Città di Tortona Provincia di Alessandria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Tortona Provincia di Alessandria"

Transcript

1 Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Il Dirigente La Polizia Municipale ha il compito di far conoscere e rispettare le norme che regolano la convivenza civile all interno del Comune di Tortona, costituendo una istituzione riconosciuta dai cittadini e depositaria della fiducia degli stessi, ponendosi come primo referente sul territorio per la Amministrazione Comunale. Il servizio svolto dalla Polizia Municipale è orientato a garantire la migliore fruizione della città per i cittadini, favorendo la loro fruizione degli spazi e l utilizzo dei servizi dell ambito comunale. La Polizia Municipale si pone come obiettivo di essere un referente per la vita di tutti i giorni e per conoscere ed orientarsi nella città e nei servizi che questa offre. Il Corpo di Polizia Municipale, oltre ad essere un istituzione cittadina, è un organizzazione di persone che agiscono in modo omogeneo, a favore del rispetto delle regole di convivenza e per il bene della città, basando la propria missione su alcuni principî fondamentali e condivisi: Giustizia Imparzialità Disponibilità e spirito di servizio L operatore di Polizia Municipale è un importante punto di riferimento per la collettività, svolge i suoi compiti in maniera autorevole, dimostrandosi cioè preparato professionalmente e al contatto relazionale, capace di sviluppare le attività attraverso la migliore interpretazione delle situazioni e delle problematiche incontrate, applicando un approccio educativo e orientato a dare risposta ai bisogni della cittadinanza. Le modalità di azione e di intervento partono dall ascolto dei bisogni del cittadino, al fine di individuare soluzioni adeguate e orientate al benessere comune, indirizzando ai servizi ed alle possibilità d uso della città con una funzione di aiuto e di supporto costante. Struttura e Aree di Servizio Il Settore Polizia Municipale realizza attività e interventi specifici al fine di garantire l ordinato svolgimento delle seguenti attività: controllo della mobilità e sicurezza stradale; tutela del consumatore, tutela della qualità urbana, tutela della vivibilità e della sicurezza. Esso infatti è nato come strumento proprio dell Amministrazione Comunale e la sua stessa organizzazione funziona come Settore interno all Ente Locale stesso. Nella sua complessa organizzazione la Polizia Municipale si caratterizza per Aree di Servizio, che costituiscono un riferimento per gli ambiti di intervento, entro le quali agiscono i diversi Nuclei Operativi specializzati. Comando di Polizia Municipale Via M. Anselmi 9/ Tortona (AL) -- Telefono FAX

2 Sicurezza stradale : si compone di attività di controllo esercitata sugli utenti della strada, volte a prevenire e reprimere i comportamenti che creano pericolo per la sicurezza e l'incolumità dei cittadini sulle strade, o che più immediatamente ledono il diritto alla mobilità, e di azioni di regolamentazione e sostegno ad un più fluido scorrimento della viabilità locale. Le priorità di intervento sono sviluppate attraverso azioni mirate (eccesso velocità, semaforo rosso, uso del casco, uso telefono cellulare, cinture di sicurezza), in accordo con le strategie dell Amministrazione Comunale, basandosi sulle analisi dei fenomeni propri della mobilità locale e dei dati relativi alle componenti di rischio per gli utenti della strada. Sicurezza della città : le attività operative specifiche per la promozione di un sistema integrato di sicurezza. In tal senso la Polizia Municipale opera d'iniziativa ed anche in collaborazione con le altre Forze di Polizia, con gli altri Settori della Amministrazione Comunale e con le Istituzioni locali che si occupano di problematiche sociali che hanno impatto sul territorio in termini di sicurezza e vivibilità. Le specifiche azioni intraprese ad oggi sono state finalizzate a monitorare e contrastare la microcriminalità e fenomeni di disagio urbano, i centri occupati abusivamente, gli insediamenti di nomadi non autorizzati, ecc. La Polizia Municipale si impegna altresì, con tutte le risorse presenti sul territorio, a prevenire e controllare fenomeni di disturbo alla quiete pubblica, nonché a intervenire in situazioni di conflitto o che comportano problemi alla convivenza dei cittadini. Tutela del consumatore : le attività che la Polizia Municipale sviluppa con i propri nuclei specializzati di Polizia Commerciale, Polizia Edilizia e Polizia Ambientale, sono volte ad effettuare azioni di vigilanza e controllo per il rispetto delle vigenti normative di Settore, intervenendo sia d'iniziativa che in collaborazione con i Settori del Comune coinvolti per garantire la tutela del cittadino, come consumatore e fruitore di servizi, ma anche della collettività nel rispetto degli spazi comuni e dell ambiente. Come lavoriamo: Modalità e strumenti di lavoro Gli elementi distintivi delle modalità di intervento della Polizia Municipale si fondano su una articolata pianificazione degli interventi, delle risorse impegnate e delle zone coperte dai servizi, che, partendo dai piani strategici indicati dalla Amministrazione Comunale, fa riferimento alle esigenze emerse nell annualità precedente di servizio e nella contestualizzazione delle specifiche situazioni una complessa organizzazione dei turni e delle attività, che garantisce una copertura efficiente dei servizi per almeno 12 ore giornaliere aumentate a 18 nel fine settimana, nonché la capacità di intervento su situazioni eccezionali e d urgenza. una forte presenza su tutto il territorio, nell espletamento dei diversi servizi della Polizia Municipale, con particolare attenzione ai punti di interesse della collettività, garantendo la visibilità degli operatori e delle pattuglie, con effetto deterrente sui comportamenti scorretti e di catalizzazione dei bisogni delle persone utilizzo dello strumento sanzionatorio in maniera integrata con le azioni preventive ed educative utilizzo delle nuove tecnologie a supporto dei diversi ambiti di azione dei servizi una rete di punti e modalità di contatto diversificate, sia centralizzate che distribuite sul territorio, per incontrare la clientela e rispondere alle esigenze informative e di servizio. attività parallele di informazione pubblica e educazione civile, all uso della città ed alla conoscenza ed il rispetto delle regole che la amministrano, orientate e diversificate in base alle di diverse fasce di popolazione. gestione interna degli atti amministrativi, orientata alla trasparenza ed allo snellimento delle procedure. Pag.. 2

3 controllo e valutazione degli interventi realizzati e dei risultati ottenuti, per monitorare l efficacia delle azioni intraprese nell anno e per la progettazione ed il miglioramento dell anno successivo. Gli strumenti a disposizione della Polizia Municipale sono quindi molti ed articolati, per garantirne un più ampio e positivo effetto della presenza sul territorio urbano e dei servizi espletati; questi possono essere più e meno noti al cittadino, e comprendono: Presidio del territorio Azioni di educazione preventiva Soluzione ai problemi proposti dai cittadini Sanzioni dei comportamenti scorretti Approfondimenti per lo studio e la conoscenza dei problemi territoriali Azione continuativa di informazione Mediazione dei conflitti tra i cittadini Intermediazione con i servizi e i referenti della Pubblica Amministrazione Professionalità dell operatore di Polizia Municipale Essere un operatore di Polizia Municipale significa ricoprire un ruolo formale importante e riconosciuto sul territorio, ma lo stesso impone che le persone impegnate in tale funzione mettano in atto competenze fondamentali, costituenti una professionalità complessa e socialmente rilevante. È importante sottolineare che il ruolo richiesto dall istituzione formale deve essere giustificato e supportato, in modo informale, dalle capacità e dal comportamento delle stesse persone. Le componenti professionali principali possono essere così valorizzate: Capacità di mettersi in sintonia e creare comprensione reciproca, attraverso la relazione diretta con il cittadino, al fine di cogliere il cuore dei bisogni della persona e contemporaneamente trasmettere messaggi educativi forti. Modalità di rapporto basata sul rispetto reciproco, nei momenti di confronto con il cittadino, capace di realizzare una funzione rassicurante e riaffermare costantemente la fiducia riposta dai cittadini Competenza specifica di settore, attraverso conoscenza e capacità di interpretazione delle normative nazionali e locali, che riguardano la convivenza civile e la regolazione in generale delle attività sul territorio urbano. Conoscenza del territorio comunale, dei servizi e delle attività necessari e possibili per supportare e favorire la vita delle persone in città, per orientare ogni singolo cittadino alla miglior soluzione possibile. Disponibilità al servizio, intesa come capacità di essere sempre pronti ad intervenire, se chiamati o di fronte a necessità della collettività, ed agire secondo una logica non individualistica ma finalizzata al bene comune Presa in carico del problema del cittadino, ove l operatore si pone come rappresentante della Amministrazione pubblica e si propone di dare una risposta concreta e completa allo stesso, rispondendo a bisogni ed aspettative che questi ripone nell amministrazione comunale. Pag.. 3

4 Ufficio Centrale Operativa/Segreteria Ispettore Patrizia Marmo Violazioni inserite complessivamente al c.d.s. n Di cui con decurtazioni punti patente n.358 Totale punti elevati n Punti già trasmessi/applicati n. 721 Verbali elevati ai regolamenti com. E leggi varie n. 46 Ordinanze sindacali emesse n. 29 Importo complessivo incassato c.d.s. e reg.com./leggi varie dei quali ,00 con lettera ultimo avviso ,62 Importo incassato riproduzione atti 2.536,00 Importo incassato permessi ztl/apu 3.130,00 Importo incassato ruolo anni vari ,03 E stato predisposto ruolo cds relativo all anno e residuo 2010 Per un importo di 435,193,12 E stato predisposto ruolo relativo ordinanze Anno 2012 per un importo di 7.568,41 Veicoli rimossi per intralcio viabilità, ecc. n. 119 Verbali elevati art.187 n. 1 Verbali elevati art.186 n 3 Verbali elevati art.193 (assicurazione) n. 81 Veicoli rubati e restituiti n. 10 Patenti ritirate / restituite n. 50 Rilascio permessi ztl / apu n. 493 Vidimazione bolle trasporto uva/vino n. 221 Verbali di ritiro/consegna/presa visione documenti /ecc. n. 200 Oggetti rinvenuti e riconsegnati n. 60 Telefonate ricevute n Verbali elevati d ufficio n. 129 Delibere n. 3 Determine n. 99 Liquidazioni n.73 Totale atti transitati dal Comando n Pag.. 4

5 Vice Commissario Mariella Zunino Vice Commissario Massimo Ferrughelli Vice Commissario Fabio Traverso Viabilita pronto intervento La sottoscritta V. Comm. Zunino Mariella, in qualità di responsabile del Servizio Viabilità e Pronto Intervento, e a far data dal 07/06/2013 ( rif. Disp. Serv. N 5 del 07/06/2013 e nr. 6 del 27/06/2013) rapporta la seguente attività dell anno 2013, precedentemente nel periodo 1 gennaio giugno 2013 la responsabilità del servizio era in capo al Vice Commissario Mauro Di Matteo: Servizio esterno costituito da: Servizio di autopattuglia Pronto intervento come da servizi giornalieri finalizzato a controlli di Polizia Stradale ( rilevamento sinistri stradali, viabilità e problematiche relative alla circolazione stradale, gare ciclistiche, autotrasporto ) Servizio di controllo e coordinamento del personale esterno con particolare riguardo al servizi giornalieri assegnati ed in occasioni di manifestazioni varie. Servizio interno costituito da: Redazione comunicazioni Commissione Consigliare Partecipazione a Commissione Consigliare in qualità di segretaria Redazione/invio verbali Commissione Consigliare Inserimento/registrazione sinistri stradali con evasione pratiche infortunistica su programma Concilia Sinistri rilevati n. 200 di cui o Sinistri rilevati con danni a persone n. 62 o Invio informative relativi a sinistri stradali n. 9 o Invio segnalazioni a UCI per i veicoli stranieri n. 9 o Invio segnalazione a Ispettorato del Lavoro n. 3 o Invio richiesta per revisione straordinaria n. 2 o Identificazione di nr. 2 persone che a seguito sinistro stradale si davano alla fuga. Inserimento/registrazione sinistri stradali con feriti su programmo della Regione Piemonte (Twist) n. 62 Pratiche accesso atti: Accesso atti su sinistri stradali n. 256 Pag.. 5

6 Accesso atti per rapporti di servizio n. 83 Richieste danni da Ufficio Legale n. 75 Pratiche amministrative trattate n. 33 Inserimento a SDI n. 112 Assistenza a TSO in collaborazione con Uff. Ig. Mentale n. 3 Assistenza ad esecuzione di sfratti in collaborazione con Uff. Giudiziario n. 3 Il sottoscritto V. Comm. Ferrughelli Massimo, in qualità di referente del nucleo di pronto Intervento, come da determina dirigenziale n del ed a far data dal ( rif. Disp. Serv. N 12 del ) con incarichi di contenzioso e coordinatore controlli autotrasporto rapporta la seguente attività dell anno 2013: Servizio esterno costituito da: Coordinamento servizio controllo autotrasporto: Effettuati nel corso del 2013 circa 120 controlli a mezzi pesanti di cui n. 66 con cronotachigrafo digitale che hanno portato all accertamento complessivo di n. 69 violazioni relative al superamento del periodo di guida, inosservanza delle prescritte pause di guida ed omessi e/o incompleti riposi giornalieri e settimanali da parte dei rispettivi conducenti professionali, sanzioni relative alle Imprese inosservanti delle prescrizioni regolamentari sul lavoro e delle disposizioni sui tempi di lavoro, sanzioni relative alla mancanza del modulo di controllo delle assenze dei conducenti. Servizio interno costituito da: Ricorsi Giudice di Pace e Prefettura n. 93 ricorsi ( n. 75 innanzi Giudice di Pace e n. 18 alla Prefettura ) n. 93 controdeduzioni/memorie difensive n. 144 comparse in udienza Giudice di Pace n. 320 ore circa di impegno tra istruttoria, controdeduzioni, comparsa. Inserimento/registrazione sinistri stradali/evasione pratiche infortunistica Passaggi di Proprietà Denunce/querele Aggiornamento personale relativamente alle novità del CDS Vice Commissario Fabio Traverso, referente del nucleo di Polizia Giudiizaria e di repressione dell evasione dei tributi locali, nel corso dell anno 2013 risultano essere posta in essere dagli scriventi uffici la seguente attività : Pag.. 6

7 100 complessive comunicazioni di reato all A.G.; Tra queste 65 relative a persone note; 35 relative a ignoti; 57 ricezioni di smarrimento da parte di privati; 119 deleghe esterne da parte di altri Comandi,FFPP e Autorità Giudiziarie esterne; 4 arresti in flagranza di reato per rapina; 2 esecuzioni di misure cautelari disposte dall A.G. per il reato di maltrattamenti in famiglia; 25 sequestri penali di cui 3 in materia di stupefacenti; 12 sequestri amministrativi per attività inerente la sicurezza urbana (commercio non autorizzato su aree pubbliche, parcheggiatori abusivi,ect) ; Complessivamente 125 persone controllate in attività di controllo sul territorio; 5 segnalazioni ai servizi sociali; 3 segnalazioni qualificate all Agenzia delle Entrate per ipotesi di evasione fiscale. Relativamente alle persone note i dati elaborati evidenziano un sensibile incremento rispetto all attività svolta nel precedente anno solare (nro 48 segnalazioni). Le tipologie dei reati contestati possono così ripartirsi: Reati relativi al codice della strada (guida in stato di ebbrezza,omissione di soccorso, ect) : 10 cnr; Reati contro il patrimonio (rapina,furti,ricettazione ect.) : 20 cnr; Reati in materia di immigrazione : 10 cnr ; Reati contro la persona (atti persecutori,ect) : 5 comunicazioni di reato ; Altri : 20 Tra le comunicazioni di reato relative a persone note 59 riguardano persone maggiorenni e 6 minori. Per quanto riguarda l A.G. competente : 44 Tribunale Ordinario; 16 Giudice di Pace Penale; 6 cnr Tribunale dei Minori; Per quanto concerne gli ignoti il decremento delle denunce raccolte rispetto al precedente anno solare è spiegabile attraverso le disposizioni della Procura della Repubblica di Alessandria la quale ha disposto che le segnalazioni per danni occorsi ai veicoli vadano ricevute come esposti e non più come notizie di reato. Pag.. 7

8 Per quanto concerne l attività disposta o delegata dall esterno (Procure, altri Comandi P.M.,altri enti) va segnalata per rilevanza operativa l attività investigativa messa in atto di concerto con la Polizia Municipale di Savona in materia di favoreggiamento della prostituzione, tale attività, posta in essere a Tortona ha condotto alla perquisizione domiciliare di un cittadino domenicano e al contestuale sequestro di rilevante documentazione che ha permesso ai colleghi di Savona il sequestro di due appartamenti in cui era esercitato il meretricio e la denuncia di 4 persone all A.G. Attività Vice Commissario Mauro Di Matteo Predisposizione atti derivanti danneggiamento di cose private relative a sinistri: 85 Predisposizione atti relativi a richieste di periti assicurativi 51 Rapporti di servizio agenti P.M. Registrati 78 Richiesta informazioni o completezza atti per udienze uff. legale 48 Richiesta accessi atti utenti per istanze varie 57 Atti predisposti e non ritirati 49 Inserimento fatti SDI 16 Inserimento Incidenti programma archivio sinistri 14 Attività di organizzazione manifestazioni con personale 02 Dato udienza per problemi generali agli utenti 96 Ufficio Tecnico del Traffico, Nuove Tecnologie Il sottoscritto Vice Commissario Andrea Gastaldo, coadiuvato dal Vice Commissario Mauro Di Matteo a far data dal 7 giugno 2013 quale responsabile dell Ufficio Tecnico del Traffico a seguito di avvicendamento comunica di avere svolto la seguente attività costituita da attività di ufficio interne e sopralluoghi esterna inerente al suo ufficio ed al Comando: 1. Completa istruttoria (sopralluoghi, proposte, stesura definitiva pubblicazione) di 244 ordinanze viabilistiche temporanee per necessità di enti o privati in modo da assicurare il regolare svolgimento di manifestazioni e lavori; a cui sommare n 22 ordinanze permanenti curate dl mio predecessore; 2. Emissione di 248 pareri viabilistici per occupazioni temporanee di suolo pubblico per ponteggi, traslochi e/o lavori, manifetazioni in genere; Pag.. 8

9 3. Rilascio n. 13 pareri tecnici viabilistici per occupazioni temporanee/permanenti di suolo pubblico mediante strutture in genere, impianti pubblicitari ecc di cui due con richieste integrative correttive. 4. Rilascio n 16 pareri preventivi a privati per interventi, di cui tre con richieste integrative correttive proposti prima delle richieste agli uffici competenti al rilascio delle autorizzazioni per aperture passi carrabili e altro; 5. Rilascio n. 116 pareri tecnici viabilistici per formazione/modifica passi carrabili, recinzioni, cavalcafossi, collocazione tende da sole e impianti pubblicitari su suolo privato e per 6. Partecipazioni a riunioni su aspetti tecnici viabilistici e non convocate da Amministratori e Uffici comunali per un impegno complessivo di circa 60 h (Prefettura, Questura, Settore Lavori Pubblici, Settore Territorio e Ambiente, Giunta) 7. Seguito come delegato del referente dell Amministrazione la gestione del servizio della segnaletica stradale da parte della ditta Linea Segnaletica S.r.l. fino al e poi con ADIGEST S.r.l. nell ambito del contratto di multiservizi e predisposti gli atti necessari per impartire ordini nell esecuzione dei lavori. Numero ordini di lavoro cumulativi emessi Predisposti avvisi di cortesia per informazione all utenza di nuovi provvedimenti viabilistici; 9. Predisposti, proposti e/o attuati i seguenti progetti/attività significativi: Proposta di ordinanze e provvedimenti per attuare piano neve ; Inventario della segnaletica presente nel magazzino comunale a febbraio 2013; Nuova disciplina sosta in Piazza FIUME, rispetto a quella approvata nel 2012 non attuata, da attuare; Viabilità temporanea nell area nord del centro storico in occasione del rifacimento della pavimentazione di Via EMILIA; Sulla base del censimento della segnaletica stradale nell area di centro storico obbiettivo di settore 2012 nei tre mesi del 2013 si è proceduto alla sistemazione della segnaletica utilizzando le risorse nel magazzino comunale senza nuovi acquisti; Ripristino in condizioni di efficienza massime del sistema di videosorveglianza comunale a partire da marzo 2013 con suo ampliamento nei mesi successivi; Pag.. 9

10 Razionalizzazione e adeguamento della segnaletica verticale nei quartieri oggetto di intervento con segnaletica orizzontale con predisposizione di ordinanze permanenti; Gestione locale di esercitazione internazionale di protezione civile con riconoscimento per attività della Provincia di Alessandria, Olubria 2013 in Marzo con successivo riconoscimento al Comando. Analisi due proposte viabilità trasporto materiali TAV; Eventi di interesse della protezione civile seguiti: allarme ambrosia aprile, rinvenimento ordigno bellico aprile, caduta satellite 10 novembre, scosse terremoto del novembre, emergenza pioggia del 26 dicembre. Seguito progetto collocazione n 02 telecamere su aree pubbliche di privato in cessione gratuita al Comune come opere di urbanizzazione. 10. Predisposizione di risposte scritte a richieste di privati n 33 tramite protocollo + n 24 con di cui n 25 soddisfatte come richiestoci. Attuate anche n 03 richieste del 2012; 11. N 05 accessi atti specifici dell ufficio concessi e negati; 12. N 13 comunicazione ad altri enti; 13. N 15 nulla osta per gare ciclistiche professionistiche e non; 14. N 09 autorizzazioni per gare podistiche e pubblicità fonica; 15. Predisposizione di n 26 proposte alla Giunta con sette relazioni di cui tre con progetti viabilistici. 16. Data disponibilità e svolto lo scrivente la figura di referente per le problematiche connesse ai lavori pubblici che sono stati eseguiti in questo periodo costituendo punto di riferimento sia per la D.L. che per i responsabili dei vari cantieri stradali; nonché per l esecuzione della manutenzione del sistema di videosorveglianza; 17. Seguito i lavori di tracciatura della segnaletica orizzontale nei quartieri OASI, PAGHISANO BASSO, SAN BERNARDINO, CITTA GIARDINO eseguiti dalla ditta incaricata dal Comune nel periodo 13 maggio 30 settembre per un impegno di 5 h settimanali per un totale stimato per difetto di 40 h, impartendo disposizioni esecutive in merito quale delegato del referente dell Amministrazione; 18. Raccolte e smistate ai Settori, uffici o ditte competenti n. 138 segnalazioni tra cui 81 al Settore LL.PP, le altre a Gestione Ambiente e Gestione Acqua per servizi vari, Settore Territorio e Ambiente, verso altri enti (la diminuzione del numero è dovuta alla scelta di effettuare segnalazioni multiple settimanali tranne in caso di pericolo). Pag.. 10

11 19. Predisposizione degli atti necessari, sopralluoghi ed incontri atti ad assicurare il corretto svolgimento delle numerose manifestazioni n 125 che si sono svolte in città; N 52 manifestazioni organizzate, patrocinate del Comune e Associazioni con servizi; N 30 gare calcistiche con servizio predisposto da Questura; N 07 altre manifestazioni con servizio predisposto da Questura / elezioni e n 02 scioperi autotrasporto); N 10 gare ciclistiche (servizi su disposizione Questura: Milano-Sanremo, Giro d Italia, Giro dell Appennino) e podistiche con impiego di personale e segnaletica; N 26 processioni con relativi servizi. 20. N 44 autentiche firme per trascrizione atti di vendita beni mobili; 21. Molte delle problematiche non programmate di cui quotidianamente il Comando di P.M. viene interessato sono state affrontate dallo scrivente e detta attività ha comportato un notevole dispendio di tempo. Si stima per difetto che è stata data udienza a circa 296 cittadini per problematiche connesse alla viabilità, ma anche relative alla contestazione di violazioni. 22. Verifica spese relative ai veicoli sottoposti a sequestro amm.vo, fermo amm.vo, rimozione con i custodi giudiziari con verifica tabelle sui tempi di permanenza attraverso la ricognizione delle pratiche relative alle singole situazione e quindi verifica dei conteggi economici fino al 2013 incluso per un totale di n 76 situazioni. Per la prima volta nel 2013 non sono stati imputati costi per il deposito di veicoli rimossi, sequestrati amm.te, fermati amm.te, poiché tutti i titolai hanno provveduto al loro ritiro. Seguita sono una situazione ancora in corso. 23. N 26 controlli videosorveglianza comunale per indagini condotte per altre FF.PP. e n 02 per questo Comando su reati vari oltre verifica costante dello stato di funzionamento e attività di controllo sugli interventi della ditta manutentrice. Immagini utili per ricostruzione n 01 omicidio, n 01 rapina, n 1 sinistro stradale con lesioni. 24. Accolte n 21 denunce e redatti n 28 atti di polizia giudiziaria. All interno della attività di risposta alle istanze dei cittadini, accertamenti effettuati sulla segnaletica stradale hanno portato all individuazione di autori di reti contro bene immobile privato tutelato dalle Belle Arti con indagine in corso. Eseguite n 03 deleghe di altri Organi di Polizia. 25. Condotti accertamenti per n 01 decesso in abitazione. 26. Il Relazionante ha partecipato a due corsi di formazione presso la Provincia di Alessandria Servizio Protezione Civile ( Gestione della logistica in emergenza, Gestione delle emergenze nei grandi eventi di massa) in Alessandria per un totale di 84 h. Pag.. 11

12 Dal mese di Giugno 2013 è stato coadiuvato per la redazione e pubblicazioni di ordinanze temporanee, rilascio di pareri viabilistici per occupazioni temporanee di suolo e sopralluoghi esterni dal V.Com. DI MATTEO M.. Ho seguito nel fornire i dati lo schema degli anni precedenti per un raffronto omogeneo. Ordinanze 266 Temporanee 244 Permanenti 22 Pareri viabilistici 248 Nulla osta viabilistici 15 Autorizzazioni 9 Risposte scritte a richieste varie 57 Segnalazioni inoltrate ai settori Ed uffici competenti 138 Ordini e segnalazioni per segnaletica 86 Denuncie e atti P.G Controlli videosorveglianza Sopralluoghi eseguiti 126 Partecipazione a riunioni 50 Cittadini ricevuti 296 Accessi atti specifici 5 Attività Vice Commissario Mauro Di Matteo dal 7 giugno 2013: Istruttoria (con sopralluoghi, stesura definitiva pubblicazione) di 59 ordinanze viabilistiche temporanee per necessità di enti o privati in modo da assicurare il regolare svolgimento di lavori; Pag.. 12

13 Emissione di 94 pareri viabilistici per occupazioni temporanee di suolo pubblico per ponteggi, traslochi e/o lavori; Trasmissione uffici competenti di n 46 segnalazioni per anomalie di strutture, impianti, servizi pubblici; Trasmissione ufficio tecnico di n 9 segnalazioni di problemi a strutture (immobili) pubblici; Monitoraggio per carico massivo TAV Nel mese di giugno 2013 per quindici giorni consecutivi su disposizione di servizio richiesta di necessario monitoraggio dell'intersezione stradale S.S. 10 S.S. 35 C.so Cavour su quattro direzioni e altrettanti punti di registrazione nella cd Rotonda Liebig contabilizzando il transito dinamico di oltre 6000 veicoli al giorno. A fine registrazione successiva relazione e statistica parziale e totale per numero di veicoli, tipologia, flusso direzionale, carico crescente per singola direttrice nel doppio flusso. La contabilizzazione manuale è stata trasferita dal cartaceo al digitale con consegna dei dati registrati. Richiesta di analisi con valutazione dei dati. Ufficio vigilanza sul territorio e dal nucleo operativo frazionale Il sottoscritto V.Comm. di P.M. Di Stefano Orazio responsabile dell Ufficio Vigilanza sul Territorio comunica alla S.V. che, in collaborazione con l Isp. Marletta Vito e degli Assistenti Fossati Carlo, Migliora Massimo, Barigione Graziiano e Ag. Scelto Rampa Marcello suddivisi nei servizi di Polizia Annonaria e Amministrativa, Polizia Edilizia ed Ambientale e Nucleo Frazionale, nel corso dell anno 2013 è stata svolta la sotto elencata attività: 1. Eseguiti n.1611 accertamenti anagrafici su tutto il territorio comunale che hanno comportato circa 2500 sopralluoghi presso le abitazioni; 2. Eseguite n. 61 notifiche di Polizia Giudiziaria per conto delle varie Procure richiedenti; 3. Eseguite n. 40 deleghe per firma carta d identità presso le abitazioni dei richiedenti impossibilitati a recarsi presso l ufficio anagrafe; 4. Ricevute e valutate n. 6 comunicazioni di infortunio sul lavoro; 5. Emissione di 194 pareri viabilistici per occupazioni temporanee di suolo pubblico per tavolini e sedie, tavolini divulgativi iniziative varie e per propaganda politica; 6. Rilascio n. 5 pareri tecnici viabilistici per occupazioni permanenti di suolo pubblico mediante strutture annesse ai pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande; 7. Rilascio n. 8 pareri tecnici viabilistici per il rilascio di autorizzazioni ad emissioni sonore complementari all attività di somministrazione alimenti e bevande; Pag.. 13

14 8. Partecipazioni a riunioni su aspetti tecnici viabilistici convocate da Amministratori e Uffici comunali per un impegno complessivo di circa 20 h ; 9. Ricezione, istruttoria e distribuzione espositori per le tre edizioni 2013 del mercatino delle anticaglie Cantarà & Catanaj per un totale di n. 217 espositori; 10. Ricezione. istruttoria e controllo domande partecipanti alla Fiera e Festa di Santa Croce per un totale di n.231 domande con la conseguente sistemazione lungo il percorso fieristico di n.212 stends espositivi; 11. Ricezione. istruttoria e controllo domande partecipanti alla Festa della Madonna della Guardia per un totale di n. 59 domande con la conseguente sistemazione lungo il percorso fieristico di n. 61 stends espositivi; 12. Ricezione e istruttoria n. 40 domande con collazione di n. 45 attrazioni per il Luna Park 2013 in occasione della Fiera e Festa di Santa Croce; 13. Ricezione e istruttoria di n. 20 domande per installazione di spettacoli viaggianti occasionali; 14. Gestiti n. 157 mercati settimanali del mercoledì, venerdì e sabato per i quali è stato necessario rimuovere n. 36 veicoli lasciati in sosta; gestita la relativa lista di spunta di n. 108 commercianti con assegnazione complessiva di n.1330 posti che nel corso dei 105 mercati si sono resi disponibili per assenza degli aventi diritto che hanno prodotto un incasso TOSAP di ,00; 15. Gestiti n. 4 mercati occasionali per fiori e ceri dal 27 ottobre al 2 novembre 2013; 16. Eseguiti n. 9 accertamenti per Ufficio Attività Economiche; 17. Eseguito controllo e redatto verbale di chiusura per n. 9 lotterie; 18. Effettuati n. 50 controlli presso pubblici esercizi e negozi che hanno prodotto n. 2 sanzioni amministrative per irregolarità; 19. Eseguite n. 54 informazioni varie per la Camera di Commercio, INPS ed altri enti; 20. Effettuati n. 350 sopralluoghi di vario genere che hanno comportato la redazione di n. 90 rapporti di servizio e n. 106 segnalazioni agli uffici comunali competenti; 21. Elevate n. 20 sanzioni per violazioni a Regolamenti Comunali; 22. Gestiti i contatti con AIPA SpA per quanto riguarda la gestione del piano delle soste a pagamento con controllo della rendicontazione degli incassi, fatturazione dell aggio e conseguente liquidazione della spesa; 23. Predisposti o attuati i seguenti progetti: - Sicurezza Stradale al III Circolo e al San Giuseppe; - Percorso di educazione stradale e pedalata nel quartiere in collaborazione con la Direzione Didattica del III circolo di Tortona; Pag.. 14

15 24. E stato svolto il presidio presso le frazioni e presso le scuole di Rivalta Scrivia; 25. Raccolte e controllate n.160 comunicazioni per effettuazione saldi invernali ed estivi; 27. Raccolte e controllate n.70 comunicazioni per effettuazione di vendite promozionali; 28. Raccolte e controllate n.21 comunicazioni per effettuazione di vendite sottoscosto da parte di medie e grandi strutture di vendita e n. 2 comunicazioni per vendite di liquidazione; 29. Predisposte n. 8 determinazioni per accoglimento istante di pagamento rateale sanzioni amministrative; 30. Predisposte n. 8 ordinanze ingiunzioni di pagamento per sanzioni amministrative non pagate nei tempi previsti; 31. Effettuati n. 106 sopralluoghi edilizi e n. 136 sopralluoghi ambientali che hanno dato luogo a n. 15 comunicazioni di notizia di reato alla Procura della Repubblica e n. 157 segnalazioni agli uffici competenti; 32. Verificate n. 34 ordinanze sindacali in materia di ambientale, edilizia e igiene; 33. Verificate n. 37 ordinanze sindacali in materia urbanistica; 34. Verificate n. 35 diffide in materia ambientale e urbanistica; 35. Ricevute n. 115 segnalazioni su problematiche varie che hanno comportato altrettanti sopralluoghi; 36. Effettuate n. 34 autentiche firme per trascrizione atti di vendita beni mobili; 37. Il personale addetto al servizio ha data massima disponibilità al Comando per esigenze diverse dalle competenze specifiche dell ufficio attività questa che ha prodotto: collaborazione/rilievo di n. 25 sinistri stradali, l elevazione di circa 400 sanzioni per violazioni al Codice della Strada, controllo di circa 800 veicoli con conseguenti 12 sequestri amministrativi, servizio per gare ciclistiche, rappresentanza in cerimonie religiose (funerali) ecc.. Protezione civile Ispettore Rocco Diana Nell anno 2013, l attività svolta presso l Ufficio di Protezione Civile è stata la seguente: Attuazione del Piano Comunale di Protezione Civile: - applicazione della deliberazione programmatica ai sensi della L. R. 7/2003 e relativo regolamento di attuazione; - attuazione del regolamento comunale di Protezione Civile ai sensi della L. R. 7/2003 e relativo regolamento di attuazione; Pag.. 15

16 - aggiornamento Piano Comunale di Protezione Civile, prosecuzione lavori per approvazione definitiva; - predisposizione e partecipazione a 1 riunioni del Comitato Comunale di P.C., con preparazione del materiale richiesto; - attività per il completamento dei Sistemi di monitoraggio e controllo del territorio. Collegamento con il Gruppo Comunale Volontari di P.C. e coordinazione attività: - coordinamento e controllo; - effettuazione di 13 riunioni Gruppo Comunale Volontari di P.C.; - svolgimento di esercitazioni periodiche; - preparazione corso di base per Volontari Gruppo Comunale. Attività informative e formative: - gestione ed aggiornamento sito internet del Servizio Protezione Civile. Coordinamento del C.O.M. n 10 delle Associazioni e Gruppi Volontari di P.C. e coordinazione attività: - effettuazione di 12 riunioni con i responsabili delle Associazioni o Gruppi; - gestione convenzione con l Associazione Nazionale Alpini; - gestione convenzione con l Associazione Carabinieri in congedo; - gestione convenzione con l Associazione C. B. Pupo Emergenza Radio. Attività didattica: - continuazione e predisposizione progetto Scuola & Sicurezza ; - incontri didattici con gli alunni delle scuole cittadine (pubbliche e private) per un totale di 10 ore; - predisposizione corso Internet tutela minori rivolto ai genitori degli alunni degli Istituti scolastici di Tortona. Gestione dell attività ordinaria dell Ufficio (corrispondenza, pratiche, contatti con Enti ed Associazioni): - attività di corrispondenza con gli Uffici Provinciali, Regionali e della Prefettura ed altri Enti; - costanti contatti con la Provincia di Alessandria, la Regione Piemonte e la Prefettura di Alessandria; - costanti contatti con la Croce Rossa Italiana, con il Radio Club C.B. Pupo di Tortona, l Associazione Nazionale Carabinieri in congedo, l Associazione Nazionale Alpini, la Misericordia ed altre Associazioni di volontariato. Esercitazioni: partecipazione esercitazione internazionale INARMA. Pag.. 16

17 Attività cognitiva e preventiva sul territorio: - attività periodica di controllo del territorio comunale, in modo particolare dell alveo dei torrenti Scrivia, Grue, Ossona e Ossonella e delle attività industriali a rischio. Stati di attenzione: - valutazione e trasmissione di 44 stati di attenzione, con relativa attività di coordinamento. Interventi in emergenza: - piogge abbondanti; - nevicate abbondanti; - guasti acquedotto. Attività contabile: - gestione economato; - acquisizione preventivi e redazione di proposte di determinazioni. Gestione attrezzature e risorse: - controllo della funzionalità e della manutenzione dei mezzi e materiale in dotazione all Ufficio di P.C.; - bando Fondazione CRT Torino per acuisto autovettura; - acquisizione attrezzature e materiali per l attività del Gruppo Comunale Volontari; - organizzazione e sistemazione magazzino di Protezione Civile; - coordinamento lavori nuova sede del Gruppo Comunale e del magazzino di Protezione Civile. Attività di Polizia Municipale svolta oltre all attività assegnata all Ufficio di Protezione Civile nell anno Servizi Comando Polizia Municipale: - predisposizione Servizi mensili del personale di P. M.; - predisposizione dei Servizi giornalieri del personale di P. M.; - predisposizione e verifica dei conteggi degli straordinari, della indennità di turno, della indennità di reperibilità, del personale di P. M.; - redazione di proposte di determinazioni. Sistema di videosorveglianza Comando Polizia Municipale: - progettazione per implementamento impianto di videosorveglianza con nuovo sistema di lettura targhe; - progettazione per istallazione impianto rosso stop; - progettazione per istallazione impianto controllo velocità; Pag.. 17

18 - attività di verifica e controllo del ripristino e manutenzione del sistema di viedosorveglianza; - acquisizione preventivi e redazione di proposte di determinazioni. Attivita formativa Nel corso dell anno 2013 la partecipazione del personale all attività formativa è risultata fortemente condizionata dagli insistenti problemi di necessità di copertura dei servizi; va rilevato a questo fine che in non pochi casi la programmata partecipazione degli operatori a corsi di formazione è stata annullata per impellenti problematiche organizzative. Ad ogni buon conto gli operatori hanno partecipato a 16 incontri formativi complessivi, tra questi 3 organizzati da enti pubblici (Regione Piemonte e Provincia di Alessandria) e 11 da enti privati (istituti di formazione, OOSS,ect), 4 in house (compreso la Giornata di Studi patrocinata dal Comune di Tortona ) e 11 in sedi esterne. Nell ambito del Corso di Formazione Regionale di Aggiornamento per Operatori di Polizia Locale tenutosi a Valenza due operatori dei presenti uffici hanno sostenuto cone siti positivi l esame finale mentre un Coordinatore di Vigilanza, a conclusione del Master Regionale in Criminologia Applicata ha conseguito dopo l esame finale il suddetto diploma post-universitario. Risulta invece in programmazione nel gennaio di quest anno l esame finale che condurrà, conclusosi il corso di Formazione della Provincia di Alessandria, al conseguimento del titolo di Responsabile di Gestione delle Emergenze e della Logistica. La durata complessiva dell attività formativa è risultata stimabile in 310 h.. Si evidenzia che in tutti i casi l attività di formazione è stata gratuita tolti i costi del trasferimento. Le materie oggetto dell attività formativa sono state: Codice della strada (con particolare riferimento alla normativa sulle nuove Patenti di Guida ) 5 corsi; Falsi documentali : 1 corso; Infortunistica stradale : 1 corso; Polizia Giudiziaria : 3 corsi ; Notifiche: 1 corso; Protezione Civile: 1 corso; Altre materie: 4; Pag.. 18

19 Pag.. 19

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 ATTIVITA UNITA SEGRETERIA NOTIFICHE - CONTENZIOSO CODICE DELLA STRADA 2009 2010 VIOLAZIONI ACCERTATE 16.292 16.721 DIVIETI DI SOSTA 15.784 15.679 PARCHEGGI

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE. Carta dei Servizi

POLIZIA MUNICIPALE. Carta dei Servizi COMUNE DI SALERNO POLIZIA MUNICIPALE Carta dei Servizi Guida ai servizi della Polizia Municipale Presentazione La Polizia Municipale sta affrontando negli ultimi anni un percorso per il miglioramento della

Dettagli

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare SCHEDA N 16 CENTRO DI RESPONSABILITA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE RESPONSABILE GIAN LUIGI BERNARDI PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Centro di costo e ricavo SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE L ATTIVITA' DELLA POLIZIA MUNICIPALE NELL ANNO 2014 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA POLIZIA MUNICIPALE...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...4 INFORTUNISTICA

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

VERIFICA DI META ANNO

VERIFICA DI META ANNO : dott. MASSIMILIANO GALLONI Centri di costo: 1... Servizio Intercomunale di Protezione Civile. VERIFICA DI META ANNO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE RENO GALLIERA : Massimiliano Galloni OBIETTIVI PERMANENTI

Dettagli

Composizione Corpo di Polizia Municipale di Andria

Composizione Corpo di Polizia Municipale di Andria Composizione Corpo di Polizia Municipale di Andria Comandante del Corpo Dirigente del Settore Vigilanza e Protezione Civile Nr.6 Ufficiali Nr.16 Sottufficiali Nr.23 Assistenti Nr. 35 Agenti Nr. 1 Istruttore

Dettagli

Comune 06/9703364 solo attività Polizia Locale 06/32090569 comune@gavigano.rm.gov.it comunegavigano@interfreepec.it

Comune 06/9703364 solo attività Polizia Locale 06/32090569 comune@gavigano.rm.gov.it comunegavigano@interfreepec.it Uffici Comunali Polizia Locale Area: Polizia Locale Responsabile U.O. Ten Campana Alessandro Sede Via Padre Angelo Cerbara,80 06/069703033 dal Lunedi al Venerdi 08,00-12,00 Comune 06/9703364 solo attività

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE SULL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE SVOLTA NEL 2013 RGANIZZAZIONE DEL CORPO La ricorrenza del nostro Santo Patrono, San Sebastiano, costituisce anche l'occasione

Dettagli

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI e Protezione Civile DENOMINAZIONE E OGGETTO DEL PROCEDIMENTO STRUTTURA ORGANIZZATIVA COMPETENTE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL PROVVEDIMENTO TERMINE

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA 195 196 15. SICUREZZA Progetto 15.1 Polizia Municipale Le attività della Polizia Municipale sono rivolte ad affermare e mantenere la legalità nella società civile, attraverso

Dettagli

PONTECAGNANO FAIANO. Carta dei Servizi della Polizia Municipale

PONTECAGNANO FAIANO. Carta dei Servizi della Polizia Municipale PONTECAGNANO FAIANO Carta dei Servizi della Polizia Municipale Introduzione INDICE PREMESSA Cos è la Carta e come funziona I principi fondamentali I nostri obiettivi IMPEGNI E GARANZIE Caratteristiche

Dettagli

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI CERVIA CITTA SICURA Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI controlli effettuati per segnalazioni ricevute 3227 veicoli fermati e sottoposti a controllo 1686 posti di controllo

Dettagli

Struttura responsabile: Reparto Segreteria Organizzazione e Programmazione Sala Operativa

Struttura responsabile: Reparto Segreteria Organizzazione e Programmazione Sala Operativa Ambito del Rischio: Videosorveglianza e viabilità Tipologia Procedimento: Carico e scarico delle immagini dal sistema di videosorveglianza Città Sicura, l archiviazione delle stesse e la loro gestione

Dettagli

DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI

DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI PROGRAMMA N. Area VIGILANZA Responsabile Domenico Tenca Ufficio Polizia Locale Viabilità Autorizzazioni al transito e alla sosta annuali e temporanei Autorizzazioni portatori di handicap Autorizzazioni

Dettagli

501 - POLIZIA MUNICIPALE

501 - POLIZIA MUNICIPALE 501 - POLIZIA MUNICIPALE A A POLIZIA STRADALE Bisogno: Prevenzione e repressione in materia di circolazione stradale. Regolazione del traffico, presidio punti scuola e assistenza manifestazioni. Rilevazione

Dettagli

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO SETTORE 3 Polizia Locale SETTORE 3 POLIZIA LOCALE RESPONSABILE: Galbusera Gabriele CENTRO DI RESPONSABILITA UFFICIO POLIZIA LOCALE La Polizia Locale agisce quotidianamente con attività di prevenzione e

Dettagli

Report di Gestione e Performance. dal 1.05.2014 al 31.08.2014

Report di Gestione e Performance. dal 1.05.2014 al 31.08.2014 C O M U N E DI R O T T O F R E N O PROVINCIA DI PIACENZA POIZIA MUNICIPAE Report di Gestione e Performance dal 1.05.2014 al 31.08.2014 Macroaree Obiettivi Ordinari Azioni 1. POIZIA MUNICIPAE ATTIVITA ESTERNA

Dettagli

COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE 1 COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI GELA. Introduzione. PREMESSA

Dettagli

Servizio Associato di Polizia Locale Comuni di Balestrino Boissano Toirano

Servizio Associato di Polizia Locale Comuni di Balestrino Boissano Toirano Servizio Associato di Polizia Locale Comuni di Balestrino Boissano Toirano Responsabile Isp. Capo MATTIAUDA Dr. Antonio tel. 018298010-3 e-mail - poliziamunicipale@pec.comune.boissano.sv.it Indice Presentazione

Dettagli

SETTORE POLIZIA LOCALE

SETTORE POLIZIA LOCALE SETTORE POLIZIA LOCALE UFFICIO AUTORIZZAZIONI PER MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO UFFICIO AUTORIZZAZIONI E CONCESSIONI STRADALI UFFICIO CASSA E VERBALI SERVIZIO COMANDO: UFFICIO RILASCIO AUTORIZZAZIONI

Dettagli

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476 DISCIPLINA PER L ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI URBANE PERMANENTI e RILASCIO CONTRASSEGNI (approvato con D.G. nr.95 del 19/06/2012) ART. 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

LA POLIZIA MUNICIPALE DI CASTENASO Relazione sull attività svolta nell anno 2010

LA POLIZIA MUNICIPALE DI CASTENASO Relazione sull attività svolta nell anno 2010 LA POLIZIA MUNICIPALE DI CASTENASO Relazione sull attività svolta nell anno 2010 La Polizia Municipale costituisce oggi uno dei più efficaci strumenti per garantire quotidianamente il rispetto autentico

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Progetto Cofinanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Programma operativo nazionale Sicurezza per lo Sviluppo del Mezzogiorno d Italia Fondo FESR Monitoraggio

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2012

RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2012 CORPO P OLIZIA LOCALE Città di Tortona (Provincia di Alessandria) RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2012 a cura del Comandante Dr. Flaviano Crocco e dello staff composto dai Vice Commissari Mauro Di Matteo Andrea

Dettagli

CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE In questi ultimi dieci anni profondi mutamenti sociali, culturali ed economici hanno ridisegnato l architettura della nostra città, la composizione della

Dettagli

CONTRASSEGNO INVALIDI RILASCIO, RINNOVO

CONTRASSEGNO INVALIDI RILASCIO, RINNOVO CONTRASSEGNO INVALIDI RILASCIO, RINNOVO I residenti nel Comune che hanno una ridotta capacità motoria certificata (permanente o temporanea) o risultano non vedenti, possono richiedere il rilascio di un

Dettagli

LE AREE DI INTERVENTO

LE AREE DI INTERVENTO ATTIVITA ANNO 2013 LE AREE DI INTERVENTO SICUREZZA URBANA SICUREZZA STRADALE SICUREZZA DEL TERRITORIO SICUREZZA DEI CONSUMATORI e DEI LAVORATORI. IL CORPO della POLIZIA LOCALE 113 OPERATORI (-1 ) FRA CUI:

Dettagli

ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE. Claudio Fantinati

ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE. Claudio Fantinati ASSESSORATO ALL EDUCAZIONE, SICUREZZA ED INTEGRAZIONE Claudio Fantinati 64 E D U C A Z I O N E Obiettivo principale dell attività dell assessorato è quello di mantenere gli standard qualitativi dei servizi

Dettagli

Servizio Messo Notificazione degli atti D Atena Antonio 3 gg. Tel. 035 6313011 protocollo@comune.paladina.bg.it

Servizio Messo Notificazione degli atti D Atena Antonio 3 gg. Tel. 035 6313011 protocollo@comune.paladina.bg.it Tempi massimi Servizio Messo Notificazione degli atti D Atena Antonio 3 gg. Tel. 035 6313011 protocollo@comune.paladina.bg.it Accesso agli atti Arsuffi Lorena 30 gg. Tel. 035 6313010 segreteria@comune.paladina.bg.it

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

3.7 La Città per la sicurezza

3.7 La Città per la sicurezza 3.7 La Città per la sicurezza 3.7.1 Gli obiettivi di mandato «Vogliamo una città aperta perché libera e sicura, una città dove la sicurezza non sia rappresentata solo dal controllo del territorio esercitato

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE DI FROSINONE Pagina 1 di 22 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA PROVINCIALE Nell area

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

I nsieme per la C ittà. Polizia Municipale di Imola

I nsieme per la C ittà. Polizia Municipale di Imola I nsieme per la C ittà Polizia Municipale di Imola La Polizia Municipale di Imola cambia sede. Dopo oltre 20 anni si trasferisce dalla sede storica di via Mentana al complesso Sante Zennaro. Nella nuova

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Claps Paolo Data di nascita 24 febbraio 1965 Indirizzo Comando Polizia Municipale Via dei Mercanti, n. 8, Comacchio (FE) Via dei Mercanti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Procedimenti amministrativi del Servizio Polizia Locale Commercio - Ufficio Vigilanza

Procedimenti amministrativi del Servizio Polizia Locale Commercio - Ufficio Vigilanza Procedimenti amministrativi del Servizio - Vigilanza N. 1 DENOMINAZION E E OGGETTO 2 Gestione oggetti rinvenuti 3 Ordinanze sulla circolazione stradale ed eventi trasporti eccezionali STRUTTURA ORGANIZZATIV

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

CAPITOLO 7 SICUREZZA

CAPITOLO 7 SICUREZZA CAPITOLO 7 SICUREZZA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 Attività di prevenzione e controllo Gli agenti di Polizia Locale nel 2007 in servizio diurno sono dodici, cui se ne aggiungono tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 121 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: ATTIVAZIONE DEL SISTEMA DEI VARCHI ELETTRONICI PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO - ZTL.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di VIDRACCO Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 15 in data 29.4.2008

Dettagli

INDICE. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

INDICE. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del 19 settembre 2008) CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO ART. 1 - COMPITI 3 ART. 2 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

descizione attività centro di costo

descizione attività centro di costo PEG 204 AREA ORGANIZZATIVA Polizia Locale CENTRO DI COSTO POLIZIA 3.0 RIF PROGRAMMA RRpp 8.05.0 RESPONSABILE DI SERVIZO Vincenzo Cannarozzo descizione attività centro di costo La Polizia Locale costituisce

Dettagli

Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE

Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE 2 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO 3 REATI REGISTRATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO 01/05/2013 30/04/2014

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 26.07.2012 pagina 1.14 Indice CAPO I...4 PRINCIPI GENERALI...4 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli Pubblicata all Albo Pretorio il ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 149 del 04/11/2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEI COSTI PER LA PRODUZIONE

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 60 Registro Deliberazioni. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO CITTÀ SICURA 2009 IN FUNZIONE DEL D.G.R. 09 APRILE 2008 N 8/7048 CRITERI E

Dettagli

comandante.pm@comune.vinovo.to.it PEC: polizialocalevinovo@pec.it

comandante.pm@comune.vinovo.to.it PEC: polizialocalevinovo@pec.it CURRICULA VITAE Nome SAVINO ANTONIO Indirizzo COMANDO POLIZIA LOCALE VINOVO PIAZZA 2 GIUGNO, 15 Telefono 0119931283 Fax 0119930385 E-mail comandante.pm@comune.vinovo.to.it PEC: polizialocalevinovo@pec.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.2008) CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97 di Reg. OGGETTO: Istituzione e ubicazione di stalli di sosta a pagamento e disco orario nucleo abitato La Torre. Data

Dettagli

CITTA DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Tel. 0883/33 23 70 0883/578 313 Fax : 0883/578 337

CITTA DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Tel. 0883/33 23 70 0883/578 313 Fax : 0883/578 337 CONTROLLO ZONA A TRAFFICO LIMITATO DEL CENTRO STORICO ( VARCHI ELETTRONICI ) A Barletta sono stati istallati dei varchi elettronici per controllare gli accessi dei veicoli nel centro storico, all interno

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DI ACCESSO ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO 1. NORME GENERALI 1) l accesso alla Zona a Traffico

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Comune di Pontassieve

Comune di Pontassieve Comune di Pontassieve PIANO TRIENNALE 2013-2015 PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA. PRIME MISURE ALLEGATO 1 MAPPATURA DEI RISCHI Legenda Rischio 1: Basso Rischio 2: Medio basso Rischio

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO (Allegato n. 3 all Avviso di selezione)

CAPITOLATO TECNICO (Allegato n. 3 all Avviso di selezione) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CENTRALINO, CUSTODIA, PORTINERIA, VIGILANZA AGLI STABILI DI PROPRIETÀ E IN USO ALL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA PARTECIPAZIONE ALLA SQUADRA DI EMERGENZE E DI PRIMO SOCCORSO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.35 del 10/04/2013 1/12 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 21 data 14 Luglio 2010

Dettagli

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE SOMMARIO Premessa... pag. 2 Principi fondamentali della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.01.1994 pag. 3 Presentazione del Corpo della

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2007 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2007 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2007 1 Quest anno la Polizia Municipale di Novara ripropone ciò che quotidianamente viene svolto dal suo personale, con impegno e professionalità. E un lavoro

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TRISSINO (Approvato con deliberazione di C.C. N 42 del 20.12.2011) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso Sicurezza stradale Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso velocità, semaforo rosso, uso del casco, uso telefono cellulare e cinture di sicurezza, sono sviluppate attraverso azioni

Dettagli

A cura dell'assessore alla Polizia Municipale e Attività Produttive Libero GUIDA

A cura dell'assessore alla Polizia Municipale e Attività Produttive Libero GUIDA CITTA' DI CAPRIATE SAN GERVASIO P.zza della Vittoria, 4-24042 Capriate San Gervasio(BG) C. F. e P. I VA 00325440162 SETTORE VI - Area Polizia Municipale e Sviluppo Economico Responsabile- FERRERI Filippo

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI SERVIZI NEL COMUNE DI PERTICA BASSA Artt. 32, comma 2, lett. b) del D.Lgs. 14 marzo

Dettagli

La gestione della Polizia Locale in forma associata. A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L.

La gestione della Polizia Locale in forma associata. A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L. tra i comuni di Dolo, Fiesso d Artico e Fossò (VE) La gestione della Polizia Locale in forma associata A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L. Costituzione dell unione Difficoltà dei Comuni Deficit

Dettagli

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE Comune di Piacenza Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio Servizio Manutenzione Controllo Ordinanza n 184 del 06/03/2013 OGGETTO: disciplina della circolazione stradale all interno

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MARCIANA MARINA

COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MARCIANA MARINA COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Viale G. Vadi, n. 7-57033 Marciana Marina - Tel. 0565/99002 Fax:0565/904321 e-mail: comune@marcianamarina.toscana.it internet: www.marcianamarina.toscana.it

Dettagli

Biella - Annuario Statistico. 11 - Polizia Municipale TAV. 11.1 - CONTRASSEGNI Z.T.L. N Contrassegni rilasciati dall'1.1.2003 al 31.12.

Biella - Annuario Statistico. 11 - Polizia Municipale TAV. 11.1 - CONTRASSEGNI Z.T.L. N Contrassegni rilasciati dall'1.1.2003 al 31.12. TAV. 11.1 - CONTRASSEGNI Z.T.L. Categorie N Contrassegni rilasciati dall'1.1.2003 al 31.12.2003 N Contrassegni esistenti al 31.12.2003 Residenti / dimoranti e attività con posto auto (contrassegno A) Residenti

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 13/11/2014 1 INDICE CAPO I

Dettagli

Multe. La contestazione delle. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL

Multe. La contestazione delle. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 18 del 14 marzo 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA

DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale N 242 del 26/04/2011) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 INDICE CAPO I... 3 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

Procedimenti comuni a tutte le strutture

Procedimenti comuni a tutte le strutture TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI SERVIZI ANNO 1 Procedimenti comuni a tutte le strutture 1. Acquisto beni e servizi a) trattativa privata b) previa gara ufficiosa c) procedura aperta d) altre procedure. Affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA REGIONE VENETO AZIENDA SANITARIA ULSS n. 3 REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA (Atto Deliberativo

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

REGOLAMENTO per la GESTIONE del SISTEMA di VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO per la GESTIONE del SISTEMA di VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO per la GESTIONE del SISTEMA di VIDEOSORVEGLIANZA Art. 1) - Oggetto e ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza installato nel

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione di Agrorinasce scrl Agenzia per l innovazione, lo sviluppo e la sicurezza del

Dettagli