How to Innovate International Cooperation? New trends and best practices for improving developing aid Innovative thinking to avoid sinking

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "How to Innovate International Cooperation? New trends and best practices for improving developing aid Innovative thinking to avoid sinking"

Transcript

1 How to Innovate International Cooperation? New trends and best practices for improving developing aid Innovative thinking to avoid sinking Milan, Centro Congressi Fondazione Cariplo- December 6th, Organized by Oxfam Italy, Don Carlo Gnocchi Foundation and ASVI Social Change, under the patronage of Cariplo Foundation. 1

2 Si ringrazia Fondazione Cariplo per il Patrocionio ed il supporto che hanno reso possibile questo convegno, in particolare P.M. Vello, D. Invernizzi, C. Toscano si ringrazia anche vivissimamente il Comitato Scientifico ASVI e in particolare per i preziosi suggerimenti ed analisi: Alessandro Bechini, Sandro Calvani, Federico Marcon, Stefano Oltolini. Tutti i partners, in particolare la Fondazione Don Carlo Gnocchi, i relatori del Convegno, i membri del Panel dell Indagine. 2

3 Ringraziamenti pag. 3 Introduzione alla Social Innovation pag. 5 Trend pag. 19 Indagine pag. 26 Dirigenti componenti del panel pag. 28 Abstract Indagine pag. 32 Next step pag. 59 3

4 CONVEGNO INNOVARE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Innovative thinking to avoid sinking Milano, 6 Dicembre 2013 Organizzato da Oxfam Italia, Fondazione Don Carlo Gnocchi, ASVI Social Change NB. File non ancora soggetto ad editing, ci scusiamo per eventuali refusi. 4

5 Master SOCIAL INNOVATION Partiamo dalla definizione di innovazione sociale oggi tra le più comunemente utilizzate "Un innovazione che è sociale sia nelle sue finalità che nei suoi mezzi. Più specificatamente, l innovazione sociale è un set di nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che rispondono a bisogni sociali in maniera più efficace di altri ed al contempo creano nuove interazioni e collaborazioni sociali. (Caulier-Grice J., Kahn L., Mulgan G., Pulford L., Vasconcelos D.: Study on Social Innovation: a paper prepared by the Social Innovation exchange (SIX) and the Young Foundation for the Bureau of European Policy Advisors, Young Foundation/European Union (2010) ) 5

6 Master Concetti e Termini Non si pone tanto l accento sulla nuova soluzione perche allora tutto sarebbe innovazione sociale, anche qualsiasi invenzione individuale. Ma sulla rete di relazioni ed il processo generativo partecipativo, sul bisogno sociale che diventa centrale, più di chi lo risolve e del veicolo per risolverlo. Inoltre, la dimensione tecnologica è uno stretto legato. Co-progettazione, co-design, co-creazione, co-produzione, hanno bisogno di un approccio visual per poter essere partecipativi, e quindi il design è anche grafico, persino nel business planning 6

7 IL Business model CANVAS co-creato in crowdsorcing da 500 operatori in 45 parsi del mondo e pubblicato da Osterwlalder nel

8 Master Wikipedia è un ottimo esempio di co-creazione, citata come prova di come l intelligenza collettiva possa produrre risposte sociali di qualità su supporti digitali autorganizzati. Infatti laddove dal partecipativo si passi al crowd (sourcing, funding, etc.) e ci rivolge ad un ampio numero di consum-attori (o Pro-sumer) sono necessarie piattaforme social che permettano l abbassamento dei costi di gestione delle transazioni attraverso la disintermediazione digitale. La voglia di partecipazione diretta è di non passare più da un gestore (ad es. un comitato editoriale che controlla la qualità dei contenuti proposti a wikipedia), mentre la voglia del gestore (light) è quella di tenere i costi e la fatica i più bassi possibili. 8

9 Master La DISINTERMEDIAZIONE darà vita a cambiamenti radicali e sempre più ad un economia e servizi di tipo collaborativo (sharing economy) un po tipo quella dei nonni -ma digitale- e sta già cambiando le abitudini di acquisto in direzione sharing : dall affitto di posti letto, stanze e case senza passare dagli alberghi (Airbnb, Coachsurfing), all organizzazione del volontariato (MilanoSolidale), dall autorganizzazione comunitaria per le auto oltre il carsharing (Relayride), o all autista (volontario e a turno) con la propria auto 9

10 Master La disintermediazione finanziaria su base comunitaria (locale o globale ma sempre a partire da piattaforme digital) soddisfa la voglia di non passare più dalle banche: dal crowdfunding per il microcredito (Eppela, Kickstarter, Prestiamoci) a quello per l equity (SiamoSoci) a vere e proprie banche di comunità co-create come la Banca Palmas un istituto che stampa la propria moneta (il palmas) creata da una ONG brasiliana locale nella Favela di Fortaleza perchè stufa dell impossibilità di accesso al credito da parte dei poveri (oggi riconosciuta dalla Banca centrale brasiliana). Alla Jack Bank svedese, in arrivo anche in Italia. 10

11 Master C è poi il tema del rapporto tra settore pubblico e cittadini, e più in generale quello delle SMART CITIES. Per il governo locale, in termini di coinvolgimento e co-progettazione, ampissime sono le potenzialità (cosa ben diversa dalle possibilità ). Se si volesse stimolare in modi concreti e ludici la cittadinanza attiva, basterebbe iniziare a invitare e raccogliere gli spunti partecipativi dei cittadini su una piattaforma pubblica e dare rewards ai partecipanti (punteggi di status, sconti per spettacoli, piccole riduzione di imposte, etc.), a partire dalle scuole. Intanto a Napoli CleaNap a partire dal gruppo facebook organizza eventi di pulizia in piazze e siti di valore culturale o ambientale. 11

12 Master La SOCIAL INNOVATION è quindi un: approccio culturale secondo quanto delineato poc anzi (co- creazione, comunità digitali, centralità del bisogno, intelligenza collettiva più che intuizioni individuali, contaminazione), per il raggiungimento del massimo impatto sociale, approccio strategico delineato su alcune buone prassi quali Sostenibilità, Replicabilità, Scalabilità, Prototipazione, Comunità virtuali, Approccio P2P, Partenariati Cross-Sector, Design etc., approccio tecnico, basato su applicazione di tools, tecnologie, strumenti partecipativi (es. World cafè ed incontri di co-creazione), design (approccio visual) e nell insieme un linguaggio molto co- di contaminazione, green, alternativo, giovane, che ha nella creazione di HUB fisici e tematici, un elemento distintivo. 12

13 Master Siamo tutti innovativi? Se è ovvio che la Social Innovation non viene scoperta all improvviso (per un pò di storia vedi libro 2012 Social Innovation e Social Business Dicembre 2012) gran parte della attuale progettazione sociale ed internazionale non rientra né nell' approccio culturale, nè in quello strategico, nè in quello Operativo. Molta della corsa al posizionarsi sull innovazione sociale (soprattutto nell ambito della cooperazione sociale) non ha molto a che vedere con una reale tensione culturale e sociale, ma più con la possibilità di accedere agli ingenti fondi nazionali, regionali ed Europei disponibili da qui poco E bene quindi fare dei semplici esempi per capire meglio alcune differenze. 13

14 Master Quanto ad es. un progetto può essere considerato (un po più) socialmente innovativo? Organizzare un nuovo centro di prossimità per tossico-dipendenti non è social innovation co-progettare una app di prima accoglienza con utenti, assistenti sociali e personale addetto, si. Organizzare un GAS non è social innovation (ed è pure un po noioso), ma un gruppo di acquisito 2.0 su piattaforma digital, che all occasione fa anche attivismo locale, si. Organizzare un corso d aula o e.learning può essere sempre utile, ma SKILLSHARE apprendimento globale Peer to Peer, è social innovation 14

15 Master La telemedicina con autodiagnosi tramite smartphone con assistenza remota su piattaforma on line, nei villaggi difficili da raggiungere dai medici, è social innovation Bike4Africa (bike4africa.it) ha ideato un servizio di medicina su due ruote per consentire ai medici tuareg di raggiungere villaggi isolati nel deserto, difficilmente raggiungibili con altri mezzi ma l uso dei Droni per la consegna dei farmaci come fatto ad Haiti da Andrea Raptodopulos, innovatore sociale californiano, è più rapido e meno pericoloso (anche se a me l idea delle bici e del contatto diretto di medici con i pazienti è molto più simpatica e se fosse possibile utile). Cercare un terreno per uffici e per annunci per ritirarsi in campagna è bello, ma usare LANDSHARE per trovare, affittare, condividere terreni non utilizzati, o costruire una transition town è social innovation. 15

16 Master Potremmo continuare a lungo il fatto e direi il problema, è che: Il terzo settore (cooperative sociali, ONG, Associazioni, Fondazioni) al 99%, non c è ancora in questo presente- Futuro comunitario, creativo e partecipativo! E fuori dalle nuove comunità, dai suoi meccanismi generativi (sharing), dalle soluzioni (troppo tradizionali), dalla tecnologia. I progetti non vengono concepiti su drivers di analisi come quelli esposti. Ed il terzo settore inizia ad essere percepito vecchio dai giovani. Non solo, la nozione stessa di Terzo Settore è ormai datata. 16

17 Master Per questo ASVI sta portando avanti un progetto di contaminazione internazionale (Europa-Asia) tra sociale e innovazione, in Italia soprattutto con la cooperazione sociale e le ONG. Un impegno per l introduzione del tema social innovation in Italia: nel 2011, con la creazione di I-SIN Italian Social Innovation Network, nel 2012 con il primo Master su Social Innovation, Social Business e progettazione innovativa e a fine 2012 con il libro Social Innovation e Social Business- Nuove relazioni per co-progettare il cambiamento ed uscire dalla crisi, M.Crescenzi, Dicembre Nel con cicli di workshop e convegni, anche relativi ai nuovi fondi europei per la Social Innovation. 17

18 Questo convegno Master Questo convegno nasce dalla considerazione di trend registrati nell ambito di aggiornamenti e riflessioni condotte nell ambito de: Master Internazionali ASVI IMPACT- il Comitato Scientifico, in particolare nella task force dedicata al convegno che ha coinvolto anche F.Marcon già direttore della ONG del Don Gnocchi, A. Bechini di Oxfam Italia, Sandro Calvani, per 25 anni alto dirigente ONU impegnato nei paesi in via di sviluppo attività congressuali ed editoriali ASVI in particolare nella stesura del libro già citato, pubblicato a Dicembre 2012 conversazioni informali con dirigenti del settore culminate con l indagine Innovative thinking to avoid sinking: le ONG italiane verso il futuro tra tradizione ed innovazione sociale. 18

19 DA IMPLEMENTATORI DI PROGETTI PROGETTI Master Trend e Scenari probabili A SERVICE FACILITOR E CAPACITY BUIL. PROGRAMMI, ADVOCACY E LOBBING ASSISTENZIALISMO GENERALISMO INTERVENTO CENTRATO NEI PVS SVILUPPO OCCUPAZIONE, IMPRENDI- TORIALITA E SOCIAL BUSINESS NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO SPECIALIZZAZIONE o PARTNERSHIP TRA ONG GENERALISTE E SOGGETTI SPECIALIZZATI ONP E FOR PROFIT UN FOCUS ANCHE NAZIONALE SULLE NUOVE POVERTÀ E I WORKING POORS CON COPERTURA DI SPAZI TRADIZIONALI COPERTI DALLA COOPERAZIONE SOCIALE 19

20 DA TIPOLOGIE DI INTERVENTO TRADIZIONALI Master Trend e Scenari probabili SFRUTTAMENTO DELLE OPPORTUNITA TECNOLOGICHE DI PRESENZA SERVIZI NELLE COMUNITA OFFERTE DALL EPIATTAFORME SOCIAL DAL FOCUS SU FONDI TRADIZIONALE PER LA COOPERAZIONE (MAE, EUROPAID ETC.) DALLA RICERCA DI FINANZIAMENTI TRADIZIONALI NUVOI FONDI DELL AGENDA EUROPEA SUL SOCIALE NON TRADIZIONALE SULLA SOCIAL INNOVATION IMPACT FINANACE E CREAZIONI FONDI (es. Opes Fund), FONDI DI GARANZIA DALLE ATTIVITA e dal FARE Ai RISULTATI ED ALLA ACCOUNTABILITY SUGLI IMPATTI, al FARE LA DIFFERENZA Continuate voi! 20

21 Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità IMPLEMENTATORI DI PROGETTI SERVICE FACILITOR E CAPACITY BUIL. La Commissione Europea avvisa che il vecchio concetto della ONG che prende i soldi e fa il progetto dalla A alla Z si eclisserà, non si fanno più progetti complessi e di qualità così. Prevarrà un ruolo di service provider e service facilitator, di identificazione dei servizi di eccellenza, di gestione contratti di servizio in cui si prendono i migliori. Il MAE potrebbe avere un ruolo nel portare le ONG generaliste a fare da service facilitator per la qualità, innovazione e specializzazione del progetto. PROGETTI PROGRAMMI, ADVOCACY E LOBBING Sempre più si lavorerà su programmi complessi, e la Commissione Europea (ad. es. Angelo Baglio, Capo dell Unità Civil Society, Local Authorities della Commissione Ue/Devco), chiede alle ONG un ruolo di affiancamento della società civile locale su advocacy e lobbing in una logica di impatto sociale più ampia ed efficace di quella semplicemente di progetto e comunque su richiesta e mai sostitutiva 21

22 ASSISTENZIALISMO SVILUPPO OCCUPAZIONE, IMPRENDI- TORIALITA E SOCIAL BUSINESS nei PAESI IN VIA DI SVILUPPO Molti paesi dell ASIA, Africa e Sud America stanno vivendo boom economico e passeranno da un sistema puramente assistenziale ad un misto pubblicoprivato in vari campi (educazione, sanità, servizi sociali). In questa transizione, ONG europee possono fornire know-how ed assistenza tecnica su sistemi misti di sussidiarietà, su cui abbiamo lavorato negli ultimi 15 anni GENERALISMO e/o SPECIALIZZAZIONE Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità Lo sviluppo di questi paesi provocherà da parte loro, una richiesta sempre più alta di professionalità e specializzazione. Le ONG generaliste potrebbero entrare in crisi senza dotarsi di partenariati di know how specializzati e qualificati intra-sector e cross-sector. La più grande ONG del mondo è BRAC, in Bangladesh, massimamente generalista, ma che ha settori e servizi altamente specializzati e gestiti con partenariati tecnici e di know how molto mirati e/o locali. 22

23 SVILUPPO OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITA. Nei paesi in via di svilupp oggi il maggior bacino di occupazione è l'auto-imprenditorialità piuttosto che il mercato formale. Pertanto, tutto il tema della finanza sociale e dello stimolo alla micro-impresa attraverso finanziamenti ad hoc sarà sempre più centrale. Anche qui alcune ONG possono fornire programmi tailor-made. INTERVENTO CENTRATO NEI PVS La crisi nel sud Europa sta già portando alla richiesta dei pubblici e dei donors UN FOCUS ANCHE NAZIONALE SULLE NUOVE POVERTÀ E I WORKING POORS CON COPERTURA DI SPAZI TRADIZIONALI COPERTI DALLA COOPERAZIONE SOCIALE di lavorare anche in Italia e in generale nel sud europeo, con opportunità sia dal punto di vista del funding che del radicamento con i pubblici nazionali. La crisi culturale e generazionale, progettuale e finanziaria delle cooperative sociali, permette potenzialmente alle ONG una con-correnza -nelle politiche sociali, nei servizi di welfare, nelle attività di sviluppo e cooperazione territoriale in cui le ONG italiane sono competenti. Anche creando cooperative in spin-off, come fatto da OXFAM. Master Dettaglio: Scenari probabili e possibili opportunità 23

24 Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità DA TIPOLOGIE DI INTERVENTO SFRUTTAMENTO DELLE OPPORTUNITA TRADIZIONALI TECNOLOGICHE DI PRESENZA e SERVIZI NELLE COMUNITA OFFERTE DALLE PIATTAFORME SOCIAL sia per il reperimento di volontari (piattaforme come Roma/Milano solidale) che di donatori (le APPs di attivismo o di raccolta fondi) sia per la partecipazione ai servizi di economia collaborativa, che per l intervento sul campo, dalla telemedicina tramite smartphone ai Droni per la consegna di farmaci e attrezzature mediche in zone inaccessibili (Haiti). FOCUS SU FONDI TRADIZIONALI. NUVOI FONDI DELL AGENDA EUROPEA PER LA COOPERAZIONE (MAE, EUROPAID ETC.) SUL SOCIALE NON TRADIZIONALE E SULLA SOCIAL INNOVATION quest ultima insieme alla Social Entrepreneurship al centro della nuova Agenda Europea, con grandi programmi quali Social Business Initiative, il PSCI (Social Change Programme, Progress + altri con quasi un mld di euro), soprattutto con

25 Master Dettaglio: scenari probabili e possibili opportunità Horizon 2020 (già VII Programma Quadro, ora esteso anche all innovazione sociale e non solo tecnologica, con una dotazione di circa 80 miliardi), i Fondi Strutturali che premieranno soprattutto la creazione di occupazione qualificata e lo sviluppo locale. Saranno notevolissime le opportunità di sviluppo di progetti e programmi altamente innovativi e di impatto. DALLA RICERCA DI FINANZIAMENTI TRADIZIONALI IMPACT FINANACE E CREAZIONI FONDI (es. Opes Fund), FONDI DI GARANZIA Il ricorso o la creazione di impact finance necessiterà la capacità di fare impresa, di incubazione ed accelerazione imprenditoriale, l assunzione di rischi imprenditoriali in caso di credito o di equity (cioè ingresso nel capitale sociale delle imprese supportate) vedi ancora il caso di Acra- Opes Fund. DALLE ATTIVITA e dal FARE Ai RISULTATI ED ALLA ACCOUNTABILITY SUGLI IMPATTI, al FARE LA DIFFERENZA

26 Indagine Innovative thinking to avoid sinking : le ONG italiane verso il futuro tra tradizione ed innovazione sociale. A cura di Marco Crescenzi, Presidente ASVI NB. File non ancora soggetto ad editing, ci scusiamo per eventuali refusi. 26

27 Master Obiettivo generale dell Indagine Per andare più a fondo sul tema dei rapporti tra Social Innovation e cooperazione, abbiamo coorganizzato questo convegno e condotto un indagine più strutturata con un panel di colleghi autorevoli storicamente impegnati e provenienti da diverse culture della Cooperazione Internazionale italiana, in modo da meglio incrociare e confrontare i punti di vista. 27

28 Master Obiettivi specifici dell Indagine Favorire un focus point sulle percezioni delle sfide, dei punti di forza e debolezza, delle minacce ed opportunità, dell identità e del mandato, delle chiavi di volta (e di svolta) per lo sviluppo delle ONG Italiane. Porsi alcune domande critiche. Creare una base strutturata per un successivo secondo confronto, dibattito ed affinamento delle tesi, secondo la metodologia DELPHI. 28

29 Master PANEL ( volontari obbligati Ai panelist, amici e colleghi con esperienze di direzione pluridecennali, è stato chiesto di esprimersi liberamente a titolo personale senza vincoli di rappresentanza formale delle loro organizzazioni, comunque indicate a fianco per una mappatura più agevole del lettore. Roberto Barbieri (Oxfam Italia) Claudio Ceravolo (Coopi, Link 2007) Luca di Fraia (Action Aid, CINI) Franceso Petrelli (Concord Italia, Oxfam) Chiara Segrado ( Save the Children) Silvia Stilli (AOI-Associazione Ong Italiane) Tommy Simmons (Amref) e Sergio Vecchiarelli (Intersos, Docente Master PMC) Andrea Stroppiana (Ricerca e Cooperazione, Docente Master PMC) Alessio di Carlo (CooperAction, Condirettore Master PMC) 29

30 Master Supporto richiesto ad ASVI FACILITARE IL DIBATTITO e FOCUS POINTS su sfide, best practices, innovazione e nuovi scenari lo stimolo ad un dibattito culturale e la creazione di luoghi per realizzarlo, un collegamento al dibattito internazionale e alle buone pratiche del non profit, Knowledge Sharing, workshop specifici che contribuiscano ad aprire le ONG ai dibattiti internazionali FORMAZIONE E SUPPORTO STRATEGICO Aumentare il supporto strategico e operativo ad organizzazioni e donors, Convolgere le ONG in attività di formazione qualificata e innovativa favorire la professionalizzazione degli staff delle ONG italiane rendendole più competitive nello scenario internazionale Continuare nel lavoro di produzione/diffusione di materiali qualificanti e di attrezzi del mestiere 30

31 Master DOMANDE INDISCRETE Ritieni che nel complesso la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana si stia muovendo in modi adeguati ai nuovi scenari? Ritieni che la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana viva una crisi di identità e di mandato? SWOT: quali sono i tre principali punti di DEBOLEZZA e i tre principali punti di FORZA delle ONG e della Cooperazione Non Governativa italiana? SWOT: quali le tre principali MINACCE e le tre principali OPPORTUNITÀ di rilancio? SFIDE: quali sono le tre principali sfide che le ONG italiane si troveranno ad affrontare nei prossimi 3 anni CHIAVI PER IL CAMBIAMENTO: Focalizza tre chiavi di cambiamento (culturali, strategiche o operative) delle ONG Italiane che permetteranno di entrare o rimanere protagoniste nei nuovi scenari SUPPORTO: Tre azioni concrete che ti aspetti da ASVI per supportare al meglio organizzazioni, dirigenti ed i professionisti del settore 31

32 Abstract Master Il Panel ritiene (pressochè unanimamente) che la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana si stia muovendo in modi non adeguati ai nuovi scenari e che viva una crisi di identità e di mandato. Molto chiaramente percepiti i punti di DEBOLEZZA: in primis nella perdita di spinta culturale, di innovazione, di visione poi nel fare rete e lobbying comune ma anche debolezza economico finanziaria, nella comunicazione, nelle dimensioni troppo piccole e di professionalita' e specializzazione. Forti le MINACCE :in primis la riduzione dei fondi istituzionali - spostamento fondi su altri settori non tradizionali, la concorrenza (in particolare con lo stesso Sud oggetto di supporto), seguito a molta distanza dalla frammentazione, isolamento, perdita credibilita' internazionale e scomparire come interlocutori di rilievo e dal rischio di diventare sterili progettifici, autoreferenziali. 32

33 Abstract Master Chari anche i PUNTI DI FORZA: individuati a stragrande maggioranza nella capacita' di interazione con i partners locali anche in una logica di programmi, poi nella motivazione, impegno, onesta ed infine nella flessibilita', elasticita' operativa e costi ridotti. Poco implementate - rispetto al resto della SWOT-, le OPPORTUNITA : ravvisate in possibili cambiamenti panorama politico-istituzionale e nell ingresso di donatori privati non molto specificati. Le principali SFIDE vengono percepite nella creazione di Partnership Economico-finanziarie e di sviluppo, nella Professionalizzazione e Specializzazione, nella Innovazione, nel raggiungimento di una migliore Comunicazione ed Influenza su pubblici ampi. 33

34 Abstract Master Tra le CHIAVI DI VOLTA, premesse per il cambiamento, lo Sviluppare al massimo reti e partenariati cross sector e intra sector il muoversi su innovazione e ricambio generazionale il passare dalla logica di progetto a quella di programma, di processo, al capacity building e all advocacy, il realizzare una vera accountability sui risultati. La prima ma chiara impressione è che minacce, debolezze, punti di forza (il presente) siano molto più chiare (articolate, precisate) delle opportunità e delle sfide (il futuro). Il che è particolare considerandoci professionisti fortemente orientati al futuro ed ancora degli ottimisti (e realisti) sognatori. Tra le risorse-opportinità le parole fondazioni, impact finance, joint venture, Social Entrepreneurship / impenditoria sociale, social innovation, social business, Agenda Europea e in generale fondi europei e non compaiono mai. 34

35 Abstract Master Inoltre poco avvertita è l esigenza di incidere sulle politiche nazionali ed internazionali (solo da due panelist). Se è ovvio che le ONG sappiano che tra le opportunità vi siano sia i fondi europei che le fondazioni, e che ci lavorino, il fatto tuttavia che queste classi di opportunità non vengano citate ed evidenziate, e forse in qualche effettivamente non conosciute (ad es. le potenzialità del programma Horizon 2020) può far pensare ad un focus maggiore sui problemi che sulle soluzioni, ed una focalizzazione di queste più su ambiti tradizionali (modifiche del quadro politico istituzionale) che non di esplorazione dettagliata a tutto campo. Quindi, più che un problema di risorse in sè, un problema di management. Nel dibattito al convegno ad es. si conferma che il rapporto con i grandi erogatori a la Gates) è visto da alcuni più come problema che come oggetto di schema operativo win win da costruire, da cui scambi di battute di scarsa concretezza da un lato, o di eccessivo pragmatismo dall altro. 35

36 Master Il pericolo viene dal sud? Turbamenti globali e incubi personali Potrebbe affermarsi una cooperazione sudsud che escluda le ONG europee Il mercato fondi istituzionali è molto aperto e competitivo con privilegio diretto per gli attori del Sud Chi ha spostato il mio formaggio? Assistiamo ad uno spostamento dei fondi istituzionali su altri settori non tradizionali (global public goods, human rights, prevenzione disastri) su cui le ONG hanno scarsa esperienza Abbiamo una eccessiva frammentazione operativa ed ideologica ed una (negativa) irrinunciabilità delle singole identità. Stardust? 36

37 Master La minaccia è ovunque! Concorrenza sempre maggiore da parte delle grandi ONG europee ed americane, sempre più organizzate e dimensionate come vere e proprie Agenzie specializzate Maggiore concorrenza da parte di realtà della società civile locale, sempre più organizzate ma anche da parte delle grandi Agenzie internazionali (UNHCR, UNICEF, WFP) Nightmares Rischiamo di scomparire come interlocutori di rilievo di ridurci a sterili progettifici di cedere alla tentazione di isolarci...di perdere di credibilità internazionale di restare il fanalino di coda in Europa 37

38 Master Ritieni che nel complesso la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana si stia muovendo in modi adeguati ai nuovi scenari? Quasi unanimemente NO Ritieni che la Cooperazione Non Governativa allo Sviluppo italiana viva una crisi di identità e di mandato? Quasi unanimemente SI Ottimo, siamo tutti d accordo sull EMERGENZA identitaria! 38

39 Master Con i numeri indicato il numero di scelte del panel CULTURALE, DI INNOVAZIONE, DI VISIONE (8 items) NEL FARE RETE E LOBBYING COMUNE (5) ECONOMICO FINANZIARIA (3) NELLA COMUNICAZIONE (3) CRISI, RIDUZIONE DEI FONDI ISTITUZIONALI - SOSTAMENTO FONDI SU ALTRI SETTORI NON TRADIZIONALI, CONCORRENZA (14) FRAMMENTAZIONE, ISOLAMENTO, PERDITA CREDIBILITA' INTERNAZIONALE E SCOMPARIRE COME INTERLOCUTORI DI RILIEVO (2) DIMENSIONALE (2) DI PROFESSIONALITA' E SPECIALIZZAZIONE (2) DI RICAMBIO GENERAZIONALE (1) DIVENTARE STERILI PROGETTIFICI, AUTOREFERENZIALI (2) LEGISLAZIONE NON ADEGUATA (1) 39

40 Domande Master CULTURALE, DI INNOVAZIONE, DI VISIONE (8 items) Quanto siamo consapevoli di alcuni vecchi paradigmi (assistenzialismo, cultura di dipendenza dal pubblico, piccolo è meglio, le risorse sono poche. NEL FARE RETE E LOBBYING COMUNE (5) E ritenuto realmente vitale? CRISI, RIDUZIONE DEI FONDI ISTITUZIONALI - SOSTAMENTO FONDI SU ALTRI SETTORI NON TRADIZIONALI, CONCORRENZA (14) Siamo sicuri che i fondi siano meno? E possibile invece che siano magari molti di più, ma altrove? FRAMMENTAZIONE, ISOLAMENTO, PERDITA CREDIBILITA' INTERNAZIONALE E SCOMPARIRE COME INTERLOCUTORI DI RILIEVO (2) 40

41 Piccole pro-vocazioni Master ECONOMICO FINANZIARIA (3) E più un problema di risorse o di capacità nell individuarle e gestirle al meglio, e quindi un problema manageriale? NELLA COMUNICAZIONE (3) C è un vero interesse a raggiungere il grande pubblico, al di la del fundraising e, prima, del MAE? DIMENSIONALE (2) Quanti sono disposti ed interessati realmente ad avviare un programma di fusioni o affiliazioni? 41

42 Master RADICAMENTO E COOPERAZIONE TERRITORIALE, VICINANZA AI BENEFICIARI E CAPACITA' DI INTERAZIONE CON I PARTNERS LOCALI anche in una logica di PROGRAMMI (13) MOTIVAZIONE, IMPEGNO, ONESTA (6) CAMBIAMENTI PANORAMA POLITICO-ISTITUZIONALE (6) L'INGRESSO DI DONATORI PRIVATI (3) PARTNERSHIP SOCIALI (2) FLESSIBILITA', ELASTICITA' OPERATIVA E COSTI RIDOTTI (3) INNOVAZIONE IN AMBITO LOCALE (2) FUNDING (1) INTERNAZIONALITA (1) INNOVAZIONE (1) 42

43 Master Sfide percepite 1. PARTNERSHIP ECONOMICO-FINANZIARIE E DI SVILUPPO(10) 2. PROFESSIONALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE (4) 3. INNOVAZIONE (4) 4. COMUNICAZIONE E INFLUENZA (3) 5. ACQUISIZIONE DI UNA MAGGIORE DIMENSIONE EUROPEA ED INTERNAZIONALE (2) 6. MAGGIORE COORDINAMENTO DEL SETTORE (3). 43

44 Sfide percepite Master PARTNERSHIP ECONOMICO-FINANZIARIE E DI SVILUPPO (10) Collaborare con il for profit e guadagnare la fiducia degli investitori privati, Differenziare il portafoglio dei finanziatori e del cofinanziamento Confrontarsi con il nuovo scenario di stakeholders -i.e. ruolo sempre più emergente del settore privato, Fare rete con il tessuto sia non profit che for profit sia in Italia sia in Europa e nel Sud del Mondo, Affrontare la competizione internazionale sui fondi ma anche sull accountability, Confrontarsi con il maggiore focus della comunità dei donatori sulla qualità dei programmi, e il focus dei paesi partner sulla efficienza dei programmi 44

45 PROFESSIONALIZZAZIONE E SPECIALIZZAZIONE (4) Specializzazione settoriale contro la tuttologia attualmente imperante Sfide percepite Master Professionalizzazione nei nuovi ambiti di competenza non tradizionali (global public goods, human rights, prevenzione disastri Mantenimento di un diffuso riconoscimento di una rilevanza tecnica sul campo Migliorare le competenze tecniche nella presentazione e nella gestione di proposte progettuali condivise con stakeholders e beneficiari 45

46 Sfide percepite Master INNOVAZIONE (4), Partecipazione al dibattito sull innovazione, Adattamento ad un contesto (italiano e nei PVS) in perenne evoluzione L affermazione di una nuova visione dello sviluppo grazie alla crisi COMUNICAZIONE E INFLUENZA (3) Catturare l'attenzione dei pubblici sui temi internazionali, Capacità di influenzare il processo di riforma tutelando la missione della cooperazione internazionale, tutelare il ruolo delle organizzazioni di società civile quali interlocutori nei processi di decision making MAGGIORE COORDINAMENTO E RETI NONPROFIT (2) ACQUISIZIONE DI UNA MAGGIORE DIMENSIONE EUROPEA ED INTERNAZIONALE (2) 46

47 Master Chiavi di volta per il cambiamento Approcci culturali strategici per superare le debolezze, fronteggiare le minacce e cogliere le opportunita : SVILUPPARE AL MASSIMO RETI E PARTENARIATI CROSS SECTOR E INTRA SECTOR (5), MUOVERSI SU INNOVAZIONE(4), RICAMBIO GENERAZIONALE (1) PASSARE DALLA LOGICA DI PROGETTO A QUELLA DI PROGRAMMA (2) DI PROCESSO, AL CAPACITY BUILDING E ALL ADVOCACY (3) REALIZZARE UNA VERA ACCOUNTABILITY SUI RISULTATI(3) INCIDERE SULLE POLITICHE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI (2) PROFESSIONALITA' E SPECIALIZZAZIONE (1) 47

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Executive Master in. Social Entrepreneurship

Executive Master in. Social Entrepreneurship novembre Executive Master in 2015 Social Entrepreneurship Master di Primo Livello dell Università Cattolica del Sacro Cuore a.a.2015/2016 II edizione Executive Master in Social Entrepreneurship Master

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

La missione dell energia. Terna per il progetto Kami in Bolivia

La missione dell energia. Terna per il progetto Kami in Bolivia La missione dell energia Terna per il progetto Kami in Bolivia Una centrale idroelettrica non basta per tradurre in realtà il progetto di Padre Serafino: serve una linea che trasmetta l energia elettrica.

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Il sostegno degli Enti Locali europei alla Microfinanza. nei Paesi in via di Sviluppo

Il sostegno degli Enti Locali europei alla Microfinanza. nei Paesi in via di Sviluppo Il sostegno degli Enti Locali europei alla Microfinanza nei Paesi in via di Sviluppo 2 Si ringraziano per la gentile collaborazione: i funzionari degli Enti europei contattati, i Professori Daniel Fino,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli