How to Innovate International Cooperation? New trends and best practices for improving developing aid Innovative thinking to avoid sinking

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "How to Innovate International Cooperation? New trends and best practices for improving developing aid Innovative thinking to avoid sinking"

Transcript

1 How to Innovate International Cooperation? New trends and best practices for improving developing aid Innovative thinking to avoid sinking Milan, Centro Congressi Fondazione Cariplo- December 6th, Organized by Oxfam Italy, Don Carlo Gnocchi Foundation and ASVI Social Change, under the patronage of Cariplo Foundation. 1

2 Si ringrazia Fondazione Cariplo per il Patrocionio ed il supporto che hanno reso possibile questo convegno, in particolare P.M. Vello, D. Invernizzi, C. Toscano si ringrazia anche vivissimamente il Comitato Scientifico ASVI e in particolare per i preziosi suggerimenti ed analisi: Alessandro Bechini, Sandro Calvani, Federico Marcon, Stefano Oltolini. Tutti i partners, in particolare la Fondazione Don Carlo Gnocchi, i relatori del Convegno, i membri del Panel dell Indagine. 2

3 Ringraziamenti pag. 3 Introduzione alla Social Innovation pag. 5 Trend pag. 19 Indagine pag. 26 Dirigenti componenti del panel pag. 28 Abstract Indagine pag. 32 Next step pag. 59 3

4 CONVEGNO INNOVARE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Innovative thinking to avoid sinking Milano, 6 Dicembre 2013 Organizzato da Oxfam Italia, Fondazione Don Carlo Gnocchi, ASVI Social Change NB. File non ancora soggetto ad editing, ci scusiamo per eventuali refusi. 4

5 Master SOCIAL INNOVATION Partiamo dalla definizione di innovazione sociale oggi tra le più comunemente utilizzate "Un innovazione che è sociale sia nelle sue finalità che nei suoi mezzi. Più specificatamente, l innovazione sociale è un set di nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che rispondono a bisogni sociali in maniera più efficace di altri ed al contempo creano nuove interazioni e collaborazioni sociali. (Caulier-Grice J., Kahn L., Mulgan G., Pulford L., Vasconcelos D.: Study on Social Innovation: a paper prepared by the Social Innovation exchange (SIX) and the Young Foundation for the Bureau of European Policy Advisors, Young Foundation/European Union (2010) ) 5

6 Master Concetti e Termini Non si pone tanto l accento sulla nuova soluzione perche allora tutto sarebbe innovazione sociale, anche qualsiasi invenzione individuale. Ma sulla rete di relazioni ed il processo generativo partecipativo, sul bisogno sociale che diventa centrale, più di chi lo risolve e del veicolo per risolverlo. Inoltre, la dimensione tecnologica è uno stretto legato. Co-progettazione, co-design, co-creazione, co-produzione, hanno bisogno di un approccio visual per poter essere partecipativi, e quindi il design è anche grafico, persino nel business planning 6

7 IL Business model CANVAS co-creato in crowdsorcing da 500 operatori in 45 parsi del mondo e pubblicato da Osterwlalder nel

8 Master Wikipedia è un ottimo esempio di co-creazione, citata come prova di come l intelligenza collettiva possa produrre risposte sociali di qualità su supporti digitali autorganizzati. Infatti laddove dal partecipativo si passi al crowd (sourcing, funding, etc.) e ci rivolge ad un ampio numero di consum-attori (o Pro-sumer) sono necessarie piattaforme social che permettano l abbassamento dei costi di gestione delle transazioni attraverso la disintermediazione digitale. La voglia di partecipazione diretta è di non passare più da un gestore (ad es. un comitato editoriale che controlla la qualità dei contenuti proposti a wikipedia), mentre la voglia del gestore (light) è quella di tenere i costi e la fatica i più bassi possibili. 8

9 Master La DISINTERMEDIAZIONE darà vita a cambiamenti radicali e sempre più ad un economia e servizi di tipo collaborativo (sharing economy) un po tipo quella dei nonni -ma digitale- e sta già cambiando le abitudini di acquisto in direzione sharing : dall affitto di posti letto, stanze e case senza passare dagli alberghi (Airbnb, Coachsurfing), all organizzazione del volontariato (MilanoSolidale), dall autorganizzazione comunitaria per le auto oltre il carsharing (Relayride), o all autista (volontario e a turno) con la propria auto 9

10 Master La disintermediazione finanziaria su base comunitaria (locale o globale ma sempre a partire da piattaforme digital) soddisfa la voglia di non passare più dalle banche: dal crowdfunding per il microcredito (Eppela, Kickstarter, Prestiamoci) a quello per l equity (SiamoSoci) a vere e proprie banche di comunità co-create come la Banca Palmas un istituto che stampa la propria moneta (il palmas) creata da una ONG brasiliana locale nella Favela di Fortaleza perchè stufa dell impossibilità di accesso al credito da parte dei poveri (oggi riconosciuta dalla Banca centrale brasiliana). Alla Jack Bank svedese, in arrivo anche in Italia. 10

11 Master C è poi il tema del rapporto tra settore pubblico e cittadini, e più in generale quello delle SMART CITIES. Per il governo locale, in termini di coinvolgimento e co-progettazione, ampissime sono le potenzialità (cosa ben diversa dalle possibilità ). Se si volesse stimolare in modi concreti e ludici la cittadinanza attiva, basterebbe iniziare a invitare e raccogliere gli spunti partecipativi dei cittadini su una piattaforma pubblica e dare rewards ai partecipanti (punteggi di status, sconti per spettacoli, piccole riduzione di imposte, etc.), a partire dalle scuole. Intanto a Napoli CleaNap a partire dal gruppo facebook organizza eventi di pulizia in piazze e siti di valore culturale o ambientale. 11

12 Master La SOCIAL INNOVATION è quindi un: approccio culturale secondo quanto delineato poc anzi (co- creazione, comunità digitali, centralità del bisogno, intelligenza collettiva più che intuizioni individuali, contaminazione), per il raggiungimento del massimo impatto sociale, approccio strategico delineato su alcune buone prassi quali Sostenibilità, Replicabilità, Scalabilità, Prototipazione, Comunità virtuali, Approccio P2P, Partenariati Cross-Sector, Design etc., approccio tecnico, basato su applicazione di tools, tecnologie, strumenti partecipativi (es. World cafè ed incontri di co-creazione), design (approccio visual) e nell insieme un linguaggio molto co- di contaminazione, green, alternativo, giovane, che ha nella creazione di HUB fisici e tematici, un elemento distintivo. 12

13 Master Siamo tutti innovativi? Se è ovvio che la Social Innovation non viene scoperta all improvviso (per un pò di storia vedi libro 2012 Social Innovation e Social Business Dicembre 2012) gran parte della attuale progettazione sociale ed internazionale non rientra né nell' approccio culturale, nè in quello strategico, nè in quello Operativo. Molta della corsa al posizionarsi sull innovazione sociale (soprattutto nell ambito della cooperazione sociale) non ha molto a che vedere con una reale tensione culturale e sociale, ma più con la possibilità di accedere agli ingenti fondi nazionali, regionali ed Europei disponibili da qui poco E bene quindi fare dei semplici esempi per capire meglio alcune differenze. 13

14 Master Quanto ad es. un progetto può essere considerato (un po più) socialmente innovativo? Organizzare un nuovo centro di prossimità per tossico-dipendenti non è social innovation co-progettare una app di prima accoglienza con utenti, assistenti sociali e personale addetto, si. Organizzare un GAS non è social innovation (ed è pure un po noioso), ma un gruppo di acquisito 2.0 su piattaforma digital, che all occasione fa anche attivismo locale, si. Organizzare un corso d aula o e.learning può essere sempre utile, ma SKILLSHARE apprendimento globale Peer to Peer, è social innovation 14

15 Master La telemedicina con autodiagnosi tramite smartphone con assistenza remota su piattaforma on line, nei villaggi difficili da raggiungere dai medici, è social innovation Bike4Africa (bike4africa.it) ha ideato un servizio di medicina su due ruote per consentire ai medici tuareg di raggiungere villaggi isolati nel deserto, difficilmente raggiungibili con altri mezzi ma l uso dei Droni per la consegna dei farmaci come fatto ad Haiti da Andrea Raptodopulos, innovatore sociale californiano, è più rapido e meno pericoloso (anche se a me l idea delle bici e del contatto diretto di medici con i pazienti è molto più simpatica e se fosse possibile utile). Cercare un terreno per uffici e per annunci per ritirarsi in campagna è bello, ma usare LANDSHARE per trovare, affittare, condividere terreni non utilizzati, o costruire una transition town è social innovation. 15

16 Master Potremmo continuare a lungo il fatto e direi il problema, è che: Il terzo settore (cooperative sociali, ONG, Associazioni, Fondazioni) al 99%, non c è ancora in questo presente- Futuro comunitario, creativo e partecipativo! E fuori dalle nuove comunità, dai suoi meccanismi generativi (sharing), dalle soluzioni (troppo tradizionali), dalla tecnologia. I progetti non vengono concepiti su drivers di analisi come quelli esposti. Ed il terzo settore inizia ad essere percepito vecchio dai giovani. Non solo, la nozione stessa di Terzo Settore è ormai datata. 16

17 Master Per questo ASVI sta portando avanti un progetto di contaminazione internazionale (Europa-Asia) tra sociale e innovazione, in Italia soprattutto con la cooperazione sociale e le ONG. Un impegno per l introduzione del tema social innovation in Italia: nel 2011, con la creazione di I-SIN Italian Social Innovation Network, nel 2012 con il primo Master su Social Innovation, Social Business e progettazione innovativa e a fine 2012 con il libro Social Innovation e Social Business- Nuove relazioni per co-progettare il cambiamento ed uscire dalla crisi, M.Crescenzi, Dicembre Nel con cicli di workshop e convegni, anche relativi ai nuovi fondi europei per la Social Innovation. 17

18 Questo convegno Master Questo convegno nasce dalla considerazione di trend registrati nell ambito di aggiornamenti e riflessioni condotte nell ambito de: Master Internazionali ASVI IMPACT- il Comitato Scientifico, in particolare nella task force dedicata al convegno che ha coinvolto anche F.Marcon già direttore della ONG del Don Gnocchi, A. Bechini di Oxfam Italia, Sandro Calvani, per 25 anni alto dirigente ONU impegnato nei paesi in via di sviluppo attività congressuali ed editoriali ASVI in particolare nella stesura del libro già citato, pubblicato a Dicembre 2012 conversazioni informali con dirigenti del settore culminate con l indagine Innovative thinking to avoid sinking: le ONG italiane verso il futuro tra tradizione ed innovazione sociale. 18

19 DA IMPLEMENTATORI DI PROGETTI PROGETTI Master Trend e Scenari probabili A SERVICE FACILITOR E CAPACITY BUIL. PROGRAMMI, ADVOCACY E LOBBING ASSISTENZIALISMO GENERALISMO INTERVENTO CENTRATO NEI PVS SVILUPPO OCCUPAZIONE, IMPRENDI- TORIALITA E SOCIAL BUSINESS NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO SPECIALIZZAZIONE o PARTNERSHIP TRA ONG GENERALISTE E SOGGETTI SPECIALIZZATI ONP E FOR PROFIT UN FOCUS ANCHE NAZIONALE SULLE NUOVE POVERTÀ E I WORKING POORS CON COPERTURA DI SPAZI TRADIZIONALI COPERTI DALLA COOPERAZIONE SOCIALE 19

20 DA TIPOLOGIE DI INTERVENTO TRADIZIONALI Master Trend e Scenari probabili SFRUTTAMENTO DELLE OPPORTUNITA TECNOLOGICHE DI PRESENZA SERVIZI NELLE COMUNITA OFFERTE DALL EPIATTAFORME SOCIAL DAL FOCUS SU FONDI TRADIZIONALE PER LA COOPERAZIONE (MAE, EUROPAID ETC.) DALLA RICERCA DI FINANZIAMENTI TRADIZIONALI NUVOI FONDI DELL AGENDA EUROPEA SUL SOCIALE NON TRADIZIONALE SULLA SOCIAL INNOVATION IMPACT FINANACE E CREAZIONI FONDI (es. Opes Fund), FONDI DI GARANZIA DALLE ATTIVITA e dal FARE Ai RISULTATI ED ALLA ACCOUNTABILITY SUGLI IMPATTI, al FARE LA DIFFERENZA Continuate voi! 20

21 Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità IMPLEMENTATORI DI PROGETTI SERVICE FACILITOR E CAPACITY BUIL. La Commissione Europea avvisa che il vecchio concetto della ONG che prende i soldi e fa il progetto dalla A alla Z si eclisserà, non si fanno più progetti complessi e di qualità così. Prevarrà un ruolo di service provider e service facilitator, di identificazione dei servizi di eccellenza, di gestione contratti di servizio in cui si prendono i migliori. Il MAE potrebbe avere un ruolo nel portare le ONG generaliste a fare da service facilitator per la qualità, innovazione e specializzazione del progetto. PROGETTI PROGRAMMI, ADVOCACY E LOBBING Sempre più si lavorerà su programmi complessi, e la Commissione Europea (ad. es. Angelo Baglio, Capo dell Unità Civil Society, Local Authorities della Commissione Ue/Devco), chiede alle ONG un ruolo di affiancamento della società civile locale su advocacy e lobbing in una logica di impatto sociale più ampia ed efficace di quella semplicemente di progetto e comunque su richiesta e mai sostitutiva 21

22 ASSISTENZIALISMO SVILUPPO OCCUPAZIONE, IMPRENDI- TORIALITA E SOCIAL BUSINESS nei PAESI IN VIA DI SVILUPPO Molti paesi dell ASIA, Africa e Sud America stanno vivendo boom economico e passeranno da un sistema puramente assistenziale ad un misto pubblicoprivato in vari campi (educazione, sanità, servizi sociali). In questa transizione, ONG europee possono fornire know-how ed assistenza tecnica su sistemi misti di sussidiarietà, su cui abbiamo lavorato negli ultimi 15 anni GENERALISMO e/o SPECIALIZZAZIONE Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità Lo sviluppo di questi paesi provocherà da parte loro, una richiesta sempre più alta di professionalità e specializzazione. Le ONG generaliste potrebbero entrare in crisi senza dotarsi di partenariati di know how specializzati e qualificati intra-sector e cross-sector. La più grande ONG del mondo è BRAC, in Bangladesh, massimamente generalista, ma che ha settori e servizi altamente specializzati e gestiti con partenariati tecnici e di know how molto mirati e/o locali. 22

23 SVILUPPO OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITA. Nei paesi in via di svilupp oggi il maggior bacino di occupazione è l'auto-imprenditorialità piuttosto che il mercato formale. Pertanto, tutto il tema della finanza sociale e dello stimolo alla micro-impresa attraverso finanziamenti ad hoc sarà sempre più centrale. Anche qui alcune ONG possono fornire programmi tailor-made. INTERVENTO CENTRATO NEI PVS La crisi nel sud Europa sta già portando alla richiesta dei pubblici e dei donors UN FOCUS ANCHE NAZIONALE SULLE NUOVE POVERTÀ E I WORKING POORS CON COPERTURA DI SPAZI TRADIZIONALI COPERTI DALLA COOPERAZIONE SOCIALE di lavorare anche in Italia e in generale nel sud europeo, con opportunità sia dal punto di vista del funding che del radicamento con i pubblici nazionali. La crisi culturale e generazionale, progettuale e finanziaria delle cooperative sociali, permette potenzialmente alle ONG una con-correnza -nelle politiche sociali, nei servizi di welfare, nelle attività di sviluppo e cooperazione territoriale in cui le ONG italiane sono competenti. Anche creando cooperative in spin-off, come fatto da OXFAM. Master Dettaglio: Scenari probabili e possibili opportunità 23

24 Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità DA TIPOLOGIE DI INTERVENTO SFRUTTAMENTO DELLE OPPORTUNITA TRADIZIONALI TECNOLOGICHE DI PRESENZA e SERVIZI NELLE COMUNITA OFFERTE DALLE PIATTAFORME SOCIAL sia per il reperimento di volontari (piattaforme come Roma/Milano solidale) che di donatori (le APPs di attivismo o di raccolta fondi) sia per la partecipazione ai servizi di economia collaborativa, che per l intervento sul campo, dalla telemedicina tramite smartphone ai Droni per la consegna di farmaci e attrezzature mediche in zone inaccessibili (Haiti). FOCUS SU FONDI TRADIZIONALI. NUVOI FONDI DELL AGENDA EUROPEA PER LA COOPERAZIONE (MAE, EUROPAID ETC.) SUL SOCIALE NON TRADIZIONALE E SULLA SOCIAL INNOVATION quest ultima insieme alla Social Entrepreneurship al centro della nuova Agenda Europea, con grandi programmi quali Social Business Initiative, il PSCI (Social Change Programme, Progress + altri con quasi un mld di euro), soprattutto con

25 Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità Horizon 2020 (già VII Programma Quadro, ora esteso anche all innovazione sociale e non solo tecnologica, con una dotazione di circa 80 miliardi), i Fondi Strutturali che premieranno soprattutto la creazione di occupazione qualificata e lo sviluppo locale. Saranno notevolissime le opportunità di sviluppo di progetti e programmi altamente innovativi e di impatto. DALLA RICERCA DI FINANZIAMENTI TRADIZIONALI IMPACT FINANACE E CREAZIONI FONDI (es. Opes Fund), FONDI DI GARANZIA Il ricorso o la creazione di impact finance necessiterà la capacità di fare impresa, di incubazione ed accelerazione imprenditoriale, l assunzione di rischi imprenditoriali in caso di credito o di equity (cioè ingresso nel capitale sociale delle imprese supportate) vedi ancora il caso di Acra- Opes Fund. DALLE ATTIVITA e dal FARE Ai RISULTATI ED ALLA ACCOUNTABILITY SUGLI IMPATTI, al FARE LA DIFFERENZA

26 Indagine Innovative thinking to avoid sinking : le ONG italiane verso il futuro tra tradizione ed innovazione sociale. A cura di Marco Crescenzi, Presidente ASVI NB. File non ancora soggetto ad editing, ci scusiamo per eventuali refusi. 26

27 Master Obiettivo generale dell Indagine Per andare più a fondo sul tema dei rapporti tra Social Innovation e cooperazione, abbiamo coorganizzato questo convegno e condotto un indagine più strutturata con un panel di colleghi autorevoli storicamente impegnati e provenienti da diverse culture della Cooperazione Internazionale italiana, in modo da meglio incrociare e confrontare i punti di vista. 27

28 Master Obiettivi specifici dell Indagine Favorire un focus point sulle percezioni delle sfide, dei punti di forza e debolezza, delle minacce ed opportunità, dell identità e del mandato, delle chiavi di volta (e di svolta) per lo sviluppo delle ONG Italiane. Porsi alcune domande critiche. Creare una base strutturata per un successivo secondo confronto, dibattito ed affinamento delle tesi, secondo la metodologia DELPHI. 28

29 Master PANEL ( volontari obbligati Ai panelist, amici e colleghi con esperienze di direzione pluridecennali, è stato chiesto di esprimersi liberamente a titolo personale senza vincoli di rappresentanza formale delle loro organizzazioni, comunque indicate a fianco per una mappatura più agevole del lettore. Roberto Barbieri (Oxfam Italia) Claudio Ceravolo (Coopi, Link 2007) Luca di Fraia (Action Aid, CINI) Franceso Petrelli (Concord Italia, Oxfam) Chiara Segrado ( Save the Children) Silvia Stilli (AOI-Associazione Ong Italiane) Tommy Simmons (Amref) e Sergio Vecchiarelli (Intersos, Docente Master PMC) Andrea Stroppiana (Ricerca e Cooperazione, Docente Master PMC) Alessio di Carlo (CooperAction, Condirettore Master PMC) 29

30 Master Supporto richiesto ad ASVI FACILITARE IL DIBATTITO e FOCUS POINTS su sfide, best practices, innovazione e nuovi scenari lo stimolo ad un dibattito culturale e la creazione di luoghi per realizzarlo, un collegamento al dibattito internazionale e alle buone pratiche del non profit, Knowledge Sharing, workshop specifici che contribuiscano ad aprire le ONG ai dibattiti internazionali FORMAZIONE E SUPPORTO STRATEGICO Aumentare il supporto strategico e operativo ad organizzazioni e donors, Convolgere le ONG in attività di formazione qualificata e innovativa favorire la professionalizzazione degli staff delle ONG italiane rendendole più competitive nello scenario internazionale Continuare nel lavoro di produzione/diffusione di materiali qualificanti e di attrezzi del mestiere 30

31 Master DOMANDE INDISCRETE Ritieni che nel complesso la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana si stia muovendo in modi adeguati ai nuovi scenari? Ritieni che la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana viva una crisi di identità e di mandato? SWOT: quali sono i tre principali punti di DEBOLEZZA e i tre principali punti di FORZA delle ONG e della Cooperazione Non Governativa italiana? SWOT: quali le tre principali MINACCE e le tre principali OPPORTUNITÀ di rilancio? SFIDE: quali sono le tre principali sfide che le ONG italiane si troveranno ad affrontare nei prossimi 3 anni CHIAVI PER IL CAMBIAMENTO: Focalizza tre chiavi di cambiamento (culturali, strategiche o operative) delle ONG Italiane che permetteranno di entrare o rimanere protagoniste nei nuovi scenari SUPPORTO: Tre azioni concrete che ti aspetti da ASVI per supportare al meglio organizzazioni, dirigenti ed i professionisti del settore 31

32 Abstract Master Il Panel ritiene (pressochè unanimamente) che la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana si stia muovendo in modi non adeguati ai nuovi scenari e che viva una crisi di identità e di mandato. Molto chiaramente percepiti i punti di DEBOLEZZA: in primis nella perdita di spinta culturale, di innovazione, di visione poi nel fare rete e lobbying comune ma anche debolezza economico finanziaria, nella comunicazione, nelle dimensioni troppo piccole e di professionalita' e specializzazione. Forti le MINACCE :in primis la riduzione dei fondi istituzionali - spostamento fondi su altri settori non tradizionali, la concorrenza (in particolare con lo stesso Sud oggetto di supporto), seguito a molta distanza dalla frammentazione, isolamento, perdita credibilita' internazionale e scomparire come interlocutori di rilievo e dal rischio di diventare sterili progettifici, autoreferenziali. 32

33 Abstract Master Chari anche i PUNTI DI FORZA: individuati a stragrande maggioranza nella capacita' di interazione con i partners locali anche in una logica di programmi, poi nella motivazione, impegno, onesta ed infine nella flessibilita', elasticita' operativa e costi ridotti. Poco implementate - rispetto al resto della SWOT-, le OPPORTUNITA : ravvisate in possibili cambiamenti panorama politico-istituzionale e nell ingresso di donatori privati non molto specificati. Le principali SFIDE vengono percepite nella creazione di Partnership Economico-finanziarie e di sviluppo, nella Professionalizzazione e Specializzazione, nella Innovazione, nel raggiungimento di una migliore Comunicazione ed Influenza su pubblici ampi. 33

34 Abstract Master Tra le CHIAVI DI VOLTA, premesse per il cambiamento, lo Sviluppare al massimo reti e partenariati cross sector e intra sector il muoversi su innovazione e ricambio generazionale il passare dalla logica di progetto a quella di programma, di processo, al capacity building e all advocacy, il realizzare una vera accountability sui risultati. La prima ma chiara impressione è che minacce, debolezze, punti di forza (il presente) siano molto più chiare (articolate, precisate) delle opportunità e delle sfide (il futuro). Il che è particolare considerandoci professionisti fortemente orientati al futuro ed ancora degli ottimisti (e realisti) sognatori. Tra le risorse-opportinità le parole fondazioni, impact finance, joint venture, Social Entrepreneurship / impenditoria sociale, social innovation, social business, Agenda Europea e in generale fondi europei e non compaiono mai. 34

35 Abstract Master Inoltre poco avvertita è l esigenza di incidere sulle politiche nazionali ed internazionali (solo da due panelist). Se è ovvio che le ONG sappiano che tra le opportunità vi siano sia i fondi europei che le fondazioni, e che ci lavorino, il fatto tuttavia che queste classi di opportunità non vengano citate ed evidenziate, e forse in qualche effettivamente non conosciute (ad es. le potenzialità del programma Horizon 2020) può far pensare ad un focus maggiore sui problemi che sulle soluzioni, ed una focalizzazione di queste più su ambiti tradizionali (modifiche del quadro politico istituzionale) che non di esplorazione dettagliata a tutto campo. Quindi, più che un problema di risorse in sè, un problema di management. Nel dibattito al convegno ad es. si conferma che il rapporto con i grandi erogatori a la Gates) è visto da alcuni più come problema che come oggetto di schema operativo win win da costruire, da cui scambi di battute di scarsa concretezza da un lato, o di eccessivo pragmatismo dall altro. 35

36 Master Il pericolo viene dal sud? Turbamenti globali e incubi personali Potrebbe affermarsi una cooperazione sudsud che escluda le ONG europee Il mercato fondi istituzionali è molto aperto e competitivo con privilegio diretto per gli attori del Sud Chi ha spostato il mio formaggio? Assistiamo ad uno spostamento dei fondi istituzionali su altri settori non tradizionali (global public goods, human rights, prevenzione disastri) su cui le ONG hanno scarsa esperienza Abbiamo una eccessiva frammentazione operativa ed ideologica ed una (negativa) irrinunciabilità delle singole identità. Stardust? 36

37 Master La minaccia è ovunque! Concorrenza sempre maggiore da parte delle grandi ONG europee ed americane, sempre più organizzate e dimensionate come vere e proprie Agenzie specializzate Maggiore concorrenza da parte di realtà della società civile locale, sempre più organizzate ma anche da parte delle grandi Agenzie internazionali (UNHCR, UNICEF, WFP) Nightmares Rischiamo di scomparire come interlocutori di rilievo di ridurci a sterili progettifici di cedere alla tentazione di isolarci...di perdere di credibilità internazionale di restare il fanalino di coda in Europa 37

38 Master Ritieni che nel complesso la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana si stia muovendo in modi adeguati ai nuovi scenari? Quasi unanimemente NO Ritieni che la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana viva una crisi di identità e di mandato? Quasi unanimemente SI Ottimo, siamo tutti d accordo sull EMERGENZA identitaria! 38

39 Master Con i numeri indicato il numero di scelte del panel CULTURALE, DI INNOVAZIONE, DI VISIONE (8 items) NEL FARE RETE E LOBBYING COMUNE (5) ECONOMICO FINANZIARIA (3) NELLA COMUNICAZIONE (3) CRISI, RIDUZIONE DEI FONDI ISTITUZIONALI - SOSTAMENTO FONDI SU ALTRI SETTORI NON TRADIZIONALI, CONCORRENZA (14) FRAMMENTAZIONE, ISOLAMENTO, PERDITA CREDIBILITA' INTERNAZIONALE E SCOMPARIRE COME INTERLOCUTORI DI RILIEVO (2) DIMENSIONALE (2) DI PROFESSIONALITA' E SPECIALIZZAZIONE (2) DI RICAMBIO GENERAZIONALE (1) DIVENTARE STERILI PROGETTIFICI, AUTOREFERENZIALI (2) LEGISLAZIONE NON ADEGUATA (1) 39

40 Domande Master CULTURALE, DI INNOVAZIONE, DI VISIONE (8 items) Quanto siamo consapevoli di alcuni vecchi paradigmi (assistenzialismo, cultura di dipendenza dal pubblico, piccolo è meglio, le risorse sono poche. NEL FARE RETE E LOBBYING COMUNE (5) E ritenuto realmente vitale? CRISI, RIDUZIONE DEI FONDI ISTITUZIONALI - SOSTAMENTO FONDI SU ALTRI SETTORI NON TRADIZIONALI, CONCORRENZA (14) Siamo sicuri che i fondi siano meno? E possibile invece che siano magari molti di più, ma altrove? FRAMMENTAZIONE, ISOLAMENTO, PERDITA CREDIBILITA' INTERNAZIONALE E SCOMPARIRE COME INTERLOCUTORI DI RILIEVO (2) 40

41 Piccole pro-vocazioni Master ECONOMICO FINANZIARIA (3) E più un problema di risorse o di capacità nell individuarle e gestirle al meglio, e quindi un problema manageriale? NELLA COMUNICAZIONE (3) C è un vero interesse a raggiungere il grande pubblico, al di la del fundraising e, prima, del MAE? DIMENSIONALE (2) Quanti sono disposti ed interessati realmente ad avviare un programma di fusioni o affiliazioni? 41

42 Master RADICAMENTO E COOPERAZIONE TERRITORIALE, VICINANZA AI BENEFICIARI E CAPACITA' DI INTERAZIONE CON I PARTNERS LOCALI anche in una logica di PROGRAMMI (13) MOTIVAZIONE, IMPEGNO, ONESTA (6) CAMBIAMENTI PANORAMA POLITICO-ISTITUZIONALE (6) L'INGRESSO DI DONATORI PRIVATI (3) PARTNERSHIP SOCIALI (2) FLESSIBILITA', ELASTICITA' OPERATIVA E COSTI RIDOTTI (3) INNOVAZIONE IN AMBITO LOCALE (2) FUNDING (1) INTERNAZIONALITA (1) INNOVAZIONE (1) 42

43 Master Sfide percepite 1. PARTNERSHIP ECONOMICO-FINANZIARIE E DI SVILUPPO(10) 2. PROFESSIONALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE (4) 3. INNOVAZIONE (4) 4. COMUNICAZIONE E INFLUENZA (3) 5. ACQUISIZIONE DI UNA MAGGIORE DIMENSIONE EUROPEA ED INTERNAZIONALE (2) 6. MAGGIORE COORDINAMENTO DEL SETTORE (3). 43

44 Sfide percepite Master PARTNERSHIP ECONOMICO-FINANZIARIE E DI SVILUPPO (10) Collaborare con il for profit e guadagnare la fiducia degli investitori privati, Differenziare il portafoglio dei finanziatori e del cofinanziamento Confrontarsi con il nuovo scenario di stakeholders -i.e. ruolo sempre più emergente del settore privato, Fare rete con il tessuto sia non profit che for profit sia in Italia sia in Europa e nel Sud del Mondo, Affrontare la competizione internazionale sui fondi ma anche sull accountability, Confrontarsi con il maggiore focus della comunità dei donatori sulla qualità dei programmi, e il focus dei paesi partner sulla efficienza dei programmi 44

45 PROFESSIONALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE (4) Specializzazione settoriale contro la tuttologia attualmente imperante Sfide percepite Master Professionalizzazione nei nuovi ambiti di competenza non tradizionali (global public goods, human rights, prevenzione disastri Mantenimento di un diffuso riconoscimento di una rilevanza tecnica sul campo Migliorare le competenze tecniche nella presentazione e nella gestione di proposte progettuali condivise con stakeholders e beneficiari 45

46 Sfide percepite Master INNOVAZIONE (4), Partecipazione al dibattito sull innovazione, Adattamento ad un contesto (italiano e nei PVS) in perenne evoluzione L affermazione di una nuova visione dello sviluppo grazie alla crisi COMUNICAZIONE E INFLUENZA (3) Catturare l'attenzione dei pubblici sui temi internazionali, Capacità di influenzare il processo di riforma tutelando la missione della cooperazione internazionale, tutelare il ruolo delle organizzazioni di società civile quali interlocutori nei processi di decision making MAGGIORE COORDINAMENTO E RETI NONPROFIT (2) ACQUISIZIONE DI UNA MAGGIORE DIMENSIONE EUROPEA ED INTERNAZIONALE (2) 46

47 Master Chiavi di volta per il cambiamento Approcci culturali strategici per superare le debolezze, fronteggiare le minacce e cogliere le opportunita : SVILUPPARE AL MASSIMO RETI E PARTENARIATI CROSS SECTOR E INTRA SECTOR (5), MUOVERSI SU INNOVAZIONE(4), RICAMBIO GENERAZIONALE (1) PASSARE DALLA LOGICA DI PROGETTO A QUELLA DI PROGRAMMA (2) DI PROCESSO, AL CAPACITY BUILDING E ALL ADVOCACY (3) REALIZZARE UNA VERA ACCOUNTABILITY SUI RISULTATI(3) INCIDERE SULLE POLITICHE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI (2) PROFESSIONALITA' E SPECIALIZZAZIONE (1) 47

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

LAVORARE NEL NONPROFIT? ME2!

LAVORARE NEL NONPROFIT? ME2! Copyright ASVI 2014 LAVORARE NEL NONPROFIT? ME2! AISEC- Università Federico II, Napoli, 16 Ottobre 2014. Genova 2014 Genova 2011 Genova 1970 Genova 1953 Conclusione? (la lascio a voi) ATTO I. SPALARE?

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE

DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE DALL IDEA AL PITCH: COME DARE VITA AD UNA STARTUP - PROGETTO PER SUPPORTARE LA CREAZIONE DI NUOVE STARTUP E LO SVILUPPO DELLE NUOVE AZIENDE MANTOVANE Obiettivi del progetto Un percorso per chi decide di

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

Social Innovation AROUND Award

Social Innovation AROUND Award Social Innovation AROUND Award Social Innovation Around Award APPuntamento e Premio dell Innovazione Sociale, quest anno alla sua prima edizione, è una iniziativa di SIS Social Innovation Society che con

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa

La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa Convegno Nazionale ASSIT 16-17 Maggio 2013 Stefano Sala A.D. gruppo per Lo scopo del mio intervento Specificare cosa si intende per riparazione diretta

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO FUNDRAISING

CORSO DI PERFEZIONAMENTO FUNDRAISING CORSO DI PERFEZIONAMENTO Anno Accademico 2014-2015 FUNDRAISING in partnership con DIREZIONE: Massimo Coen Cagli, Stefania Cosci COMITATO SCIENTIFICO: Folco Cimagalli; Luigino Bruni; Giovanni Moro; Gregorio

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko ROMA, 27 maggio 2011 Premessa 2 A quasi tre anni dall indagine sui donatori effettuata nel luglio 2008, l Istituto Italiano

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

CROWDFUNDING Opportunità di finanziamento per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali. bernardo.balboni@deams.units.

CROWDFUNDING Opportunità di finanziamento per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali. bernardo.balboni@deams.units. CROWDFUNDING Opportunità di finanziamento per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali bernardo.balboni@deams.units.it @bbalbon Chi parla Mi chiamo Bernardo Balboni, sono un ricercatore in Economia

Dettagli

Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi

Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi 1 1. Sintesi Pensare a Città in cui i servizi pubblici siano di qualità, gli standard di vita migliori, nuove opportunità di lavoro si generino

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015 Le indagini dell IID ASSIF 17 giugno 2015 PERCHE IID INIZIA A FARE INDAGINI? Per rispondere ad una serie di domande da parte di attori diversi Da parte del non profit (associati e non) Da parte dei donatori

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it @Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share www.archittettidiapprendimento.it FINALITÀ DESTINATARI ORGANIZZAZIONE L Hdemia@ArchitettidiApprendimento si colloca fra le

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA Nel settore culturale, è necessario introdurre un approccio di project management che non sia però solo una trasposizione dei

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE PREMESSA IL PROGETTO DI SEGUITO ESPOSTO E IL RISULTATO DEL LAVORO DI UN COMITATO di PROGETTO COMPOSTO DAI SEGUENTI PARTNER: Fondazione La Fornace dell Innovazione Cooperativa Sociale IL SESTANTE Consulmarc

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 Sessione Parallela OSPEDALI RELIGIOSI: UN OPERA PUBBLICA LA FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI Gianbattista Martinelli Vice Direttore Generale e Responsabile Area Formazione e Sviluppo della Fondazione Don Carlo

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

SURF. La rivoluzione digitale: il ruolo del web nelle campagne di comunicazione sociale ELENA ZANELLA

SURF. La rivoluzione digitale: il ruolo del web nelle campagne di comunicazione sociale ELENA ZANELLA + ELENA ZANELLA La rivoluzione digitale: il ruolo del web nelle campagne di comunicazione sociale COMUNICARE PER CRESCERE PUBBLICITA PROGRESSO FONDAZIONE CARIPLO, 15 APRILE 2015 SURF STARTUPUNITÀRACCOLTAFONDI

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO

SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO L attività del Tavolo PEOPLE si è svolta il giorno 31 gennaio 2014 dalle 17.00 alle 19.30. I lavori sono stati aperti da Renato

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Milano Sharing City: il network della sharing economy

Milano Sharing City: il network della sharing economy Milano Sharing City: il network della sharing economy Agenda 1. Il percorso di Milano Sharing City 2. La consultazione pubblica 3. L approvazione delle Linee Guida sulla Sharing Economy 4. La Mappatura

Dettagli

Gara creativa Video contest oom+

Gara creativa Video contest oom+ Gara creativa Video contest oom+ Categoria Comunicazione Finanziaria Marketing CCB I 10.2014 oom+: video contest concorso a premi promosso dalle Casse Rurali Trentine (patrocinio Comune di Trento e Provincia

Dettagli

il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali

il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali Versione 1.2 - dicembre 2014 il primo progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro Volontariato nel settore Beni Culturali ArcheoJobs è un portale web che opera su scala nazionale, raccoglie contenuti

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Docente di diritto amministrativo e Legislazione sanitaria Monica De Angelis Presidente Membro del

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI

BANDI E FINANZIAMENTI BANDI E FINANZIAMENTI 1. Accesso ai fondi europei Gli obiettivi strategici della proposta Lo sviluppo di progetti nel mondo non profit è ormai una funzione chiave sia a livello strategico che per la sostenibilità

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO 27 maggio 2014 Brescia Lo schema di ragionamento 1 I partecipanti dell Officina hanno presentato esperienze ed approcci diversi, a partire dai quali abbiamo

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli