COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA. Medaglie d Oro al Valor Militare e al Merito Civile REGOLAMENTO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA. Medaglie d Oro al Valor Militare e al Merito Civile REGOLAMENTO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA Medaglie d Oro al Valor Militare e al Merito Civile REGOLAMENTO COMUNALE Per gli affidamenti in economia, relativi all acquisizione di beni e servizi 1

2 Regolamento per le spese in economia del Comune di Barletta Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di beni e servizi del Comune di Barletta, in attuazione di quanto disposto dall art. 125 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., che abroga gli art e 75 del regolamento per la disciplina degli appalti, contratti e dell approvvigionamento di beni servizi e forniture, approvato con delibera di C.C. n 43 del L acquisizione in economia può essere effettata esclusivamente nei casi in cui non sia vigente alcuna convenzione quadro stipulata ai sensi dell art. 26 della Legge 23 dicembre 1999, n.488 e s.m.i. e della Legge n. 135/2012, o nel caso in cui le convenzioni siano esaurite o i relativi parametri di qualità /prezzo siano adottati come base al ribasso e inoltre nel caso in cui non sia praticabile il ricorso al MEPA, disciplinato al successivo art. 13. Art. 2 Forme della procedura 1. Le acquisizioni in economia di beni e servizi possono essere effettuate: mediante amministrazione diretta; mediante cottimo fiduciario; 2. Per ogni acquisizione in economia il Comune di Barletta opera attraverso un Responsabile del Procedimento, coincidente con il Dirigente del Settore richiedente, ovvero con un funzionario incaricato secondo le forme e le modalità di legge 3. Nell amministrazione diretta le acquisizioni sono effettuate con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio del Comune di Barletta, o eventualmente assunto per l occasione, sotto la direzione del Responsabile del Procedimento/Dirigente competente. 4. Il cottimo fiduciario è una procedura negoziata in cui le acquisizioni avvengono mediante affidamento a terzi. Art. 3 Programmazione delle acquisizioni in economia 1. Ciascun Settore predispone entro il 30 aprile di ogni anno il piano relativo alle acquisizioni in economia, per le categorie merceologiche di cui all allegato 1, da effettuarsi entro il 30 aprile dell anno successivo e lo inviano al Servizio gare e Appalti. 2. Il piano è riferito agli acquisti da effettuarsi con la dotazione finanziaria già assegnata per ciascun Settore al Servizio gare e Appalti, mentre le ulteriori richieste vengono trasmesse al servizio Gare e Appalti quando ne sorge la necessità, con l indicazione delle risorse finanziarie occorrenti. Art. 4 Limiti di spesa 2

3 1. Le acquisizioni in economia sono ammesse per servizi e forniture per importi inferiori alla soglia comunitaria. 2. Nessuna prestazione di beni, servizi e lavori può essere artificiosamente frazionata allo scopo di sottoporla alla disciplina delle acquisizioni in economia. Art.5 Responsabile del Procedimento 1.Responsabile del Procedimento, provvede a: a) curare la procedura per la selezione del contraente; b) assumere gli impegni di spesa; c) sottoscrivere il contratto o la lettera di ordinazione; d) autorizzare eventuali prestazioni complementari; e) acquisire il verbale di collaudo o l attestazione di regolare esecuzione degli interventi in economia, ovvero, con provvedimento motivato, indicare quali tra questi atti non risultino necessari; f) procedere alla liquidazione della spesa nonché all attuazione di quanto necessario ai fini del completamento della procedura. Art.6 Forniture di beni e servizi in economia 1. Le acquisizioni in economia di beni e servizi sono ammesse con esclusivo riferimento alle categorie merceologiche di cui all allegato 1 ed entro i limiti di spesa di cui all art. 4 del presente Regolamento. Art.7 Ulteriori casi di acquisizione di beni e servizi in economia 1. Il ricorso all acquisizione di beni e servizi in economia è altresì consentito, sempre nel rispetto dei limiti di spesa di cui all art. 4 del presente Regolamento, nelle ipotesi disciplinate dall art. 125 comma 10 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., e per le categorie merceologiche indicate nell allegato 1 al presente Regolamento. Art.8 Acquisizioni in economia mediante Affidamento diretto 1. Per servizi e forniture di importo inferiore ad ,00=. è ammesso il ricorso all affidamento diretto da parte del Responsabile del Procedimento; Si precisa tuttavia che il Servizio Gare e appalti procederà,in ogni caso,a contattare, ove possibile, più operatori economici applicando i principi di trasparenza, parità di trattamento e rotazione tra gli operatori economici iscritti all albo fornitori, se istituito. Art. 9 Acquisizioni in economia mediante cottimo fiduciario 1. Per servizi e forniture di importo pari o superiore ad ,00=. e fino alla soglia di cui all art.4 del presente Regolamento, l affidamento avviene tramite cottimo fiduciario, secondo le modalità di cui al successivo art. 10, nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa 3

4 consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagine di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dal Comune di Barletta, secondo quanto specificato nell art.11 del presente Regolamento. Art. 10 Svolgimento della procedura di selezione del contraente 1. Fermi restando i casi di affidamento diretto di cui all art.8 del presente Regolamento, nel rispetto di quanto indicato al precedente art.9, la procedura di cottimo fiduciario avviene mediante gara informale che implica la richiesta di presentazione di offerta a fronte di lettera d invito. 2. La lettera d invito dovrà contenere le sotto indicate informazioni: a) l oggetto della prestazione; b) le caratteristiche tecniche e le qualità del bene, del servizio o del lavoro richiesto; c) le modalità di fornitura o di esecuzione dell intervento richiesto; d) le modalità ed i tempi di pagamento; e) le eventuali garanzie richieste; f) le eventuali penalità; g) l importo massimo previsto; h) il criterio di aggiudicazione nonché ogni ulteriore elemento che si rendesse necessario in relazione alla particolarità dell intervento richiesto; i) l obbligo a carico del concorrente di restituire copia della lettera d invito sottoscritta per accettazione; j) il giorno e l indirizzo ove dovranno essere fatte pervenire le offerte. 2. L espletamento delle relative procedura potrà avvenire anche per via telematica ai sensi di quanto stabilito dal successivo art. 13 del presente Regolamento. 3. Nella determinazione dell importo massimo previsto, il Responsabile del Procedimento, potrà avvalersi delle rilevazioni dei prezzi di mercato effettuati da amministrazioni o enti a ciò preposti a fini di orientamento e per la valutazione della congruità dei prezzi in sede di offerta, ove queste siano disponibili. Art. 11 Indagini di mercato ed elenchi operatori economici 1. Le indagini di mercato effettuate dal Comune di Barletta possono avvenire anche tramite la consultazione dei cataloghi elettronici del mercato elettronico della pubblica amministrazione. 2. Sulla base di appositi avvisi pubblicati sul sito web del Comune di Barletta, l Amministrazione può predisporre elenchi di operatori economici suddivisi per categorie dotati di determinati requisiti, all interno dei quali può individuare gli operatori economici che partecipano alle procedure di acquisto in economia. L iscrizione a tali elenchi non costituisce, in ogni caso, condizione necessaria per la partecipazione alle procedure di acquisto in economia. 4

5 3. Ai fini della permanenza nei suddetti elenchi, il Comune di Barletta provvederà a valutare la rilevanza della commissione di grave negligenza o malafede nell esecuzione delle prestazioni contrattuali o di errore grave nell esercizio dell attività contrattuale. 4. Gli elenchi sono sempre aperti all iscrizione degli operatori economici dotati dei requisiti richiesti dal Comune di Barletta e sono periodicamente aggiornati, con cadenza annuale in conformità ai criteri e alle modalità stabilite in apposito Regolamento interno. 5. Il Comune di Barletta potrà altresì promuovere, anche attraverso la conclusione di specifici accordi, la creazione di elenchi comuni di operatori economici, nonché l utilizzazione di elenchi predisposte da altre amministrazioni. Art. 12 Criteri di scelta del contraente 1. Gli affidamenti di cui al presente Regolamento sono aggiudicati in base ad uno dei sotto indicati criteri: a) al prezzo più basso, qualora la prestazione oggetto dell affidamento debba essere strettamente conforme alle prescrizioni contenute nella lettera d invito o negli appositi capitolati o disciplinari; b) a favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, in conformità ai criteri indicati nella lettera d invito. 2. In entrambi i casi sono ammesse esclusivamente offerte a ribasso rispetto all importo fissato a base d asta. 3. Il Comune di Barletta, nel pieno rispetto dei principi di trasparenza e par condicio dei concorrenti nonché del dovere di imparzialità, può riservarsi di non procedere all aggiudicazione, con provvedimento motivato, qualora ritenesse l offerta migliore non congrua. Art. 13 Mercato elettronico e uso degli strumenti elettronici 1. Ai sensi della vigente normativa,è obbligatorio il ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione laddove l oggetto dell acquisizione è presente sul portale :acquistiinretepa.it o su altro mercato elettronico di cui all art. 328 del DPR n. 207/ Nel rispetto dei principi di cui all art. 85, comma 3, del D.Lgs. n.163/2006 e s.m.i. e della normativa vigente in materia di documento informatico e di firma digitale, la procedura di acquisizione in economia, avvalendosi di sistemi informatici di negoziazione e di scelta del contraente, sarà condotta dal Comune di Barletta, nel rispetto di principi di parità di trattamento e di non discriminazione. Art.14 Qualificazione 1. L affidatario di forniture e servizi in economia deve essere in possesso dei requisiti di idoneità morale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria prescritta per le prestazioni di pari importo affidate con le procedure di ordinaria scelta del contraente. 5

6 2. Tali requisiti vengono attestati al momento della partecipazione alla procedura in economia mediante dichiarazione sostitutiva ai conformità alle disposizioni di cui al D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445. Art. 15 Aggiudicazione e stipula 1. Nel caso di aggiudicazione al prezzo più basso, l esame e la scelta dei preventivi vengono effettuati dal Responsabile del Procedimento; nel caso di aggiudicazione in base all offerta economicamente più vantaggiosa, la valutazione verrà effettuata da apposita Commissione tecnica nominata dal Dirigente competente/responsabile del Procedimento. 2. Il contratto affidato mediante acquisizione in economia è stipulato attraverso atto pubblico amministrativo sottoscritto dal Dirigente competente. 3. Il contratto, nel caso di importi inferiori ad ,00=, potrà anche consistere nella sottoscrizione della determina di aggiudicazione e dovrà comunque essere preceduta da apposito scambio di lettere con cui il Comune di Barletta dispone l ordinazione dei beni o dei servizi ovvero l esecuzione del lavoro. La lettera di ordinazione dovrà, in ogni caso, riportare i medesimi contenuti della lettera d invito. 4. Ferma restando la possibilità per il Comune di Barletta di effettuare controlli a campione circa il possesso dei requisiti di cui all articolo precedente ai sensi dell art. 71 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, all aggiudicatario sarà richiesta, ai fini della formalizzazione del rapporto, la documentazione necessaria a comprovare quanto dal medesimo autocertificato. Art.16 Cauzioni 1. Per forniture ovvero servizi ad esecuzione continuata o periodica di importo superiore ad ,00=. prima della sottoscrizione del contratto o della spedizione della lettera di ordinazione, all affidatario in economia verrà richiesta una cauzione pari al 10% del valore di aggiudicazione, costituita secondo le modalità di cui all art.75, commi 3 e 4 del D.Lgs. n.163/2006 e s.m.i.. 2. La cauzione definitiva viene svincolata all approvazione del certificato di collaudo o attestato di regolare esecuzione del contratto. 3. Gli importi delle cauzioni definitive sono automaticamente ridotti del 50% laddove gli operatori economici risultino in possesso di certificazione di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO Art.17 Verifica delle prestazioni 1. I beni ed i servizi acquisiti in economia sono soggetti rispettivamente a collaudo ovvero ad attestazione di regolare esecuzione entro 30 giorni dall acquisizione. 2. Nel caso di esito negativo del collaudo o della verifica di regolare esecuzione ovvero qualora la controparte non adempia puntualmente agli obblighi derivanti dal rapporto, il Comune di Barletta 6

7 provvederà ad incamerare la cauzione definitiva, ove costituita, nonché ad avvalersi degli strumenti di risoluzione contrattuale e risarcimento dei danni, ove non ritenga più efficace il ricorso all esecuzione in danno previa diffida. Art. 18 Termini di pagamento 1. I pagamenti sono disposti dal Responsabile del Procedimento entro il termine previsto dal contratto o dalla lettera di ordinazione ovvero, in mancanza, non oltre il sessantesimo giorno dalla data del collaudo o dall attestazione di regolare esecuzione ovvero, se successiva, dalla data di presentazione delle fatture. Art. 19 Monitoraggio degli acquisti 1. Ai fini di una migliore efficienza della gestione della spesa, gli Uffici preposti al Controllo di gestione potranno acquisire autonomamente dati relativi a classi di beni e servizi e a fornitori. 2. Qualora i predetti Uffici rilevino scostamenti ingiustificati ai sensi del presente Regolamento, ne danno comunicazione al Segretario Generale ai fini dell adozione degli eventuali provvedimenti di competenza. Art. 20 Disposizioni transitorie e finali 1. Il presente Regolamento entra in vigore nei termini previsti dallo statuto comunale in vigore. 2. Sono abrogate tutte le disposizioni comunali vigenti in contrasto o incompatibili con quelle del presente Regolamento. 3. Cessano di avere efficacia le disposizioni di cui agli art e 75 del regolamento per la disciplina degli appalti, contratti e dell approvvigionamento di beni servizi e forniture, approvato con delibera di C.C. n 43 del , fatte salve le acquisizioni in economia in corso di espletamento. 4. Sono disapplicati automaticamente gli articoli del presente Regolamento che risultano in contrasto con nuove disposizioni di legge applicabili. 7

8 Comune di Barletta ALBO DEI FORNITURI DI BENI E SERVIZI Allegato 1 elenco delle categorie merceologiche ALLEGATO 1 ELENCO DELLE CATEGORIE MERCEOLOGICHE SETTORE CATEGORIA E CODICE CAT. ESEMPI A02 RIPARAZIONE VEICOLI servizi di officina,elettrauto, gommista, carrozzeria A03 NOLEGGIO VEICOLO A04 FORNITURA RICAMBI E ACCESSORI VEICOLI A05 FORNITURA CARBURANTI A06 BICICLETTE ricambi, lubrificanti, pneumatici, accessori vari carburanti e lubrificanti per autotrazione fornitura e manutenzione, ricambi e accessori B02 FORNITURA DI ARREDI SCOLASTICI Armadi, attaccapanni, tavoli; arredi scolastici;cattedre, banchi, sedie, sgabelli, lavagne B03 ARREDI PER ARCHIVI E BIBLIOTECHE B04 FORNITURA DI ARREDI E ATTREZZATURE PER IMPIANTI SPORTIVI E PALESTRE B05 ATTREZZATURE E AUSILI PER DISABILI B06 TENDE E TAPPEZZERIA B07 ARREDI E ATTREZZATURE PER MENSE E STRUTTURE B08 ARREDO URBANO Armadi compattabili, arredi per biblioteche e archivi; elettroarchivi; espositori;scaffalature; tavoli e postazioni da lettura. Attrezzature sportive, armadi Carrozzelle e loro parti, attrezzature sportive per disabili, arredo specifico Fornitura, manutenzione, installazione di tende, veneziane, tappezzeria Arredi e attrezzature per mense; frigoriferi; lavastoviglie; piastre di cottura, forni,cappe; tavoli e sedie piatti, bicchieri, posate; stoviglie e pentolame; utensileria Giochi per parchi e giardini, panchine fioriere cestini, gettasigarette, dissuasori, portabiciclette e altri manufatti, alberi e piante 8

9 ATTREZZATURE PER UFFICIO, ELETTRODOMESTCI, TECNOLOGICI INFORMATICA B09 ARREDI E ATTREZZATURE PER SEGGI ELETTORALI C01 FORNITURA STRUMENTI D UFFICIO VARI C02 FORNITURA DI ELETTRODOMESTICI, HI FI TV C03 MANUTENZIONE DI ELETTRODOMESTICI, HI FI TV C04 FRIGORIFERI INDUSTRIALI C05 IMPIANTI DI TERMOCONDIZIONAMENTO C06 COMBUSTIBILI PER RISCALDAMENTO C07 APPARECCHIATURE TELEFONICHE E IMPIANTI RADIO/RICETRASMITTENTI C08 ATTREZZATURE PER AMPLIFICAZ. E DIFFUSIONE SONORA C09 STRUMENTI PER IL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA C10 STRUMENTI TOPOGRAFICI E ATTREZZATURE PER UFFICI TECNICI C11 FORNITURA, MANUTENZIONE E NOLEGGIO DI APPARECCHIATURE INFORMATICHE E SOFTWARE C12 SERVIZI INFORMATICI Cabine, tavoli, tabelloni, urne e materiale di consumo Macchine da calcolo, fotoriproduttori, eliocopiatori, plotter, macchine fax, lettori ottici Elettrodomestici bianchi, tv hi-fy Apparecchiatura di raffreddamento e ventilazione; Aspirapolveri- aspiraliquidi; battitappeto, lavapavimenti; ferri da stiro, idropulitrici, lavabiancheria Fornitura, installazione e manutenzione Fornitura, installazione e manutenzione Telefonia mobile, centralini, apparecchi telefonici, fornitura e manitenzione Fornitura, installazione e manutenzione impianti fonici per interni ed esterni Bilance, apribuste, timbratrici, affrancatrici, materiale di consumo Attrezzature per il disegno, misurazioni p.c., notebook, stampanti, fotocamere digitali, software vari, periferiche, gruppi di continuità, materiale informatico vario ( cd,dvd, pendrive, hd,periferiche ecc.) Analisi e programmazione sistemi, sviluppo di software personalizzato, manutenzione di applicazioni software, altri servizi professionali, gestione di sistemi di elaborazione dati,banche dati e altri servizi informazione fornitori di accesso e servizi di rete internet, progettazione, realizzazione e gestione siti web/portali Cablaggi, apparati di 9

10 interconnessione hardware/software C13 RICARICA CARTUCCE E TONER CANCELLERIA E PRODOTTI CARTACEI C14 FORNITURA DI CARTUCCE, TONER D01 CANCELLERIA, MATERIALE CARTACEO IMBALLI E CONTENITORI D02 TIMBRI, TARGHE D03 CARTA PER FOTOCOPIATORI E STAMPANTI Toner per stampanti, fax, fotocopiatori,plotter ecc. Articoli di cancelleria e cartoleria cartone, imballi vari, polistirolo Timbri gomma e metallo, numeratori, targhe e segnaletica interna Carta tutti i formati, carta riciclata, carta per plotter ALIMENTI E01 SERVIZI SOSTITUTIVI DI MENSA Buoni pasto cartacei ed elettronici F01 F02 DIVISE, VESTIARIO E ACCESSORI DI ABBIGLIAMENTO PER CUSTODI, COMMESSI, VIGILI URBANI E OPERAI FORNITURA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Abiti, camicie, maglie,cravatte, cappelli, vestiario da lavoro, giacche a vento, escluso calzature D.P.I. cassette pronto soccorso, segnaletica di sicurezza, antinfortunistica VESTIARIO E ANTINFORTUNISTICA F03 CALZATURE E PELLETTERIA Calzature normali e antinfortunistiche, fondine e cinturoni F04 ARTICOLI ANTINCENDIO Estintori, fornitura, manutenzione e ricarica F05 LAVORI DI SARTORIA MATERIALE IGIENICO SANITARIO G01 MANGIMI PER ANIMALI Mangimi per cani G02 PRODOTTI PER L IGIENE E LA PULIZIA Detersivi, carta igienica, disinfettanti, erogatori di sapone, asciugamani accessori da bagno prodotti sanitari vari G03 APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI E PRESIDI SANITARI IN GENERALE Strumenti e apparecchi sanitari, SERVIZI DI STAMPA H01 COPISTERIA E ELIOGRAFIA Fotocopie b/n e colore, stampa file, plotteraggi H02 LEGATORIA Rilegatura leggi, bollettini e gazzette ufficiali, registri protocollo, rilagatoria editoriale di 10

11 H03 I01 GRAFICA E LAVORI TIPOGRAFICI IN GENERE MATERIALE PROMOZIONALE, BANDIERE, COPPE volumi a filo refe, legatoria di volumi a punto metallico e piegatura di stampanti vari Modulistica carta intestata e stampati buste carta bianca intestate buste carta riciclata intestate etichette in carta produzione stampati offset produzione stampati tipografici stampa in roto offset a colori stampa in roto offset in bianco e nero Bandiere, aste e basi per bandiere, gadget, poster, gagliardetti, coccarde, portachiavi, coppe, distintivi, crest MATERIALE E SERVIZI PER MANIFESTAZIONI ED EVENTI I02 CONVEGNISTICA Organizzazione, alberghi o locali con servizi di ristoro e catering, articoli per l organizzazione convegni, installazione allestimenti fieristici agenzie di viaggio, noleggio pullman, organizzazione di mostre I03 ORGANIZZAZIONE CONCORSI Elaborazione prove concorsuali, SELETTIVE E PRESELETTIVE, strutture per l organizzazione concorsi e corsi I04 I05 I06 I07 CATERING, RICEVIMENTI, BANCHETTI E SERVIZI DI BUFFETTERIA PIANTE E FIORI ADDOBBI E ADDOBBATORI SERVIZI AUDIO-TELEVISIVI E FOTOGRAFICI I08 TRIBUNE Fornitura, posa in opera, noleggio L01 AUTOMATISMI VARI, IMPIANTI ANTIFURTO Bussole elettriche, cancelli elettrici, sbarre per passi carrabili, fornitura e installazione di impianti antifurto elettronici FORNITURA E SERVIZI PER L EDILIZIA E DI CANTIERE, STRADE L02 LEGNO E LEGNAMI I L03 L04 MATERIALI IDRAULICI E TERMOIDRAULICI MATERIALI IN FERRO E ALTRI METALLI Comprensivo di sanitari e arredo bagno Comprensivo di infissi per l edilizia L05 FORNITURA DI MATERIALI Comprensivo di lampade ed impianti di 11

12 ELETTRICI illuminazione L06 L07 L08 FORNITURA DI VERNICI E ANNESSI UTENSILI E ALTRO MATERIALE DI FERRAMENTA FORNITURA E POSA IN OPERA DI VETRI Fornitura di utensili vari, riproduzione chiavi, apertura di cassaforti L09 LAVORI ELETTRICI Installazione, riparazione, manutenzione impianti per la distribuzione utilizzazione di energia elettrica L10 LAVORI IDRAULICI Installazione di impianti idraulico-sanitari, riparazioni e manutenzioni idrauliche L11 L12 L13 L14 L15 L16 L17 L18 L19 PAVIMENTAZIONI INTERNE ED ESTERNE FALEGNAMERIA E DI RESTAURO ARREDI LAVORI DA FABBRO E METALLI IN GENERE LAVORI DA IMBIANCHINO LAVORI EDILI, IMPIANTISTICA, MANUTENZIONE E STRADE CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE CARRELLI MANUALI ED ELEVATORI BOX, GAZEBO E FABBRICATI IMPIANTI SEMAFORICI Fornitura e posa in opera di parquet, linoleum, moquette,ceramica, impermeabilizzizioni Lavori di arredamento, restauro arredi e carpenteria in legno e falegnameria per l edilizia Fornitura, noleggio e manutenzione Fornitura e noleggio M01 SERVIZI DI PULIZIA Pulizia uffici, cortili, locali vari, disinfestazione, derattizzazione, sanificazione M02 SERVIZI DI SORVEGLIANZA Sorveglianza armata, portierato, vigilanza SERVIZI DI PULIZIA, AMBIENTALI E FACCHINAGGIO M03 SERVIZI DI TRASLOCO Traslochi, trasporti, facchinaggio M04 SERVIZI AUTOSPURGO Svuotamento fosse biologiche, pulizia impianti fognari, spurgo pozzi neri, smaltimento liquami 12

13 M05 SERVIZI SMALTIMENTO RIFIUTI E/O INQUINANTI Trasporto e smaltimento rifiuti speciali tossici-nocivi N01 SERVIZI EDITORIALI Progettazione, redazione, stampa e diffusione libri e testi, anche in versione multimediale, progettazione, redazione, produzione specializzata di editoria elettronica FORNITURE E SERVIZI EDITORIALI N02 FORMITURA DI GIORNALI E RIVISTE Fornitura e abbonamenti di libri, giornali, quotidiani, opere in cd e dvd, prodotti di editoria elettronica, edicole e librerie N03 INSERZIONI A MEZZO STAMPA Intermediazione nella fornitura di spazi per inserzioni O01 ATTIVITA E SRVIZI DI COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA E PROMOZIONALE Agenzie di comunicazione e pubblicità, pubbliche relazioni, uffici stampa, relazioni esterne, produzione pubblicitaria, radiofonica, cinetelevisiva, fotografica e multimediale centri media, studi grafici e pubblicitari, centri di ricerca di mercato qualitativa e quantitativa, agenzie di formazione giornalistica, ricerche e studi in comunicazione, concessionarie di pubblicità, servizio di numero verde ATRE FORNITURE DI MATERIALI E SERVIZI VARI O02 SERVIZI BIBLIOTECARI DI CATALOGAZIONE Catalogazione materiale bibliografico moderno-antico, sviluppo, manutenzione procedure applicative personalizzate, masterizzazione dati e produzione di cd-rom, costruzione di archivi di immagini collegati ad archivi testuali e registrazione si cd-rom, piccoli restauri O03 ATTIVITA E SERVIZI PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Nei settori relativi a: sviluppo organizzativo, legislazione, diritto, amministrazione, lingue straniere anche con tecniche multimediali, strumenti multimediali per la formazione, formazione su sistemi informativi, formazione su prodotti informatici di ambiente ed applicativi O04 SERVIZI DI CARTOGRAFIA PER ELABORAZIONE DATI GEOGRAFICI Riprese aereofotogrammatiche, satellitari e radar, rilievi geodetici e topografici, cartografia tecnica numerica, cartografia fotografica, operazioni fotomeccaniche, riproduzioni, disegno, servizi tipografici di precisione, verifica e collaudo topografico, verifica e collaudo fotogrammatico, verifica e collaudo informatico, verifica e collaudo toponomastica fotointerpretazione e formazione di cartografia tematica, acquisizione in forma numerica di cartografia 13

14 topografica tematica. O05 SERVIZI ASSICURATIVI Polizze assicurative; polizze fidejussorie; servizi assicurativi, brokeraggio assicurativo O06 O07 SERVIZI POSTALI, SPEDIZIONARI SVILUPPO E STAMPA IMMAGINI O08 O09 O10 SERVIZI DI LAVANDERIA E STIRERIA FORNITURA E MANUTENZIONE DI FIORI E PIANTE FORNITURA E MANUTENZIONE DI MACCHINARI PER VERDE PUBBLICO Comprensivo sia di capi di abbigliamento che di tendaggi e arredi in tessuto e pelle Comprensivo di manutenzione giardini e piante da appartamento e anche di alto fusto Falciatrici, seghe a motore, ecc. Ciappatrici: Motoseghe;Rasaerba e decespugliatori; Trattorini O11 BENI ARTISTICI Attività di consulenza e restauro O12 ARMI E MUNIZIONI Fornitura, manutenzione e riparazione O13 O14 FORNITURA DI CORNICI E LAVORI DI CORNICERIA ATTREZZATURE E APPARECCHIATURE PER LA POLIZIA MUNICIPALE Contatraffico;Etilometri; Rilevatori di velocità; Torce O15 SOMMINISTRAZIONE LAVORO Agenzie eroganti somministrazione lavoro 14

COMUNE DI PIETRAPAOLA (CS) CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA

COMUNE DI PIETRAPAOLA (CS) CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA COMUNE DI PIETRAPAOLA (CS) CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA ELENCO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI ANNI 2014 E SEGUENTI (Categorie previste nella determinazione n. 4/2013) aggiornato al 17/12/2014 1 / 71

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

ALBO DEI FORNITORI LINEE GUIDA (ai sensi dell articolo 2 del Regolamento approvato con Delibera consiliare del 10.10.2011)

ALBO DEI FORNITORI LINEE GUIDA (ai sensi dell articolo 2 del Regolamento approvato con Delibera consiliare del 10.10.2011) ALBO DEI FORNITORI LINEE GUIDA (ai sensi dell articolo 2 del Regolamento approvato con Delibera consiliare del 10.10.2011) Art. 1 Finalità Art. 2 Preventiva pubblicazione Art. 3 Requisiti per l iscrizione

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Informatica e ufficio. Personal computer, sportelli automatici. Mainframe, sito internet. Stampanti, plotter. Fotocopiatrici, fax, calcolatrici

Informatica e ufficio. Personal computer, sportelli automatici. Mainframe, sito internet. Stampanti, plotter. Fotocopiatrici, fax, calcolatrici FOA00 Informatica e ufficio FOA01 Personal computer, sportelli automatici FOA02 Mainframe, sito internet FOA03 Stampanti, plotter FOA04 Fotocopiatrici, fax, calcolatrici FOA05 Altre attrezzature informatiche,

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CLASSI MERCEOLOGICHE

CLASSI MERCEOLOGICHE ALLEGATO A CLASSI MERCEOLOGICHE 01 - FORNITURE 02 - SERVIZI Versione aggiornata il 25/07/2014 1 S O M M A R I O 01 FORNITURA BENI 01.01 - RICAMBI PER AUTOBUS 3 01.02 - RICAMBI PER MEZZI DI SERVIZIO 4 01.03

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ATTIVITA CONTRATTUALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

REGOLAMENTO GENERALE PER L ATTIVITA CONTRATTUALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO GENERALE PER L ATTIVITA CONTRATTUALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Il presente regolamento, nell osservanza della vigente normativa in materia di contratti pubblici di lavori, servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L ATTIVITÀ NEGOZIALE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E PER IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L ATTIVITÀ NEGOZIALE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E PER IL CONFERIMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Omnicomprensivo N. Scarano 86029 Trivento (CB) - Via Acquasantianni, s.n.c. Telefax 0874/871770 email: cbpm070004@istruzione.it - cbpm070004@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli