LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE SANITARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE SANITARIO"

Transcript

1 LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE SANITARIO Settembre 2013

2 L ASSISTENZA SANITARIA In questa breve panoramica si riassumono i punti salienti di un rapporto recentemente pubblicato dalla Business Monitor International (BMI) per quanto riguarda il settore sanitario e farmaceutico in Libano, in cui la società analizza il settore ed elabora uno scenario di previsione per l industria farmaceutica. Il rapporto menziona che nel 2011 la spesa sanitaria è aumentata dell 8,5% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 3,3 miliardi di $USA pari all 8% del PIL. Tuttavia l assistenza sanitaria comprende diversi tipi di spese tra cui quella farmaceutica. Sorprendentemente, quest'ultima costituisce il 36% della spesa sanitaria totale. Gli indicatori dell assistenza sanitaria in Libano rivelano che le condizioni sociali e demografiche sono favorevoli, mentre le condizioni in cui il settore opera sono incerte. La mancanza di regolamentazione è di fondamentale importanza, in quanto il settore privato in Libano fornisce oggi circa il 90% dei servizi di assistenza sanitaria. Il contributo pubblico al settore è molto nominale (Business Monitor International BMI). A causa della guerra civile nel Paese ( ) le capacità istituzionali e finanziarie del settore pubblico sono state notevolmente affievolite, dando la possibilità al settore privato di dominare il campo dell assistenza sanitaria, in termini di finanziamento e fornitura dei servizi. Il Libano oggi, dispone dei migliori ospedali privati e medici della regione, per le LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

3 varie specializzazioni. Vi sono anche molte istituzioni accademiche locali, accreditate in Europa e negli Stati Uniti, per la formazione di personale medico altamente qualificato. Il minimo coinvolgimento gestionale del settore pubblico deriva dalla mancanza di un ruolo centrale del Governo, essendo gli interventi nel campo della salute pubblica sparpagliati tra vari ministeri. Per esempio, il Ministero degli Interni è competente per la raccolta e trattamento dei rifiuti solidi e per il rilascio di licenze per i ristoranti; il Ministero dell'economia e del Commercio si occupa della protezione dei consumatori; il Ministero dell'ambiente ha la competenza sull inquinamento dell aria, delle acque e del suolo; il Ministero dell Industria si occupa degli effluenti industriali. Con competenze sparse tra diverse Istituzioni, il Ministero della Sanità Pubblica (MoPH) non è in grado di assumere il suo ruolo centrale di gestione e di implementazione né di un quadro efficace al fine di monitorare il settore privato ed offrire un valore aggiunto attraverso la fornitura dei propri servizi di assistenza sanitaria. Mentre il ruolo dominante svolto dal settore privato compensa la posizione debole del governo, l'evoluzione delle dinamiche del settore porta con sé una questione preoccupante relativa all incidenza dei costi sulla popolazione. Il settore privato alimenta un fiorente mercato di assicurazioni mediche private, in rapida espansione, ed una crescita nel settore del turismo medico. Tuttavia, la metà del popolo libanese rimane senza copertura assicurativa in quanto l accesso ai servizi sanitari è basato esclusivamente sulla capacità di pagare i costi. Ciò deriva dall inefficiente atteggiamento del governo e dall'assenza di un servizio medico alternativo ben strutturato ma gratuito. Questo conduce ad aumentare le disparità, con copertura dei servizi sanitari limitata e irregolare. A parte gli insoddisfacenti standard organizzativi, il settore dell assistenza sanitaria libanese soffre di una transizione epidemiologica con l aumento di malattie croniche non trasmissibili, come il diabete, l'ipertensione e il cancro (per lo più legate a questioni ambientali e al cambio dello stile di vita), a un ritmo sostenuto, mentre le malattie infettive rimangono fortemente presenti. Questo rappresenta un ulteriore fattore di pressione sulla spesa sanitaria, in quanto richiede risorse e servizi innovativi per rispondere alle esigenze in continua evoluzione e combattere nuove malattie, una missione difficile per la struttura LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

4 di un settore dove il coinvolgimento dello Stato è assai marginale da destare preoccupazioni. Di conseguenza, l'assenza di un forte atteggiamento da parte dello Stato genera ripercussioni negative sui consumatori, nonostante la presenza di un robusto settore privato. La debole gestione pubblica del settore si riflette, in parte, nella diffusione di entità pubbliche di assistenza sanitaria esistenti nel Paese senza riuscire a servire tutti i cittadini una copertura adeguata. Ci sono in Libano due Enti pubblici di assistenza sociale: il Fondo Nazionale di Previdenza Sociale (NSSF) e la Cooperativa dei Dipendenti Pubblici (CSC), oltre a quattro Enti che fanno capo alle Forze di Sicurezza. Dato che solo una parte della popolazione segnatamente quella attiva nel mercato del lavoro è coperta da questi Enti, il resto della popolazione: disoccupati, pensionati, dipendenti di piccole imprese, continuano a favorire il Ministero della Sanità Pubblica (MoPH) che offre copertura totale. Il più grande di queste organizzazioni è il NSSF che è stato istituito nel 1961 e offre assicurazione sociale ai dipendenti del settore ufficiale (regolamentato, coperto dalla legislazione del lavoro e le convenzioni collettive), i contrattisti e i salariati del settore pubblico, i dipendenti degli Enti pubblici autonomi, e altri dipendenti. Prima della guerra civile, il NSSF aveva lo scopo di offrire copertura assicurativa all'intera popolazione, ma lo scoppio della guerra mise fine a tale piano. Anche se la copertura assicurativa rimane limitata, il numero dei beneficiari dell assicurazione sanitaria pubblica è cresciuto nel corso degli anni e si stima che circa un terzo della popolazione libanese si avvale di tale copertura. Ma anche per le persone assicurate, soprattutto con il NSSF, la copertura termina una volta i dipendenti vanno in pensione. Ciò significa che nel momento in cui crescono i bisogni di assistenza sanitaria e la capacità di pagarne i costi snellisce, la persona non può più usufruire della copertura assicurativa. Lo Stato è quindi l ultima risorsa di assicurazione. Infatti, il MoPH finanzia i costi di ospedalizzazione per qualsiasi individuo che non ha una copertura assicurativa. Il paziente che non ha assicurazione medica paga una piccola parte delle spese negli ospedali pubblici (la parte è maggiore se viene ricoverato in un ospedale privato), mentre il MoPH copre gran parte della fattura in entrambi. Altro servizio che viene fornito dal MOPH è la copertura dei costi relativi a specializzazioni ristrette, quali: chemioterapia, chirurgia a cuore aperto, e farmaci per le malattie croniche. LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

5 L'inefficienza nella gestione porta ad una maggiore spesa sanitaria, raggiungendo l'8% del PIL (Secondo Business Monitor International BMI 2011), una spesa assai alta sotto tutti i punti di vista, in quanto è tra le più alte al mondo. Lo stanziamento per i servizi di assistenza sanitaria pubblica si aggira intorno al 4% del PIL nel Budget del 2011 (Stime Business Monitor International BMI), lasciando una gran parte della spesa sanitaria da coprire con spese non rimborsabili (out of pocket expenditure), a causa della copertura bassa e inefficace fornita dallo Stato. (Ministero delle Finanze, Stanziamento del Budget 2011 per i servizi di assistenza sanitaria pubblica) Tuttavia, le spese non rimborsabili pongono grandi preoccupazioni in un'economia come quella del Libano, dove solo una minoranza è in grado di permettersi gli alti costi dell assistenza sanitaria. Il 28% della popolazione libanese è considerata povera e l'8% estremamente povera (Secondo Link Terra e Advanced Resources Development - ELARD, che ha effettuato delle indagini per conto dell UNDP in Libano). Di conseguenza una parte dei cittadini, senza mezzi finanziari, potrebbe essere costretta a ridurre il consumo di servizi di assistenza sanitaria, causando in tal modo un ulteriore peggioramento delle proprie condizioni di salute. E per le famiglie che possono permettersi la spesa, potrebbero spiazzare altre spese essenziali quali quelle per il cibo e per l abbigliamento. L'assenza di un ruolo efficace dello Stato nel settore danneggia i cittadini e colpisce pesantemente il loro livello di vita, portando ripercussioni negative sull'economia. In aggiunta alla insufficiente quota di finanziamenti concessi al settore sanitario nel quadro del bilancio, la destinazione dei capitali non è condotta giudiziosamente. I fondi a copertura dei servizi sanitari includono l ospedalizzazione, il day hospital, i farmaci e i vari ausili medicali. Ma il grosso del bilancio della sanità pubblica in Libano è destinato quasi esclusivamente alla fornitura di cure terziarie -relative a ricerche e cure mediche avanzate come la gestione del cancro- a scapito dell'assistenza sanitaria di base (Il primo punto di consultazione - per precauzione - per tutti i pazienti all'interno del sistema sanitario). L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che solo l'8% della popolazione usufruisce della cura primaria fornita dallo Stato, il che riflette il ruolo limitato dello stesso nella prevenzione, dovuto ad una gestione pubblica inefficace, aggravando ulteriormente i problemi dell assistenza sanitaria. LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

6 Il forte sbilanciamento del budget della sanità pubblica verso l assistenza curativa terziaria è stata forzato dal settore sanitario privato in netta espansione, che richiede l'utilizzo di servizi tecnologici sofisticati e di qualità. Di conseguenza la spesa medica in Libano e la piu alta della Regione, aumentando gli oneri finanziari del governo (e della popolazione non assicurata), lasciando solo una piccola parte da destinare alle cure primarie. Oltre alla necessità cruciale di affrontare l'assegnazione inefficace di bilancio per la salute, il Governo deve migliorare le condizioni dei suoi Enti preposti alla salute pubblica. Gli Ospedali governativi in Libano risentono del basso tasso di occupazione del 56% (dato del 2004), contro una media OCSE del 80%. Questo dimostra l'aspetto poco attraente dei servizi sanitari pubblici alla popolazione e la loro preferenza di rivolgersi al settore privato, nonostante gli alti costi da sostenere. Queste condizioni possono essere modificate attraverso il miglioramento degli Enti pubblici di assistenza sanitaria e dei servizi da essi forniti. Tale obiettivo può essere raggiunto spostando fondi destinati alle cure terziarie verso la riabilitazione degli ospedali pubblici. Il costo a breve termine è senza dubbio elevato, ma sarebbe compensato dai benefici a lungo termine. A parte gli ospedali, le spese pubbliche per il settore farmaceutico sono altrettanto elevate. Essi rappresentano oltre il 40% della spesa sanitaria totale (Secondo Business Monitor International BMI, 3 trimestre 2011), in quanto molti farmaci sono dei prodotti di marca importati nel paese. Quindi, dovra essere elaborata una strategia per gestire con efficienza l importazione, distribuzione e vendita dei prodotti farmaceutici (Vedi pagg. 8 e seguenti). A fronte di uno scarso rendimento del settore, ci sono vari sforzi esterni per sostenere il settore dell assistenza sanitaria e migliorare il funzionamento e la qualità dei servizi. I donatori internazionali, infatti, rappresentano gran parte della spesa sanitaria totale e appartengono a varie che vanno dalla WHO, UNFPA, UNDP, UNAIDS, UNESCO, UNIFEM, UNICEF, come pure Organizzazioni governative internazionali come l'unione Europea, l Italia e il Giappone. La Banca Mondiale ha supportato le riforme nel settore attraverso un finanziamento originariamente fissato in $USA 33,5 milioni. La Banca Islamica di Sviluppo (IDB) ha sostenuto l espansione degli ospedali pubblici e la rete di assistenza sanitaria primaria. Inoltre, ci sono donatori bilaterali come Australia, Kuwait, Qatar, Arabia Saudita, Spagna e Organizzazioni internazionali come IOM, IHP, OPEC che offrono assistenza al settore sanitario. LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

7 Anche il MoPH sostiene l operato delle ONG per l assistenza sanitaria. Per esempio, ha firmato dei contratti con il locale ufficio dell Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) per sostenere diversi programmi come il controllo del tabacco locale, le malattie non trasmissibili, e programmi di controllo dell'aids. Infine, sono stati fatti degli sforzi per migliorare il sistema di informazione sanitaria. Il Libano dovrebbe cogliere l'opportunità presentata dalla volontà della comunità internazionale di sostenere il settore sanitario del Paese (la volontà internazionale potrebbe rallentarsi attualmente a causa della crisi economica regionale e globale. L impegno rimane comunque valido nel breve e medio termine). E' fondamentale per il paese di avere una visione chiara della salute, che potrà essere raggiunta solo attraverso una gestione centralizzata governativa, in contrapposizione allo stato attuale di frammentazione dovuto al coinvolgimento di vari ministeri nel processo decisionale. Ciò consentirà una corretta regolamentazione volta a migliorare la collaborazione tra il settore pubblico e quello privato al fine di assicurare una migliore copertura e qualità dei servizi, alla portata di tutti. Oltre a limitare le spese non rimborsabili, tale gestione centralizzata contribuirà a domare le pressioni sul bilancio pubblico attraverso un controllo efficace dal lato dell'offerta al fine di contenere e sostenere il finanziamento, tra cui la spesa farmaceutica. Rafforzare il sistema permetterà la ristrutturazione della ripartizione delle spese, spostandole dall assistenza curativa verso l'assistenza sanitaria di base. Inoltre, migliorerà il partenariato con le risorse esterne e la gestione e l'utilizzo dei fondi ricevuti attraverso un approccio più efficiente. LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

8 I FARMACEUTICI Indicatori delle vendite farmaceutiche p 2012p 2013p 2014p 2015p 2016p Vendite farmaceutiche (in miliardi di $USA) Vendite farmaceutiche Var. % su base annua Vendite farmaceutiche Pro capite (in $USA) 1,0 1,0 1,2 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,8 13,6 5,1 9,9 4,2 7,0 7,7 8,8 9,2 10, Vendite farmaceutiche % del PIL 3,4 3,2 3,1 3,1 3,1 3,0 2,8 2,7 2,7 p: previsioni Fonte: Ministero della Sanità (MoPH) Libano, Business Monitor International (BMI) Indicatori sanitari statali e privati p 2012p 2013p 2014p 2015p 2016p Spesa sanitaria totale (in miliardi di $USA) Spesa sanitaria pubblica (in miliardi di $USA) Spesa sanitaria pubblica. Var. % su base annua Spesa sanitaria privata (in miliardi di $USA) 2,530 2,784 3,055 3,313 3,602 3,904 4,226 4,662 5,038 1,230 1,384 1,555 1,713 1,902 2,104 2,326 2,562 2,838 26,4 12,5 12,4 10,2 11,0 10,6 10,6 10,2 10,8 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 1,8 1,9 2,1 2,2 Spesa sanitaria privata. Var. % su base annua 6,4 11,5 5,3 5,6 6,7 6,7 7,1 7,1 7,2 p: previsioni Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), Business Monitor International (BMI) LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

9 La spesa farmaceutica in Libano è troppo alta. Confronto tra la spesa farmaceutica nel Medio Oriente e in Grecia in % del PIL e della Spesa Sanitaria Totale La spesa farmaceutica pro-capite è la più alta LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

10 Per la spesa farmaceutica, il Rapporto indica che la spesa farmaceutica pro-capite in Libano è la più alta nel Medio Oriente, come percentuale del PIL, e una delle più alte del mondo. Tra i Paesi delle economie sviluppate, solo la Grecia ha speso sui prodotti farmaceutici nel 2010 una percentuale del PIL maggiore a quella del Libano. Tuttavia, sembra che il Ministero della Sanità e il Fondo Nazionale di Previdenza Sociale (NSSF) hanno riconosciuto che questo è un problema e stanno cercando di ridurre quanto prima le loro spese sui medicinali incoraggiando la prescrizione di farmaci generici". La principale ragione dietro questa alta spesa, si trova innanzitutto nell atteggiamento culturale prevalente nella popolazione che favorisce i farmaci di marca. Anche se vi sono altri fattori che contribuiscono ad alzare la fattura sanitaria, poiché il 90% delle ospedali e delle farmacie in Libano appartengono al settore privato e dato che il margine di markup sui medicinali sono fissi, c'è una tendenza a prescrivere farmaci di alto valore. Inoltre, l'esistenza di oltre 50 importatori di prodotti farmaceutici ha ridotto i vantaggi in termini di costi e di conseguenza la competitività del distributore. Il rapporto rammenta che, in termini di valore, il paese dipende quasi completamente dalle importazioni di prodotti farmaceutici. Il turismo medicale è un altro fattore che dovrà essere preso in considerazione quando si analizza la spesa di assistenza sanitaria in Libano. È noto che cittadini provenienti da tutto il Medio Oriente visitano il Libano per motivi medici, tra cui la chirurgia plastica e molti altri trattamenti medici. Sebbene il turismo medico stia iniziando a formare una gran parte del settore sanitario libanese, le cifre esatte relative al suo volume sono inesistenti o difficili da rinvenire. Tuttavia, gli ampi afflussi di capitali verso questo settore contribuiscono a distorcere la dimensione complessiva del mercato e la possibilità di confrontare con altri mercati all'estero, per non parlare dell'analisi pro-capite della spesa sanitaria. Un'illustrazione di come il Libano sta spendendo troppo sull assistenza sanitaria da un lato, ma anche come il controllo dell'industria da parte del settore privato può notevolmente vantare attrezzature migliori, è stato oggetto di uno studio condotto nel 2001 dall'ocse. Infatti, nel suo studio, l'ocse ha notato che il Libano aveva sistemi di Imaging a Risonanza Magnetica (MRI) e scanner di Tomografia Computerizzata (CT) in numero maggiore rispetto ad alcuni paesi a reddito molto più elevato. Il numero di MRI e CT per un milione di abitanti in Libano era rispettivamente 3,7 e 13,7, mentre nello stesso anno, un milione di abitanti in Francia aveva 2,8 MRI e 8,4 CT. La bilancia commerciale farmaceutica è in gran parte in deficit per il Libano. Il Paese dipende principalmente dalle importazioni per il suo consumo di medicinali e il rapporto LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

11 esportazioni/importazioni è di appena il 2%. Il valore delle importazioni di prodotti farmaceutici nel 2011 è ammontato a 876 milioni di $USA, che costituisce quasi la totalità delle vendite di farmaceutici (1,2 miliardi di $USA), mentre il valore delle esportazioni di medicinali nello stesso anno risulta pari ad appena 18,3 milioni di $USA. Vale la pena evidenziare un altro segmento del mercato, vale a dire i farmaci da banco (OTC), che rappresentano in valore il 27% del totale delle vendite farmaceutiche. Questo segmento non sembra essere ben rappresentato nel mercato, in quanto i farmaci da banco non sono attivamente commercializzati e promossi in Libano, e i farmaci generici sono, in generale, sotto-rappresentati, soprattutto a causa di una mancanza di consapevolezza. Pertanto la spesa bassa in questa categoria non necessariamente rispecchia una scarsa domanda, e ci possono essere buone prospettive per i produttori di farmaceutici in questo segmento. Il Rapporto ha, inoltre, delineato i punti di forza e di debolezza del settore farmaceutico e sanitario libanese. Sul lato dei punti di forza, il Rapporto cita: a. Il ragguardevole e forte settore sanitario privato, che potrebbe fornire una solida base per la crescita complessiva del mercato in futuro; b. I prezzi relativamente alti dei farmaci, dato che la maggior parte dei farmaci sono di marca, e stanti agli alti margini per la vendita al dettaglio, il mercato potrebbe offrire spazi a nuovi prodotti più competitivi. c. Il considerevole mercato dei farmaci da prescrizione, stimato intorno al 72% del volume totale del mercato. Secondo il Rapporto, i punti di debolezza sono evidenziati in: a. La mancanza di copertura sanitaria universale b. Le infrastrutture sanitarie danneggiate dai disordini civili e dagli stalli politici; c. Il problema della contraffazione d. Le procedure adottate dal settore pubblico per l approvvigionamento di farmaci, che tendono a favorire le società locali. e. La mancanza di un'adeguata normativa locale in materia di protezione della Proprietà intellettuale (IP), ancora lontana dagli standard internazionali; Infine, la relazione prevede una crescita apprezzabile per il settore sanitario in generale per i prossimi cinque anni. Infatti, per il settore dell assistenza sanitaria si prevede un tasso di crescita annuo composto (CAGR) pari a +8,9% fino al 2016 e che costituirà circa l'8,2% del PIL. Gli LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

12 elementi trainanti della crescita complessiva di mercato comprendono l aumento della spesa sanitaria, accoppiato all espansione della popolazione, allo sviluppo socio-economico e alla modernizzazione del settore sanitario. La ripresa economica contribuirà ad aumentare la copertura del settore privato, con conseguente aumento anche della spesa farmaceutica. Infatti, si prevede che le vendite di farmaceutici aumenteranno ad un tasso di crescita annuo composto (CAGR) pari a +8,5% nel 2016, che è in linea con le previsioni globali del mercato. TABELLA STATISTICA Import di prodotti farmaceutici (capitolo 30 della tariffa doganale HS) nel triennio 2010/2012 Paese Quota Variazione 2012/2011 Francia ,2% -3,5% Germania ,9% 12,6% USA ,8% 23,5% Svizzera ,7% -8,0% Italia ,7% -8,5% Regno Unito ,1% -13,2% Giordania ,2% 7,9% Danimarca ,6% 12,9% Spagna ,3% -3,0% Irlanda ,1% -6,3% Altri Paesi ,3% -4,6% Totale ,3% Valori in milioni di $USA Fonte: Ufficio Statistica Dogane Libanesi Elaborazione ICE Beirut LIBANO. Panoramica del Settore Sanitario. Settembre

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare, diceva Seneca. Oggi l Italia, con la crisi quasi alle spalle

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Onere fiscale elevato in Svizzera

Onere fiscale elevato in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 4: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Onere fiscale elevato in Svizzera Nel confronto internazionale, la Svizzera viene regolarmente considerata un paradiso fiscale. Le cifre dell

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC

Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC Welfare, integrazioni e necessità private e possibili soluzioni come le polizze LTC La recente pubblicazione del rapporto Censis/Unipol Welfare, Italia 214 propone alcuni spunti e temi di riflessione su

Dettagli

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Fatti Premi costi motivazioni curafutura illustra i principali fatti e meccanismi relativi al tema dei premi dell assicurazione malattie, spiega come si arriva alla definizione del premio della cassa malati,

Dettagli

Pharma day 2013 Situazione iniziale 22.06.2011:C.F. approvazione della strategia in materia di sanità, il DFI doveva stilare un rapporto nell autunno 2012, 17.06.2012 : votazione popolare contro il managed

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Milano, 18 luglio 2011 Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Fabio Rossello Presidente Unipro Gli scenari dell indagine: Mondo Ripresa globale delle economie, in particolare delle tre

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Il Sistema Sanitario Tedesco: Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73 Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Caratteristiche generali dei sistemi assicurativi e dei Sistemi Sanitari Nazionali

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Scenari internazionali: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa premessa export strategia necessaria fatturato interno ed estero dell industria italiana indice mercato estero dal 2009

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? L indebitamento delle famiglie italiane Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia 1 Risparmi e debiti delle famiglie

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

Ripartizione equa dei redditi in Svizzera

Ripartizione equa dei redditi in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 1: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Ripartizione equa dei redditi in Svizzera Le questioni sulla ridistribuzione, da anni oggetto di discussione in Svizzera, sono alimentate dalle

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1 Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli