PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 P.O.F. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 iscuola CENTRO STUDI LEONARDO DA VINCI Via Cipro BRESCIA

2 Piano dell Offerta Formativa ed Educativa I. iscuola PRESENTAZIONE OBIETTIVI GENERALI STRUTTURA DI COORDINAMENTO INDIRIZZI SCOLASTICI ATTIVI (tradizionali dalla quarta alla quinta) I NUOVI INDIRIZZI PREVISTI DALLA RIFORMA (dalla prima alla terza) II. PROGETTO EDUCATIVO OBIETTIVI DELLE ATTIVITA EDUCATIVO/DIDATTICHE OBIETTIVI DELLE ATTIVITA CULTURALI RAPPORTI CON LE FAMIGLIE DI GIOVANI STUDENTI (under 21) CRITERI ED ELEMENTI DELL IMPOSTAZIONE DIDATTICA PARTECIPAZIONE ATTIVA STRUMENTI PER VERIFICA E VALUTAZIONE VERIFICHE FINALI CREDITO SCOLASTICO COMUNICAZIONI STUDENTI-FAMIGLIA III. DIREZIONE SEGRETERIA - CONTATTI RICEVIMENTI CONTATTI 2

3 I. iscuola PRESENTAZIONE Centro Studi Leonardo da Vinci ha sviluppato ed organizzato in base alle norme sull autonomia scolastica, il progetto denominato iscuola. Scopo principe è poter rendere accessibile a tutti, con particolare ed obbligata attenzione ai lavoratori, lo sviluppo delle proprie conoscenze culturali e permettere a chi è impossibilitato nel frequentare la tradizionale scuola secondaria superiore (diurna o serale), di seguire corsi scolastici attraverso il nostro sistema di istruzione a distanza (iscuola FAD) e conseguire il Diploma di maturità di Stato. Questo è reso possibile utilizzando una strutturata metodologia di erogazione dei contenuti, appositamente studiati e realizzati per i nostri discenti (learning objects), coadiuvata da docenti e tutor, organizzati secondo una calendarizzazione oraria e suddivisi in relazione a materie ed aree tematiche dei rispettivi corsi. Attraverso il sistema iscuola la nostra organizzazione agisce al fine di garantire il diritto allo studio, come previsto dalla nostra Costituzione. In particolare i principi fondamentali del Progetto Educativo si riferiscono agli articoli 3, 33, 34, della Costituzione Italiana: Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali Art. 33 L arte e la scienza sono libere e libero ne è l insegnamento. Art.34 La scuola è aperta a tutti. Centro Studi Leonardo da Vinci oltre a mettere in campo le proprie esperienze e conoscenze maturate, mette a disposizione la propria struttura come sportello didattico di supporto al fine di poter garantire l idonea assistenza agli studenti, incentivare e promuovere iniziative ed incontri, implementando così al nostro sistema di istruzione a distanza, la partecipazione a meeting e workshop, che vengono organizzati durante l anno scolastico. Il piano dell offerta formativa è ispirato alla garanzia e alla tutela dei diritti degli studenti e costituisce l identità di iscuola. 3

4 OBIETTIVI GENERALI I nostri corsi sono stati realizzati con l obiettivo di agevolare e garantire il diritto allo studio in qualsiasi momento della propria vita nonché in ogni luogo. Consentire la riconversione professionale di adulti già inseriti in ambito lavorativo, valorizzare e consolidare l'esperienza e le competenze di cui sono portatori gli studenti. Qualificare giovani e adulti privi di istruzione secondaria e di aggiornata professionalità. Consentire e favorire la crescita e l'operatività delle persone. STRUTTURA DI COORDINAMENTO Utilizziamo modelli organizzativi flessibili, adatti a rispondere alle diverse esigenze degli studenti. La strutturazione è finalizzata alla migliore organizzazione, erogazione e funzionamento dei corsi scolastici, avvalendosi delle seguenti articolazioni: Sezione Didattica Coordinamento Didattico itutor Sezione Amministrativa Segreteria amministrativa Direzione Generale Is1tu1 scolas1ci sedi d esame Orientamento Iscrizioni Comunicazione Segreteria informazioni Consulente Didattico Comparto Web e innovazione Web Engineering Web Development Area Scien1fica Area Linguis1ca Provveditora1 scolas1ci Press Agency Area Eco Giuridica Area Umanis1ca 4

5 INDIRIZZI DEI CORSI SCOLASTICI ATTIVI Istituto Tecnico Commerciale per Ragionieri - I.G.E.A. Durata: 5 anni. Si ottiene il Diploma di Ragioniere e perito Commerciale. Sbocchi post Diploma : accesso a tutti i corsi universitari. Offre inserimento in strutture specifiche di settore o in aziende come figura esperta in economia e contabilità. Il ragioniere ha svariate possibilità di occupazione sia nel settore privato che nella Pubblica Amministrazione. Può esercitare la libera professione sia come commercialista che in qualità di consulente aziendale nell amministrazione, marketing, finanza e logistica. Istituto Tecnico per il Turismo Durata : 5 anni. Si ottiene il Diploma di Perito Turistico. Sbocchi post Diploma: accesso a studi universitari. Sbocchi professionali: in aziende ed agenzie del settore turistico, organizzazioni o enti culturali e turistici, direttore di imprese turistiche, direttore d'albergo, promotore turistico, esperto marketing turistico, guida turistica, accompagnatore turistico, organizzatore congressuale, hostess/steward, receptionist animatore turistico. Istituto Tecnico per Attività Sociali - Dirigente di Comunità Durata 5 anni. Si ottiene il Diploma di Dirigente di Comunità. Sbocchi post Diploma: accesso a tutte le facoltà universitarie, in particolare a quelle con discipline di indirizzo in diritto e sociologia. Possibilità di inserimento nell Amministrazione Pubblica; può prestare la sua opera nei vari tipi di comunità- asili nido, case per gestanti, residenze ricettive estive, istituzioni come convitti, pensionati, case di riposo, refettori scolastici, mense aziendali, in tutte quelle numerose istituzioni a carattere formativo, educativo, medico, sociale ed assistenziale. Liceo Socio Psico Pedagogico Durata 5 anni. Si ottiene il Diploma Socio-Psico-Pedagogico. Sbocchi post Diploma : consente l accesso a qualunque indirizzo universitario. Sbocchi professionali: possibilità di inserimento nel mondo del lavoro nell area dei servizi sociali e dell insegnamento primario. Liceo Scientifico Durata: 5 anni. Si ottiene il Diploma di Maturità scientifica. Sbocchi post Diploma : fornisce una base teorica per qualunque percorso di studi Universitario. Il corso prevede accanto alle materie più classiche, una preparazione sulle discipline scientifiche, caratterizza il corso il legame tra cultura scientifica e umanistica, in senso della liceità. Istituto Tecnico Industriale per l Informatica Durata 5 anni. Si ottiene il Diploma di Perito Informatico. Sbocchi post Diploma : accesso a percorso studi Universitari. Inserimento nel mondo del lavoro come tecnico del settore hardware e software, come libero professionista o free lance. 5

6 Istituto Tecnico Industriale per l Elettronica e Telecomunicazioni durata : 5 anni. Si ottiene il Diploma di Perito Elettronico. Sbocchi professionali : accesso a studi universitari. In aziende del settore per progettazione, organizzazione ed esecuzione di impianti elettronici e similari o come libero professionista. Nota: I suddetti corsi riportati saranno disponibili solo per la classe V^ a seguito della riforma Gelmini sul riordino della scuola secondaria di II grado. Il riordino con i nuovi indirizzi di studio entrerà a pieno regime nell anno scolastico 2014/2015. ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING dalla classe prima alla quarta ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO TURISMO Dalla classe prima alla quarta: LICEO DELLE SCIENZE UMANE Dalla classe prima alla quarta LICEO SCIENTIFICO (nuovo ordinamento) Dalla classe prima alla quarta ISTITUTO TECNICO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Dalla classe prima alla quarta ISTITUTO TECNICO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Dalla classe prima alla quarta 6

7 II. PROGETTO EDUCATIVO Con il progetto iscuola si sono poste delle finalità, degli obiettivi e studiati dei metodi in modo che questi si attuino e costituiscano riferimento quotidiano di tutti coloro che operano nelle attività didattiche. OBIETTIVI DELLE ATTIVITA EDUCATIVO - DIDATTICHE La programmazione e l attività dei corsi viene attuata nella persecuzione dei seguenti obiettivi didattici: Ø Acquisire un metodo di lavoro autonomo ed efficace. Ø Acquisire maggior autocontrollo e senso di responsabilità. Ø Partecipare alle attività didattiche in modo attivo e proficuo per la propria persona. Ø Collaborare con insegnanti in modo corretto ed efficace. Ø Gestire il proprio tempo in modo proficuo. Ø Rispettare scadenze ed essere puntuali nell esecuzione delle consegne. Ø Riconoscere ed accettare i propri successi ed insuccessi. Ø Acquisire competenze nell'ambito delle comunicazioni interpersonali. Ø Acquisire un atteggiamento critico. Ø Conoscere e rielaborare correttamente i contenuti disciplinari. Ø Saper prendere appunti e rielaborarli in modo logico. Ø Conoscere i linguaggi specifici delle varie discipline. Ø Esprimersi in modo chiaro e corretto, utilizzando i linguaggi specifici delle varie discipline. Ø Utilizzare in modo sufficiente le tecniche e le abilità di calcolo. Ø Risolvere problemi valutando l attendibilità dei risultati. Ø Comunicare ed interagire in lingua straniera in contesti comunicativi diversificati in ambito di vita quotidiana e non. Ø Utilizzare in modo autonomo le abilità pratiche, operative, espressive. Ø Acquisire i concetti fondamentali delle diverse discipline. Ø Utilizzare terminologie e il lessico specifici. Ø Comprendere e riferire in modo adeguato i contenuti proposti. Ø Acquisire capacità di operare confronti e collegamenti interdisciplinari. Ø Utilizzare le conoscenze acquisite per affrontare varie problematiche. Ø Saper costruire ed utilizzare schemi e mappe concettuali. Ø Acquisire la capacità di documentare il proprio lavoro con bibliografie di tipo cartaceo e digitale. 7

8 OBIETTIVI DELLE ATTIVITA CULTURALI iscuola attraverso le sue attività ed i percorsi didattici erogati vicini alla realtà del mondo odierno e alle nuove tecnologie, si pone per favorire ed incrementare i seguenti fattori: Ø Una formazione culturale in continua espansione. Ø Una visione del mondo ampia, articolata. Ø Il sorgere di capacità di ricerca e di scelte consapevoli in modo da sapersi orientare e adeguatamente nella realtà socio-culturale. Ø Guidare alla conquista di una metodologia di lavoro attraverso stimoli, sollecitazioni, perché i discenti comprendano che la quantità delle nozioni apprese non è il fine dell intervento didattico, bensì lo sviluppo graduale dell attitudine personale volta alla curiosità ed al conoscere che, incoraggia i discenti ad ampliare il proprio sapere ed a trovare nuovi e diversi interessi. Ø Disponibilità al cambiamento, alla mobilità mentale per gestire flessibilmente ed in maniera autonoma varie situazioni per meglio adeguarsi ai mutamenti di una società in repentino e continuo mutamento. Ø Una professionalità di base per affrontare e risolvere gli specifici problemi dell area professionale prescelta o per la continuazione degli studi. Ø Una conoscenza culturale adeguata alla continuazione degli studi universitari o all inserimento nel mondo del lavoro. Ø Una preparazione culturale e professionale che sappia ricorrere alle nuove tecnologie senza con ciò, disconoscere la validità delle metodologie tradizionali. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE DI GIOVANI STUDENTI (under 21) Le famiglie degli studenti più giovani, devono essere allo stesso tempo compartecipi di ogni processo formativo e ovviamente referenti principali con iscuola. Il rapporto con questi ultimi, sarà quindi caratterizzato da uno scambio circolare di informazioni e da una fattiva collaborazione nella supervisione dell approccio e della costanza dello studente verso il corso scolastico. Nel dovuto rispetto dei ruoli e delle competenze, è auspicato si possa instaurare un sereno, costruttivo e sincero dialogo che possa contribuire al raggiungimento degli obiettivi che ci accomunano. iscuola si impegna ad informare i genitori su tutto ciò che riguarda l andamento scolastico degli studenti cercando di coinvolgere i genitori non appena dovesse presentarsi qualche aspetto problematico. E molto importante che anche i genitori si informino costantemente in modo da poter anticipare e prevenire l eventuale insorgenza di inaspettate problematiche. 8

9 CRITERI ED ELEMENTI DELL IMPOSTAZIONE DIDATTICA L attività didattica è ispirata alla realizzazione di un processo attraverso il quale si sviluppa l apprendimento. Il fine di questo processo è la consapevolezza del percorso svolto dallo studente e la modifica dell atteggiamento dello stesso nell approccio alla conoscenza, incentivato e spronato a ricercare, apprendere e rielaborare. La struttura del processo educativo-formativo è articolata in molteplici elementi: Ø Orientamento scolastico preliminare Ø Programmazione individualizzata del piano di studio Ø Erogazione delle Learning Objects Ø Monitoraggio e supervisione di tutor Ø Assistenza degli insegnanti Gli elementi soprariportati sono inseparabili, modulari, l uno funzionale all altro. La programmazione è progetto portante di tutta l attività didattica che si svolgerà durante il percorso di studi e il singolo anno scolastico. Questo è finalizzato al raggiungimento degli obiettivi formativi per lo studente in relazione all indirizzo di studio scelto. Per sviluppare e favorire l acquisizione di nuove conoscenze nella didattica scolastica erogata mezzo telematica, si è resa indispensabile l individuazione di metodi e strumenti idonei al loro raggiungimento, identificare strategie di apprendimento, in rete e non, sincrone ed asincrone, basate su approcci pedagogici adeguati. Per questo I nostri corsi offrono la possibilità di attivare processi cooperativi tra studenti ed insegnanti. Proprio a riguardo negli anni, si è dimostrato che l apprendimento collaborativo è una delle strategie più efficaci della didattica in rete. L azione dell insegnare si concretizza nel progettare, programmare, allestire e nel far funzionare un impianto di sistemi e contenuti didattici basati sul protagonismo dello studente. Non si ha quindi solo un azione diretta di insegnamento da parte del docente, quanto piuttosto di facilitazione e supporto nei confronti degli studenti. I processi educativi basati sull uso della telematica necessitano e richiedono il possesso delle seguenti competenze di base: Ø Saper utilizzare il web, i sistemi informatici ed i suoi servizi di base Ø Saper ricercare le informazioni ed accedere ad esse Ø Saper integrare le didattica tradizionale con quella multimediale, interattiva, collaborativa e a distanza Le linee guida dettate dal Ministero della Pubblica Istruzione, sono i riferimenti utilizzati per la stesura dei programmi dei corsi scolastici erogati agli studenti. I corsi hanno struttura modulare incentrata su di una didattica diretta alla comprensione dei contenuti erogati tramite Learning Objects (testi, immagini, schematizzazioni e video). 9

10 I contenuti delle singole Learning Objects racchiuse nei corsi dei vari indirizzi di studio, non sono fine dell insegnamento ma strumento per il raggiungimento degli obiettivi e il perseguimento delle finalità generali dell azione educativa e didattica. I contenuti del corso sono personalizzati in relazione alla tipologia di indirizzo e classe di corso scelta da frequentare, nonchè in relazione ad ulteriori individuali esigenze dello studente, emerse in un profilo scolastico tracciato in entrata. I corsi si attivano nel mese di Settembre, secondo l organizzazione del calendario scolastico per il nuovo anno scolastico e terminano con l ultima prova degli esami finali di Idoneità o Maturità di Giugno. Ogni percorso scolastico è suddiviso in numero tre moduli, erogati seguendo e rispettando cadenza trimestrale. Ogni modulo è composto da tutte le materie relative all indirizzo e classe di corso scelto, contenenti Learning Objects indicizzate, inerenti tutte le argomentazioni dei rispettivi programmi scolastici, con relativi test in autovalutazione. Il tutoraggio e la supervisione degli studenti viene affidata a professionisti con conoscenze pedagogiche mentre, l erogazione diretta di spiegazioni, chiarimenti ed approfondimenti dei contenuti dei corsi, è affidata a insegnanti con comprovata specializzazione nelle aree di indirizzo dei vari corsi. PARTECIPAZIONE ATTIVA Ogni studente è tenuto a seguire il proprio corso scolastico impegnandosi ad accedere frequentemente alla propria area riservata e a controllare le comunicazioni pervenutegli, in modo tale da avanzare correttamente nel percorso. E responsabile di custodire e non rivelare i propri dati e relative password fornitegli da iscuola per l accesso alla propria area riservata. Gli studenti sono tenuti ad essere in possesso di un quaderno per prendere nota degli appunti e di un quaderno per espletare esercizi. I quaderni possono avere differenti forme e dimensioni ma devono essere suddivisi per ogni materia del corso. L impostazione didattica di iscuola prevede che il lavoro scolastico in tutte le sue forme tradizionali, (fruizione di contenuti, spiegazioni, esercitazioni, studio individuale e verifiche) riesca a trovar spazio adeguato e posizionarsi all interno dei diversi momenti della propria giornata. E' importante però che lo studente sviluppi il proprio ritmo, fissando gli orari per lui migliori nella giornata da dedicare allo studio, stabilendo obiettivi primari e secondari. Resta inteso che sarà compito degli studenti non ridursi, come si usa dire, all ultimo minuto. Qualora si riscontrasse scarsa assiduità da parte dell allievo iscuola è tenuta a sollecitare lo stesso e/o la famiglia. 10

11 STRUMENTI PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE Il termine verifica è da intendersi nel significato educativo e didattico come misurazione del grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati. iscuola destrutturando la tradizionale mentalità scolastica che considera il voto lo scopo finale, incentiva lo studente ad una misurazione dell apprendimento come un fatto che coinvolge tutta l attività di insegnamento e supervisione. Il raggiungimento degli obiettivi prefissati e la valutazione finale, sono parametri con i quali confrontarsi per analizzare le possibili cause che possono aver provocato l eventuale insuccesso. A fine di ogni trimestre, dopo l erogazione e lo svolgimento di verifiche suddivise per aree tematiche dei corsi, sarà consegnata ad ogni studente ed eventualmente comunicata ai genitori, una scheda riepilogativa dell andamento generale nelle singole aree tematiche e discipline. Ogni studente dovrà necessariamente domandarsi che cosa ha fatto o non ha fatto in termini di impegno e collaborazione, così come ogni insegnante o tutor dovrà chiedersi che cosa non ha fatto in termini di coinvolgimento, di chiarezza nelle indicazioni, di pianificazione didattica e di messa in atto di tutte le abilità e competenze di insegnamento. La verifica del raggiungimento degli obiettivi preposti si ottiene attivando i seguenti processi di verifica: Ø Test in autovalutazione alla fine delle Learning Objects: sono studiati per verificare la comprensione di quanto contenuto nell'unità didattica stessa. Le prove di autovalutazione on-line aiutano lo studente a valutare la propria preparazione. Ø Colloqui frontali con docenti per valutare il livello di comprensione e la capacità di esposizione. Ø Test di fine quadrimestre: test multidisciplinare suddiviso per le diverse aree tematiche del corso erogato per verificare a fondo il livello di comprensione e di rielaborazione dello studenti. Alcuni test possono richiamare precedenti tracce di argomentazione di esami e sono quindi particolarmente performanti in vista delle rispettive prove d'esame. Il test quadrimestrale di fine modulo aiuta a comprendere il livello di preparazione e di comprensione dei contenuti. Ø Esami finali di Idoneità ed esami di Maturità di Stato: esami di fine corso necessari per accertare secondo le vigenti normative dettate dal Ministero della Pubblica Istruzione, il livello delle conoscenze e gli obiettivi raggiunti. Questi ultimi non vengono espletati a distanza ma svolti in presenza presso le sedi di Istituti pubblici Statali e Paritari. 11

12 VERIFICHE FINALI Gli esami di fine corso scolastico, sia per quanto riguarda gli esami Idoneità, che per gli esami di Maturità di Stato, vengono svolti secondo le vigenti normative in materia di studente candidato privatista. Tutti gli esami vengono svolti presso le sedi di Istituti pubblici Statali o Paritari. Gli Istituti paritari in cui potrà essere iscritto lo studente per sostenere i relativi esami, sono Istituti aderenti al progetto iscuola e presenti in tutto il territorio nazionale. La scelta della sede d esame avviene in funzione del profilo scolastico studente, dei posti disponibili per il corso di studi prescelto e dalle vigenti normative di legge in materia. L idoneità di accesso alla classe successiva viene deliberata dal Consiglio di Classe quando lo studente riporta una votazione non inferiore a sei in tutte le discipline. Nei confronti degli studenti per i quali sia stata espressa una valutazione positiva in sede di scrutinio finale al termine dell esame inerente il terzo ed il quarto anno di corso, il consiglio di classe procede altresì all attribuzione del punteggio di credito scolastico. Per quanto riguarda l esame di Maturtità, in base al nuovo Regolamento per la valutazione degli studenti, varato nel 2009 ed entrato in vigore nell anno scolastico 2009/2010, sono ammessi agli Esami di Stato soltanto gli studenti che, nelle prove preliminari di ammissione, abbiano conseguito una votazione non inferiore a 6 in tutte le prove delle relative materie del proprio corso. La decisione relativa all ammissione agli esami appartiene al consiglio di classe, presieduto dal dirigente scolastico (o da un suo delegato), a garanzia della uniformità dei giudizi sia all interno della classe, sia nell ambito di tutto l istituto. Esame di Maturità di Stato: la prima prova mira ad accertare la conoscenza e la capacità di utilizzo della lingua italiana. Oltre al tema lo studente la possibilità di ricorrere ad altri tipi di scritti: l'analisi e il commento di un testo, letterario o no, la redazione di un testo personale sotto forma di recensione, saggio breve, lettera, articolo di giornale. La seconda prova riguarda una delle materie che caratterizzano l'indirizzo di studi specifico. Entrambe le prime due prove saranno decise dal ministero della Pubblica istruzione. La terza prova verifica la preparazione raggiunta nelle altre materie studiate ed è composta da quesiti a risposta singola o multipla, nella soluzione di problemi, di casi pratici o professionali o nello sviluppo di progetti. Per tutto quanto non espressamente considerato va tenuto ugualmente conto della normativa scolastica e di tutta la legislazione generale vigente. 12

13 CREDITO SCOLASTICO Estratto dalla normativa vigente in merito alla assegnazione del credito scolastico (D.M. 42 DEL 22/05/2007 E D.M. 99 DEL 16/12/2009). Il consiglio di classe attribuisce ad ogni alunno che ne sia meritevole, nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni della scuola secondaria superiore, un apposito punteggio per l andamento degli studi, denominato credito scolastico. La somma dei punteggi ottenuti nei tre anni costituisce il credito scolastico che si aggiunge ai punteggi riportati dai candidati nelle prove d esame scritte e orali. CANDIDATI ESAMI DI IDONEITA La media voti permette di individuare grazie alla tabella successiva la fascia di credito. Il minimo di tale fascia spetta all alunno direttamente, per ottenere il punto aggiuntivo (massimo della fascia di riferimento) in mancanza di altri elementi si ritiene opportuno applicare un criterio strettamente matematico e quindi l alunno dovrà avere una media voti della metà della fascia di riferimento (es. 6,50) N.B. IL PUNTEGGIO VA MOLTIPLICATO PER DUE NEL CASO DI IDONEITA RELATIVA A 2 ANNI DI CORSO. (ESEMPIO: CORSO SCOLASTICO TERZO E QUARTO ANNO CON ESAME INDONEITA V) CANDIDATI ESAMI PRELIMINARI La media voti permette di individuare grazie alla tabella successiva la fascia di credito. Il minimo di tale fascia spetta all alunno direttamente, per ottenere il punto aggiuntivo (massimo della fascia di riferimento) in mancanza di altri elementi si ritiene opportuno applicare un criterio strettamente matematico e quindi l alunno dovrà avere una media voti della metà della fascia di riferimento (es. 6,50) N.B. IL PUNTEGGIO VA MOLTIPLICATO PER DUE O PER TRE NEL CASO DI IDONEITA RELATIVA A 2 O 3 ANNI DI CORSO. 13

14 COMUNICAZIONI iscuola - STUDENTI FAMIGLIA Le comunicazioni tra gli attori della realtà scolastica costituiscono un punto di riferimento fondamentale, cui si cercherà in ogni modo di ottemperare. Lo strumento di comunicazione, viene impiegato quotidianamente in quanto integrato nella piattaforma iscuola, all interno della propria area riservata. Lo studente accedendo nell area relativa al suo profilo, potrà prendere visione di tutte le comunicazioni relative alla scuola. Verranno anche predisposte comunicazioni attraverso , sms e telefonate a studenti o famigliari, nei casi in cui si renda necessario sollecitare la visione di particolari comunicazioni. (avvisi, incontri, segnalazioni varie, convocazioni, scarsa partecipazione, ecc..) Studenti o Genitori possono in qualunque momento far riferimento alla Direzione di iscuola, appositamente incaricata di seguire gli andamenti complessivi e le risoluzioni di eventuali problematiche. Per ovvie ragioni organizzative, è opportuno fissare un appuntamento di persona o un appuntamento telefonico. Per tutto quanto non espressamente considerato va tenuto ugualmente conto della normativa scolastica e di tutta la legislazione generale vigente. L iscrizione ad iscuola comporta la piena ed incondizionata accettazione del progetto educativo. 14

15 IV. DIREZIONE SEGRETERIA - CONTATTI DIREZIONE La Direzione, è disponibile a ricevere dal Lunedì al Sabato previo appuntamento. SEGRETERIA E possibile contattare la Segreteria di iscuola nei seguenti orari: - Da Lunedì a Venerdì dalle ore 9.00 alle ore Saranno messi a disposizione di studenti e famiglie, numeri di telefonia mobile per contattare direttamente il referente di Direzione o Segreteria di cui si necessita consulto. INDIRIZZI A questo indirizzo è possibile richiedere tutte le informazioni generali di cui si necessita per conoscere al meglio iscuola e le sue attività. A questo indirizzo risponde l area Amministrativa di iscuola che gestisce tutti i rapporti amministrativi e burocratici. Questo indirizzo è a disposizione di chiunque voglia offrire il proprio contributo ad iscuola per proporre o consigliare eventuali migliorie. Telefono Numero Verde iscuola Centro Studi Leonardo da Vinci Via Cipro Brescia 15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO QUICK GUIDE ESAMI DI STATO Le operazioni da eseguire sono semplici e lineari, ma è opportuno ricordarne la corretta sequenza nella quale vanno eseguite. Flusso delle operazioni da eseguire: 1. Inserimento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli