SENTENZA DEL TRIBUNALE MODENA art 1669_pr.txt REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTENZA DEL TRIBUNALE MODENA 20-4-2010 - art 1669_pr.txt REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Modena Il Giudice Unico dott. Riccardo Di Pasquale, ha emanato la seguente S E N T E N Z A Nelle cause civili riunite iscritte ai n. 1784, 2177, 2178, 2288, 2289, 2290, 2396 e 2398 del 2004 R.G. A.C. promosse da: CONDOMINIO... (1784/04),... (2177/04),... e... (2178/04),... e... (2288/04),... c... (2289/04),... e...(2290/04),... e...,... e... (2398/04), tutti rappresentati e difesi dall'avv. Pierangela Panini, in forza di procure speciali a margine della comparse di costituzione di nuovo difensore. ATTORI Contro... s.p.a., rappresentata e difesa dagli avv.ti... e..., in forza di procure speciali apposte in calce alle comparse di costituzione e risposta. CONVENUTA A. geom...., rappresentato e difeso dagli avv.ti... e..., in forza di procure speciali apposte in calce alle copie notificate degli atti di citazione. CONVENUTO... di B. e C. & C. s.n.c., rappresentata e difesa dall'avv...., in forza di procure speciali apposte a margine delle comparse di costruzione e risposta. TERZA CHIAMATA e e e e, e,, e, di,... s.p.a., rappresentata e difesa dall'avv. ti... in forza di procure speciali apposte in calce alle copie notificate degli atti di citazione per chiamata di terzo. TERZA CHIAMATA Avente ad oggetto: azioni ex art codice civile ed altro. Conclusioni per gli attori (come da verbale Pagina 1

2 d'udienza 14/10/09) - in sintesi: Accertata la responsabilità dei convenuti condannarli in solido, o in subordine secondo i rispettivi titoli, al pagamento delle somme di denaro corrispondenti ai costi e danni da ripristino dell'immobile ai fini dell'eliminazione dei difetti e delle esecuzioni non a regola d'arte, che si indicano in complessivi Euro ,55 indicati dal ctp geom...., o in subordine in Euro ,45 indicati dal ctu geom...., o nella minor somma che sarà ritenuta di giustizia, con interessi e rivalutazione monetaria. Vinte le spese. Conclusioni per la convenuta E. (come da verbale d'udienza 14110/09) - in sintesi: 1) Dichiarare l'incompetenza per materia del tribunale. 2) Dichiarare la decadenza e prescrizione dell'azione ex art c.c.. 3) Dichiarare la decadenza e prescrizione dell'azione ex art c.c.. 4 e 5) Dichiarare la nullità dell'atto di citazione. 6) Dichiarare l'accettazione dell'opera senza riserve. 7 e 8) Accertare e dichiarare l'infondatezza della domanda attorea e rigettare ogni domanda. 9) In subordine, condannare... a tenere indenne... 10) Con vittoria di spese Conclusioni per il convenuto... (come da verbale d'udienza 14/10/09) - in sintesi: In via preliminare 1) Rimettere la causa in istruttoria. 2) Dichiarare la carenza di legittimazione passiva del convenuto... In via principale Assolvere il convento... da tutte le domande proposte nei suoi confronti, in quanto fondate e comunque per decadenza e prescrizione dell'azione ex art.li 1495, i 667, 1669 e 2226 c.c.. In via subordinata.,,.. Condannare... a tenere indenne e manlevare i) convenuto... Con vittoria spese Conclusioni per la terza chiamata... (come da verbale d'udienza 14/10/09) - in sintesi: Dichiarata la carenza di legittimazione passiva di... nonché la decadenza di... dalla facoltà di promuovere l'azione e la prescrizione del diritto dedotto, respingere la domanda spiegata nei confronti di... con vittoria di spese. Conclusioni per la terza chiamata... (come da verbale d'udienza 14/10/09) -- in sintesi: In via preliminare di rito, chiede. l'integrazione della CTU. Nei merito rigetto delle domande attoree. In via subordinata principale, dichiarare la non operatività della garanzia assicurativa. In via subordinata secondaria, riconoscere le sole somme dovute a termine di polizza. In ogni caso, con vittoria di spese. Pagina 2

3 Fatto - Diritto P.Q.M. SENTENZA DEL TRIBUNALE MODENA art 1669_pr.txt Svolgimento del processo - Motivi della decisione 1) La presente sentenza viene redatta secondo le indicazioni dettate dagli art.li 132 cpc e 118 disp. att. cpc, così come modificati dalla legge n. 69 del 18/6/2009, entrata in vigore il 4/7/2009: disposizioni applicabili ai giudizi pendenti in primo grado alla data di entrata in vigore delle predetta legge, dovendosi intendere come pendenti anche le cause già rimesse in decisione ed in fase di deliberazione. 2) Il Condominio..., posto in..., è composto da sette unità abitative con relativi servizi e pertinenze. Il Condominio in persona dell'amministratore ed i singoli condomini hanno separatamente agito nei confronti della società venditrice e costruttrice... spa e del progettista e direttore dei lavori geom.... per ottenere il risarcimento del danno per i gravi vizi e difetti dell'immobile. Si sono costituiti i convenuti eccependo la decadenza e prescrizione delle azioni -non qualificata dagli attori-, ai sensi degli art.li 1495, 1667, 1669 e 2226 cod. civ.. Nel merito hanno chiesto il rigetto della domande.... ha chiamato in garanzia la sec...., che ha realizzato in subappalto gli impianti idraulici e termici.... ha chiamato in garanzia la sua compagnia di assicurazione... Si sono costituite in giudizio le terze chiamate. È stata affidato al geom.... incarico di consulenza tecnica d'ufficio (2007) e successiva integrazione (2009).., via,. Senza ulteriore attività istruttoria. la causa è stata posta in decisione all'udienza del ) Sono infondate le eccezioni eli nullità della citazione (formulate limitatamente alla causa n ) sollevate dalla convenuta... per l'assorbente motivo che secondo la giurisprudenza l'amministratore del condominio è legittimato ad agire ex art c.c. se i gravi difetti sono riscontrati sulle parti comuni, perché tale azione configura un atto conservativo e perciò rientra nei suoi poteri, ai sensi dell'art co. 1 c.c. (Cassazione civile. sez. I1, 25 marzo 1998, n. 3146). 4) Azione ex art codice civile. Spetta al giudice la qualificazione ed interpretazione delle domande (art. 112 cpc) proposte dagli attori. Gli attori non hanno fatto riferimento nei rispettivi atti di citazione ad alcuna norma giuridica. in corso di causa, e negli atti conclusivi, hanno Pagina 3

4 tatto riferimento in primo luogo all'art c.c.. Le domande proposte dagli attori nei confronti della società convenuta..., venditorecostruttore (fatto non controverso) devono essere inquadrate nella previsione dell'art c.c.. Ciò determina in primo luogo la competenza del Tribunale adito. Ritiene la giurisprudenza prevalente che la norma di cui all'art c.c., sebbene dettata in materia di appalto, configura un'ipotesi di responsabilità extracontrattuale di ordine pubblico sancita per ragioni e finalità di interesse generale. Ed è estensibile al venditore che sia stato anche costruttore del bene venduto (da ultimo Cassazione civile, sez. Il, 31 marzo 2006, n. 7634; in senso conforme cfr.: Cass. 29 marzo 2002 n. 4622; Cass. 26 maggio 2000 n. 6997). Sono legittimati attivi gli acquirenti delle proprietà immobiliari ed l'amministratore del condominio per le parti comuni (cfr. Cassazione civile, sez. II. 25 marzo 1998, n citata e Cassazione civile sez. II, 15 novembre 2006, n ). 4.1 Decadenza e prescrizione. Va preliminarmente affermata la tempestiva e rituale proposizione delle rispettive azioni. La norma individua tre termini: uno decennale di natura sostanziale; un secondo di decadenza, per la denuncia entro un anno dalla scoperta; un terzo di prescrizione dell'azione, di in un anno dalla denuncia. Gli immobili in questione sono stati consegnati in data 24 novembre 2000 (docce. 2-6 E.). I vizi e difetti hanno iniziato a manifestarsi nell'anno 2001 (v. lettera amministratore 10 dicembre doc. 8 E.). Secondo la giurisprudenza il termine di un anno per la denuncia del pericolo di rovina o di gravi difetti nella costruzione di un immobile previsto dall'art c.c. a pena di decadenza dall'azione di responsabilità contro l'appaltatore, decorre dal giorno in cui il committente consegua un apprezzabile grado di conoscenza oggettiva della gravità dei difetti e della loro derivazione causale dall'imperfetta esecuzione dell'opera, non essendo sufficienti, viceversa, manifestazioni di scarsa rilevanza e semplici sospetti; tale conoscenza deve ritenersi, di regola, acquisita, in assenza di anteriori ed esaustivi elementi, solo all'atto dell'acquisizione di relazioni peritali effettuate (casi da ultimo Cassazione civile, sez. I, 01 febbraio 2008, n. 2460; in senso sostanzialmente conforme cfr.: Cass. 13 gennaio 2005 n. 567; Cass. 14 novembre 2002 n ). Nel caso in esame deve ritenersi che gli attori hanno acquisito adeguata conoscenza dei difetti con la relazione tecnica 31 luglio 2002, commissionata al geom.... (doc. 1 fasc. ATP). Detta relazione è stata inviata a... con lettera del 29 agosto 2002, ricevuta il 30 agosto (doc. 1 fasc. ATP), Pagina 4

5 avente valore di denuncia dei difetti. La prescrizione è stata interrotta ex art c.c. dalla proposizione del ricorso per accertamento tecnico preventivo in data 29 luglio 2003 (da ultimo Cassazione civile, sez. II, 20 maggio 2009, n ). La notifica degli atti di citazione è avvenuta tempestivamente tra marzo e maggio È estranea all'azione ex art c.c. la sollevata questione dell'accettazione dell'opera, rilevante in materia di garanzia per vizi ex art.li 1665 e 1667 c.c.. 5) Le azioni ex art c.c. sono state correttamente proposte anche nei confronti del progettista e direttore dei lavori geom..... Secondo la giurisprudenza l'ipotesi di responsabilità regolata dall'art c.c. in tema di rovina e difetti di immobili ha natura extracontrattuale e, conseguentemente, trova un ambito di applicazione più ampio di quello risultante dal tenore letterale della disposizione - che fa riferimento soltanto all'appaltatore nei confronti del committente e dei suoi aventi causa - perché operante anche a carico del progettista, del direttore dei lavori e dello stesso committente che abbia provveduto alla costruzione dell'immobile con propria gestione diretta, ovvero sorvegliando personalmente l'esecuzione dell'opera, si da rendere l'appaltatore un mero esecutore dei suoi ordini (Cassazione civile, sez. Il, 16 febbraio 2006, n. 3406; Cass. 13 gennaio 2005 n. 567; Cass. 10 settembre 2002 n ). Si applica dunque nei confronti dei convenuti la previsione di cui all'art cod. civ. (responsabilità solidale), 6) Gravi difetti. Per costante e consolidata giurisprudenza sono gravi sia quei difetti che incidono sulla sostanza, sulla conservazione e sulla stabilità dell'opera - da intendere anche come singola unità abitativa - anche se non determinano una minaccia di crollo immediato o un evidente pericolo di rovina, sia quelli che compromettono gravemente l'utilizzazione ed il godimento dell'opera, pure se la sua stabilità e la sua conservazione non ne risentano (v. da ultimo Cassazione civile, sez. Il, 14 luglio 2008, n ), come allorché la realizzazione é avvenuta con materiali inidonei e/o non a regola d'arte ed anche se incidenti su elementi secondari ed accessori dell'opera -quali impermeabilizzazione, rivestimenti, infissi, pavimentazione ecc.- (Cassazione civile, sez. Il, 28 aprile n. 8140), indipendentemente dall'entità della somma di danaro occorrente per la loro eliminazione (Cassazione i 686 del 1991). Si devono utilizzare per la decisione i persuasivi accertamenti e conclusioni del consulente tecnico d'ufficio geom Parti comuni. Pagina 5

6 Il ctu ha riscontrati problemi nelle fognature riguardanti unicamente la linea di scolo delle acque bianche (spec. pag. 27 relazione); presenza di numerose cavillature nelle pareti esterne e di fessurazioni riguardanti l'intradosso di tutte le solette; differenze cromatiche delle tinteggiatura del fabbricato; mancato ancoramento di due colonne dell'accesso pedonale; crepe, fessurazioni e cavillature dell'intonaco interno del vano scale condominiale; mancato collegamento dei parapetti dei balconi alla muratura verticale dell'edificio; imperfezione della smaltatura delle recinzioni metalliche; impronte di umidità di risalita nelle muratura perimetrali ed interne del piano seminterrato e nella buca ascensore (spec. pagg relazione). Il ctu ha condivisibilmente concluso che tutte le problematiche condominiali sopra illustrate, anche se importanti quali il reflusso della fognatura della acque bianche, attengono a fattori estetici o determinano il minor godimento temporaneo (limitato al massimo ad alcune ore) di una parte dell'immobile (autorimesse ed ascensore) in caso di un allagamento del piano seminterrato, senza incidere sui requisiti di abitabilità. Si tratta in conclusione di difetti che non possono ritenersi gravi, ai sensi dell'art c.c., poiché non pregiudicano in modo grave la funzione né limitano in modo notevole le possibilità di godimento anche solo di porzioni dell'immobile. La domanda proposta dal Condominio va dunque rigettata. 6.2 Singole unità immobiliari. Il ctu ha riscontrato la presenza di vari vizi e difetti. Devono ritenersi "gravi" solo gli accertati difetti inerenti al mancato rispetto dei requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti di cui al DPCM 5/12/1997, emanato in attuazione dell'art. 3 comma 1 lett. e) della Legge 447/1995 (legge quadro sull'inquinamento acustico). Per il dettaglio degli altri vizi e difetti si rimanda alla relazione del ctu (pagg ), limitandosi a rilevare che gli stessi attengono a fattori estetici, presenza limitata di umidità nel piano seminterrato, fessurazioni negli intonaci, limitate rotture di mattonelle, crepe piatto doccia, ubicazione termosifoni, ristagni di acqua e macchie di umidità di risalta sui balconi, etc.. Tutti difetti per gli stessi motivi non possono ritenersi gravi, ai sensi dell'art c.c., poiché non pregiudicano in modo grave la funzione né limitano in modo notevole le possibilità di godimento anche solo di porzioni dell'immobile.il mancato rispetto della normativa acustica attiene ai solai di piano, alle pareti di separazione degli appartamenti ed alle colonne di scarico verticali (v. ctu pagg ).. Deve ritenersi che tali difetti incidono notevolmente sulla funzione abitativa e sulla possibilità di godimento e di utilizzazione delle singole unità abitative, anche perché estesi a tutto il complesso immobiliare (per una ipotesi di gravi difetti, rilevanti Pagina 6

7 ex art c.c., conseguenti a non adeguata coibentazione termica vedi Cassazione civile, sez. II, 25 marzo 1998, n. 3146). Non è pertinente il richiamo all'art. 11 co. 5 della legge 7/7/2009 n. 88 (legge comunitaria 2008), che riguarda i rapporti sorti successivamente all'entrata in vigore della legge stessa. Mentre appare manifestamente infondata la prospettata questione di legittimità costituzionale della predetta normativa nella parte in cui non si applica anche ai rapporti pregressi, potendosi semmai ipotizzare in relazione alla norma in sé (ma la questione non è rilevante nel presente giudizio). Le domande dei singoli condomini vanno dunque accolte limitatamente ai difetti di insonorizzazione, come di seguito specificato. 7) Responsabilità. Il ctu ha convincentemente rilevato che la mancata in sonorizzazione degli indicati elementi è riconducibile al progettista, al direttore dei lavori ed agli esecutori materiali delle opere (pag. 66 relazione). Non sono necessari a tal fine ulteriori accertamenti tecnici, anche perché i convenuti hanno ritenuto di non depositare -nonostante le ripetute richieste dell'ausiliario- ulteriore documentazione relativa ai materiali utilizzati ed alla metodologia di posa, che avrebbe consentito di chiarire meglio la rispettive posizioni. Sussiste dunque la responsabilità solidale ex art c.c. di E. e del geom.... 8) Relativamente ai difetti "non gravi" le domande devono, come detto, essere rigettate. È assorbente al tal fine la considerazione che il singoli acquirenti ed il condominio per parti comuni non hanno azione ex art c.c. (garanzia per vizi dell'opera appaltata) nei confronti del venditore... né hanno prospettato nei suoi confronti un'azione ex art seg. c.c. (garanzia per vizi della cosa venduta). Nessuna azione contrattuale è prospettabile nei confronti del progettista - direttore dei lavori geom.... 9) Quanto alla quantificazione dei danni subiti dagli attori, nei limiti dei difetti gravi sopra indicati, questo giudice reputa corretto il computo definitivamente svolto dal ctu nell'elaborato depositato e relativa integrazione, con prezzi all'attualità, esplicitante in termini esaustivi il metodo di calcolo prescelto e la considerazione di interventi ritenuti necessari dal consulente al fine di ottenere il rispetto della normativa acustica. Il ctu ha indicato (pag. 67) che dalle risultanze delle prove acustiche effettuate è emerso che tutti i solai dei piani primo e secondo devono essere oggetto di un intervento di insonorizzazione, intervento non eseguibile dai piani sottostanti, mediante la posa in opera di una adeguata controsoffittatura, essendo l'altezza utile interna delle unità immobiliari già ai limite minimo per le caratteristiche dell'abitabilità (gli appartamenti sono infatti della altezza utile interna pari a circa ml. 2,70, requisito minimo di altezza per ottenere l'abitabilità di locali abitativi). Nell'elaborato allegato T) sono indicate le zone di intervento. di... Pagina 7

8 Il ctu ha precisato che tale intervento é possibile a fronte della liberazione di tutti gli ambienti, dei piani primo e secondo, della demolizione delle pavimentazioni e delle caldane ed il rifacimento delle stesse interponendo un adeguato materiale fonoassorbente. Per quanto concerne le pareti verticali da insonorizzare si tratta di spessorare quelle del piano primo, dall'interno dell'appartamento dei sigg.ri... e... Il ctu ha valutato che i difetti sono integralmente eliminabili senza alcuna menomazione al valore delle singole proprietà. Il ctu ha precisato che mentre per alcune delle proprietà (due) la sistemazione di quanto non regolare risulta limitato ad alcune opere compatibili con la contestuale presenza delle persone che le occupano (appartamenti dei sigg.ri.../... e.../..., ai piani seminterrato e rialzato), per la maggior parte degli appartamenti (cinque) è necessario lo sgombero completo da persone e cose per consentire le importanti lavorazioni previste da eseguirsi all'interno delle unità immobiliari stesse (proprietà dei sigg.ri.../...,.../...,.../...,... e.../...). Per questi cinque appartamenti (piani primo e secondo) occorre pertanto provvedere allo sgombero totale dagli arredamenti, al deposito degli stessi in locali idonei, al loro riposizionamento al termine dei lavori ed all'alloggio delle persone residenti in tali alloggi (per un periodo, per la realizzazione di tutte le opere interne alle unità immobiliari, che si prevede congruo in quattro settimane complete). Dai costi indicati dal ctu per le singole unità immobiliari, come da computo metrico allegato U e riepilogo a pagina 68 della relazione 19/10/2007 e da integrazione del 4/312009, vanno scorporati quelli non attinenti all'isolamento acustico. Si ottengono i seguenti valori: -... e... Euro 950,00 per interventi di isolamento acustico colonne di scarico ed Euro 95,00 per 10% spese tecniche (all. U), Euro 1.000,00 per disagio abitativo (non dovendo traslocare durante i lavori) ed Euro 250,00 per pulizie: totale Euro 2.295,00; - C.D. U.I. Euro 950,00 per interventi di isolamento acustico colonne di scarico (all. U), Euro 820,80 per insonorizzazione parte divisoria (integrazione) e Euro 177,00 per 10% spese tecniche, Euro 1.000,00 per disagio abitativo (non dovendo traslocare durante i lavori) ed Euro 250,00 per pulizie: totale Euro 3.197,80; -... e... Euro ,35 (10.287, , , ,20) per interventi di insonorizzazione e Euro 1.506,00 per 10% spese tecniche (all. U), Euro 2.750,00 per trasloco, Euro 3.360,00 per albergo. Euro 2.016,00 per pasti ed Euro 250,00 per pulizie: totale Euro ,35; -... e... Euro ,11 (4.902, , , , , , ,00) per interventi di insonorizzazione e Pagina 8

9 Euro 2.214,00 per 10% spese tecniche (all. ti). Euro per deprezzamento dell'appartamento in conseguenza dello spessoramento dei muri perimetrali -riduzione della superficie di calpestio e minor possibilità di utilizzo delle pareti interessate- (pag ), Euro 2.750,00 per trasloco. Euro 3.360,00 per albergo. Euro 2.016,00 per pasti ed Euro 250,00 per pulizie: totale Euro ,48; - I.A. e O.L. Euro (10.774, , , , ,00) per interventi di insonorizzazione e Euro 1.619,00 per 10% spese tecniche (all. U), Euro e. e,,,, e ). 800,00 per rifacimento muretto curvo piano snack (integrazione), Euro 2.750,00 per trasloco, Euro 3.360,00 per albergo, Euro 2.016,00 per pasti ed Euro. 250,00 per pulizie: totale Euro ,75; -... Euro ,58 (19.477, , , ,28) per interventi di insonorizzazione e Euro 2.993,00 per 10% spese tecniche (all. V), Euro 3.000,00 per trasloco, Euro 3.360,00 per albergo, Euro 2.016,00 per pasti cd Euro. 250,00 per pulizie: totale Euro ,58; -... e... Euro ,27 ( , , , ,62) per interventi di insonorizzazione e Euro 1.659,00 per 10% spese tecniche (all. U), Euro 3.000,00 per demolizioni e ripristini della cucina. Euro 3.500,00 per trasloco ed Euro 250,00 per immagazzinaggio mobili, Euro 3.360,00 per albergo, Euro per pasti ed Euro 250,00 per pulizie: totale Euro ,27. A tali somme va aggiunta PIVA, in quanto il computo eseguito dai ctu è riferito a somme imponibili (v. all. U), non potendo tale importo gravare le parti danneggiate. Trattandosi di debito risarcitorio, e quindi di valore, cd essendo il computo eseguito con valori attuali rispetto alla data di deposito dell'elaborato peritale, dal giorno successivo a tale momento (19/10/2007) e sulle somme capitali IVA esclusa va riconosciuta la rivalutazione monetaria secondo gli indici ISTAT sino alla data di pubblicazione della presente decisione e. a titolo di danno da ritardo, gli interessi legali via via vigenti sugli importi come sopra annualmente rivalutati dalle rispettive domande. Dalla pubblicazione della decisione, operandosi la conversione del debito di valore in obbligazione di valuta, decorrono i soli interessi legali sino al saldo effettivo. 10) Va rigettata per difetto di prova la domanda proposta da... nei confronti di... Va premesso che Ires ha eseguito, in forza di contratto di appalto, solo gli impianti idraulici e di riscaldamento. La sua responsabilità sarebbe dunque prospettabile solo in relazione ai difetti delle colonne di scarico. Pagina 9

10 La mancata produzione di documentazione. peraltro ripetutamente richiesta dal ctu (v. relazioni), relativamente all'utilizzo di elementi insonorizzanti ed alle lavorazioni eseguite da... non consente di individuare responsabilità sul punto della predetta società. In applicazione della regola di cui all'art c.c. va rigettata la domanda proposta da...nei confronti di... 11) Va rigettata la domanda proposta da... nei confronti di... per l'assorbente motivo che l'assicurazione non copre "i danni conseguenti a mancato rispetto di vincoli urbanistici, di norme edilizie e di altri vincoli imposti dalle pubbliche Autorità" (art. 3 lett. p) condizioni particolari - doc. 3...). Deve ritenersi che rientrano tra le norme edilizie quelle -non rispettate nel caso in esame relative ai requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti stabilite dal DPCM 5/12/1997, in attuazione della Legge 447/1995 (legge quadro sull'inquinamento acustico). 12) Spese di lite. ).... ed... prevalentemente soccombenti vanno condannati, in solido, alla refusione in favore dei singoli acquirenti delle spese di lite, compresa la fase di ATP, che si liquidano in dispositivo. Per gli onorari si applica l'art. 5 comma 4 della tariffa forense, come correttamente richiesto: nel caso di pia persone aventi la stessa posizione processuale si applica un onorario unico aumentato per ogni parte del 20% fino ad un massimo di 10. Le spese di CTU c di ATP, già liquidate, vanno poste a carico esclusivo di... ed..., con obbligo di pagamento diretto e/o rimborso alle controparti di quanto da queste anticipato al geom.... Sussistono giusti motivi, ex art. 92 cpc. per la compensazione delle spese di lite nei confronti del Condominio, più precisamente degli attori singoli condomini in relazione alle parti comuni (essendo il Condominio ente di gestione privo di personalità giuridica), in considerazione della obiettiva difficoltà di valutazione dei difetti e del fatto che la carenza dei requisiti acustici incide sull'intero edificio e gli interventi interessano anche le parti comuni, pur essendo stati riconosciuti i costi di adeguamento in riferimento ai proprietari delle singole unità immobiliari.... va condannata alla refusione in favore di Ires 87 delle spese di lite, che si liquidano in dispositivo. La previsione di numerose, ampie ed in parte generiche ipotesi di esclusione della copertura assicurativa, quale quella applicata nel caso in esame, costituisce giusto motivo, ai sensi dell'art. 92 cpc, per disporre la compensazione delle spese di lite tra... e... Dispositivo della sentenza Pagina 10

11 Il Tribunale di Modena. in persona del giudice dott. Riccardo Di Pasquale definitivamente decidendo ogni diversa domanda. istanza. eccezione e deduzione respinte: 1 - rigetta le domande proposte dal Condomino... nei confronti di... spa ed...; 2 - dichiara le spese di lite integralmente compensate tra le parti di cui al precedente punto 1; 3 - in parziale accoglimento delle domande degli altri attori, nei sensi di cui in motivazione, dichiara tenuta e condanna... spa e..., in solido tra loro, al pagamento, a titolo di risarcimento del danno, in favore di -... e... di Euro 2.295,00 oltre IVA; -... e... di Euro oltre IVA: -... di Euro ,35, oltre IVA: -... di Euro oltre IVA;.,. ;, Pagina 11

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

La responsabilità del progettista

La responsabilità del progettista Capitolo Secondo La responsabilità del progettista di ANTONIO MUSIO SOMMARIO: 1. L attività progettuale nell ambito dei lavori privati. 2. L attività progettuale nell ambito dei lavori di opere pubbliche.

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI IMPUGNATIVA DELLE DELIBERE CONDOMINIALI QUADERNO N.

MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI IMPUGNATIVA DELLE DELIBERE CONDOMINIALI QUADERNO N. CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI IMPUGNATIVA DELLE DELIBERE CONDOMINIALI QUADERNO N. 5 1 L impugnativa delle delibere condominiali L art. 1137, primo comma, c.c. stabilisce che "le deliberazioni

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli