Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali"

Transcript

1 Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni potenziali. Le carte sono fornite in due versioni, per studenti di età diverse e sono accompagnate da semplici fogli di esercizi per coloro che hanno bisogno di supporto aggiuntivo. Questa guida descrive alcuni modi per utilizzare il materiale fornito, ma sentitevi liberi di creare nuove attività. Condividete i vostri suggerimenti e esperienze pubblicando i vostri commenti sul sito /resources. Obiettivi di apprendimento Tutti gli studenti: Capire che le cellule staminali possono sia auto-rinnovarsi che differenziare, a differenza delle cellule specializzate. Capire che esistono diversi tipi di cellule staminali, e descrivere alcune della caratteristiche chiave delle cellule staminali adulte e embrionali. Conoscere le potenziali applicazioni delle cellule staminali, incluso il loro utilizzo per terapie cellulari, come test per nuovi farmaci e per modellizzare malattie in laboratorio. Studenti più abili: Considerare le cellule staminali pluripotenti indotte, cellule ips, come un esempio di tecnologia genetica e discutere le loro potenziali applicazioni. Conoscenze richieste Queste attività presuppongono che gli studenti sappiano cosa sono una cellula, un embrione, un gene e il DNA. Agli studenti dovrebbe essere fornita una piccola introduzione riguardante il concetto di cellula staminale e di cellula specializzata prima o all inizio della lezione. Fornito come File PDF, Microsoft Word o PowerPoint: Carte divise in quattro mazzi Questionario (opzionale) Fogli di esercizi per studenti meno abili (opzionale) Modelli per la realizzazione di posters (opzionale) I file PDF sono stati realizzati per essere stampati come fogli A4 e poi tagliati in carte di dimensioni A5. Stampare su entrambi i lati di una pagina vi permetterà di ottenere delle carte con le fotografie su un lato e il relativo testo sull altro lato, oltre ad alcune carte di una sola facciata. Se stampate su un solo lato, le foto possono essere abbinate facilmente al relativo testo in base al titolo delle carte. Quattro mazzi di carte riguardo quattro differenti argomenti: 1. Che cos è una cellula staminale? cosa possono fare le cellule staminali; tipi di cellule staminali 2. Da dove vengono le cellule staminali embrionali? la blastocisti; coltura cellulare; FIV 3. Perchè occuparsi delle cellule staminali? applicazioni al giorno d oggi ed in futuro 4. Creare cellule staminali cellule staminali pluripotenti indotte (cellule ips); consigliato solo per studenti più grandi o particolarmente abili; gli studenti che lavoreranno su questo argomento potrebbero avere bisogno di più tempo o supporto. Risorse correlate Visitate /resources per attività, quiz, puzzles e diapositive riguardo etica e Cellule staminali nell attualità. Perchè non introdurre l argomento con uno dei nostri video? /films Un glossario è disponibile sul sito /glossary

2 Attività 1: Posters Gli studenti lavorano in gruppi ed utilizzano il materiale fornito per creare dei poster riguardanti i quattro diversi argomenti forniti. Gli verrà poi chiesto di rispondere ad un questionario sulla base delle informazioni da loro ottenute dai poster degli altri gruppi. 1.5 o 2 lezioni ( ) Per gruppi di 4/5 studenti: Un mazzo di carte per gruppo 1 foglio degli esercizi (opzionale); consigliato per gli studenti meno abili 1 cartellone bianco (un foglio A1) Penne colorate Qualcosa per incollare le carte sul poster Per ogni studente: 1 questionario Attività A. Introduzione Opzione 1:Mostrate il film, A Stem Cell Story, disponibile sul sito /films. Potete anche ordinarlo sul sito internet come DVD se preferite. Durata = Opzione 2: Iniziate una discussione sui concetti chiave: Che cosa sono le cellule staminali e come queste ultime sono differenti rispetto alle cellule specializzate? Quali sono i tipi di cellule staminali? Parlate sia di cellule staminali adulte che embrionali. Come potrebbero essere usate le cellule staminali? Stimolate uno scambio di idee. B. Realizzazione di un poster Gli studenti lavorano in piccoli gruppi di 4 o 5. Date a ciascun gruppo un mazzo di carte riguardante uno dei quattro argomenti, un cartellone A1, qualcosa per incollare le carte sul poster e delle penne colorate. Chiedete agli studenti di creare un poster che risponda alle tre domande chiave riportate nella carta Il tuo compito contenuta nel loro mazzo di carte Studenti meno abili: Gli studenti completano il foglio di esercizi corrispondente all argomento del loro mazzo di carte e poi lo utilizzano come base per realizzare il loro poster. Potete anche assegnare dei ruoli ad ogni membro del gruppo, es. capo gruppo, uno studente che controlli il tempo, uno studente responsabile per le figure e uno per il testo. Altri suggerimenti: Per altre immagini e informazioni scaricate la nostra Useful resources list al sito /resources. C. La presentazione dei poster Le conferenze scientifiche spesso comprendono una sezione di presentazione dei posters. Gli scienziati che partecipano alla conferenza esibiscono dei posters riguardanti la loro ricerca in modo da poterne discutere con gli altri. Dite agli studenti che proveranno a realizzerare la loro sezione di presentazione dei posters. Date ad ogni studente un questionario riguardante tutti gli argomenti dei diversi posters. Gli studenti dovrebbero poi lavorare in squadra con i loro compagni di gruppo per trovare le risposte alle domande del questionario nel minor tempo possibile attraverso l osservazione dei diversi posters. Gli studenti possono anche nominare una persona che rimanga di fronte al loro poster per spiegare ai compagni di classe i concetti spiegati nel poster. D. In classe Riguardate le risposte alle domande con tutta la classe, correggendo eventuali concetti sbagliati. Potreste proporre questa attività come una gara tra i diversi gruppi di studenti, con un premio per ogni risposta corretta

3 Attività 2: Presentazioni Gli studenti lavorano in gruppo per preparare delle presentazioni per spiegare ai loro compagni di classe un particolare aspetto riguardante le cellule staminali. 1.5 o 2 lezioni ( ) O potrebbe essere ampliato in un progetto più lungo Per gruppi di 4/5 studenti: Un mazzo di carte 1 foglio degli esercizi (opzionale); consigliato per student meno abili Accesso a PowerPoint o a materiale per la realizzazione di una presentazione (opzionale) Per ogni studente: 1 questionario Attività A. Introduzione Opzione 1: Mostrate il film, A Stem Cell Story, disponibile sul sito /films. Potete anche ordinarlo sul sito internet come DVD se preferite. Durata = Opzione 2: Iniziate una discussione sui concetti chiave: Che cosa sono le cellule staminali e come queste ultime sono differenti rispetto alle cellule specializzate? Quali sono i tipi di cellule staminali? Parlate sia di cellule staminali adulte che embrionali. Come potrebbero essere usate le cellule staminali? Stimolate uno cambio di idee. B. Preparazione di presentazioni Gli studenti lavorano in piccoli gruppi di 3 o 4. Date ad ogni gruppo un mazzo di carte riguardante uno dei quattro argomenti forniti. Gli studenti preparano una presentazione di 5 per spiegare i concetti chiave contenuti nel loro mazzo di carte. Gli studenti possono mostrare le carte durante la presentazione se vogliono. La presentazione DEVE rispondere alle tre domande chiave riportate nella sezione Il tuo compito contenuta in ogni mazzo di carte. Ogni membro del gruppo deve esporre una parte della presentazione Studenti meno abili: Gli studenti completano il foglio degli esercizi corrispondente all argomento del loro mazzo di carte e questo li aiuterà a trovare i punti chiave dell argomento. Il foglio degli esercizi costituirà poi la base per la loro presentazione. Altri suggerimenti: Questa attività potrebbe essere combinata con l attività di relizzazione di un poster precedentemente descritta. Gli studenti prima creano un poster e poi lo usano come aiuto visivo per la preparazione delle loro presentazioni. Se avete accesso a dei computer, i gruppi possono preparare delle diapositive in PowerPoint. Alcune immagini ed informazioni sono contenute nella nostra Useful resources list disponibile al sito /resources. Entrambe queste opzioni richiedono più tempo e potrebbero perciò fare parte di un progetto più lungo. Gli studenti potrebbero poi essere incoraggiati a preparare delle loro domande da porre ai compagni di classe. C. Discussione sulle cellule staminali Date a ciascun studente un questionario riguardante tutti gli argomenti contenuti nei mazzi di carte. Ogni gruppo espone la propria presentazione e il resto della classe deve ascoltare per trovare le risposte alle domande del questionario. Se volete proporre questa attività come una competizione tra i gruppi di studenti, questi ultimi, dopo aver ascoltato le presentazioni, dovranno tornare ai loro gruppi originali, confrontare le loro risposte individuali e produrre poi una risposta di gruppo D. In classe Riguardate le risposte alle domande con tutta la classe, correggendo eventuali concetti sbagliati. Potreste proporre questa attività come una gara tra i diversi gruppi di studenti, con un premio per ogni risposta corretta. 15

4 Altre attività suggerite Coppie (30 ) Gioco di accoppiamento delle carte. Carte stampate su una sola facciata selezionate solo le carte con le immagini illustrative e le carte con il testo associato a queste ultime; Eliminate le carte con i diagrammi a blocchi Questionario Gli studenti lavorano in gruppi di 3 o 4. Ogni gruppo ha un intero set di carte per ogni argomento preso in considerazione. Le carte vengono disposte a faccia coperta sul tavolo. Gli studenti fanno a turno per girare 2 carte a loro scelta. Quando uno studente trova due carte appartenenti alla stessa coppia una carta con le immagini e la carta di testo con lo stesso titolo deve leggere il testo della carta al resto degli studenti del suo gruppo. Poi il gruppo utilizza queste informazioni per rispondere alle domande del questionario. Gli studenti possono lasciare le carte accoppiate a faccia scoperta e continuare fino a che tutte le carte vengono girate. Alla fine del gioco, gli studenti dovrebbero avere la risposta a tutte le domande del questionario. Esperti (30 40 ) Gli studenti si concentrano su un solo mazzo di carte e diventano esperti in quell argomento. Poi condividono le diverse conoscenze con i loro compagni per completare il questionario. Carte Fogli degli esercizi Questionario, oppure domande alla lavagna Gli studenti lavorano in gruppi di 4 se utilizzate tutti i 4 mazzi di carte. Se volete escludere l argomento più complesso Creare cellule staminali, allora gli studenti dovrebbero lavorare in gruppi di 3. Ad ogni gruppo viene assegnato un mazzo di carte riguardante un solo argomento. Ogni studente possiede una copia del foglio degli esercizi associato al suo argomento. Ogni gruppo legge le proprie carte e completa gli esercizi. Gli studenti vengono poi riorganizzati in nuovi gruppi, contenenti un esperto per ogni argomento. Utilizzando il proprio foglio degli esercizi per aiutarsi, ogni esperto espone al resto del nuovo gruppo cosa ha imparato. Ad ogni gruppo viene poi dato un questionario da completare utilizzando le conoscenze acquisite. Poster puzzles (45 ) Una versione più semplice e più veloce dell attività di realizzazione di un poster precedentemente descritta. Usate questa attività come esercizio riassuntivo dopo che gli studenti hanno già imparato diversi concetti sulle cellule staminali. O un poster in formato A1 preso dai modelli disponibili online O una versione in formato A2 dei modelli di poster forniti, più le carte stampate in formato A6 (metà della loro dimensione originale A5) Questionari Gli studenti lavorano in gruppi per assemblare un poster attaccando le carte fornite e riempiendo gli spazi vuoti sui modelli di poster forniti. Questo è un esercizio a tempo (15 ) in cui i diversi gruppi gareggiano gli uni contro gli altri in modo da mantenere un certo ritmo. Tutti gli studenti poi ricevono un questionario e cercano le risposte alle domande sui poster degli altri studenti. Mantenete un ritmo veloce (15 ), non importa se i diversi gruppi non trovano tutte le risposte alle domande del questionario, ma è importante che gli studenti lavorino in gruppo per collezionare il maggior numero di informazioni possibile. Alla fine ponete le domande alla classe come in un quiz, assegnando punti al primo gruppo che risponde correttamente alla domanda (i gruppi si propongono per alzata di mano). Punti addizionali possono essere assegnati ai gruppi avversari che riescono a correggere le risposte sbagliate o ad integrare le risposte troppo vaghe dei compagni. Note: Se i poster forniti come modello sono plastificati e gli studenti utilizzano per scrivere su di essi dei pennarelli specifici per lavagne cancellabili, le scritte possono essere cancellate e i poster ri-utilizzati.

5 Ringraziamenti è stato scritto da Emma Kemp per EuroSyStem e OptiStem, due maggiori partners di EuroStemCell.org. Siamo veramente riconoscenti per il contributo di tutti i partecipanti di seguito menzionati Finanziatori Entrambi EuroSyStem e OptiStem sono finanziati dalla Commissione Europea tramite il 7th Framework Programme. Insegnanti Louise Guy, Bathgate Academy, Scozia Shona Reid, The James Young High School, Scozia Louise Guy ha adattato le carte per i ragazzi tra gli 11 e i 14 anni. Entrambe le insegnanti hanno fornito commenti preziosi durante lo sviluppo di questa attività. Scienziati Dr Clare Blackburn, MRC Centre for Regenerative Medicine, Università di Edinburgo, Scozia Dr Ian Chambers, MRC Centre for Regenerative Medicine, Università di Edinburgo, Scozia Alessia Delli Carri, Università di Milano, Italia Immagini e illustrazioni Diagrammi Dr Christele Gonneau, Ecole Polytechnique Federale de Lausanne, Svizzera Immagini Wellcome Images ha fornito molte delle fotografie usate nelle carte. Contattate se volete utilizzare una delle immagini per uno scopo al di fuori di questa attività. Altre immagini sono state prese da fonti liberamente accessibili e i relativi creatori sono citati individualmente nel testo quando necessario. è stato scritto da Emma Kemp come parte dei progetti EuroSyStem and OptiStem.Questo lavoro è coperto dalla licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported.Per vedere una copia di questa licenza visitate il sito o mandate una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

CSI: Cell science investigatore Piano della lezione

CSI: Cell science investigatore Piano della lezione Piano della lezione 12 14 Vi ringraziamo per aver scaricato CSI: Cell science investigatore. Utilizzate questo piano della lezione con una classe di ragazzi tra i 12 e i 14 anni per Riepilogare le proprietà

Dettagli

Materiale didattico. Com è fatto il cioccolato Giochi a squadre, visite didattiche e cioccolato: per diventare consumatori consapevoli

Materiale didattico. Com è fatto il cioccolato Giochi a squadre, visite didattiche e cioccolato: per diventare consumatori consapevoli Materiale didattico Com è fatto il cioccolato Giochi a squadre, visite didattiche e cioccolato: per diventare consumatori consapevoli Programma delle lezioni Attività interdisciplinari Classe quarta della

Dettagli

1. Cos è una cellula staminale? (Suggerimento: Spiega due cose che possono fare le cellule staminali)

1. Cos è una cellula staminale? (Suggerimento: Spiega due cose che possono fare le cellule staminali) Domande 16+ Cos è una cellula staminale? 1. Cos è una cellula staminale? (Suggerimento: Spiega due cose che possono fare le cellule staminali) 2. Perchè il nostro corpo ha bisogno delle cellule staminali?

Dettagli

_Come segnalare che avete un dibattito in programma?

_Come segnalare che avete un dibattito in programma? _Come segnalare che avete un dibattito in programma? Tutto quello che sarà prodotto dalle scuole sarà reso pubblico alla pagina https://labuonascuola.gov.it/dibattiti/, e una sezione della pagina sarà

Dettagli

Seminario sulla raccolta dei documenti

Seminario sulla raccolta dei documenti Seminario sulla raccolta dei documenti Questa lezione e le risorse didattiche collegate possono essere usate per preparare un seminario della durata di tre o quattro ore sulla preparazione, la raccolta,

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

Manuale del Docente - Scienze Politiche

Manuale del Docente - Scienze Politiche Manuale del Docente - Scienze Politiche Questo file è una piccola guida alla creazione di corsi online con il sistema Moodle. Descrive le funzioni principali del sistema, e le attività permesse a / dirette

Dettagli

Higham College GUIDA PER L UTENTE MENTA50+

Higham College GUIDA PER L UTENTE MENTA50+ Higham College GUIDA PER L UTENTE MENTA50+ 1 Come imparare ad intraprendere azioni per una perfetta salute mentale e benessere personale durante la terza età Guida all uso del materiale Online di MENTA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Presentando le cellule staminali Le cellule staminali nei giornali

Presentando le cellule staminali Le cellule staminali nei giornali Presentando le cellule staminali Le cellule staminali nei giornali Presentando le cellule staminali: Il valore terapeutico per studenti con più di 16 anni Febbraio 2010, aggiornato nel 2012 Obiettivi:

Dettagli

CSI: Cell science investigatore

CSI: Cell science investigatore CSI: Cell science investigatore Slide 1: Preparazione Questa lezione è stata inizialmente ideata per essere tenuta da due scienziati in visita ad una scuola, ma grazie al materiale fornito e alle linee

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

Linee guida per itunes U

Linee guida per itunes U Indice Panoramica 1 Per cominciare 2 Impostazioni del corso 3 Modificare e organizzare i contenuti 5 Aggiungere avvisi, compiti e materiali 6 Gestione e collaborazione 8 Gestire le iscrizioni 9 Best practice

Dettagli

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer Documentazione insegnante Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer MATTINA In aula: banchi disposti a isole da 4 6 allievi (a

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

PowerPoint. Guida introduttiva

PowerPoint. Guida introduttiva PowerPoint Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft PowerPoint. In questa guida saranno tralasciati tutti quei

Dettagli

Seminario sulle storie orali

Seminario sulle storie orali Seminario sulle storie orali Questa lezione e le risorse di apprendimento ad essa associate possono essere usate per la preparazione di un seminario di tre o quattro ore su come preparare, registrare,

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 1 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 1 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Parole italiane! A coppie o in piccoli gruppi scegliete 10 o più parole nuove dell unità 1. Create un glossario dove presentate le parole nuove con la traduzione nella vostra lingua. Presentate

Dettagli

Linee guida per la formazione su come scrivere documenti facili da leggere e da capire

Linee guida per la formazione su come scrivere documenti facili da leggere e da capire Formare i formatori Linee guida per la formazione su come scrivere documenti facili da leggere e da capire Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione permanente

Dettagli

Guida per i formatori

Guida per i formatori Guida per i formatori Obiettivi del corso Favorire la trasformazione degli ospedali con reparti di maternità in Ospedali Amici dei Bambini, mediante l applicazione dei 10 passi per allattare al seno con

Dettagli

Scopri il nuovo Office

Scopri il nuovo Office Scopri il nuovo Office Sommario Scopri il nuovo Office... 4 Scegli la versione di Office più adatta a te...9 Confronta le versioni...14 Domande frequenti...16 Applicazioni di Office: Novità...19 3 Scopri

Dettagli

Giornata sui diritti dell infanzia 2014

Giornata sui diritti dell infanzia 2014 Piste per l educazione allo sviluppo sostenibile (ESS) Manifesto «1024 sguardi» Giornata sui diritti dell infanzia 2014 Temi: Diritti dell'infanzia, scuola qui e altrove Media: Cortometraggio «Shodaï a

Dettagli

Guida rapida a Fotografie e storie di FamilySearch

Guida rapida a Fotografie e storie di FamilySearch Guida rapida a Fotografie e storie di FamilySearch Puoi aggiungere fotografie e storie di famiglia ai profili dei tuoi antenati nella sezione Albero familiare. Con la funzione Aggiungi foto e storie è

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Formazione del docente Materiali

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività FOCUS TEMATICO: Perché gli insegnanti? Ogni bambino nel mondo ha diritto ad un educazione di qualità e nessuno ha la possibilità di esercitare questo

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO USO DEL MANUALE "SCRIVERE CON DIECI DITA" E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO PRIME LEZIONI Senza alcuna pretesa di volersi sostituire all abilità di ogni insegnante nel presentare l approccio alla scrittura

Dettagli

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione.

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su Salva modifiche per completare l operazione. Fig. 8 La finestra Gestione file con il file appena caricato 9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione. Fig. 9 Il corso con la nuova

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

A SCUOLA CON LA LIM 1

A SCUOLA CON LA LIM 1 A SCUOLA CON LA LIM 1 A cura dell'insegnante LUCIA STIRPE Istituto Comprensivo San Cesareo mag 13 19:01 1 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo di Lavagna Interattiva Multimediale. E' un dispositivo elettronico

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi e sviluppare senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Avete una

Dettagli

Identikit di un ortaggio

Identikit di un ortaggio Unità didattica 3 Piante e Alimentazione Identikit di un ortaggio Durata 80 minuti Materiali - schede di lavoro F5, F6, F7, F8-1 melanzana - 1 peperone rosso - 1 pomodoro - 1 patata - 1 cipolla - 1 carota

Dettagli

U A : La competizione sportiva

U A : La competizione sportiva U A : La competizione sportiva DATI IDENTIFICATIVI Anno scolastico 200 /200 Scuola: secondaria di I grado Destinatari: gruppi di alunni del terzo anno Discipline coinvolte: scienze motorie e sportive,

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Manuale utente. Manuale utente per la fruizione del corso. (Aggiornato agosto 2011) Page 1 of 20

Manuale utente. Manuale utente per la fruizione del corso. (Aggiornato agosto 2011) Page 1 of 20 Manuale utente Manuale utente per la fruizione del corso (Aggiornato agosto 2011) Page 1 of 20 INDICE Introduzione... 3 Accesso alla piattaforma... 3 Ritornare alla Home... 4 Eseguire Logout... 4 Modificare

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Gentile Dirigente, > > a nome del Prof. Basset, Responsabile del Laboratorio di Ecologia > presso l'università del Salento, le inoltro l'invito per

Gentile Dirigente, > > a nome del Prof. Basset, Responsabile del Laboratorio di Ecologia > presso l'università del Salento, le inoltro l'invito per Gentile Dirigente, a nome del Prof. Basset, Responsabile del Laboratorio di Ecologia presso l'università del Salento, le inoltro l'invito per il progetto europeo "The Scientific Research Game". "The Scientific

Dettagli

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere Paola Casi paola.casi@italianoperme.it Il percorso naturale di acquisizione di una lingua madre per un bambino piccolo segue le tappe indicate

Dettagli

14 Maggio 2015. Strumenti per il lavoro in classe. A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com

14 Maggio 2015. Strumenti per il lavoro in classe. A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com 14 Maggio 2015 Strumenti per il lavoro in classe A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com Da destinatario passivo di informazioni......a partecipante attivo nel processo di apprendimento. Ha condotto

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

CORSO PACCHETTO OFFICE

CORSO PACCHETTO OFFICE CORSO PACCHETTO OFFICE Impara le nozioni base e avanzate di Word, Excel e Power Point. Docente: Franco Iacovelli iltuocorso Ermes srl Via E. De Amicis, 57 20123 Milano Il corso Franco Iacovelli, insegnante

Dettagli

Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring?

Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring? Modulo 3 La relazione di mentoring Unità 3.5. Come può un mentore valutare la relazione di mentoring? Attività. Individuare gli ambiti valutativi e gli indicatori del mentoring Tempistica: 1 ora per il

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

Insegnare le abilità sociali con la carta a T. ins. Fabrizia Monfrino

Insegnare le abilità sociali con la carta a T. ins. Fabrizia Monfrino Insegnare le abilità sociali con la carta a T ins. Fabrizia Monfrino Scuola: I circolo di Giaveno (To) Classe: trasversale Anno scolastico: 2003/2004 Insegnare le abilità sociali con l uso della carta

Dettagli

Il desktop: scrivania informatica

Il desktop: scrivania informatica Il desktop: scrivania informatica Il desktop è la metafora della scrivania e gli elementi che vi troviamo ci sono familiari: la foto nella cornice il cestino lo scaffale contenente le cartelle dei nostri

Dettagli

Nonni su Internet. VI edizione - a.s. 2007-2008. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Referenti:

Nonni su Internet. VI edizione - a.s. 2007-2008. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Referenti: VI edizione - a.s. 2007-2008 Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Per aderire al progetto contattare: dott.ssa Cecilia Stajano

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

COOPERATIVE LEARNING

COOPERATIVE LEARNING COOPERATIVE LEARNING RELAZIONE ANNO SCOLASTICO 2003-2004 LICEO SCIENTIFICO VILLA SORA INSEGNANTE: LOVAGLIO MARY MATERIA: INGLESE CLASSI: 3 LICEO SCIENTIFICO A/B, 5 LICEO SCIENTIFICO A/B MOTIVAZIONI L apprendimento

Dettagli

ABC FAVORIRE LA PARTECIPAZIONE (2) / RACCOMANDAZIONI

ABC FAVORIRE LA PARTECIPAZIONE (2) / RACCOMANDAZIONI ABC FAVORIRE LA PARTECIPAZIONE (2) / RACCOMANDAZIONI PREDISPORRE UN CONTESTO FAVOREVOLE E GESTIRE LA PARTECIPAZIONE 1. Preparare la partecipazione degli studenti La partecipazione degli studenti non è

Dettagli

Intenti del laboratorio di informatica

Intenti del laboratorio di informatica Intenti del laboratorio di informatica Il corso di prima alfabetizzazione informatica è finalizzato al superamento del Divario Digitale e alla diffusione delle buone pratiche informatiche tra la popolazione.

Dettagli

Griglia riassuntiva dell'intervento formativo

Griglia riassuntiva dell'intervento formativo Griglia riassuntiva dell'intervento formativo Allegato 3 Titolo del progetto MULTIMEDIA LEARNING AND INTERNET ACTIVITY Scuola Liceo Scientifico Statale Galileo Ferraris Via Sorrisole 6 21100 Varese Tel.:

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone Canavese Febbraio 2011 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian

Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Manuale d'uso del Microsoft Apps for Symbian Edizione 1.0 2 Informazioni su Microsoft Apps Informazioni su Microsoft Apps Microsoft Apps incorpora le applicazioni aziendali di Microsoft nel telefono Nokia

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica

Università di Pisa. Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica Università di Pisa Corso di Perfezionamento in Strategie didattiche per promuovere un atteggiamento positivo verso la matematica e la fisica Relazione di Laboratorio 2 A. Blotti, F. Giovannetti 1aprile2007

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Guida per le organizzazioni no profit La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali PowerPoint Come costruire una presentazione PowerPoint 1 Introduzione! PowerPoint è uno degli strumenti presenti nella suite Office di Microsoft! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video

Dettagli

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5 VI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA BRUNO CIARI PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA Classi 1, 2, 3, 4, 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIA \ INFORMATICA Classe 1 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma (testo tradotto da Accommodating students with dyslexia in all classroom settings International

Dettagli

Nonni su Internet. VII edizione - a.s. 2008-2009. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Responsabile

Nonni su Internet. VII edizione - a.s. 2008-2009. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Responsabile VII edizione - a.s. 2008-2009 Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale Responsabile Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro r.santoro@ mondodigitale.org Per aderire al progetto contattare:

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva DidActive Box Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva Laboratorio aperto Ogni classe, un laboratorio: questa prospettiva è possibile con DidActive Box, che unisce l ultima versione

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi con senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Secondo la ricerca,

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

introduzione alla StatiStica

introduzione alla StatiStica 36 lezioni digitali aritmetica 1 - unità 7 introduzione alla StatiStica tempi In aula: circa 9 ore luoghi contenuti digitali Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Aula multimediale Per alcune attività

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

Struttura del software e guida all uso

Struttura del software e guida all uso 2 Struttura del software e guida all uso Introduzione Il kit Impariamo l inglese con la LIM è composto da un CD-ROM interattivo per lavorare con la LIM e da un libro. All interno di questa sezione sono

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

IL PROFILO DELLE COMPETENZE

IL PROFILO DELLE COMPETENZE International Feldenkrais Federation IL PROFILO DELLE COMPETENZE Quaderno di lavoro A.I.I.M.F Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais Indice Introduzione pag. 02 Competenza in azione: il modello

Dettagli

Indice. Prefazione...pag. 5. Introduzione...pag. 6. Quadro sinottico...pag. 11. Attività. I ciclo (5-8 anni)...pag. 15

Indice. Prefazione...pag. 5. Introduzione...pag. 6. Quadro sinottico...pag. 11. Attività. I ciclo (5-8 anni)...pag. 15 Indice Prefazione.......pag. 5 Introduzione.....pag. 6 Quadro sinottico....pag. 11 Attività I ciclo (5-8 anni).....pag. 15 Tutte le età (5-11 anni)....pag. 63 II ciclo (8-11 anni).....pag. 101 Bibliografia.....pag.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD La struttura tecnologica è formata da: Lavagna interattiva:può essere di varie misure (da 48 a94 ) e formati (4/3 o 16/9) Proiettore: può essere sia grandangolare (con molti

Dettagli

informatica facile Erickson Attività per imparare l essenziale di Word, Excel, PowerPoint, Paint, Internet e della posta elettronica Nuova edizione

informatica facile Erickson Attività per imparare l essenziale di Word, Excel, PowerPoint, Paint, Internet e della posta elettronica Nuova edizione Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini informatica facile Attività per imparare l essenziale di Word, Excel,

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOCO DI RUOLO

KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOCO DI RUOLO KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOO DI RUOLO Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo iao a tutti e tutte e grazie per aver aderito a questa importante iniziativa.

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza.

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza. Nell ambito del progetto GENETICA e DNA sono stati studiati gli aspetti della medicina rigenerativa in riferimento alle cellule staminali. Il 24 aprile 2012 ci siamo recati presso il Dipartimento di Istologia

Dettagli

Book 2. Conoscere i contenuti digitali. Saper riconoscere diversi tipi di contenuti digitali

Book 2. Conoscere i contenuti digitali. Saper riconoscere diversi tipi di contenuti digitali Book 2 Conoscere i contenuti digitali Saper riconoscere diversi tipi di contenuti digitali Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara Latte Luglio

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

Piano didattico. Disporre il testo in colonne. Modificare l aspetto di un grafico

Piano didattico. Disporre il testo in colonne. Modificare l aspetto di un grafico Piano didattico Word Specialist Creare un documento Iniziare con Word Creare un documento Salvare un file per utilizzarlo in un altro programma Lavorare con un documento esistente Modificare un documento

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa in preparazione all Incontro Mondiale delle Famiglie di Milano 2012 L IDEA - I più piccoli sono sempre i primi a gioire e sempre pronti

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli