SESTA STAGIONE MAGGIO 2014 ANNO IX - N. 39 IN PRIMO PIANO. Pubblico e privato insieme, e il welfare funziona PROTAGONISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SESTA STAGIONE MAGGIO 2014 ANNO IX - N. 39 IN PRIMO PIANO. Pubblico e privato insieme, e il welfare funziona PROTAGONISTI"

Transcript

1 Poste Italiane Spa Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1 DCB Milano MAGGIO 2014 ANNO IX - N. 39 PRODOTTI E SERVIZI SOSTENIBILI SESTA STAGIONE IN PRIMO PIANO Pubblico e privato insieme, e il welfare funziona PROTAGONISTI Villaggio Amico, un format vincente GESTIONE L importanza della lavanderia nelle RSA PRODOTTI E SERVIZI Forniture a misura di individuo

2 EDITORIALE Mondo anziani: un capitale da rivalutare La vicissitudini di un importante personalità politica, impegnata in attività socioassistenziali, potrebbe rappresentare un opportunità per strutture di accoglienza socialmente indispensabili, ma spesso un po invisibili e un po ignorate. Ci riferiamo alle case di riposo per anziani e soprattutto ai loro ospiti che, per raggiunti limiti di autonomia, non hanno più la possibilità di autogestirsi negli spazi domestici, e devono ricorrere a servizi di supporto. È un fenomeno sociale che investe tutta la società occidentale che, se ha visto accresciuta la speranza di vita, deve anche affrontare costi di esercizio, innovazioni di servizio e qualifiche professionali di assistenza agli anziani, non sempre raggiungibili. I risvolti socioeconomici, connessi alle esigenze di questo segmento di collettività che rappresenta nel nostro Paese circa un quarto della popolazione, devono essere considerati con particolare attenzione dalla classe politica, per definire strategie di gestione socialmente corrette, conciliando gli interessi di partito, con questa parte di elettorato, in cui confluiscono le aspettative sia degli anziani che dei loro familiari. Destinare quindi maggiori risorse e comprendere le necessità gestionali di queste strutture rappresenta un investimento utile non solo per i diretti interessati, ma per i servizi correlati a queste esigenze, che si traducono in posti di lavoro qualificanti e duraturi nel tempo. 1

3 Lettori & Collaboratori Sarebbe nostro desiderio contare sulla collaborazione dei nostri lettori, per realizzare insieme un prodotto editoriale dedicato a tematiche di particolare rilevanza sociale, come il mondo delle Case di Riposo per ospiti anziani. Nessuno è più qualificato dei gestori di queste strutture, per suggerire indirizzi e procedure gestionali atte a migliorare la qualità dei servizi offerti ai propri ospiti. Dal confronto di progetti e risultati raggiunti, possono scaturire proposte e metodologie da applicare in più ampi contesti. Per raggiungere questo obiettivo, la nostra redazione invierà periodicamente dei sintetici questionari, tramite dalla elaborazione delle risposte potremo presentare una panoramica delle aspettative e delle strategie per migliorare la gestione socioeconomica delle diverse realtà. Questi report saranno quindi successivamente pubblicati sulla rivista Sesta Stagione, garantendo la massima riservatezza sulle fonti. Ultimo ma non ultimo: data la critica situazione che attraversa il mondo dell editoria su carta, un simbolico sostegno economico alla rivista, tramite abbonamento postale, è gradito. 5 numeri della rivista Sesta Stagione per un abbonamento di 20 euro, tramite bonifico sul seguente conto bancario: IBAN: IT 31 Z intestato a Tecnezia srl PRODOTTI E CONSUMI SOSTENIBILI Anno IX - Numero 39 Maggio 2014 Registrazione al Tribunale di Milano n. 783 del 18 ottobre 2005 GESTIONE EDITORIALE: TECNEZIA S.r.l. Via M. Melloni Milano tel DIRETTORE RESPONSABILE: Luigi Vacchelli COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO: Paolo Pipere Simone Ricotta Raffaele Tarchiani Gianluca Tonellotto HANNO COLLABORATO: Matteo Barboni Elena Consonni Luca Maria De Nardo Filippo Introini Alessia Maestripieri Cristian Parravicini Eleonora Valle SOMMARIO IN PRIMO PIANO Pubblico e privato insieme, e il welfare funziona «Cresce il bisogno, non sempre la domanda» Anziani a perdere Un potenziale da esprimere Servizi agli anziani? Nessun taglio di spesa Anni felici, possibilmente! PROTAGONISTI Villaggio Amico, un format vincente Integrare le competenze per il benessere dell ospite Fondazione Molina, un incontro fra generazioni Informatizzazione ed economie Professionalità e garanzia del pulito Il progetto Hotel A di Gallarate Un servizio rigoroso GESTIONE Migliorare si può Profilo editoriale del periodico Sesta Stagione è una iniziativa editoriale di Tecnezia e si presenta sempre come supplemento del periodico Appalti Verdi. L area di lettura è rappresentata da: Dirigenti e personale qualificato delle strutture RSA. Stazioni Appaltanti ed Economati di Provincie e Comuni interessati alla gestione di strutture ospedaliere, case di cura, di riposo o altre collettività. Le Centrali di Acquisto regionali, le ARPA e i principali Assessorati regionali di Ambiente, Attività Produttive, Salute. Le associazioni consumatori. Sesta Stagione rappresenta quindi un opportunità per quelle imprese fornitrici di beni e servizi, interessate a dialogare con il mondo delle Case di Riposo. Dati tecnici Periodicità: Diffusione: bimestrale nazionale tramite posta Tiratura copie: copie circa Foliazione: 56 pagine a colori + copertina Formato: base 210, altezza 280 Stampa: Carta: Materiale per stampa: offset piana patinata 80 gr. CD con file in alta risoluzione STAMPA: Bonazzi Grafica s.r.l. Questo numero è stato chiuso il 15 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46), art. 1, comma 1, DCB Milano - 45% L Editore garantisce la massima riservatezza dei dati in possesso - legge 675/96 - (Tutela Dati Personali) che sono utilizzati al solo scopo di inviare il periodico Appalti Verdi, nonché la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione. Lettere e articoli firmati impegnano tutta e sola la responsabilità degli autori Una situazione da ripensare Nuovi orizzonti Come convertire problemi in vantaggi Cosa non danno le strutture - Cosa vorrebbero gli utenti L importanza della lavanderia nelle RSA Necessità presenti e future per gli ospiti della sesta stagione Sicurezza igienica e comfort PRODOTTI E SERVIZI Forniture a misura di individuo Certificazione C.I.C. compostabile dei prodotti Bioplast

4 SESTASTAGIONE IN PRIMO PIANO di Elena Consonni Pubblico e privato insieme, e il welfare funziona Don Colmegna, alla sinistra della foto, al tavolo dei relatori. Il Rapporto sulla sussidiaretà affronta la questione dell'efficienza e della qualità dei servizi sociali in Italia, in un contesto di risorse ridotte Tommaso Agasisti (secondo da destra) e Giuseppe Guzzetti (terzo da destra) alla presentazione del rapporto Sussidiarietà e... qualità nei servizi sociali, presso il Politecnico di Milano. Il sistema va adeguato all'ospite, non viceversa Alla presentazione del Rapporto sulla Sussidiarietà era presente anche Don Virginio Colmegna della Fondazione Casa della Carità, uno dei protagonisti del welfare sociale degli ultimi anni. Uno dei nostri criteri di gestione ha raccontato - è la valutazione del benessere degli ospiti, prima ancora di quella di carattere economico. Spesso si parte da un sistema organizzativo rigido, cui gli utenti si devono adeguare, mentre sarebbe meglio il contrario, ovvero adeguare il sistema alle necessità dell'ospite. Se ciò induce dei risparmi, tanto meglio. Di norma una struttura si valuta secondo il modello che serve all'accreditamento, invece sarebbe più utile disporre di sistemi di valutazione a posteriori, che tengano conto dei risultati e del gradimento dell'ospite. In Fondazione Casa della carità stiamo lavorando con alcuni enti di ricerca per stabilire scale di valutazione sui risultati. In un periodo di spending review, in cui le risorse vanno sfruttate al massimo, si può lavorare in questa direzione per uscire dalla rigidità prestazionistica e credo che le attività di tipo relazionale siano essenziali in questo processo, perché immettono energie vitali nel programma di assistenza. Anche l'impresa può collaborare in questo ambito per creare valore: è sbagliato separare in modo netto il profit dal non profit. La logica del profitto, se non è esasperata può portare risorse utili anche al non profit. La Fondazione per la Sussidiarietà, in collaborazione con il Politecnico di Milano e con il contributo della Fondazione Cariplo ha realizzato una ricerca che indaga i temi dell'efficienza e della qualità dei servizi sociali in Italia. I risultati sono racchiusi nel Rapporto sulla sussidiarietà 2013/2014, dal titolo Sussidiarietà e... qualità nei servizi sociali, un volumetto recentemente presentato presso il Politecnico di Milano. In un contesto di risorse calanti ha affermato Tommaso Agasisti, del Politecnico di Milano, curatore della ricerca da cui è nato il rapporto - si avverte la necessità di offrire qualità e quantità crescenti di servizi. La risposta a questa situazione è la maggiore integrazione tra pubblico e privato. Ci sono però tre problemi. Il primo è la conoscenza limitata dei costi di produzione dei servizi di welfare; il secondo è la difficoltà di analizzare e misurare i risultati; il terzo è trovare strumenti adeguati per confrontare l'offerta di pubblico e privato. Per cercare di ovviare a questi problemi il gruppo di lavoro del Politecnico guidato dal Professor Agasisti ha analizzato i costi di gestione e il gradimento da parte dell'utenza di strutture pubbliche e private che erogano servizi alla popolazione: asili nido, housing sociale, residenze universitarie, residenze sanitarie assistenziali e centri di riabilitazione. I costi delle RSA sotto la lente Per quanto riguarda il settore delle RSA, sono state prese in esame due realtà operanti a Milano, una pubblica l'azienda Servizi alla Persona Golgi Redaelli e l'altra privata non profit, la Fondazione Moscati. Per calcolarne i costi di gestione, per ciascuna sono state prese 4 macro aree di attività (alberghiere, assistenziali, sanitarie, altre) a loro volta suddivise in...ci sono però tre problemi. Il primo è la conoscenza limitata dei costi di produzione dei servizi di welfare; il secondo è la difficoltà di analizzare e misurare i risultati; il terzo è trovare strumenti adeguati per confrontare l'offerta di pubblico e privato

5 SESTASTAGIONE IN PRIMO PIANO I COSTI PER NATURA Voci di costo Fondazione Moscati ASP Redaelli Euro % Euro % Lavoro (salari e stipendi) % % Materiali di consumo % % Servizi % % Costi indiretti (OVH) % % I RISULTATI DELL ANALISI: COSTI PER ATTIVITÀ Fondazione Moscati ASP Redaelli Euro % Euro % Attività posto letto su totale posto letto su totale Attività alberghiere 18,1 18,2% 19,9 16,0% Mensa 8,0 8,0% 7,5 6,0% Pulizia 5,7 5,7% 1,4 1,1% Lavanderia 1,6 1,7% 3,0 2,4% Manutenzione ordinaria 2,8 2,8% 8,0 6,4% micro-attività. All'area alberghiera fanno capo servizi come la mensa, la pulizia, la lavanderia e la manutenzione ordinaria. L'area assistenziale comprende invece tutti i servizi inerenti l'assistenza continua alla persona anziana, più o meno autosufficiente, ospitata nella struttura. Le attività sanitarie, invece, sono quelle di tipo medico e infermieristico, analisi di laboratorio, somministrazione di farmaci... Tra le "altre" attività sono comprese l'animazione, il servizio sociale e l'amministrazione. Tra le macro aree di spesa, ad assorbire maggiori quote di budget sono quelle di tipo assistenziale (44,1% della spesa nel privato e 38,2% nel pubblico) e sanitarie (rispettivamente 21,4% e 21,6%). Le attività alberghiere concentrano il 18,2% della spesa nella Fondazione Moscati, il 16% presso il Golgi Redaelli. Pur essendo percentuali simili, la composizione della spesa varia abbastanza. Presso la RSA pubblica a incidere maggiormente è la voce manutenzione (6,4%), seguita dalla mensa (6%), dalla lavanderia (2,4%) e dalla pulizia (1,1%). In Fondazione Moscati, invece, è la mensa a incidere maggiormente (8%), seguita dalla pulizia (5,7%). Manutenzione ordinaria e lavanderia rappresentano invece il 2,8% e l'1,7% dei costi complessivi. Complessivamente il costo per posto letto è inferiore nella struttura privata (99 euro al giorno) rispetto a quella pubblica (125 euro/die). Dalle analisi del gradimento delle strutture da parte di ospiti e familiari, non si ricava però una significativa differenza tra le due forme di RSA. Anzi il gradimento è leggermente superiore per la Fondazione Moscati (3,43), rispetto al Golgi Redaelli (3,2). Mentre il gradimento nei confronti delle attività assistenziali è pari (3,2%) nelle due strutture, per le attività di animazione il pubblico supera il privato. Invece, nei servizi sanitari e nell'attività alberghiera il privato sembra incontrare maggiormente il favore degli ospiti. Il paradosso è che ciò non si verifica solo nelle attività in cui la spesa per posto letto è maggiore, come la mensa o la pulizia, ma anche in quelle in cui il privato spende, in termini assoluti e relativi, meno del pubblico, come nel caso della lavanderia. In questo caso la spesa per posto letto nella struttura privata è di 1,6 euro, contro i 3 in quella privata. Il gradimento è invece, rispettivamente 3,5 e 3. Dal rapporto sembra quindi emergere come le scelte di spesa siano guidate dalla necessità di garantire certi standard, più che dalla soddisfazione dell'ospite. Secondo i curatori dello studio la logica per uscire dall'impasse è il principio di sussidiarietà, coniugato con quello della solidarietà, che appaiono oggi necessità imposte dalla crisi e da una rinnovata esigenza di maggiore giustizia sociale. Dal rapporto commenta Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo emerge come non abbia senso fare distinzione tra pubblico e privato nel settore del welfare. La prospettiva migliore è che pubblico e privato si integrino e collaborino. Nel bilancio statale ci sono 60 miliardi da destinare al welfare: al sostegno alle famiglie, agli anziani, alle disabilità. Purtroppo è difficile capire come vengano spesi. Occorre però stimolare la solidarietà e il contributo dei privati per sostenere gli elementi più deboli all'interno della propria comunità. IL CONFRONTO TRA SODDISFAZIONE UTENTI ED EFFICIENZA (COSTI) Fondazione Moscati ASP Redaelli Euro Customer Euro Customer Attività posto letto posto letto Attività aòbergative 23,1 5,88 14,6 6,04 Attività assistenziali 30,7 5,93 29,6 6,56 Attività sanitarie 73,8 6,04 57,5 6,38 Attività amministrative 3,7 6,01 4,3 6,42 TOTALE 5,96 6,35 I RISULTATI: LA CUSTOMER SATISFACTION Fondazione Moscati ASP Redaelli MENSA: 3,4 3,1 qualità dei pasti 3,4 3,1 quantità dei pasti 3,6 3,2 varietà del menù 3,3 3,0 possibilità di modificare i cibi causa disturbi della deglutizione 3,5 3,1 PULIZIA: 3,6 3,1 Cura dedicata all igiene personale 3,6 3,2 Servizi igienici e ambienti 3,5 3,1 LAVANDERIA: 3,5 3,0 Lavanderia 3,5 3,0 IL CONFRONTO TRA SODDISFAZIONE UTENTI ED EFFICIENZA (COSTI) Fondazione Moscati ASP Redaelli Euro Customer Euro Customer Attività posto letto posto letto Mensa 8,0 3,4 7,5 3,1 Pulizia 5,7 3,6 1,4 3,1 Lavanderia 1,6 3,5 3,0 3,0 I RISULTATI DELL ANALISI: COSTI PER ATTIVITÀ Fondazione Moscati ASP Redaelli Euro % Euro % Attività posto letto su totale posto letto su totale Attività albergative 23,1 13,7% 14,6 11,1% Pulizia 3,3 2,0% 3,5 2,7% Lavanderia 1,7 1,0% 1,8 1,4% Manutenzione ordinaria 0,0 0,0% 2,5 1,9% Costi albergativi generali 12,3 7,3% 6 7

6 SESTASTAGIONE IN PRIMO PIANO di Elena Consonni «Cresce il bisogno, non sempre la domanda» Gli effetti dei mutamenti socio-economici in atto si fanno sentire anche nel mondo della residenzialità assistita, come spiega Antonio Sebastiano, direttore dell Osservatorio RSA della LIUC Università Cattaneo Antonio Sebastiano. Anche il mondo delle RSA deve confrontarsi con le dinamiche congiunturali in atto: crisi economica, contenimento della spesa pubblica e aumento delle popolazione. «A fronte dell allungamento dell'età media spiega Antonio Sebastiano, direttore dell'osservatorio RSA si assiste a un aumento del bisogno, ma ciò non sempre si traduce nell'incremento della domanda, spesso anche per ragioni economiche. Anche dove c'è un contributo pubblico, infatti, è sempre prevista una compartecipazione a carico dell'utente di entità non irrilevante. A questo va aggiunto il fatto che tra licenziamenti e cassa integrazione in molte famiglie ci sono persone libere che possono dedicarsi all'assistenza degli anziani. L'ingresso nelle RSA viene quindi rimandato il più possibile e le strutture si trovano a dover assistere un'utenza sempre più compromessa e con gravi livelli di non autosufficienza. Ciò implica una complicazione nella gestione dell'ospite e un aggravio di costi. Quella del privato accreditato resta la formula più comune; il puro privato funziona solo in casi particolari». Regole e condizioni per l'accreditamento variano su base regionale. A seconda dell'area geografica possono cambiare l'entità della contribuzione pubblica, la com- petenza delle spese mediche (in alcuni casi farmaci e assistenza medica restano in capo al servizio sanitario, in altri alle RSA) e le stesse modalità di accesso alle strutture. «In alcune regioni spiega è l'attore pubblico ad accertare che il bisogno di un cittadino è tale da richiedere l'ingresso in una RSA; a volte gestisce anche le liste d'attesa. Altrove, come in Lombardia, almeno fino a questo momento, non c'è nessuna forma di filtro pubblico, perciò l'utente può accedere liberamente alla struttura. A mio parere una forma intermedia, con un supporto dell'ente pubblico nel momento dell'accesso, rappresenta la soluzione ideale. A livello gestionale, invece, ritengo che la scelta della Regione Lombardia (quella di avere un medico integrato nella struttura) sia la migliore, anche se impatta sui costi». Tra i servizi di tipo alberghiero, ce ne sono alcuni obbligatori e altri facoltativi (come il lavaggio della biancheria degli ospiti). La retta può essere onnicomprensiva o specificare quale servizi devono essere pagati con una integrazione. «Non mi risulta afferma Sebastiano che ci siano dei requisiti minimi da rispettare relativamente ai servizi di tipo alberghiero se non quelli che rimandano a normative di carattere trasversale (sicurezza, HACCP, edilizia, etc.). Il principio che si applica è che deve essere garantito un adeguato servizio all'utente». In questo contesto si collocano anche le forme di assistenza più leggera, format diversi, ciascuno con le sue peculiarità gestionali: dagli appartamenti protetti, dove ogni ospite può provvedere da solo alla preparazione dei pasti e alla pulizia dei propri spazi, alle comunità alloggio o alle case albergo, dove i servizi non sanitari sono organizzati in maniera simile alle RSA. «In Lombardia spiega Sebastiano hanno un peso ancora marginale, sebbene in crescita. Va però sottolineato che sono rivolte a un'utenza diversa rispetto alle RSA, sarebbe sbagliato confondere le due tipologie di assistenza. In queste strutture non è in genere previsto un contributo pubblico, solo l'assistenza sanitaria è in capo al servizio sanitario. Perciò risultano vincenti solo se praticano tariffe concorrenziali»....a mio parere una forma intermedia, con un supporto dell'ente pubblico nel momento dell'accesso, rappresenta la soluzione ideale... L'ingresso nelle RSA afferma Antonio Sebastiano, direttore dell'osservatorio RSA della LIUC Università Cattaneo viene rimandato il più possibile e le strutture si trovano a dover assistere un'utenza sempre più compromessa e con gravi livelli di non autosufficienza. 8 9

7 SESTASTAGIONE IN PRIMO PIANO Anziani a perdere di Matteo Barboni NEWS...Così l individuo autonomo è spesso lasciato in autogestione o in relazione al rapporto diretto con la famiglia, senza valutare il grande desiderio di queste persone di sentirsi utili o di coltivare interessi personali... Il prolungamento della vita media impone una riformulazione dei modelli attualmente in atto, sbilanciati sull assistenza ma non sulla proattività dei soggetti In continua crescita e destinati a prevalere sulle altre fasce d età, gli anziani, o come si preferisce definirli, i diversamente giovani sono una realtà complessa. Ormai assodato il prolungamento della vita media, tanto da inquadrare oggi una terza età ma anche una quarta età, le proposte per questa nuova categoria sociale sono infatti ancora scarse e scoordinate. Il Sistema Sanitario Nazionale si è infatti concentrato quasi esclusivamente sulle persone non autosufficienti, mentre scarsa attenzione è stata rivolta alla gestione degli over 65 pienamente autosufficienti. Così l individuo autonomo è spesso lasciato in autogestione o in relazione al rapporto diretto con la famiglia, senza valutare il grande desiderio di queste persone di sentirsi utili o di coltivare interessi personali. Una collettività che è stata anche oggetto di speculazione da parte di chi ne ha visto una nuova massa di soggetti spendenti, generando una serie offerte commerciali, spesso senza che vi sia però una reale conoscenza dei desideri e delle aspirazioni di questo target. Non mancano soluzioni modello attuate dalle autonomie locali ma, nel complesso, la situazione appare ben lontana da alcune formule virtuose adottate in altri stati europei, pur avendo il Belpaese un enorme potenziale non sfruttato. Una disconnessione tra domanda e offerta, tra richiedenti e proponenti, o meglio, non proponenti, tale da lasciare ampio spazio di manovra a chi volesse cogliere questa sfida, non facile ma potenzialmente foriera di grandi risultati, sia sociali che economici. Basti pensare alla creazione di aree residenziali a misura di anziano, a soggiorni prolungati in luoghi di villeggiatura in strutture alberghiere altrimenti chiuse, generando occupazione in nome di una destagionalizzazione tanto invocata, ma forse poco ricercata, dal mondo turistico stagionale. Le opportunità non mancano e potrebbero essere un alternativa ai tanti circoli dove queste persone socializzano, praticano qualche forma di attività ludica, ma di fatto sono parcheggiate senza che vi siano progetti, stimoli e motivazioni che possano farle sentire socialmente e intimamente utili. L Emilia-Romagna, da sempre tra le Regioni più all avanguardia, ha iniziato a sviluppare questo concetto, con casi di successo che non precludono potenziali innovazioni. Certificazioni di qualità, ampliamento dei servizi, nuove proposte, gruppi d acquisto e organizzazione intelligente delle risorse del territorio potrebbero essere valide alternative da valutare e proporre per un futuro ormai molto prossimo. PIÙ SERVIZI CON IL VENDING Nel mondo delle case di riposo il vending ha due facce, quella dei classici distributori automatici, presenti nelle aree comuni, da cui ospiti, personale e visitatori possono ritirare la bevanda o lo snack preferito e quella del servizio Horeca, destinato al momento della colazione degli ospiti. Orobica Caffè presidia entrambe le aree. Nel primo caso i distributori - modificando l'accettatore e il relativo software di gestione offrono versatilità nella modalità di pagamento e permettono anche di impostare formule promozionali. Nel caso del servizio Horeca, si tratta di apparecchi che erogano bevande calde, utilizzate dal personale addetto alla sala colazione. Il servizio diventa così più semplice e richiede meno personale. PULIZIA E SANIFICAZIONE CON IL VAPORE Per il mondo della sanità IPC propone sistemi integrati di macchine, attrezzature e materiali di consumo che rappresentano una soluzione completa alle esigenze di pulizia e sanificazione nelle diverse aree di rischio. Sanivap, in particolare, è il sistema leader in Europa per la pulizia e disinfezione, mediante vapore saturo ad erogazione costante e controllata, delle strutture sanitarie, in grado non solo di pulire ma altresì di prevenire qualsiasi rischio di infezione collegato a una cattiva igiene della camera degenza, contribuendo così al buon livello di confort per il paziente. Il sistema, certificato per la pulizia e disinfezione dei letti a uso ospedaliero, è inoltre adatto per la pulizia e la sanificazione dei pavimenti, delle superfici verticali, mobili, sedie poltrone e toilettes grazie ai diversi accessori in dotazione. Per maggiori informazioni: DISPOTECH, AL SERVIZIO DELLE RSA DISPOTECH, Your Disposable Excellence, è riconosciuta nel mondo per la produzione di articoli monouso destinati a diversi settori: medicale, dentale, farmaceutico, promozionale, sportivo e GDO. Per ottimizzare il servizio degli operatori sanitari nelle RSA, DISPOTECH propone manopole monouso, realizzate in TNT. Caratterizzati da grande resistenza e assorbenza, questi articoli consentono di insaponare e sciacquare il paziente in modo estremamente delicato. Le manopole sono disponibili non accoppiate o accoppiate con PE per assicurare all operatore mani sempre asciutte e isolate. Per maggiori informazioni: OTTIMIZZARE LE RISORSE DI STAMPA Dal 1993 SAPI è leader in Italia nella produzione di cartucce ricostruite: grazie ad una costante ricerca finalizzata alla qualità, l azienda ha ottenuto diverse certificazioni (ISO 9001 ISO 14001) e riconoscimenti (Award Ecohitech, Premio Innovazione Amica dell Ambiente) diventando uno tra i primi dieci produttori europei. Con i prodotti SAPI è possibile mantenere in perfetta efficienza le proprie stampanti contenendo i costi di gestione e potendo contare su un servizio just in time completo di assistenza in remoto. L azienda propone contratti chiari con un costo copia definito ed una fatturazione sui reali consumi, grazie all innovativo progetto SGS, Servizio Globale Stampanti, sviluppato per ridurre al minimo i costi di stampa-copia attraverso una gestione ottimale dei dispositivi. Per maggiori informazioni:

8 SESTASTAGIONE IN PRIMO PIANO di Matteo Barboni Un potenziale da esprimere...le normative nazionali e regionali hanno determinato un innalzamento del livello qualitativo dell'assistenza nelle RSA, ma la compartecipazione degli enti (comuni, ausl) che dimezzerebbe la tariffa a carico dell'utente, è limitata ad un numero esiguo di posti letto... Il settore socio-sanitario residenziale è un potente ed affidabile motore di sviluppo per la nostra società Valutando gli sviluppi potenziali del settore socio-sanitario residenziale, si comprende come quest ultimo abbia tutte le caratteristiche per generare non soltanto un miglioramento della condizione degli anziani, ma anche una ricaduta positiva su tutta la filiera. A spiegarlo è il professor Alberto De Santis, Presidente ECHO, Federsalute ed ANASTE, partendo dall analisi della situazione attuale. Il sistema assistenziale delle RSA necessita di una profonda revisione illustra De Santis e l attuale modello deve essere integrato da una rete di servizi da offrire al territorio". In tal senso, ANASTE nel 2011 fece una proposta di implementazione delle strutture, proponendo un nuovo modello di RSA in grado di prendere in carico l intero territorio in cui offre i servizi: dall assistenza domiciliare, al sollievo per le famiglie con un diurno per i malati di Alzheimer, servizi di telemedicina ecc. Focalizzando sulle criticità, il Presidente sostiene come l'attivazione dell'accreditamento anche in ambito socio-sanitario abbia determinato un passo avanti nel processo di crescita e di integrazione, ma come l'eccessiva frammentazione di modelli regionali costituisca una barriera ad una equiparazione dei diritti, mentre ciò che penalizza ingiustamente le strutture socio-sanitarie è l'attuale normativa fiscale. Nello scenario attuale, le normative nazionali e regionali hanno determinato un innalzamento del livello qualitativo dell'assistenza nelle RSA, ma la compartecipazione degli enti (comuni, ausl) che dimezzerebbe la tariffa a carico dell'utente, è limitata ad un numero esiguo di posti letto. "Noi privati siamo pronti ad investire ma chiediamo certezza e trasparenza nelle norme e ampliamento degli Accreditamenti. Siamo convinti che le RSA svolgeranno un ruolo chiave nel futuro del SSN, facendosi sempre più carico della cronicità e liberando gli Ospedali dalla enorme mole di ricoveri inappropriati e costosissimi che non è più possibile sostenere". Un miglioramento che deve coinvolgere anche i fornitori. Sempre più spesso si assiste ad un fenomeno di specializzazione, con i gestori di servizi alla persona che decidono di concentrarsi sul servizio Core, delegando pasti, guardaroba, manutenzioni ecc ad altre aziende che sono in grado di raggiungere più elevati livelli di efficienza. "Crediamo fermamente che si debba passare dall'attuale dinamica fornitorecliente ad una più moderna forma di vera e propria partnership strategica. spiega De Santis Oggi in molte regioni è richiesta la cosiddetta unitarietà gestionale, ciò garantisce l'utente rispetto al processo assistenziale chiarendo linee gerarchiche e punti di controllo. Ovviamente, l'integrazione deve necessariamente riguardare anche operatori di diversi soggetti che collaborano sinergicamente all'erogazione del servizio". Vi sono inoltre strade e modelli da seguire. Ad esempio già negli anni scorsi sono sorti consorzi di acquisto e vere e proprie reti d'impresa che stanno crescendo e sviluppandosi, come si vede su Non meno importante è la costante implementazione della qualità dei servizi e della qualità della vita percepita dagli ospiti. "Moltissimi nostri Associati hanno effettuato il percorso della Certificazione della qualità illustra il Presidente e l Associazione ha fatto una campagna: in tal senso ci sono stati scambi sulle buone pratiche. Esistono già esempi radicati e decennali, come quello di alcuni gruppi o consorzi". Anche la tracciabilità dei materiali riveste un ruolo di primo piano, tanto che lo stesso De Santis ritiene come si vada sempre di più verso questa buona pratica, che rappresenta una garanzia, anche per i gestori delle residenze e che deve considerare, oltre ai materiali, anche la tracciabilitá del paziente durante le varie fasi del processo terapeutico assistenziale per garantire sicurezza ed efficacia. Non mancano poi i suggerimenti, a fronte delle esperienze maturate, partendo dall'idea, fortemente sostenuta da De Santis, che sia indispensabile far comprendere che il settore socio-sanitario residenziale sia compreso per quello che realmente è: un potente ed affidabile motore di sviluppo per la nostra società. "Genera numerosissimi posti di lavoro, non può delocalizzare, paga ingentissime tasse, contribuisce a migliorare l'efficenza e l'appropriatezza dei ricoveri ospedalieri, genera un massiccio indotto territoriale, consente alle famiglie di dedicarsi al lavoro, garantendo dignità, sicurezza e qualità della vita agli anziani fragili". Alcune considerazione, a cui potrebbero seguirne molte altre, volte a dimostrare come questo settore possa esprimere un grande potenziale e come un suo sviluppo rappresenti pertanto una sfida volta al cambiamento, in nome di un miglioramento e di una generale ricaduta positiva su tutti....moltissimi nostri Associati hanno effettuato il percorso della Certificazione della qualità, e l Associazione ha fatto una campagna: in tal senso ci sono stati scambi sulle buone pratiche. Esistono già esempi radicati e decennali, come quello di alcuni gruppi o consorzi

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano.

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. CENTRO DIURNO INTEGRATO T GRUPPO P SEGESTA E S SACCARDO C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. Il Centro Diurno Integrato Alzheimer (C.D.I.)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI Il progetto d innovazione CASA RUSCONI 1 Cos era la CASA RUSCONI: La casa Rusconi nasce come Comunità Alloggio nella prima metà degli anni 80 Grazie al lascito del dott. Ingegnere-architetto Antonino RUSCONI

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA

L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA DI CASTELFRANCO EMILIA (MO) 8 Giugno 2012, ore 20,00 L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA Partecipano: Casini Laura Cassanelli Barbara Caliendo Paola Fanti Maurizio Mahamid Mohamed

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO Art. 1 DEFINIZIONE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER ANZIANI Il Centro Diurno (C.D.) è una struttura semiresidenziale

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

Destinatari e ammissione

Destinatari e ammissione 28 1. CENTRO DIURNO 1 Destinatari e ammissione Scopo e destinatari Hanno diritto ad usufruire di tale servizio le persone adulte-anziane con limitata autonomia residenti nel Comune di Trento. Il Centro

Dettagli

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione C.C. n.64 del 26.11.1999) Art. 1 Rete integrata di Servizi per Anziani Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e l'attività di una

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DEL CENTRO DIURNO

SCHEDA INFORMATIVA DEL CENTRO DIURNO SCHEDA INFORMATIVA DEL CENTRO DIURNO CENTRO DIURNO BIBBIANO CENTRO DIURNO BIBBIANO Via ROSEMBERG,8 42021 BIBBIANO(RE) TEL. 0522 882003 FAX 0522 240624 mail : cd-bibbiano@coopselios.com Pag. 1/7 Rev. del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

PUNTO SERVICE Cooperativa sociale a r.l. NUOVIDEA Cooperativa sociale RIBAUDO F.LLI s.a.s.

PUNTO SERVICE Cooperativa sociale a r.l. NUOVIDEA Cooperativa sociale RIBAUDO F.LLI s.a.s. R.T.I. PUNTO SERVICE Cooperativa sociale a r.l. NUOVIDEA Cooperativa sociale RIBAUDO F.LLI s.a.s. RESIDENZA VIA DELLE PRIMULE TORINO Torino, 1 dicembre 2009 L Ente aggiudicatario Aggiudicataria del lotto

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa

Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa Sanremo Convenzionato col sistema Sanitario CARTA DEI SERVIZI Guida all'accesso ai servizi Periodo di riferimento 2013 1 SOMMARIO

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Formulario per la presentazione

Dettagli

APRE A MONZA UN ECCELLENZA ASSISTENZIALE PER MALATI DI SLA E IN STATO VEGETATIVO

APRE A MONZA UN ECCELLENZA ASSISTENZIALE PER MALATI DI SLA E IN STATO VEGETATIVO APRE A MONZA UN ECCELLENZA ASSISTENZIALE PER MALATI DI SLA E IN STATO VEGETATIVO Verrà inaugurato il 18 gennaio prossimo alle ore 10,30 a Monza un innovativo centro destinato all accoglienza di malati

Dettagli

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CASA RESIDENZA / CASA PROTETTA PER ANZIANI CITTA DI SALSOMAGGIORE Città di Salsomaggiore INDICE Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

o o o o o o o o o o o o o DIRITTO ALL INFORMAZIONE Ogni Ospite ha il diritto di richiedere e ottenere informazioni puntuali riguardo l'accettazione e l'espletamento delle pratiche

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Le politiche per la terza età L'invecchiamento è un processo naturale che riguarda tutte le persone e che si sviluppa in modo differenziato secondo i contesti familiari, culturali, sociali nei quali esso

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

Monitoraggio e certificazione dei servizi di assistenza domiciliare

Monitoraggio e certificazione dei servizi di assistenza domiciliare Monitoraggio e certificazione dei servizi di assistenza domiciliare Esigenza L assistenza domiciliare è definita come "la possibilità di fornire, presso il domicilio del paziente, quei servizi e quegli

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus. centro diurno

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus. centro diurno RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro diurno 5,1 Presentazione dell ente La fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus nasce negli

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Presidente Impellizzeri Francesco

CARTA DEI SERVIZI. Il Presidente Impellizzeri Francesco CASA DI RIPOSO PROTETTA VILLA HELVETIA Centro Servizi Socio Assistenziali Strada per San Giovanni,42 95045 Misterbianco (CT) Tel. 095-399317 Fax 095-399935 P.IVA 03257730873 CARTA DEI SERVIZI Presentazione

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 24 2. TITOLO AZIONE EDUCATIVA DOMICILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

10% non ha NESSUNA camera climatizzata. In Sicilia l 84% degli alberghi ha TUTTE le stanze climatizzate, il 3% ALCUNE e il 13% NESSUNA.

10% non ha NESSUNA camera climatizzata. In Sicilia l 84% degli alberghi ha TUTTE le stanze climatizzate, il 3% ALCUNE e il 13% NESSUNA. Indagine comparativa sulla qualità dell offerta alberghiera calabrese e siciliana di medio livello (Tre stelle) L indagine è stata realizzata dal Gruppo di studio sulla Qualità Totale nel turismo presso

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli