Manuale Operativo Terapia Alimentare Windows. Release

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Operativo Terapia Alimentare Windows. Release 6.00.00"

Transcript

1 Manuale Operativo Terapia Alimentare Windows Release

2 SOMMARIO DELLA GUIDA DI TERAPIA ALIMENTARE E FOOD INTAKE WINDOWS Una Metodologia DIETOSYSTEM pag. 3 Generalità di Terapia Alimentare e Food Intake Windows pag. 4 UTILIZZO TERAPIA ALIMENTARE WINDOWS Istruzioni passo per passo su come utilizzare Terapia Alimentare Windows pag. 5 UTILIZZO MODULO FOOD INTAKE WINDOWS Istruzioni passo per passo su come utilizzare il modulo Food Intake Windows UTILIZZO MODULO FOOD FREQUENCY WINDOWS Istruzioni passo per passo su come utilizzare il modulo Food Frequency Windows pag.130 pag.191 KIT PSICOMETRICO WINDOWS Il nuovo programma esterno alla Terapia Alimentare per la gestione psicometrica del paziente pag 206 SUGGERIMENTI Note e suggerimenti tecnici e nutrizionali per utilizzare al meglio Terapia Alimentare e Food Intake Windows TERMINOLOGIA E COMANDI Elenco completo con definizione di tutti i termini e comandi presenti in Terapia Alimentare e Food IntakeWindows SUPPORTO TECNICO Servizio supporto tecnico, risposte alle domande piu' comuni ed installazione del software SUPPORTO NUTRIZIONALE Servizio Hot Line Dietologico BACKUP E RESTORE ARCHIVI Note sulla copia di sicurezza degli archivi del programma CROSSLINK LA CONVERSIONE DEGLI ARCHIVI Istruzioni passo per passo su come utilizzare il CrossLink (ver.4.0) SERVIZI PER L UTENTE Registrazione Medikey, accesso al sito Dica33Pro, accesso al sito DS Medica, consultazione prontuario farmaceutico, word processor, agenda e monografie APPENDICE Elenco delle condizioni fisiopatologiche trattate pag.207 pag.218 pag.221 pag.225 pag.229 pag.231 pag.233 pag.237 2

3 Una Metodologia Dietosystem La Costituzione Dietosystem - Ricerca e Tecnologia per il Benessere e' stata fondata nel 1977 da una equipe composta da medici, nutrizionisti, chimici, biochimici ed informatici. Il primato nella Ricerca Nutrizionale Nel 1977, con certezza a livello europeo, e' il primo gruppo di lavoro che applica l'informatica alla Scienza della Nutrizione. A distanza di oltre venti anni Dietosystem rappresenta una realta' di Ricerca tra le piu' qualificate a livello internazionale per il suo contributo nel campo della nutrizione, dell'informatica medica, della bioingegneria e del Fitness di concezione medica. La presenza nazionale Lavora in modo capillare sul territorio nazionale con una rete di Informatori Tecnico Scientifici, nonche' con personale preposto alla formazione ed all'assistenza degli Utenti. La presenza internazionale Dal 1988 esporta la propria tecnologia in Europa, negli Stati Uniti e in Canada, gemellandosi con alcuni Centri di Ricerca Medica di estrazione universitaria. La tecnologia Dietosystem viene oggi impiegata nei paesi in via di sviluppo dove e' stato richiesto da organismi statali come contributo alla formazione ed alla qualificazione del medico sui problemi della malnutrizione e dell'analisi epidemiologica. L'organizzazione Dietosystem opera con la propria struttura attraverso tre Divisioni estremamente correlate tra loro che rappresentano le attuali linee di attivita' e di Ricerca della Societa'. 3

4 Generalità Terapia AlimentareWindows La Terapia Alimentare e Modulo Food Intake in versione Windows Diventare leader di uno specifico segmento di mercato può essere facile, conservarsi tali nel tempo è sicuramente arduo e non può essere frutto di fortunate coincidenze o di una particolare strategia commerciale. Questo corrisponde a realtà soprattutto quando si distribuisce un prodotto destinato alla classe medica ancor che basato su caratteristiche di scientificità. Oltre 20 anni di lavoro nell area dell informatica in Terapia Alimentare testimoniano il nostro bagaglio di esperienza... ma per noi è solo un valido pretesto per ricominciare. Grazie alla sempre più ampia diffusione nell area medica del Sistema Windows, oggi possiamo destinare all utenza la Terapia Alimentare in Versione Windows Unicità Si differenzia da qualsiasi altro programma attualmente in commercio per la completezza delle sue banche dati e per la capacità di gestire oltre 360 stati tra fisiologia, fisiologia speciale e patologia. Concorrono alla sua continua evoluzione le esperienze cliniche del ns. comitato scientifico e delle migliaia di utenti nel mondo. La Terapia Alimentare Personalizzata DIETOSYSTEM è il software più diffuso in Italia in campo medico e lo testimoniano i suoi numeri. Obiettivo: il risultato terapeutico e la compliance del paziente Il primo obiettivo perseguito dal ns. Centro Ricerche è la soddisfazione del paziente ed il risultato terapeutico per il medico. Il software di Terapia Alimentare Dietosystem nel corso degli anni, ha sempre anticipato o comunque fatto propri i principi di una innovativa gestione del paziente dietologico. Ogni innovazione ha portato con sé importanti modificazioni nelle metodiche cliniche del medico. Si pensi all introduzione della tecnica di valutazione della composizione corporea con metodo antropoplicometrico ( ). Il corredo del dietologo, fatto solo di altimetro e bilancia si arricchiva del plicometro, di nuovi concetti scientifici e di nuove strategie gestionali del paziente. Il peso ideale diventava peso desiderabile e si abbandonavano gran parte delle formule standard, utili solo per gli studi epidemiologici e come confronto. Poi l avvento della tecnica impedenziometrica (BIA) nel 1986, che consentiva con estrema precisione la misura del maggior componente l organismo: l acqua. Queste informazioni hanno introdotto nuovi importanti concetti sul consumo energetico, sulla qualità della massa magra, sulla qualità del peso perduto. La dietologia ha trasformato il suo approccio, si è messa ripetutamente in discussione e Dietosystem come società leader nella tecnologia medica di supporto al dietologo ha anticipato, capito e diffuso questa nuova cultura. Nel 1991 l avvento dell impedenziometria multifrequenza ha introdotto i nuovi concetti relativi ai comparti idrici (acqua intra ed extracellulare). Sul fronte dietoterapeutico si è aggiunto quindi il significato clinico di queste informazioni e si è orientata la prescrizione dietetica verso gli aspetti più qualitativi connessi con le caratteristiche biochimiche degli alimenti. Nel 1995, l impedenziometria multifrequenza distrettuale, accolta con entusiasmo dal mondo della ricerca, che ci aprirà sul fronte della prescrizione dietetica importanti scenari di sviluppo del software. Sul fronte dell assetto psicologico del paziente è ormai dimostrato che il comportamento alimentare costituisce una variabile importante al di là della sua estrinsecazione in una forma patologica o in un vero e proprio disturbo del comportamento. 4

5 Utilizzo Terapia Alimentare Windows Introduzione alle procedure pag. 6 Gestione Anagrafica Inserimento, modifica o cancellazione dei dati anagrafici del paziente pag. 9 Inserimento Prescrizioni Dietetiche Inserimento guidato nella cartella del paziente di tutti gli elementi per la definizione della dieta pag. 14 Preelaborazione a Video Proposta ed eventuale modifica a video dei menu giornalieri consigliati in funzione delle proposte dietetiche inserite pag. 64 Stampa Stampa dei menu risultanti dalla preelaborazione a video pag. 88 Archivio Ingredienti Elenco completo di tutti gli alimenti con relativa scomposizione bromatologica da consultare Archivio Ricette Archivio in consultazione e/o in stampa di tutte le ricette disponibili Ricette per Fisiopatologie Archivio con accesso alle sole ricette selezionate in base agli stati fisiopatologici Archivio Pazienti Schedario storico a video e in stampa delle prescrizioni dietetiche di ciascun paziente Selezione Stampante e Definizione Stampa Selezione della stampante da utilizzare e personalizzazione delle stampe Aggiornamento Archivi Ricreazione indici archivi, eliminazione fisica dei records cancellati ed eliminazione totale o parziale archivi Configurazione Archivi e Moduli Configurazione archivi necessari alla prescrizione e stampa del referto Reports Moduli e schede da stampare per l anamnesi del paziente pag.102 pag.106 pag.111 pag.117 pag.123 pag.125 pag.126 pag.127 5

6 Introduzione alle procedure Peculiarità della Terapia Alimentare in ambiente Windows sono le nuove modalità di lavoro offerte dal software. Il Programma mette a disposizione dell Utente due diversi Metodi di prescrizione dietetica: Metodo Quick Time Fusion Metodo Classico Entrambi i metodi, attivabili attraverso le funzioni contenute nelle UTILITÀ - CONFIGURA, consentono di definire il miglior piano alimentare, garantendo al paziente un modello dietetico gastronomico il più vicino possibile a quello che ha seguito nel corso degli anni. Il Software, ad esempio, è in grado di strutturare, in funzione della fisio-patologia prescelta, del tipo di lavoro, dell ambiente familiare e delle variabili psicologiche e culturali del paziente, un piano alimentare che contempli sia il pasto in mensa o snack nei giorni lavorativi sia il pasto con gli amici o in famiglia nei giorni festivi, oppure un pasto ricco in portate durante la giornata e più scarno nelle ore serali, oppure ancora formulare giorno per giorno portate diverse o stabilire le associazioni e le frequenze giornaliere dei sottogruppi delle ricette. Viene offerto all Utente la possibilità di associare al tipo di metodo prescelto due diverse modalità di valutazione quantitativa dei piatti proposti: A Peso Per Porzioni Entrambe le possibilità possono essere attivabili sempre attraverso le funzioni contenute nelle UTILITÀ - CONFIGURA Aperta la schermata, l Utente potrà decidere se attivare il Metodo Classico confermando l opzione (compare il simbolo ) oppure disattivarlo e quindi lavorare con il metodo Quick Time Fusion La stessa procedura deve essere seguita per l attivazione del tipo di elaborazione: a Peso o per Porzioni. Per un ulteriore verifica del metodo e del tipo di elaborazione basterà controllare la barra di stato in basso a sinistra. Si ricorda inoltre che l attivazione deve essere effettuata prima di impostare le prescrizioni dietetiche del paziente. Metodo Quick Time Fusion È un vero e proprio sistema di prescrizione dietetica. Basato su una settimana tipo, esso consiste nella possibilità di stabilire le associazioni, le frequenze giornaliere dei sottogruppi delle ricette e volendo è possibile anche entrare nella discriminazione delle medesime. Più chiaramente, una ricetta per il pranzo, a base di riso, potrà essere associata alla sera con una di pastasciutta, oppure una di pesce troverà una di carne in un altro momento della giornata e così via, evitando quindi di riscontrare nella giornata il ripetersi di una stessa tipologia di portata. Sarà il software poi ad elaborare le ricette migliori per il sottogruppo selezionato. Ad esempio scegliendo Riso alla sera del lunedì uscirà in automatico per quella voce e per quel momento la ricetta specifica risotto al pomodoro piuttosto che alle verdure oppure pasticciato, purchè rappresenti la migliore dal punto di vista del bilanciamento nutrizionale giornaliero. 6

7 Il metodo consente inoltre, attraverso una serie di icone grafiche raffiguranti le tipologie delle preparazioni gastronomiche (Minestre, Pastasciutte, Carne ecc.) di indicare sul piano dietetico settimanale quante volte dovrà comparire quella tipologia di alimento. L Utente potrà anche forzare successivamente la prescrizione selezionando la ricetta specifica presente all interno del sottogruppo prescelto. Le finalità: A) Un più accurato e rapido adeguamento alle abitudini alimentari del soggetto in esame. Ad esempio il soggetto preferisce consumare in mensa i primi piatti a base di riso mentre la sera gradirebbe sempre la pastasciutta. Gli esempi potrebbero continuare all infinito. B) Una rapida impostazione della frequenza di comparsa di piatti tra loro dissimili. Ad esempio il soggetto vuole alternare tra mattino e sera minestre con pastasciutta, ogni volta che compare il pesce al pranzo gradirebbe il formaggio a cena, oppure alternare nella sequenza dei pranzi verdure cotte con verdure crude. C) Nell insieme una più ampia variabilità dei menu. I vantaggi: A) Il programma autonomamente seleziona all interno del sottogruppo tutte le ricette che meglio soddisfano i principi nutrizionali precodificati. B) Assicura un maggior controllo nelle ripetizioni dei piatti. C) Rende più vicina l elaborazione dei menu ai propri intendimenti e quindi può permettere di andare in stampa senza dover richiedere la fase di Preelaborazione a video. Metodo Classico Tale metodo consente invece l immissione diretta delle specifiche ricette più gradite dal paziente. Il Programma, grazie alle funzioni di consultazione delle banche dati, offre la possibilità di consultare ogni singola ricetta, selezionarla e programmarne la prescrizione sia nella singola giornata sia nell intero periodo settimanale. In questo modo l Utente stabilisce il menu giornaliero ottimale rispettando perfettamente quelle che sono le abitudini alimentari e le esigenze individuali. All Utente la possibilità comunque di non imporre il modello della variabilità dietetica come garanzia del miglior apporto nutrizionale lasciando al programma il suo naturale automatismo. Tuttavia l Utente può modificare poi a piacimento il menu proposto per farlo aderire perfettamente alle abitudini alimentari del paziente. A differenza del metodo Quick Time quello Classico però non prevede la possibilità sia di visionare globalmente le scelte dell intera settimana sia la possibilità di gestire le prescrizione il più rapidamente possibile. Risulta di conseguenza complicato ricordarsi ciò che è stato determinato per il lunedì quando si è giunti alla prescrizione del menu domenicale oppure ciò che è stato dato a pranzo quando si è giunti alla prescrizione serale rischiando così il ripetersi di un piatto sia nella stessa giornata sia in più giorni consecutivi. Elaborazione a Peso Prevede un menu dettagliato nella grammatura delle ricette negli ingredienti principali e secondari.è indirizzata ad un paziente in grado di pesare attentamente ogni cibo e quindi in grado di gestire la propria alimentazione quotidianamente con estrema attenzione e costanza. 7

8 Il medico che opta per l elaborazione a peso ritiene ovviamente che il paziente debba essere guidato anche nella scelta degli ingredienti in quantità e qualità sino al raggiungimento di un sufficiente livello di autonomia. Elaborazioni per Porzioni Funzione attivabile attraverso le UTILITÀ. Esprime le ricette del menu in porzioni, quali: cucchiaio, vasetto, piatto ecc. È possibile, attraverso l opzione di stampa, elaborare la grammatura delle ricette sia negli ingredienti principali che in quelli secondari. È indirizzata ad un paziente in grado di autogestire la propria alimentazione o ad un soggetto che si alimenta in area di ristorazione collettiva quali tavole calde, mense aziendali e self-service. In generale è indirizzata ad un individuo che ha raggiunto un livello adeguato di educazione alimentare e quindi sa come associare e come soppesare il cibo. Il vantaggio più evidente è la maggior compliance con la proposta dietetica derivata dalla estrema facilità nel seguire e realizzare la dieta stessa. Il medico può adottare il metodo a porzioni in una seconda fase della prescrizione dietetica; in particolare quando ritiene il paziente già in grado di autogestirsi. In ogni caso il metodo a porzioni è consigliato ai soggetti che per fattori sociali, culturali e caratteriali non hanno una minima capacità, né volontà di aderire alla grammatura. Nota Bene: Si ricorda all utente che questo metodo di elaborazione deve essere attivato solo per i soggetti senza patologie. La stampa per porzioni inoltre non può essere abbinata ad altre tipologie di stampa come (Per Kcal Per tipi di pasto Per KPGL) ma solo Classica così come alcune le opzioni del pannello Definizione Stampa tranne gli Esercizi Ginnici, il Modulo si Scomposizione Bromatologica e la Lista della Spesa. Controllo delle Ripetizioni Viene data inoltre la possibilità all Utente di impostare, sempre a livello delle Utilità Configura, il controllo sulla ripetizione delle ricette nella fase della preelaborazione a video. L Utente può quindi decidere di programmare la ripetizione della ricette ogni 3 giorni oppure 4,5,6 o 7. Definizione Campi di Stampa Scomposizione Bromatologica Si tratta di una funzione destinata alla selezione o disattivazione dei campi di stampa (110) della scomposizione bromatologica. L impostazione rimarrà tale per tutti i pazienti finchè l Utente non modificherà nuovamente l archivio. 8

9 Gestione Anagrafica Finestra adibita all Inserimento, Modifica e/o Cancellazione dei dati del paziente. Segue l elenco dei bottoni per procedere: INSERIMENTO NUOVO paziente Premere il tasto nuovo per l inserimento dei dati anagrafici del paziente MODIFICA dati paziente Premere il tasto modifica per la variazione dei dati del paziente. RICERCA paziente Per una veloce ricerca del paziente digitare il nome sulla stringa a disposizione. CANCELLAZIONE paziente Premere il tasto elimina per la cancellazione definitiva del paziente. pag.10 pag.11 pag.12 pag.13 ESCI dalla finestra Premere il tasto esci per tornare al menu principale 9

10 Inserimento Nuovo Paziente Procedere all inserimento dei dati del paziente. Per passare da una stringa all altra utilizzare il mouse oppure digitare il tasto TAB Per il campo Sesso utilizzare le frecce direzionali. Il formato della Data di nascita è GG-MM-AAAA Premere il tasto OK per confermare il lavoro. Premere il tasto ANNULLA per eventuale cancellazione dei dati errati del paziente. Premere il tasto ESCI per tornare alla gestione anagrafica. 1 0

11 Modifica Dati Paziente Procedere alla verifica e/o modifica dei dati del paziente. Per passare da una stringa all altra utilizzare il mouse oppure digitare il tasto TAB. Evidenziare con il mouse il dato da modificare e ridigitare quello nuovo. È possibile, in alternativa, utilizzare il tasto TAB. Per il campo Sesso utilizzare le frecce direzionali. Il formato della Data di nascita è GG-MM-AAAA Premere il tasto OK per confermare il lavoro. Premere il tasto ANNULLA per eventuale cancellazione dei dati errati del paziente. Premere il tasto ESCI per tornare alla gestione anagrafica. 1 1

12 Ricerca di un Paziente Procedere alla ricerca in archivio del paziente: Posizionarsi con il mouse o con il tasto TAB sulla stringa CERCA posta sotto la finestra Digitare il cognome del paziente. Nella finestra sovrastante comparirà il nominativo digitato contrassegnato da una banda blu. Procedere ora con una delle funzioni (Bottoni) riportate a lato premendo l apposito tasto. (MODIFICA - ELIMINA- ESCI) 1 2

13 Cancellazione Dati Paziente Procedere alla cancellazione del paziente: Premere il tasto ELIMINA Posizionarsi con il cursore su una delle due opzioni SI NO presenti nella sottoschermata Confermi la Cancellazione?. Premere il tasto INVIO oppure utilizzare il mouse per la conferma. Procedere ora con una delle funzioni (Bottoni) riportate a lato premendo l apposito tasto. (NUOVO-ESCI) 1 3

14 Inserimento Prescrizioni Dietetiche Inserimento DATI ANTROPOMETRICI Inserimento dell altezza, peso, struttura scheletrica ed attività fisica del paziente Scelta del PESO IDEALE attraverso finestra Selezione tra formule diffuse in letteratura. Per gli utilizzatori di plicometria ed impedenziometria la scelta del peso ideale da Analisi Plicometrica od Impedenziometrica. Determinazione del PESO DESIDERABILE attraverso regolo Permette di stabilire il peso desiderabile per il proprio paziente. Selezione delle CONDIZIONI FISIOPATOLOGICHE Inserimento fino a 4 stati di fisiologia speciale e/o patologia concomitanti, codificate per gruppo ed in ordine alfabetico. Determinazione dei PARAMETRI NUTRIZIONALI Verifica e/o modifica dei fabbisogni nutrizionali consigliati. Numero dei pasti, durata della dieta, nutrienti e calorie. ELIMINAZIONE ALIMENTI non ammessi Eliminazione degli ingredienti e ricette non gradite dal paziente e quelli non ammessi dagli stati di fisiologia e patologie. Definizione del FORMATO MENU (Metodo Classico) Programmazione dei menu giornalieri attraverso le ricette disponibili secondo lo stato di fisiologia e/o patologie inserite Definizione del FORMATO GRUPPI MENU (Metodo Quick Time Fusion) Verifica e/o modifica dei formati giornalieri attraverso i gruppi di alimenti a disposizione. (Bevande 1 Colazione,Alimenti 1 Colazione ecc.) Definizione del FORMATO SOTTOGRUPPI MENU (Metodo Quick Time Fusion) Programmazione dei menu attraverso i sottogruppi a disposizione. (Gruppo Bevande 1 Colazione - Sottogruppo Latte, Caffè, The, Spremute ecc.) Definizione del FORMATO MENU RICETTE (Metodo Quick Time Fusion) Programmazione dei menu attraverso le ricette disponibili secondo i gruppi e sottogruppi programmati nelle schermate precedenti Definizione STAMPE Possibilità di ottenere in stampa, se programmate in questa fase, le premesse alla terapia alimentare, le avvertenze particolari dell Utente al paziente e il modulo degli esercizi ginnici. pag.15 pag.21 pag.23 pag.25 pag.26 pag.38 pag.46 pag.54 pag.57 pag.60 pag

15 Inserimento Dati Antropometrici Procedere all inserimento dei dati mancanti del paziente. Il campo evidenziato dalla banda blu riporta il nome e cognome del paziente appena inserito. Posizionarsi con il mouse sulla stringa relativa all altezza oppure digitare il tasto TAB. Inserire quindi altezza in cm e procedere con il TAB od il mouse su peso attuale del paziente (Kg XX.X), struttura scheletrica e attività fisica Struttura scheletrica Per l inserimento della STRUTTURA SCHELETRICA procedere come sotto descritto: Premere con il mouse la freccia di destra. Scegliere con il cursore tra quelle riportate Esile, Normale Robusta o APPROFONDIMENTO Confermare premendo due volte il tasto sinistro del mouse. La scelta è possibile anche, senza aprire la sottofinestra, utilizzando le frecce direzionali. Attività fisica Per l inserimento dell ATTIVITÀ FISICAprocedere come sopra. Premere con il mouse la freccia di destra Scegliere con il cursore tra le attività elencate NELLA, LEGGERA, MEDIA, PESANTE o APPROFONDIMENTO Confermare premendo due volte in rapida sequenza il tasto sinistro del mouse. La scelta è possibile anche, senza aprire la sottofinestra, utilizzando le frecce direzionali. In funzione del consumo calorico codificato per ogni attività il software stabilisce il livello di attività fisica giornaliera. Con il tasto E DITA è data la possibilità di riprendere una prescrizione dietetica già memorizzata in archivio e modificarla aggiungendo o togliendo eventuali valori sia relativi alle misure, che alla diagnosi, ai cibi e ai formati menu. Premere il tasto CERCA e digitare il nome del paziente nel caso in cui non sia tra i nominativi visibili nella schermata Premere il tasto AVANTI per procedere alla schermata successiva. Premere il tasto ANNULLA per la cancellazione dei dati del paziente Premere il tasto ESCI per tornare al menu principale Nota Bene: L approfondimento riferito alla struttura scheletrica consente, grazie all inserimento dell ampiezza gomito e circonferenza polso, una più corretta definizione della struttura scheletrica del paziente.l approfondimento riferito all attività fisica consente di analizzare le 24 ore tipo del paziente. Il tasto Edita sarà disattivato se per il paziente non è stata ancora memorizzata almeno una visita. 1 5

16 Approfondimento Definizione Struttura Scheletrica Finestra adibita alla definizione della struttura scheletrica del paziente. Procedere all inserimento dei dati: Posizionarsi con il cursore sul campo Ampiezza Gomito Inserire il valore rilevato A lato comparirà in automatico la definizione della struttura riferita alla classificazione Esile, Normale, Robusta Digitare ora il tasto TAB per passare al campo successivo Circonferenza Polso Inserire il nuovo valore. La definizione di struttura verrà riportata come sopra. Confermare poi il lavoro premendo il tasto OK. Quando le due definizioni riportate da ampiezza gomito e circonferenza polso risultano concordanti il software riporterà in automatico, nel campo Struttura Scheletrica, una identica definizione. Nel caso in cui, invece, risultassero due definizioni sarà l operatore stesso a gestire il campo manualmente, inserendo la scelta semplicemente con le iniziali E=esile N=normale R=robusta. Qui di seguito vengono riportati i valori di riferimento per la valutazione della Struttura Scheletrica: Ampiezza Gomito 5.7 Esile Normale > 6.8 Robusta Circonferenza Polso 16.2 Esile Normale > 17.6 Robusta Premere il tasto ANNULLA per cancellare i dati inseriti Premere il tasto ESCI per tornare alla schermata precedente. Nota Bene: Lo strumento da utilizzare per la rilevazione per la Struttura Scheletrica è il Calibro. Per la misurazione tenere il braccio flesso ed il palmo della mano rivolto verso la spalla, ponendo il calibro tra i due epicondili del gomito. Il Metro a nastro è lo strumento da utilizzare per la misurazione della circonferenza polso. La circonferenza da rilevare deve essere quella minima appena distale al processo stiloideo di radio e ulna. Si considera sia il polso destro sia quello sinistro. Da effettuare in duplicato 1 6

17 Approfondimento: Definizione Attività Fisica Finestra adibita alla definizione attività fisica del paziente. Per una più corretta definizione, il software mette a disposizione la possibilità di analizzare e codificare le 24 ore tipo del paziente. In base al consumo di ogni attività inserita il software stabilisce il reale livello di attività fisica. Come sopra riportata, la finestra si compone di due pannelli. Il primo permette la consultazione delle diverse attività proposte e la selezione di quelle riguardanti il paziente, il secondo la conferma delle scelte effettuate. Procedere all inserimento delle attività: Posizionarsi con il cursore del mouse sul gruppo di attività o non attività da cui si vuole iniziare. Utilizzare le frecce riportate a lato del pannello se il gruppo desiderato non appare a video. È consigliabile che il paziente descriva una giornata tipo a partire dal mattino fino al completamento delle 24 ore per un controllo più ordinato. Selezionato il gruppo interessato, tipo Non Attività, si aprirà una sottofinestra in cui verranno specificate le attività facenti parte del gruppo (dormire, stare sdraiati, stare seduti inattivi, stare in piedi inattivi). Premere l attività scelta Digitare nel campo Ore di Attività quelle effettivamente occupate da suddetta attività nell arco della giornata. Posizionarsi quindi nel secondo pannello con il cursore e cliccare per confermare l attività e le ore associate. Ogni qualvolta questa operazione viene effettuata, il campo Totale ore di Attività riporterà la somma delle ore inserite fino a quel momento. Quando si completeranno tutte le 24 ore confermare il lavoro premendo il tasto OK. Premere il tasto ANNULLA per la cancellazione di tutto il lavoro inserito. Premere il tasto ESCI per tornare al menu precedente inserimento dati antropometrici. Nota Bene: È indispensabile inserire tutte le 24 ore di attività e di riposo del paziente per una precisa valutazione. Nel caso in cui una delle attività confermate non è corretta, per eliminarla o correggerne le ore, non premere il tasto ANNULLA bensì riprendere nel primo pannello la stessa attività e confermare. In questo modo è possibile cambiare totalmente il tipo di attività o addirittura reinserirla con un altra durata, senza cancellare tutto il lavoro. 1 7

18 Attività Fisica Parametri di Riferimento Attività Nulla L inserimento dell attività nulla è consigliabile per i soggetti degenti o allettati il cui fabbisogno calorico giornaliero equivale, per i soggetti in normopeso, al BMR. Nutrienti Grammi Kcal. Protidi Glucidi Lipidi CALORIE X X X Attività Leggera L inserimento dell attività leggera è consigliabile per i pazienti il cui movimento è limitato a brevi passeggiate quotidiane, leggeri lavori casalinghi, lavori esclusivamente sedentari, in particolare modo gli anziani. Nutrienti Grammi Kcal. Protidi Glucidi Lipidi CALORIE X X X Attività Media L inserimento dell attività media è consigliabile per tutte le attività impiegatizie, per le casalinghe, gli studenti, lavori di laboratorio, lavori di falegnameria, attività sportive limitate a 1-2 volte alla settimana. Nutrienti Grammi Kcal. Protidi Glucidi Lipidi CALORIE X X X Attività Pesante L inserimento dell attività pesante è consigliata per chi pratica sport ad un livello agonistico sia per chi lo pratica più di tre volte alla settimana. Anche i lavori di agricoltura, muratori, ecc. rientrano in questa fascia di attività. Nutrienti Grammi Kcal. Protidi Glucidi Lipidi CALORIE X X X

19 INDICAZIONI DI UN RANGE DI VALORI DI FABBISOGNO ENERGETICO PER ADULTI ITALIANI (18-60) IN FUNZIONE DEL PESO E DEL TIPO DI ATTIVITÀ CONDOTTA. Peso (Kg) Uomini Fabbisogno Calorico (Kcal/Giorno) Attività leggera Attività moderata Attività pesante Peso (Kg) Donne Fabbisogno Calorico (Kcal/Giorno) Attività leggera Attività moderata Attività pesante Questi range hanno un valore puramente indicativo. I limiti inferiori e superiori di fabbisogno energetico corrispondono ai limiti inferiori e superiori di peso corporeo osservato riportati nella prima colonna. È stato stimato il MB secondo le formule previste per i LAF. È sempre preferibile calcolare i fabbisogni energetici di individui o di gruppi omogenei di popolazione sulla base di informazioni precise relative al peso (reale o desiderabile) e di profilo di attività. Segue l esemplificazione logica di come il software scelga il sotto-algoritmo di calcolo. Nella tabella sono riportati i quantitativi quotidiani necessari per chilogrammo di peso corporeo. 1 9

20 Edita Selezione Visite Precedenti Finestra adibita alla selezione di una visita precedente già archiviata per la rielaborazione dei menu e l eventuale modifica dei dati. Procedere alla selezione della visita: Posizionarsi sulla stringa della visita del paziente che si desidera verificare. Nel caso in cui al paziente siano state elaborate diverse visite controllare accuratamente la data delle visita interessata. Selezionarla premendo il tasto sinistro del mouse Confermare con il tasto EDITA. Oltre a riportare la Data e l Ora di elaborazione di ogni singola visita (verificare sempre che l ora e la data di sistema siano aggiornate), riporta anche il Tipo di metodo selezionato per la determinazione del peso ideale (impedenziometria, Plicometria e campo libero per chi sceglie il Metodo Tabellare) e lo Stato di elaborazione che identifica velocemente se una visita è stata stampata (Elaborata) oppure no (Non Elaborata). Lo Stato Non Elaborabile sta ad indicare che la Terapia Alimentare impostata non è corretta e non può essere stampata. Nota Bene: Tutte le visite memorizzate a fine prescrizioni dietetiche rimarranno in archivio in ordine alfabetico da consultare, ristampare o addirittura modificare, fino a quando l operatore non deciderà di effettuare la cancellazione definitiva del paziente o selettiva di ogni singola visita. Premere il tasto INDIETRO per tornare alla schermata precedente. 2 0

Manuale Operativo Terapia Alimentare Release 6.06

Manuale Operativo Terapia Alimentare Release 6.06 Manuale Operativo Terapia Alimentare Release 6.06 1 SOMMARIO DELLA GUIDA DI TERAPIA ALIMENTARE E FOOD INTAKE WINDOWS Una Metodologia DIETOSYSTEM pag. 3 Generalità di Terapia Alimentare e Food Intake Windows

Dettagli

Manuale Operativo Terapia Alimentare Release 7.00

Manuale Operativo Terapia Alimentare Release 7.00 Manuale Operativo Terapia Alimentare Release 7.00 1 SOMMARIO DELLA GUIDA DI TERAPIA ALIMENTARE E FOOD INTAKE WINDOWS Una Metodologia DIETOSYSTEM pag. 3 UTILIZZO TERAPIA ALIMENTARE WINDOWS Istruzioni passo

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Ristorazione. nutrizione

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Ristorazione. nutrizione Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Ristorazione nutrizione Ristorazione 1 L unicità del software: l esperienza decennale L unicità del software: l esperienza decennale Il software Ristorazioane nasce

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Food intake. nutrizione

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Food intake. nutrizione Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Food intake nutrizione 1 Food Intake L unicità del software: l esperienza decennale Food Intake è stato realizzato da Dietosystem sulla base dell esperienza tratta

Dettagli

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Si può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, il più comune, oppure usando la bilancia impedenziometrica, che tuttavia

Dettagli

Metodologie per la Nutrizione

Metodologie per la Nutrizione Metodologie per la Nutrizione D IETOSYSTEM Il benessere come scienza Impedenziometria in multifrequenza La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei Affidabilità, praticità e versatilità

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Progeo S.r.l. Largo XXIV Maggio 14 63033 Centobuchi (AP) T e r a p i a c o g n i t i v a

Progeo S.r.l. Largo XXIV Maggio 14 63033 Centobuchi (AP) T e r a p i a c o g n i t i v a Progeo S.r.l. Largo XXIV Maggio 14 63033 Centobuchi (AP) T e r a p i a c o g n i t i v a M a n u a l e d u s o Requisiti minimi per l utilizzo del software Il software è soggetto ai seguenti prerequisiti:

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI MEDICINA E DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA INVENTARIO DEGLI SKILLS 1) Osservare a) I Anno I Semestre 2) Collaborare b) I Anno II

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

1. FUNZIONALITÀ INFANTIA2000 MOBILE... 3 2. PREREQUISITI HARDWARE E SOFTWARE...

1. FUNZIONALITÀ INFANTIA2000 MOBILE... 3 2. PREREQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... Guida all uso :: Indice :: 1. FUNZIONALITÀ INFANTIA2000 MOBILE... 3 2. PREREQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 4 2.1. Prerequisiti software... 4 2.2. Prerequisiti hardware... 4 3. INSTALLAZIONE INFANTIA2000

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Il problema dell idratazione Il principale problema del controllo dello stato di idratazione è che la velocità di assorbimento dei liquidi è molto inferiore alla velocità con cui i liquidi vengono persi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 16 PADOVA

REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 16 PADOVA Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione Delle Aziende U.L.SS. della Regione Veneto Prontuario dietetico Stefania Tessari L attenzione per la sicurezza alimentare continua. Riconfermato per il triennio

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO FABBISOGNO ENERGETICO Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui

Dettagli

Proprio in questi giorni è in uscita la nuova versione del programma S-TRAINER v.2.00, programma per la gestione dell allenamento sportivo ideato e

Proprio in questi giorni è in uscita la nuova versione del programma S-TRAINER v.2.00, programma per la gestione dell allenamento sportivo ideato e Proprio in questi giorni è in uscita la nuova versione del programma S-TRAINER v.2.00, programma per la gestione dell allenamento sportivo ideato e sviluppato da Scandella Stefano. Sulla base del buon

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi

Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Indagine sulle abitudini e sui consumi alimentari dei lavoratori dell industria e dei servizi Benedetta Rosetti Biologo nutrizionista SIAN - ASUR ZT 13 Ascoli P. Promuovere gli stili di vita salutari,

Dettagli

La sintesi di un esperienza

La sintesi di un esperienza La sintesi di un esperienza Servizi Formazione all uso dei programmi Il kit human im touch viene consegnato da personale tecnico qualificato presso lo studio professionale su tutto il territorio nazionale.

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Cenni sulla composizione corporea

Cenni sulla composizione corporea Cenni sulla composizione corporea La conoscenza della composizione chimica del corpo umano permette di: valutare le modificazioni che si realizzano nell organismo in relazione al sesso, all età e alle

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

Software di analisi e prescrizione dietetica personalizzata

Software di analisi e prescrizione dietetica personalizzata Software di analisi e prescrizione dietetica personalizzata Nel Settembre 2008, WinFood ha ottenuto la validazione scientifica da parte dell Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (A.D.I.)

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

Alimenti e alimentazione

Alimenti e alimentazione Tracce per la seconda prova d esame di Alimenti e alimentazione Prof. Amedeo Serra Indirizzo: Tecnico dei servizi della ristorazione Tema di: Alimenti e alimentazione Durata massima della prova: 6 ore

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri SI può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, come spesso avviene, con la pesata idrostatica o la bioimpedenza,

Dettagli

Operating Room Management Administrator MANUALE CHIRURGHI. Software realizzato da:

Operating Room Management Administrator MANUALE CHIRURGHI. Software realizzato da: O.R.M.A.WIN 2000 Operating Room Management Administrator MANUALE CHIRURGHI Software realizzato da: AVELCO S.R.L. con Socio Unico - Direzione e coordinamento della Dedalus S.p.A. Via Cesarea 11/5A, 16121

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO SCUOLA DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE Corso di Laurea in Biologia della Nutrizione (CLASSE 12) Elaborato scritto LA COMPOSIZIONE CORPOREA NELLO SPORT LAUREANDA Valeria

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli indicatori di malnutrizione ed il protocollo Scales. L alimentazione orale Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli anziani sono.. Gli over 65 : circa

Dettagli

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Processo di Organicazione del Carbonio Il metabolismo cellulare e corporeo Processo di rinnovamento e ricambio della materia vivente. Insieme di tutte

Dettagli

Igiene della Nutrizione. Educazione Alimentare

Igiene della Nutrizione. Educazione Alimentare Igiene della Nutrizione Educazione Alimentare I minerali non forniscono calorie, però svolgono moltissime funzioni utili per l organismo: il ferro trasporta l ossigeno nel sangue il calcio è importante

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

Manuale NUTRIGEO V. 8.2.3.1

Manuale NUTRIGEO V. 8.2.3.1 Manuale NUTRIGEO V. 8.2.3.1 Sommario 1. Introduzione... 7 1.1. Benvenuto... 7 1.2. Basi scientifiche... 7 1.3. Riferimenti scientifici... 7 1.4. Terminologia e indicazioni generali... 9 1.5. Avvio del

Dettagli

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di Il metabolismo Metabolismo basale Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio

Studio di Dietologia e Nutrizione Umana. Dr. Uliano. Servizi offerti dallo studio Studio di Dietologia e Nutrizione Umana Dr. Uliano Servizi offerti dallo studio --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------PREMESSA

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Bodycomp MF Hexa Software

Bodycomp MF Hexa Software V. 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI Rev.1 Novembre 2013 2 Memo attivazioni Numero di serie strumento: Email: Password: Data 1^ attivazione: Data 2^ attivazione: Data 3^ attivazione: Rev.1 Novembre 2013 3 Memo

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Francesco Lombardi Riabilitazione Neurologica Intensiva Ospedale S. Sebastiano di Correggio AUSL di RE Malnutrizione = Terapia sbagliata non

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

COMPOSIZIONE CORPOREA

COMPOSIZIONE CORPOREA COMPOSIZIONE CORPOREA MINIME QUANTITA DI VITAMINE GLUCIDI 1% La Composizione corporea è un'analisi quantitativa delle componenti del nostro corpo. 4 % MINERALI LIPIDI 17 % 19 % PROTIDI Si potrebbe pensare

Dettagli

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi

Valutazione dello stato di nutrizione. M.L.E.Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Anno Accademico 2013-2014 2014 Valutazione dello stato di nutrizione M.L.E.Luisi Valutazione dello stato di nutrizione Lo stato nutrizionale e lo stato

Dettagli

Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo. Manuale d uso

Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo. Manuale d uso Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo Manuale d uso PER LA REGISTRAZIONE DEI DATI SI RACCOMANDA DI UTILIZZARE LA VERSIONE DELL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

Riduzione del 50% di tempo nel prendere le ordinazioni: e stato stimato che un

Riduzione del 50% di tempo nel prendere le ordinazioni: e stato stimato che un 1.1 VANTAGGI Riduzione del 50% di tempo nel prendere le ordinazioni: e stato stimato che un cameriere riesce a svolgere in tutta tranquillità il lavoro svolto da due. Riduzione del 90% di tempo per l'emissione

Dettagli

Software Professionale

Software Professionale RISTORAZIONE COLLETTIVA C NVIVIA RISTORAZIONE COLLETTIVA Software Professionale Per la creazione di piani alimentari per la Ristorazione Collettiva RISTORAZIONE COLLETTIVA Benvenuto in CONVIVIA Software

Dettagli

Elementi di bioenergetica

Elementi di bioenergetica Elementi di bioenergetica L uomo è paragonabile a una macchina e come tale necessita di un combustibile per le funzioni vitali Le immagini sono prese da vari siti internet, se qualcuno ne rivendica l esclusività

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

Per impostare una dieta equilibrata è necessario:

Per impostare una dieta equilibrata è necessario: DIETA: dal greco διαιτα e dal latino diaeta significa regime di vita, tenore di vita, modo di vivere, ed è sinonimo di alimentazione corretta e razionale stabilita su misura o meglio personalizzata, in

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

TaleteWeb Cartella Infermieristica

TaleteWeb Cartella Infermieristica TaleteWeb Manuale d uso 1 Indice Anagrafiche... 4 Lavoratori... 4 Inserimento di un nuovo lavoratore... 4 Modifica dei dati di un lavoratore... 5 Funzioni... 6 Inserimento di una nuova funzione... 6 Responsabile...

Dettagli

Sommario. Esercizio e dieta: un equazione super efficace! Impara a respirare e perdere peso sarà facile

Sommario. Esercizio e dieta: un equazione super efficace! Impara a respirare e perdere peso sarà facile Pagina 5 Sommario Il nuovo metodo per dimagrire senza fatica FORMA E BENESSERE Io ce l ho fatta così! Tre storie di chi ha raggiunto l obiettivo Claudia, Anna e Luca hanno ritrovato linea e salute Adoro

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

RECUPERO CREDENZIALI PER L ACCESSO AI SERVIZI SAL REGIONALI... 8. B informazioni Generali...11 Medico selezionato...11

RECUPERO CREDENZIALI PER L ACCESSO AI SERVIZI SAL REGIONALI... 8. B informazioni Generali...11 Medico selezionato...11 Sommario ASSISTENZA TECNICA AL PROGETTO... 2 PREREQUISITI SOFTWARE PER L INSTALLAZIONE... 3 INSTALLAZIONE SULLA POSTAZIONE DI LAVORO... 3 INSERIMENTO LICENZA ADD ON PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO... 4

Dettagli

Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin

Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin EVENTI FORMATIVI 27 giugno 9 e 13 luglio 2012 ore 9,00 13,00 AULA MAGNA DEL PALACONGRESSI Staff della Direzione Strategica

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA

ASPETTI DIETETICO-NUTRIZIONALI NELLA CELIACHIA Per un approfondimento, sugli aspetti nutrizionali inerenti la malattia celiaca, si riporta abstract della lezione Aspetti dietetico-nutrizionali nella celiachia, tenuta dal dr. V. De Siena nel Master

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli