PROVE SCRITTE all ESAME di STATO. (Tipologia, durata, criteri di correzione)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVE SCRITTE all ESAME di STATO. (Tipologia, durata, criteri di correzione)"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca LICEO P. NERVI G. FERRARI P.zza S. Antonio 017 Morbegno (So) Indirizzi: Artistico, Linguistico, Scientifico, Scientifico - opz. Scienze applicate certificata: Uffici: Tel / Fax C.F PROVE SCRITTE all ESAME di STATO (Tipologia, durata, criteri di correzione) ALLEGATO del REGOLAMENTO sulla VALUTAZIONE Anno Scolastico 015/016 sito web:

2 Prima prova scritta La prima prova scritta è intesa ad accertare la padronanza della lingua italiana o della lingua nella quale si svolge l'insegnamento, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato, consentendo la libera espressione della personale creatività. Il candidato deve realizzare, a propria scelta, uno dei seguenti tipi di elaborati proposti dal Ministro dell'istruzione, dell'università' e della ricerca: tipologia A: analisi e commento, anche arricchito da note personali, di un testo letterario o non letterario, in prosa o in poesia, corredato da indicazioni che orientino nella comprensione, nella interpretazione di insieme del passo e nella sua contestualizzazione tipologia B: sviluppo di un argomento scelto dal candidato tra quelli proposti all'interno di grandi ambiti di riferimento storico-politico, socio-economico, artistico - letterario, tecnicoscientifico. L'argomento può essere svolto in una forma scelta dal candidato tra i modelli di scrittura del saggio breve e dell'articolo di giornale tipologia C: sviluppo di un argomento di carattere storico, coerente con i programmi svolti nell'ultimo anno di corso tipologia D: trattazione di un tema su un argomento di ordine generale, attinto al corrente dibattito culturale, per il quale possono essere fornite indicazioni di svolgimento. Nella produzione dell'elaborato il candidato deve dimostrare: a) correttezza e proprietà nell'uso della lingua; b) possesso di adeguate conoscenze relative sia all'argomento scelto che al quadro di riferimento generale in cui esso si inserisce; c) attitudini allo sviluppo critico delle questioni proposte e alla costruzione di un discorso organico e coerente, che sia anche espressione di personali convincimenti. Nello svolgimento della prova il candidato deve dimostrare di essere in possesso di conoscenze e competenze idonee alla individuazione della natura del testo e delle sue strutture formali. Durante lo svolgimento della prova, della durata di sei ore dalla consegna della traccia e del fascicolo con i materiali utili, è possibile consultare il dizionario della lingua italiana. Si riportano di seguito i criteri adottati dal Liceo Artistico prima, e dal Liceo Scientifico, Linguistico e Scientifico opz. Scienze Applicate poi, per la valutazione della prima prova scritta all Esame di Stato. Si precisa che le parti evidenziate nelle tabelle rappresentano il livello di sufficienza.

3 Tipologia A Analisi del testo CRITERI ADOTTATI DAL LICEO ARTISTICO GRIGLIA di VALUTAZIONE della PRIMA PROVA SCRITTA d ESAME (ITALIANO) Indicatori Descrittori Punti 1. Correttezza grammaticale, ortografica e sintattica Buona,5 Sufficiente (pochi errori non gravi) Insufficiente (errori ripetuti e/o gravi) 1/0. Correttezza lessicale. Comprensione del testo Capacità logico critiche ed interpretative Buona proprietà di linguaggio e lessico ampio,5 Sufficiente proprietà di linguaggio Improprietà di linguaggio e/o lessico ristretto 1/0 Comprende il messaggio nella sua complessità e nelle sue varie sfumature Comprensione dei significati portanti nei quali si articola il brano,5 Comprensione elementare /1 Mancata o carente comprensione del testo 0,5/0 4. Conoscenza degli elementi formali Completa conoscenza delle strutture retoriche e consapevolezza della loro funzione comunicativa,5 Padronanza sicura degli elementi formali (retorici, narrativi, semantici) 1,5 Possesso degli elementi formali salienti 1,5 Conoscenza lacunosa degli elementi formali 0,5/0 5. Capacità di riflessione e di contestualizzazione Capacità di elaborazione critica; contestualizza il brano con ricchezza di riferimenti, citazioni e approfondimenti personali Diversi spunti critici e contestualizzazione adeguata,5 Spunti critici e contestualizzazione sufficienti Pochi spunti critici, ridotta ma non scorretta contestualizzazione 1,5/1 Osservazioni critiche mancanti o non pertinenti 0,5/0,5

4 Tipologia B saggio breve - Articolo di giornale Indicatori Descrittori Punti 1. Aderenza alla tipologia del testo Il testo è pienamente aderente alla tipologia scelta. Titolo coerente citazioni (virgolette, autori, fonti) / riferimento ad autori quando ripresi Rispetta la tipologia e individua in modo corretto situazione comunicativa e destinatari Il testo non rispetta o rispetta in modo parziale la tipologia scelta Manca il titolo quando richiesto e /o omissioni nel riferimento agli autori quando ripresi; copia le fonti senza citare 1,5 1/0. Correttezza morfo - sintattica. Proprietà lessicale 4. Comprensione dei testi e dell argomento proposto Frasi e periodi costruiti linearmente e articolati da punteggiatura corretta; nessun errore formale Sintassi lineare, punteggiatura generalmente corretta; nessun grave errore formale 1 Frasi e periodi non sempre ben articolati; qualche errore ortografico e/o grammaticale Frasi e periodi spesso contorti o non articolati; generale trascuratezza formale 0 Lessico vario ed espressivo, specifico rispetto all ambito, alla tipologia (saggio o articolo), allo stile Lessico semplice e chiaro; uso adeguato del lessico specifico 1,5 Lessico non sempre adatto; errori nel registro linguistico 1 Vistosi errori lessicali e/o troppe ripetizioni 0 Mette in primo piano le questioni chiave, i nodi critici e interpretativi ricavati dai testi Coglie e fa emergere qualche nodo critico, tema o questione che lega tra loro i testi,5 Ripresa e chiarimento dei concetti base fissati nell argomento (a seconda dell ambito scelto) Mancato chiarimento o elusione di alcuni dei concetti base fissati nell argomento 1 Fraintendimenti e/o interpretazioni distorte o superficiali dei concetti base 0,5/0 0,5 5. Chiarezza dell impostazione, coerenza dell argomentazione e rispetto delle caratteristiche formali della tipologia Rispetto delle caratteristiche formali della tipologia; discorso autonomo con evidente rilievo di una o più tesi portanti (in caso di articolo, cura delle sequenze del pezzo giornalistico) avvalorate da argomenti coerenti Rispetto delle caratteristiche formali della tipologia; presenza di una o più tesi portanti; testo organico; cura della coesione e articolazione testuale (o, per l articolo, ordine efficace delle sequenze) Rispetto delle caratteristiche formali della tipologia; presenza di una o più tesi portanti; testo perlopiù ordinato, anche schematico ma sostanzialmente logico, che affianca commenti pertinenti a riprese corrette dei documenti Manca in tutto o in parte il rispetto delle caratteristiche formali della tipologia; presenza di eccessi di parafrasi dai testi e/o passaggi disorganici Mancato rispetto delle caratteristiche formali della tipologia; testo non ben organizzato, sproporzione tra le parti; eccesso di parafrasi dai testi,5 /, Apporti culturali Riferimenti storico culturali dettagliati e/o aggiunta di ulteriori casi e informazioni,5 Riferimenti fondamentali (collocazione degli autori, conoscenza di opere e periodi storici, illustrazione di problemi) Riferimenti minimi o inadeguati, orientamento culturale elementare 1/0

5 Tipologia C Tema storico Indicatori Descrittori Punti 1. Correttezza grammaticale, ortografica e sintattica Buona Sufficiente (pochi errori non gravi) Insufficiente (errori ripetuti e/o gravi) 1/0. Correttezza lessicale. Conoscenza degli eventi storici Buona proprietà di linguaggio e lessico ampio Sufficiente proprietà di linguaggio Improprietà di linguaggio e/o lessico ristretto 1/0 Piena: sviluppa esaurientemente tutti i punti con ricchezza di informazioni Adeguata: sviluppa pressoché tutti i punti; conoscenze perlopiù corrette,5 Sufficiente: essenziale, propone le conoscenze minime richieste Alcune parti fuori traccia e/o non sviluppate 1/0 4. Capacità di riflessione, analisi, sintesi e argomentazione Capacità logico critiche ed espressive Espone e contestualizza correttamente i dati storici; opera collegamenti e confronti; inserisce spunti critici originali e/ o approfondimenti Presenta i dati storici fornendo sintesi fondate e giudizi personali,5 Sa analizzare la situazione storica e fornisce sintesi pertinenti Ripropone correttamente la spiegazione dell insegnante e/o del libro di testo 1,5 Non sempre dimostra adeguate capacità di analisi e sintesi 1/0,5 5. Organizzazione e struttura del tema Organicamente strutturato; testo articolato, scorrevole, equilibrato e strutturato come richiesto dalla consegna Sufficientemente strutturato; testo globalmente proporzionato, scorrevole e strutturato come richiesto dalla consegna; coesione sufficiente Testo non bene organizzato; alcune sproporzioni; passaggi disorganici, carenze nella strutturazione richiesta dalla consegna; svolgimento frammentario 1/0

6 Tipologia D Tema di ordine generale Indicatori Descrittori Punti 1. Correttezza grammaticale, ortografica e sintattica Buona Sufficiente (pochi errori non gravi) Insufficiente (errori ripetuti e/o gravi) 1/0. Correttezza lessicale. Sviluppo delle richieste della consegna Buona proprietà di linguaggio e lessico ampio Sufficiente proprietà di linguaggio Improprietà di linguaggio e/o lessico ristretto 1/0 Pieno: sviluppa esaurientemente tutti i punti con ricchezza di informazioni Adeguato: sviluppa pressoché tutti i punti; informazioni validamente corrette e pertinenti Sufficiente: trattazione essenziale di almeno quasi tutti i punti Alcune parti fuori traccia e/o non sviluppate 1/0,5 Capacità logico critiche ed espressive 4. Capacità di riflessione, analisi, sintesi e argomentazione Presenta originali spunti di approfondimento critico personale e riflessioni fondate; buona argomentazione ed esposizione Valida riflessione argomentazione e/o sintesi critica ed esposizione,5 Sufficiente riflessione/argomentazione e/o sintesi critica ed esposizione Non sempre adeguata riflessione argomentazione e/o sintesi critica ed esposizione Analisi/sintesi errate, assenza di riflessione e argomentazione e/o esposizione 5. Organizzazione e struttura del tema Organicamente strutturato; testo articolato, scorrevole, equilibrato e strutturato come richiesto dalla consegna Sufficientemente strutturato; testo globalmente proporzionato, scorrevole e strutturato come richiesto dalla consegna; coesione sufficiente Testo non bene organizzato; alcune sproporzioni; passaggi disorganici, carenze nella strutturazione richiesta dalla consegna; svolgimento frammentario 1/0,5 0 1/0

7 CRITERI ADOTTATI DAL LICEO SCIENTIFICO, LINGUISTICO, SCIENZE APPLICATE Tipologia A Analisi Testuale GRIGLIA di VALUTAZIONE della PRIMA PROVA SCRITTA d ESAME (ITALIANO) INDICATORI DESCRITTORI 10/10 15/15 padronanza e uso della lingua Correttezza ortografica [CO] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di ortografia non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori ripetuti di ortografia) Correttezza sintattica [CS] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di sintassi non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori di sintassi ripetuti) Correttezza lessicale [CL] a) buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 1,5 b) sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1 c) improprietà di linguaggio e lessico ristretto conoscenza dello argomento e del contesto di riferimento capacità logico - critiche ed espressive Conoscenza delle caratteristiche formali del testo [S] a) completa conoscenza delle strutture retoriche del testo e consapevolezza della loro funzione comunicativa,5 b) padroneggia con sicurezza le conoscenze degli elementi formali 1,5 c) descrive sufficientemente gli espedienti retorico-formali del testo 1 1,5 d) dimostra una conoscenza lacunosa degli espedienti retorico-formali del testo Comprensione del testo [O] a) comprende il messaggio nella sua complessità e nelle varie sfumature espressive 1,5,5 b) sufficiente comprensione del brano 1 c) comprende superficialmente il significato del testo Capacità di riflessione e contestualizzazione [A] a) dimostra capacità di riflessione critica e contestualizza il brano con ricchezza di riferimenti culturali e approfondimenti personali b) offre diversi spunti critici e contestualizza in modo efficace 1,5,5- c) sufficienti spunti di riflessione e contestualizzazione 1 1,5 d) scarsi spunti critici

8 Tipologia B Articolo di giornale INDICATORI DESCRITTORI 10/10 15/15 Correttezza ortografica [CO] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di ortografia non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori ripetuti di ortografia) Correttezza sintattica [CS] padronanza e uso della lingua a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di sintassi non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori di sintassi ripetuti) Correttezza lessicale [CL] a) buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 1,5 b) sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1 c) improprietà di linguaggio e lessico ristretto Coerenza con il linguaggio e le modalità della comunicazione giornalistica [S] conoscenza dello argomento e del contesto di riferimento a) sviluppa l argomento gestendo in modo consapevole le convenzioni e gli usi giornalistici (cioè: uso dei dati, titolo, sottotitolo, riferimento al pubblico e all occasione) b) padroneggia con sicurezza gli usi giornalistici ( ) d) si attiene correttamente agli usi giornalistici ( ) c) non si attiene alle modalità di scrittura dell articolo giornalistico,5 1,5 1 1,5 Presentazione e analisi dei dati (6w) [O] a) presenta i dati in modo coerente e fornisce un analisi sensata b) dispone i dati in modo sufficientemente organico 1,5,5 1 capacità logico - critiche ed espressive c) enumera i dati senza ordinarli e senza fornire l analisi Capacità di riflessione e sintesi [A] a) dimostra capacità di riflessione critica e di sintesi personale nella trattazione dei dati b) offre diversi spunti critici e sintetizza in modo efficace c) sufficienti spunti di riflessione e approfondimento critico d) scarsi spunti critici 1,5,5-1 1,5

9 Tipologia B Saggio breve INDICATORI DESCRITTORI 10/10 15/15 padronanza e uso della lingua Correttezza ortografica [CO] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di ortografia non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori ripetuti di ortografia) Correttezza sintattica [CS] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di sintassi non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori di sintassi ripetuti) Correttezza lessicale [CL] a) buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 1,5 b) sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1 c) improprietà di linguaggio e lessico ristretto conoscenza dello argomento e del contesto di riferimento Struttura e coerenza dell argomentazione [S] a) Imposta l argomentazione gestendo con sicurezza gli elementi per la redazione di un saggio breve,5 b) Si serve consapevolmente degli elementi per la redazione di un saggio breve 1,5 c) Padroneggia sufficientemente gli elementi per la redazione di un saggio breve 1 1,5 d) non si attiene alle modalità di scrittura del saggio breve Presentazione e analisi dei dati (6w) [O] a) presenta i dati in modo coerente e fornisce un analisi sensata b) dispone i dati in modo sufficientemente organico 1,5,5 1 capacità logico - critiche ed espressive c) enumera i dati senza ordinarli e senza fornire l analisi Capacità di riflessione e sintesi [A] a) dimostra capacità di riflessione critica e di sintesi personale nella trattazione dei dati b) offre diversi spunti critici e sintetizza in modo efficace c) sufficienti spunti di riflessione e approfondimento critico d) scarsi spunti critici 1,5,5-1 1,5

10 Tipologia C Tema storico INDICATORI DESCRITTORI 10/10 15/15 padronanza e uso della lingua Correttezza ortografica [CO] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di ortografia non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori ripetuti di ortografia) Correttezza sintattica [CS] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di sintassi non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori di sintassi ripetuti) Correttezza lessicale [CL] a) buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 1,5 b) sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1 c) improprietà di linguaggio e lessico ristretto Conoscenza degli eventi storici [S] conoscenza dello argomento e del contesto di riferimento a) piena (sviluppa esaurientemente tutti i punti con ricchezza di notizie) b) sufficiente (sviluppa tutti i punti, sufficienti conoscenze) c) appena sufficiente / mediocre (troppo breve, sommarie conoscenze) d) alcune parti del tema sono fuori traccia/ non sono state sviluppate,5 1,5 1 1,5 capacità logico - critiche ed espressive Organizzazione della struttura del tema [O] a) Il tema è organicamente strutturato b) il tema è sufficientemente organizzato c) il tema è solo parzialmente organizzato Capacità di riflessione, analisi e sintesi [A] a) presenta i dati storici fornendo fondate sintesi e giudizi personali 1,5,5 1 1,5 b) sa analizzare la situazione storica e fornisce sintesi pertinenti 1,5,5 - c) sufficiente (ripropone correttamente la spiegazione dell insegnante o l interpretazione del libro di testo) 1 1,5 d) non dimostra sufficienti capacità di analisi e sintesi

11 Tipologia D Tema di ordine generale INDICATORI DESCRITTORI 10/10 15/15 padronanza e uso della lingua Correttezza ortografica [CO] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di ortografia non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori ripetuti di ortografia) Correttezza sintattica [CS] a) buona 1,5 b) sufficiente (errori di sintassi non gravi) 1 1,5 c) insufficiente (errori di sintassi ripetuti) Correttezza lessicale [CL] a) buona proprietà di linguaggio e lessico ampio 1,5 b) sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico 1 c) improprietà di linguaggio e lessico ristretto Sviluppo dei quesiti della traccia [S] conoscenza dello argomento e del contesto di riferimento a) pieno (sviluppa esaurientemente tutti i punti) b) sufficiente (sviluppa tutti i punti) c) appena sufficiente / mediocre (troppo breve) d) alcune parti del tema sono fuori traccia/ non sono state sviluppate,5 1,5 1 1,5 a) Il tema è organicamente strutturato b) il tema è sufficientemente strutturato Organizzazione della struttura del tema [O] 1,5,5 1 1,5 capacità logico - critiche ed espressive c) il tema è disorganico (argomenti casualmente disposti) Capacità di approfondimento e di riflessione [A] a) presenta diversi spunti di approfondimento critico personale e riflessioni fondate b) dimostra una buona capacità di riflessione/critica c) sufficiente capacità di riflessione/critica d) non dimostra sufficiente capacità di riflessione/critica 1,5,5-1 1,5

12 Seconda prova scritta La seconda prova scritta, che può essere anche grafica o scritto-grafica, ha lo scopo di accertare il possesso delle conoscenze specifiche del corso di studi frequentato dal candidato ed ha per oggetto una delle materie caratterizzanti il medesimo corso di studi, per le quali l'ordinamento vigente o le disposizioni relative alla sperimentazione prevedono verifiche scritte, grafiche o scritto-grafiche. Al candidato può essere data facoltà di scegliere tra più proposte. La suddetta materia è individuata con decreto del MIUR, entro la prima decade di aprile. Al liceo artistico, la seconda prova scritta consiste nella elaborazione di un progetto, relativo allo specifico indirizzo del Liceo Artistico, che tiene conto della dimensione pratica e laboratoriale delle discipline coinvolte. Il progetto è sviluppato secondo le fasi di: a) analisi e rielaborazione delle fonti rispetto alla traccia; b) schizzi preliminari e bozzetti (ogni candidato ha facoltà di utilizzare le esperienze espressive acquisite, facendo emergere le attitudini personali nell autonomia creativa); c) restituzione tecno-grafica coerente con il progetto; d) realizzazione di modello o prototipo di una parte significativa del progetto; e) relazione illustrativa dettagliata sulle scelte di progetto. f) Le modalità operative consistono in opzioni tecniche a scelta del candidato in relazione al tema previsto dallo specifico indirizzo. A seconda dell indirizzo, la materia oggetto della seconda prova scritta può essere: 1. Discipline pittoriche e/o discipline plastiche e scultoree per l indirizzo Arti Figurative. Discipline progettuali architettura e ambiente per l indirizzo Architettura e Ambiente. Discipline grafiche per l indirizzo Grafica La durata massima della prova è di tre giorni, per sei ore al giorno. Al liceo scientifico, la seconda prova scritta consiste nella soluzione di un problema a scelta del candidato tra due proposte e nella risposta ad alcuni quesiti. Ai fini dello svolgimento della prova, il Ministero può prevedere l uso di calcolatrici, stabilendone la tipologia. La materia oggetto della seconda prova scritta può essere: 1. Matematica. Fisica Al liceo scientifico opz. Scienze Applicate, la materia oggetto della seconda prova scritta può essere: 1. Matematica. Fisica. Scienze Naturali La seconda prova si svolge in un unica giornata. La durata complessiva è di sei ore, salva diversa specifica previsione fornita in calce alla prova.

13 Al liceo linguistico, la seconda prova scritta consiste nell analisi di uno dei testi proposti ed è finalizzata a verificare le capacità di: a) comprendere e interpretare testi scritti di diverse tipologie e generi (temi di attualità, storicosociali, letterari o artistici), dimostrando di conoscerne le caratteristiche; b) produrre testi scritti per riferire o descrivere o argomentare. La prova si articola in due parti: a) risposte a domande aperte o anche chiuse, relative al testo scelto dal candidato fra quelli proposti; b) redazione di un testo in forma di narrazione o descrizione o argomentazione afferente alla tematica trattata nel testo scelto (lunghezza massima 00 parole). La materia oggetto della seconda prova scritta può essere: 1. Lingua e cultura straniera 1. Lingua e cultura straniera. Lingua e cultura straniera La seconda prova si svolge in un unica giornata. La durata complessiva è di sei ore, salva diversa specifica previsione fornita in calce alla prova. La tabella seguente permette di associare alla valutazione complessiva il voto in decimi e quello in quindicesimi: TABELLA di VALUTAZIONE e CONVERSIONE Valutazione globale In quindicesimi In decimi Eccellente Ottimo 14 9 Buono 1 8 Discreto 1 7 Più che sufficiente sufficiente 10 6 Insufficiente da 5 a 9 da 4 a 5.5 Gravemente insufficiente da 1 a 4 da 1 a Si riportano di seguito i criteri adottati per la valutazione della seconda prova scritta all Esame di Stato, di Discipline Progettuali per l indirizzo Grafica e per l indirizzo Architettura del Liceo Artistico, di Matematica e di Fisica del Liceo Scientifico, anche dell opz. Scienze Applicate, di Scienze del Liceo Scientifico opz. Scienze Applicate, di Lingua Straniera (Inglese, Francese, Tedesco) del Liceo Linguistico. Si precisa che le parti evidenziate nelle tabelle rappresentano il livello di sufficienza.

14 GRIGLIA di VALUTAZIONE della SECONDA PROVA SCRITTA d ESAME (DISCIPLINE PROGETTUALI - Grafico) Indicatori Descrittori punti punti attribuiti Lettura, analisi e interpretazione del brief Applicazione del metodo progettuale Conformità degli aspetti estetico/funzionali specifici del prodotto grafico studiato Scioltezza nel disegno e immediatezza esecutiva Utilizzo delle tecniche grafiche pittoriche - informatiche Equilibrato e armonico studio compositivo Leggibilità, precisione e idonea proporzione dei testi inseriti Originalità, valori innovativi e personali delle idee proposte Chiarezza dei testi descrittivi Conformità e cura nella presentazione complessiva del progetto non corrette 0 corrette 1 Il metodo progettuale è incompleto in alcune sue fasi Il metodo progettuale è stato pienamente rispettato in tutte le sue fasi no 0 sì 1 Il segno utilizzato è efficace ma incerto in alcune parti dell'elaborato Utilizza in modo appropriato il segno, come attenta sintesi delle forme (segno modulato, linea tonale) Le tecniche scelte non sono utilizzate in maniera appropriata Le tecniche scelte sono utilizzate in maniera parzialmente corretta Utilizzo espressivo, personale e funzionale delle tecniche scelte L'elaborato non è armonico in tutte le sue parti 1 Conoscenza e applicazione corrette delle regole compositive no 0 sì 1 no 0 sì 1 no 0 sì 1 no 0 sì Totale punteggio

15 GRIGLIA di VALUTAZIONE della SECONDA PROVA SCRITTA d ESAME (DISCIPLINE PROGETTUALI - Architettura) Indicatori Descrittori punti punti attribuiti Conoscenze complete ed approfondite 5 Conoscenze abbastanza complete ed approfondite 4 Acquisizione dei contenuti specifici Conoscenze abbastanza complete ma non sempre approfondite Conoscenze carenti e superficiali Conoscenze frammentarie e lacunose 1 Non ha acquisito i contenuti specifici 0 Capacità di analisi, sintesi, elaborazione e apporti creativi Elabora le conoscenze in modo corretto, sintetizzandole ed applicandole con apporti creativi ed interpretativi 4-5 Elabora le conoscenze applicandole in modo abbastanza corretto con alcuni apporti creativi ed interpretativi Elabora le conoscenze in modo poco organico, applicandole senza apporti creativi ed interpretativi Elabora le conoscenze con difficoltà applicandole in modo poco corretto 1 Non elabora le conoscenze e non si orienta 0 Competenze applicative, tecniche esecutive, grafiche e di elaborazione Elabora ed utilizza autonomamente sistemi e tecniche applicandoli in modo opportuno ed appropriato Elabora ed utilizza sistemi e tecniche in modo abbastanza autonomo, opportuno ed appropriato Applica le conoscenze minime e le tecniche in modo non sempre opportuno ed appropriato Non riesce a proporre opportune elaborazioni, non utilizza in modo appropriato sistemi e tecniche 1 0 Completezza degli elaborati Presenta elaborati completi ed appropriati Presenta elaborati abbastanza completi ed appropriati 1 Presenta elaborati incompleti, non rispetta i tempi di consegna 0 Totale punteggio

16 GRIGLIA di VALUTAZIONE della SECONDA PROVA SCRITTA d ESAME (MATEMATICA) La seguente griglia si basa su quella proposta dal Ministero in occasione delle simulazioni del 14 febbraio e del aprile CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL PROBLEMA COMPRENDERE INDIVIDUARE SVILUPPARE IL PROCESSO RISOLUTIVO ARGOMENTARE Analizzare la situazione problematica, identificare i dati, interpretarli e formalizzarli in linguaggio matematico. Mettere in campo strategie risolutive attraverso una modellizzazione del problema e individuare la strategia più adatta. Risolvere la situazione problematica in maniera coerente, completa e corretta, applicando le regole ed eseguendo i calcoli necessari. Commentare e giustificare opportunamente la scelta della strategia applicata, i passaggi fondamentali del processo e la coerenza dei risultati.. CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI QUESITI COMPRENSIONE E CONOSCENZA ABILITA LOGICHE E RISOLUTIVE CORRETTEZZA DELLO SVOLGIMENTO ARGOMENTAZIONE Comprensione della richiesta. Conoscenza dei contenuti matematici. Abilità di analisi. Uso di linguaggio appropriato. Scelta di strategie risolutive adeguate. Correttezza nei calcoli. Correttezza nell applicazione di tecniche e procedure anche grafiche. Giustificazione e commento delle scelte effettuate. Al problema vengono attribuiti al massimo 75 punti, distinti in livelli di prestazione; a ciascun quesito vengono attribuiti al massimo 15 punti, sempre distinti in livelli di prestazione. Calcolo del punteggio totale: PUNTEGGIO SEZIONE A (Problema) PUNTEGGIO SEZIONE B (Quesiti) PUNTEGGIO TOTALE (Sezione A + Sezione B)... /75... /75... /150 Il punteggio totale è al massimo di 150 punti; il punteggio grezzo viene poi trasformato in quindicesimi secondo la tabella sottostante: TABELLA DI CONVERSIONE DAL PUNTEGGIO GREZZO AL VOTO IN QUINDICESIMI PUNTEGGIO VOTO

17 GRIGLIA di VALUTAZIONE della SECONDA PROVA SCRITTA d ESAME (FISICA) La seguente griglia si basa su quella proposta dal Ministero in occasione della simulazione del 11 marzo 015. CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL PROBLEMA SCELTO FRA I DUE PROPOSTI INDICATORI 1... Osservare criticamente i fenomeni e formularne ipotesi esplicative utilizzando modelli, analogie e leggi. Formalizzare situazioni problematiche e applicare gli strumenti matematici e disciplinari rilevanti per la loro risoluzione. Interpretare e/o elaborare i dati proposti, anche di natura sperimentale, secondo un ipotesi, valutando l adeguatezza di un processo di misura e/o l incertezza dei dati, verificando la pertinenza dei dati alla validazione del modello interpretativo. Ad ogni indicatore vengono attribuiti al massimo 7 punti, distinti in quattro livelli di prestazione (livello1: 1 punto, livello : - punti, livello : 4-5 punti, livello 4: 6-7 punti), per un totale di massimo 1 punti. Il punteggio grezzo viene poi trasformato in quindicesimi secondo la tabella sottostante: PUNTEGGIO IN 1ESIMI VOTO IN 15ESIMI TABELLA DI CONVERSIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE RUBRICA DI FISICA

18 GRIGLIA di VALUTAZIONE della SECONDA PROVA SCRITTA d ESAME (SCIENZE) La seguente griglia si basa su quella proposta dal Ministero in occasione della simulazione del 5 marzo 015. CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL PROBLEMA SCELTO FRA I DUE PROPOSTI ANALIZZARE INDAGARE COMUNICARE TRASFERIRE Effettuare un analisi del fenomeno considerato riconoscendo e stabilendo relazioni Indagare attraverso la formulazione di ipotesi, scegliendo le procedure appropriate e traendone conclusioni Organizzare informazioni ed esprimersi utilizzando il linguaggio scientifico specifico e adeguato al contesto comunicativo Trasferire modelli ad altri contesti Al primo indicatore vengono attribuiti al massimo 18 punti, al secondo e al terzo al massimo 1 punti e al quarto ed ultimo 15 punti, distinti ciascuno in quattro livelli di prestazione. Il totale è di massimo 75 punti; il punteggio grezzo viene poi trasformato in quindicesimi secondo la tabella sottostante: TABELLA DI CONVERSIONE DAL PUNTEGGIO GREZZO AL VOTO IN QUINDICESIMI PUNTEGGIO VOTO

19 GRIGLIA di VALUTAZIONE della SECONDA PROVA SCRITTA d ESAME (LINGUA STRANIERA) Griglia per la correzione del questionario Indicatori Descrittori punti punti attribuiti Esatta 4 Comprensione del testo Abbastanza corretta Parziale Scarsa 1 Esaurienti 4 Quantità informazioni Abbastanza esaurienti Superficiali, incomplete Gravemente incomplete 1 Corretta, lessico specifico ricco 4 Forma e lessico Qualche errore nella forma, lessico adeguato Forma abbastanza corretta, lessico adeguato Forma scorretta con diversi errori grammaticali, lessico limitato e a volte impreciso 1 Risposte rielaborate in modo personale Rielaborazione personale Risposte parzialmente riprese dal testo Risposte riprese dal testo quasi interamente 1 Rielaborazione completamente assente 0 Punteggio totale

20 Griglia per la correzione della composizione Indicatori Descrittori punti Originali/ personali/ completi Abbastanza personali/ abbastanza completi Contenuti Banali e limitati 1 Inaccettabili 0 punti attribuiti Forma ed esposizione Chiara/ scorrevole/ sintetica e nel contempo esaustiva Comprensibile, talvolta un po involuta/ poco/troppo sintetica Elementare e non sempre chiara/ ricalca la forma italiana 1 Incomprensibili 0 Argomentazione Logica, coerente e documentata da dati Logica e abbastanza coerente Parzialmente coerente/ limitata/ ripetitiva 1 Incongruente 0 Livello morfosintattico e uso dei registri Corretto, registro adeguato Abbastanza corretto, registro abbastanza adeguato Con errori diffusi/gravi, registro non adeguato 1 Con errori molto gravi e diffusi 0 Lessico, spelling Ricco/ pertinente/ adeguato/ corretto Abbastanza adeguato/ abbastanza corretto Poco adeguato, ripetitivo, ripreso dal testo 1 Punteggio totale

21 Terza prova scritta La terza prova, a carattere pluridisciplinare, è intesa ad accertare le capacità del candidato di utilizzare ed integrare conoscenze e competenze relative alle materie dell'ultimo anno di corso, anche ai fini di una produzione scritta, grafica o pratica. La prova è strutturata in modo da consentire anche l'accertamento della conoscenza delle lingue straniere se comprese nel piano di studi dell'ultimo anno. La prova può comprendere, alternativamente o cumulativamente, le seguenti tipologie di svolgimento: Tipologia A - trattazione sintetica di argomenti significativi anche a carattere pluridisciplinare, contenente l'indicazione della estensione massima consentita (numero delle righe o delle parole). Tale proposta può essere presentata al candidato anche mediante un breve testo, in relazione al quale vengano poste specifiche domande Tipologia B - quesiti a risposta singola, volti ad accertare la conoscenza ed i livelli di competenza raggiunti dal candidato su argomenti riguardanti una o più materie, possono essere articolati in una o più domande chiaramente esplicitate. Le risposte debbono essere in ogni caso autonomamente formulate dal candidato e contenute nei limiti della estensione massima indicata dalla commissione, analogamente a quanto previsto al punto precedente Tipologia C - quesiti a risposta multipla, per i quali vengono fornite più risposte, tra cui il candidato sceglie quella esatta, possono essere presentati anche in forma di risposta chiusa e prevedere un certo numero di permutazioni di posizione delle domande e delle risposte. Tali quesiti possono pertanto concretarsi in vere e proprie prove strutturate vertenti su argomenti di tutte le materie dell'ultimo anno di corso Tipologia D - problemi a soluzione rapida, articolati in relazione allo specifico indirizzo di studio e alle esercitazioni effettuate dal candidato nel settore disciplinare coinvolto nel corso dell'ultimo anno; Tipologia E - analisi di casi pratici e professionali, correlata ai contenuti dei singoli piani di studio dei vari indirizzi, alle impostazioni metodologiche seguite dai candidati e alle esperienze acquisite anche all'interno di una progettazione di istituto caratterizzata dall'ampliamento dell'offerta formativa. La trattazione di un caso pratico e professionale, che costituisce una esercitazione didattica particolarmente diffusa negli istituti professionali e tecnici, può coinvolgere più materie ed è presentata con indicazioni di svolgimento puntuali e tali da assicurare risposte in forma sintetica; Tipologia F - sviluppo di progetti, proposto per quegli indirizzi di studio per i quali tale modalità rappresenta una pratica didattica largamente adottata. In particolare negli istituti tecnici e professionali, in relazione ai singoli piani di studio, può essere richiesto lo sviluppo di un progetto che coinvolga diverse discipline o la esposizione di una esperienza di laboratorio o anche la descrizione di procedure di misura o di collaudo di apparati o impianti che siano tali da consentire al candidato di dimostrare anche la conoscenza degli strumenti, delle loro caratteristiche e delle metodologie di impiego. Nei licei artistici, al fine di accertare in particolare le capacità di integrazione e applicazione dei linguaggi plastico-visuali ad una problematica architettonica, può essere richiesto lo sviluppo di un progetto anche attraverso la lettura, l'analisi e la interpretazione grafica dei caratteri compositivi, stilistici, costruttivi di un'opera o di un complesso monumentale. La formulazione della proposta deve prevedere anche la trattazione, in forma sintetica, del contesto culturale, storico e sociale entro cui l'opera si pone. In relazione alla specificità dei piani di studio la trattazione è integrata da quesiti attinenti alle discipline dell'ultimo anno, eventualmente non incluse nella traccia assegnata. La prova concerne una sola delle tipologie, ad eccezione delle tipologie B e C che possono essere utilizzate anche cumulativamente. La scelta della tipologia da parte delle commissioni deve tenere conto della specificità dell'indirizzo di studi, delle impostazioni metodologiche seguite dai candidati, delle esperienze acquisite all'interno della progettazione dell'istituto e della pratica didattica adottata, quali risultano dal documento del consiglio di classe.

22 La prova, che coinvolgerà non più di cinque discipline, deve prevedere: non più di cinque argomenti per la trattazione sintetica, per la tipologia A; da dieci a quindici quesiti a risposta singola, per la tipologia B; da trenta a quaranta quesiti a risposta multipla, per la tipologia C; non più di due problemi scientifici a soluzione rapida, tali cioè da non richiedere calcoli complessi, per la tipologia D; non più di due casi pratici e professionali, per la tipologia E; un progetto, per la tipologia F. Nel caso in cui le tipologie B e C siano utilizzate cumulativamente, il numero dei quesiti a risposta singola e il numero dei quesiti a risposta multipla non può essere inferiore, rispettivamente, a 8 e 16. All'interno della terza prova scritta deve essere previsto, ove la lingua o le lingue straniere sia o siano comprese tra le discipline dell'ultimo anno di corso, un breve spazio destinato all'accertamento della conoscenza della lingua o delle lingue straniere comprese nel piano di studi dell'ultimo anno. La verifica di tale conoscenza può essere effettuata dalla commissione secondo una delle seguenti modalità: a) breve esposizione in lingua straniera (entro un numero massimo di parole prestabilito) di uno degli argomenti o di uno dei quesiti, a scelta del candidato, tra quelli proposti dalla commissione nell'ambito della trattazione sintetica o del gruppo dei quesiti o anche delle domande che accompagnano la soluzione di casi pratici o lo sviluppo di progetti. All'interno di tali tipologie può anche prevedersi che una richiesta o parte di essa venga presentata al candidato attraverso un testo in lingua straniera della lunghezza di circa 80 parole, seguito da una o due domande intese ad accertare la comprensione del brano e la capacità di produzione scritta. In tal caso la commissione ha cura di scegliere possibilmente un testo che per contenuto e caratteristiche linguistico-formali sia, per quanto possibile, congruente con la specificità dell'indirizzo di studio seguito dal candidato; b) breve risposta in lingua straniera o anche in lingua italiana ad uno o più quesiti appositamente formulati in lingua dalla commissione. Qualora nel piano di studio dell'ultimo anno siano comprese due o più lingue straniere, di cui una già oggetto della seconda prova scritta, il candidato deve utilizzare per la terza prova una lingua straniera diversa da quella nella quale ha svolto la seconda prova. Nella scelta delle modalità da seguire per la verifica della conoscenza della lingua straniera, la commissione tiene nel debito conto gli spazi orari, l'impostazione metodologica, le esperienze realizzate, gli obiettivi conseguiti e il livello di conoscenza della lingua raggiunto dai candidati, in conformità di quanto puntualmente precisato nel documento del consiglio di classe. Il tempo massimo per lo svolgimento di questa prova va dalle due alle ore (solitamente due ore e mezzo), salvo le dovute eccezioni diversificate in base alle peculiarità delle varie prove. Si riportano di seguito i criteri adottati dal Liceo Artistico prima, e dal Liceo Scientifico, Linguistico e Scientifico opz. Scienze Applicate poi, per la valutazione della terza prova scritta all Esame di Stato. Si precisa che le parti evidenziate nelle tabelle rappresentano il livello di sufficienza.

23 CRITERI ADOTTATI DAL LICEO ARTISTICO GRIGLIA di VALUTAZIONE della TERZA PROVA SCRITTA d ESAME (TUTTE LE DISCIPLINE) indicatori punteggio A Conoscenze B Competenze espressive C Capacità di analisi e di sintesi ottime Conosce e gestisce gli argomenti trattati collegandoli con coerenza 7 complete Conosce in modo corretto e approfondito tutti gli argomenti trattati 6 adeguate Conosce i concetti chiave degli argomenti trattati 5 accettabili Conosce i concetti chiave degli argomenti trattati, che espone con qualche imprecisione e/o limitate lacune 4 confuse Conoscenze sommarie in cui si rilevano degli errori nei concetti chiave lacunose Conoscenze parziali e limitate anche di concetti chiave quasi nulle Conoscenze incoerenti con l'argomento richiesto 1 ottime Il linguaggio utilizzato risulta sempre accurato, e modulato con originalità ed eleganza 5 complete Utilizza il linguaggio specifico delle discipline in modo sempre preciso 4 adeguate accettabili carenti funzionali adeguate carenti nulle Utilizza con proprietà e chiarezza il linguaggio e la terminologia specifica delle discipline Si esprime in modo sufficientemente chiaro nonostante un utilizzo non sempre appropriato del lessico specifico Si esprime in modo confuso e lacunoso utilizzando in modo improprio il codice espressivo delle varie discipline Argomenta in modo coerente ed appropriato dimostrandosi capace di analizzare e rielaborare in maniera personale e approfondita gli argomenti assimilati - Corretto e preciso nello svolgimento dei calcoli Argomenta in modo coerente dimostrandosi capace di analizzare e rielaborare gli argomenti assimilati operando collegamenti e confronti, anche se in modo poco approfondito - Calcoli accettabilmente corretti Argomenta, analizza e sintetizza le tematiche proposte con notevole difficoltà - Numerosi errori e/o imprecisioni nei calcoli Non sa argomentare, analizzare e sintetizzare le tematiche proposte, e non sa svolgere i calcoli punteggi proposti su quesiti e 4 discipline: A: B: C: A: B: C: A: B: C: A: B: C: Totale:.../15 Totale:.../15 Totale:.../15 Totale:.../15 Voto assegnato:.../15 U M

24 CRITERI ADOTTATI DAL LICEO SCIENTIFICO, LINGUISTICO, SCIENZE APPLICATE GRIGLIA di VALUTAZIONE della TERZA PROVA SCRITTA d ESAME (TUTTE LE DISCIPLINE) Candidato: Quesito 1 Quesito Parametri ed indicatori Livelli di prestazione Punteggi Conoscenza, completezza e correttezza dei contenuti Conoscenze nulle 1 Conoscenze incoerenti con l argomento richiesto Conoscenze lacunose o scorrette Conoscenze essenziali 4 Conoscenze corrette ed esaurienti nei punti nodali 5 Conoscenze complete e approfondite 6 Abilità e competenze linguistico - comunicative Abilità e competenze di elaborazione e di sintesi In caso di risposta totalmente assente 0 Forma e linguaggio del tutto inadeguati 1 Forma e linguaggio imprecisi e generici Forma sostanzialmente corretta e linguaggio accettabile Forma corretta e linguaggio appropriato 4 Padronanza del lessico specifico e buona fluidità espositiva In caso di risposta totalmente assente 0 Elaborazione poco coerente e disorganica 1 Elaborazione parziale Elaborazione abbastanza coerente ed organica Elaborazione efficace, precisa e personale 4 5 Punteggi parziali /15 /15 Valutazione complessiva /15

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline.

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. 1 Griglie di valutazione della I prova scritta ANALISI DEL TESTO più che

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

TRIENNIO. SECONDA PROVA (tema o testo di comprensione/produzione) Griglia di valutazione della seconda prova: Tema in lingua straniera (quindicesimi)

TRIENNIO. SECONDA PROVA (tema o testo di comprensione/produzione) Griglia di valutazione della seconda prova: Tema in lingua straniera (quindicesimi) LINGUE STRANIERE TRIENNIO SECONDA PROVA (tema o testo di comprensione/produzione) Griglia di valutazione della seconda prova: Tema in lingua straniera (quindicesimi) Aderenza alla traccia completa parziale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE (PRIMO BIENNIO)

GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE (PRIMO BIENNIO) GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE (PRIMO BIENNIO) Indicatori Descrittori Esiti Organizzazione testuale Rispetto delle consegne Uso del registro linguistico complessivo adeguato alla tipologia testuale

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per i lavori scritti - Ginnasio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per i lavori scritti - Ginnasio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per i lavori scritti - Ginnasio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPITO DI ITALIANO BIENNIO

GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPITO DI ITALIANO BIENNIO GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMPITO DI ITALIANO BIENNIO Indicatori Descrittori Livelli di valutazione Punteggio parziale Contenuto Aderenza alla traccia Ampia, Sufficiente, con poche divagazioni 0, Correttezza

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA

GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA LETTERE ITALIANE SCRITTO Primo Biennio GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO Correttezza formale Conoscenza dell argomento e del contesto di riferimento Capacità logico-critiche

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Normativa e indicazioni Linguistico Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Requisiti per l ammissione Sono ammessi all'esame di Stato gli alunni che nello scrutinio finale conseguano una votazione

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Secondaria. di 1 Grado

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Secondaria. di 1 Grado Griglie di valutazione disciplinari Scuola Secondaria di 1 Grado 21 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ITALIANO - VALUTAZIONE PROVE SCRITTE Indicatori I. PRESENTAZIONE GRAFICA II. USO DELLA LINGUA III. CONTENUTO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO A.S. 2014-2015. Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento. valide per entrambi gli indirizzi LL e LES

DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO A.S. 2014-2015. Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento. valide per entrambi gli indirizzi LL e LES Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento valide per entrambi gli indirizzi LL e LES 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROVE OGGETTIVE Il voto viene attribuito secondo una scala che va da 1 a 10 dove

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI (0/0) Conoscenze Colloquio Descrittori Punteggio Punteggio assegnato Completi ed approfonditi Contenuti (max punti) Precisi, Organizzati Appropriati, Essenziali

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA PRODUZIONE SCRITTA : FINE SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA PRODUZIONE SCRITTA : FINE SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA PRODUZIONE SCRITTA : FINE SCUOLA PRIMARIA Aderenza alla traccia e alla ortografica morfo-sintattica lessicale Coerenza e struttura Originalità del testo e stile dei 5 5/6

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

Griglie di Valutazione disciplinari

Griglie di Valutazione disciplinari Istituto Comprensivo 1 di Taormina via Dietro Cappuccini n. telefono 0942 628612 n. fax 0942 628641/0942-897077 Griglie di Valutazione disciplinari Anno Scolastico 2014/ 15 Approvazione definitiva: Collegio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA VALUTAZIONE FORMATIVA Riguarda la valutazione periodica che scandisce il ritmo del curricolo definito dai consigli di classe e ha lo scopo di misurare l effettivo progresso

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

Prot. n. 2967/c11 Castelfranco Veneto, 28.05.2015 Circolare n. 231 AGLI STUDENTI classi 5^ AI DOCENTI

Prot. n. 2967/c11 Castelfranco Veneto, 28.05.2015 Circolare n. 231 AGLI STUDENTI classi 5^ AI DOCENTI Prot. n. 2967/c11 Castelfranco Veneto, 28.05.2015 Circolare n. 231 internet AGLI STUDENTI classi 5^ AI DOCENTI Esami di stato A.S. 2014/2015 conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE Pagina di 4 ANNO SCOLASTICO 0/03 DIPARTIMENTO DI: INDIRIZZO: Materie letterarie Liceo scientifico BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 9 aprile 03 Orario di inizio 4,30 orario di conclusione 6,00 PRESENTI: ASSENTI:

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 0 /03 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA DI RELIGIONE ( in quindicesimi - sufficienza 0 ) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO CONOSCENZA

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 04 /05 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA DI RELIGIONE ( in quindicesimi - sufficienza 0 ) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO CONOSCENZA

Dettagli

ALLEGATO N. 5 bis GRIGLIE DI VALUTAZIONE

ALLEGATO N. 5 bis GRIGLIE DI VALUTAZIONE ALLEGATO N. 5 bis GRIGLIE DI VALUTAZIONE 1 ITALIANO ORALE BIENNIO CONOSCENZE COMPETENZE OTTIMO (9-10) Conoscenze articolate, approfondite e con apporti personali. Capacità di giudizio critico originale

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SERMIDE Via Zambelli, 2 46028 Sermide (Mn) Tel. 0386/61101 Fax. 0386/960476 e-mail istitutocompsermide@virgilio.it Reg. cert. Il Dirigente scolastico e il Presidente della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE ENNIO QUIRINO VISCONTI Anno scolastico 2013-2014 CRITERI DI VALUTAZIONE E GRIGLIE

LICEO GINNASIO STATALE ENNIO QUIRINO VISCONTI Anno scolastico 2013-2014 CRITERI DI VALUTAZIONE E GRIGLIE 1 LICEO GINNASIO STATALE ENNIO QUIRINO VISCONTI Anno scolastico 2013-2014 CRITERI DI VALUTAZIONE E GRIGLIE 2 MATERIE LETTERARIE, LATINO E GRECO NEL GINNASIO ELEMENTI DI VALUTAZIONE: 1) Progressi ottenuti

Dettagli

Padova, 2 novembre 2011 Agli alunni di classe quinta Ai docenti di classe quinta e, p.c., Ai docenti dell Istituto

Padova, 2 novembre 2011 Agli alunni di classe quinta Ai docenti di classe quinta e, p.c., Ai docenti dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE ALL ESAME DI 3ª MEDIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE ALL ESAME DI 3ª MEDIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola A.S. 2015/2016 CLASSE: PRIMA INDIRIZZO DI STUDI: LINGUISTICO COMPETENZE LINGUISTICHE Alla fine del primo anno di studio della lingua

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE: IRENE SOMÀ CLASSE III SEZ. SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 2.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

Documento per la valutazione degli studenti

Documento per la valutazione degli studenti Documento per la valutazione degli studenti A.S. 201/201 La valutazione e' espressione dell'autonomia professionale propria della funzione docente, nella sua dimensione sia individuale che collegiale,

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

SCHEMA UNITA DIDATTICA

SCHEMA UNITA DIDATTICA Titolo modulo: Differential calculus Unità didattica n. 2 dal titolo: Differentiation Ore previste per questa unità didattica: SCHEMA UNITA DIDATTICA Eventuali note sulla pianificazione e realizzazione:

Dettagli

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.Volta LIBRETTO delle GRIGLIE di VALUTAZIONE PROPOSTO APPROVATO FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA Il presente documento è stato

Dettagli