Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?"

Transcript

1 Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Il 22 giugno durante il Festival del lavoro nella splendida cornice del salone Vanvitelliano di Brescia, si è tenuto l'incontro dal titolo Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? dove illustri relatori si sono confrontati sul tema. L'incontro è stato moderato dal dott. De Fusco, coordinatore scientifico della Fondazione Studi che ha permesso ai relatori di interagire, confrontandosi sui punti più critici della disciplina, con un matching di domande e risposte. Vediamo nel dettaglio uno dei punti di maggiore criticità affrontati nella tavola rotonda. 1)Il problema dell efficacia soggettiva del contratto collettivo aziendale. A chi si applica, chi può dissentire? L' efficacia soggettiva del contratto collettivo aziendale, che è poi il tema affrontato dal Protocollo del 28 giugno e dall'articolo 8 e altro tema legato a quest' ultimo, è quello dei criteri di rappresentatività del sindacato; cioè da un lato c'e' il problema del contratto collettivo e dell'efficacia soggettiva, a chi si applica, ma più a chi si applica, chi può dissentire, chi dissentiva dal nuovo contratto dei metalmeccanici, chi dissentisce dal nuovo contratto della Fiat, chi dissentisce dal contratto aziendale, poiché la sua efficacia non è erga omnes, ma se non è erga omnes con una legge, c'e' qualcuno che può dissentire, creando però un problema, poiché la spinta dell'ordinamento, sopratutto quando il contratto è ablativo e non acquisitivo, è quella che venga applicato a tutti i lavoratori, in tal senso abbiamo l'esempio degli accordi gestionali che la Corte Costituzionale ha voluto erga omnes. 2)Quali sono i soggetti che possono stipulare contratti collettivi aziendali che abbiano efficacia genaralizzata? Il secondo problema invece è individuare quei soggetti che abbiano particolare credibilità, o per legge, o perchè vengono individuati dei criteri condivisi dalle parti sociali, che possano stipulare i contratti che abbiano efficacia generalizzata, perchè non si può pensare che vi siano più contratti collettivi aziendali con efficacia generalizzata, perchè a quel punto o se ne applica uno o l'altro, creando una pluralità sindacale che susciterebbe un problema, che poi deve essere risolto dai giudici come è stato fatto. Vi è partanto la necessità sopratutto politica, che il contratto aziendale abbia efficacia generale e vedere perchè vi è questa necessità e capire quando si crea, e dall'altro lato, capire quali sono i soggetti che possono stipulare contratti collettivi che abbiano efficacia genaralizzata.

2 Questi due problemi pare che siano stati affrontati e risolti sia con il caso Fiat, dal Protocollo del 28 giugno e dallo stesso art. 8. Allora il problema fondamentale è che il contratto collettivo nel nostro ordinamento è un contratto di diritto privato, il contratto collettivo si applica solo con il consenso dei lavoratori e del datore di lavoro e non ha un' efficacia generalizzata, nè quello nazionale, nè quello aziendale, che è sempre un contratto collettivo, pur con delle pecularietà. Questa regola vale sia per il contratto nazionale, ma anche per quello aziendale. A questo punto è necessario ragionare sui soggetti della contrattazione collettiva, qui veniamo alle RSA e RSU, dal lato dei lavoratori i soggetti sindacali sono sempre soggetti collettivi, il lavoratore come singolo non può mai fare contratti collettivi, semmai può fare il contratto plurimo, che è la somma di contratti individuali; dal lato lavoratore il contratto collettivo può essere stipulato soltanto da un soggetto collettivo, che non per forza deve essere un'associazione sindacale o un' organizzazione sindacale, cioè un organizzazione non riconosciuta ai sensi dell'art. 36 del c.c.; se siamo a livello nazionale sicuramente è un associazione sindacale, che è quella dell'art. 36 del c.c., ovvero un'associazione non riconosciuta, perchè i sindacati non sono riconosciuti, non hanno personalità giuridica, chi agisce ne risponde personalmente oltre al fondo del sindacato. A livello aziendale il contratto collettivo lo può stipulare, anche un soggetto non riconosciuto a livello associativo, una RSA o RSU o un gruppo di lavoratori che è rappresentativo di tutti, ma cosa devono fare i lavoratori per elevarsi a stipulare il contratto collettivo, che è espressione di un bene collettivo? Nel contratto individuale plurimo ogni lavoratore agisce per sè, in quello collettivo il bene non è del singolo lavoratore. Voglio fare un contratto collettivo, in questo caso il ragionamento deve andare verso il criterio della maggiore rappresenatività o del comparativamente più rappresentativo. "Tu datore di lavoro" hai esigenza di fare una regolamentazione generalizzata, un regolamento interno, la macchina aziendale, voglio fare un contratto collettivo, che riguarda un bene che il singolo non può ottenere, un bene che massimizza quello dei singoli, alcuni lavoratori vanno in rappresentenza degli altri, che tra i lavoratori diventano rappresentativi di tutti e il valore del contratto collettivo è valevole per tutti, bisogna vedere poi se il meccanismo funziona perchè quei lavoratori potrebbero dissentire, ma se il contratto è acquisitivo, allora nessuno dissentisce perchè non gli conviene e il contratto vale per tutti.

3 La contrattazione collettiva è svincolata dal numero dei dipendenti, allora quale è il rapporto tra contratti collettivi di diverso livello, se il datore di lavoro è svincolato da un sistema sindacale, non è sottoposto alle regole convenzionali dei Protocolli, è libero, ma se il datore di lavoro è iscritto ai sindacati ed ha firmato i Protocolli, quello del 2009 per esempio, allora deve rispettare le regole del Protocollo e il contratto aziendale dovrà regolare solo determinate materie. Su alcune materie il legislatore dice chi puoi regolarle con il contratto collettivo, però nel delegare la contrattazione collettiva lo consente solo per il contratto collettivo comparativamente più rappresentativo; a questo punto il datore di lavoro che non applica il contratto collettivo, deve far riferimento al contratto collettivo stipulato dai sindacati maggiormente rappresentativi, quindi è diventato un problema perchè se deve regolare quelle materie deve parlare con quei soggetti lì, perchè sono quelli che hanno l'accreditamento per regolare quelle specifiche materie. Ti fai il contratto aziendale e ti regoli alcune materie, ma sotto il valore legale il contratto aziendale non può andare. Se non firmo il contratto nazionale posso anche andare sotto lo stesso contratto nazionale, quando però il contratto collettivo regola alcune materie su delaga della legge e la legge rimanda al sindacato comparativamente più rappresentativo, in quel caso il contratto aziendale bisogna farlo con il sindacato comparativamente più rappresentativo. Per alcune materie, quali l'orario di lavoro, se non si ha il vincolo di quello nazionale, viene applicato solo il contratto collettivo aziendale, se hai un contratto nazionale, allora non è possibile, perchè i sindacati si sono dati una struttura per cui il contratto aziendale è sottoposto al nazionale, tranne nel caso Fiat, perchè è uscita dal Protocollo e può cambiare le regole, perchè si tratta comunque di un contratto con efficacia tra le parti. Vi è anche il vincolo del contratto collettivo comparativamente più rappresentativo sul piano previdenziale. Il discorso sui soggetti viene concluso dicendo che alcuni contratti collettivi prevedono che le RSA devono prevedere un minimo di iscritti, la regolamentazione delle RSA è tutto nella giurisprudenza, nella legge non c'è scritto nulla, i lavoratori delle RSA devono avere un ruolo sindacale. Il datore di lavoro può stipulare il contratto collettivo anche come singolo, il professor dell'olio diceva che il datore di lavoro è una coalizione e da solo esprime un interesse collettivo; negli usi aziendali, ad esempio, che è un tipo di comportamento collettivo, il datore di lavoro potrebbe concedere dei benefits ai lavoratori, pur non essendo previsto da

4 alcun contratto collettivo, ma una volta concessi non può toglierli, a meno che non venga deciso con trattative sindacali. Terzo problema è quello della forma del contratto collettivo, che è libera, non presuppone quindi un atto scritto ad substantiam, anche se poi tutti i contratti collettivi sono scritti, pensiamo a quelli del pubblico impiego che vengono anche pubblicati nella Gazzetta Ufficiale e in questo caso appunto si pone il problema se considerarli pubblici o privati e la giurisprudenza sul punto dice che sono di natura privatistica. 3)L efficacia è peraltro condizionata al fatto che le intese siano sottoscritte sulla base di un criterio maggioritario relativo alle predette rappresentanze sindacali. Cosa si intende per criterio maggioritario? Il cirterio maggioritario costituisce una delle condizioni per dare efficacia generale agli accordi aziendali/territoriali, a patto che siano finalizzati a perseguire i fini indicati dal legislatore. Il legilsatore non ha proceduto a descrivere il criterio maggioritario e le sue modalità applicative con riferimento alle RSA e RSU. Ma proprio questa mancanza ci permette di affermare, dice il Professor Maresca che l art. 8 si sia limitato ad enunciare il criterio maggioritario sul presupposto che le modalità applicative vadano rintracciate all interno dell Accordo Inteerconfederale e quindi dall ordinamento intersindacale. 4)Qual è la finalità, la causa in concreto del contratto di prossimità? L'art. 8 al comma 1 stabilisce che I contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale da associazioni dei lavoratori comparativamente piu' rappresentative sul piano nazionale ovvero dalle rappresentanze sindacali operanti in azienda possono realizzare specifiche intese finalizzate alla maggiore occupazione, alla qualita' dei contratti di lavoro, alla emersione del lavoro irregolare, agli incrementi di competitivita' e di salario, alla gestione delle crisi aziendali e occupazionali, agli investimenti e all'avvio di nuove attivita'. Il comma 2 dello stesso art. 8 prevede che: Le specifiche intese di cui al comma 1 possono riguardare la regolazione delle materie inerenti l'organizzazione del lavoro e della produzione incluse quelle relative: a) agli impianti audiovisivi e alla introduzione di nuove tecnologie; b) alle mansioni del lavoratore, alla classificazione e inquadramento del personale; c) ai contratti a termine, ai contratti a orario ridotto, modulato o flessibile, al regime della solidarieta' negli appalti e ai casi di ricorso alla somministrazione di lavoro; d) alla disciplina dell'orario di lavoro; e) alle modalita' di assunzione e disciplina del

5 rapporto di lavoro, comprese le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e le partite IVA, alla trasformazione e conversione dei contratti di lavoro e alle conseguenze del recesso dal rapporto di lavoro, fatta eccezione per il licenziamento discriminatorio e il licenziamento della lavoratrice in concomitanza del matrimonio. La contrattazione aziendale interviene solo a seguito di una delega conferita dalla legge o dal CCNL che indica quelle materie che di volta in volta possono essere regolementate dal contratto di secondo livello. L'art. 8 al 2 comma, supera questa regola e dà la possibilità alla contrattazione aziendale di poter intervenire su quelle materie tassativamente elencate dal legisltore, senza deleghe da parte del CCNL. 5)L art. 8, d.l. n. 138, e il profilo di costituzionalità per contrasto con la seconda parte dell art. 39 Cost.? Un altro punto da considerare è se l'estensione erga omnes dei contratti collettivi aziendali o territoriali trovi contrasto nel quarto comma dell art. 39, Cost. La risposta è negativa, poiché lo stesso articolo della Carta Costituzionale rimanda unicamente al contratto collettivo di categoria, senza riferirsi ad altre forma di contrattazione collettiva. Alla tavola rotonda hanno partecipato il Professor Arturo Maresca, Università degli Studi La Sapienza di Roma, il Professor Angelo Pandolfo, Università degli Studi La Sapienza di Roma, il dott. Paolo Pennesi, Direttore generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l'avv. Pasquale Staropoli Esperto Fondazione Studi, il dott. Gianluca Alessio Giudice della Sezione Lavoro del Tribunale di Brescia.

6 art. 8 Sostegno alla contrattazione collettiva di prossimita' 1. I contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale da associazioni dei lavoratori comparativamente piu' rappresentative sul piano nazionale ovvero dalle rappresentanze sindacali operanti in azienda possono realizzare specifiche intese finalizzate alla maggiore occupazione, alla qualita' dei contratti di lavoro, alla emersione del lavoro irregolare, agli incrementi di competitivita' e di salario, alla gestione delle crisi aziendali e occupazionali, agli investimenti e all'avvio di nuove attivita'. 2. Le specifiche intese di cui al comma 1 possono riguardare la regolazione delle materie inerenti l'organizzazione del lavoro e della produzione incluse quelle relative: a) agli impianti audiovisivi e alla introduzione di nuove tecnologie; b) alle mansioni del lavoratore, alla classificazione e inquadramento del personale; c) ai contratti a termine, ai contratti a orario ridotto, modulato o flessibile, al regime della solidarieta' negli appalti e ai casi di ricorso alla somministrazione di lavoro; d) alla disciplina dell'orario di lavoro; e) alle modalita' di assunzione e disciplina del rapporto di lavoro, comprese le collaborazioni coordinate e continuative a progetto e le partite IVA, alla trasformazione e conversione dei contratti di lavoro e alle conseguenze del recesso dal rapporto di lavoro, fatta eccezione per il licenziamento discriminatorio e il licenziamento della lavoratrice in concomitanza del matrimonio. 3. Le disposizioni contenute in contratti collettivi aziendali vigenti, approvati e sottoscritti prima dell'accordo interconfederale del 28 giugno 2011 tra le parti sociali, sono efficaci nei confronti di tutto il personale delle unita' produttive cui il contratto stesso si riferisce a condizione che sia stato approvato con votazione a maggioranza dei lavoratori.

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCATI

STUDIO LEGALE FERRARO GIOVE E ASSOCATI Disciplina del rapporto di lavoro e contenimento delle tipologie contrattuali flessibili. La riforma del mercato del lavoro definitivamente approvata,conferma gli intenti di superamento della c.d. flessibilità

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

Riforma del lavoro e tutela del credito:

Riforma del lavoro e tutela del credito: Riforma del lavoro e tutela del credito: nuovi scenari di un mercato in evoluzione. 26 luglio 2012 Roma ATA Hotel Villa Pamphili 2 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI A PARTITA IVA E DELLE COLLABORAZIONI

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE IN MATERIA DI TVCC E PRIVACY. Mauro Favetta Veneto Banca Responsabile Servizio Sicurezza e Servizi Ausiliari

NOVITA LEGISLATIVE IN MATERIA DI TVCC E PRIVACY. Mauro Favetta Veneto Banca Responsabile Servizio Sicurezza e Servizi Ausiliari NOVITA LEGISLATIVE IN MATERIA DI TVCC E PRIVACY Mauro Favetta Veneto Banca Responsabile Servizio Sicurezza e Servizi Ausiliari PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DELLA CRIMINALITA IN BANCA Art.4 Le

Dettagli

L'art. 8 della l. n. 148/2011 ed il "primato" della contrattazione aziendale

L'art. 8 della l. n. 148/2011 ed il primato della contrattazione aziendale L'art. 8 della l. n. 148/2011 ed il "primato" della contrattazione aziendale Il provvedimento emesso dal Tribunale di Torino il 23 gennaio 2012 rappresenta a quanto consta la prima applicazione dell art.

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

CCNL e modifiche unilaterali

CCNL e modifiche unilaterali CCNL e modifiche unilaterali Cosa sono i CCNL e chi sono i soggetti a cui si applicano? I Contratti collettivi nazionali di lavoro sono una tipologia di contratti di lavoro stipulati a livello nazionale

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016

RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016 Master universitario di II livello in RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016 1. Finalità Il Master, promosso

Dettagli

Domande di Diritto del Lavoro

Domande di Diritto del Lavoro Domande di Diritto del Lavoro Lo staff di Vivere Giurisprudenza ha raccolto per voi le domande di questa materia per facilitarvi nella preparazione della stessa. Tutto è stato possibile grazie al vostro

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott.

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4340 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU

Dettagli

Rappresentanza dei lavoratori e contrattazione collettiva oggi

Rappresentanza dei lavoratori e contrattazione collettiva oggi Rappresentanza dei lavoratori e contrattazione collettiva oggi 1 Vincenzo Bavaro (Università di Bari) Che il sistema contrattuale delineato nel 1993 col Protocollo sulla politica dei redditi mostrasse

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI

CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI Articolo 4 - CESSAZIONE DI APPALTO Rilevato che il settore è caratterizzato, nella generalità

Dettagli

1. Profili generali dell idealtipo subordinato a tempo indeterminato. L art.2094c.c... 23

1. Profili generali dell idealtipo subordinato a tempo indeterminato. L art.2094c.c... 23 xi Presentazione... vii INTRODUZIONE IL DIRITTODEL LAVOROEDELLAPREVIDENZA COME SCIENZA GIURIDICA AUTONOMA 1. Rivoluzioneindustrialeedirittodeiborghesi... 3 1.1. La prima disciplina civilistica e la difesa

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLA LEGGE FORNERO NEL SETTORE DEL FIELD MARKETING Un esperienza-pilota per la costruzione di un nuovo diritto del lavoro non duale

L APPLICAZIONE DELLA LEGGE FORNERO NEL SETTORE DEL FIELD MARKETING Un esperienza-pilota per la costruzione di un nuovo diritto del lavoro non duale L APPLICAZIONE DELLA LEGGE FORNERO NEL SETTORE DEL FIELD MARKETING Un esperienza-pilota per la costruzione di un nuovo diritto del lavoro non duale Relazione introduttiva di Pietro Ichino al convegno promosso

Dettagli

Diritto delle Relazioni Industriali

Diritto delle Relazioni Industriali ISSN 1121-8762 Pubblicazione Trimestrale - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (convertito in L. 27/02/2004 n 46) articolo 1, comma 1, DCB (VARESE) Rivista di ADAPT-CENTRO

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

~... r TRIBUNALE DI ANCONA. R.G. n. 1454/2013

~... r TRIBUNALE DI ANCONA. R.G. n. 1454/2013 ... r TRIBUNALE DI ANCONA R.G. n. 1454/2013 DECRETO ex art. 28 L. n. 300170 ILOIUDICE Sciogliendo la riserva assunta all'udienza del 3 settembre 2013; letti gli atti; visto l'art. 28 L. n. 300170; rilevato

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Indennizzo economico o reintegrazione, primi dubbi e chiarimenti

Indennizzo economico o reintegrazione, primi dubbi e chiarimenti Licenziamenti Indennizzo economico o reintegrazione, primi dubbi e chiarimenti Cristina Carati e Daniele Colombo - Avvocati Il decreto legislativo sul contratto a tutele crescenti (D.Lgs. 4 marzo 2015,

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore.

Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore. Riforma del lavoro: il calendario. Quando entrano in vigore le nuove norme su licenziamenti, contratti, partite Iva ilsole24ore.com Speciale sulla riforma lavoro del Sole 24 Ore che dedica ampio spazio

Dettagli

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Con un espressione alquanto sintetica, l art. 2, c. 3 del D.Lgs. n. 167/2011 (Testo Unico dell apprendistato) ammette

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Sezione prima TEMI GENERALI E FONTI CAPITOLO I DIRITTO DEL LAVORO E DINTORNI

INDICE INTRODUZIONE. Sezione prima TEMI GENERALI E FONTI CAPITOLO I DIRITTO DEL LAVORO E DINTORNI INTRODUZIONE 1. Diritto e vita... 1 2. Fra metodo e filosofia... 4 3. Dal testo alla cosa... 6 4. Dalla cosa al testo: il linguaggio... 8 5. Alla ricerca della ratio: per un interpretazione bifocale...

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

Contratto dilavoro atempodeterminato

Contratto dilavoro atempodeterminato Contratto dilavoro atempodeterminato La vecchia disciplina dei rapporti di lavoro a tempo determinato contenuta nella legge n. 230/1962 è stata superata dal Dlgs n. 368/2001 che introduceva la possibilità

Dettagli

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO D. Lgs. 368/2001 aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013, alla L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014) e

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Sezione prima TEMI GENERALI E FONTI CAPITOLO I DIRITTO DEL LAVORO E DINTORNI

INDICE INTRODUZIONE. Sezione prima TEMI GENERALI E FONTI CAPITOLO I DIRITTO DEL LAVORO E DINTORNI INTRODUZIONE 1. Diritto e vita... 1 2. Fra metodo e filosofia... 4 3. Dal testo alla cosa... 6 4. Dalla cosa al testo: il linguaggio... 9 5. Alla ricerca della ratio: per un interpretazione bifocale...

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

Modena, lì 28/02/2008. Direzione Provinciale del Lavoro di Modena

Modena, lì 28/02/2008. Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Modena, lì 28/02/2008 Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Al Al Tutto il Personale Nucleo Carabinieri p.za Cittadella 8/9 - tel.059/222410 224955 - fax 059/224946 sito: www.dplmodena.it e-mail:

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Jobs act e lavoro a termine: il mancato rispetto dei limiti non comporta l obbligo di assunzione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il terzo

Dettagli

Accordo di collaborazione gratuita

Accordo di collaborazione gratuita CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Accordo di collaborazione gratuita approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 198 del 19 dicembre 2014 Il lavoro gratuito ha incontrato non poche difficoltà ad

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

Diritto del Lavoro. Il contratto di lavoro a termine

Diritto del Lavoro. Il contratto di lavoro a termine Diritto del Lavoro Mario GALLO Professore a contratto di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Cassino Cassino, 12 novembre 2015 1 Il contratto di lavoro a termine 2 Nozione Si definisce contratto

Dettagli

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS)

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) a cura di Giorgio Santoni Aggiornato al giugno 2009 Indice Parte prima (pag. 3-17) Il contratto di solidarietà, applicazioni, modalità e caratteristiche

Dettagli

Brescia 9 febbraio 2015

Brescia 9 febbraio 2015 PROCESSI ASSOCIATIVI E STRUMENTI PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI La gestione del personale nelle gestioni associate Brescia 9 febbraio 2015 - L operatività dei limiti di spesa e di turn over -

Dettagli

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde!

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Art. 19 comma 1 Apposizione del termine e durata massima

Dettagli

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto)

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Art 20 (Condizioni di liceità) 1. Il contratto di somministrazione di lavoro può essere concluso da ogni soggetto, di seguito denominato utilizzatore,

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Dalla Fornero ai decreti del governo Letta LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Dalla Fornero ai decreti del governo Letta Avv. Pasquale Staropoli PIESSE@LIBERO.IT 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Art. 1 d.lgs. 368/2001: Co. 01 Il contratto di lavoro

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI "MAGNA GRÆCIA" DI CATANZARO MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO (IUS07)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO (IUS07) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI "MAGNA GRÆCIA" DI CATANZARO MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO (IUS07) L Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro ha attivato per l anno accademico

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

I diritti sindacali e tutela giudiziale della condotta antisindacale

I diritti sindacali e tutela giudiziale della condotta antisindacale I diritti sindacali e tutela giudiziale della condotta antisindacale Lezione di ripasso e approfondimento Corso Diritto del Lavoro Prof. Tursi dott. Claudia Ogriseg - Università degli Studi di Milano Indice

Dettagli

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in

Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in www.petraccimarin.it Alcuni Cenni sulla legge 92/2012 (Riforma Fornero) e sulla nuova disciplina dei licenziamenti. Cenni generali sulla riforma e sulla flessibilità in entrata. La riforma in questione

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R E T T O R E N. 3 8 D E L 2 1 A G O S T O 2 0 1 5

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R E T T O R E N. 3 8 D E L 2 1 A G O S T O 2 0 1 5 D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R E T T O R E N. 3 8 D E L 2 1 A G O S T O 2 0 1 5 OGGETTO: INCARICO A TEMPO DETERMINATO ALLA SIG.RA DURANTE ALESSANDRA PER SVOLGERE LE MANSIONI DI OPERATORE SOCIO

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero.

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. La riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero) è contenuta nella Legge 28 giugno 2012, n. 92, successivamente modificata dal decreto legge

Dettagli

TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI VII SESSIONE PADOVA, 25 OTTOBRE 2003

TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI VII SESSIONE PADOVA, 25 OTTOBRE 2003 PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI VII SESSIONE PADOVA, 25 OTTOBRE 2003 2 CASO: INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN RAGAZZO DISABILE: RISPETTO DELLA LEGGE O VOLUTA

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

Copia deliberazione della Giunta Comunale

Copia deliberazione della Giunta Comunale C o m u n e d i M a r t i g n a n o P r o v i n c i a d i L e c c e ------------------------------------------ Copia deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 16/07/2014 Oggetto: Costituzione di un

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 64 del 29 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Responsabilità solidale negli appalti e deroghe della contrattazione collettiva: quale disciplina applicare? Gentile

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE

OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE N.13 DEL 19.02.2014 OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE Dott. De Paolo Francesco RICHIAMATO

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012 n. 92

La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012 n. 92 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012 n. 92 Sintesi dei contenuti Contenuti: RIFORMA DEL LAVORO: LEGGE 28 GIUGNO 2012 n. 92... 2 CONTRASTO AL FENOMENO DELLE DIMISSIONI IN BIANCO... 2 CONTRATTO A TEMPO

Dettagli

Prime osservazioni su: la Riforma del Lavoro

Prime osservazioni su: la Riforma del Lavoro Prime osservazioni su: la Riforma del Lavoro A cura di Luca Caratti Consulente del lavoro in Vercelli Obiettivi della riforma Macro: realizzare un mercato del lavoro dinamico, flessibile e inclusivo, capace

Dettagli

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato

Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali. Premesso e considerato BOZZA Memorandum fra Ministero Comunicazioni, Poste Italiane, Agenzie di Recapito e Organizzazioni Sindacali Premesso e considerato il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156 recante

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

Guida al Lavoro IL SOLE 24 ORE. CONTRIBUTI E IRPEF Articoli

Guida al Lavoro IL SOLE 24 ORE. CONTRIBUTI E IRPEF Articoli Previdenza complementare: il contributo datoriale entra nel calcolo del Tfr Temistocle Bussino Funzionario Ispettivo Inps - Componente Centro studi attività ispettiva del Ministero del lavoro Il Ministero

Dettagli

SENTENZE CORTE DI CASSAZIONE

SENTENZE CORTE DI CASSAZIONE CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro Sentenza n. 2233 del 1 febbraio 2007 Il dirigente pubblico che non raggiunge gli obiettivi previsti nel suo incarico, diversamente dal dirigente privato, non incorre necessariamente

Dettagli

Prof. Arturo Maresca

Prof. Arturo Maresca Prof. Arturo Maresca Arturo Maresca, nato a Roma il 23 giugno 1951, è professore ordinario dal 1987. Attualmente insegna "Diritto del lavoro" presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'università di Roma

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE n. 76/2013 SEZIONE LAVORO 1) INCENTIVO GIOVANI 18-29 ANNI Incentivo per i datori di lavoro che assumono tramite contratto a tempo indeterminato, lavoratori

Dettagli

Responsabilità fiscale negli appalti e subappalti: il punto dopo i chiarimenti ministeriali

Responsabilità fiscale negli appalti e subappalti: il punto dopo i chiarimenti ministeriali N. 283 del 12.10.2012 Le Daily News A cura di Mauro Muraca Responsabilità fiscale negli appalti e subappalti: il punto dopo i chiarimenti ministeriali Come noto, il regime di responsabilità fiscale nell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione Notizie Lavoro Flash SOMMARIO 1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione L INPS, con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013, torna su un tema delicato quale le agevolazioni

Dettagli

1150,00 + IVA PRESENTAZIONE E OBIETTIVI STRUTTURA DEL MASTER DESTINATARI MATERIALE DIDATTICO QUOTA DI PARTECIPAZIONE

1150,00 + IVA PRESENTAZIONE E OBIETTIVI STRUTTURA DEL MASTER DESTINATARI MATERIALE DIDATTICO QUOTA DI PARTECIPAZIONE Master di specializzazione (5 giornate) DIRITTO DEL LAVORO 35 CFP STRUTTURA DEL MASTER 1 a giornata Rapporto di lavoro: nozione di subordinazione e diritti e doveri tra le parti 2 a giornata La disciplina

Dettagli

Prof. avv. Roberta Nunin Università di Trieste

Prof. avv. Roberta Nunin Università di Trieste Prof. avv. Roberta Nunin Università di Trieste Obiettivi dichiarati: realizzare un mercato del lavoro «inclusivo e dinamico», creazione di occupazione «in qualità e quantità», riduzione permanente del

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO Abbreviazioni.................................. pag. XXIII CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO 1. Alle origini del diritto del lavoro................... 1 2. Il periodo corporativo.........................

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La CORTE D'APPELLO DI MILANO SEZIONE LAVORO. Dott.ANGELA RUIZ PRESIDENTE REL. SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La CORTE D'APPELLO DI MILANO SEZIONE LAVORO. Dott.ANGELA RUIZ PRESIDENTE REL. SENTENZA .' t. 057 SentenzaN. ------- N.97/07 R.G.Lavoro Composta dai Signori Magistrati REPUBBLCA TALANA N NOME DEL POPOLO TALANO La CORTE D'APPELLO D MLANO SEZONE LAVORO Dott.ANGELA RUZ PRESDENTE REL. Dott.ANGOLA

Dettagli

FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro

FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro FORUM LAVORO 2013 Domande e Risposte per il Ministero del lavoro *** Accordi di produttività: la detassazione dei salari 1. Le micro imprese, in cui non sono presenti rappresentanze sindacati, possono

Dettagli

7. AFFIDAMENTO E GESTIONE DEI SERVIZI SOCIALI I PUGLIA

7. AFFIDAMENTO E GESTIONE DEI SERVIZI SOCIALI I PUGLIA 7. AFFIDAMENTO E GESTIONE DEI SERVIZI SOCIALI I PUGLIA MODELLI GESTIONALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI IN PUGLIA Il ruolo delle ASP nei Piani Sociali di Zona ed il rapporto delle stesse con altri

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 CONTRATTI DI RETE Art. 3, comma 4-ter D.L. 5/2009, convertito, con modificazioni, dalla Legge 33/2009, norma successivamente

Dettagli

Riforma Mercato del Lavoro. Legge 92/2012

Riforma Mercato del Lavoro. Legge 92/2012 Riforma Mercato del Lavoro Legge 92/2012 Caerano di San Marco 6 dicembre 2012 Premessa. La riforma del mercato del lavoro è stata definitivamente convertita nella legge 92 del 28 giugno 2012. Pubblicata

Dettagli

Un analisi degli adempimenti operativi a carico dell azienda in merito alla elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls)

Un analisi degli adempimenti operativi a carico dell azienda in merito alla elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls) Il rappresentante per la sicurezza e gli obblighi gestionali dell azienda Mario Gallo Professore a contratto di Diritto del lavoro nell Università degli studi di Cassino Un analisi degli adempimenti operativi

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI AZIENDALI

DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI AZIENDALI DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI AZIENDALI Roma, Febbraio Marzo 2014 Centro Congressi Cavour Via Cavour 50/a Orario: 9.15-17.15 MODULI 1 MODULO Il rapporto di lavoro individuale 12 13 Febbraio

Dettagli

IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI cdlpg IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Dott. Giovanni Cruciani Consulente del Lavoro - Perugia 1 Il contratto a tutele crescenti porterà nuova occupazione? E le nuove agevolazioni contributive sono più

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli