PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A"

Transcript

1 PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A Pagina 1 di 16

2 INDICE INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO...3 LO STATO DI ATTENZIONE...4 Definizione...4 Il raggiungimento dello stato di attenzione in relazione ai singoli parametri...4 LO STATO DI ALLARME...6 Definizione...6 Il raggiungimento dello stato di allarme in relazione ai singoli parametri...7 PROVVEDIMENTI DA ATTIVARE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI STATI DI ATTENZIONE O DI ALLARME...9 ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEI SINGOLI ENTI...10 STATO DI ATTENZIONE - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI...11 STATO DI ALLARME - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI...13 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ATTENZIONE...14 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ALLARME...16 RIFERIMENTI PER COMUNICAZIONI FRA PROVINCIA DI TORINO ARPA E COMUNI ZONA A Pagina 2 di 16

3 INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO Il presente piano di intervento operativo redatto ai sensi della Legge Regionale 7 aprile 2000 n 43 viene elaborato dalla Provincia di Torino in qualità di autorità competente con i comuni appartenenti alla ZONA A (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, S. Mauro, Settimo, Torino e Venaria) individuati dalla sopra citata Legge Regionale. I territori comunali inseriti nella ZONA A rappresentano la porzione di area nella quale i livelli di uno o più inquinanti comportano il rischio di superamento dei valori limite e delle soglie di allarme ed è pertanto possibile che si verifichino fenomeni acuti di inquinamento atmosferico (art.3 del D.M : Criteri per l elaborazione dei piani regionali di risanamento della qualità dell aria e art.9 del D.M : Criteri per la raccolta dei dati inerenti la qualità dell aria). Nei territori individuati sono applicabili i disposti del D.M. 15 Aprile 1994 ( Norme tecniche in materia di livelli e di stati di attenzione e di allarme per gli inquinanti atmosferici nelle aree urbane ). La Provincia, in qualità di autorità competente alla gestione delle situazioni di rischio, con i Comuni interessati, elabora il piano di intervento operativo volto al contenimento degli episodi acuti di inquinamento atmosferico. FIGURA 1: Zonizzazione del territorio della Provincia di Torino così come previsto dalla Legge regionale 7 aprile 2000 n 43. Pagina 3 di 16

4 LO STATO DI ATTENZIONE Definizione Lo stato di attenzione si raggiunge quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva, per uno o più inquinanti, il superamento dei rispettivi livelli di attenzione in un numero di stazioni di rilevamento pari o superiore a quello indicato nella tabella sottostante (Tabella 1). I provvedimenti legati allo stato di attenzione si attuano qualora lo stato di attenzione sia raggiunto per tre giorni consecutivi e le previsioni meteorologiche facciano prevedere il perdurare del fenomeno (D.M. 15 Aprile 1994). Inquinante livello di Stazioni attenzione Biossido di azoto 200 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Monossido di carbonio 15 mg/m 3 50% delle stazioni individuate Biossido di zolfo 125 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Particelle sospese totali 150 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Tabella 1: percentuale di stazioni che concorrono allo stato di attenzione. Per la ZONA A dell area metropolitana di Torino, in considerazione dell elevata densità di popolazione residente nella Città di Torino, della mobilità in ingresso e in uscita, e delle specifiche caratteristiche del sistema di monitoraggio, lo stato di attenzione è raggiunto quando le condizioni previste nella tabella si verificano per l intera area o per la sola città di Torino così come definito dalla Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 43, Piano Regionale per il Risanamento e la Tutela della Qualità dell Aria (stralcio del piano per il risanamento e la tutela della qualità dell aria: Indirizzi per la gestione degli episodi acuti di inquinamento). Il raggiungimento dello stato di attenzione in relazione ai singoli parametri Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di attenzione, relativamente al parametro biossido di azoto, sono riportate nella Tabella 2. NOME Beinasco Borgaro Grugliasco Nichelino Orbassano Settimo TO-Consolata TO-Cristina TO-Gaidano TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Italia Borgaro Via Roma, 15 Grugliasco Via XXV Aprile, 111 Nichelino Via Gozzano Orbassano Via Milano, 31 Settimo Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. Gaidano Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 2: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro biossido di azoto. Pagina 4 di 16

5 Lo stato di attenzione è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (200 µg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 2 Il ciclo di monitoraggio per il parametro biossido di azoto si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive, a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di attenzione, relativamente al parametro monossido di carbonio, sono riportate nella Tabella 3. NOME Nichelino Rivoli Settimo Venaria TO-Consolata TO-Cristina TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via XXV Aprile, 111 Nichelino P.zza Togliatti, 1 Rivoli Via Milano, 31 Settimo C.so Garibaldi Venaria Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 3: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro monossido di carbonio. Lo stato di attenzione è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (15 mg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 3. Il ciclo di monitoraggio per il parametro monossido di carbonio si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di attenzione, relativamente al parametro biossido di zolfo, sono riportate nella Tabella 4. NOME Beinasco Grugliasco TO-Consolata TO-Rebaudengo INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Roma, 15 Grugliasco Via Consolata, 10 Torino P.zza Rebaudengo, 23 Torino Tabella 4: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro biossido di zolfo Lo stato di attenzione è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (125 µg/m 3 come media giornaliera) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 4. Il ciclo di monitoraggio per il parametro biossido di azoto si riferisce al valore medio dei valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 del giorno successivo (ora solare) Pagina 5 di 16

6 Per quanto riguarda il parametro particelle totali sospese, cosi come definito dal DMA 25 novembre 1994, i valori di concentrazione delle stesse, misurati in modo non automatico con metodo gravimetrico, concorrono alla determinazione dello stato di attenzione e ai conseguenti provvedimenti da adottare, compatibilmente con i tempi necessari per il completamento delle operazioni di prelievo e di misurazione. LO STATO DI ALLARME Definizione Lo stato di allarme si raggiunge quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva, per uno o più inquinanti, il superamento dei rispettivi livelli di allarme in un numero di stazioni di rilevamento pari o superiore a quello indicato nella tabella sottostante (Tabella 5). I provvedimenti legati allo stato di allarme si attuano ad ogni raggiungimento dello stato di allarme e qualora le previsioni meteorologiche facciano prevedere il perdurare del fenomeno. I provvedimenti relativi allo stato di allarme vengono altresì adottati qualora lo stato di attenzione perduri per almeno tre giorni consecutivi e le condizioni meteorologiche possano far prevedere il raggiungimento dello stato di allarme (D.M. 15 aprile 1994). Inquinante livello di Stazioni allarme Biossido di azoto 400 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Monossido di carbonio 30 mg/m 3 50% delle stazioni individuate Biossido di zolfo 250 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Particelle sospese totali 300 µg/m 3 50% delle stazioni individuate Tabella 5: percentuale di stazioni che concorrono allo stato di allarme. Per la ZONA A dell area metropolitana di Torino, in considerazione dell elevata densità di popolazione residente nella Città di Torino, della mobilità in ingresso e in uscita e delle specifiche caratteristiche del sistema di monitoraggio, lo stato di allarme è raggiunto quando le condizioni previste nella tabella si verificano per l intera area o per la sola città di Torino così come definito dalla Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 43, Piano Regionale per il Risanamento e la Tutela della Qualità dell Aria (stralcio del piano per il risanamento e la tutela della qualità dell aria: Indirizzi per la gestione degli episodi acuti di inquinamento). Pagina 6 di 16

7 Il raggiungimento dello stato di allarme in relazione ai singoli parametri Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di allarme, relativamente al parametro biossido di azoto, sono riportate nella Tabella 6. NOME Beinasco Borgaro Grugliasco Nichelino Orbassano Settimo TO-Consolata TO-Cristina TO-Gaidano TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Italia Borgaro Via Roma, 15 Grugliasco Via XXV Aprile, 111 Nichelino Via Gozzano Orbassano Via Milano, 31 Settimo Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. Gaidano Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 - Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 6: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di allarme per il parametro biossido di azoto Lo stato di allarme è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di allarme (400 µg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 6. Il ciclo di monitoraggio per il parametro biossido di azoto si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive, a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di allarme, relativamente al parametro monossido di carbonio, sono riportate nella Tabella 7. NOME Nichelino Rivoli Settimo Venaria TO-Consolata TO-Cristina TO-Lingotto TO-Rebaudengo TO-Rivoli INDIRIZZO Via XXV Aprile, 111 Nichelino P.zza Togliatti, 1 Rivoli Via Milano, 31 Settimo C.so Garibaldi Venaria Via Consolata, 10 Torino Via M. Cristina, 129 Torino V. A. Monti, 21 Torino P.zza Rebaudengo, 23 - Torino P.zza Rivoli, 4 Torino Tabella 7: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di allarme per il parametro monossido di carbonio. Lo stato di allarme è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di attenzione (30 mg/m 3 come media oraria) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 7. Il ciclo di monitoraggio per il parametro monossido di carbonio si riferisce ai valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Pagina 7 di 16

8 Le stazioni di monitoraggio che concorrono alla definizione di stato di allarme, relativamente al parametro biossido di zolfo, sono riportate nellatabella 8. NOME Beinasco Grugliasco TO-Consolata TO-Rebaudengo INDIRIZZO Via S. Pellico, 5 Beinasco Via Roma, 15 Grugliasco Via Consolata, 10 Torino P.zza Rebaudengo, 23 - Torino Tabella 8: stazioni che concorrono alla definizione dello stato di attenzione per il parametro biossido di zolfo. Lo stato di allarme è raggiunto quando al termine del ciclo di monitoraggio si rileva il superamento del livello di allarme (250 µg/m 3 come media giornaliera) su almeno il 50% del totale delle stazioni considerate o su almeno il 50% delle stazioni collocate nel Comune di Torino e riportate con sfondo grigio nella Tabella 8. Il ciclo di monitoraggio per il parametro Biossido di Zolfo si riferisce al valore medio dei valori medi orari calcolati su un intervallo di 24 ore consecutive a partire dal valore orario delle 01:00 fino al valore orario delle 24:00 (ora solare). Per quanto riguarda il parametro particelle totali sospese cosi come definito dal DMA 25 novembre 1994 i valori di concentrazione delle stesse, misurati in modo non automatico con metodo gravimetrico, concorrono alla determinazione dello stato di attenzione e ai conseguenti provvedimenti da adottare, compatibilmente con i tempi necessari per il completamento delle operazioni di prelievo e di misurazione. Pagina 8 di 16

9 PROVVEDIMENTI DA ATTIVARE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI STATI DI ATTENZIONE O DI ALLARME I provvedimenti da attuare al raggiungimento dello stato di attenzione e di allarme devono essere finalizzati alla riduzione delle concentrazioni di inquinanti presenti in atmosfera e devono prevedere azioni volte alle seguenti finalità: riduzione delle emissioni dovute al traffico veicolare; riduzione delle emissioni associate alle operazioni di distribuzione delle merci nei centri urbani (diversificazione di orari e itinerari); limitazione delle emissioni dagli impianti termici civili. La tipologia delle azioni da intraprendere deve essere commisurata all intensità dei superamenti e al relativo rischio per la salute della popolazione. In questa prima fase di definizione degli interventi da intraprendere sono state individuate due tipologie di provvedimento: la prima relativa allo stato di attenzione, la seconda relativa allo stato di allarme. I provvedimenti legati allo stato di attenzione devono avere un carattere preventivo e sono mirati al contenimento del fenomeno e ad evitare il raggiungimento dello stato di allarme attraverso: la diffusione dell informazione relativa al raggiungimento dello stato di attenzione attraverso i mezzi di comunicazione ritenuti più efficaci (radio, televisione, giornali); l adozione di misure di parziale limitazione del traffico veicolare e dell inquinamento prodotto dagli impianti termici civili. Il testo del comunicato stampa relativo al raggiungimento dello stato di attenzione deve contenere le seguenti informazioni: giorni in cui si è verificato il raggiungimento dello stato di attenzione; tipologia di inquinante o degli inquinanti le cui concentrazioni hanno determinato il raggiungimento dello stato di attenzione; area interessata dal fenomeno (ZONA A Torino + comuni confinanti); comunicazione delle azioni da adottare per il contenimento dell inquinamento: riduzione dell uso dei veicoli privati; richiesta di un maggiore utilizzo dei mezzi pubblici per gli spostamenti casa-lavoro; richiesta di ridurre gli spostamenti a quelli strettamente necessari; richiesta di porre attenzione alla conduzione degli impianti termici secondo quanto previsto dall ordinanza. descrizione delle limitazioni al traffico veicolare previste nelle ordinanze. I provvedimenti legati allo stato di allarme devono produrre una sensibile limitazione del carico emissivo e sono mirati alla riduzione del fenomeno attraverso: la diffusione dell informazione relativa al raggiungimento dello stato di allarme attraverso i mezzi di comunicazione ritenuti più efficaci (radio, televisione, giornali); l adozione di misure di blocco del traffico veicolare e di limitazione dell inquinamento prodotto dagli impianti di riscaldamento ambiente. Il testo del comunicato stampa relativo al raggiungimento dello stato di allarme deve contenere le seguenti informazioni: giorni in cui si è verificato il raggiungimento dello stato di attenzione o di allarme; tipologia di inquinante o degli inquinanti le cui concentrazioni hanno fatto raggiungere lo stato di allarme; area interessata dal fenomeno (ZONA A Torino + comuni confinanti); Pagina 9 di 16

10 comunicazione delle azioni da adottare per il contenimento dell inquinamento; descrizione delle limitazioni previste nelle ordinanze. In una seconda fase di elaborazione del piano si dovranno predisporre interventi mirati finalizzati alle seguenti attività: contenimento delle emissioni degli impianti produttivi, sia termici sia tecnologici; definizione di procedure di contenimento delle emissioni provenienti da specifici impianti individuati come sorgenti puntuali nell inventario regionale delle emissioni. ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEI SINGOLI ENTI L'ARPA: provvede alla gestione della rete di monitoraggio della qualità dell aria operante nel territorio della provincia di Torino, al controllo e alla validazione giornaliera dei dati analitici rilevati dalla rete di monitoraggio della qualità dell aria; provvede alla comunicazione dei dati rilevati attraverso l aggiornamento giornaliero del Sito Internet della Provincia di Torino (per tutti parametri monitorati in continuo dovrà essere disponibile l informazione fondamentale relativa alle misurazioni effettuate: valori massimi misurati, n superamenti del livello di attenzione e di allarme. Per i parametri monitorati in modo non automatico l aggiornamento del sito internet sarà effettuato compatibilmente con i tempi necessari per il completamento delle operazioni di prelievo e di misurazione); verifica il raggiungimento dello stato di attenzione e di allarme e fornisce informazioni sul perdurare del fenomeno. Provvede giornalmente ad inserire sul Sito Internet della Provincia di Torino il giudizio sulla qualità dell aria, che conterrà informazioni sul raggiungimento dello stato di attenzione o di allarme; nel caso si raggiunga lo stato di attenzione o di allarme provvede a comunicare alla Provincia di Torino e ai Comuni appartenenti alla Zona A (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, S. Mauro, Settimo, Torino e Venaria.) via FAX o secondo le modalità definite dai singoli enti il relativo stato di qualità dell aria. Provvede inoltre secondo le modalità sopra descritte a comunicare la fine degli episodi di attenzione e di allarme. La PROVINCIA DI TORINO: sulla base dei dati fatti pervenire dall ARPA, provvede alla dichiarazione dello stato di attenzione e di allarme per la conseguente attivazione del piano di intervento operativo dandone comunicazione ai comuni mediante fax con allegata determinazione dirigenziale. Analogamente, provvede a dichiarare il venir meno dello stato di attenzione e di allarme; provvede alla comunicazione agli organi di informazione del raggiungimento degli stati di attenzione e di allarme attraverso comunicati stampa i cui contenuti sono stati precedentemente individuati; garantisce il cordinamento dei comuni appartenenti alla zona A per l'applicazione dei disposti previsti dal piano d'intervento operativo; verifica l'efficacia delle azioni previste nel piano d'intervento operativo; esercita, ai sensi dell art.3 comma h) dalla Legge Regionale 7 aprile 2000 n. 43, il potere sostitutivo nei confronti dei comuni della zona A in caso di inerzia nell attuazione degli interventi per la gestione operativa degli episodi acuti di inquinamento atmosferico. In proposito, provvede con ordinanza del Presidente della Provincia e, per gli altri adempimenti operativi, tramite gli uffici ed i servizi comunali; Pagina 10 di 16

11 I COMUNI APPARTENENTI ALLA ZONA A (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, S. Mauro, Settimo, Torino e Venaria): attuano gli interventi operativi per la gestione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico da applicare sul proprio comune mediante l adozione, con ordinanza sindacale, delle misure di emergenza indicate negli allegati 1 e 2 dandone comunicazione alla Provincia di Torino entro 12 ore; effettuano la comunicazione locale informando la popolazione sul raggiungimento dello stato di attenzione o di allarme e sui provvedimenti conseguenti; revocano i disposti previsti nelle ordinanze a seguito della comunicazione della revoca dello stato di attenzione e di allarme. Qualora, a causa del perdurare di condizioni atmosferiche sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti, si verifichino episodi acuti o cronici di inquinamento atmosferico, al di fuori dei livelli concernenti lo stato di attenzione o di allarme, la Provincia di Torino invita i comuni appartenenti alla zona A ad adottare provvedimenti di limitazione delle emissioni inquinanti. STATO DI ATTENZIONE - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI Nel caso in cui si verifichi il raggiungimento dello stato di attenzione l ARPA provvede alla comunicazione di merito, la Provincia dichiara lo stato di attenzione e trasmette a tutti i comuni della ZONA A copia della determinazione per l adozione dei provvedimenti di competenza secondo lo schema di seguito descritto. I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare per lo stato di attenzione, dandone comunicazione entro 12 ore alla Provincia di Torino. I provvedimenti saranno validi per tutti i giorni successivi fino alla cessazione dello stato di attenzione. In caso di inerzia dei comuni, la Provincia di Torino, entro le 12 ore successive, esercita il potere sostitutivo, con ordinanza del Presidente della Provincia. La cessazione dello stato di attenzione viene dichiarata dalla Provincia di Torino con apposita determinazione e comunicata secondo le modalità precedentemente descritte.. Pagina 11 di 16

12 GIORNO 1 Si raggiunge lo stato di attenzione: GIORNO 2 ARPA comunica il raggiungimento dello lo stato di attenzione relativamente al giorno 1 e fornisce indicazioni sulla persistenza del fenomeno La PdT attiva i canali di informazione (comunicato stampa) Si raggiunge lo stato di attenzione Non si raggiunge lo stato di attenzione GIORNO 3 GIORNO 3 ARPA comunica il raggiungimento dello lo stato di attenzione relativamente al giorno 2 e per il secondo giorno consecutivo e fornisce indicazioni sul perdurare del fenomeno Qualora le previsioni facciano prevedere il perdurare del fenomeno si predispongono i provvedimenti relativi allo stato di attenzione: PdT dichiara lo stato attenzione, trasmette a tutti i Comuni della zona A copia del provvedimento, attiva i canali di informazione; I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare al giorno 4 e per i giorni successivi dandone comunicazione entro 12 ore alla PdT; La PdT entro le 12 ore successive esercita il potere sostitutivo in caso di inerzia dei comuni. Non si adottano particolari provvedimenti Non si raggiunge lo stato di attenzione Si raggiunge lo stato di attenzione GIORNO 4 ARPA comunica il raggiungimento dello stato di attenzione relativamente al giorno 3 e fornisce indicazioni sul perdurare del fenomeno GIORNO 4 ARPA comunica la fine dello stato di attenzione Si revocano i disposti previsti nelle ordinanze Si applicano i disposti previsti nelle ordinanze. I disposti saranno in vigore per tutti i giorni successivi fino alla dichiarazione del venir meno dello stato di attenzione da parte della P.d.T. Figura 2: stato di attenzione, schema di flusso degli interventi. Pagina 12 di 16

13 STATO DI ALLARME - PROCEDIMENTO DI ATTIVAZIONE DEGLI INTERVENTI Qualora si raggiunga lo stato di allarme, sia a seguito del raggiungimento dei livelli di allarme sia nel caso in cui a seguito del perdurare dello stato di attenzione da almeno tre giorni le previsioni facciano prevedere il raggiungimento dello stato di allarme, l'arpa comunica il raggiungimento dello stato di allarme, la Provincia dichiara lo stato allarme e trasmette a tutti i comuni della zona A copia della determinazione per l adozione dei provvedimenti di competenza secondo lo schema di seguito descritto. I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare per lo stato di allarme dandone comunicazione entro 12 ore alla Provincia di Torino. I provvedimenti saranno validi per tutti i giorni successivi fino alla cessazione dello stato di allarme. In caso di inerzia dei comuni, la Provincia di Torino, entro le 12 ore successive, esercita il potere sostitutivo, con ordinanza del Presidente della Provincia. La cessazione dello stato di allarme viene dichiarata dalla Provincia di Torino con apposita determinazione e comunicata secondo le modalità precedentemente descritte. GIORNO 1 Si raggiunge lo stato di allarme GIORNO 2 ARPA comunica il raggiungimento dello lo stato di allarme relativamente al giorno 1 e fornisce indicazioni sulla persistenza del fenomeno Qualora le previsioni facciano prevedere il perdurare del fenomeno si predispongono i provvedimenti relativi allo stato di allarme: PdT dichiara lo stato allarme, trasmette a tutti i comuni della zona A copia del provvedimento, esercita il potere sostitutivo in caso di inerzia dei comuni I Comuni emanano le Ordinanze contenenti i provvedimenti da attuare al per i giorni successivi dandone comunicazione entro 12 ore alla PdT; La PdT entro le 12 ore successive esercita il potere sostitutivo in caso di inerzia dei comuni GIORNO 3 ARPA comunica il raggiungimento dello stato di allarme relativamente al giorno 2 e fornisce indicazioni sul perdurare del fenomeno Si applicano i disposti previsti nelle ordinanze. I disposti saranno in vigore per tutti i giorni successivi fino alla dichiarazione del venir meno dello stato di allarme da parte della P.d.T. Figura 3: stato di allarme, schema di flusso degli interventi. Pagina 13 di 16

14 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ATTENZIONE 1. Gli impianti di riscaldamento degli edifici adibiti a civile abitazione devono essere regolati in modo che la temperatura degli ambienti non superi i 18 C. Gli impianti di riscaldamento degli altri edifici devono essere gestiti in modo da limitare al minimo indispensabile orari di accensione e temperatura degli ambienti. 2. Divieto di circolazione dinamica dei veicoli mossi da motore a combustione interna, a qualsiasi uso destinati dalle ore 7,30 alle ore 19,00, NEI GIORNI PARI per i veicoli la cui ultima cifra della targa è DISPARI (possono cioè circolare esclusivamente i veicoli la cui ultima cifra della targa è pari), e NEI GIORNI DISPARI per i veicoli la cui ultima cifra della targa è PARI (possono cioè circolare esclusivamente i veicoli la cui ultima cifra della targa è dispari). È fatto inoltre divieto di circolazione: a) agli autoveicoli ad accensione comandata (alimentati a benzina) di tipo NON omologato ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive; b) agli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) destinati al trasporto di persone di tipo NON omologato ai sensi della direttiva 94/12/CEE e successive; gli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) destinati al trasporto di cose di tipo NON omologato ai sensi della direttiva 91/542/CEE e successive se di massa massima superiore a 3,5 tonnellate, o ai sensi della direttiva 93/59/CEE e successive se di massa massima inferiore a 3,5 tonnellate. 3. Dal divieto di circolazione saranno escluse le seguenti vie: a) i tratti delle autostrade o delle tangenziali insistenti sul territorio cittadino; b) le strade statali c) le strade provinciali di attraversamento; d) le vie che permettono di raggiungere i parcheggi considerati come parcheggi di interscambio tra mezzo privato e mezzo pubblico. 4. Fanno eccezione, e quindi possono circolare, le seguenti tipologie o categorie di veicoli: a) veicoli delle Forze Armate e degli Organi di Polizia in servizio, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso in stato di emergenza e della Protezione Civile in servizio; b) taxi di turno, autobus in servizio di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente; c) veicoli elettrici; d) motoveicoli e ciclomotori di tipo omologato ai sensi della direttiva 97/24/CEE; e) autoveicoli che utilizzano come carburante GPL o metano; f) veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap; g) veicoli di proprietà di Enti Locali o dello Stato, usati per il trasporto di materiali o per l'esecuzione di lavori. h) veicoli di proprietà di autoscuole in attualità di esercitazione alla guida o esami di guida 5. Fanno inoltre eccezione le seguenti tipologie di veicoli purché accompagnati da adeguata documentazione: a) veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie od esami indispensabili in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione; b) veicoli di medici di famiglia o di pediatri di libera scelta in visita domiciliare con medico a bordo e con tessera dell'ordine professionale; veicoli di infermieri iscritti all'albo professionale in visita domiciliare; Pagina 14 di 16

15 c) veicoli dei lavoratori dipendenti o autonomi con certificazione dell'orario di lavoro rilasciata dall'azienda per cui prestano la loro opera, quando dalla certificazione dell'azienda risulti un orario di inizio o fine turno tale da non consentire l'uso del mezzo pubblico; veicoli dei lavoratori dipendenti o autonomi con certificazione rilasciata dall'azienda per cui prestano la loro opera, quando dalla certificazione dell'azienda risulti che la sede dell'azienda o l'abitazione del lavoratore non sono normalmente serviti da mezzi pubblici; d) veicoli utilizzati per il rifornimento di medicinali; e) veicoli per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense, scolastiche, ospedaliere, case di riposo per anziani o singole comunità; f) veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri, trasporti funebri e veicoli al seguito (sono compresi i percorsi dal domicilio al luogo del funerale e ritorno); g) veicoli delle aziende e degli enti di servizio pubblico; h) motoveicoli e ciclomotori utilizzati per i recapiti urgenti di corrispondenza e pacchi (cosiddetti pony-express e moto-taxi) limitatamente a quei veicoli che svolgono il loro lavoro per Agenzie regolarmente autorizzate; i) veicoli al servizio di testate televisive con a bordo i mezzi di supporto, di ripresa, i gruppi elettrogeni, i ponti radio ecc.; veicoli utilizzati per la distribuzione della stampa periodica, veicoli di giornalisti iscritti all'ordine in possesso di dichiarazione rilasciata dalla testata per cui lavorano; j) veicoli di lavoratori che stanno rispondendo a chiamate di reperibilità e di artigiani della manutenzione e dell'assistenza con relativo certificato della C.C.I.A.A. per interventi tecnico-operativi urgenti e indilazionabili; k) veicoli o mezzi d'opera per i quali sono state precedentemente rilasciate autorizzazioni dal Settore Suolo Pubblico o autorizzazioni con nulla osta della Polizia Municipale per quanto concerne le operazioni di trasloco; l) macchine operatrici, mezzi d'opera (di cui al D. Lgs 285/92, art. 54, comma 1, lettera n) e veicoli classificati ad "uso speciale" (D. Lgs 285/92, art. 54 comma 2); m) veicoli di imprese che eseguono lavori urgenti per conto del Comune o per conto di Aziende di sottoservizi, forniti di adeguata documentazione dell'ente per cui lavorano; n) veicoli che debbano recarsi alla revisione già programmata (con documento dell'ufficio della Motorizzazione Civile o dei Centri di Revisione Autorizzati), limitatamente al percorso strettamente necessario; o) veicoli di residenti in altre regioni italiane o all'estero muniti della copia scritta della prenotazione o della ricevuta alberghiera, limitatamente al percorso tra l'albergo e i confini della città. p) veicoli adibiti a trasporto valori delle banche e degli istituti autorizzati; L'orario ed il tragitto per cui è consentito circolare devono essere congrui con la motivazione dell'esonero. Pagina 15 di 16

16 MISURE DI EMERGENZA DA ADOTTARE CON ORDINANZA DEL SINDACO DEL COMUNE INTERESSATO IN CASO DI STATO DI ALLARME 1. Gli impianti di riscaldamento degli edifici adibiti a civile abitazione devono essere regolati in modo che la temperatura degli ambienti non superi i 18 e la durata giornaliera non sia superiore alle 12 ore. Gli impianti di riscaldamento degli altri edifici devono essere gestiti in modo da limitare al minimo indispensabile orari di accensione e temperature degli ambienti. 2. Divieto di circolazione dinamica dei veicoli mossi da motore a combustione interna a qualsiasi uso destinati. dalle ore 08:00 alle 18:00. Dal divieto di circolazione sono escluse le seguenti vie: a) i tratti delle autostrade o delle tangenziali insistenti sul territorio cittadino; b) le strade statali c) le strade provinciali di attraversamento; d) le vie che permettono di raggiungere i parcheggi considerati come parcheggi di interscambio tra mezzo privato e mezzo pubblico. 3. Fanno eccezione, e quindi possono circolare, le seguenti tipologie o categorie di veicoli: a) veicoli delle Forze Armate e degli Organi di Polizia in servizio, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso in stato di emergenza e della Protezione Civile in servizio; b) taxi di turno, autobus in servizio di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente; c) veicoli elettrici; d) veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap; i) veicoli di proprietà di autoscuole in attualità di esercitazione alla guida o esami di guida 4. Fanno inoltre eccezione le seguenti tipologie di veicoli purché accompagnati da adeguata documentazione: a) veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie od esami indispensabili ed indifferibili in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione; b) veicoli di medici di famiglia o di pediatri di libera scelta in visita domiciliare con medico a bordo e con tessera dell'ordine professionale; veicoli di infermieri iscritti all'albo professionale in visita domiciliare; c) veicoli utilizzati per il rifornimento di medicinali; d) veicoli per il trasporto di pasti per il rifornimento di mense scolastiche, ospedaliere, case di riposo per anziani o singole comunità; e) veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri, trasporti funebri; f) veicoli delle aziende e degli enti di servizio pubblico; g) veicoli di lavoratori che stanno rispondendo a chiamate di reperibilità e di artigiani della manutenzione e dell'assistenza con relativo certificato della C.C.I.A.A. per interventi tecnico-operativi urgenti e indilazionabili; h) macchine operatrici, mezzi d'opera (di cui al D. Lgs 285/92, art. 54, comma 1, lettera n) e veicoli classificati ad "uso speciale" (D.lgs 285/92, art. 54 comma 2); i) veicoli di imprese che eseguono lavori urgenti per conto del Comune o per conto di Aziende di sottoservizi, forniti di adeguata documentazione dell'ente per cui lavorano; j) veicoli che debbano recarsi alla revisione già programmata (con documento dell'ufficio della Motorizzazione Civile o dei Centri di Revisione Autorizzati), limitatamente al percorso strettamente necessario; k) veicoli adibiti a trasporto valori delle banche e degli istituti autorizzati. Pagina 16 di 16

I L S I N D A C O INVITA

I L S I N D A C O INVITA COMUNE DI BEINASCO Provincia di Torino ---------------- Via delle Fornaci n. 4-10092 BEINASCO (TO) - Tel. 39891 - Fax 3989310 Casella postale 87 e-mail: ced.beinasco@ope.net ORD. N. del I L S I N D A C

Dettagli

COMUNE DI BORGO TICINO Provincia di Novara Ufficio di Polizia Locale Via Vittorio Emanuele II, 58

COMUNE DI BORGO TICINO Provincia di Novara Ufficio di Polizia Locale Via Vittorio Emanuele II, 58 Prot. n. 2503 Borgo Ticino, lì 26.02.2010 ORDINANZA N. 04/2010 IL SINDACO Visto l articolo 7 del Nuovo Codice della Strada approvato con D. Leg.vo 30.04.1992, n 285, con il quale si dà facoltà ai comuni,

Dettagli

CITTÀ DI SETTIMO TORINESE

CITTÀ DI SETTIMO TORINESE CITTÀ DI SETTIMO TORINESE Regione Piemonte Provincia di Torino Settore Ambiente e Territorio Servizio Ambiente e Sicurezza * * * * ORDINANZA N 333 del 19/10/2005 OGGETTO: Provvedimenti di limitazione del

Dettagli

C I T T A' D I C A R M A G N O L A PROVINCIA DI TORINO UFFICIO AMBIENTE IGIENE IL SINDACO

C I T T A' D I C A R M A G N O L A PROVINCIA DI TORINO UFFICIO AMBIENTE IGIENE IL SINDACO C I T T A' D I C A R M A G N O L A PROVINCIA DI TORINO UFFICIO AMBIENTE IGIENE Ordinanza n 24/2005 OGGETTO: Articolo 7 del Decreto legislativo n. 285/1992 Limitazioni del traffico veicolare nel centro

Dettagli

blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO

blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO Area Edilizia e Territorio Ufficio Ambiente ORDINANZA n.17/07 Oggetto: blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo

Dettagli

CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE

CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE Regione Piemonte Provincia di Torino Settore Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Ecologia Ed Ambiente * * * * ORDINANZA N 13/2010 del 04/02/2010 OGGETTO: Provvedimenti

Dettagli

OGGETTO: LIMITAZIONE TRAFFICO VEICOLARE DOMENICA 25 FEBBRAIO 2007 IL SINDACO

OGGETTO: LIMITAZIONE TRAFFICO VEICOLARE DOMENICA 25 FEBBRAIO 2007 IL SINDACO Corso Francia 98-10090 Rivoli (TO) - tel. 011.9513300 - fax 011.9513399 comunerivoli@ruparpiemonte.it --------------- Area Gestione del Territorio ASSESSORATO ALL AMBIENTE E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE SERVIZIO

Dettagli

Ordinanza n 5307/2010

Ordinanza n 5307/2010 Ordinanza n 5307/2010 Limitazioni alla circolazione dei veicoli mossi da motore a combustione interna a qualsiasi uso destinati nella giornata di domenica 28 febbraio 2010, dalle ore 10,00 alle ore 18,00.

Dettagli

OGGETTO: LIMITAZIONE DEL TRAFFICO VEICOLARE 2005/2006 IL SINDACO

OGGETTO: LIMITAZIONE DEL TRAFFICO VEICOLARE 2005/2006 IL SINDACO Corso Francia 98-10090 Rivoli (TO) - tel. 011.9513300 - fax 011.9513399 comunerivoli@ruparpiemonte.it --------------- Area Gestione del Territorio ASSESSORATO ALL AMBIENTE E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino)

COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) Ord. n.ro 05 Vinovo, li 19/02/2007 Oggetto: -Provvedimenti di limitazione del traffico veicolare Partecipazione alla Domenica ecologica del 25 febbraio 2007 IL SINDACO

Dettagli

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO N. 440 Data 28.12.2006 Oggetto: LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE NELL AMBITO DEL TERRITORIO COMUNALE PER ALCUNE TIPOLOGIE DI AUTOVEICOLI AL FINE DI PREVENIRE E RIDURRE L INQUINAMENTO ATMOSFERICO, A TUTELA

Dettagli

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Ordinanza n 5292 /2010 Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Visto il Decreto Legislativo 4 agosto

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

C O M U N E D I V A R A L L O P O M B I A Provincia di Novara

C O M U N E D I V A R A L L O P O M B I A Provincia di Novara C O M U N E D I V A R A L L O P O M B I A Provincia di Novara Ordinanza n. 02/07 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il D.lgs 4 agosto 1999 n. 351 Attuazione della Direttiva 96/62/CE in materia di valutazione

Dettagli

Ordinanza n. 24 del 12.01.2016 Pagina volume N. COMUNE DI PERUGIA SETTORE STRUTTURA ORGANIZZATIVA SICUREZZA UNITÀ OPERATIVA I L S I N D AC O

Ordinanza n. 24 del 12.01.2016 Pagina volume N. COMUNE DI PERUGIA SETTORE STRUTTURA ORGANIZZATIVA SICUREZZA UNITÀ OPERATIVA I L S I N D AC O Ordinanza n. 24 del 12.01.2016 Pagina volume N. COMUNE DI PERUGIA SETTORE STRUTTURA ORGANIZZATIVA SICUREZZA UNITÀ OPERATIVA ORDINANZA N. 24 DEL 12.01.2016 OGGETTO: INTERVENTI PER CONTENERE L'INQUINAMENTO

Dettagli

OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI RHO IL SINDACO

OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI RHO IL SINDACO OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI RHO IL SINDACO Considerato che il miglioramento della qualità dell aria attraverso la riduzione delle emissioni

Dettagli

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA Prot. n. 17389 DEL 29.09.08 Ordinanza n 255 Oggetto: ORDINANZA DI LIMITAZIONE PARZIALE DELLA CIRCOLAZIONE E DIVIETO TOTALE DI CIRCOLAZIONE AI SENSI DI QUANTO DISPOSTO DALLA CONFERENZA DEI SINDACI PER L

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO ORDINANZA N. 396 CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE nro progr. 1293 del 04/02/2010 LOCALITÀ: Territorio Comunale CIRCOSCRIZIONI: TUTTE IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo Codice

Dettagli

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Comune di Limena Provincia di Padova Servizio Tecnico Lavori Pubbliciubblici Via Roma 44 35010 Limena c.f. 00327150280 0498844344 fax 0498840426 www.comune.limena.pd.it lavori.pubblici@comune.limena.pd.it

Dettagli

Piano d Azione Comunale (PAC)

Piano d Azione Comunale (PAC) Piano d Azione Comunale (PAC) dei Comuni di Cordenons, Porcia e Pordenone, elaborato ai sensi del Piano d azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico 01/03/2005

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Prot. n. ORDINANZA N. 5203 / 2010 OGGETTO : LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PREVISTE DALL'ACCORDO REGIONALE SUGLI INTERVENTI PER LA QUALITÀ DELL'ARIA. IL

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE OGGETTO: Piano di azione per prevenire fenomeni acuti di inquinamento atmosferico da PM10 provvedimenti limitativi del traffico da adottare in modo programmato e permanente

Dettagli

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti Corso del Popolo,30 05100 Terni Tel. +39 0747.549.825 Fax +39 0744.549.868 direzione.ambiente@comune.terni.it comune.terni@postacert.umbria.it OGGETTO:

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413 Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007 C I T T À IL SINDACO Visto il D.P.R. 24 maggio 1988, n 203 che all'art. 4 attribuiva alle Regioni la competenza per la formulazione dei piani di rilevamento, prevenzione,

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità ORDINANZA N 2015 83772 / 119 CITTA DI TORINO ORDINANZA N 2015 83772. del 6 ottobre 2015

Direzione Infrastrutture e Mobilità ORDINANZA N 2015 83772 / 119 CITTA DI TORINO ORDINANZA N 2015 83772. del 6 ottobre 2015 Direzione Infrastrutture e Mobilità ORDINANZA N 2015 83772 / 119 Servizio Esercizio CITTA DI TORINO ORDINANZA N 2015 83772 del 6 ottobre 2015 OGGETTO: DOMENICA ECOLOGICA 11 OTTOBRE 2015 - ISTITUZIONE DIVIETO

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 Oggetto: Nuove limitazioni alla circolazione di particolari categorie di mezzi IL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITA' E TRAFFICO

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITA' E TRAFFICO COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITA' E TRAFFICO PROT. GENERALE N. 293306 DATA: 30/10/2008 REGISTRO ORDINANZE N 758 del 30/10/2008 OGGETTO: Provvedimenti temporanei di limitazione della circolazione stradale,

Dettagli

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO COMUNE di NOVARA ORDINANZA N. 170 PROT. N. 15077 RI10/676 DEL 23-02-2010 ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO Considerato che, nei mesi di gennaio e febbraio del corrente anno, nell ambito del

Dettagli

ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA

ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ORDINANZA N. 878 PROT. 80507 DEL 29.12.2006 ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il D.lgs 4 agosto 1999 n. 351 Attuazione della Direttiva 96/62/CE in materia di valutazione

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO ORDINANZA N. 715 CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE n.ro progr 1931 LOCALITÀ: Territorio Comunale data 17 febbraio 2011 CIRCOSCRIZIONI: TUTTE IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010

N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010 Atti del Comune Settore Attuazione Mobilità e Trasporti Servizio Viabilità, Infrastrutture e Reti N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010 Oggetto: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

IL SINDACO ORDINANZA N. 48 DEL 16/05/2012 COMANDO POLIZIA LOCALE

IL SINDACO ORDINANZA N. 48 DEL 16/05/2012 COMANDO POLIZIA LOCALE IL SINDACO 1 Premesso che nei giorni dal 30 maggio al 3 giugno 2012, la Città di Milano ed alcuni Comuni del suo hinterland saranno interessati dallo svolgimento del VII Incontro mondiale delle Famiglie

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE Provincia di Novara

COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE Provincia di Novara COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE Provincia di Novara ORDINANZA N. 2s 2 IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo Codice della Strada approvato con D. L.vo 30.04.1992, no 285, con il quale si dà facoltà ai comuni,

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O.

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. Mobilità IL SINDACO Viste le proprie ordinanze n.

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI

COMUNE DI POGGIBONSI COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA Settore Qualità Urbana ORDINANZA n. /07 Oggetto: Misure riduzione emissioni sostanze inquinanti e prevenzione fenomeni di inquinamento atmosferico. Limitazioni circolazione

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012

IL SINDACO. Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012 CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012 OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN OCCASIONE DEL VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE: LIMITAZIONE TEMPORANEA

Dettagli

Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016

Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016 Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016 Dal 15 ottobre 2015 fino al 15 aprile 2016 sono in vigore, come ogni anno, i provvedimenti di limitazione della

Dettagli

RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n. 10863;

RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n. 10863; Provvedimento contingibile ed urgente per il contenimento dell'inquinamento atmosferico da PM10 nell agglomerato di Milano sulla base delle serie dei dati rilevati a partire dal 23 febbraio 2003 1 VISTA

Dettagli

CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale

CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale Prot. n. 7400 del 2 febbraio 2010 IL SINDACO Visto l art. 32 della Costituzione, che indica quale obiettivo primario del nostro ordinamento

Dettagli

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493 Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 Oggetto: APPLICAZIONE IN SEDE LOCALE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 10.10.2003

Dettagli

Provvedimenti di limitazione al transito dei veicoli più inquinanti

Provvedimenti di limitazione al transito dei veicoli più inquinanti Provvedimenti di limitazione al transito dei veicoli più inquinanti Nel Comune di Firenze sono vigenti divieti di transito permanenti e provvedimenti contingibili (Ordinanze). DIVIETI DI TRANSITO PERMANENTI

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 163 Del : 28 FEBBRAIO 2006 Esecutiva da: 1 OTTOBRE 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Posizioni Organizzative Polizia Amministrativa - Politiche

Dettagli

50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19

50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19 50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19 D.G.R. n. 316 del 07.05.2007 relativa all Accordo per la riduzione delle emissioni inquinanti e la prevenzione

Dettagli

COMUNE DI VERONA lunedì 12 ottobre 2015 fino al 13 maggio 2016,

COMUNE DI VERONA lunedì 12 ottobre 2015 fino al 13 maggio 2016, COMUNE DI VERONA Da lunedì 12 ottobre 2015 fino al 13 maggio 2016, su tutto il territorio comunale, entra in vigore il divieto di circolazione per i veicoli non catalizzati. Le limitazioni si applicano

Dettagli

ORDINANZA N.107 Dolo, 14 Ottobre 2005 Prot. n.7905/8

ORDINANZA N.107 Dolo, 14 Ottobre 2005 Prot. n.7905/8 UNIONE DEI COMUNI Città della Riviera del Brenta tra i Comuni di Dolo e Fiesso d Artico CORPO POLIZIA LOCALE P.tta dei Storti n.11 Dolo (VE) 041-410769- fax 041-413027- P.IVA 03412000279 ORDINANZA N.107

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna

C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna SETTORE GESTIONE TERRITORIO ORDINANZA SINDACALE n. 14 / 2015 del 01/10/2015 OGGETTO: DISPOSIZIONI

Dettagli

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE QUALITA' DELL'ARIA, CLIMA E SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 956 Del : 28 SETTEMBRE 2006 Esecutiva da: 15 novembre 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Politiche della Mobilità OGGETTO: Ordinanza sindacale

Dettagli

Il Sindaco ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA IL SINDACO

Il Sindaco ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA IL SINDACO ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA Premesso che: IL SINDACO L area geografica della Pianura Padana è interessata da

Dettagli

COMUNE DI JESI. Provincia di Ancona ORDINANZA SINDACALE. Numero: 16 Data: 29/03/2010 Prot. n. 11908 del 29/03/2010 I.D. 1158605

COMUNE DI JESI. Provincia di Ancona ORDINANZA SINDACALE. Numero: 16 Data: 29/03/2010 Prot. n. 11908 del 29/03/2010 I.D. 1158605 COMUNE DI JESI Provincia di Ancona Proponente: ISTR. DIR. POLIZIA AMMINISTRATIVA ORDINANZA SINDACALE Numero: 16 Data: 29/03/2010 Prot. n. 11908 del 29/03/2010 I.D. 1158605 OGGETTO: ORDINANZA DI LIMITAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 170 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: MISURE DI LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2014/2015 IL COMANDANTE

Dettagli

LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8 Dicembre 2006 al 5 Gennaio 2007 compresi

LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8 Dicembre 2006 al 5 Gennaio 2007 compresi Comune di Rimini Ufficio Relazioni con il Pubblico Ordinanza prot. N 162351 del 28/09/2006 LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8

Dettagli

Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011

Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011 Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011 OGGETTO: Provvedimenti urgenti per la lotta all'inquinamento atmosferico causato dalle polveri sottili (PM 10 ). Modulo 3 fino a 35 superamenti. IL SINDACO

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza N. 29 / 12

IL SINDACO. Ordinanza N. 29 / 12 Ordinanza N. 29 / 12 Eseguita il Oggetto: PROVVEDIMENTI URGENTI IN OCCASIONE DEL VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE - SOSPENSIONE TEMPORANEA DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE NEL TERRITORIO CITTADINO

Dettagli

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, 5 4 5% 5% % a ip :nie 2014 OGGETTO: disposizioni attuative del punto A2 della delibera di Giunta n. 315 del 14 maggio N. 62 del 2 dicembre

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 121 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: ATTIVAZIONE DEL SISTEMA DEI VARCHI ELETTRONICI PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO - ZTL.

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE POLIZIA LOCALE Servizio Gestione del Traffico Prot. N. 27837/15 /N

COMUNE DI BRESCIA SETTORE POLIZIA LOCALE Servizio Gestione del Traffico Prot. N. 27837/15 /N COMUNE DI BRESCIA SETTORE POLIZIA LOCALE Servizio Gestione del Traffico Prot. N. 27837/15 /N Brescia, lì 3 marzo 2015 OGGETTO: Domenica ecologica, in concomitanza della 13^ edizione della Maratona, nella

Dettagli

IL SINDACO Piercarlo Fabbio

IL SINDACO Piercarlo Fabbio In esecuzione alla deliberazione della Giunta Regione Piemonte n. 64/6526 del 23/07/2007, l Amministrazione Comunale di Alessandria ha adeguato le ZTL (Zone a Traffico Limitato) e ha introdotto le nuove

Dettagli

Comune di Piacenza IL SINDACO

Comune di Piacenza IL SINDACO Comune di Piacenza IL SINDACO Ordinanza n. 663 del 27/10/2015 Oggetto: MODIFICA DELL'ORDINANZA N. 599 DEL 25/09/2015 "LIMITAZIONI DELLA CIRCOLAZIONE DAL 1 OTTOBRE DI OGNI ANNO AL 31 MARZO DELL'ANNO SUCCESSIVO,

Dettagli

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ED IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL CENTRO ABITATO IL SINDACO

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ED IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL CENTRO ABITATO IL SINDACO COMUNE di NOVARA ORDINANZA N. PROT. N. DEL ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ED IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL CENTRO ABITATO IL SINDACO Visto il D.lgs 13 agosto 2010 n. 155 Attuazione

Dettagli

IL SINDACO. vista la Deliberazione della Giunta Regionale Toscana n. 1133 del 14 Ottobre 2002;

IL SINDACO. vista la Deliberazione della Giunta Regionale Toscana n. 1133 del 14 Ottobre 2002; Area W Opere Pubbliche ed Ambiente Ufficio Traffico Ordinanza n. 775 Prot. N. 927 IL SINDACO Visto il Decreto del Ministero dell Ambiente del 27.03.998 Mobilità sostenibile nelle aree urbane che stabilisce

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 2012/00389 Del: 27/12/2012 Esecutiva da: 27/12/2012 Proponente: Direzione Ambiente,Posizione Organizzativa (P.O.) Vivibilita' urbana OGGETTO: Provvedimenti urgenti per la

Dettagli

ORDINANZA N. 107/2013 DEL 28/09/2013 OGGETTO: ACCORDO DI PROGRAMMA SULLA QUALITA' DELL'ARIA - LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE 2013-2014 IL SINDACO

ORDINANZA N. 107/2013 DEL 28/09/2013 OGGETTO: ACCORDO DI PROGRAMMA SULLA QUALITA' DELL'ARIA - LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE 2013-2014 IL SINDACO COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 107/2013 DEL 28/09/2013 OGGETTO: ACCORDO DI PROGRAMMA SULLA QUALITA' DELL'ARIA - LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE 2013-2014 IL SINDACO

Dettagli

Settore Ambiente e Mobilità INFORMAZIONI. Novità per i veicoli pre EURO 1 benzina e pre EURO 2 diesel

Settore Ambiente e Mobilità INFORMAZIONI. Novità per i veicoli pre EURO 1 benzina e pre EURO 2 diesel Settore Ambiente e Mobilità INFORMAZIONI Novità per i veicoli pre EURO 1 benzina e pre EURO 2 diesel Anche a Cuneo cinque ore di stop al giorno, dal lunedì al venerdì, per i veicoli pre EURO 1 benzina

Dettagli

ORDINANZA N.425 dell 11/11/2011

ORDINANZA N.425 dell 11/11/2011 Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste Ordinanza del Dirigente AREA-A6 Servizio: TRAFFICO Ufficio: TRAFFICO ORDINANZA N.425 dell 11/11/2011 OGGETTO: AREA A6 - ISTITUZIONE DI TEMPORANEE

Dettagli

Comune di Falconara Marittima

Comune di Falconara Marittima Ordinanza N. 12 del 20/02/2014 IL SINDACO TENUTO CONTO che in tutto il territorio comunale sono stati rilevati, più volte, superamenti dei valori limite previsti dalle direttive CEE in materia di qualità

Dettagli

Limitazioni della circolazione stradale dinamica privata dal 03/11/2009 al 31/03/2010

Limitazioni della circolazione stradale dinamica privata dal 03/11/2009 al 31/03/2010 Comune di Rimini U.O. Piano Strategico e URP Ufficio Relazioni con il Pubblico C.so d'augusto, 158-47900 Rimini tel. 0541 704704 - fax 0541 704287 urp@comune.rimini.it www.comune.rimini.it Estratto dell'ordinanza

Dettagli

N. 26 / 05 IL SINDACO

N. 26 / 05 IL SINDACO Ord. N. 26 / 05 IL SINDACO - Preso atto delle conclusioni della riunione tenutasi il 31.01.2005 presso la sede della Provincia di Bologna concordate tra tutti i Comuni presenti, mirate a fronteggiare con

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l.

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. PROGETTO So.S.-M.Bi.O SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. 25 luglio 2006 Premesse I comuni del Patto Territoriale Zona Ovest

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna P.zza Bernardi, n. 1 48014 Castel Bolognese (RA) C.F. e P. Iva 00242920395 SETTORE GESTIONE TERRITORIO SPORTELLO UNICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI TORINO, IL COMUNE DI TORINO, LA FIAT AUTO E LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DI CATEGORIA PER LA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI TORINO, IL COMUNE DI TORINO, LA FIAT AUTO E LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DI CATEGORIA PER LA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI TORINO, IL COMUNE DI TORINO, LA FIAT AUTO E LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DI CATEGORIA PER LA PROGRESSIVA SOSTITUZIONE DEI VEICOLI COMMERCIALI PER IL TRASPORTO DELLE

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA. Ordinanza n. 664

CITTÀ DI IMOLA. Ordinanza n. 664 Ordinanza n. 664 Oggetto: Adozione di provvedimenti temporanei di limitazione della circolazione al fine di ridurre l inquinamento atmosferico a tutela della salute pubblica in attuazione al Piano Aria

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLIZIA LOCALE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLIZIA LOCALE Sede Centrale di Dolo: P.tta dei Storti n.11 30031 Dolo (VE) Tel. 041/410769 Fax 041/413027 Sede distaccata di Fiesso d Artico: c/o Municipio - Piazza Marconi n.16 30032 Fiesso d Artico (VE) Tel 041/5137135

Dettagli

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO IL SINDACO Considerato che il

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 MAGGIO 2007)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 MAGGIO 2007) Protocollo RC n. 10608/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 MAGGIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di mercoledì nove del mese di maggio, alle ore 14,20,

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

Oggetto: Domeniche Ecologiche nei giorni 16 febbraio e 6 aprile 2014. Considerato che con ordinanza dirigenziale n 802 del 21/10/2013 Misure di

Oggetto: Domeniche Ecologiche nei giorni 16 febbraio e 6 aprile 2014. Considerato che con ordinanza dirigenziale n 802 del 21/10/2013 Misure di Rep. Ord. n 037 del 22/01/2014 Oggetto: Domeniche Ecologiche nei giorni 16 febbraio e 6 aprile 2014 IL DIRIGENTE Direzione Mobilità e Trasporti Direttore Ing. Franco Fiorin Settore Mobilità Dirigente arch.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.) Approvato con deliberazione n. 271 del 29.07.10 del Consiglio Comunale REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.) Art. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

Euro complessivi, aumentabili a quindici milioni se l accordo di programma viene sottoscritto anche dalla città capoluogo dell area metropolitana.

Euro complessivi, aumentabili a quindici milioni se l accordo di programma viene sottoscritto anche dalla città capoluogo dell area metropolitana. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 ottobre 2006, n. 57-4131 Precisazioni e chiarimenti sullo Stralcio di Piano per la mobilita in attuazione della l.r. 7 aprile 2000, n. 43 di cui alla D.G.R. 66-3859

Dettagli

COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona

COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona Settore Attività Economiche - Edilizia Privata\\Ecologia Ordinanza N. 93 DEL 16/10/2014 OGGETTO: Azioni preventive e di contenimento degli episodi

Dettagli

Data: 03/11/2010 Ordinanza n. 111/2010. Oggetto: Limitazioni alla circolazione stradale per la qualità dell aria 2010/2011 S I N D A C O

Data: 03/11/2010 Ordinanza n. 111/2010. Oggetto: Limitazioni alla circolazione stradale per la qualità dell aria 2010/2011 S I N D A C O Piazza Grimandi, 1 40011 Anzola dell Emilia Bologna telefono 051-731598 fax 051-6502111 www.comune.anzoladellemilia.bo.it comune@anzola.provincia.bologna.it cod. amm. e AOO: ANZOLAEM Data: 03/11/2010 Ordinanza

Dettagli

ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015

ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015 ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015 Oggetto: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI LEGNANO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO IL SINDACO Considerato

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona

COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona Settore Attività Economiche - Edilizia Privata\\Ecologia Ordinanza N. 17 DEL 06/02/2014 OGGETTO: Seconda giornata provinciale dell'ambiente del

Dettagli

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE Alessandro Bertello Rossella Prandi Sommario 1. Finalità dello studio 2. Aggiornamento inventario delle emissioni 3. Gli scenari emissivi

Dettagli

COMUNE DI RIMINI IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E MOBILITA

COMUNE DI RIMINI IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E MOBILITA Prot. n.162351 del 28/09/2006 COMUNE DI RIMINI IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E MOBILITA Premesso - che il Decreto Legislativo n.351 del 4 agosto 1999 ha dato attuazione alla Direttiva 96/62/CE

Dettagli

Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO

Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO Premesso che con propria Ordinanza n. 37/2011 Rep. n. 205 del 12/02/2011, ha emanato alcune disposizioni orientate al contenimento della concentrazione di

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE ORDINANZA n. 12 del 27/01/2015 OGGETTO: Piano regionale per la qualità dell'aria. Attuazione delle misure di prevenzione e contenimento dell'inquinamento dell'aria

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE O R D I N A N Z A. n. 675 del 29/12/2014

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE O R D I N A N Z A. n. 675 del 29/12/2014 COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE O R D I N A N Z A n. 675 del 29/12/2014 OGGETTO: Piano regionale per la qualità dell'aria. Attuazione delle misure di prevenzione e contenimento dell'inquinamento

Dettagli

LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DINAMICA PRIVATA

LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DINAMICA PRIVATA Estratto dell'ordinanza prot. n.249757 del 23/12/2014 LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DINAMICA PRIVATA VEICOLI CHE NON POSSONO CIRCOLARE 1) Dal 07 gennaio 2015 al 31 marzo 2015 da lunedì a venerdì

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli