PROT. RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ****** ******

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROT. RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 ****** ******"

Transcript

1 PROT. RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 E BILANCIO PREVENTIVO 2014 ****** ****** 1

2 Care colleghe e cari colleghi, si è chiuso con il un anno estremamente significativo per l attività del nostro Ordine e per il suo futuro, con la definitiva entrata in vigore del D.Lgs n.155 che ridisegnando la geografia giudiziaria del territorio riferito al distretto della Corte d Appello di Torino colloca il nostro Tribunale al secondo posto, per ambito di popolazione, immediatamente dopo il Tribunale di Torino. Il bacino di utenza per popolazione residente dei n.10 Tribunali superstiti ( riferita al censimento 2011 ) è ora la seguente: TORINO IVREA CUNEO ASTI ALESSANDRIA NOVARA VERCELLI VERBANIA BIELLA AOSTA Le ultime settimane dell anno hanno visto il Consiglio impegnarsi in maniera intensa e mirata alla definitiva sistemazione della propria sede allocata presso i nuovi Uffici Giudiziari realizzati nell area Parco Dora Baltea in via Cesare Pavese n.4, al fine di consentire in maniera funzionale la loro utilizzazione fin dal concomitante integrale e definitivo trasferimento presso lo stesso immobile della Procura della Repubblica. Tale impegno è quindi inevitabilmente continuato anche nelle prime settimane del corrente anno ed è ancora in corso. 2

3 Al momento della redazione della presente relazione tutta l area così riservata al nostro Ordine è stata arredata ed è ormai pronta per la sua utilizzazione da parte di tutti gli iscritti, del Consiglio e non ultimi dei cittadini interessati dai servizi resi per obblighi istituzionali. L attività è stata svolta dando esecuzione ad un primo schema progettuale che ha riguardato la funzionalizzazione delle seguenti aree interne: a. archivio generale b. segreteria centrale c. segreteria di ricezione d. area lavoro riservata agli iscritti ed ai colleghi ospiti e. area attesa e mini ristoro f. saletta per assemblee e conferenze g. presidenza e sala consiliare h. area attività di mediazione. Tale primo e più rilevante intervento ha ricompreso altresì l installazione dei servizi gestionali ed informatici con implementazione di un server centrale e di singole e specifiche postazioni di lavoro con apparecchiature e materiale hardware e software di nuova acquisizione, con caratteristiche di massima affidabilità per l uso. Ulteriori interventi da realizzarsi nel corso del corrente esercizio 2014 sempre compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili per poi eventualmente proseguire nell anno successivo riguarderanno innanzitutto la realizzazione del sistema di copertura wi-fi interno di tutta l area in uso sia a favore degli iscritti che dei colleghi ospiti e alcune integrazioni mirate dell arredamento interno, privilegiando in ciò l inserimento e l allestimento di postazioni di consultazione e accesso a pubblicazioni e archivi librari. 3

4 Le riserve finanziarie disponibili per il nostro Ordine hanno consentito - e con molta probabilità consentiranno anche per il futuro - di affrontare tutti gli impegni di spesa già assunti ed ancora da assumere senza ricorrere a particolari contribuzioni straordinarie degli iscritti. E intenzione tuttavia del Consiglio dell Ordine di sottoporre alla valutazione dei propri iscritti specifiche iniziative di natura organizzativa finalizzate ad una migliore e più profittevole valorizzazione dei servizi resi anche eventualmente mediante la costituzione di una propria Fondazione secondo quanto ora specificamente previsto e consentito dall art.29 della Legge n.247 che prevede espressamente tra i compiti e le prerogative del Consiglio dell Ordine quella di costituire o aderire ad associazioni, anche sovranazionali, e Fondazioni purchè abbiano come oggetto attività connesse alla professione o alla tutela dei diritti. Fatte queste doverose premesse per meglio rendere edotti tutti gli iscritti della nuova dimensione in cui l Ordine ed il suo Consiglio hanno iniziato e continueranno ad operare nel futuro va innanzitutto segnalato che il Consiglio ( su indicazione del proprio Tesoriere in ciò supportato dal professionista esterno incaricato della gestione della contabilità dell Ordine ) ha ritenuto opportuno procedere ad una diretta ed immediata patrimonializzazione dei costi e degli oneri sostenuti ed ancora da sostenere per l acquisizione di beni e servizi finalizzati alla realizzazione ed al completamento dell attività già descritta, trattandosi di costi la cui utilizzazione non è sicuramente limitata nel tempo; con ciò sostanzialmente posizionando una parte della componente della voce attivo circolante dello stato patrimoniale nella voce immobilizzazioni materiali, ma senza comunque alterare la struttura dello stato patrimoniale secondo il dettato ripreso dall art.2423 ter c.c 4

5 Il criterio così adottato è tale da non produrre effetti sul conto economico annuale, che continua e continuerà a rispecchiare fedelmente i ricavi ed i costi di esercizio, unitamente ai proventi ed oneri finanziari, ed alle eventuali rettifiche, secondo le prescrizioni poste dagli artt.2425 e 2426 c.c.. Fatte queste premesse - non smentendo neanche in tale particolare circostanza storica che investe il nostro Ordine la consolidata tradizione di corretta ed oculata gestione delle risorse finanziarie messe a disposizione dai propri iscritti va segnalato che anche l ultimo esercizio chiuso al presenta un risultato di gestione ante-imposte positivo, anche se non in misura rilevante come invece manifestatosi negli ultimi anni precedenti. Va detto comunque che la necessità di perseguire una doverosa politica di equilibrio di bilancio è ormai non più eludibile per effetto della disciplina specificamente dettata dalla Legge n.247 riguardante la Nuova disciplina dell Ordinamento della Professione Forense entrata in vigore in data , il cui art.29 stabilisce che la gestione finanziaria e l amministrazione dei beni dell Ordine spettano al Consiglio, che provvede annualmente a sottoporre all assemblea ordinaria il conto consuntivo ed il bilancio preventivo. Per provvedere alle spese di gestione e a tutte le attività indicate nel presente articolo e ad ogni altra attività ritenuta necessaria per il conseguimento dei fini istituzionali, per la tutela del ruolo dell avvocatura nonché per l organizzazione di servizi per l utenza il Consiglio è autorizzato a fissare e riscuotere un contributo annuale o contributi straordinari da tutti gli iscritti a ciascun albo, elenco o registro L entità dei contributi è fissata in misura tale da garantire il pareggio di bilancio del Consiglio. ; con l ulteriore necessaria istituzione poi a partire dalla formazione del prossimo Consiglio da eleggere nel mese di gennaio 2015 di un revisore unico a cui l art.31 della Legge affida il compito di verificare.la 5

6 regolarità della gestione patrimoniale riferendo annualmente in sede di approvazione del bilancio. Ciò detto, va quindi rilevato che l utile di esercizio per l anno 2013 è risultato pari ad 354,00 concretizzatosi però - al netto delle imposte dovute per 659,00 - in un disavanzo di gestione di 305,00. Si tratta di un risultato va doverosamente segnalato fortemente caratterizzato ed influenzato da una parte dall incremento dell onere annuale di contribuzione al Consiglio Nazionale Forense ( passato da 5.766,00 dell esercizio 2012 ad 8.720,00 dell esercizio 2013 ) e dei costi complessivi per manutenzione del sito internet e assistenza ai servizi software ( passati da 2.814,00 dell esercizio 2012 ad 4.850,00 dell esercizio 2013 ). Dall altra parte per effetto delle note vicende che ne hanno dapprima paralizzato l attività a valle della nota pronuncia della Corte Costituzionale ( sentenza n.272 depositata in data ) e poi rideterminato i limiti di attività con la riforma avviata nel mese di settembre i risultati conseguiti dall attività del nostro Organismo di Mediazione non hanno influenzato in termini di positività i risultati di bilancio nei termini già manifestatisi sia nel primo anno della sua attività ( il nostro ODM era infatti già operativo dal momento dell entrata in vigore della disciplina generale posta dal D.Lgs. n.28/2010 a seguito della iscrizione ottenuta nel Registro del Ministero della Giustizia ottenuta in data ) che nell anno immediatamente successivo ( 2012 ). Infatti nel corso dell esercizio appena conclusosi l Organismo di Mediazione Forense così istituito dal nostro Ordine ha aperto soltanto n.84 procedimenti ( quasi tutti concentrati a partire appunto dal mese di settembre ) rispetto a n.187 iscritti nel 2012 e n.153 iscritti nel

7 ( Si segnala sul punto ancora una volta che l attività svolta a partire dall esercizio 2011 dall Organismo di Mediazione si sostanzia in un attività di carattere lucrativo, in quanto remunerata ai sensi dell art.16 del Regolamento contenuto nel D.M n.180; e che non avendo il ns. Ordine optato fino ad oggi per la costituzione di un ente autonomo ma semplicemente per la costituzione di un dipartimento interno, la gestione contabile ed i risultati di essa vanno riferiti ai complessivi risultati di esercizio dell Ordine con la necessità comunque di perseguire un indirizzo di costante pareggio tra i costi ed i ricavi derivanti dall attività di mediazione i cui effetti vanno ad incidere sui risultati complessivi annuali di gestione dell Ordine. ) Per la dovuta specifica conoscenza da parte di ciascun iscritto della complessiva gestione dell attività dell Ordine si descrivono nei seguenti termini le principali voci dell attivo e del passivo oltre che del generale conto economico. 7

8 ENTRATE Come già detto il bilancio consuntivo 2013 vede un risultato positivo di gestione ( utile ) prima delle imposte di 354,00 rispetto ad un avanzo di gestione ante imposte conseguito nell esercizio precedente ( anno 2012 ) di ,00. L incidenza delle imposte dovute ( 659,00 ) ha però determinato un disavanzo di gestione di 305,00 ( al termine del precedente esercizio 2012 l avanzo netto di gestione è stato pari ad ,00 ). Il risultato conseguito è complessivamente così rappresentato: valore della produzione ,00 costi della produzione ,00 differenza tra valori e costi di produzione 305,00 proventi ed oneri finanziari 100,00 proventi ed oneri straordinari ( 51,00 ) risultato prima delle imposte 354,00 imposte correnti sul reddito fiscale ( 659,00 ) disavanzo di gestione ( 305,00 ) Nell anno 2013 le entrate sono state pari ad ,00 ( anno ,00 ) e sono state così determinate: quote di iscrizione agli albi ,00 ( precedente ,00 ) liquidazione parcelle 2.987,00 ( precedente 3.198,00 ) servizio fotocopie ,00 ( precedente ,00 ) contributi ad eventi formativi 886,00 ( precedente 780,00 ) rimborso polizza assicurativa 750,00 ( precedente 750,00 ) rimborsi spese telefoniche e fax 66,00 ( precedente 154,00 ) altre entrate ( uso toghe ) 348,00 ( precedente 420,00 ) 8

9 indennità per attività ODM ,00 ( precedente ,00 ) Il raffronto dei risultati conseguiti dalle attività tipiche dell Ordine nel corso del presente esercizio rispetto ai precedenti, continua a far emergere innanzitutto un dato ormai consolidato riguardante: a. la notevole diminuzione delle entrate derivanti dal servizio fotocopie : anno ,00 anno ,00 anno ,00 anno ,00 b. un consolidato ridimensionamento delle entrate derivanti dai diritti di liquidazione parcelle : anno ,00 anno ,00 anno ,00 anno ,00 c. l assoluta marginalità delle entrate per rimborso spese telefoniche e fax : anno ,00 anno ,00 anno ,00 anno ,00 e di quelle riguardanti gli altri servizi resi dalla segreteria ( toghe ) e la partecipazione degli iscritti di altri Ordini ai nostri eventi formativi. Come sempre una mera partita di giro è rappresenta dalla somma di 750,00 indicata quale rimborso parziale della polizza assicurativa per R.C. del Consiglio in quanto lo stesso importo così rimborsato dai singoli componenti trova la sua corrispondente voce di spesa nei costi sostenuti. 9

10 Una particolare considerazione va fatta per la voce riguardante le entrate derivanti dalle quote annuali di iscrizione. Esse infatti effetto evidente dell aumento progressivo del numero degli iscritti - continuano ad aumentare in misura costante: anno ,00 anno ,00 anno ,00 anno ,00 e ciò nonostante il Consiglio dell Ordine - anche per l anno 2013 non abbia ritenuto opportuno apportare modifiche all entità delle quote dovute per l iscrizione agli Albi, che quindi sono rimaste così invariate: avvocati cassazionisti 270,00 avvocati con oltre 5 anni di iscrizione 220,00 avvocati con meno di 5 anni di iscrizione 200,00 praticanti abilitati 100,00 praticanti semplici 60,00 Va detto comunque che alla data del gli iscritti risultavano essere i seguenti: avvocati cassazionisti n. 42 avvocati n.192 Totale n.194 praticanti abilitati n. 28 praticanti n. 37 Totale n. 65 e che già nelle prime settimane del corrente anno 2014 tali iscrizioni sono ulteriormente aumentate ( per effetto evidentemente del modificato ambito territoriale di attività del nostro Ordine ), raggiungendo alla data di riferimento del le seguenti entità: 10

11 avvocati cassazionisti n. 43 avvocati n.208 Totale n.251 praticanti abilitati n. 34 praticanti n. 35 Totale n. 69 Per quanto riguarda infine la voce di ricavi sul conto economico rappresentata dalle indennità percepite per l attività dell Organismo di Mediazione, va segnalato come la ripresa della attività manifestatasi a far data dal mese di settembre ha consentito di rilevare entrate sia di competenza dell esercizio stesso 2013 che dei precedenti esercizi 2011 e 2012 pari ad ,38 ( con ciò smentendo le quasi nulle valutazioni iscritte nel bilancio preventivo dell esercizio ), contribuendo altresì in misura determinante al raggiungimento del seppur minimale risultato positivo di esercizio ante imposte. Con particolare riguardo all attività propria dell Organismo di Mediazione va detto infine che nel corso dell esercizio la sua Segreteria ha dato particolare impulso alla consuntivazione dei compensi ed al recupero dalle parti inadempienti delle spese di avvio e delle indennità dovute per i procedimenti già avviati e conclusi dall inizio della sua attività. I risultati di tale complessa attività di riconciliazione hanno permesso quindi di acquisire i seguenti dati: anno 2011 indennità complessive dovute ,38 indennità complessive incassate ,57 crediti da incassare 7.496,81 anno 2012 indennità complessive dovute ,00 11

12 indennità complessive incassate ,12 crediti da incassare 3.889,88 anno 2013 indennità complessive dovute ,00 indennità complessive incassate 5.704,95 crediti da incassare 7.985,05 12

13 USCITE La maggiore voce di uscita è rappresentata dal costo del personale che segna un saldo di ,00 ( di cui ,00 per stipendi e contributi ed 2.550,00 per la quota di TFR maturata nel corso dell esercizio ). Più nel dettaglio si procede di seguito al commento delle altre principali voci di uscita. I costi per materie prime, sussidiarie e di consumo per 4.325,00 riguardano l acquisto di carta e materiale di cancelleria, marche e valori bollati ( nominalmente inferiore all importo complessivo di 6.404,00 registrato nell esercizio 2012 ). Nei costi per servizi pari a complessivi ,00 sono ricomprese le seguenti voci di spesa: oneri di manutenzione del sito internet e assistenza software 4.850,00 ( 2.814,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese per somministrazione energia elettrica 805,00 ( 796,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese per notifiche a mezzo Ufficiali Giudiziari 1.127,00 ( 812,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese per servizio call center difese d ufficio 230,00 ( 229,00 per il precedente esercizio 2012 ) contributo annuale per il Consiglio Nazionale Forense 8.720,00 ( 5.766,00 per il precedente esercizio 2012 ) polizze assicurative 1.762,00 ( 2.500,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese per servizi di telefonia / internet 1.130,00 ( 1.259,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese postali 13

14 2.890,00 ( 2.205,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese bancarie 293,00 ( 368,00 per il precedente esercizio 2012 ) spese di pulizia locali 254,00 ( 738,00 per il precedente esercizio 2012 ) oltre ai corrispettivi erogati al responsabile della sicurezza dei locali in uso presso il Palazzo Giusiana ( p.i. Giuseppe Cerbone ) per 1.510,00 ( 1.460,00 per il precedente esercizio 2012 ) alla società Torre S. Stefano per i servizi di gestione della contabilità e tenuta del libro paghe per complessivi 4.217,00 ( 6.069,00 per il precedente esercizio 2012 ) Il costo per godimento di beni di terzi è rappresentato come sempre dai canoni mensili corrisposti alla società Zia srl per il noleggio e la manutenzione delle n.3 macchine fotocopiatrici in uso all Ordine oltre al relativo materiale di consumo; il costo sostenuto nell esercizio 2013 pari ad 4.775,00 si è dimostrato inferiore rispetto a quello sostenuto nel precedente esercizio 2012 ( pari ad 5.771,00 ). Compongono infine la voce di costo classificata come oneri diversi di gestione pari nell esercizio a complessivi 7.509,00 ( notevolmente inferiori a quanto complessivamente accertato al termine del precedente esercizio 2012 per ,00 ) le seguenti componenti: la partecipazione ad eventi istituzionali 3.642,00 l organizzazione di convegni in sede 401,00 gli oneri conseguenti all attività di formazione 567,00 i contributi a manifestazioni non istituzionali 1.677,00 oltre all erogazione della liberalità di 1.000,00 a sostegno della famiglia del cancelliere dott. Rosario Palazzo prematuramente scomparso proprio nell estate del

15 Una particolare disamina va riservata alla componente di costo relativa all attività svolta dall Organismo di Mediazione così come gestita nel corso del presente esercizio. Nel presente esercizio sono state definitivamente saldati i compensi dovuti ai mediatori iscritti al relativo Elenco per l attività svolta con riferimento ai procedimenti iscritti negli anni 2011 e L art.19 del Regolamento di procedura di tale nostro Organismo di Mediazione, nel prevedere i criteri di determinazione delle indennità dovute per l attivazione della singola procedura di mediazione, prevede testualmente che il compenso del mediatore è determinato nella misura del 60% dell indennità complessivamente versata dalle parti all Organismo di conciliazione sulla base di quanto stabilito. Nei precedenti documenti di bilancio riferiti agli esercizi 2011 e 2012 si era provveduto in conseguenza dell avvio del servizio e della complessa attività di rendicontazione che aveva indotto l amministrazione dell Organismo a corrispondere parziali acconti sui definitivi corrispettivi dovuti a determinare per stima alla fine di ogni esercizio l importo dovuto a titolo di compensi per i servizi di mediazione, e quindi: per l anno ,00 per l anno ,00 Negli esercizi 2012 e 2013 sono state registrate a fronte dei progressivi acconti e dei saldi di attività definitivi corrisposti fatture emesse da parte di tali mediatori per complessivi ,00. La differenza di importo così accertata pari ad ,00 è stata conseguentemente iscritta a costo per compensi per i servizi di mediazione per il presente esercizio 2013; tale somma è stata quindi incrementata dell ulteriore importo di 5.931,00 stimato come dovuto agli stessi mediatori per l attività complessivamente svolta nel medesimo esercizio 2013 e non ancora oggetto né di fatturazione in acconto né ovviamente di fatturazione a saldo. 15

16 Molto marginale è poi risultata l incidenza sul generale conto economico dell Ordine degli ulteriori costi di gestione dell attività svolta dall Organismo di Mediazione, come sempre effetto della sua diretta conduzione da parte della stessa segreteria dell Ordine con l ausilio di un componente del Consiglio: spese postali 868,00 spese per polizza assicurativa 1.000,00 spese bancarie 192,00 per un totale di 2.060,00. 16

17 STATO PATRIMONIALE Esaurito l esame del bilancio consuntivo e venendo all analisi dello stato patrimoniale va osservato inizialmente che lo stesso presenta un saldo netto positivo pari ad ,00. L attivo patrimoniale di ,00 è così costituito: a. immobilizzazioni immateriali 5.177,00 b. immobilizzazioni materiali ,00 c. crediti verso iscritti e terzi ,00 d. crediti tributari 8.725,00 e. disponibilità liquide ,00 f. denaro e valori in cassa 467,00 g. ratei e risconti attivi 869,00. A commento delle voci principali che vanno così a comporre l attivo patrimoniale si rileva quanto segue: a. il valore delle immobilizzazioni immateriali è dato dai costi rilevati per l acquisizione di software in licenza d uso; b. il valore delle immobilizzazioni materiali è dato dagli acconti già corrisposti nel corso dell esercizio per l acquisto dei beni, attrezzature ed impianti per la nuova sede dell Ordine allestita presso la nuova sede degli Uffici Giudiziari sita in Ivrea, via Cesare Pavese n.4; c. i crediti verso iscritti e terzi sono rappresentati da quote annuali di iscrizione e costi di servizi erogati non ancora corrisposti da propri iscritti e dall ammontare di indennità e spese di avvio di procedimenti di mediazione dinanzi al proprio Organismo di Mediazione non ancora percepite dai soggetti terzi proponenti e/o aderenti; 17

18 d. le disponibilità liquide si riferiscono ai seguenti depositi bancari nella diretta disponibilità dell Ordine alla data del : conto corrente n presso Unicredit spa filiale di Ivrea, Corso Cavour n.30 ( attività ordinaria ) ,32 conto corrente n presso Unicredit spa filiale di Ivrea, Corso Cavour n.30 ( attività O.D.M. ) ,49 libretto di deposito a risparmio n presso Unicredit spa filiale di Ivrea, Corso Cavour n.30 ( fondo TFR ) ,29. Non sono presenti investimenti in strumenti finanziari. Il passivo patrimoniale è quantificato in complessivi ,00. Per quanto concerne le specifiche voci del passivo patrimoniale si segnala che: a. la somma di ,00 per trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato è quella indicata dal nostro consulente; b. le voci debiti verso fornitori ( ,00 ), debiti tributari ( 1.772,00 ), debiti verso istituti di previdenza ( 1.908,00 ) con la voce altri debiti ( 2.410,00 ) riguardano esclusivamente oneri contabilmente rilevati nel corso dell esercizio chiuso al ma la cui manifestazione finanziaria avverrà nell esercizio successivo. 18

19 BILANCIO PREVENTIVO 2014 Per quanto riguarda il bilancio preventivo per l anno 2014, va detto preliminarmente che tutte le previsioni di uscita e di entrata sono state effettuate sulla scorta dei dati storici e utilizzando criteri prudenziali. Si ritiene quindi possibile il raggiungimento del pareggio di bilancio preventivando entrate complessive pari ad ,00 così suddivise: a. entrate tipiche dell Ordine b. attività dell Organismo di Mediazione c. altre entrate e rivalsa spese intendendosi come è noto per entrate tipiche dell Ordine le quote annuali di iscrizione agli Albi e i diritti per liquidazione parcelle e per altre entrate le entrate ricorrenti collegate a servizi resi ( servizio fotocopie contributo ad eventi formativi rimborsi spese telefoniche e servizi di segreteria ). Si segnala doverosamente agli iscritti che nel corso dell esercizio 2014 verranno completate le spese già deliberate e autorizzate dal Consiglio dell Ordine nel corso dell esercizio 2013 per l arredo e la strutturazione del sistema informatico della sede inserita nei nuovi Uffici Giudiziari siti in via Cesare Pavese n.4: Tali spese come già segnalato in precedenza - rileveranno sulla strutturazione complessiva dello stato patrimoniale dell Ordine trovando idonea copertura con le disponibilità liquide ed i crediti esigibili entro il medesimo esercizio. Esse vengono così segnalate ai fini della presente relazione: A. saldo per fornitura arredi ,00 ( ditta C.F.L. srl con sede in Torino, via Santa Teresa n.15 ) B. saldo per fornitura materiale hardware e software ,00 ( ditta MGVIT srl, con sede in Ivrea, Corso Nigra n.9 ) 19

20 CONTO ECONOMICO PREVISIONALE ANNO 2014 A) VALORE DELLA PRODUZIONE 1) Entrate tipiche dell Ordine A. 1a) Quote di iscrizione albi A. 1b) Liquidazione parcelle ) Attività Organismo di Mediazione A.2.a) Indennità per mediazione ) Altre entrate e rivalse spese A. 5a) Servizio fotocopie A. 5b) Contributo eventi formativi 850 A. 5c) Rimborso parziale polizza ass. R.C. Consiglio 750 A. 5d) Rimborso spese telefoniche e fax 100 A. 5e) Altre entrate 300 TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE B) COSTI DELLA PRODUZIONE 6) Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci B. 6a) Acquisto carta e cancelleria B. 6b) Marche e valori bollati 100 B. 6c) Acquisto beni 500 7) Costi per servizi B. 7a) Manutenzione sito internet e assistenza software B. 7b) Spese per energia elettrica B. 7c) Notifiche per Ufficiali Giudiziari B. 7d) Call center difese d ufficio 500 B. 7e) Contributo C.N.F. e Coordin. Ordini Forensi Minori B. 7f) Polizze assicurative

21 B. 7h) Spese per telefonia B. 7i) Spese contabili e tenuta libri paghe B. 7l) Compensi a terzi responsabile della sicurezza B. 7m) Spese postali B. 7n) Spese bancarie B. 7o) Spese per pulizia locali B. 7p) Spese per trasloco ) Costi per godimento di beni di terzi B. 8a) Noleggio e manutenzione fotocopiatrici e accessori ) Costi per il personale a) Personale dipendente c) Trattamento di fine rapporto ) Ammortamenti e svalutazioni a) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali ) Costi per attività di mediazione B.11.a ) Compensi per servizi di mediazione B.11.b ) Spese postali mediazione B.11.c ) Spese bancarie mediazione B.11.z ) Spese varie per attività di mediazione ) Oneri diversi di gestione B. 14a) Eventi istituzionali B. 14b) Partecipazione ed organizzazione convegni B. 14c) Formazione professionale B. 14 ) Contributi a manifestazioni non istituzionali TOTALE COSTI DELLA PRODUZIONE Differenza tra valore e costo della produzione ( A B ) 0 21

22 Fatte tali premesse, il Consiglio ha ritenuto sussistere la copertura finanziaria per affrontare tutte le spese che, ragionevolmente, è prevedibile che vengano effettuate nel corso dell anno appena iniziato, senza considerare eventi straordinari e imprevedibili. Al momento è possibile affermare che anche ove tali eventi straordinari ed imprevedibili dovessero verificarsi - sussistono disponibilità finanziarie adeguate a farvi fronte senza richiedere integrazioni ai colleghi. Prima di passare alla votazione per l approvazione dei bilanci, siamo a Vs. disposizione per eventuali chiarimenti e precisazioni. Ivrea, Il Presidente Avv. Mario Benni Il Consigliere Tesoriere Avv. Giancarlo Guarini 22

23 CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Sede Legale: Via dei Patrioti n. 12 IVREA (TO) C.F. e numero iscrizione: Partita IVA: Bilancio al 31/12/2013 Stato Patrimoniale Attivo Parziali 2013 Totali 2013 Esercizio 2012 B) IMMOBILIZZAZIONI I - IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 7) Altre immobilizzazioni immateriali TOTALE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI II - IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 4) Altri beni materiali 58 5) Immobilizzazioni in corso e acconti TOTALE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI TOTALE IMMOBILIZZAZIONI (B) C) ATTIVO CIRCOLANTE II - CREDITI 1) Crediti verso clienti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 4-bis) Crediti tributari esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 5) Crediti verso altri esigibili entro l'esercizio successivo 103 esigibili oltre l'esercizio successivo TOTALE CREDITI IV - DISPONIBILITA' LIQUIDE 1) Depositi bancari e postali Prospetto di Bilancio 1

24 CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Bilancio al 31/12/2013 Parziali 2013 Totali 2013 Esercizio ) Denaro e valori in cassa TOTALE DISPONIBILITA' LIQUIDE TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE (C) D) RATEI E RISCONTI Ratei e risconti attivi TOTALE RATEI E RISCONTI (D) TOTALE ATTIVO Stato Patrimoniale Passivo Parziali 2013 Totali 2013 Esercizio 2012 A) PATRIMONIO NETTO I - Capitale VII - Altre riserve, distintamente indicate 1 Riserva da conversione in Euro 1 IX Avanzo (Disavanzo) di gestione TOTALE PATRIMONIO NETTO (A) C) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO D) DEBITI 6) Acconti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 7) Debiti verso fornitori esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 12) Debiti tributari esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 13) Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 14) Altri debiti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo TOTALE DEBITI (D) Prospetto di Bilancio 2

25 CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Bilancio al 31/12/2013 Parziali 2013 Totali 2013 Esercizio 2012 E) RATEI E RISCONTI Ratei e risconti passivi TOTALE RATEI E RISCONTI (E) TOTALE PASSIVO Conto Economico Parziali 2013 Totali 2013 Esercizio 2012 A) VALORE DELLA PRODUZIONE 1) Entrate tipiche dell'ordine A.1.a Quote di iscrizione albi A.1.b Liquidazione parcelle ) Attivita' organismo mediazione A.2.a Indennita' per mediazione ) Altre entrate e rivalse spese A.5.a Servizio fotocopie A.5.b Contributo eventi formativi A.5.c Rimborso parziale polizza assic.r.c. Consiglio A.5.d Rimborso spese telefoniche e fax A.5.e Altre entrate TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE B) COSTI DELLA PRODUZIONE 6) Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci B.6.a Acquisto carta e cancelleria B.6.b Marche e valori bollati 88 B.6.c Acquisto beni ) Costi per servizi B.7.a Manut.sito internet e assist.software B.7.b Spese per energia elettrica B.7.c Notifiche per ufficiali giudiziari B.7.d Call center difese d'ufficio B.7.e Contributo CNF B.7.f Polizze assicurative B.7.g Stampa albo professionale B.7.h Spese per telefonia Prospetto di Bilancio 3

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli