Pag.1 di 32. Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI Sez. Associata I.P.I.A. Rosa LUXEMBURG MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pag.1 di 32. Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI Sez. Associata I.P.I.A. Rosa LUXEMBURG MILANO"

Transcript

1 Pag.1 di 32 Istituto Istruzione Superiore GALILEO GALILEI

2 L edificio dell Istituto si presenta con n 6 piani fuori terra e presenta quattro uscite all esterno, precisamente : L ingresso/uscita principale Due uscite laterali, tramite le scale di emergenza La porta di emergenza della palestra Esistono altre due uscite all esterno, dal laboratorio di fotografia1 e nelle vicinanze del laboratorio di grafica, ma tali uscite non sono in sicurezza, quindi non possono essere usate. Il piano di evacuazione prevede l uscita di tutta la popolazione scolastica in due punti di raccolta, nei pressi delle uscite di emergenza laterali, l uscita attraverso dall ingresso principale del personale nonché il flusso ad esso destinato può comportare interferenza con l eventuale ingresso dei mezzi di soccorso, ma la conoscenza del piano, la formazione del personale e le prove sono garanzia sufficiente perché ciò non avvenga. INGRESSO PASSO CARRAIO Pag.2 di 32

3 ORGANIGRAMMA DI PRIMO INTERVENTO RISCHI PROBABILI Gli eventi negativi più probabili sono i seguenti (*): incendio che si sviluppa all interno dell edificio; Pag.3 di 32

4 incendio che si sviluppa nelle immediate adiacenze dell edificio in oggetto. (*) Le possibilità che si sviluppi una situazione di pericolo che renda necessaria l evacuazione dell intera popolazione scolastica, o parte di essa, può manifestarsi per le cause più disparate. MEZZI DI PREVENZIONE INCENDIO Si descrivono di seguito tutti i dispositivi, sistemi, gli impianti e le attrezzature di sicurezza predisposti nei locali in esame al fine di prevenire i rischi di incidente e di contenere al minimo eventuali conseguenze negative. SPEGNIMENTO IMPIANTI AUTOMATICI DI ESTINZIONE/RILEVAZIONE Rete idrica antincendio idranti a muro nell edificio: n 16 (10 idranti + 6 naspi) Estintori estintori portatili di tipo omologato totale: 26 o Piano zero settore B 5 o Piano zero settore C 1 o Piano primo settore A 2 o Piano secondo settore B 2 o Piano secondo settore C 1 o Piano terzo settore A 2 o Piano quarto settore B 2 o Piano quarto settore C 4 o Piano quinto settore A 7 (La posizione di ciascun estintore è chiaramente indicata sulle planimetrie esposte) Impianti di segnalazione/rilevazione Sono presenti rilevatori automatici di gas e fumo DISPOSITIVI DA USARSI IN CASO DI EMERGENZA Dispositivi per trasmettere l allarme: Telefono Dispositivi di blocco: Blocco elettrico di piano: pulsante di sgancio al piano primo (ingresso) Segnaletica di sicurezza: In tutti i locali sono applicate le vigenti disposizioni sulla segnaletica di sicurezza espressamente finalizzate alla sicurezza antincendio conforme al D.Lgs.493/96. Illuminazione di emergenza È installata nei corridoi, lungo le vie di fuga ed in corrispondenza delle uscite di sicurezza. Pag.4 di 32

5 PROCEDURE ESECUTIVE Per un esito positivo del piano di evacuazione dovranno essere osservate le seguenti regole: esatta osservanza di tutte le disposizioni riguardanti la sicurezza; osservanza del principio che tutti gli operatori a cui è affidato un incarico devono essere al servizio della salvaguardia della incolumità altrui e che quindi dovranno abbandonare l Istituto solo a completa evacuazione. 01 IN PARTICOLARE IL CAPO D ISTITUTO DOVRA : accertarsi che venga scrupolosamente eseguito il controllo delle vie d uscita e dei percorsi di evacuazione interni ed esterni all edificio; assicurarsi che vengano impartite le disposizioni previste dalle procedure; assicurarsi che vengano osservate le disposizioni relative alle zone di parcheggio; verificare la perfetta idoneità dei dispositivi di allarme di ogni attrezzatura necessaria alla sicurezza. 02 IN PARTICOLARE IL PERSONALE DOCENTE DOVRA : informare adeguatamente gli studenti sulla necessità di una stretta osservanza delle procedure indicate nel piano al fine di assicurare l incolumità propria e delle altre persone presenti; illustrare periodicamente il piano di evacuazione con particolare riguardo ai tragitti da seguire fino ai punti di raccolta; intervenire prontamente nei caso si verificassero situazioni critiche dovute a condizioni di panico; controllare che gli studenti apri-fila e chiudi-fila eseguano in modo corretto la loro funzione; in caso di evacuazione, portare con sé il registro di classe per effettuare il controllo delle presenze ad evacuazione avvenuta; al raggiungimento del punto di raccolta, compilare il verbale di evacuazione con indicato il numero di alunni presenti in classe, il numero di alunni evacuati, di alunni feriti e di eventuali dispersi indicando per questi ultimi, se possibile, nome e cognome; compilare il verbale di evacuazione che dovrà essere consegnato al responsabile che sarà presente nel punto di raccolta in corrispondenza del cartello indicatore e che sarà munito di apposito segnale di riconoscimento (giubbotto arancione). 03 IN PARTICOLARE IL PERSONALE NON DOCENTE DOVRA : disattivare tutti gli impianti elettrici; presidiare l uscita del complesso scolastico allo scopo di regolare il traffico all arrivo dei mezzi di soccorso; Pag.5 di 32

6 guidare, per quanto possibile, i mezzi di soccorso verso i punti più opportuni e consegnare agli stessi le planimetrie dell edificio; dare a voce il segnale di evacuazione nel caso risulti impossibile effettuare l operazione con il segnale acustico. 04 IN PARTICOLARE GLI ALLIEVI DOVRANNO: interrompere immediatamente le attività; mantenere l ordine e l unità della classe durante e dopo l esodo; tralasciare il recupero di oggetti personali (libri, cartelle, ecc.); ammesso il solo recupero dei cappotti nella stagione invernale e dell ombrello in caso di pioggia; disporsi in fila evitando il vociare confuso, grida e richiami; la fila dovrà essere aperta e chiusa dai compagni apri-fila e chiudi-fila; camminare in fila e seguire le indicazioni dell insegnante presente al momento nell aula in relazione al rispetto dell ordine di precedenza; camminare in modo sollecito senza soste e senza spingere i compagni; collaborare con l insegnante per controllare la presenza dei compagni prima e dopo lo sfollamento; attenersi alle indicazioni dell insegnante nel caso il verifichino contrattempi che richiedono una modifica delle indicazioni del piano. Pag.6 di 32

7 SCHEMA PIANO DI EVACUAZIONE Tutto il personale presente all interno dell Istituto al primo insorgere di un evento pericoloso è tenuto a darne immediata comunicazione al D.S. o Coordinatore delle Emergenze, che dovrà valutare il rischio ed eventualmente convocare la squadra di primo intervento; nel caso questo si dimostri di lieve entità la stessa squadra di primo intervento provvederà alla risoluzione con i mezzi in suo possesso; in caso contrario il Coordinatore delle Emergenze, darà ordine di emanare l ordine di evacuazione attraverso comunicazione vocale e/o acustico, utilizzando il personale preposto. Contemporaneamente l incaricato dovrà anche avvertire i mezzi di soccorso. All avviso di evacuazione si dovranno ottemperare ai seguenti compiti: il personale incaricato dovrà vigilare sul regolare svolgimento della evacuazione e ognuno, all uopo incaricato, dovrà, a sfollamento avvenuto, raggiungere uno dei due punti di raccolta; il personale allo scopo addetto provvederà ad interrompere l erogazione di energia elettrica; il personale allo scopo addetto provvederà a regolare il deflusso ai vari piani; gli insegnati presenti in aula dovranno raccogliere il registro di classe che conterrà anche il verbale di evacuazione; gli alunni si dovranno preparare all esodo (gli studenti apri - fila apriranno la porta, tutti gli altri studenti li seguiranno in fila, gli studenti chiudi-fila controlleranno che tutti i compagni siano usciti dall aula e quindi chiuderanno la porta; tutto il personale si dovrà dirigere verso le porte di uscita e verso i punti di raccolta seguendo le indicate vie di fuga; l esodo, soprattutto sui vani scala, dovrà avvenire in modo ordinato e rispettando le precedenze; nel caso siano presenti studenti con difficoltà motorie, questi dovranno essere aiutati dai loro compagni opportunamente addestrati allo scopo; l esodo verso i punti di raccolta dovrà avvenire in modo ordinato, senza urla e schiamazzi; in assenza dell insegnante la classe in collaborazione con l apri-fila si accoderà al gruppo più vicino in direzione dell esodo; una volta raggiunti i punti di raccolta ogni singolo insegnante dovrà compilare il verbale di evacuazione e farlo pervenire nel più breve tempo possibile alle persone all uopo preposte che si posizioneranno nei tre punti di raccolta in corrispondenza del cartello indicatore e saranno munite di giubbotto arancione; alla comunicazione di fine emergenza emanata dal Coordinatore, tutto il personale dovrà rientrare in modo ordinato nell edificio o qualora questo dovesse essere dichiarato inagibile si dovranno seguire le indicazioni che verranno diramate al momento dal personale autorizzato. SI PRECISA CHE DURANTE L EVACUAZIONE E SEVERAMENTE VIETATO SERVIRSI DEGLI ASCENSORI INOLTRE E SEVERAMENTE VIETATO DIRIGERE GETTI DI ACQUA CONTRO APPARECCHI IN TENSIONE. Pag.7 di 32

8 I PUNTI DI RACCOLTA I punti di raccolta sono individuati da appositi cartelli indicatori visibili anche a distanza. Gli incaricati del ritiro dei moduli di evacuazione, individuabili da giubbotto arancione. Ad ogni incaricato viene consegnato l elenco delle classi che devono convergere verso il punto di raccolta assegnato; a tale proposito è opportuno che in ogni classe, in corrispondenza delle planimetrie relative al piano di evacuazione, venga evidenziata in modo opportuno la lettera indicante il punto di raccolta (A / B). Esaminiamo ora alcune possibili emergenze che si potrebbero verificare durante la normale attività didattica. Anche se gravi, tali emergenze, se pensate opportunamente e preventivamente, possono essere controllate. Di conseguenza gli eventuali danni prodotti saranno contenuti. NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO Se ti trovi in un luogo chiuso: Mantieni la calma Non precipitarti fuori Resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l architrave della porta o vicino ai muri portanti Allontanati dalle finestre, porte con vetri, armadi perché cadendo potrebbero ferirti Se sei nei corridoi o nel vano delle scale rientra nella tua classe o in quella più vicina Dopo il terremoto, all ordine di evacuazione, abbandona l edificio senza usare l ascensore e ricongiungiti con gli altri compagni di classe nella zona di raccolta assegnati. Se sei all aperto: Allontanati dall edificio, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche perché potrebbero cadere e terra Cerca un posto dove non hai nulla sopra di te; se non lo trovi cerca riparo sotto qualcosa di sicuro come una panchina Non avvicinarti ad animali spaventati. NORME Dl COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO Mantieni la calma Se l incendio si è sviluppato in classe esci subito chiudendo la porta Se l incendio è fuori della tua classe ed il fumo rende impraticabili le scale e i corridoi chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati Apri la finestra e, senza esporti troppo, chiedi soccorso Se il fumo non ti fa respirare filtra l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (il fumo tende a salire verso l alto) Risulta ovvia l impossibilità di elaborare delle istruzioni di sicurezza per ogni specifica realtà, pertanto si consiglia di esaminare le altre possibilità nelle eventuali lezioni sulla sicurezza tenute dai docenti. Pag.8 di 32

9 ISTRUZIONI DI SICUREZZA Quelle che seguono sono delle istruzioni di sicurezza che possono ritenersi valide per ogni circostanza: Alla diramazione dell allarme: Mantieni la calma Interrompi immediatamente ogni attività Lascia tutto l equipaggiamento (non preoccuparti di libri, abiti o altro) Incolonnati dietro l apri-fila Ricordati di non spingere, non gridare e non correre Segui le vie di fuga indicate Raggiungi la zona di raccolta assegnata Continua a mantenere la calma Pag.9 di 32

10 PROCEDURE IN CASO DI EMERGENZA EVACUAZIONE DALL EDIFICIO Un segnale acustico e/o vocale indica l inizio dell evacuazione generale. La squadra di emergenza, con la collaborazione del personale, coordina le fasi dell evacuazione per un rapido e ordinato deflusso dall edificio. Negli uffici e nelle aule tutte le attività sono immediatamente sospese e vengono chiuse le utenze elettriche. Il personale prima di allontanarsi si accerta della presenza di visitatori all interno dei locali, chiude le porte (non a chiave). Il deflusso deve avvenire ordinatamente si abbandonano oggetti ingombranti (zaini, borse, ombrelli ) e si deve mantenere il gruppo di classe compatto evitando di tornare indietro. Gli insegnanti presenti in aula dovranno raccogliere il registro di classe ed il verbale di evacuazione. Gli alunni si dovranno preparare all esodo (gli studenti apri - fila apriranno la porta, tutti gli altri studenti li seguiranno, gli studenti chiudi-fila controlleranno che tutti i compagni siano usciti dall aula e quindi chiuderanno la porta. Tutto il personale si dovrà dirigere verso le porte di uscita e verso i punti di raccolta seguendo le indicate vie di fuga; l esodo, soprattutto sui vani scala, dovrà avvenire in modo ordinato e rispettando le precedenze. Nel caso siano presenti studenti con difficoltà motorie, questi dovranno essere aiutati; l esodo verso i punti di raccolta dovrà avvenire in modo ordinato, senza urla e schiamazzi. Una volta raggiunti i punti di raccolta ogni singolo insegnante dovrà compilare il verbale di evacuazione e consegnarlo al Responsabile del Punto di Raccolta. Se la via di deflusso del proprio settore fosse ostruita, attenersi alle disposizioni date dal personale incaricato. Se al momento dell allarme si fosse lontani dal proprio ufficio o dalla propria aula, ci si accoda al gruppo più prossimo, raggiungendo appena giunti all esterno il gruppo originario se possibile, altrimenti segnalare la propria presenza al responsabile del punto di raccolta. Non devono essere utilizzati gli ascensori. I luoghi sicuri si raggiungono percorrendo le vie di deflusso, planimetrie affisse nei corridoi, e cartellonistica di colore verde. Raggiunto il luogo sicuro il gruppo non si disperde nemmeno dopo l appello fatto dall insegnante. Non devono essere ostruite le vie di accesso per i mezzi di soccorso, evitare quindi di stare lungo il corridoio di accesso. Non devono essere spostati mezzi privati di trasporto e devono essere lasciate libere le linee telefoniche. La fine della situazione di allarme è segnalata dai responsabili dei punti di raccolta. Gli studenti non possono lasciare il punto di raccolta se non autorizzati. Il posto di coordinamento è fissato in prossimità dell ingresso dell edificio. Tutte le segnalazioni vanno fatte pervenire al personale della squadra di primo intervento o al responsabile del punto di raccol Pag.10 di 32

11 COMPITI DEGLI ALLIEVI IN CASO DI EVACUAZIONE Interrompere immediatamente le attività; Mantenere la calma, l ordine e l unità della classe durante e dopo l esodo fino al raggiungimento del punto di raccolta, se al momento dell emergenza ci si trova in altro luogo; accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano; Seguire le indicazioni dell insegnante presente al momento nell aula in relazione al rispetto dell ordine di precedenza; In assenza dell insegnante la classe in collaborazione con lo studente aprifila si accoderà al gruppo più vicino per il deflusso e lo stesso studente prende il registro di classe; Tralasciare il recupero di oggetti personali (libri, cartelle, ecc.); ammesso il solo recupero dei cappotti nella stagione invernale e dell ombrello in caso di pioggia; Disporsi in fila evitando il vociare confuso, grida e richiami; la fila dovrà essere aperta e chiusa dai compagni aprifila e chiudifila; Camminare in modo ordinato, sollecito senza soste e senza spingere i compagni; Collaborare per controllare la presenza dei compagni prima e dopo lo sfollamento; Non allontanarsi mai dall insegnante e dal punto di raccolta; Attenersi alle indicazioni del personale incaricato nel caso si verifichino contrattempi che richiedono una modifica delle indicazioni del piano. Pag.11 di 32

12 COMPITI DEL PERSONALE DOCENTE E ATA IN CASO DI EVACUAZIONE Informare adeguatamente gli studenti sulla necessità di una stretta osservanza delle procedure indicate nel piano al fine di assicurare l incolumità propria e delle altre persone presenti; Illustrare periodicamente il piano di evacuazione con particolare riguardo ai tragitti da seguire fino ai punti di raccolta; Controllare quotidianamente la presenza del verbale di evacuazione nel registro, se non risulta presente avvisare la Presidenza; In caso di evacuazione portare con sé il registro di classe per effettuare il controllo delle presenze ad evacuazione avvenuta; Il docente che accompagna la classe al luogo sicuro, compila in verbale di evacuazione (all. 5) presente nel registro di classe e lo fa pervenire al responsabile del punto di raccolta; Intervenire prontamente nei casi si verificassero situazioni critiche dovute a condizioni di panico; Controllare che gli studenti aprifila e chiudifila eseguano in modo corretto la loro funzione fino al raggiungimento del punto di raccolta assegnato alla classe, se la classe al momento dell emergenza si trova in altro luogo; in tal caso seguirà il percorso indicato sulle planimetrie; Gli insegnanti durante l ora di ricevimento parenti sono responsabili dell evacuazione dei genitori; Al raggiungimento del punto di raccolta compilare il verbale di evacuazione e mantenere unita la classe. Pag.12 di 32

13 DESCRIZIONE DELLE MANSIONI SPECIFICHE Sono di seguito indicate, in apposite schede, le azioni che devono essere eseguite dalle varie funzioni in caso di segnalazioni di pericolo per persone o cose all interno della scuola. LA PERSONA CHE SI ACCORGE DI UNA EMERGENZA All insorgere di un emergenza: In caso rilevi un pericolo che può propagarsi (incendio, fumo, nube, acqua, ecc..) DEVE Allontanarsi dal luogo dell emergenza, chiudendo la porta dietro di sé. Non spalancare mai una porta dietro cui è in atto un incendio, eventualmente attivarsi per sigillarla con stracci bagnati. In caso di fumo, di nube tossica o di incerta composizione, rientrare immediatamente in un aula e chiudere immediatamente porte e finestre. Comunicare immediatamente al Dirigente Scolastico e/o al Coordinatore delle Emergenze e/o un componente della squadra di Primo Intervento nel caso si sospetti che qualcuno sia rimasto all interno dell area. In tutti i casi: informare il Dirigente Scolastico e/o il Coordinatore delle Emergenze e/o un componente della squadra di Primo Intervento dell emergenza in corso. All ordine di evacuazione dell edificio deve: Accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Riaggregarsi alla propria classe, se possibile, e segnalare la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione. Pag.13 di 32

14 IL COORDINATORE DELLE EMERGENZE All insorgere di un emergenza: Attiva i componenti di una o più squadre di Primo Intervento e si reca immediatamente sul luogo dell emergenza per valutare l entità del pericolo; Valuta la situazione di emergenza e di conseguenza se fare evacuare o meno l edificio, attuando la procedura d emergenza stabilita. Se non necessita evacuare l edificio emana l ordine di fine dell emergenza. Se emana l ordine di evacuazione dell edificio: Ordina all incaricato di diffondere il messaggio di evacuazione dell edificio. Ordina all incaricato di chiamare i mezzi di soccorso necessari. Coordina la Squadra di Primo Intervento Antincendio. Assume la funzione di collegamento con i soccorritori, in caso di Incendio/Emergenza. In caso di smarrimento di qualsiasi persona, prende tutte le informazioni necessarie e le comunica alle squadre di soccorso esterne, al fine della loro ricerca. Al termine dell evacuazione dell edificio, si dirige verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano per coordinare le operazioni di intervento dei soccorsi. Esprime il proprio parere ai responsabili dei punti di raccolta al fine di fare emanare a questi ultimi l ordine di FINE EMERGENZA. N.B. Nel caso in cui il Coordinatore delle Emergenze non sia il Dirigente Scolastico, quest ultimo, deve essere reperibile in un luogo prestabilito per essere punto di riferimento per tutte le informazioni provenienti dal Coordinatore delle Emergenze e dai responsabili dei punti di raccolta. Pag.14 di 32

15 TUTTI I DOCENTI DI TUTTE LE MATERIE Verificano giornalmente, nelle proprie ore di lezione, il registro di classe e controllano la presenza del verbale di evacuazione della classe (All. 5). In assenza del verbale fanno pervenire immediatamente il registro all Ufficio per il suo reintegro. All insorgere di un emergenza: Contribuiscono a mantenere la calma in tutta la classe in attesa che sia comunicato il motivo dell emergenza. All ordine di evacuazione dell edificio: Recuperano il registro di classe e accompagnano la classe al punto di raccolta prestabilito. Devono fare intervenire, nel caso di presenza di alunni infortunati o con difficoltà psicomotorie, gli studenti di soccorso designati per l assistenza degli stessi. Raggiungono,con la classe, il punto di raccolta ed effettuano l appello degli studenti utilizzando il verbale di evacuazione presente nel registro. Fanno pervenire il verbale di evacuazione debitamente compilato, al responsabile del punto di raccolta (riconoscibile da una fascia o giubbetto di identificazione) tramite lo studente chiudifila. In caso di classe sdoppiata per religione, ecc., se è possibile, si riaggregano con l altro gruppo e compilano assieme il verbale di evacuazione da fare pervenire al responsabile del punto di raccolta tramite lo studente chiudifila. Non abbandonano mai la propria classe. Invitano gli studenti a rimanere uniti in gruppo e mantenere la calma. Attendono il segnale di fine emergenza e riaccompagnano gli studenti nella propria aula. Accompagnano i parenti, in caso di evacuazione dell edificio, alle uscite di sicurezza durante le proprie ore di ricevimento parenti Chi si trova fuori aula deve: Accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano e riaggregarsi, se possibile, alla propria classe. Pag.15 di 32

16 TUTTI GLI STUDENTI All insorgere di un emergenza: Mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente o del suo sostituto (studente aprifila). Si apprestano all esodo ordinatamente, spingendo la sedia verso il banco, lasciando le cartelle sul posto, non ostacolando i compagni, disponendosi in fila. Uno studente aprifila ed uno chiudifila si preparano per delimitare la disposizione della classe. Gli studenti di soccorso si attivano nel caso di necessità. All ordine di evacuazione dell edificio: Tutti devono tralasciare il recupero di oggetti personali (libri, cartelle, ecc.); è ammesso il solo recupero dei cappotti e dell ombrello in caso di pioggia. Uno studente assume la funzione di aprifila e un altro quella di chiudifila. Gli studenti di soccorso si attivano per assistere i compagni in difficoltà. Tutti devono dirigersi verso le uscite di emergenza, ordinatamente, non prima che siano passate le classi che hanno la precedenza, iniziando dalla fila più vicina alla porta. Procedere in fila senza spingersi e senza correre e raggiungere il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie. Nessuno deve allontanarsi dai compagni che devono essere solidali, infondersi coraggio a vicenda, non litigare. Tutte le operazioni sopra indicate saranno eseguite sotto il diretto controllo dell insegnante o del suo sostituto (studente aprifila). Tutti devono attendere il segnale di fine emergenza, emanato dal responsabile del punto di raccolta, prima di rientrare nell edificio scolastico. Chi si trova fuori aula deve: Accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Riaggregarsi, se possibile, alla propria classe e segnalare la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione della classe. Pag.16 di 32

17 GLI STUDENTI APRIFILA Il primo in ordine alfabetico nel registro di classe, presente in aula al momento del ricevimento del messaggio di evacuazione dell edificio. SOSTITUTO: del docente dell ora in caso di sua assenza al momento del ricevimento del messaggio di evacuazione dell edificio. All insorgere di un emergenza: Contribuisce a mantenere la calma in tutta la classe in attesa che sia comunicato il motivo dell emergenza. Segue le procedure stabilite e le istruzioni del docente. All ordine di evacuazione dell edificio: Apre le porte e guida i compagni al punto di raccolta stabilito. In caso di assenza del docente dell ora, al momento del ricevimento del messaggio di evacuazione dell edificio, assume tutti gli incarichi del docente e li porta a termine come descritto nella scheda tutti i docenti di tutte le materie. Chi si trova fuori aula deve: Accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Riaggregarsi, se possibile, alla propria classe e segnalare la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione della classe. Pag.17 di 32

18 GLI STUDENTI CHIUDIFILA L ultimo in ordine alfabetico nel registro di classe, presente in aula al momento del ricevimento del messaggio di evacuazione dell edificio. All insorgere di un emergenza: Contribuisce a mantenere la calma in tutta la classe in attesa che sia comunicato il motivo dell emergenza. Segue le procedure stabilite e le istruzioni del docente o del suo sostituto (studente aprifila). All ordine di evacuazione dell edificio: In caso di evacuazione dell edificio esce per ultimo, verifica il completo abbandono dell aula da parte dei compagni e chiude la porta del locale. Arrivati al punto di raccolta comunica al proprio docente o al suo sostituto (studente aprifila) il completo o incompleto abbandono dell aula. Quando il Docente o il suo sostituto (studente aprifila) avranno completato la compilazione del verbale di evacuazione dell edificio consegnerà il verbale stesso al responsabile del punto di raccolta prestabilito. Chi si trova fuori aula deve: Accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Riaggregarsi, se possibile, alla propria classe e segnalare la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione della classe. Pag.18 di 32

19 GLI STUDENTI DI SOCCORSO A due studenti per ogni classe sarà assegnato il compito di assistere i compagni infortunati o con difficoltà psicomotorie. I nominativi dovranno essere trascritti sul verbale di evacuazione della classe. All insorgere di un emergenza: Contribuiscono a mantenere la calma in tutta la classe in attesa che sia comunicato il motivo dell emergenza. Seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente o del suo sostituto (studente aprifila). All ordine di evacuazione dell edificio: Si adoperano per assistere i compagni infortunati o con difficoltà psicomotorie durante tutte le fasi dell evacuazione dell edificio. Chi si trova fuori aula deve: Accodarsi ad un gruppo qualsiasi in evacuazione o seguire i percorsi di fuga dirigendosi verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Riaggregarsi, se possibile, alla propria classe e segnalare la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione della classe. Pag.19 di 32

20 GLI ADDETTI DELLA SQUADRA DI PRIMO INTERVENTO All insorgere di un emergenza: Individua la fonte del pericolo e ne valuta l entità. Avverte immediatamente il Coordinatore delle Emergenze e si attiene alle disposizioni impartite. Nel caso di intervento su un focolaio di incendio utilizza i Dispositivi di Protezione Individuale in dotazione. All ordine di evacuazione dell edificio: Favorisce e controlla il deflusso ordinato del piano. Vieta l uso delle scale, degli ascensori e dei percorsi di non sicurezza. Porta ad espletamento tutti gli incarichi personali che gli sono stati eventualmente assegnati. Al termine dell evacuazione del piano, si dirige verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Si riaggrega, se possibile, al proprio gruppo e segnala la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione. Pag.20 di 32

21 L ADDETTO ALLE CHIAMATE DI SOCCORSO All insorgere di un emergenza: Attende l avviso del Coordinatore delle Emergenze per effettuare le chiamate dei mezzi di soccorso seguendo le procedure previste; All ordine di evacuazione dell edificio: Effettua le chiamate dei mezzi di soccorso seguendo le procedure previste; Eventualmente, se possibile, attende una chiamata di conferma da parte dei soccorritori; Porta ad espletamento tutti gli incarichi personali che gli sono stati eventualmente assegnati. Al termine delle chiamate di soccorso, si dirige verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano. Si riaggrega, se possibile, al proprio gruppo e segnala la propria presenza all addetto alla compilazione del verbale di evacuazione. Pag.21 di 32

22 IL RESPONSABILE DEL PUNTO DI RACCOLTA All insorgere di un emergenza: Recupera i moduli, allegati n 4 e 5 del P.E.E., e compila il verbale allegato n 11, necessari per svolgere il controllo delle presenze delle classi e degli studenti al Punto di Raccolta. All ordine di evacuazione dell edificio: Porta ad espletamento tutti gli incarichi individuali che gli sono stati eventualmente assegnati. Espletati gli incarichi individuali eventualmente assegnati, si dirige verso il Punto di Raccolta stabilito dalle planimetrie di piano per svolgere il controllo delle presenze delle classi e degli studenti. Acquisisce dai docenti di ogni classe le presenze degli studenti ( allegato n 5 ), le presenze del personale (allegato n 4) e le trascrive nell apposito verbale (allegato 11); nel caso qualche persona non risulti alla verifica prende tutte le informazioni necessarie e le trasmette al Coordinatore delle Emergenze e/o al Dirigente Scolastico. Comunica al Coordinatore delle Emergenze e/o al Dirigente Scolastico la presenza complessiva degli studenti. Al termine dell emergenza, in accordo con il coordinatore delle emergenze, emana l ordine di FINE EMERGENZA Pag.22 di 32

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli