IL TRUST CORSO BASE. Avv. Stefano Loconte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRUST CORSO BASE. Avv. Stefano Loconte"

Transcript

1 CORSO BASE Avv. Stefano Loconte

2 CARATTERISTICHE GENERALI Istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell Aja ad opera della legge 9 ottobre 1989, n Nasce dall esigenza di affidare il proprio patrimonio ad un soggetto (nel quale si ripone la propria fiducia), perchè lo conservi durante la propria assenza o in un periodo in cui il proprietario è impossibilitato a farlo. Sebbene il trust abbia alcuni caratteri in comune con istituti previsti dal diritto italiano esso non è però riconducibile ad un analogo istituto esistente nel nostro sistema.

3 CARATTERISTICHE GENERALI Nei paesi di common law è istituto diffusamente utilizzato, perchè caratterizzato da un ampia versatilità, che lo rende idoneo a svolgere una molteplicità di funzioni. Nei paesi di civil law, invece, la presenza di tale istituto è ostacolata dalla differente concezione del diritto di proprietà, il quale, nella nostra concezione, non è compatibile con quel complesso di posizioni soggettive che fanno capo sia al trustee che al beneficiario e di quella flessibilità e capacità di adattamento alle singole esigenze del caso concreto cui invece il trust risponde

4 CARATTERISTICHE GENERALI Per questo, le finalità realizzate in common law per mezzo del trust sono state perseguite, nel nostro ordinamento, ricorrendo ad istituti di diritto interno che hanno alcune caratteristiche in comune con i trust (ad es., la fondazione, il mandato senza rappresentanza, il negozio fiduciario, il fondo patrimoniale), senza, però, ottenere i medesimi risultati garantiti dall utilizzo del trust. Solo in seguito alla ratifica della Convenzione dell Aja dell , avvenuta con la L. n. 364/869, il trust è diventato un istituto che, seppur non disciplinato dal diritto italiano, è da esso riconosciuto.

5 LA CONVENZIONE DELL AJA E IL RICONOSCIMENTO L , a L Aja, viene stipulata una Convenzione di diritto internazionale, volta ad armonizzare le regole del diritto internazionale privato in materia di trust ed a favorire il riconoscimento dell istituto nelle giurisdizioni di civil law che non lo riconoscessero.

6 LA RATIFICA DA PARTE DELL ITALIA. Con la ratifica della Convenzione dell Aja, realizzata dall Italia in forza della L , n. 364, entrata in vigore l , il nostro Paese: si è impegnato, ex art. 11 della Convenzione, a riconoscere nel proprio ordinamento gli effetti dei trusts che possiedano le caratteristiche enucleate dalla stessa Convenzione; Individua, in conformità a quanto disposto dagli artt. 6-9 della Convenzione, la legge applicabile ai trusts; Avalla i requisiti minimi e le caratteristiche del trust richiesti dalla Convenzione (dagli artt. 2-5). Nonostante la ratifica della Convenzione, però, l Italia non ha mai provveduto a dettare un espressa disciplina dell istituto, sicchè la Convenzione dell Aja costitutisce tuttora la fonte a cui è necessario fare riferimento per reperire indicazioni su requisiti minimi, caratteristiche essenziali, nonchè sulla disciplina del trust.

7 DEFINIZIONE Non esiste una definizione di trust data dalla legge italiana. In base alla Convenzione dell Aja, il trust può essere definito come il rapporto giuridico istituito da una persona (il disponente o settlor), con atto tra vivi o mortis causa, in virtù del quale, taluni beni siano posti sotto il controllo di un determinato soggetto (il trustee) che li gestisce per uno scopo prestabilito e nell interesse di un beneficiario.

8 ATTO ISTITUTIVO Contiene le disposizioni che regolano i rapporti tra i soggetti del trust e la gestione del patrimonio segregato. ATTO DISPOSITIVO È l atto con cui il settlor vincola i beni in trust ed è, generalmente, a titolo gratuito.

9 N.B. Gli atti di disposizione (l atto dispositivo) dei beni in trust non devono essere necessariamente contestuali all atto istitutivo ma possono essere posti anche successivamente.

10 SOGGETTI NECESSARI: 1) disponente (settlor): trasferisce i propri beni in trust 2) trustee: diviene titolare dei beni in trust EVENTUALI: 1) beneficiario: soggetto nei cui interessi i beni devono essere gestiti 2) guardiano: soggetto che deve supervisionare l attività del trustee.

11 SOGGETTI SETTLOR DISPONENTE Costituisce in trust i beni spogliandosene Determina lo scopo, le regole di funzionamento e la durata del trust Nomina il primo Trustee Individua i beneficiari Generalmente nomina il primo Guardiano

12 SOGGETTI SETTLOR DISPONENTE Non ha poteri di gestione del trust Non ha il potere di decidere la risoluzione del trust Non ha il potere di revocare direttamente il Trustee ma può chiedere la rimozione in via giudiziale in caso di violazione di legge o di comportamento manifestamente irragionevole.

13 SOGGETTI TRUSTEE E proprietario dei beni apportati al trust e deve amministrarli discrezionalemente, nell interesse dei Beneficiari (trust discrezionale): acquisto in regime di segregazione patrimoniale e con una disponibilità finalizzata. É un fiduciario atipico: non risponde a chi lo ha nominato ma ai beneficiari. Deve amministrare i beni del trust secondo l atto istitutivo e le norme di legge (es. Rendiconto) Generalmente può essere revocato solo in via giudiziale su istanza del Disponente, dei Beneficiari o del Guardiano se agisce in violazione della legge o in modo manifestamente irragionevole.

14 SOGGETTI BENEFICIARI Sono i soggetti nell interesse dei quali il trust è amministrato; acquistano un diritto nei confronti del Trustee alla corretta esecuzione di quanto stabilito nell atto costitutivo o norma di legge. I primi beneficiari sono generalmente individuati dal Settlor. Possono essere individuati nominativamente o quali soggetti appartenenti ad una lista chiusa o categoria. Successivi beneficiari possono essere nominati dal Trustee all interno della lista o categoria.

15 SOGGETTI BENEFICIARI Beneficiari del reddito del trust: sono coloro che ricevono la distribuzione dei redditi del trust. Beneficiari del capitale del trust: sono coloro che ricevono la distribuzione del capitale del trust al termine del trust o durante lo stesso. Possono ricevere distribuzioni in denaro ma anche vantaggi in natura (es. diritto di abitare in immobili inclusi tra i beni del trust).

16 SOGGETTI PROTECTOR GUARDIANO Vigila sull amministrazione del trust con poteri di decisione o di veto Il primo è generalmente nominato dal settlor. A titolo esemplificativo, può essergli dato il potere di: 1) Nominare nuovi Trustee 2) Modificare il compenso del Trustee 3) Approvare il rendiconto del Trustee 4) Modificare la legge regolatrice del Trust 5) Accertare l intervenuta incapacità del Trust.

17 SOGGETTI PROTECTOR GUARDIANO Può essere stabilita la necessità che il Protector sia sentito o che sia necessario il suo consenso in relazione ad una serie di atti relativi alla gestione del trust, tra cui, a titolo esemplificativo: 1) La risoluzione del trust 2) La nomina di nuovi beneficiari 3) L esclusione di beneficiari 4) La distribuzione liquidazione di parte del (o dell intero) capitale del trust 5) La modifica della sede del trust o della legge applicabile.

18 APPORTO DEI BENI Costituiscono una massa distinta che non si mescola con il patrimonio del trustee. Devono essere intestati a nome del trustee o di un altra persona per conto di esso. Il trustee è tenuto ad amministrare, gestire e disporre i beni in trust secondo le indicazioni dettate nell atto istitutivo del trust e le norme di legge.

19 EFFETTO PRINCIPALE Segregazione patrimoniale I beni non possono essere oggetto di pretese: - da parte dei creditori personali del trustee - da parte dei creditori del disponente - da parte dei creditori dei beneficiari nei trust discrezionali. I beni non rientrano nel regime matrimoniale e successorio nè nella procedura fallimentare.

20 FUNZIONI Realizzare la separazione tra beni e aziendali e familiari Gestire il passaggio generazionale dell impresa Proteggere il patrimonio personale dall attacco dei creditori Salvaguardare i beni dopo la separazione coniugale Preservare i beni di proprietà di soggetti incapaci Realizzare complesse operazioni commerciali

21 FUNZIONI ( segue) È un ottimo strumento di pianificazione successoria. Nonchè di pianificazione fiscale, soprattutto in ambito internazionale.

22 TIPI DI TRUST Si distinguono in: 1)Trust con beneficiari: se istituiti nell interesse di un beneficiario 2)Trust di scopo: se istituiti per un fine determinato Ulteriore distinzione: 1) Trust liberali: con essi si dispone di assets familiari 2) Trust commerciali: es. per disporre la segregazione di attività d impresa.

23 TRUST DI SCOPO L atto istitutivo non designa alcun beneficiario nè prevede che venga successivamente individuato. Nel modello internazionale, i trust di scopo non charitable sono spesso utilizzati per operazioni finanziarie e commerciali in luogo delle società. In alcuni casi, il trust svolge la funzione di holding finanziaria.

24 TRUST AUTODICHIARATO Le figure del disponente e del trustee coincidono. La Convenzione dell Aja non esclude, in linea di principio, tale tipo di trust purchè ciò sia consentito dalla legge regolatrice del disponente. Ad esempio, la legge di Jersey (frequentemente nella prassi invocata) consente l istituzione di tali trust.

25 IL RENDICONTO Quadro normativo: 1) Art. 2 lett. c) della Convenzione dell Aja; 2) Specifiche previsioni della legge regolatrice 3) Contenuto dell atto istitutivo

26 IL RENDICONTO Obiettivo del rendiconto: dare conto degli adempimenti eseguiti durante il periodo di riferimento. illustrare l andamento della gestione durante il periodo di riferimento evidenziando i risultati della stessa sul patrimonio delle diverse categorie di beneficiari.

27 IL RENDICONTO Redatto nel rispetto dei principi generali di chiarezza, verità e correttezza, deve dare evidenza: 1) dei criteri adottati per la valutazione e la valorizzazione dei beni in trust 2) delle informazioni di carattere fiscale, se ritenute rilevanti 3) se ritenuta rilevante dal trustee, della concreta modalità di svolgimento dell attività da parte del medesimo (informazioni inerenti le modalità di calcolo del compenso del trustee; eventuali rapporti intercorsi tra il trustee e il fondo in trust ecc.)

28 IL RENDICONTO Salvo le specifiche previsioni delle singole leggi regolatrici e dei singoli atti istitutivi, la violazione del generale obbligo di rendiconto potrà essere rilevata solo nel caso di totale assenza del rendiconto medesimo e nel caso di mancata presentazione dello stesso, entro un termine congruo, dalla specifica richiesta di rendiconto avanzata dai soggetti legittimati a richiederlo.

29 IL RENDICONTO Con riferimento alla redazione del rendiconto, non sussistono schemi predefiniti. È demandata all atto istitutivo, in conformità con la legge regolatrice, la formulazione delle modalità e della periodicità con cui effettuare il rendiconto, fermo restando i diritti di informativa inderogabilmente riconosciuti ai beneficiari. A tal proposito, è raccomandabile che l atto istitutivo contenga le suddette disposizioni con chiarezza; in difetto, o laddove le stesse non risultassero sufficientemente chiare, il trustee avrà cura di esplicitare, nelle note illustrative al rendiconti, i criteri che lo hanno indotto a scegliere la specifica forma della rendicontazione.

30 I DESTINATARI DEL RENDICONTO I destinatari «potenziali» del rendiconto possono essere i soggetti nel cui interesse opera il trustee e, precisamente: 1) i beneficiari 2) il guardiano 3) il revisore 4) lo stesso disponente 5 altri soggetti (es. il coniuge del disponente defunto), che non necessariamente ricoprono la veste di soggetti del trust.

31 I DESTINATARI DEL RENDICONTO L atto istitutivo potrebbe prevedere che il rendiconto venga fornito solo a determinate categorie degli stessi o solo limitatamente alle parti del rendiconto che direttamente li riguardino. Laddove i beneficiari fossero minorenni, inabili, incapaci, si ritiene che il rendiconto debba essere consegnato al soggetto che ne ha la rappresentanza legale (genitori, tutori). Qualora vi sia l ingresso di un nuovo beneficiario è consigliabile consegnare allo stesso una informativa adeguata i risultati della gestione precedente il suo ingresso.

32 PERIODICITA DEL RENDICONTO È opportuna una periodicità almeno annuale del rendiconto che, nella generalità dei casi, corrisponderà con l anno solare anche per le necessità di allineamento con gli obblighi fiscali di dichiarazione annuale dei redditi da parte del trust.

33 LA DISCIPLINA FISCALE DEI TRUST Il comma 74 dell art. 1 della Finanziaria 2007 ha modificato l art. 73 del Tuir, includendo i trust tra i soggetti passivi dell imposta sul reddito delle societa.

34 Ai fini delle imposte sui redditi si distinguono due tipologie di Trust: 1. Trust con beneficiari individuati, i cui redditi vengono imputati per trasparenza al trust stesso (trust trasparenti) 2. Trust senza beneficiari individuati, i cui redditi vengono tassati direttamente in capo al trust (trust opachi). Un Trust puo essere contemporaneamente trasparente e opaco. Es: l atto istitutivo prevede che parte del reddito di un trust sia accantonata a capitale e parte sia attribuita ai beneficiari. In tal caso, il reddito accantonato sara tassato in capo al trust mentre il reddito attribuito ai beneficiari sara imputato a questi ultimi. I redditi imputati al beneficiario sono qualificati come redditi di capitale (art. 44, comma 1 lett. g-sexties).

35 Art. 73 TUIR (come modificati dal comma 74 dell art. 1 della Finanziaria 2007) ha affermato che sono soggetti IRES: 1)I Trust residenti sul territorio dello Stato che hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attivita commerciali (enti commerciali) 2)I Trust residenti nel territorio dello Stato che non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali (enti non commerciali) 3)I Trust non residenti, per i redditi prodotti nel territorio dello Stato (enti non residenti)

36 1) In quanto soggetto passivo IRES il Trust, sia che svolga, sia che non svolga, in maniera esclusiva o principale attivita commerciale, e obbligato a tenere le scritture contabili. 2) Il Trust e tenuto alla presentazione della dichiarazione dei redditi. 3) Il Trust e tenuto ad adempiere gli obblighi formali e sostanziali relativi all IRAP previsti dal d. lgs. 15 dicembre 1997, n. 446.

37 Se il trasferimento ha ad oggetto beni merce: ricavo di esercizio ex art. 5, comma 2 Tuir da quantificare sulla base del valore normale ai sensi dell art. 9, comma 3 Tuir. Se il trasferimento ha ad oggetto beni diversi da quelli che generano ricavi, esso generera puls/minusvalenze rilevanti ex art. 58, 86 e 87 Tuir.

38 Se il trasferimento ha ad oggetto un azienda: art.58,comma1tuir: esclude il realizzo di plusvalenze in caso di trasferimento d azienda per causa di morte o per atto gratuito. In tal caso, l azienda e assunta ai medesimi valori fiscalmente riconosciuti nei confronti del dante causa.

39 Se il trasferimento ha ad oggetto beni diversi da quelli relativi all impresa il trasferimento al Trust, in assenza di corrispettivo, non genera materia imponibile ai fini della imposizione sui redditi, ne in capo al disponente non imprenditore, ne in capo al Trust o al trustee. Per quest ultimo, anche se non imprenditore, non si avranno sopravvenienze attive ex art. 88, comma 3 lett b) Tuir, in quanto i beni trasferiti in Trust non si confondono con il patrimonio del trustee, ma costituiscono un patrimonio separato.

40 Il trattamento fiscale della cessione dei beni durante la vita del Trust non presenta particolari problemi. Se le cessioni vengono poste in essere nell esercizio della impresa, la discilina fiscale varia in funzione della categoria di appartenenza del bene ceduto. Se le cessioni non sono effettuate nell esercizio dell impresa potrano realizzarsi, ricorrendone i presupposti, le fattispecie reddituali di cui all art. 67 Tuir.

41 Art. 73, comma 2 Tuir (come modificato dal comma 74, lett. b) art. 1 Finanziaria 2007: Nei casi in cui i beneficiari del trust siano individuati, i redditi conseguiti dal trust sono imputati in ogni caso ai beneficiari in proporzione alla quota di partecipazioni individuata nell atto di costituzione del trust o in altri documenti successivi ovvero in mancanza in parti uguali.

42 CARATTERISTICHE: Beneficiario individuato Redditi imputati in ogni caso, indipendentemente dalla effettiva percezione. I redditi conseguiti e correttamente tassati in capo al Trust prima della individuazione dei beneficiari, non possono scontare una nuova imposizione in capo a questi ultimi a seguito della loro distribuzione. Qualora, invece, il Trust sia trasparente e il reddito sia imputato ai beneficiari, il credito di imposta spetta ai singoli beneficiari in proporzione al reddito imputato, analogamente a quanto disposto dall art. 165, comma 9, per le societa che hanno optato per il regime della trasparenza. Infine, nel caso in cui il Trust attribuisca solo parte del reddito ai beneficiari e sia, quindi, in parte opaco e in parte trasparente, la detrazione spetta al Trust e ai beneficiari in proporzione al reddito imputato.

43 Imposta di donazione L art. 2, comma 47, D.L. n. 262/2006, convertito con modificazioni ed intergrazioni, dalla L. n. 286/2006 ha istituito l imposta sulle successioni e donazioni, estendendo l ambito applicativo della stessa alla costituzione di vincoli di destinazione, tra cui rientra anche il trust.

44 Imposta di donazione C.M. 48/E/2007, al punto 5.2: la costituzione del vincolo di destinazione avvendendo fin dall origine a favore del beneficiario, determina la immediata debenza dell imposta di donazione.

45 Imposta di donazione C.M. 48/E/2007: per applicare le aliquote ridotte e le franchigie, è sufficiente che il beneficiario sia identificato, in relazione al grado di parentela con il disponente, al momento della costituzione del vincolo.

46 Imposta di donazione C.M. 48/E/2007: l imposta di donazione trova applicazione solo nel primo passaggio dal disponente al trustee e non anche nel trasferimento finale dal trustee ai beneficiari.

47 Imposta di donazione Nel caso di trust di scopo, mancando un beneficiario finale, l imposta di donazione sarà dovuta con l aliquota dell 8% prevista per i vincoli di destinazione a favore di altri soggetti ai sensi dell art. 2, co 48, lett. c) D.L. 262/2006.

48 Imposta di donazione C.M. 48/E/2007: l art. 3, comma 4 ter, D. Lgs , n. 346, introdotto dall art. 1. comma 78, L. 296/2006, stabilisce che, nel rispetto di determinate condizioni, la costituzione del vincolo di destinazione in un trust disposto a favore dei discendenti del disponente non è soggetto all imposta qualora abbia ad oggetto aziende o rami di esse, quote sociali e azioni.

49 Imposta di donazione L art. 3, comma 4 ter, D. Lgs , n. 346, stabilisce inoltre che, in caso di quote sociali e azioni di soggetti di cui all art. 73, comma 1 lett. a) del Tuir, il beneficio spetta limitatamente alle partecipazioni mediante le quali è acquisito o integrato il controllo ai sensi dell art. 2359, primo comma, numero 1) del codice civile. Il beneficio si applica a condizione che gli aventi causa proseguano l esercizio dell attività d imopresa o detengano il controllo per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento, rendendo, contestualmente alla presentazione della dichiarazione di successione o all atto di donazione, apposita dichiarazione in tal senso.

50 Imposta di donazione Beneficiari indeterminati C.M. 3/E/2008 ha chiarito che se il trust viene istituito nell interesse di soggetti genericamente indicati e non identificabili in relazione al grado di parentela, si applica l imposta di donazione nella misura dell 8%. Pur in assenza di ulteriori indicazioni di prassi, sembra legittimo sostenere che, una volta determinati in modo definitivo i beneficiari, sia percorribile la strada del rimborso dell imposta versata in eccesso in sede di istituzione del trust, applicando, per analogia, l art. 42, co 1 lett. f) D. Lgs. 346/90 prevista per l imposta di successione.

51 Imposta di donazione Trust di scopo C.M. 3/E/2008 ha chiarito che, nel trust di scopo, mancando un beneficiario finale, l imposta di donazione sarà dovuta con aliquota dell 8% prevista per i vincoli di destinazione a favore di altri soggetti ai sensi dell art. 2, comma 48, lett. c) D.L. 262/2006. La R.M , n. 278/E ha ritenuto che il trust a favore di un disabile è qualificabile come trust di scopo.

52 Imposta di donazione Trust autodichiarato C.M. 3/E/2008 ha chiarito che la disposizione di beni in trust rileva, in ogni caso, ai fini dell applicazione dell imposta sulle successioni e donazioni, indipendentemente dal tipo di trust inquanto si imprime un vincolo di destinazione a determinati beni. Da ciò consegue che l imposta di donazione troverà applicazione anche nel caso del trust autodichiarato, in cui il disponente assume le funzioni di trustee. Se nel trust autodichiarato il disponente coincide con il trustee non sussiste la segregazione del patrimonio e l imposizione fiscale resta in capo al disponente. Contra, CTR Milano, 4/7/2012, n. 73/158/2012, secondo cui il trust autodichiarato non sconta imposta sulle successioni e donazioni.

53 Imposta di donazione Trust liquidatorio Il trust liquidatorio può essere un trust di scopo o un trust con beneficiari individuati. Non sussistendo un rapporto di parentela tra disponente e beneficiario, l Amministrazione finanziaria prevede l imposta di donazione con aliquota dell 8%.

54 Imposta ipotecaria e catastale (Tesi dell Agenzia delle Entrate) Le imposte ipocatastali sono dovute, rispettivamente, per la formalità della trascrizione di atti aventi ad oggetto beni immobili o diritti reali immobiliari e per la voltura catastale dei medesimi atti. La C.M. 48/2007 ha chiarito che le stesse imposte sono dovute in misura proporzionale sia in sede di attribuizione di beni immobili o di diritti reali immobiliari dal disponente al trustee, sia nel successivo trasferimento dei beni medesimi dal trustee ai beneficiari. Le ipocatastali sono inoltre dovute nel caso di trasferimenti effettuati durante la vita del trust.

55 Imposta ipotecaria e catastale (Tesi del Notariato) Secondo lo Studio del Notariato n. 58/2010/T, al contrario, le imposte ipocatastali sono dovute esclusivamente nella fase finale del passaggio dei beni dal trustee ai beneficiari.

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PROF. DOTT. ALBERTO

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA Trissino Sabato 10 aprile 2010 1 La definizione di TRUST rapporto fiduciario in virtù del

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

BREVI CENNI IN TEMA DI FISCALITÀ DEI TRUSTS IN ITALIA. Avv. Fabio Colferai - Avv. Fabio Palisi

BREVI CENNI IN TEMA DI FISCALITÀ DEI TRUSTS IN ITALIA. Avv. Fabio Colferai - Avv. Fabio Palisi Studio Legale Palisi & Colferai Law Firm. Ogni diritto sui contenuti del presente testo è riservato ai sensi della normativa vigente.la riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale,

Dettagli

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni A cura di Roberto BONFANTI 1 L atteggiamento dell A.F. nei confronti del Trust L A.F. ha approfondito nel tempo gli aspetti fiscali dei Trust, evolvendo

Dettagli

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE

I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE I TRUST IN AMBITO IMMOBILIARE Sistemi a confronto ed efficienza fiscale Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International Trade Law Università LIUC di Castellanza Via Monte

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

L ISTITUTO DEI TRUST WWW.OPPORTU ORT NIT NI Y T S Y RL.COM

L ISTITUTO DEI TRUST WWW.OPPORTU ORT NIT NI Y T S Y RL.COM L ISTITUTO DEI TRUST WWW.OPPORTUNITYSRL.COM L ISTITUTO DEL TRUST Il trust (che tradotto dall inglese significa "fidarsi") è stato riconosciuto in Italia solo di recente. Infatti la legge 364/89 recepisce

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Il passaggio generazionale nella Famiglia e nell Impresa Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Paolo Ludovici Bergamo, 2 luglio 2013 Imposta sulle successioni e donazioni: aliquote

Dettagli

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja.

Cosa è il Trust. 1 Art. 2 della Convenzione dell Aja. Cosa è il Trust Il Trust è un istituto di matrice anglosassone di lunga tradizione, sviluppatosi nei paesi di common law e che ha fatto il suo ingresso in Italia con la ratifica della Convenzione dell

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI

IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI IL TRUST PER SOGGETTI DEBOLI Prof. Alceste Santuari Docente di diritto dell economia degli enti non profit Università di Bologna sede di Forlì @ alceste.santuari@unibo.it Il Trust Per trust s'intendono

Dettagli

R Roma, 29 maggio 2013

R Roma, 29 maggio 2013 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa R Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: La tassazione degli atti notarili - Guida operativa - Testo unico dell imposta di registro, approvato con decreto del Presidente

Dettagli

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni Stato dell arte sulla fiscalità diretta e indiretta dei Trust a seguito degli ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate e della giurisprudenza tributaria Milano dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee

Dettagli

Il Trust a sostegno di soggetti deboli

Il Trust a sostegno di soggetti deboli Il Trust a sostegno di soggetti deboli dott. Marco Snichelotto dott. Marco Snichelotto 1 Soggetti deboli Locuzione volutamente generica. Non è necessario che il beneficiario del trust sia un soggetto riconosciuto

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

Trust interni ed esterni: casi di studio

Trust interni ed esterni: casi di studio Trust interni ed esterni: casi di studio Avv. Sebastiano Garufi, PhD Monza, 25 febbraio 2011 POTENZIALI UTILIZZI DEL TRUST FAMIGLIA (private) Pianificazione successoria Ottimizzazione flussi di reddito

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO CONVEGNO di Avezzano, 19 novembre 2011 I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Intervento avv.

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia

Unità di Informazione Finanziaria per l Italia Unità di Informazione Finanziaria per l Italia SCHEMA RAPPRESENTATIVO DI COMPORTAMENTI ANOMALI AI SENSI DELL ART. 6, COMMA 7, LETT. B) DEL D.LGS 231/2007. OPERATIVITA CONNESSA CON L ANOMALO UTILIZZO DI

Dettagli

TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI

TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI Master di specializzazione TUTELA E TRASMISSIONE DEI PATRIMONI La tutela dei patrimoni familiari e la corretta gestione del passaggio generazionale rappresentano oggi una assoluta priorità per garantire

Dettagli

Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio

Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio Analisi comparativa degli strumenti di protezione del patrimonio Avv. Fabrizio Vedana 1 STRUMENTI A DISPOSIZIONE HOLDING DI FAMIGLIA PATTI DI FAMIGLIA FONDAZIONI MANDATO FIDUCIARIO ATTI DI DESTINAZIONE

Dettagli

4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015

4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015 4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015 RELATORE GIOVANNI POZZANI dottore commercialista e revisore legale COSA SI INTENDE PER PASSAGGIO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

CIRCOLARE N. 48/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 06/08/2007

CIRCOLARE N. 48/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 06/08/2007 CIRCOLARE N. 48/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 06/08/2007 OGGETTO: Trust. Disciplina fiscale rilevante ai fini delle imposte sui redditi e delle imposte indirette 2 INDICE PREMESSA...3

Dettagli

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE Imposte indirette Imposte dirette Imposte ipotecaria e catastale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI * * * IL REGIME FISCALE DEL TRUST Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma

Dettagli

Aspetti fiscali del fondo patrimoniale

Aspetti fiscali del fondo patrimoniale Aspetti fiscali del fondo patrimoniale GLI ASPETTI FISCALI DEL FONDO PATRIMONIALE IMPOSTA DI DONAZIONE E REGISTRO IPOTECARIE E CATASTALI IMPOSIZIONE DIRETTA Come concetto generale FONDO PATRIMONIALE è

Dettagli

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale Università degli Studi di Brescia con il patrocinio di Gruppo Generali S.p.A. Corso di perfezionamento in Governance del patrimonio e passaggio generazionale Programma 12 incontri da 8 ore ciascuno (4

Dettagli

La successione per causa di morte

La successione per causa di morte L impresa di famiglia alla prova del passaggio generazionale: l importanza della pianificazione La successione dell imprenditore: destino o pianificazione? La successione per causa di morte Relatori notai

Dettagli

RISOLUZIONE N. 341/E

RISOLUZIONE N. 341/E RISOLUZIONE N. 341/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Donazione di azienda e continuazione dell attività d impresa in forma societaria

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE

PASSAGGIO GENERAZIONALE STRUMENTI CIVILISTICI SOCIETARI E FISCALI A SUPPORTO DEL PASSAGGIO GENERAZIONALE A cura del Dott. Claudio LUDOVICO Bari, 11 Maggio 2012 IMPRESE Ricchezza della nazione viene spesso agevolata la loro costituzione..non

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione CIRCOLARE N. 3/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 gennaio 2008 OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione 2 INDICE 1 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali.

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali. CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Domande Frequenti Sommario 1. Ai fini IRES cosa si intende per ente non commerciale?

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI prof. avv. DARIO STEVANATO Piacenza, 25 marzo 2006 1 IL PATTO DI FAMIGLIA Il nuovo patto di di famiglia (art. 768-bis c.c.) risponde

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014

d.ssa Alessandra D Attilio incontro di studio 20 marzo 2014 L incontro odierno prosegue sulla scia di quello del 3 dicembre 2013, nell intento di affrontare problematiche che investono aspetti di diritto societario, ma anche del diritto di famiglia e del diritto

Dettagli

Conseguire un maggior controllo sulla disposizione del patrimonio lasciato in eredità.

Conseguire un maggior controllo sulla disposizione del patrimonio lasciato in eredità. IL TRUST, DOMANDE E RISPOSTE Che cosa è un trust? Un trust è uno strumento giuridico con cui una persona o più persone (Settlor) trasferiscono il titolo di uno o più proprietà ad uno o più gestori (Trustee)

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Italia Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, Circolare del 22/01/2008, n. 3/E Oggetto:

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

Gli aspetti fiscali del trust

Gli aspetti fiscali del trust Gli aspetti fiscali del trust Carmine Carlo Sommario 1. Introduzione al diritto dei trust in Italia; 2. Caratteristiche del trust; 3. Normativa di riferimento in Italia; 4. Trust e imposte dirette; 5.

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST

XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO XIV FORUM SAF Il Passaggio generazionale e strumenti per la sua realizzazione IL TRUST Dott. Massimo Lodi Consigliere d Amministrazione UBI TRUSTEE S.A. 8

Dettagli

Tutti caratterizzati da effetto segregativo

Tutti caratterizzati da effetto segregativo Il fondo patrimoniale i quale strumento di protezione del patrimonio i familiare Confronto tra fondo patrimoniale e trust di Maurizio Casalini 1 Esempi di patrimoni separati Fondo patrimoniale Accettazione

Dettagli

Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust

Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust Orientamenti di merito Quando l'imposta sulle donazioni si applica al trust In due recenti sentenze della giurisprudenza di merito viene chiarito che l imposta sulle donazioni e successioni si applica

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

Professional Trust Company

Professional Trust Company italiano Professional Trust Company Creata nel 2009 da un rinomato studio legale e notarile, dopo una pluriennale attività di consulenza prestata nell ambito del diritto dei Trust, la PROFESSIONAL TRUST

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito 1 - Quadro normativo Il nuovo regime fiscale delle successioni, donazioni e altri atti a titolo gratuito

Dettagli

C O M U N E D I R I V A L T A D I T O R I N O REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I.

C O M U N E D I R I V A L T A D I T O R I N O REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I. C O M U N E D I R I V A L T A D I T O R I N O REGOLAMENTO 2'4.#&+5%+2.+0# FGNNC IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I.C.I. 1 ART. 1...9...9...3 Oggetto del Regolamento...9...9...3 ART. 1 bis...9...9......3

Dettagli

Direzione Centrale Normativa

Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 75/E Roma, 26 luglio 2010 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto Il dopo di noi E comune, per i genitori o per il coniuge o comunque per gli stretti parenti di una persona con disabilità, la preoccupazione per l ipotesi in cui il loro familiare abbia da sopravvivere

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009

IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 IL TRADING TRUST ED ALTRE STRUTTURE DI TRUST NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CASTELLANZA, 19 MAGGIO 2009 RIFERIMENTI PERSONALI Avv. Andrea MOJA Presidente Assotrusts Professore a Contratto di International

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

CircolariABI serie Tributaria n. 10-12 maggio 2008 IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (Pos. 447/1) PATTO DI FAMIGLIA TRUST

CircolariABI serie Tributaria n. 10-12 maggio 2008 IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (Pos. 447/1) PATTO DI FAMIGLIA TRUST CircolariABI serie Tributaria n. 10-12 maggio 2008 IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (Pos. 447/1) PATTO DI FAMIGLIA TRUST Circolare Agenzia delle Entrate - Direzione normativa e contenzioso del 22

Dettagli

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE MILANO, 19 giugno 2007 Avv. Mariagrazia Monegat Autonomia negoziale dei coniugi Convenzioni matrimoniali Separazione consensuale Divorzio congiunto Garanzia

Dettagli

Roma, 30 ottobre 2008

Roma, 30 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 405/E Roma, 30 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Immobili di tipo residenziale - Cessione

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

INDICE. 1. La natura del trust... 15 1.1 Introduzione... 15 1.2 I soggetti del trust... 15

INDICE. 1. La natura del trust... 15 1.1 Introduzione... 15 1.2 I soggetti del trust... 15 INDICE PREMESSA... 9 PREMESSA alla prima edizione 2011... 11 PREMESSA alla seconda edizione 2013... 13 1. COS È IL TRUST... 15 1. La natura del trust... 15 1.1 Introduzione... 15 1.2 I soggetti del trust...

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

TRUST IN FAVORE DEI SOGGETTI DEBOLI Lecco, 26 marzo 2009

TRUST IN FAVORE DEI SOGGETTI DEBOLI Lecco, 26 marzo 2009 TRUST IN FAVORE DEI SOGGETTI DEBOLI Lecco, 26 marzo 2009 RIFLESSI FISCALI, ANCHE ALLA LUCE DELLE NOVITA PARLAMENTARI di Nicola L. de Renzis Sonnino Avvocato in Firenze PREMESSA I PROFILI TRIBUTARI: IL

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli