Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto"

Transcript

1 Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto

2 Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del

3 LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della rc auto in Italia. Il comportamento scorretto e illegale di coloro che frodano le assicurazioni crea un grande vulnus soprattutto agli automobilisti onesti e corretti, oltre ad essere giuridicamente e moralmente censurabile. Spesso l azione viene giustificata dai comportamenti non corretti tenuti, a loro volta, dalle assicurazioni. In ordine a questa complessa problematica c è da registrare, almeno finora, lo scarso impegno delle compagnie assicurative nel combattere i comportamenti fraudolenti; le imprese hanno preferito scaricare il costo notevole delle frodi sulle tariffe, a tutto discapito degli assicurati onesti. NUOVE NORMATIVE Come si sa, a partire dalla fine del 2012, il settore delle assicurazioni e, in particolare, la rc auto, è stato interessato da importanti interventi normativi che hanno apportato grandi cambiamenti, anche in materia di lotta alle frodi. Prima di tutto facciamo menzione degli artt. 30 e 31 del decreto legge 24 gennaio 2012, n.1. L art. 30 prevede che le compagnie di assicurazione inviino all IVASS, con cadenza annuale ed in base alle specifiche tecniche stabilite dallo stesso IVASS, una relazione sull andamento del fenomeno delle frodi. In questa relazione dovranno anche essere contenute le misure che le compagnie intendono adottare per contrastare i comportamenti fraudolenti ed una stima dellariduzione degli oneri per i sinistri conseguente agli impegni presi dalle imprese nella lotta alle frodi.

4 E importante sottolineare che le informazioni relative alla possibile riduzione del costo dei sinistri vanno inserite nella relazione da inviare all IVASS o nella nota integrativa al bilancio annuale e sui siti internet delle compagnie. Dunque è bene sapere che ciò che viene fatto dalle imprese per contrastare il comportamento criminale di chi froda le assicurazioni deve essere portato alla conoscenza dell opinione pubblica attraverso i canali di comunicazione stabiliti. A questo proposito i siti internet delle compagnie sono uno strumento alla portata di gran parte della popolazione. L art. 31 del decreto in esame prevede un altro strumento importante per combattere i comportamenti fraudolenti: stiamo parlando della dematerializzazione progressiva dei contrassegni di assicurazione; a questo proposito, nell agosto 2013, è stato emanato un decreto del Ministero dello sviluppo economico che attua quanto disposto nell art. 31 del decreto n. 1 del In pratica, progressivamente ed entro l ottobre del 2015, non avremo più il tagliandino cartaceo sul parabrezza della nostra automobile. I controlli sull effettiva copertura saranno effettuati dalle forze dell ordine in via telematica. In pratica gli agenti svolgeranno la verifica collegandosi a banche dati elettroniche; l art. 31 prevede anche la possibilità di accertare che un auto sia assicurata attraverso i dispositivi di monitoraggio del traffico come, ad esempio, gli occhi elettronici che presidiano i varchi di accesso alle zone a traffico limitato o il TUTOR autostradale o il TELEPASS. Il controllo effettuato attraverso questa modalità dovrà comunque garantire la riservatezza di coloro che vengono controllati; c è da dire che in un primo momento si era stabilito che le verifiche effettuate tramite i dispositivi in questione sarebbero partite dal 15 febbraio 2014, ma, a quanto pare, dovremo ancora aspettare e le auto con assicurazione fantasma o mancante (circa 3,5 milioni) continueranno a girare (quasi) indisturbate! Nel momento in cui si potrà contare su questa modalità di verifica sarà comunque più difficile farla franca. Consideriamo, però, che con l eliminazione dei contrassegni cartacei dovrebbe sparire la truffa dei tagliandi contraffatti: se oggi si esibisce un finto cedolino e si può sperare di essere considerato coperto, dal momento in cui gli accertamenti saranno eseguiti telematicamente non si potrà più sfuggire.

5 E IMPORTANTE SAPERE CHE... Il contrasto alle frodi avviene anche per mezzo di importanti elenchi e banche dati telematiche (e delle conseguenti attività di indagine) di cui ora parliamo. Il primo database al quale facciamo riferimento è l archivio informatico integrato di cui si serve l IVASS per condurre la sua attività: è previsto dall art. 21 del decreto-legge 179 del 2012 ed è la risultante di una connessione tra le varie banche dati in materia di auto esistenti in Italia: solo per citarne alcune ricordiamo banca dati sinistri, anagrafe testimoni, anagrafe danneggiati, Pubblico Registro Automobilistico, banca dati degli attestati di rischio, archivio nazionale abilitati alla guida. L IVASS, tramite le informazioni che ricava dall archivio informatico integrato, esercita le seguenti attività: - analizza i casi di sospetta frode al fine di creare un sistema di allerta; - richiede alle compagnie tutte le informazioni necessarie; - segnala alle compagnie e alle autorità giudiziarie i profili di anomalia e le invita ad inviare le informazioni relative alle indagini avviate; - fornisce alle compagnie e alle autorità giudiziarie le necessarie informazioni al fine di contribuire a perseguire penalmente i comportamenti fraudolenti. Infine, e questa è forse l attività che maggiormente si riflette più direttamente sui consumatori e sull opinione pubblica in quanto da essi maggiormente fruibile, l IVASS stila una relazione annuale sull attività svolta e formula i criteri e le valutazioni sulle imprese in relazione alla loro attività per il contrasto delle frodi; l IVASS rende pubblici i risultati di tali valutazioni.

6 LA SCATOLA NERA Finita la disamina sulle attività antifrode a carico dell IVASS e delle compagnie, è il momento di parlare dell ormai famosa scatola nera, non molto ben vista dalle stesse compagnie. Questo strumento, installato sui veicoli, registra tutte le attività, le accelerazioni, le frenate e la velocità della nostra auto e dovrebbe consentire, dunque, in caso di sinistro, di svelarci come realmente sono andate le cose. Qual è, quindi, l utilità antifrode di questo strumento? Di sicuro questo oggetto ci permette di ricostruire l esatta dinamica dell incidente, non lasciando così spazio ad eventuali comportamenti truffaldini nei confronti delle compagnie e non permettendo più ai criminali di professione di denunciare un sinistro fantasma. In parallelo, non permetterà più alle compagnie ci decidere per il concorso di colpa nei sinistri non ben definiti. Così, con la scatola nera, dovrebbero scendere i costi dei risarcimenti e le imprese non dovrebbero più far fronte ai costi dei falsi incidenti. Nonostante tutto ciò l introduzione della scatola nera ad opera della recente legislazione in materia di rc auto sta portando con sé numerose polemiche e perplessità non soltanto legate al problema della tutela della privacy, ma anche connesse con i doveri delle compagnie di assicurazione; in particolare, la normativa (il decreto legge n. 1 del 2012) che disciplina la scatola nera non è chiara riguardo all obbligo o meno delle compagnie di offrire il preventivo con la black box ; ciò permette ancora diverse interpretazioni in materia, con le assicurazioni che sostengono che non ci sia obbligo e l IVASS che invece ritiene di sì. L ANIA ha addirittura proposto un ricorso al TAR del Lazio contro l obbligo, ma il Tribunale ha respinto il ricorso; l art. 8 del decreto Destinazione Italia, ormai stralciato, aveva trasformato l obbligo in facoltà ed aveva però quantificato gli sconti da praticare, che non avrebbero dovuto essere inferiori al 7%. In ogni caso, se il contraente richiede la polizza con la black box, le imprese sono in questo caso con certezza obbligate, sempre in base al decreto 1/2012, a praticare sconti significativi sulla tariffa. Consideriamo che, sebbene la scatola nera possa essere un buono strumento per la lotta alle frodi, riguardo ad essa sembra esserci molta confusione, soprattutto a livello normativo, a causa dei contrastanti interessi che la sua introduzione tocca.

7 INCIDENTI CON AUTO PIRATA O FANTASMA Uno degli eventi fraudolenti più dannosi soprattutto per gli automobilisti corretti è l incidente causato da un veicolo non identificato (cosiddetto pirata ), non assicurato o con assicurazione fantasma. In questo caso è comunque possibile ottenere un risarcimento attraverso il Fondo di Garanzia per le vittime della strada, istituito presso la CONSAP, la concessionaria di servizi assicurativi pubblici. Vediamo cosa bisogna fare nel caso in cui subiamo un incidente con un veicolo pirata o fantasma. Prima di tutto occorre verificare la data di scadenza dell eventuale copertura assicurativa dell auto responsabile: - se la polizza è scaduta da meno di 15 giorni si potrà ricorrere al normale procedimento per ottenere il risarcimento; - se l assicurazione è scaduta da più di 15 giorni o manca del tutto bisognerà chiamare le forze dell ordine. Una volta che sarà stata stabilita la responsabilità del sinistro, la parte lesa richiederà il risarcimento al Fondo per le vittime della strada inviando una raccomandata oppure per via telematica al Fondo e all impresa convenzionata con la CONSAP, che risarcirà il danno. L elenco delle compagnie convenzionate si trova sul sito Il danno può essere rifuso nel caso in cui si abbia un incidente con le seguenti tipologie di veicolo: - Veicolo non assicurato - Non identificato - Assicurato con una compagnia in stato di liquidazione coatta amministrativa - Assicurato, ma posto in circolazione contro la volontà del proprietario - Straniero con targa non corrispondente al veicolo Infine, è importante dire che l impresa designata liquiderà il danno secondo i massimali di legge, che sono, a partire dal 12 giugno 2012, di euro per i danni alla persona e di euro per i danni alle cose.

8 CONCLUSIONI A conclusione di questa piccola guida sulla lotta alle frodi possiamo dire che il contrasto duro a questi comportamenti criminali avvantaggia prima di tutto gli automobilisti corretti ed onesti che pagano regolarmente le tariffe assicurative spesso salatissime, non fanno incidenti e sono ligi alla guida del loro veicolo. E importante prendere coscienza del fatto che tutti gli attori coinvolti nel settore della rc auto possono e devono impegnarsi nella lotta al fenomeno fraudolento. Prima di tutto le compagnie assicurative, che devono sentirsi maggiormente coinvolte ed adottare una vera strategia di lotta invece di corrispondere immediatamente, anche in casi poco chiari, i risarcimenti i cui costi poi vengono fatti ricadere sui consumatori. A tale proposito pensiamo al fatto che il Codice delle Assicurazioni (art. 148, comma 2-bis), nella disciplina del risarcimento, stabilisce che le compagnie, se consultando la banca dati sinistri riscontrano almeno 2 parametri di significatività ossia elementi che generano sospetto di frode possono decidere di non formulare alcuna proposta di risarcimento motivando tale decisione con la necessità di effettuare ulteriori indagini. Anche il singolo automobilista, con il suo comportamento corretto, può fare moltissimo per sconfiggere le frodi.

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

ADDIO TAGLIANDO DI CARTA

ADDIO TAGLIANDO DI CARTA RC AUTO Dal 18 ottobre non si dovrà più esporre sul parabrezza della propria auto il contrassegno assicurativo. Il controllo della copertura assicurativa verrà effettuato dalle Forze dell'ordine attraverso

Dettagli

Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti

Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti Nei giorni scorsi il governo ha approvato in consiglio dei ministri il testo del decreto legge relativo alle liberalizzazioni

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

L assicurazione auto

L assicurazione auto L assicurazione auto Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE AUTO 2014-2015 Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sul danno biologico e danni a cose Incidenza dei sinistri con danni alla

Dettagli

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta Consap e l R.C. Auto: il Risarcimento Diretto e la Stanza di compensazione Paolo Panarelli Direttore Generale

Dettagli

Profili economici della riforma dell RC Auto

Profili economici della riforma dell RC Auto PROSPETTIVE EVOLUTIVE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI RC AUTO Per una riforma equilibrata a beneficio della collettività SENATO 30 gennaio 2014 Profili economici della riforma dell RC Auto Vittorio Verdone

Dettagli

Polizze RC Auto abbinate a scatole nere A che punto siamo?

Polizze RC Auto abbinate a scatole nere A che punto siamo? A che punto siamo? Flavio Fidani Consiglio Nazionale degli Attuari Roma, 7 giugno 2013 Agenda Definizione e Finalità Iter normativo Stato dell arte Prossimi passi Prodotti Black Box sul mercato italiano

Dettagli

XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533

XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533 SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533 Conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori

Dettagli

ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 2012, 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE

ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 2012, 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE (Testo approvato in via definitiva dalla Camera

Dettagli

1) Risarcimento Diretto

1) Risarcimento Diretto 1) Risarcimento Diretto Cos'è È la nuova procedura di rimborso assicurativo, in vigore dal 1 febbraio 2007, che in caso di incidente stradale ti consente di ottenere il risarcimento direttamente dalla

Dettagli

Le principali novità legislative in materia R.C. Auto e l'attività di regolamentazione: il ruolo dell'ivass

Le principali novità legislative in materia R.C. Auto e l'attività di regolamentazione: il ruolo dell'ivass Le principali novità legislative in materia R.C. Auto e l'attività di regolamentazione: il ruolo dell'ivass Massimo Francescangeli IVASS Centro Studi Nazionale Cinzia Dabrassi LA RESPONSABILITÀ CIVILE

Dettagli

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa dei Deputati. LAVAGNO e PAGLIA

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa dei Deputati. LAVAGNO e PAGLIA XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Deputati LAVAGNO e PAGLIA Introduzione dell articolo135-bis del Codice delle assicurazioni private, recante istituzione della Banca

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 8 15/07/2015 19:33 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 11 maggio 2015, n. 108 Regolamento recante l'istituzione dell'archivio informatico integrato, di cui si avvale l'istituto per la vigilanza

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 9 agosto 2013, n. 110 Regolamento recante norme per la progressiva dematerializzazione dei contrassegni di assicurazione per la responsabilità civile verso i

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

Il Perito assicurativo

Il Perito assicurativo Il Perito assicurativo Professionista che accerta e stima i danni derivanti da furti, incidenti e incendi. Il Profilo professionale Il ruolo nazionale dei periti assicurativi istituito dalla Legge 166/92

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4791 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBATO, SOGLIA, STRIZZOLO, VESSA, GRANATA, TABACCI, OCCHIUTO, GIULIETTI, CATONE, VICO, PALAGIANO,

Dettagli

Incidente con auto non assicurata: cosa fare? Giovedì 28 Giugno 2012 20:20

Incidente con auto non assicurata: cosa fare? Giovedì 28 Giugno 2012 20:20 In Italia circolano circa quattro milioni di vetture senza polizza assicurativa (cioè l'8% del parco auto circolante nel Bel Paese). Questo significa che, se si rimane coinvolti in un incidente stradale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico 1 VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle assicurazioni private ed in particolare l articolo 132, recante Obbligo a contrarre;

Dettagli

CIRCOLARE N 2/2015 DEMATERIALIZZAZIONE ATTESTATI DI RISCHIO

CIRCOLARE N 2/2015 DEMATERIALIZZAZIONE ATTESTATI DI RISCHIO Milano 3 giugno 2015 CIRCOLARE N 2/2015 DEMATERIALIZZAZIONE ATTESTATI DI RISCHIO L IVASS ha emanato il Regolamento n. 9 del 19 maggio 2015 che fissa le regole per la dematerializzazione dell attestato

Dettagli

Mini Guida. Le assicurazioni online

Mini Guida. Le assicurazioni online Mini Guida Le assicurazioni online Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE ASSICURAZIONI ONLINE In questa guida parleremo delle assicurazioni auto online, le più diffuse

Dettagli

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA CIRCOLARE 11/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H!

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H! PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H! Percorso formativo su Semplificazione e nuovo Codice dell Amministrazione Digitale H - 4 - FSE - 2012-1! poco tempo per

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005 La Fondazione Ania per la sicurezza stradale La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale nasce nel 2004 per volontà delle Compagnie di assicurazione, al fine di contribuire all impegno assunto da tutti

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO. Antonio Rosario De Pascalis Maria Stella Magrini Massimo Amato

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO. Antonio Rosario De Pascalis Maria Stella Magrini Massimo Amato LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO Antonio Rosario De Pascalis Maria Stella Magrini Massimo Amato 24 aprile 2015 Il nuovo Regolamento sancisce il passaggio alla c.d. «dematerializzazione

Dettagli

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento INDICE 03 04 05 06 07 08 Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento Come e quando disdire la polizza rca Esempio di disdetta

Dettagli

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C.

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015 Annulla / Sostituisce: Oggetto: Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. Auto Emittente: BROKER Destinatari: A tutti

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria

S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria Art. 1 Responsabilità per danni da attività sanitaria 1. Le aziende

Dettagli

primo piano assicurazioni

primo piano assicurazioni primo piano assicurazioni Banditi alla guida 14 Quello degli automobilisti che circolano senza copertura Rc Auto è un fenomeno sempre più preoccupante. Finalmente una legge permette alle forze dell ordine

Dettagli

Modulo di Denuncia RCT - Responsabilità civile verso terzi

Modulo di Denuncia RCT - Responsabilità civile verso terzi LA INVITIAMO A RISPONDERE A TUTTE LE DOMANDE E A RESTITUIRE IL MODULO ALL'INDIRIZZO INDICATO. COMPILI IN STAMPATELLO E CON INCHIOSTRO NERO. LA COMPILAZIONE ERRATA O PARZIALE DEL MODULO POTREBBE RITARDARE

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012 CIRCOLARE 43/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

NEWSLETTER PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO LA VICENDA

NEWSLETTER PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO LA VICENDA PARITA UOMO E DONNA: LA COMMISSIONE EUROPEA FORNISCE INDICAZIONI AL SETTORE ASSICURATIVO 1 La stampa internazionale e i media hanno dato, negli scorsi mesi, un grande eco alla decisione della Corte di

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

Prevenzione del furto di identità, delle frodi nel credito al consumo, nei pagamenti dilazionati o differiti e nel comparto assicurativo

Prevenzione del furto di identità, delle frodi nel credito al consumo, nei pagamenti dilazionati o differiti e nel comparto assicurativo Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ufficio Centrale Antifrode dei Mezzi di Pagamento - UCAMP Prevenzione del furto di identità, delle frodi nel credito al consumo, nei pagamenti

Dettagli

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato GIAMPAOLO CRENCA Presidente Consiglio Nazionale Attuari Principal Actuary Crenca &

Dettagli

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Oggetto: Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 - art. 1, commi

Dettagli

www.plinforma.com la rivista on line gratuita della polizia locale

www.plinforma.com la rivista on line gratuita della polizia locale www.plinforma.com la rivista on line gratuita della polizia locale SEGRETERIA PROVINCIALE LUCCA www.plinforma.com LUCCA auditorium S. Girolamo MERCOLEDI 30 GENNAIO 2013 GIORNATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Dettagli

Commissione 10 del Senato della Repubblica (Industria, Commercio, Turismo)

Commissione 10 del Senato della Repubblica (Industria, Commercio, Turismo) Commissione 10 del Senato della Repubblica (Industria, Commercio, Turismo) Indagine conoscitiva sul disegno di legge n. 3110 di conversione del decreto-legge in materia di liberalizzazioni Audizione del

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori Focus su sinistri, frodi e contenzioso r.c. auto I prezzi delle polizze r.c.a. e la normativa mancata La raccolta totale premi 2013 per canale distributivo Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

CIG Comitato Italiano Gas

CIG Comitato Italiano Gas Contratta dallo Spett.le CIG Comitato Italiano Gas codice fiscale n. 80067510158 20122 MILANO Via Larga 2 decorrenza h 0:00 01/01/2014 scadenza h 24:00 31/12/2016 frazionamento annuale scadenza 1 rata

Dettagli

SISTRI Aggiornamento sul Sistema di tracciabilità dei rifiuti LE NEWS. Tempi di consegna dei dispositivi elettronici

SISTRI Aggiornamento sul Sistema di tracciabilità dei rifiuti LE NEWS. Tempi di consegna dei dispositivi elettronici SISTRI Aggiornamento sul Sistema di tracciabilità dei rifiuti LE NEWS Firenze 8 giugno 2010 Confindustria Firenze Area ASEQ 1 Comunicazione pagamento contributi E stato riscontrato che molti operatori

Dettagli

PROGETTO: sicurezza nel trasporto pesante e controllo satellitare

PROGETTO: sicurezza nel trasporto pesante e controllo satellitare PROGETTO: sicurezza nel trasporto pesante e controllo satellitare PRESENTAZIONE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è nata per contribuire all impegno assunto da tutti i Paesi europei di ridurre

Dettagli

Reliable. 10 years. Senato Della Repubblica 10 Commissione (industria, commercio, turismo)

Reliable. 10 years. Senato Della Repubblica 10 Commissione (industria, commercio, turismo) Reliable. 10 years Senato Della Repubblica 10 Commissione (industria, commercio, turismo) Audizione dell Amministratore Delegato di Octo Telematics Spa Fabio Sbianchi Roma, 17/07/2012 www.octotelematics.com

Dettagli

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto Art. 8 Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, recante il Codice delle assicurazioni private, sono apportate le

Dettagli

L'ASSICURAZIONE SULLA R.C. AUTO

L'ASSICURAZIONE SULLA R.C. AUTO MARCELLO PSARO L'ASSICURAZIONE SULLA R.C. AUTO CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2003 INDICE - SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni Pag. XI Parte prima DELL'OBBLIGO DELL'ASSICURAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE Fonte Ania RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE COSA E IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente

Dettagli

Identità e PEC nella prassi della PA

Identità e PEC nella prassi della PA 1/20 SDA BOCCONI Document Management Academy 2011 Identità e PEC nella prassi della PA Dott. Filippo Caravati La Posta Elettronica Certificata 2/20 La posta elettronica è uno strumento di comunicazione

Dettagli

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765 Prato, 27 Gennaio 2011 ALLA SPETTABILE CLIENTELA CIRCOLARE OGGETTO DECRETO LIBERALIZZAZIONI Il decreto Cresci Italia punta alla crescita eliminando (in parte) vincoli e privilegi, introducendo massicce

Dettagli

i dossier ARIDATECE BERSANI! Sulle liberalizzazioni solito Renzi: tanti slogan, pochi contenuti www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier ARIDATECE BERSANI! Sulle liberalizzazioni solito Renzi: tanti slogan, pochi contenuti www.freefoundation.com www.freenewsonline. 998 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ARIDATECE BERSANI! Sulle liberalizzazioni solito Renzi: tanti slogan, pochi contenuti 27 febbraio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Colf e badanti: controlli imminenti

Colf e badanti: controlli imminenti CIRCOLARE A.F. N. 10 del 25 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Colf e badanti: controlli imminenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l Agenzia delle Entrate si è attivata

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi ATTIVITA DI RICERCA 2013 2014 Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Le frodi nel settore assicurativo rappresentano un fenomeno che sta assumendo

Dettagli

Rc Auto: aumento dei limiti minimi di copertura assicurativa obbligatoria Decreto legislativo 06.11.2007 n. 198, G.U. 09.11.2007

Rc Auto: aumento dei limiti minimi di copertura assicurativa obbligatoria Decreto legislativo 06.11.2007 n. 198, G.U. 09.11.2007 Rc Auto: aumento dei limiti minimi di copertura assicurativa obbligatoria Decreto legislativo 06.11.2007 n. 198, G.U. 09.11.2007 Innalzata la misura dei limiti minimi di copertura assicurativa obbligatoria

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Allianz Bonus Drive. L unica RC Auto che rende più sicura la tua guida. E ti fa risparmiare

Allianz Bonus Drive. L unica RC Auto che rende più sicura la tua guida. E ti fa risparmiare Allianz Bonus Drive L unica RC Auto che rende più sicura la tua guida. E ti fa risparmiare Innovativo sistema telematico Allianz Box Risparmi fino al 30% rispetto alla Bonus Malus Allianz Guarda il video

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 73 di Reg. Data 10/8/2015 OGGETTO: Gestione sinistri stradali. Integrazione deliberazione Giunta Comunale n. 64 del 25.6.2015.

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione sulla filiera dell automotive in Italia a seguito della grande crisi del gruppo Volkswagen presso la X Commissione (Attività produttive, commercio e turismo) della

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 159

Dettagli

21-12-000503 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c. auto LORO SEDI

21-12-000503 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c. auto LORO SEDI SERVIZIO ISPETTORATO E ANTIFRODE SEZIONE ANTIFRODE E BANCA DATI SINISTRI Roma 14 settembre 2012 Prot. n. All.ti n. 21-12-000503 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

Il contributo Il comma 150 della Legge di Stabilità autorizza la spesa di 250 milioni di euro annui a decorrere dall'anno. Premessa.

Il contributo Il comma 150 della Legge di Stabilità autorizza la spesa di 250 milioni di euro annui a decorrere dall'anno. Premessa. 2 di 9 23/01/2015 11.02 LINK UTILI Carrelli usati Jungheinrich "I Magazzini Automatici" GRATIS Sommario Premessa Il contributo L eliminazione della scheda di trasporto Superamento dei costi minimi di esercizio

Dettagli

4^ Giornata della Trasparenza. Il Pubblico Registro Automobilistico (PRA) a cura della Direzione Servizi Delegati

4^ Giornata della Trasparenza. Il Pubblico Registro Automobilistico (PRA) a cura della Direzione Servizi Delegati 4^ Giornata della Trasparenza Il Pubblico Registro Automobilistico (PRA) a cura della Direzione Servizi Delegati 1 Un sistema, tante sfaccettature 2 2 EFFICIENZA SICUREZZA TUTELA GARANZIA SOCIALE AMBIENTE

Dettagli

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 Modalità di diniego o revoca dell autorizzazione ad effettuare operazioni intracomunitarie ai sensi del comma 7-bis dell articolo 35 del D.P.R. n. 633

Dettagli

Vendere Rc Auto allo sportello bancario. Milano, 29 marzo 2012

Vendere Rc Auto allo sportello bancario. Milano, 29 marzo 2012 Vendere Rc Auto allo sportello bancario Milano, 29 marzo 2012 Negli ultimi 15 anni ci si è spesso interrogati SE vendere la RC Auto in Banca avrebbe comportato vantaggi competitivi o piuttosto l insorgere

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale.

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale. Di seguito sono riportate le risposte relative a quesiti pervenuti circa i seguenti aspetti del servizio: caratteristiche generali; funzionamento; attivazione; gestori; Indice PA. 1. Introduzione Che cos'è?

Dettagli

Appalti pubblici e legalità: la formula della corruzione

Appalti pubblici e legalità: la formula della corruzione PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Appalti pubblici

Dettagli

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Si chiude il capitolo, dopo sette anni dalla sua emanazione, della legge 675 sulla privacy. Questa viene sostituita da un testo di legge unico

Dettagli

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO (Adottato con DEC. n. 470/2010 - Modificato ed integrato con DEC. n. 24/2011) INDICE Art. n. 1 Oggetto

Dettagli

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo.

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. CLASS ACTION Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. La class action, regolamentata dall art. 140 bis del codice

Dettagli

L impatto delle novità normative sugli aspetti organizzativi delle Compagnie

L impatto delle novità normative sugli aspetti organizzativi delle Compagnie L impatto delle novità normative sugli aspetti organizzativi delle Compagnie Milano, 29 Marzo 2012 Copyright by IAMA Consulting Srl, Milano (2012) All rights of translation, reproduction and adaptation

Dettagli

IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE

IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE CHE COSA È IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente stradale consente

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 25 ottobre 2010 1 PROGRAMMA DEI LAVORI

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

Il risarcimento diretto

Il risarcimento diretto 3 Il risarcimento diretto La legge n. 254/2006 dichiara che per alcuni tipi di sinistri, avvenuti dal 1 febbraio 2007, le assicurazioni sono obbligate ad applicare il risarcimento diretto. Il risarcimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

Presentazione "contratto base" per RC Auto

Presentazione contratto base per RC Auto Presentazione "contratto base" per RC Auto Roma, 14 febbraio 2013 1 L'azione del Governo nel settore assicurativo ha toccato più fronti Le iniziative hanno contribuito a disegnare un quadro disciplinare

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A.

PROTOCOLLO DI INTESA. TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI. EQUITALIANORD S.p.A. Unione Lombarda dei Consigli dell Ordine degli Avvocati PROTOCOLLO DI INTESA TRA L UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI dell ORDINE DEGLI AVVOCATI ed EQUITALIANORD S.p.A. L anno.. il giorno del mese di...presso

Dettagli

mini guida Tipologia del risarcimento del danno

mini guida Tipologia del risarcimento del danno mini guida Tipologia del risarcimento del danno Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del TIPOLOGIA DEL RISARCIMENTO DEL DANNO: IN FORMA SPECIFICA O PER EQUIVALENTE Sono frequenti

Dettagli