P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo"

Transcript

1 P.A. BOLZANO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque necessario accedere al Codice dell'ospedalità Privata attraverso l'area "Utenti Registrati" mediante la user e la password assegnati all'abbonato P.A. Bolzano L.P. 30 aprile 1991, n. 13 Riordino dei servizi sociali in Provincia di Bolzano 1996 P.A. Bolzano Delibera G.P. 4 marzo 1996, n. Una moderna rete terapeutico-assistenziale per i malati psichici 711 Tutela della salute mentale Delibera G.P. 15 giugno 1998, n Nomenclatore tariffario provinciale delle di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale erogabili nell ambito 1998 P.A. Bolzano del servizio sanitario provinciale con decorrenza dal 1 luglio Linee guida per l applicazione del tariffario. Altre di specialistica e relative tariffe 1999 P.A. Bolzano Delibera G.P. 14 giugno 1999, n Modifica ed integrazione della delibera G.P. n del 15 giugno 1998: nomenclatore tariffario provinciale di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale 1999 P.A. Bolzano Delibera G.P. 19 luglio 1999, n. Approvazione del Piano sanitario provinciale Piani sanitari regionali G.P. 30 dicembre 1999, n Aggiornamento delle tariffe a carico dei pazienti per ricoveri in camere speciali 1999 P.A. Bolzano e per le visite specialistiche di paganti in proprio e aggiornamento della retta per accompagnatori di degenti presso gli ospedali della provincia di Bolzano (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 1 di 11

2 Delibera G.P. 30 dicembre 1999, Modifica delle delibere G.P. n del 15 giugno 1998 e n del P.A. Bolzano n giugno 1999: nomenclatore tariffario provinciale di specialistica ambulatoriale, 2000 P.A. Bolzano 2002 P.A. Bolzano 2002 P.A. Bolzano 2003 P.A. Bolzano Delibera G.P. 28 febbraio 2000, n. 697 L.P. 5 marzo 2001, n. 7 Delibera G.P. 12 marzo 2001, n. 672 Delibera G.P. 27 agosto 2001, n Delibera G.P. 22 ottobre 2001, n Delibera G.P. 17 dicembre 2001, n Delibera G.P. 17 dicembre 2001, n Delibera G.P. 29 aprile 2002, n L.P. 21 maggio 2002, n. 7 Delibera G.P. 17 febbraio 2003, n. 406 di diagnostica strumentale Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno, di post-acuzie e di lungodegenza post-acuzie non stabilizzata, a partire dal 1 gennaio 2000 Riordinamento del Servizio sanitario provinciale Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno, di post-acuzie e di lungodegenza post-acuzie non stabilizzata, a partire dal 2001 e dal Determinazione delle tariffe in euro Approvazione delle linee guida per le istituzioni che realizzano strutture per le cure palliative, nonché approvazione in linea di massima di 15 posti letto per la struttura palliativa nella casa di cura Fonte S. Martino con impegno di spesa di L Modifica e integrazione della delibera G.P. n del 27 agosto 2001, aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno, di post-acuzie e di lungodegenza post-acuzie non stabilizzata Disposizioni per favorire il superamento o l eliminazione delle barriere architettoniche Disciplina dell autorizzazione e dell accreditamento delle strutture sanitarie e dei professionisti sanitari. Definizione degli organismi tecnici per l accreditamento e l autorizzazione e istituzione dei registri delle strutture Case di cura private Accesso alle cure palliative Barriere architettoniche Case di cura private (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 2 di 11

3 Anno Regione Delibera G.P. Norma 17 febbraio 2003, Disciplina dell autorizzazione e dell accreditamento Descrizione delle strutture sanitarie e Titolo Capitolo 2003 P.A. Bolzano n. 406 dei professionisti sanitari. Definizione degli organismi tecnici per l accreditamento e l autorizzazione e istituzione dei registri delle strutture Accreditamento istituzionale Delibera G.P. 17 marzo 2003, n. Approvazione dei requisiti minimi e ulteriori per l autorizzazione e Case di cura private 763 l accreditamento delle strutture sanitarie ospedaliere e assimilabili 2003 P.A. Bolzano 2003 P.A. Bolzano Delibera G.P. 24 marzo 2003, n. 859 A) Modifica dei criteri per la contrattazione con le strutture private nell ambito dell ospedaliera in regime di ricovero e della specialistica ambulatoriale - B) Definizione dei tetti di spesa per l anno 2003 Accreditamento istituzionale Organizzazione 2003 P.A. Bolzano 2003 P.A. Bolzano Delibera G.P. 4 novembre 2003, n Delibera G.P. 30 dicembre 2003, n Modifica e integrazione della delibera G.P. n del 27 agosto 2001, Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno, di post-acuzie e di lungodegenza post-acuzie non stabilizzata, a partire dal 1 gennaio 2004 Definizione dei livelli essenziali di (Lea) resi dal Ssp ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre Disposizioni applicative. Primo provvedimento 2004 P.A. Bolzano 2004 P.A. Bolzano 2004 P.A. Bolzano 2005 P.A. Bolzano Delibera G.P. 18 ottobre 2004, Modifica della delibera G.P. n del 4 novembre 2003 riguardante le tariffe n delle in regime di ricovero diurno, medico e chirurgico Delibera G.P. 30 dicembre 2004, Definizione dei tetti di spesa per l anno 2005 n Delibera G.P. 30 dicembre 2004, Aggiornamento del «tariffario provinciale delle di n ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno» - modifica della Delibera G.P. 30 maggio 2005, n delibera G.P. n. 2797/2001 Modifica della delibera G.P. 30 dicembre n Definizione dei livelli essenziali di (Lea) resi dal Ssp ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre Disposizioni applicative. Primo provvedimento (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 3 di 11

4 2005 P.A. Bolzano Codice dell'ospedalità Privata 2005 P.A. Bolzano Delibera G.P. 30 dicembre 2005, Linee guida per la gestione della scheda di dimissione ospedaliera (SDO) Scheda Dimissione n Ospedaliera (SDO) Delibera G.P. 30 dicembre 2005, n P.A. Bolzano 2006 P.A. Bolzano 2006 P.A. Bolzano 2006 P.A. Bolzano Delibera G.P. 30 dicembre 2005, n Delibera G.P. 3 febbraio 2006, n. 385 Delibera G.P. 27 marzo 2006, n Delibera G.R. 3 aprile 2006, n Modifica ed integrazione della delibera G.P. n del 17 dicembre 2001: aggiornamento del «tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per la post-acuzie e la lungodegenza post-acuzie non stabilizzata» Modifica della delibera G.P. n del 31 dicembre 2004: «Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno» Modifica della delibera G.P. n del 30 dicembre 2004 «Definizione dei tetti di spesa per l anno 2005» Aggiornamento delle «Linee guida per la rilevazione delle di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale» approvate con delibera G.P. 23 marzo 1998, n e successive modifiche ed integrazioni. Avvio dal 1 aprile 2006 Aggiornamento del «tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno», a partire dal 1 gennaio 2006 Organizzazione 2006 P.A. Bolzano L.P. 26 maggio 2006, n. 4 La gestione dei rifiuti e la tutela del suolo Smaltimento dei rifiuti Delibera G.P. 3 luglio 2006, n P.A. Bolzano P.A. Bolzano Delibera G.P. 6 novembre 2006, n Delibera G.P. 11 giugno 2007, n Decreto del Presidente della Provincia 20 giugno 2007, n. 39 Modifica della delibera G.P. n. 5188/2002 riguardante l organizzazione del ricovero diurno, medico e chirurgico. Modifica della delibera G.P. n 4434 del 9 dicembre 2003 riguardante la definizione delle soglie di ammissibilità in ricovero ordinario delle ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre Allegato 2C - Disposizioni applicative, primo provvedimento Tariffe per le di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale, in relazione alle disposizioni recate dalla L. 296 del 27 dicembre 2006 (legge finanziaria 2007) Assistenza diurna agli anziani (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 4 di 11

5 Delibera G.P. 9 luglio 2007, n. Approvazione del «Piano provinciale per il contenimento dei tempi di attesa» 2360 per mediche specialistiche, valido per il triennio P.A. Bolzano Delibera G.P. 10 settembre 2007, n Delibera G.P. 1 ottobre 2007, n L.P. 12 ottobre 2007, n. 9 Delibera G.P. 29 ottobre 2007, n Delibera G.P. 3 dicembre 2007, n Delibera G.P. 10 dicembre 2007, n Delibera G.P. 28 dicembre 2007, n Delibera G.P. 9 giugno 2008, n Assistenza diurna agli anziani: criteri per la determinazione dei costi convenzionali del servizio centro di diurna e tariffe dell diurna in case di riposo/centri di degenza per l anno 2007 Modifica ed integrazione della delibera G.P. n del 30 dicembre 2005, aggiornamento del «Tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per la postacuzie e la lungodegenza postacuzie non stabilizzata» nterventi per l alle persone non autosufficienti ntegrazione della delibera G.P. n del 30 dicembre 2005, aggiornamento del «tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per la post-acuzie e la lungodegenza post-acuzie non stabilizzata» Modifica e integrazione alla delibera G.P. 4939/2003 sulla definizione dei livelli essenziali di (Lea) resi dal Ssp ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre 2001 Modifica della delibera G.P. n del 3 aprile 2006 «Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno» Criteri per la gestione e la determinazione dei costi dei servizi socio-pedagogici per minori nonché per la gestione dei servizi residenziali e semiresidenziali socioterapeutici e sociopedagogici integrati per minori con disturbi psichici Nuovi criteri per la definizione degli accordi contrattuali con le strutture private accreditate nell ambito dell ospedaliera in regime di ricovero e di specialistica ambulatoriale, a partire dall anno di produzione P.A. Bolzano Delibera G.P. 9 giugno 2008, n Accreditamento provvisorio delle strutture sociali e socio-sanitarie per persone anziane e con disabilità e dei servizi di domiciliare dell Alto Adige (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 5 di 11

6 Delibera G.P. 21 luglio 2008, n. Approvazione dei nuovi requisiti specifici per l autorizzazione e 2008 P.A. Bolzano 2643 l accreditamento dell area di degenza ordinaria e del day hospital per il recupero e la fisica e modifica dell allegato alla delibera G.P. 26 Case di cura private 2008 P.A. Bolzano P.A. Bolzano P.A. Bolzano Delibera G.P. 6 ottobre 2008, n Delibera G.P. 9 febbraio 2009, n. 389 Delibera G.P. 14 aprile 2009, n Delibera G.P. 27 aprile 2009, n Delibera G.P. 29 giugno 2009, n Delibera G.P. 7 settembre 2009, n Delibera G.P. 26 ottobre 2009, n Decreto del Presidente della Provincia 9 novembre 2009, n. 54 Delibera G.P. 16 novembre 2009, n luglio 1999, n Criteri per la determinazione delle rette giornaliere a carico delle persone ricoverate in case di riposo e centri di degenza e per la ripartizione dei costi Aggiornamento della delibera G.P. n del 15 giugno 1998 Nomenclatore Aggiornamento della delibera G.P. n del 15 giugno fisiochinesiterapia. Aggiornamento del tariffario di specialistica ambulatoriale: modifica tariffe delle manuali Aggiornamento del «tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno», a partire dal 1 gennaio 2009 Disciplina di autorizzazione e accreditamento dei servizi sociali e sociosanitari Criteri per l accreditamento dei servizi residenziali per anziani Programma quinquennale per l armonizzazione delle e delle rette nelle case di riposo e nei centri di degenza Regolamento sull eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche Criteri per l autorizzazione e l accreditamento dei servizi dell domiciliare Barriere architettoniche (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 6 di 11

7 Codice dell'ospedalità Privata Delibera G.P. 16 novembre Criteri per l autorizzazione e l accreditamento dei servizi dell 2009, n domiciliare Delibera G.P. 14 dicembre 2009, Gestione di posti letto per ricoveri temporanei e ricoveri temporanei di transito n Delibera G.P. 30 dicembre 2009, n Delibera G.P. 29 marzo 2010, n. 558 Delibera G.P. 14 giugno 2010, n Delibera G.P. 21 giugno 2010, n Delibera G.P. 12 luglio 2010, n Modifica ed integrazione della delibera G.P. n del 1 ottobre 2007, aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per la post-acuzie e la lungodegenza post-acuzie non stabilizzata Schema tipo di convenzione tra l azienda sanitaria e gli enti gestori di case di riposo/centri di degenza nonché annullamento della propria delibera n. 747 dell 11 marzo 2002 Approvazione delle linee guida per la gestione della scheda di dimissione ospedaliera (SDO) versione e SDO-FM versione Modifica della delibera n del 30 dicembre 2003 Definizione dei livelli essenziali di (Lea) resi dal Servizio sanitario provinciale (Ssp) ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre Prestazioni di Scheda Dimissione Ospedaliera (SDO) Delibera G.P. 13 settembre Approvazione delle Raccomandazioni in merito all applicazione di 2010, n accertamenti e trattamenti sanitari obbligatori per malattia mentale Delibera G.P. 20 dicembre 2010, Approvazione linee guida provinciali per la gestione del day service, mediante n l attivazione di percorsi ambulatoriali complessi (PAC) Delibera G.P. 20 dicembre 2010, Accreditamento provvisorio dei centri diurni per anziani e dei servizi n residenziali e semiresidenziali per le persone con disabilità dell Alto Adige - Delibera G.P. 14 febbraio 2011, n. 231 Delibera G.P. 21 febbraio 2011, n. 287 revoca della delibera n. 2781/09 Modifica della delibera n. 4053/06 - definizione delle soglie di ammissibilità in ricovero ordinario delle ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre 2001, allegato 2C Modifica della delibera n. 4053/06 - organizzazione del ricovero diurno, medico e chirurgico - aggiornamento delle liste delle erogabili in regime di ricovero diurno Tutela della salute mentale Organizzazione (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 7 di 11

8 Delibera G.P. 28 febbraio 2011, n. 348 Criteri di autorizzazione e di accreditamento dei servizi residenziali e semiresidenziali per le persone con disabilità site nella Provincia di Bolzano Delibera G.P. 11 aprile 2011, n. 601 Delibera G.P. 23 maggio 2011, n. 856 Decreto assessorile 28 giugno 2011, n. 234/23.0 Delibera G.P. 4 luglio 2011, n Delibera G.P. 19 settembre 2011, n Delibera G.P. 19 dicembre 2011, n Aggiornamento della delibera n. 3662/07 Tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero di neuro Approvazione del Piano provinciale per il contenimento dei tempi di prenotazione per mediche specialistiche Accreditamento istituzionale dei soggetti privati erogatori di sanitarie per conto del Servizio sanitario provinciale Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno, partire dal 1 agosto 2011 Criteri per l autorizzazione e l accreditamento del servizio centro di diurna per anziani Delibera G.P. 30 dicembre 2011, Determinazione del nuovo sistema di rimborso per l indiretta in n regime di ricovero Delibera G.P. 23 gennaio 2012, Criteri per il rimborso delle spese per l sanitaria degli ospiti delle n. 106 residenze per anziani Delibera G.P. 13 febbraio 2012, n. 228 Aggiornamento del tariffario provinciale delle di ospedaliera in regime di ricovero per acuti ordinario e diurno, fascia B, a partire dal 1 gennaio 2012 ndirizzi programmatori all azienda sanitaria provinciale, basati sulla Delibera G.P. 12 marzo 2012, n. 372 metodica della balanced scorecard Delibera G.P. 14 maggio 2012, n. 724 Delibera G.P. 25 giugno 2012, n. 965 ntegrazione alla delibera G.P. 23 maggio 2011, n. 856, per il contenimento dei tempi di prenotazione per mediche specialistiche Aggiornamento delle Linee guida per la rilevazione delle di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale (SPA) V Accreditamento istituzionale Assistenza transfrontaliera Scheda Dimissione Ospedaliera (SDO) (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 8 di 11

9 Delibera G.P. 16 luglio 2012, n Recepimento dell Accordo 16 dicembre 2010, n. 242 tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano sui requisiti minimi organizzativi, strutturali e tecnologici delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta e sul modello per le visite di verifica. Attività trasfusionali Delibera G.P. 16 luglio 2012, n Delibera G.P. 23 luglio 2012, n Accordo ai sensi dell art. 4 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281 Nuove linee di indirizzo operative e definizione del regime erogativo per l attività di procreazione medicalmente assistita e integrazioni alle linee guida per la corretta e uniforme codifica delle di specialistica ambulatoriale Procreazione medicalmente assistita e genetica medica Delibera G.P. 23 luglio 2012, n Delibera G.P. 10 settembre 2012, n Delibera G.P. 10 dicembre 2012, n Definizione dei livelli essenziali delle sociali - Revoca della delibera 3 maggio 2010, n. 763 Linee di indirizzo per l accoglienza delle persone con disabilità in età anziana nei servizi residenziali sociali e socio-sanitari Aggiornamento della quota base e delle tariffe dei servizi sociali ai sensi del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche ed integrazioni, per l anno 2013 Delibera G.P. 27 dicembre 2012, Spending review - Obiettivi di risparmio e riduzione dei posti letto n Delibera G.P. 11 febbraio 2013, n. 205 Delibera G.P. 18 febbraio 2013, n. 248 Recepimento dell Accordo 5 maggio 2011 a sensi dell art. 9 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281 tra lo Stato, le Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano in merito alle linee guida per l alle persone in stato vegetativo e stato di minima coscienza Stato vegetativo o di minima coscienza (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 9 di 11

10 Delibera G.P. 25 febbraio 2013, n. 298 Modifica della procedura relativa all aggiornamento del nomenclatore tariffario provinciale delle di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale, approvato con delibera G.P. n del 15 giugno 1998 e approvazione di un nuova procedura per la definizione di tabelle di raccordo tra codici gestionali interni di reparto ospedaliero e i codici del nomenclatore provinciale delle di specialistica ambulatoriale Delibera G.P. 18 marzo 2013, n. Spending review - Obiettivi 2013 e direttive per l applicazione 406 Delibera G.P. 15 aprile 2013, n. Rimborso di in regime di chirurgia ambulatoriale 554 Delibera G.P. 22 aprile 2013, n. Approvazione delle Linee guida per la gestione del sistema informativo per il 608 monitoraggio dell' erogata in regime di hospice Delibera G.P. 22 aprile 2013, n. 609 Delibera G.P. 17 giugno 2013, n. 916 Approvazione delle Linee guida per la rilevazione delle specialistiche, di diagnostica strumentale erogate ad utenti in regime di ricovero e di pre- e/o post-ricovero (SP) Approvazione dei processi diagnostico-terapeutici in neuropsichiatria infantile e dell adolescenza e definizione del relativo modello di finanziamento per le strutture private nella Provincia Autonoma di Bolzano 2014 P.A. Bolzano 2014 P.A. Bolzano Delibera G.P. 18 novembre 2013, n Delibera G.P. 16 dicembre 2013, n Delibera G.P. 27 maggio 2014, n. 590 Delibera G.P. 17 giugno 2014, n. 728 Criteri per la determinazione delle rette nelle case di riposo e centri di degenza - revoca della delibera 19 novembre 2012, n Aggiornamento della quota base e delle tariffe dei servizi sociali ai sensi del D.P.G.P. 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche, per l anno 2014 Criteri di erogazione della chirurgia plastica nel servizio sanitario provinciale Aggiornamento della delibera G.P. n. 916 del 17 giugno 2013 riguardante i processi diagnostico-terapeutici in neuropsichiatria infantile e dell adolescenza e relativo modello di finanziamento per le strutture private nella Provincia Autonoma di Bolzano (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 10 di 11

11 Delibera G.P. 1 luglio 2014, n. Criteri di autorizzazione e di accreditamento dei servizi sociali residenziali e 2014 P.A. Bolzano 821 semiresidenziali per persone con malattia psichica. Modifica della delibera n. 711 del 4 marzo 1996 e revoca della delibera n del 13 aprile 1992 Tutela della salute mentale Delibera G.P. 13 gennaio 2015, n. 27 Delibera G.P. 20 gennaio 2015, n. 68 Delibera G.P. 10 febbraio 2015, n. 169 Delibera G.P. 10 febbraio 2015, n. 171 Delibera G.P. 16 giugno 2015, n. 733 Delibera G.P. 28 luglio 2015, n. 890 Disposizioni transitorie per la determinazione delle rette nelle residenze per anziani dell Alto Adige relative all anno 2015 Aggiornamento della DGP n del 15 giugno 1998 nomenclatore tariffario provinciale di specialistica ambulatoriale, di diagnostica strumentale e di laboratorio Recepimento dei principi e delle linee guida nell ambito della salute mentale Riforma sanitaria altoatesina 2020 Determinazione della tariffa giornaliera per le sanitarie e l erogazione di dispositivi e farmaci erogati in strutture residenziali per anziani e sul territorio in Provincia di Bolzano a favore di persone assicurate all estero - revoca della propria delibera 14 gennaio 2013, n. 55 Linee guida per la procreazione medicalmente assistita Tutela della salute mentale Procreazione medicalmente assistita e genetica medica Delibera G.P. 1 settembre 2015, n Delibera G.P. 20 ottobre 2015, n Delibera G.P. 27 ottobre 2015, n Delibera G.P. 22 dicembre 2015, n Delibera G.P. 22 dicembre 2015, n Certificazione, ai sensi del D.M. salute 4 giugno 2015, dell esperienza triennale nel campo delle cure palliative dei medici in servizio presso le reti dedicate alle cure palliative pubbliche e private accreditate Approvazione del progetto La rete provinciale di cure palliative per adulti e bambini e revoca della DGP n del 13 ottobre 2008 Approvazione dell accordo interregionale per la lavorazione di sangue e per la plasmaderivazione Definizione dei parametri relativi al fabbisogno sanitario ai fini della programmazione e dei criteri di valutazione dell attività svolta, anche ai fini della concessione e del rinnovo dell accreditamento istituzionale Residenze per anziani dell Alto Adige Accesso alle cure palliative Accesso alle cure palliative Attività trasfusionali Accreditamento istituzionale (ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2015) Pagina 11 di 11

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI BASLCATA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATVA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI UMBRA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRUL VENEZA GULA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è

Dettagli

MARCHE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

MARCHE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo MARCHE NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

LAZIO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

LAZIO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo LAZO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque necessario

Dettagli

LAZIO Indice cronologico della normativa regionale

LAZIO Indice cronologico della normativa regionale LAZO ndice cronologico della normativa regionale AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

PIEMONTE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

PIEMONTE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI PEMONTE NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

EMILIA ROMAGNA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

EMILIA ROMAGNA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI EMLA ROMAGNA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

SICILIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

SICILIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE SCLA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE Codice dell'ospedalità Privata AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 676 06/05/2015 Oggetto : Approvazione della seconda tranche di spesa,

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 370 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Procreazione Medicalmente Assistita - aggiornamento della disciplina. Il giorno 01

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU29S2 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 luglio 2015, n. 27-1784 Definizione delle tariffe e ridefinizione del fabbisogno dei Centri Diurni Socio Riabilitativi sperimentali

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2013-527 DEL 30/04/2013. Comune di Parma

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2013-527 DEL 30/04/2013. Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2013-527 DEL 30/04/2013 Comune di Parma Centro di Responsabilità: Centro di Costo: 65000 - SETTORE WELFARE E FAMIGLIA F1300 INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI E STRUTTURE RESIDENZIALI

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

SISTEMI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA IN APSP Requisiti minimi di autorizzazione e ulteriori di accreditamento

SISTEMI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA IN APSP Requisiti minimi di autorizzazione e ulteriori di accreditamento SISTEMI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA IN APSP Requisiti minimi di autorizzazione e ulteriori di accreditamento Corso di formazione per coordinatori sanitari R.S.A. Trento, 30 marzo 2010 dott. Antonino Biondo

Dettagli

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Normativa di riferimento Art. 43 della legge n. 833 del 23.12.78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale; D. Lgs 502/92 e successive

Dettagli

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania Walter Di Munzio Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania ACCREDITAMENTO /1 L accreditamento istituzionale ha l obiettivo di regolamentare l ingresso nel mercato sanitario dei soggetti

Dettagli

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie per i malati affetti da demenza di Alzheimer (agg.to novembre 2014)

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie per i malati affetti da demenza di Alzheimer (agg.to novembre 2014) Sempre più spesso all AFMA Onlus, e ad altre simili Associazioni, si rivolgono persone che hanno un congiunto con una grave malattia che produce non autosufficienza e non trovano risposte adeguate rispetto

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 114 05/02/2015 Oggetto : Approvazione della prima tranche di spesa,

Dettagli

L Autorizzazione dei Servizi Sanitari

L Autorizzazione dei Servizi Sanitari L Autorizzazione dei Servizi Sanitari Procedure per la Verifica dei Requisiti Piano sanitario regionale 2008-2010 Le strutture sanitarie private dovranno concorrere ad assicurare i livelli essenziali ed

Dettagli

I IMPORTO PRESENTE IMPEGNO EURO... Impegno N... del...

I IMPORTO PRESENTE IMPEGNO EURO... Impegno N... del... COPIA Mod. A. P,P,a, ~,2g4/8" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Estratto del processo verbale della seduta del OGGETTO: Legge Regionale 5 ottobre 2007, n. 22, art 10. Adempimenti I N.... del Ree. delle

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012

DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER L ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA DI CUI ALLA LEGGE PROVINCIALE N. 15/2012 INDICE: 1. FINALITA. 2. SOGGETTI AVENTI DIRITTO. 3. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

DIGNITA DELLA PERSONA evitare il dolore inutile nelle strutture socio-sanitarie accreditate per anziani e disabili

DIGNITA DELLA PERSONA evitare il dolore inutile nelle strutture socio-sanitarie accreditate per anziani e disabili DIGNITA DELLA PERSONA evitare il dolore inutile nelle strutture socio-sanitarie accreditate per anziani e disabili primo incontro formativo team interni seconda parte Servizio per l integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Precompilazione dei modelli 730 - Acquisizione dei dati relativi alle spese sanitarie - Provvedimenti attuativi

Precompilazione dei modelli 730 - Acquisizione dei dati relativi alle spese sanitarie - Provvedimenti attuativi Studio Menichini Dottori Commercialisti Precompilazione dei modelli 730 - Acquisizione dei dati relativi alle spese sanitarie - Provvedimenti attuativi 1 1 PREMESSA Con il provv. Agenzia Entrate 31.7.2015

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo

Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo Relazione Dr.ssa Menichini Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo a cura dello studio necstep Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta: il percorso normativo

Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta: il percorso normativo Autorizzazione e Accreditamento dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta: il percorso normativo Bologna, 22 dicembre 2012 Relatrice: Ivana Menichini D.Lgs. 502/1992 Riordino della disciplina

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014 R E G I O N E C A L A B R I A DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE N. 126 del 18 dicembre 2014 Oggetto: Variazione al Bilancio 2014. Assegnazioni di risorse dallo Stato in relazione a capitoli di pertinenza

Dettagli

La RSA come modello di cura intermedia

La RSA come modello di cura intermedia Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il punto unico di accesso e la presa in carico della persona La RSA come modello di cura intermedia Relatore: Maria Assunta Pintus Direttore RSA

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area: POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio: PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE Codice

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 831 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Integrazione e modifica del Nomenclatore delle prestazioni di assistenza specialistica

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE

REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE Allegato B REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE Il presente allegato definisce i requisiti per l accreditamento istituzionale delle strutture socio sanitarie

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 alla Sanità Carlo Borsani Definizione dei rapporti contrattuali di cui alla dgr n. 47508/99 in applicazione degli indici programmatori espressi dal PSSR 2002/2004.

Dettagli

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA. PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 <<Interventi per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore>>

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA. PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 <<Interventi per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore>> RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA sulle PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 Legge approvata nella seduta pomeridiana n. 207

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

AREA ANZIANI PREMESSA

AREA ANZIANI PREMESSA DISTRETTO VALLI TARO E CENO DOCUMENTO DI INTEGRAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISTRETTUALE FUNZIONALE ALL AVVIO DEL PROCESSO DI ACCREDITAMENTO (DGR 514/2009) BIENNIO 2010/2011 Approvato nella seduta del Comitato

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.) Norme in materia di assistenza e beneficenza, di procedimento amministrativo, di supe-ramento o eliminazione delle barriere architettoniche,

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880 21232 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880 Deliberazione di Giunta Regionale n.2831 del 30/12/2014 Determinazioni in materia di prestazioni di Procreazione Medicalmente Assistita

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 26/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 26/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 15 novembre 2013, n. U00461 Recepimento della "Intesa, ai sensi dell'art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

GLI ACCORDI CONFERENZA STATO -REGIONI E CONFERENZA UNIFICATA

GLI ACCORDI CONFERENZA STATO -REGIONI E CONFERENZA UNIFICATA ALLEGATO N. 3 GLI ACCORDI CONFERENZA STATO -REGIONI E CONFERENZA UNIFICATA ANNI 2001-2002 1 INDICE CONFERENZA STATO REGIONI - ANNO...3 CONFERENZA UNIFICATA - ANNO 2002...4 CONFERENZA STATO REGIONI- ANNO

Dettagli

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale.

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale. PROPOSTA S.N.A.M.I. BOLZANO DI APPLICAZIONE DI ACCORDO INTEGRATO, UNIFORMATO E REGOLARIZZATO SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL RAPPORTO CONVENZIONALE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE A LIVELLO NAZIONALE IN PROVINCIA

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

RSA Anziani c 132,32. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 31 marzo 2009, n. 141. RSA Disabili c 136,53

RSA Anziani c 132,32. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 31 marzo 2009, n. 141. RSA Disabili c 136,53 12584 RSA Anziani c 132,32 RSA Disabili c 136,53 Casa Protetta Anziani fascia C c 114,20 Casa Protetta Anziani fascia B c 100,90 Casa Protetta Anziani fascia A c 85,22 Casa Protetta Disabili fascia C c

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 12 dicembre 2007, n. 22

LEGGE PROVINCIALE 12 dicembre 2007, n. 22 LEGGE PROVINCIALE 12 dicembre 2007, n. 22 Disciplina dell'assistenza odontoiatrica in provincia di Trento INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 - Assistenza odontoiatrica a favore dei soggetti in età

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 SCHEDA N. 17 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli