PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A"

Transcript

1 PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A Pagina 1 di 16

2 INDICE INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO...3 LO STATO DI ATTENZIONE...4 Definizione...4 Il raggiungimento dello stato di attenzione in relazione ai singoli parametri...4 LO STATO DI ALLARME...6 Definizione...6 Il raggiungimento dello stato di allarme in relazione ai singoli parametri...7 PROVVEDIMENTI DA ATTIVARE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI STATI DI ATTENZIONE O DI ALLARME...9 ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEI SINGOLI ENTI...10 STATO DI ATTENZIONE - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI...11 STATO DI ALLARME - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI...13 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ATTENZIONE...14 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ALLARME...16 RIFERIMENTI PER COMUNICAZIONI FRA PROVINCIA DI TORINO ARPA E COMUNI ZONA A Pagina 2 di 16

3 INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO Il presente piano di intervento operativo redatto ai sensi della Legge Regionale 7 aprile 2000 n 43 viene elaborato dalla Provincia di Torino in qualità di autorità competente con i comuni appartenenti alla ZONA A (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, S. Mauro, Settimo, Torino e Venaria) individuati dalla sopra citata Legge Regionale. I territori comunali inseriti nella ZONA A rappresentano la porzione di area nella quale i livelli di uno o più inquinanti comportano il rischio di superamento dei valori limite e delle soglie di allarme ed è pertanto possibile che si verifichino fenomeni acuti di inquinamento atmosferico (art.3 del D.M : Criteri per l elaborazione dei piani regionali di risanamento della qualità dell aria e art.9 del D.M : Criteri per la raccolta dei dati inerenti la qualità dell aria). Nei territori individuati sono applicabili i disposti del D.M. 15 Aprile 1994 ( Norme tecniche in materia di livelli e di stati di attenzione e di allarme per gli inquinanti atmosferici nelle aree urbane ). La Provincia, in qualità di autorità competente alla gestione delle situazioni di rischio, con i Comuni interessati, elabora il piano di intervento operativo volto al contenimento degli episodi acuti di inquinamento atmosferico. FIGURA 1: Zonizzazione del territorio della Provincia di Torino così come previsto dalla Legge regionale 7 aprile 2000 n 43. Pagina 3 di 16

4 LO STATO DI ATTENZIONE Definizione Lo stato di attenzione si raggiunge quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva, per uno o più inquinanti, il superamento dei rispettivi livelli di attenzione in un numero di stazioni di rilevamento pari o superiore a quello indicato nella tabella sottostante (Tabella 1). I provvedimenti legati allo stato di attenzione si attuano qualora lo stato di attenzione sia raggiunto per tre giorni consecutivi e le previsioni meteorologiche facciano prevedere il perdurare del fenomeno (D.M. 15 Aprile 1994). Inquinante livello di Stazioni attenzione Biossido di azoto 200 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Monossido di carbonio 15 mg/m 3 50% delle stazioni individuate Biossido di zolfo 125 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Particelle sospese totali 150 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Tabella 1: percentuale di stazioni che concorrono allo stato di attenzione. Per la ZONA A dell area metropolitana di Torino, in considerazione dell elevata densità di popolazione residente nella Città di Torino, della mobilità in ingresso e in uscita, e delle specifiche caratteristiche del sistema di monitoraggio, lo stato di attenzione è raggiunto quando le condizioni previste nella tabella si verificano per l intera area o per la sola città di Torino così come definito dalla Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 43, Piano Regionale per il Risanamento e la Tutela della Qualità dell Aria (stralcio del piano per il risanamento e la tutela della qualità dell aria: Indirizzi per la gestione degli episodi acuti di inquinamento). Il raggiungimento dello stato di attenzione in relazione ai singoli parametri Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di attenzione, relativamente al parametro biossido di azoto, sono riportate nella Tabella 2. NOME Beinasco Borgaro Grugliasco Nichelino Orbassano Settimo TO-Consolata TO-Cristina TO-Gaidano TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Italia Borgaro Via Roma, 15 Grugliasco Via XXV Aprile, 111 Nichelino Via Gozzano Orbassano Via Milano, 31 Settimo Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. Gaidano Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 2: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro biossido di azoto. Pagina 4 di 16

5 Lo stato di attenzione è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (200 µg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 2 Il ciclo di monitoraggio per il parametro biossido di azoto si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive, a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di attenzione, relativamente al parametro monossido di carbonio, sono riportate nella Tabella 3. NOME Nichelino Rivoli Settimo Venaria TO-Consolata TO-Cristina TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via XXV Aprile, 111 Nichelino P.zza Togliatti, 1 Rivoli Via Milano, 31 Settimo C.so Garibaldi Venaria Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 3: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro monossido di carbonio. Lo stato di attenzione è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (15 mg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 3. Il ciclo di monitoraggio per il parametro monossido di carbonio si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di attenzione, relativamente al parametro biossido di zolfo, sono riportate nella Tabella 4. NOME Beinasco Grugliasco TO-Consolata TO-Rebaudengo INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Roma, 15 Grugliasco Via Consolata, 10 Torino P.zza Rebaudengo, 23 Torino Tabella 4: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro biossido di zolfo Lo stato di attenzione è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (125 µg/m 3 come media giornaliera) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 4. Il ciclo di monitoraggio per il parametro biossido di azoto si riferisce al valore medio dei valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 del giorno successivo (ora solare) Pagina 5 di 16

6 Per quanto riguarda il parametro particelle totali sospese, cosi come definito dal DMA 25 novembre 1994, i valori di concentrazione delle stesse, misurati in modo non automatico con metodo gravimetrico, concorrono alla determinazione dello stato di attenzione e ai conseguenti provvedimenti da adottare, compatibilmente con i tempi necessari per il completamento delle operazioni di prelievo e di misurazione. LO STATO DI ALLARME Definizione Lo stato di allarme si raggiunge quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva, per uno o più inquinanti, il superamento dei rispettivi livelli di allarme in un numero di stazioni di rilevamento pari o superiore a quello indicato nella tabella sottostante (Tabella 5). I provvedimenti legati allo stato di allarme si attuano ad ogni raggiungimento dello stato di allarme e qualora le previsioni meteorologiche facciano prevedere il perdurare del fenomeno. I provvedimenti relativi allo stato di allarme vengono altresì adottati qualora lo stato di attenzione perduri per almeno tre giorni consecutivi e le condizioni meteorologiche possano far prevedere il raggiungimento dello stato di allarme (D.M. 15 aprile 1994). Inquinante livello di Stazioni allarme Biossido di azoto 400 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Monossido di carbonio 30 mg/m 3 50% delle stazioni individuate Biossido di zolfo 250 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Particelle sospese totali 300 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Tabella 5: percentuale di stazioni che concorrono allo stato di allarme. Per la ZONA A dell area metropolitana di Torino, in considerazione dell elevata densità di popolazione residente nella Città di Torino, della mobilità in ingresso e in uscita e delle specifiche caratteristiche del sistema di monitoraggio, lo stato di allarme è raggiunto quando le condizioni previste nella tabella si verificano per l intera area o per la sola città di Torino così come definito dalla Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 43, Piano Regionale per il Risanamento e la Tutela della Qualità dell Aria (stralcio del piano per il risanamento e la tutela della qualità dell aria: Indirizzi per la gestione degli episodi acuti di inquinamento). Pagina 6 di 16

7 Il raggiungimento dello stato di allarme in relazione ai singoli parametri Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di allarme, relativamente al parametro biossido di azoto, sono riportate nella Tabella 6. NOME Beinasco Borgaro Grugliasco Nichelino Orbassano Settimo TO-Consolata TO-Cristina TO-Gaidano TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Italia Borgaro Via Roma, 15 Grugliasco Via XXV Aprile, 111 Nichelino Via Gozzano Orbassano Via Milano, 31 Settimo Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. Gaidano Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 - Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 6: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di allarme per il parametro biossido di azoto Lo stato di allarme è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di allarme (400 µg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 6. Il ciclo di monitoraggio per il parametro biossido di azoto si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive, a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di allarme, relativamente al parametro monossido di carbonio, sono riportate nella Tabella 7. NOME Nichelino Rivoli Settimo Venaria TO-Consolata TO-Cristina TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via XXV Aprile, 111 Nichelino P.zza Togliatti, 1 Rivoli Via Milano, 31 Settimo C.so Garibaldi Venaria Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 - Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 7: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di allarme per il parametro monossido di carbonio. Lo stato di allarme è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (30 mg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 7. Il ciclo di monitoraggio per il parametro monossido di carbonio si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Pagina 7 di 16

8 Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di allarme, relativamente al parametro biossido di zolfo, sono riportate nellatabella 8. NOME Beinasco Grugliasco TO-Consolata TO-Rebaudengo INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Roma, 15 Grugliasco Via Consolata, 10 Torino P.zza Rebaudengo, 23 - Torino Tabella 8: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro biossido di zolfo. Lo stato di allarme è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di allarme (250 µg/m 3 come media giornaliera) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 8. Il ciclo di monitoraggio per il parametro Biossido di Zolfo si riferisce al valore medio dei valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Per quanto riguarda il parametro particelle totali sospese cosi come definito dal DMA 25 novembre 1994 i valori di concentrazione delle stesse, misurati in modo non automatico con metodo gravimetrico, concorrono alla determinazione dello stato di attenzione e ai conseguenti provvedimenti da adottare, compatibilmente con i tempi necessari per il completamento delle operazioni di prelievo e di misurazione. Pagina 8 di 16

9 PROVVEDIMENTI DA ATTIVARE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI STATI DI ATTENZIONE O DI ALLARME I provvedimenti da attuare al raggiungimento dello stato di attenzione e di allarme devono essere finalizzati alla riduzione delle concentrazioni di inquinanti presenti in atmosfera e devono prevedere azioni volte alle seguenti finalità: riduzione delle emissioni dovute al traffico veicolare; riduzione delle emissioni associate alle operazioni di distribuzione delle merci nei centri urbani (diversificazione di orari e itinerari); limitazione delle emissioni dagli impianti termici civili. La tipologia delle azioni da intraprendere deve essere commisurata all intensità dei superamenti e al relativo rischio per la salute della popolazione. In questa prima fase di definizione degli interventi da intraprendere sono state individuate due tipologie di provvedimento: la prima relativa allo stato di attenzione, la seconda relativa allo stato di allarme. I provvedimenti legati allo stato di attenzione devono avere un carattere preventivo e sono mirati al contenimento del fenomeno e ad evitare il raggiungimento dello stato di allarme attraverso: la diffusione dell informazione relativa al raggiungimento dello stato di attenzione attraverso i mezzi di comunicazione ritenuti più efficaci (radio, televisione, giornali); l adozione di misure di parziale limitazione del traffico veicolare e dell inquinamento prodotto dagli impianti termici civili. Il testo del comunicato stampa relativo al raggiungimento dello stato di attenzione deve contenere le seguenti informazioni: giorni in cui si è verificato il raggiungimento dello stato di attenzione; tipologia di inquinante o degli inquinanti le cui concentrazioni hanno determinato il raggiungimento dello stato di attenzione; area interessata dal fenomeno (ZONA A Torino + comuni confinanti); comunicazione delle azioni da adottare per il contenimento dell inquinamento: riduzione dell uso dei veicoli privati; richiesta di un maggiore utilizzo dei mezzi pubblici per gli spostamenti casa-lavoro; richiesta di ridurre gli spostamenti a quelli strettamente necessari; richiesta di porre attenzione alla conduzione degli impianti termici secondo quanto previsto dall ordinanza. descrizione delle limitazioni al traffico veicolare previste nelle ordinanze. I provvedimenti legati allo stato di allarme devono produrre una sensibile limitazione del carico emissivo e sono mirati alla riduzione del fenomeno attraverso: la diffusione dell informazione relativa al raggiungimento dello stato di allarme attraverso i mezzi di comunicazione ritenuti più efficaci (radio, televisione, giornali); l adozione di misure di blocco del traffico veicolare e di limitazione dell inquinamento prodotto dagli impianti di riscaldamento ambiente. Il testo del comunicato stampa relativo al raggiungimento dello stato di allarme deve contenere le seguenti informazioni: giorni in cui si è verificato il raggiungimento dello stato di attenzione o di allarme; tipologia di inquinante o degli inquinanti le cui concentrazioni hanno fatto raggiungere lo stato di allarme; area interessata dal fenomeno (ZONA A Torino + comuni confinanti); Pagina 9 di 16

10 comunicazione delle azioni da adottare per il contenimento dell inquinamento; descrizione delle limitazioni previste nelle ordinanze. In una seconda fase di elaborazione del piano si dovranno predisporre interventi mirati finalizzati alle seguenti attività: contenimento delle emissioni degli impianti produttivi, sia termici sia tecnologici; definizione di procedure di contenimento delle emissioni provenienti da specifici impianti individuati come sorgenti puntuali nell inventario regionale delle emissioni. ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEI SINGOLI ENTI L'ARPA: provvede alla gestione della rete di monitoraggio della qualità dell aria operante nel territorio della provincia di Torino, al controllo e alla validazione giornaliera dei dati analitici rilevati dalla rete di monitoraggio della qualità dell aria; provvede alla comunicazione dei dati rilevati attraverso l aggiornamento giornaliero del Sito Internet della Provincia di Torino (per tutti parametri monitorati in continuo dovrà essere disponibile l informazione fondamentale relativa alle misurazioni effettuate: valori massimi misurati, n superamenti del livello di attenzione e di allarme. Per i parametri monitorati in modo non automatico l aggiornamento del sito internet sarà effettuato compatibilmente con i tempi necessari per il completamento delle operazioni di prelievo e di misurazione); verifica il raggiungimento dello stato di attenzione e di allarme e fornisce informazioni sul perdurare del fenomeno. Provvede giornalmente ad inserire sul Sito Internet della Provincia di Torino il giudizio sulla qualità dell aria, che conterrà informazioni sul raggiungimento dello stato di attenzione o di allarme; nel caso si raggiunga lo stato di attenzione o di allarme provvede a comunicare alla Provincia di Torino e ai Comuni appartenenti alla Zona A (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, S. Mauro, Settimo, Torino e Venaria.) via FAX o secondo le modalità definite dai singoli enti il relativo stato di qualità dell aria. Provvede inoltre secondo le modalità sopra descritte a comunicare la fine degli episodi di attenzione e di allarme. La PROVINCIA DI TORINO: sulla base dei dati fatti pervenire dall ARPA, provvede alla dichiarazione dello stato di attenzione e di allarme per la conseguente attivazione del piano di intervento operativo dandone comunicazione ai comuni mediante fax con allegata determinazione dirigenziale. Analogamente, provvede a dichiarare il venir meno dello stato di attenzione e di allarme; provvede alla comunicazione agli organi di informazione del raggiungimento degli stati di attenzione e di allarme attraverso comunicati stampa i cui contenuti sono stati precedentemente individuati; garantisce il cordinamento dei comuni appartenenti alla zona A per l'applicazione dei disposti previsti dal piano d'intervento operativo; verifica l'efficacia delle azioni previste nel piano d'intervento operativo; esercita, ai sensi dell art.3 comma h) dalla Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 43, il potere sostitutivo nei confronti dei comuni della zona A in caso di inerzia nell attuazione degli interventi per la gestione operativa degli episodi acuti di inquinamento atmosferico. In proposito, provvede con ordinanza del Presidente della Provincia e, per gli altri adempimenti operativi, tramite gli uffici ed i servizi comunali; Pagina 10 di 16

11 I COMUNI APPARTENENTI ALLA ZONA A (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, S. Mauro, Settimo, Torino e Venaria): attuano gli interventi operativi per la gestione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico da applicare sul proprio comune mediante l adozione, con ordinanza sindacale, delle misure di emergenza indicate negli allegati 1 e 2 dandone comunicazione alla Provincia di Torino entro 12 ore; effettuano la comunicazione locale informando la popolazione sul raggiungimento dello stato di attenzione o di allarme e sui provvedimenti conseguenti; revocano i disposti previsti nelle ordinanze a seguito della comunicazione della revoca dello stato di attenzione e di allarme. Qualora, a causa del perdurare di condizioni atmosferiche sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti, si verifichino episodi acuti o cronici di inquinamento atmosferico, al di fuori dei livelli concernenti lo stato di attenzione o di allarme, la Provincia di Torino invita i comuni appartenenti alla zona A ad adottare provvedimenti di limitazione delle emissioni inquinanti. STATO DI ATTENZIONE - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI Nel caso in cui si verifichi il raggiungimento dello stato di attenzione l ARPA provvede alla comunicazione di merito, la Provincia dichiara lo stato di attenzione e trasmette a tutti i comuni della ZONA A copia della determinazione per l adozione dei provvedimenti di competenza secondo lo schema di seguito descritto. I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare per lo stato di attenzione, dandone comunicazione entro 12 ore alla Provincia di Torino. I provvedimenti saranno validi per tutti i giorni successivi fino alla cessazione dello stato di attenzione. In caso di inerzia dei comuni, la Provincia di Torino, entro le 12 ore successive, esercita il potere sostitutivo, con ordinanza del Presidente della Provincia. La cessazione dello stato di attenzione viene dichiarata dalla Provincia di Torino con apposita determinazione e comunicata secondo le modalità precedentemente descritte.. Pagina 11 di 16

12 GIORNO 1 Si raggiunge lo stato di attenzione: GIORNO 2 ARPA comunica il raggiungimento dello lo stato di attenzione relativamente al giorno 1 e fornisce indicazioni sulla persistenza del fenomeno La PdT attiva i canali di informazione (comunicato stampa) Si raggiunge lo stato di attenzione Non si raggiunge lo stato di attenzione GIORNO 3 GIORNO 3 ARPA comunica il raggiungimento dello lo stato di attenzione relativamente al giorno 2 e per il secondo giorno consecutivo e fornisce indicazioni sul perdurare del fenomeno Qualora le previsioni facciano prevedere il perdurare del fenomeno si predispongono i provvedimenti relativi allo stato di attenzione: PdT dichiara lo stato attenzione, trasmette a tutti i Comuni della zona A copia del provvedimento, attiva i canali di informazione; I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare al giorno 4 e per i giorni successivi dandone comunicazione entro 12 ore alla PdT; La PdT entro le 12 ore successive esercita il potere sostitutivo in caso di inerzia dei comuni. Non si adottano particolari provvedimenti Non si raggiunge lo stato di attenzione Si raggiunge lo stato di attenzione GIORNO 4 ARPA comunica il raggiungimento dello stato di attenzione relativamente al giorno 3 e fornisce indicazioni sul perdurare del fenomeno GIORNO 4 ARPA comunica la fine dello stato di attenzione Si revocano i disposti previsti nelle ordinanze Si applicano i disposti previsti nelle ordinanze. I disposti saranno in vigore per tutti i giorni successivi fino alla dichiarazione del venir meno dello stato di attenzione da parte della P.d.T. Figura 2: stato di attenzione, schema di flusso degli interventi. Pagina 12 di 16

13 STATO DI ALLARME - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI Qualora si raggiunga lo stato di allarme, sia a seguito del raggiungimento dei livelli di allarme sia nel caso in cui a seguito del perdurare dello stato di attenzione da almeno tre giorni le previsioni facciano prevedere il raggiungimento dello stato di allarme, l'arpa comunica il raggiungimento dello stato di allarme, la Provincia dichiara lo stato allarme e trasmette a tutti i comuni della zona A copia della determinazione per l adozione dei provvedimenti di competenza secondo lo schema di seguito descritto. I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare per lo stato di allarme dandone comunicazione entro 12 ore alla Provincia di Torino. I provvedimenti saranno validi per tutti i giorni successivi fino alla cessazione dello stato di allarme. In caso di inerzia dei comuni, la Provincia di Torino, entro le 12 ore successive, esercita il potere sostitutivo, con ordinanza del Presidente della Provincia. La cessazione dello stato di allarme viene dichiarata dalla Provincia di Torino con apposita determinazione e comunicata secondo le modalità precedentemente descritte. GIORNO 1 Si raggiunge lo stato di allarme GIORNO 2 ARPA comunica il raggiungimento dello lo stato di allarme relativamente al giorno 1 e fornisce indicazioni sulla persistenza del fenomeno Qualora le previsioni facciano prevedere il perdurare del fenomeno si predispongono i provvedimenti relativi allo stato di allarme: PdT dichiara lo stato allarme, trasmette a tutti i comuni della zona A copia del provvedimento, esercita il potere sostitutivo in caso di inerzia dei comuni I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare al per i giorni successivi dandone comunicazione entro 12 ore alla PdT; La PdT entro le 12 ore successive esercita il potere sostitutivo in caso di inerzia dei comuni GIORNO 3 ARPA comunica il raggiungimento dello stato di allarme relativamente al giorno 2 e fornisce indicazioni sul perdurare del fenomeno Si applicano i disposti previsti nelle ordinanze. I disposti saranno in vigore per tutti i giorni successivi fino alla dichiarazione del venir meno dello stato di allarme da parte della P.d.T. Figura 3: stato di allarme, schema di flusso degli interventi. Pagina 13 di 16

14 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ATTENZIONE 1. Gli impianti di riscaldamento degli edifici adibiti a civile abitazione devono essere regolati in modo che la temperatura degli ambienti non superi i 18 C. Gli impianti di riscaldamento degli altri edifici devono essere gestiti in modo da limitare al minimo indispensabile orari di accensione e temperatura degli ambienti. 2. Divieto di circolazione dinamica dei veicoli mossi da motore a combustione interna, a qualsiasi uso destinati dalle ore 7,30 alle ore 19,00, NEI GIORNI PARI per i veicoli la cui ultima cifra della targa è DISPARI (possono cioè circolare esclusivamente i veicoli la cui ultima cifra della targa è pari), e NEI GIORNI DISPARI per i veicoli la cui ultima cifra della targa è PARI (possono cioè circolare esclusivamente i veicoli la cui ultima cifra della targa è dispari). È fatto inoltre divieto di circolazione: a) agli autoveicoli ad accensione comandata (alimentati a benzina) di tipo NON omologato ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive; b) agli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) destinati al trasporto di persone di tipo NON omologato ai sensi della direttiva 94/12/CEE e successive; gli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) destinati al trasporto di cose di tipo NON omologato ai sensi della direttiva 91/542/CEE e successive se di massa massima superiore a 3,5 tonnellate, o ai sensi della direttiva 93/59/CEE e successive se di massa massima inferiore a 3,5 tonnellate. 3. Dal divieto di circolazione saranno escluse le seguenti vie: a) i tratti delle autostrade o delle tangenziali insistenti sul territorio cittadino; b) le strade statali c) le strade provinciali di attraversamento; d) le vie che permettono di raggiungere i parcheggi considerati come parcheggi di interscambio tra mezzo privato e mezzo pubblico. 4. Fanno eccezione, e quindi possono circolare, le seguenti tipologie o categorie di veicoli: a) veicoli delle Forze Armate e degli Organi di Polizia in servizio, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso in stato di emergenza e della Protezione Civile in servizio; b) taxi di turno, autobus in servizio di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente; c) veicoli elettrici; d) motoveicoli e ciclomotori di tipo omologato ai sensi della direttiva 97/24/CEE; e) autoveicoli che utilizzano come carburante GPL o metano; f) veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap; g) veicoli di proprietà di Enti Locali o dello Stato, usati per il trasporto di materiali o per l'esecuzione di lavori. h) veicoli di proprietà di autoscuole in attualità di esercitazione alla guida o esami di guida 5. Fanno inoltre eccezione le seguenti tipologie di veicoli purché accompagnati da adeguata documentazione: a) veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie od esami indispensabili in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione; b) veicoli di medici di famiglia o di pediatri di libera scelta in visita domiciliare con medico a bordo e con tessera dell'ordine professionale; veicoli di infermieri iscritti all'albo professionale in visita domiciliare; Pagina 14 di 16

15 c) veicoli dei lavoratori dipendenti o autonomi con certificazione dell'orario di lavoro rilasciata dall'azienda per cui prestano la loro opera, quando dalla certificazione dell'azienda risulti un orario di inizio o fine turno tale da non consentire l'uso del mezzo pubblico; veicoli dei lavoratori dipendenti o autonomi con certificazione rilasciata dall'azienda per cui prestano la loro opera, quando dalla certificazione dell'azienda risulti che la sede dell'azienda o l'abitazione del lavoratore non sono normalmente serviti da mezzi pubblici; d) veicoli utilizzati per il rifornimento di medicinali; e) veicoli per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense, scolastiche, ospedaliere, case di riposo per anziani o singole comunità; f) veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri, trasporti funebri e veicoli al seguito (sono compresi i percorsi dal domicilio al luogo del funerale e ritorno); g) veicoli delle aziende e degli enti di servizio pubblico; h) motoveicoli e ciclomotori utilizzati per i recapiti urgenti di corrispondenza e pacchi (cosiddetti pony-express e moto-taxi) limitatamente a quei veicoli che svolgono il loro lavoro per Agenzie regolarmente autorizzate; i) veicoli al servizio di testate televisive con a bordo i mezzi di supporto, di ripresa, i gruppi elettrogeni, i ponti radio ecc.; veicoli utilizzati per la distribuzione della stampa periodica, veicoli di giornalisti iscritti all'ordine in possesso di dichiarazione rilasciata dalla testata per cui lavorano; j) veicoli di lavoratori che stanno rispondendo a chiamate di reperibilità e di artigiani della manutenzione e dell'assistenza con relativo certificato della C.C.I.A.A. per interventi tecnico-operativi urgenti e indilazionabili; k) veicoli o mezzi d'opera per i quali sono state precedentemente rilasciate autorizzazioni dal Settore Suolo Pubblico o autorizzazioni con nulla osta della Polizia Municipale per quanto concerne le operazioni di trasloco; l) macchine operatrici, mezzi d'opera (di cui al D. Lgs 285/92, art. 54, comma 1, lettera n) e veicoli classificati ad "uso speciale" (D. Lgs 285/92, art. 54 comma 2); m) veicoli di imprese che eseguono lavori urgenti per conto del Comune o per conto di Aziende di sottoservizi, forniti di adeguata documentazione dell'ente per cui lavorano; n) veicoli che debbano recarsi alla revisione già programmata (con documento dell'ufficio della Motorizzazione Civile o dei Centri di Revisione Autorizzati), limitatamente al percorso strettamente necessario; o) veicoli di residenti in altre regioni italiane o all'estero muniti della copia scritta della prenotazione o della ricevuta alberghiera, limitatamente al percorso tra l'albergo e i confini della città. p) veicoli adibiti a trasporto valori delle banche e degli istituti autorizzati; L'orario ed il tragitto per cui è consentito circolare devono essere congrui con la motivazione dell'esonero. Pagina 15 di 16

16 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ALLARME 1. Gli impianti di riscaldamento degli edifici adibiti a civile abitazione devono essere regolati in modo che la temperatura degli ambienti non superi i 18 e la durata giornaliera non sia superiore alle 12 ore. Gli impianti di riscaldamento degli altri edifici devono essere gestiti in modo da limitare al minimo indispensabile orari di accensione e temperature degli ambienti. 2. Divieto di circolazione dinamica dei veicoli mossi da motore a combustione interna a qualsiasi uso destinati. dalle ore 08:00 alle 18:00. Dal divieto di circolazione sono escluse le seguenti vie: a) i tratti delle autostrade o delle tangenziali insistenti sul territorio cittadino; b) le strade statali c) le strade provinciali di attraversamento; d) le vie che permettono di raggiungere i parcheggi considerati come parcheggi di interscambio tra mezzo privato e mezzo pubblico. 3. Fanno eccezione, e quindi possono circolare, le seguenti tipologie o categorie di veicoli: a) veicoli delle Forze Armate e degli Organi di Polizia in servizio, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso in stato di emergenza e della Protezione Civile in servizio; b) taxi di turno, autobus in servizio di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente; c) veicoli elettrici; d) veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap; i) veicoli di proprietà di autoscuole in attualità di esercitazione alla guida o esami di guida 4. Fanno inoltre eccezione le seguenti tipologie di veicoli purché accompagnati da adeguata documentazione: a) veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie od esami indispensabili ed indifferibili in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione; b) veicoli di medici di famiglia o di pediatri di libera scelta in visita domiciliare con medico a bordo e con tessera dell'ordine professionale; veicoli di infermieri iscritti all'albo professionale in visita domiciliare; c) veicoli utilizzati per il rifornimento di medicinali; d) veicoli per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense scolastiche, ospedaliere, case di riposo per anziani o singole comunità; e) veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri, trasporti funebri; f) veicoli delle aziende e degli enti di servizio pubblico; g) veicoli di lavoratori che stanno rispondendo a chiamate di reperibilità e di artigiani della manutenzione e dell'assistenza con relativo certificato della C.C.I.A.A. per interventi tecnico-operativi urgenti e indilazionabili; h) macchine operatrici, mezzi d'opera (di cui al D. Lgs 285/92, art. 54, comma 1, lettera n) e veicoli classificati ad "uso speciale" (D.lgs 285/92, art. 54 comma 2); i) veicoli di imprese che eseguono lavori urgenti per conto del Comune o per conto di Aziende di sottoservizi, forniti di adeguata documentazione dell'ente per cui lavorano; j) veicoli che debbano recarsi alla revisione già programmata (con documento dell'ufficio della Motorizzazione Civile o dei Centri di Revisione Autorizzati), limitatamente al percorso strettamente necessario; k) veicoli adibiti a trasporto valori delle banche e degli istituti autorizzati. Pagina 16 di 16

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11 Città Patrimonio dell'umanità Dipartimento del Territorio Settore Opere Pubbliche e Mobilità Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico Segreteria e Affari Generali P.G. Sigla RB O R D I N A N Z A TEMPORANEA

Dettagli

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ ESAMI DEL SANGUE Per sottoporsi agli esami del sangue non è in genere necessaria la prenotazione (salvo dove diversamente indicato). Per eseguire gli esami è possibile recarsi, con la ricetta del medico

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

NORMATIVE CEE SULLE EMISSIONI INQUINANTI

NORMATIVE CEE SULLE EMISSIONI INQUINANTI Categoria Veicolo NORMATIVE CEE SULLE EMISSIONI INQUINANTI Categoria EURO EURO 0 Autoveicoli Direttiva Europea di riferimento presente sul libretto di circolazione nessuna direttiva o precedente alla 91/441

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano CISMA Srl via Siemens 19, I-39100 Bolzano c/o TIS innovation park via Malpaga 8, I-38100 Trento Tel: 0471-068295/068281; 0461-222014 Fax: 0471-068197; 0461-522545 Web: http://www.cisma.bz.it Mail: info@cisma.bz.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno Comune di Ostellato Provincia di Ferrara Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno TITOLO I - GENERALITA...3 Art. 1 - Ambito di applicazione...3

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

COMUNE DI SIENA. DIREZIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MOBILITA e TRASPORTI, SEGNALETICA. Sezione Amministrativa

COMUNE DI SIENA. DIREZIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MOBILITA e TRASPORTI, SEGNALETICA. Sezione Amministrativa COMUNE DI SIENA DIREZIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MOBILITA e TRASPORTI, SEGNALETICA Sezione Amministrativa Disciplinare per il dei permessi di accesso e circolazione in Zona a Traffico Limitato aggiornato

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C.

Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C. Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C. Regolamento degli Autoservizi Pubblici non di linea con autovettura Taxi -N.C.C. TITOLO I - NORME GENERALI

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico

Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico Provincia di Cuneo Regolamento comunale per la tutela dall inquinamento acustico Approvato con Deliberazione del C. C. 26/06/2007, n. 53. Sede Legale Piazza Caduti della Libertà 14 12042 BRA (CN) - Telefono

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli