SANITÀ E VALORE: SOLO UN PROBLEMA DI COSTI? Padova, 26 gennaio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANITÀ E VALORE: SOLO UN PROBLEMA DI COSTI? Padova, 26 gennaio 2015"

Transcript

1 Ciclo di seminari «Tra sanità e salute, questione di valore» SANITÀ E VALORE: SOLO UN PROBLEMA DI COSTI? Padova, 26 gennaio 2015 Vincenzo Rebba Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Marco Fanno Università di Padova V. Rebba - 26 gennaio 2015

2 INDICE 1. Salute e sanità: un approccio economico 2. Valutare l investimento in sanità 3. Sanità basata sul valore : un nuovo paradigma? V. Rebba - 26 gennaio

3 1. Salute e sanità: Un approccio economico V. Rebba - 26 gennaio

4 Salute (health): stato di completo mentale e sociale e non solo l assenza di malattia o di disabilità (OMS, 1948). In termini economici, la salute h possiede un valore d uso (la salute, al pari di altri beni x, inrluisce positivamente sull utilità/benessere individuale intesa come grado di soddisfacimento dei bisogni) ma non un valore di scambio (non si può acquistare la salute di altri, così come non si può vendere la propria): U = U (x, h) Il valore (d uso) della salute varia tra ciascun individuo a seconda delle sue preferenze (funzione di utilità U). V. Rebba - 26 gennaio

5 Sanità (S): insieme dei beni e servizi esclusivamente o prevalentemente diretti a contrastare stati patologici e a migliorare lo stato di salute. E uno dei fattori di produzione di salute insieme ad altri fattori diretti (caratteristiche genetiche e demograriche, stili di vita, ambiente) e indiretti (reddito, istruzione). In termini economici, a differenza di altri beni e servizi x, la sanità S non determina utilità di per sé (talune cure possono anzi comportare disutilità) ma perché si spera produca effetti positivi in termini di salute h: U = U (x, h(s)) La domanda fondamentale da parte del consumatore riguarda il suo livello di salute h e non i beni e servizi sanitari S per i quali egli esprime una domanda derivata o strumentale (la stessa domanda di salute potrebbe essere considerata strumentale in quanto consente, ad esempio, di partecipare al mercato del lavoro o di utilizzare bene il tempo per attività di formazione, consumo, ecc.). V. Rebba - 26 gennaio

6 Doppia causalità tra reddito e salute Salute Salute come bene bene di consumo di consumo e come bene e d investimento come bene di investimento (Modello di Grossman) (modello di Grossman, 1972) (h bene di consumo) Utilità U Salute H h (h bene di investimento) Capitale umano K Reddito Y Consumi C x Sanità - S Altri fattori - F 5

7 Due mercati imperfetti Poiché la salute non ha un valore di scambio, non esiste un mercato della salute. Esistono invece due particolari tipi di mercato che riguardano: 1) la copertura assicurativa contro i rischi di perdita della salute; 2) lo scambio di i beni e servizi sanitari intesi come fattori di produzione della salute. Entrambi sono però caratterizzati da rilevanti problemi di funzionamento (Arrow, 1963): 1) il mercato delle assicurazioni di malattia è incompleto (non copre tutti i rischi) e imperfetto (a causa di asimmetrie informative) con forti effetti negativi in termini di efricienza e di equità ; 2) i mercati dei beni e servizi sanitari sono caratterizzati (molto più di altri) da informazione imperfetta e asimmetrica a svantaggio del consumatore (ignoranza sul valore di ciò che si domanda e necessità di afridarsi a un professionista sanitario agente ) e da domanda rigida al prezzo ; in alcuni casi, non funzionano adeguatamente per l esistenza di beni pubblici ed esternalità positive. Per superare i fallimenti dei due tipi di mercato e per motivazioni di equità, si ricorre ad un intervento pubblico (più o meno ampio a seconda dei particolari contesti istituzionali): il desiderio di ogni individuo di investire nella tutela della propria salute è in via di principio considerato meritorio in ogni società evoluta. V. Rebba - 26 gennaio

8 Misurare! il valore della sanità: particolarità Nei mercati di tipo concorrenziale, il valore del bene oggetto di scambio viene determinato dall equilibrio tra domanda e offerta. "#$%%&!.&4)*.)! &33$#+)! "! &! '! Per i beni e servizi sanitari, questo non si veririca in quanto: 1) il consumatore in genere non è in grado di scegliere autonomamente e deve afridarsi a un professionista sanitario agente (es: il medico) 2) in molti casi chi paga il prezzo del bene non è il consumatore (se non in parte) ma un assicurazione privata o pubblica (terzo pagante). V. Rebba - 26 gennaio 2015 '()*+,+-!.,!/$*$01$#2,%,&! Nel caso 2) la valutazione economica, secondo particolari metodologie, rappresenta uno strumento sostitutivo del prezzo utile per il terzo pagante (e per la società) - per misurare i benerici e i costi dei beni e servizi sanitari. 7

9 2. Valutare l investimento in sanità V. Rebba - 26 gennaio

10 Sanità come fattore di investimento e di sviluppo Molte analisi suggeriscono che investire in salute può essere un modo per sostenere lo sviluppo economico e la crescita (Figueras and McKee, 2012). La sanità, oltre a rappresentare un fattore di produzione di salute, determina anche opportunità di crescita per il sistema economico nel suo complesso, contribuendo ad alimentare il PIL (Prodotto interno lordo) e l occupazione attraverso servizi di tipo labour intensive (73% della produzione del settore) e farmaci, dispositivi medici e apparecchiature con forte impatto in termini di R&S (27% della produzione): ü in Italia, nel 2010, il settore sanitario contribuisce: al PIL per il 9,7%; ai consumi nazionali per l 11,2%; agli investimenti Rissi lordi per l 1,9%; alle esportazioni per il 2,9%; ü la sua rilevanza è superiore a quella dell intera agricoltura, del settore tessile- abbigliamento, dell industria chimica e automobilistica; ü il sistema sanitario italiano impiega 1,25 milioni di addetti diretti e distribuisce redditi (stimati) in 77,4 miliardi di euro; ü 1 euro speso per servizi sanitari produce un effetto moltiplicatore (considerando l indotto) pari a 1,57 euro per i servizi pubblici e 1,30 euro per quelli privati. (Dati tratti da Mapelli, 2012) V. Rebba - 26 gennaio

11 Investimenti in sanità produttivi di salute Misurare il livello di benessere di un Paese con il PIL, anche se è convenzione comunemente accettata nei confronti internazionali, può tuttavia essere riduttivo e fuorviante (es: produrre e utilizzare un numero elevato di automobili inquinanti aumenta il PIL; la produzione di farmaci con gravi effetti collaterali o l effettuazione di esami diagnostici inutili e dannosi aumentano il PIL, almeno nel breve periodo ). Sono stati quindi proposti quindi nuovi indici che tengono conto della tutela ambientale e della qualità della vita tra cui il BES (Benessere Equo e Sostenibile) che include indicatori di salute. Perché l investimento in sanità determini un effettivo investimento in salute e un reale aumento di benessere sociale, esso deve riferirsi a beni e servizi (produttivi di salute) in base alle evidenze L adozione di un nuovo programma sanitario (farmaco, dispositivo medico, apparecchiatura, procedura, intervento di prevenzione) richiede quindi una valutazione sia dei costi sia, soprattutto dei (outcome di salute) del programma. V. Rebba - 26 gennaio

12 Valutazione della sostenibilità economica dei programmi sanitari La valutazione economica dei programmi sanitari richiede il concorso di diverse professionalità (il clinico, l epidemiologo, lo statistico, l economista) ed è una componente dell Health Technology Assessment (HTA), approccio omnicomprensivo che si pone l obiettivo di fornire ai responsabili di politiche sanitarie e scelte assistenziali informazioni afridabili e scientiricamente difendibili sugli effetti delle nuove tecnologie sanitarie. Essa rappresenta uno strumento per misurare la sostenibilità economica (value for money) di programmi sanitari: veriricare cioè se il valore prodotto dal programma è superiore al suo costo opportunità (valore che la collettività avrebbe potuto ottenere utilizzando le risorse impegnate dal programma in altre aree di intervento pubbliche o private). Gli obiettivi della valutazione economica in sanità sono di due tipi: ü massimizzare il benessere della società con le risorse a disposizione; ü rendere compatibili i bisogni di salute, tendenzialmente illimitati, con le risorse (scarse) raccolte attraverso la Riscalità o i premi assicurativi. Lo stakeholder di riferimento è: ü il cittadino- contribuente nei sistemi sanitari pubblici Rinanziati con imposte o contributi sociali ü l assicurato nei sistemi fondati sull assicurazione sanitaria privata. V. Rebba - 26 gennaio

13 Metodologie di valutazione economica dei programmi sanitari Le valutazioni economiche complete considerano: ü almeno due programmi sanitari alternativi (uno dei due può essere lo status quo); ü sia i costi che i benerici dei programmi sanitari alternativi. Le tecniche di valutazione economica in sanità misurano i costi più o meno allo stesso modo mentre misurano i benerici (outcome) in modo diverso. Esistono 2 tecniche di valutazione economica completa: ü ü Analisi Costi BeneFici (Cost- Analysis - CBA) Analisi Costi EfFicacia (Cost- Effectiveness Analysis- CEA, che comprende l Analisi Costi Utilità, Cost- Utility Analysis- CUA) Tali tecniche offrono valutazioni diverse a seconda del punto di vista adottato: i) terzo pagante pubblico (Regione, Stato) o privato (assicurazione); ii) società nel suo complesso. (Per approfondimenti: Drummond et al., 2010) V. Rebba - 26 gennaio

14 Componenti di una valutazione economica Risorse Usate ( Struttura ) Programma Sanitario ( Processo ) Miglioramento stato di salute ( Esito ) Costi Costi diretti (sanitari e non- sanitari) Costi indiretti (perdite di produzione) BeneRici misurati in moneta benerici diretti (costi sanitari evitati pubblici e privati) benerici indiretti (guadagni di produzione) CBA (Basato sul modello degli assi della qualità di Donabedian (1990) Unità naturali (effetti sulla salute misurati con RCT e studi osservazionali) successo clinico anni di vita guadagnati giorni liberi da sintomatologia, etc. CEA Unità di utilità (indici qualità di vita basati su preferenze applicati a indicatori di esito) Quality adjusted life- years (QALYs) CUA V. Rebba - 26 gennaio

15 Confronto tra due programmi A e B Costi A Alternativa A Esiti A scelta Valorizzati in moneta Costi B Alternativa B Esiti B Valorizzati in: Unità Fisiche di efficacia (CEA) Unità di utilità (CUA) Moneta (CBA) V. Rebba - 26 gennaio

16 2.1 Analisi Costi- BeneWici

17 CBA: Caratteri generali La Analisi Costi- BeneRici (Cost- Analysis CBA) è una tecnica di valutazione basata sul confronto tra costi (C) e benerici (B) espressi in moneta. Si sceglie il programma sanitario che: Max B- C oppure Min C/B BeneRici da valutare in moneta: ü riduzione dei rischi di mortalità (valutazione monetaria delle vite statistiche salvate oppure riduzione dell indicatore VOLY: value of life years lost ); ü riduzione della morbilità (minore incidenza e/o prevalenza di patologie). V. Rebba - 26 gennaio

18 CBA: La valutazione dei benewici La valutazione monetaria dei benefici (outcome) di un programma sanitario per l intera società viene in genere effettuata secondo tre approcci: (I) Disponibilità a pagare (willingness to pay - WTP) 1. metodo della valutazione contingente basato su questionari a campioni di popolazione (consente valutazione monetaria completa dei benerici espressi come Max. WTP ma risulta complesso e dispendioso) 2. metodo delle preferenze rivelate (ad es., salario aggiuntivo accettato per lavori rischiosi) (adatto a valutare rischi di morte o malattia assunti volontariamente, poco adatto per valutare rischi involontari ) (II) Capitale umano Si stima il valore delle perdite di produzione/pil evitate (generalmente considerato non adeguato: trascura o sottostima i benerici relativi alle persone in età o condizione non lavorativa) (III) Costo della malattia (Cost of illness COI) Si misurano i costi sanitari (costi diretti) e le perdite di produttività e tempo libero (costi indiretti) evitati a seguito del programma. (non consente una valutazione monetaria completa dei benerici ma risulta meno complesso e dispendioso della valutazione contingente) V. Rebba - 26 gennaio

19 Limiti della CBA L approccio è fondato sulla misurazione della Max WTP di un programma sanitario da parte di tutte le persone il cui benessere (utilità) è inrluenzato dal programma stesso (non solo i benericiari diretti del programma). In teoria, se l informazione sugli outcome fosse completa, potrebbe consentire una valutazione esaustiva dei benerici (Pauly, 1996). La CBA presenta però diverse problematiche che ne hanno determinato lo scarso utilizzo, soprattutto in ambito europeo: ü la trasformazione in moneta del valore della vita (statistica) o del miglioramento del livello di salute richiedono strumenti di non facile applicazione e che spesso non consentono una corretta valutazione dei benerici di programmi sanitari alternativi; ü le implicazioni di carattere etico della conversione del valore della vita e della salute in una somma di denaro contrastano con i principi di equità prevalenti, a meno di non valutare adeguatamente la salute dei soggetti improduttivi per il sistema economico (in alcuni casi la CBA potrebbe portare a concludere che alcune patologie, e quindi alcune tipologie di pazienti - es: pazienti con virus HIV -, sono caratterizzati da una somma dei costi superiori ai benerici per cui non dovrebbero essere trattati!) In campo sanitario si adotta quindi preferibilmente la tecnica dell Analisi Costi- EfRicacia (CEA e/o CUA). V. Rebba - 26 gennaio

20 2.2 Analisi Costo- EfWicacia (e Analisi Costo- Utilità) V. Rebba - 26 gennaio

21 Analisi Costi- EfWicacia: Caratteri generali L analisi Costi- EfRicacia (Cost- Effectiveness Analysis- CEA oppure Cost- Utility Analysis- CUA) rappresenta il tipo di valutazione economica più frequentemente utilizzata per misurare la sostenibilità economica degli interventi in sanità. In questo tipo di analisi, per ogni programma sanitario alternativo da valutare, si considera il rapporto tra costi (C) espressi in unità monetarie e benerici (outcome) espressi in unità naturali di efricacia (indicatori di esito E) oppure in Quality Adjusted Life Years (QALYs). Il risultato ultimo consiste in un rapporto di costo efricacia puro o di carattere incrementale. Con la CEA possono essere confrontati solo interventi omogenei, che hanno effetti E quantiricati nella stessa unità di misura. Con la CUA si possono confrontare invece programmi sanitari anche eterogenei i cui benerici vengono misurati con un unica unità di misura: i QALYs. V. Rebba - 26 gennaio

22 Il Rapporto Incrementale Costi- EfWicacia In genere viene effettuata una analisi incrementale dei costi e dei benefici: i costi incrementali di ciascun programma alternativo vengono rapportati ai corrispondenti benerici (unità di efricacia, QALYS) addizionali. Se A è il programma comparatore (alternativa esistente) e B è il programma innovativo che si vorrebbe introdurre, la regola generale per confontare le alternative A e B è quella di calcolare l ICER (Incremental Cost- Effectiveness Ratio) dato dal rapporto tra la differenza nei costi monetari e la differenza negli esiti misurati in unità naturali di efricacia (ad es. anni di vita guadagnati) dei due programmi: ΔC = c B - c A ΔE E B - E A = Extra costo necessario per ottenere un unità addizionale di esito (outcome) con il programma B rispetto al programma esistente A V. Rebba - 26 gennaio

23 L analisi incrementale può essere resa più chiara con l utilizzo del piano costi- efficacia: l inclinazione delle congiungenti AB e AC indicano i rapporti costo- efricacia incrementali (ICER) rispettivamente dell alternativa innovativa B e dell alternativa innovativa C rispetto all alternativa A preesistente (comparatore) che viene riportata sull origine degli assi.! Differenza nei costi!c!! II + I!! B Programmi!!! dominati!! da scartare!!!!!! Interventi meno efficaci e più! costosi dell alternativa esistente A!!! -!!!!!!!!!!!! +!!!!!!!!! A!!!!!!!! Interventi meno efficaci e meno costosi dell alternativa A (scelta programmi! con alto ICER! negativo; retta molto inclinata)! III! III! C Il Piano Costi- EfWicacia -! V. Rebba - 26 gennaio 2015 Programmi dominanti Interventi più efficaci e meno costosi dell alternativa esistente A IV Interventi più efficaci e più costosi dell alternativa A (scelta di programmi con basso ICER positivo; retta poco inclinata) Differenza negli outcome!e 22

24 QALYs - 1 Nella Analisi Costi- Utilità (Cost Utility Analysis CUA) i costi di un programma sanitario vengono rapportati ai risultati di efricacia del programma stesso espressi in QALYs, anni di vita pesati per un di utilità (qualità della vita): QALYs = Anni di vita vissuti grazie al programma x di Utilità Il di Utilità sintetizza la desiderabilità di una condizione di salute con un indice compreso tra 0 ed 1 (dove 0 è il peggiore stato di salute possibile e 1 è il miglior stato di salute possibile); è una misura delle preferenze della persona (e) interessata(e) dal programma oggetto di valutazione. V. Rebba - 26 gennaio

25 QUALITA DELLA VITA QALYs - 2 Esempio: misurazione del guadagno di QALY di un programma B (trapianto di rene al tempo t) rispetto a un programma A (assenza di intervento di trapianto e trattamento dialitico) per pazienti con insufricienza renale cronica grave t t+2 t+10 TEMPO t+12 V. Rebba - 26 gennaio 2015 QALY senza intervento = 2x0.6 +8x0.4 = 4.4 QALY con intervento = 12x1 = 12 QALY (guadagno) = = 7.6 QALY (guadagno) = 2x x x1.0 =

26 QALYs 3 I QALYs si fondano sull ipotesi di corrispondenza tra salute e benessere in termini di qualità della vita e rappresentano una sorta di moneta (numerario) che combina la mortalità e la morbidità associate alla condizione clinica considerata nel programma sanitario oggetto di analisi. La misurazione del coefriciente di utilità per determinati outcome di salute (riduzione di mortalità e morbidità) si fonda sulla somministrazione di questionari a insiemi di persone (pazienti, operatori sanitari, popolazione generale). E piuttosto complessa e richiede molto tempo e risorse. Poichè la morbidità si può manifestare in modi molto diversi e difricilmente comparabili tra loro, vari enti regolatori preferiscono misurarne l impatto in termini di qualità di vita (QOL Quality of Life) associata allo stato di salute del paziente, utilizzando strumenti generici come, per esempio, lo SF- 6D, lo EuroQol- 5D e l HUI (Health Utility Index). In questo caso, i QALYs vengono calcolati ponderando l aspettativa di vita del paziente per l indicatore QOL di qualità di vita. Esistono 3 tecniche principali di misurazione dei coefricienti di qualità attraverso questionari: ü Scala Visuale Analogica ü Metodo delle Alternative Temporali (Time Trade- Off) ü Metodo delle Scommesse (Standard Gamble) V. Rebba - 26 gennaio

27 Il Piano Costi- Utilità L analisi incrementale coincide con quella esposta per la CEA: anche nella CUA i risultati della valutazione economica sono espressi in rapporti incrementali (ICER) tra differenze di costo e di efricacia (espressa in QALYs): ΔC/ΔQ. + ΔC Più costoso II I Programmi Dominati - ΔQ Diminuzione di QALYs + ΔQ Aumento di QALYs /QALY Programmi Dominanti III /QALY - ΔC Meno costoso IV V. Rebba - 26 gennaio

28 Valore soglia per l ICER La esplicita derinizione di un valore soglia del rapporto incrementale (ICER) Costo per QALY si verrebbe a conrigurare come segnalazione della disponibilità a pagare sociale per l adozione di programmi sanitari innovativi (Pauly, 1996). Tale valore soglia, che verrebbe a rirlettere in maniera trasparente l orientamento della società e delle istituzioni pubbliche che la rappresentano (AIES, 2009), non è comunque facile da derinire sia per questioni metodologiche sia soprattutto per ragioni politiche. Il NICE (National Institute for Clinical Excellence) britannico Rin dal 2004 ha utilizzato come soglia di riferimento per il NHS inglese l intervallo sterline ( ) per QALY guadagnato. Negli USA il valore soglia utilizzato comunemente è pari a dollari per QALY (poco meno di ). Un recente editoriale uscito sul NEJM (Neumann et al., 2014) rileva la difricoltà sia concettuale che pratica di derinire una soglia di riferimento. V. Rebba - 26 gennaio

29 Limiti dell Analisi Costi- Utilità - 1 1) Si basa di un approccio di tipo utilitaristico : le risorse andrebbero prioritariamente destinate agli interventi con il più basso ICER in modo tale da massimizzare il benericio globale per la società (in termini di somma complessiva di QALYs prodotti). Ciò però prescinde dalla ripartizione del benericio totale tra i membri della società: 4 QALYs guadagnati da una persona equivalgono a 1 QALY guadagnato da 4 persone. Le implicazioni etiche di un approccio di questo tipo suggeriscono cautela per evitare di premiare programmi la cui quantità di QALYs è maggiore di altri ma sensibilmente inferiore il numero di soggetti che ne benericiano (Dirindin e Vineis, 1999). 2) Può penalizzare sistematicamente alcuni programmi sanitari: l uso dei QALYs come misura di efficacia può penalizzare i programmi che si riferiscono al trattamento di patologie cronico-degenerative o che hanno come target persone anziane, disabili, non autosufficienti o affette da gravi patologie (es: AIDS, malattia di Alzheimer). A programmi sanitari di questo tipo sono infatti generalmente associati livelli relativamente più bassi di outcome ottenibile (numero ridotto di QALYs che si possono guadagnare a causa di minore aspettativa di vita). La CUA dovrebbe quindi essere usata in maniera settoriale, cioè solo per la scelta degli interventi per una stessa condizione. V. Rebba - 26 gennaio

30 Limiti dell Analisi Costi- Utilità - 2 3) CUA e regola del salvataggio : La CUA si fonda su un trade- off tra quantità (anni) e qualità della vita. I QALYs divengono la moneta per misurare e scambiare tutti i benerici sanitari, si tratti di anni di vita guadagnati per interventi su condizioni fatali o di semplici miglioramenti della qualità della vita per condizioni croniche non fatali. Ma è opinione diffusa che non si dovrebbero misurare sulla stessa scala gli interventi destinati a salvare la vita con quelli destinati a migliorare la qualità della vita: prima si dovrebbero destinare risorse agli interventi salva- vita mentre solo in un secondo momento si dovrebbe pensare ad alleviare le condizioni non fatali (regola del salvataggio). Su questa base è stata rivista, ad esempio, la lista di priorità dell Oregon anche se alcuni analisti osservano che applicare tale regola in tutti i casi può condurre a un sistema costoso in misura insostenibile (Mapelli, 1999, p. 111) 4) Problemi di costruzione e validazione dei QALY: Le persone attribuiscono utilità (qualità) differente alla medesima condizione di vita in relazione alla propria età, sesso e condizione socio- economica e soprattutto a seconda che siano sani o affetti da patologie, o, ancora, siano operatori sanitari con conoscenza (indiretta) della malattia. Molto difricile trovare intervalli di variazione dei coefricienti di utilità capaci di acquisire un consenso sufricientemente diffuso. V. Rebba - 26 gennaio

31 3. Sanità basata sul valore : un nuovo paradigma? V. Rebba - 26 gennaio

32 Value- based health care (Porter) - 1 L analisi della formazione e della misurazione del valore dell assistenza sanitaria sembra avere acquisito sempre maggiore rilevanza negli ultimi anni. Il dibattito sulla c.d. sanità basata sul valore (value- based health care) è stato avviato in particolare dopo la pubblicazione nel 2006 del libro Health Care. Creating value- based competition on results di M.E. Porter ed E. Olmsted Teisberg. Il concetto è stato esteso poi in un articolo uscito sul NEJM (Porter, 2010). Porter osserva come nel sistema sanitario USA i vari attori non siano motivati a creare valore per il paziente, ma a garantirsi migliori opportunità di accesso ai Rinanziamenti, trasferire costi, razionare le prestazioni. Occorrerebbe invece superare la competizione a somma zero tra erogatori in modo da generare valore per il paziente. V. Rebba - 26 gennaio

33 Value- based health care (Porter) - 2 Porter derinisce il valore in sanità come risultato ottenuto in termini di salute del paziente per ogni dollaro speso : La creazione di valore riguarda la gestione integrata complessiva di una determinata condizione clinica (disease management), considerata secondo tutto l ambito dell interazione fra paziente e servizi, anziché nella prospettiva del singolo segmento del processo di cura (ospedale, ambulatorio, ecc.). L obiettivo diventa massimizzare il valore per il paziente, valutando l'esito delle cure attraverso indicatori di risultato scientiricamente validi, facilmente utilizzabili nella pratica, rilevati con meccanismi trasparenti durante tutto il ciclo di cura. Creare un valore elevato per i pazienti non richiede necessariamente una spesa maggiore: la competizione sui risultati può costituire un fattore di ottimizzazione delle risorse (es: programmi per garantire tempi certi nella somministrazione dei farmaci, eliminazione/riduzione di procedure ripetute, strategie di disease management che puntano sul migliore controllo della malattia nelle fasi precoci). V. Rebba - 26 gennaio

34 Value- based health care (Porter) - 3 Porter (2010) propone di articolare la misurazione dei risultati delle cure in termini di salute dei pazienti (suddivisi per tipo di condizione di salute o per gruppi di iso- bisogno*) su tre livelli gerarchici. * Gruppi di pazienti omogenei, utilizzando procedure di standardizzazione dei bisogni di salute basate su risk adjustment V. Rebba - 26 gennaio

35 A partire dal concetto di Value- Based health care di origine statunitense sono state sviluppate in diversi Paesi nuove politiche sanitarie orientate al valore e alla ricerca del risultato: ü ü ü Sanità basata sul valore: applicazioni pagamento delle prestazioni sanitarie con meccanismi di Value- Based Purchasing e/o Pay for Performance P4P (sistemi incentivanti con la Rinalità di compensare i fornitori per miglioramenti misurabili nella qualità delle cure erogate e nella salute dei pazienti; es: in UK, il pagamento dei MMG è derinito Quality Outcomes Framework e quello degli ospedali per singola attività Payment by results) (Millenson, 2012; Doran et al., 2006) Rissazione dei prezzi dei farmaci rimborsati dal terzo pagante attraverso Value- Based Pricing (Rissazione esplicita del prezzo max. rimborsabile di un nuovo farmaco in base al valore apportato in termini di innovatività terapeutica, impatto della malattia, benerici per la società; in fase di applicazione sperimentale nel NHS inglese) (Curto et al., 2014) derinizione delle coperture assicurative e delle compartecipazioni secondo gli approcci Value- Based Insurance Design e Value- Based Cost- Sharing (livelli di copertura assicurativa e compartecipazione incentivanti deriniti sulla base delle evidenze di efricacia delle prestazioni per specirici gruppi di pazienti) (Thomson et al., 2013). V. Rebba - 26 gennaio

36 Sanità basata sul valore: un nuovo paradigma? L approccio Value- Based non appare particolarmente innovativo sotto il metodologico: riprende di fatto i principi dell Analisi Costi- EfRicacia. I contributi più originali dell approccio riguardano: ü la creazione e misurazione del valore lungo tutto il percorso di cura (funzionale e temporale) del paziente: costruire una catena del valore centrata sul paziente consentirebbe di ottimizzare il rapporto tra risultati di salute e costi, nell ottica della sostenibilità economica degli interventi sanitari; ü l applicazione dei criteri di costo- ad ambiti in erano prevalse considerazioni di offerta: analisi della performance dei servizi, Rinanziamento delle prestazioni, Rissazione dei prezzi dei farmaci in Prontuario, design di meccanismi di compartecipazione. V. Rebba - 26 gennaio

37 Sanità basata sul valore: il nodo della sostenibilità Winanziaria La srida di lungo periodo dei sistemi sanitari non riguarda però solo la sostenibilità economica (garantire una sanità value- based cioè costo- ma anche, e soprattutto, la degli interventi sanitari (disporre di risorse Rinanziarie sufricienti per continuare a garantire una copertura sanitaria adeguata e di buona qualità ai cittadini). La sostenibilità economica è una condizione necessaria ma non di in quanto vincoli di bilancio possono ridurre la capacità o la disponibilità del terzo pagante a Rinanziare i livelli esistenti di copertura sanitaria. V. Rebba - 26 gennaio

38 Sanità basata sul valore: il nodo della sostenibilità Winanziaria Il caso Sofosbuvir ü ü ü Ad esempio, Rissare il prezzo del Sofosbuvir (farmaco di nuova generazione in grado di eradicare il virus dell epatite C nel 90% dei casi e con alta tollerabilità rispetto alle terapie esistenti) in base a Value- Based Pricing porterebbe a ritenere accettabile il prezzo proposto dal produttore (mediamente per un ciclo di cura) in quanto l ICER sarebbe compreso, a seconda dello stadio di Ribrosi, tra e per QALY (quindi entro la soglia tipica di sostenibilità economica) (ad es., Leleu et al., 2014). Tuttavia un uso diffuso del farmaco al prezzo attuale (es. in Italia sono infette 1,5 milioni di persone e considerate trattabili mila) non è sostenibile sotto il prorilo Rinanziario. Il suo utilizzo è stato quindi soggetto a forte razionamento con evidenti implicazioni etiche. In questo caso, l approccio Value- Based si rivela carente: di fatto nei diversi Paesi il prezzo del farmaco viene negoziato tra terzo pagante e produttore (es. il Senato USA ha chiesto al produttore di rendicontare le spese sostenute per produrre e promuovere il farmaco; alcuni Paesi hanno ottenuto sconti anche cospicui). V. Rebba - 26 gennaio

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli Tecniche di valutazione economica in sanità Dr.ssa Cecilia Quercioli Perché sono necessarie valutazioni economiche in sanità? Razionale: scarsità delle risorse a disposizione È necessario fare delle scelte

Dettagli

Aspetti metodologici della valutazione economica

Aspetti metodologici della valutazione economica Aspetti metodologici della valutazione economica La valutazione economica può essere definita come l analisi comparativa dei corsi di azione alternativi in termini sia di costi, sia di conseguenze (Drummond

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

Analisi costo- utilità ACU

Analisi costo- utilità ACU Analisi costo- utilità ACU Dott.ssa Letizia Orzella Servizio Attività Specialistica e Territoriale - ASP Indice Che cosa è Perché è stata sviluppata A cosa serve Quando si deve utilizzare Quando NON si

Dettagli

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI 10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI ECONOMICHE Questa valutazione economica può aiutarvi? 1 Esistono prove valide che gli interventi sono efficaci? 2 Di quale tipo di analisi economica si tratta? Studio costo-conseguenze

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012 2014. Angela Testi. testi@economia.unige.it. Università di Genova 20 novembre 2013

Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012 2014. Angela Testi. testi@economia.unige.it. Università di Genova 20 novembre 2013 Angela Testi Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012 2014 testi@economia.unige.it Università di Genova 20 novembre 2013 L OMS ha pubblicato nel 2005 un documento che rappresenta un punto di riferimento

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

Gli studi di costo sociale delle malattie Il caso Artrite Reumatoide Budget Impact Model per l Artrite Reumatoide Dati di input:

Gli studi di costo sociale delle malattie Il caso Artrite Reumatoide Budget Impact Model per l Artrite Reumatoide Dati di input: Farmaci innovativi: spesa o risparmio per il SSN? L impiego dei farmaci biologici in reumatologia Giorgio L. Colombo Università degli Studi di Pavia Facoltà di Farmacia e S.A.V.E. Studi Analisi Valutazioni

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma Sergio Iannazzo ISBEM - Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo SIHS Health Economics Consulting SCELTA COLLETTIVITA SCELTA

Dettagli

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità La soddisfazione degli utenti come strumento di valutazione di performance Roma, 14 dicembre 2010 Giovanni Caracci Agenas - Agenzia nazionale

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Agenda ricchissima di questioni di attualità:

Agenda ricchissima di questioni di attualità: Agenda ricchissima di questioni di attualità: -Patto per la salute e sostenibilità -Ruolo delle evidenze -Differenze inter-regionali -Gare in equivalenza -Registri di monitoraggio -Farmaci anti-hcv -Criteri

Dettagli

Guadagno di salute (miglioramento della salute) determinato dall intervento sanitario. Finanziamento gestito dal SSN

Guadagno di salute (miglioramento della salute) determinato dall intervento sanitario. Finanziamento gestito dal SSN MISSIONE DEL VALUE FOR MONEY: massimizzare la salute che si può ottenere con il finanziamento a disposizione Finanziamento gestito dal SSN Guadagno di salute (miglioramento della salute) determinato dall

Dettagli

Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD)

Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD) Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD) Sergio Mariotti Istituto Superiore di Sanità Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

IL POSITION PAPER DELL'OMS SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO: TRADUZIONE DELL EXCUTIVE SUMMARY E DELLE RACCOMANDAZIONI

IL POSITION PAPER DELL'OMS SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO: TRADUZIONE DELL EXCUTIVE SUMMARY E DELLE RACCOMANDAZIONI IL POSITION PAPER DELL'OMS SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO: TRADUZIONE DELL EXCUTIVE SUMMARY E DELLE RACCOMANDAZIONI Executive summary Il position paper dell'oms sullo screening mammografico e le Linee Guida

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

L'accesso ai farmaci a livello europeo ed il posizionamento dell Italia Claudio Jommi (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

L'accesso ai farmaci a livello europeo ed il posizionamento dell Italia Claudio Jommi (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) L'accesso ai farmaci a livello europeo ed il posizionamento dell Italia Claudio Jommi (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Tendenze in atto nella governance dell accesso dei farmaci nei principali

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK WELL BE

10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK WELL BE 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK WELL BE 9 WELL BE Salute e Welfare sempre più su misura N egli ultimi 50 anni l invecchiamento della popolazione

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

Studi osservazionali, HTA e accesso al mercato

Studi osservazionali, HTA e accesso al mercato Seminario di aggiornamento del gruppo di lavoro studi osservazionali SOCIETA' DI SCIENZE FARMACOLOGICHE APPLICATE SOCIETY FOR APPLIED PHARMACOLOGICAL SCIENCES Monza, 20 Settembre 2011 GIANLUCA FURNERI,

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano

Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano Cinzia Di Novi + Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Introduzione Alla fine di settembre 2007, il presidente

Dettagli

Le principali sfide del Market Access: i fattori critici di successo per competere in un mercato in continuo cambiamento.

Le principali sfide del Market Access: i fattori critici di successo per competere in un mercato in continuo cambiamento. Le principali sfide del Market Access: i fattori critici di successo per competere in un mercato in continuo cambiamento. Gianpiero Data Senior Consultant 4 dicembre 2014 Market Access: lo scenario Accentuazione

Dettagli

Elementi dell analisi

Elementi dell analisi Elementi dell analisi Le scelte circa l utilizzazione delle risorse per la cura della salute sono state influenzate in maniera consistente dal nuovo sistema di finanziamento. Basti pensare alla diminuzione

Dettagli

I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life)

I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life) C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14 I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life) C.QUERCIOLI

Dettagli

IL PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE

IL PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE IL PERCORSO CLINICO ASSISTENZIALE Pubblicato sulla Rivista Scienza della Riabilitazione Vol. 11,N 1-2 Gennaio-Giugno 2010 ISSN 1590-6647 a cura della Dott.ssa Alessandra Minardi P.O.Percorsi Assistenziali

Dettagli

I N D I C E. Introduzione... 3

I N D I C E. Introduzione... 3 I N D I C E Introduzione... 3 Capitolo 1 - La valutazione economica in campo sanitario... 7 1.1. La valutazione economica come strumento per allocare risorse scarse nei sistemi sanitari pubblici... 7 1.2

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Oncologia e spesa sanitaria Gli studi di Costo della Malattia (Cost-of-Illness) » Il costo sociale e sanitario dei tumori in Europa

Oncologia e spesa sanitaria Gli studi di Costo della Malattia (Cost-of-Illness) » Il costo sociale e sanitario dei tumori in Europa Analisi rapporti costo/efficacia, costo/utilità, costo/beneficio Giorgio L. Colombo Università degli Studi di Pavia, Facoltà di Farmacia e S.A.V.E. Studi Analisi Valutazioni Economiche, Milano Giorgio

Dettagli

Attività Fisica Adattata(AFA) un opportunità per promuovere la salute nella disabilità:

Attività Fisica Adattata(AFA) un opportunità per promuovere la salute nella disabilità: Attività Fisica Adattata(AFA) un opportunità per promuovere la salute nella disabilità: il progetto veneziano Giampietro Bonivento Direttore UO Medicina Riabilitativa Ospedale Classificato «Villa Salus»

Dettagli

LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie"

LETTI PER VOI: Selezione Avversa e Polizze Sanitarie LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie" a cura di Cinzia Di Novi Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Lo stato di salute individuale

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

La Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment, HTA)

La Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment, HTA) Sulle modalità di remunerazione dei dispositivi medici nell ambito di un sistema di pagamento a prestazione. Analisi di alcune esperienze internazionali Luca Lorenzoni, OCSE (17 maggio 2010) Questa breve

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura www.fondazioneistud.it L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura 12 maggio 2011 Maria Giulia Marini Fondazione ISTUD La sfida per i servizi sanitari

Dettagli

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa Cinzia Colombo Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

Principi e metodi di valutazione delle tecnologie in

Principi e metodi di valutazione delle tecnologie in Principi e metodi di valutazione delle tecnologie in ambito biomedico in sanità. Enrico M. Staderini Presentazione didattica intesa per una classe di studenti di laurea specialistica di area medica. Non

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

Focus su Epatite C e terapie di nuova generazione - Genova, 9 aprile 2014

Focus su Epatite C e terapie di nuova generazione - Genova, 9 aprile 2014 Focus su Epatite C e terapie di nuova generazione - Genova, 9 aprile 2014 L entusiasmo dettato dalla messa a punto degli inibitori delle proteasi che avrebbe segnato la svolta nella cura dell Epatite C

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI ECONOMIA SANITARIA. Spesa sanitaria e moral hazard

APPROFONDIMENTI DI ECONOMIA SANITARIA. Spesa sanitaria e moral hazard Salute e Sanità Pagina 1 di 7 APPROFONDIMENTI DI ECONOMIA SANITARIA Spesa sanitaria e moral hazard Aleandro Munno Salute e Sanità Pagina 2 di 7 SPESA SANITARIA E MORAL HAZARD Aleandro Munno Dall analisi

Dettagli

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità Paolo D Argenio Roma, 19 novembre 2014 Salvator Mundi International Hospital Peso socio-economico

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Prefazione. Obiettivi. Struttura del libro e argomenti trattati

Prefazione. Obiettivi. Struttura del libro e argomenti trattati Prefazione Gli argomenti storici del corso di igiene includevano l analisi e il miglioramento degli ambienti, degli alimenti e delle acque, nonché il controllo dell andamento delle malattie infettive.negli

Dettagli

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10122/09 Fascicolo interistituzionale: 2008/0218 (CNS) LIMITE SAN 142 RECH 167 MI 219 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

Analisi strutturata del problema

Analisi strutturata del problema SCHEDA PROGETTO L impatto della proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera del 2

Dettagli

Il Farmacista Ospedaliero tra la Gestione dei Farmaci e la Clinica

Il Farmacista Ospedaliero tra la Gestione dei Farmaci e la Clinica Il Farmacista Ospedaliero tra la Gestione dei Farmaci e la Clinica Massimo Medaglia Dipartimento Farmaceutico AO Sacco Milano Farmaci Anti HIV e Anti HCV: dalla ricerca farmacologica all accesso alla clinica

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto

La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto La Health Related Quality of Life (HRQoL): analisi dell evoluzione di un concetto F. Ierardi*, L. Gnaulati*, F. Maggino^, S. Rodella*, E. Ruviglioni^ *Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Osservatorio

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura.

CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura. CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura. PREMESSA 1. La malattia di Huntington e le sue implicazioni 1 La Malattia di Huntington (MH) è una patologia

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Case study su farmaci ad alto costo (epatite C): bisogni e possibili risposte. Giulio Formoso Agenzia Sanitaria e Sociale, Regione Emilia-Romagna

Case study su farmaci ad alto costo (epatite C): bisogni e possibili risposte. Giulio Formoso Agenzia Sanitaria e Sociale, Regione Emilia-Romagna Case study su farmaci ad alto costo (epatite C): bisogni e possibili risposte Giulio Formoso Agenzia Sanitaria e Sociale, Regione Emilia-Romagna Bisogni legati a Impatto sanitario e sociale (quanto è misurabile

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance 8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance Bologna, 15 marzo 2013 Il diritto alla Salute tra tagli e riforme E possibile salvare il SSN? Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE Outline

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

IL PRIORITY SETTING IN SANITA

IL PRIORITY SETTING IN SANITA IL PRIORITY SETTING IN SANITA UNO STRUMENTO DI SUPPORTO DECISIONALE PER IL MEDICO DIRIGENTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO 03/10/2013 1 IL PRIORITY SETTING: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO IL PROBLEMA E GLOBALE!

Dettagli

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Life Sciences Industry: il futuro è oggi I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Marco Campione Vice Presidente Elettromedicali Assobiomedica Presidente e Amministratore Delegato

Dettagli

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri Dr.ssa Marina

Dettagli

Quanto ci costa il trauma?

Quanto ci costa il trauma? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Alessio Pitidis e Marco Giustini

Dettagli

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi UNITÀ TECNICA FINANZA DI PROGETTO CIPE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dicembre 2006 Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi Roma, dicembre 2006 INDICE 1 Premessa...3 2 SdF F e alternative

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini

MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini Giovanni Bruno Responsabile Innovazione e Ricerca SER&Practices, spin-off Università di Bari 1 10 maggiori cause di

Dettagli

La comunicazione. Ministero della Salute

La comunicazione. Ministero della Salute Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 La comunicazione Laura Reali, Michele Gangemi

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI BIOETICHE ENRICO LARGHERO ITALIA 8 MILIONI RICOVERI/ANNO 320.000 (4%) danni per errori medici ed eventi avversi 14.000-50.000 decessi 260 milioni

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10.

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10. Il Mulino - Rivisteweb Marco Trabucchi Editoriale (doi: 10.1450/75605) Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013 Copyright c by Società editrice il Mulino, Bologna. Tutti i diritti

Dettagli

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Aut Mecine OPTIGOV: Optimizing Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Ricciar, W., Campana, A. *, Specchia, M.L. Department of Public, Catholic University of the Sacred Heart, Roma,

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Convegno Nazionale GISCI (Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma) 2015 Workshop precongressuale Finalborgo (SV) 20 maggio 2015 La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Franca D

Dettagli

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic 5 Conferenza Nazionale GIMBE Dall Evidence-based Practice alla Clinical Governance CLINICAL GOVERNANCE: GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEI PAZIENTI Maurizia Rolli, Andrea Minarini Bologna, 5 febbraio

Dettagli

Ricerca Corrente anno finanziario 2007

Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Gestione del rischio biologico nell allevamento equino: elaborazione di linee guida per la prevenzione ed il controllo delle infezioni diffusive Responsabile Scientifico:

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli