Per la gestione dei reflui nelle stalle

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per la gestione dei reflui nelle stalle"

Transcript

1 PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette senza paglia, con pavimento fessurato e fosse di stoccaggio sottostanti, e. euro della stalla a lettiera permanente. Ma il costo non è l unico parametro su cui basare la scelta della tipologia strutturale di P. Ferrari, M. Barbari, P. Rossi, A. Gastaldo Per la gestione dei reflui nelle stalle per bovine da latte sono necessari impianti, strutture e macchine che influiscono sui costi di produzione e sulla qualità degli effluenti destinati all utilizzo agronomico. Nel presente lavoro vengono messi a confronto i costi di esercizio di tipologie di impianti, per arrivare a fornire alcune indicazioni utili agli allevatori TABELLA - Le tipologie di stalla progettate talla e trattrice con lama raschiante e raschiatori di paglia, pavimento pieno e raschiatori, separatore di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con torre di carico, separatore di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con pompe, separatore fessurato e fosse di stoccaggio fessurato e fosse di veicolazione con ricircolo, separatore Lettiera permanente, pavimento pieno Lettiera inclinata, pavimento pieno nella scelta del sistema più adatto alla propria realtà aziendale. Caratteristiche tecniche delle stalle progettate Per il calcolo dei costi di esercizio si è proceduto alla definizione puntuale delle caratteristiche tecniche delle nove tipologie di stalla standardizzate riportate in tabella. Per ciascuna tipologia è stato ipotizzato il sistema di gestione dei reflui ritenuto più idoneo per limitare il fabbisogno di manodopera, tra quelli rilevati in un indagine campionaria condotta su aziende di bovine da latte dell Emilia-Romagna, nell ambito del progetto di ricerca «Ge- stione reflui bovini». L esigenza di meccanizzazione e di automatizzazione del lavoro nelle stalle per bovine da latte è motivata dal sempre più difficile reperimento della manodopera nel settore zootecnico, oltre che dalla necessità di limitare i costi di produzione. Costi di rinnovo lettiera e asportazione deiezioni I costi annui di esercizio per le operazioni di scarico, distribuzione e rinnovo dei materiali da lettiera nelle zone di riposo delle nove tipologie di stalla standardizzate sono illustrati in tabella ; tali costi, variabili da. a. euro/anno (in media. euro/anno), risultano proporzionali ai consumi di lettiera. Per le operazioni di asportazione delle deiezioni i costi annui di esercizio sono illustrati sempre in tabella. Gli importi variano da un minimo di 0 a un massimo.0 euro/anno (in media.0 euro/anno), in relazione al maggiore o minore impiego di manodopera, macchine, impianti e attrezzature. Per la stalla, a cuccette con fosse di talla con concimaia a platea con muri perimetrali e separatore della frazione solida dei liquami 0/00 L Informatore Agrario

2 PECIALE TABELLA - Costi di rinnovo della lettiera e per l asportazione delle deiezioni nelle nuove tipologie di stalle standardizzate per 00 capi talla Cuccette con paglia, pavimento pieno e trattrice con lama raschiante Cuccette con paglia, pavimento pieno e raschiatori di paglia, pavimento pieno e raschiatori, separatore di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con torre di carico, separatore di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con pompe, separatore fessurato e fosse di stoccaggio fessurato e fosse di veicolazione con ricircolo, separatore Lettiera permanente, pavimento pieno Lettiera inclinata, pavimento pieno trattrice + forca frontale trattrice+lancia-paglia trattrice+trincia-lanciapaglia trattrice + traino Costo paglia Costo segatura Costo manodopera Costo totale per rinnovo lettiera Costo trattrice con lama raschiante Costo trattore con pala frontale (euro/annuo) Costo manodopera Consumo elettrico totale per asportazione deiezioni (kwh/anno) Costo unitario energia elettrica (euro/kwh) Costo energia elettrica Costo totale per asportazione deiezioni , , , , , , , , ,0 I costi di rinnovo della lettiera variano da. a. euro/anno. I costi relativi all asportazione delle deiezioni, invece, variano da 0 (nella stalla con pavimento fessurato e sottostanti fosse di stoccaggio) a.0 euro/annuo (nella stalla per il largo uso di macchine agricole e manodopera). stoccaggio sotto fessurato, si stimano costi nulli poiché si ipotizza che l asportazione dei liquami dalla stalla mediante loro miscelazione, pompaggio e aspirazione rientri tra le normali operazioni di svuotamento delle vasche di stoccaggio dei liquami per lo spandimento agronomico, così come avviene per le altre tipologie di stalle. I sistemi di asportazione meccanizzata delle deiezioni mediante trattrice con pala idraulica o con lama raschiante (come per le tipologie e ) comportano i costi di esercizio più elevati (macchine agricole e manodopera). Anche per i sistemi di asportazione mediante pompaggio (tipologie e ) si stimano costi relativamente elevati, tenuto conto dei consumi elettrici derivanti dal funzionamento dei motori elettrici che azionano le pompe. Fabbisogni e costi totali di manodopera per le operazioni di rinnovo dei materiali da lettiera e di asportazione del- le deiezioni all interno del corpo stalla, esclusa la pulizia dei locali di mungitura, variano da un minimo di a un massimo di ore/anno; di conseguenza i relativi importi variano da un minimo di.0 a un massimo di. euro/anno (in media. euro/anno). Costi di esercizio per la gestione dei reflui I costi totali annui di esercizio per le operazioni di rinnovo dei materiali da lettiera e di asportazione delle deiezioni all interno dei corpi stalla (esclusa la pulizia dei locali di mungitura) risultano in media di. euro/anno e variano Il fabbisogno annuo di manodopera per cambio lettiera e asportazione deiezioni va da a ore a seconda del tipo di stalla; il costo medio è di. euro all anno da un minimo di. a un massimo di. euro/anno (tabella ). I costi di esercizio più elevati risultano quelli dove maggiore è l impiego di manodopera, di paglia e di macchine agricole per la distribuzione e l asportazione della lettiera, soprattutto nella tipologia a lettiera permanente (. euro/anno), cui seguono in ordine decrescente la stalla a cuccette con paglia senza raschiatori automatici (.0 euro/anno), la a lettiera inclinata (0. euro/anno) e la a cuccette con paglia e raschiatori automatici (.0 euro/anno). Il costo più basso, pari a. euro/ anno, è stato calcolato per la tipologia a cuccette con fosse di stoccaggio sottostanti le corsie a pavimento fessurato 0 L Informatore Agrario 0/00

3 PECIALE (stalla ); in questo caso i costi sono limitati alla reintegrazione dei materassini e alla distribuzione stagionale in cuccetta di segatura in modeste quantità ( kg/giorno per capo) per mesi/anno. Tuttavia si osserva che in questo valore non sono comprese eventuali spese per la movimentazione e/o il ricircolo periodici del liquame all interno delle fosse, operazioni che in talune aziende vengono effettuate frequentemente per limitare la sedimentazione nelle fosse. Costi di gestione per tipologia di stalla I costi totali annui di gestione sono stati calcolati per le nove tipologie di stalle standardizzate come somma tra il costo di esercizio totale per la gestione dei reflui e le quote di reintegrazione, manutenzione, assicurazione e interessi relativi al solo corpo stalla, escluso il corpo mungitura (tabella ). In media risultano pari a.000 euro/anno. Dal confronto tra le diverse tipologie di stalla emergono considerazioni utili per le aziende bovine da latte i cui titolari devono affrontare scelte nella proget- TABELLA - Costi totali di gestione dei reflui delle nove tipologie di stalle standardizzate per 00 capi talle e trattrice con lama raschiante e raschiatori di paglia, pavimento pieno e raschiatori, separatore di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con torre di carico di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con pompe, separatore fessurato e fosse di stoccaggio fessurato e fosse di veicolazione con ricircolo, separatore Lettiera permanente, pavimento pieno Lettiera inclinata, pavimento pieno Costo di esercizio per rinnovo lettiera e asportazione deiezioni tazione o nella ristrutturazione dei ricoveri zootecnici. talla a lettiera permanente. La stalla a lettiera permanente risulta quella più onerosa (. euro/anno) a causa degli elevati costi di Quote di reintegrazione Quote di manutenzione Quote di assicurazione Interessi Costo totale di gestione I costi di esercizio più elevati sono quelli delle stalle, a lettiera permanente e, a cuccette con paglia e raschiatori automatici, entrambe sopra i.000 euro/anno. Il costo totale annuo di gestione oscilla tra. e. euro e il valore medio è di circa.000 euro annui esercizio per il rinnovo della lettiera e l asportazione delle deiezioni, nonostante i costi relativamente contenuti relativi alle quote annue di reintegrazione, manutenzione, assicurazione e interessi. Inoltre presenta lo svantaggio, proprio delle stalle a lettiera, di comportare un elevato grado d imbrattamento delle bovine, normalmente superiore a quello riscontrabile nelle stalle a cuccette. Ciononostante questa stalla può presentare il vantaggio di produrre un elevata quantità di letame paglioso che, in determinate realtà aziendali, può essere apprezzato per le sue qualità ammendanti. Cuccette senza paglia con ricircolo. La tipologia a cuccette senza paglia, con pavimento fessurato, fosse di veicolazione, ricircolo e separatore segue in ordine decrescente di costo totale di gestione (. euro/anno). Diversamente dalla precedente, questa stalla presenta bassi costi di esercizio per rinnovo lettiera e asportazione deiezioni (. euro/anno), ma quote annue elevate di reintegrazione, manutenzione, assicurazione e interessi. Il cospicuo impiego di capitali in strutture (pavimentazioni fessurate e fosse di veicolazione) e impianti (pompe, separatore) produce vantaggi in termini di automazione del lavoro e di diversificazione dei reflui, con produzione di frazione solida, assimilabile a letame, e di liquame chiarificato, che risulta di più semplice gestione ai fini dell utilizzo agronomico su prati di foraggere rispetto al liquame tal quale. Cuccette con poca paglia, ricircolo e pompe. La stalla a cuccette, con uso modesto di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con pompe e separatore, presenta costi di gestione relativamente alti (.0 euro/anno) a causa dell elevata dotazione impiantistica per il trattamento e il ricircolo del liquame; particolarmente onerosa risulta la pompa di elevata potenza, utilizzata per sviluppare la portata idraulica di liquame, necessaria per un asportazione efficace delle deiezioni dalle corsie. Cuccette con poca paglia, ricircolo e torre di carico. La stalla, simile alla precedente ma con torre di carico invece della pompa per il ricircolo del liquame, risulta più economica della stalla (0.0 contro.0 euro/anno) sia nei costi di esercizio per rinnovo lettiera e asportazione deiezioni, sia nelle quote annue di reintegrazione, manutenzione, assicurazione e interessi; infatti la torre di carico, quando correttamente dimensionata, risulta la soluzione tecnica più economica ed efficiente per generare le elevate portate idrauliche necessarie per un efficace pulizia delle corsie, specie se queste sono di grandi dimensioni. In molte stalle che adottano il sistema di ricircolo superficiale, al posto della paglia trinciata viene impiegata segatura in quantitativi analoghi ( kg/giorno per capo), con costi di esercizio abbastanza simili. Le stalle e presentano i vantaggi connessi all elevato grado di automazione delle operazioni di distribuzione della lettiera e di asportazione delle deiezioni oltre che alla produzione di liquame chiarificato e di frazione solida ottenuti dal trattamento di separazione meccanica. Il sistema di pulizia mediante ricircolo superficiale risulta particolarmente economico in 0/00 L Informatore Agrario

4 PECIALE TEMPI DI LAVORO DI MOTORI, MACCHINE E MANODOPERA E CONUMI DI MATERIALI DA LETTIERA Calcolo dei costi unitari di gestione Nella tabella sottostante sono riportate, per ogni tipologia di stalla, i tempi di lavoro di motori, macchine e manodopera e i consumi di materiali da lettiera. Costo macchine. La stima dei costi orari di esercizio delle macchine agricole per l esecuzione delle operazioni di scarico e distribuzione dei materiali da lettiera e per l asportazione meccanizzata delle deiezioni da corsie a pavimentazione piena e da zone di riposo a lettiera permanente è stata effettuata attraverso il calcolo dei costi fissi di reintegrazione, interesse, assicurazione e ricovero e dei costi variabili di riparazione, manutenzione, combustibili e lubrificanti, esclusi i costi di manodopera per la conduzione delle macchine: trattrice della potenza di 00 kw con forca idraulica frontale per scarico lettiera da strutture di stoccaggio (, euro/ora); trattrice della potenza di 0 kw con macchina srotola-lanciapaglia per la distribuzione meccanizzata di lettiera in zona di riposo (, euro/ora); trattrice della potenza di 00 kw con pala idraulica frontale per asportazione deiezioni in zona di riposo di stalla a lettiera permanente (, euro/ora); trattrice della potenza di 0 kw con macchina trincia-lanciapaglia per distribuzione meccanizzata della lettiera in zona di riposo (, euro/ora); trattrice della potenza di 0 kw con lama raschiante per asportazione deiezioni meccanizzata (, euro/ora); trattrice della potenza di 0 kw con piccolo rimorchio per distribuzione lettiera in zona di riposo (, euro/ora). Costo manodopera. Il costo di, euro/ora è stato calcolato facendo riferimento alla tabella salariale per operaio agricolo qualificato assunto a tempo determinato, in vigore nella provincia di Reggio Emilia dal Prezzo della paglia. Il prezzo di, euro/t è stato calcolato come media aritmetica su tre anni (da agosto 00 a luglio 00) delle quotazioni mensili della paglia di frumento in rotoballe, rilevate sui mercati di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Forlì-Cesena; il prezzo è franco produzione, a esclusione di trasporto, provvigioni e Iva. Prezzo della segatura. Il prezzo di 0 euro/t è stato calcolato facendo riferimento a un prodotto commerciale per uso zootecnico, a base di legno di faggio e di abete, setacciato e depolverato, con umidità dell -% in peso, confezionato in sacchi di circa kg; è escluso di Iva e comprensivo di trasporto per consegne in Emilia-Romagna e per quantitativi minimi di 0 t. Prezzo dell energia elettrica. È stato calcolato in base alle tariffe di vendita in vigore (BV e BV) a clienti del mercato vincolato ai sensi dell articolo, comma, lettera h) della legge --, n. ; in media il costo dell energia elettrica calcolato in ciascuna delle nove stalle considerate è risultato di 0,0 euro/kwh con un minimo di 0, euro/kwh per la stalla e un massimo di 0, euro/kwh per la stalla. TABELLA - Tempi di lavoro delle attrezzature, della manodopera e consumi di materiali da lettiera nelle tipologie di stalle standardizzate Tempi di lavoro Consumi di lettiera talla trattrice 0 kw+ pala raschiante centraline idrauliche raschiatori, + kw centralina idraulica raschiatore kw gruppo traino elevatore, kw pompe liquami kw pompa ricircolo 0 kw pompa ricircolo kw separatore meccanico kw trattrice 00 kw+forca o caricatore frontale trattrice 0 kw+ lanciapaglia trattrice 0 kw+ trincia-lanciapaglia trattrice 0 kw+ traino,,,, 0 0, 0 0, 0, 0, 0,,,,,, La stalla a lettiera permanente automatico in zona di alimentazione e asportazione meccanizzata in zona di riposo è quella che richiede il maggior impiego di manodopera: s/capo/giorno. manodopera paglia (kg/giorno per capo) segatura (kg/giorno per capo) stalle di grandi dimensioni perché, all aumentare del numero di vacche stabulate, il costo di gestione per posto vacca tende a ridursi. Infatti il sistema di pulizia mediante ricircolo superficiale permette l ampliamento della stalla, sfruttando le strutture e gli impianti esistenti (torre di carico e pompe) con modesti costi di allungamento della rete di distribuzione e di collettamento dei liquami. Per contro, il costo per posto vacca del sistema di pulizia mediante raschiatori automatici, all aumentare del numero di vacche stabulate, tende ad abbassarsi fino alla soglia di circa 0 capi, oltre la quale non sono possibili ulteriori economie perché le componenti impiantistiche più onerose (gruppi di traino, aste rigide e raschiatori) L Informatore Agrario 0/00

5 PECIALE devono essere ripetute, in modo modulare, all aumentare del numero delle vacche. Cuccette con poca paglia e raschiatore. La stalla a cuccette con uso modesto di paglia, pavimento pieno, raschiatori e separatore presenta costi totali di gestione di. euro/anno; anche questa stalla è caratterizzata da un elevato grado di automazione e consente la produzione di liquame chiarificato e di ammendante solido, limitando al tempo stesso i consumi di lettiera. Cuccette con paglia e lama raschiante. Per la tipologia, a cuccette con paglia, pavimento pieno e trattrice con lama raschiante, e, simile alla precedente ma con raschiatori in alternativa alla trattrice con lama raschiante, si stimano costi totali di gestione quasi identici, rispettivamente, di. e.0 euro/anno. Nella prima i maggiori costi di esercizio per l asportazione a macchina delle deiezioni sono compensati dall assenza dei raschiatori e quindi da minori investimenti in impianti; tuttavia questa soluzione gestionale presenta lo svantaggio di richiedere, normalmente, l impiego quasi esclusivo di una trattrice per la pulizia delle corsie. Cuccette con paglia e raschiatori. La tipologia, diversamente dalla, presenta un migliore livello di automazione con asportazione delle deiezioni più frequente: due volte al giorno invece che una. Entrambe le stalle, pur richiedendo un impiego relativamente elevato di lettiera, presentano il vantaggio di produrre letame e liquame di tipo tradizionale, assimilabili a quelli prodotti nelle stalle a stabulazione fissa. talla a lettiera inclinata. La tipologia, a lettiera inclinata con pavimento pieno e raschiatore, presenta un costo di gestione relativamente basso (. euro/anno), con un migliore livello di automazione rispetto a quello della tipologia a lettiera permanente, e minori consumi di paglia (, contro kg/giorno per capo). Lo svantaggio principale di questa stalla è rappresentato dallo stato di imbrattamento e dalle Zona di alimentazione a pavimento forato di una stalla a cuccette. Foto: Euroteinit La stalla a cuccette con fosse di stoccaggio sotto fessurato presenta i costi di gestione più bassi:. euro/anno condizioni d igiene in cui le vacche sono stabulate, che risultano anche peggiori di quelle riscontrabili in stalle a lettiera permanente. Cuccette con fosse di stoccaggio sotto il fessurato. Infine la tipologia, a cuccette senza paglia con pavimento fessurato e sottostanti fosse di stoccaggio, risulta la soluzione più economica (. euro/anno), per la limitata incidenza sia dei costi di esercizio, sia dei costi di costruzione; tuttavia è necessario precisare che, diversamente da tutte le altre tipologie esaminate, questa stalla produce un unico tipo di refluo, costituito da un liquame relativamente denso che, rispetto al letame e al liquame liquido di tipo tradizionale, può risultare difficile da gestire ai fini dello spandimento su terreni investiti prevalentemente a prati di foraggere per la produzione di fieno, così come avviene in prevalenza nelle aziende che producono latte destinato alla trasformazione in Parmigiano- Reggiano. Diversamente, in aziende che producono latte alimentare o destinato alla trasformazione in altri formaggi (ad esempio Grana Padano), i cui terreni sono investiti prevalentemente a mais, tale tipo di liquame non pone grossi problemi potendo essere distribuito in dosi massicce in prearatura su ampie superfici. Per la gestione di un separatore analogo a quello previsto nelle stalle,, e si calcola un costo totale di. euro/anno; pertanto, se la stalla fosse attrezzata con separatore, il costo totale di gestione ammonterebbe a. euro/anno, di poco inferiore a quello delle tipologie e. Inoltre è doveroso sottolineare alcuni svantaggi connessi alla presenza di fosse di stoccaggio sotto le pavimentazioni fessurate, quali lo sviluppo incontrollato di mosche e il rischio di improvvise emissioni di acido solfidrico in concentrazioni pericolose per la salute dell uomo e degli animali durante le operazioni di miscelazione dei liquami. La migliore soluzione per ogni azienda In conclusione, dall analisi economica dei costi di gestione delle nove tipologie di stalle considerate si ritiene di poter esprimere alcuni indirizzi per aziende che allevano vacche per la produzione di latte destinato a Parmigiano-Reggiano. La tipologia, a cuccette con paglia, pavimento pieno e raschiatori risulta quella più economica e preferibile, soprattutto in aziende che dispongono di paglia a basso costo e/o di produzione aziendale e che per motivi agronomici necessitano di letame e di liquame di tipo tradizionale per la concimazione dei propri terreni. La tipologia, a cuccette con uso modesto di paglia, pavimento pieno, raschiatori e separatore, sebbene risulti più onerosa della precedente, può essere consigliata in aziende che, non disponendo di paglia a basso costo e volendo limitare il fabbisogno di manodopera, mirano a ridurre i costi di approvvigionamento e di distribuzione dei materiali da lettiera. Infine la tipologia, a cuccette con uso modesto di paglia, pavimento pieno e ricircolo superficiale con torre di carico e separatore può rappresentare una soluzione vantaggiosa ed economica, soprattutto per stalle di grandi dimensioni. Paolo Ferrari Paolo Rossi Alessandro Gastaldo Centro ricerche produzioni animali Reggio Emilia Matteo Barbari Dipartimento di ingegneria agraria e forestale Università di Firenze 0/00 L Informatore Agrario

Nelle stalle di vacche da latte cresce l interesse per gli impianti di ricircolo e i separatori

Nelle stalle di vacche da latte cresce l interesse per gli impianti di ricircolo e i separatori INDAGINE DEL CRPA Nelle stalle di vacche da latte cresce l interesse per gli impianti di ricircolo e i separatori Nelle stalle a stabulazione libera i raschiatori ad asta rigida sono ancora la soluzione

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale.

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. Monica Bassanino Dir. Agricoltura ERICA ALLISIARDI ANDREA CRIVELLARI La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. QUALI AZIENDE SONO POTENZIALMENTE INTERESSATE ALLA DEROGA? 1 Allevamenti

Dettagli

Protocollo dell Ufficio. Al Sindaco del Comune di ... Al Sindaco del/dei Comuni di ... Quadro A Soggetto dichiarante. (dove è ubicato l allevamento)

Protocollo dell Ufficio. Al Sindaco del Comune di ... Al Sindaco del/dei Comuni di ... Quadro A Soggetto dichiarante. (dove è ubicato l allevamento) Protocollo dell Ufficio Al Sindaco del Comune di (dove è ubicato l allevamento).... N del.... Al Sindaco del/dei Comuni di (dove sono ubicati i terreni oggetto di spandimento)......... Comunicazione per

Dettagli

COMPRESSIONE ELICOIDALE della ditta Chior Meccanica

COMPRESSIONE ELICOIDALE della ditta Chior Meccanica UNIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI T ORINO DEIAFA Dipartimento di ECONOMIA E INGEGNERIA AGRARIA, FORESTALE E AMBIENTALE SEZIONE DI MECCANICA Via L. da Vinci, 44-195 Grugliasco - TO Segreteria +39-11-67859 FAX

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

PSR 2007-2013 2013 MISURA 124 UN NUOVO MODELLO DI IMPRESA MULTIPROCESSUALE L ESPERIENZA DELLA COOP SAN LORENZO SEMINARIO FINALE DEL PROGETTO AGRIMULTITASKING PSR 2007-2013 2013 Misura 124 GONZAGA - 10

Dettagli

Sostenibilità economica di modelli innovativi di porcilaie da ingrasso

Sostenibilità economica di modelli innovativi di porcilaie da ingrasso Fondazione CRPA Studi Ricerche (FCSR) Viale Timavo 43/2 Reggio Emilia Sito internet. www.crpa.it Opportunità economiche per una suinicoltura innovativa e sostenibile Alessandro Gastaldo a.gastaldo@crpa.it

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

Deiezioni Il Crpa: così vasche liquami e raschiatori

Deiezioni Il Crpa: così vasche liquami e raschiatori Le caratteristiche costruttive, icostidimessa in opera, le attrezzature di stalla Deiezioni Il Crpa: così vasche liquami e raschiatori Una vasca per liquami circolare in elementi prefabbricati di calcestruzzo

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata

Dettagli

Risultati delle ricerche sulle tecnologie per il trattamento degli effluenti: la separazione solido liquido

Risultati delle ricerche sulle tecnologie per il trattamento degli effluenti: la separazione solido liquido Sostenibilità ambientale ed economica nella gestione degli effluenti negli allevamenti di suini Risultati delle ricerche sulle tecnologie per il trattamento degli effluenti: la separazione solido liquido

Dettagli

Digestore, così cresce il margine economico

Digestore, così cresce il margine economico DOSSIER Digestore, così cresce il margine economico Nel produrre energia con un impianto di biogas è bene considerare molteplici aspetti, come la disponibilità di certificati verdi e i costi delle singole

Dettagli

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Martedì, 1 ottobre 2013 Sala Conferenze Terza

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

Separazione solido/liquido

Separazione solido/liquido Separazione solido/liquido WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Andrea Giussani Separazione solido/liquido È una tecnica di conservazione che consiste

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

Il digestato: aspetti tecnici e normativa

Il digestato: aspetti tecnici e normativa tecnici e normativa USO DEL DIGESTATO PER IL MANTENIMENTO DELLA FERTILITÀ DEI TERRENI Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni Animali Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 14,00 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Biogas Per impostare i nuovi progetti

Biogas Per impostare i nuovi progetti Elementi di progettazione e criticità per impianti di biogas negli allevamenti di bovini. La linea guida del Crpa Biogas Per impostare i nuovi progetti L autore è del Crpa di Reggio Emilia. di Claudio

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

riduzione dell azoto contenuto nel digestato

riduzione dell azoto contenuto nel digestato BIOGAS $ $ CONVENIENZA E LIVELLO DI RISCHIO DEGLI INVESTIMENTI NEL BIOGAS ZOOTECNICO Redditività dei piccoli impianti, studio del caso da 99 kw Una ridotta taglia di potenza e un alimentazione composta

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE ZOOTECNIA E DEIEZIONI ANIMALI PROBLEMA O OPPORTUNITÀ????? SEMINARIO 10.03.2009 FACOLTÀ DI AGRARIA MOSCIANO S.A. TERAMO DOTT. AGR. ANGELO

Dettagli

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi di redditività degli investimenti sul biogas Le prospettive per la produzione di biogas in Italia alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Università di Bologna Convegno L impatto del sistema di incentivazione sul «mercato» del biogas Analisi di redditività degli investimenti

Dettagli

Macchine più grandi e con più elettronica

Macchine più grandi e con più elettronica Così i tecnici del Crpa interpretano lo sviluppo della meccanizzazione nella raccolta dei foraggi Foraggicoltura/2 Macchine più grandi e con più elettronica Di questo ed altro abbiamo parlato con alcuni

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI LESEGNO PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO TRE GIGLI Società Agricola di Gilioli Cristina, Luca e Simone s.s. Allevamento di Lesegno (CN) -

Dettagli

Prof. Ing. Maurizio Carlini

Prof. Ing. Maurizio Carlini ENERGIA DA BIOMASSE RESIDUALI NELLA REGIONE TIBERINA: OPPORTUNITÀ DI LAVORO E PROSPETTIVE DI CRESCITA PER LE AZIENDE AGRICOLE LAZIALI Prof. Ing. Maurizio Carlini 1 New Economy: dalla tecnologia alla centralità

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

Canteri di lavoro per la delocalizzazione e la distribuzione del separato solido in frutteto

Canteri di lavoro per la delocalizzazione e la distribuzione del separato solido in frutteto Sostenibilità ambientale ed economica nella gestione degli effluenti negli allevamenti di suini Canteri di lavoro per la delocalizzazione e la distribuzione del separato solido in frutteto Paolo BALSARI,

Dettagli

Effluenti zootecnici nelle stalle per vacche da latte COSTI DI GESTIONE

Effluenti zootecnici nelle stalle per vacche da latte COSTI DI GESTIONE Opuscolo C.R.P.A. 5.55 - N. 5/2010 (spedito nel maggio 2010) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE - C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n.

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione SCHEDA TECNICA N. 1 relativa al progetto di Porcilaia di gestazione Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Porcilaia per la fase di

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Parte 1 AMBITO DELL ANALISI ESERCIZIO DELL IMPIANTO PER BIOGAS PRODUZIONE DI ENERGIA APPROVVIGIONAMENTO DELLA BIOMASSA GESTIONE DEL DIGESTATO

Parte 1 AMBITO DELL ANALISI ESERCIZIO DELL IMPIANTO PER BIOGAS PRODUZIONE DI ENERGIA APPROVVIGIONAMENTO DELLA BIOMASSA GESTIONE DEL DIGESTATO Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Alessandro Ragazzoni Potenza e biomassa Quando l impianto l di biogas conviene BIOMASSA BIOGAS ENERGIA DIGESTATO Cremona, 29 ottobre 2011 Parte 1 AMBITO DELL

Dettagli

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Capitolo 5 IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Questo capitolo vuole essere uno strumento per calcolare il costo di produzione di una tonnellata di legno cippato mediante l organizzazione

Dettagli

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO Quanto costa costruire le diverse tipologie di stalla I costi di costruzione delle stalle variano da circa 2.000 euro/capo per i bovini da ingrasso

Dettagli

Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici

Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici VALUTATI DAL CRPA 18 INTERVENTI PER IL COMPARTO SUINO, BOVINO E AVICOLO Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici Nel settore zootecnico sono possibili ampi margini di miglioramento in termini

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

animale, che possono comportare anche un aumento della superficie di allevamento. L insediamento mantiene la qualifica di allevamento esistente.

animale, che possono comportare anche un aumento della superficie di allevamento. L insediamento mantiene la qualifica di allevamento esistente. Punto 5): modalità di realizzazione degli allevamenti zootecnici intensivi e la definizione delle distanze sulla base del tipo e dimensione dell allevamento rispetto alla qualità e quantità di inquinamento

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

UNA CALDAIA AD AGRI-PELLET PER PICCOLE E MEDIE AZIENDE LATTIERO-CASEARIE

UNA CALDAIA AD AGRI-PELLET PER PICCOLE E MEDIE AZIENDE LATTIERO-CASEARIE P.S.R. Sicilia 2007-2013 Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare, ed in quello forestale ECODENS - ECOSTABILIZZAZIONE DELLE SANSE

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Bologna 13 Novembre 2010 Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia I parametri di calcolo: caratteristiche

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

Consumi energetici dei caseifici dell'area del sisma ed energia fotovoltaica

Consumi energetici dei caseifici dell'area del sisma ed energia fotovoltaica Consumi energetici dei caseifici dell'area del sisma ed energia fotovoltaica Paolo Rossi CRPA, Reggio Emilia Efficienza energetica e rinnovabili per il caseificio del futuro Venerdì 27 novembre 2015 -

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura Titolo della Codice della Codice della sotto Base legale della Investimenti in immobilizzazioni materiali Provvisoriamente: 3 Provvisoriamente: sotto a) Articolo 18 del Regolamento (CE) n. xxxx / 2013

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti Thematic Meeting Opportunità di innovazione nel campo dell efficienza energetica Sistemi di controllo degli impianti di digestione anaerobica, per ottimizzarne le rese energetiche Software per l'analisi

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Analisi economica sull'uso dei pavimenti in gomma per le stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Le malattie podali rappresentano un grave problema nell

Dettagli

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Gestione dei reflui zootecnici Problematiche ambientali Paolo BALSARI DEIAFA Sez.. di meccanica Università degli

Dettagli

Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte

Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte Settori Edilizia e Meccanica del CRPA spa Introduzione L'automazione completa delle operazioni di

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 FOCUS: LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SECCO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Biogas: i parametri tecnico economici per la progettazione e l'approvvigionamento

Biogas: i parametri tecnico economici per la progettazione e l'approvvigionamento C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Expo Business Forum Internazionale Termotecnica, Energia, Ambiente. Biogas: i parametri tecnico economici per la progettazione e l'approvvigionamento Claudio Fabbri Centro

Dettagli

Impianto di biogas Venaria Reale (I) Impianti di riferimento. Dati impianto. Cliente. La Bellotta Soc. Semplice Agricola (I) Avviamento: 2010

Impianto di biogas Venaria Reale (I) Impianti di riferimento. Dati impianto. Cliente. La Bellotta Soc. Semplice Agricola (I) Avviamento: 2010 Impianto di biogas Venaria Reale (I) Cliente La Bellotta Soc. Semplice Agricola (I) Avviamento: 2010 Matrice: Insilato di mais, Insilato di triticale Potenza elettrica: 999 kw Impianto e processo La matrice

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna macchine

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA ASSE 1 MISURA 121 MISURA 121 M Ammodernamento delle Aziende Agricole in montagna

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia energia Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R.

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Biogas 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Motta - ERSAF Numero di impianti di digestione anaerobica in RL Gli impianti in

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Filiera Cerealicola: Organizzazione della filiera Utilizzo di agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Il contoterzismo nelle colture cerealicole di pianura Premesse Si va sempre più

Dettagli

DA COMPILARE PER CIASCUN SOGGETTO PARTECIPANTE DIRETTO. Filiera Bovina: ESCLUSIVAMENTE PER CARNE E DERIVATI DI RAZZA CHIANINA

DA COMPILARE PER CIASCUN SOGGETTO PARTECIPANTE DIRETTO. Filiera Bovina: ESCLUSIVAMENTE PER CARNE E DERIVATI DI RAZZA CHIANINA DA COMPILARE PER CIASCUN SOGGETTO PARTECIPANTE DIRETTO Filiera Bovina: ESCLUSIVAMENTE PER E DERIVATI DI RAZZA CHIANINA L'esercizio dell'attività agricola costituisce l'oggetto sociale esclusivo dell'impresa

Dettagli

Matteo David Responsabile Tecnico Impianti

Matteo David Responsabile Tecnico Impianti Matteo David Responsabile Tecnico Impianti Descrizione Aziendale Le aziende agricole Horti Padani e Scarani Piergiorgio dispongono di circa 500 Ha di proprietà investiti a Triticale, come cerale autunno

Dettagli

prelevarla in un momento successivo per soddisfare i propri consumi.

prelevarla in un momento successivo per soddisfare i propri consumi. Lo scambio sul posto Lo scambio sul posto definisce una nuova regolamentazione del meccanismo che consente, in generale, di immettere in rete l energia elettrica prodotta ma non immediatamente autoconsumata,

Dettagli

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI Testo predisposto dalla Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione In cosa

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta)

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta) RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA del Piano di Investimenti (PI) presentato ai sensi della Misura 121 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna (Reg. CE 1698/2005) allegata alla DOMANDA DI AIUTO presentata

Dettagli

Risultati Gara Calore NOVEMBRE 2014

Risultati Gara Calore NOVEMBRE 2014 NOVEMBRE 2014 1 Perché dobbiamo riqualificare? 2 Obiettivi della gara calore 3 Selezione soluzione tecnica 4 Selezione azienda 5 Contratto offerto 6 Alternative 1.Perché dobbiamo riqualificare? Perché

Dettagli

La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte

La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte Maddalena Zucali, Luciana Bava, Alberto Tamburini, Laura Vanoni, Lucio Zanini Ottenere un latte con una buona qualità igienica è un requisito essenziale

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 Région Autonome Vallée d Aoste Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 ALLEGATO 3: PIANO AZIENDALE (DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO MISURA

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

LE VACCHE DI LESTIZZA,

LE VACCHE DI LESTIZZA, Imp_6_2003.qxd 26/02/2004 10.24 Pagina 37 Romeo Cuzzit Direzione Regionale delle Risorse Agricole,Naturali e Forestali Gianluca Dominutti Direzione regionale Sviluppo, Programmazione e Auditing LE VACCHE

Dettagli