Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI ALESSANDRIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI ALESSANDRIA"

Transcript

1 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI ALESSANDRIA NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

2 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI ASTI NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

3 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI BIELLA NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

4 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI CUNEO NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

5 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI NOVARA NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

6 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI TORINO NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

7 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI VERBANIA NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

8 Direzione Pianificazione Risorse Idriche CATASTO DELLE DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI RILEVAZIONE DATI PROVINCIA DI VERCELLI NUMERO CLASSIFICAZIONE DELLA PRATICA Codice rilievo della derivazione Stato pratica Concessione o Domanda C / D Rilevatore Data compilazione

9 INFORMAZIONI GENERALI DELLA DERIVAZIONE A 1. DERIVAZIONE 2. SUBDERIVAZIONE 3. Codice rilievo derivazione (solo per subderivazione) B 1. Codice 2. Codice utenza 3. Specie derivazione: Grande o Piccola G / P C NUMERO OPERE DI DERIVAZIONE 1. N prese da acque superficiali 2. N pozzi 3. N sorgenti 4. N trincee drenanti (solo i canali di drenaggio) 5. N fontanili D USI DELL'ACQUA DERIVATA 1. Consumo umano 2. Irriguo 3. Industriale 4. Forza motrice 5. Piscicolo 6. Igienico e assimilato E ESERCIZIO DELLA DERIVAZIONE 1. Portata massima derivabile (l/sec.) 2. Portata media annua derivabile (l/sec.) 3. Restituzioni S / N N 4. Scarichi S/ N N F VALIDITA' DELLA CONCESSIONE 1. Data decorrenza 2. Data di scadenza 3. Data di scadenza effettiva G PROGETTO 1. Progetto di massima 2. Progetto esecutivo 4. Data 3. Stato di consistenza H CANONE 1. Data decorrenza del canone 2. Scadenza del pagamento del canone gg/mese / 3. Data decorrenza sospensione del canone 4. Motivo 5. Data decorrenza cessazione anticipata del canone 6. Motivo

10 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA FONTANILI A 1. Codice univoco L.R. 22/99 Codice rilievo B BACINO IDROGRAFICO 1. Denominazione 2. Codice C LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA DI CAPTAZIONE 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa D ESERCIZIO DELLA CAPTAZIONE 1. Data di avvio dell'esercizio 2. Stato di esercizio della captazione: Attivo o disattivo A / D Data disattivazione 3. Motivo disattivazione: Evento calamitoso Altro Ristrutturazione opera di presa 4. Continua o Discontinua C / D 5. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 6. Volume annuo derivato (mc) 7. Restituzione S / N 8. Scarico puntuale S / N Stimato o misurato S / M E CARATTERISTICHE DEL FONTANILE 1. Portata minima (l/sec.) 2. Portata massima (l/sec.) Data misurazione Data misurazione F EQUIPAGGIAMENTO DELLA CAPTAZIONE Misuratori di portata S / N Data installazione Codice rilievo - prog. misuratore

11 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA POZZO A 1. Codice univoco L.R. 22/99 Codice rilievo B BACINO IDROGRAFICO 1. Denominazione 2. Codice C LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA DI CAPTAZIONE 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa D 1. PROFONDITA' DEL POZZO (m) E CORPO IDRICO DAL QUALE SI DERIVA 1. Determinazione suffragata da prove di pompaggio S / N 2. La captazione avviene da: Falda freatica Mista In pressione Progetto di ricircolo S / N In caso negativo motivare il mancato ricircolo 3. Pozzo artesiano S / N F ESERCIZIO DELLA CAPTAZIONE 1. Data di avvio dell'esercizio 2. Stato di esercizio della captazione: Attivo o disattivo A / D Data disattivazione 3. Motivo disattivazione: Evento calamitoso Altro Ristrutturazione opera di presa 4. Continua o Discontinua C / D 5. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 6. Volume annuo derivato (mc) 7. Restituzione S / N 8. Scarico puntuale S / N Stimato o misurato S / M G CARATTERISTICHE ED EQUIPAGGIAMENTO IDRAULICO DEL POZZO 1. Ditta costruttrice Ragione sociale: Comune Indirizzo 2. Data costruzione pozzo

12 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA POZZO Codice rilievo G CARATTERISTICHE ED EQUIPAGGIAMENTO IDRAULICO DEL POZZO 3. Modalità di perforazione: Percussione Altro Rotazione a circolazione diretta Rotazione a circolazione inversa 4. Quota piano campagna (m) Misurata o Stimata M / S 5. Accessibile per misure piezometriche S / N 6. Registratori di volume S / N Data installazione 7. Vasca di carico S / N A polmone Altro Aperta 8. Estrazioni mediante: Pompa Altro 9. Diametro colonna diametro (mm) da (m) a (m) 10. Dreno (rispetto al piano di campagna) da (m) a (m) 11. Cementazione (rispetto al piano di campagna) da (m) a (m) tipo materiale 12. Filtro (rispetto al piano di campagna) da (m) a (m) tipo filtro apertura (mm) H CARATTERISTICHE POMPA 1. Tipo 2. Potenza motore (KW) 3. Portata massima estraibile (l/sec.) 4. Curva caratteristica della pompa S / N 5. Azionata mediante impianto fisso o mobile F / M Profilo idraulico dell'impianto S / N

13 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA POZZO Codice rilievo I PROVE E MISURE EFFETTUATE SUL POZZO 1. Misure del livello piezometrico S / N 2. Stratigrafia S / N 3. Piezometri collegati S / N Numero piezometri 4. Prove sperimentali S / N 5. Prova di pozzo a gradini di portata data soggetto esecutore portata critica (l/sec.) 6. Prova di pompaggio a lunga durata data soggetto esecutore portata costante durata (h) trasmissività (mq/sec.) 7. Coefficiente di immagazzinamento L LEGGE REGIONALE 22/96 1. Conformità alla legge regionale 22/96 S / N Data accertamento in caso di non conformità pozzo da ricondizionare pozzo da chiudere

14 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA ACQUE SUPERFICIALI (1) A 1. Codice univoco L.R. 22/99 Codice rilievo B BACINO IDROGRAFICO 1. Denominazione 2. Codice C LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA DI CAPTAZIONE 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa D CORPO IDRICO DAL QUALE SI DERIVA 1. Corpo idrico naturale: corso d'acqua lago Denominazione o codice 2. Significativo ai sensi del D.Lgs 152/99 S / N 3. Corpo idrico artificiale: lago artificiale serbatoio Denominazione o codice Denominazione del corpo idrico alimentatore E ESERCIZIO DELLA CAPTAZIONE 1. Data di avvio dell'esercizio 2. Stato di esercizio della captazione: Attivo o disattivo A / D Data disattivazione 3. Motivo disattivazione: Evento calamitoso Altro Ristrutturazione opera di presa 4. Continua o Discontinua C / D 5. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 6. Volume annuo derivato (mc) 7. Restituzione S / N 8. Scarico puntuale S / N Stimato o misurato S / M F CARATTERISTICHE DELL'OPERA DI PRESA 1. Sponda destra o sinistra D / S 2. Sbarramento: S / N volume d'invaso (mc) altezza (m) Sbarramento precario Traverse con organi di regolazione Traverse senza organi di regolazione Altro sbarramento Piccola diga Grande diga 3. Galleria filtrante o tubazione drenante (1) Per le prese da canali compilare la scheda " Dati relativi alla captazione da acque superficiali - canali"

15 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA ACQUE SUPERFICIALI (1) Codice rilievo G EQUIPAGGIAMENTO DELLA CAPTAZIONE 1. Modulatore della portata derivabile S / N Data installazione Codice rilievo - prog. opera 2. Strumenti misurazione portata derivabile S / N Data installazione Codice rilievo - prog. misuratore Asta idrometrica Misuratori in continuo a pressione Misuratori in continuo a ultrasuoni 3. Dispositivi per il rispetto del deflusso minimo vitale in alveo S / N Data installazione 4. Scala di risalita per la fauna ittica S / N Data installazione H Obblighi ittiogenici S / N I RILASCI IN ALVEO 1. Entità di rilascio imposto (in assenza della regola del DMV) (l/sec.) 2. Entità di rilascio in base alla regola del DMV (l/sec.) 3. Eventuale rilascio imposto in deroga al DMV (l/sec.) 4. Applicazioni progressive dei valori del DMV dal al portata (l/sec.) (1) Per le prese da canali compilare la scheda " Dati relativi alla captazione da acque superficiali - canali"

16 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA ACQUE SUPERFICIALI - CANALI Codice rilievo A BACINO IDROGRAFICO 1. Denominazione 2. Codice B LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA DI CAPTAZIONE 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa C CORPO IDRICO DAL QUALE SI DERIVA 1. Nome canale o codice 2. Tipo canale: adduzione restituzione Denominazione del corpo idrico alimentatore D ESERCIZIO DELLA CAPTAZIONE 1. Data di avvio dell'esercizio 2. Stato di esercizio della captazione: Attivo o disattivo A / D Data disattivazione 3. Motivo disattivazione: Evento calamitoso Altro Ristrutturazione opera di presa 4. Continua o Discontinua C / D 5. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 6. Volume annuo derivato (mc) 7. Restituzione S / N 8. Scarico puntuale S / N Stimato o misurato S / M E EQUIPAGGIAMENTO DELLA CAPTAZIONE 1. Modulatore della portata derivabile S / N Data installazione Codice rilievo - prog. opera 2. Strumenti misurazione portata derivabile S / N Data installazione Codice rilievo - prog. misuratore Asta idrometrica Misuratori in continuo a pressione Misuratori in continuo a ultrasuoni

17 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA SORGENTI A 1. Codice univoco L.R. 22/99 Codice rilievo B BACINO IDROGRAFICO 1. Denominazione 2. Codice C LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA DI CAPTAZIONE 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa D CORPO IDRICO DAL QUALE SI DERIVA 1. Denominazione della sorgente 2. Sorgente tributaria di corso d'acqua S / N 3. Denominazione corso d'acqua o codice E ESERCIZIO DELLA CAPTAZIONE 1. Data di avvio dell'esercizio 2. Stato di esercizio della captazione: Attivo o disattivo A / D Data disattivazione 3. Motivo disattivazione: Evento calamitoso Altro Ristrutturazione opera di presa 4. Continua o Discontinua C / D 5. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 6. Volume annuo derivato (mc) 7. Restituzione S / N 8. Scarico puntuale S / N Stimato o misurato S / M F CARATTERISTICHE DELLA SORGENTE 1. Quota piano campagna (m) Stimata o misurata S / M 2. Tipo sorgente: In rocce fratturate Da acquifero poroso Carsica Termale (temperatura maggiore 20 C) 3. sull'assetto idrogeologico della sorgente (da compilarsi a cura dell'amministrazione Provinciale) 4. Portata minima (l/sec.) Data misurazione 5. Portata massima (l/sec.) Data misurazione 6. Curva di esaurimento in allegato agli atti S / N 7. Coefficiente di esaurimento 8. Relazione geologica allegata agli atti S / N 9. Prove sperimentali allegate agli atti S / N

18 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA SORGENTI Codice rilievo G CARATTERISTICHE DELL'OPERA DI PRESA 1. Diretta Bottino Drenaggio Altro 2. In falda Galleria drenante Trincea drenante Pozzo orizzontale 3. Progetto in allegato S / N H EQUIPAGGIAMENTO DELLA CAPTAZIONE 1. Misuratore di portata S / N Sulla sorgente Data installazion Sull'opera di pres Data installazion Prog. misuratore Prog. misuratore 2. Registratore di portata S / N Sulla sorgente Data installazione Sull'opera di presa Data installazione 3. Registratore di volume S / N Sulla sorgente Data installazione Sull'opera di presa Data installazione

19 DATI RELATIVI ALLA CAPTAZIONE DA TRINCEE DRENANTI A 1. Codice univoco L.R. 22/99 B BACINO IDROGRAFICO 1. Denominazione Codice rilievo 2. Codice C LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA DI CAPTAZIONE 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa D ESERCIZIO DELLA CAPTAZIONE 1. Data di avvio dell'esercizio 2. Stato di esercizio della captazione: Attivo o disattivo A / D Data disattivazione 3. Motivo disattivazione: Evento calamitoso Altro Ristrutturazione opera di presa 4. Continua o Discontinua C / D 5. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 6. Volume annuo derivato (mc) 7. Restituzione S / N 8. Scarico puntuale S / N Stimato o misurato S / M E CARATTERISTICHE DELLA TRINCEA 1. Sviluppo trincea (m) 2. Profondità trincea (m) F EQUIPAGGIAMENTO DELLA CAPTAZIONE 1. Misuratori di portata S / N 2. Data installazione Codice rilievo - prog. misuratore 3. Tipo

20 INFORMAZIONI RELATIVE ALLE INFRASTRUTTURE DI ADDUZIONE Codice rilievo della derivazione A TIPOLOGIA DI OPERA 1. CANALE Denominazione o codice del canale Sviluppo complessivo (m) % di canale rivestito 2. GALLERIA Capacità di accumulo (mc) Sviluppo complessivo (m 3. CONDOTTA Sviluppo complessivo (m) B ATTRAVERSAMENTI aerei subalveo raso C EQUIPAGGIAMENTO DELL'INFRASTRUTTURA DI ADDUZIONE 1. Torrino piezometrico S / N 2. Partitori idraulici S / N 3. Vasca di carico / serbatoio di accumulo Capacità (mc) Codice rilievo - Prog. opera Capacità (mc) Codice rilievo - Prog. opera Capacità (mc) Codice rilievo - Prog. opera Capacità (mc) Codice rilievo - Prog. opera D STAZIONI DI POMPAGGIO 1. Codice rilievo - Prog. opera 2. Portata (l/sec.) 3. Prevalenza (m)

21 INFORMAZIONI RELATIVE ALLE INFRASTRUTTURE DI RESTITUZIONE Codice rilievo della derivazione A 1. Codice rilievo - prog. punto di restituzione 2. Codice catasto scarichi B LOCALIZZAZIONE DELL'OPERA 1. Comune 2. Località 3. CTR sezione n Denominazione 4. Carta dettaglio fg. n. mappa 5. Bacino idrografico Codice Denominazione C CORPO IDRICO IN CUI SI RESTITUISCE 1. Corpo idrico naturale corso d'acqua lago Denominazione o codice 2. Corpo idrico artificiale lago artificiale serbatoio canale Denominazione o codice 3. Denominazione del corpo idrico recettore 4. Sponda destra o sinistra D / S D EQUIPAGGIAMENTO DELL'INFRASTRUTTURA DI RESTITUZIONE 1. Demodulatori di portata S / N Volume (mc) Codice rilievo - prog. opera 2. Misuratori di portata S / N Data installazione Codice rilievo - prog. misuratore Asta idrometrica Misuratori in continuo a pressione Misuratori in continuo a ultrasuoni 3. Opere in alveo o sulle sponde S / N E ESERCIZIO DELLA RESTITUZIONE 1. uso dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) 2. Volume annuo (mc) Stimato o misurato S / M

22 INFORMAZIONI RELATIVE ALLE INFRASTRUTTURE DI RESTITUZIONE Codice rilievo della derivazione F TIPOLOGIA DI OPERA 1. CANALE Denominazione o codice del canale Sviluppo complessivo (m) % di canale rivestito 2. CONDOTTA Sviluppo complessivo (m)

23 INFORMAZIONI ANAGRAFICHE DEL TITOLARE DELLA DERIVAZIONE A PERSONA FISICA 1. Cognome 2. Nome 3. Data di nascita 5. Indirizzo 6. Comune 4. Luogo di nascita 7. C.A.P. 8. Provincia 9. Codice Fiscale 10. Telefono / 11. Fax / DOMICILIO Soggetto presso il quale è eletto Indirizzo Comune C.A.P. Provincia

24 INFORMAZIONI ANAGRAFICHE DEL TITOLARE DELLA DERIVAZIONE B PERSONA GIURIDICA 1. Ragione sociale 2. Indirizzo 3. Comune 4. C.A.P. 5. Provincia Telefono / Fax / Cod. fiscale Partita IVA 6. Certificazione di qualità: EMAS ISO Numero certificazione Data rilascio certificazione 7. DOMICILIO Soggetto presso il quale è eletto Indirizzo Comune C.A.P. Provincia 8. LEGALE RAPPRESENTANTE Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita 9. ATTIVITA' Codice ISTAT attività Descrizione Codice ISTAT attività Descrizione Codice ISTAT attività Descrizione 10. UNITA' LOCALE OPERATIVA Ragione sociale Indirizzo Comune C.A.P. Provincia Telefono / Fax /

25 INFORMAZIONI ANAGRAFICHE DEL TITOLARE DELLA DERIVAZIONE C RAGGRUPPAMENTO DI PERSONE O COUTENZA 1. Raggruppamento 2. Coutenza 3. Denominazione 4. Componenti del raggruppamento 5. Componenti della coutenza portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) superficie irrigabile (ha) 6. DOMICILIO Soggetto presso il quale è eletto Indirizzo Comune C.A.P. Provincia Cod. fiscale Partita IVA

26 INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE GENERALI A DOMANDA 1. Data dell'istanza 2. Numero protocollo 3. Data protocollo 3. Concessione Rinnovo Riconoscimento Variante non sostanziale Rinuncia parziale Sanatoria Variante sostanziale Rinuncia totale Approfondimento pozzo Subingresso Concessione preferenziale Autorizzazione provvisoria all'esercizio delle derivazione Altro 1. Data dell'istanza 2. Numero protocollo 3. Data protocollo 3. Concessione Rinnovo Riconoscimento Variante non sostanziale Rinuncia parziale Sanatoria Variante sostanziale Rinuncia totale Approfondimento pozzo Subingresso Concessione preferenziale Autorizzazione provvisoria all'esercizio delle derivazione Altro

27 INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE GENERALI... /... B PROVVEDIMENTI 1. Data 2. Numero 3. Titolo 4. Oggetto 5. DISCIPLINARI Data Data Numero repertorio Numero repertorio 6. Certificato di collaudo Data 1. Data 2. Numero 3. Titolo 4. Oggetto 5. DISCIPLINARI Data Data Numero repertorio Numero repertorio 6. Certificato di collaudo Data 1. Data 2. Numero 3. Titolo 4. Oggetto 5. DISCIPLINARI Data Data Numero repertorio Numero repertorio 6. Certificato di collaudo Data 1. Data 2. Numero 3. Titolo 4. Oggetto 5. DISCIPLINARI Data Data Numero repertorio Numero repertorio 6. Certificato di collaudo Data

28 INFORMAZIONI RELATIVE ALL'USO PER PRODUZIONE FORZA MOTRICE A PERIODO D'USO DELL'ACQUA 1. dal al portata massima (l/sec.) 2. Portata media (l/sec.) B INFORMAZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALL'USO 1. Uso promisco S / N percentuale d'acqua destinata ad uso promiscuo % 2. CENTRALE Codice rilievo 2.1 Denominazione 2.2 Comune 2.3 Località 2.4 Potenza nominale media annua (KW) 2.5 Pompaggio Potenza di pompaggio (KW) 2.6 Sovraccanone per Bacino Imbrifero Montano S / N 2.7 Sovraccanone per enti rivieraschi S / N 2.8 Maggiorazione canone S / N percentuale % Motivo maggiorazione 3. SALTO / CONDOTTA FORZATA 3.1 Codice rilievo - prog. salto C O F 3.2 Denominazione salto 3.3 Portata media (l/sec.) 3.4 Salto (m) 3.5 Potenza nominale media annua (KW) 3.6 Potenza installata (KW) 3.7 Potenza di pompaggio (KW) 3.8 Portata di pompaggio (l/sec.) 3. SALTO / CONDOTTA FORZATA 3.1 Codice rilievo - prog. salto C O F 3.2 Denominazione salto 3.3 Portata media (l/sec.) 3.4 Salto (m) 3.5 Potenza nominale media annua (KW) 3.6 Potenza installata (KW) 3.7 Potenza di pompaggio (KW) 3.8 Portata di pompaggio (l/sec.)

29 INFORMAZIONI RELATIVE AGLI USI IGIENICI E ASSIMILATI Codice rilievo A PERIODO D'USO DELL'ACQUA 1. dal al portata massima (l/sec.) 2. Portata media (l/sec.) B INFORMAZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALL'USO 1. Uso specifico in questione 2. Maggiorazione canone S / N percentuale % Motivo maggiorazione

30 INFORMAZIONI RELATIVE ALL'USO INDUSTRIALE Codice rilievo A PERIODO D'USO DELL'ACQUA 1. dal al portata massima (l/sec.) 2. Portata media (l/sec.) B INFORMAZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALL'USO 1. Uso effettivo 2. Industria alimentare S / N 3. Impianto Denominazione Comune Località N giorni funzionamento dell'impianto nell'annata media 4. Uso dell'acqua per raffreddamento Altro 5. Riduzione canone S / N Motivo riduzione 6. Maggiorazione canone S / N Motivo maggiorazione percentuale % percentuale %

31 INFORMAZIONI RELATIVE ALL'USO IRRIGUO A PERIODO D'USO DELL'ACQUA 1. dal al portata massima (l/sec.) portata media (l/sec.) B INFORMAZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALL'USO 1. Uso effettivo 2. Presenza di bocca non tassata S / N 3. Superficie irrigabile (ha) 4. Metodo di irrigazione Scorrimento 5. Tipo di terreno Sabbioso Altro 6. Riduzione canone S / N Motivo riduzione Aspersione Argilloso Microirrigazione Franco percentuale % 7. Maggiorazione canone S / N percentuale % Motivo maggiorazione

32 INFORMAZIONI RELATIVE ALL'USO PISCICOLO Codice rilievo A PERIODO D'USO DELL'ACQUA 1. dal al portata massima (l/sec.) 2. Portata media (l/sec.) B INFORMAZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALL'USO 1. Uso effettivo 2. Azienda Denominazione Comune Località 3. Peso vivo in allevamento nell'annata media (ql) 4. Superficie dello specchio d'acqua (mq) 5. Maggiorazione canone S / N Motivo maggiorazione percentuale %

33 INFORMAZIONI RELATIVE ALL'USO PER CONSUMO UMANO A PERIODO D'USO DELL'ACQUA 1. dal al portata massima (l/sec.) 2. Portata media (l/sec.) B INFORMAZIONI SPECIFICHE RELATIVE ALL'USO Codice di collegamento con l'acquedotto

A6 - SCHEDA DEL CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE

A6 - SCHEDA DEL CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE REGIONE PIEMONTE Provincia di Cuneo COMUNE DI TORRE MONDOVI' COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO MINI-IMPIANTO IDROELETTRICO SUL TORRENTE CASOTTO ALLA CONFLUENZA CON IL RIO CASTORELLO (PRELIEVO ASSOGGETTATO

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA Direzione Ambiente LOGO DELLA PROVINCIA Sistema informativo delle risorse idriche (S.I.R.I.) CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA INDICE 1. Introduzione...3 1.1 Scopo della

Dettagli

DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE

DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE ALLEGATO 2 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE Documentazione da presentare: LA SCHEDA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO NONCHE FIRMATA E

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO

CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO 1 2 CARTA DEI SERVIZI SETTORE URBANISTICA, ASSETTO DEL TERRITORIO, PTCP, PAESAGGIO, GENIO CIVILE, DIFESA DEL SUOLO INDICE - Presentazione 4 - Premessa 5 - Introduzione 6 - Organizzazione E SERVIZI 11 -

Dettagli

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE SUL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO (STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO). Documentazione da produrre:

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE FUORI PUBBLICA FOGNATURA D.LGS. 152/1999 COSI COME MODIFICATO DAL D.LGS. 258/2000 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Spazio riservato

Dettagli

In qualità di Cognome denominazione o ragione sociale Nome 2) Comune di nascita Data di nascita Codice fiscale / Partita IVA telefono CHIEDE

In qualità di Cognome denominazione o ragione sociale Nome 2) Comune di nascita Data di nascita Codice fiscale / Partita IVA telefono CHIEDE RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO COMUNE DI VOLPIANO PROVINCIA DI TORINO C.A.P. 10088 TEL. 011 995.45.11 FAX 011 995.45.12 www.comune.volpiano.to.it SERVIZIO AMBIENTE E TERRITORIO MARCA DA BOLLO AL SINDACO

Dettagli

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA L approvvigionamento idrico Le sorgenti Emungimento

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

All Amministrazione Provinciale di VERCELLI Settore Pianificazione Risorse Territoriali Servizio Risorse Idriche Via S. Cristoforo, 3 13100 VERCELLI

All Amministrazione Provinciale di VERCELLI Settore Pianificazione Risorse Territoriali Servizio Risorse Idriche Via S. Cristoforo, 3 13100 VERCELLI FAC-SIMILE DI DOMANDA (IN BOLLO) PER AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE E PER LA CONCESSIONE ALL UTILIZZO DELLE ACQUE SCOPERTE All Amministrazione Provinciale di VERCELLI Settore Pianificazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

Modulistica per autorizzazione allo scarico

Modulistica per autorizzazione allo scarico PROVINCIA DI PISA Modulistica per autorizzazione allo scarico 1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione Cognome Nome Data di nascita Comune di nascita Cittadinanza Comune di residenza Indirizzo telefono

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza.

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza. Amministrazione Provinciale di Piacenza Dipartimento Politiche di Gestione del territorio e Tutela dell ambiente. UOA Monitoraggio delle risorse territoriali e ambientali. Loc. Gariga, 29027 Podenzano

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Dettagli

Autorità di Bacino DEI FIUMI ISONZO, TAGLIAMENTO, LIVENZA, PIAVE, BRENTA-BACCHIGLIONE

Autorità di Bacino DEI FIUMI ISONZO, TAGLIAMENTO, LIVENZA, PIAVE, BRENTA-BACCHIGLIONE Autorità di Bacino DEI FIUMI ISONZO, TAGLIAMENTO, LIVENZA, PIAVE, BRENTA-BACCHIGLIONE (legge 18 maggio 1989 n.183 art.12) ELEMENTI CONOSCITIVI DA FORNIRE CON LE DOMANDE DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE D'ACQUA

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

BOLLO 14.62 ALLEGATO B. CAGLI, lì. AL Sig. SINDACO DEL COMUNE DI 61043 C A G L I -----------------------------------------------------

BOLLO 14.62 ALLEGATO B. CAGLI, lì. AL Sig. SINDACO DEL COMUNE DI 61043 C A G L I ----------------------------------------------------- ALLEGATO B BOLLO 14.62 CAGLI, lì AL Sig. SINDACO DEL COMUNE DI 61043 C A G L I ----------------------------------------------------- Oggetto: L.R. 9 giugno 2006 n. 5 - Domanda di autorizzazione alla perforazione

Dettagli

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it 27 marzo 2015 - Verona Open loop systems criteri per la realizzazione delle opere di presa e indagini geologiche ed idrogeologiche finalizzate alla progettazione e al monitoraggio degli impianti Silvia

Dettagli

Sede Operativa N iscrizione alla C.C.I.A.A. Codi ce ISTAT descrizione attività Codice Fiscale Partita IVA CHIEDE

Sede Operativa N iscrizione alla C.C.I.A.A. Codi ce ISTAT descrizione attività Codice Fiscale Partita IVA CHIEDE Marca da Bollo Euro 14,62 Spett.le Comune di Vigone P.za Palazzo Civico 18 10067 - VIGONE (TO) OGGETTO: Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali

Dettagli

Comune di Montorfano

Comune di Montorfano Comune di Montorfano Piano di Governo del Territorio STUDIO DELLA COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA ai sensi della D.G.R. n. 8/7374 28/05/08 e succ. D.G.R. 9/2616 30/11/11 Monza, 22 ottobre

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

Criteri progettuali Acquedotti e Fognature

Criteri progettuali Acquedotti e Fognature Esame di Stato per l abilitazione alla professione di Ingegnere Criteri progettuali Acquedotti e Fognature Relatore Prof. Ing. Francesco De Paola Dipartimento di Ingegneria Idraulica,Geotecnica e Ambientale

Dettagli

Richiesta Di Concessione Di Derivazione Di Acque Sotterranee Da Pozzi Esistenti

Richiesta Di Concessione Di Derivazione Di Acque Sotterranee Da Pozzi Esistenti Richiesta Di Concessione Di Derivazione Di Acque Sotterranee Da Pozzi Esistenti A chi è rivolto il servizio Possessori di pozzi denunciati alla Pubblica Amministrazione entro il 31/12/07 Tutti i soggetti

Dettagli

con sede Legale in CAP ( ) n. civico in via n. CAP ( )

con sede Legale in CAP ( ) n. civico in via n. CAP ( ) (1) Marca da bollo 16,00 Spett. le PROVINCIA DI COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE Servizio Risorse Territoriali Ufficio Derivazioni via Borgovico, 148 22100 COMO Oggetto: Domanda di Licenza d uso tramite

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (D.lgs. 152/06, L.R. 20/06, DPGRT 46/r del 8.9.2008) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI ALLEGATO 1 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE, SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO. NOTIZIE GENERALI SCARICO

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

A.R.P.A. Regione Piemonte

A.R.P.A. Regione Piemonte Al Signor Sindaco del Comune di Corio Pagina 1/5 Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o ad esse assimilabili in ricettore diverso dalla pubblica fognatura (ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

D.1.5. IDROENERGIA S.r.l. Comune di Racconigi Provincia di Cuneo

D.1.5. IDROENERGIA S.r.l. Comune di Racconigi Provincia di Cuneo Comune di Racconigi Provincia di Cuneo Regione Piemonte IMPIANTO IDROELETTRICO SUL TORRENTE MAIRA IN LOCALITA' BERRONI NEI COMUNI DI RACCONIGI E CASALGRASSO PROGETTO DEFINITIVO Diritti riservati ex art

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche

Dettagli

RICERCA E CONCESSIONE di derivazione di acque sotterranee per tutti gli usi diversi dal domestico

RICERCA E CONCESSIONE di derivazione di acque sotterranee per tutti gli usi diversi dal domestico RICERCA E CONCESSIONE di derivazione di acque sotterranee per tutti gli usi diversi dal domestico A chi è rivolto il servizio? A tutti i soggetti (pubblici e/o privati persone fisiche e/o ragioni sociali

Dettagli

misure di attuazione del PTA: il dmv e i misuratori di portata

misure di attuazione del PTA: il dmv e i misuratori di portata misure di attuazione del PTA: il dmv e i misuratori di portata Walter Mattalia 23 ottobre 2009 disciplina legge 183/1989 introduce il concetto del DMV da assicurare ai corpi idrici naturali nei periodi

Dettagli

OGGETTO: D.P.G.R. 29 luglio 2003 n. 10/R e s.m.i.- art. 35 - Domanda di licenza di attingimento/rinnovo

OGGETTO: D.P.G.R. 29 luglio 2003 n. 10/R e s.m.i.- art. 35 - Domanda di licenza di attingimento/rinnovo MODULO DOMANDA DI CONCESSIONE/ RINNOVO PER ACQUE SUPERFICIALI Marca da Bollo 16,00 (enti pubblici esenti) Classifica 08.09 IDR 07 V_1_2012 Alla PROVINCIA DI CUNEO SETTORE GESTIONE RISORSE DEL TERRITORIO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Intercomunale XXXXXXXXXXXX Comune capofila XXXXXXXXXXXXXXXXXXX FIA. Elenco acquedotti intercomunali

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Intercomunale XXXXXXXXXXXX Comune capofila XXXXXXXXXXXXXXXXXXX FIA. Elenco acquedotti intercomunali PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Intercomunale XXXXXXXXXXXX Comune capofila XXXXXXXXXXXXXXXXXXX FIA FASCICOLO INTEGRATO DI ACQUEDOTTO PIANO DI ADEGUAMENTO DELL UTILIZZAZIONE (PAU) 1 Elenco acquedotti intercomunali

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DELLA DERIVAZIONE IDRICA

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DELLA DERIVAZIONE IDRICA LOGO DELLA PROVINCIA Direzione Ambiente Sistema informativo delle risorse idriche (SIRI) CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DELLA DERIVAZIONE IDRICA ALLEGATA ALLA DOMANDA DI IN DATA

Dettagli

Le potenzialità di produzione energetica delle derivazioni di pianura L'esperienza del Consorzio di Bonifica Ledra - Tagliamento

Le potenzialità di produzione energetica delle derivazioni di pianura L'esperienza del Consorzio di Bonifica Ledra - Tagliamento Le potenzialità di produzione energetica delle derivazioni di pianura L'esperienza del Consorzio di Bonifica Ledra - Tagliamento Ing. Stefano Bongiovanni MALNISIO, 16 GIUGNO 2011 PRESA DI OSPEDALETTO CONSORZIO

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI. Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria

PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI. Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria ENERGIA IDROELETTRICA La potenza dell impianto dipende dalle caratteristiche della fonte considerata ed in particolare è funzione

Dettagli

MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DELLA VOLONTA DI CEDERE L UTENZA, AI SENSI DELL ART. N 31 R.R. N 02 DEL 24/03/2006

MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DELLA VOLONTA DI CEDERE L UTENZA, AI SENSI DELL ART. N 31 R.R. N 02 DEL 24/03/2006 MODELLO PER LA COMUNICAZIONE DELLA VOLONTA DI CEDERE L UTENZA, AI SENSI DELL ART. N 31 R.R. N 02 DEL 24/03/2006 Marca da bollo da 16,00 1 Spett.le PROVINCIA DI LECCO Settore Ambiente ed Ecologia Ufficio

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

D.1.6. IDROENERGIA S.r.l. Comune di Cavallermaggiore Provincia di Cuneo ALLEGATI TECNICI D.P.G.R. 10/R E S.M.I. SCHEDA DEL CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE

D.1.6. IDROENERGIA S.r.l. Comune di Cavallermaggiore Provincia di Cuneo ALLEGATI TECNICI D.P.G.R. 10/R E S.M.I. SCHEDA DEL CATASTO DERIVAZIONI IDRICHE Comune di Cavallermaggiore Provincia di Cuneo Regione Piemonte IMPIANTO IDROELETTRICO SUL TORRENTE MELLEA IN CORRISPONDENZA DELLA TRAVERSA DI DERIVAZIONE DELLA BEALERA DEI MOLINI IN COMUNE DI CAVALLERMAGGIORE

Dettagli

Modello Concessione preferenziale derivazione acque sotterranee per uso generico n. 4 copie di cui n. 2 copie in marca da bollo da 14,62 euro

Modello Concessione preferenziale derivazione acque sotterranee per uso generico n. 4 copie di cui n. 2 copie in marca da bollo da 14,62 euro Modello Concessione preferenziale derivazione acque sotterranee per uso generico n. 4 copie di cui n. 2 copie in marca da bollo da 14,62 euro MFI049 ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Tutela Risorse Naturali

Dettagli

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI RINNOVO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO PER ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Il sottoscritto nato a il titolare o legale rappresentante dell Azienda sita nel Comune di in via CHIEDE il rinnovo dell autorizzazione

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 3 STRATIGRAFIA PRESUNTA DEI TERRENI... 3 4 STIMA PREVISIONALE DEI PARAMETRI IDROGEOLOGICI E CHIMICO-FISICI...

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 3 STRATIGRAFIA PRESUNTA DEI TERRENI... 3 4 STIMA PREVISIONALE DEI PARAMETRI IDROGEOLOGICI E CHIMICO-FISICI... COMMITTENTE: GEOLOGO: COLLABORATRICE: SIG.RA SARA LEUCI DR. GEOL. ERALDO SANTARNECCHI DOTT.SSA GEOL. CINZIA LOCCI DATA: GENNAIO 2013 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO... 2 2.1 Ubicazione... 2 2.2

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di MODULO_E Trasmissione dati relativi all intervento di messa in sicurezza operativa (MISO) o all intervento di bonifica o messa in sicurezza permanente (MISP) effettuato. MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI:

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e stoccaggio dell energia: come diventare smart Milano 11 luglio 2011 Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti

Dettagli

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI.

ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. OGGETTO: D. Lgs. n 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, L.R. n 5/2006. Istanza di autorizzazione allo scarico di (barrare la casella di interesse): ACQUE REFLUE INDUSTRIALI. 7 - lettera a)

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Direzione Ambiente 23 OTTOBRE 2009 ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL RICONDIZIONAMENTO DEI POZZI PER ACQUA Mauro Falco Settore DB 10.07 EQUILIBRIO DEL BILANCIO

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 MATERA OGGETTO:

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Ferrara, 24 settembre 09

Ferrara, 24 settembre 09 Esperienze di realizzazione e certificazione campi sonde: problematiche operative, aspetti geologici e ambientali, garanzia di qualità e resa termica nel tempo. Proposte di redazione di standard di lavoro

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo

Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo REVISIONE 05 - del 12.07.2012 Domanda per il rilascio di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali o negli strati superficiali del sottosuolo La/Il sottoscritta/o codice

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana

Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana PROTOCOLLO Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana e-mail: servizitecnici.comune@legalmail.it MARCA DA BOLLO DOMANDA PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE

Dettagli

COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze

COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze COMUNE DI INCISA IN VAL D'ARNO Provincia di Firenze Marca da bollo Є 16, 00 Protocollo Comune copia per il Comune AL Responsabile del Settore c copia per il Denunciante Assetto e Gestione del Territorio

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA per uso irriguo, industriale, ecc. (art. 95 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a nato a il residente in, Prov.

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI)

MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI) Data Spett.le MEDIO CHIAMPO SpA Via G. Vaccari, 18 36054 Montebello Vic. (VI) RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE Il sotto scritto Cognome e nome: C.F. nato a residente in via Nr CAP nella sua qualità di: titolare

Dettagli

GEOTERMIA IN ALTO ADIGE Procedura autorizzativa, incentivi, vincoli. GEOTHERMIE IN SÜDTIROL Genehmigungsiter, Förderungen, Vorschriften

GEOTERMIA IN ALTO ADIGE Procedura autorizzativa, incentivi, vincoli. GEOTHERMIE IN SÜDTIROL Genehmigungsiter, Förderungen, Vorschriften Abteilung 29 -Bezeichnung der Abteilung Amt 29.11 Amt für Gewässernutzung Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.11 Ufficio Gestione risorse idriche GEOTERMIA IN ALTO ADIGE Procedura

Dettagli

COMUNICAZIONE DI PERFORAZIONE DI POZZO DOMESTICO

COMUNICAZIONE DI PERFORAZIONE DI POZZO DOMESTICO COMUNICAZIONE DI PERFORAZIONE DI POZZO DOMESTICO Oggetto del servizio e normativa di riferimento Il servizio è rivolto a coloro che intendono trivellare ed utilizzare un pozzo per gli usi domestici di

Dettagli

ISTANZA DI CONCESSIONE PER DERIVAZIONE DI ACQUA

ISTANZA DI CONCESSIONE PER DERIVAZIONE DI ACQUA ISTANZA DI CONCESSIONE PER DERIVAZIONE DI ACQUA Il/La sottoscritto/a... nato/a a.. il / /, residente in, Via. n. nella sua qualità di: Proprietario Legale Rappresentante Usufruttuario Locatario della Ditta/Società

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 E-MAIL: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it D. Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

Impianto idroelettrico

Impianto idroelettrico Opere idrauliche Alberto Berizzi, Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano 1 Impianto idroelettrico Permette di sfruttare un salto e una portata per azionare un motore idraulico (turbina),

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO. con sede legale in via n. Cod. Fisc. o P.IVA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO. con sede legale in via n. Cod. Fisc. o P.IVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO Marca da bollo Al Sindaco del Comune di Galgagnano sottoscritt nat a Prov. il in qualità di legale rappresentante titolare della ditta con sede legale in via n. Cod.

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SICILIA (di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ALLEGATI AL PIANO DI GESTIONE DOCUMENTO DATA APPROVATO Allegato 05-d Questionari

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO AL DIRIGENTE DEL SETTORE ECOLOGIA/AMBIENTE DEL COMUNE DI Per il tramite del SUAP del Comune di DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle

Dettagli

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail Timbro con data e numero protocollo AL COMUNE DI ( ) DENUNCIA DEGLI ELEMENTI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I SERVIZI DI RACCOLTA, ALLONTANAMENTO, DEPURAZIONE E SCARICO DELLE ACQUE

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

CHIEDE ai sensi degli art. 124 e 125 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

CHIEDE ai sensi degli art. 124 e 125 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. Mod. SCARICHI ACQUE REFLUE URBANE _ Rev. 03/2014 D.Lgs 152/2006 e s.m.i. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO FUORI DALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE REFLUE URBANE Alla Provincia di Pistoia (per Attività

Dettagli

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO OGGETTO: autorizzazione allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE in corpo

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI Ente acque della Sardegna 1 integrazione all elenco di opere del Sistema Idrico Multisettoriale Regionale di competenza gestionale dell ENAS

Dettagli

RICHIESTA DI CLASSIFICAZIONE/AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO: INSEDIAMENTO PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7

RICHIESTA DI CLASSIFICAZIONE/AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO: INSEDIAMENTO PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7 PRODUTTIVO/COMMERCIALE Pagina 1 di 7 Questo modulo, compilato in ogni sua parte e corredato degli allegati richiesti deve essere consegnato in duplice/triplice copia al Comune/SUAP di pertinenza della

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

Il pompaggio da pozzo e da vasche di carico

Il pompaggio da pozzo e da vasche di carico Giornata di studio su progettazione e gestione delle stazioni di pompaggio Università degli Studi di Brescia, 22 novembre 2013 Il pompaggio da pozzo e da vasche di carico Umberto Sanfilippo Politecnico

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail Timbro con data e numero protocollo AL COMUNE DI ( LO ) DENUNCIA DEGLI ELEMENTI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I SERVIZI DI RACCOLTA, ALLONTANAMENTO, DEPURAZIONE E SCARICO DELLE ACQUE

Dettagli

Pompaggio acqua con energia fotovoltaica

Pompaggio acqua con energia fotovoltaica Pompaggio acqua con energia fotovoltaica Comune di Bugenyuzi (provincia Karuzi) Località Kivumu Burundi Africa Centrale V.I.S.P.E. VOLONTARI ITALIANI SOLIDARIETÀ PAESI EMERGENTI INDICE a) contesto geografico,

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale

C.F. Partita IVA (se diversa da C.F.) denominazione o ragione sociale AL COMUNE/ALL UNIONE DEI COMUNI DI ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE DI ATTIVITÀ DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (L. n. 1/1990, L.R. n. 17/2011, D.Lgs 59/2010, art.

Dettagli