ASPETTI IRRISOLTI DELL IDENTITÀ MEDICA TRA CRISI ATTUALE E PROSPETTIVE INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASPETTI IRRISOLTI DELL IDENTITÀ MEDICA TRA CRISI ATTUALE E PROSPETTIVE INTERNAZIONALI"

Transcript

1 ASPETTI IRRISOLTI DELL IDENTITÀ MEDICA TRA CRISI ATTUALE E PROSPETTIVE INTERNAZIONALI Roma, 19 giugno 2009 GUIDO GIARELLI Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Magna Græcia di Catanzaro

2 ?

3 Nessuno può negare che la medicina stia attraversando un periodo critico. Ma nessuno che conosca le difficoltà attuali non può non riconoscere che la crisi di quest area scientifica sia difficilmente risolvibile con semplici trucchi o modificazioni delle teorie esistenti. E necessario qualcosa di radicale che ci obblighi ad andare molto al di fuori dei limiti tradizionali di questo ramo della scienza. Nicola Dioguardi, 1984

4 UN MODELLO DI ANALISI CONNNESSIONISTA DEI SISTEMI SANITARI A LIVELLO MICRO: dimensione clinica A LIVELLO MESO: dimensione organizzativa A LIVELLO MACRO: dimensione strutturale

5 TREND SFIDE DILEMMI ETICI

6 LIVELLO MACRO: TREND RIFORME SANITARIE

7 3 FASI DI RIFORME I Fase: fine anni 70 - inizi anni 80 Contenimento dei costi a livello macroeconomico Budget globali prospettici Controllo spese di investimento Limitazioni onorari medici Restrizioni accessi formazione medica

8 II Fase: fine anni 80 - inizi anni 90 Efficienza microeconomnica Meccanismi di mercato Introduzione dei manager Incentivazioni di budget Responsabilità verso gli utenti

9 III Fase: fine anni 90 ad oggi Razionamento e definizione priorità Salute pubblica Assistenza primaria Managed care Valutazione delle tecnologie sanitarie Evidence based Medicine (EBM)

10 I COSTI SOCIALI DELLE RIFORME Commonwealth Fund International Health Policy Survey 5 paesi: Gran Bretagna, USA, Canada, Australia, Nuova Zelanda Dalla fine degli anni 90 insoddisfazione generalizzata del pubblico e preoccupazione crescente per il futuro

11 Grado di soddisfazione con il sistema sanitario VALUTAZIONE UK USA CAN AUS NZ molto soddisfatto abbastanza soddisfatto non molto soddisfatto per nulla soddisfatto FONTE: Commonwealth Fund International Health Policy Survey 2002

12 I 2 maggiori problemi con il sistema sanitario PROBLEMI UK USA CAN AUS NZ costi elevati cure copertura inadeguata dei servizi carenza di personale/ posti letto liste/tempi d attesa finanziamento governativo inadeguato FONTE: Commonwealth Fund International Health Policy Survey 2002

13 3 MODELLI DI SISTEMA SANITARIO: 1. assicurazioni private volontarie USA 2. assicurazioni sociali obbligatorie GER 3. servizio sanitario nazionale UK

14 IL MODELLO TRADIZIONALE U.S.A. DI SISTEMA SANITARIO ASSICURAZIONE MEDICARE/MEDICAID PAZIENTE EROGATORI FEE-FOR-SERVICE

15 CARATTERISTICHE MODELLO TRADIZIONALE FEE-FOR-SERVICE libera scelta del medico da parte del paziente libertà per il medico di prendere le decisioni cliniche e definire i modelli di assistenza sanitaria onorari definiti fra il medico ed il paziente senza intervento di terza parte pagamento sulla base di un onorario per prestazione ( fee-for-service ) pratica medica organizzata singolarmente o sulla base di piccoli gruppi per singole specialità associazione professionale (AMA) controlla ingresso nella e svolgimento della attività professionale

16 IL NUOVO MODELLO DELLA MANAGED CARE PAGATORE (imprese/stato) Managed Care Organization PAZIENTE EROGATORI

17 DIVERSI TIPI DI MANAGED CARE ORGANIZATIONS HMO PPO POS HEALTH MAINTENANCE ORGANIZATIONS PREFERRED PROVIDER ORGANIZATIONS POINT OF SERVICE PLANS

