Direzione Regionale Emilia Romagna Settore Audit e Sicurezza ATTIVITA DI CONTROLLO IN MERITO ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE DICHIARAZIONI FISCALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Regionale Emilia Romagna Settore Audit e Sicurezza ATTIVITA DI CONTROLLO IN MERITO ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE DICHIARAZIONI FISCALI"

Transcript

1 Direzione Regionale Emilia Romagna Settore Audit e Sicurezza ATTIVITA DI CONTROLLO IN MERITO ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE DICHIARAZIONI FISCALI 18 novembre

2 L attività di trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali Quadro normativo D.P.R. del 22 luglio 1998, n. 322, modificato dal D.P.R. D del 07 dicembre 2001, n. 435; Decreto Direttoriale del 31 luglio 1998; D. Lgs. 9 luglio 1997 n. 241, modificato dal D.LgsD Lgs. 496/2006; L. 24 novembre 1981 n. 689; D.Lgs. 18 dicembre 1997 n. 472; D.Lgs. 30 giugno 2003, n novembre

3 L attività di trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali Quadro normativo (segue) In particolare, l art. 3 del D.P.R. D n. 322/1998 contiene: i principi generali che disciplinano l attivitl attività di trasmissione telematica; l individuazione dei soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali; gli obblighi cui gli stessi devono attenersi per il corretto e tempestivo svolgimento dell attivit attività di trasmissione telematica. 18 novembre

4 Soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali Art. 3, comma 3 del D.P.R. D n. 322/1998 Gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro. I soggetti iscritti alla data del 30/09/1993 nei ruoli dei periti ed esperti tenuti dalle CCIAA per la sub-categoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria. 18 novembre

5 Soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali Art. 3, comma 3 del D.P.R. D n. 322/1998 (segue) Le associazioni sindacali di categoria tra imprenditori indicate nell art art. 32, comma 1, lettera a) b) c), del decreto legislativo 09/07/1997 n. 241, nonché quelle che associano soggetti appartenenti a minoranze etnico-linguistiche linguistiche. I centri di assistenza fiscale per le imprese e per i lavoratori dipendenti e pensionati. 18 novembre

6 Soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali Art. 3, comma 3 del D.P.R. D n. 322/1998 (segue) Gli altri incaricati individuati con appositi decreti: Decreto Direttoriale 18/02/1999 Decreto Ministeriale 12/07/2000 Decreto Direttoriale 21/12/2000 Decreto Ministeriale 19/04 04/ novembre

7 Requisiti soggettivi richiesti per l abilitazione al servizio telematico Art. 4 del Decreto Direttoriale 31/07/1998 Per utilizzare il servizio telematico Entratel occorre presentare apposita domanda di abilitazione alla Direzione Regionale delle entrate competente in base al domicilio fiscale del richiedente. Tale domanda deve contenere l indicazione l dei seguenti dati: il possesso dei requisiti soggettivi di cui all art art. 2, lettere a), b) e c) c dello stesso decreto; l assenza di procedure concorsuali in atto; l assenza dei provvedimenti di cui alla lettera d), d dell art art. 8, comma 1, dello stesso decreto. 18 novembre

8 Tempestività e correttezza degli adempimenti previsti dalla normativa vigente La normativa di settore prevede gli adempimenti cui gli intermediari devono attenersi ai fini del corretto utilizzo del servizio telematico. 18 novembre

9 Conservazione di copia delle dichiarazioni trasmesse Art. 3, comma 9 bis del D.P.R. D n. 322/1998 Copia delle dichiarazioni trasmesse deve essere conservata, anche su supporti informatici, per il periodo previsto dall art art. 43 del D.P.R. D n. 600/ novembre

10 Trasmissione delle dichiarazioni predisposte Art. 3, comma 3 bis del D.P.R. D n. 322/1998 I soggetti incaricati della predisposizione delle dichiarazioni sono obbligati alla trasmissione in via telematica delle stesse. 18 novembre

11 Ritrasmissione delle dichiarazioni scartate Art. 9, comma 11 del Decreto Direttoriale del 31/07 07/1998 L intermediario è tenuto alla ritrasmissione delle dichiarazioni precedentemente scartate dal sistema, fino alla corretta ricezione delle stesse da parte del servizio telematico. 18 novembre

12 Ritrasmissione delle dichiarazioni scartate Circolare n. n 6 del 25/01 01/2002 Le dichiarazioni trasmesse nei termini e successivamente scartate si considerano tempestive se correttamente ritrasmesse entro cinque giorni dalla data di restituzione delle ricevute che segnalano il motivo di scarto. 18 novembre

13 Tempestività nella trasmissione delle dichiarazioni Art. 3, comma 7 ter del D.P.R. D n. 322/1998 Gli intermediari hanno l obbligo di trasmettere entro un mese dalla data contenuta nell impegno alla trasmissione le dichiarazioni consegnate oltre il termine previsto per la presentazione in via telematica delle stesse. 18 novembre

14 Rilascio al contribuente della dichiarazione e della relativa documentazione Art. 3, comma 6 del D.P.R. D n. 322/1998 Al momento del conferimento dell incarico di predisposizione e presentazione della dichiarazione oppure al momento della consegna della dichiarazione già compilata, l intermediario rilascia al contribuente, anche se non richiesto, un documento che attesta l impegno a trasmettere in via telematica la dichiarazione. 18 novembre

15 Rilascio al contribuente della dichiarazione e della relativa documentazione Art. 3, comma 6 del D.P.R. D n. 322/1998 (segue) Entro 30 giorni dal termine previsto per la presentazione della dichiarazione l intermediario l rilascia al contribuente: la dichiarazione trasmessa, redatta su modello conforme a quello approvato dall Agenzia delle Entrate; copia della comunicazione dell Agenzia delle Entrate di ricezione della dichiarazione. 18 novembre

16 Trasmissione di dati conformi L intermediario deve trasmettere dati conformi a quelli contenuti nella copia della dichiarazione consegnata dal contribuente all intermediario intermediario. In caso contrario l abilitazione l potrebbe essere revocata dall Amministrazione Finanziaria (art. 8, lett. f) del Decreto Direttoriale del 31/07/1998). 18 novembre

17 Momento della presentazione delle dichiarazioni Art. 3, comma 8 del D.P.R. D n. 322/1998 Art. 9 del Decreto Direttoriale del 31/07 07/1998 Le dichiarazioni si considerano presentate telematicamente nel momento in cui è completa la ricezione, da parte dell Amministrazione finanziaria, del file che le contiene. 18 novembre

18 Obbligo di riservatezza Art. 11 del Decreto Direttoriale del 31/07 07/1998 I dati connessi alle dichiarazioni devono essere utilizzati per le sole finalità di prestazione del servizio e per il tempo necessario, adottando specifiche misure volte ad assicurare la riservatezza e sicurezza delle informazioni. 18 novembre

19 Obbligo di riservatezza Alleato tecnico al Decreto Direttoriale del 31/07/1998 L utente ha l obbligo l di custodire la chiave privata che va adeguatamente protetta da uso indebito. 18 novembre

20 Attività di controllo (profili generali e finalità) 18 novembre

21 DIREZIONE CENTRALE AUDIT E SICUREZZA - UFFICIO AUDIT ESTERNO 1) Definizione di metodologie; 2) Pianificazione, coordinamento e monitoraggio delle attività delle DR; 3) Attività diretta di vigilanza. 18 novembre

22 DIREZIONE REGIONALE Settore Audit e Sicurezza Esterno: 1) Attività diretta di vigilanza; Ufficio Audit 2) Predisposizione degli atti conseguenti alla vigilanza. 18 novembre

23 FINALITA DEL CONTROLLO RIDUZIONE ONEROSITA DEGLI OBBLIGHI TRIBUTARI RAFFORZAMENTO DELLA TAX COMPLIANCE MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI 18 novembre

24 L EFFICACE CONTROLLO DELLE STRUTTURE INTERMEDIE permette L EVOLUZIONE DELLA RETE DI ASSISTENZA al fine di garantire IL PROGRESSIVO MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI AL CITTADINO 18 novembre

25 ..a a latere Altra tipologia di controlli: quelli aventi ad oggetto l attivitl attività di assistenza fiscale Dal i consulenti del lavoro, i dottori commercialisti, i ragionieri e i periti commerciali possono prestare l assistenza l fiscale per la presentazione del modello 730 (D.L n. 203, convertito dalla legge , n. 248) 18 novembre

26 L Evoluzione dell attività di vigilanza: lo sviluppo dei due profili di indagine Il controllo sul corretto svolgimento dell attività di trasmissione telematica L utilizzo delle tecniche di auditing nell esecuzione dei controlli sugli intermediari Entratel 18 novembre

27 L evoluzione dei controlli nei confronti degli intermediari Entratel Delibera del Comitato Direttivo n. n 86 del 22/07/2002, istitutiva della DCAS; Nota della DCAS del 27/05/2003 Attività di vigilanza nei confronti dei soggetti incaricati della trasmissione telematica; Atto di revisione organizzativa del 19/11/2003; Direttiva della DCAS del 16/01/2004; Nota della DCAS del 11/02/2004 Attività di vigilanza nei confronti dei soggetti incaricati della trasmissione telematica; Direttiva della DCAS del 02/02/2005; Nota della DCAS del 02/05/2005 Attività di vigilanza nei confronti dei soggetti incaricati della trasmissione telematica di cui all art art. 3, comma 3, del DPR 22 luglio 1998, n. 322 Vigilanza attraverso tecniche di auditing 18 novembre

28 Evoluzione del concetto di controllo all interno dell Agenzia Agenzia: da Ispettorato a Auditing Controlli di tipo ispettivo: relativi ad atti e transazioni, non a processi successivi al verificarsi dell evento evento dannoso di tipo repressivo, finalizzati cioè ad individuare eventuali responsabilità a carico degli operatori 18 novembre

29 Evoluzione del concetto di controllo all interno dell Agenzia Agenzia: da Ispettorato a Auditing (segue) L introduzione delle tecniche di auditing apporta alla vigilanza un valore aggiunto: Orientamento ai processi Efficacia preventiva dei controlli Creazione di un rapporto consulenziale e di collaborazione con i soggetti controllati 18 novembre

30 Controllo nei confronti degli Intermediari Entratel Scopo assicurare l efficacia e l efficienzal del servizio reso 18 novembre

31 L evoluzione dell attivit attività di vigilanza I due profili di indagine fanno parte di un unico percorso diagnostico che partendo dalla rilevazione dei risultati al di sotto delle aspettative risale, attraverso l analisi del processo generatore di quei risultati, l albero delle cause fino a trovare la causa o le causa radice che hanno determinato quei risultati, per poi pianificare il miglioramento. 18 novembre

32 La vigilanza attraverso tecniche di auditing L adozione delle tecniche di auditing comporta che i controlli siano indirizzati verso un attivit attività di revisione delle procedure adottate dal soggetto controllato, volta ad evitare l insorgere di anomalie o disfunzioni che possono pregiudicare l efficacia l e l efficienza l del servizio svolto per l Agenzia l e per i cittadini. 18 novembre

33 La vigilanza attraverso tecniche di auditing (segue) In aggiunta alla verifica del rispetto della normativa e prassi in materia, si dovrà pertanto provvedere ad un attivit attività di controllo e prevenzione dei rischi nell ottica di un miglioramento del servizio reso ai contribuenti. 18 novembre

34 Attività di controllo posta in essere 18 novembre

35 Sommario 1. Obiettivi del controllo 2. Oggetto del controllo 3. Modalità di esecuzione dell attivit attività di vigilanza 4. Obblighi a carico dell intermediario I profilo d indagine Sussistenza dei requisiti previsti per l abilitazionel Dotazione delle apparecchiature informatiche Tempestività e correttezza degli adempimenti Rispetto degli obblighi di riservatezza e sicurezza 5. Strumenti del controllo 6. Analisi del processo Trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali II profilo d indagined 7. Sanzioni 18 novembre

36 1. OBIETTIVI DEL CONTROLLO Diffondere la cultura del risk management Ridurre il rischio di tardive e/o e omesse trasmissioni per via telematica Assicurare un efficiente servizio di assistenza fiscale ai contribuenti 18 novembre

37 Evoluzione del controllo dell Agenzia delle Entrate Controlli ispettivi A Utilizzo tecniche di Internal auditing a. Atti e transazioni (non analisi del processo) b. Successivi al verificarsi dell evento dannoso a. Analisi del processo e delle sue fasi critiche b. Eventuale rilevazione delle violazioni 18 novembre

38 2. OGGETTO DEL CONTROLLO I profilo Adempimento degli obblighi imposti dalla normativa vigente Controllo di conformità accertamento e constatazione delle violazioni Profili di indagine Oggetto Forme di controllo II profilo Qualità del servizio reso Analisi dei criteri organizzativi e delle modalità operative adottate dall intermediario al fine di individuare carenze o inefficienze 18 novembre

39 Due profili d indagine I due profili d indagined indagine, sono integrati tra loro in un unico percorso diagnostico il quale partendo dalla rilevazione dei risultati (es. dichiarazioni tardive, n. dichiarazioni scartate, forzature, ecc ), individua, successivamente - attraverso l analisi l del processo - la causa o le cause che hanno determinato le performance al di sotto delle aspettative. AFFIDABILITÀ dei SISTEMI di CONTROLLO REVISIONE delle PROCEDURE 18 novembre

40 3. MODALITÀ DI ESECUZIONE ATTIVITÀ DI VIGILANZA Verifica di conformità a norme e procedure Analisi del sistema dei rischi e dei controlli 18 novembre

41 Individuazione e valutazione dei rischi Individuazione e valutazione dei controlli Individuazione irregolarità Tecniche di auditing Raccomandazioni Individuazione criticità 18 novembre

42 Attività di vigilanza Competenza esclusiva della Direzione Regionale Giorno e ora dell accesso (presso i locali in cui è svolta l attivitl attività di trasmissione telematica) concordati preventivamente con l intermediariol Tecniche di controllo a campione 18 novembre

43 4. OBBLIGHI A CARICO DELL INTERMEDIARIO I profilo d indagined D LGS pdf NORMATIVA - RIFERIMENTI norme di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti in sede s di dichiarazione dei redditi e dell imposta sul valore aggiunto, nonché modernizzazione del sistema di gestione delle dichiarazioni art. 7 bis violazioni in materia di trasmissione telematica delle dichiarazioni. DPR pdf regolamento recante le modalità per la presentazione delle dichiarazioni relative alle imposte sui redditi, all imposta regionale sulle attività produttive e all imposta sul valore aggiunto [ ] - art. 2 termini per la presentazione della dichiarazione (modificato dalla Legge n. 296 art. 1, comma 33 e 34) e art. 3 modalità di presentazione ed obblighi di conservazione delle dichiarazioni. 18 novembre

44 Decreto Dirigenziale 31 luglio 1998 modalità tecniche di trasmissione telematica delle dichiarazioni e dei contratti di locazione e di affitto da sottoporre a registrazione, nonché di esecuzione telematica dei pagamenti ❿ art. 1 - definizioni ❿ art. 2 - utenti del servizio telematico ❿ art. 3 - codice di autenticazione dei file ❿ art. 4 - abilitazione al servizio telematico ❿ art. 5 - sedi secondarie ❿ art. 7 - attestazione dell ufficio finanziario ❿ art. 8 - revoche ❿ art. 9 - ricevute ❿ art utilizzo del servizio telematico ❿ art obbligo di riservatezza ❿ art dichiarazioni presentate oltre la scadenza ❿ Allegato tecnico - modalità di funzionamento del servizio telematico 18 novembre

45 Decreti Dirigenziali 18 febbraio 1999, 12 luglio 2000, 21 dicembre 2000 e 19 aprile 2001 individuazione di altri soggetti abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni [ ] Specifiche Tecniche per la trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali rappresentano le istruzioni della dichiarazione nel suo formato elettronico. 18 novembre

46 PRASSI RIFERIMENTI Circolare del Ministero delle Finanze Dipartimento delle Entrate Direzione Centrale Affari Amministrativi n. n 195/1999 invio telematico delle dichiarazioni principali questioni emerse nella prima fase di attivazione del servizio telematico. Natura giuridica della sanzione prevista dall art art. 7 bis D.Lgs D n. n 241/ chiarimenti in ordine ai termini per la trasmissione telematica [ ] Circolare dell Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso n. n 6/2002 DPR n. n 435/2001 Regolamento recante modifiche al decreto n. n 322/1998, nonché disposizioni per la semplificazione e razionalizzazione di adempimenti tributari. Circolare dell Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso n. n 52/2007 modifiche apportate dalla legge 27 dicembre 2006 n. 296 (legge finanziaria per il 2007) al sistema delle sanzioni poste a carico dei soggetti abilitati a prestare assistenza fiscale nonché degli intermediari incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni, di cui agli articoli 7-bis e 39 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n novembre

47 Circolare dell Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e contenzioso n. n 11 del Modifiche apportate dalla legge n. 296 al sistema delle sanzioni poste a carico dei soggetti abilitati a prestare assistenza fiscale nonché intermediari incaricati della trasmissione telematica della dichiarazione Circolare dell Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Servizi ai contribuenti n. n 30 del Aggiornamenti in materia di abilitazione ai servizi telematici Provvedimento n. n del del Direttore dell Agenzia delle Entrate Adeguamento dei servizi telematici dell Agenzia delle Entrate alle prescrizioni del Garante per la protezione dei dati personali di cui al provvedimento 18 settembre 2008 Istruzioni alla compilazione del Modello Servizio telematico di presentazione delle dichiarazioni 18 novembre

48 Link di interesse ://assistenza.finanze.itit https:// ://entratel.agenziaentrate.itit agenziaentrate.itit ://telematici.agenziaentrate.gov.it 18 novembre

49 PROCESSO OPERATIVO ATTIVITA PRELIMINARI: - selezione dei soggetti con l ausilio l della procedura informatizzata M.A.I.A.; M - verifica delle irregolarità riscontrate; - contatto telefonico con i soggetti prescelti per fissare la data dell audit audit; - invio comunicazione d accessod accesso. 18 novembre

50 PROCESSO OPERATIVO AUDIT I giornata - identificazione e verifica sussistenza requisiti previsti per l abilitazionel abilitazione; - analisi della struttura; - confronto sulle presunte irregolarità; - controllo a campione di dichiarazioni inviate; 18 novembre

51 PROCESSO OPERATIVO segue - controllo Privacy; - eventuale controllo sull attivit attività di assistenza fiscale; - analisi dei rischi. 18 novembre

52 PROCESSO OPERATIVO II giornata (da concordare con l intermediario): - lettura e condivisione del processo verbale. 18 novembre

53 PROCESSO OPERATIVO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA: - documento identificativo; - iscrizione all albo albo; - dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà si sensi dell art art.47/ D.P.R. 445/ copia delle dichiarazioni; - ricevute di spedizione; - busta di autorizzazione e successive variazioni; - documento programmatico per la sicurezza, nomina del responsabile del trattamento dei dati, lettere di incarico, ecc 18 novembre

54 Sussistenza dei requisiti previsti per l abilitazionel (art. 3 D.P.R. 322/1998) Appartenenza ad una delle categorie di soggetti che possono essere incaricati della trasmissione telematica. Inesistenza di procedure concorsuali ovvero di provvedimenti di sospensione o di radiazione irrogati dall ordine professionale di appartenenza. 18 novembre

55 Dotazione delle apparecchiature informatiche 18 novembre

56 Tempestività e correttezza degli adempimenti (art. 3 D.P.R. 322/1998) Conservazione anche su supporti informatici, di copia delle dichiarazioni trasmesse, per il periodo previsto dall art 43 dpr pdf L originale della dichiarazione deve essere conservato dal dichiarante debitamente sottoscritto. La copia conservata dall intermediario intermediario, pertanto, può anche non riprodurre la sottoscrizione del contribuente. Rilascio al contribuente o al sostituto d imposta, anche se non richiesto, l impegno a trasmettere in via telematica all Agenzia delle Entrate i dati contenuti nella dichiarazione, contestualmente alla ricezione della stessa o dell assunzione dell incarico per la sua predisposizione nonché, entro trenta giorni dal termine previsto per la presentazione in via telematica, la dichiarazione trasmessa, [ ], e copia della comunicazione di ricezione della dichiarazione. 18 novembre

57 Trasmissione in via telematica da parte dell intermediario di tutte le dichiarazioni da lui predisposte. Invio di tutte le dichiarazioni dei contribuenti nei cui confronti è stato rilasciato l impegno a trasmettere e ritrasmissione delle dichiarazioni precedentemente scartate dal sistema, fino alla corretta ricezione delle stesse da parte del servizio telematico. Tempestività della trasmissione delle dichiarazioni. Trasmissione di dati conformi a quelli contenuti nella copia della dichiarazione consegnata dal contribuente all intermediario. 18 novembre

58 Rispetto degli obblighi di riservatezza e sicurezza (art. 11 Decreto 31/07/1998) rinvio 18 novembre

59 Ravvedimento operoso È consentito il ravvedimento operoso di cui all art art. 13 del D.LgsD Lgs. 472/1997 per tardiva od omessa trasmissione telematica delle dichiarazioni a condizione che: Non siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche o altre attività di cui il trasgressore abbia avuto formale conoscenza; 18 novembre

60 La dichiarazione non trasmessa possa essere ancora validamente presentata entro novanta giorni dalla scadenza del termine o la dichiarazione trasmessa tardivamente sia comunque stata presentata entro i predetti novanta giorni. 18 novembre

61 Contestualmente alla trasmissione telematica della dichiarazione l intermediario deve procedere al pagamento della sanzione ridotta ad un decimo del minimo (dal 01/02 02/ art. 13 co. 1 lett. c del D. D Lgs. 472/97 97) ) (come( modificato dall art art. 1 della L. L n. 220) 18 novembre

62 Riflessi operativi del ravvedimento operoso Le dichiarazioni trasmesse a partire dall anno anno 2007, che risultano tardive al SIAT, in quanto inviate oltre i termini ma entro novanta giorni dalla scadenza, potrebbero essere state oggetto di ravvedimento. 18 novembre

63 In tali casi gli auditor in sede di controllo avranno l onere di: A) verificare l eventuale l versamento entro 90 gg. del termine di presentazione delle sanzioni ridotte. Il termine contestualmente non deve essere inteso nel senso che tutte le incombenze previste ai fini del ravvedimento debbano avvenire nel medesimo giorno, bensì entro lo stesso limite temporale (si veda Circ. 180/E E del 1998) 18 novembre

64 B) individuare le violazioni oggetto di ravvedimento; a tal fine sarà necessario un approfondimento istruttorio in contraddittorio con l intermediariol intermediario, in quanto l F24 l non contiene l indicazione l del n. di protocollo telematico della dichiarazione trasmessa tardivamente. 18 novembre

65 attenzione attenzione. SI A RAVVEDIMENTO: sanzione di riferimento quella applicabile per ciascuna delle dichiarazioni omesse o tardive non in relazione al FILE NO APPLICAZIONE CONTESTUALE DEGLI ISTITUTI DEL CUMULO E DEL RAVVEDIMENTO DA PARTE DEL CONTRIBUENTE 18 novembre

66 Ravvedimento e casi pratici Ravvedimento in merito ad un file contenente più dichiarazioni Ravvedimento in merito all invio di un modello Unico contenente varie dichiarazioni (Iva, Irap, Redditi) Circolare pdf 18 novembre

67 5. STRUMENTI DEL CONTROLLO Mappatura strutturale standard Mappatura dei rischi e delle misure di controllo standard La mappatura strutturale standard è stata costruita sulla base della normativa e la prassi di riferimento. Rischi sono definiti come potenziali cioè rilevabili in astratto nell ambito di un determinato processo e valutabili in relazione al danno eventualmente derivante dall evento in termini di mancato raggiungimento dell obiettivo obiettivo. 18 novembre

68 Indicatori di performance sintetizzano l attivitl attività di trasmissione telematica segnalano l esistenza l di potenziali irregolarità e anomalie Alcuni indicatori di performance sono: 3 n. dichiarazioni trasmesse; file trasmessi; n. dichiarazioni accolte; n. dichiarazione tardive e % dichiarazioni tardive; n. dichiarazioni scartate; n. dichiarazioni omesse e % dichiarazioni omesse; n. dichiarazioni forzate e % dichiarazioni forzate; n. parti 770 omesse; modd. Unico non trasmessi da depositari delle scritture contabili. 18 novembre

69 COMPLIANCE COERENZA dell organizzazione con la mappatura ESISTENZA procedure di controllo EFFICACIA procedure di controllo Esecuzione di TEST che, rispetto a quanto acquisito nel corso dell intervista (o o ciclo di interviste), hanno lo scopo di appurare l effettiva l esistenza delle procedure e dei presidi previsti e disposti dall intermediario verificandone l adeguatezza e l efficacial rispetto all obiettivo di prevenire il possibile verificarsi dei rischi e a garanzia della regolarità amministrativo contabile intesa come puntuale rispetto delle norme. 18 novembre

70 ANALISI DEL PROCESSO TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE DICHIARAZIONI FISCALI II PROFILO DI INDAGINE rappresentazione grafica della segmentazione del processo Predisposizione del file Controllo Autenticazione Trasmissione Gestione delle ricevute 18 novembre

71 Esempio Dall esame statistico dei dati si evince che l intermediario nell anno n oltre ad aver trasmesso tardivamente il 14,5% delle dichiarazioni, ha provveduto nel 92% dei casi ad effettuare l invio l ultimo giorno o oltre il termine fissato per la presentazione in via telematica. Si rileva, Sulla base delle informazioni acquisite dal sistema informativo dell Agenzia delle Entrate inoltre, che è l intermediario: emerso che, relativamente agli impegni assunti, l intermediario XXX, nell anno n, ha trasmesso telematicamente le seguenti precedentemente scartate dal sistema. dichiarazioni fiscali: Trasmissioni telematiche anno n+1: confermata la scelta dell intermediario XXX di contenere all interno di un file una sola o poche dichiarazioni; l intermediario XXX ha trasmesso la maggior parte delle dichiarazioni (80%) nei 10 giorni precedenti la scadenza del termine. -non concentra il maggior numero possibile di dichiarazioni all interno di un unico file; -non ha ritrasmesso n. 5 dichiarazioni Tipo utente Modello dichiarazione anno 2004 Totale invii Dich. accolte Dich. scartate Dich. tardive % dich. tardive Dich. trasmesse l ultimo giorno o tardivamente A10 Dich. Iva A10 Unico PF ,3% 13 2 A10 Unico SP A10 Unico SC ,3% 11 0 A10 Unico enti non commerciali Dich. omesse % 5 3 A S TOTALE ,5% novembre

72 Esempio Mancato inserimento del maggior numero possibile di dichiarazioni all interno di un unico file Mancato controllo delle ricevute di spedizione Predisposizione del file Controllo Autenticazione Trasmissione Gestione delle ricevute Nell anno n+1 l intermediario si è attivato 10 giorni prima della scadenza dei termini per la presentazione delle dichiarazioni. Solo il 20% delle dichiarazioni è trasmesso negli ultimi giorni utili. 18 novembre

73 Mappatura dei rischi e dei controlli ATTIVITÀ Predisposizione del file Gestione delle ricevute RISCHI Predisposizione del file in prossimità delle scadenze previste per la trasmissione telematica delle dichiarazioni. Mancata o intempestiva verifica dell esito esito degli invii dei file o delle dichiarazioni. CONTROLLO Nell anno n l intermediario l ha predisposto i file telematici il giorno della scadenza nel 92% dei casi; ciò ha comportato la tardiva trasmissione di n. n 9 dichiarazioni. Nel corso dell anno n+1n l intermediario ha pianificato con maggiore attenzione l attivitl attività di trasmissione; l 80% delle dichiarazioni sono state inviate nei 10 giorni precedenti la scadenza del termine. Non sono accorpare all interno di un unico file il maggior numero di dichiarazioni L intermediario verifica la presa in carico delle dichiarazioni da parte dell Agenzia delle Entrate esaminando la pagina di riepilogo statistico. Le ricevute sono scaricate nei giorni successivi alla scadenza dei termini di presentazione delle dichiarazioni. Le ricevute stampate non sono abbinate alle relative dichiarazioni. 18 novembre

74 CRITICITÀ Predisposizion e del file in prossimità delle scadenze previste per la trasmissione telematica delle dichiarazioni. Mancata o intempestiva verifica dell esito esito degli invii dei file o delle dichiarazioni. Gap Analysis CONTROLLO Nell anno n l intermediario l ha predisposto i file telematici il giorno della scadenza nel 92% dei casi; ciò ha comportato la tardiva trasmissione di n. n 9 dichiarazioni. Nel corso dell anno n+1n l intermediario ha pianificato con maggiore attenzione l attivitl attività di trasmissione; l 80% delle dichiarazioni sono state inviate nei 10 giorni precedenti la scadenza del termine. Non sono accorpare all interno di un unico file il maggior numero di dichiarazioni CONTROLLO STANDARD - Pianificazione attività di predisposizione delle dichiarazioni; -Monitoraggio costante dello stato di lavorazione; - Raggruppamento del maggior numero possibile di dichiarazioni all interno di un unico file. L intermediario verifica la presa in -Tempestivo download carico delle dichiarazioni da parte delle ricevute; dell Agenzia delle Entrate -Riscontro dell esito esito esaminando la pagina di riepilogo riportato in ciascuna statistico. Le ricevute sono scaricate ricevuta; nei giorni successivi alla scadenza -Abbinamento della dei termini di presentazione delle ricevuta alla relativa dichiarazioni. Le ricevute stampate dichiarazione. non sono abbinate alle relative dichiarazioni. 18 novembre

75 Condivisione e formulazione delle raccomandazioni Sistema di monitoraggio dello stato di lavorazione; Inserire all interno di ciascun file il maggior numero di dichiarazioni, ciò al fine di non aumentare eccessivamente le operazioni da svolgere, creando una diseconomia in termini di efficienza ed efficacia; Effettuare il download delle ricevute; Analizzare puntualmente il contenuto delle ricevute; Abbinare ogni ricevuta alla relativa dichiarazione. 18 novembre

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012 A.FO.PROF.. Associazione Formazione Professionisti degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino, Ascoli Piceno e Fermo Corso di aggiornamento professionale Verso

Dettagli

Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia

Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia Intermediari fiscali sotto controllo dell Agenzia Omissioni, tardività e forzature degli invii telematici producono verifiche sul loro operato. Tardività, omissioni e forzature degli invii telematici producono

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy COMUNICATO Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy Nel secondo semestre del 2011 l Agenzia delle Entrate avvierà nuovi e più articolati controlli sul rispetto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT. N. 2010/143663 Provvedimento attuativo della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi dell articolo 5 del decreto 23 gennaio 2004. IL DIRETTORE

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1

Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 1 Dott. Filippo Caravati Convegno - Audit Intermediari 2 Circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 2002 4.3 Documentazione da rilasciare ai contribuenti

Dettagli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli Gli adempimenti fiscali delle Camere di Commercio Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli D.p.r. 322/1998 Sono obbligati alla presentazione per via telematica delle previste dal decreto

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

LE SANZIONI PER GLI INTERMEDIARI PREVISTE PER IL TARDIVO INVIO DEL MODELLO UNICO

LE SANZIONI PER GLI INTERMEDIARI PREVISTE PER IL TARDIVO INVIO DEL MODELLO UNICO LE SANZIONI PER GLI INTERMEDIARI PREVISTE PER IL TARDIVO INVIO DEL MODELLO UNICO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale A pochi giorni dalla scadenza canonica dell'invio del modello unico 2014 appare

Dettagli

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA (di cui al Capo II del decreto dirigenziale 31 luglio 1998, utilizzabile dai soggetti di cui ai all art. 3, commi 2, 2-bis e 3 del decreto del Presidente

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO " FISCO La presentazione della dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA rappresenta l adempimento

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

N. 42519 /2016 protocollo

N. 42519 /2016 protocollo N. 42519 /2016 protocollo Modificazioni alle istruzioni del modello Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod. 730-4 resi disponibili dall Agenzia delle entrate, approvate

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: NOVITÀ a cura del Col. t.st Danilo PETRUCELLI Comandante del Nucleo PT Torino Guardia di Finanza Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 Sviluppo tecnologico

Dettagli

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Focus di pratica professionale di Cristina Aprile Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Premessa Con circolare n.30/e del 25 giugno 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Circolare N. 7 del 15 Gennaio 2016

Circolare N. 7 del 15 Gennaio 2016 Circolare N. 7 del 15 Gennaio 2016 Medici e odontoiatri: entro il 31 gennaio 2016 invio delle spese sanitarie Gentile cliente, con la presente intendiamo informarla che a partire dal 2016, ai fini della

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Comune di Novara Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Area / Servizio Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proponente

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

La cedolare secca per l affitto di appartamenti.

La cedolare secca per l affitto di appartamenti. La cedolare secca per l affitto di appartamenti. Da evidenziare che l esercizio dell opzione sospende, per un periodo corrispondente alla durata della stessa, la facoltà di chiedere l aggiornamento del

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Richiesta di abilitazione al servizio telematico Entratel Persone fisiche

Richiesta di abilitazione al servizio telematico Entratel Persone fisiche Pag. 1 Richiesta di abilitazione al servizio telematico Entratel Persone fisiche Alla Direzione Regionale oppure all'ufficio di A Dati generali Operazione richiesta Sedi secondarie N. Tipo soggetto B Dati

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE Approvato con deliberazione n. 5 del 15.06.2011 INDICE Art. 1 ) Oggetto del Regolamento Art. 2 ) Istituzione e finalità dell Albo on line Art. 3 ) Finalità

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Raccolta Regolamenti ARPAV n. 35 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

Le novità in tema di impronte degli archivi

Le novità in tema di impronte degli archivi Convegno organizzato da Associazione ICT Dott.Com Le novità in tema di impronte degli archivi Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 23 novembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI TRIBUTARI: ANALISI E CONTROLLO a cura del Ten.Col. t.st Gaetano Cutarelli Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo Polizia Tributaria Torino della Guardia

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche (DSU) trasmesse dai Caf nell anno 2014. Avvio del procedimento.

Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche (DSU) trasmesse dai Caf nell anno 2014. Avvio del procedimento. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 22-12-2015 Messaggio n. 7578 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche (DSU)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

R E G O L A M E N T O A L B O P R E T O R I O O N - L I N E

R E G O L A M E N T O A L B O P R E T O R I O O N - L I N E COMUNE DI BORGIA P r o vincia di Catanzaro REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON-LINE ( A l l e g a t o A a l R e g o l a m e n t o s u l l o r d i n a m e n t o d e g l i u f f i c i e d e i s e r v i z i a p

Dettagli

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA OPERAZIONE RICHIESTA E DATI IDENTIFICATIVI DEL RICHIEDENTE

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA OPERAZIONE RICHIESTA E DATI IDENTIFICATIVI DEL RICHIEDENTE genzia ntrate SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA Istruzioni per la compilazione A COSA SERVE QUESTO MODULO CHI LO UTILIZZA COME SI COMPILA Con questo modulo Lei può chiedere all Agenzia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n. 2012/89780 Modificazioni del modello di adesione alla disciplina di deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante approvato con provvedimento del 23 marzo 2012 e delle relative

Dettagli

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI NOME_ENTE E PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI O GESTORI DI PUBBLICO SERVIZIO, PER L'ACCESSO IN CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI DELL ANAGRAFE DELLA POPOLAZIONE L'anno il giorno del mese

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA TICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730-4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE TE D.M. N. 164 DEL 31 MAGGIO 1999 Informativa ai sensi dell art. 13 del

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. N. 6499/2014 Approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei pagamenti dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 verificatisi

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA (approvato con Deliberazione Consiglio di Amministrazione del 25 febbraio 2015) Indice di Revisione Rev. Descrizione delle modifiche Data 1.0 Prima emissione Febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2008/31934 Disposizioni integrative del provvedimento del 19 gennaio 2007 in attuazione dell art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, così come modificato

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/9647 Modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U CONVENZIONE SULLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DA PARTE DEGLI INTERMEDIARI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 3, DEL D.P.R. N. 322 DEL 1998 DEL SERVIZIO DI PAGAMENTO CON MODALITA TELEMATICHE, IN NOME E PER CONTO DEL

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli