NUOVE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO E INFETTIVO E DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO E INFETTIVO E DEI RIFIUTI RADIOATTIVI"

Transcript

1 NUOVE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO E INFETTIVO E DEI RIFIUTI RADIOATTIVI Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria e Responsabile Gestione dei Rifiuti dell ISS) Dott. Eugenio Sorrentino (Responsabile Servizio Prevenzione dell ISS) Dott.ssa Francesca Prestinaci (Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria - Reparto Suolo e Rifiuti) GIUGNO 2012

2 INDICE 1. PREMESSA 1 2. RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO INFETTIVO Idoneo Confezionamento dei Rifiuti a Rischio Infettivo Conferimento dei Rifiuti a Rischio Infettivo 4 3. RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO Idoneo Confezionamento dei Rifiuti a Rischio Chimico Conferimento dei Rifiuti a Rischio Chimico 6 4. RIFIUTI RADIOATTIVI Confezionamento dei Rifiuti Radioattivi Conferimento dei Rifiuti Radioattivi 8 ALLEGATI ALLEGATO A Modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Speciali a Rischio Infettivo 9 ALLEGATO B Modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Speciali a Rischio Chimico 10 ALLEGATO C Modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Radioattivi 11 ALLEGATO D Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Infettivo 12 ALLEGATO E Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Chimico 13 ALLEGATO F Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti Radioattivi 14

3 1. PREMESSA A partire dal 4 giugno 2012 il conferimento dei rifiuti speciali a rischio chimico e infettivo e dei rifiuti radioattivi alle aree di Deposito Temporaneo dell ISS, non dovrà essere più effettuato dal personale interno dei singoli laboratori ma sarà effettuato da un Operatore della ditta già autorizzata e incaricata al ritiro dei rifiuti speciali prodotti in ISS e al loro trasporto negli impianti di recupero e smaltimento. Il servizio di raccolta presso i laboratori e di conferimento presso le aree di Deposito Temporaneo dell ISS sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13. Si precisa che detta raccolta verrà effettuata nei corridoi antistanti i laboratori e che per motivi di sicurezza è assolutamente vietato all Operatore della ditta esterna entrare all interno dei laboratori stessi. Con l entrata in vigore delle nuove procedure sarà vietato a tutto il personale dell ISS conferire direttamente i rifiuti di cui sopra alle aree di Deposito Temporaneo dell ISS. Ogni qualvolta ciascun Reparto avrà necessità di conferire rifiuti speciali a rischio chimico, rifiuti speciali a rischio infettivo e/o rifiuti radioattivi alle aree di Deposito Temporaneo dell ISS dovrà inviare una di richiesta, per ciascuna delle tipologie suddette, alla casella di posta elettronica La richiesta dovrà essere inviata entro le ore 12 del giorno precedente a quello previsto dal singolo reparto per il ritiro dei rifiuti, al fine di poter pianificare il servizio stesso in maniera organica e funzionale. Le richieste inviate oltre le ore 12 saranno prese in considerazione insieme alle richieste che saranno ricevute il giorno successivo. Ad ogni dovrà essere allegato il rispettivo modulo di Richiesta Ritiro Rifiuti e precisamente: - Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Infettivo - ALLEGATO A delle presenti procedure, per i rifiuti a rischio infettivo; - Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Chimico - ALLEGATO B delle presenti procedure, per i rifiuti a rischio chimico; - Richiesta Ritiro Rifiuti Radioattivi - ALLEGATO C delle presenti procedure, per i rifiuti radioattivi. 1

4 Tali moduli dovranno essere completi di tutte le informazioni relative alla localizzazione del reparto all interno dell ISS, ai quantitativi e alla tipologia di rifiuti che il reparto ha necessità di smaltire, al personale del Reparto incaricato alla consegna del rifiuto ed infine all eventuale richiesta di contenitori per rifiuti, vuoti e puliti, necessari all attività del Reparto stesso. Inoltre, ogni Richiesta Ritiro Rifiuti dovrà essere stampata in duplice copia da ciascun Reparto e ognuna di esse dovrà essere firmata dal Direttore di Reparto o da un suo delegato. In base alle di Richiesta Ritiro Rifiuti ricevute, i Vigilanti dei Rifiuti predisporranno rispettivamente per ciascuna tipologia di rifiuto un Report di Lavoro Giornaliero riportante le informazioni relative ai reparti in cui dovrà essere effettuato il ritiro dei rifiuti, alla ubicazione degli stessi reparti all interno dell ISS, ai quantitativi e alla tipologia di rifiuti che dovranno essere ritirati in ciascun reparto. Nello specifico: Il Vigilante dei Rifiuti a Rischio Infettivo predisporrà il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Infettivo (ALLEGATO D delle presenti procedure); il Vigilante dei Rifiuti a Rischio Chimico predisporrà il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Chimico (ALLEGATO E delle presenti procedure); il Vigilante dei Rifiuti Radioattivi predisporrà il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti Radioattivi (ALLEGATO F delle presenti procedure). Ciascun Report sarà consegnato dal rispettivo Vigilante dei Rifiuti all Operatore per la raccolta dei rifiuti prima che l Operatore stesso cominci il giro di raccolta nei diversi laboratori (corridoi) dell ISS. 2

5 2. RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO INFETTIVO Il servizio, per il ritiro al piano (corridoi) dei rifiuti a rischio infettivo, è attivo tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 13 e, nell arco di questo tempo, dovrà essere garantita la presenza in laboratorio dell Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto, indicato nel modulo Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Infettivo. La consegna dei fusti contenenti i rifiuti a rischio infettivo, idoneamente confezionati ed etichettati, all Operatore per la raccolta dei rifiuti, dovrà essere effettuata dall Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto, all esterno del laboratorio e precisamente nei corridoi antistanti i laboratori stessi, in quanto per ragioni di sicurezza l Operatore della ditta non deve assolutamente entrare all interno dei medesimi. Insieme ai rifiuti dovrà esse consegnata all Operatore una delle due copie del modulo Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Infettivo, compilata e firmata dal Direttore di Reparto o da un suo delegato; la seconda copia dovrà essere trattenuta dall Incaricato stesso e debitamente conservata in Reparto. Al momento del ritiro, l Operatore e l Incaricato firmeranno, nello spazio riservato al relativo reparto, il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Infettivo consegnato all Operatore stesso della ditta esterna dal Vigilante dei Rifiuti a Rischio Infettivo prima dell inizio del giro di raccolta. 2.1 Idoneo Confezionamento dei Rifiuti a Rischio Infettivo Una volta riempito e chiuso il contenitore dei rifiuti a rischio infettivo, secondo le indicazioni riportate nel MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS, dovranno essere riportati sul coperchio del contenitore stesso, nello spazio riservato, le informazioni relative al reparto di provenienza, il nome del responsabile (Direttore del Reparto) e la data della generazione del rifiuto. Su ogni contenitore, inoltre, dovrà essere riportato il codice CER identificativo del rifiuto prodotto che, per i rifiuti a rischio infettivo prodotti all interno dell ISS, è sempre riconducibile al codice *, e una breve descrizione del rifiuto che indichi se si tratti di: - Carcasse di piccoli animali da esperimento o parti anatomiche; - Altri rifiuti infettivi contaminati o venuti a contatto con agenti biologici. I fusti contenenti carcasse di piccoli animali da esperimento o parti anatomiche, una volta prelevati dall Operatore per la raccolta dei rifiuti, saranno conferiti nell apposito congelatore adiacente al Deposito Temporaneo dell ISS. 3

6 2.2 Conferimento dei Rifiuti a Rischio Infettivo L Operatore per la raccolta dei rifiuti della ditta, una volta prelevati i rifiuti a rischio infettivo nei diversi edifici dell ISS li conferirà al Deposito Temporaneo dell ISS e, insieme ai rifiuti stessi, consegnerà al Vigilante dei Rifiuti a Rischio Infettivo il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Infettivo e la copia della Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Infettivo,compilati e firmati. Al momento del conferimento, il Vigilante dovrà: - verificare che i quantitativi e le tipologie dei rifiuti consegnati dall Operatore della ditta siano rispondenti alle informazioni riportate sul Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Infettivo e sui moduli di Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Infettivo ; - verificare che sui contenitori contenenti i rifiuti siano riportate tutte le informazioni necessarie (vedasi paragrafo 1.1 delle presenti procedure); - pesare ogni contenitore contenente i rifiuti riportando sul coperchio di ciascuno il peso rispettivo. N.B. I rifiuti non saranno ritirati dal laboratorio nè conferiti al Deposito Temporaneo dell ISS nei casi in cui: - l Incaricato del reparto alla consegna del rifiuto non dovesse essere presente in laboratorio il giorno previsto per il ritiro dei rifiuti; - La documentazione relativa ai rifiuti non fosse completa; - Le informazioni da riportare sui contenitori dei rifiuti fossero assenti o incomplete. 4

7 3. RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO Il servizio per il ritiro al piano (corridoi) dei Rifiuti a Rischio Chimico sarà attivo il martedì e il mercoledì dalle ore 9 alle ore 13 e, nell arco di questo tempo, dovrà essere garantita la presenza in laboratorio dell Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto, indicato nel modulo Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Chimico. La consegna dei contenitori con i rifiuti a rischio Chimico, idoneamente confezionati ed etichettati, all Operatore per la raccolta dei rifiuti, dovrà essere effettuata dall Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto, all esterno del laboratorio e precisamente nel corridoio antistante il laboratorio stesso, in quanto per ragioni di sicurezza è assolutamente vietato all Operatore della ditta di entrare all interno del laboratorio stesso. Insieme ai rifiuti dovrà esse consegnata all Operatore una delle due copie del modulo Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Chimico, compilata e firmata dal Direttore di Reparto o da un suo delegato; la seconda copia dovrà essere trattenuta dall Incaricato stesso e debitamente conservata in Reparto. Al momento del ritiro, l Operatore e l Incaricato firmeranno, nello spazio riservato al relativo reparto, il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Chimico consegnato all Operatore stesso della ditta esterna dal Vigilante dei Rifiuti a Rischio Chimico prima dell inizio del giro di raccolta. 3.1 Idoneo Confezionamento dei Rifiuti a Rischio Chimico Una volta riempito e chiuso il contenitore idoneo alla tipologia di rifiuto, dovrà essere apposta sul contenitore stesso l etichetta identificativa del rifiuto a rischio chimico con le seguenti informazioni: - tipo di rifiuto individuato con codice CER; -composizione del rifiuto (individuazione della composizione mediante il criterio della prevalenza ); - la matrice (acquosa; organica) nella quale sono sciolti i contaminanti; -descrizione /stato fisico/caratteristiche rifiuto; - il Reparto di provenienza e firma del Direttore del Reparto stesso o del Responsabile ; - data della consegna. L etichetta, riportata nell Allegato 2 del MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS, andrà compilata in triplice copia: una apposta 5

8 sul contenitore; una consegnata all Operatore per la raccolta dei rifiuti, al momento del ritiro; una conservata nel registro di Dipartimento/Centro/Servizio. 3.2 Conferimento dei Rifiuti a Rischio Chimico L Operatore per la raccolta dei rifiuti della ditta, una volta prelevati i rifiuti a rischio chimico nei diversi edifici dell ISS li conferirà al Deposito Temporaneo dell ISS e insieme ai rifiuti stessi consegnerà al Vigilante dei Rifiuti a Rischio Chimico il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Chimico, la copia firmata della Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Chimico, compilati e firmati e la copia dell etichetta consegnatagli dall Incaricato del Reparto, per ciascun contenitore. Al momento del conferimento, il Vigilante dovrà: - verificare che i quantitativi e le tipologie dei rifiuti consegnati dall Operatore siano rispondenti alle informazioni riportate sul Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Chimico e sui moduli di Richiesta Ritiro Rifiuti a Rischio Chimico ; - verificare che sulle etichette siano riportate tutte le informazioni necessarie (vedasi paragrafo 2.1 delle presenti procedure); - pesare i contenitori contenenti i rifiuti completando ogni etichetta con i pesi rispettivi a ciascun contenitore. N.B. I rifiuti non saranno ritirati dal laboratorio nè conferiti al Deposito Temporaneo dell ISS nei casi in cui: - l Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto non dovesse essere presente in laboratorio il giorno previsto per il ritiro dei rifiuti; - La documentazione relativa ai rifiuti non fosse completa; - Le informazioni da riportare sui contenitori dei rifiuti fossero assenti o incomplete. 6

9 4. RIFIUTI RADIOATTIVI Il servizio per il ritiro al piano (corridoi) dei Rifiuti Radioattivi sarà attivo il mercoledì dalle ore 9 alle ore 13 e, nell arco di questo tempo, dovrà essere garantita la presenza in laboratorio dell Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto, indicato nel modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Radioattivi. La consegna dei fusti contenenti Rifiuti Radioattivi, idoneamente confezionati ed etichettati, all Operatore per la raccolta dei rifiuti, dovrà essere effettuata dall Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto, all esterno del laboratorio e precisamente nel corridoio antistante il laboratorio, in quanto per ragioni di sicurezza è assolutamente vietato all Operatore della ditta di entrare all interno del laboratorio stesso. Al momento del ritiro, l Operatore e l Incaricato firmeranno, nello spazio riservato al relativo reparto, il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti Radioattivi consegnato all Operatore stesso della ditta esterna dal Vigilante dei Rifiuti Radioattivi prima dell inizio del giro di raccolta. 4.1 Confezionamento dei Rifiuti Radioattivi Una volta riempito e chiuso il contenitore dei Rifiuti Radioattivi, secondo le indicazioni riportate nel MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS, deve essere applicata all esterno del contenitore stesso l etichetta indicante il rifiuto radioattivo e deve essere compilata e trasmessa al deposito temporaneo, unitamente al fusto contenente i Rifiuti Radioattivi, la relativa documentazione e, precisamente: - Il modulo di richiesta per il prelievo dei rifiuti radioattivi S.P.R.R., compilato secondo le indicazioni riportate nel MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS, debitamente firmato dal responsabile (Direttore del Reparto) e completo di data e di timbro con la denominazione del Dipartimento/Centro/Servizio. - la scheda mod. EQ/86 (Allegato 6 del MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS ), nella quale per ogni scarico dovrà essere compilata una riga apponendo una X nel settore corrispondente indicando così il tipo di radionuclide, l'attività del rifiuto e il tipo di rifiuto stesso (liquido o solido). - In caso di Rifiuti Radioattivi Liquidi, per ogni bidone utilizzato per il relativo smaltimento, andrà compilata, anche la Scheda smaltimento rifiuti radioattivi in forma liquida (Allegato 7 del MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO 7

10 DELL ISS) contenente informazioni relative alle procedure lavorative e alle caratteristiche chimiche dei prodotti con cui il rifiuto è stato trattato. Detta scheda dovrà essere allegata alla scheda prelievo rifiuti radioattivi (S.P.R.R..). - Il modulo relativo alla Comunicazione di smaltimento dei rifiuti radioattivi (Allegato 8 del MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS). Il modulo S.P.R.R. e l etichetta indicante il rifiuto radioattivo, essendo predisposti dalla ditta che effettua lo smaltimento dei rifiuti radioattivi, non sono allegati al MANUALE OPERATIVO di cui sopra e pertanto verranno consegnati ai Reparti unitamente ai contenitore vuoti. 4.2 Conferimento dei Rifiuti Radioattivi L Operatore per la raccolta dei rifiuti della ditta, una volta prelevati i rifiuti radioattivi nei diversi edifici dell ISS, li conferirà al Deposito Temporaneo dell ISS e insieme ai rifiuti stessi consegnerà al Vigilante dei Rifiuti Radioattivi il Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti Radioattivi, la copia firmata della Richiesta Ritiro Rifiuti Radioattivi, compilati e firmati e la documentazione di cui al paragrafo 3.1 delle presenti procedure, relativa a ciascun contenitore, consegnatagli dall Incaricato del Reparto. Al momento del conferimento, il Vigilante dovrà verificare che i quantitativi e le tipologie dei rifiuti consegnati dall Operatore siano rispondenti alle informazioni riportate sul Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti Radioattivi e sui moduli di Richiesta Ritiro Rifiuti Radioattivi e che la documentazione di cui sopra sia completa di tutte le informazioni necessarie. N.B. I rifiuti non saranno ritirati dal laboratorio nè conferiti al Deposito Temporaneo dell ISS nei casi in cui: - l Incaricato del Reparto alla consegna del rifiuto non dovesse essere presente in laboratorio il giorno previsto per il ritiro dei rifiuti; - La documentazione relativa ai rifiuti non fosse completa; - Le informazioni da riportare sui contenitori dei rifiuti fossero assenti o incomplete. 8

11 ALLEGATO A Modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Speciali a Rischio Infettivo Edificio: Piano: Stanza: Dipartimento: Reparto: Nome Incaricato alla Consegna dei Rifiuti: Numero interno Incaricato alla Consegna dei Rifiuti: Descrizione Rifiuti: Tipologia Rifiuto: Rifiuti Speciali a Rischio Infettivo Codice Rifiuto: * Tipi e quantitativi di Imballo/contenitore: Carcasse di piccoli animali da esperimento o parti anatomiche Altri rifiuti infettivi contaminati o venuti a contatto con agenti biologici Numero e tipologia di contenitori vuoti eventualmente necessari: Roma, Firma Direttore di Reparto/Divisione 9

12 ALLEGATO B Modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Speciali a Rischio Chimico Edificio: Piano: Stanza: Dipartimento: Reparto: Nome dell Incaricato alla Consegna dei Rifiuti del Reparto: Numero interno dell Incaricato alla Consegna dei Rifiuti del Reparto Indicazione dei Rifiuti da smaltire: Descrizione Tipologia Rifiuto: Descrizione Tipologia Rifiuto: Descrizione Tipologia Rifiuto: Descrizione Tipologia Rifiuto: Codice Rifiuto: Codice Rifiuto: Codice Rifiuto: Codice Rifiuto: Tipo e numero di contenitori utilizzati: o tanica da 20 lt o tanica da 10 lt o fusti di forma parallelepipeda da 40 lt o fusti di forma parallelepipeda da 60 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 30 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 60 lt o altre tipologie di contenitori Numero di contenitori e tipo di imballo utilizzato: o tanica da 20 lt o tanica da 10 lt o fusti di forma parallelepipeda da 40 lt o fusti di forma parallelepipeda da 60 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 30 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 60 lt o altre tipologie di contenitori Numero di contenitori e tipo di imballo utilizzato: o tanica da 20 lt o tanica da 10 lt o fusti di forma parallelepipeda da 40 lt o fusti di forma parallelepipeda da 60 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 30 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 60 lt o altre tipologie di contenitori Numero di contenitori e tipo di imballo utilizzato: o tanica da 20 lt o tanica da 10 lt o fusti di forma parallelepipeda da 40 lt o fusti di forma parallelepipeda da 60 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 30 lt o fusti cilindrici con chiusura a cravatta da 60 lt o altre tipologie di contenitori Numero e tipologia di contenitori vuoti eventualmente necessari: Roma, 10 Firma Direttore di Reparto/Divisione

13 ALLEGATO C Modulo Richiesta Ritiro Rifiuti Radioattivi Edificio: Piano: Stanza: Dipartimento: Reparto: Nome Incaricato alla Consegna dei Rifiuti: Numero interno Incaricato alla Consegna dei Rifiuti: Descrizione Rifiuti: Tipologia Rifiuto Rifiuto radioattivo Tipologia Rifiuto Rifiuto radioattivo Stato fisico del rifiuto A) Solido Stato fisico del rifiuto B) Liquido Numero e tipologia di contenitori da smaltire N 60 lt N 200 lt Numero e tipologia di contenitori da smaltire N 60 lt Numero e tipologia di contenitori vuoti eventualmente necessari (specificare se sono per rifiuti solidi o liquidi): Roma, Firma Direttore di Reparto/Divisione 11

14 ALLEGATO D Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Infettivo REPARTO UBICAZIONE TIPOLOGIA RIFIUTI QUANTITATIVI RIFIUTI FIRMA INCARICATO DEL REPARTO FIRMA OPERATORE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI 12

15 ALLEGATO E Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti a Rischio Chimico REPARTO UBICAZIONE TIPOLOGIA RIFIUTI QUANTITATIVI RIFIUTI FIRMA INCARICATO DEL REPARTO FIRMA OPERATORE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI 13

16 ALLEGATO F Report di Lavoro Giornaliero - Rifiuti Radioattivi REPARTO UBICAZIONE TIPOLOGIA RIFIUTI QUANTITATIVI RIFIUTI FIRMA INCARICATO DEL REPARTO FIRMA OPERATORE PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI 14

In tabella sono indicate le diverse fasi relative al corretto confezionamento e conferimento dei fusti contenenti rifiuti radioattivi

In tabella sono indicate le diverse fasi relative al corretto confezionamento e conferimento dei fusti contenenti rifiuti radioattivi 1. OGGETTO E SCOPO Scopo di questa procedura è descrivere le responsabilità e le modalità di corretto confezionamento/conferimento rifiuti radioattivi per loro smaltimento, nel rispetto del D. Lgs. 230/95

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RIFIUTI SPECIALI PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152. - Norme in materia ambientale e successive modifiche ed integrazioni CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei rifiuti radioattivi Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Come smaltire rifiuti contaminati da sostanze radioattive? Per la legge i rifiuti si distinguono

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI INERTI

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI INERTI SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI RIFIUTI SPECIALI INERTI Le informazioni di cui al presente modulo sono resa ai fini delle procedure di ammissione dei rifiuti alla discarica denominata Santa Lucia sita in

Dettagli

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo Pagina 1 di 6 Sopralluogo Materiale a corredo del sopralluogo: dosimetri personale e integratore, geiger, camera a ionizzazione Si No copia dei N.O. ex art. 27 D. Lgs. 230/95 o convalida di autorizzazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali

Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali Istruzioni per la compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti speciali (istruzioni per la compilazione del movimento di CARICO) Scarico Carico X del..11.1.2012 N...1. Caratteristiche del

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti

Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti Gestione e consulenza rifiuti elettronici e da ufficio v.2.0 del 06/09/2011 Linee guida compilazione formulario di identificazione rifiuti LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO 2 Le presenti linee

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE O NEL SUOLO. Il sottoscritto.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE O NEL SUOLO. Il sottoscritto. Comune di Piacenza Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio Servizio Ambiente, Parchie e Protezione Civile Unità Operativa Ecologia Marca da Bollo. 14,62 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA E. Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA E. Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA E Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali La gestione di un rifiuto

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia SCHEDA REGISTRO DI CARICO/SCARICO E FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI TRASPORTATI Ogni singola Struttura, per poter smaltire correttamente i propri Rifiuti Speciali, si dovrà dotare degli strumenti

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA COMUNE E AZIENDA AGRICOLA (2) CONVENZIONE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI CONTENITORI VUOTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA COMUNE E AZIENDA AGRICOLA (2) CONVENZIONE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI CONTENITORI VUOTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE BOZZA DI CONVENZIONE TRA COMUNE E AZIENDA AGRICOLA (2) CONVENZIONE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI CONTENITORI VUOTI PROVENIENTI DA ATTIVITA AGRICOLE Tra il Comune di.. provincia di Pavia con Partita I.V.A

Dettagli

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n.

Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. Compilazione del modulo di dichiarazione per l utilizzo terre e rocce da scavo come sottoprodotto, ai sensi della legge 9 agosto 2013 n. 98 A seguito dell entrata in vigore della Legge 09.08.2013 n. 98,

Dettagli

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc.

Il sottoscritto (cognome) (nome) nato a il codice fiscale residente a in via/loc. DICHIARAZIONE SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO IN MATERIA DI TERRE E ROCCE DA SCAVO (art. 186 D.Lgs 152/2006 come modificato da D.Lgs. n. 4/08) Oggetto : Riutilizzo delle terre e rocce da scavo ai sensi

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

B2-2. Gestione delle sostanze pericolose a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B2-2. Gestione delle sostanze pericolose a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione delle sostanze pericolose a scuola MODULO B Unità didattica B2-2 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03

Dettagli

REV. 1 ISPGMBGE01.001. ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ Pag. 1 di 25. Gruppo di Lavoro:

REV. 1 ISPGMBGE01.001. ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ Pag. 1 di 25. Gruppo di Lavoro: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ Pag. 1 di 25 Gruppo di Lavoro: Dott.ssa Graziella Morace Sig. Francesco Toscano Dott.ssa Ida Luzzi Dott. Giulio Pisani Dott. Ing. Sergio Sbrenni ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÁ

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

MUDE Piemonte. Modalità operative generazione Procura speciale

MUDE Piemonte. Modalità operative generazione Procura speciale MUDE Piemonte Modalità operative generazione Procura speciale STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V01 Tutto il documento Versione iniziale del documento Sommario

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

A) DATI DEL PRODUTTORE/DETENTORE DEL RIFIUTO.

A) DATI DEL PRODUTTORE/DETENTORE DEL RIFIUTO. Codice Cliente. Data compilazione Scheda ( riservato a SABAR) Classificazione codice CER Intermediario Commerciale (se presente) Nome o Ragione Sociale Sede legale (via/piazza) n. Località CAP Prov. Codice

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI Procedura di cottimo fiduciario ex art. 125 c. 11 D.lgs. 163/2006 e art. 334 D.P.R. 207/2010 per il servizio fisso triennale di gestione dei rifiuti speciali nel comprensorio SISSA di Via Bonomea n. 265

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari GESTIONE DEI RIFIUTI Parte IV del D.lgs 152/2006 Norme in materia di gestione dei rifiuti RIFIUTO: qualsiasi

Dettagli

RICHIESTA DI CLASSIFICAZIONE/AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO: INSEDIAMENTO PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7

RICHIESTA DI CLASSIFICAZIONE/AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO: INSEDIAMENTO PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7 PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7 Questo modulo, compilato in ogni sua parte e corredato degli allegati richiesti deve essere consegnato in duplice/triplice copia al Comune/SUAP di pertinenza della

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

Dott. Fenoil. Dott. Iannaccone. Dott.ssa Amore. Approvato dal Direttore Sanitario Aziendale dott.ssa Chianale

Dott. Fenoil. Dott. Iannaccone. Dott.ssa Amore. Approvato dal Direttore Sanitario Aziendale dott.ssa Chianale DI URINA E PER LA RICERCA DEI METABOLITI LAVORATORI ADDETTI A MANSIONI CHE COMPORTANO PARTICOLARI RISCHI PER LA SICUREZZA PER ACCERTAMENTO DELLO STATO DI TOSSICODIPENDENZA AI SENSI DELLA DGR 13-10928 del

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

PROCEDURA DI OMOLOGA DI UN NUOVO RIFIUTO PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE CO.R.D.A.R. VALSESIA S.P.A.

PROCEDURA DI OMOLOGA DI UN NUOVO RIFIUTO PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE CO.R.D.A.R. VALSESIA S.P.A. PROCEDURA DI OMOLOGA DI UN NUOVO RIFIUTO PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE CO.R.D.A.R. VALSESIA S.P.A. La procedura di seguito descritta ha lo scopo di definire le modalità e le responsabilità di omologa

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI

GESTIONE RIFIUTI LIQUIDI Pg. 1 di 5 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE DEL RIFIUTO Denominazione e Ragione sociale della ditta: I P.IVA.: CODICE FISCALE: CODICE ISTAT/ATECO: Ubicazione ed indirizzo dell insediamento produttivo: CARATTERISTICHE

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02 LINEE GUIDA GESTIONE e ANALISI DELLE CARTUCCE TONER ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata

Dettagli

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica Paola Angelini Servizio Sanità pubblica Modena, 1 aprile 2011 D.Lgs. 230/95 e s.m.i. detenzione = impiego comunicazione preventiva nulla osta all'impiego Categoria B Categoria A LIMITI LIMITI INFERIORI

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. (l Offerta Pubblica )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. (l Offerta Pubblica ) OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. (l Offerta Pubblica ) Modulo di adesione B (Scheda riservata ai dipendenti del Gruppo) Scheda

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Il/La sottoscritto/a DICHIARA Modulo di adesione B (Scheda di adesione riservata ai Dipendenti) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Codice

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale D i p a r ti me n t o Salute e Serv izi Sociali Salute Mentale e Dipendenze - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale D i p a r ti me n t o Salute e Serv izi Sociali Salute Mentale e Dipendenze - Servizio SCHEMA N...NP/7368 DEL PROT. ANNO...2009 D i p a r ti me n t o Salute e Serv izi Sociali OGGETTO : Indicazioni per le procedure relative agli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE PER: ELIMINAZIONE FOSSA SETTICA/BIOLOGICA SOSTITUZIONE TUBAZIONE ALLACCIO PER ROTTURA O VETUSTA COMUNE DI. Residente a Prov.

COMUNICAZIONE PER: ELIMINAZIONE FOSSA SETTICA/BIOLOGICA SOSTITUZIONE TUBAZIONE ALLACCIO PER ROTTURA O VETUSTA COMUNE DI. Residente a Prov. COMUNICAZIONE PER: ELIMINAZIONE FOSSA SETTICA/BIOLOGICA SOSTITUZIONE TUBAZIONE ALLACCIO PER ROTTURA O VETUSTA COMUNE DI Sezione 1 DATI ANAGRAFICI TITOLARE DELLO SCARICO Il sottoscritto Cognome e Nome Codice

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE 1 LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE Protocollo di intesa ANCI CDC RAEE e DISTRIBUZIONE Ing. Fabrizio Longoni Milano, 23 novembre 2010 IL VECCHIO SISTEMA RAEE 2 Cittadini Enti Locali Produttori (attraverso

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 30.05.2002 ad oggetto Approvazione del Regolamento per l utilizzo dell Isola Ecologica, esecutiva ai sensi di legge,

Dettagli

AUTORIZZAZIONI NUOVI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO RIFIUTI

AUTORIZZAZIONI NUOVI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO RIFIUTI AUTORIZZAZIONI NUOVI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO RIFIUTI La Provincia autorizza le imprese e gli enti che intendono realizzare o gestire impianti di smaltimento e recupero rifiuti, non soggetti

Dettagli

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro / Ambiente Normativa di Settore collegata: ADR 2015 D.Lgs. 35/2010 e smi D.Lgs. 40/2000 e smi Destinatari: Servizio HSE - Consulenti Revisione

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DEL DIPARTIMENTO AMBIENTE

IL DIRETTORE REGIONALE DEL DIPARTIMENTO AMBIENTE DECRETO N. 47 DEL 7 MAGGIO 2014 OGGETTO: Ditta Polaris S.r.l. con sede legale in via Sacro Cuore n. 3 Rovigo. Impianto di stoccaggio provvisorio di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, ubicato

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco

DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco FOGLIO 1 Vers 10 04 2015 nuovo iban Spettabile Polieco Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco La dichiarazione, completa degli estremi del versamento

Dettagli

Regione Campania. Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania. Guida all accreditamento

Regione Campania. Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania. Guida all accreditamento Regione Campania Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania Guida all accreditamento Indice 1. Indice 1. Indice... 2 2. Guida all accreditamento... 3 2.1 Credenziali di accesso al sistema... 4 2.2 Dati

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE allegata alla nota informativa

DOMANDA DI ADESIONE allegata alla nota informativa COPIA PER IL FONDO Per il contributo a mio carico, DELEGO il mio datore di lavoro a:.. L AZIENDA DICHIARA DI APPLICARE IL SEGUENTE CCNL..... DI INOLTRO DELLA DOMANDA A D ARTIFOND TIMBRO E COPIA PER IL

Dettagli

RACCOLTA AMICA. Raccolta Batterie Esauste

RACCOLTA AMICA. Raccolta Batterie Esauste Con l intento di favorire la raccolta delle batterie esauste ed il loro corretto smaltimento viene istituita l iniziativa RACCOLTA AMICA promossa da FIAMM Spa con la collaborazione del COBAT e dei propri

Dettagli

CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE

CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE CONVENZIONE PER SMALTIMENTO DI BATTERIE AL PIOMBO ESAUSTE Tra il COMUNE di.. Provincia di.., legalmente rappresentato dal.., in qualità di.. (di seguito denominato COMUNE) ed il Consorzio obbligatorio

Dettagli

OGGETTO: GARA n. 03_14 - CODICE CIG: Z530D83348 RICHIESTA PREVENTIVO per Smaltimento Rifiuti Speciali a.s. 2013/2014

OGGETTO: GARA n. 03_14 - CODICE CIG: Z530D83348 RICHIESTA PREVENTIVO per Smaltimento Rifiuti Speciali a.s. 2013/2014 Certificato ISO 9001:2000 Progettazione ed erogazione di corsi di formazione Extracurricolari RICHIESTA PREVENTIVI Sistema di gestione per la qualità: modulo Mod. 03/PGA REV. 1 Pagina 1 di 3 Ministero

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

I contenitori verranno ritirati entro i primi 5 giorni utili dall ultimo svuotamento effettuato dal termine della manifestazione.

I contenitori verranno ritirati entro i primi 5 giorni utili dall ultimo svuotamento effettuato dal termine della manifestazione. ALLEGATO A Servizio di raccolta, trasporto e recupero RSA. TIPOLOGIE DI MATERIALI CONFERIBILI Denominazione/ragione sociale : Nome Manifestazione: Comune: Via: C.F: Ubicazione manifestazione Comune Via

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Visto l articolo 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 MATERA OGGETTO:

Dettagli

Dm MinAmbiente 11 ottobre 2001 (utilizzo dei trasformatori contenenti PCB)

Dm MinAmbiente 11 ottobre 2001 (utilizzo dei trasformatori contenenti PCB) Dm MinAmbiente 11 ottobre 2001 (utilizzo dei trasformatori contenenti PCB) Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Decreto 11 ottobre 2001 (Gazzetta ufficiale 2 novembre 2001 n. 255) Condizioni

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Modulo di adesione A (Scheda riservata al pubblico indistinto) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Il/La sottoscritto/a Codice Fiscale

Dettagli

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 UFFICIO PROPONENTE: U.T.C. SERVIZI AMBIENTALI Servizi Ambientali Oggetto: MODALITA' DI RACCOLTA DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E BENI DUREVOLI DI ORIGINE DOMESTICA IL

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

Allegato 2.i) MODULO OFFERTA ECONOMICA LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO

Allegato 2.i) MODULO OFFERTA ECONOMICA LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO Allegato 2.i) PROCEDURA DI GARA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, CARICO, SCARICO, TRASPORTO E CONFERIMENTO DI RIFIUTI DI VARIA NATURA E GIACENTI SU VARIE AREE PUBBLICHE DEL COMUNE DI

Dettagli

Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. n. 255 del 2 novembre 2001)

Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. n. 255 del 2 novembre 2001) DECRETO MINISTERIALE 11 ottobre 2001 Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. n. 255 del 2 novembre 2001) IL MINISTRO DELL'AMBIENTE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Il seguente documento è una copia dell'atto. La validità legale è riferita esclusivamente al fascicolo in formato PDF firmato digitalmente. Parte prima Decreti Regolamenti e decreti Assessorato Difesa

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO Articolo 1 Oggetto del contratto Il presente contratto ha per oggetto la fornitura secondo lo schema del contratto estimatorio, con relativa consegna

Dettagli

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI)

Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) PROCEDURA DI ACCETTAZIONE RIFIUTI IN ENTRATA n. 11042438 PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI SANDRIGO Impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi Via Astico, 1 36066 Sandrigo (VI) Partnership Ambientale

Dettagli

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - Procedura del Sistema di Gestione della Qualità PGE 02 Rev. 01 del 23.03.2012 Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI ELENCO REVISIONI

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI ELETTORALI

ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI ELETTORALI ELEZIONE R.S.U. A.R.P.A.T. e rappresentanti R.L.S. ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI ELETTORALI A cura della Commissione Elettorale 1 1. GIORNI DI VOTAZIONE Le votazioni avranno luogo nei giorni 3-4-5 marzo

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE IBL BANCA S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE IBL BANCA S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Modulo di adesione A (Scheda riservata al pubblico indistinto) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE IBL BANCA S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Il/La sottoscritto/a Codice

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA ) Il/La sottoscritto/a DICHIARA Modulo di adesione C (Scheda di adesione riservata ai Dipendenti presso Poste Italiane) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA DI AZIONI ORDINARIE POSTE ITALIANE S.P.A. (L

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI

REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Allegato nr. 2 alla deliberazione consiliare nr. 33, dd. 16.07.2008 IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Mauro Girardi) REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA COMUNALE PER RIFIUTI INERTI Art. 1 Definizione Lo smaltimento

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE RIFIUTI: CLASSIFICAZIONE, MICRORACCOLTA E

PROCEDURA DI GESTIONE RIFIUTI: CLASSIFICAZIONE, MICRORACCOLTA E Revisione Data Motivazione 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 4. MODALITÀ OPERATIVE... 2 4.1 Classificazione e Microraccolta... 3 4.2 Conferimento al Deposito di

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE ITALIAONLINE S.P.A. (L "OFFERTA PUBBLICA")

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE ITALIAONLINE S.P.A. (L OFFERTA PUBBLICA) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE ITALIAONLINE S.P.A. (L "OFFERTA PUBBLICA") Il/La sottoscritto/a Codice Fiscale DICHIARA di aver preso conoscenza del documento

Dettagli

REGISTRAZIONE DATI HACCP

REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRO NON CONFORMITA Data Prodotto Fornitore Quantità Motivo della non conformità Azione intrapresa Firma Operatore Questo registro serve per identificare ed allontanare la

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE BANCA SISTEMA S.P.A. (L OFFERTA )

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE BANCA SISTEMA S.P.A. (L OFFERTA ) Modulo A (Scheda riservata al pubblico indistinto) Scheda N. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE BANCA SISTEMA S.P.A. (L OFFERTA ) Il/La sottoscritto/a Codice Fiscale DICHIARA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI DALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1 Il presente

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA VISURA

MODULO DI RICHIESTA VISURA AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI MILANO DIR. CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA 1 UFFICIO VISURE ATTI E RILASCIO COPIE - VIA PIRELLI, 39-3 PIANO - CORPO BASSO - STANZA

Dettagli

AREA 1 AREA 2 AREA 3 AREA 4 AREA 5 AREA 6. Veneto. (anno successivo)

AREA 1 AREA 2 AREA 3 AREA 4 AREA 5 AREA 6. Veneto. (anno successivo) Gentile Cliente, di seguito troverà indicazioni sulle modalità di ritiro delle cuvette HACH LANGE. Come negli anni passati la nostra società coordina, per conto dei propri Clienti, le operazioni di recupero

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC 1 SIMT POS 035 REV 1 Trasporto EMC Prima Stesura 16/12/2014 Revisione 1 20102015 Redattori: Gasbarri, Rizzo SIMTPOS 035 REV 1 TRASPORTO EMC Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Linea guida di Sicurezza N 4 PROCEDURA PER SEGNALAZIONE INFORTUNI INCIDENTI EMERGENZE VERSIONE DATA DI EMIS- SIONE PREPARATA DA 01 03/02/2011 SPP APPROVATA DA Lgs. N.4 Procedura

Dettagli

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Elena Anselmetti Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio Le nuove norme nell ambito degli Agrofarmaci Biella, 2 febbraio 2016

Dettagli

MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO

MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO MODALITA' DI GESTIONE DELL ITER CERTIFICATIVO a partire dall inoltro della richiesta di prelievo da parte dell azienda fino al rilascio della conformità all imbottigliamento da parte di Valoritalia PRELIEVO-ANALISI-DEGUSTAZIONE

Dettagli

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi)

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) Regolamento di accesso Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) 1 di 7 Responsabilità E responsabilità della funzione di Accettazione documenti e di Accettazione materiali / rifiuti, applicare

Dettagli