18 CARATTERISTICHE CHIAVE DELLE HMO una popolazione definita dalla adesione al piano assicurativo responsabilità contrattuale della HMO di erogare i servizi previsti dal piano assicurativo pagamenti fissi (mensili/annuali) pro-capite agli erogatori indipendenti dal grado di utilizzo dei servizi accettazione del paziente della restrizione della scelta fra gli erogatori controlli sulla pratica medica e sul riferimento dei pazienti un budget definito prospetticamente da cui dipende grado di rischio finanziario

19 TECNICHE DI MANAGED CARE MANAGED CARE = varietà di metodi di finanziamento e organizzazione dei servizi sanitari in modo integrato nel tentativo di controllare i costi controllando l erogazione dei servizi. J.K. Inglehart, New England Journal of Medicine incentivi finanziari tecniche di gestione dell attività clinica tecniche centrate sul paziente

20 INCENTIVI FINANZIARI rimborso pro-capite dei medici indipendenti dal volume di risorse utilizzate dal paziente rifiuto del pagamento del medico in caso di trattamento inappropriato bonus, penalità e trattenute per influenzare le modalità di riferimento del medico forme di condivisione del rischio finanziario per il medico

21 TECNICHE DI GESTIONE DELL ATTIVITÀ CLINICA (MICRO-MANAGEMENT) TECNICHE DI UTILIZATION REVIEW: - esame prospettico (pre-autorizzazione delle terapie) - esame concomitante (monitoraggio delle terapie) - esame retrospettivo (audit cartelle cliniche) - secondo parere obbligatorio (casi chirurgici) - esame fra pari (appropriatezza dei trattamenti) TECNICHE DI PROFILING: - del singolo medico (performance clinica) - di istituzioni sanitarie (ospedali, ecc.) - di singole tipologie di pazienti o malattie (pattern) TECNICHE DI DISEASE MANAGEMENT: - pacchetti assistenziali integrati - linee-guida

22 TECNICHE CENTRATE SUL PAZIENTE GATEKEEPING CASE MANAGEMENT LISTA D ATTESA E MONITORAGGIO PREVENZIONE PRIMARIA SELF CARE

23 QUALI CONSEGUENZE PER IL MEDICO U.S.A.? BUROCRATIZZAZIONE CORPORATIZZAZIONE DE-PROFESSIONALIZZAZIONE PROLETARIZZAZIONE

24 Negli USA non c è dubbio che sono le pratiche legate alla Managed Care che hanno influenzato la pratica medica. La sfida del contenimento dei costi ha dato avvio alla Managed Care. Ciò ha portato a restrizioni all interno della pratica sanitaria e a insoddisfazione e alienazione dei medici. Prof. Albert Wessen La gestione di questo sistema complesso ha spinto a ridurre la discrezionalità dei medici: molte decisioni non possono più prenderle autonomamente. Questo ha minato la loro immagine professionale, cioé la loro autostima riguardo alla loro capacità di decidere nel campo in cui sono specialisti: la salute Prof. Alvaro Tinajero Community Health Dept., Brown University, Providence

25 Io ero un pediatra e l avvento delle HMO ha portato molta più complessità nella pratica medica in ambulatorio. Ad esempio, se sto visitando un bambino per un esame generale e penso che abbia bisogno di farsi visitare da un oculista, col veccho sistema di fee for service avevo un mio specialista preferito e potevo mandarlo da lui; ora invece devo guardare il suo piano assicurativo, tenere una lista degli specialisti che trattano con la sua compagnia assicurativa e tutto è diventato incredibilmente più complesso. Inoltre ogni HMO avrà probabilmente moduli di spesa diversi e anche la burocrazia in ufficio ha acquistato molto più peso. Infine, i rimborsi per i medici sono sempre più bassi e e i medici stessi si sentoni bistrattati dalle HMO. Dr. Mark Horton, vicedirettore Public Health Office, Contea di Orange, California

26 Ci sono restrizioni incredibili e limiti a ciò che si può fare, bisogna passare attraverso dei supervisori che autorizzano il piano di cura. Nella maggior parte dei casi non c è cambiamento nella cura ma la burocrazia in mezzo è immensa e i soldi che la pagano giungono dal sistema stesso. Un secondo motivo d insoddisfazione è dovuto al fatto che si deve lavorare molto di più per un profitto minore: i pagamenti per chirurgia sono calati di almeno un terzo nell ultimo decennio mentre i costi della vita sono aumentati notevolmente. Quindi soprattutto nella mia specialità - chirurgia - ma anche in generale i medici erano considerati classe medio-alta e ora non è più così. Dr.Samuel E. Wilson, Primario di chirurgia, UC Medical Center e Presidente sezione della California dell American College of Surgeons

27 Quando le HMO hanno preso i soldi del premio (120 $ in media), e dato i 30 $ classici ai medical group, le HMO si ritengono al riparo da tutto. Da quei 30 $ i medical group devono decidere se il paziente deve andare da uno specialista, fare lastre, ecc. e questo è compito solo loro e non delle HMO. I 90 $ delle HMO pagano le medicine (e non tutte), e le spese ospedaliere, sempre ad un prezzo molto ridotto rispetto a quanto dovrebbero. In generale vedo pazienti morire per ritardi nelle procedure, nelle burocrazie. Vedo pazienti obbligati a operarsi quando non ne avrebbero avuto bisogno: ad esempio, se ti rompi un tendine, hai dieci giorni di tempo per riattaccarlo prima che s indurisca e si stabilizzi, ma ci vogliono giorni per avere l approvazione; e a quel punto non trovi un chirurgo perchè questi - e io non l ho ancora fatto - pongono un limite alle visite di HMO, diciamo tre pazienti al giorno, e allora ti trovi ad avere un

28 appuntamento dopo un mese. Il tendine si rovina e a quel punto devi lavorare molto di più per sistemarlo. La medicina si sta rovinando e le HMO non capiscono che stanno pagando di più a lungo termine: loro pagano per le spese ospedaliere, ma è il medical group che deve pagare le altre spese, il chirurgo, la terapia, da quei 30 $. Dr. John Alevizos, medico di famiglia e direttore del Irvine Medical Group, Tustin, California Per molti con il sistema pro-capite gli incentivi sono stati capovolti. Nell assistenza di base ciò è certamente un dato di fatto: prima più facevi e più guadagnavi, ora più fai e meno guadagni. Dr. Michael D. Prislin, medico di medicina generale, Irvine, California

29 ? MANAGED CARE

30 E IN EUROPA?

31 DUE MODELLI EUROPEI DI SISTEMA SANITARIO MODELLO BISMARCK MODELLO BEVERIDGE assicurazioni sociali obbligatorie finanziato con contributi paritari lavoratori/imprenditori copertura assistenziale quasi totale (98%) medico libero professionista con contratti collettivi rapporto prestazione e contribuzione servizio sanitario nazionale finanziato con fiscalità generale copertura assistenziale totale medico dipendente pubblico o libero professionista convenzionato salute come diritto e cura malati dovere dello Stato

32 RIFORMA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BRITANNICO NEL 1991 Creazione di un mercato interno attraverso la separazione fra purchasers e providers di servizi sanitari Possibilità per ospedali e servizi territoriali di divenire Trusts Possibilità per i medici di medicina generale (GP) di costituire dei gruppi di Fundholding Aumentare la libertà di scelta del paziente

33 LA NUOVA STRUTTURA DEL NHS DOPO LA RIFORMA DEL 1991 MINISTERO SANITÀ Autorità Trust sanitarie (90) (450) Gruppi GP GP Fundholders (16.940) (10.060) ACQUIRENTI FORNITORI

34 IL NUOVO NHS DEL GOVERNO BLAIR Dalla competizione alla cooperazione e concertazione Sostituzione dei GP Fundholding con Primary care Groups (poi Trusts) Creazione dei Trust Boards e focus sulla qualità Istituzione del National Institute for Clinical Excellence (NICE) e della Commission for Health Improvement (CHI) Superamento distorsioni e frammentazione del mercato interno mediante Health Improvement Programmes e Health Action Zones

35 IL NUOVO PROGRAMMA DI CLINICAL GOVERNANCE (Aprile 1999) Focus sul miglioramento continuo della qualità dell assistenza sanitaria Partecipazione obbligatoria per tutti i medici in attività locali di clinical audit e peer review Sviluppo professionale continuo mediante programmi di formazione permanente Introduzione di forme di valutazione obbligatoria per i medici operanti nel NHS Riconvalida obbligatoria dell abilitazione professionale ad intervalli regolari

36 MUTAMENTI NELLA PRATICA PROFESSIONALE Esperienza di contrattazione come GP fundholders positiva anche se limitata e problematica Problemi di concorrenzialità e conflitti con Autorità sanitarie distrettuali Rischio di effetti perversi dovuti agli incentivi alla riduzione dei costi Criteri di razionamento delle risorse più trasparenti Riduzione delle liste di attesa Creazione di un sistema diseguale a 2 livelli

37 Avevamo una pratica di fundholding e all inizio è stato molto difficile. Avevamo pochissimi dati statistisci e pochissimi dettagli su come basare la nostra definizione dei contratti. Ciò che facemmo molto rapidamente fu, mediante l uso appropriato del computer, di identificare dove avremmo potuto stabilire le nostre priorità, o qual era il nostro utilizzo medio di ciascuna delle diverse specialità e dei diversi ospedali. I nostri processi di contrattazione sono così divenuti molto accurati di fatto Dr. Bruce Lervy, GP, Swansea

38 Penso che il fundholding abbia avuto un effetto molto salutare più che sui GP sugli ospedali: ha costretto gli ospedali a guardare con più attenzione a ciò che fanno. Vi sono stati pochi GP fundholders qui, mentre c erano dei GP non-fundholders molto forti: erano un gruppo, non un gruppo formale, ma un insieme di non-fundholders coinvolti con l Autorità sanitarie nell attività di commissionamento ed è stata una cosa molto buona che i GP lavorassero con l Autorità Sanitaria. Dr. Anthony Morgan, Direttore Sanitario, Nottingham City Hospital

39 Penso che la sfida del nuovo sistema di Primary Care Group che diverranno Primary Care Trust è l aumentata importanza dell assistenza primaria nell ambito dei processi decisionali. Perchè credo che il GP sia spesso in stretto contatto con i suoi pazienti: il 70% della popolazione inglese visita il suo GP con una certa frequenza Dr. Richard Madeley, professore di Public Health, Queens Medical Centre

40 La maggior differenza fra PCG e Primary Care Trust è che questi ultimi diverranno organizzazioni autonome, cosicché dovranno sviluppare una struttura manageriale che effettivamente non hanno, una responsabilità che non hanno attualmente ed uno status contrattuale indipendente dei GP. Dr. Anthony Morgan, Direttore sanitario, Nottingham City Hospital

41 RUOLO DEL MEDICO NEL MANAGEMENT SANITARIO L esperienza del Fundholding ha sicuramente sviluppato le competenze manageriali di almeno una parte dei GP Nell ambito dei Trust, si è creata una partnership fra medici e manager ed una forte identità comune Nelle Autorità sanitarie, i medici di Sanità Pubblica agito da mediatori fra la comprensione del lavoro clinico e le esigenze dei manager per la gestione dei servizi

42 TREND LIVELLO MACRO: riforme sanitarie SFIDA: managerialismo DILEMMA ETICO: trade off qualità/equità

43 LIVELLO MESO: TREND RIDEFINIZIONE DELLA DIVISIONE DEL LAVORO SANITARIO

44 RIDEFINIZIONE DELLA DIVISIONE DEL LAVORO SANITARIO segmentazione professione medica deospedalizzazione e orientamento all assistenza primaria emergere professioni sanitarie diffusione medicine non convenzionali diffusione pratiche self help. self care, community care

45 LA DIVISIONE GERARCHICA DEL LAVORO SANITARIO medici specialisti medici generici e professioni alleate professioni paramediche (infermieri, ostetriche, tecnici sanitari,ecc.) occupazioni alternative marginali

46 LA NUOVA DIVISIONE DEL LAVORO SANITARIO DI TIPO FUNZIONALE assistenza assistenza assistenza self-care home care community primaria secondaria terziaria care care prevenzione/promozione diffusione informale cure terapia specificità formale

47 COMMUNITY HEALTH CARE 4 componenti-chiave: MANAGEMENT 1. profili assistenziali 2. équipe multiprofessionali 3. case management 4. sistema informativo integrato

48 TREND LIVELLO MESO: nuova divisione del lavoro sanitario SFIDA: fine dominanza medica DILEMMA ETICO: trade off autonomia/collaborazione

49 LIVELLO MICRO: TREND RIDEFINIZIONE DELLA RELAZIONE MEDICO-PAZIENTE

50 3 APPROCCI AL RAPPORTO MEDICO- PAZIENTE Modello PATERNALISTA Modello CONSUMERISTA Modello della PARTNERSHIP

51 MODELLO PATERNALISTA ruolo del paziente: utente passivo soggetto dominante: medico incontro terapeutico: relazione dominata da autorità medico relazione medico-paziente: basata su fiducia nell autorità professionale partecipazione ai processi decisionali: esclusivamente medica

52 MODELLO CONSUMERISTA ruolo del paziente: consumatore / cliente soggetto dominante: manager incontro terapeutico: relazione contrattuale relazione professionista-utente: libertà di scelta (exit) partecipazione ai processi decisionali: voice individuale (preferenze)

53 MODELLO DELLA PARTNERSHIP ruolo del paziente: co-produttore soggetto dominante: collaborazione medico-paziente relazione professionista-utente: processo interattivo e negoziato relazione professionista-utente: empowerment del cittadino partecipazione ai processi decisionali: persona e reti sociali

54 Problemi comunicazione medico-paziente Il proprio medico o lo specialista non ha: chiarito gli obiettivi della terapia aiutato a comprendere cosa occorreva fare chiesto l opinione del paziente sulla terapia motivato il paziente a fare ciò che occorreva fare discusso il peso emotivo della condizione di malattia dato risposta a domande importanti del paziente ottenuto la compliance del paziente alla terapia FONTE: Commonwealth Fund International Health Policy Survey 2002 UK USA CAN AUS NZ

55 TREND LIVELLO MICRO: ridefinizione relazione medico/paziente SFIDA: partnership DILEMMA ETICO: trade off autorità/empowerment

56 3 DILEMMI ETICI DEL MEDICO DEL XXI SECOLO LIVELLO MACRO qualità equità LIVELLO MESO autonomia collaborazione LIVELLO MICRO autorità empowerment

57 L etica non è esattamente la dottrina che ci insegna come essere felici, ma quella che ci insegna come possiamo fare per renderci degni della felicità Immanuel Kant, Critica della ragion pratica

58 Guido Giarelli IL MALESSERE DELLA MEDICINA Un confronto internazionale Franco Angeli Milano 2003

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID CHE CONSENTONO DI RISPARMIARE MILIARDI DEI CONTRIBUENTI

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID CHE CONSENTONO DI RISPARMIARE MILIARDI DEI CONTRIBUENTI Per la diffusione immediata: 29/06/2015 IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LE ATTIVITÀ DI RIPROGETTAZIONE DI MEDICAID

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 IBM Global Business Services IBM Institute for Business Value La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 Sanità Evoluzione dei modelli di erogazione dei servizi sanitari IBM Institute for Business Value

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Le basi per una politica nazionale per la qualità nei sistemi sanitari

Le basi per una politica nazionale per la qualità nei sistemi sanitari Le basi per una politica nazionale per la qualità nei sistemi sanitari Charles D. Shaw Isuf Kalo OMS 2002 Traduzione di Andrea Gardini Novembre 2004 Sommario Il miglioramento della qualità è, per gran

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA QUALITÀ NEI SERVIZI SANITARI

LA QUALITÀ NEI SERVIZI SANITARI LEZIONE: LA QUALITÀ NEI SERVIZI SANITARI PROF. GIUSEPPE FERRAIOLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ

PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ DIREZIONE REGIONALE SALUTE ED INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA AREA FORMAZIONE PIANO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITÀ conoscenza apprendimento competenza condivisione innovazione Anni 2013-2015 Pagina 2

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Carta europea dei diritti del malato * Presentata a Bruxelles il 15 novembre 2002

Carta europea dei diritti del malato * Presentata a Bruxelles il 15 novembre 2002 Carta europea dei diritti del malato * Presentata a Bruxelles il 15 novembre 2002 PREAMBOLO Malgrado le loro differenze, i sistemi sanitari nazionali dei paesi della Unione Europea mettono a rischio gli

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

ESPERTI IN IMPORT EXPORT ITALIA USA

ESPERTI IN IMPORT EXPORT ITALIA USA ESPERTI IN IMPORT EXPORT ITALIA USA dal 14 ottobre 1999 al 10 luglio 2001 ITALIA Sassari Via P.ssa Iolanda n. 2 Tel. 079/292509 - Fax 079/295920 USA Stamford Sacred Heart University 12 Omega Drive USA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Lo standard europeo per i negozi online professionali. Soluzioni per la fiducia nell e-commerce

Lo standard europeo per i negozi online professionali. Soluzioni per la fiducia nell e-commerce Lo standard europeo per i negozi online professionali Soluzioni per la fiducia nell e-commerce Ecco cosa ti offriamo con il nostro pacchetto all-inclusive! Invia subito la tua adesione! +39 02 94754586

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Far sembrare che avete letto qualcosa che invece non avete letto

Far sembrare che avete letto qualcosa che invece non avete letto Far sembrare che avete letto qualcosa che invece non avete letto Donald A Redelmeier, Miriam Shuchman, Steven L Shumak Molti medici non leggono regolarmente la letteratura specialistica e pertanto possono

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli