Dedicato ai cittadini di Selargius. e alle nuove generazioni, affinché non dimentichino. il sacrificio dei giovani. generosi concittadini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dedicato ai cittadini di Selargius. e alle nuove generazioni, affinché non dimentichino. il sacrificio dei giovani. generosi concittadini"

Transcript

1

2 Dedicato ai cittadini di Selargius e alle nuove generazioni, affinché non dimentichino il sacrificio dei giovani generosi concittadini che cento anni fa sacrificarono la vita per la Patria.

3 Comune di Selargius CENTENARIO DELLA 1 a GUERRA MONDIALE 28 Luglio Novembre 1918 IN RICORDO DEI MILITARI SELARGINI CADUTI PER LA PATRIA

4 PREFAZIONE DEL SINDACO DI SELARGIUS Il centenario della Grande Guerra sta suscitando un fervore di iniziative e dibattiti. E se ne possono capire i motivi. Lo spazio storico che ci separa dalla Prima Guerra Mondiale ci consente una visione finalmente matura di quel passaggio drammatico della nostra vita nazionale, ci induce a coglierne significati e valori che fanno ormai tutt uno con la coscienza del cammino percorso da allora dal nostro Paese, dall Europa, dal Mondo, con la consapevolezza delle responsabilità cui nel presente siamo chiamati a far fronte. Non è dunque normale, e meno che mai strumentale, la celebrazione che il Comune e la Pro Loco di Selargius hanno promosso con questa pubblicazione, che va vista come occasione di rinnovato, reverente omaggio alla memoria dei seicentomila Italiani, che caddero bruciati nella spaventosa fornace bellica. E fra essi i sessantuno giovani Selargini cui è dedicata questa pubblicazione. Verso tutti loro la Nazione Italiana ha un debito inestinguibile, che dobbiamo continuare a onorare in perpetuo. Ma questo volumetto ha anche un altro scopo: farci riflettere sulla prova che diedero di se, in condizioni così dure, il nostro Paese e il nostro Popolo, su come maturarono il senso dell unità nazionale e la consapevolezza di un esperienza di Popolo collettiva. Un esperienza vissuta dai soldati e dai cittadini, dalle crocerossine al fronte e da figure umili ed eroiche come le portatrici di Carnia, dalla moltitudine di operai impegnati nello sforzo bellico industriale, dalle donne rimaste a presidio delle famiglie. Sia ben chiaro che la celebrazione del centenario della Grande Guerra ed esaltare i sacrifici e gli eroismi che la prepararono e la forgiarono, non significa nemmeno per un istante edulcorare le atrocità della guerra, le sofferenze subite, l immenso prezzo di vite umane pagato dal Popolo Italiano. La guerra è atrocità, è fame, è paura, è morte. Lo scopo della nostra iniziativa è invece quello di tenere viva la memoria, perché un popolo che dimentica la propria storia è costretto a ripeterla, anche nelle scelte più scellerate. Conoscere la storia significa non tanto ricuperare il passato, quanto guadagnarsi il futuro. Ci possiamo e dobbiamo assicurare un futuro di pace attraverso la ricerca e il mantenimento di una memoria collettiva mai faziosa, mai strumentale rispettosa della verità. E la memoria si alimenta attraverso l ascolto, l educazione, lo studio, la conoscenza. Una formazione culturale come ossatura di civiltà, come strada che non si interrompe mai, altrimenti il passato rischia di non 4

5 aiutarci a comprendere il significato del presente e del nostro ruolo di adulti, di giovani, di politici, di educatori, di responsabili dell ora presente. Sentiamo tutti, nel nostro tempo, un bisogno profondo di onestà e chiarezza di comportamenti in cui avere fiducia, cui dare fiducia e soprattutto affidare le nostre speranze. Le nostre e soprattutto quelle dei nostri giovani, ai quali è dedicato questo prezioso lavoro di ricerca, che riguarda i loro avi caduti in guerra. Quegli uomini, che un centinaio di anni fa hanno combattuto e sono morti, non hanno nulla di vecchio, ma anzi ci mettono in contatto ancora meglio con il presente, ci stimolano a rendere più intelligente e intensa la nostra vita e, soprattutto, a custodire gli insegnamenti di pace in nome della Patria. Patria. Una parola che, come ho avuto modo di rilevare in altra circostanza, pare come talvolta inserita quasi come un corpo estraneo in una realtà sociale dove i rapidi mutamenti del gusto e delle mode implicano inevitabilmente la perdita di un legame duraturo e profondo con la stessa realtà in divenire. Ma non è così, perché la consapevolezza di quella parola ci consente di avvertire un rischio: quello dell ignoranza e del disimpegno civico. Come se la libertà e la pace fossero state acquisite una volta per tutte e non rappresentassero, invece, una conquista che si consolida ogni giorno, nei percorsi dell agire umano, nelle nostre famiglie, nei luoghi di lavoro, nelle stanze della politica, nella scuola. Insomma, ovunque si costruisca amore per la vita, per la democrazia, rispetto per gli altri, aiuto per i più deboli. Ma una cosa deve essere sempre chiara: nulla si fa cancellando il passato. I giovani che leggeranno questo libro, vivono la consapevolezza di essere il futuro della nostra comunità. Anzi, di rappresentarne il presente. Ma guai se il loro futuro si costruisse senza la memoria di quegli altri giovani, che li hanno preceduti cento anni fa. A cominciare da quei ragazzi di Selargius, morti o feriti in combattimento, poi deceduti; oppure morti per malattie contratte in guerra o dispersi in combattimento o in prigionia. Le loro giovani vite furono spezzate, così come i sogni e le speranze che avevano portato con se, passo dopo passo, fin lassù, nelle aride pietraie del Carso. Il Sindaco di Selargius Gianfranco Cappai 5

6 PREFAZIONE DELLA PRO LOCO DI SELARGIUS La Prima Guerra Mondiale fu la prima e vera guerra di massa, che vide schierarsi le maggiori potenze mondiali, alla quale partecipò l intero popolo italiano con grande dispendio di forze umane e risorse economiche. Forze umane in termini di soldati che hanno messo nelle battaglie una volontà quasi soprannaturale, uno spirito di sacrificio sconosciuto e insospettabile; anche la Sardegna ha dato un importante contributo, di uomini e di mezzi, su una popolazione di abitanti, parteciparono alla guerra circa uomini di cui quasi morirono sui campi di battaglia, circa soldati italiani deceduti per causa di guerra. Il conflitto ha avuto proporzioni tali da cambiare completamente l assetto politico dell Europa, un collasso finanziario ed economico che deve far riflettere le nuove generazioni sul valore immenso della vita, che nasce dalla comprensione reciproca, nel rispetto dei diritti inviolabili dell uomo attraverso la presa di coscienza che, tutti gli esseri umani, nonostante la differenza di fedi ed ideologie, appartengono alla stessa famiglia. Nel centenario della Grande Guerra la Pro Loco e l Amministrazione Comunale di Selargius intendono dare fisicità al ricordo dei sessantuno giovani, alcuni non ancora ventenni, che hanno sacrificato la vita per la Patria, giovani pieni di sogni da realizzare, questi erano i soldati del nostro paese ed è giusto onorarne la memoria e ricordare le famiglie che invano hanno atteso il loro ritorno. Nonostante siano trascorsi cento anni, ci auguriamo che questa ricorrenza sia di auspicio per i giovani e le future generazioni alla cultura della pace, come bene prezioso, da costruire, da difendere e da diffondere. Pro Loco Selargius Il Presidente Giovanni Frau 6

7 MAPPA DEL FRONTE DELLE BATTAGLIE ANNO

8 SELARGIUS NEL PERIODO DELLA GRANDE GUERRA Il 28 Luglio 1914 L Austria e l Ungheria dichiaravano guerra alla Serbia, il pretesto per lo scoppio della guerra era l assassinio dell arciduca erede al trono Francesco Ferdinando e di sua moglie Sofia da parte di un indipendentista Serbo. Il 24 Maggio 1915, con la dichiarazione di guerra all Austria, l Italia entrava nella storia della prima guerra mondiale. A Selargius circa 300 giovani venivano dichiarati abili arruolati, i soldati con genitori viventi e fratelli di età superiore ai dodici anni erano classificati di prima categoria, alla seconda appartenevano quelli con fratelli di età inferiore ai dodici anni e alla terza gli orfani. Negli anni del conflitto il paese era un piccolo centro urbano di circa 3900 abitanti legati tra loro da stretti vincoli di parentela, circondato dalla vegetazione degli orti, dai vigneti e da vasti campi di grano, la maggior parte di essi svolgeva attività lavorativa nell agricoltura e nei settori ad essa collegata. L Amministrazione Comunale del periodo cercava di dare risposte tangibili ai tanti problemi che affiggevano la popolazione, sopratutto nel sostegno alle famiglie bisognose; nel 1914 era in carica il sindaco Giuseppe Putzu Loddo (fratello del Canonico Putzu), ma nel 1916, colto da morte improvvisa, fu sostituito dall Avvocato Notaio Celestino Aresu, che rimase alla guida dell Amministrazione per tutto il periodo bellico. Il primo caseggiato scolastico era appena terminato e cominciava ad instaurarsi la cultura dell alfabetizzazione. La bella chiesa dell Assunta era, in quegli anni, l unica parrocchia di Selargius e il reggente della stessa era il parroco Don Laconi Vittorio Cosimo Giuseppe, sostegno morale della popolazione, le Confraternite e le Associazioni Religiose riunivano la comunità, molti dei giovani al fronte ne avevano fatto parte prima della chiamata alle armi. Le famiglie vivevano in un attesa fatta di speranza e di preghiera per i loro giovani soldati lontani, giovani vite inghiottite dalla guerra, strappate al calore delle famiglie e gettate nelle fredde trincee, mandate all assalto del fuoco nemico, soldati che, nonostante la paura di morire, il fuoco infernale dell artiglieria e delle bombarde al fronte, portavano certamente nel cuore l affetto per le amate spose, le innamorate e i familiari lasciati in attesa del loro ritorno. 8

9 Il Segretario Comunale Edoardo Romagnino riceveva, dal Ministero della Guerra, le comunicazioni riguardanti il decesso dei Militari caduti al Fronte e ne registrava gli atti di morte, nel modo medesimo ricevette la notizia della morte di suo figlio maggiore Vittorio, caduto in combattimento in territorio nemico. Sessantuno militari caduti, alcuni per ferite riportate in combattimento ed altri in seguito a malattie contratte in guerra, deceduti in stato di prigionia, dispersi nei campi di battaglia o scomparsi. I nostri caduti erano Fanti, Genieri, Bersaglieri, Carabinieri ecc. ma sopratutto Sassarini, la maggior parte di essi aveva combattuto con la Gloriosa Brigata Sassari sempre in prima linea. Una guerra cruenta che portò lutti e carestie; la morte e dispersione di tanti giovani causò la diminuzione delle nascite con conseguente calo demografico non indifferente, in tre famiglie di Selargius si verificò una duplice mortalità; ancora oggi nella memoria dei Selargini continua ad essere vivo il ricordo, come continua ad essere vivo il DNA nei parenti dei giovani militari deceduti. Il centenario della prima guerra mondiale è un momento importante per portare alla memoria i tragici eventi e renderne indelebile il ricordo sopratutto nelle future generazioni, affinché gli stessi eventi siano monito di insegnamento alla concordia e all unione tra i popoli. 9

10 SOLDATI CADUTI IN COMBATTIMENTO 10

11 CARA EFISIO Di Priamo e Pisano Eugenia Nato a Selargius il 24 Aprile 1883 Coniugato con Picciau Giuseppina Professione Muratore. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 16 Maggio 1916; Chiamato alle armi e giunto il 29 Luglio 1916, nel 63 Reggimento Fanteria Brigata Cagliari; Giunto in territorio di guerra 1 Novembre 1916, nel 39 Reggimento Fanteria Brigata Bologna; Nella seconda metà di Maggio il Reggimento è alle dipendenze della 31^ Divisione quando ha inizio la decima battaglia dell Isonzo; Il 24 Maggio 1917 viene ferito nella battaglia sul Monte S. Marco (Gorizia); Morto per ferite riportate in combattimento Il 25 Maggio 1917, nell Ospedale di Campo n 158, all età di 34 anni. 11

12 COGONI FEDELE Di Pietro e di Corona Rita Nato a Selargius il 6 Novembre 1889 Coniugato con Cuboni Elisabetta Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 15 Aprile1909; Chiamato alle armi e giunto il 16 Novembre 1909, nel 33 Reggimento Fanteria; Mandato in congedo illimitato il 3 Settembre 1911; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi e giunto il 9 Novembre 1911, nel 46 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; In congedo illimitato il 15 Agosto 1912; Chiamato alle armi e dispensato per avere il fratello sotto le armi per fatto di leva 8 Agosto 1914; Chiamato alle armi e giunto 11 Maggio 1915, nel 151 Reggimento Fanteria Brigata Sassari, soldato trombettiere; Giunto in territorio di guerra 1 Giugno 1915; Morto per ferite riportate in combattimento il 27 Luglio 1915 nel Bosco Cappuccio, seconda battaglia dell Isonzo per la conquista del Monte S. Michele, all età di 25 anni. 12

13 CONCU ANTONIO Di Raimondo e di Putzu Battistina Nato a Selargius il 24 Agosto 1894 in Via Garibaldi Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 5 Maggio 1914; Chiamato alle armi e giunto il 7 Settembre 1914, nel 146 Reggimento Fanteria Brigata Catania reparto Zappatori; Giunto in territorio di guerra il 31 Marzo 1915; Nel 1915 la Brigata Catania è in linea in territorio Alto But, Alto de Gano, Monte Paularo; Nel 1916 il Reggimento è impegnato nella val Caugana, Valle Orsa e Carso; Morto per ferite riportate in combattimento per scoppio di bomba nemica il 20 Settembre 1916 a Palchisce nella battaglia per l occupazione del M. Debeli (Vicino al lago di Doberdò), sepolto nel Cimitero di Palchisce, all età di 22 anni. 13

14 CUBONI FELICE Di Giuseppe e di Pedditzi Rita Nato a Selargius il 19 Marzo 1891 Professione Bracciante. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 26 Maggio 1911; Chiamato alle armi e giunto il 20 Ottobre 1911, nel 5 Reggimento Fanteria Tamburino in Detto 22 Maggio 1912; 6 Reggimento Fanteria 24 Giugno 1912 partito per la Tripolitania e Cirenaica; Rientrato in Italia per rimpatrio definitivo 25 Dicembre 1913; Congedo illimitato 27 Dicembre 1913; Concessa medaglia commemorativa della guerra Italo-Turca; Concessa dichiarazione di avere tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi e giunto nel 46 Reggimento Fanteria 17 Luglio 1914; Giunto in territorio di guerra con il 151 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 19 Luglio 1916; Morto per ferite riportate in combattimento il 23 Agosto 1916, nei pressi di Croce S. Antonio Altopiano dei Sette Comuni (Asiago) nella 25^ Divisione Sanità 225 Reparto Someggiato (Luogo di medicazione prima di essere avviati agli ospedali), all età di 25 anni. 14

15 DEIANA RAFAELE Di Giuseppe e di Sollai Rita Nato a Selargius il 16 Giugno 1883 Coniugato con Pischedda Annetta Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 17 Giugno 1903; Designato per la ferma per due anni; Chiamato alle armi e giunto il 30 Marzo 1904, nel 27 Reggimento Fanteria Ozieri; Mandato in congedo illimitato 16 Settembre 1905; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà Chiamato alle armi per istruzione il 26 Maggio 1908; Mandato in congedo illimitato il 13 Giugno 1913; Chiamato alle armi per mobilitazione il 25 Ottobre 1915, nel 46 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Giunto in territorio di guerra il 20 Dicembre 1915; I primi di Maggio 1916 alla Brigata viene affidato il compito di attaccare il cosiddetto Dente del M. Sief (Col di Lana); Morto per infortunio di guerra in seguito allo scoppio di una mina il 27 Novembre 1916, all interno di una galleria sul Monte Col Di Lana, all età di 33 anni. 15

16 GATTI GUGLIELMO Di Giacomo e di Frau Annetta Nato a Selargius il 8 Novembre 1897 Professione Stagnino. Matricola n 9700 Lasciato in congedo illimitato il 16 Maggio 1916; Chiamato alle armi e giunto il 21 Settembre 1916, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio 6^ Compagnia; Giunto in territorio di guerra il 21 Gennaio 1917; Il 12 Dicembre 1917, la Brigata Reggio viene assegnata alla 56^ Divisione in linea sul Monte Grappa, Monte Solarono, Monte Valderoa, Monte Spinorcia, per resistere all attacco della divisione Germanica; Morto per ferite riportate in combattimento a causa di scoppio di bomba a mano, il 18 Dicembre 1917, all Ospedale di campo 020, all età di 20 anni. 16

17 LIGAS ANGELO Di Francesco e di Pisu Giovanna Nato a Selargius il 17 Luglio 1884 in Via Mercato Coniugato con Zedda Rita Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 16 Luglio 1904; Chiamato alle armi e giunto il 31 Dicembre 1904, nel 8 Reggimento Bersaglieri; Mandato in congedo illimitato 14 Settembre 1907; Concessa dichiarazione di avere tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi per istruzione il 24 Maggio 1912; Mandato in congedo illimitato il 12 Giugno 1912; Chiamato alle armi e giunto in territorio di guerra il 12 Settembre 1915; Partito da territorio di guerra per trasferimento del reparto in altra zona di guerra il 24 Febbraio 1916; Morto per ferite riportate in combattimento il 24 Luglio 1916, nel 17 Reparto Someggiato, in operazione di guerra per la conquista del Monte Zebio, all età di 32 anni 17

18 LOCCI AGOSTINO Di Andrea e di Putzu Angela Nato a Selargius il 10 Marzo 1896 Professione Contadino. Soldato di leva di Terza Categoria; Lasciato in congedo illimitato; Chiamato alle armi e giunto in territorio di guerra nel 1916, nella 123^ Compagnia Mitraglieri; Morto per ferite riportate in combattimento il 26 Agosto 1917 all ospedale di Verona, all età di 21 anni. 18

19 MAMELI BATTISTA Di Raffaele e di Rais Greca Nato a Selargius il 15 Luglio 1886 Coniugato con Saba Maria Teresa Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 18 Maggio 1908; Iscritto alla ferma di un anno; Chiamato alle armi e giunto il 17 Ottobre 1908, nel 57 Reggimento Fanteria 25 Ottobre 1908; Lasciato in congedo illimitato il 27 Ottobre 1909; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi e giunto il 28 Settembre 1911, nel 46 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Lasciato in congedo illimitato il 20 Marzo 1912; Chiamato alle armi e giunto il 11 Maggio 1915, nel 151 Reggimento Fanteria Brigata Sassari; Giunto in territorio di guerra il 1 Giugno 1915; Morto per ferite riportate in combattimento il 28 Luglio 1915, nella 2^ battaglia dell Isonzo (Monte San Michele), durante il trasporto all ospedale di campo, all età di 29 anni. 19

20 MAMELI ONORATO Di Raffaele e di Rais Greca Nato a Selargius il 29 Novembre 1884 Coniugato con Caredda Francesca Professione Contadino. Matricola n Soldato di leva di Terza Categoria; Lasciato in congedo illimitato il 8 Maggio 1905; Chiamato alle armi per mobilitazione e giunto il 24 Febbraio 1916, nel 2 Reggimento Bersaglieri; Giunto in territorio di guerra il 29 Aprile 1916; Morto per ferite riportate in combattimento il 22 Luglio 1916, in località Monte Zebio, nella battaglia per espugnare le difese nemiche sulle pendici Sud Orientali del Monte Zebio, all età di 31 anni. 20

21 MELIS LUIGI Di Pietro e Podda Antonia Nato a Selargius il 30 Gennaio 1899 Professione Muratore. Matricola n Chiamato alle armi nel 316 Battaglione di Fanteria il 17 Febbraio 1917; Trasferito al deposito della 45^ Compagnia Minatori; Giunto in territorio di guerra il 22 Febbraio 1918; Morto a causa di infortunio per fatto di guerra in località Val Di Pez, in seguito a scoppio di mina nelle operazioni del Monte Grappa il 13 Luglio 1918, all età di 19 anni. 21

22 MILIA EFISIO Di Onorato e di Musiu Aurelia Nato a Selargius il 9 Novembre 1889 Coniugato con Nonnis Carminetta Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 16 Marzo 1910; Iscritto alla ferma di un anno; Chiamato alle armi e giunto il 25 Ottobre 1910, nel 46 Reggimento Artiglieria di Campagna; Mandato in congedo illimitato il 4 Novembre 1911; Chiamato alle armi per mobilitazione il 11 Marzo 1915; Giunto in territorio di guerra il 2 Giugno 1915; Morto per ferite riportate in combattimento nel posto di medicazione del 265 Reparto Someggiato, nell Altopiano della Bainsizza il 29 Agosto 1917, all età di 27 anni. 22

23 MONNI GIUSEPPE Di Efisio e di Contu Filomena Nato a Selargius il 14 Febbraio 1898 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 27 Gennaio 1917; Chiamato alle armi e giunto il 26 Febbraio 1917, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Giunto in territorio di guerra il 25 Marzo 1917, nel 12 Reparto D Assalto 1^ Compagnia; Morto per ferite riportate in combattimento sul Monte Col Del Rosso, il 27 Ottobre 1918, all età di 20 anni. 23

24 PISANU DANIELE Di Antonio e di Serreli Bonaria Nato a Selargius il 27 Luglio 1892 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 4 Maggio 1914; Chiamato alle armi e giunto il 7 Settembre 1914, nel 3 Reggimento Fanteria 12^ Compagnia; Morto per ferite riportate in combattimento sul Monte Avestano, il 5 Luglio 1915, all età di 22 anni. DECORATO CON MEDAGLIA D ARGENTO AL VALORE MILITARE. Con la motivazione: Sebbene fosse a riposo per una contusione al piede riportata in servizio volle seguire il proprio plotone, cadendo poi colpito a morte in trincea nella quale aveva concorso a respingere il nemico. 24

25 PISANU PIETRO Di Giuseppe e di Farris Barbara Nato a Selargius il 10 Febbraio 1892 Coniugato con Mameli Bonaria Professione Contadino. Matricola n 5233 Soldato di leva di Seconda Categoria; Lasciato in congedo illimitato il 22 Marzo 1912; Chiamato alle armi per istruzione e giunto il 20 Luglio 1913, nel 46 Reggimento Fanteria; Mandato in congedo illimitato il 20 Dicembre 1913; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi per mobilitazione il 27 Maggio 1915, nel 46 Reggimento Fanteria; Trasferito nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 1 Giugno 1915; Giunto in territorio di guerra il 1 Giugno 1915; Morto per ferite riportate in combattimento sul Monte San Michele, il 21 Agosto 1915, all età di 23 anni. 25

26 RAGATZU SEVERINO Di Pietro e Piras Antonia Nato a Selargius il 31 Gennaio 1898 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 27 Gennaio 1917; Chiamato alle armi e giunto il 27 Febbraio 1917, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio 4^ compagnia; Giunto in territorio di guerra il 15 Marzo 1917; Ferito da proiettile alla palpebra superiore destra con lesione oculare 11 Luglio 1917, Alto Sief (Piccolo posto n. 5); Il 12 Dicembre 1917 la Brigata viene assegnata alla 56^ Divisione in linea sul Monte Grappa; Morto per ferite in combattimento a causa di scoppio di bomba nemica sul Monte Solarolo il 16 Dicembre 1917, all età di 19 anni. 26

27 ROMAGNINO VITTORIO Di Edoardo e di Tatti Doloretta Nato a Settimo S. Pietro il 28 Luglio 1893 dal 1904 Professione Meccanico. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 4 Marzo 1914; Chiamato alle armi e giunto il 8 Settembre 1914, nel Battaglione Aviatori Genio, 18 Settembre 1914; Caporale in Detto 15 Dicembre 1915; Sergente Maggiore 5^ Squadriglia Aeroplani 19 Marzo 1916; Giunto in territorio di guerra il 15 Novembre 1916; Partito da territorio di guerra per trasferimento il 30 Aprile 1917; Giunto in territorio di guerra il 5 Ottobre 1917; Disperso in combattimento il 26 Ottobre 1917; Morto in territorio nemico il 4 Novembre 1917, per ferite d arma da fuoco, nell Ospedale di Tropau I in Veit Glau Carinzia, all età di 24 anni, sepolto il 6 Novembre 1917 nel Cimitero di S. Veit a/d Glau Carinzia fossa n. 40. DECORATO CON MEDAGLIA D ARGENTO AL VALORE MILITARE. Con la motivazione: il Pilota dell Aereo, durante un azione di bombardamento sulle linee nemiche, veniva attaccato da due velivoli da caccia, sosteneva con valore la lotta nonostante fosse colpito a morte il mitragliere di poppa, rimasto solo al governo dell Apparecchio, gravemente ferito in organi vitali, mentre l altro pilota prendeva il posto del mitragliere, sapeva con ardita manovra, e mantenuto un calmo e sereno contegno concorre a tenere sotto controllo il nemico riuscendo a ricondurre il velivolo in territorio nazionale - Cielo di Selo 23 Maggio ^ MEDAGLIA D ARGENTO ALLLA MEMORIA 23 MARZO

28 SABA GIUSEPPE Di Raimondo e di Pisanu Efisia Nato a Selargius il 14 Agosto 1894 Professione Contadino. Matricola n 298 Chiamato alle armi e dichiarato rivedibile il 4 Maggio 1914; Chiamato alle armi e giunto il 24 Novembre 1914, nel 85 Reggimento Fanteria Brigata Verona Sezione Lanciatorpedini; Alla fine di Maggio 1917 la Brigata passa alla 45^ Divisione con i Reggimenti schierati nel tratto San Giovanni di Duino (Monfalcone settore Hermada), all alba del 4 Giugno 1917, sferra un poderoso attacco ed i reparti subiscono numerose perdite; Morto per ferite riportate in combattimento l 11 Giugno 1917, nell ospedale di campo n. 075 a Caneva di Tolmezzo, all età di 22 anni. 28

29 SALIS EUGENIO Di Celeste e di Deiana Annetta Nato a Selargius il 20 Maggio 1896 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 2 Ottobre 1915; Chiamato alle armi e giunto il 24 Novembre 1915, nel Deposito Speciale dei Bersaglieri Caprera 7 Dicembre 1915; Giunto in territorio di guerra il 7 Dicembre 1915; Nel Terzo Reggimento Bersaglieri 20 Battaglione 8^ Compagnia 12 Marzo 1916; Morto per ferite riportate in combattimento il 2 Ottobre 1916, sul Monte Colbricon, all età di 20 anni. 29

30 SIDDI FRANCESCO Di Raimondo e di Corona Maria Rita Nato a Selargius il 4 Settembre 1895 in Via S. Croce Professione Contadino. Matricola n. 15 e n. 926 Lasciato in congedo illimitato provvisorio il 24 Novembre 1914, in attesa del congedo del fratello Efisio, ai termini dell articolo 108 della legge di reclutamento; Chiamato alle armi per mobilitazione il 7 Giugno 1915, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Trasferito nel 92 Reggimento Fanteria Brigata Basilicata 8^ Compagnia e giunto in territorio di guerra il 28 Ottobre 1915; Morto per ferite riportate in combattimento, fu rinvenuto il corpo il 22 Novembre 1917, in località Monfenera, all età di 22 anni. 30

31 SIDDI GIOVANNI Di Agostino e di Monni Federica Nato a Selargius il 22 Marzo 1893 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 30 Marzo 1916; Chiamato alle armi e giunto il 10 Luglio 1916; Nel 63 Reggimento Fanteria Brigata Cagliari il 25 Gennaio 1917; Morto per ferite riportate in combattimento il 17 Febbraio 1917, in Macedonia, durante gli attacchi violenti lanciati dai Bulgari, all età di 23 anni. 31

32 SILLO RAFAELE Di Siddi Federica Nato a Selargius il 21 Dicembre 1896 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 2 Ottobre 1915; Chiamato alle armi e giunto il 22 Novembre 1915, nel 210 Reggimento Fanteria; Giunto in territorio di guerra il 31 Marzo 1916; Trasferito al 151 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 21 Novembre 1916; Promosso Caporale il 1 Giugno 1917; Morto per ferite riportate in combattimento il 1 Settembre 1917, in Altopiano Bainsizza, durante la battaglia per la conquista della quota 862 e quota 895, all età di 20 anni. 32

33 TOLU GIOVANNI Di Fu Giuseppe Antonio e di Porcu Federica Nato a Selargius il 19 Giugno 1888 Professione Macellaio. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 30 Maggio 1908; Chiamato alle armi e giunto il 18 Febbraio 1909, nel 210 Reggimento Fanteria di Ozieri; In congedo illimitato il 30 Settembre 1910; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi il 26 Settembre 1911, nel 46 Reggimento Fanteria; Lasciato in congedo illimitato il 20 Marzo 1912; Chiamato alle armi e giunto il 12 Maggio 1915; Giunto in territorio di guerra il 15 Agosto 1915, nel 151 Reggimento Fanteria Brigata Sassari; Nel mese di Agosto 1915, la Brigata è impegnata nelle battaglie per la conquista del Monte San Michele; Morto per ferite riportate in combattimento il 21 Agosto 1915, nel Bosco Cappuccio, all età di 27 anni. 33

34 DECEDUTI PER MALATTIE CONTRATTE IN ZONE DI GUERRA Le durissime condizioni di vita esistenti nelle trincee, scatenarono il proliferare di innumerevoli malattie. SCABBIA E COLERA: Provocate da scarse condizioni igieniche e sanitarie. TIFO PETECCHIALE: Dovuto alla massiccia presenza di pidocchi. DISSENTERIA: Causata da cattive condizioni di cibo e dalla qualità dell acqua potabile. REUMATISMO ARTICOLARE ACUTO E CONGELAMENTO DEGLI ARTI INFERIORI: Causato dalle tante ore di immobilità, in cui i soldati stavano, nelle fredde trincee allagate di pioggia e fango. PROBLEMI PSICOLOGICI: Dovuti agli shock da combattimento durante i bombardamenti di Artiglieria che si protraevano per giorni interi, assalti alla baionetta durante i quali le mitragliatrici nemiche facevano strage di coloro che erano costretti ad uscire per conquistare le posizioni avversarie. DEBILITAZIONI FISICHE: Causate dalla fame, spaventoso nemico da combattere, invisibile e tremendo per chi la doveva sopportare. 34

35 AMBU AGOSTINO Di Efisio e Cabras Rita Nato a Selargius il 22 Ottobre 1882 Coniugato con Deiana Angela Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 16 Maggio 1916; Chiamato alle armi e giunto il 11 Luglio 1916, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Nel deposito bombardieri 11 Agosto 1916; Giunto in territorio di guerra il 25 Novembre 1916, nella 32 Batteria; Nella 91 Batteria il 5 Agosto 1917; Partito da territorio di guerra ed inviato in licenza illimitata 28 Dicembre 1918; Deceduto in Francia il 10 Settembre 1920, per malattia contratta in guerra, all età di 37 anni. 35

36 AMBU EFISIO LUIGI Di Federico e di Aresu Greca Nato a Selargius il 10 Giugno 1896 Professione Minatore. Matricola n Chiamato alle armi e giunto nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio 1 Battaglione Complementare Mitraglieri, alle dipendenze della 17^ Divisione; Giunto in territorio di guerra; Deceduto il 26 Ottobre 1918, per malattia contratta in guerra, all età di 22 anni. 36

37 ATZENI PASQUALE Di Antonio e Corona Greca Nato a Selargius il 25 Ottobre 1889 Professione Contadino. Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 21 Marzo 1916; Chiamato alle armi e giunto il 29 Aprile 1916, nel 82 Reggimento Fanteria; Giunto in territorio di guerra il 13 Agosto 1916, nel 231 Reggimento Fanteria; Prigioniero di guerra; 1^ Compagnia prigionieri liberati; Deceduto il 23 Novembre 1918, per malattia contratta in guerra, all età di 29 anni. 37

38 BRUGU GUGLIELMO Di Francesco e di Farris Bellanna Nato a Selargius il 17 Aprile 1888 Coniugato con Ghilardoni M. Chiara Professione Meccanico Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 29 Aprile 1916; Chiamato alle armi e giunto il 1 Maggio 1916, nel 269 Reggimento Fanteria; Mobilitato nella 792 Compagnia Mitraglieri Deposito di Brescia 15 Maggio 1916; In territori di guerra il 17 Agosto 1916; Prigioniero di guerra per fatto d armi il 28 Ottobre 1917; Deceduto il 14 Dicembre 1918, in prigionia a Sigmundsherberg in Austria, per malattia contratta in guerra, all età di 30 anni. 38

39 CARA GUGLIELMO Di Giovanni e di Marras Lina Nato a Selargius il 24 Dicembre 1889 Professione Impiegato Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 18 Marzo 1910; Iscritto alla ferma di un anno corsi Allievi e Sergenti 23 Ottobre 1910; Giunto alle armi e iscritto alla classe di Allievo sergente, nel 46 Reggimento Fanteria Brigata Reggio con ferma di tre anni 30 Novembre 1910; Caporale Maggiore nella 32 compagnia Mitraglieri; Deceduto a Roma il 28 Luglio 1919, per malattia contratta in guerra, all età di 29 anni. 39

40 CARA RAFAELE Di Luigi e di Badas Giovanna Nato a Selargius il 24 Dicembre 1881 Coniugato con Pisanu Elvira Professione Contadino Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 20 Luglio 1901 Chiamato alle armi e giunto il 13 Marzo 1902, nel 2 Reggimento Bersaglieri; In congedo illimitato il 12 Settembre 1904; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà, il 12 Settembre 1904; Chiamato alle armi e giunto per istruzione il 30 Maggio 1906; In congedo illimitato 16 Giugno 1906; Chiamato alle armi per mobilitazione il 9 Maggio 1915, nel 317 Battaglione Fanteria; Giunto in territorio di guerra il 8 Gennaio 1916; Trasferito nel 96 Reggimento Fanteria il 26 Settembre 1916; Partito da territorio di guerra per malattia contratta in fronte il 1 Agosto 1917; Deceduto per malattia contratta in guerra il 14 Settembre 1917, all età di 35 anni. Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà il 4 Gennaio

41 CONTU FRANCESCO Di Pietro e di Salis Greca Nato a Selargius il 2 Aprile 1879 Coniugato con Perra Marianna Professione Contadino Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 7 Agosto 1900; Iscritto alla ferma di 2 anni; Chiamato alle armi e giunto il 27 Marzo 1901, nel 59 Reggimento Fanteria; Mandato in licenza illimitata il 14 Maggio 1902; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi per mobilitazione, nel 317 Battaglione 4^ Compagnia; Deceduto per malattia contratta in guerra il 24 Aprile 1916, nell ospedale di campo 111 in località Dornovico Inferiore, all età di 37 anni. 41

42 CONTU GIUSEPPE Di Amatore e di Serreli Bonaria Nato a Selargius il 15 Ottobre 1891 Professione Minatore Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 2 Giugno 1913, nel Reggio Consolato d Italia a Tunisi; Chiamato alle armi e giunto il 7 Settembre 1913; Nel 75 Reggimento Fanteria 22 Dicembre 1913; Partito per la Libia il 2 Dicembre 1914; Ammesso al Reggio Corpo di Truppe Coloniali della Tripolitania con ferma speciale di 3 anni nella Compagnia Zappatori e Minatori del Genio Tripolitania; Ammesso alla prima Rafferma Speciale per un Anno il 18 Dicembre 1917; Deceduto per malattia contratta in guerra il 8 Novembre 1918, in Libia, all età di 27 anni. 42

43 CORDA GIOVANNI BATTISTA Di Carlo e di Melis Giovanna Nato a Selargius il 15 Febbraio 1886 Coniugato con Cabras Paolina Professione Muratore Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 21 Marzo 1916; Chiamato alle armi e giunto il 29 Aprile 1916, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Giunto in territorio di guerra il 5 Settembre 1916, nel 233 Reggimento Fanteria; Partito da territorio di guerra per malattia contratta sul fronte il 29 Maggio 1917; Ricoverato all ospedale di Cagliari; Deceduto per malattia contratta in guerra il 29 Giugno 1917 a Cagliari, all età di 31 anni. 43

44 CORDEDDA FELICE Di Francesco e di Ambu Giovanna Nato a Selargius il 25 Maggio 1896 Professione Contadino Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 2 Ottobre 1915; Chiamato alle armi e giunto il 24 Novembre 1915, nel 80 Reggimento Fanteria; Giunto in territorio di guerra il 26 Giugno 1916, nel 44 Reggimento Fanteria; Trasferito nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 31 Novembre 1916; Trasferito nel 39 Reggimento Fanteria il 12 Novembre 1917; Deceduto per malattia contratta in guerra il 10 Novembre 1918 a Feltre, all età di 22 anni. 44

45 DEIANA FELICE Di Giuseppe e di Schirru Luigia Nato a Selargius il 27 Marzo 1900 Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 7 Marzo 1918; Chiamato alle armi e giunto il 20 Marzo 1918; Nel 45 Reggimento Fanteria il 21 Aprile 1918; Deceduto per malattia contratta in guerra il 23 Ottobre 1918 nell Ospedale Militare di Brescia, all età di 18 anni. Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà, il 26 marzo

46 DEIANA LUIGI Di Efisio e di Musiu Teresa Nato a Selargius il 10 Gennaio 1876 Coniugato con Loddo Aurora Professione Studente Matricola n Lasciato in congedo illimitato il 22 Giugno 1896; Designato per la ferma di due anni il 4 Marzo 1897, nell 11 Reggimento Artiglieria da Campagna; Caporale In Detto il 31 Maggio 1898; Lasciato in congedo illimitato il 30 Novembre 1898; Chiamato alle armi per mobilitazione il 26 Febbraio 1916, nel deposito speciale 3^ Artiglieria da Fortezza; Giunto in territorio di guerra il 26 Febbraio 1916; Partito da territorio di guerra il 9 Settembre 1916; Deceduto per malattia contratta in guerra il 11 Novembre 1917, a Selargius, all età di 41 anni. 46

47 DEIANA LUIGI Di Pasquale e di Mameli Francesca Nato a Selargius il 22 Ottobre 1897 Professione Carrettiere Matricola Lasciato in congedo illimitato il 11 Maggio 1916; Chiamato alle armi e giunto il 21 Settembre 1916, nel 3 Reggimento Genio Telegrafisti (Treno); Giunto in territorio di guerra il 11 Marzo 1917, nella 56^ Compagnia Mobilitata; Trasferito nel 7 Reggimento Genio il 13 Agosto 1918; Deceduto per malattia contratta in guerra il 19 Dicembre 1918, all Ospedale di Campo 050, all età di 21 anni. Decorato con la Medaglia Interalleata della Vittoria, Campagna di Guerra 1917, il 16 Dicembre

48 DEIANA RAFAELE Di Vincenzo e di Siddi Antonia Nato a Selargius il 27 Aprile 1887 Coniugato con Melis Angela Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 15 Aprile 1909; Iscritto alla ferma di un anno e lasciato in congedo illimitato provvisorio in attesa del congedamento del fratello Felice il 16 Novembre 1909; Chiamato alle armi e giunto il 30 Ottobre 1910, nel 5 Reggimento Fanteria; In congedo illimitato il 9 Novembre 1911; Concessa dichiarazione di aver tenuto buona condotta e servito con onore e fedeltà; Chiamato alle armi e non giunto perché all estero, con regolare nulla osta dell Autorità Militare il 5 Agosto 1912; Chiamato alle armi e giunto il 9 Agosto 1914 dispensato in seguito a rassegna il 12 Agosto 1914; Chiamato alle armi e giunto il 14 Maggio 1915, nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari; Giunto in territorio di guerra il 24 Maggio 1915; Partito da territorio di guerra per ferite il 15 Dicembre 1915; Mandato in licenza di 30 giorni per convalescenza il 20 Gennaio 1916; Deceduto per malattia contratta in guerra il 5 Febbraio 1916, a Selargius, all età di 28 anni. 48

49 GALLUS ATTILIO Di Fu Antonio e di Rundeddu Bonaria Nato a Selargius il 28 Settembre 1895 in Via Mercato Professione Contadino Matricola 49. Soldato di leva di Terza Categoria; Lasciato in congedo illimitato nel mese di Novembre 1914; Chiamato alle armi e giunto il 5 Giugno 1915, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Giunto in territorio di guerra il 17 Settembre 1915; Ferito da pallottole di mitragliatrice nemica mentre svolgeva il turno di vedetta il 11 Ottobre 1915; Ricoverato all Ospedale di Brescia il 10 Novembre 1915; Trasferito all Ospedale di Massa Carrara il 20 Gennaio 1916; Trasferito all Ospedale di Cagliari con licenza di 40 giorni il 6 Febbraio 1916; Rientrato in servizio nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari; Ferito in territorio di guerra il 15 Gennaio 1917, ricoverato in Ospedale con licenza per trenta giorni; Rientrato in servizio il 10 Agosto 1917 nel Reparto Mitraglieri; Mandato in licenza per 20 giorni il 27 Dicembre 1918; Deceduto per malattia contratta in guerra il 4 Gennaio 1919 a Selargius, all età di 23 anni. 49

50 MAMELI ANGELO Di Stefano e di Puddu Rita Nato a Selargius il 2 Agosto 1898 Professione Bracciante Matricola Chiamato alle armi e giunto il 23 Agosto 1917, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Deceduto per malattia contratta in guerra il 19 Dicembre 1917, nell Ospedale Carlo Alberto di Cagliari, all età di 19 anni. 50

51 MELIS PALMERIO Di Angelo e di Ragatzu Paola Nato a Selargius il 24 Giugno 1899 Professione Falegname Matricola Lasciato in congedo illimitato il 22 Maggio 1917; Chiamato alle armi e giunto il 12 Giugno 1917, nel 2 Reggimento Artiglieria Fortezza Resistenza; Giunto in territorio di guerra il 27 Giugno 1917; Trasferito nella 49^ Compagnia Artiglieria Fortezza il 23 Gennaio 1918; Ricoverato per malattia contratta nel fronte il 4 Marzo 1919; Deceduto per malattia contratta in guerra il 7 Marzo 1919 nell Ospedale Militare di Vicenza, all età di 19 anni. 51

52 MELONI GIUSEPPE Di Giovanni Agostino e di Perseu Marianna Nato a Selargius il 5 Febbraio 1883 Coniugato con Murenu Annetta Professione Contadino Soldato di leva di Terza Categoria; Chiamato alle armi e giunto nel 45 Reggimento fanteria Secondo Battaglione di Complemento di Bosa; Deceduto per malattia contratta in guerra il 1 Dicembre 1918 a Bosa, all età di 35 anni. 52

53 MELONI PAOLO Di Pietro e di Mainas Eusebia Nato a Selargius il 16 Settembre 1883 Coniugato con Pinna Eleonora Professione Calzolaio Matricola Riformato e riabilitato il 19 Novembre 1917; Chiamato alle armi e giunto il 19 Gennaio 1918; Nel 60 Reggimento Fanteria il 3 Febbraio 1918; Deceduto per malattia contratta in guerra il 2 Dicembre 1918 a Viterbo, all età di 35 anni. 53

54 MORO RAFAELE Di Giovanni e di Pilia Francesca Nato a Selargius il 22 Novembre 1898 Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 27 Gennaio 1917; Chiamato alle armi e giunto il 6 Febbraio 1917, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Trasferito nel 282 Reggimento Fanteria Brigata Foggia 11^ Compagnia; Giunto in territorio di guerra; Prigioniero di guerra per fatto d armi il 4 Novembre 1917; Deceduto per malattia contratta in guerra in prigionia il 12 Luglio 1918 a Liegi, sepolto nel cimitero di Robermaut Tomba , all età di 19 anni. 54

55 PES BATTISTA Di Pietro e di Serreli Giuseppa Nato a Selargius il 8 Marzo 1886 Coniugato con Puddu Antonietta Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 21 Marzo 1916; Chiamato alle armi e giunto il 29 Aprile 1916, nel 60 Reggimento Fanteria; Giunto in territorio di guerra il 10 Agosto 1916, nel 159 Reggimento Fanteria; Giunto nuovamente in territorio di guerra il 2 Dicembre 1916; Partito da territorio di guerra e ricoverato nell Ospedale S. G. Mauzano il 14 Maggio 1917 e trasferito nel 68 Reggimento Fanteria; Inviato in congedo per la durata di due anni perché riconosciuto temporaneamente invalido a seguito di malattia contratta nel fronte; Deceduto per malattia contratta in guerra il 26 Giugno 1920 a Cagliari nell Ospedale della Croce Rossa, all età di 34 anni. 55

56 SABA EFISIO Di Pantaleo e di Locci Raffaela Nato a Selargius il 7 Maggio 1889 Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 21 Marzo 1916; Chiamato alle armi e giunto il 2 Aprile 1916, nel 39 Reggimento Fanteria Brigata Bologna; Giunto in territorio di guerra; Prigioniero per Fatto d Armi; Deceduto per malattia contratta in prigionia il 10 Gennaio 1918 a Mauthausen- Austria, all età di 28 anni. 56

57 SALIS BENIAMINO Di Antonio e di Siddi Raffaela Nato a Selargius il 19 Maggio 1891 in Via Tempio Professione Muratore Matricola Lasciato in congedo illimitato il 2 Ottobre 1915; Chiamato alle armi e giunto il 3 Dicembre 1915, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Giunto in territorio di guerra il 15 Febbraio 1917, nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari; Trasferito al 151 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 20 Aprile 1917; Trasferito al 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 17 Agosto 1917; Prigioniero di guerra per fatto d Armi il 19 Novembre 1917, nella Battaglia sull Alto Piano della Bainsiza; Deceduto per malattia contratta in prigionia il 22 Febbraio 1918 a Mauthausen - Austria, all età di 26 anni. 57

58 SERRELI GIUSEPPE Di Efisio e di Milia Federica Nato a Selargius il 10 Marzo 1896 Professione Muratore Matricola 5074 Lasciato in congedo illimitato il 2 Ottobre 1915; Chiamato alle armi e giunto il 22 Novembre 1915, nel 1 Reggimento Genio Reparto Zappatori; Giunto in territorio di guerra il 29 Marzo 1916; In malattia il 23 Agosto 1916; Giunto in territorio di guerra il 1 Novembre 1916, sul Carso da Monfalcone a Lokvica; In malattia il 6 Ottobre 1918; Deceduto per malattia contratta in guerra il 14 Ottobre 1918, a Livorno, all età di 22 anni. 58

59 SOLDATI DISPERSI IN COMBATTIMENTO I soldati Italiani che non fecero ritorno dal fronte risultano dispersi, di essi non si sa nulla, nessuno è in grado di fornire una sia pur vaga notizia. Di questi soldati si conosce il nome e il cognome, la data e il luogo di nascita, il Reggimento di appartenenza e la data della loro scomparsa, cioè quando non erano più presenti nel loro Reparto. Durante le battaglie le possibilità di conoscere con sicurezza chi era caduto, erano minori nel caso di una ritirata, se questa avveniva sotto il fuoco nemico, e non vi erano i mezzi per trasportare d urgenza i feriti. Molti di questi giovani e valorosi soldati, morivano in prigionia, catturati, senza che le loro generalità fossero segnalate. 59

60 CONTU ANTONIO Di Raffaele e di Mameli Anna Nato a Selargius il 1 Dicembre 1885 Coniugato con Rundeddu Federica Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 16 Maggio 1916; Chiamato alle armi e giunto il 11 Luglio 1916, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Trasferito nel 227 Reggimento Fanteria Brigata Rovigo il 30 Ottobre 1916; Giunto in territorio di guerra il 30 Ottobre 1916; Disperso in combattimento il 21 Agosto 1917, nelle sanguinose battaglie in località Dente del Faiti (Carso), all età di 31 anni; Dichiarazione di irreperibilità il 24 Dicembre

61 FRAU ERNESTO Di Giovanni e di Contu Giuseppina Nato a Selargius il 7 Dicembre 1897 Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 27 Gennaio 1917; Chiamato alle armi e giunto il 26 Febbraio 1917, nel 1 Reggimento Bersaglieri della Reale Scuola Bombardieri di Nervesa Napoli; Giunto in territorio di guerra il 10 Agosto 1917; Disperso in combattimento il 4 Novembre 1917; Dichiarazione di irreperibilità il 17 Novembre

62 FRAU LUIGI Di Pietro e di Cocco Anna Rosa Nato a Selargius il 24 Maggio 1894 in Via Dante Alighieri Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 24 Novembre 1914; Chiamato alle armi e giunto il 24 Novembre 1915, nel 1 Reggimento Granatieri Reparto Zappatori; Giunto in territorio di guerra; Disperso in combattimento il 7 Agosto 1916, mentre il Reggimento sosteneva la 22^ Divisione nella Battaglia della 1^ e 2^ Cima del Monte San Michele, all età di 22 anni. 62

63 GABBA PIETRO Di Efisio e di Lai Efisia Nato a Selargius il 25 Marzo 1897 Professione Manovale Matricola Lasciato in congedo illimitato il 19 Luglio 1916; Chiamato alle armi e giunto il 21 Settembre 1916, nel 39 Reggimento Fanteria Brigata Bologna; Giunto in territorio di guerra il 12 Febbraio 1917, trasferito al 35 Reggimento Fanteria Brigata Pistoia 119^ Milizia Mobile; Disperso in combattimento il 15 Giugno 1918, in località Porte Sattoce, all età di 21 anni; Rilasciata dichiarazione di irreperibilità il 14 Marzo

64 GALLUS LAZZARO Di Giovanni e di Salis Rita Nato a Selargius il 24 Dicembre 1881 Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 20 Giugno 1901; Chiamato alle armi e giunto il 20 Settembre 1901, Allievo Carabiniere a Cavallo con ferma per 5 anni; Ammesso alla prima rafferma con premio il 1 Ottobre 1906; Vice Brigadiere in Sella il 31 Gennaio 1909; Ammesso alla terza Rafferma, Rinnovo il 1 Ottobre 1912; Brigadiere in Detto della Legione Libia (Biengasi) il 20 Novembre 1913; Ammesso alla Rafferma annuale con Premio il 1 Ottobre 1915; Ammesso alla Rafferma Coloniale il 30 Novembre 1916; Maresciallo d Appoggio in Detto il 31 Gennaio 1917; Ammesso alla Rafferma di un anno con Premio il 27 Settembre 1917; Partito per l Italia per rimpatrio definitivo il 13 Febbraio 1918; Scomparso in mare la notte del 17 Marzo 1918, in seguito al siluramento e all affondamento del Piroscafo Tripoli, per fato di guerra a largo di Capo Figari, mentre era in viaggio per raggiungere la sua nuova destinazione alla Legione di Milano, all età di anni

65 LODDO SALVATORE Di Diego e di Melis Federica Nato a Selargius il 17 Agosto 1892 Professione Contadino Matricola Lasciato in congedo illimitato il 22 Marzo 1912; Lasciato in congedo illimitato in attesa del congedamento in armi del fratello Francesco; Chiamato alle armi e giunto il 7 Febbraio 1913, nel 6 Reggimento Fanteria Brigata Aosta; Partito per la Tripolitania e Cirenaica il 25 Novembre 1913; Disperso in combattimento in Libia il 8 Luglio 1915, all età di 22 anni; Rilasciata dichiarazione di irreperibilità il 17 Novembre

66 MASCIA CELESTINO Di Serafino e di Gallus Margherita Nato a Selargius il 22 Maggio 1895 in Via Iglesias Professione Muratore Matricola 920 Chiamato alle armi e giunto il 12 Gennaio 1915, Allievo Carabinieri a Cavallo per la ferma di 3 anni; Giunto in territorio di guerra il 2 Giugno 1916; Promosso Vice Brigadiere il 31 Luglio 1916; Ammesso alla Prima Rafferma Triennale con Premio; Scomparso in mare la notte del 17 Marzo 1918, in seguito al siluramento all affondamento del Piroscafo Tripoli, per fato di guerra, al largo di Capo Figari all età di 22 anni. 66

67 MELONI ATTILIO Di Giuseppe e di Murenu Assunta Nato a Selargius il 28 Marzo 1897 in Via Eleonora d Arborea Professione Muratore Matricola 9697 Chiamato alle armi e giunto il 21 Settembre 1916, nel 1 Reggimento Bersaglieri; Giunto in territorio di guerra il 31 Dicembre 1916; Trasferito al 18 Reggimento Bersaglieri il 1 Febbraio 1917; Nel mese di Ottobre 1917 il 18 Reggimento dei Bersaglieri era in linea sul Tagliamento, Morsano, Livenza, Magnadola, Piave (Linee da Bocca di Callalta e San Bartolomeo); Disperso in combattimento il 28 Ottobre 1917, all età di 20 anni. Rilasciata dichiarazione di irreperibilità il 6 Novembre

68 MURENU ANTONIO Di Giuseppe e Piras Felicita Nato a Selargius il 30 Giugno 1894 Professione Muratore Matricola Lasciato in congedo illimitato il 9 Maggio 1914 Chiamato alle armi e giunto il 8 Settembre 1914, nel 5 Reggimento Fanteria; Giunto in territorio di guerra il 23 Maggio 1915; Trasferito nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari Reparto Mitraglieri il 16 Dicembre 1916; Dal 15 Giugno al 24 Giugno 1918 il 152 Reggimento Brigata Sassari fu coinvolto nella Battaglia del Solstizio in località Losson, Fassalta Capo d Argine, Musile; Disperso in combattimento il 15 Giugno 1918, in località Croce di Musile, all età di 23 anni. 68

69 RAGATZU GIUSEPPE Di Pietro e Piras Antonia Nato a Selargius il 17 Marzo 1895 Professione Terraziere Matricola 3543 Chiamato alle armi e giunto il 19 Luglio 1915, nel 45 Reggimento Fanteria Brigata Reggio; Trasferito nel 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari il 18 Settembre 1915; Giunto in territorio di guerra; Nel mese di Novembre del 1915 il 152 Reggimento Fanteria Brigata Sassari fu impegnato nelle offensive sulle linee di Castelnuovo (Monte San Michele); Disperso in combattimento il 14 Novembre 1915, in località Castelnuovo (Monte San Michele), all età di 20 anni. 69

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - MIGNONE Domenico di Fiorentino nato a Ceppaloni il 26 febbraio 1876 soldato del 3 reggimento artiglieria da

Dettagli

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - RUGGIERO Tommaso di Gabriele nato ad Airola l'8 agosto 1876 soldato del 6 reggimento genio morto il 24 agosto

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

Elenco Caduti Prima Guerra Mondiale Fabrica di Roma. Di Arnaldo Ricci

Elenco Caduti Prima Guerra Mondiale Fabrica di Roma. Di Arnaldo Ricci Elenco Caduti Prima Guerra Mondiale Fabrica di Roma Di Arnaldo Ricci 1. Alessandrini Agostino di Carlo, nato a Fabrica di Roma il 05 gennaio 1882; soldato del 130 reggimento fanteria; morto sul Monte san

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - BOCCHICCHIO Salvatore di Antonio nato a Buonalbergo il 15 novembre 1878 soldato del 225 battaglione milizia

Dettagli

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - PIACQUADIO Onofrio di Giorgio nato a Colle Sannita il 15 gennaio 1874 soldato del 73 battagglione milizia

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - DI MASSA Salvatore di Pasquale nato a Solopaca il 7 ottobre 1881 soldato del 48 reggimento fanteria morto

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento -

Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale. - Provincia di Benevento - Archivio di Stato di Benevento I caduti della prima guerra mondiale - Provincia di Benevento - LUISI Angelo di Filippo nato a Tocco Caudio il 3 gennaio 1882 soldato del 156 reggimento fanteria morto l'1

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

CENTENARIO DELL AVIAZIONE MILITARE ITALIANA

CENTENARIO DELL AVIAZIONE MILITARE ITALIANA 1 LUGLIO 2012 CENTENARIO DELL AVIAZIONE MILITARE ITALIANA ANNIVERSARIO BATTAGLIONE AVIATORI L'AERONAUTICA MILITARE ITALIANA nasce il 6 novembre del 1884 quando il Ministero della Guerra del Regno D Italia

Dettagli

PLECE CAPPELLA MILITARE BES

PLECE CAPPELLA MILITARE BES CLUB ALPINO ITALIANO Sottosezione VAL NATISONE PLECE CAPPELLA MILITARE BES di Mariano Moro Sulla sella tra le cime del Plece (1299 m.) e del Planica (1376 m.) sorse, in una posizione defilata, la Cappella

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

TEMPIO PAUSANIA. Legenda fonti (Le fonti citate sono in possesso del curatore di questa compilazione; chi fosse interessato può farne richiesta)

TEMPIO PAUSANIA. Legenda fonti (Le fonti citate sono in possesso del curatore di questa compilazione; chi fosse interessato può farne richiesta) TEMPIO PAUSANIA ELENCO IN ORDINE ALFABETICO TRATTO DALL'ALBO D'ORO DEI MILITARI SARDI CADUTI NELLA GRANDE GUERRA (http://www.cadutigrandeguerra.it/webform1.aspx) Nota. I nominativi che si riportano di

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Episodio di Piano Sale, Filetto, 05.12.1943 I.STORIA. Località Comune Provincia Regione Piano Sale Filetto Chieti Abruzzo. s.i. D.

Episodio di Piano Sale, Filetto, 05.12.1943 I.STORIA. Località Comune Provincia Regione Piano Sale Filetto Chieti Abruzzo. s.i. D. Episodio di Piano Sale, Filetto, 05.12.1943 Estensore della scheda: Nicola Palombaro I.STORIA Località Comune Provincia Regione Piano Sale Filetto Chieti Abruzzo Data iniziale: 05/12/1943 Data finale:

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Prot. n. 3104/P5 Roma, 21 giugno 2007 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di T R E N T O Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

La Sezione ANC di BARCELLONA POZZO DI GOTTO è intitolata Car.Scelto La Spada Pantaleo Mario Medaglia Argento al Valor Civile alla Memoria

La Sezione ANC di BARCELLONA POZZO DI GOTTO è intitolata Car.Scelto La Spada Pantaleo Mario Medaglia Argento al Valor Civile alla Memoria La Sezione ANC di BARCELLONA POZZO DI GOTTO è intitolata Car.Scelto La Spada Pantaleo Mario Medaglia Argento al Valor Civile alla Memoria LA SPADA PANTALEO CARABINIERE VAI A ANC BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare fonti normative D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. Art. 99 Concessione di ricompense alle Forze armate 1. Il conferimento alla bandiera

Dettagli

TÄuÉ wëbüé SANGIULIANESI. Caduti per la Patria. a cura di Antonio Navarra

TÄuÉ wëbüé SANGIULIANESI. Caduti per la Patria. a cura di Antonio Navarra TÄuÉ wëbüé SANGIULIANESI Caduti per la Patria a cura di Antonio Navarra San Giuliano del Sannio 2012 Già molto è stato detto e scritto sulle guerre e numerose sono state le commemorazioni ai caduti. Per

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

INTERVENTO INTITOLAZIONE DEL CENTRO REMIERO DI OGGIONO AI MARINAI D'ITALIA 26 MAGGIO 2012.

INTERVENTO INTITOLAZIONE DEL CENTRO REMIERO DI OGGIONO AI MARINAI D'ITALIA 26 MAGGIO 2012. INTERVENTO INTITOLAZIONE DEL CENTRO REMIERO DI OGGIONO AI MARINAI D'ITALIA 26 MAGGIO 2012. Rivolgo a tutti gli intervenuti, alle Autorità civili, ai molti sindaci presenti, a quelle religiose, militari

Dettagli

I numeri del soccorso che fanno unità

I numeri del soccorso che fanno unità I numeri del soccorso che fanno unità L unità d Italia è fatta anche dalla solidarietà, nell ambito sanitario essa si concretizza nella catena del soccorso. La Croce Rossa Italiana, il 118, il trapianto

Dettagli

AVIATORI DI CERVETERI

AVIATORI DI CERVETERI ASSOCIAZIONE ARMA AERONAUTICA Sezione 265 Ladispoli Cerveteri Cap. Pil. MOVM Valerio Scarabellotto ALBO AVIATORI DI CERVETERI Gennaio 2013 fraviz Questa ricerca in fase di realizzazione vuole essere un

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA

LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA LA CALABRIA E LA GRANDE GUERRA Anche se poco noto la Calabria ha pagato un contributo di sangue altissimo. I dati riportati dagli elenchi regionali dell albo d oro riportano un totale di circa 530.000

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

I. STORIA. s.i. D. Bambi ne (0-11) Civili Partigiani Renitenti Disertori Carabinieri Militari Sbandati 38 4

I. STORIA. s.i. D. Bambi ne (0-11) Civili Partigiani Renitenti Disertori Carabinieri Militari Sbandati 38 4 Episodio di Collelungo Vallerotonda 28-12-1943 Nome del compilatore: Tommaso Baris I. STORIA Località Comune Provincia Regione Collelungo Vallerotonda Frosinone Lazio Data iniziale: 28-12-1943 Data finale:

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

(Relatore di minoranza Codega) sulla. PROPOSTA DI LEGGE n. 229

(Relatore di minoranza Codega) sulla. PROPOSTA DI LEGGE n. 229 N. 229 A bis RELAZIONI DELLA VI COMMISSIONE PERMANENTE (ricerca scientifica e tecnologica, istruzione, beni e attività culturali, identità linguistiche e culturali, spettacolo e manifestazioni, attività

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale Dr. Miriam Sabatini Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria Quando muore un neonato: Eccessivo coinvolgimento e senso di responsabilità dei

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Croce Rossa e Avis in lutto per la morte di Melania Bonvini

Croce Rossa e Avis in lutto per la morte di Melania Bonvini Croce Rossa e Avis in lutto per la morte di Melania Bonvini Laboriosità, generosità e gratuità. Tre semplici parole per descrivere una grande donna, una grande donna che ha dedicato la sua vita all'associazionismo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

BREVI CENNI STORICI Giuseppe Rosania

BREVI CENNI STORICI Giuseppe Rosania BREVI CENNI STORICI Dopo la morte del Pastore Giuseppe Rosania, avvenuta a Foggia il 05/11/2005, comincia di nuovo il tentativo da parte del Consiglio generale A.D.I. di Roma, per l interposta persona

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S.

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. SANTA LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. BIOGRAFIA Luisa nacque il 12 agosto 1591 a Parigi, da Luigi de Marillac, Signore di Ferrières, imparentato con la migliore nobiltà di Francia e da madre ignota,

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Congregazione Templari di San Bernardo. Precettoria Lombardo-Piacentina Santa Maria del Tempio. Capitolo Generale

Congregazione Templari di San Bernardo. Precettoria Lombardo-Piacentina Santa Maria del Tempio. Capitolo Generale Congregazione Templari di San Bernardo Precettoria Lombardo-Piacentina Santa Maria del Tempio Capitolo Generale di San Michele Arcangelo 27 e 28 settembre 2008 Chiesa di San Pietro in Tranquiano Agazzano

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Albo d oro caduti burceresi Prima Guerra mondiale (1914-1918)

Albo d oro caduti burceresi Prima Guerra mondiale (1914-1918) Albo d oro caduti burceresi Prima Guerra mondiale (1914-1918) Fratelli Di che reggimento siete fratelli? Parola tremante nella notte Foglia appena nata Nell'aria spasimante involontaria rivolta dell'uomo

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

2011 Anno Europeo del volontariato

2011 Anno Europeo del volontariato L'avete fatto a me Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. Medici, infermieri, psicologi, educatori e amministrativi Volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 8, n.

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria L'Archivio Storico Tito Belati di Perugia presta la propria opera di documentazione

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Salésiennes de Don Bosco - FMA HAITI PER CRESCERE BENE BISOGNA NUTRIRSI BENE! "Un sorriso tira l'altro"

Salésiennes de Don Bosco - FMA HAITI PER CRESCERE BENE BISOGNA NUTRIRSI BENE! Un sorriso tira l'altro Salésiennes de Don Bosco - FMA HAITI PER CRESCERE BENE BISOGNA NUTRIRSI BENE! "Un sorriso tira l'altro" Per crescere bene bisogna nutrirsi bene! CONTESTO Cinque anni fa il 12 gennaio del 2010, un violento

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Proposta di lettura statistica del database

Proposta di lettura statistica del database Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi

Dettagli