Domande e risposte su fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande e risposte su fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva"

Transcript

1 Domande e risposte su fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva Le seguenti domande e risposte sono riportate esclusivamente per facilitare il lettore a comprendere le tematiche trattate e, ove non esplicitamente specificato, non sono in alcun modo riferibili ad interpretazioni ufficiali dell amministrazione finanziaria. 1 DOMANDA - E' possibile inviare le fatture ai clienti via come allegato anzichè spedirle su carta? RISPOSTA La fattura formata con l ausilio di un sistema informatico e poi inviata via al cliente è un documento analogico, in quanto priva dei requisiti richiesti dall art.3 del D.M. 23/01/04 (staticità e non modificabilità, firma digitale e riferimento temporale). La procedura, tuttavia, è corretta. Però la fattura, in quanto analogica e non elettronica, dovrà essere obbligatoriamente stampata su carta sia dall emittente che dal destinatario (cliente) ai fini della conservazione. 2 DOMANDA - Posso implementare un sistema di fatturazione elettronica del solo ciclo attivo, senza alcun accordo con i miei clienti, ed invio del solo file fattura in formato PDF come allegato alla ,oppure spedizione cartacea per chi non ha comunicato l ? E vero che in questo caso devo apporre comunque firma digitale e riferimento temporale? RISPOSTA Si. Come nel quesito precedente però, il cliente che riceve il PDF come allegato alla dovrà procedere alla stampa su carta. L emittente, invece, avendo implementato un sistema di fatturazione elettronica del ciclo attivo, dovrà firmare digitalmente e apporre il riferimento temporale su tutte le fatture emesse e dovrà procedere alla creazione di un archivio digitale, quindi alla conservazione sostitutiva dello stesso. 3 DOMANDA - Sono dieci anni che conserviamo le sole fatture attive utilizzando un sistema di archiviazione su bobine di microfilms, senza avere la copia su supporto cartaceo. La procedura è corretta? RISPOSTA - Si, è corretta. La Circolare del Ministero delle Finanze nr 14 del 10 marzo 1982 autorizza a conservare con il sistema fotografico su bobine di microfilms o microfiches i documenti emessi e da emettere quali le fatture e i telegrammi spediti, a condizione che: 1-Deve essere assicurata la leggibilità delle copie microfilmate dei documenti spediti o emessi 2-Deve essere consentita in qualsiasi momento, a richiesta degli organi di controllo: -la visualizzazione con la nitidezza necessaria a rilevare tutti gli elementi del documento; -la stampa dei documenti. 4 DOMANDA - La nostra società conserva da diversi anni le fatture passive solo su microfilms con visualizzazione delle stesse su pc. Tutte le fatture di acquisto quindi, dopo la scansione fotografica, vengono riprodotte su bobine di microfilms e successivamente macerate. La procedura adottata è corretta? RISPOSTA No, in quanto la conservazione degli originali delle fatture passive va eseguita su supporto cartaceo (Circolare del Ministero delle Finanze nr 14 del 10 marzo 1982) 5 DOMANDA - Da anni trasmettiamo ai nostri clienti le fatture tramite un sistema EDI. Sono obbligato alla loro conservazione sostitutiva? RISPOSTA - Se voglio implementare un sistema di fatturazione elettronica, ovvero un sistema che mi consenta di formare, emettere e conservare il ciclo attivo di fatturazione in solo formato informatico, senza quindi più obbligo di dover stampare le fatture su supporto cartaceo, dovrò a norma dell art.3 del DM 23 gennaio 2004 garantire l attestazione della data, l autenticità dell origine e l integrità del contenuto. Con riferimento ai sistemi di trasmissione EDI, la Raccomandazione della Commissione 1994/820/CE che ne regola gli aspetti giuridici a livello europeo, pur richiedendo l autenticità e l integrità dei documenti trasmessi, non prevede alcun obbligo in merito all attestazione della data (art. 6 della raccomandazione). Si ritiene però che la trasmissione elettronica di dati utilizzando sistemi EDI che non garantiscono l attestazione della data con l apposizione del riferimento temporale, non possono considerarsi sistemi di fatturazione elettronica, e quindi ai sensi della risoluzione Dir.Tasse n del 30 novembre 1990 i dati trasmessi dovranno essere stampati su carta sia dall emittente che dal destinatario. Diversamente, se cioè dopo una attenta e scrupolosa analisi del sistema EDI adottato, eseguita con l ausilio dei tecnici preposti alla gestione e manutenzione della piattaforma adottata, si evince che la soluzione EDI utilizzata garantisce anche l attestazione della data, possiamo sicuramente affermare di

2 essere in presenza di un sistema di fatturazione elettronica e non di una semplice trasmissione telematica dei dati contenuti in fattura. Ne consegue quindi l obbligatorietà della conservazione sostitutiva e la necessaria ridefinizione degli accordi con i clienti. 6 DOMANDA - E corretta la seguente procedura? - L azienda A appone il riferimento temporale e firma digitalmente le fatture da emettere - Invia i files firmati alla società B, che provvede alla postalizzazione cartacea ai clienti (in fattura non è indicato "fattura compilata per conto del cedente o prestatore da un terzo"). - La società B provvede alla conservazione sostitutiva. RISPOSTA - Si. Nel caso prospettato, l azienda A è soggetto passivo d imposta ed emittente delle fatture in modalità elettronica. La società B ha un contratto con A per la postalizzazione cartacea delle stesse e un contratto di outsourcing per la successiva obbligatoria conservazione sostitutiva. 7 DOMANDA - E corretta la seguente procedura? - L azienda A forma in modalità elettronica le fatture da emettere ed invia i files alla società B che appone il riferimento temporale e firma digitalmente le singole fatture per poi procedere al loro invio in formato cartaceo (in fattura è indicato "fattura compilata per conto del cedente o prestatore da un terzo"). -B dopo aver postalizzato le fatture, trasmette i files alla società C, che esegue la conservazione sostitutiva. RISPOSTA - Si. In questo caso l azienda B emette per conto della società A le fatture in formato elettronico, mentre la società C provvede alla loro conservazione sositutiva. A ha in essere due contratti di outsourcing: uno con B per la fatturazione elettronica e uno con C per la conservazione sostitutiva. 8 DOMANDA - Alcuni nostri clienti esteri non hanno la partita IVA o il codice fiscale, perché nel loro Stato non è prevista. La conservazione sostitutiva è corretta anche se per questi clienti non sono consentite le funzioni di ricerca e di estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione al codice fiscale e alla partita IVA? RISPOSTA - Si 9 DOMANDA - Le fatture elettroniche che vengono emesse a fine dicembre 2004 (quindi con firma digitale e riferimento temporale di dicembre 2004 ), ma conservate ad inizio gennaio 2005 (quindi con firma digitale e marca temporale del Responsabile della conservazione di gennaio 2005), con riguardo al processo di conservazione sostitutiva ( per esempio per la comunicazione alle Agenzie fiscali entro il mese successivo alla scadenza delle dichiarazioni dei redditi) vanno considerate conservate nell anno 2004 oppure nel 2005? RISPOSTA - Nel DOMANDA - Quando va emessa una fattura elettronica? RISPOSTA - Valgono le stesse regole della fattura cartacea tradizionale, la norma applicabile è cioè l art 21 comma quarto del DPR 633/72, il quale rimanda all art.6 dello stesso DPR: 1- Le cessioni di beni si considerano effettuate nel momento della stipulazione se riguardano beni immobili e nel momento della consegna o spedizione se riguardano beni mobili. (...) 3- Le prestazioni di servizi si considerano effettuate all atto del pagamento del corrispettivo. (...) 4- Se anteriormente al verificarsi degli eventi indicati nei precedenti commi o indipendentemente da essi sia emessa fattura, o sia pagato in tutto o in parte il corrispettivo, l operazione si considera effettuata, limitatamente all importo fatturato o pagato, alla data della fattura o a quella del pagamento (...) inoltre: Per le cessioni di beni la cui consegna o spedizione risulti da documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali è effettuata l operazione (...) la fattura è emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello della consegna o spedizione(...) (art.21 comma 4 DPR 633/72)

3 11 DOMANDA - La firma digitale da apporre sulla fattura elettronica al momento della emissione, può essere anche quella di un direttore generale o di un altro dipendente della società emittente anziché quella del legale rappresentante? RISPOSTA Si. Infatti una firma digitale può contenere il cosiddetto certificato di ruolo che indica eventuali poteri di rappresentanza o limiti di firma in capo al titolare. 12 DOMANDA - I Documenti di trasporto possono essere emessi in solo formato elettronico e conservati in modo sostitutivo? RISPOSTA - Si. Il d.d.t. è disciplinato dal DPR n.472/1996; la Circolare n. 249/E del 11/10/1996 ha successivamente chiarito che i beni viaggianti non devono più necessariamente essere accompagnati dal documento di trasporto. In tal caso, la circolare ha previsto che esso possa essere spedito nel giorno in cui è iniziato il trasporto dei beni anche tramite gli strumenti elettronici richiamati dalla circolare n.225/e, quindi sotto forma di "documento informatico". Per essere rilevante ai fini tributari, nel rispetto della normativa vigente, dovrà poi essere emesso con apposizione di firma digitale e riferimento temporale ed essere infine conservato sostitutivamente con cadenza annuale. Diversamente dalle fatture elettroniche, non è richiesto alcun "accordo con il destinatario". 13 DOMANDA - Dopo aver terminato la conservazione sostitutiva di fatture emesse in formato elettronico, mi sono accorto che alcune fatture erano sbagliate nell imponibile. Cosa devo fare? RISPOSTA Ai sensi dell art.26 del DPR 633/72 dovrò emettere delle note di variazione elettroniche (di credito o di addebito, a seconda del caso), seguendo le stesse disposizioni previste dall art.21 per le fatture elettroniche. 14 DOMANDA - In caso di fatture emesse da un terzo per conto del soggetto passivo d imposta, occorre indicarne la denominazione o la nazionalità? RISPOSTA - No. La normativa richiede la semplice annotazione, sulla fattura emessa, che la stessa è compilata da un terzo (art. 21, comma 2, lett.h DPR 633/72). 15 DOMANDA - Se ricevo da un solo fornitore una fattura in formato elettronico (con firma digitale e riferimento temporale), sono obbligato a conservare tutte le fatture cartacee del ciclo passivo in formato digitale? RISPOSTA - Si. L art.4 del DM 23/1/2004 dispone,con riferimento al processo di conservazione sostitutiva dei documenti analogici rilevanti ai fini tributari, che esso "può essere limitato a una o più tipologie di documenti". Si ritiene che si tratti di un principio applicabile a tutta la normativa riguardante la conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini tributari, siano essi informatici o analogici. Con riferimento alle fatture, le tipologie sono quelle di acquisto e quelle di vendita. Quindi, se decido di ricevere da un solo fornitore una fattura elettronica (previo accordo), dovrò conservare tutte le fatture del ciclo passivo pervenute in cartaceo in formato digitale. 16 DOMANDA - Che cosa sono gli atti impositivi o di contestazione di violazioni sostanziali citati dall art.21 del DPR 633/72? RISPOSTA - Con atti impositivi, ai sensi della Risoluzione Agenzia delle Entrate del 27 febbraio 2003 nr 47/E, si intendono: - gli avvisi di accertamento, compresi quelli parziali di cui all art.41/bis del DPR 600/73, e quelli di cui all art.54 comma quinto del DPR 633/72; - gli inviti al contraddittorio, inviati dagli uffici ai sensi dell art.5 del D.Lgs 19 giugno 1997 n. 218; - gli atti di contestazione e gli avvisi di irrogazione di sanzioni; - i processi verbali di constatazione Con violazioni sostanziali, ai sensi della Circolare del Ministero delle Finanze del 17 maggio 2000 n. 98, si intendono le omissioni e gli errori che incidono sulla determinazione e sul pagamento del tributo, violazioni rilevabili cioè sia in sede di liquidazione dell imposta dovuta in base alla dichiarazione prodotta che in sede di rettifica della stessa. 17 DOMANDA - Come ci si comporta nel caso venga richiesta dal cliente una copia conforme di una fattura elettronica spedita su carta e conservata digitalmente? Posso semplicemente rispedire il corrispondente fileoppure devo stampare su carta, mettere il timbro "copia conforme" ed inviarla via

4 posta? RISPOSTA - Nel rilasciare copie conformi, si dovrà continuare a seguire una rigida procedura al fine di cautelarsi da un utilizzo non corretto ed improprio delle copie che si rilasciano. Quindi dapprima il cliente dovrà inviare una richiesta scritta del tipo: "Con riferimento alla Vs fattura nr...del..., dichiariamo di aver smarrito (distrutto, etc...) l esemplare di nostra spettanza. Vi chiediamo pertanto di volercene rilasciare una copia conforme all originale". Successivamente, il soggetto emittente potrà quindi inviare la copia su supporto cartaceo con indicato: "Copia conforme all originale emessa su specifica richiesta del...della ditta... che ha dichiarato di aver smarrito (distrutto, etc...) l esemplare di sua spettanza a suo tempo rilasciato". 18 DOMANDA - E' ammissibile produrre le fatture attive su carta solo al momento dell'eventuale richiesta da parte delle autorità competenti ed evitare quindi di conservare un archivio cartaceo? RISPOSTA Il cosiddetto "archivio morto", cioè l archiviazione in formato PDF delle fatture attive inviate come allegato (senza firma digitale e riferimento temporale) e stampate su carta solo al momento della richiesta da parte dell amministrazione finanziaria, non è ammesso. L'archivio cartaceo delle fatture analogiche sia attive che passive è sì sostituibile con un archivio digitale, il quale consente di esibire la documentazione richiesta in sede di controlli, ispezioni o verifiche stampandola su carta solo su richiesta esplicita dell'amministrazione finanziaria. E però un processo lungo e laborioso: si tratta infatti di scansionare tutte le fatture cartacee, di indicizzarle e di sottoporle al processo di conservazione sostitutiva (che comporta gli ulteriori adempimenti previsti dalla normativa vigente). La soluzione della fatturazione elettronica (solo per il ciclo attivo ad esempio) a questo fine diventa la soluzione più efficace ed efficiente. In questo caso, infatti, la carta può totalmente scomparire, sia in fase di emissione che in fase di conservazione sostitutiva obbligatoria. 19 DOMANDA - La cadenza quindicinale per la conservazione sostitutiva delle fatture, oltre che per le fatture elettroniche emesse, vale anche per la conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ricevute? RISPOSTA - Si, ma con una diversa decorrenza. -Per le fatture elettroniche emesse la cadenza quindicinale decorre dalla loro emissione, infatti il DPR 633/72 cita che "Il contribuente deve annotare entro quindici giorni le fatture emesse,nell ordine della loro numerazione e con riferimento alla data della loro emissione, in apposito registro" (Registrazione delle fatture, art.23 DPR 633/72) -Per le fatture elettroniche ricevute la cadenza quindicinale decorre dalla loro registrazione secondo l art.22 primo comma del DPR 600/73 che testualmente recita "Le registrazioni nelle scritture cronologiche e nelle scritture ausiliarie di magazzino devono essere eseguite non oltre sessanta giorni". 20 DOMANDA - La cadenza quindicinale per la conservazione sostitutiva dell intero ciclo passivo che ricevo totalmente in solo formato cartaceo da quando decorre? Dalla loro registrazione? RISPOSTA - No, non esiste un termine. Il soggetto passivo d imposta può decidere liberamente di procedere alla conservazione sostitutiva durante tutto il periodo obbligatorio di conservazione ai fini civili e fiscali (10 anni ai fini civili e fino a quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d imposta ai fini fiscali). 21 DOMANDA - Cosa si intende esattamente con "documento originale non unico"? RISPOSTA - Un documento è "originale non unico", quando soddisfa le seguenti caratteristiche: 1 - Deve essere emesso per legge in duplice esemplare; 2/a - Deve essere conservato per legge da almeno un soggetto in libri o registri obbligatori; 2/b - Il suo contenuto è riprodotto in altri documenti conservati obbligatoriamente per legge. 22 DOMANDA - E vero che se voglio emettere fatture elettroniche, dovrò indicare in fattura sia la Partita Iva che il codice fiscale dell acquirente? RISPOSTA Si. L art.3 primo comma lettera d) del DM 23 gennaio 2004 richiede infatti che devono essere consentite le funzioni di ricerca e di estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione al cognome, al nome, alla denominazione, al codice fiscale, alla partita Iva, alla data o associazioni logiche di questi ultimi. In fattura quindi si dovrà riportare sia per il cedente o prestatore che per il cessionario o committente il codice fiscale e la partita iva.

5 23 DOMANDA - Per la generazione dell impronta, posso utilizzare funzioni di hash diverse dalla funzione RIPEMD oppure dalla funzione SHA-1? Per esempio posso utilizzare le funzioni MD2, MD4, MD5 che sono a 128 bit? RISPOSTA No, si dovranno utilizzare le funzioni definite nella norma ISO/IEC :1998, ovvero le funzioni RIPEMD e SHA-1 che sono a 160 bit, con una probabilità di produrre la stessa impronta partendo da due documenti diversi (detta "prova di collisione") di 2 elevato alla 160, che corrisponde ad un numero seguito da 48 zeri! 24 DOMANDA - Nelle fatture attive e passive conservate, quando l art.3 del DM 23 gennaio 2004 richiede che devono essere consentite funzioni di ricerca e di estrazione dagli archivi informatici in relazione alla data, si intende la data della fattura, del riferimento temporale o della marca temporale? RISPOSTA La data della fattura. 25 DOMANDA - Devo indicare nella nota integrativa al bilancio il fatto che ho svolto la conservazione sostitutiva? RISPOSTA - No 26 DOMANDA - La cadenza annuale per la conservazione sostitutiva dei documenti diversi dalle fatture da quando decorre? RISPOSTA - Il termine della "cadenza annuale" per la conservazione sostitutiva dei "restanti documenti" (art.3 comma 2 del DM 23 gennaio 2004) va individuato nella stessa data in cui non è più ammessa alcuna registrazione secondo la normativa vigente. L art.7 comma 4-ter del D.L. 10 giugno 1994 nr 357 dispone a riguardo che: A tutti gli effetti di legge,la tenuta di qualsiasi registro contabile con sistemi meccanografici è considerata regolare in difetto di trascrizione su supporti cartacei, nei termini di legge, dei dati relativi all esercizio per il quale non siano scaduti i termini per la presentazione delle relative dichiarazioni annuali allorquando anche in sede di controlli ed ispezioni gli stessi risultino aggiornati sugli appositi supporti magnetici e vengano stampati contestualmente alla richiesta avanzata dagli organi competenti ed in loro presenza. Quindi, ad esempio: periodo imposta corrispondente all anno solare (1/1/ /12/2005); anno di conservazione sostitutiva 2005; dichiarazione entro 31/10/2006; conservazione sostitutiva entro il 31/10/ DOMANDA - La conservazione sostitutiva delle fatture attive può essere eseguita anche con cadenza inferiore ai 15 giorni, oppure deve avvenire per forza con cadenza quindicinale? RISPOSTA - Può avvenire anche con cadenza inferiore ai 15 giorni. 28 DOMANDA - Posso procedere alla conservazione sostitutiva memorizzando, ad esempio, non a singolo DVD, ma a cumulo annuale? In sostanza invece di masterizzare un DVD ogni 15gg, posso accumulare sullo stesso DVD le precedenti conservazioni, in modo da arrivare a fine anno ed avere tutto in un unico DVD, invece che in ventiquattro DVD? RISPOSTA - Si. Si tratta infatti di un riversamento diretto, ovvero di un processo che trasferisce uno o più documenti conservati da un supporto ottico di memorizzazione ad un altro, non alterando la loro rappresentazione informatica. 29 DOMANDA - E possibile risalire ai dati delle mie fatture, partendo dall impronta relativa all archivio digitale che obbligatoriamente dovrò inviare all Agenzia fiscale entro il mese successivo alla scadenza delle dichiarazioni dei redditi? RISPOSTA - No, è praticamente impossibile risalire al documento in chiaro dall'impronta generata tramite funzione di hash. L'Agenzia fiscale, se vuole effettuare un controllo sul singolo documento, deve farlo partendo dal documento in chiaro, generarne l'hash e confrontarlo con quello registrato, nella fase di conservazione, sul CD/DVD. Se i due hash non coincidono vuol dire che il documento originale è stato in qualche modo alterato. 30 DOMANDA - L emittente ed il ricevente possono conservare le fatture elettroniche in forma crittografata? RISPOSTA - Si, purchè la fattura elettronica venga resa leggibile in caso di verifiche, controlli o ispezioni.

6 31 DOMANDA - Il collegio sindacale, con riferimento alla fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva, cosa potrà verificare ed eventualmente riportare nei verbali delle riunioni trimestrali tenute a norme dell art.2404 del c.c.? RISPOSTA - Si ritiene possa verificare : - che il sistema di fatturazione elettronica risponda ai requisiti richiesti dalla normativa fiscale e tecnica; - che la procedura adottata nella conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti ai fini tributari e delle scritture contabili, risponda ai requisiti richiesti dalla normativa fiscale e tecnica; -che il manuale della conservazione (se previsto) sia correttamente tenuto e regolarmente aggiornato; Si ritiene inoltre che debba riportare nei verbali delle verifiche trimestrali il corretto invio all Agenzia fiscale entro il mese successivo alla scadenza delle dichiarazione dei redditi, dell impronta dell archivio informatico oggetto della conservazione, della sottoscrizione elettronica e della marca temporale. 32 DOMANDA - Se durante la verifica periodica (con cadenza non superiore a 5 anni ), il responsabile della conservazione si accorge della non leggibilità di una fattura attiva, come si deve comportare? RISPOSTA - Fare la copia del CD o DVD di sicurezza conservato. E una procedura semplice, in quanto si tratta di riversamento diretto. 33 DOMANDA - L indirizzo di un sito internet contenuto all interno di una fattura elettronica (ad esempio l URL del sito internet della società emittente ), è considerato una macroistruzione e può pertanto invalidare il documento così formato? RISPOSTA In linea teorica potrebbe esserlo. La fattura elettronica deve essere immodificabile e quindi, nel caso prospettato, non deve contenere nemmeno un link ad un indirizzo Internet poiché esso potrebbe, se attivato, essere portatore di programmi idonei a modificare il contenuto del documento. 34 DOMANDA - Nelle modalità di assolvimento dell imposta di bollo sui documenti informatici, cosa si intende esattamente con il termine registrazioni? RISPOSTA - Si intende registrazioni contabili, ovvero le rilevazioni contabili di accadimenti o fatti amministrativi. Esempi di registrazioni contabili sono : 1-Rilevazione di una fattura di acquisto 2-Rilevazione del pagamento di una fattura di acquisto 3-Rilevazione di una fattura di vendita 4-Rilevazione dell incasso di una fattura di vendita 35 DOMANDA - Ho terminato la conservazione sostitutiva del libro giornale e mi sono accorto dopo qualche giorno che ho sbagliato. Posso rifare il processo? RISPOSTA - Si. Basta però non aver già comunicato all Agenzia fiscale l impronta dell archivio relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari. 36 DOMANDA - Quando posso distruggere i documenti analogici che ho sottoposto al processo di conservazione sostitutiva? RISPOSTA Solo successivamente al completamento della procedura di conservazione sostitutiva. E preferibile tuttavia attendere la trasmissione dall Agenzia fiscale competente della ricevuta della comunicazione effettuata e il relativo numero di protocollo. 37 DOMANDA - Abbiamo un libro giornale enorme, invece di conservare in modo sostitutivo un unico file, possiamo procedere ad una conservazione sostitutiva dei diversi file ottenuti con la divisione del libro giornale per mensilità? RISPOSTA - Si, purchè le pagine dei files siano numerate progressivamente (art.2215 c.c.).

7 38 DOMANDA - Cosa si intende per ordine cronologico durante la fase di conservazione sostitutiva? Quali sono i parametri o i termini di raffronto al fine di applicare un corretto ordine cronologico, con riguardo ai vari documenti fiscali? RISPOSTA - La richiesta di assicurare un corretto ordine cronologico, va intesa nel senso di assicurare una ininterrotta sequenzialità alla conservazione sostitutiva, secondo parametri che riescono a rappresentare correttamente la logica dei vari documenti o scritture contabili : - per il ciclo attivo della fatturazione, appare corretto utilizzare la progressività della data di emissione e della numerazione; - per il ciclo passivo della fatturazione, appare corretto utilizzare la progressività della data di ricezione; -per il libro giornale appare corretto utilizzare la progressività della data delle registrazioni contabili. 39 DOMANDA - Posso conservare il libro giornale in formato digitale, ed i registri IVA in formato cartaceo? RISPOSTA - Si 40 DOMANDA - Se il responsabile della conservazione si dimette o viene sostituito, il nuovo responsabile dovrà firmare nuovamente tutti i CD o DVD conservati? RISPOSTA No. 41 DOMANDA - In caso di richiesta al notaio di un estratto delle scritture contabili conservate in formato digitale ai fini di una prova idonea per una ingiunzione di pagamento, il notaio potrà richiedere l esibizione della ricevuta della comunicazione effettuata ai sensi dell art.5 del DM 23 gennaio 2004 ed il relativo numero di protocollo? RISPOSTA -Si. L art. 634 del codice di procedura civile, ai fini della costituzione di prova idonea per i crediti relativi ad imprenditori che esercitano attività commerciali, richiede gli estratti autentici delle scritture contabili prescritte dalle leggi tributarie. Occorre quindi che il notaio oltre a verificare la correttezza degli obblighi di cui all art. 3 e 4 del DM 23 gennaio 2004 in tema di esatta apposizione di firma digitale e marca temporale, richieda altresì l esibizione della ricevuta della comunicazione effettuata ed il relativo numero di protocollo della comunicazione fatta alle Agenzie fiscali. 42 DOMANDA - Il manuale della conservazione sostitutiva è previsto dalla normativa? E obbligatorio tenerlo? RISPOSTA - No, non è previsto dalla normativa e non è obbligatorio, ma è assolutamente opportuno tenerlo. Esistono infatti rilevanti motivi che giustificano la sua tenuta ed un suo corretto aggiornamento : - viene tutelato l operato del responsabile della conservazione (dimostra di aver adempiuto correttamente ai propri doveri ) - viene tutelata l azienda nei confronti degli organi preposti ai controlli interni ed esterni. -tutela verso terzi: curatori fallimentari in caso di fallimento, etc 43 DOMANDA - Posso conservare le scritture contabili e tutta la mia documentazione rilevante ai fini tributari fuori dall Italia? RISPOSTA - No. E possibile conservare in un altro stato solo le fatture elettroniche emesse e/o ricevute. 44 DOMANDA - Nella verifica con cadenza non superiore a 5 anni della effettiva leggibilità dei documenti conservati, invece di visualizzare i documenti per verificarne la effettiva leggibilità (con apertura dei

8 singoli PDF manuale oppure automatica), posso utilizzare un software che verifichi solamente se i documenti sono effettivamente visualizzabili? RISPOSTA- No. Il Responsabile della Conservazione sostitutiva dovrà verificare con cadenza non superiore a 5 anni la effettiva leggibilità dei documenti conservati e non la semplice effettiva visualizzazione : un documento può essere visualizzabile ma non leggibile. Il Responsabile della Conservazione sostitutiva potrà quindi : 1- Utilizzare un software per verificare periodicamente lo stato di conservazione dei supporti di memorizzazione; 2- Utilizzare un software per verificare periodicamente la effettiva visualizzazione dei documenti conservati; 3- Verificare periodicamente la effettiva leggibilità dei singoli documenti conservati. 45 DOMANDA - Può il responsabile della conservazione sostitutiva essere residente in un altro paese della UE? RISPOSTA - Si, in caso però di mancanza di codice fiscale è necessaria una integrazione nelle informazioni contenute nel certificato qualificato di firma digitale. Il Testo unico sulla documentazione amministrativa, all art.27 bis secondo comma, infatti recita: In aggiunta alle informazioni di cui al comma 1,fatta salva la possibilità di utilizzare uno pseudonimo,per i titolari residenti all estero cui non risulti attribuito il codice fiscale,si deve indicare il codice fiscale rilasciato dall autorità fiscale del Paese di residenza o, in mancanza, un analogo codice identificativo,quale ad esempio un codice di sicurezza sociale o un codice identificativo generale. 46 DOMANDA - Può il responsabile della conservazione essere una persona giuridica, per esempio una SRL oppure una SPA? RISPOSTA - Si, naturalmente la firma digitale del responsabile della conservazione sarà di una persona fisica (legale rappresentante ) della società. 47 DOMANDA - Esiste un Ente o una certificazione che mi attesti che la procedura o il software di fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva che voglio adottare è a norma? Come posso fare per accertarmi della correttezza della procedura e del software, ed avere la certezza che in caso di controlli o ispezioni l Amministrazione finanziaria non mi contesti irregolarità o errori procedurali e quindi essere assoggettato ad eventuali sanzioni amministrative, o peggio ancora sanzioni penali previste per i reati tributari? RISPOSTA - Non esiste alcun Ente o certificazione che attesti che la procedura o il software di fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva che voglio adottare è a norma. Posso però nominare responsabile della conservazione sostitutiva un professionista esperto con provata esperienza e conoscenza sia informatica che fiscale dei processi di fatturazione elettronica e di conservazione sostitutiva, e prevedere eventualmente penali ed assicurazioni RC obbligatorie. 48 DOMANDA -Posso conservare le scritture contabili e tutta la mia documentazione rilevante ai fini tributari fuori dall Italia? RISPOSTA - No. E possibile conservare in un altro stato solo le fatture elettroniche, e non le scritture contabili. L art. 39 terzo comma del DPR 633/72 dispone che Il luogo di archiviazione delle stesse può essere situato in un altro stato a condizione che con lo stesso esista uno strumento giuridico che disciplini la reciproca assistenza, riferendosi, appunto, alle sole fatture elettroniche.

9 49 DOMANDA - Una multinazionale avente sede legale in Danimarca e stabile organizzazione in Italia ( filiale a Milano) e in altri 8 stati Europei, vorrebbe conservare le fatture secondo la seguente procedura: a) per il ciclo attivo: compilazione delle fatture in Italia con invio dei files su SAP alla sede legale danese, emissione delle fatture elettroniche da SAP della sede legale Danese secondo la normativa italiana, conservazione sostitutiva delle stesse su supporto ottico presso la sede legale Danese secondo la normativa Italiana. b) per il ciclo passivo: scansione in Italia delle fatture cartacee ricevute con invio dei files su SAP alla sede legale danese, conservazione sostitutiva delle stesse su supporto ottico presse la sede legale Danese secondo la normativa Italiana. E una procedura corretta? RISPOSTA - No. Per il punto a), riguardante il ciclo attivo la procedura è corretta. Naturalmente il sistema di conservazione delle fatture presso la sede legale danese dovrà consentire l accesso automatizzato all archivio (vedi art. 39, comma 3, DPR 633/72). Per il punto b), la conservazione sostitutiva va eseguita in Italia. Se invece il ciclo passivo fosse costituito da fatture elettroniche, la conservazione sostitutiva potrebbe essere eseguita presso la sede legale danese, naturalmente consentendo l accesso automatizzato all archivio (vedi art. 39 terzo comma, DPR 633/72). 50 DOMANDA - Ho realizzato nel ciclo attivo un sistema di fatturazione elettronica e di conservazione sostitutiva con spedizione delle fatture in formato cartaceo. Dopo aver terminato il processo di conservazione sostitutiva con cadenza quindicinale, mi è ritornata una fattura perché il cliente ha cambiato sede legale. Come mi devo comportare? RISPOSTA - Se l errore fosse imputabile ad una variazione nell imposta o nell imponibile, il tutto si risolverebbe con l emissione di una nota d accredito elettronica, secondo le norme dettate dall articolo 26 del DPR 633/72. Quando però l errore riguarda un dato richiesto in fattura a norma dell articolo 21 del DPR 633/72, in questo caso la sede legale del cliente, e si è già provveduto alla conservazione sostitutiva, si ritiene si possa procede in questo modo: 1. La fattura elettronica emessa e già conservata non potrà più essere modificata, si dovrà quindi emettere una nuova fattura elettronica, questa volta con i dati esatti del cliente e conservarla anch essa in modalità sostitutiva in un area particolare dell archivio informatico, denominata per esempio errori e correzioni ; 2. Si conserveranno poi nell archivio informatico entrambe le fatture: quella errata insieme alle altre fatture emesse nella quindicina e quella esatta nell area denominata errori e correzioni ; 3. Si dovrà definire e documentare dettagliatamente nel manuale della conservazione sostitutiva, la procedura adottata in questi casi e come è gestita ed aggiornata l area errori e correzioni. Fonte: fiscali.it

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

La fattura elettronica e sua conservazione

La fattura elettronica e sua conservazione La fattura elettronica e sua conservazione Che cos è la FatturaPA? La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Provincia di Milano Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Art. 11, comma 13, D.Lgs. 163/2006 Segretario Generale Diodora Valerino Staff Segretario Erminia Figini NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di. e-procurement per le imprese

Manuale d uso del Sistema di. e-procurement per le imprese Manuale d uso del Sistema di e-procurement per le imprese Guida all utilizzo del servizio di Fatturazione Elettronica Data ultimo aggiornamento:16/07/2014 Pagina 1 di 39 Indice 1. INTRODUZIONE E PRINCIPI

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli