Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione"

Transcript

1 Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Problematiche emotivo-comportamentali nei bambini con Disturbo Autistico e DPS NAS: prevalenza e fattori di rischio L. D Elia, G. Valeri Dipartimento di Neuroscienze U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile III Convegno Nazionale AIDEE ONLUS Disturbi dello sviluppo e disprassia Roma 29 e 30 gennaio 2012

2 2 Background Bradley et al. 2004; Brereton et al I bambini con Disturbo dello Spettro Autistico spesso presentano problemi emotivi e comportamentali che hanno un impatto negativo sulla vita di tutti i giorni: problematiche di tipo: internalizzante (ritiro, reazioni emotive accentuate) esternalizzante (aggressività, oppositività, disattenzione).

3 3 Background Pandolfi, Magyar e Dill 2009 Gli autori suggeriscono definitivamente (dopo un accurata analisi statistica), l utilizzo in ambito clinico della CBCL (1 ½-5) per l identificazione di problematiche emotivo-comportamentali nei bambini affetti da Disturbo dello Spettro Autistico.

4 4 Background De Bildt et al. 2005; Dominick et al. 2007; Shattuck et al Ricerca delle caratteristiche dei soggetti collelate alle problematiche emotivo-comportamentali: livello cognitivo, linguaggio espressivo, gravità della sintomatologia autistica, età, genere.

5 5 Background Mc Coy et al Necessità di includere all interno del trattamento delle strategie di contenimento delle problematiche emotivo-comportamentali: soprattutto per i bambini piccoli con scarse risorse cognitive, assenza di linguaggio e poche capacità adattive

6 6 Obiettivi dello studio identificare: PREVALENZA DI PROBLEMATICHE EMOTIVO- COMPORTAMENTI CARATTERISTICHE DEI SOGGETTI CARATTERISTICHE DEI GENITORI riportate attraverso la CBCL nel gruppo dei DA (Disturbo Autistico) e dei DPS NAS (Disturbo Pervasivo dello Sviluppo NAS) in bambini di età compresa tra i 2.2 e i 5.11 anni che correlano con le problematiche emotivo-comportamentali: genere, età, gravità della patologia, linguaggio espressivo, competenze adattive che correlano con le problematiche emotivo-comportamentali: età, livello di istruzione ed attività lavorativa

7 7 Campione 101 bambini di età compresa tra i 2,2 e i 5,11 anni, reclutati consecutivamente e valutati presso la UOC di NPI dell Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma tra il maggio del 2009 e il luglio del 2010 Diagnosticati secondo i criteri del DSM-IV TR come: - 73 con Disturbo Autistico (DA) - 28 con Disturbo Pervasivo dello Sviluppo NAS (DPS NAS) DA DPS NAS ETÀ 3,6 (media) 2,2-5,9 (range) 4,1 (media) 2,2-5,11 (range) GENERE maschi=88% femmine=12% maschi=82% femmine=18%

8 8 Genitori ETÀ: - 40 anni (media) (range) ISTRUZIONE: - 25% (scuola media inferiore) - 49% (scuola media superiore) - 26% (università) LAVORO: - 100% (sì) - 0% (no) ETÀ: - 36 anni (media) (range) ISTRUZIONE: - 12% (scuola media inferiore) - 52% (scuola media superiore) - 36% (università) LAVORO: - 46% (sì) - 54% (no)

9 9 Strumenti Valutazione neuropsichiatrica Valutazione sintomatologica Valutazione adattiva Valutazione degli aspetti emotivo-comportamentali Valutazione del linguaggio Criteri del DSM IV TR ADOS-G (Lord et al. 2000) ADI-R (Lord et al.,1994) VABS - Vineland Adaptive Behaviour Scales, Interview Form (Sparrow et al. 2005) CBCL caregiver report form for ages years (Achenbach & Rescorla 2000) PVB Primo Vocabolario del bambino (forma gesti e parole) (Caselli & Pasqualetti, 2007)

10 10 CBCL 1 ½ - 5 Child Behavior Checklist 1 ½ - 5 Scala di valutazione del comportamento infantile che consente di indagare i problemi emotivo-comportamentali in bambini da 1,5 ai 6 anni Reattività emotiva Ansia/Depressione Lamentele Somatiche Ritiro Sociale Problemi del Sonno Problemi Attentivi Comportamento Aggressivo Problemi Affettivi Problemi d Ansia Problemi Pervasivi dello Sviluppo Problemi di Iperattività/Disattenzione Problemi Oppositivo/Provocatori Scale Internalizzanti Scale Esternalizzanti Scale DSM Orientate

11 11 Analisi dei dati Prevalenza Numero e % di bambini con punteggi clinicamente significativi alle scale della CBCL (T 70 scale sindromiche e DSMorientate; T>63 indici globali) Fattori di rischio e Fattori di protezione Per ciascuno dei 2 gruppi (DA e DPS NAS), sono state indagate le eventuali associazioni (Odds Ratio) tra le singole sottoscale della CBCL e: le caratteristiche dei BAMBINI (età, genere, ADOS, ADI, Vineland, PVB, regressione delle competenze) le caratteristiche dei GENITORI (età, livello istruzione, attività lavorativa)

12 12 Risultati 1 Prevalenza (CBCL) 2 Scale Total Problems 3 Scale Internalizzanti 4 Scale Sindromiche 5 Scale DSM Orientate Ritiro sociale Problemi attentivi Problemi Pervasivi dello Sviluppo Indici Globali Età PVB Livello istruzione madri Lavoro madri Età ADI Livello istruzion e madri Lavoro madri Lamentele somatiche e Scale VABS Ritiro sociale e ADOS Problemi attentivi ed Età DPS NAS Problemi Pervasivi Sviluppo e ADOS

13 13 1. Prevalenza (CBCL) Scale Sindromiche Ritiro sociale DA 63% DGS NAS 54% Problemi attentivi DA 15% DGS NAS 8% Scale DSM Orientate Problemi Pervasivi dello Sviluppo DA 62% DGS NAS 50% Indici Globali Problemi Internalizzanti DA 45% DGS NAS 50% Problemi Esternalizzanti DA 23% DGS NAS 14% Problemi Totali DA 41% DGS NAS 25%

14 14 2. Scala Total Problems (DA) Fattori di rischio Fattori protettivi Età dei bambini all aumentare di ciascun anno di età, aumenta la probabilità di avere problemi totali Madri laureate un livello di istruzione alto = 74% di probabilità in meno di avere problemi totali PVB > 50 parole i bb che producono più di 50 parole al PVB, hanno una probabilità di avere problemi totali di 6,5 volte maggiore rispetto ai bb che producono meno di 50 parole Madri che lavorano la presenza di un attività lavorativa = 70% di probabilità in meno di avere problemi totali

15 15 2. Scala TOTAL Problems (DA) Età bambini PROBLEMI TOTALI NON PROBLEMI TOTALI n (%) n (%) Dai 2 ai 6 anni 30 (41,1) 43 (58,9) 1,8 0,01 PVB Produzione <50 parole 22 (34,9) 41 (65,1) 1 50 parole 7 (77,8) 2 (22,2) 6,5 0,03 Scolarità madri scuola superiore 26 (49,1) 27 (50,9) 1 Università 4 (20,0) 16 (80,0) 0,3 0,03 Occupazione madri Disoccupata 21 (52,5) 19 (47,5) 1 Lavoratrice 8 (25,0) 24 (75,0) 0,3 0,02 OR P

16 16 3. Scale Internalizzanti (DA) Fattori di rischio Fattori protettivi Età dei bambini all aumentare di ciascun anno di età, aumenta la probabilità di avere problemi internalizzanti Madri laureate un livello di istruzione alto = 70% di probabilità in meno di avere problemi internalizzanti ADI nello spettro autistico avere una diagnosi di spettro autistico all ADI è associato ad una probabilità di 4,4 volte maggiore Madri che lavorano la presenza di un attività lavorativa = 63% di probabilità in meno di avere problemi internalizzanti

17 3. Scale Internalizzanti (DA) 17 Problemi internalizzanti Non - problemi internalizzanti OR IC95% P n (%) n (%) Età bambini Dai 2 ai 6 anni 33 (45,2) 40 (54,8) 1,6 (1,0-2,5) 0,04* Diagnosi ADI No autismo 4 (21,1) 15 (78,9) 1 autismo 29 (53,7) 25 (46,3) 4,4 (1,3-14,8) 0,02* Scolarità delle mamme scuola superiore 28 (52,8) 25 (47,2) 1 università 5 (30) 15 (70) 0,3 (0,1-0,9) 0,04 Occupazione madre Disoccupata 22 (55,0) 18 (45,0) 1 Lavoratrice 10 (31,3) 22 (68,7) 0,4 (0,1-1,0) 0,046

18 18 4. Scale Sindromiche (DA) Lamentele somatiche i DA con un età equivalente di 2 anni nella scala della comunicazione della VABS hanno una probabilità di 31,5 volte > (P=0,009) rispetto ai bb di età equivalente di 1 anno di avere problemi somatici alla CBCL. Somatic problem Non somatic problem OR IC95% P n % n % VABS - comunicazione 1 anno 4 (6,0) 63 (96,0) 1 2 anni 2 (66,7) 1 (32,3) 31,5 (2,3-426,0) 0,009* 3 anni 0-3 (100,0) - - -

19 19 4. Scale Sindromiche (DA) Ritiro sociale i DA che sono classificati come autistici all ADOS, hanno una probabilità di 8,4 volte > di avere ritiro sociale alla CBCL rispetto ai bb che sono classificati nello spettro autistico. Withdrawn Non Withdrawn OR IC95% P n (%) n (%) ADOS classification Autistic spectrum 3 (23,1) 10 (76,9) 1 Autism 43 (71,7) 17 (28,3) 8,4 (2,1-34,4) 0,003*

20 20 4. Scale Sindromiche (DA) Attention problems i DA che anno un età di 5-6 anni hanno una probabilità di avere problemi attentivi alla CBCL di 7,4 volte > rispetto ai bb di 2 anni di età. Problemi attentivi Non - problemi attentivi OR IC95% P n (%) n (%) CLASSI DI ETÀ DEI BAMBINI 2 anni 2 (10,5) 17 (89,5) 1 3 anni 6 (22,2) 21 (77,8) 2,4 (0,4-13,6) 0,3 4 anni 0 (0,0) 12 (100,0) anni 7 (46,7) 8 (,3) 7,4 (1,3-44,2) 0,03*

21 21 4. Scale Sindromiche (DPS NAS) Attention Problems DPS NAS figli di madri laureate hanno il 95% di probabilità in meno di avere problemi attentivi rispetto ai bb con madri con un livello di istruzione minore. (Madri laureate = fattore protettivo) Problemi attentivi Non- problemi attentivi OR P n (%) n (%) Scolarità delle mamme scuola superiore 7 (58,3) 5 (41,7) 1 università 1 (6,3) 15 (93,7) 0,05 0,01

22 22 5. Scale DSM-oriented (DA) Pervasive developmental problems I DA che sono classificati come autismo all ADOS, hanno una probabilità di 4,9 volte > di avere PDP rispetto ai bb che sono classificati come spettro autistico. Pervasive developm. problem Non- problemi Pervasive developm. OR P n (%) n (%) ADOS classification Autistic spectrum 9 (69,2) 4 (30,8) 1 Autism 19 (31,7) 41 (68,3) 4,9 0,02

23 Conclusioni 1: Prevalenza e Fattori di Rischio 23 Il 37% dei bambini (DA nel 41% e DPS NAS nel 25%) presenta problemi emotivo-comportamentali rilevati attraverso la scala dei Total Problems della CBCL (rispetto alla popolazione normale che è del 15-20%). Problematiche alle scale Total Problems aumentano all aumentare dell età dei bambini e che presentano una maggiore produzione verbale. (i genitori riescono a cogliere i segnali di disagio quando il bb ha maggiori competenze comunicative) Problematiche alle scale Internalizzanti aumentano all aumentare dell età dei bambini e che rientrano nello spettro autistico all ADI (i genitori riescono a cogliere i segnali quando il bb è più grande e maggiormente compromesso dal punto di vista della sintomatologia autistica)

24 Conclusioni : Fattori di Rischio 24 Punteggi clinici significativi alle scale del Ritiro sociale e dei PDP della CBCL sono correlati con la classificazione AUTISMO dell ADOS (scale sensibili ai casi più gravi: dato a sostegno dell attendibilità dello strumento). Punteggi clinici significativi alla scala dei Problemi attentivi della CBCL sono correlati con l aumentare dell età (i genitori riescono a cogliere i segnali legati alle difficoltà a mantenere l attenzione quando il bb è più grande) Punteggi clinici significativi alla scala dei Lamentele somatiche della CBCL sono correlati con l aumentare dell età equivalente del sottodominio Comunicazione della VABS (i genitori riescono a cogliere i segnali di disagio quando il bb ha maggiori competenze comunicative)

25 25 Conclusioni 3: Fattori protettivi Madri laureate Madri che lavorano nei DA nei DPS NAS solo nei DA Perché i bambini sono oggettivamente meno gravi? Perché la madre percepisce il bambino come meno grave? Perché una madre che lavora è meno depressa ed ha più risorse?

26 26 FENOTIPI/GENOTIPI Proposta per un Protocollo di valutazione: Livello cognitivo Livello adattivo Livello emotivo-comportamentale Livello linguistico Fattori ambientali e familiari

27 GRAZIE

I Disturbi dello Spettro Autistico

I Disturbi dello Spettro Autistico 1 I Disturbi dello Spettro Autistico MEMORIA PER LA COMMISSIONE IGIENE E SANITA SENATO DELLA REPUBBLICA Prof. Stefano Vicari Direttore Unità di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

Gennaio 2014. Journal Club Febbraio 2014 Gruppo DI

Gennaio 2014. Journal Club Febbraio 2014 Gruppo DI Gennaio 2014 2 Obiettivo dello studio: confrontare un ampio campione di soggetti con RASopatia con fratelli sani ed individui con Disturbo dello Spettro Autistico (ASD) al fine di 1. Determinare la prevalenza

Dettagli

WEB COUNSELING. una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi. Dr.ssa Maria Nobile

WEB COUNSELING. una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi. Dr.ssa Maria Nobile WEB COUNSELING una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi Dr.ssa Maria Nobile IRCCS E. Medea, Associazione La Nostra Famiglia, Bosisio Parini (LC) .una MEDICINA dalla PARTE DEL BAMBINO.

Dettagli

Progetto S.O.S. Autismi

Progetto S.O.S. Autismi Progetto S.O.S. Autismi 2013/2014 in collaborazione con: con il contributo di: No Profit Il programma di intervento e di ricerca e' rivolto a 30 bambini/ragazzi (2-16 anni) con diagnosi di Disturbo dello

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

Antonio Narzisi IRCCS Stella Maris. Bologna, 24 Novembre

Antonio Narzisi IRCCS Stella Maris. Bologna, 24 Novembre Antonio Narzisi IRCCS Stella Maris Bologna, 24 Novembre Background E ben riconosciuta l importanza che assume la diagnosi precoce sia per il trattamento che per un migliore esito prognostico: MEP=DP X

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO PERCORSI DI DIAGNOSI E PRESA IN CARICO NELL ASL TO 3 Dr.ssa B.Giannini, S.C. PSICOLOGIA ASL TO 3 Preoccupazione per lo sviluppo del bambino (sospetto ASD) PEDIATRA S.C.

Dettagli

DDAI. DDAI:diagnosi differenziale e associata DDAI DDAI DDAI DDAI

DDAI. DDAI:diagnosi differenziale e associata DDAI DDAI DDAI DDAI :diagnosi differenziale e associata Renata Rizzo Neuropsichiatria Infantile Dipartimento di Pediatria, Università di Catania è una sindrome neurocomportamentale. I sintomi principali sono classificati

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta Dr.ssa Roberta Fadda Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia Università di Cagliari robfadda@unica.it A18 onlus

Dettagli

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dipartimento di Salute Mentale Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Modena, 29 Novembre 2014 LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dott.ssa Milena Gibertoni LE ORIGINI 1996-1998: costituzione

Dettagli

I DATI EPIDEMIOLOGICI continuità, discontinuità, il peso dei fattori biologici e ambientali. Dr.ssa Maria Nobile, Dr.

I DATI EPIDEMIOLOGICI continuità, discontinuità, il peso dei fattori biologici e ambientali. Dr.ssa Maria Nobile, Dr. I DATI EPIDEMIOLOGICI continuità, discontinuità, il peso dei fattori biologici e ambientali Dr.ssa Maria Nobile, Dr. Massimo Molteni STUDIO EPIDEMIOLOGICO LONGITUDINALE PrISMA: Progetto Italiano Salute

Dettagli

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa nella diagnosi di ADHD Bisiacchi P.S. 1, Tarantino V. 1, Scala G.G. 1, Tozzi A.E. 2, Chiarotti F. 3, Salmaso S. 3 1 Dipartimento di Psicologia

Dettagli

CARATTERISTICHE PRIMARIE

CARATTERISTICHE PRIMARIE IL PERCORSO DI PRESA IN CARICO MULTIMODALE DEL DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E IPERATTIVITA. L INTERVENTO PSICOLOGICO Risultati di un esperienza pilota Dott.ssa Vanzin Laura Dott.ssa Valli Angela

Dettagli

Progetto PrISMA (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti)

Progetto PrISMA (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti) Progetto PrISMA (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti) 1. Cos è La prima ricerca epidemiologica multicentrica italiana che ha indagato la prevalenza dei disturbi psichici tra i preadolescenti di

Dettagli

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico UNIVERSITÀ DI PADOVA Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico TESI DI SPECIALIZZAZIONE Relatore Prof. Daniela

Dettagli

86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 Revisione diagnostica: una nuova codifica dei Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Nell ultimo report (Aprile 2009), il gruppo di lavoro sul DSM-V, relativamente alla categoria

Dettagli

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Elena Tironi (Centro per l Età Evolutiva Bergamo) Gian Marco Marzocchi (Università di Milano-Bicocca) ADHD coinvolge e compromette

Dettagli

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD)

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) UOC PSICOLOGIA Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) Dr.ssa Annalisa Antichi (Conferenza Dipartimento DSMD, 25/6/15) L intervento psicologico mira al potenziamento

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro

Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro Alberto Zuliani Associazione di volontariato Una breccia nel muro L esigibilità dei servizi alla persona disabile in tempi di crisi Palazzo Valentini Roma 28 Ottobre 2011 L autismo è un disturbo neurobiologico

Dettagli

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala BES Bisogni Educativi Speciali Autismo Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala DEFINIZIONE L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato,

Dettagli

Protocollo di valutazione per la selettività alimentare e le anomalie sensoriali in bambini con disturbi dello spettro autistico

Protocollo di valutazione per la selettività alimentare e le anomalie sensoriali in bambini con disturbi dello spettro autistico Protocollo di valutazione per la selettività alimentare e le anomalie sensoriali in bambini con disturbi dello spettro autistico M A R C O E S P O S I T O ( C E N T R O D I R I C E R C A S U L L A U T

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI ANAGRAFICHE E RECAPITI: Nome e Cognome: Michela Zaninelli Luogo e data di nascita: Rovereto 12.01.1985 E-mail: m.zaninelli@unitn.it TITOLI DI STUDIO Luglio 2011-Settembre

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011 I dis turbi dello s pettro a utis tic o C rem o na, 12 m a g g io 2011 Diagnosi Disturbo del comportamento sociale sguardo, attenzione condivisa, reciprocità Disturbo della comunicazione e del linguaggio

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE DEL PERSONALE SCOLASTICO Direttore Dott.ssa Silvia Strano. in collaborazione con

DIPARTIMENTO FORMAZIONE DEL PERSONALE SCOLASTICO Direttore Dott.ssa Silvia Strano. in collaborazione con Direttore Dott.ssa Mag.le Benedetta Arcidiacono Responsabile Scientifico Prof. Santi Laganà DIPARTIMENTO FORMAZIONE DEL PERSONALE SCOLASTICO Direttore Dott.ssa Silvia Strano in collaborazione con DIPARTIMENTO

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI TROVATO ALESSIA VIA VILLASMUNDO, 8 SIRACUSA VIALE TERACATI 51/H, SIRACUSA

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI TROVATO ALESSIA VIA VILLASMUNDO, 8 SIRACUSA VIALE TERACATI 51/H, SIRACUSA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residenza Domicilio TROVATO ALESSIA VIA VILLASMUNDO, 8 SIRACUSA VIALE TERACATI 51/H, SIRACUSA Telefono 0931

Dettagli

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO:

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: INDICI DI RISCHIO E DIAGNOSI PRECOCE Federico Bianchi di Castelbianco Magda Di Renzo Francesca Zaza Progetto Tartaruga Trovare strumenti di indagine idonei alla complessità

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

La diagnosi precoce del DSA: punti di forza e di debolezza dell'esperienza Toscana Annalisa Monti, Caterina Silvestri, Filippo Muratori

La diagnosi precoce del DSA: punti di forza e di debolezza dell'esperienza Toscana Annalisa Monti, Caterina Silvestri, Filippo Muratori La diagnosi precoce del DSA: punti di forza e di debolezza dell'esperienza Toscana Annalisa Monti, Caterina Silvestri, Filippo Muratori Convegno Nazionale La diagnosi precoce dei disturbi autistici Progressi

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

L AUTISMO NELLE MARCHE

L AUTISMO NELLE MARCHE 26 novembre 2015, Anna Maria Cirolla L AUTISMO NELLE MARCHE Dalla scoperta della sindrome alla realtà marchigiana. 1 Anna Maria Cirolla STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Cos è l autismo? Passaggi storici nella

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCELLA VILLANOVA Indirizzo / Telefono / Fax / E-mail / Nazionalità Italiana Data di nascita 17/05/1981

Dettagli

Claudia Rigamonti, Grazia Zappa, Valeria Cimò, Antonella Costantino

Claudia Rigamonti, Grazia Zappa, Valeria Cimò, Antonella Costantino Claudia Rigamonti, Grazia Zappa, Valeria Cimò, Antonella Costantino Unità Operativa di Neuropsichiatra dell Infanzia e dell Adolescenza Unità per le Disabilità Complesse e le Malattie Rare Centro Sovrazonale

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona Reggio Emilia, 24-26 settembre 2009 PROGETTO Progetto di prevenzione, informazione e cura su Psicosi e Depressione Post Partum Dipartimento

Dettagli

- Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca -

- Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca - Valentina Tobia & Gian Marco Marzocchi (Università degli Studi di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva di Bergamo) - Report per i genitori che hanno partecipato alla ricerca - 60,2% 161 genitori da

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli

Dati di prevalenza- 1. Prevalenza 1:150 (Fombonne, 2009). M:F= 4,3:1 Prevalenza 1:88 bambini (Centers for Disease and Prevention- CDC, 2012)

Dati di prevalenza- 1. Prevalenza 1:150 (Fombonne, 2009). M:F= 4,3:1 Prevalenza 1:88 bambini (Centers for Disease and Prevention- CDC, 2012) Dati di prevalenza- 1 Prevalenza 1:150 (Fombonne, 2009). M:F= 4,3:1 Prevalenza 1:88 bambini (Centers for Disease and Prevention- CDC, 2012) Definizioni Disturbi Pervasivi o Generalizzati dello Sviluppo

Dettagli

2. Psicopatologia dello sviluppo: classificazioni diagnostiche

2. Psicopatologia dello sviluppo: classificazioni diagnostiche 2. Psicopatologia dello sviluppo: classificazioni diagnostiche Psicopatologia dello sviluppo: classificazioni diagnostiche Testi di riferimento: Rutter M., & Rutter M., L arco della vita, Ed. Giunti, Firenze,

Dettagli

AUTISMO DALLA DIAGNOSI ALLA VALUTAZIONE. Dr.ssa Tiziana Serra Centro Riabilitazione DIDASCO

AUTISMO DALLA DIAGNOSI ALLA VALUTAZIONE. Dr.ssa Tiziana Serra Centro Riabilitazione DIDASCO AUTISMO DALLA DIAGNOSI ALLA VALUTAZIONE Dr.ssa Tiziana Serra Centro Riabilitazione DIDASCO Con questa relazione vorrei Ragionare con voi per riassumere lo stato dell arte di un argomento complesso Tracciare

Dettagli

IL CENTRO SPERIMENTALE FRANCESCO FARONI

IL CENTRO SPERIMENTALE FRANCESCO FARONI IL CENTRO SPERIMENTALE FRANCESCO FARONI Simone Antonioli - Direttore tecnico di Fobap Onlus Filippo Gitti - Neuropsichiatra infantile UONPIA di Brescia I numeri del Centro Faroni Fobap Onlus a marchio

Dettagli

La Valutazione dello Stress del caregiver

La Valutazione dello Stress del caregiver La Valutazione dello Stress del caregiver P.M. Rossini, L. Quintiliani, E. Cassetta AFaR, Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina, Roma CAREGIVING Insieme di processi assistenziali forniti ad un soggetto

Dettagli

Autismo ad Alto Funzionamento/Asperger & mondo del lavoro

Autismo ad Alto Funzionamento/Asperger & mondo del lavoro AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI VERONA U.O.C. DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Autismo ad Alto Funzionamento/Asperger & mondo del lavoro Dott. Leonardo Zoccante Dott.ssa Antonella Rigon Dott.ssa

Dettagli

Quando un sintomo non è solo fisico

Quando un sintomo non è solo fisico SEMINARIO Quando un sintomo non è solo fisico Luciana Biancalani & Alessandra Melosi 16 Convegno Pediatrico Firenze 11-12 novembre 2011 Disturbi non solo fisici problemi psicologici conseguenti a disturbi

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCONTRO GENITORI CHIUSA PESIO Aprile 2015 Dott. ALESSANDRO MARANGI CORRELAZIONE (provvisoria) TRA MINORAZIONE e HANDICAP Legge 104/1992: è persona handicappata colui che presenta

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 OSSERVAZIONI CLINICHE - MOTIVO DELLA CONSULTAZIONE : DISTURBO

Dettagli

Fattori di stress e bisogni della famiglia: il vissuto delle persone. familiari. Dai dati della Ricerca Fondazione Cesare Serono- CENSIS(2012)

Fattori di stress e bisogni della famiglia: il vissuto delle persone. familiari. Dai dati della Ricerca Fondazione Cesare Serono- CENSIS(2012) Fattori di stress e bisogni della famiglia: il vissuto delle persone con autismo e dei loro familiari Dai dati della Ricerca Fondazione Cesare Serono- CENSIS(2012) Dr. Marco Pontis, pedagogista, formatore

Dettagli

DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività

DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività Regolazione deficitaria in tre aree Attenzione Inibizione della risposta Livello di attività

Dettagli

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro?

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Follow-up di giovani pazienti dopo la dimissione da un servizio semiresidenziale di psicopatologia dell adolescenza Michela Gatta L.Balottin - Paolo

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Che cos è la LOGOPEDIA? Chi è il LOGOPEDISTA? I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Attività di logopedia domiciliare Logopedista Valentina Padoan La logopedia

Dettagli

SINDROME DA BURN-OUT: CONOSCERLA E PREVENIRLA.

SINDROME DA BURN-OUT: CONOSCERLA E PREVENIRLA. SINDROME DA BURN-OUT: CONOSCERLA E PREVENIRLA. 26 settembre 3 ottobre 2015 Sede: Trento 11 Crediti ECM per le Professioni Sanitarie 8 crediti formativi e 1 credito deontologico dell Ordine degli Assistenti

Dettagli

LA QUINTA EDIZIONE DEL DSM (DSM 5), 2013 USA

LA QUINTA EDIZIONE DEL DSM (DSM 5), 2013 USA LA QUINTA EDIZIONE DEL DSM (DSM 5), 2013 USA Emilia Costa Dipartimento Neuroscienze Sapienza Università di Roma La realizzazione della quinta edizione del manuale diagnostico e statistico di disturbi mentali

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive

Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive Progetto di Screening sulle capacità attentive e funzioni esecutive L AIDAI ONLUS Regione Lazio persegue da sempre due obiettivi su cui è stata fondata l associazione regionale: - progetti di ricerca per

Dettagli

Analisi di pratiche e interventi Evidence Based per l autismo

Analisi di pratiche e interventi Evidence Based per l autismo Analisi di pratiche e interventi Evidence Based per l autismo Dott. Giovanni Valeri UOC Neuropsichiatria Infantile IRCCS OPBG Dall Attenzione Congiunta alla Cooperazione: un Modello Evoluzionistico-Evolutivo

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI SIMONE MINICHIELLO

CURRICULUM VITAE DI SIMONE MINICHIELLO CURRICULUM VITAE DI SIMONE MINICHIELLO DATI PERSONALI: NOME E COGNOME: Simone Minichiello LUOGO E DATA DI NASCITA: Portomaggiore, Ferrara, 13.10.1981 NAZIONALITA : Italiana INDIRIZZO: v. Piangipane, 21-44121

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

PROGETTO AITA ONLUS. 17/03/2013 Grand Hotel Excelsior p.zza G. Verga Catania

PROGETTO AITA ONLUS. 17/03/2013 Grand Hotel Excelsior p.zza G. Verga Catania PROGETTO AITA ONLUS Contatti: Sito web: www.progettoaita.com Indirizzo e-mail: info@progettoaita.com Dona il tuo 5 x mille a Progetto Aita Onlus Codice Fiscale: 93113580877 IBAN: IT97A0200816944000300389963

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

Modalità di valutazione. nei bambini in età precoce (18-30 mesi)

Modalità di valutazione. nei bambini in età precoce (18-30 mesi) Modalità di valutazione dei Disturbi dello Spettro Autistico nei bambini in età precoce (18-30 mesi) Dott.ssa Lidia D Elia U.O.C. Neuropsichiatria Infantile Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 Diagnosi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. diversabilità in classe, patologie particolari ed approcci metodologici: l Autismo

CORSO DI FORMAZIONE. diversabilità in classe, patologie particolari ed approcci metodologici: l Autismo Scuola di Istruzione Secondaria Statale di 1 grado Rodolfo Stanziale San Giorgio a Cremano (NA) CORSO DI FORMAZIONE La diversabilità in classe, patologie particolari ed approcci metodologici: l Autismo

Dettagli

Qual è il ruolo del Pediatra nel caso di un bambino con sospetto ADHD?

Qual è il ruolo del Pediatra nel caso di un bambino con sospetto ADHD? ADHD - Introduzione L ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è un disturbo dello sviluppo caratterizzato da: inattenzione, impulsività e iperattività motoria. Questi comportamenti, inappropriati

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il DSM - Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders

Dettagli

rosabianca84@hotmail.it 03/06/2014 fino ad oggi Cooperativa I CORRIERI DELL OASI, sita in Enna

rosabianca84@hotmail.it 03/06/2014 fino ad oggi Cooperativa I CORRIERI DELL OASI, sita in Enna F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CARMECI ROSALBA Indirizzo 88A, VIA PIERSANTI MATTARELLA, 94018 TROINA (EN), ITALIA Telefono +39 3272028597 E-mail rosabianca84@hotmail.it

Dettagli

Corsi Ayala 2014. Calendario. Sede Palermo. ADOS -2, Integrativo. Sede Saronno. Sede Roma. Sede Palermo

Corsi Ayala 2014. Calendario. Sede Palermo. ADOS -2, Integrativo. Sede Saronno. Sede Roma. Sede Palermo Corsi Ayala 2014 Calendario Sede Palermo ADOS - 2 Clinico ADOS - 2, Integrativo ADOS - 2 Avanzato ADI-R Avanzato Sede Saronno ADOS -2 Integrativo ADOS - 2 Avanzato Sede Roma ADOS -2, Integrativo Sede Palermo

Dettagli

Profilo diagnostico ed efficacia terapeutica del Progetto Tartaruga. Fabrizio Plescia Magda Di Renzo

Profilo diagnostico ed efficacia terapeutica del Progetto Tartaruga. Fabrizio Plescia Magda Di Renzo Profilo diagnostico ed efficacia terapeutica del Progetto Tartaruga Fabrizio Plescia Magda Di Renzo Profilo diagnostico: l ADOS (Autism Diagnostic Observation Schedule - somministrata ogni 2 anni) 4 moduli

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Quali obiettivi? Indagare la qualità e il livello raggiunti nello sviluppo delle capacità comunicative e linguistiche Individuare

Dettagli

I DISTURBI COMPORTAMENTALI

I DISTURBI COMPORTAMENTALI IC1 PESCANTINA A.S. 2013-2014 I DISTURBI COMPORTAMENTALI Ins. Francesca Bonafini Ins. Gisella Di Marco Associazione Nuovi Talenti Speciali BES: BISOGNO EDUCATIVO SPECIALE MACROCATEGORIA CHE COMPRENDE MOLTE

Dettagli

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO Percorsi di intervento: il ruolo della scuola Carolina Coco, Paola Rigo, Paola Venuti Laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione www.odflab.unitn.it Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive-

Dettagli

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale Autismo: disturbo dello sviluppo comunicativo, sociale, dei comportamenti e degli interessi, che esordisce nell infanzia; è il principale fra i Disturbi Generalizzati o Pervasivi dello Sviluppo (vedi).

Dettagli

Dott.ssa Elena Filippini

Dott.ssa Elena Filippini SCUOLA-ASL: ASL: CHI SEGNALARE? Criteri e valutazioni Dott.ssa Elena Filippini Accordo quadro di programma provinciale per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità (2011-2016) 2016) (artt.12

Dettagli

Master Pratico in Neuropsicologia dello Sviluppo

Master Pratico in Neuropsicologia dello Sviluppo 50 crediti ECM A seguire nel 2017 Master Pratico in Neuropsicologia dello Sviluppo con lezioni supportate da video, casi clinici, esercitazioni sui tests, role playing Per iscriversi al master pratico

Dettagli

C.Ri.d.e.e. Università Cattolica di Milano Luca Milani, Serena Grumi, Paola Di Blasio. Report di Ricerca

C.Ri.d.e.e. Università Cattolica di Milano Luca Milani, Serena Grumi, Paola Di Blasio. Report di Ricerca C.Ri.d.e.e. Università Cattolica di Milano Luca Milani, Serena Grumi, Paola Di Blasio Report di Ricerca *Calcolare la prevalenza dell uso problematico di Internet e Videogame tra gli adolescenti frequentanti

Dettagli

BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE

BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE VIII CONVEGNO: Il contributo delle unità di valutazione Alzheimer (UVA) nell assistenza dei pazienti con demenza BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE

Dettagli

RITARDO MENTALE (DISABILITÀ INTELLETTIVE): CARATTERISTICHE GENERALI

RITARDO MENTALE (DISABILITÀ INTELLETTIVE): CARATTERISTICHE GENERALI LEZIONE: INTRODUZIONE PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 1.1. MILLE DOMANDE, TUTTE

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA RICERCA SUI DATI DI AUTOLESIONISMO E TENTATIVI DI SUICIDIO E PROPOSTA DI APPROCCIO METODOLOGICO

PRESENTAZIONE DELLA RICERCA SUI DATI DI AUTOLESIONISMO E TENTATIVI DI SUICIDIO E PROPOSTA DI APPROCCIO METODOLOGICO PRESENTAZIONE DELLA RICERCA SUI DATI DI AUTOLESIONISMO E TENTATIVI DI SUICIDIO E PROPOSTA DI APPROCCIO METODOLOGICO Dott.ssa Sara Battistutta Dott.ssa Caterina Zanus Dott.ssa Renata Aliverti Dott.ssa Silvana

Dettagli

Scienze mediche specialistiche, PFDR in Medicina del sonno

Scienze mediche specialistiche, PFDR in Medicina del sonno Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN Scienze mediche specialistiche, PFDR in Medicina del sonno Ciclo XXIV Settore Concorsuale di afferenza: 06/D6 Neurologia Settore Scientifico

Dettagli

IN FAMIGLIA. educazione e integrazione. Famiglie con figli con SD vs. famiglie con figli con altre. meno stressate e meno pessimiste

IN FAMIGLIA. educazione e integrazione. Famiglie con figli con SD vs. famiglie con figli con altre. meno stressate e meno pessimiste IN FAMIGLIA Ambiente familiare luogo privilegiato di educazione e integrazione Famiglie con figli con SD vs. famiglie con figli con altre sindromi (Krauss et al., 1989; Dyckens ey al., 2000; Vianello,

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale Area Dipartimentale di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell adolescenza Programma Regionale Integrato per l

Dipartimento di Salute Mentale Area Dipartimentale di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell adolescenza Programma Regionale Integrato per l Dipartimento di Salute Mentale Area Dipartimentale di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell adolescenza Programma Regionale Integrato per l assistenza alle persone con disturbo dello spettro Autistico

Dettagli

Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena

Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena Definizioni I disturbi dello spettro autistico (Autistic

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

Un' esperienza di. Pet-Therapy. con autismo

Un' esperienza di. Pet-Therapy. con autismo Un' esperienza di Pet-Therapy con autismo Biella, 27 marzo 2015 TNPEE Silvia Aimone Cos'è l'autismo in poche parole... L autismo viene considerato dalla comunità scientifica internazionale (classificazione

Dettagli

DETERIORAMENTO COGNITIVO E COMPROMISSIONE FUNZIONALE IN PAZIENTI AMBULATORIALI AL MOMENTO DELLA DIAGNOSI

DETERIORAMENTO COGNITIVO E COMPROMISSIONE FUNZIONALE IN PAZIENTI AMBULATORIALI AL MOMENTO DELLA DIAGNOSI DETERIORAMENTO COGNITIVO E COMPROMISSIONE FUNZIONALE IN PAZIENTI AMBULATORIALI AL MOMENTO DELLA DIAGNOSI S. Mondino 1, G.Isaia 1, G.Nobili 1, A. Bernardi 1, A. Mastrapasqua 1, F. Ruatta 1, G.C. Isaia 1,

Dettagli

Non-invasive tools for early detection of Autism Spectrum Disorders

Non-invasive tools for early detection of Autism Spectrum Disorders Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Non-invasive tools for early detection of Autism Spectrum Disorders Ministero della Salute Progetto Giovani Ricercatori 2008 Diagnosi precoce Diagnosi NON

Dettagli

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Dr.ssa A.I.Decembrino Centro per la Diagnosi,la Cura e lo Studio dei Disturbi della Comunicazione e della Socializzazione UONPIA AUSL PARMA Fidenza,

Dettagli

HANDIMATICA 2014 Strumenti informatici nel processo di presa in carico logopedica del paziente con Deterioramento Cognitivo Cronico Progressivo

HANDIMATICA 2014 Strumenti informatici nel processo di presa in carico logopedica del paziente con Deterioramento Cognitivo Cronico Progressivo HANDIMATICA 2014 Strumenti informatici nel processo di presa in carico logopedica del paziente con Deterioramento Cognitivo Cronico Progressivo LE TECNOLOGIE ASSISTIVE NEL PROCESSO DI PRESA IN CARICO LOGOPEDICA

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI SPAGONE VALENTINA ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE E FORMAZIONE EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE.

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI SPAGONE VALENTINA ESPERIENZA LAVORATIVA ISTRUZIONE E FORMAZIONE EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità SPAGONE VALENTINA Italiana Data di nascita 4 OTTOBRE 1983 ESPERIENZA LAVORATIVA Nov.2007- Nov.2008 A.N.G.S.A. sez. Onlus

Dettagli

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio?

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? Maria Elena Gattoni, Laura Andreoni e Antonio Giampiero Russo Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati DIPARTIMENTO GOVERNANCE ASL Milano 1 Definizione

Dettagli