 3 ANNO Enogastronomia (Cucina) Enogastronomia (Cucina) Servizi di Sala e Vendita Servizi di Sala e Vendita Servizi Accoglienza Tuistica Servizi Accoglienza Tuistica Servizi per Servizi l'agricoltura e lo Commerciali sviluppo rurale Esame di qualifica I livello (*) Servizi per Servizi l'agricoltura e lo Commerciali sviluppo rurale Esame di qualifica II livello (**) Manutenzione e Assistenza Tecnica Manutenzione e Assistenza Tecnica Gestione dell ambiente e del territorio Indirizzo TURISMO 5 ANNO Diploma Professionale Enogastronomia Diploma Professionale Servizi di Sala e Vendita Diploma Professionale Accoglienza Turistica Diploma Professionale Servizi Commerciali Diploma professionale Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale Diploma professionale Manutenzione e Assistenza Tecnica Diploma di Perito nella Gestione dell ambiente e del territorio Diploma di Perito nel Turismo ESAME DI STATO UNIVERSITÀ CORSI POST-DIPLOMA (I.T.F.S.) E DI PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE MONDO DEL LAVORO (*) In maniera surrogatoria e sussidiaria con accordi regionali (**) Questa possibilità è attualmente in discussione in Regione

19 INDIRIZZO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA DIPLOMA DI QUALIFICA (I LIVELLO) (1 Biennio: Primo, Secondo e 2 Biennio: Terzo anno Corso triennale) OPERATORE DEI SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA (CUCINA) AL TERMINE DEL CORSO DI QUALIFICA L OPERATORE Possiede una cultura generale di base e una preparazione professionale flessibile e polivalente Sa realizzare autonomamente ed in team la preparazione di piatti caldi e freddi e predeterminare i tempi di esecuzione dei lavori Possiede valide conoscenze nelle lingue straniere con particolare riferimento alla terminologia di settore È in grado di usare gli strumenti informatici ed i software tipici delle strutture ricettive Conosce i principi nutritivi e di conservazione degli alimenti e gli aspetti giuridici ed economici fondamentali del settore Possiede competenze nell uso delle attrezzature del settore, è responsabile delle dotazioni della cucina e della loro corretta manutenzione. Sa stabilire rapporti di collaborazione con i reparti ed è in grado di partecipare alle operazioni relative al conto INSERIMENTO LAVORATIVO: strutture ricettive, imprese di catering e banqueting, servizi di ristorazione commerciale e industriale (ristoranti, alberghi, agriturismi, Bed & Breakfast etc). OPERATORE DEI SERVIZI DI SETTORE SALA E VENDITA AL TERMINE DEL CORSO DI QUALIFICA L OPERATORE È in grado di accogliere ed assistere i clienti durante il consumo dei pasti. Sa eseguire le fasi del servizio in ristorante e organizzare sia le attività relative al servizio bar che le attività riguardanti feste, banchetti, buffet. Possiede valide conoscenze nelle lingue straniere con particolare riferimento alla terminologia di settore È in grado di usare gli strumenti informatici ed i software tipici del settore Possiede competenze nell uso delle attrezzature del settore, è responsabile delle dotazioni delle sale e della loro corretta manutenzione. Sa stabilire rapporti di collaborazione con i reparti ed è in grado di partecipare alle operazioni relative al conto INSERIMENTO LAVORATIVO: strutture ricettive, imprese di catering e banqueting, servizi di ristorazione commerciale e industriale (ristoranti, alberghi, agriturismi, Bed & Breakfast etc). 16 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

20 OPERATORE DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA TURISTICA AL TERMINE DEL CORSO DI QUALIFICA L OPERATORE Possiede una cultura generale di base e una preparazione professionale flessibile e polivalente È capace di accogliere i clienti e di assisterli durante il soggiorno, con attenzione e responsabilità, nel rispetto delle istruzioni ricevute e delle norme vigenti Si esprime con correttezza ed è in grado di adeguarsi all interlocutore e alle situazioni Possiede valide conoscenze nelle lingue straniere con particolare riferimento alla terminologia di settore È in grado di usare gli strumenti informatici ed i software tipici delle strutture ricettive. Possiede competenze relative allo svolgimento delle mansioni specifiche di ricevimento, portineria, cassa e maincourante INSERIMENTO LAVORATIVO: strutture ricettive, servizi di ristorazione (alberghi, agriturismi, Bed & Breakfast etc). DIPLOMA DI SUPERAMENTO DELL ESAME DI STATO (2 Biennio - Quarto anno e Quinto anno per coloro che hanno conseguito la qualifica in Operatore dei servizi per l enogastronomia settore Cucina) TECNICO DEI SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA: ARTICOLAZIONE ENOGASTRONOMIA AL TERMINE DEL CORSO IL TECNICO Competenze Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico, chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico. Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a specifiche necessità dietologiche. Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati, valorizzando i prodotti tipici. È in grado di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; operare nel sistema produttivo promuovendo le tradizioni locali, nazionali e internazionali, e individuando le nuove tendenze enogastronomiche. Sa Agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva di interesse. Utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastonomici, ristorativi e di accoglienza turistico-alberghiera. Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il coordinamento con i colleghi. Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove tendenze di filiera. 17 di 60 I.I.S. Patrizi-Baldelli-Cavallotti

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli