Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi"

Transcript

1 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che la compongono, i quali verranno poi trasportati e assemblati nel cantiere. Le unioni rappresentano una parte delicata e importante nei confronti della stabilità globale della struttura, privilegiando quelle soluzioni che consentono una maggiore facilità di montaggio e di realizzazione, tenendo presente le tipologie degli elementi da collegare e dei vincoli; questi ultimi devono corrispondere per funzionalità in modo quasi identico a quelli previsti in sede di progetto. I sistemi di unione previsti dalla normativa sono: unioni con chiodi; unioni con perni; unioni con bulloni; unioni saldate. In linea di massima le unioni saldate vengono preferite per le operazioni in officina, mentre per quelle in cantiere l assemblaggio avviene di norma con unioni bullonate. In ogni caso la scelta del sistema di unione da adottare dipende dal tipo di elementi da collegare, dallo schema statico complessivo della struttura e dai mezzi a disposizione. I coefficienti parziali di sicurezza da considerare per le verifiche delle unioni sono riportati in tabella 1. Tabella 1 Coefficienti di sicurezza per la verifica delle unioni Resistenza dei bulloni g M2 = Resistenza dei chiodi g M2 = Resistenza delle connessioni a perno g M2 = Resistenza delle saldature a parziale penetrazione e a cordone d angolo g M2 = Resistenza dei piatti a contatto g M2 = Resistenza a scorrimento per S.L.U. g M3 = Resistenza a scorrimento per S.L.E. g M3 = 1,10 Resistenza delle connessioni a perno allo S.L.E. g M6,ser = 1,00 Precarico di bulloni ad alta resistenza g M7 = 1,10 Unioni con chiodi È il sistema di collegamento più antico, ma è passato in disuso in quanto sostituito dalle unioni bullonate o saldate, per cui si può ritrovare solo su vecchie strutture in acciaio. Nel foro degli elementi da collegare veniva inserito il chiodo [fig. 1] che veniva prima riscaldato e quindi ribattuto a caldo per formare una testa [fig. 2]. fig.1 fig.2

2 2 Unioni con perni Sono particolarmente utilizzate nelle strutture con elementi tubolari che trovano sovente impiego per il loro gradevole aspetto, ma richiedono un calcolo piuttosto complesso [fig. 3]. Unioni con bulloni I bulloni impiegati hanno le seguenti caratteristiche [fig. ]: vite con testa esagonale e gambo filettato in tutta la sua lunghezza o solo in parte; rondella rigida oppure elastica in presenza di vibrazioni; dado esagonale; controdado eventuale per evitare che il dado si sviti quando si hanno vibrazioni. In figura 5 sono riportate due tipologie di unioni bullonate, una con rondella sotto la testa e sotto il dado e l altra solo con il controdado. Nei bulloni si distinguono [fig. ]: fig.3 diametro nominale d della parte non filettata del gambo, con il quale viene calcolata l area nominale A; diametro resistente d res in corrispondenza della filettatura, con il quale viene calcolata l area resistente A res. parte filettata d vite dado controdado rondella rigida rondella elastica fig. fig.5 I bulloni possono essere normali se appartengono alle classe.6, 5.6 e 6.6, oppure ad alta resistenza se appartengono alle classi 8.8 e 10.9; i diametri normalmente usati sono riportati in tabella 2. Tabella 2 Diametri normalmente adottati (mm) CNR Eurocodice 3 M12 M1 M16 M18 M20 M22 M2 M27 M30 Le unioni bullonate vengono di norma impiegate quando gli elementi da collegare hanno un certo spessore [fig. 6]. Dopo aver avvitato il dado fino a ottenere il contatto fra le lamiere, si effettua un ulteriore avvitamento, detto coppia di serraggio, utilizzando chiavi dinamometriche, in modo da esercitare sul gambo la forza di trazione prevista. fig.6 Unioni con bulloni.

3 3 Il collegamento degli elementi da unire può avvenire: per semplice sovrapposizione, dove la sezione resistente del bullone è una sola [fig. 7a]; con coprigiunto semplice, che però è sconsigliabile in quanto la dissimmetria dell unione può determinare delle deformazioni negli elementi [fig. 7b], non essendo baricentrica l azione di trazione rispetto al giunto; con coprigiunto doppio, che elimina l inconveniente prima indicato essendo l azione di trazione baricentrica [fig. 7c]. a) b) c) fig.7 La disposizione dei fori per le unioni bullonate, applicando il M.S.L., deve rispettare i limiti indicati in tabella 3 e in figura 8, essendo d 0 il diametro del foro. Tabella 3 Posizione dei fori per unioni bullonate Distanze e interassi Massimo Distanze e interassi Massimo e 1 1,2 d 0 p 1,0 min (1 t; 200 mm) e 2 1,2 d 0 p 1,1 min (28 t; 00 mm) p 1 2,2 d 0 p 2 2, d 0 p 1 e 1 p 1 = 1,2 d 0 L L = 2, d 0 p 2 e 2 p 1 p 1,0 p 2 p 2 p 2 Unioni con bulloni soggette a taglio Nelle unioni a taglio, avvenuto il serraggio dei bulloni, questi, in corrispondenza di ogni piano longitudinale di contatto AB (detto piano di taglio) degli elementi collegati, sono sollecitati a taglio semplice con direzione perpendicolare all asse del gambo [fig. 9]. Le unioni a taglio vengono generalmente utilizzate negli elementi compressi, quali a esempio le unioni colonna-colonna soggette a sforzo assiale di compressione [fig. 10]. Le verifiche dell unione devono essere condotte nei confronti sia dei bulloni, sia degli elementi collegati. N/2 N/2 p 1,3 V V A N b N b B V V fig.8 fig.9 N

4 N c N c N c /2 N c /2 N c fig. 10 Metodo alle tensioni ammissibili Con il M.T.A. per la verifica dei bulloni deve risultare: τ b = V n n b π d 2 τ b,adm dove: V = sforzo di taglio che sollecita il collegamento dovuto alla trazione N; n = numero dei piani di taglio; in figura 9 è riportata una unione a taglio con due piani di taglio; n b = numero dei bulloni. I valori della tensione ammissibile τ b,adm per i bulloni sono riportati in tabella in funzione della classe. Tabella Valori di t b,adm per bulloni (N/mm 2 ) Bulloni normali Bulloni ad alta resistenza d Ponendo τ b,adm al posto di τ b si effettua il progetto dei bulloni determinando il loro diametro. Per effetto della forza N il gambo del bullone esercita una pressione, detta pressione di rifollamento, sulla parete del foro che può determinare la rottura per taglio della lamiera [fig. 11], con una tensione che viene calcolata con la relazione: σ rif = V d t 2,5 σ adm dove: σ adm = tensione ammissibile dell acciaio delle lamiere collegate; π d V = τ b,adm 2 n n (1 o 2) = numero delle sezioni adiacenti al foro oggetto di verifica (sezione a, n = 1; sezione b, n = 2). N/2 a b N/2 a t fig. 11 N

5 5 I valori ottenuti nella verifica a rifollamento sono validi se vengono rispettate le seguenti limitazioni [fig. 12]: elementi compressi 15 t p 3 d elementi tesi 25 t p 3 d in direzione della forza a 2 d in direzione perpendicolare alla forza a 1 1,5 d. d N Ed N Ed a 1 p a 1 a p p a t fig. 12 Metodo agli stati limite È opportuno che tutto il gambo sia interno al collegamento, in modo da utilizzare l area nominale A maggiore dell area resistente A res. La resistenza di progetto a taglio di ogni bullone è: F v,ed = N Ed n b n. piani di taglio La resistenza di calcolo a taglio dell unione è rappresentata dal minor valore fra la resistenza a taglio del bullone F v,rd e la resistenza a rifollamento della lamiera F b,rd, calcolate con le relazioni riportate in tabella 5. Tabella 5 Resistenza a taglio dell unione Condizione di verifica Classe del bullone Formula Il piano di taglio attraversa la parte non filettata del bullone l piano di taglio attraversa la parte filettata del bullone Tutte F v,rd = 0,6 f tb A F v,rd = 0,6 f tb A res F v,rd = 0,5 f tb A res Rifollamento Tutte F b,rd = k a f tk d t Considerando la figura 8 e la tabella 3: per bulloni di bordo: α = min ; ; 1 nella direzione del carico applicato; 3 d 0 f tk k = min 2,8 1,7; 2,5 nella derezione perpendicolare al carico applicato; per bulloni interni: α = min 0,25; ; 1 nella direzione del carico applicato; 3 d 0 f tk p 2 d 0 essendo d 0 il diametro nominale del foro. e 1 p 1 e 2 d 0 f tb f tb k = min 1, 1,7; 2,5 nella direzione perpendicolare al carico applicato;

6 6 In presenza combinata di trazione e taglio, per la verifica deve risultare: F v,ed F v,rd F t,ed + 1 1, F t,rd dove: F t,rd = 0,9 f tb A res Unioni a taglio per attrito In queste unioni si fa affidamento sull attrito dovuto alle azioni tangenziali che si sviluppano tra i piani di contatto degli elementi [fig. 13]. fig. 13 La forza di attrito che si sviluppa dipende dalla forza di trazione N b sul gambo del bullone che provoca una compressione degli elementi ed è dovuta al serraggio. Vengono impiegati bulloni ad alta resistenza che vengono serrati con una coppia di serraggio T b prestabilita; inoltre le superfici a contatto richiedono un apposita preparazione, in modo da sviluppare il maggior attrito possibile. Applicando il M.T.A., per la verifica ad attrito deve risultare per ogni bullone: V b µ N b η f dove: µ = coefficiente di attrito; η f = coefficiente di sicurezza nei confronti dello scorrimento; N b = sforzo normale nel gambo del bullone in funzione di T b. I valori di N b e T b sono tabellati in funzione del diametro nominale e della classe del bullone. Con il M.S.L. la resistenza di calcolo allo scorrimento allo S.L.U. è data da: F s,rd = n µ F p,c dove: n = numero delle superfici di attrito; µ = coefficiente di attrito; F p,c (N b ) = 0,7 f t,b A res = forza di precarico del bullone.

7 7 1 ESERCIZI SVOLTI Verificare con il M.T.A. l unione bullonata rappresentata in figura, relativa a due piatti con spessore t = 12 mm e larghezza b = 175 mm in acciaio S235, per la quale sono impiegati bulloni con diametro nominale d = 20 mm e classe di resistenza 8.8. La sezione dei bulloni è sollecitata a taglio nella parte non filettata dal carico assiale N Ed = 300 kn. bulloni 20 N Ed 12 N Ed e 1 = 50 p = 75 e 1 = 50 A 22 e 2 = 50 p = 75 e 2 = 50 B La tensione ammissibile a taglio dei bulloni si ricava dalla tabella e vale τ b,adm = 26 N/mm 2. Si effettua prima la verifica relativa al posizionamento dei fori: a 1 = a 2 = 50 mm > 1,5 d = 1,5 22 = 33 mm p = 25 t p = 75 mm 3 d; p = 75 mm 3 22; 300 mm p = 75 mm 66 mm Lo sforzo di taglio è V = N Ed = 300 kn e determina una tensione: V τ b = = 3 238,73 N/mm 2 < τ b,adm = 26 N/mm 2 n n 1 π 20 2 b π d 2 Viene ora eseguita la verifica a rifollamento; il foro è interessato da n = 1 sezione resistente del bullone sulla lamiera e quindi si ha: π d τ b,adm 2 π 20 n σ rif = = 35,58 N/mm 2 < 2,5 σ adm = 2,5 160 = 00 N/mm 2 d t 20 12

8 8 In modo analogo si effettua la verifica della lamiera che tende a tranciarsi in corrispondenza della sezione AB per effetto dello sforzo di taglio; l area resistente netta viene calcolata come indicato nell Unità 1. π d τ b,adm 2 π 20 n σ rif = = 51,20 N/mm 2 < τ adm t (l n b φ) 12 ( ) 2 Verificare allo S.L.U. il collegamento del precedente esercizio svolto, nell ipotesi che il carico sia formato da soli carichi permanenti strutturale G 1 = 120 kn e non strutturale G 2 = 180 kn, e che il piano di taglio sia attraversato dalla parte non filettata dei bulloni; gli elementi da unire sono in acciaio S235. Applicando i coefficienti parziali di sicurezza, lo sforzo di trazione totale che sollecita il collegamento risulta: N Ed = γ G1 G 1 + γ G2 G 2 = 1, ,5 180 = 26 kn Nell unione, in corrispondenza del piano di taglio, si hanno quattro sezioni soggette a taglio e quindi lo sforzo per ogni bullone è: N F v,ed = Ed 26 = = 106,50 kn Prima delle verifiche è opportuno controllare la posizione dei fori; con riferimento alla tabella 3, ipotizzando che il collegamento non sia esposto a fenomeni corrosivi o ambientali, si ha: p = p 1 = p 2 = 75 mm < 1 t = 1 12 = 168 mm e quindi va bene. I bulloni impiegati hanno la classe di resistenza 8.8 e dalla tabella 2 dell Unità 1 si ricava la relativa tensione di rottura f tb = 800 N/mm 2, mentre l area nominale della singola vite risulta: π d A res = 2 π 20 = 2 31,16 mm 2 La resistenza a taglio del bullone è: 0,6 f F v,rd = tb A res 0, ,16 = 120, N = 120,637 kn > F v,ed e quindi il bullone è verificato a taglio. Considerando la tipologia dell unione, la pressione di rifollamento avviene su un foro con intensità F v,ed = 106,50 kn. Vengono ora determinati i coefficienti k e α osservando che tutti i bulloni sono di bordo e i loro assi sono perpendicolari alla direzione del carico applicato, assumendo il valore minore fra quelli ottenuti dal calcolo: e 50 coefficiente k: 2,5; 2,8 2 1,7 = 2,8 1,7,66 e quindi si adotta k = 2,5; 22 e 1 d 0 f tb coefficiente α: = 0,76; = 2,22; 1 e quindi si adotta α = 0,76 3 d f tk 360 La resistenza a rottura dell acciaio S235 è f tk = 360 N/mm 2 e quindi la resistenza di calcolo a rifollamento risulta: k α f F b,rd = tk d t 2,5 0, = 131, N = 131,328 kn > F b,ed

9 9 Unioni saldate La saldatura viene generalmente usata in officina dove si dispone di idonee attrezzature. Per i laminati a caldo i procedimenti di saldatura possono essere: manuali, che sono quelli di normale utilizzo; semiautomatici e automatici, di norma utilizzati per unioni con particolari caratteristiche. Limitandoci ai procedimenti manuali si hanno i seguenti tipi: saldatura ad arco con elettrodi rivestiti: questi forniscono il materiale di apporto e l unione avviene per fusione dovuta al calore prodotto dall arco voltaico; saldatura ossiacetilenica (fiamma ossidrica): il materiale di apporto è costituito da una normale bacchetta metallica e la fusione avviene per la reazione fra ossigeno e acetilene; oggi è poco utilizzata e per lo più per il taglio di elementi in acciaio. Per i laminati a freddo i collegamenti avvengono con unioni saldate a resistenza per punti o per fusione. In relazione alle caratteristiche degli elementi da collegare si possono avere le seguenti tipologie di giunti: giunti testa a testa [fig. 1] o a T [fig. 15] a completa penetrazione; giunti a cordoni d angolo [fig. 16]. I lembi da saldare devono essere opportunamente preparati con un operazione detta cianfrinatura. fig. 1 fig. 15 fig. 16 Giunti a completa penetrazione Con questi giunti si realizza una continuità fra gli elementi saldati, per cui il materiale di base e quello di apporto si comportano in uguale modo e a livello tensionale non vi è alcuna differenza fra i due. La verifica dell unione si effettua nell ipotesi di comportamento elastico-lineare, calcolando le tensioni massime che si verificano in una sezione con lunghezza uguale a quella della saldatura e per larghezza il

10 10 minore degli spessori degli elementi collegati; in base al criterio di von Mises viene calcolata la tensione ideale con la relazione [fig. 15]: σ id = σ 2 + σ 2 // σ σ // + 3 τ 2 Le tensioni σ e τ sono quelle massime nell ipotesi di comportamento elastico-lineare. Perché la verifica sia soddisfatta deve risultare: metodo alle tensioni ammissibili: σ id 0,85 σ adm metodo agli stati limite: σ id 0,85 f yd = 0,85 Giunti a cordoni d angolo La verifica del cordone di saldatura viene effettuata considerando una sezione resistente convenzionale, detta sezione di gola [fig. 16], con lunghezza l uguale a quella del cordone di saldatura e altezza a corrispondente a quella del triangolo isoscele inscritto nella sua sezione trasversale. La verifica con il M.T.A. è soddisfatta quando sono rispettate le seguenti condizioni: σ id = τ 2 + σ 2 + τ// 2 0,85 σ adm per acciaio S235 0,70 σ adm per acciai S275 ed S355 τ + σ σ adm per acciaio S235 0,85 σ adm per acciai S275 ed S355 La tensione σ // non viene considerata, in quanto la sua influenza è praticamente nulla. Applicando il M.S.L. la verifica è positiva quando sono soddisfatte entrambe le condizioni: f yk σ id = σ 2 + τ 2 + τ 2 // β 1 f yk σ + τ β 2 f yk dove i coefficienti β 1 e β 2 hanno i valori: acciaio S235: β 1 = 0,85 e β 2 = 1 acciai S275 ed S355: β 1 = 0,70 e β 2 = 0,85.

11 11 ESERCIZI SVOLTI 3 Per la realizzazione di un tirante, che deve sopportare lo sforzo di trazione N t = 300 kn, devono essere saldati testa a testa a completa penetrazione due piatti laminati a caldo con sezione di mm 2 in acciaio S235. Si richiede la verifica dell unione. Il giunto è soggetto alla sola sollecitazione di trazione perpendicolare all asse della saldatura, per cui τ = τ // = 0 che determina la tensione normale: N σ id = σ = = 3 t 133,33 N/mm 2 < 0,85 σ adm = 0, = 136 N/mm 2 t l La seconda condizione è ovviamente verificata in quanto σ < σ adm. Due lamiere in acciaio S275 devono essere saldate con due cordoni d angolo come in figura a e sono soggette agli sforzi di trazione N // = 30 kn ed N = 200 kn rispettivamente parallelo e perpendicolare ai cordoni di saldatura che hanno le dimensioni indicate in figura b. Effettuare la verifica dell unione. N N = a L altezza della gola è: a = 10 sen 5 7 mm. Ogni cordone è soggetto alle sollecitazioni: N N = = = 100 kn; N // = = = 170 kn che producono le tensioni: N // N 230 N σ = = 3 62,112 N/mm 2 a l a b N τ // = = 3 // 105,590 N/mm 2 a l mentre τ = 0. Con il M.T.A. si ha: σ id = σ 2 + τ// 2 = 62, , ,50 N/mm 2 < 0,70 σ adm = 10 = 0, = 133 N/mm 2 Si effettua ora la verifica con il M.S.L.; si ipotizza che i carichi siano solo permanenti dovuti per il 0% a carichi strutturali e per il 60% a carichi non strutturali e applicando i coefficienti parziali di sicurezza si ha: N = 1,3 0, ,5 0,6 100 = 12 kn N // = 1,3 0, ,5 0,6 170 = 21,0 kn Le tensioni risultano: N σ = = 3 88,199 N/mm 2 a l N 21,0 10 τ // = = 3 // 19,938 N/mm 2 a l Si procede ora alla verifica calcolando la tensione ideale: σ id = σ 2 + τ 2 // = 88, , ,955 N/mm 2 < β 1 f yk = 0, = 192,50 N/mm 2 σ id,2 = σ = 88,199 N/mm 2 < β 2 f yk = 0, = 206,25 N/mm 2

12 12 VERIFICA Unioni con i bulloni 1 Il collegamento di tre piatti in acciaio S275, con gli spessori indicati in figura, verrà effettuato con una unione bullonata impiegando n = 2 bulloni 1 di classe 8.8, disposti in fori 16, nei quali è contenuta la parte filettata (A res = 115 mm 2 ). I piatti sono soggetti a uno sforzo di trazione N Ed = 150 kn dovuto a soli carichi permanenti strutturale di 60 kn e non strutturale di 90 kn. Si richiede la verifica dell unione con il M.T.A. e con il M.S.L., compresa la verifica del posizionamento dei fori per unioni non esposte. Unioni saldate 2 Calcolare la lunghezza del cordone d angolo di saldatura per l unione delle due lamiere di acciaio S275 rappresentate in figura, con spessore t = 12 mm, sapendo che la larghezza del cordone è di 10 mm e che una lamiera è soggetta allo sforzo di trazione N // = 300 kn. 200 N = bullone 1 N Ed /2 N Ed /2 12 N Ed e 1 = e 2 = 0 e 2 = 0 p = [a 7 mm; per ogni cordone N t = 300/2; l = 161,18 mm 160 mm assumendo τ // = 0,7 σ adm ; verifica: τ // 133,93 N/mm 2 < β 1 f yk ] [sezioni a taglio del giunto n = 2; per piatto interno n = 2 sezioni per verifica a rifollamento; M.T.A.: tensione nei bulloni τ b = 26,60 N/mm 2 ; σ rif 362,85 N/mm 2 ; verifica a tranciamento σ = 7,0 N/mm 2 ; M.S.L.: sforzo di taglio su ogni bullone F v,ed = 53,25 kn; N Ed = 213 kn; F v,rd = 59,113 kn; verifica a rifollamento k = 2,5 e α = 1, F b,ed = 106,50 kn, F b,rd = 161,28 kn]

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Classificazione dei collegamenti Tipi di collegamenti 1. Collegamento a parziale ripristino di resistenza In grado di trasmettere le caratteristiche di sollecitazione

Dettagli

Le unioni. 5 L acciaio 5.3 Strutture in acciaio. Unioni con chiodi. Unioni con perni. Unioni con bulloni

Le unioni. 5 L acciaio 5.3 Strutture in acciaio. Unioni con chiodi. Unioni con perni. Unioni con bulloni 1 Le unioni Unioni con chiodi È il sistema di collegamento più antico, ma è in disuso in quanto sostituito dalle unioni bullonate o saldate, per cui si può ritrovare solo su vecchie strutture in acciaio.

Dettagli

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE SECONDO IL METODO DELLE TENSIONI AMMISSIBILI (SOLO TAGLIO)

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Strutture in acciaio. Unioni

Strutture in acciaio. Unioni Strutture in acciaio Unioni Tipologie di unioni Chiodi o bulloni Sono puntuali Indeboliscono le sezioni Ripristinano solo parzialmente la continuità Si eseguono in opera con relativa facilità Saldatura

Dettagli

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009)

6. Unioni bullonate. 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate. 6.1.1 Classificazione dei bulloni. (aggiornamento 24-09-2009) 6. Unioni bullonate (aggiornamento 24-09-2009) 6.1 Tecnologia delle unioni bullonate 6.1.1 Classificazione dei bulloni NTC - D.M. 14-1-2008 1 N.B. Il primo numero x 100 = f ub il secondo per il primo =f

Dettagli

Tipologie di profilati commerciali IPE

Tipologie di profilati commerciali IPE HE A-B-M Acciai da costruzione o da carpenteria Tipologie di profilati commerciali IPE UPN L lati uguali IPE Sagomario o profilario Passaggi di lavorazione per un profilo a doppio T lavorato a caldo Nascita

Dettagli

Esercitazione n 4. Morganti Nicola Matr. 642686. Saldature

Esercitazione n 4. Morganti Nicola Matr. 642686. Saldature Saldature Esercitazione n 4 23 Nelle figure sottostanti sono rappresentate le sette diverse tipologie di strutture saldate; noti i carichi applicati ed alcune dimensioni dei collegamenti, completare il

Dettagli

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 6 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate ASPETTI

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE

LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE LEZIONI N 24 E 25 UNIONI SALDATE Le saldature si realizzano prevalentemente con il metodo dell arco elettrico, utilizzando elettrodi rivestiti, che forniscono il materiale di apporto. Il collegamento è

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Collegamenti saldati Procedimenti di saldatura Sorgente termica che produce alta temperatura in modo localizzato Fusione del materiale base più il materiale di apporto

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica SALDATURE

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica SALDATURE Saldatura (per fusione) Il giunto saldato: tipi di giunti La normativa SALDATURE Difetti nel cordone di saldatura Resistenza statica secondo CR-UI 00 Carici ce sollecitano il cordone Resistenza a fatica

Dettagli

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20 INDICE GENERALE Introduzione...xi 1.1 Premessa sugli Eurocodici strutturali... 13 Struttura Eurocodici strutturali... 13 Scopo degli Eurocodici... 14 Il ruolo degli Enti Normativi... 14 Ruolo della EN

Dettagli

LOMBARDI AMPLIFICAZIONI di Lombardi Renato

LOMBARDI AMPLIFICAZIONI di Lombardi Renato LOMBARDI AMPLIICAZIONI di Lombardi Renato via G. Mengozzi 1/b - 47011 Castrocaro Terme (C) tel/fax: 054376748 cel: 3397769 P.I. 055890408 - C.. LMBRNT6C16D704J STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Dott. Ing. ANDREA

Dettagli

Collegamenti nelle strutture

Collegamenti nelle strutture 1 Collegamenti nelle strutture Le tipologie delle unioni bullonate o saldate sono molteplici e dipendono essenzialmente da: caratteristiche dell unione: nell ambito di quelle bullonate si possono avere

Dettagli

Unioni saldate. (filo continuo)

Unioni saldate. (filo continuo) Unioni saldate aglio alla fiamma Cannello ossiacetilenico o ossipropilenico getto di ossigeno reazione isotermica aglio al plasma (gas ionizzati) Procedimenti di saldatura Si differenziano per sorgente

Dettagli

Costruzioni in legno. Unioni

Costruzioni in legno. Unioni Costruzioni in legno Unioni Unioni Definizioni e classificazione Tradizionali (carpentry joints) Unioni Connettori a gambo cilindrico (chiodi, bulloni, perni, viti) Meccaniche (mechanical joints) Connettori

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO

LA PROGETTAZIONE DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO VERONA 12-13 Marzo 2013 26-27 Marzo 2013 LA PROGETTAZIONE DELLE Corso di Formazione: PROGETTAZIONE DI STRUTTURE STRUTTURE IN ACCIAIO IN ACCIAIO IN ACCORDO ALLE VIGENTI NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE RELATORI

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta ESERCIZI SVOLTI Costruire la frontiera del dominio di resistenza della sezione rettangolare di mm con armatura simmetrica A s,tot + 6, copriferro mm, impiegando calcestruzzo classe C /. Resistenza di calcolo

Dettagli

5. Unioni saldate. (filo continuo)

5. Unioni saldate. (filo continuo) 5. Unioni saldate 5.1.1 Taglio alla fiamma Cannello ossiacetilenico o ossipropilenico getto di ossigeno reazione isotermica Taglio al plasma (gas ionizzati) 5.1. Procedimenti di saldatura Si differenziano

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

SCELTA E VERIFICA DEI BULLONI

SCELTA E VERIFICA DEI BULLONI SCELTA E VERIFICA DEI BULLONI 1) METODI DI COLLEGAMENTO Generalità Le strutture in acciaio sono normalmente costituite da componenti elementari quali le lamiere ed i profilati prodotti dalla siderurgia:

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Walter Salvatore. Dipartimento di Ingegneria Civile Università di Pisa

Walter Salvatore. Dipartimento di Ingegneria Civile Università di Pisa SISTEMI DI UNIONE Walter Salvatore Dipartimento di Ingegneria Civile Università di Pisa Procedimenti di saldatura Sistemi di unione Unioni Saldate UNI EN ISO 4063 Le unioni realizzate mediante saldatura

Dettagli

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE AL TAGLIO

CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE AL TAGLIO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria PROGETTAZIONE DEI SISTEMI MECCANICI Prof. Sergio Baragetti CALCOLO DELLE UNIONI BULLONATE: VERIFICHE AL TAGLIO RIFERIMENTI NORMATIVI E BIBLIOGRAFIA:

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Verifiche agli stati limite ultimi Unioni bullonate e saldate

Verifiche agli stati limite ultimi Unioni bullonate e saldate La Progettazione dll delle Strutture tt di Acciaio i e composte in Acciaio Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 21 Maggio 2010 Verifiche agli stati limite ultimi Unioni bullonate e saldate i i

Dettagli

5. ACCIAI AL CARBONIO, LAMINATI, TRAFILATI, PROFILATI

5. ACCIAI AL CARBONIO, LAMINATI, TRAFILATI, PROFILATI Classificazione degli acciai Gli acciai si distinguono: rispetto alla composizione: in base al tenore di carbonio in base ad altri metalli contenuti in minima percentuale; rispetto al metodo di produzione:

Dettagli

La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità

La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità La norma italiana che fornisce istruzioni per il calcolo, l esecuzione, il collaudo e la manutenzione delle costruzioni in acciaio è la

Dettagli

6. Collegamenti soggetti a carichi statici

6. Collegamenti soggetti a carichi statici 112 Eurocodice 3 - Progettazione delle strutture in acciaio 6. Collegamenti soggetti a carichi statici 6.1. Principi 6.1.1. Generalità (1) Tutti i collegamenti devono avere una resistenza di progetto tale

Dettagli

Le problematiche del serraggio

Le problematiche del serraggio Le problematiche del serraggio La giusta scelta degli elementi di fissaggio e dei parametri di serraggio permettono di evitare il rilassamento e l'autoallentamento dei collegamenti fiiettati. II fissaggio

Dettagli

EN 14399 IL CONFRONTO TECNICO FRA LE VARIE TIPOLOGIE

EN 14399 IL CONFRONTO TECNICO FRA LE VARIE TIPOLOGIE EN 14399 IL CONFRONTO TECNICO FRA LE VARIE TIPOLOGIE Bulloneria strutturale secondo EN 14399 EN 14399-1 10 UNI EN 14399-1:2005 UNI EN 14399-2:2005 UNI EN 14399-3:2005 UNI EN 14399-4:2005 UNI EN 14399-5:2005

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO - Classiicazione e veriica sezioni - Modelli sismo-resistenti dissipativi per le strutture in acciaio - Veriiche per gli elementi dissipativi - Applicazione della Gerarchia

Dettagli

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI Il Manuale della Presagomatura 13 2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI 2.1 Ancoraggi Le barre di armatura, i fili o le reti elettrosaldate devono essere ancorate in modo tale da consentire

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

Appunti di Costruzioni Edili

Appunti di Costruzioni Edili Giacomo Sacco Appunti di Costruzioni Edili Progetto e verifica a flessione semplice, a taglio e a sforzo normale Acciaio, legno, calcestruzzo armato. - Metodo agli stati limite 1 1. ACCIAIO 1.1 Caratteristiche

Dettagli

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO

Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Adriano Castagnone Davide Cerroni CALCOLO DI COLLEGAMENTI IN LEGNO E VALIDAZIONE DEL SOFTWARE ET - MODULO UNIONI LEGNO Indice VERIFICA DI UN NODO DI TRAVE RETICOLARE REALIZZATO MEDIANTE COLLEGAMENTO DI

Dettagli

Lezione n.3 LE UNIONI CHIODATE, BULLONATE E SALDATE

Lezione n.3 LE UNIONI CHIODATE, BULLONATE E SALDATE Lezione n.3 LE UNIONI CHIODATE, BULLONATE E SALDATE 1 LE UNIONI I mezzi di unione in carpenteria metallica si classificano in: - unioni chiodate; - unioni bullonate; - unioni ad attrito con bulloni ad

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Parte II ACCIAIO. Simbologia

Parte II ACCIAIO. Simbologia Parte II ACCIAIO Simbologia A - Simboli A area E modulo di elasticità longitudinale F azioni in generale G azioni permanenti; modulo di elasticità tangenziale I momento di inerzia M momento flettente N

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610

Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357. Tappi di insonorizzazione 41 Gruppo 1610 Morsetto di accoppiamento KL Gruppo 1357 Per l'assemblaggio di profilati doppi. Questo sistema permette di assemblare rapidamente in una seconda fase due profilati. Per essere sicuri di ottenere i valori

Dettagli

Revisione Norme Tecniche (Coordinatore: Alberto Speroni, consigliere CNI)

Revisione Norme Tecniche (Coordinatore: Alberto Speroni, consigliere CNI) CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 Gruppo di Lavoro Revisione Norme Tecniche (Coordinatore: Alberto Speroni, consigliere CNI) Componenti:

Dettagli

Laboratorio Musica di Vanis Dondi

Laboratorio Musica di Vanis Dondi Laboratorio Musica di Vanis Dondi Via Ponte Catena, 29/G 41016 Novi di Modena P.I.: 01359740360 - C.F.: DND VNS 59H17 B819D Tel. 059 677455 Fax. 059 679922 Freefax. 059 91931190 STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA

PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA PRESENTAZIONE DEL CORSO COLLEGAMENTI STRUTTURALI BULLONATI E SALDATI CALCOLO DI BASE SECONDO LA RECENTE NORMATIVA EUROPEA E ITALIANA Durata del corso: 12 ore Nell ambito della progettazione strutturale,

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

KKT Vite per esterno testa conica Versione in acciaio al carbonio con rivestimento organico e in acciaio inossidabile A4

KKT Vite per esterno testa conica Versione in acciaio al carbonio con rivestimento organico e in acciaio inossidabile A4 KKT Vite per esterno testa conica Versione in acciaio al carbonio con rivestimento organico e in acciaio inossidabile A4 ETA 11/0030 CONTROFILETTO SOTTOTESTA Filetto sottotesta inverso (sinistrorso) per

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE

7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE 7.1.COLONNA - GIUNTO DI BASE 7. PROGETTO DELLE STRUTTURE DI FONDAZIONE Come per l analisi del comportamento longitudinale della struttura anche in questo caso è necessario analizzare il percorso di tensione. Esso si basa su tre passi

Dettagli

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio 1 Elementi strutturali Travi principali reticolari (capriate); travi secondarie (arcarecci); pilastri; controventi di falda; controventi longitudinali

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO Si dimensioni un pilastro nelle tre diverse tecnologie: legno, acciaio e cemento armato. Osservando una generica pianta di carpenteria, il pilastro centrale sarà quello maggiormente

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 Adriano Castagnone Domenico Leone Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 2 Adriano Castagnone Ingegnere libero professionista dal 1978, si occupa di calcolo strutturale

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Valutare

Dettagli

NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI

NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI NUOVE NORME PER GLI ELEMENTI DI COLLEGAMENTO STRUTTURALI RELATORE: Sig. EMILIO BASSO Product Manager Gruppo Fontana Copyright Gruppo Fontana 1 TIPOLOGIA DI BULLONI Nelle costruzioni metalliche, la bulloneria

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 16 gennaio 2008 Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo 4.3.1 Valutazione della sicurezza Definizione: Le strutture composte sono costituite da parti realizzate

Dettagli

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle 2 Le molle sono elementi in grado di deformarsi elasticamente, assorbendo energia. Applicazioni caratteristiche: accumulatore

Dettagli

Corso di aggiornamento professionale alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 4. Relatore: Ing. Federico Carboni

Corso di aggiornamento professionale alle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 4. Relatore: Ing. Federico Carboni NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI MODULO 4 -COSTRUZIONI DIACCIAIO- Relatore: Ing. Federico Carboni Dottore di Ricerca in Strutture e Infrastrutture presso l Università Politecnicadelle Marche Collegio

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

WHT ANGOLARE PER FORZE DI TRAZIONE. Gamma completa (diverse dimensioni e possibilità di impiego con e senza rondella)

WHT ANGOLARE PER FORZE DI TRAZIONE. Gamma completa (diverse dimensioni e possibilità di impiego con e senza rondella) WHT ANGOLARE PER FORZE DI TRAZIONE All interno i valori statici del WKR285 Gamma completa (diverse dimensioni e possibilità di impiego con e senza rondella) Applicazione per legno-cemento e legno-legno

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA

COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Ubicazione COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Intervento Ristrutturazione Copertura edificio civile via Roma 22 Committente Rossi Amedeo Progettista Ing. Claudio Ciciriello Impresa EDILCOM srl Direttore

Dettagli

Mezzi di collegamento nelle strutture in acciaio e tipologie nodali. Cenni teorici ed applicazioni.

Mezzi di collegamento nelle strutture in acciaio e tipologie nodali. Cenni teorici ed applicazioni. Dipartimento di Costruzioni e Trasporti Corso di Tecnica delle Costruzioni Prof. Renato Vitaliani Dispensa Mezzi di collegamento nelle strutture in acciaio e tipologie nodali. Cenni teorici ed applicazioni.

Dettagli

Verifica di una struttura esistente

Verifica di una struttura esistente Il metodo agli Stati Limite per la verifica delle strutture in c.a. Giovanni A. Plizzari Università di Bergamo Paolo Riva Università di Brescia Corso Pandini Bergamo, 14-15 Novembre, 2003 Verifica di una

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI GIUNZIONE Relatore: Relatore: Indice Classificazione dei sistemi di giunzione Tipologie di giunzioni ricorrenti per le coperture Giunzioni tipiche sulle coperture in legno Analisi

Dettagli

RELAZIONE SUI MATERIALI

RELAZIONE SUI MATERIALI RELAZIONE SUI MATERIALI Tutti i materiali e i manufatti saranno sottoposti alle prove prescritte dalla legislazione vigente presso uno dei laboratori autorizzati, al fine di ottenere la massima garanzia

Dettagli

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO SGROSSATURA Passate grandi: 0,5 10 mm Avanzamenti grandi: 0,1 0,6 mm/giro Sovrametallo da lasciare per la finitura: 0,2 0,5 mm Utensile in acciaio super rapido HSS UNI 4247

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio. Domenico Leone

Lamiere grecate semplici in acciaio. Domenico Leone Lamiere grecate semplici in acciaio Domenico Leone Lamiere grecate semplici in acciaio Parte 1 Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale nel campo della progettazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI

FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI OGGETTO LAVORI Committente: FORMULE UTILIZZATE NEI CALCOLI Il Progettista Strutturale VERIFICA DELLE RIGIDEZZE. La rigidezza iniziale (K in ) si calcola con la formula: K = GAEl 2 h 3 G1,2hEl 2 dove: E,G

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

Prodotti Siderurgici. 12. SISTEMI DI GIUNZIONE Unioni saldate, unioni bullonate

Prodotti Siderurgici. 12. SISTEMI DI GIUNZIONE Unioni saldate, unioni bullonate Prodotti Siderurgici 12. SISTEMI DI GIUNZIONE Unioni saldate, unioni bullonate Premessa Il presente documento vuole fornire indicazioni semplici e concrete per i collegamenti nelle costruzioni metalliche,

Dettagli

Viti autobloccanti ad alta resistenza

Viti autobloccanti ad alta resistenza Viti autobloccanti ad alta resistenza La nostra Sede Il sistema autobloccante DURLOK è la soluzione ad uno dei problemi più persistenti nel settore della tecnologia del fissaggio... LA VIBRAZIONE Potere

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione:

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione: Scheda 23: TELAIO ANTERIORE ABBATTIBILE SALDATO PER MOTOAGRICOLE CON STRUTTURA PORTANTE DI TIPO ARTICOLATO O RIGIDO CON POSTO DI GUIDA ARRETRATO CON MASSA MAGGIORE DI 2000 kg E FINO A 3500 kg SPECIFICHE

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli