ESERCITAZIONE VALSUSA campo scuola di Protezione Civile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCITAZIONE VALSUSA 2013. 5 campo scuola di Protezione Civile"

Transcript

1 ESERCITAZIONE VALSUSA campo scuola di Protezione Civile In premessa è doveroso porre l attenzione sul fatto che il Campo scuola di Protezione Civile, giunto alla 5^ edizione, è il risultato di 5 anni di lavoro tra le varie componenti che, per la seconda volta e sulla base delle esperienze di lavoro collettive pregresse, si concretizza in un esercitazione congiunta tra le varie associazioni di protezione civile operanti nella provincia di Torino, sotto l egida della Protezione Civile Nazionale. Il campo scuola è uno strumento collaudato col quale le componenti della Commissione di Protezione Civile, in seno al VSSP, ritengono di riuscire a trovare una risposta all esigenza di creare una rete di associazioni, tutte inserite ed accreditate nel sistema di protezione civile Provinciale/Regionale/Nazionale, al fine di ottimizzare il lavoro svolto da ogni singola componente. È parere comune che lo scopo sia raggiungibile mediante la conoscenza delle problematiche affrontate da ogni specialità nelle emergenze di protezione civile, illustrate dalla viva voce dei singoli volontari (che hanno maturato esperienza da vendere, laddove non abbiano titoli accademici), i quali provvederanno ad illustrare le attività svolte e le criticità riscontrate lavorando in rete durante le emergenze. A ciò si aggiunge la formazione specifica da parte della Regione Piemonte, della Provincia di Torino, del Politecnico di Torino e dall Associazione Nazionale Disaster Manager, su materie specifiche a corredo delle conoscenze tecniche di ogni volontario di protezione civile. Ulteriore fine del campo scuola è quello di implementare e sviluppare un laboratorio tematico, composto da tutte le specialità che costituiscono le diverse componenti della protezione civile, finalizzato all elaborazione di nuovi progetti di sviluppo in rete. Nello specifico il campo scuola prevede fasi info-conoscitive, gestite da ogni associazione, in favore dei volontari delle altre specialità di protezione civile, nonché fasi formative/dimostrative con più associazioni in rete le quali, pur intervenendo sul medesimo scenario, manterranno la propria specificità in affiancamento alle altre. BUSSOLENO (TO) maggio 1 e 2 giugno 2013 (giovedì, venerdì, sabato e domenica) utilizzando i seguenti siti: 1. Teatro polivalente via Walter Fontan/ponte Cambursano Comitato Operativo Comunale di Protezione Civile- formazione teorica 1

2 2. Campo Piazzale esterno Polivalente. Campo base (allestimento tendopoli) da giovedì a domenica 3. Piazza Cavalieri Vittorio Veneto, incontro con gli alunni degli Istituti Liceo Scientifico Norberto Rosa, Scuola Media Statale Enrico Fermi e Scuola elementare primaria con annessa area espositiva mezzi e attrezzature venerdì mattina dove si svolgeranno attività dimostrative (circa 450 alunni) 4. Base Avanzata (via San Lorenzo angolo Via Camposciutto) sabato mattina per simulazione d intervento in caso d incendio boschivo con evacuazione area abitata. 5. Borgata montana Argiassera: per esercitazione in rete AIB (per simulazione d intervento in caso d incendio boschivo con evacuazione area abitata) sabato mattina. 6. Borgata montana Pinetti (Base Avanzata): per esercitazione in rete ricerca persona dispersa sabato pomeriggio; 7. Zona montana Sagnette (Base Avanzata) frazione Pian Cervetto: Esercitazione in rete di ricerca notturna di persona dispersa sabato sera. 2

3 8. Fiume Dora zona Ponte Micellone. Uso delle attrezzature forestali nelle attività di prevenzione nella lotta agli incendi boschivi e di protezione civile. Uso dei fuoristrada nelle attività di Protezione Civile giovedì pomeriggio 9. Bussoleno Fiume Dora Riparia, nel tratto compreso tra Ponte Micellone e Ponte Vecchio dimostrazione lavoro in rete ad opera del Gruppo Sommozzatori di Protezione Civile, Soccorso Alpino Speleologico e Croce Giallo Azzurra per salvataggio in acque mosse. Domenica mattina PARTECIPANTI: nr. 10 associazioni di volontariato (con una partecipazione di complessiva di 170 volontari). 1. P.A. Croce Giallo Azzurra Protezione Civile di Alice Superiore 2. P.A. Croce Giallo Azzurra sanitario Torino 3. A.F.P. Moncalieri 4. AIB Bussoleno 5. AIB Vaie 6. AIB S. Antonino 7. Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Bussoleno (fuori schema) 8. Gruppo Sommozzatori di Protezione Civile - Torino 9. Nucleo Protezione Civile Associazione Nazionale Polizia di Stato IVREA - Sezione Cinofili 10. Pro.Civi.Co.S. Torino Le tre componenti AIB eseguiranno ciascuna una parte di progetto specifica nel settore prevenzione incendi boschivi (verifica e bonifica zone a rischio incendio boschivo, ricerca persone scomparse in ambiente montano, uso degli attrezzi forestali nelle attività di prevenzione degli incendi boschivi e nella manutenzione della viabilità forestale). Le associazioni si fanno carico dell intera progettazione ed organizzazione del Campo scuola, della residenzialità (allestendo una tendopoli dormitorio all esterno del teatro polivalente utilizzando tende e brande delle singole associazioni e dotazioni personali di ogni volontario). Il Comune di Bussoleno metterà a disposizione gratuitamente alle associazioni le zone individuate per gli eventi, il teatro polivalente ed il piazzale esterno utilizzato per la tendopoli, con annessi servizi igienici, nonché i servizi igienici ubicati sotto la palestra di via Don Carlo Prinetto per tutti i quattro giorni dell evento. Ogni volontario che parteciperà al Campo Scuola sarà vincolato a frequentare l intera iniziativa dal venerdì alla domenica ritenendo l aggregazione dei volontari, anche oltre i previsti momenti formativi, patrimonio irrinunciabile in grado di saldare rapporti tra ogni volontario, specialmente in un campo dinamico ed operativo come la protezione civile. PROMOTORE DELL EVENTO: Centro Servizi per il Volontariato VSSP di Torino, col gratuito patrocinio del comune di Bussoleno, Provincia di Torino, Regione Piemonte e con la partecipazione del Politecnico di Torino e dell Associazione Nazionale Disaster Manager nella fase formativa. Sulla scorta delle esperienze pregresse, all attività in programma il venerdì mattina in favore delle scolaresche prenderanno parte: Carabinieri (Comando Provinciale di Torino) Guardia di Finanza (Tenenza di Bardonecchia Gruppo Soccorso Alpino), Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (Comando Provinciale di Torino), Polizia di Stato (Compartimento Polizia Stradale Piemonte Valle d Aosta - Questura di Torino), Corpo Forestale dello Stato (Comando Stazione di Bussoleno), 3

4 Provincia di Torino Settore Protezione Civile, Regione Piemonte Settore Protezione Civile e Sistema AIB. ORGANIZZATORE DELL EVENTO Commissione Protezione Civile del Centro Servizi per il Volontariato VSSP di Torino Squadra Volontari AIB di Bussoleno (capofila nella richiesta al Dipartimento di Protezione Civile Nazionale) unitamente ad altre dieci associazioni di volontariato afferenti alla commissione. Parte istituzionale formazione : Provincia di Torino Servizio di Protezione Civile Regione Piemonte Settore Protezione Civile e Sistema AIB. Controllo, certificazione e rendicontazione D.P.R. 194/2001 Comune di Bussoleno. MERCOLEDI Consegna materiali collettivi ad opera del VSSP (centro territoriale di Bussoleno). GIOVEDÌ h. 08,00: Area 1 Interno Teatro Polivalente. Apertura C.O.C. (Sindaco di Bussoleno) insediamento funzioni. Inizio esercitazione Apertura del 5^ Campo Scuola di Protezione Civile. GIOVEDÌ h. 08,00 13,00: Area 2 Campo Piazzale esterno Polivalente allestimento Campo Base. ore 13,00 Pranzo* (ristoranti convenzionati vedi pag 20) ore h. 15,00 17,30: ore h. 17,30 19,00: Area 8 Lungo Dora zona Ponte Micellone: Lavori riservati alla commissione. Uso delle attrezzature forestali nelle attività di protezione civile e di lotta agli incendi boschivi. AIB Vaie, AIB Bussoleno, AIB S.Antonino. Area 1 Interno Teatro Polivalente. Uso dei fuoristrada nelle attività di Protezione Civile. AFP (parte teorica) A seguire allestimento scenari work shop (montaggio palco) per il lavori del venerdì. È prevista la presenza di volontari a presidio di mezzi ed attrezzature dell area espositiva della piazza del mercato nella notte di giovedì. ore 20,30 Cena* (ristoranti convenzionati vedi pag 20) VENERDÌ: ore 06,00/08,00 ore 8,00/08,30 Area 3 Piazza Cavalieri Vittorio Veneto completamento allestimenti stand all interno della zona designata (OGNI ASSOCIAZIONE PROVVEDERÀ in proprio). Area 1 Interno Teatro Polivalente Lavori riservati ai volontari ed ai Corpi dello Stato - presentazione del workshop. Saluto del 4

5 Presidente del Centro Servizi VSSP Silvio MAGLIANO Saluti Istituzioni. ore 8,30/09,00 ore 09,00/12,45 Area 3 (zona palco) Piazza Cavalieri Vittorio Veneto. Presentazione attività alle scolaresche. Saluto del Presidente del Centro Servizi VSSP Silvio MAGLIANO, Saluti Istituzioni. Area 3 Piazza Cavalieri Vittorio. Workshop con gli studenti (Aperta al pubblico). Esposizione di mezzi ed attrezzature, con momenti dimostrativi curati da ogni specialità, gruppi specializzati nell intervento in scenari alluvionati, sommozzatori, unità cinofile da ricerca, logistica, sanità, antincendio boschivo, manutenzioni forestali, fuoristradisti e soccorso alpino). Sommozzatori, Unità Cinofile da Ricerca Nucleo di Protezione Civile A.N.P.S. Ivrea - PRO.CIVI.CO.S. - Croce Giallo Azzurra Torino - Croce Giallo Azzurra Alice Superiore- AIB Bussoleno- AIB Vaie AIB Sant Antonino - Associazione Fuoristradistica Piemontese - Soccorso Alpino Bussoleno. Area 1 interno teatro polivalente Area espositiva a cura della Provincia di Torino e Regione Piemonte. ore 13,30/15,00 pausa pranzo*(ristoranti convenzionati vedi pag 20) ore 15,30/16,30 ore 16,30/17,30 ore 17,30/19,00 Area 3 rimozione attrezzature da aree espositive Area 1 Interno Teatro Polivalente; Lavori riservati alla commissione. Fase formativa condotta dall Associazione Italiana Disaster Manager. La Funzione del Volontariato nelle emergenze e maxi emergenze. Area 1 Interno Teatro Polivalente. Lavori riservati alla commissione. Fase formativa condotta dal Politecnico di Torino. Il concetto di Resilienza applicato alla Protezione Civile. ore 19,30/21,00 pausa Cena* (ristoranti convenzionati vedi pag 20) ore 21,30/23,00 Area 1 Interno Teatro Polivalente Lavori riservati alla commissione. Fase formativa condotta dal Servizio Protezione Civile della Provincia di Torino (Dott. Felice FAVERO): Rischi naturali sul territorio della Valle di Susa e Piano Provinciale d Emergenza. SABATO: ore 08,30/09,00 Area 1 Interno Teatro Polivalente; Lavori riservati alla commissione. Formazione teorica sull impiego delle unità cinofile durante le fasi di ricerca persone disperse Unità Cinofile da Ricerca Nucleo di Protezione Civile A.N.P.S. Ivrea/ Soccorso Alpino Bussoleno. 5

6 ore 09,00/09,30 Area 1 Interno Teatro Polivalente; Lavori riservati alla commissione. Il ruolo della Protezione Civile negli interventi di antincendio boschivo e d interfaccia urbano rurale. AIB. A seguire trasferimento colonna mobile in Area 4 (zona con controllo visivo su scenario Argiassera) ore 10,00/10,15 Area 4 Base Avanzata (via San Lorenzo angolo Via Campoasciutto): allestimento sala operativa mobile avanzata. ore 10,20/11,30 ore 12,00/13,00 Area montana 5 borgata Argiassera: Dimostrazione pratica in rete relativa alle specialità Antincendio Boschivo (Aperta al pubblico). AIB Sant Antonino, AIB Vaie e AIB Bussoleno: antincendio boschivo. Pro.civi.co.s. + Croce Giallo Azzurra + Sommozzatori: evacuazione popolazione a rischio AFP: trasporto volontari su scenario incendio. Nucleo Protezione Civile ANPS unità cinofile: Antisciacallaggio. Area montana 5 borgata Argiassera: Dimostrazione in rete (Aperta al pubblico). Operazioni di soccorso ferito durate operazioni antincendio. AIB Sant Antonino + AIB Bussoleno + AIB Vaie: uso motoseghe ed abbattimento piante + AFP + Soccorso Alpino + Croce G.A. Sanità: soccorso ed evacuazione ferito. ore 13,30/15,00 pausa pranzo* (ristoranti convenzionati vedi pag 20) ore 15,30/18,00 ore 18,00-19,00 ore 19,00/22,00 ore 22,00 Area montana 6 borgata Pinetti (Base Avanzata):. Dimostrazione in rete (Aperta al pubblico). Operazioni di ricerca persona dispersa in ambiente montano. Polizia Municipale di Bussoleno/Sindaco attivazione procedure di ricerca disperso. Soccorso Alpino + Unità Cinofile ANPS+ AIB Sant Antonino + AIB Vaie + Procivicos Gruppo Sommozzatori: ricerca- Aib Bussoleno: uso GPS nelle fasi di ricerca. AFP : simulazione trasporto in zona non accessibile con mezzi normali. + Croce G.A. Sanità e PC: soccorso ferito. PROVINCIA di TORINO monitoraggio satellitare delle unità sullo scenario. Spostamento base avanzata in area 7 zona Sagnette pian Cervetto, trasporto materiale logistico, attrezzature e generatori per ricerca notturna. PROVINCIA di TORINO monitoraggio satellitare delle unità sullo scenario. Area 7 zona Sagnette pian Cervetto - Dimostrazione in rete (Aperta al pubblico). Operazioni di ricerca notturna persona dispersa in ambiente montano. Soccorso Alpino + Unità Cinofile ANPS+ AIB Sant Antonino + AIB Vaie + Procivicos + Croce G.A. Sanità e PC- Gruppo Sommozzatori: ricerca. Aib Bussoleno: uso GPS nelle fasi di ricerca AFP: trasporto in zona non accessibile con mezzi normali. PROVINCIA di TORINO monitoraggio satellitare delle unità sullo scenario. Cena presso Rifugio Amprimo* a seguire rientro al campo base. 6

7 DOMENICA: ore 08,15/09,30 ore 10,15/12,30 Ore 13,00 Area 1 Teatro polivalente. Lavori riservati alla commissione Fase formativa condotta dal Settore Protezione Civile e Sistema AIB della REGIONE PIEMONTE: Le novità apportate dalla Legge 100/ riordino della Protezione Civile - e dal D.P.G.R. 23 luglio 2012 nr. 5/R - Regolamento regionale del volontariato di protezione civile (Dott. Franco DE GIGLIO ).- Area 9 Fiume Riparia, nel tratto compreso tra Ponte Micellone e Ponte Vecchio. Dimostrazione in rete (Aperta al pubblico). Operazioni di salvataggio in acque mosse. Recupero equipaggio gommone rafting finito in acqua, recupero ferito e trasporto in sicurezza (uso barella galleggiante, recupero ferito barellato consegna ad ambulanza). Soccorso Alpino - Croce G.A. Protezione civile e Croce G.A. Sanità + Gruppo Sommozzatori di Protezione Civile. Operazioni di salvataggio in mediante unità cinofile da salvamento. + Gruppo Sommozzatori di Protezione Civile. Nucleo protezione civile ANPS unità cinofile da salvamento. Area 1 Teatro polivalente. Prof.ssa ALLASIO (Sindaco di Bussoleno), Dott. Felice FAVERO (Provincia di Torino) Dott. Franco DE GIGLIO (Regione Piemonte) Dott. Silvio MAGLIANO Presidente del Centro Servizi VSSP; chiusura lavori e consegna attestati di partecipazione. ore 13,30/15,00 pausa pranzo*(ristoranti convenzionati vedi pag 20) ore 15,30/18,00 Rimozione tendopoli e pulizia aree utilizzate durante il campo scuola. ore 18,00: Area 1 Interno Teatro Polivalente. Chiusura C.O.C. (Sindaco di Bussoleno) - termine esercitazione. Sarà funzionante il campo base allestito a cura delle associazioni partecipanti presso l Area 2 all esterno del Teatro Polivalente: ogni volontario dovrà dotarsi di brandina e sacco a pelo, ogni associazione dovrà munirsi di tende per i propri volontari. Verranno montate due tende collettive ad opera di TUTTE le associazioni che andranno smontate la domenica pomeriggio. A partire da giovedì alle 13 l area del Campo base dovrà sempre essere presidiata da due volontari a turno, per prevenire furti danneggiamenti dei materiali custoditi. Per quanto riguarda i pasti ci si potrà rivolgere alle strutture ricettive del luogo (pag 20). L aspetto logistico dovrà essere dettagliatamente programmato ed ogni associazione deve individuare un volontario che farà da collaboratore per la gestione logistica delle proprie risorse all interno della segretaria di campo. Oltre alla segreteria di campo sarà attiva la Centrale Operativa Mobile che sarà utilizzata anche per la gestione delle radio comunicazioni. 7

8 SCENARI PER PROGETTI DI LAVORO IN RETE Area 1 Teatro Polivalente via Walter Fontan/ponte Cambursano In questo sito verrà istituito il C.O.C. che sarà in funzione per tutta la durata dell esercitazione. All interno del teatro avverrà la formazione teorica del giovedì pomeriggio, venerdì pomeriggio/sera e della domenica mattina. Il venerdì mattina verrà presentata l attività alle forze dello Stato in favore delle scuole prima di iniziare il workshop con gli studenti. Al suo interno verrà allestita la postazione interattiva della Provincia durante il workshop ed un punto informativo della Regione Piemonte. La chiusura lavori e consegna attestati della domenica mattina. 8

9 Area 2 esterno Polivalente Campi base (allestimento tendopoli) e formazione teorica da giovedì a domenica. 9

10 AREA 3 Piazza Cavalieri Vittorio Veneto 1. Incontro con gli alunni degli Istituti Liceo Scientifico Norberto Rosa, Scuola Media Statale Enrico Fermi e Scuola Elementare Primaria con annessa area espositiva mezzi e attrezzature venerdì mattina dove si svolgeranno attività dimostrative (circa 450 alunni) Sulla Piazza verranno allestiti gli stand delle singole associazioni, quelli istituzionali di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato e Vigili del Fuoco, all interno del Teatro polivalente (AREA 1) quelli di Provincia di Torino e Regione Piemonte. Verranno allestite nr. 11 aree tematiche che ospiteranno mezzi ed attrezzature e momenti dimostrativi curati dalle associazioni, che saranno visitate degli allievi suddivisi per gruppi di classe di appartenenza. Ogni gruppo sosterà nell area tematica per 20 minuti. 10

11 A Area Palco 1. Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Bussoleno 2. Nucleo Protezione Civile Associazione Nazionale Polizia di Stato IVREA - Sezione Cinofili. 3. Area antincendio boschivo e manutenzioni ambientali (Aib S. Antonino, Aib Bussoleno Aib Vaie). 4. Gruppo Sommozzatori di Protezione Civile - Torino 5. Area Sanità Pubblica Assistenza Croce Giallo Azzurra 6. Area Logistica Ass.ne Pro.Ci.Vi.Cos - Torino 7. interventi in occasione eventi alluvionali (Aib Bussoleno Aib Sant Antonino). 8. Esposizione statica mezzi fuoristrada AFP Moncalieri 9. Area Istituzionale Protezione Civile Provincia di Torino e Protezione Civile Regione Piemonte. 10. Area Istituzionale 1 Forze dello Stato 11. Area Istituzionale 2 Forze dello Stato NOTA: in caso di forte maltempo la presentazione agli studenti verrà effettuata in maniera statica all interno del Liceo Norberto Rosa, nonché della palestra di Via Don Prinetto. PER TUTTA LA DURATA DEL CAMPO SCUOLA SARÀ ATTIVA LA SALA OPERATIVA MOBILE ALL INTERNO DELLA QUALE SARÀ PRESENTE UN ESPONENTE DI OGNI ASSOCIAZIONE 1. 1 ogni associazione deve garantire la presenza di un volontario all interno della sala operativa per tutta la durata del campo, per le attività di raccordo e coordinamento, soprattutto per le attività in rete. 11

12 Area 4 Base avanzata (Via Camposciutto); Basa Avanzata sabato mattina (per simulazione d intervento in caso d incendio boschivo con evacuazione area abitata). In quest area sarà allestita la sala operativa mobile avanzata dalla quale verranno coordinati uomini e i mezzi operativi all indirizzo degli scenari. 12

13 Area 5 Borgata Argiassera Operazioni A.I.B. in area d interfaccia urbano rurale, simulazione evacuazione popolazione a rischio (con disabile) e di salvataggio ferito durate operazioni antincendio. Associazioni partecipanti 10. In questo sito verranno effettuate le restanti attività in rete svolte dalle componenti di terra Aib, per antincendio boschivo in area d interfaccia urbano rurale, con prove di prevenzione antincendi. 13

14 Verrà anche simulato l infortunio di un volontario durante i lavori. L intervento avverrebbe per mezzo di altri volontari in area fortemente boscata con l utilizzo delle attrezzature forestali (Squadre Vaie e S.Antonino), intervento del soccorso alpino poiché in area montana in forte pendenza (barellamento con uso di attrezzature e tecniche di soccorso alpino) nonché trasporto dell infortunato in area raggiungibile con ambulanza fuoristrada e consegna alla PAS competente Croce G.A. 14

15 Area 6 Borgata montana Pinetti (Base Avanzata); Operazioni di ricerca persona dispersa in ambiente montano Associazioni partecipanti 10; In questa zona si terranno le operazioni coordinate dal gruppo Cinofilo e Soccorso Alpino che effettuerà una simulazione di ricerca di una persona dispersa. Con allestimento della base avanzata. (sabato pomeriggio) 15

16 Area 7 Zona montana Sagnette frazione Pian Cervetto: Esercitazione in rete di ricerca notturna di persona dispersa In questa zona si terranno le operazioni coordinate dal gruppo Cinofilo e Soccorso Alpino che effettuerà una simulazione di ricerca notturna di una persona dispersa in ambiente montano. Con allestimento della base avanzata. Sabato sera. 16

17 Area 8 Fiume Dora zona Ponte Micellone: Uso delle attrezzature forestali nelle attività di prevenzione nella lotta agli incendi boschivi e di protezione civile. Uso dei fuoristrada nelle attività di Protezione Civile giovedì pomeriggio 17

18 Area 9 Fiume Dora Riparia, nel tratto compreso tra Ponte Micellone e Ponte Vecchio Dimostrazione in rete. Operazioni di salvataggio in acque mosse; Dimostrazione lavoro in rete ad opera del Gruppo Sommozzatori di Protezione Civile, Soccorso Alpino Speleologico e Croce Giallo Azzurra per salvataggio in acque mosse. Domenica mattina 18

19 REGOLE BASE DEL CAMPO SCUOLA** 1. Ogni associazione provvederà a curare il proprio momento conoscitivo descrittivo/formativo in favore degli altri ospiti del campo. PARTICOLARE CURA dovrà essere riposta nelle attività in favore delle scolaresche il venerdì mattina. 2. I volontari dovranno adoperarsi per rispettare gli orari delle iniziative e, soprattutto, attenersi ai tempi assegnati per la propria attività in favore delle altre associazioni. 3. Ogni associazione individuerà un volontario che a turno sarà presente presso la sala operativa del campo per tutta la durata dell iniziativa, in modo da garantire sia il radiocollegamento tra tutte le associazioni sia l apporto dell associazione alle esigenze prospettate dalla segreteria (squadra manutenzioni, vigilanza, pulizia servizi igienici ecc.); 4. A partire dal giovedì mattina si procederà all allestimento della tendopoli e, una volta pronta, inizierà un servizio di vigilanza attiva e continuativa h 24, sia alla tendopoli che all adiacente parco mezzi, che prevede l impiego di nr. 2 volontari per turno. I turni, della durata di 2 ore, saranno indicati secondo i quadranti predisposti dalla Segreteria e tutte le associazioni dovranno concorrere a fornire i volontari addetti alla vigilanza. 5. I volontari, una volta terminata la propria dimostrazione pratica, dovranno necessariamente partecipare alle altre iniziative in programma ed organizzate dalle altre associazioni. 6. Per la fruizione dei pasti sono stati individuati 3 esercizi (pag 19), ubicati in altrettanti luoghi diversi del paese. Ogni esercizio dispone di 40 coperti. Ogni associazione dovrà mandare i propri volontari in ogni esercizio, a piccoli gruppi. Anche la composizione dei tavoli dovrà essere tale da consentire la maggiore integrazione tra volontari provenienti da associazioni diverse in modo da favorire l integrazione e lo scambio di esperienze. (Non vi è modo migliore di far rete che ragionare durante un momento conviviale). 7. Ogni associazione dispone di un massimo (teorico) di 70 pasti gratuiti complessivi. I buoni (da consegnare a cura del volontario al ristoratore prima della fruizione del pasto) verranno consegnati il giovedì sera al responsabile di ogni associazione, il quale provvederà alla consegna ai propri volontari. Ogni pasto eccedente i 70 forniti dal VSSP dovrà essere pagato dal volontario all esercente prima della fruizione. 8. L assegnazione del ristorante è ad opera della segreteria di campo ed ogni volontario dovrà attenervisi scrupolosamente, poiché vi sono differenze di prezzo tra un ristorante e l altro e, per motivi contabili, non si possono superare i budget assegnati ad ogni locale. 9. Per le colazioni sono stati individuati nr. 4 bar in Bussoleno. L elenco dei bar verrà comunicato dalla segreteria di campo, che provvederà a mandare i volontari a consumare la colazione in modo organizzato in gruppi omogenei in modo da distribuire i volontari tra tutti gli esercizi e non intasarne la normale attività. 10. Per comprensibili motivi organizzativi l assegnazione dei gruppi di volontari ai ristoranti ed ai bar è ad esclusivo appannaggio della segreteria di campo e, per i motivi sopra indicati, non può essere cambiata in modo arbitrario né dai volontari né dai responsabili di ogni associazione, poiché la programmazione consente sia di rispettare i tempi di fruizione dei pasti (come concordato con esercenti e ristoratori) sia di dare un immagine esterna di una Protezione Civile organizzata e fluida. 19

20 11. Poiché, sulla scorta di quanto accaduto nella precedente edizione, si rende necessario procedere all acquisto di derrate di acqua per i 4 giorni, dei prodotti per la pulizia dei servizi igienici e degli spogliatoi, nonché di altre spese vive che dovessero emergere in corso d opera, ogni associazione è tenuta a versare la somma di 50 alla segreteria di campo che provvederà all acquisto di quanto indicato. 12. I lavori sono riservati alle sole associazioni della commissione. Ogni soggetto esterno che voglia eventualmente assistere come spettatore alle fasi dimostrative, dovrà avere una condotta tale non causare intralcio e in condizioni di sicurezza. È prevista la partecipazione di volontari di associazioni di Protezione Civile del territorio ed afferenti al COM di Susa. Detti volontari potranno prendere parte a tutte le fasi formative teoriche da parte di ASSODIMA, Politecnico, Regione Piemonte e Provincia di Torino, nonché ad alcune fasi esercitative in qualità di osservatori, in modo coordinato con i referenti della commissione. Detti volontari potranno prendere parte, infine, unitamente agli altri volontari delle associazioni afferenti alla commissione, a tutte le attività di ricerca persona dispersa del sabato pomeriggio, in modo coordinato con i referenti della commissione. 13. Per il buon fine dell iniziativa è richiesto che i volontari partecipino a tutte e quattro le giornate e comunque che siano presenti ai lavori del venerdì sera, del sabato e della domenica. 14. Ogni volontario si adopererà per evitare che l impatto dell iniziativa sulla popolazione, possa causare inutile disturbo o possa creare momenti di frizione con la cittadinanza locale. 15. Al termine di ogni attività sugli scenari TUTTI I VOLONTARI (in modo organizzato dalla segreteria) si adopereranno per ripulire le aree da eventuali rifiuti abbandonati durante le attività dimostrative (sia da volontari che da visitatori e spettatori). 16. Gli unici referenti del campo scuola, deputati al coordinamento e alle decisioni in merito al regolare svolgimento dell iniziativa, sono i due facilitatori della commissione Protezione Civile, Stefano LERGO e Dino DE PASQUALE. 17. Ogni associazione indicherà un proprio responsabile, che si insedierà presso il C.O.C., con funzioni di coordinamento dei propri volontari, deputato ad interloquire con i facilitatori per il superamento di ogni difficoltà o problematica che dovesse emergere in corso d opera. ELENCO LOCALI CONVENZIONATI PER I PASTI Ristorante Al Museo, Via Mattie 13 Bussoleno tel Ristorante l Angolo di Totò Via Traforo 14 Bussoleno tel Osteria La Credenza via W. Fontan nr. 16 Bussoleno tel Rifugio Onelio Amprimo (Sabato sera a Cena) tel ELENCO BAR per la fruizione delle prime colazioni. Bar Ferrari P.ZA CAVALIERI VITTORIO VENETO nr. 1 Tel ; Bar Nazionale VIA TRAFORO nr. 60 Tel ; Gran Bar Via Walter Fontan nr. 67 Tel ; Bar Libreria La città del Sole Via Walter Fontan nr. 4 tel

ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI DI EMERGENZA SIMULATA: RISCHIO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE TORRE - ISONZO 2007

ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI DI EMERGENZA SIMULATA: RISCHIO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE TORRE - ISONZO 2007 Protezione civile della regione Comune di RUDA Distretto di Protezione Civile Destra Torre (Aiello, Campolongo, Ruda, S.Vito al Torre, Tapogliano,Villa Vicentina, Visco) ATTIVITA ESERCITATIVE IN IPOTESI

Dettagli

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi;

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi; Comune di Santa Lucia di Piave Provincia di Treviso Regione del Veneto Servizio Emergenza Radio 1 - T E M A Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012 Evento Sismico e intervento alluvionale.

Dettagli

provincia di mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova

provincia di mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova Modelli di intervento della C.M.P. C.M.P. interventi di tipo P interventi di tipo R e N Modello di intervento provinciale

Dettagli

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 Esercitazioni Provinciali 13 novembre 2010 Provincia ESERCITAZIONI PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO Scenari di rischio incendi boschivi

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rimini Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI INTERVENTO COORDINATO PER LA RICERCA DELLE PERSONE DISPERSE ----------------------- PREFETTURA DI RIMINI - PIANO PER LA RICERCA DI PERSONE DISPERSE EDIZIONE 2011 Pagina 1 INDICE 1. Premessa pag.3

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili:

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili: BOZZA DI TESTO C3.7 Ricerca persone scomparse Nelle operazioni di ricerca di persone scomparse nel territorio regionale, in ambito di pianura come pure nel territorio collinare e montano, ed in particolare

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO CON LA COLLABORAZIONE DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIALE MISERICORDIE LIVORNO CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D ITALIA CONFERENZA REGIONALE MISERICORDIE

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti.

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. A seguito della Convenzione Intercomunale dell 11 Giugno 2009,

Dettagli

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Luogo dell Evento: Parco degli Etruschi (compreso nell area tra via Gramsci, Cimitero Maggiore,

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA PROVINCIA DI COSENZA SCHEDA INFORMATIVA

RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA PROVINCIA DI COSENZA SCHEDA INFORMATIVA RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE NELLA PROVINCIA DI COSENZA SCHEDA INFORMATIVA ASSOCIAZIONE NAZIONALE LIBERA CACCIA SEGRETERIA PROVINCIALE RAPPORTO SULLO STATO DEL VOLONTARIATO

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

Anche i volontari di Protezione Civile di Magnago alla esercitazione

Anche i volontari di Protezione Civile di Magnago alla esercitazione Anche i volontari di Protezione Civile di Magnago alla esercitazione internazionale CODICE 3 Grande successo per la esercitazione internazionale di Protezione Civile "CODICE 3" organizzata dal Comune di

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile

Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile Provincia di Reggio Calabria Settore Ambiente e Territorio Servizio di Protezione Civile DRAFT 1 1 WORKSHOP ESPA Emergency Stress Psycological Assistance LE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE 18 IL VOLONTARIATO Il volontariato di Protezione Civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'italia negli ultimi 50 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del

Dettagli

L.E.D Lume Emergency Day

L.E.D Lume Emergency Day REGOLAMENTO L.E.D Lume Emergency Day Sabato 4 Luglio 2015 Lumezzane (Bs) Volontari Croce Bianca Lumezzane ONLUS Pagina 1 di 7 SOMMARIO CAP. 1 FINALITA DELLA MANIFESTAZIONE 3 Art. 1.1 Scopo della Manifestazione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

Incontro mensile dei volontari del gruppo comunale di Azzano Decimo. Ottobre 2013

Incontro mensile dei volontari del gruppo comunale di Azzano Decimo. Ottobre 2013 Incontro mensile dei volontari del gruppo comunale di Azzano Decimo Ottobre 2013 Agenda: - Servizio Trasporto sangue cordonale; - Attività effettuate; - Attività programmate; -Varie. Servizio trasporto

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

ESERCITAZIONE CONGIUNTA DI PROTEZIONE CIVILE

ESERCITAZIONE CONGIUNTA DI PROTEZIONE CIVILE ESERCITAZIONE CONGIUNTA DI PROTEZIONE CIVILE Data: 7 ottobre 2006 Luogo: presso il laghetto Biasuzzi Ora ritrovo: 08.00 Ora inizio attività: 09.00 Gruppi partecipanti: Associazione dei Volontari di Protezione

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

RADUNO DEL TERZO RAGGRUPPAMENTO ANNO 2014 VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA E TRENTINO ALTO ADIGE

RADUNO DEL TERZO RAGGRUPPAMENTO ANNO 2014 VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA E TRENTINO ALTO ADIGE A s s o c i a z i o n e N a z i o n a l e A l p i n i SEZIONE di VERONA Via Del Pontiere, 1-37121 VERONA Tel. 045 8002546 fax 045 8011141 e.mail: segreteria@pcanaverona.it NUCLEO CINOFILO SOCCORSO A.N.A.

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza. Con il patrocinio di

Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza. Con il patrocinio di Laboratorio di idee per conoscere e superare l Emergenza Con il patrocinio di Il 10 e 11 maggio 2014 l Autodromo Nazionale Monza ospiterà EMERlab,la manifestazione dedicata al mondo della Protezione Civile

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

Servizio Associato di Protezione Civile

Servizio Associato di Protezione Civile Comunità Montana Valli Orco e Soana Servizio Associato di Protezione Civile Guida operativa del Servizio Associato di Protezione Civile Presentazione Gli eventi alluvionali di Settembre 1993, di Ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 1 COMUNE DI USTICA Prov. di Palermo P R O T E Z I O N E C I V I L E REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 2 Indice Art.1 Finalità Art.2 Obiettivi Art.3 Modalità di adesione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti

ANTINCENDIO BOSCHIVO. Corso I Livello di Antincendio Boschivo. Relatrice: Maria Claudia Burlotti Corso I Livello di Antincendio Boschivo Relatrice: Maria Claudia Burlotti Organizza e coordina il servizio AIB attraverso la collaborazione con il CFS, VVF e gli Enti DIP. P.C. COAU ENTI (PROVINCE, COMUNITA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA in data 1 giugno 2006 con Prot. N DPC/VRE/000002 CORSO BASE PER OPERATORI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CALENDARIO CORREDATO DI PROGRAMMA 2015 Le lezioni si svolgono in orario serale dalle ore 20.0 alle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE ART. 1 COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE E FINALITA Il Gruppo Comunale di volontariato di Protezione Civile del Comune

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014 Nucleo di Volontariato e di Protezione Civile A.N.C. Provinciale di CASERTA Via Roma 194 81030 TEVEROLA (CE) TEL FAX 081-19243275 C.F. 90033010613 e-mail: nucleopc@anc-teverola.it Iscr. Albo Regionale

Dettagli

Protezione civile. Protezione civile a volontà! protezione civile. Abbiamo fatto la storia e adesso andiamo a pranzo!

Protezione civile. Protezione civile a volontà! protezione civile. Abbiamo fatto la storia e adesso andiamo a pranzo! Protezione civile a volontà! In questo ambito operano Associazioni che si dedicano ad attività di protezione del territorio per prevenire situazioni di rischio ambientale. Intervengono in caso di calamità

Dettagli

Settimana della Protezione Civile Comune di Reggio Calabria

Settimana della Protezione Civile Comune di Reggio Calabria Settimana della Protezione Civile Comune di Reggio Calabria Dal 04 al 11 ottobre 2009 c/o Salone delle Piramidi Palazzo Ce.Dir. 890 Reggio Calabria tel.: 0965/362500 FAX: 0965/8717 PROGRAMMA SETTIMANA

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti WINTER Template D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE Adempimenti PROGRAMMA 1. Normativa 2. Scenari di Protezione Civile WINTER Template 3. Formazione, informazione e addestramento 4. DPI dotazione e formazione,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI MEZZI DELLA CENTRALE OPERATIVA 118 PRESSO IL COMANDO DI FORLI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

Ali Verdi a Torino 2007 30 giugno 1 luglio 2007, Campo volo Collegno

Ali Verdi a Torino 2007 30 giugno 1 luglio 2007, Campo volo Collegno Aero Club Torino - Anpas - Croce Verde Torino Protezione Civile Idea Solidale presentano Ali Verdi a Torino 2007 30 giugno 1 luglio 2007, Campo volo Collegno Una giornata in aeroporto per festeggiare il

Dettagli

A LEZIONE SUL TETTO VERDE DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA 2^ EDIZIONE Anno scolastico 2008/2009

A LEZIONE SUL TETTO VERDE DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA 2^ EDIZIONE Anno scolastico 2008/2009 Provincia di Forlì-Cesena Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna Corpo Forestale dello Stato Bando di accesso ai CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI A LEZIONE SUL TETTO VERDE

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI VERONELLA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra

Il Volontariato di Protezione Civile Italiano. Massimo La Pietra Il Volontariato di Protezione Civile Italiano Massimo La Pietra Il volontariato si sviluppa in Italia tra gli anni 70 e 80 come esigenza dei cittadini di contribuire alla costruzione del bene comune impegnando

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LANDRA ENRICO Indirizzo 1BIS TETTO BATTISTA MASSA, 12018 ROCCAVIONE (CN), ITALIA Telefono 0171 767108 Fax

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA COMUNE di PORTO MANTOVANO REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del 2 Art. 1 - Finalità La Commissione Mensa ha la finalità di favorire la partecipazione,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AZIENDA U.L.S.S. 16 DI PADOVA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 Oggetto: nota informativa di sintesi

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE COMUNE DI CARPI (Provincia di Modena) REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 171 del 24/11/2011 Dichiarata immediatamente

Dettagli

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO GRUPPO VOLONTARI DELLA PROTEZIONE CIVILE INDICE: ARTICOLO 1: ARTICOLO 2: ARTICOLO 3: ARTICOLO 4: ARTICOLO 5: ARTICOLO 6: ARTICOLO 7 : ARTICOLO

Dettagli

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova 1 PROTEZIONE CIVILE Insieme coordinato delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati da

Dettagli

EVENTO N. 2 INCENDIO BOSCHIVO GRUPPO AZZURRO

EVENTO N. 2 INCENDIO BOSCHIVO GRUPPO AZZURRO EVENTO N. 2 INCENDIO BOSCHIVO GRUPPO AZZURRO Maestre Alunni Ass/ne di Volontariato Strutture Operative chiamate a intervenire Regione Toscana Corpo Forestale dello Stato Provincia Mezzi impiegati elicottero

Dettagli

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Istituto di Vigilanza Privata Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Servizi di vigilanza e sorveglianza Professionalità e sicurezza Servizio di Vigilanza Fissa Pattugliamento

Dettagli

info@federdima.org Contatti ed adesioni: SITO UFFICIALE: WWW. FEDERDIMA.ORG Ufficio Scolastico Regionale Dipartimento Regionale

info@federdima.org Contatti ed adesioni: SITO UFFICIALE: WWW. FEDERDIMA.ORG Ufficio Scolastico Regionale Dipartimento Regionale Federazione Nazionale Disaster Manager Comune di Scaletta Zanclea Comune di Antillo Comune di Itala Dipartimento Regionale di Protezione Civile Ufficio Scolastico Regionale Associazione Italiana Formatori

Dettagli

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como 1 PREMESSO: - che la sicurezza è percepita dai cittadini come un diritto primario e una componente indispensabile della qualità della vita e che vi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Como Via A. Volta 62, 29.03.2012. Commissione Protezione Civile dell Ordine degli ingegneri di Como

Como Via A. Volta 62, 29.03.2012. Commissione Protezione Civile dell Ordine degli ingegneri di Como Como Via A. Volta 62, 29.03.2012 SERATA FORMATIVA SUL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE ESPERIENZA: Preparazione all emergenza Esperienza Preparazione all emergenza: il volontario in una Organizzazione Locale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI DELEBIO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Allegato alla deliberazione consiliare n. 24 del 07.10.2010 Il Segretario Comunale Art. 1 E costituito presso

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE 2^ SESSIONE Settore Gestione Viabilità e Protezione Civile Servizio Protezione Civile ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE Programma-calendario del corso di base per volontari di Associazioni e Gruppi

Dettagli

COMUNE DI VILLAPUTZU

COMUNE DI VILLAPUTZU COMUNE DI VILLAPUTZU PROVINCIA DI CAGLIARI BOZZA PIANO SPEDITIVO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE ANNO 2014 Allegato C CODICI IDENTIFICATIVI ASSOCIATI AL PIANO SPEDITIVO Coordinamento e progettazione:

Dettagli

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV D.Lgs 81/08 e s.m. e integrazioni Il decreto ha lo scopo di riorganizzare la

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE A CIGLIANO

LA PROTEZIONE CIVILE A CIGLIANO LA PROTEZIONE CIVILE A CIGLIANO 1 PROGRAMMI E CONSUNTIVI 2002 APPROVATO REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DEL VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE ( previsto dalla legge 41 del 1986) 2003 avviato lo studio sui

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE. PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010)

CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE. PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010) CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010) Per quanto attiene gli adempimenti di cui all'articolo

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

la cittadella della Protezione Civile

la cittadella della Protezione Civile 34 edizione Riccione 24-25-26 settembre 2015 Palazzo dei Congressi la cittadella della Protezione Civile Premessa La Polizia Locale è parte del sistema di Protezione Civile e spesso di due servizi istituzionali

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Multimediale e Informatico

Multimediale e Informatico M.I.U.R. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto d Istruzione Superiore U.Midossi Via F. Petrarca s.n.c. 01033 Civita Castellana (VT)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - COSTITUZIONE GRUPPO E' costituito il Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile del Comune di Castelleone denominato CASTRUM

Dettagli

Una rete per la protezione civile

Una rete per la protezione civile Una rete per la protezione civile Sedi d attuazione del progetto: Ente presso il quale si realizza il progetto ed a cui indirizzare le domande SPES- Promozione e Solidarietà La Benemerita ANC CEPRANO Comune

Dettagli

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA COMITATO PER IL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LODI "Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile (SSPC) come conforme alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione consiliare n. 11 del 23-02-2007 SOMMARIO ART. 1 - Costituzione e denominazione

Dettagli

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi:

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi: Comunità dell Isolotto Firenze, Domenica 13 Maggio 2012 (Elena, Gian Paolo, Giulia, Maria, Roberto, Sergio) Letture bibliche: Isaia 1, 1-9; 3, 13-26; 5, 1-7; 24, 1-3. La protezione civile Aspetti essenziali

Dettagli