SANITÀ E VALORE: SOLO UN PROBLEMA DI COSTI? Padova, 26 gennaio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANITÀ E VALORE: SOLO UN PROBLEMA DI COSTI? Padova, 26 gennaio 2015"

Transcript

1 Ciclo di seminari «Tra sanità e salute, questione di valore» SANITÀ E VALORE: SOLO UN PROBLEMA DI COSTI? Padova, 26 gennaio 2015 Vincenzo Rebba Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Marco Fanno Università di Padova V. Rebba - 26 gennaio 2015

2 INDICE 1. Salute e sanità: un approccio economico 2. Valutare l investimento in sanità 3. Sanità basata sul valore : un nuovo paradigma? V. Rebba - 26 gennaio

3 1. Salute e sanità: Un approccio economico V. Rebba - 26 gennaio

4 Salute (health): stato di completo mentale e sociale e non solo l assenza di malattia o di disabilità (OMS, 1948). In termini economici, la salute h possiede un valore d uso (la salute, al pari di altri beni x, inrluisce positivamente sull utilità/benessere individuale intesa come grado di soddisfacimento dei bisogni) ma non un valore di scambio (non si può acquistare la salute di altri, così come non si può vendere la propria): U = U (x, h) Il valore (d uso) della salute varia tra ciascun individuo a seconda delle sue preferenze (funzione di utilità U). V. Rebba - 26 gennaio

5 Sanità (S): insieme dei beni e servizi esclusivamente o prevalentemente diretti a contrastare stati patologici e a migliorare lo stato di salute. E uno dei fattori di produzione di salute insieme ad altri fattori diretti (caratteristiche genetiche e demograriche, stili di vita, ambiente) e indiretti (reddito, istruzione). In termini economici, a differenza di altri beni e servizi x, la sanità S non determina utilità di per sé (talune cure possono anzi comportare disutilità) ma perché si spera produca effetti positivi in termini di salute h: U = U (x, h(s)) La domanda fondamentale da parte del consumatore riguarda il suo livello di salute h e non i beni e servizi sanitari S per i quali egli esprime una domanda derivata o strumentale (la stessa domanda di salute potrebbe essere considerata strumentale in quanto consente, ad esempio, di partecipare al mercato del lavoro o di utilizzare bene il tempo per attività di formazione, consumo, ecc.). V. Rebba - 26 gennaio

6 Doppia causalità tra reddito e salute Salute Salute come bene bene di consumo di consumo e come bene e d investimento come bene di investimento (Modello di Grossman) (modello di Grossman, 1972) (h bene di consumo) Utilità U Salute H h (h bene di investimento) Capitale umano K Reddito Y Consumi C x Sanità - S Altri fattori - F 5

7 Due mercati imperfetti Poiché la salute non ha un valore di scambio, non esiste un mercato della salute. Esistono invece due particolari tipi di mercato che riguardano: 1) la copertura assicurativa contro i rischi di perdita della salute; 2) lo scambio di i beni e servizi sanitari intesi come fattori di produzione della salute. Entrambi sono però caratterizzati da rilevanti problemi di funzionamento (Arrow, 1963): 1) il mercato delle assicurazioni di malattia è incompleto (non copre tutti i rischi) e imperfetto (a causa di asimmetrie informative) con forti effetti negativi in termini di efricienza e di equità ; 2) i mercati dei beni e servizi sanitari sono caratterizzati (molto più di altri) da informazione imperfetta e asimmetrica a svantaggio del consumatore (ignoranza sul valore di ciò che si domanda e necessità di afridarsi a un professionista sanitario agente ) e da domanda rigida al prezzo ; in alcuni casi, non funzionano adeguatamente per l esistenza di beni pubblici ed esternalità positive. Per superare i fallimenti dei due tipi di mercato e per motivazioni di equità, si ricorre ad un intervento pubblico (più o meno ampio a seconda dei particolari contesti istituzionali): il desiderio di ogni individuo di investire nella tutela della propria salute è in via di principio considerato meritorio in ogni società evoluta. V. Rebba - 26 gennaio

8 Misurare! il valore della sanità: particolarità Nei mercati di tipo concorrenziale, il valore del bene oggetto di scambio viene determinato dall equilibrio tra domanda e offerta. "#$%%&!.&4)*.)! &33$#+)! "! &! '! Per i beni e servizi sanitari, questo non si veririca in quanto: 1) il consumatore in genere non è in grado di scegliere autonomamente e deve afridarsi a un professionista sanitario agente (es: il medico) 2) in molti casi chi paga il prezzo del bene non è il consumatore (se non in parte) ma un assicurazione privata o pubblica (terzo pagante). V. Rebba - 26 gennaio 2015 '()*+,+-!.,!/$*$01$#2,%,&! Nel caso 2) la valutazione economica, secondo particolari metodologie, rappresenta uno strumento sostitutivo del prezzo utile per il terzo pagante (e per la società) - per misurare i benerici e i costi dei beni e servizi sanitari. 7

9 2. Valutare l investimento in sanità V. Rebba - 26 gennaio

10 Sanità come fattore di investimento e di sviluppo Molte analisi suggeriscono che investire in salute può essere un modo per sostenere lo sviluppo economico e la crescita (Figueras and McKee, 2012). La sanità, oltre a rappresentare un fattore di produzione di salute, determina anche opportunità di crescita per il sistema economico nel suo complesso, contribuendo ad alimentare il PIL (Prodotto interno lordo) e l occupazione attraverso servizi di tipo labour intensive (73% della produzione del settore) e farmaci, dispositivi medici e apparecchiature con forte impatto in termini di R&S (27% della produzione): ü in Italia, nel 2010, il settore sanitario contribuisce: al PIL per il 9,7%; ai consumi nazionali per l 11,2%; agli investimenti Rissi lordi per l 1,9%; alle esportazioni per il 2,9%; ü la sua rilevanza è superiore a quella dell intera agricoltura, del settore tessile- abbigliamento, dell industria chimica e automobilistica; ü il sistema sanitario italiano impiega 1,25 milioni di addetti diretti e distribuisce redditi (stimati) in 77,4 miliardi di euro; ü 1 euro speso per servizi sanitari produce un effetto moltiplicatore (considerando l indotto) pari a 1,57 euro per i servizi pubblici e 1,30 euro per quelli privati. (Dati tratti da Mapelli, 2012) V. Rebba - 26 gennaio

11 Investimenti in sanità produttivi di salute Misurare il livello di benessere di un Paese con il PIL, anche se è convenzione comunemente accettata nei confronti internazionali, può tuttavia essere riduttivo e fuorviante (es: produrre e utilizzare un numero elevato di automobili inquinanti aumenta il PIL; la produzione di farmaci con gravi effetti collaterali o l effettuazione di esami diagnostici inutili e dannosi aumentano il PIL, almeno nel breve periodo ). Sono stati quindi proposti quindi nuovi indici che tengono conto della tutela ambientale e della qualità della vita tra cui il BES (Benessere Equo e Sostenibile) che include indicatori di salute. Perché l investimento in sanità determini un effettivo investimento in salute e un reale aumento di benessere sociale, esso deve riferirsi a beni e servizi (produttivi di salute) in base alle evidenze L adozione di un nuovo programma sanitario (farmaco, dispositivo medico, apparecchiatura, procedura, intervento di prevenzione) richiede quindi una valutazione sia dei costi sia, soprattutto dei (outcome di salute) del programma. V. Rebba - 26 gennaio

12 Valutazione della sostenibilità economica dei programmi sanitari La valutazione economica dei programmi sanitari richiede il concorso di diverse professionalità (il clinico, l epidemiologo, lo statistico, l economista) ed è una componente dell Health Technology Assessment (HTA), approccio omnicomprensivo che si pone l obiettivo di fornire ai responsabili di politiche sanitarie e scelte assistenziali informazioni afridabili e scientiricamente difendibili sugli effetti delle nuove tecnologie sanitarie. Essa rappresenta uno strumento per misurare la sostenibilità economica (value for money) di programmi sanitari: veriricare cioè se il valore prodotto dal programma è superiore al suo costo opportunità (valore che la collettività avrebbe potuto ottenere utilizzando le risorse impegnate dal programma in altre aree di intervento pubbliche o private). Gli obiettivi della valutazione economica in sanità sono di due tipi: ü massimizzare il benessere della società con le risorse a disposizione; ü rendere compatibili i bisogni di salute, tendenzialmente illimitati, con le risorse (scarse) raccolte attraverso la Riscalità o i premi assicurativi. Lo stakeholder di riferimento è: ü il cittadino- contribuente nei sistemi sanitari pubblici Rinanziati con imposte o contributi sociali ü l assicurato nei sistemi fondati sull assicurazione sanitaria privata. V. Rebba - 26 gennaio

13 Metodologie di valutazione economica dei programmi sanitari Le valutazioni economiche complete considerano: ü almeno due programmi sanitari alternativi (uno dei due può essere lo status quo); ü sia i costi che i benerici dei programmi sanitari alternativi. Le tecniche di valutazione economica in sanità misurano i costi più o meno allo stesso modo mentre misurano i benerici (outcome) in modo diverso. Esistono 2 tecniche di valutazione economica completa: ü ü Analisi Costi BeneFici (Cost- Analysis - CBA) Analisi Costi EfFicacia (Cost- Effectiveness Analysis- CEA, che comprende l Analisi Costi Utilità, Cost- Utility Analysis- CUA) Tali tecniche offrono valutazioni diverse a seconda del punto di vista adottato: i) terzo pagante pubblico (Regione, Stato) o privato (assicurazione); ii) società nel suo complesso. (Per approfondimenti: Drummond et al., 2010) V. Rebba - 26 gennaio

14 Componenti di una valutazione economica Risorse Usate ( Struttura ) Programma Sanitario ( Processo ) Miglioramento stato di salute ( Esito ) Costi Costi diretti (sanitari e non- sanitari) Costi indiretti (perdite di produzione) BeneRici misurati in moneta benerici diretti (costi sanitari evitati pubblici e privati) benerici indiretti (guadagni di produzione) CBA (Basato sul modello degli assi della qualità di Donabedian (1990) Unità naturali (effetti sulla salute misurati con RCT e studi osservazionali) successo clinico anni di vita guadagnati giorni liberi da sintomatologia, etc. CEA Unità di utilità (indici qualità di vita basati su preferenze applicati a indicatori di esito) Quality adjusted life- years (QALYs) CUA V. Rebba - 26 gennaio

15 Confronto tra due programmi A e B Costi A Alternativa A Esiti A scelta Valorizzati in moneta Costi B Alternativa B Esiti B Valorizzati in: Unità Fisiche di efficacia (CEA) Unità di utilità (CUA) Moneta (CBA) V. Rebba - 26 gennaio

16 2.1 Analisi Costi- BeneWici

17 CBA: Caratteri generali La Analisi Costi- BeneRici (Cost- Analysis CBA) è una tecnica di valutazione basata sul confronto tra costi (C) e benerici (B) espressi in moneta. Si sceglie il programma sanitario che: Max B- C oppure Min C/B BeneRici da valutare in moneta: ü riduzione dei rischi di mortalità (valutazione monetaria delle vite statistiche salvate oppure riduzione dell indicatore VOLY: value of life years lost ); ü riduzione della morbilità (minore incidenza e/o prevalenza di patologie). V. Rebba - 26 gennaio

18 CBA: La valutazione dei benewici La valutazione monetaria dei benefici (outcome) di un programma sanitario per l intera società viene in genere effettuata secondo tre approcci: (I) Disponibilità a pagare (willingness to pay - WTP) 1. metodo della valutazione contingente basato su questionari a campioni di popolazione (consente valutazione monetaria completa dei benerici espressi come Max. WTP ma risulta complesso e dispendioso) 2. metodo delle preferenze rivelate (ad es., salario aggiuntivo accettato per lavori rischiosi) (adatto a valutare rischi di morte o malattia assunti volontariamente, poco adatto per valutare rischi involontari ) (II) Capitale umano Si stima il valore delle perdite di produzione/pil evitate (generalmente considerato non adeguato: trascura o sottostima i benerici relativi alle persone in età o condizione non lavorativa) (III) Costo della malattia (Cost of illness COI) Si misurano i costi sanitari (costi diretti) e le perdite di produttività e tempo libero (costi indiretti) evitati a seguito del programma. (non consente una valutazione monetaria completa dei benerici ma risulta meno complesso e dispendioso della valutazione contingente) V. Rebba - 26 gennaio

19 Limiti della CBA L approccio è fondato sulla misurazione della Max WTP di un programma sanitario da parte di tutte le persone il cui benessere (utilità) è inrluenzato dal programma stesso (non solo i benericiari diretti del programma). In teoria, se l informazione sugli outcome fosse completa, potrebbe consentire una valutazione esaustiva dei benerici (Pauly, 1996). La CBA presenta però diverse problematiche che ne hanno determinato lo scarso utilizzo, soprattutto in ambito europeo: ü la trasformazione in moneta del valore della vita (statistica) o del miglioramento del livello di salute richiedono strumenti di non facile applicazione e che spesso non consentono una corretta valutazione dei benerici di programmi sanitari alternativi; ü le implicazioni di carattere etico della conversione del valore della vita e della salute in una somma di denaro contrastano con i principi di equità prevalenti, a meno di non valutare adeguatamente la salute dei soggetti improduttivi per il sistema economico (in alcuni casi la CBA potrebbe portare a concludere che alcune patologie, e quindi alcune tipologie di pazienti - es: pazienti con virus HIV -, sono caratterizzati da una somma dei costi superiori ai benerici per cui non dovrebbero essere trattati!) In campo sanitario si adotta quindi preferibilmente la tecnica dell Analisi Costi- EfRicacia (CEA e/o CUA). V. Rebba - 26 gennaio

20 2.2 Analisi Costo- EfWicacia (e Analisi Costo- Utilità) V. Rebba - 26 gennaio

21 Analisi Costi- EfWicacia: Caratteri generali L analisi Costi- EfRicacia (Cost- Effectiveness Analysis- CEA oppure Cost- Utility Analysis- CUA) rappresenta il tipo di valutazione economica più frequentemente utilizzata per misurare la sostenibilità economica degli interventi in sanità. In questo tipo di analisi, per ogni programma sanitario alternativo da valutare, si considera il rapporto tra costi (C) espressi in unità monetarie e benerici (outcome) espressi in unità naturali di efricacia (indicatori di esito E) oppure in Quality Adjusted Life Years (QALYs). Il risultato ultimo consiste in un rapporto di costo efricacia puro o di carattere incrementale. Con la CEA possono essere confrontati solo interventi omogenei, che hanno effetti E quantiricati nella stessa unità di misura. Con la CUA si possono confrontare invece programmi sanitari anche eterogenei i cui benerici vengono misurati con un unica unità di misura: i QALYs. V. Rebba - 26 gennaio

22 Il Rapporto Incrementale Costi- EfWicacia In genere viene effettuata una analisi incrementale dei costi e dei benefici: i costi incrementali di ciascun programma alternativo vengono rapportati ai corrispondenti benerici (unità di efricacia, QALYS) addizionali. Se A è il programma comparatore (alternativa esistente) e B è il programma innovativo che si vorrebbe introdurre, la regola generale per confontare le alternative A e B è quella di calcolare l ICER (Incremental Cost- Effectiveness Ratio) dato dal rapporto tra la differenza nei costi monetari e la differenza negli esiti misurati in unità naturali di efricacia (ad es. anni di vita guadagnati) dei due programmi: ΔC = c B - c A ΔE E B - E A = Extra costo necessario per ottenere un unità addizionale di esito (outcome) con il programma B rispetto al programma esistente A V. Rebba - 26 gennaio

23 L analisi incrementale può essere resa più chiara con l utilizzo del piano costi- efficacia: l inclinazione delle congiungenti AB e AC indicano i rapporti costo- efricacia incrementali (ICER) rispettivamente dell alternativa innovativa B e dell alternativa innovativa C rispetto all alternativa A preesistente (comparatore) che viene riportata sull origine degli assi.! Differenza nei costi!c!! II + I!! B Programmi!!! dominati!! da scartare!!!!!! Interventi meno efficaci e più! costosi dell alternativa esistente A!!! -!!!!!!!!!!!! +!!!!!!!!! A!!!!!!!! Interventi meno efficaci e meno costosi dell alternativa A (scelta programmi! con alto ICER! negativo; retta molto inclinata)! III! III! C Il Piano Costi- EfWicacia -! V. Rebba - 26 gennaio 2015 Programmi dominanti Interventi più efficaci e meno costosi dell alternativa esistente A IV Interventi più efficaci e più costosi dell alternativa A (scelta di programmi con basso ICER positivo; retta poco inclinata) Differenza negli outcome!e 22

24 QALYs - 1 Nella Analisi Costi- Utilità (Cost Utility Analysis CUA) i costi di un programma sanitario vengono rapportati ai risultati di efricacia del programma stesso espressi in QALYs, anni di vita pesati per un di utilità (qualità della vita): QALYs = Anni di vita vissuti grazie al programma x di Utilità Il di Utilità sintetizza la desiderabilità di una condizione di salute con un indice compreso tra 0 ed 1 (dove 0 è il peggiore stato di salute possibile e 1 è il miglior stato di salute possibile); è una misura delle preferenze della persona (e) interessata(e) dal programma oggetto di valutazione. V. Rebba - 26 gennaio

25 QUALITA DELLA VITA QALYs - 2 Esempio: misurazione del guadagno di QALY di un programma B (trapianto di rene al tempo t) rispetto a un programma A (assenza di intervento di trapianto e trattamento dialitico) per pazienti con insufricienza renale cronica grave t t+2 t+10 TEMPO t+12 V. Rebba - 26 gennaio 2015 QALY senza intervento = 2x0.6 +8x0.4 = 4.4 QALY con intervento = 12x1 = 12 QALY (guadagno) = = 7.6 QALY (guadagno) = 2x x x1.0 =

26 QALYs 3 I QALYs si fondano sull ipotesi di corrispondenza tra salute e benessere in termini di qualità della vita e rappresentano una sorta di moneta (numerario) che combina la mortalità e la morbidità associate alla condizione clinica considerata nel programma sanitario oggetto di analisi. La misurazione del coefriciente di utilità per determinati outcome di salute (riduzione di mortalità e morbidità) si fonda sulla somministrazione di questionari a insiemi di persone (pazienti, operatori sanitari, popolazione generale). E piuttosto complessa e richiede molto tempo e risorse. Poichè la morbidità si può manifestare in modi molto diversi e difricilmente comparabili tra loro, vari enti regolatori preferiscono misurarne l impatto in termini di qualità di vita (QOL Quality of Life) associata allo stato di salute del paziente, utilizzando strumenti generici come, per esempio, lo SF- 6D, lo EuroQol- 5D e l HUI (Health Utility Index). In questo caso, i QALYs vengono calcolati ponderando l aspettativa di vita del paziente per l indicatore QOL di qualità di vita. Esistono 3 tecniche principali di misurazione dei coefricienti di qualità attraverso questionari: ü Scala Visuale Analogica ü Metodo delle Alternative Temporali (Time Trade- Off) ü Metodo delle Scommesse (Standard Gamble) V. Rebba - 26 gennaio

27 Il Piano Costi- Utilità L analisi incrementale coincide con quella esposta per la CEA: anche nella CUA i risultati della valutazione economica sono espressi in rapporti incrementali (ICER) tra differenze di costo e di efricacia (espressa in QALYs): ΔC/ΔQ. + ΔC Più costoso II I Programmi Dominati - ΔQ Diminuzione di QALYs + ΔQ Aumento di QALYs /QALY Programmi Dominanti III /QALY - ΔC Meno costoso IV V. Rebba - 26 gennaio

28 Valore soglia per l ICER La esplicita derinizione di un valore soglia del rapporto incrementale (ICER) Costo per QALY si verrebbe a conrigurare come segnalazione della disponibilità a pagare sociale per l adozione di programmi sanitari innovativi (Pauly, 1996). Tale valore soglia, che verrebbe a rirlettere in maniera trasparente l orientamento della società e delle istituzioni pubbliche che la rappresentano (AIES, 2009), non è comunque facile da derinire sia per questioni metodologiche sia soprattutto per ragioni politiche. Il NICE (National Institute for Clinical Excellence) britannico Rin dal 2004 ha utilizzato come soglia di riferimento per il NHS inglese l intervallo sterline ( ) per QALY guadagnato. Negli USA il valore soglia utilizzato comunemente è pari a dollari per QALY (poco meno di ). Un recente editoriale uscito sul NEJM (Neumann et al., 2014) rileva la difricoltà sia concettuale che pratica di derinire una soglia di riferimento. V. Rebba - 26 gennaio

29 Limiti dell Analisi Costi- Utilità - 1 1) Si basa di un approccio di tipo utilitaristico : le risorse andrebbero prioritariamente destinate agli interventi con il più basso ICER in modo tale da massimizzare il benericio globale per la società (in termini di somma complessiva di QALYs prodotti). Ciò però prescinde dalla ripartizione del benericio totale tra i membri della società: 4 QALYs guadagnati da una persona equivalgono a 1 QALY guadagnato da 4 persone. Le implicazioni etiche di un approccio di questo tipo suggeriscono cautela per evitare di premiare programmi la cui quantità di QALYs è maggiore di altri ma sensibilmente inferiore il numero di soggetti che ne benericiano (Dirindin e Vineis, 1999). 2) Può penalizzare sistematicamente alcuni programmi sanitari: l uso dei QALYs come misura di efficacia può penalizzare i programmi che si riferiscono al trattamento di patologie cronico-degenerative o che hanno come target persone anziane, disabili, non autosufficienti o affette da gravi patologie (es: AIDS, malattia di Alzheimer). A programmi sanitari di questo tipo sono infatti generalmente associati livelli relativamente più bassi di outcome ottenibile (numero ridotto di QALYs che si possono guadagnare a causa di minore aspettativa di vita). La CUA dovrebbe quindi essere usata in maniera settoriale, cioè solo per la scelta degli interventi per una stessa condizione. V. Rebba - 26 gennaio

30 Limiti dell Analisi Costi- Utilità - 2 3) CUA e regola del salvataggio : La CUA si fonda su un trade- off tra quantità (anni) e qualità della vita. I QALYs divengono la moneta per misurare e scambiare tutti i benerici sanitari, si tratti di anni di vita guadagnati per interventi su condizioni fatali o di semplici miglioramenti della qualità della vita per condizioni croniche non fatali. Ma è opinione diffusa che non si dovrebbero misurare sulla stessa scala gli interventi destinati a salvare la vita con quelli destinati a migliorare la qualità della vita: prima si dovrebbero destinare risorse agli interventi salva- vita mentre solo in un secondo momento si dovrebbe pensare ad alleviare le condizioni non fatali (regola del salvataggio). Su questa base è stata rivista, ad esempio, la lista di priorità dell Oregon anche se alcuni analisti osservano che applicare tale regola in tutti i casi può condurre a un sistema costoso in misura insostenibile (Mapelli, 1999, p. 111) 4) Problemi di costruzione e validazione dei QALY: Le persone attribuiscono utilità (qualità) differente alla medesima condizione di vita in relazione alla propria età, sesso e condizione socio- economica e soprattutto a seconda che siano sani o affetti da patologie, o, ancora, siano operatori sanitari con conoscenza (indiretta) della malattia. Molto difricile trovare intervalli di variazione dei coefricienti di utilità capaci di acquisire un consenso sufricientemente diffuso. V. Rebba - 26 gennaio

31 3. Sanità basata sul valore : un nuovo paradigma? V. Rebba - 26 gennaio

32 Value- based health care (Porter) - 1 L analisi della formazione e della misurazione del valore dell assistenza sanitaria sembra avere acquisito sempre maggiore rilevanza negli ultimi anni. Il dibattito sulla c.d. sanità basata sul valore (value- based health care) è stato avviato in particolare dopo la pubblicazione nel 2006 del libro Health Care. Creating value- based competition on results di M.E. Porter ed E. Olmsted Teisberg. Il concetto è stato esteso poi in un articolo uscito sul NEJM (Porter, 2010). Porter osserva come nel sistema sanitario USA i vari attori non siano motivati a creare valore per il paziente, ma a garantirsi migliori opportunità di accesso ai Rinanziamenti, trasferire costi, razionare le prestazioni. Occorrerebbe invece superare la competizione a somma zero tra erogatori in modo da generare valore per il paziente. V. Rebba - 26 gennaio

33 Value- based health care (Porter) - 2 Porter derinisce il valore in sanità come risultato ottenuto in termini di salute del paziente per ogni dollaro speso : La creazione di valore riguarda la gestione integrata complessiva di una determinata condizione clinica (disease management), considerata secondo tutto l ambito dell interazione fra paziente e servizi, anziché nella prospettiva del singolo segmento del processo di cura (ospedale, ambulatorio, ecc.). L obiettivo diventa massimizzare il valore per il paziente, valutando l'esito delle cure attraverso indicatori di risultato scientiricamente validi, facilmente utilizzabili nella pratica, rilevati con meccanismi trasparenti durante tutto il ciclo di cura. Creare un valore elevato per i pazienti non richiede necessariamente una spesa maggiore: la competizione sui risultati può costituire un fattore di ottimizzazione delle risorse (es: programmi per garantire tempi certi nella somministrazione dei farmaci, eliminazione/riduzione di procedure ripetute, strategie di disease management che puntano sul migliore controllo della malattia nelle fasi precoci). V. Rebba - 26 gennaio

34 Value- based health care (Porter) - 3 Porter (2010) propone di articolare la misurazione dei risultati delle cure in termini di salute dei pazienti (suddivisi per tipo di condizione di salute o per gruppi di iso- bisogno*) su tre livelli gerarchici. * Gruppi di pazienti omogenei, utilizzando procedure di standardizzazione dei bisogni di salute basate su risk adjustment V. Rebba - 26 gennaio

35 A partire dal concetto di Value- Based health care di origine statunitense sono state sviluppate in diversi Paesi nuove politiche sanitarie orientate al valore e alla ricerca del risultato: ü ü ü Sanità basata sul valore: applicazioni pagamento delle prestazioni sanitarie con meccanismi di Value- Based Purchasing e/o Pay for Performance P4P (sistemi incentivanti con la Rinalità di compensare i fornitori per miglioramenti misurabili nella qualità delle cure erogate e nella salute dei pazienti; es: in UK, il pagamento dei MMG è derinito Quality Outcomes Framework e quello degli ospedali per singola attività Payment by results) (Millenson, 2012; Doran et al., 2006) Rissazione dei prezzi dei farmaci rimborsati dal terzo pagante attraverso Value- Based Pricing (Rissazione esplicita del prezzo max. rimborsabile di un nuovo farmaco in base al valore apportato in termini di innovatività terapeutica, impatto della malattia, benerici per la società; in fase di applicazione sperimentale nel NHS inglese) (Curto et al., 2014) derinizione delle coperture assicurative e delle compartecipazioni secondo gli approcci Value- Based Insurance Design e Value- Based Cost- Sharing (livelli di copertura assicurativa e compartecipazione incentivanti deriniti sulla base delle evidenze di efricacia delle prestazioni per specirici gruppi di pazienti) (Thomson et al., 2013). V. Rebba - 26 gennaio

36 Sanità basata sul valore: un nuovo paradigma? L approccio Value- Based non appare particolarmente innovativo sotto il metodologico: riprende di fatto i principi dell Analisi Costi- EfRicacia. I contributi più originali dell approccio riguardano: ü la creazione e misurazione del valore lungo tutto il percorso di cura (funzionale e temporale) del paziente: costruire una catena del valore centrata sul paziente consentirebbe di ottimizzare il rapporto tra risultati di salute e costi, nell ottica della sostenibilità economica degli interventi sanitari; ü l applicazione dei criteri di costo- ad ambiti in erano prevalse considerazioni di offerta: analisi della performance dei servizi, Rinanziamento delle prestazioni, Rissazione dei prezzi dei farmaci in Prontuario, design di meccanismi di compartecipazione. V. Rebba - 26 gennaio

37 Sanità basata sul valore: il nodo della sostenibilità Winanziaria La srida di lungo periodo dei sistemi sanitari non riguarda però solo la sostenibilità economica (garantire una sanità value- based cioè costo- ma anche, e soprattutto, la degli interventi sanitari (disporre di risorse Rinanziarie sufricienti per continuare a garantire una copertura sanitaria adeguata e di buona qualità ai cittadini). La sostenibilità economica è una condizione necessaria ma non di in quanto vincoli di bilancio possono ridurre la capacità o la disponibilità del terzo pagante a Rinanziare i livelli esistenti di copertura sanitaria. V. Rebba - 26 gennaio

38 Sanità basata sul valore: il nodo della sostenibilità Winanziaria Il caso Sofosbuvir ü ü ü Ad esempio, Rissare il prezzo del Sofosbuvir (farmaco di nuova generazione in grado di eradicare il virus dell epatite C nel 90% dei casi e con alta tollerabilità rispetto alle terapie esistenti) in base a Value- Based Pricing porterebbe a ritenere accettabile il prezzo proposto dal produttore (mediamente per un ciclo di cura) in quanto l ICER sarebbe compreso, a seconda dello stadio di Ribrosi, tra e per QALY (quindi entro la soglia tipica di sostenibilità economica) (ad es., Leleu et al., 2014). Tuttavia un uso diffuso del farmaco al prezzo attuale (es. in Italia sono infette 1,5 milioni di persone e considerate trattabili mila) non è sostenibile sotto il prorilo Rinanziario. Il suo utilizzo è stato quindi soggetto a forte razionamento con evidenti implicazioni etiche. In questo caso, l approccio Value- Based si rivela carente: di fatto nei diversi Paesi il prezzo del farmaco viene negoziato tra terzo pagante e produttore (es. il Senato USA ha chiesto al produttore di rendicontare le spese sostenute per produrre e promuovere il farmaco; alcuni Paesi hanno ottenuto sconti anche cospicui). V. Rebba - 26 gennaio

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 IBM Global Business Services IBM Institute for Business Value La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 Sanità Evoluzione dei modelli di erogazione dei servizi sanitari IBM Institute for Business Value

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli