RELAZIONE FOLLOW UP DEL MASTER PER ARCHIVISTI RECORDS MANAGER NELLE UNIVERSITÀ ITALIANE CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FOLLOW UP DEL MASTER PER ARCHIVISTI RECORDS MANAGER NELLE UNIVERSITÀ ITALIANE CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI"

Transcript

1 RELAZIONE FOLLOW UP DEL MASTER PER ARCHIVISTI RECORDS MANAGER NELLE UNIVERSITÀ ITALIANE CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI GIUGNO 2004 Rosanna Udanch Ufficio protocollo archivio corrente Università degli Studi di Sassari

2 Il modulo didattico svolto nell ambito del follow up, aggiornamento al master per archivisti tenutosi nel 2002 in diverse località universitarie, è stato predisposto al fine di presentare quelle tecnologie, di cui tanto ci parla la normativa del ministro Stanca, che fungono da supporto alle attività di gestione informatica dei documenti: firma digitale e posta elettronica certificata. Le tre giornate di approfondimento sono state organizzate secondo il seguente programma: L avv. Guisella Finocchiaro, docente di diritto informatico presso l università di Bologna, ha presentato la parte del corso riguardante l informatica giuridica e, più precisamente, ha introdotto il discorso della firma digitale e del documento informatico L Ing. Guglielmo Longobardi, responsabile del settore protocollo presso il CNIPA (ex AIPA), ha affrontato il discorso relativo all archiviazione ottica dei documenti e alla posta elettronica certificata Dott. Gianni Penzo Doria, dirigente e responsabile dell archivio generale dell Università degli Studi di Padova, ha approfondito il discorso sul protocollo informatico e sulla gestione dei documenti L introduzione e l applicazione strategica delle norme in materia di documento elettronico, firma digitale, posta elettronica certificata, archiviazione ottica sostitutiva e protocollo informatico hanno avuto un esito di grande impatto sull organizzazione del lavoro e sulla gestione dei flussi documentali, soprattutto, nell ambito delle pubbliche amministrazioni. La nascita del protocollo informatico ha contribuito allo sviluppo dell informatica applicata ai documenti e ha permesso di creare sistemi, non solo informatici, ma anche informativi e, come tale, possiamo concepire la posta elettronica certificata. La lezione dell avv. Finocchiaro, per quanto complessa, ha avuto un riscontro positivo per via della chiarezza nel commentare la normativa di riferimento. Le tematiche riguardanti la firma digitale e la firma elettronica hanno evidenziato due aspetti della normativa: la si può ritenere di carattere generale in quanto è rivolta al singolo cittadino, alle pubbliche amministrazioni e ha rapporti privatistici. Non esiste una perfetta coincidenza tra aspetto legislativo e informatico, in quanto non esiste corrispondenza fra le due categorie 2

3 Dal commento sulla legge Bassanini n. 59 del 97, è emersa la volontà di attribuire rilevanza giuridica agli atti e ai documenti informatici. Il legislatore con tale norma cerca di soddisfare le esigenze della pubblica amministrazione, non per incrementare il commercio elettronico, ma per garantire rilevanza e validità ai dati informatici. L applicazione di questa normativa avviene solo con i regolamenti emessi successivamente in quanto la Bassanini si limita a produrre enunciati, se pur in modo analitico, trattando di atti, dati, documenti e contratti, pur essendo assente la parte applicativa. Con il DPR n. 513 del 97 è stata introdotta la firma digitale ma a tale provvedimento, nel 1999, è subentrata la direttiva comunitaria n. 93 con la quale, per molti aspetti, è in totale antitesi. Nella normativa italiana la firma digitale si basa su un sistema crittografico a chiave assimetrica, mentre nella normativa comunitaria le disposizioni descrivono solo ed esclusivamente le funzioni della firma elettronica, in modo particolare quella della autenticazione automatica, ma non gli oggetti tecnici. E stata preferita tale formula in quanto il legislatore europeo ritiene che non si debba favorire il mercato e, proprio per questo, possiamo sostenere che la direttiva si basa sul principio di neutralità tecnologica che consente di soddisfare alcune fra le esigenze più importanti: Non condiziona il mercato Soddisfa l esigenza tecnico - redazionale, ovvero non viene modificata la legge tutte le volte che si evolve la tecnica Esplica il principio di difficile attuazione, la norma è infatti priva di oggetti e analizza solo le funzioni Entrambe le normative riguardanti la firma digitale, sono state emesse successivamente al DPR 445/2000, il primo provvedimento legislativo che ha definito il documento informatico quale rappresentazione di atti, fatti e dati giuridicamente rilevanti. Accanto al tradizionale criterio di rappresentazione materiale di un documento, che avviene con la firma autografata, le firme elettroniche rappresentano modalità alternative attraverso le quali è possibile identificare il soggetto a cui imputare un testo. Infatti, l identità di una persona può riconoscersi attraverso dati riservati ed elusivi. La firma digitale è uno dei criteri utili ai fini dell identificazione del soggetto a cui attribuire fatti giuridici. E da intendersi come l apposizione di un elemento identificativo che, attraverso l uso di tessere magnetiche (le smart card), abilitano l utente/mittente alla connessione del sistema. Tale procedura informatica consente al destinatario di verificare la fonte del messaggio e, in eugual modo, di controllarne l integrità. 3

4 Esistono altri sistemi di identificazione dei soggetti, tra questi, si dispone delle chiavi biometriche così definite dall art.1 del D.P.R 10 novembre 1997, n. 513 La sequenza di codici informatici utilizzati nell ambito di meccanismi di sicurezza che impiegano metodi di verifica dell identità personale basati su specifiche caratteristiche fisiche dell utente Ed ancora, nello stesso articolo, definisce così la firma digitale: il risultato della procedura informatica basata su un sistema di chiavi asimmetriche a coppia, una pubblica e una privata, che consente al sottoscrittore tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l integrità di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici. Ed ancora, si intende per documento informatico il documento informatico è la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti. In tal modo il legislatore italiano ha adottato una procedura informatica capace di fissare la traccia documentale. Il regolamento comunitario, direttiva CE n. 1999/93 del 13 dicembre 1999, definisce così la firma elettronica: dati in forma elettronica, allegati oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici ed utilizzata come metodo di autenticazione. La firma digitale si avvale di un tesserino elettronico, che abbiamo già individuato come smart card o carta intelligente, che memorizza una chiave di crittografia capace di codificare parole di senso compiuto in espressioni convenzionali articolate in caratteri alfa- numerici, e che permette, a chi la utilizza, di marcare un documento attraverso la digitazione di un codice segreto, un personal identification number (PIN) al fine di raggiungere un livello di sicurezza più elevato. Allo stesso modo il destinatario, che riceverà il messaggio, dovrà utilizzare la carta inserendola in un apparecchietto collegato al proprio computer con il quale è possibile codificare il messaggio. Attualmente la smart card è la carta elettronica più evoluta, contiene infatti dei microcircuiti che memorizzano ed elaborano i dati e svolge funzioni di identificazione, di autenticazione, protezione e crittografia dei dati trasmessi. Successivamente al sistema delle chiavi simmetriche, poco sicure, è stato adottato il sistema a chiavi assimetriche a coppia così definito nell art.1 lett. d, DPR 10 novembre 1997, n. 513 è la coppia di chiavi crittografiche, una privata ed una pubblica, correlate tra loro, da utilizzarsi nell ambito dei sistemi di validazione o di cifratura di documenti informatici. 4

5 Si evince che non è più necessaria un unica chiave per criptare e decriptare il messaggio, ma esiste una chiave che codifica e una che decodifica il messaggio: è come se fossero due parti di un unica chiave. Il DPR n. 513/1997 prevede che la chiave asimetrica privata sia custodita e tenuta segreta dal titolare la chiave privata è l elemento della coppia di chiavi asimetriche, destinato ad essere conosciuto soltanto dal soggetto titolare, mediante il quale si appone la firma digitale sul documento informatico o si decifra il documento in precedenza cifrato mediante la corrispondente chiave pubblica. La chiave pubblica è consultabile presso l albo conservato dalla Autorità di certificazione ed è intesa come l elemento della coppia di chiavi asimetriche destinato ad essere reso pubblico, con il quale si verifica la firma digitale apposta sul documento informatico dal titolare delle chiavi asimetriche. Attualmente nel DPR vengono stabilite le modalità per l utilizzo delle chiavi al fine di firmare digitalmente una comunicazione, ma non disciplina la trasmissione del messaggio cifrato. La firma digitale è da intendere come una specie del genere firma elettronica, e non ha nulla a che vedere con questa, la riproduzione elettronica della firma autografa. Esistono quattro tipi di firme informatiche: firma elettronica, art.1 comma 1 lett. c/c, firma leggera o debole (elettronica) E l insieme dei dati in forma elettronica, allegati oppure connessi tramite l associazione logica ad altri dati elettronici, utilizzati come metodi di autenticazione informatica. Ha un codice segreto (un PIN), e con quello il soggetto deve identificarsi, e ha una smart card che si basa su tecniche biometriche di identificazione dell identità. firma digitale E una firma elettronica qualificata, basata su un certificato qualificato. Viene realizzata mediante un dispositivo sicuro che garantisce l integrità del documento. E il collegamento fra il documento e il titolare di un prodotto attraverso il quale è possibile verificare la provenienza della sottoscrizione autografa. firma elettronica avanzata firma elettronica qualificata, basata su strumento sicuro 5

6 La firma digitale prevede l utilizzo di una chiave privata e una chiave pubblica, per la quale vi è l obbligo di pubblicazione su un registro gestito dal certificatore. Il certificatore è il soggetto pubblico o privato che effettua la certificazione, rilascia il certificato della chiave pubblica, lo pubblica unitamente a quest ultima, pubblica ed aggiorna gli elenchi dei certificati sospesi o revocati (art. 1 lett. M, DPR 10 novembre 1997, n.513). Il certificatore è la figura che certifica la validità della firma. E il soggetto che presta servizi di controllo delle firme elettroniche e ha la funzione di collegare la firma alla chiave privata, ovvero, all identità che deve essere accertata. Può individuare ulteriori caratteristiche della persona oltre all identità, ma ha l obbligo di mantenere le informazioni relative ai soggetti di cui certifica la validità della chiave. Nelle pubbliche amministrazioni può certificare esclusivamente firme interne (ad es. dei dipartimenti) e controllare chi utilizza la firma digitale. La figura professionale del certificatore, da intendersi come una sorta di garante, dovrà essere individuata in tutte le pubbliche amministrazioni perché da questa dipende la validazione delle firme e, soprattutto, il rinnovo dei certificati. Esistono tre tipi di certificatori: Certificatore E il soggetto che presta servizi di certificazione delle firme elettroniche o che fornisce altri servizi connessi a queste ultime Certificatore qualificato, rilascia certificati qualificati Certificatore accreditato, consegna l accreditamento e rilascia certificati qualificati Esistono due tipi di certificati: Certificato elettronico, regolato dal DPR 445/2000 E un attestato elettronico che collega i dati utilizzati per verificare le firme elettroniche ai titolari e conferma l identità dei titolari stessi Certificato qualificato, regolato dalla direttiva 1999/93 6

7 Al fine di poter affermare che attraverso la procedura a chiavi asimmetriche il documento informatico è stato sottoscritto con una chiave privata, il destinatario, deve considerare affidabile la chiave pubblica necessaria per la verifica della firma digitale. La certificazione viene definita come il risultato della procedura informatica, applicata alla chiave pubblica e rilevabile dai sistemi di validazione, mediante la quale si garantisce la corrispondenza biunivoca tra chiave pubblica e soggetto titolare cui essa appartiene, si identifica quest ultimo e si attesta il periodo di validità della predetta chiave ed il termine di scadenza del relativo certificato, in ogni caso non superiore a tre anni (art.1, lett. h, DPR 10 novembre 1997, n.513). Il certificatore garantisce l attribuzione della chiave pubblica al titolare della corrispondente chiave privata. In base all art. 9, 2 comma, lett. A, DPR 10 novembre 1997, n. 513 e art.11 DPCM 8 febbraio 1999, il certificato rilasciato dall autorità ingenera pubblica fede, la funzione di garanzia è assolta dall identificazione del soggetto che richiede la certificazione, al quale viene rilasciata la chiave privata necessaria per l adozione del sistema di firma digitale. L autorità, dopo aver proceduto all identificazione, assegna al soggetto richiedente una chiave correlata in senso biunivoco con la chiave pubblica e, il cui certificato, viene inserito in appositi elenchi consultabili da chiunque abbia interesse a procurarsi o a verificare la chiave pubblica di un soggetto. Al certificatore è attribuito l obbligo di attestare il periodo di validità della chiave pubblica e del relativo certificato e di procedere alla revoca o alla sospensione dandone immediata pubblicazione. Nel caso l utilizzatore firmi digitalmente con una chiave scaduta, sospesa o revocata, il documento sarà ritenuto inefficace. L art. 60 del DPCM 8 febbraio 1999 stabilisce al 1 comma che La validità di un documento informatico, i cui effetti si protraggono nel tempo oltre il limite della validità della chiave di sottoscrizione, può essere estesa mediante l associazione di una o più marche temporali, al 2 comma Prima della scadenza della marca temporale, il periodo di validità può essere ulteriormente esteso, associando una nuova marca all evidenza informatica costituita dal documento iniziale, dalla relativa firma e dalle marche temporali già ad esso associate La firma digitale è quindi un elemento essenziale del documento, in quanto esprime il consenso del sottoscrittore sul contenuto del documento informatico, così come avviene nel documento cartaceo per la sottoscrizione autografa. 7

8 Nella 445/2000 viene attribuito valore giuridico al documento informatico, tale può essere considerato il documento senza firma, il documento con firma elettronica e con firma digitale o firma elettronica qualificata. Il documento senza firma ha efficacia probatoria e per tale si intendono anche tutte le riproduzioni meccaniche, ovvero le registrazioni sonore, i filmati, le fotografie in quanto sono prove di fatti rappresentati. Anche il documento informatico privo di firma può essere considerato prova in giudizio. Il documento con firma elettronica è invece atto scritto, e soddisfa il requisito formale e legale della prova scritta. Durante la lezione, e proprio in merito alle considerazioni espresse sul documento informatico, divergevano, tra l archivista Gianni Penzo e il legale Giusella Finocchiaro, le valutazioni formulate a proposito delle . In base alla 445/2000 le debbono ritenersi documenti, e quindi avere efficacia probatoria, poiché le si possono concepire come semplici riproduzioni meccaniche (445/2000 art. 43 comma 6) il cui reato è la falsificazione. In base al principio archivistico, invece, non possono essere considerate dei documenti (ed infatti la registrazione è discrezionale) in quanto non rispettano il principio di provenienza: a tutti gli effetti non è chiaro chi sia il mittente. Si può concepire come documento, non tanto il testo dell e- mail, ma il file ad esso allegato che dovrà essere soggetto a registrazione. Questa prassi comportamentale, è l unica tutela contro la volontà del mittente di disconoscere la validità del documento trasmesso. Il testo unico 445/2000 precisa che l si può considerare trasmessa solo se inviata all indirizzo elettronico dichiarato (posta certificata). Con la firma digitale, invece, il soggetto non può disconoscere l autenticità della firma (ad esempio nel caso di un contratto) perché è apposta sul documento con la chiave privata del soggetto e che, come abbiamo più volte ripetuto, è certificabile. La validazione è intrinseca nel documento digitale e avviene per mezzo del certificatore. Vi è inoltre la firma digitale autenticata che viene certificata da un notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato. Tale firma produce gli stessi effetti giuridici della sottoscrizione autenticata. Secondo l art. 16, 1 comma del DPR n. 513/1997 Si ha per riconosciuta, ai sensi dell art del codice civile, la firma digitale, la cui apposizione è autenticata dal notaio da altro pubblico ufficiale autorizzato, infatti, l autorità di certificazione non garantisce che il titolare sia il solo ad 8

9 utilizzare la chiave privata rilasciata. L autentica del documento dinanzi ad un notaio, garantisce l accertamento dell identità al momento della sottoscrizione. La firma digitale garantisce efficacia probatoria al documento informatico ma ha una validazione limitata (DPCM 13/01/2004). Al fine di avere validità illimitata, è necessario rinnovare il certificato o marca temporale( da artt. 44 a 52) e, se non si rinnova, il documento informatico (mettiamo il caso di un contratto) può perdere la propria efficacia probatoria e può diventare una riproduzione meccanica. In conclusione, chi stabilisce la durata del certificato e la validità del documento è il certificatore. 9

10 Nella seconda giornata l ing. Guglielmo Longobardi, ha affrontato le seguenti tematiche: Interoperabilità della firma digitale Il ruolo dei certificatori La crittografia La posta elettronica certificata La conservazione dei documenti elettronici La rivoluzione digitale nella pubblica amministrazione: la crittografia e la firma elettronica Nuove regole tecniche: approfondimento sul DPCM 13 gennaio 2004 Utilizzo pratico della firma digitale La rivoluzione digitale nella pubblica amministrazione: la crittografia e la firma elettronica L esigenza di informatizzare e di gestire i flussi documentali con sistemi informatici, nasce dalla necessità di gestire in modo efficiente ed integrato tutte le informazioni disponibili e dal bisogno di recepire informazioni con maggiore celerità. Questo nuovo comportamento gestionale ha un chiaro impatto sul profitto, sulla qualità dei servizi offerti, sull efficienza e sull immagine, in definitiva, la disponibilità delle informazioni può portare ad un grande vantaggio competitivo. La firma, come più volte ripetuto, ha rilevanza giuridica poiché dalla sottoscrizione autografa di un documento deriva la presunzione di legge sino a prova contraria di consenso del firmatario sul contenuto dell atto o del documento, codice civile, art Per quanto riguarda la firma nei documenti pubblici, l autografia della sottoscrizione non è da intendersi come requisito d esistenza giuridica degli atti amministrativi quando i dati contenuti nel documento consentono di accertare chi sia l autore. In base alla legge 15 marzo 1997, n. 59 art. 15 Gli atti, i dati e i documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici e telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge 10

11 Il recepimento della direttiva europea La direttiva europea sulla firma elettronica è stata pubblicata il 19 gennaio L obiettivo principale era quello di definire un quadro comunitario unitario per le firme elettroniche, improntato sulla libera circolazione dei servizi di certificazione e sulla validità giuridica dei documenti firmati. Il testo è composto di 15 articoli e 4 allegati relativi a: I requisiti dei certificati qualificati II requisiti delle CA che rilasciano certificati qualificati III requisiti dei dispositivi sicuri per la creazione della firma IV raccomandazioni per la creazione della firma La firma elettronica nasce per esigenze di commercio elettronico, mentre la firma digitale segue l affermarsi del documento informatico: La firma elettronica (art. 2 direttiva europea) garantisce l autenticità La firma elettronica avanzata garantisce autenticità e integrità ed è prodotta con dispositivo di firma sicura che conferisce al documento la stessa valenza giuridica del documento autografo Entrambe possono essere rilasciate da un certificatore accreditato o non accreditato La Firma digitale avanzata è quella prodotta con un dispositivo di firma sicura ed è rilasciata da un certificatore accreditato Possono essere utilizzate anche altre forme di firma, che avranno una valenza interna all organizzazione, ma che non forniranno alcuna garanzia di validità giuridica In base all art. 38, comma 2 DPR 28 dicembre 2000 le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se sottoscritte mediante firma digitale, questa deve avere un certificato qualificato che deve essere rilasciato da un certificatore accreditato. 11

12 Interoperabilità della firma digitale Per interoperabilità si intende la capacità di verificare le firme digitali avvalendosi degli strumenti dei vari certificatori, a prescindere dal software utilizzato per generare la firma. Tale compito è stato regolato dalla circolare AIPA/CR/24 del 19 giugno 2000 che impone: Il formato della firma Il formato del certificato e la sua rappresentazione A livello europeo l interoperabilità del processo di verifica si differenzia da quella italiana in quanto i certificati non sono conformi agli standard internazionali e, soprattutto, viene fatto un uso improprio delle estensioni dei certificati. In base al DPCM 13 gennaio 2004, articolo 40, comma 4, i certificatori accreditati, su cui si è ampiamente discusso con la prima docente, devono svolgere la propria attività in conformità con quanto previsto dalle regole per il riconoscimento e la verifica del documento elettronico. Nuove regole tecniche: approfondimento sul DPCM 13 gennaio 2004 Nel DPCM 13 gennaio 2004, articolo1, comma 1, sono descritti i concetti di: Riferimento temporale È l informazione contenente la data e l ora associata ad uno o più documenti informatici Validazione temporale E il risultato della procedura informatica con cui si attribuisce, ad uno o più documenti informatici, un riferimento temporale opponibile a terzi Marca temporale E l evidenza informatica che consente di attribuire la validazione temporale Le pubbliche amministrazioni possono utilizzare come sistemi di validazione temporale: Il riferimento temporale contenuto nella segnatura di protocollo Il riferimento temporale ottenuto attraverso la procedura di conservazione dei documenti in conformità alle norme vigenti Il riferimento temporale ottenuto attraverso l utilizzo di posta certificata ai sensi dell art. 14 del testo unico 12

13 La crittografia Il sistema di crittografia è stato adottato per far fronte alle principali minacce nello scambio di messaggi. Prima dell utilizzo di tale sistema, era possibile intercettare facilmente un messaggio e leggerne il contenuto e, allo stesso modo, era facile negare di aver inviato un messaggio o modificarne il contenuto. Con l utilizzo della crittografia si sono ottenute diverse garanzie: la confidenzialità il contenuto del messaggio non può essere letto da terzi l integrità, è la prova che il contenuto del messaggio non sia stato alterato durante la trasmissione il non ripudio garantisce la certezza di sapere che chi ha inviato il messaggio non possa poi disconoscerlo l autenticazione, in tal modo non vi è dubbio che chi ha inviato il messaggio sia veramente lui La crittografia è lo strumento fondamentale per la realizzazione dei meccanismi di sicurezza; è la scienza che studia gli algoritmi matematici idonei a trasformare reversibilmente, in funzione di una variabile detta chiave, il contenuto informativo di un documento o di un messaggio in modo da nasconderne il significato. La trasformazione diretta è normalmente indicata come operazione di cifratura (o codifica), quell inversa come operazione di decifratura (o decodifica). Si è già parlato nella parte normativa, affrontata dall avvocato Guisella Finocchiaro, del sistema di crittografia simmettrica e asimettrica secondo quanto disposto dalla normativa. La crittografia simmetrica si basa su degli algoritmi di tipo convenzionale in cui le operazioni di cifratura e decifratura richiedono la conoscenza di un unica chiave, detta segreta, che deve essere nota solo al mittente e al destinatario. La procedura richiede una fase iniziale in cui ciascuna coppia di interlocutori si scambia la chiave segreta in modo sicuro. La crittografia asimmetrica si basa sugli algoritmi asimetrici che utilizzano, per le operazioni di cifratura e decifratura, due chiavi distinte che non possono essere ricavate l una dall altra. La chiave di decifratura, o chiave privata, deve essere mantenuta rigorosamente segreta dal proprietario mentre la chiave di cifratura, o chiave pubblica, può essere resa pubblica. La proprietà fondamentale degli algoritmi asimettrici è che le due chiavi possono scambiarsi di ruolo: l una 13

14 consente l inversione della trasformazione ottenuta usando l altra e viceversa. Gli algoritmi asimetrici possono essere usati per il calcolo di firme elettroniche. La crittografia simmetrica è un sistema rapido che permette uno scambio sicuro della chiave privata ma è di difficile gestione per molti utenti, il sistema asimmetrico è un sistema lento ma comporta l applicarsi di una crittografia sicura che si basa sulla chiave pubblica. Il futuro della firma elettronica è nella disponibilità dei servizi che ne prevedono l uso. E lo strumento che concorrerà al processo di e- government consentendo, quando necessario, di sottoscrivere atti verso la pubblica amministrazione. Può trovare forte impulso nella realizzazione di applicativi che consentono di rendere disponibili dei servizi e in cui è necessaria la sottoscrizione con valore legale di una ben precisa volontà. La firma digitale garantisce integrità, autenticità e firme non falsificabili. Tali garanzie hanno consentito di rendere la firma digitale equivalente ad una firma autografa anche se, d altro canto, non permette di verificare eventuali modifiche. Per quanto riguarda l evidenza del momento dell apposizione della firma ci si può avvalere del riferimento temporale. La firma digitale nella carta nazionale servizi Per quanto riguarda la firma digitale applicata alle carte servizi, si seguono le norme previste per la firma digitale: il certificato deve essere rilasciato da un certificatore accreditato, e deve essere conforme allo standard RFC 2459 internet X.509 Public Key Infrastucture Certificate and CRL Profile ora sostituito dalla RFC La carta nazionale dei servizi contiene due certificati, che garantiscono l autenticazione, e due coppie di chiavi distinte. Esistono due distinti strumenti: Certificato e chiavi d autenticazione - garantiscono l autenticazione e l autorizzazione. Certificato e chiavi di firma digitale - permettono di esprimere una volontà In base ai principi di sicurezza fisica e logica, i dispositivi sicuri di generazione della firma sono rappresentati da smart card o da token crittografici. L utilizzo di tali dispositivi è protetto da un PIN, che è personalizzabile, e in caso di blocco del dispositivo è disponibile un Puk. I dispositivi sicuri devono essere conformi ai livelli di valutazione ITSEC E3 High ma, in Italia, non è ancora possibile ottenere certificazioni di questo tipo. 14

15 Il DPCM 13 gennaio 2004 prescrive la conformità con quanto indicato dalla commissione di cui all art. 9 della direttiva europea 1999/93. I documenti realizzati sui formati word, rtf, pdf, html, possono contenere un codice eseguibile capace di cambiare i dati rappresentati e, per tale motivo, l art. 3 del DPCM 13 gennaio 2004 prevede l inefficacia della firma digitale in questi casi. La posta elettronica certificata La pubblica amministrazione, ai fini della trasmissione documentale, ha l obbligo di utilizzare la posta elettronica certificata. E un mezzo di trasmissione, basato sulla posta elettronica, in grado di fornire ricevute che attestano sia l invio, sia l avvenuto recapito di un messaggio. E un servizio realizzato da soggetti in grado di assicurare predefiniti standard di qualità e sicurezza, ed è basato su un insieme di regole che definiscono la struttura e la semantica dei messaggi di trasporto scambiati. Schema funzionale: il mittente realizza il documento elettronico il mittente invia il messaggio al destinatario il nominativo del destinatario deve risultare registrato nell indice gestito dalla R.U.P.A. (rete ufficiale per le pubbliche amministrazioni) La rete ufficiale RUPA spedisce al mittente, fautore del messaggio, una ricevuta di consegna. Dal grande server gestito dalla R.U.P.A. il messaggio verrà indirizzato alla posta elettronica del destinatario Il destinatario riceve il messaggio nella sua casella di posta certificata Il destinatario rilascia una ricevuta di consegna La ricevuta di consegna viene inoltrata alla casella di posta del mittente. A tal punto si ha la certezza che il messaggio inviato è stato sicuramente ricevuto, il sistema è come quello postale della raccomandata con ricevuta di ritorno AR. 15

16 La conservazione dei documenti elettronici La conservazione dei documenti cartacei si avvale di sistemi archivistici, come il massimario di selezione, che garantiscono la possibilità di ritrovare un fascicolo e in esso i documenti conservati. Si può incorrere nella perdita di dati a causa del deperimento dei documenti conservati in locali non adeguati alla conservazione, ad esempio a causa della scarsa qualità della carta che può essere danneggiata dall umidità. In ogni caso, l autenticità e la validità giuridica sono garantite dalle firme autografe, da sigilli o punzoni, dalla carta intestata, fattori per i quali è possibile ricorrere a perizie calligrafiche e chimiche. Per quanto riguarda invece la ricerca di informazioni elettroniche, è possibile reperirle attraverso aggregazioni logiche di documenti o attraverso gli strumenti di ricerca ma, anche in questo caso, non è esclusa la possibilità di perdere i dati. Infatti, se non si garantiscono sistemi di sicurezza appropriati, ad esempio il backup dei dati per il ripristino delle informazioni perdute, è possibile smarrire irrimediabilmente informazioni alle quali è stata attribuita validità giuridico -probatoria. La causa più comune riguarda l obsolescenza tecnologica dei supporti, dei formati, o degli strumenti di lettura. Ad ogni modo, l autenticità e la validità giuridica del documento elettronico è garantita dalla firma digitale, dai sistemi di marcatura temporale e dalla autenticità legata al supporto. Con l archiviazione ottica i benefici quantificabili sono: lo spazio, la riduzione fisica della carta, diminuiscono anche i costi di archiviazione e il tempo della ricerca, inoltre ci si avvale di un rapido sistema di trasmissione dati e l uso di sistemi appositi di archiviazione ottica garantiscono la maggiore produttività del personale. L archiviazione ottica garantisce inoltre: la sicurezza degli accessi, l integrazione corretta delle immagini dei documenti ai dati gestionali, l utilizzo del sistema di classificazione archivistica attraverso l uso del titolario, la flessibilità di gestione dei documenti: un documento può essere ricercato secondo qualsiasi combinazione di dati identificativi associati al documento. A tal merito, la legge 4 gennaio 1968, n. 15 art. 25 afferma che Le pubbliche amministrazioni ed i privati hanno facoltà di sostituire, a tutti gli effetti, ai documenti dei propri archivi, alle scritture contabili, alla corrispondenza ed agli altri atti di cui per legge o regolamento è prescritta la conservazione, la corrispondente riproduzione fotografica, anche se costituita da fotogramma 16

17 negativo. Continua la legge 23 dicembre 1993, n. 537 art.2, comma 15 Gli obblighi i conservazione e di esibizione di documenti per finalità amministrative e probatorie, previsti dalla legislazione vigente, si intendono soddisfatti anche se realizzati mediante supporto ottico purchè le procedure utilizzate siano conformi a regole tecniche dettate dall autorità per l informatica nella pubblica amministrazione, ed ancora, la legge 15 marzo 1997, n.59 art. 15, comma 2 afferma: Gli atti, dati e documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici e telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge. Nella delibera AIPA n. 24 del 30/07/1998 Regole tecniche per l uso dei supporti ottici vengono integrate regole tecniche a criteri attuativi; si caratterizza per la descrizione di procedure e regole di difficile comprensione attuativa e per l onerosità degli adempimenti previsti per esigenze di estremo garantismo. In base al D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 art.6, comma 1 Le pubbliche amministrazioni ed i privati hanno facoltà di sostituire, a tutti gli effetti, i documenti dei propri archivi, le scritture contabili, la corrispondenza e gli altri atti di cui per legge o regolamento è prescritta la conservazione, con la loro riproduzione su supporto fotografico, su supporto ottico, o con altro mezzo idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali. Tale articolo riprende e modifica la legge 4 gennaio 1968, n. 15 art. 25 già citata. Nell art. 6, comma 2 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Gli obblighi di conservazione ed esibizione dei documenti di cui al comma 1si intendono soddisfatti, ai fini sia amministrativi che probatori, anche se realizzati su supporto ottico quando le procedure utilizzate sono conformi alle regole tecniche dettate dall autorità per l informatica nella pubblica amministrazione. Proseguendo con la normativa che regola la conservazione dei documenti elettronici, nella deliberazione n. 42/2001 Regole tecniche per la conservazione dei documenti si evincono definizioni chiare ed esplicite: si attua la semplificazione dei processi, specie per i documenti informatici, viene utilizzata la tecnologia del riferimento temporale e della firma digitale, permette di utilizzare qualsiasi supporto di memorizzazione e da ampio risalto alla figura del Responsabile della conservazione. 17

18 Segue la deliberazione n. 11/2004 nella quale si parla più esplicitamente di conservazione ottica le cui finalità sono: Adeguarsi alle esigenze di rinnovo tecnologico e normativo Consentire la firma di file di documenti conservati di qualunque dimensione Rendere coerenti le definizioni con quelle presenti nella normativa vigente Punti di rilievo Suddivide i documenti in due grandi categorie: documenti informatici e documenti analogici Mantiene sostanzialmente invariate le modalità di conservazione delle due categorie di documenti Ribadisce la distinzione tra conservazione del documento analogico non unico e unico, limitando solo in quest ultimo caso il ricorso al pubblico ufficiale o notaio Un archivio digitale necessita, quanto quello cartaceo, di una gestione e competenze specifiche. La conservazione dei documenti in ambiente digitale comporta una rivisitazione organizzativa del concetto di archivio, necessita di nuovi processi e, soprattutto, di nuovi ruoli e responsabilità. L archivio digitale comporta molteplici vantaggi ma introduce nuove problematiche, è pertanto indispensabile una attenta valutazione di costi e benefici per l attuazione di varie soluzioni finalizzate alla conservazione. In questi ultimi anni, grazie anche all obbligo normativo, gli enti si occupano della conservazione digitale e cartacea adottando criteri di classificazione e fascicolazione uniformati. Un archivio organizzato con criterio è lo specchio dell organizzazione dell ente. Il followup è stato concluso con l intervento del Dott. Gianni Penzo Doria riguardante il protocollo informatico e la gestione dei documenti. L efficacia della lezione è da attribuirsi ai metodi di chiara comunicazione che hanno reso fattibile un salto nel passato e che hanno permesso di ripercorrere le tappe del protocollo dal 1900 ad oggi. Già alla fine del XIX secolo, Il Regio Decreto 25 gennaio 1900, n.35 approva il regolamento per gli uffici di registratura e di archivio nelle amministrazioni centrali. Segue la rivoluzione apportata dalla legge Bassanini legge 15 marzo 1997, n. 59 art. 15, comma 2 che chiarisce quale tipologia documentale è da ritenersi valida e rilevante a tutti gli effetti di legge: Gli atti, dati e documenti formati da pubbliche amministrazioni e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti 18

19 stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con documenti informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge. Seguono le norme sul protocollo informatico: DPR 20 ottobre 1998, n. 428 Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parete delle amministrazioni pubbliche Direttiva PCM 28 ottobre 1999 Gestione informatica dei flussi documentali nelle pubbliche amministrazioni DPCM 31 ottobre 2000 Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al DPR 20 ottobre 1998, n. 428 Le varie norme si trovano ora tutte incorporate nel Teso Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa che è stato modificato quattro volte. A questo sono incorporati: il D.Lgvo 23 gennaio 2002, n.10 nel quale si attribuisce validità probatoria alla forma del documento informatico, la legge 16 gennaio 2003, n.3, il DPR 7 aprile 2003, n. 137 sulle firme digitali e il D.Lgvo 30 giugno 2003, n. 196 da intendersi quale codice della privacy. Con il DPR 28 dicembre 2000, n. 445 art. 50, comma 3 era necessario velocizzare i tempi al fine di informatizzare i procedimenti amministrativi: Le pubbliche amministrazioni provvedono entro il 1 gennaio 2004 a realizzare o revisionare sistemi informativi automatizzati finalizzati alla gestione del protocollo informatico e dei procedimenti amministrativi in conformità alle disposizioni del presente testo unico ed alle disposizioni di legge sulla tutela della riservatezza dei dati personali, nonché dell art.15, comma 2, della legge 15 marzo 1997, n. 59 e dei relativi regolamenti di attuazione. Poi è subentrato il decreto rettorale 11 dicembre 1997, n. 1 e n.2 dell Università degli Studi di Padova Regolamento per la gestione, tenuta e tutela dei documenti amministrativi dal protocollo all archivio storico pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 301 del Più di recente è stato emanato il Decreto MIT 14 ottobre 2003, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 25 ottobre 2003 Approvazione delle linee guida per l adozione del protocollo 19

20 informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi, il cui scopo è quello di informatizzare i documenti legati ai procedimenti. Si parla spesso di procedimenti, procedure e processi quasi fossero dei sinonimi ma, in realtà, hanno significati completamente diversi. Per procedura si intende un azione che ha regole di routine, ovvero si può concepire come una sequenza di regole definite che permettono di raggiungere uno scopo. E il che cosa Il processo è il risultato di chi agisce, sono i processi/ gli attori che agiscono, interagiscono e si sostituiscono in un processo Il procedimento ha sempre a che fare con i documenti. E l insieme coordinato e scandito nel tempo dei documenti prodotti nell ambito di un affare E stata commentata inoltre la normativa più recente: il DPCM 30 ottobre 2003 Approvazione dello schema nazionale per la valutazione e la certificazione della sicurezza nel settore della tecnologia dell informazione, la direttiva MIT 27 novembre 2003 Impiego della posta elettronica nelle pubbliche amministrazioni, la Direttiva MIT 18 dicembre 2003 Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione per l anno 2004, la Direttiva MIT 19 dicembre 2003 Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni. Finalmente, con il decreto legislativo 22 gennaio 2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio, l archivio corrente viene definito bene culturale. La tipologia giuridica del codice garantisce stabilità triennale della norma e, soprattutto, è soggetta a minori vincoli normativi e burocratici in caso di debbano apportare delle trasformazioni. I documenti della pubblica amministrazione sono quindi dei beni culturali: Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 art. 10, comma 2, lettera b Sono beni culturali gli archivi e i singoli documenti dello Stato, delle regioni, degli enti pubblici territoriali, nonché di ogni altro ente ed istituto pubblico. Con il DPCM 13 gennaio 2004 vengono stabilite le Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale dei documenti informatici. Più di recente è stato emanato dal ministero economia e finanze il Decreto 23 gennaio 2004 che contiene le modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti 20

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2834 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Ulteriore modifica della deliberazione della Giunta provinciale n. 1322 del giorno

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Copyright Questo dell Azienda Ospedaliera di Padova è il frutto della personalizzazione, effettuata a cura del gruppo di lavoro della S.C. Amministrazione

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ALLEGATO A Deliberazione UdP del 4 settembre 2012, n. 71 1 PREMESSA Il progetto Archivi del Consiglio nasce con la deliberazione dell

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Contenuti Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Le indicazioni e gli obiettivi fondamentali Gli scenari Il servizio di protocollo informatico in ASP del CNIPA Le check list Protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE Aree tematiche: 1. Classificazione e fascicolazione 2. Conservazione & accreditamento 3. Dematerializzazione 4. Documenti informatici 5. Fatturazione

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI CAPO I DEFINIZIONE DI ACCESSO E DI DOCUMENTO AMMINISTRATIVO ART.1 Fonti e finalità 1. Il

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Guida alla Firma Digitale Versione 1.3 aprile 2009 SOMMARIO 1. Scopo e destinatari del documento...4 2. Definizioni...5 3. Il quadro normativo...6

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

INTRODUZIONE. Il presente manuale viene redatto secondo lo schema proposto dall Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione.

INTRODUZIONE. Il presente manuale viene redatto secondo lo schema proposto dall Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. INTRODUZIONE Il protocollo informatico, secondo quanto stabilito dal DPR 28 dicembre 2000 n 445 e ss.mmm.ii. (Testo Unico sulla documentazione amministrativa) è stato introdotto il 1 gennaio 2002. Il D.P.C.M.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli