I determinanti dell assenteismo legati a salute e condizioni di lavoro in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I determinanti dell assenteismo legati a salute e condizioni di lavoro in Italia"

Transcript

1 I determinanti dell legati a salute e condizioni di lavoro in Italia Giuseppe Costa, Angelo d Errico, Francesca Vannoni, Tania Landriscina, Roberto Leombruni Università Torino e ASL TO3 del Piemonte Centri di riferimento CCM e INMP per Salute in Tutte le Politiche e Determinanti Sociali di Salute Dipartimento Funzione Pubblica, Roma, 10 giugno 2010

2 Meccanismi esplicativi di Quota attribuibile a Salute Condizioni socio demografiche Condizioni di lavoro Implicazioni per le politiche Sommario

3 Assenteismo nelle ultime 4 settimane per la popolazione degli occupati (15-64 anni) Istat Salute 2005 % Assenteismo nell ultima settimana Istat Forze Lavoro ,8 1,5 6,3 6,6 6,1 6,1 6,0 6,1 1,7 6, Totale Età MASCHI FEMMINE

4 Meccanismi esplicativi di Quota attribuibile a Salute Condizioni socio demografiche Condizioni di lavoro e infortuni Implicazioni per le politiche Sommario

5 pos. sociale età/genere cultura pos. sociale età/genere cultura determinanti strutturali esposizione fatt. rischio economia economia lavoro lavoro comunità comunità welfare welfare stili vita cond. lavoro resp.domest. geogr/prof stili vita cond. lavoro resp.domest. geogr/prof salute e uso servizi carico cura (sub)culture salute e uso servizi carico cura (sub)culture tutela tutela presenteismo vulnerabilità Assenteismo nelle ultime 4 settimane per la popolazione degli occupati (15-64 anni) % ,8 6,3 6,6 6,1 6,1 6,0 6, 1 6, Totale MASCHI Età FEMMINE conseguenze salute salute produttività produttività Impatto economico Impatto economico Politiche di contrasto Politiche di contrasto Modificato da Diderichsen,, 2001

6 Meccanismi esplicativi di Quota attribuibile a Salute Condizioni socio demografiche Condizioni di lavoro e infortuni Implicazioni per le politiche Sommario

7 % di assenze per malattia associate con le condizioni di salute che costituiscono possibili giustificazioni formali alla certificazione 59.2 Malattia acuta Traumatismo Visita o accertamento specialistico Visita medica generica 0 100

8 % di assenze per malattia associate con le condizioni di salute rilevate in modo indipendente dalla assenza per malattia 40.6 Cattiva salute fisica Cattiva salute psichica Cattiva salute mentale 33.9 Malattia cronica 0 100

9 Tre gruppi di lavoratori con diverso rischio di e presenteismo Alto rischio Basso rischio

10 Popolazione con alto rischio di 7.2 Traumatismo 25.0 Cattiva salute fisica 35.7 Cattiva salute psichica Cattiva salute mentale Malattia cronica 0 100

11 Tre gruppi di lavoratori con diverso rischio di e presenteismo Alto rischio Basso rischio Alto rischio presenteismo

12 Popolazione con alto rischio di presenteismo Traumatismo Malattia acuta Sf36: reso meno sul lavoro causa salute fisica Sf36: limitata attività causa salute fisica Sf36: dolore fisico di ostacolo al lavoro 0 100

13 Prevalenza di nei tre gruppi Alto rischio Basso rischio % % Alto rischio presenteismo % 22.3

14 Meccanismi esplicativi di Quota attribuibile a Salute Condizioni socio demografiche Condizioni di lavoro e infortuni Implicazioni per le politiche Sommario

15 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Fare visite ed esami Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale specialistici è una Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, buona Prestazione ragione occasionale di Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro assenza Pubblica tra amministrazione, sani Istruzione, e Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile malati Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

16 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista L età influenza poco Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale l tra Lavoratore in proprio, i Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, malati. Il presenteismo Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro cresce Pubblica con amministrazione, l etl età Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile (uomini) Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

17 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Le donne malate Lavoratore in proprio, Coadiuvante sono familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, meno assenteiste Prestazione occasionale e più Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro presenteiste Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

18 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Gli operai Scarse meno o insufficienti sani sono Stato civile Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso più assenteisti. No I precari Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna e attività gli fisica) autonomi Si malati sono Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest meno assenteisti Nord-Est e più Centro presenteisti

19 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Nel pubblico impiego i malati sono più Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave assenteisti Almeno una e grave sono meno Età presenteisti Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

20 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) I lavori meno remunerati sono più Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico assenteisti Si sia da malati Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave che da sani e sono Età meno presenteisti Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

21 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Circostanze domestiche Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico e Si famigliari meno Malattie croniche Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave rilevanti Età Sesso Maschi Femmine Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

22 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Gli Malattie croniche stili di vita Nessuna insalubri 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età peggiorano l dei Sesso Maschi lavoratori Femmine malati Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo Coniugato Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

23 Rischi relativi di e presenteismo nelle ultime quattro settimane (Salute 2005) Alto rischio di Basso rischio di Alto rischio di presenteismo OR IC95% OR IC95% OR IC95% Almeno una visita medica o accertamento No specialistico Si Il Malattie croniche Mezzogiorno è meno Nessuna 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età assenteista sia tra i malati sia tra i sani ed è più Sesso Maschi presenteista Femmine (ad eccezione Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato Dirigente, Imprenditore, Libero professionista del Pubblico Operaio, Apprendista, Impiego Lavorante a domicilio per che conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale mostra Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare un eccesso di Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo e un difetto 0.70 di Tipo settore attività economica Altro Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche presenteismo Ottime o adeguate anche nel Stato civile Scarse o insufficienti Single, separato, vedovo Coniugato Sud) Almeno un evento doloroso No Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud Nord_Ovest Nord-Est Centro

24 contesto contesto economia economia lavoro lavoro determinanti strutturali lav manuale! Genere M! Centro/Nord lav manuale! Genere M! Centro/Nord poco remunerato PA/dipendenti! poco remunerato PA/dipendenti! esposizione fatt. rischio Stili vita! cond. lavoro resp.domest. geogr/prof! Stili vita! cond. lavoro resp.domest. geogr/prof! salute e uso servizi carico cura? (sub)culture! salute e uso servizi carico cura? (sub)culture! tutela tutela vulnerabilità comunità comunità welfare welfare Assenteismo Presenteismo Assenteismo nelle ultime 4 settimane per la popolazione degli occupati (15-64 anni) % ,8 6,3 6,6 6,1 6,1 6,0 6, 1 6, Totale MASCHI Età FEMMINE conseguenze salute salute produttività produttività Modificato da Diderichsen,, 2001

25 Meccanismi esplicativi di Quota attribuibile a Salute Condizioni socio demografiche Condizioni di lavoro e infortuni Implicazioni per le politiche Sommario

26 Rischi relativi di lungo nell ultima settimana (Forze Lavoro 2007) OR IC95% Sesso Maschi 1 Femmine Esposizione a fattori di rischio Non esposti 1 occupazionali Molestie, discriminazione, minacce, violenza Rischio d'infortuni sul lavoro Eccessivo rumore o vibrazioni Posture incongrue, carichi pesanti, movimenti pericolosi per la salute Infortuni sul lavoro Nessun infortunio 1 Almeno un infortunio Tipo di contratto Tempo indeterminato 1 Tempo determinato Lavoro autonomo Cittadinanza Italiana 1 Straniera Livello d'istruzione Laurea 1 Le donne fanno pi Diploma Licenza media Licenza elementare o menoassenze (salute) Tipo settore attività econonica Altro 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità, Assistenza Sociale Le donne fanno più Classe occupazionale Lavoratori non manuali 1 Lavoratori manuali Dimensione dell'azienda <=15 lavoratori lavoratori lavoratori Ripartizione geografica Nord 1 Centro Sud

27 Rischi relativi di lungo nell ultima settimana (Forze Lavoro 2007) OR IC95% Sesso Maschi 1 Femmine Esposizione a fattori di rischio Non esposti 1 occupazionali Molestie, discriminazione, minacce, violenza Rischio d'infortuni sul lavoro Eccessivo rumore o vibrazioni Posture incongrue, carichi pesanti, movimenti pericolosi per la salute Infortuni sul lavoro Nessun infortunio 1 Almeno un infortunio Tipo di contratto Tempo indeterminato 1 Le Tempo determinato diverse condizioni di Lavoro autonomo Cittadinanza Italiana 1 lavoro Straniera (ambiente fisico e 0.87 Livello d'istruzione Laurea 1 Diploma sociale) Licenza media influenzano 1.76in Licenza elementare o meno Tipo settore attività econonica Altro 1 modo rilevante l Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità, Assistenza Sociale Classe occupazionale Lavoratori non manuali 1 Lavoratori manuali Dimensione dell'azienda <=15 lavoratori lavoratori lavoratori Ripartizione geografica Nord 1 Centro Sud

28 Rischi relativi di lungo nell ultima settimana (Forze Lavoro 2007) OR IC95% Sesso Maschi 1 Femmine Esposizione a fattori di rischio Non esposti 1 occupazionali Molestie, discriminazione, minacce, violenza Rischio d'infortuni sul lavoro Eccessivo rumore o vibrazioni Posture incongrue, carichi pesanti, movimenti pericolosi per la salute Infortuni sul lavoro Nessun infortunio 1 Almeno un infortunio Tipo di contratto Tempo indeterminato 1 Tempo determinato Lavoro autonomo Cittadinanza Italiana 1 Straniera Livello d'istruzione Laurea 1 Diploma Licenza media Licenza elementare in o particolare meno 2.42 le Tipo settore attività econonica Altro 1 condizioni di scarsa sicurezza che si sono Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità, Assistenza Sociale Classe occupazionale Lavoratori non manuali 1 Lavoratori manuali Dimensione dell'azienda <=15 lavoratori lavoratori già 50+ lavoratori tradotte in un Ripartizione geografica Nord 1 Centro infortunio nell anno Sud

29 Rischi relativi di lungo nell ultima settimana (Forze Lavoro 2007) Il lavoro precario, quello autonomo e quello straniero sono Sesso Maschi 1 Femmine Esposizione a fattori di rischio Non esposti 1 occupazionali Molestie, discriminazione, minacce, violenza meno assenteisti Rischio d'infortuni sul lavoro Eccessivo rumore o vibrazioni Posture incongrue, carichi pesanti, movimenti pericolosi per la salute Infortuni sul lavoro Nessun infortunio 1 Almeno un infortunio Tipo di contratto Tempo indeterminato 1 Tempo determinato Lavoro autonomo Cittadinanza Italiana 1 Straniera Livello d'istruzione Laurea 1 Diploma Licenza media Licenza elementare o meno Tipo settore attività econonica Altro 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità, Assistenza Sociale OR IC95% Classe occupazionale Lavoratori non manuali 1 Lavoratori manuali Dimensione dell'azienda <=15 lavoratori lavoratori lavoratori Ripartizione geografica Nord 1 Centro Sud

30 Rischi relativi di lungo nell ultima settimana (Forze Lavoro 2007) Il lavoro manuale e quello con minor Sesso Maschi 1 Femmine Esposizione a fattori di rischio Non esposti 1 occupazionali capitale umano Molestie, è discriminazione, più minacce, violenza Rischio d'infortuni sul lavoro Eccessivo rumore o vibrazioni assenteista Posture incongrue, carichi pesanti, movimenti pericolosi per la salute Infortuni sul lavoro Nessun infortunio 1 Almeno un infortunio Tipo di contratto Tempo indeterminato 1 Tempo determinato Lavoro autonomo Cittadinanza Italiana 1 Straniera Livello d'istruzione Laurea 1 Diploma Licenza media Licenza elementare o meno Tipo settore attività econonica Altro 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità, Assistenza Sociale OR IC95% Classe occupazionale Lavoratori non manuali 1 Lavoratori manuali Dimensione dell'azienda <=15 lavoratori lavoratori lavoratori Ripartizione geografica Nord 1 Centro Sud

31 Rischi relativi di lungo nell ultima settimana (Forze Lavoro 2007) Il lavoro nel pubblico Sesso Maschi 1 Femmine Esposizione a fattori di rischio Non esposti 1 occupazionaliimpiego, nelle Molestie, aziende discriminazione, minacce, violenza Rischio d'infortuni sul lavoro Eccessivo rumore o vibrazioni più grandi e nel centro Posture incongrue, carichi pesanti, movimenti pericolosi per la salute Infortuni sul lavoro nord Nessun infortunio 1 è più assenteista Almeno un infortunio Tipo di contratto Tempo indeterminato 1 Tempo determinato Lavoro autonomo Cittadinanza Italiana 1 Straniera Livello d'istruzione Laurea 1 Diploma Licenza media Licenza elementare o meno Tipo settore attività econonica Altro 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità, Assistenza Sociale OR IC95% Classe occupazionale Lavoratori non manuali 1 Lavoratori manuali Dimensione dell'azienda <=15 lavoratori lavoratori lavoratori Ripartizione geografica Nord 1 Centro Sud

32 contesto contesto determinanti strutturali lav manuale! genere F lav manuale! genere poco istruito poco istruito Centro/Nord Centro/Nord PA/dip./grandi imprese!! PA/dip./grandi imprese!! esposizione fatt. rischio economia economia lavoro lavoro comunità comunità welfare welfare cond. lavoro!!! cond. lavoro!!! presenteismo vulnerabilità Assenteismo nelle ultime 4 settimane per la popolazione degli occupati (15-64 anni) % ,8 6,3 6,6 6,1 6,1 6,0 6, 1 6, Totale MASCHI Età FEMMINE conseguenze geogr/prof!! geogr/prof!! (sub)culture! (sub)culture! tutela! tutela! salute salute produttività produttività Impatto economico Impatto economico Modificato da Diderichsen,, 2001

33 Meccanismi esplicativi di Quota attribuibile a Salute Condizioni socio demografiche Condizioni di lavoro e infortuni Implicazioni per le politiche Sommario

34 contesto contesto determinanti strutturali lav manuale! genere?età? Centro/Nord lav manuale! genere?età? Centro/Nord poco remunerato/istruito PA/dipendenti!! poco remunerato/istruito grande PA/dipendenti!! impresa grande impresa esposizione fatt. rischio economia economia lavoro lavoro stili vita! cond. lavoro!!! resp.domest,? geogr/prof!! stili vita! cond. lavoro!!! resp.domest,? geogr/prof!! salute e uso servizi carico cura? (sub)culture! salute e uso servizi carico cura? (sub)culture! tutela tutela vulnerabilità comunità comunità welfare welfare presenteismo Assenteismo nelle ultime 4 settimane per la popolazione degli occupati (15-64 anni) % ,8 6,3 6,6 6,1 6,1 6,0 6, 1 6, Totale MASCHI Età FEMMINE conseguenze salute salute produttività produttività politiche di controllo politiche di controllo politiche di prevenzione e tutela politiche di prevenzione e tutela Modificato da Diderichsen,, 2001

35 Conclusioni (per la parte epidemiologica) 1 Sul versante della domanda: esistono larghe fasce di lavoro, soprattutto quello precario e quello autonomo, dove il rischio di malattia non è adeguatamente tutelato, con conseguenze sfavorevoli per la salute e la produttività, e che potrebbero essere particolarmente vulnerabili ad effetti collaterali non desiderati delle misure di controllo le variazioni sociali nell focalizzate sul lavoro manuale poco remunerato e poco retribuito identificano una frazione di morbosità e limitazione della capacità lavorativa che è attribuibile alle condizioni di lavoro; questa frazione è stata stimata intorno ad un ordine di grandezza di più del 20%, e richiama l attenzione dei decisori sul fatto che le politiche di contenimento dell non possono limitarsi agli obiettivi di controllo della legittimità del ricorso a tale presidio di tutela, ma devono contemporaneamente investire sul miglioramento delle condizioni di lavoro per promuovere la capacità lavorativa e la salute dei lavoratori, così diminuendo le ragioni del.

36 Conclusioni (per la parte epidemiologica) 2 Sul versante dell offerta e dell esercizio del dispositivo di tutela: Le azioni di contenimento dell non giustificato dovrebbero concentrarsi sul pubblico impiego e sulle zone di mercato dove la dimensione delle imprese, la stabilità del mercato del lavoro, la solidità delle forme di tutela hanno reso possibile eventuali abusi Lacune conoscitive e soluzioni Sistemi diretti di indagine su non giustificato e presenteismo Stima dell impatto sul BoD ed economico Valutazione di efficacia degli interventi di prevenzione

37 Rischi relativi di nella popolazione lavorativa meno sana (Salute 2005) Maschi Femmine Almeno una visita medica o accertamento specialistico Si 1 1 No Età Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato 1 1 Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente 1 1 Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro 1 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate 1 1 Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo 1 1 Coniugato Almeno un evento doloroso No 1 1 Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No 1 1 (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud 1 1 Nord_Ovest Nord-Est Centro OR IC95% OR IC95%

38 Rischi relativi di nella popolazione lavorativa sana (Salute 2005) Maschi Femmine Almeno una visita medica o accertamento specialistico Si 1 1 No Età Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato 1 1 Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente 1 1 Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro 1 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate 1 1 Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo 1 1 Coniugato Almeno un evento doloroso No 1 1 Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No 1 1 (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud 1 1 Nord_Ovest Nord-Est Centro OR IC95% OR IC95%

39 Rischi relativi di presenteismo nella popolazione lavorativa meno sana (Salute 2005) Almeno una visita medica o accertamento specialistico Si 1 1 No Malattie croniche Nessuna 1 1 Almeno una non grave Almeno una grave Età Posizione nella professione Direttivo, Quadro, Impiegato 1 1 Dirigente, Imprenditore, Libero professionista Operaio, Apprendista, Lavorante a domicilio per conto d'impresa, Socio di coperativa CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore in proprio, Coadiuvante familiare Tipo di contratto Tempo indeterminato dipendente 1 1 Tempo determinato dipendente, CoCoCo, Prestazione occasionale Lavoratore autonomo Tipo settore attività economica Altro 1 1 Pubblica amministrazione, Istruzione, Sanità Giudizio sulle risorse economiche Ottime o adeguate 1 1 Scarse o insufficienti Stato civile Single, separato, vedovo 1 1 Coniugato Almeno un evento doloroso No 1 1 Si Stile di vita: almeno una condizione sfavorevole No 1 1 (obesità,fumo,nessuna attività fisica) Si Ripartizione geografica Sud 1 1 Nord_Ovest Nord-Est Centro OR Maschi IC95% Femmine OR IC95%

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA Sono numerose le evidenze scientifiche in cui si dimostra che le persone che godono di una posizione sociale privilegiata, che hanno un titolo

Dettagli

Il ruolo del genere nella costruzione sociale delle disuguaglianze di salute

Il ruolo del genere nella costruzione sociale delle disuguaglianze di salute Il ruolo del genere nella costruzione sociale delle disuguaglianze di salute Giuseppe Costa Gruppo di lavoro Equità nella salute e sanità della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni Progetto

Dettagli

STILI DI VITA E GENERAZIONI

STILI DI VITA E GENERAZIONI STILI DI VITA E GENERAZIONI Giuseppe Costa Università di Torino contesto contesto di politiche di politiche contesto contesto stratificazione influenzare stratificazione diminuire esposizione diminuire

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

La salute ai tempi della crisi

La salute ai tempi della crisi La salute ai tempi della crisi Giuseppe Costa Università di Torino SCaDU Servizio di epidemiologia di riferimento regionale Risorse Benessere economico Partecipazione/coesione Politica Istituzioni Inclusione

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Nelle scorse settimane l ISTAT ha presentato, nell ambito dell Indagine Forze di lavoro, l approfondimento Salute e Sicurezza

Dettagli

Figura 1 - Numero lavoratori delle imprese attive in alcune tipologie contrattuali per macrosettore - Anno 2013 (a) (valori medi annui)

Figura 1 - Numero lavoratori delle imprese attive in alcune tipologie contrattuali per macrosettore - Anno 2013 (a) (valori medi annui) Allegato statistico Audizione dei rappresentanti dell Istituto nazionale di statistica Roberto Monducci e Linda Laura Sabbadini 11 a Commissione "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere

La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere Lisa Francovich 1, Lidia Gargiulo 1, Barbara Giordani 2, Paolo Giorgi Rossi 3, Alessio Petrelli 4 1 Istat 2 Servizio Epidemiologia ASLTO3 Regione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte Dati e prospettive Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE LAVORATIVA Nei prossimi anni si prevede un invecchiamento della popolazione

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

I modi di abitare degli studenti universitari in Italia e in Europa osservati attraverso l Indagine Eurostudent

I modi di abitare degli studenti universitari in Italia e in Europa osservati attraverso l Indagine Eurostudent I modi di abitare degli studenti universitari in Italia e in Europa osservati attraverso l Indagine Eurostudent Domenico Lovecchio, Gruppo di lavoro Indagine Eurostudent Convegno Università e Città. Un

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015

GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 GLI STUDENTI TRENTINI E IL LORO FUTURO Trento, 6 marzo 2015 Nella scuola oggi e nella società domani ANTONIO SCHIZZEROTTO FBK-IRVAPP e Università di Trento Uno sguardo sull istruzione secondaria in Trentino

Dettagli

DONNE VITTIMA DI VIOLENZA:

DONNE VITTIMA DI VIOLENZA: DONNE VITTIMA DI VIOLENZA: VALUTAZIONE DEI PROFILI DI RISCHIO ATTRAVERSO IL RICORSO AL PRONTO SOCCORSO Lapucci E., Farchi S., Cesaroni G., Davoli M., Michelozzi P. XXXIX convegno AIE Novembre 2015 Violenza

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Salute e sicurezza sul lavoro II trimestre 2007 29 Dicembre 2008 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI

Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Sintomi depressivi e stili di vita: risultati della sorveglianza di popolazione PASSI Gianluigi Ferrante Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA IN ITALIA. Roberto Callioni Past-President Responsabile Servizio Studi ANDI

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA IN ITALIA. Roberto Callioni Past-President Responsabile Servizio Studi ANDI INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA PROFESSIONE ODONTOIATRICA IN ITALIA 2011 Roberto Callioni Past-President Responsabile Servizio Studi ANDI ANALISI DEI DATI GEOGRAFICI ED ANAGRAFICI 2 Campione Il campione certificato

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Milano, Aprile 2009 Indagine effettuata per Fratelli dell Uomo Rev. 00 1/29 L obiettivo primario era OBIETTIVI Verificare opinioni e atteggiamenti degli italiani nei confronti

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

I risultati dell indagine SAPA-PON. Roma, 19 dicembre 2011 Antonella Mastrogiovanni

I risultati dell indagine SAPA-PON. Roma, 19 dicembre 2011 Antonella Mastrogiovanni I risultati dell indagine SAPA-PON Roma, 19 dicembre 2011 Antonella Mastrogiovanni Analisi di contesto Lo sviluppo e il progresso economico e sociale di un Paese, si costruisce e si garantisce grazie al

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

Secondo Rapporto Bachelor

Secondo Rapporto Bachelor Secondo Rapporto Bachelor Aspetti metodologici e principali risultanze A cura di: Daniela Arlenghi Capo Commento ai dati: Silvia Spattini Direttore e Coordinatore Scientifico ADAPT Dal 2008 realizza: a)

Dettagli

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne

Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Le trasformazioni del vivere: il lavorare delle donne Alberto Zuliani Presidente dell Istat UNO Il percorso formativo Licenza media si iscrivono al 1 anno delle superiori 133 Qualifica professionale 1.000

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità

Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità Le fonti del sistema statistico nazionale e il problema della definizione della disabilità

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Indagine sugli sbocchi occupazionali dei diplomati presso l Accademia delle Belle Arti di Firenze

Indagine sugli sbocchi occupazionali dei diplomati presso l Accademia delle Belle Arti di Firenze Indagine sugli sbocchi occupazionali dei diplomati presso l Accademia delle Belle Arti di Firenze La zona d ombra 8 giugno 2004 Su incarico dell Accademia delle Belle Arti di Firenze Francesca Crescioli

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e Introduzione alla SA 8000 Nel 2013 Carimali ha deciso di intraprendere l ambizioso cammino di certificazione del proprio Sistema di Responsabilità Sociale seguendo

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

MATEMATICO FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

MATEMATICO FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? MATEMATICO FINANZIARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara i MATEMATICI FINANZIARI è Scienze Matematiche

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti

Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti Nereo ereo Zamaroamaro Servizio istituzioni pubbliche e private Numeri e attività dei CSV: cosa facciamo e cosa

Dettagli

Screeningdei tumori femminili: evoluzione delle diseguaglianze sociali e territoriali

Screeningdei tumori femminili: evoluzione delle diseguaglianze sociali e territoriali Screeningdei tumori femminili: evoluzione delle diseguaglianze sociali e territoriali Lidia Gargiulo, Roberta Crialesi, LisaFrancovich, Laura Iannucci, Laura Murianni, Annabella Pugliese, Lucilla Scarnicchia,

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

ALLEGATO 1 QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLA VULNERABILITA SOCIALE TERRITORIO DI RIFERIMENTO

ALLEGATO 1 QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLA VULNERABILITA SOCIALE TERRITORIO DI RIFERIMENTO ALLEGATO 1 QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLA VULNERABILITA SOCIALE PARTE PRIMA RILEVAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELLA FAMIGLIA DEL/LA BENEFICIARIO/A DEGLI INTERVENTI CHIERI

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

Una ricerca sul lavoro a termine, autonomo, discon2nuo, precario nelle radio e TV

Una ricerca sul lavoro a termine, autonomo, discon2nuo, precario nelle radio e TV Una ricerca sul lavoro a termine, autonomo, discon2nuo, precario nelle radio e TV 11 Novembre 2014 CGIL Nazionale Sala San8 Daniele Di Nunzio Emanuele Toscano Obie%vi e metodologia Focus dell indagine:

Dettagli

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista

Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Dalle pari opportunità alla partecipazione protagonista Indice Obiettivi della ricerca Caratteristiche socio demografiche del campione I risultati della ricerca Percezione della discriminazione di Esperienze

Dettagli

I fabbisogni professionali in provincia di Treviso

I fabbisogni professionali in provincia di Treviso I fabbisogni professionali in provincia di Treviso Osservatorio economico e Sociale Camera di Commercio di Treviso 20 novembre 2007 Hanno collaborato alla verifica Adecco Man Power Obiettivo Lavoro Men

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA STATISTICHE

ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA STATISTICHE ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato Assessorato all Artigianato Direzione Commercio e Artigianato Imprendiitoriialliità straniiera nellll artiigiianato iin Piiemonte Michelangelo Filippi R. & P. Torino, giovedì 27 Maggio 2004 Imprenditorialità

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza

Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza TAVOLA 1-2012: DONNE E LAVORO Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Popolazione Popolazione di 15 anni e oltre 25.019.458 26.975.331 51.994.789 51,9 Occupati (Media 2012) 13.440.545

Dettagli

OPERATORE DI CONTROLLO DI GESTIONE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

OPERATORE DI CONTROLLO DI GESTIONE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? OPERATORE DI CONTROLLO DI GESTIONE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli OPERATORI DI CONTROLLO DI

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio Roma 20 maggio 2015 ore 10.30 Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio La domanda estera sostiene l economia PIL E COMPONENTI DELLA DOMANDA IN ITALIA Variazioni congiunturali percentuali

Dettagli

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO La sicurezza di genere nell ambiente di lavoro: benessere organizzativo e mobbing. Casistica e politiche di prevenzione Francesca Larese Filon La parità tra uomini e donne deve

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

CONSULENTE DEL LAVORO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

CONSULENTE DEL LAVORO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? CONSULENTE DEL LAVORO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara i CONSULENTI DEL LAVORO è Scienze Politiche,

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON LIMITAZIONI DELL AUTONOMIA PERSONALE

INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON LIMITAZIONI DELL AUTONOMIA PERSONALE Ma sch i Femm in e. 2012 14 dicembre 2012 Anno 2011 INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON LIMITAZIONI DELL AUTONOMIA PERSONALE Circa 4 milioni di persone di 11-87 anni che nel 2005 avevano riferito difficoltà

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

La governance regionale, i dati e le evidenze sugli stili di vita. Il progetto.

La governance regionale, i dati e le evidenze sugli stili di vita. Il progetto. VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DEL FARMACISTA PER PROMUOVERE L ADOZIONE RESPONSABILE E SOSTENIBILE DI COMPORTAMENTI FAVOREVOLI ALLA SALUTE DGR n IX/2593 del 30/11/2011 La governance regionale, i dati e le evidenze

Dettagli

Communication on. Progress 2011

Communication on. Progress 2011 Sommario PARTE PRIMA Dichiarazione Aziendale PARTE SECONDA Applicazione principi PARTE TERZA Set di Indicatori 3 Dichiarazione Aziendale L adesione al Global Compact della Neatec, e l applicazione dei

Dettagli

La lettura di libri in Italia

La lettura di libri in Italia La lettura di libri in Italia 10 maggio 2007 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni presentate

Dettagli

La Transizione scuola lavoro

La Transizione scuola lavoro La Transizione scuola lavoro Come facilitare la transizione scuola lavoro dei giovani diplomati Dott.ssa Rita Allia Dott.ssa Cristina Lecci SIFI Società Industria Farmaceutica Italiana - SpA Catania, 28

Dettagli

La prova nazionale all interno dell esame esame di stato della scuola secondaria di primo grado

La prova nazionale all interno dell esame esame di stato della scuola secondaria di primo grado La prova nazionale all interno dell esame esame di stato della scuola secondaria di primo grado Roma, 18 marzo 2008 Le competenze degli studenti: Il ruolo della valutazione esterna di Piero Cipollone Incontro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne

Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne Report sul monitoraggio delle schede di primo accesso Violenza sulle donne 24 novembre 2008 Indice ===================================================================================== PREMESSA... 5 1.

Dettagli

Osservatorio sul Patrimonio Informativo Personale. CERMES Centro di Ricerche su Marketing & Servizi

Osservatorio sul Patrimonio Informativo Personale. CERMES Centro di Ricerche su Marketing & Servizi Osservatorio sul Patrimonio Informativo Personale Obiettivi della rilevazione 1. Analizzare la consapevolezza dell esistenza di un Patrimonio Informativo Personale, dal punto di vista delle Fattispecie,

Dettagli

Il Sistema di Gestione dei Reclami nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello Gennaio-Aprile 2012

Il Sistema di Gestione dei Reclami nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello Gennaio-Aprile 2012 Sede Legale Viale Strasburgo n. 9046 Palermo Tel 09780 - P.I. 058478087 UNITA OPERATIVA QUALITA -COMUNICAZIONE-URP Il Sistema di Gestione dei Reclami nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Direzione Generale Politiche Formative, Beni e Attività Culturali Area di Coordinamento Orientamento, Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Istruzione e Educazione RILEVAZIONE SUI SERVIZI PUBBLICI E

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli