DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE 1

2 Articolo 1 Definizioni Sezione I Disciplina Generale Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono: Amministrazione Centrale : si intendono le strutture dell Ateneo ivi compresa la Direzione Amministrativa; Centri di Spesa : i Dipartimenti ed ogni altra struttura dotata di autonomia finanziaria e contabile individuata, con delibera del Consiglio di Amministrazione, sentito il parere vincolante del Senato Accademico, ai sensi dell art.4, 1 cpv, del Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità ; Centri di Responsabilità : Unità organizzative semplici o complesse individuate dal Consiglio di Amministrazione che utilizzano le risorse messe a loro disposizione e rispondono della corretta gestione di queste e del raggiungimento degli obiettivi programmati ai sensi dell art.4, 2 cpv, del Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità; Università : tutte le strutture che costituiscono l Università, compresi i Centri di Responsabilità (Facoltà, ecc.); Ordinarie modalità contrattuali : le procedure aperte e ristrette, le procedure negoziate, il dialogo competitivo, gli accordi quadro di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e al Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità; Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione : è un insieme di cataloghi elettronici di prodotti e servizi sui quali è possibile ottenere ordinativi di acquisto a fornitori già selezionati e qualificati a contrattare con la Pubblica Amministrazione, nell ambito della disciplina stabilita per le spese in economia; Negozi elettronici : sono contratti stipulati con un fornitore selezionato da una centrale di acquisto nazionale o regionale a seguito di gara pubblica, aperti all adesione delle singole Amministrazioni e aventi ad oggetto beni o servizi con caratteristiche standard. Articolo 2 Ricorso all acquisizione in economia 1. Le procedure disciplinate dal presente regolamento si applicano nel rispetto dei principi generali di programmazione degli approvvigionamenti di forniture e servizi e alla esecuzione di lavori pubblici come disciplinati nel rispetto dell articolo 125 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, dei principi in tema di procedure di affidamento e di esecuzione del contratto desumibili dal medesimo decreto n. 163, del relativo regolamento attuativo nonchè dal Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità dell Università del Salento. 2. L acquisizione in economia è consentita secondo le modalità, i casi e gli importi previsti dal decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e dal presente Regolamento. 3. L acquisizione di beni e servizi in economia è, altresì, consentita quando sia alternativamente: a) residuale rispetto alle ordinarie modalità contrattuali; b) connessa a situazioni non economicamente programmabili; c) occasionale per il tempo occorrente necessario per la prestazione e per l importo; d) sussidiaria rispetto alle spese effettuate tramite accordo quadro, mercato elettronico o altre forme coordinate di razionalizzazione degli approvvigionamenti; 2

3 e) necessaria o conveniente per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto nell ipotesi di risoluzione di un precedente rapporto contrattuale, o in danno del contraente inadempiente; f) necessaria a completare le prestazioni non previste di un contratto in corso, se non sia possibile imporne l esecuzione nell ambito del contratto medesimo. 4. L acquisizione di lavori in economia è consentita esclusivamente nell ambito delle categorie generali di cui all articolo Al fine di poter procedere all acquisizione in economia, devono ricorrere contestualmente i seguenti requisiti, relativi a: - limiti di importo, come determinati dall art.4 del presente regolamento; - singole voci di spesa, come determinate dagli artt. 5, 6 e 7 del presente regolamento. 6. In ogni caso nessuna acquisizione di beni, servizi e lavori può essere artificiosamente frazionata allo scopo di essere sottoposta alla disciplina delle acquisizioni in economia. 7. Per ragioni di economicità dei processi di razionalizzazione dell impiego delle risorse, l acquisizione in economia è da preferire, nel rispetto di quanto previsto dal presente articolo, all utilizzo delle ordinarie modalità contrattuali quando l acquisto abbia ad oggetto beni o servizi di importo fino a ,00 euro fatto salvo quanto previsto dall articolo 4, comma 3. Articolo 3 Modalità di acquisizione in economia 1. L acquisizione in economia di beni, servizi e lavori può essere effettuata: a) mediante amministrazione diretta; b) mediante procedura di cottimo fiduciario. 2. Nell amministrazione diretta le acquisizioni sono effettuate con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio dell Ateneo. Ciò avviene nei casi in cui siano disponibili adeguate risorse interne e il metodo di acquisizione si riveli maggiormente economico. 3. Il cottimo fiduciario è una procedura negoziata in cui le acquisizioni avvengono mediante affidamento a terzi. 4. I lavori da eseguire in economia per i quali è possibile formulare una previsione di spesa, ancorchè sommaria, sono indicati in un apposito elenco allegato al Programma Annuale dei Lavori Pubblici. Articolo 4 Limiti di importo 1. I lavori, le forniture e i servizi in economia sono consentiti fino all importo massimo di ,00 (IVA esclusa). Oltre tale importo si dovrà procedere con le ordinarie modalità contrattuali applicando le vigenti normative nazionali e/o comunitarie in materia. 2. Laddove non diversamente stabilito, l acquisizione in economia di forniture e servizi è ammessa: a) per importi fino ad ,00 mediante affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento secondo le modalità di cui ai successivi artt.11 e 12. b) per importi superiori ad ,00 e fino all importo di ,00 nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento, previa consultazione di almeno sei operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenco di operatori secondo le modalità di cui agli articoli 13 e 17. 3

4 3. Laddove non diversamente stabilito, possono essere acquisiti in economia tramite affidamento diretto da parte del Responsabile del procedimento i servizi di ingegneria e di architettura di cui all articolo 91, comma 2 del medesimo decreto (progettazione, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, di direzione dei lavori, di coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione e di collaudo nel rispetto di quanto disposto dall articolo 120, comma 2-bis del medesimo decreto) esclusivamente se di importo inferiore a , Gli stessi servizi sono affidati con le modalità di cui all articolo 91, comma 2, del medesimo decreto se di importo inferiore a ,00 laddove non diversamente stabilito e con le modalità di cui all articolo 91, comma 1 se di importo superiore a ,00 nelle seguenti ipotesi: a. in caso di carenza in organico di personale tecnico; b. ovvero di difficoltà a rispettare i tempi della programmazione dei lavori o di svolgere le funzioni di istituto; c. ovvero in caso di lavori di speciale complessità o di rilevanza architettonica o ambientale o in caso di necessità di predisporre progetti integrali, così come definiti dal regolamento di attuazione del D. Lgs. 163/2006, che richiedono l apporto di una pluralità di competenze, casi che devono essere accertati e certificati dal responsabile del procedimento. 5. Laddove non diversamente stabilito, l acquisizione in economia di lavori è ammessa: a) per importi fino ad ,00 mediante affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento secondo le modalità di cui ai successivi articoli 11 e 12; b) per importi superiori ad ,00 e fino all importo di ,00 nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento, previa consultazione di almeno sei operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenco di operatori secondo le modalità di cui all articolo 13. L esecuzione di lavori in amministrazione diretta è in ogni caso ammessa fino a lavori di importo non superiore a ,00 euro. Articolo 5 Forniture e servizi in economia 1. Possono essere acquisiti in economia anche mediante noleggio, locazione, locazione finanziaria, acquisto a riscatto, e comunque nei limiti di cui al precedente art.5, i beni e servizi riconducibili alle categorie merceologiche qui di seguito elencate a titolo esemplificativo: BENI a) materiale di consumo, quale articoli di cancelleria, cartoleria, tipografia, materiale per disegno e fotografia, materiale informatico, di laboratorio e di sperimentazione; b) arredi, impianti e attrezzature scientifiche, didattiche, informatiche e per ufficio e materiali per la sicurezza; c) autoveicoli, ciclomotori e relativi accessori; d) vestiario e relativi accessori per il personale e per gli studenti, occorrente per l espletamento del servizio o delle attività didattiche e di ricerca; e) software commerciali e relative licenze d uso; f) abbonamenti tradizionali e telematici a riviste, periodici e simili; libri e opere editoriali in genere. SERVIZI 4

5 a) manutenzione, riparazione, assicurazione degli autoveicoli ed altri mezzi di trasporto, compreso l acquisto di carburante, lubrificante, di pezzi di ricambio ed accessori; b) coperture assicurative; c) manutenzione ordinaria e straordinaria di attrezzature didattiche e scientifiche, informatiche, per ufficio, di mobili e arredi; d) implementazione, customizzazzione, manutenzione anche evolutiva, completamento e testing di software; e) stampa e commercializzazione di opere, rilegatura, copisteria e grafica; f) servizi di trasporto, spedizione, facchinaggio, traslochi, deposito e magazzinaggio; g) servizi di pulizia, ordinaria e straordinaria, disinfestazione, derattizzazione e spurgo; h) servizi di organizzazione eventi culturali e scientifici, nonché servizi alberghieri e ristorazione; i) manutenzione di locali e impianti, rete di trasmissione dati e sistemi di telecomunicazione, previa verifica da parte degli uffici competenti in materia edilizia, impiantistica e di sicurezza; j) traduzione, de registrazione, dattilografia, correzione bozze, esecuzione di disegni e fotografie, somministrazione di questionari o interviste, servizi di data-entry, nonché analisi di laboratorio; k) vigilanza, custodia, presidio, pattugliamento, portierato e front-office; l) collaudo di beni e servizi; m) formazione, addestramento e aggiornamento del personale; n) servizi di comunicazione e promozione delle attività istituzionali dell Università, compresa l ideazione e realizzazione di campagne pubblicitarie; o) smaltimento rifiuti assimilabili ai solidi urbani, pericolosi e non, speciali e non, sanitari e non, radioattivi. Articolo 6 Lavori effettuabili in economia 1. I lavori eseguibili in economia, nei limiti di importo di cui all articolo 4, sono riconducibili alle categorie generali: a) manutenzione o riparazione di opere od impianti quando l esigenza è rapportata ad eventi imprevedibili e non sia possibile realizzarle con le forme e le procedure previste dagli artt. 55, 121, 122 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163; b) interventi non programmabili in materia di sicurezza; c) lavori che non possono essere differiti, dopo l infruttuoso esperimento delle procedure di gara; d) lavori necessari per la compilazione di progetti; e) completamento di opere od impianti a seguito della risoluzione del contratto o in danno dell appaltatore inadempiente, quando vi è necessità e urgenza di completare i lavori. Articolo 7 Altre spese effettuabili in economia 1. Sono eseguibili in economia le sottoindicate altre spese, nei limiti di cui al precedente art.4 e riconducibili alle categorie merceologiche qui di seguito elencate a titolo esemplificativo: a) spese postali, telefoniche, telegrafiche e valori bollati; oneri doganali; b) locazione di immobili a breve termine; c) spese di rappresentanza; d) spese per utenza; e) pubblicazione di bandi e avvisi; 5

6 f) spese di pubblicità riferite all acquisti di spazi presso la stampa, l emittenza televisiva e radiofonica ed ogni altro mezzo di comunicazione al pubblico; g) somministrazione di lavoro in caso d urgenza. Articolo 8 Requisiti degli affidatari 1. L affidatario di lavori, servizi e forniture in economia deve essere in possesso dei requisiti di idoneità morale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria prescritti per le prestazioni di pari importo affidate con le ordinarie procedure di scelta del contraente. 2. Al fine di agevolare le procedure di verifica del possesso dei requisiti richiesti, può tenersi un elenco di operatori economici, nei quali iscrivere i soggetti che ne facciano richiesta, secondo le procedure di cui al successivo articolo 18, se in possesso dei requisiti di cui al comma precedente. 3. Fatta salva ogni diversa disposizione normativa e regolamentare, per gli acquisti da ,01 fino alla soglia di cui al precedente art.4 gli affidatari, oltre al possesso dei requisiti di cui all art.38 del D. Lgs. 163/2006, devono presentare anche il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) in corso di validità. Articolo 9 Scelta della procedura SEZIONE II REGOLE DI PROCEDURA 1. Per importi da 1.000,00 e fino alla soglia di cui al precedente art.4, l acquisizione di beni e servizi in economia mediante cottimo fiduciario da parte Centri di Spesa e di Responsabilità avviene attraverso l utilizzo degli strumenti di e-procurement di cui al successivo art.10 ove non si tratti di servizi di ingegneria e di architettura di cui all articolo 91, comma 2 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n Qualora tali strumenti non siano disponibili o non siano adeguati alle esigenze di acquisto, si applica la disciplina di cui ai successivi artt.11 e ss. La non disponibilità o la non adeguatezza devono risultare da apposita motivazione. Articolo 10 Acquisizione mediante strumenti di e-procurement 1. L acquisizione in economia mediante strumenti elettronici, con gli importi indicati nel precedente articolo 9, avviene tramite mercato elettronico della Pubblica Amministrazione o tramite negozi elettronici. 2. Tali strumenti costituiscono in ogni caso parametri economico qualitativi per gli acquisti effettuati con modalità diverse. Articolo 11 - Acquisizioni in economia di lavori, servizi e forniture mediante cottimo fiduciario per importi fino ad 5.000,00 1. Per lavori, servizi e forniture di importo fino ad 5.000,00 l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene previa acquisizione di un solo preventivo. 2. In questa ipotesi la procedura si svolgerà attraverso una richiesta di preventivo formulata dal Responsabile del Procedimento all operatore economico individuato. 3. Prima dell invio dell ordine definitivo, il Responsabile del Procedimento dovrà dichiarare la congruità del prezzo offerto. 6

7 Articolo 12 - Acquisizioni in economia di lavori, servizi e forniture mediante cottimo fiduciario per importi da 5.000,01 e fino ad ,00 1. Per servizi, forniture e lavori di importo da 5.000,01 e fino ad ,00 l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene mediante gara informale. La gara informale è avviata dal Responsabile del Procedimento attraverso una richiesta di presentare un offerta ad almeno 3 operatori economici (tale numero potrà essere ridotto, in presenza di adeguate motivazioni, dal responsabile del procedimento). 2. Prima dell invio dell ordine definitivo, il Responsabile del Procedimento dovrà dichiarare la congruità del prezzo offerto. Articolo 13 - Acquisizioni in economia di lavori, servizi e forniture mediante cottimo fiduciario per importi da ,01 e fino ad ,00 1. Per lavori, servizi o forniture di importo superiore ad ,01 e fino alla soglia di cui all art. 4, l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene previa acquisizione di almeno sei (6) preventivi da parte di operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite l elenco dei fornitori dell Università. L affidamento dei servizi di ingegneria e di architettura avviene secondo le modalità previste dall articolo 5, comma 3, dal decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e dalle altre disposizioni di attuazione del medesimo decreto. 2. La procedura del cottimo fiduciario avviene mediante gara informale che comporta la richiesta di presentare un offerta a seguito di lettera di invito. 3, In ogni caso, l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento. 4. La lettera invito, firmata dal Responsabile del procedimento, potrà essere inoltrata anche a mezzo fax e dovrà contenere le seguenti informazioni minime: - l oggetto della prestazione; - Il Codice Identificativo Gara (CIG) che identifica la procedura; - le modalità di scelta del contraente; - le caratteristiche tecniche e la qualità del bene o servizio richiesto; - le condizioni di partecipazione dell offerente (fatturato specifico nel triennio precedente alla indizione della procedura, precedenti contratti, ecc.); - la cauzione provvisoria nella misura del 2%; - le modalità e condizioni contrattuali di fornitura o di esecuzione del servizio; - le modalità e i tempi di pagamento; - le eventuali garanzie richieste; - le eventuali penalità; - il prezzo a base d asta; - i criteri di aggiudicazione; - il giorno e l indirizzo preciso ove dovranno essere fatte pervenire le offerte; - l eventuale cauzione definitiva da presentare in caso di aggiudicazione (in misura non superiore al 10%); - nell ipotesi di acquisti da ,00 fino ad ,00 è necessaria la presentazione di idonee referenze bancarie; 5. Nella lettera d invito potranno essere inseriti tutti gli ulteriori elementi che si rendano necessari per le particolarità del bene o del servizio da acquisire o dei lavori da eseguire. 6. L offerta, debitamente firmata, dovrà pervenire, in busta chiusa mediante lettera raccomandata A.R. 7

8 7. L esame e la scelta dei preventivi vengono effettuati da una Commissione composta da tre (3) membri compreso il Segretario. 8. La scelta del contraente può avvenire in base al prezzo più basso o all offerta economicamente più vantaggiosa, in relazione a quanto previsto nella lettera d invito. 9. L aggiudicazione è approvata con Decreto Direttoriale ed è regolata da scrittura privata semplice, oppure da apposita lettera con la quale il responsabile del procedimento dispone l ordinazione dei beni e dei servizi. Tali atti devono riportare o richiamare i medesimi contenuti previsti dalla lettera d invito. A tal fine potranno essere utilizzati i modelli predisposti con l ausilio del sistema informativo-contabile. 10. Qualora l affidatario non adempia agli obblighi derivante dal rapporto, il Responsabile del procedimento applica le penali, se previste, e si avvale degli strumenti di risoluzione contrattuale e di risarcimento dei danni, ove non ritenga più efficace il ricorso all esecuzione in danno previa diffida. Articolo 14 Cottimo fiduciario con un unico fornitore 1. Il cottimo fiduciario con un unico fornitore e di norma utilizzato per acquisti di beni e servizi nei seguenti casi: a) per l acquisto, direttamente dall editore, di libri, riviste, banche dati e pubblicazioni in genere; b) per l acquisto di prodotti software direttamente dal produttore; c) per le spese strettamente connesse all organizzazione di seminari, convegni, congressi e tavole rotonde; d) per le spese di rappresentanza; e) per le spese per pubblicazioni di carattere istituzionale; f) per le spese per pubblicita istituzionale; g) per le spese relative all organizzazione di manifestazioni ed attivita ricreative e culturali del h) personale e degli studenti; i) per le spese connesse con l organizzazione di viaggi del personale docente, tecnico - j) amministrativo od assimilati e degli studenti; k) per le spese effettuate sul territorio estero in occasione di missioni di ricerca scientifica; l) per l acquisto di macchinari e attrezzature, con particolari caratteristiche tecniche, necessari per i programmi di ricerca scientifica; m) per l affidamento di servizi ad elevato contenuto professionale ed intellettuale. 2. E' altresi consentito il cottimo fiduciario con un unico fornitore per l'appalto di lavori di valore non superiore a Euro. 3. In ogni caso, il soggetto che autorizza la spesa deve dichiarare la congruità della stessa ed esporre le ragioni che hanno indotto la scelta dell unico fornitore. Articolo 15 Verifiche di regolare esecuzione 1. In ogni caso di acquisizione in economia, di importo inferiore a euro, al termine dell esecuzione della fornitura o del servizio o al termine del lavoro, nonché periodicamente qualora la natura della prestazione lo richieda, il responsabile del procedimento, ovvero qualora individuato, il referente tecnico o tecnico-scientifico di cui al successivo art.20, provvede alla verifica della regolare esecuzione del contratto. 8

9 2. Il soggetto individuato ai sensi del comma 1 accerta la regolare esecuzione. Nei casi in cui la natura del bene o servizio lo renda utile ai fini di una compiuta validazione dell esecuzione, la regolare esecuzione è accertata con verbale sottoscritto in contraddittorio con un incaricato dell affidatario. Articolo 16 Collaudo 1. Tutti i lavori e le forniture di beni e servizi sono soggetti a collaudo in caso di acquisizione in economia superiore a euro. 2. Il collaudo è eseguito di norma dal personale dell'amministrazione universitaria con elevata e specifica qualificazione in riferimento all'oggetto del contratto, alla complessità e all'importo delle prestazioni nel rispetto dei principi di rotazione e trasparenza. L affidamento dell incarico è effettuato con provvedimento motivato. 3. I collaudatori sono nominati dal Responsabile del Centro di Responsabilità o del Centro di Spesa nell ambito delle rispettive competenze. 4. I verbali e/o certificati di collaudo sono soggetti ad approvazione da parte del Responsabile del Centro di Responsabilità o del Centro di Spesa. 5. Nell'ipotesi di carenza di organico all'interno dell Università di soggetti in possesso dei necessari requisiti, accertata e certificata dal responsabile del procedimento, ovvero di difficoltà a ricorrere a dipendenti di amministrazioni aggiudicatrici con competenze specifiche in materia, l'incarico di collaudatore è affidato a soggetti esterni scelti secondo le procedure e con le modalità previste per l'affidamento dei servizi. La nomina dei collaudatori esterni è di competenza del Consiglio di Amministrazione o del Consiglio del Centro di Spesa. 6. Nel caso di collaudo di lavori l'affidamento dell'incarico a soggetti esterni avviene ai sensi dell'articolo 91 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n Nel caso di interventi finanziati da più amministrazioni aggiudicatrici, l Università fa ricorso prioritariamente a dipendenti appartenenti a dette amministrazioni aggiudicatrici sulla base di specifiche intese che disciplinano i rapporti tra le stesse. Articolo 17 - Elenchi dei fornitori 1. Quale modalità di semplificazione delle procedure, l Università può dotarsi di elenchi di operatori economici e/o professionisti, anche divisi per sezioni in base alle diverse categorie merceologiche, costantemente aperti all adesione degli operatori interessati. 2. Nella realizzazione e gestione di tali elenchi, l Università è tenuta ad osservare i principi di rotazione, trasparenza e parità di trattamento di cui al precedente art La disciplina della realizzazione e gestione degli elenchi e delle relative modalità di utilizzazione è definita con provvedimento del Direttore Amministrativo. 4. Il ricorso agli elenchi di cui al presente articolo esonera i Centri di Spesa che li utilizzi dall accertamento dei requisiti di cui al precedente articolo 8. Articolo 18 Responsabile del procedimento SEZIONE III PROFILI ORGANIZZATIVI 1. Per ogni acquisizione in economia ai sensi del presente regolamento è individuato, ai sensi dell articolo 10 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, un responsabile del 9

10 procedimento unico per le fasi di individuazione dell esigenza, di affidamento ed esecuzione, cui è attribuito il potere di ordinare l acquisto. 2. Il Responsabile del Procedimento è il Responsabile del Centro di Responsabilità o del Centro di Spesa. Il Responsabile del Centro di Responsabilità o del Centro di Spesa può nominare quale Responsabile del procedimento, in relazione a singoli procedimenti di acquisizione di beni o servizi o lavori o per categorie merceologiche, altro dipendente avente competenza adeguata ai compiti per i quali è individuato. 3. I compiti e i requisiti professionali del Responsabile del procedimento sono individuati dal decreto legislativo 12 aprile 2006, n Il responsabile del procedimento deve essere un dipendente con contratto di lavoro subordinato e deve possedere competenza adeguata in relazione ai compiti per cui è nominato. 4. Il nominativo del responsabile del procedimento deve essere menzionato nella lettera d invito o nell ordine diretto. 5. Il Responsabile del Centro di Responsabilità o di Spesa, nell ambito delle proprie attribuzioni, esercita un controllo su tutti gli acquisti di beni e servizi in economia o di esecuzione di lavori attivati dal responsabile del procedimento da lui delegato, esercitando una funzione di indirizzo, direzione e controllo e svolgendo una generale opera di vigilanza sull attività amministrativa. Articolo 19 Referente tecnico o tecnico-scientifico dell approvvigionamento 1. Per specifiche categorie di beni e servizi, o per singoli acquisti, il Responsabile del Procedimento può individuare un referente tecnico scientifico dell approvvigionamento, avente competenza adeguata ai compiti per i quali è individuato. 2. Compito del Referente tecnico scientifico è cooperare con il Responsabile del Procedimento alla definizione delle specifiche tecniche e prestazionali del bene o servizio da acquisire e di effettuare le verifiche di regolare esecuzione previste e di cui al precedente art.16. Articolo 20 Modifiche del Regolamento SEZIONE IV NORME FINALI 1. Il presente regolamento deve intendersi automaticamente modificato dal momento dell entrata in vigore di norme di rango superiore incompatibili con la disciplina ivi contenuta. Articolo 21 - Norme di rinvio 1. Per quanto non previsto dal presente regolamento si applicano le disposizioni di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche, del relativo regolamento di attuazione nonché dal Regolamento di Amministrazione, Finanza e Contabilità dell Università del Salento. Articolo 22 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entrerà in vigore a partire dal 1 maggio

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

(aggiornamento al 28 febbraio 2008)

(aggiornamento al 28 febbraio 2008) REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Emanato con D.R. 1388 del 01.10.2007 Pubblicato sul B.U. 142 del 15.10.2007 In vigore dal 01.10.2007 (aggiornamento al 28 febbraio 2008) Il

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera C.d.A. n. 17 del 07/04/2009 Art. 1 Oggetto del provvedimento. Il presente regolamento individua le singole voci di spesa

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA 8 Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE GENERALE Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. Art. 6. Art. 7. Art. 8. Art. 9. Art. 10.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Curia Mercatorum del 13 aprile 2012 Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006)

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... ART. 3 - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

Area Affari Generali Settore Appalti e Approvvigionamento Ufficio Contratti e Appalti

Area Affari Generali Settore Appalti e Approvvigionamento Ufficio Contratti e Appalti DISCIPLINA CONCERNENTE I PROCEDIMENTI RELATIVI ALLE SPESE IN ECONOMIA (emanato con D.R. n. 122/2013 del 26 febbraio 2013 ed entrato in vigore il 26 febbraio 2013) Art. 1 Oggetto della disciplina 1. Il

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE Regolamento delle spese per l acquisizione in economia di beni e servizi >>> ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.P.R. 20.08.2001,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Articolo 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI CHE POSSONO ESSERE ESEGUITI IN ECONOMIA Art. 1 - Ambito di applicazione (aggiornamento D.R. 14 febbraio 2006 n.234)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI dell Azienda di Servizi alla Persona di Spilimbergo Approvato con Delibera del C. di A. n. 4 del 12.04.2011 ART. 1 NORME GENERALI SULL ATTIVITÀ CONTRATTUALE 1. L ASP,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI E PER GLI INCARICHI PROFESSIONALI E LE COLLABORAZIONI.

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI E PER GLI INCARICHI PROFESSIONALI E LE COLLABORAZIONI. REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI E PER GLI INCARICHI PROFESSIONALI E LE COLLABORAZIONI. Approvato dal Comitato Direttivo del 21 gennaio 2014 1 Sommario Art. 1 -

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA (Emanato con D.R. n. 1361 del 2 ottobre 2012 pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 3 ottobre 2012

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA SOCIETA DI PROMOZIONE PER L UNIVERSITA NELL IMPERIESE P.A. Via Nizza, 8 18100 Imperia Società soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Amministrazione Provinciale di Imperia REGOLAMENTO

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO SPESE IN ECONOMIA APPROVATO DAL COMITATO DIRETTIVO NELLA SEDUTA DEL 22 FEBBRAIO 2010 REGOLAMENTO SPESE IN ECONOMIA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina le procedure in economia per l acquisizione

Dettagli

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A.

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 ART. 2 LIMITI DI IMPORTO E DIVIETO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Delibera Assemblea n. 12 del 03 Aprile 2003 Modificato con Delibera Assemblea n. 10 del 03 Aprile 2007 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 21 maggio 2012) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 1 Principi 1.1 L affidamento da parte della S.A.G.A. S.p.A. di lavori, servizi e forniture deve

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l acquisizione in economia

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Adottato dal Consiglio di Amministrazione del 22 dicembre 2015 1 INDICE 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 MODALITA DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 16/5/2011; successivamente modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Politiche e Procedure per l'acquisto in economia di beni e servizi Politiche In ragione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione in economia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento forniture in economia beni, servizi, lavori (approvato nella seduta del 23 febbraio 2012 modificato nella seduta del 12 settembre 2012)

Regolamento forniture in economia beni, servizi, lavori (approvato nella seduta del 23 febbraio 2012 modificato nella seduta del 12 settembre 2012) Regolamento forniture in economia beni, servizi, lavori (approvato nella seduta del 23 febbraio 2012 modificato nella seduta del 12 settembre 2012) INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ART. 3 OBBLIGHI E FACOLTA

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO

SCHEMA DI REGOLAMENTO AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Via PAPA GIOVANNI XXIII, 4 71010 CHIEUTI (FG) SCHEMA DI REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA 1 Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori 1 Oggetto del Regolamento 1. l presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di

Dettagli

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia.

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei beni e servizi in economia E ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per i seguenti beni

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina le acquisizioni in economia di beni, servizi e lavori da

Dettagli

Regolamento spese in economia

Regolamento spese in economia Regolamento spese in economia DISCIPLINA DELLE PROCEDURE IN ECONOMIA PER L ACQUISTO DI LAVORI, BENI E SERVIZI Premessa - Considerata l esigenza di disciplinare, con procedura uniforme, le acquisizioni

Dettagli

(approvato nella seduta del Consiglio Direttivo del 21/01/2015)

(approvato nella seduta del Consiglio Direttivo del 21/01/2015) REGOLAMENTO ECONOMALE DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA (approvato nella seduta del Consiglio Direttivo del 21/01/2015) Sommario Capo I Disposizioni generali... 2 Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori in economia e l acquisizione di beni e servizi

Dettagli

Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PR L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato con delibera consigliare n. 18 del 28.02.2005 Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina il ricorso

Dettagli

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 20.06.2011 1 I N

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Beni e Servizi in economia Art. 3 - Limiti di applicazione Art. 4 - Divieto di frazionamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE Articolo 1 (Oggetto) Articolo 2 (Responsabile del procedimento) Articolo

Dettagli

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara SENATO ACCADEMICO 28/10/2008; 26/05/2009; 20/05/2011;22/11/2011;20/11/2013 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

FARMACIA CONCORDIA SRL

FARMACIA CONCORDIA SRL FARMACIA CONCORDIA SRL REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DA PARTE DELLA SOCIETA FARMACIA CONCORDIA SRL AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 (Approvato dal

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 marzo 2011 Art. 1 OGGETTO 1. OGGETTO: Il presente regolamento disciplina il sistema

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA Revisione Approvazione Descrizione delle modifiche 0 27 novembre 2008 Consiglio di Amministrazione adozione 1 23

Dettagli

Regolamento per le spese in economia di ANCI Lombardia approvato dal Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia con delibera n. 6 del 22 giugno 2011 e

Regolamento per le spese in economia di ANCI Lombardia approvato dal Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia con delibera n. 6 del 22 giugno 2011 e Regolamento per le spese in economia di ANCI Lombardia approvato dal Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia con delibera n. 6 del 22 giugno 2011 e s.m.i. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

riferiti al costo complessivo del bene o servizio per tutta la durata del contratto.

riferiti al costo complessivo del bene o servizio per tutta la durata del contratto. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Articolo 1. Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.125, comma 10, d.lgs. n.163/2006, disciplina

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Decreto n. 1887 del 05/12/2006 Prot. n. 36390 Anno 2006 Titolo I Classe 3 Fascicolo IL RETTORE VISTA la Legge 9.05.1989 n. 168; VISTO il D.P.R. 20 agosto 2001 n. 384 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI INDICE PARTE I ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA ARTICOLO 1- OGGETTO ARTICOLO 2- LIMITI

Dettagli

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI FEEDEERRAAZZIIONEE NAAZZIIONAALLEE COLLLLEEGGII PRROFFEESSSSIIONAALLII TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA REGOLAMENTO INTERNO PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI Roma li 16/01/2016 pagina 2 di

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI 1 INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto Pag. 3 Art. 2. Finalità e

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 200 del 10/6/1996. Modificato con deliberazioni dell U.P. n. 270 del 18/7/1997, n. 74 del 20/10/1999, n. 204 dell 11/12/2001,

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CAMPI BISENZIO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI CAMPI BISENZIO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Deliberazione della Giunta comunale n. 267 del 30 settembre 2003 1 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del protocollo

Articolo 1 Oggetto del protocollo Protocollo per l acquisizione di lavori, servizi e forniture in economia della Fondazione i Pomeriggi Musicali e della Società I Pomeriggi Musicali Servizi Teatrali Srl Approvato dal CdA il 15/02/2016

Dettagli

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO INTERNO Premessa

PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO INTERNO Premessa PROCEDURE DI ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO INTERNO Premessa Il presente regolamento interno detta le modalità di acquisizione di beni e servizi da parte dell A.T.L.DEL CUNEESE, Valli Alpine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI PER LE SPESE IN ECONOMIA PER LAVORI, FORNITURE E SERVIZI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI PER LE SPESE IN ECONOMIA PER LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI PER LE SPESE IN ECONOMIA PER LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Seruso SpA in data 12.09.2012 In vigore dal 12.09.2012-1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con determinazione dell Amministratore Unico della società A.M.U.

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con determinazione dell Amministratore Unico della società A.M.U. REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Approvato con determinazione dell Amministratore Unico della società A.M.U. SpA Capitolo 1 Principi generali 1. Premessa La società

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE DI CORREZZANA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2006 Modificato con delibera C.C. n. 35 del 20.12.2011 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIB. DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO C.C. N 1 DEL 7.01.2009 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Modalità di

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con Decreto dell Amministratore Unico n 5 del 23/01/2015 1 Articolo 1 Quadro normativo di riferimento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE Distretto XV - Via V. Olcese, 16-00155 ROMA - Tel. (06) 2301748-23296321

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SPESE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE SPESE IN ECONOMIA Emanato con Decreto Rettorale n. 22, prot. n. 1021/A3 del 1 marzo 2005 e s.m. e i. (D.R. n. 5, prot. n. 519/L7 del 30 gennaio 2006, D.R. n. 89, prot. n. 6833/A3 del 13 luglio 2011 e D.R. n. 123, prot.

Dettagli

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI 28 marzo 2014 INDICE Art. 1- Premessa e principi.. 3 Art. 2 - Individuazione della procedura di acquisto.. 3 Art. 3 - Responsabile

Dettagli

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per per l acquisizione

Dettagli

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI.

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. Approvato con deliberazione del C.C. n. 57 del 17/12/2008; Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l acquisizione di beni, servizi e lavori da eseguirsi in economia da parte

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE P A D O V A REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE P A D O V A REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE P A D O V A REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA ART. 1 - Oggetto Le disposizioni che seguono disciplinano l esecuzione in economia

Dettagli