GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS"

Transcript

1 OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

2 CAMPAGNA DI ANALISI => PERCHE Verifica della situazione del mercato rispetto ai requisiti di sicurezza imposti dall Europa e confronto con la normativa cinese GB 18401:2010 => CAMPIONAMENTO Centro Tessile Serico ha acquistato direttamente 80 capi di diversa natura e composizione 2

3 => CRITERI DI CAMPIONAMENTO ORIGINE Origine extra UE 66.2% Origine non dichiarata etichetta assente 15.0% Made in Italy 2.5% Made Md in EU 38% 3.8% Origine Importato 2.5% 20,7% MADE IN CHINA TIPOLOGIE DIPRODOTTO Abbigliamento esterno 41.2% Accessori 28.8% Abbigliamento bambino 13.8% Biancheria casa 8.7% Intimo 7.5% CANALI D ACQUISTO Negozio 43.8% GDO 31.2% Ambulanti 25.0% 3

4 => CONTROLLI ESEGUITI 1. Rispondenza alle normative Europee cogenti: Etichettatura di composizione fibrosa* (Reg. EU 1007/2011) Assenza dei coloranti che rilasciano ammine cancerogene (Reg. 1907/2006 REACH;) Presenza ftalati [solo per articoli spalmati o con stampa PVC] (Reg. 1907/2006 REACH) 2. Rispondenza ai requisiti cogenti per esportazione in Cina correlati alla sicurezza del prodotto GB (solidità del colore, formaldeide, ph*, ammine aromatiche) 3. Presenza di APEO* (alchilfenoli etossilati) * Prove svolte da Innovahub Stazione Sperimentale Seta (ISSS) 4

5 NOTA SULLA SITUAZIONE NORMATIVA DEGLI ALCHILFENOLI AP E ALCHIFENOLI ETOSSILATI APEO NORMATIVA DIRETTIVA 53/2003/EC Limitazione alla commercializzazione ed uso di prodotti e formulati contenenti più dello 0,1% (1000mg/kg) di nonilfenoli NP e nonilfenoli etossilati NPEO: questo vale per molti settori, tra cui le industrie tessili e del cuoio, tranne nel caso dei sistemi d applicazione chiusi senza rilascio in acque di scarico. La direttiva è stata recepita in Italia con DM 10 maggio DIRETTIVA 1907/2006/EC REACH ALLEGATO XVII RESTRIZIONI nonilfenoli e nonilfenoli etossilati =>concentrazione inferiore a 0,1% (1000mg/kg) in prodotti e formulati CANDIDATE LIST ELENCO DELLE SOSTANZE ESTREMAMENTE PREOCCUPANTI SVHC => NPEO giugno 2013 => NP dicembre 2012 MARCHI ECOLABEL AP APEO uso vietato OEKO TEX AP (NP + OP) inferiori ai 10 mg/kg per tutti gli articoli tessili (abbigliamento, accessori, tessili per la casa, ) APEO (NPEO + OPEO) inferiori ai 250 mg/kg per tutti gli articoli tessili (abbigliamento, accessori, tessili per la casa, ) CAPITOLATI PRIVATI A seguito della campagna di Greenpeace DETOX molte grandi aziende nazionali e internazionali hanno inserito nei propri capitolati gli APEO con limiti sempre più stringenti: al di sotto di 250 mg/kg, in alcuni casi anche inferiori a 10 mg/kg, con l obiettivo di arrivare alla totale assenza entro il 2020 PROSPETTIVE A BREVE TERMINE La Svezia ha promosso un iniziativa a livello europeo, presso ECHA Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche e REACH, per limitare la vendita di abbigliamento, accessori, e tessile per arredo che può essere lavato in acqua se contiene nonilfenoli (NPs) e nonilfenoli etossilati (NPEOs), da solioin associazione, in concentrazione ugualeo superiore a 100mg/kg g per articolo 5

6 => 1 Rispondenza alla normativa cogente RISULTATI NON CONFORMITÀ PER LA PRESENZA DI AMMINE AROMATICHE, ERRATA COMPOSIZIONE FIBROSA RISPETTO ALL ETICHETTA, PRESENZA DI FTALATI PLASTIFICANTI DEL PVC TOTALE CAMPIONI NON CONFORMI 43.8% % Non conformi per PRODOTTO % Non conformi per ORIGINE % Non conformi per CANALE D ACQUISTO 23,8% 18,8% 20,0% 18,8% 8% 15,0% 10,0% 8,8% 5,0% 3,9% 5,0% 1,3% 1,2% Abbigliamento Abbigliamento Bimbo Accessori Biancheria da casa Intimo Extra UE Assente Made in ItalyImportato Ambulanti Negozio GDO 8.8% MADE IN CHINA MADE IN UE sono TUTTI CONFORMI PER TUTTI PARAMETRI 6

7 NON CONFORMITÀ PER LA PRESENZA DI AMMINE AROMATICHE TOTALE CAMPIONI NON CONFORMI 13.8% % Non conformi per PRODOTTO % Non conformi per ORIGINE % Non conformi per CANALE D ACQUISTO 7,5% 6,3% 7,5% 5,0% 5,0% 3,8% 2,5% 1,3% 1,2% 1,3% Accessori Abbigliamento Abbigliamento Bimbo Extra UE Assente Made in Italy Importato Ambulanti Negozio GDO INTIMO E BIANCHERIA DA CASA sono risultati tutti conformi 7

8 NON CONFORMITÀ RELATIVE ALL ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE etichette formalmente non corrette e composizioni fibrose difformi rispetto all etichetta TOTALE CAMPIONI NON CONFORMI 35% % Non conformi per PRODOTTO % Non conformi per ORIGINE % Non conformi per CANALE D ACQUISTO 13,8% 20,0% 17,5% 11,2% 13,7% 8,8% 5,0% 6,2% 2,5% 2,5% 3,8% AbbigliamentoAbbigliamento Bimbo Accessori Biancheria da casa Intimo Extra UE Assente Made in Italy Ambulanti Negozio GDO 8

9 NON CONFORMITÀ PER LA PRESENZA DI FTALATI PLASTIFICANTI DEL PVC TOTALE CAMPIONI CON SPALMATURE O STAMPE ACQUISTATI 12 TOTALE CAMPIONI NON CONFORMI 2 I campioni non conformi sono 2 capi di abbigliamento per adulti acquistati in negozio e da un ambulante, l analisi ha rilevato la presenza di ftalati in concentrazioni superiori a 0.1% Ftalati Oltre limite >0,1% Sotto limite <0,1% 16,7% 83,3% 9

10 => 2 Rispondenza ai requisiti della norma cinese GB 18401:2010 PH AMMINE AROMATICHE FORMALDEIDE SOLIDITÀ AL COLORE (sudori, acqua, sfregamento TOTALE CAMPIONI NON CONFORMI 33.8% e saliva per prodotti per bambini) % Non conformi per PRODOTTO % Non conformi per ORIGINE % Non conformi per CANALE D ACQUISTO 16,3% 16,3% 18,8% 10,0% 10,0% 11,3% 6,3% 5,0% 25% 2,5% 1,2% 3,7% Abbigliamento Abbigliamento Bimbo Accessori Biancheria da casa Extra UE Assente Made in Italy Importato Ambulanti Negozio GDO INTIMO è risultato conforme 3.8% MADE IN CHINA 10

11 PH => TUTTI I CAMPIONI CONFORMI FORMALDEIDE => TUTTI I CAMPIONI CONFORMI AMMINE AROMATICHE => CAMPIONI NON CONFORMI 13.8% SOLIDITÀ AL COLORE => CAMPIONI NON CONFORMI 31.2% (sudori, acqua, sfregamento e saliva per prodotti per bambini) 27,3% campioni etichettati Made in China risulta non rispondente ai requisiti GB ,3% non rispondenti sia per solidità al colore che per presenza di ammine aromatiche 18,2% non rispondente per la solidità al colore 11

12 => 3 Presenza di APEO Alchilfenoli etossilati APEOALCHILFENOLI ALCHILFENOLI ETOSSILATI => NPEO NONILFENOLI ETOSSILATI Distribuzione in percentuale dei campioni positivi rispetto al range di concentrazione APEO 71,8% 12,7% 9,9% 5,6% > ,6% 47,1% 35,3% <10 mg/kg mg/kg mg/kg mg/kg APEO DISTRIBUZIONE SOTTO 100 MG/KG 12

13 * CAMPIONAMENTO: 52 campioni tessuti e filati * CONTROLLI ESEGUITI =>=> Rispondenza alla normativa cogente SITUAZIONE AZIENDE DISTRETTO COMASCO NON CONFORMITÀ PER LA PRESENZA DI AMMINE AROMATICHE GLOBALIZZAZIONE 3.0 => NON RILEVATE =>=> Conformità ai requisiti di sicurezza internazionali: formaldeide libera e ph NON CONFORMITÀ PER LA PRESENZA DI FORMALDEIDE LIBERA => NON RILEVATE NON CONFORMITÀ DEL PH DELL ESTRATTO ACQUOSO => FUORI RANGE (GB 18401:2010) : 1campione (1.9 %) =>=> Presenza di APEO Alchilfenolietossilati etossilati APEO ALCHILFENOLI ETOSSILATI => NPEO NONILFENOLI ETOSSILATI Distribuzione in percentuale dei campioni positivi rispetto al range di concentrazione APEO 94,1% 3,9% 0% 2% >1000 mg/kg APEO 13

14 CONCLUSIONI Rispetto alle campagne del => diminuzione della presenza ammine aromatiche da 22,3% (media ) 2006) a 13,8%. Rimane elevato il numero delle non conformità rispetto alla legislazione europea 43.8% di cui il 77.2% è riconducibile ad articoli etichettati extra EU e di provenienza non dichiarata. Il 10% degli articoli etichettati made in Italy risultano non conformi per la presenza di ammine aromatiche mentre dalle prove fatte sui campioni provenienti dal distretto risultano assenti: questo risultato incongruente può essere ricondotto all impossibilità di verifica della veridicità dell etichettatura dichiarata dal fornitore sia da parte della distribuzione che da parte del consumatore. In assenza di tracciabilità l etichettatura non fornisce garanzie circa la reale provenienza degli articoli. Il canale di acquisto più sicuro risulta la GDO, Grande Distribuzione Organizzata, dove sono state riscontrate un numero di non conformità in media inferiore da 3 a 5 volte rispetto a quelle riscontrate su articoli acquistati in negozi e presso ambulanti. 14

Informazione al cliente

Informazione al cliente Informazione al cliente OEKO-TEX Standard 100 criteri di prova: Nuovi limiti nel 2016 Zurigo (mh) All'inizio dell'anno, l'associazione OEKO-TEX ha, come sempre, aggiornati i criteri di prova applicabili

Dettagli

Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013

Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013 Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013 PELLICCE PER BAMBINI CON SOSTANZE TOSSICHE E POSSIBILI CANCEROGENI: TEST DI LABORATORIO COMMISSIONATI DALLA LAV (www.lav.it) SU ALCUNI CAPI DI 5 GRANDI MARCHE IN

Dettagli

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Rischi per la sicurezza in Sono riconducibili a ambito tessile 1 Rischio fisico/meccanico: soffocamento, strangolamento,

Dettagli

PANNI SPORCHI - 3 Come il bucato di tutti i giorni inquina le acque di casa nostra

PANNI SPORCHI - 3 Come il bucato di tutti i giorni inquina le acque di casa nostra PANNI SPORCHI - 3 Come il bucato di tutti i giorni inquina le acque di casa nostra Il ciclo tossico continua La nuova ricerca commissionata da Greenpeace International rivela come alcune sostanze pericolose

Dettagli

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario Esposito Tecnico

Dettagli

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore Associazione Tessile e Salute Cosa regola il mercato globale? In merito ai rischi per la salute del consumatore, il mercato tessile globale

Dettagli

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO Associazione Tessile e Salute LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE Como 24 novembre 2015 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione

Dettagli

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. I QUESITI

Dettagli

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE 1. Chi utilizza sostanze e preparati pericolosi continuerà a ricevere schede di sicurezza che potranno essere corredate,

Dettagli

Schede dei singoli campioni analizzati

Schede dei singoli campioni analizzati Schede dei singoli campioni analizzati Campione N.1 Il Gufo giaccone piuma - (rapporto di prova 13/01431) IL GUFO codice GIACCONE PIUMA Mod. A12GM027EC100/100 18 mesi costo 250,00 MURMASKY (Cane procione)

Dettagli

La giornata della Sostenibilità

La giornata della Sostenibilità www.casbot.com Innovation experience Sostenibilità Sociale Sostenibilità di Prodotto La giornata della Sostenibilità Innovation experience Driver fondamentale per l innovazione Scopri le opportunità per

Dettagli

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE Le sfide del tessile europeo: pratiche e politiche Museo del Tessuto di Prato - Via Santa Chiara, 24 Prato 29 th March 2012 Prodotti tessili e della filiera moda: la sicurezza

Dettagli

17 maggio 2013. Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda

17 maggio 2013. Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda Articoli per abbigliamento da «Filiera Lunga»: valutazione della «sicurezza chimica» e dell etichettatura. Approcci normativi nazionali ed internazionali 17 maggio 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall

Dettagli

MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI

MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI RELAZIONE TECNICA FINALE LE MOTIVAZIONI DEL PROGETTO L intensificazione dei traffici commerciali e l apertura dei mercati hanno portato

Dettagli

Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * 17 maggio 2013. (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda

Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese * 17 maggio 2013. (*) Regione Toscana: Osservatorio per la Sicurezza dei Prodotti della Filiera Moda Articoli per abbigliamento da «Filiera Lunga»: valutazione della «sicurezza chimica» e dell etichettatura. Approcci normativi nazionali ed internazionali 17 maggio 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall

Dettagli

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA Il nuovo regolamento sulla chimica europea, denominato REACH (Reg. n. 1907/2006) è entrato in vigore il 1 giugno 2007 anche se la prima

Dettagli

Aperitivi del tessile "Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA. Requisiti normativi per esportare in Cina

Aperitivi del tessile Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA. Requisiti normativi per esportare in Cina Aperitivi del tessile "Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA esportare in Cina Dott.ssa Marta Lualdi Area Internazionale Centrocot SpA Euroimpresa, 21 aprile 2011 Product Quality

Dettagli

Globalizzazione sostenibile per la caratterizzazione qualitativa ed ecologica del prodotto tessile

Globalizzazione sostenibile per la caratterizzazione qualitativa ed ecologica del prodotto tessile Globalizzazione sostenibile per la caratterizzazione qualitativa ed ecologica del prodotto tessile Progetto finanziato dalla CCIAA di Como realizzato da Tessile di Como S.p.A Malpensafiere, Busto Arsizio

Dettagli

L ESEPRIENZA DELLO SPORTELLO: DATI STATISTICI

L ESEPRIENZA DELLO SPORTELLO: DATI STATISTICI L ESEPRIENZA DELLO SPORTELLO: DATI STATISTICI Pagina 1 di 5 1 QUADRO DI RIFERIMENTO Con il Reg. Ce 1169/2011, del 25 ottobre 2011, è stata varata la riforma comunitaria dell etichettatura dei prodotti

Dettagli

Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle

Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle 24 ottobre 2014 Auditorium ASL Monza e Brianza Antonietta Covone - Referente REACH ASL Monza e Brianza 1 FINALITÀ DEL DOCUMENTO

Dettagli

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ;

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ; Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE TOSCANA E ISTITUTO TECNICO STATALE TULLIO BUZZI per il supporto e lo sviluppo di progetti nell ambito del sostegno locale del distretto pratese. La Regione

Dettagli

CONVEGNO AICC AREA TOSCANA

CONVEGNO AICC AREA TOSCANA CONVEGNO AICC AREA TOSCANA Associazione Tessile e Salute LA VIA ITALIANA ALLA MODA SOSTENIBILE San Miniato 27 maggio 2016 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione nazionale nata nel 2001 per

Dettagli

Ambiente e salute nel settore tessile

Ambiente e salute nel settore tessile CORSO DI FORMAZIONE AVANZATA SU PRODOTTI TESSILI E ARREDI PER UFFICIO Associazione Tessile e Salute Ambiente e salute nel settore tessile l Osservatorio Nazionale tessile abbigliamento pelle - calzature

Dettagli

Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale-

Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale- Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale- La calzatura: i materiali La pelle (leather) Il tessile (textile) PVC (polivinilcloruro) EVA foam Gomme (Rubber) Poliuretano (PU - Polyurethane) TPU

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1

DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE. Daniela Cuzzani. UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA E SCHEDE TECNICHE Daniela Cuzzani UOC Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Bologna 1 DICHIARAZIONI DI CONFORMITA NELL AMBITO DEI CONTROLLI UFFICIALI

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Pagina 1 di 5 APPENDICE I SETTORE ABBIGLIAMENTO 1 - Obiettivo

Dettagli

Classificazione e analisi dei rifiuti

Classificazione e analisi dei rifiuti Classificazione e analisi dei rifiuti Esempi pratici e Modifiche introdotte dal Regolamento 1357/2014 1 Argomenti trattati Definizioni Responsabilità e soggetti coinvolti Il processo di caratterizzazione

Dettagli

Informazioni aggiuntive sui regolamenti REACh e CLP per gli Utilizzatori a Valle

Informazioni aggiuntive sui regolamenti REACh e CLP per gli Utilizzatori a Valle Informazioni aggiuntive sui regolamenti REACh e CLP per gli Utilizzatori a Valle a cura del gruppo RREACh del Dipartimento di Prevenzione Medica della ASL di Lecco Servizio Igiene e Sanità Pubblica (*)

Dettagli

Contaminati dalla moda

Contaminati dalla moda Contaminati dalla moda Roma, 20 novembre 2012 Questo briefing riassume i contenuti del rapporto di Greenpeace Toxic Threads: The Big Fashion Stitch-Up 1 che presenta i risultati di una nuova indagine sulle

Dettagli

Magazzini Gabrielli: tracciabilità Multifiliera

Magazzini Gabrielli: tracciabilità Multifiliera Maurizio Micheli, Piergiorgio Licciardello Magazzini Gabrielli: tracciabilità Multifiliera Gattatico, 12 giugno 2014 INDICE ARGOMENTI Magazzini Gabrielli: dati aziendali Il progetto Obiettivi Architettura

Dettagli

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach.

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Prime esperienze di vigilanza da parte delle Regioni. Tecnico della Prevenzione dott. Peruzzo Massimo 23 Maggio 2012 Controlli: evoluzione normativa

Dettagli

Food Contact Materials idoneità alimentare e valutazione del rischio Sonia Russo

Food Contact Materials idoneità alimentare e valutazione del rischio Sonia Russo Food Contact Materials idoneità alimentare e valutazione del rischio Sonia Russo Assistente tecnico chimico azienda ULSS 4 del Veneto sonia.russo@ulss4.veneto.it (Regolamento (CE) N. 1935/2004) Food Contact

Dettagli

Sanzioni CLP e REACH

Sanzioni CLP e REACH Sanzioni CLP e REACH Pubblichiamo 2 tabelle predisposte dal Dott. Marzio Marziani, che ringraziamo vivamente, riassuntive delle sanzioni e relative a: Sanzioni Regolamento CLP, previste dal D.Lgs. 186

Dettagli

Ministero della Salute. Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015

Ministero della Salute. Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015 Ministero della Salute Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015 13 febbraio 2015 PIANO NAZIONALE DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO SULL APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI (CE) N.

Dettagli

Presentazione REACH & CLP

Presentazione REACH & CLP Presentazione REACH & CLP In breve Anno 2011 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 REACH Il REACH Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals è il

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella Panoramica sugli obblighi REACH Stefano Arpisella 25 marzo 2015 CENTRO REACH v Il Centro Reach è una Società a responsabilità limitata costituita il 20 febbraio 2007, su iniziativa di Federchimica e di

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO. Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH

Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO. Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH SCENARI DI ESPOSIZIONE - Attori coinvolti: - SMI Federazione

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Modalità di controllo e disciplina sanzionatoria connessa ai regolamenti REACH e CLP. Stefano Arpisella

Modalità di controllo e disciplina sanzionatoria connessa ai regolamenti REACH e CLP. Stefano Arpisella Modalità di controllo e disciplina sanzionatoria connessa ai regolamenti REACH e CLP Stefano Arpisella 25 marzo 2015 Ispezioni -Autorità competenti I controlli possono esser effettuati dalle seguenti funzioni:

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Certificazione EurAsec: Regolamento tecnico sull'industria leggera (focus lingerie)

Certificazione EurAsec: Regolamento tecnico sull'industria leggera (focus lingerie) Certificazione EurAsec: Regolamento tecnico sull'industria leggera (focus lingerie) Le novità dettate dalle condizioni economico-commerciali, risultanti dall associazione della Russia al WTO e dall appartenenza

Dettagli

LT S.r.l. Spett.le Besani S.r.l. Via per Gallarate, 50/A 21010 Besnate (VA) Alla c.a. Sig. Riva. Busto Arsizio, 28 luglio 2014

LT S.r.l. Spett.le Besani S.r.l. Via per Gallarate, 50/A 21010 Besnate (VA) Alla c.a. Sig. Riva. Busto Arsizio, 28 luglio 2014 LT S.r.l. Laboratorio analisi tessili V.le dell'industria 42-21052 Busto Arsizio (VA) Capitale Sociale EURO 16.000 i.v. R.I. N 02642870121 R.E.A. N 274074 CF e P.IVA 02642870121 Tel. 0331 636078 Fax 0331

Dettagli

Piombo solfocromato giallo (C.I. Pigment Yellow 34) Piombo cromato molibdato solfato rosso (C.I. Pigment Red 104) Tris (2-cloroetil)fosfato (TCEP)

Piombo solfocromato giallo (C.I. Pigment Yellow 34) Piombo cromato molibdato solfato rosso (C.I. Pigment Red 104) Tris (2-cloroetil)fosfato (TCEP) Sintesi e traduzione di Raccomandazione dell ECHA del 17 dicembre 2010 per l inclusione di sostanze nell allegato XIV (lista della sostanza soggette ad autorizzazione) del Regol. (CE) 1907/2006 L Agenzia

Dettagli

Il sistema di gestione per preparare le Imprese alle Ispezioni per il REACH. Alessandro Pozzi Certiquality

Il sistema di gestione per preparare le Imprese alle Ispezioni per il REACH. Alessandro Pozzi Certiquality Il sistema di gestione per preparare le Imprese alle Ispezioni per il REACH Alessandro Pozzi Certiquality CERTIQUALITY IN ITALIA SEDE DI MILANO UFFICIO DI VENEZIA FONDATO NEL 1989 CERTIQUALITY OPERA OGGI

Dettagli

L USO DI BOTTIGLIE IN PET PER IL CONFEZIONAMENTO DI ACETO DI VINO

L USO DI BOTTIGLIE IN PET PER IL CONFEZIONAMENTO DI ACETO DI VINO L USO DI BOTTIGLIE IN PET PER IL CONFEZIONAMENTO DI ACETO DI VINO dr. Michele Moretti, Ponti S.p.A. 1 Perché sostituire il vetro? Logica di mercato confezioni in materiale plastico già presenti in tutta

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33)

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Sono di seguito elencate le competenze camerali che comportano controlli presso imprese,

Dettagli

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 MONOGRAFIA Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 Il 1 giugno 2007 è entrato in vigore il Regolamento n.1907/2006 per la Registrazione, Valutazione e Autorizzazione delle sostanze chimiche, definito con

Dettagli

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento 1 Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento Dr. Filippo Laviani Area Europa e Regolamentazione Commercio Internazionale 2 Etichettatura d origine: Made In L origine del prodotto è determinata

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L. 4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nella circoscrizione territoriale

Dettagli

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure Cosmetici e contraffazione 20 dicembre 2013 Cosmetici e contraffazione Definizione Per cosmetico contraffatto

Dettagli

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH 10ª Conferenza Sicurezza Prodotti Il REACH al giro di boa Milano, 05 Giugno 2013 L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH Dr.ssa Niki Psegiannaki Specialista Normativa Prodotti SCAM SpA, Modena

Dettagli

Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014

Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014 Il lavoro svolto dal nucleo REACH CLP nell anno 2014 Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014 Regolamenti comunitari che hanno assorbito le precedenti direttive Regolamento REACH (Registration,

Dettagli

Kem-Pa-Tex: formulati che vanno nei settori. molti sono a catalogo, altri prodotti su misura per il cliente

Kem-Pa-Tex: formulati che vanno nei settori. molti sono a catalogo, altri prodotti su misura per il cliente Kem-Pa-Tex: formulati che vanno nei settori Tessile Cosmetica Coating Bitumi molti sono a catalogo, altri prodotti su misura per il cliente Veduta di parte della produzione prime, concorrenza asiatica

Dettagli

Gli articoli in REACH alla luce della sentenza della Corte di Giustizia Europea sulle sostanze negli articoli (caso C-106/14)

Gli articoli in REACH alla luce della sentenza della Corte di Giustizia Europea sulle sostanze negli articoli (caso C-106/14) Gli articoli in REACH alla luce della sentenza della Corte di Giustizia Europea sulle sostanze negli articoli (caso C-106/14) Augusto Di Bastiano Senior Scientific Officer Risk Management Implementation

Dettagli

Partecipante. Nome. Cognome. Email

Partecipante. Nome. Cognome. Email Più informazioni per offrire una migliore consulenza Siete pregati di inviare il formulario compilato in ogni sua parte all indirizzo di posta o al numero di fax indicati. Categoria Tessuti per la casa

Dettagli

Laboratori Chelab. Test chimici sui prodotti tessili. Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food

Laboratori Chelab. Test chimici sui prodotti tessili. Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food Laboratori Chelab Test chimici sui prodotti tessili Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food 1 TEST CHIMICI: PERCHE? I capi di abbigliamento e gli accessori

Dettagli

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl Chelab srl Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007 1 Esigenze della GDO Conformità A voi cosa interessa? dei prodotti e del processo di distribuzione

Dettagli

Numero 4 /2012 Seminario europeo: Regolamento REACH e CLP - stato di attuazione

Numero 4 /2012 Seminario europeo: Regolamento REACH e CLP - stato di attuazione Numero 4 /2012 Seminario europeo: Regolamento REACH e CLP - stato di attuazione Nel corso del 7 seminario sulla Protezione dei lavoratori e sostanze chimiche organizzato dall ETUI e tenutosi a Montreuil

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Brescia, 26 febbraio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System FUCHS per GHS Globally Harmonized System GHS Globally Harmonized System Lo sviluppo del Globally Harmonized System sulla classificazione ed etichettatura dei composti chimici, o GHS è stato intrapreso

Dettagli

Reach, CLP e D.Lgs. 81/08

Reach, CLP e D.Lgs. 81/08 Reach, CLP e D.Lgs. 81/08 Novità nella valutazione del rischio da esposizione dei lavoratori ad agenti chimici pericolosi Tecnico della Prevenzione dott. Massimo Peruzzo Valutazione del rischio chimico

Dettagli

USA: MERCATO DEL MOBILE GIUGNO 2011. USA: il mercato del mobile

USA: MERCATO DEL MOBILE GIUGNO 2011. USA: il mercato del mobile USA: il mercato del mobile Giugno 2011 PREMESSA INDICE INTRODUZIONE 1 1. ATTUALE SITUAZIONE ECONOMICA NEGLI STATI UNITI 2 1.1 Panoramica della situazione economica negli stati uniti 2 1.2 Il mercato immobiliare

Dettagli

Rischio da cancerogeni IL ruolo del medico competente nella tutela della salute dei lavoratori esposti a cancerogeni/mutageni

Rischio da cancerogeni IL ruolo del medico competente nella tutela della salute dei lavoratori esposti a cancerogeni/mutageni http://prevenzione.ulss20.verona.it/ Verona 4 giugno 2012 Rischio da cancerogeni IL ruolo del medico competente nella tutela della salute dei lavoratori esposti a cancerogeni/mutageni Mario Gobbi - responsabile

Dettagli

Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle. Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza

Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle. Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle 1 Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza FINALITÀ DEL DOCUMENTO Illustrare i principali adempimenti REACH/CLP

Dettagli

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Gabriella Alberti Fusi Verona, 4 aprile 2011 Dubbi da chiarire e certezze da confermare Marchio

Dettagli

Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali

Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali Istituto Superiore di Sanità Roma 15 aprile 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese Introduzione

Dettagli

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE Il corso illustra i principali metodi di lavorazione della pelle e le caratteristiche merceologiche degli innumerevoli articoli.

Dettagli

FUNZIONI AZIENDALI COINVOLTE NELL APPLICAZIONE DEL REACH E CLP ACQUISTO SOSTANZE (TAL QUALI O IN MISCELA)

FUNZIONI AZIENDALI COINVOLTE NELL APPLICAZIONE DEL REACH E CLP ACQUISTO SOSTANZE (TAL QUALI O IN MISCELA) Da restituire entro il 15 febbraio 2103 a: ASL di Monza e Brianza - Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro via Novara, 3 20832 Desio (MB) e-mail psaldirezione@aslmb.it

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo Pagina 1 di 6 APPENDICE SETTORE ARREDO 1 - Obiettivo Il presente documento

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

La sicurezza dell acqua trattata al ristorante. IStituto Superiore di Sanità, Luca Lucentini. Milano, 08 ottobre 2015. Federata

La sicurezza dell acqua trattata al ristorante. IStituto Superiore di Sanità, Luca Lucentini. Milano, 08 ottobre 2015. Federata La sicurezza dell acqua trattata al ristorante IStituto Superiore di Sanità, Luca Lucentini Milano, 08 ottobre 2015 Federata Associazione costruttori impianti e componenti per il trattamento delle acque

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali llegato VII informazioni minime per la relazione di sintesi sulle controllo degli Od, di cui all art. 10 paragrafo 1.3 Numero degli operatori idonei al Numero delle visite ordinarie obbligatorie [1] 31.12.

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

«Introduzione tecnica alla giornata»

«Introduzione tecnica alla giornata» SAFETY DAY SYMPOSIUM Elaborare SDS conformi: punto di partenza per la valutazione dei rischi per lavoratori ed ambiente MILANO 17 novembre 2015 «Introduzione tecnica alla giornata» Pietro Pistolese Direzione

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.C. - Appendice Settore Cosmesi

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.C. - Appendice Settore Cosmesi Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.C. - Appendice Settore Cosmesi Pagina 1 di 5 APPENDICE SETTORE COSMESI 1 - Obiettivo Il presente documento

Dettagli

OCCHIO ALLE ETICHETTE

OCCHIO ALLE ETICHETTE PROCESSO DI lavaggio ad umido professionale Lavaggio a umido ciclo molto delicato Lavaggio a umido ciclo delicato Lavaggio a umido ciclo normale OCCHIO ALLE ETICHETTE LINEE GUIDA PER CONOSCERE IL SIGNIICATO

Dettagli

ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI

ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Zeno Poggi 045-9230163 info@zenopoggi.com QUADRO NORMATIVO - ITALIA L apposizione della dicitura MADE IN configura una dichiarazione di scienza,

Dettagli

Il REACH in 16 punti. federchimica.it

Il REACH in 16 punti. federchimica.it Il REACH in 16 punti federchimica.it Il REACH in 16 punti Cos è il REACH? 1. Il REACH - Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals - è l acronimo con cui si indica il nuovo Regolamento europeo

Dettagli

REACH CLP. Scheda di sicurezza. Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals. Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging

REACH CLP. Scheda di sicurezza. Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals. Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging Antonella De Pasquale, Ispettore REACH - CLP Capannori, 21 marzo 2013 CLP REACH Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals Scheda

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI

SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI Ai sensi del Reg. (CE) 1907/2006 e Reg. (CE) 453/2010 SCHEDA SICUREZZA DENOMINAZIONE PRODOTTO: DET. PIATTI LIMONE FLEUR. ML. 1250 CODICE

Dettagli

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015 Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona Milano, 4 Febbraio 2015 1 Il Piano per la Moda-Persona 2015 Il Governo recepisce le priorità del settore declinando un piano di filiera

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS

REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS Seminario SIRS Questioni di etichetta REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS Bologna, 18 novembre 2011 Luca Lenzi RLSSA/RSU Chimica Industria REACH Registrazione, Valutazione,

Dettagli

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento 11 dicembre 2015 GERARDO CARICATO Responsabile Registrazioni SOMMARIO Panoramica sulle normative in vigore CLP: cosa è cambiato nelle nostre

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 3.6.2014 L 164/73 Gruppo di sostanze Ambito delle restrizioni e/o delle deroghe Limiti di concentrazione (se del caso) Valutazione e verifica b) Solventi Applicabilità: Tutti i prodotti. Classificazioni

Dettagli

C E R T I F I C A T O D I P R O VA

C E R T I F I C A T O D I P R O VA 1 C E R T I F I C A T O D I P R O VA N 476/10.2008 TEST DELLE CARATTERISTICHE ELETTRICHE Tipo: INDUMENTI ANTISTATICI DISSIPATIVI Articolo: Camice antistatico dissipativo STATISMOCK in Resistex Azienda:

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli