PIANO ATTUATIVO LOCALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ATTUATIVO LOCALE"

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi

2 ASL RIETI AMBULATORIO INFERMIERISTICO SERVIZIO INFERMIERISTICO TECNICO AZIENDALE Azienda USL di Rieti

3 ASL RIETI AMBULATORIO INFERMIERISTICO ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SERVIZI EROGATI SERVIZI EROGATI Misurazione e monitorizzazione della PA; Misurazione e monitorizzazione della glicemia con prelievo capillare; Misurazione e monitorizzazione del peso corporeo; ;Medicazione ferite: Non infette; Infette; Ulcere; Cambio del catetere vescicale; Cateterismo temporaneo; Medicazione ileo-colonstomia e cambio del sacchetto di raccolta; Medicazione della cannula endotracheale; Medicazione catetere venoso centrale; Somministrazione terapia IM; Somministrazione terapia Sottocute; Somministrazione terapia endovenosa (esclusi i farmaci H); Infusioni PERCORSO ASSISTENZIALE I pazienti accedono al Servizio tramite impegnativa timbrata dal CUP; Al primo accesso viene compilata una cartella infermieristica che resta poi nell archivio provvisorio fino a quando il paziente non ha concluso il ciclo di accessi; Nella cartella, oltre ai dati anagrafici e personali devono essere segnalate eventuali allergie riferite dal paziente o segnalate dal suo medico curante; Al termine del ciclo la cartella viene archiviata nell archivio definitivo; Qualora il paziente tornasse per un altro ciclo, indipendentemente dal motivo, viene riaperta la cartella archiviata e aggiornata con l aggiunta di un nuovo foglio di diario; Al primo accesso il paziente viene fornito di un Cartellino Infermieristico che ha l impegno di portare con se a ogni accesso; Tale cartellino viene aggiornato di volta in volta sulle attività svolte durante l incontro (parametri, medicazioni, ecc); Il cartellino resta in possesso del paziente anche una volta terminato il ciclo di accessi. DIAGRAMMA DI FLUSSO

4 AZIENDA ASL RIETI Infermiere, paziente, necessario per la prestazione prevista, cartella infermieristica e libretto infermieristico, registro delle prenotazioni. PERCORSI ASSISTENZIALI NELL AMBULATORIO INFERMIERISTICO DIAGRAMMA DI FLUSSO Accesso del paziente secondo la lista di Prendere una cartella infermieristica e un libretto infermieristico nuovi Inviare il pz al CUP per la vidimazione NO il pz è in possesso dell impegnativa autorizzata? SI Ritirare l impegnativa Spiegare al pz la funzione dei due documenti e dell intervista che verrà effettuata Raccogliere l anamnesi infermieristica remota E segnalarla sulla cartella inf. NO il pz è già registrato presso SI Raccogliere l anamnesi infermieristica recente Prendere dall archivio la cartella del paziente e ritirare il suo libretto infermieristico

5 Effettuare la prestazione infermieristica prevista Effettuare la prestazione infermieristica prevista Effettuare la prestazione infermieristica prevista Il pz necessita di osservazione SI Controllare il pz per il tempo necessario verificando i parametri vitali Contattare il medico di distretto o dell Ospedale SI Ci sono stati problemi durante NO NO Chiamare il 118 o il P.S. Fase di primo intervento Assistere il pz fino all arrivo del 118 o del P.S. NO Stabilizzazione del paziente? Il pz viene preso in carico dal personale del 118 o del P.S. SI Compilare cartella inf e libretto inf.

6 SI Il pz necessita di ulteriori prestazioni NO Prenotare una nuova prestazione, Segnalarla nel registro e sul libretto inf Consegnare il libretto al pz Congedare il paziente

7 ASL RIETI ALLESTIMENTO DELL AMBULATORIO L ambulatorio infermieristico deve alloggiare in un locale luminoso e areato, munito di almeno un lavabo e con un bagno facilmente raggiungibile; FARMACI Disinfettante cutaneo a base di iodiopovidone (Poviderm); Disinfettante per cute lesa alternativo per pazienti allergici allo iodio; Acqua Ossigenata; Esano o altro sgrassante alcolico; Disinfettante per cute integra a base alcolica; Kit di Pronto Soccorso: Adrenalina in fiale; Cortisonici in fiale per somm.ne parenterale in vari dosaggi; Antistaminici in fiale; Aminofillina per somm.ne parenterale in vari dosaggi; Soluzione fisiologica in flaconi ( cc); Soluzione glucosata in flaconi ( cc); Soluzione Ringer Lattato in flaconi ( cc); Acqua demineralizzata in flacone sterile ( cc); Olio di vaselina; Detergente liquido per cute integra. PRESIDI Siringhe monouso sterili di varia misura; Aghi monouso sterili di varia misura; Aghi o lancette monouso sterili per puntura capillare, (o ricambi per penna); Aghicannula monouso sterili di varie misure; Aghi a farfalla sterili monouso di varie misure; Deflussori monouso sterili; Lamette monouso per tricotomia; Cotone idrofilo; Garze di varia misura sterilizzabili e non, (eventuali pacchetti monouso di garze sterili); Bende grasse di varia misura; Cerotto di carta di varie altezze; Cerotto di tela di varie misure; Cerotti medicati sterili di varie misure; Guanti in lattice monouso di varie taglie; Guanti in lattice sterili monouso; Bende di garza di varie misure; Rete elastica tubolare di varie misure; Mascherine protettive monouso; Kit con mascherina per ossigeno-terapia (da inserire nel kit di Pronto Soccorso);

8 ASL RIETI ALLESTIMENTO DELLMBULATORIO STRUMENTI Bilancia; Sfigmomanometro; Fonendoscopio; Strumento per destro stick ed eventuale penna per puntura capillare; Ferri chirurgici (vedi allestimento del carrello della medicazione); Bacinelle reniformi (almeno tre); Contenitori per la disinfezione dei ferri; Cesti per la sterilizzazione di garze e tamponi di garza (a meno che non si disponga di kit monouso); Ambu; Asta per fleboclisi; Cestelli per fleboclisi; Bombola a ossigeno carrellata (a meno che si disponga di erogatore centralizzato); ARREDI: Scrivania e almeno due sedie; Lettino con rullo di carta; Gradino per l accesso al lettino; Libreria, schedario o altro alloggio per l archivio; Appendiabiti; Paravento; Carrello per le medicazioni Armadio per i farmaci e gli strumenti medicali; Frigorifero; CANCELLERIA Cancelleria varia in base alle esigenze specifiche; Registro degli appuntamenti; Modulistica: Cartelle infermieristiche; Fogli di diario sciolti da aggiungere alla cartella; Libretti infermieristici; Cartella per protocolli; Calendario. STRUMENTI INFORMATIVI/OPERATIVI Registro per appuntamenti; Cartelle infermieristiche individuali e archivio cartelle; Libretto infermieristico (da consegnare al paziente); Protocolli

9 AMBULATORIO INFERMIERISTICO ASL RIETI STRUMENTI INFORMATIVI/OPERATIVI NOME COGNOME INDIRIZZO TEL: Famigliare di riferimento Tel: Medico di famiglia Tel:

10 ASL RIETI ANAMNESI INFERMIERISTICA PATOLOGIA PRIMARIA ALTRE PATOLOGIE Allergie riferite dal paziente ALTRO

11 DIARIO INFERMIERISTICO ASL RIETI DATA PA GLIC. PESO SIGLA IP

12 DIARIO INFERMIERISTICO ASL RIETI DATA OSSERVAZIONI PA GLIC. PESO SIGLA IP

13 ASL RIETI AMBULATORIO INFERMIERISTICO ASL RIETI DATA PA PESO GLIC. FIRMA INFERMIERE. SEDE OSPEDALIERA DI RIETI TEL: 0746/278 NOME COGNOME

14 ASL RIETI DATA PA PESO GLIC. FIRMA INFERMIERE DATA PA PESO GLIC. FIRMA INFERMIERE

15

L AMBULATORIO INFERMIERISTICO

L AMBULATORIO INFERMIERISTICO L AMBULATORIO INFERMIERISTICO Come aprire un ambulatorio infermieristico privato? Chi fa da se. Il terzo settore L AMBULATORIO INFERMIERISTICO E un attività di tipo innovativo non tanto nell esperienza

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Regione Marche - Azienda Sanitaria Unica Regionale ZONA TERRITORIALE n 9 - MACERATA MACROSTRUTTURA TERRITORIO Procedura Generale

Regione Marche - Azienda Sanitaria Unica Regionale ZONA TERRITORIALE n 9 - MACERATA MACROSTRUTTURA TERRITORIO Procedura Generale TAssA03 Data 3/2/2007 Rev. Pagina di 5 INDICE. SCOPO 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI. 2 4. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 2 5. RESPONSABILITÀ 3 6. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ.. 3 6.

Dettagli

PRONTO SOCCORSO ARMADIETTO P.S. 102/M VALIGETTA MEDIC 2. CONFEZIONE REINTEGRO ALLEGATO 2 Per aziende o unità produttive fino a due lavoratori

PRONTO SOCCORSO ARMADIETTO P.S. 102/M VALIGETTA MEDIC 2. CONFEZIONE REINTEGRO ALLEGATO 2 Per aziende o unità produttive fino a due lavoratori PRONTO SOCCORSO ARMADIETTO PRONTO SOCCORSO, in metallo Contenuto a norma DM 388 del 15/07/2003 allegato 1 e D.L. 81 del 09/0/08 art.5. Per aziende del gruppo A e B e comunque con tre o piu lavoratori ARMADIETTO

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

Cassetta di Pronto Soccorso

Cassetta di Pronto Soccorso 16002 Cassetta di Pronto Soccorso Per unità produttive oltre i 2 dipendenti. Dimensioni: 46 x 34 x 18 cm. Contenuto: 1 copia decreto ministeriale 388 del 15/07/03, 5 paia di guanti sterili, 1 mascherina

Dettagli

ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALE SANITARIO IN DOTAZIONE ALLE AMBULANZE

ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALE SANITARIO IN DOTAZIONE ALLE AMBULANZE 1 TABELLA 2 ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALE SANITARIO IN DOTAZIONE ALLE AMBULANZE Ambulanza Tipo A e Tipo A 1 Materiale in dotazione Punto 1 fumogeni e torce a vento; forbici tipo Robin; faro estraibile;

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI DIPARTIMENTO MALATTIE DEL UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA Gruppo di lavoro - Coordinatore Dipartimento CPSE Dott.ssa Danila Massenti - CPS infermiere Susanna Bellavia - CPS infermiere Annalisa Massei

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

Linee guida per l attuazione dei Corsi per Operatori Socio Sanitari (O.S.S. e O.S.S.S.).

Linee guida per l attuazione dei Corsi per Operatori Socio Sanitari (O.S.S. e O.S.S.S.). Linee guida per l attuazione dei Corsi per Operatori Socio Sanitari (O.S.S. e O.S.S.S.). Con Delibera Giunta Regionale n.363 del 09/09/2013, pubblicata nel B.U.R.C. n.54 del 07/10/2013, sono stati approvati

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 15 Documento Codice documento STE 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 15 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI

PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI ANNO 2010 A cura di: ASL Avellino via degli Imbimbo n. 10/12 U.O.C.Assistenza Anziani 1 U.O.C. Farmacia Ospedaliera/ Farmacia Territoriale

Dettagli

218 20.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 34 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 647

218 20.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 34 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 647 218 20.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 34 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 647 Approvazione elenco Ausili Medici previsto dallo schema di Protocollo d Intesa di cui alla DGRT n

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROCEDURA PER LA CONSULENZA INFERMIERISTICA E L EROGAZIONE DEL MATERIALE DI MEDICAZIONE PER GLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI R.A.F. / R.S.A.

PROCEDURA PER LA CONSULENZA INFERMIERISTICA E L EROGAZIONE DEL MATERIALE DI MEDICAZIONE PER GLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI R.A.F. / R.S.A. CONSULENZA INFERMIERISTICA MATERIALE STRUTTURE RESIDENZIALI Codice: PrSTCPD03 Data: 14 giugno 2012 Revisione:0 Pagina 1 di 9 PROCEDURA PER LA CONSULENZA INFERMIERISTICA E L EROGAZIONE DEL MATERIALE PER

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico REVISIONE DATA REDATTO E ELABORATO APPROVATO FIRMA 0 27/04/2011 Coord.Infermieristico DH Medico Assungia Cora Direttore U.O.C. Medicina Generale

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA AZIENDA OSPED ALIERA UN IVERSITA DI PADOVA PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT Allegato n. 4 alla Procedura Operativa Autoispezione armadi farmaceutici DELL'U.O PRESIDIO OSPEDALIERO ARMADI FARMACEUTICI PRESENTI 1). 2). 3). 4). 5). E presente un termometro ambientale nella stanza/e

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Carta dei Servizi Medicina in Rete. Carta dei Servizi

Carta dei Servizi Medicina in Rete. Carta dei Servizi Carta dei Servizi Medicina in Rete È costituita la associazione di Medicina in Rete tra i medici Dott. Maurizio Andreoli Andreoni, Dott. Gianni Balzarini, Dott.ssa Maria Grazia Pavanello e Dott. Giorgio

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza Struttura: SITRO (ambito territoriale Casale/Valenza) Responsabile: Dott.ssa Maria Elisena FOCATI PISANI Prot. PO Pagina 1 di 7 Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza REDAZIONE, EMISSIONE, APPROVAZIONE,

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS IL PRIMO SOCCORSO A cura

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI

IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA Direzione Sanitaria IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE COLLOCAZIONI: N CARRELLO N CARRELLO N CARRELLO

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

Pubblicazioni Un percorso metodologico

Pubblicazioni Un percorso metodologico Pubblicazioni Un percorso metodologico per la definizione di procedure, protocolli, linee guida Il lavoro di stesura di protocolli procedurali e/o organizzativi del lavoro infermieristico, ha impegnato

Dettagli

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del c/o 1-REQUISITI STRUTTURALI 1.1-Generali 1.1.1 E' garantita una facile accessibilità dall'esterno sia per quanto concerne l'ingresso

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN NOLEGGIO DI APPARECCHIATURE PER EMODIALISI E FORNITURA DEL RELATIVO MATERIALE DI CONSUMO 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli 17-28100

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Report Consumi di Magazzino 1 semestre 2015

Report Consumi di Magazzino 1 semestre 2015 DESCRIZIONE REPARTO SERVIZIO 118 DESCRIZIONE CONTO Materiale radiografico, lastre RX, mezzi descrizione prodotti descrizione operatore quantità importo CARTA X DEFRIBILLATORE MINDRAY D6 80X20 MT(A SERVIZIO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

Data Codice Nominativo Entrata Uscita Motivo (*) Firma

Data Codice Nominativo Entrata Uscita Motivo (*) Firma Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco Compilare il modulo fino ad esaurimento delle righe Data Codice Nominativo Entrata Uscita Motivo (*) Firma (*) Motivo: turno / servizio sportivo / esercitazioni

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORCO IN CASA

CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORCO IN CASA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO L a cassetta del pronto soccorso raccoglie il materiale che è necessario ad un primo sommario trattamento di un infortunato, detto primo soccorso. Un minimo di attrezzatura

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

A Abbassalingua in legno 64 Acqua borica 55 Acqua depurata per autoclavi 58 Acqua ossigenata 55 Aghi a farfalla 13 Aghi cannula 1 via 14 Aghi cannula 2 vie 15 Aghi guida in acciaio inox per tubo drenaggio

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria Preparazione pre operatoria del paziente Dott. Garofoli Rosamaria Per fase pre operatoria si intende quel periodo che va dal momento in cui si stabilisce che è necessario procedere con un intervento chirurgico

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

Ruolo dell'infermiere in un ambulatorio di MMG

Ruolo dell'infermiere in un ambulatorio di MMG VII Congresso Nazionale AME/ANIED 10 novembre 2012, Roma Relatore: Maria Cristina Barion 1. Evoluzione dell organizzazione della MG 2. La realtà del comune di Cumiana (TO) 4. Competenze necessarie 5. Conclusione

Dettagli

NUMERO ESEMPLARI E SERVIZIO DETENTORE CHI DEVE ARCHIVIARE IL DOCUMENTO AMBULATORIO. - n. 1 originale in possesso dell ambulatorio DIREZIONE SANITARIA

NUMERO ESEMPLARI E SERVIZIO DETENTORE CHI DEVE ARCHIVIARE IL DOCUMENTO AMBULATORIO. - n. 1 originale in possesso dell ambulatorio DIREZIONE SANITARIA S C H E D E S E R V I Z I DENOMINAZIONE DATA Scheda registrazione passaggi ambulatoriali Tracciato C4 Richieste prestazioni interne / tabulati prenotazione interni Scheda affidamento personale del farmaco

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale ASL3 LANCIANO-VASTO Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese 13 Numero di pazienti on-line 84 Numero di pazienti deceduti 0 Numero di pazienti istituzionalizzati 95 ASL3 LANCIANO-VASTO 1 di 12 pazienti

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

volontari VS sanitari

volontari VS sanitari volontari VS sanitari assistenza del VDS al medico e/o infermiere in emergenza quale approccio utilizzare seguendo linee guida condivise? bio-diversità tra: - il soccorritore occasionale - il VDS - il

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI Direttori UU.OO.CC. Direttore UOC Risorse Umane Medico Competente Responsabile UOS Pronto Soccorso

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE.

RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE. RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

ARTICOLI DI MEDICAZIONE Aventi diritto: NOTA BENE

ARTICOLI DI MEDICAZIONE Aventi diritto: NOTA BENE Pagina 2 di 24 ARTICOLI DI MEDICAZIONE Aventi diritto: NOTA BENE Invalidi civili 100% Limitatamente alle patologie connesse e/o Invalidi di guerra cat. da 1 a 8 riconducibili alle invalidità riconosciute

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE MEDICO

STUDIO PROFESSIONALE MEDICO Gli Studi Professionali Medici (SPM) sono strutture nelle quali è esercitata un attività sanitaria in cui il profilo professionale prevale su quello organizzativo. Tale profilo è riscontrabile non solo

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI

Dettagli

CHECK LIST AUDIT INTERNO ASL CN2 Alba Bra PROCEDURA GENERALE PREVENZIONE/GESTIONE CADUTE DELLA PERSONA ASSISTITA

CHECK LIST AUDIT INTERNO ASL CN2 Alba Bra PROCEDURA GENERALE PREVENZIONE/GESTIONE CADUTE DELLA PERSONA ASSISTITA Pagina 1 di 5 CHECK LIST AUDIT INTERNO ASL CN2 Alba Bra PROCEDURA GENERALE PREVENZIONE/GESTIONE CADUTE DELLA PERSONA ASSISTITA Audit data: Auditor: Operatore Servizio S.I.T.P.R.O o suo delegato.. SOC/S.O.S.

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

INDICE PRONTO SOCCORSO

INDICE PRONTO SOCCORSO INDICE PRONTO SOCCORSO VALIGIE SPORTIVE Pag. 335 ARMADIETTI PENSILI IN PLASTICA Pag. 336 ARMADIETTI PENSILI IN METALLO Pag. 337 VALIGETTE ESTRAIBILI IN ABS Pag. 338 KIT REINTEGRO PACCHI MEDICAZIONE Pag.

Dettagli

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO.

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO. ISTITUTO COMPRENSIVO - CENTRO E.D.A. Gian Giacomo Ciaccio Montalto Via Tunisi, 37-91100 TRAPANI Tel 0923 20398 Telefax 0923 20106 CF: 80004160810 - C.M.: TPIC836004 e-mail tpic836004@istruzione.it PEC

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

RICHIESTA AMMISSIONE NELLA R.S.A. CITTA DI BOLLATE

RICHIESTA AMMISSIONE NELLA R.S.A. CITTA DI BOLLATE MODULO UNICO DI RICHIESTA AMMISSIONE NELLA R.S.A. IO SOTTOSCRITTO/A. TEL. FAX. E-MAIL Recapito telefonico di una persona che possa rispondere in orario d ufficio.... n. cellulare PARENTE (GRADO).. DEL

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

DISINFETTANTI DISTRIBUTORI AUTORIZZATI DISINFETTANTI. DESCRIZIONE Prezzo Iva

DISINFETTANTI DISTRIBUTORI AUTORIZZATI DISINFETTANTI. DESCRIZIONE Prezzo Iva DISTRIBUTORI AUTORIZZATI DISINFETTANTI DESCRIZIONE Prezzo Iva DISINFETTANTI ACQUA OSSIGENATA (PEROSSIDO DI IDROGENO) F.U. 3% 10 VOLUMI flacone da 250 ml 10 ACQUA OSSIGENATA (PEROSSIDO DI IDROGENO) F.U.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Sede di Ascoli Piceno SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO a.a. 2011 2012 COORDINATORE AFPTC Dott.Silvano Troiani 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE

Dettagli

DIMISSIONE: temporanea o definitiva

DIMISSIONE: temporanea o definitiva INDICE ISTUZIONE OPEATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 8 1. OBIETTIVO... 2 2. DEFINIZIONE... 2 3. DIMISSIONE TEMPOANEA... 2 3.1 PESONALE COINVOLTO E ESPONSABILITÀ... 2 4. DOCUMENTI A SUPPOTO... 3 5. MODALITÀ

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.)

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.) Pagina 1 di 11 REGIONE LAZIO PROCEDURA PER LA NECROSCOPICA RELATIVA AI (C.O.B.) Data Rev. Redatto Verificato e approvato 10/10/2003 01/12/2011 0 1 Dott. Luca Guerini Dirigente Medico D.S. COB Dott. Franco

Dettagli

A.S.P. Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale-Cosenza

A.S.P. Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale-Cosenza A.S.P. Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale-Cosenza U.O. di RISK MANAGEMENT Responsabile : Dott. Berardo S. Cavalcanti Via Duca degli Abruzzi.15 Cosenza PERCORSOASSISTENZIALE PERCORSO TEMPORALE

Dettagli

ATTIVITÀ AMBULATORIALE SERVIZIO ODONTOPROTESI S.C. CLINICA ODONTOIATRICA E STOMATOLOGICA. Promemoria per gli operatori

ATTIVITÀ AMBULATORIALE SERVIZIO ODONTOPROTESI S.C. CLINICA ODONTOIATRICA E STOMATOLOGICA. Promemoria per gli operatori ATTIVITÀ AMBULATORIALE SERVIZIO ODONTOPROTESI S.C. CLINICA ODONTOIATRICA E STOMATOLOGICA Promemoria per gli operatori MODALITA DI ACCESSO AL SERVIZIO DI PROTESI DENTARIA Presso l ambulatorio di Protesi

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale Cagliari, P.O. Binaghi 24-25; 25; 26-27 27 maggio 2010 QUALITA E SICUREZZA

Dettagli

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011 Presentazione del servizio Fabry@Home Aprile 2011 Agenda incontro Servizio Fabry@Home: caratteristiche e vantaggi Presentazione del provider: Caregiving Italia Modalità di attivazione del Servizio Fabry@Home

Dettagli

Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione. Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino

Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione. Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino Si è vero, sembra strano, ma ancora oggi l Informatica entra faticosamente nell ambiente

Dettagli

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi SEDE Ospedale di Ivrea (Asl TO 4) Piazza della Credenza Primo piano Blocco B ORGANICO PER TURNO Mattino(6-14): 4

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria

Documento finale. Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria Consensus Meeting L Osservazione Temporanea e Breve in Pronto Soccorso Pediatrico Trieste, 14-15 ottobre 2005 Documento finale Linee Guida per la gestione dell Osservazione Breve in Pediatria 1 INDICE

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO

IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO Logistica del Farmaco Riconoscimento Paziente Piano Terapeutico Individuale Integrazione con Cartella Clinica Informatica Somministrazione

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

MONOUSO SANITARIO SIRINGHE

MONOUSO SANITARIO SIRINGHE PROT.S.S./01102015 SCAD.31122015 Pagina 1 listino tattoo 2015 Sanifarma Service S.r.l. Via Augusto Angelini Marinucci,46 00010 Sant'Angelo Romano (RM)P.IVA11504951002 Tel/Fax 0774/420488-0774/420122-www.sanytattoo.it-sanytatto@sanifarmaservice.it

Dettagli

L INFERMIERE DI EMATOLOGIA E LA SICUREZZA DELL OPERATORE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTIBLASTICA. Infermiera Sonia Zannoni Montanari

L INFERMIERE DI EMATOLOGIA E LA SICUREZZA DELL OPERATORE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTIBLASTICA. Infermiera Sonia Zannoni Montanari L INFERMIERE DI EMATOLOGIA E LA SICUREZZA DELL OPERATORE NELLA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTIBLASTICA Infermiera Sonia Zannoni Montanari Reggio Emilia 17 novembre 2007 FASI DI CONTAMINAZIONE AI CHEMIOTERAPICI

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI FARMACI

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI FARMACI PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI FARMACI 1 SCOPO...1 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 RESPONSABILITÀ...2 4 MODALITÀ DI GESTIONE....3 4.01 DEI FARMACI E DELLE SCORTE...3 4.02 LAVORI NOTTURNI....3 4.03 CONTROLLO

Dettagli

CHECK LIST - CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI

CHECK LIST - CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del c/o 1-REQUISITI STRUTTURALI 1.1-Generali 1.1.1 E' garantita una facile accessibilità dall'esterno sia per quanto concerne l'ingresso

Dettagli