SEGNALAZIONE DEGLI INCIDENTI ED INCONVENIENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGNALAZIONE DEGLI INCIDENTI ED INCONVENIENTI"

Transcript

1 REV. 0 PAG. 1/15 SEGNALAZIONE DEGLI INCIDENTI ED INCONVENIENTI Riferimento: Regolamento ENAC per la costruzione e l'esercizio degli aeroporti - Capitolo (o) INDICE 11.0 SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI DEFINIZIONI RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ Segnalazione di incidenti ed inconvenienti gravi Segnalazione di inconvenienti Analisi degli eventi ed aggiornamento banca dati REGISTRAZIONI ALLEGATI AM-13 Modulo comunicazione di evento aeronautico AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 1

2 REV. 0 PAG. 2/15 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 2

3 REV. 0 PAG. 3/ SCOPO Definire le modalità da seguire da parte dal PH Movimento per la segnalazione di incidenti ed inconvenienti in ottemperanza alla regolamentazione relativa al sistema di segnalazione obbligatoria AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 3

4 REV. 0 PAG. 4/ CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura si applica ogni qual volta dovessero verificarsi incidenti ed inconvenienti, così come meglio definiti nel seguito, sull Aeroporto di Crotone. Il campo di applicazione della presente procedura è meglio indicato dalle definizioni contenute all interno del D. Lgs. n 66 del 25 Febbraio 1999 Istituzione dell'agenzia nazionale per la sicurezza del volo e modifiche al codice della navigazione, riportate per comodità al successivo AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 4

5 REV. 0 PAG. 5/ RIFERIMENTI Codice della Navigazione ENAC - Regolamento per la Costruzione e l'esercizio degli Aeroporti D.Lgs. 66/99 del 25/02/1999 Istituzione dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo e modifiche al codice della navigazione D.Lgs 21 maggio 2006 n. 213 "Attuazione della direttiva 2003/42/CE relativa alla segnalazione di taluni eventi nel settore dell'aviazione civile" Circolare ENAC GEN 01B Circolare ENAC APT 30 Decreto Legislativo 2 maggio 2006, n. 213 Attuazione della direttiva 2003/42/CE relativa alla segnalazione di taluni eventi nel settore dell aviazione civile 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 5

6 REV. 0 PAG. 6/ DEFINIZIONI Le seguenti definizioni sono tratte dal già citato D. Lgs. n 66 del : "Incidente": un evento, associato all'impiego di un aeromobile, che si verifica fra il momento in cui una persona si imbarca con l'intento di compiere un volo e il momento in cui tutte le persone che si sono imbarcate con la stessa intenzione sbarcano e nel quale: 1) una persona riporti lesioni gravi o mortali, per il fatto di essere dentro l'aeromobile, o venire in contatto diretto con una parte qualsiasi dell'aeromobile, comprese parti staccatesi dall'aeromobile stesso, oppure essere direttamente esposta al getto dei reattori, fatta eccezione per i casi in cui le lesioni siano dovute a cause naturali, o siano procurate alla persona da sé medesima o da altre persone, oppure siano riportate da passeggeri clandestini nascosti fuori delle zone normalmente accessibili ai passeggeri e all'equipaggio; oppure 2) l'aeromobile riporti un danno o un'avaria strutturale che comprometta la resistenza strutturale, le prestazioni o le caratteristiche di volo dell'aeromobile, e richieda generalmente una riparazione importante o la sostituzione dell'elemento danneggiato, fatta eccezione per i guasti o avarie al motore, quando il danno sia limitato al motore stesso, alla cappottatura o agli accessori, oppure per i danni limitati alle eliche, alle estremità alari, alle antenne, ai pneumatici, ai dispositivi di frenatura, alla carenatura, a piccole ammaccature o fori nel rivestimento dell'aeromobile; oppure 3) l'aeromobile sia scomparso o completamente inaccessibile AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 6

7 REV. 0 PAG. 7/15 "Lesione grave": una lesione riportata da una persona in un incidente, che: 1) richieda una degenza ospedaliera di oltre 48 ore, con inizio entro sette giorni dalla data in cui e' stata riportata; oppure 2) comporti una frattura ossea (tranne le fratture semplici delle dita delle mani e dei piedi, o del naso); oppure 3) comporti lacerazioni che provochino gravi emorragie o lesioni a nervi, muscoli o tendini; oppure 4) comporti lesioni a qualsiasi organo interno; oppure 5) comporti ustioni di secondo o terzo grado o estese su più del 5% della superficie corporea; oppure, 6) comporti un'esposizione accertata a sostanze infettive o a radiazioni nocive. "Lesione mortale": una lesione riportata da una persona in un incidente che abbia come conseguenza la morte entro trenta giorni dalla data dell'incidente. "Inconveniente": un evento, diverso dall'incidente, associato all'impiego di un aeromobile, che pregiudichi o possa pregiudicare la sicurezza delle operazioni. "Inconveniente grave": un inconveniente le cui circostanze rivelino che e' stato sfiorato l'incidente. Il seguente elenco di eventi, tratto dal citato D. Lgs., costituiscono tipici casi di inconveniente grave osservabile in aeroporto: 1) mancata collisione che abbia richiesto una manovra di scampo per evitare una collisione o una situazione di pericolo; 2) volo controllato fin quasi all'urto contro il terreno, evitato di misura; 3) decollo interrotto su pista chiusa o occupata, oppure decollo da una tale pista con separazione marginale dagli ostacoli; 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 7

8 REV. 0 PAG. 8/15 4) atterraggio o tentativo di atterraggio su pista chiusa o occupata; 5) tutti i casi di incendio e presenza di fumo nella cabina passeggeri o nel vano bagagli o d'incendio al motore, anche se spenti mediante agenti estinguenti; 6) avaria strutturale dell'aeromobile o disintegrazione del motore non classificata come incidente; 7) inconvenienti in sede di decollo o atterraggio, quali atterraggio prima della soglia di pista o dopo la fine pista o sconfinamento laterale AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 8

9 REV. 0 PAG. 9/ RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ La responsabilità di assicurare la corretta applicazione della presente procedura è dei Post Holder Area Movimento Segnalazione di incidenti ed inconvenienti gravi Ai sensi dell Art. 828 (Obbligo di comunicazione di incidente) del Codice della Navigazione (nel seguito CdN), spetta: alla D.A.; all ENAV; all'autorità di Pubblica Sicurezza; ad ogni altra pubblica autorità; quando abbiano notizia di un incidente aeronautico e/o quando valutino che sussistono ragionevoli motivi per ritenere che un aeromobile sia perduto o scomparso, darne immediata comunicazione all'autorità giudiziaria, all'agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (nel seguito Agenzia o ANSV) ed all ENAC centrale. Analogamente, ai sensi dell Art. 829 (Obbligo di comunicazione di inconveniente grave) del CdN, spetta: alla D.A.; all ENAV; quando abbiano notizia di un inconveniente grave aeronautico, darne immediata comunicazione all ANSV ed all ENAC centrale. Qualora l'incidente o l'inconveniente grave sia avvenuto in mare, ai sensi dell Art. 830 del CdN (Incidenti aeronautici in mare) chi ne ha notizia informa la D.A. e l'autorità marittima più vicina. Questa provvede, ove possibile, in accordo con quella 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 9

10 REV. 0 PAG. 10/15 aeronautica, al soccorso alle persone ed alle cose, nonché agli accertamenti opportuni e invia all ANSV ed all ENAC copia del rapporto sull'intervento effettuato e sui soccorsi prestati. L ANSV conduce l'inchiesta tecnica su ogni incidente aereo e su ogni inconveniente grave accaduto nel territorio italiano, con il solo obiettivo di prevenire incidenti e inconvenienti, escludendo ogni valutazione di colpa e responsabilità. La responsabilità del Gestore, al manifestarsi di un incidente o di un inconveniente grave, e fatte salve le attività di risposta all evento previste dal Piano di Emergenza di cui alla procedura PO-19 del Manuale di Aeroporto, consiste nel fornire immediatamente alla D.A., attraverso il CAM, qualsiasi informazione, notizia o dato utile a caratterizzare l evento ed a consentire a quest ultimo di intraprendere le azioni di competenza, ai sensi degli Artt. 828, 829 ed 830 del CdN. Pertanto qualsiasi dipendente del Gestore si trovi ad osservare un incidente o un inconveniente grave è tenuto a trasmettere le informazioni in suo possesso all operatore CAM nel modo più celere possibile, e quindi via telefono (n ) o via radio (frequenza Mhz ). Questi, valutata la notizia ed ottenuti i debiti riscontri per quanto possibile, provvede a: trasmettere alla D.A, le informazioni in suo possesso via telefono (n ) o via radio (frequenza Mhz ); avvisare il Post Holder Area di Movimento dell evento intercorso; compilare il modulo Notifica di incidente / inconveniente, riportando in esso tutte le informazioni disponibili, e trasmetterlo alla D.A. via fax (n ) AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 10

11 REV. 0 PAG. 11/15 Ai sensi del D. Lgs. n 66/1999, il Gestore, alla pari di qualsiasi altro soggetto operante nel settore dell'aviazione civile e dell'industria aeronautica, ha l'obbligo di fornire all'agenzia tutte le informazioni e la documentazione di cui dispone in relazione agli eventi oggetto di inchiesta. IL Gestore è pertanto tenuto a consentire agli investigatori incaricati dall ANSV l accesso a tutto ciò che è ritenuto utile per un proficuo svolgimento delle indagini ed a mettere a disposizione eventuale proprio personale informato sui fatti e circostanze Segnalazione di inconvenienti In aggiunta ai casi sopra indicati, qualsiasi dipendente aeroportuale si trovi ad osservare un inconveniente di qualsiasi natura, inteso come un evento che pregiudichi o possa pregiudicare la sicurezza delle operazioni, è tenuto a trasmettere le informazioni in suo possesso all operatore CAM in servizio nel modo più celere possibile, e quindi via telefono (n ) o via radio (frequenza Mhz ). L operatore CAM, valutata la segnalazione, stabilirà se le caratteristiche dell evento segnalato siano tali: da farlo rientrare nella casistica degli inconvenienti gravi, ai quali applicare la procedura descritta al paragrafo precedente; da farlo rientrare fra le tipologie di eventi descritti all interno di altre Procedure Operative (es. segnalazione di FOD, segnalazione volatili e/o animali randagi), attivando pertanto i passi prescritti al loro interno; da farlo ritenere un inconveniente comune, nel qual caso egli provvederà a notificare al Post Holder Area di Movimento l evento intercorso 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 11

12 REV. 0 PAG. 12/15 compilando il modulo Notifica di incidente / inconveniente e riportando in esso le informazioni disponibili. Scopo di tale segnalazione è quello di consentire una successiva analisi dell evento e di alimentare la banca dati di tutti gli eventi intercorsi, attività descritte al paragrafo seguente AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 12

13 REV. 0 PAG. 13/ Analisi degli eventi ed aggiornamento banca dati Per ciascun evento (incidente, inconveniente grave, inconveniente) occorso, la struttura del Post Holder Area di Movimento dovrà valutare la necessità di intraprendere azioni immediate, quali: valutare se l incidente ha inficiato l agibilità delle aree di movimento; quando è possibile, dopo eventuali interventi di bonifica, ripristinare l agibilità delle aree e darne comunicazione alla SALA AFIS e alla DA; fotografare l area dell incidente prima che venga contaminata se l accesso a quest ultima non è vigilato dalle autorità competenti; compilare l apposito modulo di rilevazione incidente; redigere una breve descrizione dell accaduto anche sulla base di testimonianze. In seguito, il Post Holder Area di Movimento è tenuto ad effettuare una valutazione delle cause che hanno prodotto l evento, al fine di assumere i relativi provvedimenti correttivi o preventivi atti ad evitare il ripetersi di eventi simili, ed a conservare la documentazione relativa alle analisi effettuate ed ai provvedimenti assunti, inviandone copia all ANSV ed all ENAC qualora richiesto. Sulla base delle comunicazioni degli eventi di cui ai precedenti paragrafi, delle analisi effettuate e delle eventuali indagini tecniche, la struttura del Post Holder Area Movimento alimenta e mantiene una banca dati degli eventi, utilizzata esclusivamente a fini di prevenzione della sicurezza del volo. I dati immagazzinati, opportunamente de-identificati, sono messi a disposizione di Enti ed organizzazioni aventi interesse alla sicurezza del volo AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 13

14 REV. 0 PAG. 14/ REGISTRAZIONI Le evidenze documentali da produrre, gestire e conservare sono qui di seguito elencate, unitamente ai soggetti aziendali responsabili di tali attività: AM-13 Notifica Documenti incidente/inconveniente Responsabile Gestione e Archiviazione Post Holder Area di Movimento 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 14

15 REV. 0 PAG. 15/ ALLEGATI AM-13 Modulo comunicazione di evento aeronautico 2011 AEROPORTO S. ANNA S.p.A. PROCEDURA Pagina 15

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV)

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo L Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) è stata istituita con il decreto legislativo 25 febbraio

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 20/11/2007 GEN-01

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 20/11/2007 GEN-01 CIRCOLARE SERIE GENERALE Data: 20/11/2007 GEN-01 Oggetto: Segnalazione obbligatoria degli incidenti, inconvenienti gravi ed eventi aeronautici all ENAC Sistema ENAC Mandatory Occurrence Reporting (ee-mor).

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO di Carpi a cura dell Aeroclub Carpi Edizione: Revisione: Inizio Validità: 1 0 01-01-2013 Edizione 1 Inizio Validità 01/01/2013 Revisione 0 1 2 INDICE Capitolo 1 PREMESSA

Dettagli

ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 996/2010 E RELATIVA DISCIPLINA SANZIONATORIA DI CUI AL D.LGS. 14.1.2013 N. 18

ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 996/2010 E RELATIVA DISCIPLINA SANZIONATORIA DI CUI AL D.LGS. 14.1.2013 N. 18 ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 996/2010 E RELATIVA DISCIPLINA SANZIONATORIA DI CUI AL D.LGS. 14.1.2013 N. 18 1. Premessa. Con il regolamento UE n. 996/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTO AEREO DELLE MERCI PERICOLOSE

REGOLAMENTO TRASPORTO AEREO DELLE MERCI PERICOLOSE REGOLAMENTO TRASPORTO AEREO DELLE MERCI PERICOLOSE Edizione n. 1 del 31 ottobre 2011 Trasporto aereo delle merci pericolose Ediz.1 pag. 2 di 20 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera C.d.A. n.

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA CIRCOLARE SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA Le Circolari contengono interpretazioni e metodi accettabili di conformità

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA*

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA* REV. 0 PAG. 1/5 Sommario 1. SCOPO... 2 2. SOGGETTI COINVOLTI... 2 3. ATTIVAZIONE DELL EMERGENZA... 3 4. TEMPI DI ATTIVAZIONE SERVIZI... 3 5. MODALITA OPERATIVE... 4 6. FINE DELLE OPERAZIONI... 7 7. GESTIONE

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA*

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA* REV. 0 PAG. 1/5 Sommario 1. SCOPO... 2 2. SOGGETTI COINVOLTI... 2 3. ATTIVAZIONE DELL EMERGENZA... 3 4. TEMPI DI ATTIVAZIONE SERVIZI... 4 5. MODALITA OPERATIVE... 4 6. FINE DELLE OPERAZIONI... 7 7. GESTIONE

Dettagli

Locazione - noleggio Leasing

Locazione - noleggio Leasing Locazione - noleggio Leasing Secondo il Codice della Navigazione, che richiama in questo caso i principi generali del Codice Civile, vettore è colui che assume l obbligo di trasferire persone o cose a

Dettagli

VIGILANZA SUGLI INCIDENTI CON DISPOSITIVI MEDICI

VIGILANZA SUGLI INCIDENTI CON DISPOSITIVI MEDICI VIGILANZA SUGLI INCIDENTI CON DISPOSITIVI MEDICI L'articolo 11 del D.Lgs. 507 del 1992 (concernente i dispositivi medici impiantabili attivi) e gli articoli 9 e 10 del D.Lgs. 46 del 1997 (concernente tutti

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale N. 85 26064 / 2013 (numero - protocollo / anno) OGGETTO: AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Dettagli

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE

ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE ADEMPIMENTI IN CASO DI EVENTO POTENZIALMENTE CONTAMINANTE Settore Ambiente Adempimenti in caso di evento potenzialmente contaminante Soggetti interessati Responsabile dell inquinamento Proprietario o gestore

Dettagli

Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo

Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo Tutela del viaggiatore e dell azienda cliente: normative e diritti nel trasporto aereo QUALI TUTELE SONO PREVISTE IN CASO DI CANCELLAZIONE DEL VOLO? (Regolamento 281/2004) RIMBORSO del prezzo del biglietto

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

MANUALE SINISTRI Territorio. www.magjlt.com

MANUALE SINISTRI Territorio. www.magjlt.com MANUALE SINISTRI Territorio www.magjlt.com 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Forma delle comunicazioni... 3 3. Flusso dei documenti... 3 4. Contatti Ufficio Sinistri MAG JLT... 4 5. Procedure sinistri Linee

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87,

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, marche LN-RMG e A330, marche I-LIVN località aeroporto di Milano Malpensa, 22 settembre 2004 AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA Aviosuperficie OLIVOLA Gestore Anna ACCETTO AERO CLUB BENEVENTO Gen. Nicola COLLARILE REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA 1 COPIA N. Pubblicazione edita per gli utenti solo in formato digitale

Dettagli

Service Guide. L aiuto per chi è in viaggio. Linea diretta assistenza 24h +41 800 818 418

Service Guide. L aiuto per chi è in viaggio. Linea diretta assistenza 24h +41 800 818 418 Service Guide. L aiuto per chi è in viaggio. Linea diretta assistenza 24h +41 800 818 418 Indice Linea diretta per assistenza 24h pagina 3 Service Card pagina 4 Gestione sinistri pagina 5 Gestione assicurazioni

Dettagli

Incidenti aerei: il difficile rapporto tra la safety investigation e l inchiesta dell autorità giudiziaria. Prof. Bruno Franchi (ANSV)

Incidenti aerei: il difficile rapporto tra la safety investigation e l inchiesta dell autorità giudiziaria. Prof. Bruno Franchi (ANSV) Incidenti aerei: il difficile rapporto tra la safety investigation e l inchiesta dell autorità giudiziaria Prof. Bruno Franchi (ANSV) Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (ANSV) E l autorità lautorità

Dettagli

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV.

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. 00 FEBBRAIO 2010 Il presente documento è pubblicato sul sito: www.edison.it - Area Fornitori

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

Paolo Mascagni 21-06-14

Paolo Mascagni 21-06-14 Paolo Mascagni 21-06-14 EVENTI LESIVI DA CAUSA LAVORATIVA INFORTUNIO Evento avvenuto per causa violenta (concentrata nel tempo), in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un inabilità permanente

Dettagli

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro SCHEMA LEGGE 626/1994 Per ogni migliore e più completa informazione è utile fare riferimento al testo della legge Obblighi del Datore di

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTA la legge 24 novembre 1981 n. 689, recante modifiche al sistema penale; VISTO il decreto ministeriale del 26 luglio 1995 recante Disciplina del rilascio delle licenze di pesca ; VISTO il regolamento

Dettagli

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling Pag.: 1 di 7 Clausole Contrattuali per Il presente documento è pubblicato sul sito www.edison.it e www.infrastrutturedg.it REV. DESCRIZIONE DATA 1 Aggiornamento conseguente al cambio denominazione sociale

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI

ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI . Analisi segnalazione e indagini sugli incidenti PR SGSL 10 Rev. 3 Pag. 1 di 10 PROCEDURA PR SGSL 10 ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI 3 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani

Dettagli

Trasporto aereo di persone

Trasporto aereo di persone Trasporto aereo di persone ART. 1678 c.c. delinea la figura generale valida per qualsiasi tipo di trasporto ART. 940 cod. nav.. DISCIPLINA IL SOTTOTIPO Contratto di trasporto di persone per via aerea e

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security PIANO DEI RISCHI IN ITALIA PIANI DI RISCHIO Il piano di rischio rappresenta lo strumento per la gestione del rapporto tra aeroporto e territorio come misura di tutela reciproca. A tal fine il Piano di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia Università della Tuscia Conservazione dei Beni Culturali Il primo esempio italiano di procedura con documentazione esclusivamente elettronica: il caso del nuovo Registro delle Imprese Anno accademico 2005-2006

Dettagli

Premesso che: all aviazione civile internazionale.

Premesso che: all aviazione civile internazionale. PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ PER L AVIAZIONE CIVILE E LA NAVIGAZIONE MARITTIMA DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E L AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO Visto l art. 26 della Convenzione relativa

Dettagli

0.748.127.194.63 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e il Giappone

0.748.127.194.63 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e il Giappone Traduzione 1 0.748.127.194.63 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e il Giappone Conchiuso il 24 maggio 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrato in vigore il 3 aprile

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

POLIZZA INCONVENIENTI DI VIAGGIO MODULO DI DENUNCIA

POLIZZA INCONVENIENTI DI VIAGGIO MODULO DI DENUNCIA POLIZZA INCONVENIENTI DI VIAGGIO MODULO DI DENUNCIA Indirizzo: ACE European Group Limited - Viale Monza 258-20128 MILANO Tel. +39 02 27095431/ +39 02 27095557 - Email: ace.denunce@acegroup.com Note Importanti:

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

Richiesta risarcimento danni

Richiesta risarcimento danni Richiesta risarcimento danni Al Sindaco del Comune di Prato Il/la sottoscritto/a (nome e cognome) nato/a a il, residente a Provincia in via/piazza n. domiciliato/a in (prov. ) in via Telefono Cellulare

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE NORME UNI EN ISO 9001:2008 Pag. 1 di 5 Indice 1 SCOPO 2 CAMPO APPLICAZIONE 3 RESPONSABILITA' 4 PROCEDURA 4.1 Progetti di miglioramento 4.2 Azioni correttive e preventive Rev. Natura modifica 0 1 2 Prima

Dettagli

748.411. Ordinanza sul trasporto aereo. (OTrA) Sezione 1: Disposizioni generali. del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005)

748.411. Ordinanza sul trasporto aereo. (OTrA) Sezione 1: Disposizioni generali. del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005) Ordinanza sul trasporto aereo (OTrA) 748.411 del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 6a e 75 della legge federale del 21 dicembre 1948 1 sulla navigazione

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

Cod. DQHSF00001.0IT Rev. 1.0 11-09-2014

Cod. DQHSF00001.0IT Rev. 1.0 11-09-2014 Flow Hopper GUIDA ALLA CORRETTA ALIMENTAZIONE E CONNESSIONE DELL EROGATORE DI MONETE FLOW HOPPER Cod. DQHSF00001.0 Rev. 1.0 11-09-2014 INFORMAZIONI DI SICUREZZA Nel caso in cui sia assolutamente necessario

Dettagli

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile 1 Incidenti con perdita del velivolo (Jet di costruzione occidentale) per Milione di Tratte Giugno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

Ordinanza su i diritti e i doveri del comandante d aeromobile

Ordinanza su i diritti e i doveri del comandante d aeromobile Ordinanza su i diritti e i doveri del comandante d aeromobile 748.225.1 del 22 gennaio 1960 (Stato 1 aprile 2011) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 63 della legge federale del 21 dicembre

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

1 PREMESSA...2 1.1 INTRODUZIONE... 2 1.2 CENNI SULL ITER DI APPROVAZIONE DELL INTERVENTO... 2 3 COMPLEMENTARIETÀ CON ALTRI PIANI E PROGETTI...

1 PREMESSA...2 1.1 INTRODUZIONE... 2 1.2 CENNI SULL ITER DI APPROVAZIONE DELL INTERVENTO... 2 3 COMPLEMENTARIETÀ CON ALTRI PIANI E PROGETTI... INDICE 1 PREMESSA...2 1.1 INTRODUZIONE... 2 1.2 CENNI SULL ITER DI APPROVAZIONE DELL INTERVENTO... 2 2 OBIETTIVI DELLA RELAZIONE...3 3 COMPLEMENTARIETÀ CON ALTRI PIANI E PROGETTI...3 4 CONCLUSIONI...4

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

C I T T A D I C O R D E N O N S

C I T T A D I C O R D E N O N S C I T T A D I C O R D E N O N S Medaglia di Bronzo al V.M. Provincia di Pordenone REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO approvato

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Linea guida di Sicurezza N 4 PROCEDURA PER SEGNALAZIONE INFORTUNI INCIDENTI EMERGENZE VERSIONE DATA DI EMIS- SIONE PREPARATA DA 01 03/02/2011 SPP APPROVATA DA Lgs. N.4 Procedura

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO COMUNE di LARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 02/04/2009 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI Edizione n 1 approvata con disposizione d urgenza del Direttore Generale n. 9/DG

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL a cura della Direzione Aeroportuale di Aeroporto di Capannori - LIQL Edizione: 1.0 Revisione: Prima edizione Inizio Validità: 01.08.2014 1 INDICE 2 Capitolo

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

Vacanza Informata *** I diritti del passeggero nei principali casi di disservizio aeroportuale

Vacanza Informata *** I diritti del passeggero nei principali casi di disservizio aeroportuale Via Volturno n. 33-30173 VENEZIA/MESTRE Telefono e Fax 041/5349637 E-mail: info@associazionedifesaconsumatori.it www.associazionedifesaconsumatori.it Vacanza Informata *** I diritti del passeggero nei

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto POLIZZA NAUTICA per l assicurazione di unità da diporto Condizioni di Assicurazione Sommario 1 Definizioni 2 Condizioni Generali di Assicurazione valide per tutte le garanzie 3 Garanzie: Responsabilità

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA

PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA Il Piano di Rischio redatto dal Comune di Reggio Calabria è conforme ai requisiti di seguito riportati: 1) Tipologie di Rischio I rischi si articolano

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE

RESPONSABILITÀ CIVILE Italian RESPONSABILITÀ CIVILE PREVENZIONE DELL ENTRATA DI CLANDESTINI: CODICE DI COMPORTAMENTO Codice di comportamento conforme alla sezione 33 della legge Immigration and Asylum Act 1999 sull immigrazione

Dettagli

PROCEDURA PER LA RACCOLTA ED ANALISI SISTEMATICA DEGLI INCIDENTI

PROCEDURA PER LA RACCOLTA ED ANALISI SISTEMATICA DEGLI INCIDENTI Allegato alla valutazione dei rischi Ditta PROCEDURA PER LA RACCOLTA ED ANALISI SISTEMATICA DEGLI INCIDENTI Rev _0 Redazione Verifica Approvazione Data Autore Data Autore Data Autore Distribuzione: copia

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI COMUNE DI CIVEZZANO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CIVEZZANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI I N D I C E - INDICE 2 Art. 1 - Oggetto e obbligatorietà del servizio

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

Assunta il giorno DODICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILADODICI dal Sindaco

Assunta il giorno DODICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILADODICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 1486 Data: 12/11/2012 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno DODICI del mese di NOVEMBRE dell'anno DUEMILADODICI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in base al D.Lgs 81/08 riceve le informazioni e la documentazione

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia

Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia Traduzione 1 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e l Italia 0.748.127.194.541 Conchiuso a Roma il 4 giugno 1956 Approvato dall Assemblea federale il 4 marzo 1957 2 Entrato in vigore il

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. I. I Principi Fondamentali

CARTA DEI SERVIZI. I. I Principi Fondamentali CARTA DEI SERVIZI La Navigazione Libera Del Golfo S.r.l. (di seguito, la Compagnia di navigazione ) adotta la presente Carta dei Servizi e attribuisce alla stessa valore vincolante nei confronti dell utenza.

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

Volo cancellato o ritardo aereo: la compagnia deve indennizzare il passeggero salvo 'circostanze eccezionali'

Volo cancellato o ritardo aereo: la compagnia deve indennizzare il passeggero salvo 'circostanze eccezionali' Volo cancellato o ritardo aereo: la compagnia deve indennizzare il passeggero salvo 'circostanze eccezionali' Per la Corte europea, anche in caso di problemi tecnici imprevisti, la compagnia è tenuta all'indennizzo,

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli