Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE. COMUNE di PRATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE. COMUNE di PRATO"

Transcript

1 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE COMUNE di PRATO - 1 -

2 PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE DEMATERIALIZZAZIONE COMUNE DI PRATO Settore Comunicazione, Innovazione e organizzazione Firma del responsabile della candidatura (Dirigente Sistema Informativo ) - 2 -

3 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano : Processo di dematerializzazione interna. Responsabile: Cognome: FOTI Nome: Filippo Telefono: Ruolo: _Dirigente del settore Organizzazione,Innovazione e Comunicazione Referente: Cognome: Martinelli Nome: Gabriella Telefono: Ruolo: Dirigente del servizio Sistema Informativo Durata dell intervento in mesi : _12 Periodo di realizzazione: da 01/01/2009 a 31/12/2009 Eventuali Risorse destinate, escluse le retribuzioni del personale coinvolto 1 : Ammontare complessivo: ,00...di cui: - a carico dell Amministrazione/ufficio: , a carico di altre Fonti (indicare quali).. Non sono previste risorse 1 Vanno indicate solo le risorse finanziarie effettivamente disponibili e/o già stanziate in bilancio - 3 -

4 SECONDA SEZIONE SCENARIO DI RIFERIMENTO 1 ORIGINE DEL PIANO 1.1. L intervento è riconducibile alle strategie politiche e/o di gestione espresse in: (sono possibili più risposte) X documenti di programmazione generale dell amministrazione (es. Peg, Direttiva annuale, altra documentazione, ecc.) piani di miglioramento/programmi settoriali è un iniziativa autonoma del proponente altro (specificare) 1.2. La decisione di intervenire sull ambito scelto deriva da: (sono possibili più risposte) autovalutazione sullo stato dell organizzazione effettuata con l utilizzo di metodologie appropriate (es: modelli Caf, Efqm, gruppi di qualità, ecc.) risultati di indagini di customer satisfaction analisi dei reclami raccolti in modo sistematico specifica indagine realizzata da personale interno specifica indagine realizzata da consulenti indicazioni di uno degli organi interni di valutazione e/o di audit X richiesta del vertice (politico o amministrativo) X altro (specificare) esigenze organizzative e maturazione della tecnologia a disposizione; disponibilità di risultati raggiunti con la partecipazione a progetti Europei (firma digitale, progetti di e-gov) 1.3. Il piano è connesso con altre attività di miglioramento: X sì, già realizzate X sì, in corso X sì, già programmate NO Se sì, specificare sinteticamente l oggetto degli interventi: Notevole sviluppo generalizzato dell informatizzazione dei servizi di staff e di line Disponibilità di strumenti hw e sw innovativi presso tutte le postazioni di lavoro, nessuna esclusa e tutte in rete Disponibilità di efficienti servizi di rete (internet, intranet, ,..) Firma elettronica sperimentata in più progetti europei Rete Civica evoluta (classificata 3 in Italia dal Formez) Inoltro pratiche via Internet Servizi di e-government Spostamento del front office presso le associazioni di categoria e le tabaccherie dove è possibile per il cittadino pagare (oltre 30 tipologie di pagamento), ottenere certificati, cambiare l indirizzo di residenza, ottenere autorizzazioni 1.4. Motivo prevalente dell intervento: (una sola risposta) - 4 -

5 carenza di un servizio/processo esigenza di rispondere a nuove domande di altri uffici/servizi esigenza di rispondere a nuove domande di utenti o stakeholder esigenza di ridurre i costi X esigenza di migliorare il clima organizzativo altro (specificare) 1.5. Definizione del problema L informazione è la materia prima trattata dalla P.A.; è una materia volatile che per essere trasportata ed elaborata, necessita, all attualità, di essere messa su carta. Questo fatto ha determinato l attuale organizzazione del lavoro: una pratica di carta viene spostata da una scrivania all altra attraverso i commessi ed infine archiviata in grossi faldoni cartacei che, oltre ad occupare spazio prezioso, rendono praticamente irrintracciabile (se non ad altissimi costi) l informazione ivi contenuta. Il supporto di carta ha l altro irriducibile inconveniente per cui è impossibile sapere dove quella pratica di carta si trova in ogni momento del suo iter. Ugualmente, se il cittadino si presenta ad uno sportello per espletare la pratica, l impiegato ha bisogno di avere fisicamente vicino l archivio cartaceo che contiene il fascicolo, impedendo di fatto di erogare quello stesso servizio in altro luogo. Per ovviare in parte a queste difficoltà si è aggiunta un ulteriore complicazione al problema: la fotocopia. Fare fotocopie, lungi dal semplificare il problema ne aumenta la complessità: ad ogni passo verrà fatta una copia perdendo tempo e spendendo danaro e dando luogo a tante copie della stessa pratica tutte disallineate tra loro, incrementando il volume di occupazione degli armadi e dunque degli spazi. E facile intuire il grado di disordine del sistema, i vincoli e la complessità organizzativa che ne derivano. Con lo sviluppo delle tecnologie informatiche, a seguito dell approvazione del Codice dell Amministrazione digitale, esiste la base normativa sufficiente a dare il via ad una nuova epoca: l epoca della dematerializzazione. Al fine di raggiungere l obiettivo della dematerializzazione l AC insieme alla Prefettura, alla Provincia di Prato, ai Comuni della provincia e ad altri enti pubblici, vuole stipulare un protocollo d intesa. Con questo progetto si propone di dematerializzare i documenti sia interni che provenienti dall esterno del Comune: non più carta tra un ufficio e l altro, non più commessi che trasportano carta; l uso della firma elettronica, della posta certificata, del fax virtuale, l archiviazione ottica sostitutiva per l eliminazione progressiva degli archivi cartacei. Il bisogno primario (prima ancora dell eliminazione della carta) è quello di avere a disposizione di ciascun posto di lavoro (la rete ne conta 1500 anche se non tutti destinati a dipendenti comunali) i fascicoli virtuali da consultare per poter soddisfare il cittadino da qualunque postazione abilitata, al fine di minimizzare i tempi di spostamento del cittadino, minimizzare i tempi di comunicazione tra posti di lavoro, minimizzare l occupazione di spazio fisico per l archiviazione cartacea, eliminare la necessità del ruolo del commesso. L utilizzo in forma digitale di un documento durante il suo iter procedurale, diminuisce notevolmente il numero di processi, e dunque il tempo e le risorse umane necessari alla sua elaborazione: non più stampe, non più fotocopie, non più archiviazioni e ricerche manuali. L archiviazione digitale dei documenti e delle pratiche permette, infine, di dare la possibilità al cittadino, al professionista, all azienda, agli altri enti di accedere a quei documenti e a quelle pratiche via internet. Per alcuni archivi questo è già possibile, ma l obiettivo è renderlo possibile per tutti. Un ulteriore obiettivo del progetto è la riduzione del numero di certificati che tuttora l Anagrafe comunale è costretta ad emettere; stiamo proponendo ai vari enti territoriali una convenzione specifica per accedere on line alle informazioni anagrafiche del cittadino ed evitare con ciò la richiesta del certificato là dove è possibile

6 2 ELABORAZIONE DEL PIANO 2.1. La progettazione ha coinvolto: (sono possibili più risposte) utenti (interni/esterni) del servizio/processo di lavoro su cui si interviene altri portatori di interesse responsabili del settore/dei settori su cui si interviene X personale del settore/dei settori su cui si interviene X personale che sarà impegnato a realizzare l intervento X altro: Prefettura, Provincia di Prato, Comuni della provincia e altri enti pubblici, Specificare come è stato garantito tale coinvolgimento: Attraverso la definizione di un progetto trasversale voluto dalla Direzione Generale che garantisce a tutti i partecipanti anche un compenso economico extra sulla base dei risultati che verranno raggiunti. E stato costituito, inoltre, un gruppo di addestratori che avrà il compito di affiancare i dipendenti durante la fase di avvio al fine di insegnare l uso degli strumenti e risolvere di volta in volta le problematiche organizzative che inevitabilmente nasceranno. Successivamente il Comune ha proposto alla Prefettura di estendere il progetto anche agli altri Enti pubblici del territorio. La Prefettura ha convocato una conferenza tra tutti gli enti pubblici del territorio e avviato un tavole tecnico con la finalità specifica di definire un protocollo tra gli enti partecipanti per la dematerializzazione In fase di progettazione ci si è avvalsi dei seguenti elementi di analisi del problema (indicatori di criticità): (sono possibili più risposte) dati di indagine sugli utenti o stakeholder (specificare quali): dati di funzionamento (specificare quali): X Altro (specificare) La tecnologia a disposizione degli enti è molto evoluta, il livello di informatizzazione alto, ma molta potenzialità resta inutilizzata per la difficoltà a cambiare i comportamenti; l uso della corrispondenza su carta si sovrappone all uso dell ed il fax sembra avere una maggior valenza del documento digitale, rendendo farraginose le procedure e allungando notevolmente i tempi necessari per la comunicazione interna. Il Codice dell Amministrazione digitale stenta ad essere conosciuto e applicato. Grazie alla partecipazione ad alcuni progetti europei, abbiamo messo a punto la tecnologia necessaria all introduzione della firma digitale. Una duplice occasione di carattere tecnico ha convinto gli Amministratori a varare il progetto: 1. la necessità di rinnovare tecnologicamente il parco fotocopiatrici 2. l assegnazione di un badge con chip a tutti i dipendenti Questo progetto è stato ritenuto valido ed è stato condiviso da tutti gli enti del territorio - 6 -

7 TERZA SEZIONE CARATTERISTICHE DELL INTERVENTO 1 GLI OBIETTIVI 1.1 Con l intervento si punta ad un miglioramento principalmente nell area: (scegliere l area di interesse prevalente e indicare minimo una risposta nell area scelta) del contesto: integrare le amministrazioni valorizzare la comunità rinnovare il rapporto centro/periferia del problema: cogliere le esigenze degli utenti interpretare la missione analizzare la situazione, definire obiettivi X della soluzione: X coinvolgere il personale X utilizzare tecnologie e metodi gestire le risorse economiche del risultato: controllare i risultati valutare gli effetti consolidare e diffondere le buone pratiche 1.2 L intervento si basa prioritariamente su: (una sola risposta) innovazione nelle modalità di applicazione di norme di legge ottimizzazione nell uso delle risorse umane e/o materiali per ottenere maggiore efficienza (es. risparmi) gestione innovativa di funzioni per valorizzare le risorse umane, per responsabilizzare i ruoli direttivi, per sviluppare una cultura organizzativa orientata ai risultati, ecc. modifica dei processi organizzativi per migliorare la gestione modifica dei ruoli per migliorare il benessere del personale modifica delle modalità di erogazione dei servizi e della relazione con i clienti X altro (specificare) cambiare i comportamenti utilizzando al meglio le risorse strumentali per ottenere risultati di maggior efficienza e ridurre i tempi di erogazione dei servizi inducendo economie di gestione; la dematerializzazione induce una diminuzione drastica di ore di lavoro amministrativo e velocizza tutti i processi 1.3 Descrivere gli obiettivi Obiettivi generali (finalità cui mira globalmente il piano) Annullare i tempi di trasferimento dei documenti, sia all interno dell ente che all esterno dell Ente, riducendo i tempi di espletamento delle pratiche e riducendo il personale necessario allo spostamento e al loro trattamento. Eliminazione della modulistica cartacea. (dematerializzazione) - 7 -

8 Avere a disposizione di tutti i posti di lavoro tutti i documenti necessari e quindi potenzialmente erogare qualunque servizio da qualunque sportello della città, anche non strettamente comunale (delocalizzazione) Eliminare gli archivi cartacei recuperando spazio prezioso sia nell ambito di ciascun ufficio che nella sede dell Archivio Generale Facilitare la comunicazione tra gli enti grazie all uso della posta elettronica certificata e non e della firma elettronica. Ridurre il numero dei certificati anagrafici grazie al collegamento con gli archivi anagrafici di tutti i Comuni della provincia di Prato. Obiettivi specifici (obiettivi operativi in cui è possibile scomporre l obiettivo generale, anche in relazione alle diverse fasi di realizzazione previste, compresa la descrizione delle realizzazioni previste) All interno dell amministrazione tende a questi obiettivi specifici: 1. sostituzione di 70 fotocopiatrici tradizionali con altrettanti multifunzione (scanner+stampanti) collegate in rete; addestramento all uso delle stesse; le fotocopie diventano così immagini digitali non più da stampare ma da spedire via (tramite il pannello della fotocopiatrice) o da archiviare su una cartella del server a disposizione dell ufficio competente. Con il tempo le fotocopie dovrebbero diventare inutili. 2. Sostituzione dei 150 fax installati presso gli uffici comunali con il fax virtuale : i fax in ingresso verranno trasformati in e giungeranno al destinatario nella sua casella di posta; i fax in uscita partiranno direttamente dal proprio PC verso la casella del fax virtuale per giungere alla destinazione finale come normali fax (se fuori del Comune). All interno del Comune l uso del fax diverrà superfluo da subito e sarà sostituito in tutto e per tutto dalla posta elettronica che coniugata con la firma elettronica potrà soddisfare ogni esigenza 3. Distribuzione della firma elettronica forte (valida anche per l esterno, rilasciata dalla nostra stessa Amministrazione delegata a ciò da azienda fornitrice di firma elettronica ) tramite l aggiornamento degli oltre 1087 badge dotati di chip utilizzati dai dipendenti per la presenza (cui si aggiungono quelli in uso a personale con altro tipo di rapporto). La firma coniugata all e ai documenti office permetterà di eliminare ogni documento cartaceo nella corrispondenza interna. 4. archiviazione ottica sostitutiva di una prima tipologia di documenti individuata nelle fatture che annualmente il Comune di Prato processa; le fatture verranno rese digitali e disponibili agli uffici in formato pdf per il loro successivo trattamento e poi inoltrate all archiviazione ottica sostitutiva che ne permetterà la distruzione dell originale. 5. inoltro informatico di alcune richieste interne attualmente su modulistica cartacea (ferie, richieste di manutenzione ordinaria,..) A questi si aggiungono gli obiettivi specifici rivolti agli enti esterni: 1. stesura di un protocollo tra gli enti territoriali per l attuazione di misure concrete verso la materializzazione da attuarsi in tempi rapidi e definite da un apposito gruppo tecnico 2. riduzione del numero di certificati anagrafici richiesti dagli enti territoriali. 1.4 Descrivere i risultati attesi Descrivere i cambiamenti/impatti attesi sui destinatari intermedi e finali dell intervento come conseguenza del raggiungimento degli obiettivi del Piano di miglioramento a) eliminazione della carta nella corrispondenza interna che per il momento non porterà ad una vera riduzione dell uso della carta (perché purtroppo ancora il documento digitale viene stampato per essere letto) ma il vero beneficio sarà nella contrazione dei tempi e nella disponibilità dell informazione raggiungibile in tempo reale da qualunque postazione: Indicatore: 3 gg è il tempo attualmente necessario per far giungere una lettera da un servizio all altro gg ridotti a 1-8 -

9 Indicatore: 30 gg è il tempo medio attualmente necessario dall arrivo di una fattura alla sua registrazione ed elaborazione ridotti a 7 gg (il tempo necessario alle Poste per effettuare l archiviazione ottica sostitutiva e a noi per caricarla automaticamente sul registro delle fatture) b) Possibilità di effettuare il telelavoro soprattutto per la dirigenza che potrà esaminare le pratiche in qualunque ufficio si trovi e da qualunque postazione anche in trasferta riducendo i tempi di attesa delle pratiche stesse c) Possibilità per il cittadino, soprattutto professionista, di visualizzare in futuro i documenti ridotti in formato ottico senza bisogno di recarsi all archivio Generale e senza spostarsi nella città. Questo beneficio sarà apprezzabile solo nella seconda fase del progetto quando, per esempio, passeremo all archiviazione ottica delle concessioni edilizie. Il beneficio sarà doppio: del Comune che risparmierà un archivista, del cittadino che risparmierà ore di tempo e spostamenti in auto. d) Eliminazione di tutte le attività collegate alla ricezione/spedizione, fotocopiatura, archiviazione e ricerca dei documenti cartacei Indicatore: 1 ora è il tempo medio attualmente necessario per processare un documento cartaceo in arrivo o in partenza 5 minuti a documento Indicatore: 1 g è il tempo medio attualmente necessario per ottenere sulla propria scrivania un fascicolo da ricercare nell archivio caratceo gg ridotti a 0 e) Risparmio di spazio grazie all archiviazione ottica sostitutiva dei documenti: Indicatore: 1 mt lineare di scaffalatura ogni documenti solo spazio disco f) Miglioramento generale del funzionamento della struttura attualmente dislocata su un numero considerevole di sedi e pertanto fortemente penalizzata nella comunicazione tra uffici, difficilmente quantificabile ma facilmente intuibile. Ugualmente non è facile calcolare il tempo generale risparmiato nella gestione quotidiana degli uffici ma facilmente intuibile dal confronto delle operazioni necessarie nelle due modalità: a. Modalità cartacea: scrittura del testo stampa su carta firma del dirigente fotocopia della lettera firmata per l archivio della posta in partenza consegna al commesso perché la porti al Protocollo oppure invio fax presa in carico da parte del commesso del servizio di destinazione (non presente in caso di fax) arrivo al servizio destinatario e fotocopia per archiviazione consegna al dirigente responsabile tempo operativo(esclusa l operazione 1) = 1 ora tempo conclusione = 3 gg b. modalità digitale 1. scrittura del testo 2. firma elettronica - 9 -

10 3. 4. archiviazione nell apposita cartella elettronica del gestore documentale o del file system invio via mail e arrivo sulla casella del destinatario tempo operativo (esclusa l operazione 1) = 5 minuti tempo conclusione = 5 minuti tolto il tempo necessario alla scrittura che è uguale i entrambi i casi, posiamo calcolare un risparmio di tempo lavorativo di almeno 1 ora tra una modalità e l altra (e di almeno 3 gg di tempo di conclusione). Non esiste un conteggio esatto del numero di lettere, note, relazioni, autorizzazioni che vengono inviate tutti giorni dai vari uffici verso tutti gli altri (in particolare quelli di staff: Direzione generale, Ragioneria, Personale, Segreteria, organizzazione, manutenzione ordinaria, sistema informativo ) ma abbiamo valutato verosimile l inoltro di almeno 4 documenti al giorno da parte di ognuno dei 51 servizi, per un totale annuo di circa documenti Indicatore: ore (circa 35 dipendenti) è necessario alla struttura per la modalità cartacea quelle necessarie alla modalità digitale il tempo complessivamente ore (circa 3 dipendenti) g) Comunicazioni più rapide con gli Enti esterni: la corrispondenza tra enti in via informatica diminuirà i tempi necessari ad espletare pratiche e semplificherà la vita al cittadino h) Il collegamento in rete tra le anagrafi e gli enti autorizzati ridurrà il numero di certificati anagrafici: Indicatore: attualmente il Comune di Prato rilascia certificati anagrafici l anno il numero si ridurrà di almeno 5000 unità per il Descrivere il prodotto finale dell intervento Descrivere cosa si intende realizzare per raggiungere i risultati attesi. Dotare tutti i dipendenti di firma elettronica forte. Indicatore: 30 sono i dipendenti attualmente in possesso di firma elettronica forte saranno i dipendenti in possesso di tale firma cui occorre aggiungere il personale con diverso rapporto di lavoro (circa 200) Sostituire le fotocopiatrici normali con fotocopiatrici multifunzione in grado di lavorare come scanner-stampanti collegate in rete Indicatore: 75 fotocopiatrici Disinstallare almeno 100 dei 150 fax istruendo ognuno dei 51 servizi comunali all uso del fax virtuale Indicatore: 150 sono le apparecchiature fax attualmente installate ne resteranno solo 50 tra 12 mesi e tenderanno a zero Effettuare l archiviazione ottica sostitutiva delle fatture e note di credito. Questa attività svolta dal fornitore del servizio di archiviazione ottica, permette il trattamento automatico delle fatture le quali, corredate dei dati necessari alla loro elaborazione, verranno inserite automaticamente sul bilancio senza lavoro manuale Indicatore: (corrispondenti a 15 dipendenti) le ore stimate per il loro trattamento cartaceo (arrivo dal P.G., fotocopiatura e archiviazione presso il servizio, inserimento dati, invio in Ragioneria, fotocopiatura e archiviazione, invio all archiviazione storica) le ore saranno sostituite dal costo di 1 a fattura per un totale di (costo di 1 dipendente) con grande risparmio;

11 Realizzare procedure per l inoltro automatico di alcune richieste interne ora su modulo cartaceo: Indicatore: 3 procedure saranno dematerializzate : richiesta ferie, richieste al global service, richieste assistenza informatica scompariranno circa moduli di carta Stipula di singole convenzioni con gli enti territoriali autorizzati per l accesso agli archivi anagrafici. Indicatore: stipula di almeno 3 convenzioni con altrettanti Enti Pubblici territoriali Riduzione del numero di certificati anagrafici richiesti dagli enti del territorio: Indicatore: attualmente il Comune di Prato rilascia certificati anagrafici l anno il numero si ridurrà di almeno 5000 unità per il 2009 Stipula di un protocollo tra gli enti pubblici territoriali per l attuazione di misure concrete verso la dematerializzazione da attuarsi in tempi rapidi e definite da un apposito gruppo tecnico Indicatore: numero enti pubblici firmatari del protocollo almeno 10 enti pubblici

12 2 LE ATTIVITA PREVISTE 2.1. Descrivere le fasi e le attività con indicazione degli output attesi e dei relativi indicatori di realizzazione per ciascuna attività Fasi Attività Output attesi Indicatori di realizzazione Sostituire le 75 fotocopiatrici con il noleggio di 75 Diminuizione multifunzione (scanner + stampanti) da installare collegate alla rete del consumo Diminuzione del 10% del informatica comunale. Le 75 nuove multifunzione permetteranno il consumo di carta per il recupero di almeno 40 stampanti. Non verrà attivata la funzione fax in primo anno (da a quanto si intende eliminare questo tipo di apparecchiatura fogli) 1. Sostituzione fotocopiatrici di carta e incremento di documenti digitali Scannerizzazio ne di alcuni archivi cartacei 7500 contratti cimiteriali digitalizzati 2. sostituzione apparechi fax con il fax virtuale Effettuare opera di addestramento presso gli utenti dei 150 fax installati negli uffici comunali iniziando con l eliminazione totale dell invio dei fax all interno della struttura e uso del fax virtuale per riceverli e inviarli all esterno Incremento nell uso della posta elettronica interna Fax disinstallati = distribuzione della firma elettronica forte Acquisto dalla Camera di Commercio (vincitrice dell appalto fatto dalla Regione Toscana) delle firme forti: il Comune di Prato sarà autorizzato dalla Camera di Commercio a rilasciare ai propri dipendenti su sua delega la firma forte. Inizieremo con i Dirigenti ed i Responsabili di Servizio, per coinvolgere poi tutta la struttura Tutti dipendenti avranno firma forte i la Saranno distribuite almeno 1000 firme Saranno organizzati corsi di addestramento a gruppi omogenei di dipendenti : tutta la dirigenza, le posizioni e poi 1 o 2 dipendenti per servizio in grado di riferire agli altri Tutti dipendenti saranno i 15 gg di corsi (in totale)

13 4. archiviazione ottica sostitutiva Si intende iniziare con le fatture in ingresso: i fornitori saranno istruiti per farle giungere ad una casella postale corredate dei dati necessari. Verranno scannerizzate e una copia pdf sarà inviata all archiviazione ottica sostitutiva, l altra al servizio di competenza. Le fatture corredate da indici saranno prese in carico da un programma che le collegherà automaticamente al bilancio; il servizio di competenza dovrà dare solo l ok alla liquidazione e la Ragioneria emettere il mandato. istruiti all uso della firma Il processo di presa in carico, liquidazione, pagamento sarà completament e dematerializzat o documenti archiviati otticamente a norma di legge 5. dematerializz azione di alcune richieste interne Saranno realizzati moduli sw per la gestione di alcune tipologie di richieste interne: richiesta ferie, richieste al global service, richieste all assistenza informatica Non più moduli di carta inviati ai servizi di competenza (personale, manutenzione ordinaria, sistema informativo) Si elimineranno almeno moduli di carta Riduzione del numero di certificati Saranno stipulate singole convenzioni con gli enti territoriali per permettere l accesso on line ai dati anagrafici del cittadino ed eliminare così l esigenza della certificazione anagrafica Stipula convenzioni Collegamento on line Almeno 3 convenzioni con 3 enti pubblici Riduzione di almeno 5000 certificati per il primo anno

14 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione 2.2 Definire il livello di miglioramento atteso per ciascun risultato previsto Risultati attesi Indicatore (descrizione e unità di Target (vedi domanda 1.4) misura) Riduzione dei tempi di inoltro Giorni Attualmente 3 corrispondenza diventeranno 1 Riduzione del tempo medio giorni Attualmente 30 dall arrivo di una fattura alla sua diventeranno 7 liquidazione Diminuzione dei tempi necessari al Tempo medio - minuti Da 60 a 5 trattamento dei documenti diventati digitali Risparmio spazio archivio 1 mt lineare ogni documenti 1 mt Tutti i dipendenti avranno la firma n. dipendenti Almeno 600 entro la elettronica fine dell anno Dotare di scanner tutti i servizi n. di fotocopiatrici sostituite con 75 multifunzione Incremento della trasmissione Riduzione del numero dei fax Da 150 a 50 digitale dei documenti via Dematerializzazione procedure Procedure de materializzate 3 interne numero Accesso on line alle banche dati Numero convenzioni firmate 3 Riduzione numero certificati Numero certificati rilasciati in un Da a anagrafici anno Sviluppo della trasmissione digitale Numero enti firmatari della 10 tra enti convenzione 3 LE RISORSE UMANE COINVOLTE 3.1. Indicare se è prevista la costituzione di un gruppo di lavoro per la elaborazione e realizzazione del piano X Si No 3.2 Se si, indicare: N. componenti del gruppo di lavoro 30 Caratteristiche del gruppo di lavoro Ruolo Compiti Gg/impegno Dirigenti Coordinamento generale del 25 progetto Funzionari Analisi e reingegnerizzazione 100 delle procedure; diffusione Altro personale Addestramento e compiti operativi

15 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione 3.3. Indicare l eventuale apporto di altri soggetti (personale di altri uffici dell amministrazione (specificare numero, ruolo e funzioni) 5 dipendenti del servizio Protocollo con compiti operativi 1 dipendente Ragioneria con compiti di analisi_ 1 dipendente dell ufficio qualità totale con compiti di analisi e reports 4 LE PARTNERSHIP E LE COLLABORAZIONI 4.1. Indicare tipologia e modalità di collaborazione di eventuali partnership (altre amministrazioni, altri soggetti) Al progetto collaborano i seguenti Enti pubblici: Prefettura di Prato, Provincia di Prato, Comune di Montemurlo, Vaiano, Vernio, Cantagallo, Carmignano, Poggio a Caiano, Enti territoriali dello Stato (Ragioneria Generale dello Stato, Archivio Statale, Agenzia delle Entrate, ecc ) e altri Enti pubblici o gestori di pubblici servizi (Consiag, SORI, ACI, INPS, ASM, ) 4.2 Indicare se sono previste consulenze e quali sono le attività che saranno garantite dalla consulenza Non sono previste consulenze, il progetto sarà completamente realizzato con risorse interne 5 DIREZIONE E VALUTAZIONE 5.1. Indicare le modalità previste per il presidio dell intervento e il raccordo con i vertici dell ufficio/amministrazione Per quanto riguarda gli interventi di dematerializzazione previsti all interno dell A.C., un gruppo tecnico composto da Direttore Generale del Comune di Prato, Dirigente responsabile dell Organizzazione e innovazione, Dirigente del Sistema Informativo e Responsabile della Rete Informatica Comunale, seguirà il coordinamento del progetto, sulla base degli indirizzi fissati dagli organi politici nei documenti di programmazione economica (RPP e PEG). Per quanto riguarda gli interventi rivolti all esterno è stato costituito un tavolo di coordinamento a livello provinciale coordinato dal prefetto e composto da un rappresentante della Provincia di Prato, un rappresentante per ciascun Comune della provincia di Prato, un rappresentante degli enti pubblici statali dislocati sul territorio provinciale, un rappresentante di ciascuna utility. Gli aspetti operativi e gestionali sono seguiti da un gruppo di lavoro misto composto da 8 persone in rappresentanza dei predetti soggetti Descrivere le modalità di coordinamento delle attività Le attività interne al Comune di Prato sono coordinate dal direttore Generale attraverso apposite disposizioni. Le attività che riguardano gli Enti esterni sono coordinate dal Prefetto e attuate mediante la stipula di protocolli d intesa e/o convenzioni

16 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione 5.3 Descrivere le modalità previste per seguire l andamento delle attività nel corso della realizzazione e verificare gli eventuali scostamenti rispetto ai risultati attesi. Le attività saranno monitorate da parte del servizio Qualità Totale del Comune di Prato che verificherà con appositi report il raggiungimento dei valori attesi sugli indicatori previsti nel progetto. 5.4 Descrivere le modalità di comunicazione (interna ed, eventualmente, esterna) previste per far conoscere l intervento e i suoi esiti A conclusione di ciascuna fase prevista dal progetto, si procederà alla comunicazione interna mediante la INTRANET e alla comunicazione esterna tramite conferenze e/o comunicati stampa, pubblicazione sul sito del Comune e attraverso il sistema T-comunico (circa 40 schermi posizionati in vari luoghi pubblici della città che trasmettano notizie di pubblico interesse) 6 FATTORI CRITICI DI SUCCESSO Descrivere i fattori critici di successo dell intervento e cioè i principali problemi che si ritiene si dovranno affrontare per ottenere i risultati attesi dell iniziativa. Diffondere la cultura dell innovazione, superando l affezione del pubblico dipendente al documento di carta. Convincere la dirigenza ad assumersi le responsabilità conseguenti all applicazione di nuove modalità di azione. Incidere sull organizzazione del lavoro

17 Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione 7 ARTICOLAZIONE TEMPORALE DEL PIANO

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE IRIDE e un sistema integrato ed innovativo di Gestione Documentale. Si presenta come una piattaforma modulare che realizza da un lato il tracciamento e la esecuzione automatica

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM ECM Solution v.5.0 Il software per la gestione degli eventi ECM I provider accreditati ECM (sia Nazionali che Regionali) possono trovare in ECM Solution un valido strumento operativo per la gestione delle

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Commissione Ingegneria dell Informazione La Firma Digitale e La PEC Come Strumenti di Comunicazione Nell era digitale GdL:Ingg Luigi Di Santo Filippo Filippella

Dettagli

Comoda, sicura, conveniente. Legale.

Comoda, sicura, conveniente. Legale. Comoda, sicura, conveniente. Legale. 80.000 caselle attivate. E voi, cosa aspettate? InfoCert è il più importante gestore di Posta Elettronica Certificata. Legalmail è il servizio pensato per professionisti,

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Comune di Castelfranco di Sotto

Comune di Castelfranco di Sotto Comune di Castelfranco di Sotto Ufficio Ragioneria OGGETTO: Introduzione alla fatturazione elettronica presso il Comune di Castelfranco di Sotto L obbligo della fatturazione elettronica nei confronti della

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Manuale Operativo Pro-net

Manuale Operativo Pro-net Manuale Operativo Pro-net Protocollo Informatico a norme CNIPA Tutti i diritti riservati. Aggiornato alla rel. 9.11 A.P.Systems. S.r.l. Versione 1.3 Pagina n. 1 Introduzione alla Procedura La procedura

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Contenuti Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Le indicazioni e gli obiettivi fondamentali Gli scenari Il servizio di protocollo informatico in ASP del CNIPA Le check list Protocollo

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli