GUIDA PER GLI AVVOCATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA PER GLI AVVOCATI"

Transcript

1 GUIDA PER GLI AVVOCATI Note destinate a servire da guida agli agenti e agli avvocati delle parti per la fase scritta e orale del procedimento dinanzi alla Corte di giustizia delle Comunità europee Febbraio 2009

2 2 Indirizzo postale: Corte di giustizia delle Comunità europee L 2925 Lussemburgo Telefono (centralino): Fax: Cancelleria Interpretariato Servizio stampa Centralino Sito internet :

3 3 Introduzione Il procedimento dinanzi alla Corte di giustizia è caratterizzato, a differenza dai procedimenti dinanzi a talune corti supreme nazionali, da due elementi. Da un lato, esso è disciplinato da norme imperative contenute tanto nei Trattati e nel Protocollo sullo Statuto della Corte, quanto nel regolamento di procedura di questa. La Corte non può quindi derogarvi. Dall'altro lato, esso è soggetto ad un regime linguistico consono ad una Comunità plurilingue, regime che condiziona la natura e la finalità sia della fase scritta sia della fase orale del procedimento (v., in prosieguo, i punti A.3 e C.4). Alla luce di tali specifiche caratteristiche del procedimento, la presente guida si prefigge lo scopo di illustrare ai difensori delle parti la finalità del procedimento dinanzi alla Corte allo scopo di assicurare nell'ordinamento giuridico comunitario una tutela giurisdizionale qualitativamente migliore nonché lo svolgimento rapido ed efficace dei procedimenti. Per tali motivi, la presente guida dev'essere intesa quale strumento di lavoro elaborato al fine di consentire ai difensori delle parti di presentare le proprie difese od osservazioni scritte o orali nelle forme che la Corte di giustizia ritiene più idonee. Al tempo stesso, sarà messa in evidenza la prassi procedurale seguita dalla Corte. Per contro, la presente guida non è diretta né a fornire istruzioni di carattere giuridico in senso proprio né a sostituire il contenuto delle disposizioni vigenti. In queste note, le citazioni "articolo * CE", "articolo * dello Statuto" e "articolo * del RP" si riferiscono, rispettivamente, agli articoli del Trattato CE, dello Statuto della Corte e del regolamento di procedura della Corte. Il testo del regolamento di procedura attualmente in vigore è quello del 19 giugno 1991 [GU L 176, pag. 7, e 1992, L 383, pag. 117 (rettifiche)], modificato il 21 febbraio 1995 (GU L 44, pag. 61), l'11 marzo 1997 (GU L 103, pag. 1), il 16 maggio 2000 (GU L 122, pag. 43) e il 28 novembre 2000 (GU L 322, pag.1). Una versione consolidata del regolamento di procedura è stata pubblicata nella GU C 34 del 1 febbraio Dopo questa data sono intervenute dodici modifiche del regolamento di procedura, il 3 aprile 2001 (GU L 119 del , pag. 1), il 17 settembre 2002 [GU L 272 del , pag. 24 e GU L 281 del , pag. 24 (rettifica)], l'8 aprile 2003 (GU L 147 del , pag. 17), il 19 aprile 2004 (GU L 132 del , pag. 2), il 20 aprile 2004 (GU L 127 del , pag. 107), il 12 luglio 2005 (GU L 203 del , pag. 19), il 18 ottobre 2005 (GU L 288 del , pag. 51), il 18 dicembre 2006 (GU L 386 del , pag. 44), il 15 gennaio 2008 (GU L 24 del , pag. 39), il 23 giugno 2008 (GU L 200 del , pag. 20), l 8 luglio 2008 (GU L 200 del , pag. 18) e il 13 gennaio 2009 (GU L 24 del , pag. 8).

4 4 Indice A. Considerazioni generali Le varie fasi del procedimento dinanzi alla Corte di giustizia La rappresentanza delle parti... 6 a. Il principio... 6 b. La rappresentanza nei procedimenti pregiudiziali Il regime linguistico Il regime delle spese e il gratuito patrocinio... 7 a. Le spese b. Il gratuito patrocinio... 8 B. La fase scritta del procedimento La finalità della fase scritta del procedimento Lo svolgimento della fase scritta del procedimento... 9 a. I ricorsi diretti... 9 b. Le impugnazioni... 9 c. I rinvii pregiudiziali La presentazione degli atti processuali La notifica a. Destinatario b. Elezione di domicilio e consenso alle notifiche mediante fax o I termini processuali a. Computo dei termini b. Termine in ragione della distanza c. Sospensione dei termini d. Proroga dei termini Gli atti processuali introduttivi a. Il ricorso nei ricorsi diretti b. Il ricorso con la cui presentazione viene proposta l'impugnazione c. L obiettivo comune degli atti introduttivi di causa d. Sunto dei motivi e degli argomenti La domanda di pronuncia pregiudiziale Gli altri atti processuali nei ricorsi diretti e nelle impugnazioni a. Il controricorso b. La replica e la controreplica c. La comparsa di risposta, la replica e la controreplica nel procedimento di impugnazione d. Sunti dei motivi e degli argomenti... 13

5 5 9. Le osservazioni scritte nel rinvio pregiudiziale La sospensione dei procedimenti I provvedimenti urgenti mediante procedimento sommario a. Domanda proposta direttamente dinanzi alla Corte b. Impugnazione avverso un'ordinanza in procedimento sommario del Tribunale di primo grado Il procedimento accelerato e il procedimento pregiudiziale d urgenza L'intervento 15 a. Il procedimento diretto alla dichiarazione di ammissibilità dell'intervento b. Il procedimento di intervento propriamente detto Suggerimenti pratici a. La redazione e la struttura degli atti processuali b. I documenti allegati agli atti processuali c. Gli elementi e i mezzi di prova d. Citazioni C. La fase orale del procedimento La preparazione dell'udienza dibattimentale a. I provvedimenti preparatori b. La relazione d'udienza La finalità della fase orale del procedimento Lo svolgimento della fase orale del procedimento I vincoli dell'interpretazione simultanea La durata delle difese orali La necessità di svolgere difese orali L'omissione dell'udienza dibattimentale L'audizione nel procedimento sommario Suggerimenti pratici a. Il rinvio di un'udienza dibattimentale b. L'ingresso negli edifici c. Tenuta... 22

6 6 A. Considerazioni generali 1. Le varie fasi del procedimento dinanzi alla Corte di giustizia Il procedimento dinanzi alla Corte prevede una fase scritta seguita da una fase orale (v. l'articolo 20, primo comma, dello Statuto). Fanno parte della fase orale le difese orali presentate in udienza e le conclusioni dell'avvocato generale presentate in udienza pubblica. In conformità al regolamento di procedura la Corte può omettere l'udienza dibattimentale (v. in prosieguo il punto C.7) e, ai sensi dello Statuto, ove ritenga che la causa non sollevi nuove questioni di diritto, la Corte può decidere, sentito l'avvocato generale, che la causa sia giudicata senza conclusioni dell'avvocato generale (articolo 20, quinto comma, dello Statuto). La partecipazione attiva dei difensori delle parti al procedimento termina con l'udienza dibattimentale. A meno che non venga disposta la riapertura del procedimento per motivi eccezionali, non possono essere versate agli atti eventuali osservazioni che le parti formulino a seguito delle conclusioni. 2. La rappresentanza delle parti a. Il principio Il principio della rappresentanza obbligatoria delle parti è imposto dall'articolo 19 dello Statuto. Ad esclusione degli Stati membri e degli altri Stati parti contraenti dell'accordo SEE nonché delle istituzioni comunitarie che sono rappresentate dai loro agenti, le altre parti devono farsi rappresentare da un avvocato abilitato al patrocinio dinanzi ad un organo giurisdizionale di uno Stato membro o di un altro Stato parte contraente dell'accordo SEE. La rappresentanza obbligatoria per mezzo di un avvocato non si applica al procedimento diretto ad ottenere il beneficio del gratuito patrocinio (v., in prosieguo, punto A.4.b) nonché, a talune condizioni, alle cause pregiudiziali (v. punto b). Ai sensi dell'articolo 19, settimo comma, dello Statuto, sono equiparati agli avvocati i professori cittadini degli Stati membri la cui legislazione riconosce loro il diritto di patrocinare. Ai sensi dell'articolo 38, n. 3, del RP, il difensore è tenuto, all'atto del deposito del ricorso, a produrre un certificato da cui risulti che egli è abilitato a patrocinare dinanzi ad un organo giurisdizionale di uno Stato membro o di un altro Stato parte contraente dell'accordo SEE. Una copia della carta d identità professionale di avvocato (edita dal CCBE) è accettata a tal fine. b. La rappresentanza nei procedimenti pregiudiziali La regola della rappresentanza obbligatoria è soggetta a talune modifiche nei procedimenti pregiudiziali (articolo 104, n. 2, del RP). Qualsiasi persona abilitata a rappresentare e/o assistere una parte nella causa principale dinanzi al giudice nazionale può farlo anche dinanzi alla Corte. Conseguentemente, laddove le norme di procedura vigenti dinanzi al giudice nazionale non richiedano alcuna rappresentanza, le parti della causa principale hanno il diritto di presentare esse stesse le proprie osservazioni scritte ed orali.

7 7 3. Il regime linguistico Occorre operare una netta distinzione tra la lingua processuale, da un lato, disciplinata dalle disposizioni degli articoli 29 e seguenti del RP e la lingua di lavoro interna della Corte, dall'altro. Le lingue processuali sono tutte le lingue ufficiali degli Stati membri. Tuttavia, ogni causa ha la "sua" propria lingua. Per ogni causa dev'essere quindi scelta una sola lingua processuale. Le cause riunite costituiscono un'eccezione a tale regola qualora ognuna di tali cause sia soggetta ad una lingua processuale diversa: in tal caso sono lingue processuali tutte le relative lingue. Per quanto attiene a tale scelta, le pertinenti disposizioni dell'articolo 29 del RP sono molto dettagliate, ma possono essere riassunte in tre frasi: Nei ricorsi diretti, la scelta della lingua processuale spetta al ricorrente, salvo il caso in cui il convenuto sia uno Stato membro ovvero una persona fisica o giuridica appartenente ad uno Stato membro; in tal caso, la lingua processuale è la lingua ufficiale (nell'eventualità, una delle lingue ufficiali) di detto Stato. In un procedimento pregiudiziale, la lingua processuale è sempre quella del giudice nazionale che ha adito la Corte. Gli Stati membri possono utilizzare la propria lingua laddove intervengano in un ricorso diretto o in un'impugnazione o laddove partecipino ad un procedimento pregiudiziale. I giudici e gli avvocati generali non sono soggetti a tale regola relativa alla lingua processuale. All'udienza essi sono pertanto liberi di porre quesiti in una delle lingue ufficiali dell Unione che non sia la lingua processuale. La lingua di lavoro interna della Corte è quella di cui si servono i membri della Corte nonché il personale di questa per le esigenze pratiche di comunicazione interna e di lavoro in comune. Tale lingua di lavoro è attualmente il francese. Conseguentemente, gli atti processuali presentati in una lingua diversa dal francese vengono tradotti in francese dai servizi della Corte ai fini dei lavori interni di quest'ultima. 4. Il regime delle spese e il gratuito patrocinio a. Le spese Il procedimento dinanzi alla Corte è gratuito nel senso che non vanno corrisposti alla Corte tasse né altri diritti. Le spese ai sensi degli articoli 69 e seguenti del RP comprendono esclusivamente le spese cosiddette "ripetibili", vale a dire le spese per gli avvocati, le somme dovute ai testimoni, le spese postali e quelle telefoniche, ecc., sostenute dalle parti stesse. Per quanto attiene alla condanna alle spese nell'ambito dei ricorsi diretti, il principio è semplice: ogni parte soccombente è condannata alle spese sopportando, quindi, le spese proprie e quelle delle altre parti, ad esclusione degli Stati membri e delle istituzioni che sopportano le proprie spese qualora siano intervenuti nella controversia. Tale sistema di ripartizione presuppone che nelle conclusioni contenute nelle memorie scritte sia stata fatta domanda in tal senso; in difetto, le spese vengono compensate. La Corte ha tuttavia, a seconda delle circostanze della causa, la possibilità di compensare in toto o in parte le spese, ovvero di condannare anche la parte vittoriosa.

8 8 I ricorsi dei funzionari sono soggetti ad un regime specifico (v. articolo 70 del RP). La Corte statuisce sulle spese nella sentenza o nell'ordinanza che pone fine alla causa. Per quanto attiene alle spese sorte nell'ambito di un procedimento pregiudiziale, la decisione della Corte rinvia, mediante una formula standard, all'emananda decisione finale del giudice nazionale che ha adito la Corte. Le istituzioni e gli Stati membri, gli altri Stati parti contraenti dell'accordo SEE nonché gli eventuali Stati terzi che hanno presentato osservazioni sopportano le proprie spese. b. Il gratuito patrocinio Il regolamento di procedura prevede, all'articolo 76, il gratuito patrocinio. La Corte dispone a tal fine di un bilancio limitato. Ogni parte può chiedere in qualsiasi momento l'ammissione al beneficio del gratuito patrocinio ove si trovi "nell'impossibilità di affrontare in tutto o parzialmente le spese di causa". Tale domanda è indipendente dalla natura del ricorso o del procedimento. Il beneficio del gratuito patrocinio può essere quindi richiesto anche nell'ambito di un procedimento pregiudiziale. Tuttavia, in tale procedimento, la parte dovrebbe prima fare richiesta di ammissione al gratuito patrocinio presso l'autorità competente del proprio paese. Al fine di comprovare la sua indigenza, la parte deve produrre alla Corte tutte le informazioni utili a tal fine, in particolare un certificato giustificativo dell'autorità competente. Nel caso in cui la domanda di ammissione al gratuito patrocinio preceda il ricorso, la parte deve esporre sommariamente l'oggetto del ricorso al fine di consentire alla Corte di esaminare il merito dell'azione. Ai fini della presentazione della domanda la parte è dispensata dall'obbligo di farsi rappresentare da un avvocato. L'ordinanza che accoglie o respinge la domanda non è impugnabile. In caso di rifiuto totale o parziale dell'ammissione al gratuito patrocino, l'ordinanza motiva il rifiuto. Va sottolineato che l'ammissione al beneficio del gratuito patrocinio non esclude un'eventuale condanna alle spese della parte ammessa a tale beneficio. Inoltre, la Corte può procedere alla ripetizione delle somme anticipate per il gratuito patrocinio.

9 9 B. La fase scritta del procedimento 1. La finalità della fase scritta del procedimento A prescindere dalla natura dei singoli ricorsi (ricorso diretto, rinvio pregiudiziale, impugnazione), lo scopo della fase scritta è sempre quello di esporre alla Corte, ai giudici e all'avvocato generale, in modo esaustivo, i fatti, i motivi ed argomenti nonché le conclusioni delle parti. In tale contesto, è necessaria un osservazione importante: tutto il procedimento dinanzi alla Corte, ed in particolare la sua fase scritta, è disciplinato dal principio secondo cui non è consentita la deduzione di motivi nuovi in corso di causa, a meno che essi si basino su elementi di diritto e di fatto emersi durante il procedimento. Il procedimento dinanzi alla Corte non prevede, quindi, la stessa flessibilità di taluni regimi processuali nazionali. 2. Lo svolgimento della fase scritta del procedimento Lo svolgimento della fase scritta differisce a seconda della natura del ricorso. a. I ricorsi diretti Nei ricorsi diretti, ognuna delle parti principali può depositare due memorie: il ricorso e la replica per la parte ricorrente e il controricorso e la controreplica per la parte convenuta. b. Le impugnazioni In caso di impugnazione proposta avverso una decisione del Tribunale di primo grado, le parti possono depositare in linea di principio un solo atto processuale (ricorso o comparsa di risposta) a seconda del rispettivo ruolo. La possibilità di presentare una replica è soggetta ad autorizzazione espressa del presidente della Corte (v. in prosieguo, punto B.8.c.). c. I rinvii pregiudiziali Nei rinvii pregiudiziali, i soggetti di cui all'articolo 23 dello Statuto possono presentare, entro il termine perentorio di due mesi a decorrere dalla notificazione della domanda di rinvio, una memoria contenente le loro osservazioni scritte (v. in prosieguo, punto B.9.). 3. La presentazione degli atti processuali Tutti gli atti processuali devono essere depositati nella cancelleria della Corte al fine di essere iscritti su un registro conformemente alle disposizioni dell'articolo 37 del RP. L'originale dev'essere sottoscritto dal difensore. Le copie devono essere autenticate dalla parte che le deposita. Tutti i documenti fatti valere devono essere allegati al relativo atto processuale corredato di un indice.

10 10 Nei ricorsi diretti, l'originale nonché tutti gli allegati ivi indicati devono essere prodotti in cinque copie per la Corte e, ai fini della notifica (v. in prosieguo, punto B.4.), in tante copie quante sono le parti in causa. Tutti gli atti processuali possono essere materialmente depositati presso la cancelleria della Corte o, eventualmente, oltre l'orario di apertura della cancelleria, presso il custode in servizio all'ingresso degli edifici della Corte (rue du Fort Niedergrünewald, Plateau du Kirchberg). Gli edifici della Corte sono aperti 24 ore su 24. In caso di invio a mezzo posta, la busta deve recare esclusivamente le seguenti indicazioni: Cour de justice des Communautés européennes - Greffe - L Luxembourg 4. La notifica a. Destinatario Nei ricorsi diretti, vengono notificati alle parti interessate, fra gli altri, i seguenti atti: il ricorso, l atto di impugnazione, i controricorsi, le comparse di risposta, le repliche e le controrepliche, la domanda di provvedimenti urgenti e l istanza d'intervento. Le domande di pronuncia pregiudiziale proposte da un giudice nazionale, nonché le osservazioni presentate dalle parti interessate ai sensi dell'articolo 23 dello Statuto, vengono notificate alle parti in causa, agli Stati membri, alla Commissione e, se del caso, al Consiglio ovvero al Consiglio ed al Parlamento europeo e alla Banca centrale europea nonché agli altri Stati parti contraenti dell'accordo SEE e all'autorità di vigilanza AELS e agli eventuali Stati terzi parti contraenti di un accordo che prevede la loro partecipazione ai procedimenti pregiudiziali che riguardino la materia dell accordo di cui trattasi. In tutte le cause, la relazione d'udienza (se ha avuto luogo un'udienza dibattimentale), le conclusioni dell'avvocato generale, se vengono presentate delle conclusioni, nonché la sentenza vengono notificate ai soggetti che partecipano alla causa dinanzi alla Corte. b. Elezione di domicilio e consenso alle notifiche mediante fax o Per i ricorsi diretti, il regolamento di procedura prevede all'articolo 38, n. 2, che le parti eleggano domicilio a Lussemburgo, elezione che può essere effettuata presso qualsiasi persona fisica residente a Lussemburgo, ad eccezione dei funzionari della Corte di giustizia. In tal caso, la notifica si intende regolarmente effettuata con la ricezione da parte del domiciliatario del documento notificato. Oltre all'elezione di domicilio o in luogo di questa, l'avvocato o l'agente di una parte può acconsentire a che gli siano inviate notifiche mediante fax o qualsiasi altro mezzo tecnico di comunicazione. In tal caso, gli atti processuali, eccetto le sentenze e le ordinanze, gli saranno notificati mediante fax o e la notifica si intenderà regolarmente effettuata con la trasmissione mediante tali mezzi di comunicazione. Tuttavia, se, per ragioni d'ordine tecnico o a causa della natura o del volume dell'atto, la trasmissione mediante fax o non può aver luogo, l'atto è notificato al domiciliatario a Lussemburgo o, in mancanza di elezione di domicilio a Lussemburgo, con invio, mediante plico raccomandato con ricevuta di ritorno, all indirizzo dell'avvocato o dell'agente della parte. L'avvocato o l'agente ne viene avvertito mediante fax o e la lettera raccomandata si considera consegnata al destinatario il decimo giorno successivo al suo deposito presso l'ufficio postale a Lussemburgo, a meno che la ricevuta di ritorno non attesti che la ricezione ha avuto luogo in una data diversa o a meno che il destinatario non comunichi al cancelliere, entro tre settimane dall'avvertimento, che la notifica non gli è pervenuta (art. 79, n. 2, del RP).

11 11 Spetta all'avvocato o all'agente che acconsente a che gli siano inviate notifiche mediante fax o qualsiasi altro mezzo tecnico di comunicazione, indicare il numero di chiamata del suo fax o il suo indirizzo . In mancanza di elezione di domicilio a Lussemburgo o di consenso dell'avvocato o dell'agente della parte a che le siano inviate notifiche mediante fax o qualsiasi altro mezzo tecnico di comunicazione, gli atti processuali sono notificati con invio mediante plico raccomandato all indirizzo dell'avvocato o dell'agente interessato e, in tal caso, la notifica si intende regolarmente effettuata con il deposito del plico presso l'ufficio postale a Lussemburgo. Nei procedimenti pregiudiziali non vi è obbligo di elezione di domicilio, atteso che la notifica è effettuata mediante plico postale raccomandato con ricevuta di ritorno. Tuttavia, una parte può acconsentire esplicitamente a che le siano inviate notifiche mediante fax o qualsiasi altro mezzo tecnico di comunicazione. In tal caso, le notifiche saranno effettuate secondo le modalità sopraindicate. 5. I termini processuali I termini processuali vengono calcolati sulla base delle disposizioni degli articoli 80 e seguenti del RP. Si deve ricordare che taluni termini in particolare i termini di ricorso [articoli 230 (ex art. 173) e 232 (ex art. 175) CE], i termini d'intervento (articoli 93 e 123 del RP), il termine per il deposito della comparsa di risposta (articolo 115 del RP) ed il termine per il deposito di osservazioni scritte nelle cause pregiudiziali (articolo 23 dello Statuto) non sono soggetti ad alcun rinvio o ad alcuna proroga. a. Computo dei termini Un termine il cui dies a quo è quello della notifica di un atto processuale decorre dal momento della ricezione del documento da parte del domiciliatario a Lussemburgo; quando la notifica sia effettuata a mezzo di lettera raccomandata indirizzata al destinatario, tale termine decorre dal momento della ricezione del documento da parte di quest'ultimo; se l'avvocato o l'agente ha acconsentito a che gli siano inviate notifiche mediante fax o , il termine decorre dal momento della trasmissione dell'atto processuale mediante tali mezzi di comunicazione. Il giorno in cui si verifica la ricezione o la trasmissione dell atto non è computato nel termine [art. 80, n. 1, lett. a), del RP]. b. Termine in ragione della distanza I termini processuali sono aumentati di un termine forfettario in ragione della distanza di 10 giorni, indipendentemente dal luogo del domicilio o della residenza abituale della parte interessata. c. Sospensione dei termini Il termine relativo al deposito di un atto processuale è sospeso dal deposito dell'originale dell'atto. Tuttavia, la data in cui una copia dell'originale firmato di un atto processuale, compreso l'eventuale indice degli atti e documenti allegati all'atto, perviene alla cancelleria mediante fax o mediante qualsiasi altro mezzo tecnico di comunicazione di cui dispone la Corte ( ), è presa in considerazione ai fini dell'osservanza dei termini processuali, anche non prorogabili, purché l'originale firmato dell'atto, corredato degli allegati e delle copie necessari, sia depositato in cancelleria entro i dieci giorni successivi. In caso di trasmissione mediante , la data in questione è quella in cui viene inviata una versione ottenuta mediante scansione dell'originale firmato dell'atto. Tali comunicazioni devono tassativamente essere inviate al fax della cancelleria [(352) ] o all'indirizzo della cancelleria

12 12 d. Proroga dei termini L'articolo 82 del RP consente di prorogare taluni termini processuali fissati dal regolamento stesso, come ad esempio il termine per la presentazione del controricorso. Tale proroga è sempre subordinata ad una domanda di proroga ad opera della parte interessata, domanda che deve essere presentata in tempo utile prima della scadenza del termine e deve essere oggetto di giustificazione. A tal fine sarà utile produrre, contemporaneamente alla domanda di proroga, il consenso della controparte. Una domanda di proroga può essere presentata mediante fax. 6. Gli atti processuali introduttivi a. Il ricorso nei ricorsi diretti Il ricorso che introduce la causa dev'essere presentato in conformità delle disposizioni degli articoli 37 e 38 del RP. Si deve sottolineare che le disposizioni dell'articolo 38, n. 1, del RP sono tassative (v. l'articolo 38, n. 7, del RP). L'omessa osservanza di condizioni imperative comporta, se del caso, l'irricevibilità del ricorso per vizio di forma. In linea di principio, la scelta della lingua processuale spetta al ricorrente (articolo 29 del RP, v. precedente punto A.3). b. Il ricorso con la cui presentazione viene proposta l'impugnazione Le condizioni da osservare per quanto riguarda il ricorso di impugnazione sono stabilite dall'articolo 112 del RP. Le disposizioni dell'articolo 112, n. 1, del RP, sono tassative (articolo 112, n. 3, del RP). La lingua processuale è identica a quella dell impugnata decisione del Tribunale di primo grado (articolo 110 del RP). c. L obiettivo comune degli atti introduttivi di causa Gli atti processuali iniziali devono portare a conoscenza della Corte tutti gli elementi di fatto e di diritto che possono giustificare il ricorso. Al tempo stesso, il ricorso definisce l'ambito della causa, restando vietata, in linea di principio, la deducibilità di motivi nuovi e di nuove conclusioni in corso di causa (v. anche in prosieguo, punto B.13.a.). d. Sunto dei motivi e degli argomenti È auspicabile che ogni memoria sia accompagnata da un sunto dei motivi e degli argomenti di un massimo di due pagine. Tale sunto garantisce che i motivi e gli argomenti dedotti siano chiaramente individuati ai fini, in particolare, della preparazione della relazione d'udienza da parte del giudice relatore. 7. La domanda di pronuncia pregiudiziale Nel rinvio pregiudiziale la Corte viene adita con la decisione del giudice nazionale il quale sospende il proprio procedimento e pone questioni sul diritto comunitario. Le parti in causa dinanzi al detto giudice nazionale non hanno né la facoltà di adire direttamente la Corte di giustizia né l obbligo di agire prima che il rinvio pregiudiziale sia loro notificato dalla cancelleria della Corte (v. precedenti punti B.2.c. e B.4.).

13 13 La decisione di rinvio pregiudiziale, la cui forma è disciplinata dalle norme della legge nazionale, viene trasmessa alla Corte dalla cancelleria o dal giudice. La Corte ha provveduto alla redazione di una nota informativa, ad uso dei giudici nazionali, relativa alla proposizione dei procedimenti pregiudiziali. Laddove siano i difensori delle parti a suggerire il testo della decisione di rinvio, si deve ricordare che tale decisione deve chiaramente indicare il contesto fattuale e normativo al fine di ben definire la portata delle questioni poste. 8. Gli altri atti processuali nei ricorsi diretti e nelle impugnazioni a. Il controricorso I requisiti sostanziali ai quali il controricorso deve rispondere sono indicati all'articolo 40 del RP. Atteso il divieto di deduzione di motivi nuovi, divieto che vale per ogni fase della causa, la parte convenuta deve esporre tutti gli elementi di diritto e di fatto di cui dispone al momento della redazione del controricorso. b. La replica e la controreplica La replica è diretta solamente a rispondere ai motivi e agli argomenti dedotti nel controricorso; essa deve pertanto evitare qualsiasi ripetizione inutile. Parimenti, la controreplica è destinata unicamente a rispondere ai motivi e agli argomenti esposti nella replica. La replica e la controreplica sono disciplinate dalle disposizioni dell'articolo 42 del RP e non possono contenere, in linea di principio, motivi nuovi. La presentazione di una replica o di una controreplica è puramente facoltativa. Al fine di accelerare la fase scritta del procedimento, le parti sono invitate a considerare seriamente la possibilità di rinunciarvi. Una proroga dei termini per il deposito di tali memorie sarà concessa solo a titolo eccezionale. c. La comparsa di risposta, la replica e la controreplica nel procedimento di impugnazione La comparsa di risposta all impugnazione dev essere conforme ai requisiti previsti dall'articolo 115 del RP. La presentazione di una replica è soggetta alla preventiva autorizzazione del presidente a seguito di una domanda della parte interessata. Tale domanda deve essere presentata tassativamente entro il termine di sette giorni dalla notifica della comparsa di risposta. Al fine di consentire lo svolgimento del procedimento nei tempi più brevi, la parte interessata è pregata di astenersi, nella misura del possibile, da tale domanda. Una controreplica può essere presentata dopo una replica. d. Sunti dei motivi e degli argomenti È auspicabile che i controricorsi, ecc., siano accompagnati, al pari degli atti introduttivi della causa, da un sunto dei motivi e degli argomenti che non superi le due pagine. 9. Le osservazioni scritte nel rinvio pregiudiziale Successivamente alla notifica, da parte della cancelleria della Corte, dell'ordinanza di rinvio, gli "interessati" vale a dire le parti in causa dinanzi al giudice nazionale, gli Stati membri, la Commissione e, nell'eventualità, il Consiglio, il Parlamento e la Banca centrale europea e, se del caso, gli altri Stati parti contraenti dell'accordo SEE nonché l'autorità di vigilanza AELS o uno Stato terzo parte contraente di un accordo che prevede la sua partecipazione qualora si tratti della materia oggetto dell accordo possono presentare una memoria scritta,

14 14 indicata con il nome di osservazioni scritte, entro un termine di due mesi (aumentato del termine forfettario in ragione della distanza di 10 giorni). Tale termine è perentorio e non può essere quindi prorogato. La finalità delle osservazioni scritte è quella di suggerire alla Corte le risposte che essa dovrebbe dare alle questioni sollevate, nonché di esporre, succintamente ma compiutamente, gli argomenti a sostegno di tali risposte. È importante portare a conoscenza della Corte gli elementi di fatto della causa principale nonché le pertinenti disposizioni della normativa nazionale controversa. Va sottolineato che non è consentito ad alcuno degli interessati rispondere per iscritto alle osservazioni scritte presentate dagli altri interessati. Ogni risposta alle osservazioni scritte degli altri interessati deve essere fornita oralmente nel corso dell'udienza. A tal fine, le osservazioni scritte verranno comunicate a tutti gli interessati una volta conclusa la fase scritta ed effettuate le necessarie traduzioni. La presentazione delle osservazioni scritte è vivamente raccomandata in quanto il tempo di parola all'udienza è strettamente limitato. Tuttavia, l'interessato che non abbia presentato osservazioni scritte ha sempre la possibilità di esporre osservazioni orali, e soprattutto di rispondere agli argomenti scritti, nel corso dell'udienza, qualora essa abbia luogo. 10. La sospensione dei procedimenti Ai sensi dell'articolo 82 bis del RP, il procedimento può essere sospeso: nei casi previsti dall'articolo 54 dello Statuto, in cui la Corte ed il Tribunale di primo grado sono chiamati a statuire contemporaneamente sullo stesso oggetto, ove la decisione di sospensione spetta alla Corte senza che le parti siano necessariamente sentite; in tutti gli altri casi, con decisione del presidente. Tale decisione viene emanata sentiti l'avvocato generale e, tranne che nei rinvii pregiudiziali, le parti. Durante il periodo di sospensione del procedimento, nessun termine processuale scade nei confronti delle parti. 11. I provvedimenti urgenti mediante procedimento sommario a. Domanda proposta direttamente dinanzi alla Corte La domanda di provvedimenti urgenti mediante procedimento sommario è ricevibile solamente ove provenga da una parte di una causa pendente dinanzi alla Corte e si riferisca alla causa medesima. Nonostante tale connessione, la domanda di provvedimenti urgenti deve essere sempre presentata con atto separato e deve rispondere ai requisiti di cui all'articolo 83 del RP. Essa può essere presentata contemporaneamente al ricorso relativo alla causa principale. In considerazione del fatto che la domanda di provvedimenti urgenti avvia un procedimento sommario ed in considerazione delle esigenze di una traduzione rapida, la parte richiedente è invitata a riassumere nella domanda di provvedimenti urgenti, in termini succinti, i motivi di fatto e di diritto a sostegno della domanda stessa. La domanda deve consentire, da sola, al presidente o, se del caso, alla Corte, di statuire sul merito dei provvedimenti richiesti. Successivamente alla notifica della domanda all altra parte, quest'ultima è tradizionalmente autorizzata a presentare osservazioni scritte entro un breve termine di circa un mese.

15 15 Solo successivamente al deposito di tali osservazioni il presidente, eventualmente in presenza del giudice relatore e dell'avvocato generale, procede all'audizione (pubblica) delle parti interessate ed emette la sua ordinanza. In caso di estrema urgenza, il presidente può statuire immediatamente, vale a dire entro i tre-quattro giorni successivi alla presentazione della domanda di provvedimenti urgenti e senza attendere le osservazioni scritte dell altra parte. In tal caso, l'ordinanza è provvisoria in quanto non chiude il procedimento sommario. Quest ultimo continua allora con l'invito rivolto all altra parte di presentare, a sua volta, osservazioni scritte. Il procedimento termina, successivamente all'audizione, con una (seconda) ordinanza che chiude il procedimento e conferma o modifica la prima ordinanza (provvisoria). b. Impugnazione avverso un'ordinanza in procedimento sommario del Tribunale di primo grado Un impugnazione, limitata alle questioni di diritto, può essere proposta, ai sensi dell'articolo 57 dello Statuto, avverso le ordinanze in procedimento sommario emesse in particolare dal presidente del Tribunale. Tale impugnazione è soggetta alla stessa procedura applicabile ad una domanda di provvedimenti urgenti proposta direttamente dinanzi alla Corte. 12. Il procedimento accelerato e il procedimento pregiudiziale d urgenza Nei ricorsi diretti, quando la prescrizione di provvedimenti urgenti mediante procedimento sommario è inadeguata e la particolare urgenza della causa richiede che la Corte statuisca definitivamente il più rapidamente possibile, l'art. 62 bis del regolamento di procedura prevede la possibilità di applicare, in via eccezionale, su decisione del presidente, un procedimento accelerato. L'istanza diretta a far statuire mediante un procedimento accelerato dev'essere proposta con atto separato al momento del deposito del ricorso o del controricorso. Nel procedimento accelerato, la fase orale diventa più importante. La fase scritta è normalmente limitata al ricorso e al controricorso. Si raccomanda di redigere tali atti quanto più concisamente e brevemente possibile. La data dell'udienza dibattimentale, obbligatoria in un procedimento accelerato, sarà fissata sin dalla presentazione del controricorso o, se la decisione di applicare il procedimento accelerato interviene solo dopo la presentazione di tale atto, non appena tale decisione viene presa. Un procedimento accelerato è previsto anche per i rinvii pregiudiziali (art. 104 bis del RP). L'applicazione di tale procedimento può essere domandata solo dal giudice nazionale che ha disposto il rinvio. Infine, occorre rilevare la possibilità, per un giudice nazionale, di chiedere l applicazione di un procedimento particolare il procedimento pregiudiziale d urgenza per i rinvii pregiudiziali che sollevino uno o più problemi riguardanti i settori di cui al titolo VI del Trattato sull Unione o al titolo IV della terza parte del Trattato CE. Le condizioni e le modalità di applicazione di tale procedimento, compresa l eventuale omissione della fase scritta del procedimento, sono elencate all'art. 104 ter del RP. 13. L'intervento La possibilità d'intervento è limitata ai ricorsi diretti ed alle impugnazioni. Le conclusioni dell'istanza d'intervento possono essere dirette solamente a sostenere le conclusioni di una delle parti. Va ricordato che l'interveniente accetta la controversia nello stato in essere al momento dell'intervento. Il procedimento d'intervento comprende due fasi: il procedimento diretto alla dichiarazione di ammissibilità dell'intervento ed il procedimento d'intervento propriamente detto.

16 16 a. Il procedimento diretto alla dichiarazione di ammissibilità dell'intervento Al fine di essere autorizzato ad intervenire in un ricorso diretto, l'interveniente è tenuto a presentare un'istanza d'intervento. Tale istanza deve essere presentata entro 6 settimane dalla pubblicazione dell'avviso nella Gazzetta ufficiale. Un'istanza tardiva può tuttavia essere presa in considerazione (v. di seguito, punto b). In tale atto devono figurare tutti gli elementi necessari perché il presidente o, nell'eventualità, la Corte possa statuire sull'ammissibilità dell'istanza d'intervento. Prima che la Corte o il presidente statuisca, le parti della causa principale sono invitate a presentare, dal canto loro, osservazioni scritte, in casi eccezionali anche osservazioni orali in ordine alla ricevibilità ed opportunità dell'intervento. Al tempo stesso, esse vengono invitate a comunicare alla Corte se intendano avvalersi del diritto alla riservatezza. Ove l'intervento venga dichiarato ammissibile, la parte in causa è invitata a depositare versioni non riservate delle sue memorie. L'istanza d'intervento non è necessariamente redatta nella lingua processuale. b. Il procedimento d'intervento propriamente detto Una volta dichiarato ammissibile l'intervento, l'interveniente presenta una memoria d'intervento. In tale fase, la lingua processuale è obbligatoria salvo che per gli Stati membri intervenienti. La memoria d'intervento può essere seguita da una memoria contenente osservazioni delle parti. Tuttavia, se l'istanza d'intervento è proposta dopo la scadenza del termine d'intervento normale, ma prima della decisione di passare alla fase orale, l'interveniente potrà presentare le sue osservazioni solo oralmente all'udienza, qualora essa abbia luogo. In caso di applicazione del procedimento accelerato, l'interveniente può far valere il suo punto di vista solo oralmente all'udienza. 14. Suggerimenti pratici a. La redazione e la struttura degli atti processuali Gli atti processuali non sono soggetti ad alcuna formalità (salvo il rispetto delle norme altrove formulate), ma devono essere redatti in modo al tempo stesso completo e conciso, chiaro e preciso. In considerazione in particolare dell onere della traduzione e dei tempi che ne derivano, devono essere evitate le ripetizioni. Una semplice lettura deve consentire alla Corte di cogliere i punti essenziali di fatto e di diritto. Tenuto conto del fatto che, per lo più, le memorie saranno lette dai giudici e dall avvocato generale in una lingua diversa da quella in cui sono stati redatti, i difensori non devono dimenticare che, se il senso di un testo è oscuro nella lingua d'origine, la traduzione rischia di acuire tale oscurità. Il rischio è tanto più grande in quanto non è sempre possibile, nel passaggio da una lingua all'altra, trovare una traduzione soddisfacente, anche esatta, del "gergo giuridico" utilizzato dinanzi ai giudici nazionali. Inoltre, i difensori dovranno tenere presente la regola rigorosa riguardante la deduzione di motivi nuovi (v. i precedenti punti B.1, B.6.c e B.8.a); non è loro consentito "riservare", nemmeno in forma condizionale, motivi o argomenti per le memorie successive o per la fase orale del procedimento. È auspicabile che gli atti processuali siano strutturati in maniera chiara e logica, divisi in parti distinte con titoli e numeri dei singoli paragrafi. Oltre al sunto dei motivi e degli argomenti, in cause complesse potrà risultare utile un indice delle materie. Lo schema della struttura degli atti introduttivi di causa può presentarsi nei termini seguenti:

17 17 indicazione del tipo di contenzioso da cui risulti il tipo di decisione richiesto: ricorso di annullamento, domanda di provvedimenti urgenti, ecc.; esposizione dei fatti pertinenti; presentazione di tutti i motivi a sostegno della domanda; esposizione degli argomenti relativi ai singoli motivi. Tali argomenti devono comprendere i pertinenti riferimenti alla giurisprudenza della Corte; presentazione delle conclusioni come risultato dei motivi ed argomenti. In caso di impugnazione, le conclusioni sono limitate dalle disposizioni dell'articolo 113 del RP. È auspicabile che la struttura dei controricorsi, ecc., sia strettamente connessa a quella dell argomentazione esposta negli atti processuali ai quali essi danno riscontro. Le osservazioni scritte nel procedimento di rinvio pregiudiziale devono esporre: i fatti pertinenti, nonché le pertinenti disposizioni di diritto nazionale, l argomentazione giuridica, ivi compresi i riferimenti alla giurisprudenza della Corte, le risposte alle questioni sollevate dal giudice del rinvio che chi espone suggerisce alla Corte. Tuttavia, ove l'interessato accetti l'esposizione dei fatti di causa contenuta nell'ordinanza di rinvio, è sufficiente precisarlo. b. I documenti allegati agli atti processuali Va ricordato che, ai sensi dell'articolo 37 del RP, i documenti invocati dalle parti devono essere allegati all atto processuale. Salvo i casi eccezionali e con il consenso delle parti, la Corte non prende in considerazione documenti prodotti oltre i termini processuali o presentati all'udienza. All atto processuale in quanto tale devono essere allegati solo i documenti pertinenti, sui quali le parti fondano i propri argomenti. In caso di documenti di un certo volume, non è solamente ammesso, ma anzi auspicato, che siano prodotti solo gli estratti pertinenti, copia integrale dei quali sarà allora depositata in cancelleria. Poiché gli allegati vengono tradotti dalla Corte solamente su richiesta di uno dei membri di questa, la pertinenza di ogni documento allegato dovrà chiaramente risultare nel testo della memoria. La Corte non ammette il deposito di note alle difese orali in allegato al fascicolo (per quanto riguarda la trasmissione di note alle difese orali alla Direzione dell interpretazione, v., in prosieguo, punto C.4). Va rilevato, tuttavia, che i difensori possono sempre inviare traduzioni ufficiose degli atti processuali e degli allegati, ancorché malgrado il fatto che, ai sensi dell'articolo 31 del RP, tali traduzioni non facciano fede. c. Gli elementi e i mezzi di prova Gli atti processuali iniziali devono indicare tutti gli elementi di prova a sostegno dei singoli punti di fatto contestati. Tuttavia, nuovi elementi di prova possono essere addotti successivamente (a differenza di quanto è previsto nei confronti di motivi nuovi), ma a condizione che il ritardo sia giustificato. I vari mezzi di prova di cui le parti possono avvalersi sono elencati all'articolo 45, n. 2, del RP. d. Citazioni

18 18 I difensori sono pregati, laddove citino una sentenza della Corte, di indicarne tutti i riferimenti, ivi compresi i nomi delle parti o, quantomeno, il nome della parte ricorrente. Inoltre, laddove sia da loro citato un passo di una sentenza della Corte o delle conclusioni di un avvocato generale, essi sono pregati di precisare il numero della pagina e il numero del punto in cui è contenuto il passo citato. Al fine di facilitare il lavoro, la Corte propone come modello di citazione quello utilizzato nelle sentenze della Corte, ad esempio: "sentenza 15 gennaio 1987, causa 152/85, Misset (Racc. pag. 223, punto...)". C. La fase orale del procedimento 1. La preparazione dell'udienza dibattimentale Una volta terminata la fase scritta e terminate le relative traduzioni, il giudice relatore presenta la relazione preliminare alla riunione generale, alla quale partecipano tutti i membri della Corte. In tale documento, al quale le parti non hanno accesso, il giudice relatore propone, di concerto con l'avvocato generale, i provvedimenti procedurali e/o preparatori che la Corte deve adottare. Nella maggior parte dei casi, la Corte decide su proposta del giudice relatore di passare alla fase orale senza procedere ad istruttoria. La data esatta sarà fissata dal presidente. a. I provvedimenti preparatori La Corte decide al tempo stesso i provvedimenti preparatori da adottare, su proposta del giudice relatore che agisce di concerto con l'avvocato generale. A tali fini, se del caso, le parti vengono invitate, prima dell'udienza, vuoi a precisare le rispettive conclusioni e i rispettivi motivi allo scopo di chiarire punti oscuri o di approfondire problemi non trattati in modo sufficiente, vuoi a concentrare le loro difese orali sui punti decisivi, vuoi ad iniziare le rispettive difese orali rispondendo a taluni quesiti della Corte. Viene previsto che le risposte delle parti a tali quesiti vengano fornite per iscritto entro un termine impartito dalla Corte, oppure oralmente durante l'udienza. La Corte si trova a volte costretta a chiedere un coordinamento delle difese orali di più difensori che sostengano essenzialmente la stessa tesi o di quelle dei difensori che debbano difendere più volte la stessa tesi nel corso della stessa udienza (ad esempio in un ricorso diretto e in un procedimento pregiudiziale connessi). I difensori sono d'altronde sempre invitati a coordinare di propria iniziativa le rispettive difese orali al fine di limitare la durata della fase orale del procedimento. b. La relazione d'udienza Una relazione d'udienza viene redatta quando il procedimento nella causa comporta un'udienza dibattimentale (v., per quanto riguarda l'omissione dell'udienza dibattimentale, in prosieguo, punto C.7.). Circa tre settimane prima dell'udienza, la relazione d'udienza viene inviata ai difensori delle parti, degli interessati e di altri partecipanti al procedimento. Tale relazione, redatta a cura del giudice relatore, contiene, per i ricorsi diretti e per le impugnazioni, una descrizione succinta dei fatti pertinenti e delle norme applicabili, l indicazione delle conclusioni delle parti e dei motivi invocati, mentre l'argomentazione su cui i motivi si fondano è riportata, in linea di principio, solo in forma sintetica. Per i rinvii pregiudiziali la relazione comprende una descrizione del contesto normativo e fattuale della controversia, l'indicazione delle questioni pregiudiziali nonché le risposte proposte nelle osservazioni scritte depositate, mentre gli argomenti addotti per sostenere le risposte proposte non sono in linea di principio riportati.

19 19 Dopo la ricezione della relazione d'udienza, le parti vengono invitate a verificare che gli elementi riportati nella relazione non contengano errori. Il difensore il quale ritenga che ciò sia avvenuto è pregato di darne informazione al cancelliere prima dell'udienza e di suggerire le modifiche a suo parere appropriate. Si deve tuttavia sottolineare che la relazione d'udienza è, per sua natura, una relazione presentata dal giudice relatore agli altri membri della Corte e che spetta quindi a quest ultimo decidere se sia necessario modificarla. 2. La finalità della fase orale del procedimento Per tutte le cause (ricorsi diretti, impugnazioni e rinvii pregiudiziali) salvi i casi di applicazione di un procedimento accelerato o di un procedimento pregiudiziale d urgenza, tenuto conto del fatto che la Corte già conosce l'insieme dei documenti presentati nella fase scritta del procedimento, lo scopo della fase orale consiste: nell ottemperare agli eventuali inviti a concentrare le difese orali; in questi casi non è necessario affrontare altri aspetti della causa; nell'approfondire il contraddittorio, mettendo in luce ed analizzando i punti più importanti ai fini della decisione della Corte; nel presentare eventualmente gli argomenti nuovi tratti da eventi recenti, verificatisi successivamente alla chiusura della fase scritta del procedimento e che, pertanto, non avrebbero potuto essere esposti nelle memorie scritte; nel rispondere ai quesiti della Corte. Le risposte agli eventuali quesiti posti nella convocazione all udienza perché vi si risponda oralmente devono essere incluse nelle difese orali. Nei procedimenti pregiudiziali, o in altri procedimenti nei quali la fase scritta comporta semplicemente il deposito di una sola memoria, l'udienza dibattimentale ha lo scopo principale di consentire alle parti e agli altri interessati di rispondere agli argomenti addotti da altri partecipanti nelle loro osservazioni scritte. La fase orale deve escludere la ripetizione di quanto è già stato esposto per iscritto. I partecipanti all'udienza che sostengono tesi analoghe devono fare tutto il possibile per evitare di ripetere le tesi già esposte nel corso della stessa udienza. 3. Lo svolgimento della fase orale del procedimento Prima dell'inizio della seduta, la Corte invita i difensori ad un breve colloquio finalizzato all'organizzazione dell'udienza stessa. In tale occasione il giudice relatore e/o l'avvocato generale possono (può) indicare altri punti che a loro (suo) parere sarebbe auspicabile che siano illustrati nel corso delle difese orali. L'udienza ha normalmente inizio con le difese orali dei difensori delle parti. Fanno quindi seguito i quesiti posti dai membri della Corte. Ove necessario, l udienza termina con brevi repliche dei difensori che lo desiderano. Accade frequentemente che i membri della Corte interrompano i difensori nel corso delle loro difese orali al fine di chiarire taluni punti che appaiono loro particolarmente pertinenti. 4. I vincoli dell'interpretazione simultanea

20 20 I membri della Corte non seguono necessariamente le difese orali nella lingua in cui queste vengono pronunciate ed ascoltano spesso l'interpretazione simultanea. Tale tecnica impone dei vincoli di cui i difensori devono tenere conto, nel proprio interesse, al fine di essere certi che le loro parole vengano perfettamente comprese dai membri della Corte. L'oratore deve quindi considerare l'interprete come un collaboratore indispensabile per poter esporre le proprie difese orali. È vivamente sconsigliato, anzitutto, procedere alla lettura di un testo redatto in anticipo. Il motivo risiede nel fatto che un discorso elaborato per iscritto si compone, di solito, di frasi più lunghe e più complesse e che l'oratore tende a leggerlo troppo rapidamente per consentire un interpretazione soddisfacente. Nell'interesse degli oratori stessi, è preferibile che essi svolgano i loro argomenti sulla base di note ben strutturate, utilizzando termini semplici e frasi brevi. Nel caso in cui l avvocato preferisca attenersi a un testo, valgono le stesse raccomandazioni: termini semplici e frasi brevi, testo letto alla stessa velocità di un discorso normale. Per gli stessi motivi è auspicabile precisare, prima di procedere all'esposizione, il piano che l'oratore intende seguire. Prima di recarsi all'udienza, gli interpreti studiano accuratamente tutto il fascicolo della causa. La comunicazione, prima possibile, da parte dell oratore di qualsiasi informazione utile riguardante il probabile contenuto delle proprie difese orali (eventualmente delle note alle difese orali) consente agli interpreti di completare la loro preparazione, di rendere meglio la struttura dell'intervento orale e di non trovarsi sorpresi da termini tecnici, da citazioni di testi o da cifre. Tale invio, all indirizzo della Direzione dell'interpretazione della Corte, va effettuato mediante fax [Lussemburgo (352) ] o Il testo trasmesso sarà comunicato esclusivamente agli interpreti. Al fine di evitare qualsiasi malinteso, dev'essere indicato il nome della parte. Va precisato, infine, che la voce dei difensori può essere sentita dagli interpreti solo se essi parlano direttamente nel microfono. 5. La durata delle difese orali Come norma generale, il tempo d'intervento iniziale per ogni parte principale è limitato ad un massimo di venti minuti, ma ad un massimo di quindici minuti dinanzi alle sezioni composte da tre giudici. Il tempo di parola delle parti intervenienti è limitato ad un massimo di quindici minuti. La Corte può concedere deroghe a tale regola, sempreché sia garantita la parità di trattamento tra le parti. A tal fine, l'interessato dovrà presentare una domanda, dettagliatamente motivata, al cancelliere della Corte, precisando il tempo di parola ritenuto necessario. Perché possa essere presa in considerazione, tale domanda dovrà pervenire alla Corte almeno quindici giorni prima della data dell'udienza. La decisione in ordine alla domanda sarà notificata al richiedente almeno una settimana prima dell'udienza. La parte che si dichiara soddisfatta da un tempo di parola più limitato è tenuta a rispettare il tempo indicato. Tenuto conto della finalità dell'udienza dibattimentale, l'esperienza dimostra che gli oratori sperimentati non esauriscono in genere l'intero tempo di parola previsto. Un tempo di parola di meno di venti minuti è per lo più sufficiente. Per motivi connessi al corretto svolgimento dell'udienza, una sola persona per parte del procedimento è, in linea di principio, ammessa a svolgere difese orali. A titolo eccezionale, una seconda persona può essere autorizzata a svolgere le difese orali qualora lo giustifichi la natura della causa e a tal fine sia presentata una domanda motivata entro due settimane dalla data dell udienza. Il tempo di parola deve comunque essere rispettato anche se le difese orali vengono svolte da due persone.

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Guida alla Corte europea dei diritti dell uomo (di Casimiro Nigro)

Guida alla Corte europea dei diritti dell uomo (di Casimiro Nigro) Guida alla Corte europea dei diritti dell uomo (di Casimiro Nigro) 1. Generalità: - La Corte: quali sono i casi di cui può occuparsi? - Come rivolgersi alla Corte? 2. I ricorsi previsti dalla CEDU 3. Il

Dettagli

LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO DOMANDE E RISPOSTE PER AVVOCATI

LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO DOMANDE E RISPOSTE PER AVVOCATI LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO DOMANDE E RISPOSTE PER AVVOCATI 0 14 1 2 3 La presente Guida è rivolta agli avvocati che intendono adire la Corte europea dei diritti dell uomo. Contiene informazioni

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO DELL INTERESSATO AI PROPRI DATI PERSONALI

DISCIPLINARE TECNICO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO DELL INTERESSATO AI PROPRI DATI PERSONALI INDICE DISCIPLINARE TECNICO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO DELL INTERESSATO AI PROPRI DATI PERSONALI 1. PREMESSA 1.1 Le disposizioni del Codice della privacy : D.lgs. 196/2003 - artt. 7, 8, 9,

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (Approvate con delibera n. 276/13/CONS dell 11 aprile 2013) I. PRINCIPI E CRITERI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE TRENDCOM A Disposizioni generali 1. Oggetto e principi informatori 1.1 Il regolamento disciplina l organizzazione ed il funzionamento dell Organismo di Mediazione

Dettagli

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore R.D. 22 gennaio 1934, n. 37. Norme integrative e di attuazione del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, sull'ordinamento della professione di avvocato e di procuratore. TITOLO I Delle iscrizioni nei registri

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO Commento al decreto legge 132/2014 convertito dalla legge 162/2014. Formule ed esempi operativi a cura di DIEGO PISELLI www.impresa-societa.com PARTE PRIMA. INTRODUZIONE

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Il parere del Consulente Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Nel Collegato un importante riconoscimento del ruolo della categoria

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO 5 UFFICIO ELETTORALE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO 5 UFFICIO ELETTORALE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLE AUTONOMIE LOCALI SERVIZIO 5 UFFICIO ELETTORALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE PUBBLICAZIONE N. 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

ACCESSO AI DOCUMENTI DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE

ACCESSO AI DOCUMENTI DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE UNIONE EUROPEA ACCESSO AI DOCUMENTI DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE Istruzioni per l uso UNIONE EUROPEA ACCESSO AI DOCUMENTI DEL PARLAMENTO EUROPEO, DEL CONSIGLIO E DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Insieme per crescere. La tutela del credito nei mercati internazionali. Rödl & Partner Padova

Insieme per crescere. La tutela del credito nei mercati internazionali. Rödl & Partner Padova Insieme per crescere La tutela del credito nei mercati internazionali Rödl & Partner Padova La tutela del credito nei mercati internazionali A cura di Avv. Eugenio Bettella Avv. Daniele Ferretti Avv. Giovanni

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO

NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO NORME INTERNE RELATIVE AI TIROCINI E ALLE VISITE DI STUDIO PRESSO IL SEGRETARIATO GENERALE DEL PARLAMENTO EUROPEO 1 PARTE I: TIROCINI Capitolo 1 Disposizioni generali Articolo 1 Vari tipi di tirocini presso

Dettagli

INSIEL Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n.

INSIEL Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n. CIG 60528780F1 Pag.1 di 34 INSIEL Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A. con socio unico Sede Legale: Trieste, Via San Francesco d Assisi n. 43 GE 08-14 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DEL D.LGS.

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

TECNICHE DI REDAZIONE DELL ATTO DI APPELLO

TECNICHE DI REDAZIONE DELL ATTO DI APPELLO TECNICHE DI REDAZIONE DELL ATTO DI APPELLO A cura del dott. Fabio Maione (Presidente della Sezione Prima civile presso la Corte d Appello di Trento) 1. Premessa La presente relazione vuole avere un taglio

Dettagli

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI CAPITOLO TERZO IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI VIRGINIA PETRELLA SOMMARIO: 3.1. Inquadramento e ratio del rito licenziamenti. 3.2. La conciliazione obbligatoria nei licenziamenti

Dettagli

TEMI E PROBLEMI DELLA LEGGE N. 247/2012 COMMENTO CRITICO ALLE NUOVE MODALITÀ DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE

TEMI E PROBLEMI DELLA LEGGE N. 247/2012 COMMENTO CRITICO ALLE NUOVE MODALITÀ DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE TEMI E PROBLEMI DELLA LEGGE N. 247/2012 COMMENTO CRITICO ALLE NUOVE MODALITÀ DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE Con la Legge 31.12.2012 n. 247 (Nuova disciplina dell ordinamento della professione forense)

Dettagli

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 67 DOSSIER/7 SETTEMBRE 2010 L E M O D I F I C H E A I C O D I C I L Italia si allinea alle regole di tutela europee sui finanziamenti

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli