Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia"

Transcript

1 Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA GREZZE (DESENZANO DEL GARDA) B R E S C IA APRILE 2010

2 1 PREMESSA INQUADRAMENTO VIABILISTICO DELL INSEDIAMENTO Classificazione amministrativa della rete stradale del contesto territoriale in esame RILIEVO DEI FLUSSI DI TRAFFICO Rilievo di traffico nella sezione di via Grezze nel giorno feriale Rilievo di traffico nella sezione della BSSP11 nel giorno feriale Flussi veicolari e composizione del traffico nella giornata feriale tipo RILIEVO DEI FLUSSI DI TRAFFICO NELL INTERSEZIONE A ROTATORIA TRA VIA GREZZE STIMA DEI VOLUMI DI TRAFFICO INDOTTI DAL NUOVO INSEDIAMENTO STIMA DELLA CAPACITA DELL INTERSEZIONE A RASO DI TIPO ROTATORIO Stima della capacità della rotatoria lungo via Grezze TRASPORTO PUBBLICO LOCALE CONCLUSIONI... 21

3 1 PREMESSA Per la realizzazione del Piano Integrato di Intervento per la realizzazione di un nuovo plesso scolastico comunale e di un insediamento residenziale è necessario uno studio per valutare l attuale volume di traffico sulle strade provinciali nell area interessata dall intervento e una stima del traffico indotto dal nuovo insediamento. L incremento di traffico, dovuto ai suddetti insediamenti, sarà considerato per la valutazione delle condizioni di circolazione, considerando i progetti di modifica e completamento delle infrastrutture stradali nell area d interesse.

4 2 INQUADRAMENTO VIABILISTICO DELL INSEDIAMENTO 2.1 Classificazione amministrativa della rete stradale del contesto territoriale in esame Il Piano Integrato di Intervento è localizzato lungo via Grezze nel Comune di Desenzano del Garda, di competenza comunale, a nord dello svincolo con la variante alla BSSP11 Padana Superiore. Tale direttrice est-ovest, connette la zona est della Provincia di Brescia, ed in particolare i Comuni di Desenzano del Garda e Sirmione, con la parte occidentale della provincia di Brescia. Il tronco in corrispondenza di Desenzano del Garda è a doppia carreggiata con due corsie per senso di marcia ed intersezioni a livelli sfalsati. I principali collegamenti con la viabilità provinciale sono quelli con la SP13 nel Comune di Sirmione in direzione sud, con la SP567 nel Comune di Desenzano del Garda in direzione sud. Ad ovest di Desenzano del Garda la variante alla BSSP11 diviene di competenza autostradale sino al collegamento con la BSSP11 Tangenziale sud. Nell ambito del territorio in studio la variante alla BSSP11 consente il collegamento con le stazioni autostradali dell A4 di Desenzano del Garda e di Sirmione. In figura, estratta dalla tavola n. 1 del Piano del traffico della viabilità provinciale (PTVE) approvato il 24/9/2007, sono rappresentate le sopraccitate strade ed evidenziata la località in cui si situa l insediamento in esame. Figura 2.1:Classificazione amministrativa della rete viaria a servizio del contesto in esame con evidenziate in colore rosso le strade provinciali. Fonte: Tav. 1 del PTV della Provincia di Brescia. 4

5 2.2 Classificazione funzionale del contesto territoriale La rete stradale a servizio dell area in esame è qui classificata ai sensi dell art. 2 comma 3 del Nuovo codice della strada coerentemente ai contenuti della Tavola n. 2 del PTVE della Provincia di Brescia: Classificazione tecnico-funzionale della rete stradale esistente. La classificazione tecnico-funzionale delle strade sotto riportata suddivide la rete stradale sulla base della funzione riconosciuta a ciascun arco della rete. In figura, estratta dalla tavola n. 2 del Piano del traffico della viabilità provinciale (PTVE) approvato il 24/9/2007, sono rappresentate le sopraccitate strade secondo una colorazione riferita alle classi funzionali. La rete che interessa l area in esame è di tipo secondario, in quanto le strade di competenza provinciale sono classificate come extraurbane secondarie, Tipo C. Denominazione della strada Classificazione funzionale Denominazione della classe allo stato di fatto (Tav. 2 del PTVE) A4 Autostrada Milano Brescia A Extraurbana primaria Var BSSP11 Padana Superiore C Extraurbana locale SP13 San Martino della Battaglia C Extraurbana Pozzolengo secondaria SPBS567 Del Benaco C Extraurbana secondaria 5

6 Figura 2.2: Classificazione tecnico-funzionale della rete viaria a servizio del contesto in esame con evidenziate in colore rosso le strade extraurbane principali, in colore giallo le strade extraurbane secondarie e in colore bianco le strade extraurbane locali. Fonte: Tav. 2 del PTVE della Provincia di Brescia. Classificazione funzionale di progetto del contesto territoriale Coerentemente ai criteri del sopraccitato art. 2 del Nuovo codice della strada, il Piano territoriale di coordiamento della Provincia di Brescia (PTCP) distingue i seguenti tre livelli gerarchici di rete: - rete primaria (autostrade), - rete principale (strade extraurbane principali), - rete secondaria (strade extraurbane secondarie, strade urbane di quartiere). mentre è omessa la rete locale. Il PTCP fa propria la caratterizzazione di tali reti assunte dalle Norme tecniche e funzionali per la costruzione delle strade (DM 5/11/2001), di seguito richiamate nella tabella. Classe Rete di appartenenza Entità dello spostamento Funzione nel territorio funzionale (funzione prioritaria) B Principale (distribuzione) Media distanza Interregionale-regionale C Secondaria (penetrazione) Breve distanza Provinciale F Locale (accesso) Distanza ridotta Locale-comunale Caratterizzazione delle reti stradali dal punto di vista funzionale secondo le Norme tecniche e funzionali per la costruzione delle strade (DM 5/11/2001). 6

7 Le tavole di struttura del PTCP rappresentano lo scenario di progetto della viabilità della Provincia, assegnando a ciascun arco della rete stradale la classe corrispondente alla propria vocazione funzionale ed individuando di conseguenza la tipologia degli interventi per il potenziamento (adeguamento ai requisiti infrastrutturali indicati dalla normativa) e sviluppo della maglia viaria, al fine di ottenere un sistema di maglie connesse e razionalmente ottimizzate della viabilità, tale da garantire il miglioramento delle condizioni di circolazione e di sicurezza e la riduzione degli impatti negativi del traffico stradale. Per quanto riguarda le strade d interesse per l area in esame si riportano le classi funzionali nello scenario prefigurato dal PTCP. Denominazione della strada Classificazione funzionale allo stato di fatto (Tav. 2 del Classificazione funzionale di progetto (All. 3 del PTCP) PTVE) A4 Autostrada Milano Brescia A A Var BSSP11 Padana Superiore C B SP13 San Martino della Battaglia C C Pozzolengo SPBS567 Del Benaco C C Figura 2.3:Classificazione tecnico-funzionale della rete viaria a servizio del contesto in esame con evidenziate in colore azzurro la rete primaria, in colore rosso le strade extraurbane principali, in colore giallo le strade extraurbane secondarie e in colore bianco le strade extraurbane locali. Fonte: Tav. 3 del PTVE della Provincia di Brescia. 7

8 3 RILIEVO DEI FLUSSI DI TRAFFICO I rilievi dei volumi di traffico sono stati svolti lungo via Grezze, strada di competenza comunale che collega l abitato di Desenzano del Garda con la variante alla BSSP11. Le indagini sono state effettuate con apparecchiature elettromagnetiche in grado di conteggiare il numero di passaggi veicolari, suddividendo i veicoli in classi di lunghezza. Il traffico omogeneizzato è stato calcolato, per i rilievi effettuati con le apparecchiature elettromagnetiche, assegnando i seguenti coefficienti di omogeneizzazione: Lunghezza del veicolo (L) Coefficiente di omogeneizzazione L < 6 m Coefficiente di omogeneizzazione = 1 6 m < L < 12 m Coefficiente di omogeneizzazione = 2 L > 12 m Coefficiente di omogeneizzazione = 3 Tali coefficienti correlano le diverse tipologie di veicolo ad una unità equivalente che è l autovettura (a cui è assegnato un coefficiente unitario), permettendo l omogeneizzazione delle diverse componenti di traffico in funzione del relativo ingombro dinamico. I dati di traffico lungo la variante alla BSSP11 sono relativi alla progressiva km 263 e 770 e sono stati forniti dalla Provincia di Brescia, che rileva solamente il numero di veicoli in transito per ogni ora, suddividendoli in leggeri e pesanti. Al fine di ottenere il traffico omogeneizzato si è applicato un coefficiente di omogeneizzazione ai mezzi pesanti pari a 2. Per le sezioni stradali studiate sono allegate le tabelle e i grafici relativi ai volumi di traffico, in particolare le tabelle sull andamento temporale del traffico per ogni senso di marcia e per la sezione intera. 8

9 3.1 Rilievo di traffico nella sezione di via Grezze nel giorno feriale La sezione di rilievo è stata posta lungo via Grezze, a nord della variante alla SPBS11. Nella giornata feriale tipo, risultano transitare nella sezione di via Grezze circa veicoli equivalenti/giorno. Il traffico è diretto per il 52% verso nord e per il 48% in direzione sud. La percentuale di mezzi pesanti è pari al 4%. I volumi di traffico giornalieri rilevati nei due sensi di marcia sono riportati in tabella. SEZIONE VIA GREZZE Flussi veicolari giornalieri nella giornata tipo feriale Senso di marcia Veicoli leggeri [Numero di veicoli] Mezzi pesanti [Numero di veicoli] Traffico omogeneizzato [Veicoli equivalenti] Verso nord Verso sud Sezione stradale L ora di punta nel giorno feriale, per l intera sezione, è stata tra le e le con 667 veicoli equivalenti/ora. 9

10 COMUNE DI DESENZANO (Brescia) via Grezze FLUSSO VEICOLARE MEDIO NELLA GIORNATA FERIALE ORA totale L< 6 m 6 < L < 10 m 10 < L < 13 m L > 13 m veicoli leggeri mezzi pesanti veicoli equivalenti 1: : : : : : : : : : : : : : : : : : : : : : : totale COMUNE DI DESENZANO - via Grezze Giorno feriale Flusso di traffico omogeneizzato veicoli equivalenti :00 2:00 3:00 4:00 5:00 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 ora 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:

11 11

12 12

13 13

14 3.1 Rilievo di traffico nella sezione della BSSP11 nel giorno feriale I dati di traffico lungo la variante alla BSSS11 sono relativi alla progressiva km 263 e 770 e sono stati forniti dalla Provincia di Brescia, che rileva solamente il numero di veicoli in transito per ogni ora, suddividendoli in leggeri e pesanti. Al fine di ottenere il traffico omogeneizzato si è applicato un coefficiente di omogeneizzazione ai mezzi pesanti pari a Flussi veicolari e composizione del traffico nella giornata feriale tipo Nella giornata feriale tipo nella sezione posta lungo la variante BSSP11 transitano circa veicoli equivalenti, di cui diretti verso ovest e diretti verso est. La percentuale di mezzi pesanti che attraversa la sezione è del 8% del totale dei veicoli. I volumi di traffico giornalieri rilevati nei due sensi di marcia sono riportati in tabella. VARIANTE ALLA SP EX SS 11 Flussi veicolari giornalieri nella giornata tipo feriale Senso di marcia Veicoli leggeri [Numero di veicoli] Mezzi pesanti [Numero di veicoli] Traffico omogeneizzato [veicoli equivalenti] Verso ovest Verso est Sezione stradale L ora di punta per il giorno feriale, per l intera sezione, è rilevata tra le e le (con circa veicoli equivalenti). 14

15 4 RILIEVO DEI FLUSSI DI TRAFFICO NELL INTERSEZIONE A ROTATORIA TRA VIA GREZZE Il rilievo dei flussi di traffico in corrispondenza dell intersezione a rotatoria in via Grezza, in prossimità del nuovo insediamento è stato effettuato in un giorno feriale tra le e le In modo manuale si sono conteggiate le svolte dei veicoli nell intersezione, distinguendoli per tipologia (autovettura, camion, tir e autobus). I coefficienti di omogeneizzazione utilizzati sono pari a : 1 per le autovetture; 2 per i camion; 3 per gli autobus e tir. 15

16 5 STIMA DEI VOLUMI DI TRAFFICO INDOTTI DAL NUOVO INSEDIAMENTO Il progetto di Piano Integrato di Intervento prevede la realizzazione di un scuola elementare e di un insediamento residenziale. La scuola elementare è prevista per un numero di classi pari a 12, pertanto, supponendo un numero di studenti pari a 20 per classe si ipotizza che il numero totale di studenti sia pari a 240, a cui si aggiungono circa 20 addetti tra impiegati e insegnati. Considerando che il 70 % degli alunni venga accompagnato a scuola dai genitori con mezzi privati e che il personale impiegato raggiunga il posto di lavoro con l auto privata, il traffico indotto dalla scuola è pari a 198 auto. Le ora di maggior traffico per la scuola sono quelle del mattino, dalle 8.00 alle 9.00 e del pomeriggio, che risulta essere però ora di morbida per traffico veicolare. Per quanto riguarda la componente residenziale si prevede l insediamento di circa 320 abitanti. Per tali residenti si ipotizza che il 50% si muova con auto proprio nelle ora di maggior traffico della mattina e delle sera. Pertanto il traffico indotto nelle ore di maggior traffico è pari a 160 veicoli equivalenti. Considerando l ora di punta della mattina si ipotizza che il traffico indotto dalla scuola provenga per il 90% da Desenzano del Garda, attraverso vi Grezze, e per il 10% dalla variante alla BSSP11. Il traffico con origine il nuovo insediamento residenziale invece si ipotizza diretto per il 50% verso Desenzano del Garda e per il 50% verso la BSSP11.

17 6 STIMA DELLA CAPACITA DELL INTERSEZIONE A RASO DI TIPO ROTATORIO Il calcolo della capacità di una rotatoria dipende comunque, oltre che dalle sue caratteristiche geometriche e di traffico, dalla regola di precedenza della circolazione cui è sottoposta la rotatoria stessa. Per la rotatoria prevista per la riqualificazione dell intersezione in studio, il calcolo della capacità è stato eseguito seguendo il procedimento proposto dallo Studio a carattere prenormativo sulle caratteristiche geometriche, di traffico e di illuminazione delle intersezioni stradali urbane ed extraurbane, che riprende il metodo Francese elaborato sui risultati di una campagna di osservazioni sperimentali effettuate all inizio degli anni Ottanta dai centri di ricerca CETE e SETRA. Tale procedimento viene proposto anche nelle recenti linee guida per la costruzione delle intersezioni a raso di tipo rotatorio della Regione Lombardia. Denominando SEP la larghezza dell isola spartitraffico sul ramo, ENT la larghezza dell entrata misurata subito dietro al primo veicolo fermo davanti alla linea di dare la precedenza, ANN la larghezza dell anello, mentre ancora Q u e Q c individuano, rispettivamente il flusso uscente e quello circolante in corrispondenza dell entrata. La capacità dell entrata secondo il metodo Francese è quindi esprimibile mediante un legame funzionale del tipo: C e = f(sep, ENT, ANN, Q u, Q c ) Il procedimento di esplicitazione si articola nei seguenti tre passi: - Calcolo del traffico uscente equivalente Q u * in funzione di Q u (in uvp/h) e di SEP (in metri): Q u * = Q u (15-SEP)/15 con Q u * = 0 quando SEP 15 metri - Calcolo del traffico complessivo di disturbo Q g in base ai valori di Q c e Q u * e della larghezza ANN (in metri) dell anello: Q g = [Q c +(2/3)Q u *][1-0,085(ANN-8)] Riguardo alla formula sopra indicata si può notare come la variabile geometrica più rilevante risulti la larghezza ENT dell entrata (misura presa a circa 6 metri dalla linea di precedenza). Inoltre, sulla base dei rilievi sperimentali è stato riscontrato che, a parità di altre condizioni, ad ogni incremento di 1 m di un valore iniziale di ENT di 3,5 m, corrisponde un incremento di circa il 10% della capacità. 1

18 Come la stessa Normativa Francese pone in evidenza, i limiti della formulazione vista si possono, in sintesi, imputare alle seguenti cause: - intrinseca e non trascurabile dispersione dei dati sperimentali dovuta alla variabilità del comportamento dei conducenti; - esiguità dei campi di variazione dei parametri geometrici per la sostanziale omogeneità delle dimensioni delle rotatorie in esercizio in Francia; - esistenza di una forte correlazione tra alcuni parametri di progetto, quali, ad esempio, il diametro dell isola centrale, l angolo di incidenza dei veicoli in ingresso, l ampiezza della svasatura, il contesto di ubicazione. 6.1 Stima della capacità della rotatoria lungo via Grezze La rotatoria presente all intersezione lungo via Grezze che dovrebbe consentire l accesso ai nuovi insediamenti è caratterizzata da una forma circolare e da tre bracci, ai quali si dovrà aggiungere un quarto per consentire l accesso alla scuola a all insediamento residenziale. Le caratteristiche geometriche della rotatoria sono le seguenti: corsia giratoria m 10; larghezza delle corsie in ingresso compresa tra i 4,50 m e i 5,00 m. Nella stima della capacità della rotatoria è stato indicato come ramo 1 quello in direzione nord (Desenzano del Garda), come ramo 2 in direzione ovest, come ramo 3 quello di via Grezze in direzione sud, come ramo 4 quello in uscita dalla BSSP11. Nella situazione di progetto verrà considerato un ramo 5, in ingresso al Piano Integrato di Intervento. Considerando i volumi di traffico rilevati in corrispondenza dell intersezione a rotatoria è stato effettuato il calcolo della capacità residua. 1

19 STATO DI FATTO - Rotatoria di via Grezze ramo 1 ramo 2 ramo 3 ramo 4 SEP 4,0 0,0 4,0 5,5 ENT 4,5 4,5 4,5 6 ANN 10,0 10,0 10,0 10 STATO DI FATTO - Rotatoria di via Grezze ramo 1 ramo 2 ramo 3 ramo 4 Qu Qe Qc Qu' Qd ,8 Q'e ,2 K Qe/K 0,220 0,069 0,227 0, % Capacità residua Considerando i volumi di traffico indotti dai nuovi insediamenti e l ipotesi di distribuzione precedentemente illustrata si è stimata la capacità residua della rotatoria, considerando anche il ramo 5 d accesso al PII. PROGETTO - Rotatoria di via Grezze ramo 1 ramo 2 ramo 3 ramo 4 ramo 5 SEP 4,0 0,0 4,0 5,5 5 ENT 4,5 4,5 4,5 6 4,5 ANN 10,0 10,0 10, PROGETTO - Rotatoria di via Grezze ramo 1 ramo 2 ramo 3 ramo 4 ramo 5 Qu Qe Qc ,2 511,2 569 Qu' ,1 64,53333 Qd , ,9784 Q'e ,4 145,4545 K Qe/K 0,345 0,558 0,392 0, , % Capacità residua Pertanto, la capacità residua della rotatoria, anche con la realizzazione della scuola e dell insediamento residenziale, risulterebbe ottimale in tutti i rami (la normativa Regionale indica la capacità residua ottimale quella superiore al 30%). 1

20 8 TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Il Piano Territoriale di Coordinamento (PTCP) della Provincia di Brescia prevede la verifica di compatibilità della rete viaria in relazione alla generazione di traffico dovuta ai nuovi insediamenti, riportati dagli strumenti urbanistici e la verifica dell itinerario e delle fermate del mezzo pubblico. La zona in cui sarà creato il nuovo Piano Integrato di Intervento non è attualmente servita da alcuna linea del Trasporto Locale di competenza provinciale. Risulta invece servita dal trasporto urbano del Comune di Desenzano del Garda, ed in particolare dalla linea 3, che collega la zona di via Grezze alla stazione ferroviaria e al centro di Desenzano. Per quanto riguarda il servizio di trasporto dedicato alla scuola si presume verrà svolto mediante mezzi collettivi appositamente dedicati al trasporto di studenti delle scuole elementari, come già accade per la scuola elementare esistente. A servizio della zona residenziale non si ritiene necessario prevedere il passaggio di linee di Trasporto Locale di competenza provinciale in quanto la presenza del trasporto urbano permette di raggiungere facilmente la stazione ferroviari, dove può avvenire lo scambio tra bus urbano e bus extraurbano e tra bus urbano e treno. 2

21 9 CONCLUSIONI Il traffico indotto non determina particolari problemi sulla viabilità a servizio della zona. La capacità residua della rotatoria in ingresso, anche nell ora di punta mattutina, rimane ottimale, senza creare disagi alla viabilità provinciale ed in particolare alla variante alla BSSP11, soprattutto in quanto è previsto che la maggior parte dei veicoli diretti alla scuola provenga dal centro di Desenzano del Garda. Per il trasporto collettivo, il servizio comunale già in esercizio consente, con un apposita fermata, di soddisfare la domanda di trasporto generata dal nuovo insediamento residenziale. 2

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 2012 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Berlingo nel periodo da 26/06/2012 al 28/06/2012 Redatta Giovanni Santoro Verificata e Approvata Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 214 Campagna di Monitoraggio nel Comune di Gussago nel periodo da 5/8/214 al 7/8/214 Reperimento dati Geom. Giovanni Santoro Redazione e verifica Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 21... 6 1.1.1 Sezione 1 Via Milanese... 7 1.1.2 Sezione 2 Via Carducci... 8 1.1.3 Sezione 3 Via Marelli nord... 9 1.1.4 Sezione 4 Via Fiume... 1 1.1.5

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

Relazione sul traffico per ampliamento del sito produttivo ex Durpress, a Chiari

Relazione sul traffico per ampliamento del sito produttivo ex Durpress, a Chiari REDATTO VERIFICATO APPROVATO DESCRIZIONE DATA REV. ING. RAGNOLI ING. SBARDELLA ARCH. SABATTI PRIMA EMISSIONE 30 agosto 2013 00 TITOLO DEL DOCUMENTO: RELAZIONE SUL TRAFFICO PER L AMPLIAMENTO DEL SITO PRODUTTIVO

Dettagli

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO. Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile

INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO. Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile INDAGINE SUI FLUSSI DI TRAFFICO Risultati dell indagine del traffico relativa al progetto Franciacorta Sostenibile Campagna di monitoraggio invernale Comune di Paratico Dal 16 al 18 febbraio 2011 Sommario

Dettagli

Report Monitoraggio Traffico

Report Monitoraggio Traffico 14 Campagna di Monitoraggio presso il Comune di Corzano nel periodo da 1/7/14 al 3/7/14 Reperimento dati Geom. Giovanni Santoro Analisi scientifica Prof. Ing. Maurizio Tira Sommario Premessa... 3 Obiettivo

Dettagli

10 intersezioni e 1 sezione stradale. 12 sezioni in ingresso

10 intersezioni e 1 sezione stradale. 12 sezioni in ingresso La ricostruzione dei regimi di traffico veicolare lungo gli assi della rete viaria di Vimercate ha reso necessaria in fase preliminare l esecuzione di una campagna di rilevamento del traffico corredata

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo STUDIO VIABILISTICO NUOVA AREA DI SERVIZIO CARBURANTI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO TRM ENGINEERING S.r.l. Via della

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG)

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) PREMESSA Lo studio del traffico relativo al Piano del Governo del Territorio si articolerà in tre fasi distinte:

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

COMUNE DI BUSTO ARSIZIO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BUSTO ARSIZIO PROVINCIA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO URBANO DEL TRAFFICO AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE progettazione Certificato UNI EN ISO 9001 n 24163/01/S direzione tecnica emesso da RINA Services SpA TAU trasporti e ambiente

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 - Introduzione...1. Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5. Capitolo 3 Metodologia dello studio...

INDICE. Capitolo 1 - Introduzione...1. Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5. Capitolo 3 Metodologia dello studio... INDICE Capitolo 1 - Introduzione...1 Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5 2.1. Inquadramento dell area di studio...5 2.1.1. Conformazione del territorio...5 2.1.2. Principali infrastrutture

Dettagli

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN π POLINOMIA ingegneria dei trasporti e matematica applicata via Carlo Poerio, 41-20129 Milano - Italy telefono 02-20404942 segreteria@polinomia.it Modello di micro simulazione del traffico Cosa è la micro

Dettagli

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Risultati della campagna di indagine Giugno, 2011 Indice Il documento riporta le elaborazioni dei dati raccolti nella campagna

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA VERIFICA DELLE INTERSEZIONI A ROTATORIE

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA VERIFICA DELLE INTERSEZIONI A ROTATORIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E LA VERIFICA DELLE INTERSEZIONI A ROTATORIE 1 PRESENTAZIONE Con la delibera di Giunta provinciale n. 389 reg. del 28/07/2003 la Provincia di Padova si è dotata di una

Dettagli

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO Relazione Tecnica COMUNE DI POGGIBONSI PIANO STRUTTURALE APPROVAZIONE 1 Indice generale 1Premessa... 3 2Indagini conoscitive...4 2.1Rilievi di traffico...4 2.2Rilievi

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

03.00.00.00 LE INDAGINI DI TRAFFICO. Relazione. 0 Consegna finale 17/12/2012 G.Mastella R. Dall Alba G.Mastella V. Velardi G.Mastella 03.00.00.

03.00.00.00 LE INDAGINI DI TRAFFICO. Relazione. 0 Consegna finale 17/12/2012 G.Mastella R. Dall Alba G.Mastella V. Velardi G.Mastella 03.00.00. 03.00.00.00 2012 03.00.00.00 Relazione - A4 C 0 Consegna finale 17/12/2012 G.Mastella R. Dall Alba G.Mastella V. Velardi G.Mastella C Consegna in bozza di marzo 2011 07/03/2011 L. Arezzini R. Dall'Alba

Dettagli

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE IMPATTO ACUSTICO 1 INDICE 1. PREMESSA...3 2. ANALISI DELLA

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

COMUNE di BAGNOLO S. VITO UFFICIO TECNICO VIA ROMA 29 46031 BAGNOLO SAN VITO

COMUNE di BAGNOLO S. VITO UFFICIO TECNICO VIA ROMA 29 46031 BAGNOLO SAN VITO Prot. n. 3136 del 19/5/2014 Spettabile AUTORITA DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI Via Nizza, 230 10126 TORINO Inviata tramite pec: pec@pec.autorita-trasporti.it OGGETTO: Documento di consultazione per la definizione

Dettagli

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 SETTORE MOBILITA INDIVIDUAZIONE DELL OPERA SULLA RETE PROVINCIALE

Dettagli

Comune di Rivalta (To)

Comune di Rivalta (To) Comune di Rivalta (To) Studio di traffico per autorizzazione CC Rivalta Analisi dello Stato di Fatto Luglio 2004 Indice 1. Inquadramento territoriale...2 2. Caratteristiche Centro Commerciale...3 3. Rilievi

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

Emergenze di oggi prospettive per il domani

Emergenze di oggi prospettive per il domani Assimpredil Ance Emergenze di oggi prospettive per il domani Avv. Marzio Agnoloni Presidente Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. 12 maggio 2014 Profilo della Società Milano Serravalle Milano Tangenziali

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

Progetto. Redatto da. Committente

Progetto. Redatto da. Committente Redatto da Committente Progetto Piazza Monsignor Almici, 23 25124 Brescia T. +39 030 2426398 F. +39 030 2422367 beconsultsrl@beconsultsrl.it beconsultsrl@pec.it Via Meuccio Ruini n 10 42124 Reggio Emilia

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda»

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Settore Urbanistica Operativa, Mobilità e Viabilità Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Premessa Si intende realizzare

Dettagli

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ DELL'EST MILANESE Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Dettagli

COMUNE DI CATANIA PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO. Versione 1.1 REGOLAMENTO DI VIABILITA (Art.36 del D.lgs 285/92)

COMUNE DI CATANIA PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO. Versione 1.1 REGOLAMENTO DI VIABILITA (Art.36 del D.lgs 285/92) COMUNE DI CATANIA PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Versione 1.1 REGOLAMENTO DI VIABILITA (Art.36 del D.lgs 285/92) Settembre 2012 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... - 4 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... -

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI

LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI Settore Lavori Pubblici Quartiere Reno LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI LABORATORIO PARTECIPATO PROGETTIAMO INSIEME IL QUARTIERE 1 Incontro del TAVOLO TEMATICO MOBILITA e SICUREZZA MERCOLEDI 16 MAGGIO

Dettagli

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI 8 Congresso Nazionale CIRIAF Perugia, 5 aprile 2008 ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI Rossella Prandi A. Bertello, E. Bracco,

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04.

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04. Allegato A COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE E AGGIORNAMENTO 2013 Piano di Classificazione Acustica adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera 2014 10 Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza La mobilità giornaliera L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per

Dettagli

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano Studio redatto da: Accordo di programma POLO DEI DISTRETTI PRODUTTIVI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO Via Della Birona,30

Dettagli

2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 5. ANALISI DI DETTAGLIO DI ALCUNE ROTATORIE

2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 5. ANALISI DI DETTAGLIO DI ALCUNE ROTATORIE 1. IL TERRITORIO E L L INCIDENTALITA LE ROTATORIE SULLE STRADE EXTRAURBANE DELLA PROVINCIA DI, 22 FEBBRAIO 21 2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 4. DI MESSA

Dettagli

Ing. RICCARDO THIELLA Via Roma 33-36016 THIENE (VI) tel. 0445-361027 fax 0445-379832 @mail : info@studiothiella.com C.F. THL RCR 79L18 L840T

Ing. RICCARDO THIELLA Via Roma 33-36016 THIENE (VI) tel. 0445-361027 fax 0445-379832 @mail : info@studiothiella.com C.F. THL RCR 79L18 L840T STUDIO TECNICO Ing. RICCARDO THIELLA Via Roma 33-36016 THIENE (VI) tel. 0445-361027 fax 0445-379832 @mail : info@studiothiella.com C.F. THL RCR 79L18 L840T Thiene, 09-02-2015 OGGETTO: Realizzazione di

Dettagli

Rete di progetto: Bretella by-pass di Villa Potenza

Rete di progetto: Bretella by-pass di Villa Potenza Rete di progetto: Bretella by-pass di Villa Potenza Importo Lavori ( ) Lunghezza del tracciato 991,02 m a misura 42.729,32 Larghezza della carreggiata 9,50 m a corpo TOTALE LAVORI di cui per Oneri della

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEMA DI CIRCOLAZIONE (STATO DI FATTO)

SCHEMA DI CIRCOLAZIONE (STATO DI FATTO) AMBITO 5 - Santa Maria di Molgora 5.1 via Rovereto - 5.2 via S. Maria di Molgora - 5.3 uscita Burago Molgora SCHEMA DI CIRCOLAZIONE (STATO DI FATTO) 5.2 Schema di circolazione dello stato di fatto RILIEVO

Dettagli

4.3 Monitoraggio dei flussi veicolari

4.3 Monitoraggio dei flussi veicolari 4.3 Monitoraggio dei flussi veicolari Il dimensionamento del programma di indagini effettuato ha interessato complessivamente 12 sezioni bidirezionali in cui effettuare il solo conteggio manuale dei veicoli

Dettagli

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno Raffaele Grimaldi, Andrea Debernardi, Emanuele Ferrara, Paolo Beria NOTA TECNICA 1/2015 APRILE 2015 TRASPOL LABORATORIO DI POLITICA

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Esempio di software per la valutazione della sicurezza stradale (SafeNet)

Esempio di software per la valutazione della sicurezza stradale (SafeNet) Esempio di software per la valutazione della sicurezza stradale (SafeNet) 1 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE SafeNET v1.0 (Software for accident frequency estimation for NETwork) è un DSS, sviluppato dal TRL

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

Allegato 1(R) alla RELAZIONE. Inquadramento progettuale Asse pedemontano

Allegato 1(R) alla RELAZIONE. Inquadramento progettuale Asse pedemontano Allegato 1(R) alla RELAZIONE Inquadramento progettuale Asse pedemontano PROVINCIA DI PIACENZA Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Piacenza Inquadramento progettuale asse pedemontano All.

Dettagli

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro Un ramo secco rifiorisce? Ferrara Il collegamento tram-treno tra città e nuovo Ospedale Ing. Alberto Croce Dirigente area tecnica AMI - Agenzia Mobilità e Impianti di Ferrara La presentazione 1. Il contesto

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO...

INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO... INDICE INDICE... 1 1 PREMESSA... 2 2 LA ZONIZZAZIONE DELL AREA DI STUDIO... 3 3 L OFFERTA DI TRASPORTO STRADALE... 5 4 LA DOMANDA DI TRASPORTO... 7 5 I RISULTATI DELLE SIMULAZIONI SCENARIO ATTUALE... 12

Dettagli

2. I rilievi sui flussi di traffico

2. I rilievi sui flussi di traffico 41 2. I rilievi sui flussi di traffico La definizione dei flussi di traffico può avere luogo attraverso lo studio delle dinamiche che si manifestano sul territorio comunale; nei tempi recenti, i più moderni

Dettagli

PaReMo Modello di simulazione del traffico nelle Province medio-emiliane Luglio 2010 versione 1.0 POLINOMIA

PaReMo Modello di simulazione del traffico nelle Province medio-emiliane Luglio 2010 versione 1.0 POLINOMIA PaReMo Modello di simulazione del traffico nelle Province medio-emiliane Luglio 2010 versione 1.0 π POLINOMIA Polinomia srl Via Carlo Poerio 41 20129 MILANO Tel 02 20404942 Fax 02 29408735 PaReMo: modello

Dettagli

6 Analisi trasportistica comparativa delle ipotesi di intervento

6 Analisi trasportistica comparativa delle ipotesi di intervento 6 Analisi trasportistica comparativa delle ipotesi di intervento 6.1 Metodologia di lavoro In questo capitolo vengono presentati i risultati delle simulazioni effettuate sugli scenari di progetto. I confronti

Dettagli

committente: oggetto: data consegna: 15 novembre 2010 progetto: MC+SG studio marco camplani architetto T: +39.035.225241 I : via garibaldi 24

committente: oggetto: data consegna: 15 novembre 2010 progetto: MC+SG studio marco camplani architetto T: +39.035.225241 I : via garibaldi 24 Regione Lombardia Provincia di Bergamo COMUNE DI NEMBRO committente: oggetto: APERTURA DI GRANDE STRUTTURA DI VENDITA CENTRO COMMERCIALE RAPPORTO INTEGRATO DI IMPATTO DCR 2 ottobre 2006, n. VIII/215 Programma

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE. Committente: PROTECO engineering S.r.l. Via delle Industrie, 13-30175 VENEZIA MARGHERA (VE)

PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE. Committente: PROTECO engineering S.r.l. Via delle Industrie, 13-30175 VENEZIA MARGHERA (VE) PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Committente: PROTECO engineering S.r.l. Via delle Industrie, 13-30175 VENEZIA MARGHERA (VE) PROGETTO NORMA N. 28 EX-AUTOPARCO P.U.A. IMPATTO SULLA VIABILITÀ

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

LE STRADE DEI VINI E DEI SAPORI DI LOMBARDIA

LE STRADE DEI VINI E DEI SAPORI DI LOMBARDIA M A N U A L E D I I M M A G I N E C O O R D I N A T A INTRODUZIONE LE STRADE DEI VINI E DEI SAPORI DI LOMBARDIA La Lombardia è stata una delle prime regioni che ha sviluppato concretamente l idea di Strade

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Complessità e specificità dell area industriale di Padova

Complessità e specificità dell area industriale di Padova COMUNE di PADOVA Complessità e specificità dell area industriale di Padova Patrizio Mazzetto, Capo Settore Ambiente del Comune di Padova Dennis Wellington, Settore Ambiente del Comune di Padova Padova,

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

Verifica di soluzioni di viabilità alternative per l incrocio C.so Unità D Italia/C.so Maroncelli e progetto della fasificazione semaforica

Verifica di soluzioni di viabilità alternative per l incrocio C.so Unità D Italia/C.so Maroncelli e progetto della fasificazione semaforica Verifica di soluzioni di viabilità alternative per l incrocio C.so Unità D Italia/C.so Maroncelli e progetto della fasificazione semaforica (versione 1. 21/6/2000) INDICE 1. PREMESSA ED OBIETTIVI DELLO

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRADE E DI INTERSEZIONI IN AMBITO URBANO Il D.M. 05/11/2001, il D.M. 19/04/2006.

LA PROGETTAZIONE DI STRADE E DI INTERSEZIONI IN AMBITO URBANO Il D.M. 05/11/2001, il D.M. 19/04/2006. Seminario di aggiornamento LA PROGETTAZIONE DI STRADE E DI INTERSEZIONI IN AMBITO URBANO Il D.M. 05/11/2001, il D.M. 19/04/2006. QUADERNO N 2 PROGETTAZIONE DI INTERSEZIONI IN AMBITO URBANO Relatore: Dr.

Dettagli

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese:

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: Il nodo autostradale di Genova Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: passaggio obbligato per il traffico da e verso la Francia (via valico di Ventimiglia);

Dettagli

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

Agatonisi Srl Largo Porta Nuova 14 Bergamo. Piano attuativo di trasformazione urbanistica UMI 2 Luna park - AT e/i/s 27. Allegati.

Agatonisi Srl Largo Porta Nuova 14 Bergamo. Piano attuativo di trasformazione urbanistica UMI 2 Luna park - AT e/i/s 27. Allegati. Agatonisi Srl Largo Porta Nuova 14 Bergamo Piano attuativo di trasformazione urbanistica UMI 2 Luna park - AT e/i/s 27 Allegati Dicembre 2013 Arch. Pietro Valicenti Arch. Attilio Gobbi Via Grismondi 13/a

Dettagli

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU).

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Allegato B Rilievo delle manovre di svolta all intersezione tra la SP82 via per Treglio e Contrada Villa Martelli. 14 febbraio 2012 [2811ST]

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 CAMPAGNA DI MONITORAGGIO INQUINAMENTO ACUSTICO RUMORE DA TRAFFICO STRADALE COMUNE DI CAMPOGALLIANO ANNO 2011 1/15 Sezione Provinciale di Modena PREMESSA Al fine di verificare i livelli di rumorosità provocati

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli