ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO Catalogo Corsi. Responsabilità delle Imprese e Modelli Organizzativi per la Prevenzione dei Reati (D.Lgs. 231/01)...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO Catalogo Corsi. Responsabilità delle Imprese e Modelli Organizzativi per la Prevenzione dei Reati (D.Lgs. 231/01)..."

Transcript

1

2

3 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO Catalogo Corsi INDICE Gestione Elettronica Documentale e Conservazione Sostitutiva per lo Studio Professionale Responsabilità delle Imprese e Modelli Organizzativi per la Prevenzione dei Reati (D.Lgs. 231/01) Continuità Aziendale Principio di Revisione Deontologia per gli Studi Professionali La Normativa Antiriciclaggio negli Studi Professionali La Cedolare Secca Il Nuovo Redditometro per Commercialisti e Professionisti La Difesa Tecnica del Contribuente Come Tutelare i Propri Beni: il Trust e gli Affidamenti Fiduciari Start-Up Pratica: dall Idea all Impresa Il MePA per le Aziende: Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione Formazione Generale in Materia di Sicurezza dei Lavoratori

4 La Privacy e le Imprese: cosa cambia dopo il D.Lgs. 33/ Organizzare con Trello

5 GESTIONE ELETTRONICA DOCUMENTALE E CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA PER LO STUDIO PROFESSIONALE EDIZIONE: Sempre presente DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante, oltre ad avere una conoscenza teorica sulla normativa del documento elettronico, saprà gestire elettronicamente i documenti dello studio professionale, sostituendo la vecchia procedura di archiviazione. La tematica del documento elettronico e della documentazione sostitutiva diviene fondamentale in questo momento sociale ed economico. Il video corso, costituito idealmente da tre sezioni, vede nella prima un inquadramento di tutto l aspetto normativo che disciplina la tematica in questione, sia dal punto di vista civilistico sia, in particolar modo, da quello fiscale. La seconda sezione riproporrà i concetti già toccati in precedenza in una veste più sintetica e pratica. La terza, infine, vedrà l esposizione degli aspetti essenziali in modo più chiaro e pragmatico legata ad un esperienza diretta all interno di uno studio professionale, in particolare, nell ambito della conservazione sostitutiva della documentazione conservata ai sensi e per l obbligo di attività quale l intermediario telematico. MODULO 1 Il quadro normativo: il documento elettronico Il documento elettronico: definizioni, validità, campo di applicazione Il Quadro Normativo: La conservazione sostitutiva La conservazione sostitutiva: ambito di applicazione, conservazione elettronica, caratteristiche MODULO 2 L organizzazione delle informazioni Da archiviazione elettronica a conservazione sostitutiva: concetti fondamentali Da archiviazione elettronica a conservazione sostitutiva: le tre fasi relative Da archiviazione elettronica a conservazione sostitutiva: assolvimento di bollo MODULO 3 Gestione Elettronica Documentale all'interno dello Studio Professionale Il ruolo dei documenti Il presupposto per una gestione elettronica documentale La soluzione per la "Gestione delle pratiche dei clienti" Intermediario Telematico : l archivio delle copie della documentazione inviata La piattaforma tecnologica di conservazione sostitutiva DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 1

6 GESTIONE ELETTRONICA DOCUMENTALE E CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA PER LO STUDIO PROFESSIONALE COSTO: 20,00 + IVA 2 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

7 RESPONSABILITÀ DELLE IMPRESE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA PREVENZIONE DEI REATI (D. LGS. 231/01) DESTINATARI: Studi professionali, aziende A fine corso il partecipante avrà un ottima conoscenza della normativa sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, essenziale per tutelarsi da eventuali sanzioni che possono scaturire da comportamenti illeciti. L introduzione della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, contenuta nel d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, rappresenta una delle riforme più significative che hanno interessato il nostro ordinamento giuridico in questo decennio. La relativa disciplina, che ha imposto da un lato la creazione di un sistema sanzionatorio dei comportamenti illeciti dell impresa e dall altro l adozione di mezzi di prevenzione idonei ad evitare l insorgere stesso dei reati, viene puntualmente analizzata e commentata in questo video corso, integrando competenze legali, aziendali e contabili. MODULO 1 Responsabilità amministrativa dell Ente: Il D.Lgs 231/2001 in pillole Destinatari della disciplina Il catalogo dei reati Le sanzioni MODULO 2 I Modelli organizzativi: Cosa sono Quali sono le fasi di costruzione Gli elementi caratterizzanti Classificazione, mappatura e analisi del rischio Determinazione del grado di pericolosità Accettabilità del rischio Progettazione del sistema Perché adottare il modello MODULO 3 L Organismo di vigilanza: Definizione e principali riferimenti Requisiti e funzioni dell OdV La composizione dell OdV I Soggetti e i dubbi La vigilanza negli Enti di piccole dimensioni La Responsabilità Conclusioni ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 3

8 RESPONSABILITÀ DELLE IMPRESE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA PREVENZIONE DEI REATI (D. LGS. 231/01) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 2 ore COSTO: 40,00 + IVA 4 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

9 CONTINUITÀ AZIENDALE PRINCIPIO DI REVISIONE 570 DESTINATARI: Studi professionali, aziende A fine corso il partecipante avrà un ottima conoscenza della normativa che impone specifici principi di revisione contabile da parte del Revisore ad esso deputato. Il videocorso affronta la materia del Principio di Revisione 570 che riguarda la continuità aziendale. Introdotto nel 2008, esso costituisce un importante riferimento, sia nell attuale periodo di crisi, sia in relazione alla recente normativa del D.L. 39/2010, che impone l adozione di specifici principi di revisione contabile da parte del Revisione ad essa deputato. La trattazione del video corso tocca i punti salienti del PR570 addentrandosi nella loro spiegazione, sistematicamente corredata da interpretazioni volte ad evidenziare lo spirito del legislatore e da esempi concreti finalizzati ad una più completa comprensione della materia, calata nella pratica professionale. MODULO 1 Responsabilità della direzione Responsabilità del revisore Pianificazione della revisione e svolgimento delle procedure di valutazione del rischio MODULO 2 L apprezzamento del revisore della valutazione effettuata dalla direzione Periodo successivo a quello considerato nella valutazione della direzione Procedure di revisione conseguenti nel caso in cui siano identificati eventi o circostanze tali da far sorgere dubbi significativi sulla continuità aziendale MODULO 3 Conclusioni della revisione e stesura della relazione del revisore Ritardo significativo nella firma o nell approvazione del bilancio Esempi pratici DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora COSTO: 20,00 + IVA ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 5

10 DEONTOLOGIA PER GLI STUDI PROFESSIONALI DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante avrà una conoscenza generale della deontologia degli studi professionali. Il videocorso prevede un excursus relativo al comportamento del professionista in ambito professionale e non solo. Si andrà a scorrere il codice deontologico così come è stato emanato dal consiglio dei dottori commercialisti e degli esperti contabili. Si vedranno quindi gli obblighi cui si è tenuti a rispettare come la formazione, che già il professionista comunque fa quotidianamente con quotidiani e riviste specializzate, nell ottica dell interesse proprio e pubblico. MODULO 1 La formazione professionale La deontologia professionale: introduzione al codice deontologico MODULO 2 I contenuti del codice deontologico L ambito del codice I principi e le responsabilità della deontologia MODULO 3 La collaborazione professionale Il rapporto col cliente e con gli enti istituzionali Le sanzioni per l inosservanza DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora COSTO: 20,00 + IVA 6 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

11 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante avrà una conoscenza generale sulla normativa antiriciclaggio che ha cambiato totalmente le precedenti disposizioni. Viene costruita un analisi relativa alle novità del decreto legislativo 231 del 2007 e a quelle successive del decreto correttivo 151 del Il 231 ha, di fatto, sconvolto quella che erano le disposizioni del d.lgs 56 del 2004, infatti qui la novità principale pone un accento sul reato di riciclaggio ai soli fini amministrativi (senza modificare il codice penale). Le modifiche vengono apportate in seno alla operatività stessa, che modifica la definizione del reato di riciclaggio, ampliandolo e rendendolo di fatto molto stringente. MODULO 1 Introduzione al decreto legislativo 231/07 Definizione di antiriciclaggio Novità introdotte: l adeguata verifica MODULO 2 Approfondimento sull adeguata verifica Gli obblighi per i professionisti MODULO 3 Approfondimento sugli obblighi dei professionisti L identificazione del titolare effettivo Ipotesi operative DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora COSTO: 20,00 + IVA ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 7

12 LA CEDOLARE SECCA DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita sulla cedolare secca che gli permetterà di orientare il cliente verso una scelta. La cedolare secca è il primo tassello verso il federalismo fiscale con l art. 3 del d.lgs 23/2011 pubblicato sulla G.U. il 23 marzo Viene trattato l argomento tra i primi in Italia in un momento caldo dell anno nel quale saranno proprio i clienti a stimolare una riflessione ed una risposta immediata in tal senso. L autore vuole qui dare una bussola per aiutare il professionista ad orientarsi nelle variabili nella scelta della cedolare secca per le varie attività dei vari clienti. La scelta, come sarà apprezzabile dal videocorso in oggetto, sarà vantaggiosa per molti ma non per tutti. MODULO 1 Cedolare Secca sulle Associazioni: introduzione Le aliquote e gli scaglioni di reddito MODULO 2 Requisiti soggettivi ed oggettivi della cedolare secca I contratti soggetti alla cedolare secca L opzione al nuovo regime MODULO 3 L opzione al nuovo regime: approfondimento Vantaggi e svantaggi della cedolare secca Le sanzioni DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora COSTO: 20,00 + IVA 8 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

13 IL NUOVO REDDITOMETRO PER COMMERCIALISTI E PROFESSIONISTI DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita sul nuovo redditometro, fondamentale per poter guidare i propri clienti. Verranno qui analizzate le tematiche relative al nuovo redditometro approfondendo aspetti quali le norme di riferimento, le principali criticità evinte dalla sentenza del tribunale di Napoli (ordinanza n 250/2013) in qualità di nullità, illegittimità e di principio, che va a bocciare in sostanza questa nuova procedura di accertamento. Si andranno ad analizzare lo studio di settore per i nuclei familiari, il reddito complessivo determinato in base alla sfera di riferimento ed agli indici di capacità contributiva, gli oneri deducibili e detraibili. L ultima parte viene dedicata al redditest, strumento che il contribuente potrà utilizzare per analizzare il proprio reddito, e al decreto attuativo del 24 dicembre MODULO 1 Norme di Riferimento Sentenza del tribunale di Napoli Parere della Corte di Cassazione Studio di settore Familiare (parte prima) MODULO 2 Studio di settore Familiare (parte seconda) Oneri deducibili e detraibili ReddiTest Il Decreto Attuativo del 24/12/2012 DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 30 minuti COSTO: 10,00 + IVA ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 9

14 LA DIFESA TECNICA DEL CONTRIBUENTE DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita sulle tematiche inerenti la difesa del contribuente. Vengono affrontate in questo corso tematiche inerenti la difesa del contribuente, anche alla luce del nuovo sistema di accertamento fiscale, trattando argomenti inerenti il redditometro, gli studi di settore, le indagini bancarie, l abuso del diritto etc. Il contenuto si sofferma sui presupposti salienti che caratterizzano il rapporto tra fisco e contribuente, in un ottica di tutela di quest ultimo da parte dello Studio professionale cui egli si affida. Nel divenire del panorama in cui si contestualizza la difesa tecnica tributaria, si analizzano le concrete possibilità di tutela del contribuente davanti alle commissioni tributarie, con specifici riferimenti coordinati alla Costituzione, che vengono analizzati e contrapposti alle presunzioni del fisco. Completa il corso l accenno a specifiche sentenze di Commissioni tributarie nel merito delle tematiche trattate. MODULO 1 Il giusto prelievo secondo i principi di legalità, trasparenza, imparzialità I numeri del contenzioso tributario Lo statuto del contribuente Il nuovo avviso di accertamento e riscossione delle imposte MODULO 2 Il nuovo redditometro MODULO 3 Studi di settore: Normativa di riferimento Invito al contraddittorio Fase del contraddittorio Modello di memoria Difesa del contribuente Accertamento bancario: Il meccanismo Il contraddittorio La difesa del contribuente Abuso del diritto: Norme di riferimento Pronunce a confronto I casi - Sentenze pro-contribuente 10 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

15 LA DIFESA TECNICA DEL CONTRIBUENTE MODULO 4 Misure cautelari: Norma di riferimento Ipoteca e sequestro conservativo Difesa del contribuente e memoria difensiva Confisca per equivalente: Norma di riferimento Definizione Applicazione ai reati tributari dichiarativi Conclusioni DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 30 minuti COSTO: 10,00 + IVA ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 11

16 COME TUTELARE I PROPRI BENI: IL TRUST E GLI AFFIDAMENTI FIDUCIARI DESTINATARI: Studi professionali A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita del trust e degli affidamenti fiduciari. L anatocismo nei rapporti bancari: lo stato dell arte della normativa; Il punto focale della tutela: l informazione circa le condizioni contrattuali; Modalità di richiesta degli interessi anatocistici; Correlazioni con il reato di usura: spunti riflessivi; Il Redditometro 2013, con il nuovo provvedimento del Garante della Privacy; Ultime novità in fatto di anagrafe dei conti correnti e sistemi di vigilanza sulla congruità del tenore di vita in relazione ai redditi dichiarati; Il Trust, cos è e come funziona; Usi pratici del Trust; Quando è necessario; Costi per la redazione dell atto del Trust; Costi fiscali per la registrazione; Costi notarili; Cosa si può tutelare; Il Trust all estero. DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 5 ore e 42 minuti COSTO: 115,00 + IVA 12 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

17 START-UP PRATICA: DALL IDEA ALL IMPRESA DESTINATARI: Studi professionali e aziende A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita sulle start up e sulle procedure di apertura delle stesse. Cosa sono esattamente le Start Up Cosa si intende per Start Up Quando e perchè aprire una Start Up Quali sono i costi reali Chi sono gli "Angels ", " Business Angels" i "Tutor" e gli "Advisor" Come contattarli e dove trovarli Il progetto come deve essere strutturato Il Business plan Analisi giuridico e gestionale per Start Up all'estero Imposizione indiretta in sede di costituzione delle società Esposizione di un atto Esempio pratico di costituzione di società DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 4 ore COSTO: 80,00 + IVA ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 13

18 IL MEPA PER LE AZIENDE: MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DESTINATARI: Studi professionali e aziende A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita del nuovo MePA, mercato elettronico della pubblica amministrazione dove chi intende avere rapporti commerciali con le PA deve obbligatoriamente essere iscritto. La Spending review definisce l obbligo di ricorrere al MePa per gli acquisti sotto soglia da parte di tutte le Amministrazioni Statali, Regionali e agli Enti Locali. Le aziende che desiderano continuare a lavorare con le Amministrazioni Pubbliche devono accreditarsi nel MePa. L Istituto Nazionale Telematico propone un seminario formativo dal taglio pratico per supportare le aziende nella gestione del proprio catalogo nel MePa. Il corso è utile anche a coloro che desiderano offrire un servizio di consulenza alle aziende per la gestione del MePa. I docenti selezionati sono consulenti che collaborano all interno del MePa e sono in grado di fornire risposte concrete alle problematiche di gestione. PROGRAMMA Il M.E.P.A.: brevi cenni sulla normativa, sulla nascita del Mepa, sulla sua obbligatorietà, strumenti Mepa e vantaggi contrattuali Aste elettroniche e sistema dinamici di acquisizione Come strutturare un catalogo La gestione operativa degli acquisti sul MePA: La Procedura di Abilitazione Verifiche e valutazioni da effettuare prima di procedere ad acquisti sul Mercato elettronico: analisi dei Metaprodotti e dei Capitolati presenti sul Mepa. I documenti generati dal sistema. Analisi della modulistica. Gli errori da evitare nello svolgimento di una procedura di acquisto sul MePA. DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 5 ore COSTO: 100,00 + IVA 14 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

19 FORMAZIONE GENERALE IN MATERIA DI SICUREZZA PER I LAVORATORI DESTINATARI: Studi professionali e aziende A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita delle normative sulla sicurezza come stabilito dal D.Lgs. 81/2008. Il videocorso si articola secondo un programma stabilito dall accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, ai sensi del D.Lgs 81/2008, e individua i protagonisti responsabili della prevenzione nell ambito della sicurezza, i compiti loro assegnati dal legislatore e le responsabilità che derivano dall applicazione della legge. Nel definire le responsabilità, si sofferma sulla prevenzione, sull individuazione dei diritti di tutti i protagonisti del ciclo produttivo e di conseguenza sul corretto comportamento che i lavoratori devono assumere nell ambito lavorativo. Programma del corso: PRESENTAZIONE Presentazione del corso MODULO 1 I protagonisti MODULO 2 La legislazione MODULO 3 Decreto Legislativo 81/2008 MODULO 4 La responsabilità MODULO 5 L'errore e la sua prevenzione MODULO 6 Le misure di prevenzione necessitano di una partecipazione attiva di tutti i protagonisti del sistema produttivo MODULO 7 Cosa non fare MODULO 8 Cosa fare ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 15

20 FORMAZIONE GENERALE IN MATERIA DI SICUREZZA PER I LAVORATORI DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 4 ore COSTO: 80,00 + IVA 16 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

21 LA PRIVACY E LE IMPRESE: COSA CAMBIA DOPO IL D.LGS. 33/2013 DESTINATARI: Studi professionali e aziende A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita della nuova legislazione sulla privacy dopo il D. Lgs. 33/2013. Riferimenti legislativi Privacy da costo a risorsa Privacy - il valore e tipologie dei dati Trasparenza e correttezza nel business Controllo e difesa dei dati Verso una Customer Care dei Dati condotte legittime e leciti Software di monitoraggio dei dipendenti Caso pratico per verificare i limiti dei controlli che una azienda può effettuare DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora e 10 minuti COSTO: 20,00 + IVA ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI 17

22 ORGANIZZARE CON TRELLO DESTINATARI: Studi professionali e aziende A fine corso il partecipante avrà una conoscenza approfondita di Trello, validissimo strumento per organizzare e coordinare il lavoro in ufficio. Trello è un'applicazione per la gestione dei progetti web-based gratuito realizzato da Fog Creek Software. Utilizza un paradigma per la gestione dei progetti conosciuti come kanban, un metodo che originariamente era stato reso popolare da Toyota nel 1980 per la gestione della supply chain. I progetti sono rappresentati da schede contenenti liste (ossia elenchi di attività) di contenimento (corrispondente a mansioni). Le carte sono state costruite per poter passare da una lista all'altra (tramite drag-and-drop), per esempio la gestione del flusso di una funzione dall'idea alla realizzazione. Gli utenti possono essere assegnati alle varie carte. Inoltre gli utenti e le schede possono essere raggruppati in organizzazioni. DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 1 ora NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: non definito COSTO: 20,00 + IVA 18 ISTITUTO NAZIONALE TELEMATICO CATALOGO CORSI

23

24 VIA MANZONI, BATTAGLIA TERME (PD) TEL. 049/ FAX 0429/

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Tutto. molto funzionale. I.P.

Tutto. molto funzionale. I.P. Tutto molto funzionale. I.P. La banca dati che lavora in dove trovi tutto, facilm TuttoLavoro è completamente personalizzabile Tuttolavoro, anche in versione Oro, è la banca dati su misura per ogni esigenza,

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli