Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta"

Transcript

1 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

2 Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti l attività di, piercing e trucco permanente Linee Guida del Ministero della Salute (Circolare 08/02/1998 n. 2.9/156) Linee Guida per l esecuzione di procedure di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza Direttiva Vincolante Regione Liguria n. 787/2008 Requisiti igienico sanitari necessari alle attività di tatuaggio e piercing in ambito regionale Deliberazione Regione Liguria n. 831/2009 Modifiche e integrazioni alla Direttova Vincolante 787/2008 Requisiti igienico sanitari necessari alle attività di tatuaggio e piercing e trucco permanente

3 Tatuaggi, piercing e trucco permanente Definizioni TATUAGGIO Metodica che produce una colorazione decorativa di parti del corpo, sia attraverso l introduzione o la penetrazione sottocutanea e intradermica di pigmenti con l uso di aghi o taglienti, sia con tecniche di scarificazione. Sono cioè dei trattamenti che comportano l inserimento di sostanze chimiche negli strati intradermici, al fine di ottenere figure e disegni indelebili e perenni TRUCCO PERMANENTE E SEMIPERMANENTE E un tatuaggio praticato sul viso (ciglia-sopracciglia, contorno labbra) e consiste in una dermopigmentazione praticata con aghi e con specifici strumenti PIERCING Per piercing si intende la perforazione di parti del corpo al fine di inserire anelli o decorazioni in metallo o altri materiali, diversi per forma e fattura.

4 Come si comincia un attività di Tatuaggi, piercing e trucco permanente Presentare domanda di Parere Igienico Sanitario alla ASL Allegando: Relazione tecnica che dovrà attestare il rispetto della Delibera Vincolante n. 787/2008 relativamente a: - Destinazione d uso dei locali (commerciale o civile abitazione) - Descrizione dell attività svolta, delle attrezzature presenti e delle modalità di sanificazione e sterilizzazione utilizzate - Presenza di Certificazioni degli impianti presenti (elettrico e termico) Planimetria dettagliata dei locali

5 L attività di tatuaggio, piercing e trucco permanente è vietata nella forma ambulante. Nel contesto di manifestazioni pubbliche è consentita solo occasionalmente e previa comunicazione alla ASL L attività deve essere svolta sotto la responsabilità di un operatore in possesso dei requisiti previsti dalla Regione Liguria Devono essere garantite le condizioni di sicurezza igienico sanitaria essenziali

6 L attività di vigilanza L ispezione si può riassumere nei seguenti passaggi: Tipo di controllo Requisiti minimi dei Locali Requisiti minimi della strumentazione e delle procedure Informazione al cliente e Formazione operatori Criteri Verifica dei requisiti igienico sanitari: pavimenti, pareti, aerazione, servizi igienici, ecc Verifica delle attrezzature, della strumentazione e degli arredi Verifica della presenza del direttore tecnico in possesso dei requisiti richiesti per l attività, pulizia dei locali, modalità di sanificazione, disinfezione e sterilizzazione delle superfici dei piani di lavoro,, modalità di smaltimento dei rifiuti, Consegna al cliente note informative e registrazione delle informazioni acquisite Corsi di formazione per gli operatori

7 Requisiti minimi dei locali Pavimenti e Pareti in materiale facilmente lavabile e disinfettabile (sufficientemente resistente, liscio, impermeabile) Altezza interna dei locali: 2,70 m per i locali di lavoro 2,40 m per i servizi igienici e locali accessori Superficie minima dei locali: varia a seconda della capienza massima contemporanea prevista e del tipo di attività svolta Almeno: laboratorio circa 20 m 2 di cui area operativa 12 m 2, area lavaggio 2 m 2, area sterilizzazione 4 m 2, area office 1 m 2 - spogliatoio operatore 2 m 2 servizio igienico 4 m 2 Superfici aeroilluminanti (finestre, vasistas, porte): devono essere almeno 1/8 della superficie Servizio igienico: deve essere dotato di antibagno, distributore automatico di sapone e asciugamani monouso. È consentito l uso promiscuo tra operatori e clienti

8 Requisiti minimi dei locali Il locale di lavoro deve essere distinto in aree, senza necessariamente una divisione fisica in locali separati, per o esecuzione del tatuaggio, del piercing o del trucco permanente o sterilizzazione dei materiali, nella quale sono conservati i materiali puliti e i materiali sterilizzati. Tale area dovrà essere dotata di autoclave o pulizia degli strumenti, attrezzata con lavabo servito da acqua calda e fredda. In tale area verranno stoccati i contenitori dei rifiuti speciali destinati allo smaltimento o spogliatoio per gli operatori, parametrata al numero degli operatori, con idonei arredi per il cambio

9 Requisiti minimi della strumentazione e delle procedure Tutti gli strumenti occorrenti alle attività di tatuaggio, piercing e trucco permanente devono essere conformi alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie Gli aghi devono essere monouso (data di sterilizzazione) Gli strumenti riutilizzabili devono essere accuratamente lavati, sigillati in buste e sterilizzati (autoclave a 121 C x 20 min) e indicata la data di sterilizzazione I pigmenti colorati, gli inchiostri devono essere in confezioni monouso, certificati atossici e sterili dalla ditta produttrice, dotati di etichettatura e schede di sicurezza in italiano e progettati per impedire la reintroduzione del liquido. Se la confezione non è monouso devono essere versati in contenitori monouso sterili o sterilizzati.

10 Requisiti minimi della strumentazione e delle procedure I componenti delle attrezzature destinati a penetrare nella cute devono essere preferibilmente monouso, e dove non sia possibile, dovranno essere sterilizzati in autoclave a 121 C x 20 min dopo ogni trattamento. Pertanto devono avere caratteristiche di resistenza a tali trattamenti. I monili per il piercing devono essere conformi alla norma vigente, sigillati in buste e sterilizzati (autoclave a 121 C x 20 min). Sulla busta deve essere apposta la data di sterilizzazione

11 Requisiti minimi della strumentazione e delle procedure Aghi e taglienti da smaltire devono esser riposti in appositi contenitori rigidi, resistenti al taglio Tutti i materiali monouso dopo il loro utilizzo devono essere eliminati in conformità alle norme sullo smaltimento dei rifiuti previsti per i rifiuti pericolosi a rischio infettivo mediante la stipula di un contratto con ditta autorizzata al ritiro e smaltimento.

12 Requisiti minimi della strumentazione e delle procedure Prima dell inizio dell intervento di tatuaggio, piercing e trucco permanente: procedere ad un accurata preparazione dell area di lavoro ricoprendo le superfici con telini monouso e allontanando il materiale non necessario all attività L operatore deve procedere ad un accurata pulizia delle mani e deve usare misure protettive, quali guanti idonei, mascherina monouso, occhiali di protezione, camice Dopo ogni trattamento: sanificare (mediante disinfettanti contenenti cloro > 4% o altri prodotti ugualmente efficaci) le superfici dei piani di lavoro

13 Informazione al cliente Prima di procedere si dovrà 1 consegnare la nota informativa 2 acquisire le informazioni necessarie con la scheda individuale 3 acquisire il consenso informato alla pratica

14 Formazione operatori La formazione degli operatori che svolgono attività di tatuaggio, piercing e trucco permanente è elemento essenziale e obbligatoria per svolgere l attività La DGR 831/2009 individua i requisiti minimi per i corsi di formazione: Durata 30 ore di cui 20 di lezione teoriche e 10 ore di esercitazioni pratiche igienico-sanitarie Esame con prova scritta (questionario) e/o colloquio e prova pratica igienico-sanitaria Rilascio di attestato di frequenza

15 Chi applica monili al lobo dell orecchio (orafi e gioiellieri) è esonerato dal corso di formazione I titoli acquisiti in altre Regioni verranno riconosciuti equipollenti se contenuti, modalità effettuazione, numero ore e prove di valutazione risultano conformi alla DGR 831/2009 (di competenza ASL) L attività di tatuaggio, piercing e trucco permanente da operatori stranieri o provenienti da Regioni che non richiedono titoli può essere svolta presso operatori locali per un periodo di tempo limitato (massimo 90 giorni anche non continuativi), previa comunicazione alla ASL

16 L attività della Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Anno / n. attività controllate al 30/09/2015 Acconciatori Estetisti Tatuaggi, piercing, trucco permanente 0 6 * Tatoo festival 9 * Tatoo festival 4 Su un totale di 568 attività: 339 acconciatori (controllate il 28%), 218 estetisti (controllate il 42%), 7 tatuatori, 2 piercing e 2 trucco permanente (controllati il 100%)

17 L attività della Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica tipologia non conformità Requisiti minimi dei locali (mancanza servizio igienico o antibagno, pareti non lavabili, ) Informazioni al cliente e formazione operatori (mancanza dell'attestato di formazione o del direttore tecnico) Requisiti minimi della strumentazione e delle procedure (mancanza sistema di sterilizzazione, carenza controllo su validità prodotti) Condizioni operative (scarse condizioni igienico sanitarie e di pulizia) n. attività con non conformità riscontrate

18 L attività della Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica condizioni operative informazioni al cliente Requisiti locali Requisiti strumentazione e procedure

19 L attività della Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica PROVVEDIMENTI n. Prescrizioni a verbale Prescrizioni con nota scritta Sanzioni L attività dei Comuni PROVVEDIMENTI Sospensione attività Sanzioni n. 4 2

20 Conclusioni Conoscenza Prevenzione Collaborazione Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Segreteria tel fax

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Scheda informativa del modulo B31

Scheda informativa del modulo B31 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per le ditte che eseguono tatuaggi e applicano piercing nonché esecuzione di trucco permanente e semipermanente. Il modulo si utilizza per ogni caso di: Nuova

Dettagli

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI Linee-guida Ministero della Sanità in tema di tatuaggio e piercing. Adempimenti da seguire in ambito regionale riguardanti misure preventive di tutela della salute in connessione alle attività di tatuaggio

Dettagli

DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING E DELLE PRATICHE CORRELATE. Art. 1. (Finalità)

DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING E DELLE PRATICHE CORRELATE. Art. 1. (Finalità) DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING E DELLE PRATICHE CORRELATE Art. 1. (Finalità) 1. La Regione Piemonte, in attuazione dell articolo 32, comma 1 della Costituzione e nel rispetto delle competenze

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MAZZOCCHI, SALTAMARTINI. Disciplina delle attività di tatuaggio e piercing e delle pratiche correlate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MAZZOCCHI, SALTAMARTINI. Disciplina delle attività di tatuaggio e piercing e delle pratiche correlate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 226 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MAZZOCCHI, SALTAMARTINI Disciplina delle attività di tatuaggio e piercing e delle pratiche

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 6932 DEL 27 APRILE 2004. Linee Guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o peircing

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 6932 DEL 27 APRILE 2004. Linee Guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o peircing DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 6932 DEL 27 APRILE 2004 Oggetto: Linee Guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o peircing IL DIRETTORE GENERALE VISTE le Linee Guida del Ministero della

Dettagli

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE AD ATTIVITA di ESECUZIONE di TATUAGGI E di PIERCING PREMESSA Per esercitare l attività di esecuzione di tatuaggi e/o piercing al

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con deliberazione del

Dettagli

sommario DECRETA ALLEGATO 1 LINEE-GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI TA- TUAGGIO E/O PIERCING DDG SAN (3) 6932_04.doc Pag: 1

sommario DECRETA ALLEGATO 1 LINEE-GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI TA- TUAGGIO E/O PIERCING DDG SAN (3) 6932_04.doc Pag: 1 DDG SAN (3) 6932_04.doc Pag: 1 Decreto Direzione Generale Sanità Regione Lombardia N. 6932 del 27.04.2004 Oggetto: Linee Guida per l'esercizio delle Attività di Tatuaggio e/o Piercing sommario DECRETA

Dettagli

Comune di Abbiategrasso (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA,TATUATORE, PIERCING

Comune di Abbiategrasso (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA,TATUATORE, PIERCING Comune di Abbiategrasso (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA,TATUATORE, PIERCING Il Dirigente Settore Gestione del Territorio Arch. Alberto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI 57 REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 73 Reg./49 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 17/04/2009 Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie Allegato A ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE Norme igienico sanitarie Articolo 1 Accertamenti igienico sanitari 1. L'accertamento dei requisiti igienico - sanitari dei locali, delle suppellettili, delle

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) per APERTURA/TRASFERIMENTO/SUBINGRESSO/VARIAZIONE DI ATTIVITÀ DI TATUATORE E/O

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING Titolo abilitativo: DIA ad efficacia immediata. A. DESCRIZIONE. Per tatuaggio si intende la colorazione permanente di parti del corpo ottenuta con l

Dettagli

ALLEGATO 1 REQUISITI DEI LOCALI

ALLEGATO 1 REQUISITI DEI LOCALI ALLEGATO 1 REQUISITI DEI LOCALI 1. Le attività di estetista, acconciatore e barbiere tatuaggio e piercing devono essere svolte in locali appositi ed esclusivi, separati, distinti e non direttamente comunicanti

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA, ACCONCIATORE TATUAGGIO E PIERCING Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETICA, PIERCING E TATUAGGIO

COMUNE DI BRUGHERIO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETICA, PIERCING E TATUAGGIO COMUNE DI BRUGHERIO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETICA, PIERCING E TATUAGGIO Approvato con deliberazione c.c. n. 47 del 9 luglio 2007 Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO R E P U B B L I C A I T A L I A N A CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO Servizio Sportello Unico Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI

Dettagli

SEGNALA L INIZIO DELL ATTIVITA INDICATA IN OGGETTO, che verrà esercitata nei seguenti locali:

SEGNALA L INIZIO DELL ATTIVITA INDICATA IN OGGETTO, che verrà esercitata nei seguenti locali: AL COMUNE di CAVALESE Via S. Sebastiano, 7 38033 CAVALESE (TN) OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI ESTETISTA ACCONCIATORE L attività di cui alla presente S.C.I.A. può essere iniziata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING. COMUNE DI SCHIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING. Schio, novembre 2007 Approvato con deliberazione consiliare n. 164 del 19.12.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA INDICE CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 11 del 09 gennaio 2013 pag. 1/9

ALLEGATOA alla Dgr n. 11 del 09 gennaio 2013 pag. 1/9 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 11 del 09 gennaio 2013 pag. 1/9 Nuovi indirizzi regionali per tutelare la salute della popolazione in connessione alle attività di tatuaggio e piercing.

Dettagli

REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 13 giugno 2007, n. 37 Regolamento sull'esecuzione di tatuaggi e piercing in condizioni di sicurezza. (GU n. 28

Dettagli

L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres.

L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres. L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres. Regolamento recante la disciplina di attuazione della legge regionale 12 aprile 2012, n. 7

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Decreto del direttore generale LOMBARDIA 27 aprile 2004, n. 6932 Linee guida per l'esercizio delle attività di tatuaggio e/o piercing. (B.U.R. n. 20, 10 maggio 2004) IL DIRETTORE GENERALE Viste le Linee

Dettagli

Giornata Informativa destinata agli operatori nelle attività di acconciatore, estetista, tatuatore, piercing e trucco permanente

Giornata Informativa destinata agli operatori nelle attività di acconciatore, estetista, tatuatore, piercing e trucco permanente Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Giornata Informativa destinata agli operatori nelle attività di acconciatore, estetista, tatuatore, piercing e trucco permanente

Dettagli

proposta di legge n. 15

proposta di legge n. 15 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 15 a iniziativa dei Consiglieri Massi, Marinelli, D Anna, Natali presentata in data 5 luglio 2010 DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

Dettagli

SUPERFICI MINIME DEI LOCALI DA ADIBIRSI ALL'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGI E PIERCING

SUPERFICI MINIME DEI LOCALI DA ADIBIRSI ALL'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGI E PIERCING PUNTO 1 SUPERFICI MINIME DEI LOCALI DA ADIBIRSI ALL'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGI E PIERCING 1. Sono fissate le seguenti superfici minime dei locali da adibire all'esercizio

Dettagli

Le strutture appaiono pulite, sottoposte a manutenzione e in buone

Le strutture appaiono pulite, sottoposte a manutenzione e in buone SERVIZIO VETERINARIO AREA B U.O.C. IGIENE ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE CHECK LIST M Regione Lazio Azienda U.S.L. RM/F Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario area b VIGILANZA NEGLI ESERCIZI AL

Dettagli

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE CAPO I - ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, DELLE PROFESSIONI SANITARIE AUSILIARIE Art. 189

Dettagli

SEGNALA. (la data non può essere antecedente alla data di presentazione della S.C.I.A.

SEGNALA. (la data non può essere antecedente alla data di presentazione della S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA, SUBINGRESSO, TRASFERIMENTO, MODIFICA LOCALI, MODIFICA/AGGIUNTA DEL RESPONSABILE TECNICO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE/ESTETISTA

Dettagli

SEGNALA L INIZIO DELL ATTIVITA INDICATA IN OGGETTO. Per gli stessi risulta acquisito certificato di agibilità n. di data ;

SEGNALA L INIZIO DELL ATTIVITA INDICATA IN OGGETTO. Per gli stessi risulta acquisito certificato di agibilità n. di data ; OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ai sensi dell articolo 23 della legge provinciale 30 novembre 1992, n. 23) COMUNE DI MORI Servizio Attività Produttive Via Scuole, 2 38065 MORI ( TN)

Dettagli

ALLEGATO SANITARIO DICHIARA

ALLEGATO SANITARIO DICHIARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica Direttore Dott.ssa Donatella Varrenti Piazza Vescovile, 4 Albano Laziale (RM) Tel. 06/93275330 Fax 06/93274476 ALLEGATO SANITARIO Mod. AS3

Dettagli

TATUATORE - Specializzazione in Old School Tattoo

TATUATORE - Specializzazione in Old School Tattoo CORSO PER TATUATORE - Specializzazione in Old School Tattoo Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 170 CORSO PER TATUATORE - Specializzazione in Old School Tattoo Materiale propedeutico (studio

Dettagli

l applicazione della disciplina regionale delle attività

l applicazione della disciplina regionale delle attività 14 7.6.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 21 i) le condizioni inerenti l attività di macellazione di animali allevati in azienda e utilizzati per l attività agrituristica di somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Le attività di Acconciatore e di Estetista, siano esse esercitate

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4259 DEL 13 MARZO 2003

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4259 DEL 13 MARZO 2003 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4259 DEL 13 MARZO 2003 Oggetto: Linee guida per l'aggiornamento e la regolamentazione delle attività delle estetiste IL DIRETTORE GENERALE RICHIAMATA la L. 4 gennaio

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 ALLEGATO 4 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di tatuatore/ piercing può essere esercitata in locali

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA, PARRUCCHIERE MISTO, TATUAGGIO E PIERCING Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI BARBIERE, ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING

PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI BARBIERE, ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING AREA 3 Comune di Torri di Quartesolo Via Roma, 174 36040 TORRI DI QUARTESOLO (VI) Codice Fiscale Partita Iva : 00530900240 Posta Elettronica Certificata (PEC) : torridiquartesolo.vi@cert.ip-veneto.net

Dettagli

Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO

Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA approvato con deliberazione di C.C. n. 23 del 20/06/2005 modificato con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO 1: ACCONCIATORE

ALLEGATO 1: ACCONCIATORE ALLEGATO 1: ACCONCIATORE REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE AD ATTIVITA DI ACCONCIATORE ed EVENTUALE UTILIZZO LAMPADE ABBRONZANTI PREMESSA L attività professionale di acconciatore comprende tutti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI ESTETISTA E DI TATUATORE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI ESTETISTA E DI TATUATORE COMUNE DI CORNATE D ADDA Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI ESTETISTA E DI TATUATORE Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 51 in data 20/12/2012 IL SINDACO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Decreto del Presidente della Giunta regionale 2 ottobre 2007, n. 47/R Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing).

Dettagli

Allegato 1: Testo definitivo

Allegato 1: Testo definitivo Allegato 1: Testo definitivo Comune di Marcon (Provincia di Venezia) Regolamento Comunale DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING Approvato con Deliberazione

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Ai sensi dell art.15 del regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Allegato al regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI DIMENSIONE

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

Attività artigianali Estetisti / Tatuatori

Attività artigianali Estetisti / Tatuatori Attività artigianali Estetisti / Tatuatori Descrizione L attività di estetista comprende tutti i trattamenti e le prestazioni eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo o prevalente

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 4 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2015, n. 7 Regolamento Regionale Disciplina sulle modalità di macellazione aziendale inerenti animali della specie ovina, caprina,

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

8.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 27 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 agosto 2008, n. 44/R

8.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 27 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 agosto 2008, n. 44/R 8.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 27 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 agosto 2008, n. 44/R - IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l articolo 121 della Costituzione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA 1 ANNO 2007 REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA 2 I N D I C E Capo primo (disposizioni generali) pag. 3 art. 1 oggetto del regolamento pag. 3 art. 2 dichiarazione inizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 21 in data 11 aprile 2011 Pagina 1 di 18 INDICE Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING Città di San Giorgio a Cremano Settore Patrimonio, Commercio, Cultura, Sport e Tempo Libero Allegato alla delibera di C.C. n. 148 del 20/11/2013 Il Segretario Generale F.to Dr. Pasquale Incarnato REGOLAMENTO

Dettagli

comunali, ai sensi del combinato disposto degli articoli 5 e 6 della legge.

comunali, ai sensi del combinato disposto degli articoli 5 e 6 della legge. 28 8.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 27 Testo coordinato del d.p.g.r. 2 ottobre 2007, n. 47/R Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina

Dettagli

SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE

SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE PER LA CONSULTAZIONE DELLA SOCIETÀ REGIONALE Iniziative legislative, regolamentari, amministrative di rilevante importanza Pubblicazione ai sensi dell'articolo

Dettagli

La rivendita di prodotti fitosanitari: requisiti professionali e aziendali

La rivendita di prodotti fitosanitari: requisiti professionali e aziendali : requisiti professionali e aziendali Dr. Antonio d Amato Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione antonio.damato@ulssvicenza.it Noventa Vicentina 11 dicembre 2015 Di cosa parliamo oggi 1. Formazione per

Dettagli

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Premessa: Le indicazioni di seguito riportate non vogliono essere una aggiunta al complesso sistema di norme vigenti, ma uno strumento utile a chi vuole intraprendere e/o modificare significativamente

Dettagli

ALLEGATO A) ASSESSORATO ALL ARTIGIANATO

ALLEGATO A) ASSESSORATO ALL ARTIGIANATO ALLEGATO A) C O M U N E D I T E R N I ASSESSORATO ALL ARTIGIANATO Regolamento Comunale per la disciplina delle attività di acconciatore ed estetista e di servizi similari (deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato 2 Specifiche tecniche relative alle operazioni di pulizia ordinaria ANNO

Dettagli

Comune di. SAN CANZIAN D ISONZO Provincia di Gorizia. Regolamento per l esercizio delle attività di estetista, acconciatore, tatuaggio e piercing

Comune di. SAN CANZIAN D ISONZO Provincia di Gorizia. Regolamento per l esercizio delle attività di estetista, acconciatore, tatuaggio e piercing Comune di SAN CANZIAN D ISONZO Provincia di Gorizia Regolamento per l esercizio delle attività di estetista, acconciatore, tatuaggio e piercing Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 di

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Dir. DB2000 Sett. DB2017 Allegato n. 3 di 3 Pag. 1 ALLEGATO 3 SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE All ASL. e p.c. Al Comune di. _l_ sottoscritt in qualità di Nat a

Dettagli

VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl

VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl 8.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 termico, le quote di contributo corrispondente a ciascuno di essi, con le modalità indicate, a titolo di pagamento a saldo del contributo previsto

Dettagli

"NORME IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE". IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

NORME IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato 9666 N. 37 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 1-11-2011 Parte I Legge Regionale 28 ottobre 2011, n. 21 "NORME IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE".

Dettagli

Allegato a paragrafo 3

Allegato a paragrafo 3 COMMISSIONE REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE STRUTTURE OPERATORIE (D.A. n. 6289 del 23 Settembre 2005) Allegato a paragrafo 3 I sopralluoghi presso le strutture sanitarie 3.2 Gli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.411 DEL 21/04/2011

RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.411 DEL 21/04/2011 Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Sede legale via/piazza n. Sede operativa via/piazza n. Tel Insegna TIPOLOGIA ATTIVITA commercio in sede fissa: esercizi di vicinato medie strutture grandi strutture

Dettagli

6. La presente legge non si applica alle attività di medicina estetica in quanto rientranti nell'esercizio della professione medica.

6. La presente legge non si applica alle attività di medicina estetica in quanto rientranti nell'esercizio della professione medica. Legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing. Bollettino Ufficiale n. 21, parte prima, del 07.06.2004 Art. 01 - Oggetto e definizioni 1. La presente

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETICA, TATUAGGIO E PIERCING

COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETICA, TATUAGGIO E PIERCING COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETICA, TATUAGGIO E PIERCING INDICE Art. 1 - Oggetto ed ambito d applicazione. Art. 2 - Principi e disposizioni generali. Art. 3 - Attività

Dettagli

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti A. Requisiti degli automezzi non soggetti ad Autorizzazione sanitaria (art., D.P.R. n. 7/980) Il trasporto di qualsiasi sostanza alimentare avviene con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 30/07/2011 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Le norma del presente

Dettagli

AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI CERCENASCO. OGGETTO: Dichiarazione di inizio attività di acconciatore - estetista - centro di abbronzatura.

AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI CERCENASCO. OGGETTO: Dichiarazione di inizio attività di acconciatore - estetista - centro di abbronzatura. Compilare in triplice copia AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI CERCENASCO OGGETTO: Dichiarazione di inizio attività di acconciatore - estetista - centro di abbronzatura. Il sottoscritto nato a (Prov. di ) il

Dettagli

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE U.O. DATA Rilevatori Sono presenti i seguenti DPI: PRECAUZIONI STANDARD ED ISOLAMENTI GENERALI SPECIFICI in rapporto alla prevalenza del rischio infettivo Mascherine chirurgiche triplo/quadruplo strato

Dettagli

Regolamento delle attività di acconciatore estetica piercing e tatuaggio

Regolamento delle attività di acconciatore estetica piercing e tatuaggio Regolamento delle attività di acconciatore estetica piercing e tatuaggio Approvato con Deliberazione C.C. n 2 del 11.01.2010 INDICE: TITOLO I PRINCIPI GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO E DEFINIZIONI ARTICOLO

Dettagli

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO IL/LA SOTTOSCRITTO/A nato/a a prov. di il titolare/legale rappresentante della Società/Ente/Azienda ai sensi dell art. 5 c. 3 lett. e) del D.P.G.P. 27 novembre

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ad efficacia immediata) Acconciatore - Estetista - Centro di abbronzatura

AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ad efficacia immediata) Acconciatore - Estetista - Centro di abbronzatura AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ad efficacia immediata) Acconciatore - Estetista - Centro di abbronzatura Il sottoscritto nato a (Prov. di ) il cittadinanza

Dettagli

Acconciatori ed Estetisti

Acconciatori ed Estetisti Acconciatori ed Estetisti Art. 2/2 c. Legge 17.08.2005 n 174 Attività di acconciatore, manicure, pedicure, svolta senza avere presentato la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (già DIAP) al comune

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Comune di Arese Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 22.05.2007 Art. 1 Definizioni Il presente regolamento disciplina l attività

Dettagli

I termini e i concetti fondamentali

I termini e i concetti fondamentali unità La prevenzione delle contaminazioni I termini e i concetti fondamentali 1 l igiene degli ambienti Gli esercizi di lavorazione e somministrazione di cibi e bevande, soggetti ad accertamenti dei requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING (approvato con delibera consiliare n. 71 del 11/07/2011) INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto del Regolamento;

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

ATTIVITA DI ACCONCIATORE / ESTETISTA

ATTIVITA DI ACCONCIATORE / ESTETISTA S.C.I.A. ATTIVITA DI ACCONCIATORE / ESTETISTA L. 04/01/1990 n. 1 L. 17/8/2005 n. 174 L. 02.04.2007 N. 40 D.G.R. N. 876 DEL 25.05.2009 L.R. 20.11.2007 N. 17 relativa a: [] ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE [] ATTIVITÀ

Dettagli

Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere

Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere Descrizione L operatore di tecniche di massaggio orientale opera nell ambito delle pratiche che stimolano le risorse naturali dell individuo

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica

Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri. 16/05/05 Luca Ricci - Az. USL 2 Lucca U.O. Igiene e Sanità Pubblica Linee Guida per l'igiene di Parrucchieri e Barbieri 1 Introduzione Le infezioni possono trasmettersi: per contatto diretto operatore/cliente (e viceversa) per contatto indiretto con gli strumenti, le attrezzature

Dettagli

Scheda informativa per l attività di acconciatore

Scheda informativa per l attività di acconciatore Scheda informativa per l attività di acconciatore Allegato al regolamento comunale per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI DIMENSIONE LOCALI

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Legge n. 174/2005 D.Lgs. n. 59/2010

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING Comune di Castellavazzo Provincia di Belluno Castellavazzo 32010 Via Roma civ. 16 TEL. 0437/770254 FAX 0437/573194 P.I. 00206640252 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI BARBIERE, ACCONCIATORE,

Dettagli

Regolamento Comunale delle attività di acconciatore, estetica, tatuaggio e piercing

Regolamento Comunale delle attività di acconciatore, estetica, tatuaggio e piercing Regolamento Comunale delle attività di acconciatore, estetica, tatuaggio e piercing Approvato con Deliberazione C.C. n 22 del 31/03/2011 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE, BARBIERE, ESTETISTA, ATTIVITA DI TATUAGGIO E PIERCING

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE, BARBIERE, ESTETISTA, ATTIVITA DI TATUAGGIO E PIERCING REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE, BARBIERE, ESTETISTA, ATTIVITA DI TATUAGGIO E PIERCING Allegato A approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 84 del 11/11/2013 PD n.

Dettagli

Comando Carabinieri per la Tutela della Salute N.A.S. di TRENTO. Istituto di Formazione Professionale Sandro Pertini Conferenza per corsi estetisti

Comando Carabinieri per la Tutela della Salute N.A.S. di TRENTO. Istituto di Formazione Professionale Sandro Pertini Conferenza per corsi estetisti Comando Carabinieri per la Tutela della Salute N.A.S. di TRENTO Istituto di Formazione Professionale Sandro Pertini Conferenza per corsi estetisti Trento, 8 marzo 2013 Argomenti PAO Pratiche consentite

Dettagli