Rapporto Un iniziativa sostenuta da Pfizer ed Eli Lilly Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto 2012. Un iniziativa sostenuta da Pfizer ed Eli Lilly Italia"

Transcript

1

2 Un iniziativa sostenuta da Pfizer ed Eli Lilly Italia Rapporto 2012 Con il contributo di Amgen Dompé e Bristol-Myers Squibb Si ringrazia Farmindustria e IAPG 2012 The European House-Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato da The European House-Ambrosetti S.p.A. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un sistema di ricerca automatica, o trasmessa in qualsiasi forma o tramite qualsiasi supporto - elettronico, meccanico, fotocopiatura, registrazione od altro senza l'autorizzazione scritta della The European House-Ambrosetti S.p.A.

3

4 PREMESSA Nell anno trascorso dall ultima edizione del Forum Meridiano Sanità molti cambiamenti hanno interessato l Italia, tra cui la nascita di un Governo tecnico, una radicale riforma del sistema pensionistico, numerosi interventi e manovre economiche resi necessari dai vincoli di finanza pubblica e dalla crisi economica, aggravata dalla instabilità monetaria che ha interessato l Eurozona. L Italia oggi è al terzo posto per rapporto Debito/PIL tra le economie avanzate e non ci sono prospettive di crescita economica nel breve (il ritorno della crescita del PIL è atteso solo nel 2014 per un modesto 0,4%). In questo scenario si sono sviluppate le riflessioni di questa edizione di Meridiano Sanità, su una voce di spesa, la sanità, che assume un peso molto rilevante nei conti pubblici e che, soprattutto negli ultimi anni, è già stata sottoposta a tagli consistenti. Non va però dimenticato che la sanità rappresenta anche un importante ammortizzatore sociale in un Paese, come l Italia, in cui circa il 25% della popolazione vive a rischio di povertà o di esclusione sociale e il tasso di disoccupazione tra i giovani è del 36%, nonchè un settore ad alta intensità di conoscenze e innovazione, soprattutto con riferimento all industria farmaceutica. La domanda di salute e quindi il fabbisogno sanitario nei prossimi anni è destinata a crescere, spinta da fattori di tipo socio-demografico, epidemiologico e tecnologico. Le dinamiche più importanti sono quelle legate all invecchiamento demografico e alle cronicità. Nel 2050 più di un terzo della popolazione italiana avrà più di 65 anni: si tratta della quota di popolazione che già oggi assorbe circa il 50% della spesa sanitaria. Aumenterà la prevalenza di alcune malattie croniche come diabete, tumori, malattie cardiovascolari e malattie neurodegenerative e saranno necessarie sempre maggiori risorse per garantire ai cittadini le migliori cure. I costi per sviluppare un nuovo farmaco sono già passati da 800 milioni di dollari a più di 1,3 miliardi di dollari negli ultimi 10 anni. Il modello previsionale della spesa sanitaria pubblica di Meridiano Sanità indica una crescita attesa del rapporto spesa su PIL fino al 9,7% nel 2050, anche senza considerare variazioni nel quadro epidemiologico della popolazione, che certamente sarà interessato dall aumento della prevalenza di molte patologie croniche. In questo scenario di cambiamento il fabbisogno di salute e quindi le risorse da destinare alla sanità sono destinate inevitabilmente a crescere. Inoltre, la situazione attuale evidenzia una spesa sanitaria pro capite in Italia inferiore del 20% rispetto alla spesa di Germania, Francia e Regno Unito e considerando le più recenti previsioni di crescita di PIL questo divario è destinato ad aumentare ancora nei prossimi anni. Le manovre attuate negli ultimi due anni hanno portato ad un drastico taglio dei finanziamenti della spesa sanitaria e non ci sono previsioni ottimistiche circa una maggiore disponibilità di risorse pubbliche nel futuro. Certamente esistono ancora delle aree di inefficienza e sprechi che possono essere aggredite, ma certamente non possono rappresentare una fonte di finanziamento sufficiente a coprire il nostro gap di risorse. La domanda che ci poniamo è, quindi, come possiamo intervenire per evitare di minare l esistenza stessa del nostro Servizio Sanitario Nazionale? 3

5 Premessa Meridiano Sanità 2012 individua tre aree di intervento che devono svilupparsi poi in linee di azione concrete: 1) rivedere le scelte di allocazione delle risorse pubbliche attraverso una ridefinizione dell assetto organizzativo del Servizio Sanitario Nazionale; 2) eliminare le disparità che penalizzano l Italia nel confronto Europeo in termini di accessibilità delle cure e ridurre le forti disomogeneità regionali presenti nel nostro Paese; 3) rafforzare la sanità integrativa in modo tale da rendere il finanziamento del sistema socio-sanitario più flessibile. Oltre a questi importanti cantieri di lavoro restano aperte altre questioni quali la rimodulazione dei LEA, ripresa anche dal decreto Balduzzi - che dovrebbe attuarsi a nostro avviso anche in funzione delle priorità che un sistema sanitario ha il dovere di individuare - il divario in termini di strutture e risorse tra Nord e Sud del Paese e le criticità del federalismo in sanità. Infine, eliminare le inefficienze, riorganizzare per processi, utilizzare al meglio le risorse private sono certamente azioni da perseguire, ma non sono sufficienti se non si attua una strategia di rilancio della crescita del sistema economico del nostro Paese, che deve partire dai settori ad alta intensità di ricerca e sviluppo e di valore, quale è la filiera del farmaco. Desideriamo esprimere la nostra gratitudine a Eli Lilly, Pfizer, Amgen Dompé e Bristol-Myers Squibb e alle associazioni Farmindustria e IAPG che sostengono Meridiano Sanità. Un ringraziamento particolare va anche ai nostri Advisor, Isabella Mastrobuono e Federico Spandonaro per averci accompagnato in questi mesi di attività e a Americo Cicchetti e Grazia Labate per i preziosi contributi forniti. Infine, desidero ringraziare il Gruppo di Lavoro The European House Ambrosetti composto da Andrea Beretta Zanoni, Daniela Bianco, Emiliano Briante, Michele Castelli, Brian Terracciano e Stefania Valentin. Valerio De Molli Managing Partner The European House-Ambrosetti 4

6 5

7 1 Lo scenario di riferimento 6

8 INDICE 1 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Il quadro economico-finanziario Trend demografici ed epidemiologici L evoluzione demografica Il tasso di mortalità e il quadro delle principali patologie e cause di morte 23 2 I NUMERI DELLA SANITÀ IN ITALIA I costi del S.S.N La spesa sanitaria (pubblica e privata) in Italia: dinamiche e articolazione per destinazione Spesa per i farmaci L evoluzione della spesa sanitaria: il modello previsionale di Meridiano Sanità I driver della spesa sanitaria e la costruzione di un modello previsionale I risultati del modello previsionale Il focus sui driver della crescita della spesa sanitaria Ipotesi di variazione del quadro epidemiologico: il caso del diabete Ipotesi di variazione del quadro epidemiologico: il caso dell obesità 50 3 LE DINAMICHE REGIONALI DELLA SPESA SANITARIA Variabilità regionale della spesa sanitaria Regioni in crisi strutturale Regioni e spesa farmaceutica 61 4 SCELTE DI RIDEFINIZIONE DELL ASSETTO ORGANIZZATIVO DEL SISTEMA SANITARIO Le modalità di attuazione del processo di deospedalizzazione Trasferimento di prestazioni dal day hospital all assistenza specialistica ambulatoriale Il day service ambulatoriale Trasferimento di prestazioni chirurgiche all assistenza specialistica ambulatoriale L impatto del processo di deospedalizzazione 80 7

9 Indice 4.5 Il percorso di deospedalizzazione nella Regione Lombardia Trasferimento di prestazioni chirurgiche dall ospedale all ambulatorio Trasferimento di attività di day hospital diagnostico a livello ambulatoriale Introduzione delle MAC (macro attività ambulatoriale ad alta integrazione e complessità di tipo non chirurgico) Posti letto per cure sub acute L impatto del processo di deospedalizzazione in Regione Lombardia Il riordino delle cure primarie nella Regione Veneto Le Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) Forme associative evolute La filiera assistenziale L EVOLUZIONE DEI MODELLI SANITARI EUROPEI E LE FORME DI ASSISTENZA INTEGRATIVA La spesa sanitaria nei principali Paesi OECD Patti di stabilità e interventi sulla spesa sanitaria nei Paesi Europei I sistemi sanitari Europei: un laboratorio in progress Il ruolo della sanità integrativa in Europa La sanità integrativa in Italia: lo stato dell arte e le prospettive di sviluppo I fondi sanitari integrativi e la mutualità volontaria: la normativa di riferimento I numeri della sanità integrativa in Italia Il ruolo della sanità integrativa in Italia LE DINAMICHE DI CAMBIAMENTO DEL SETTORE FARMACEUTICO Lo scenario mondiale L industria farmaceutica in Italia LE PROPOSTE DI MERIDIANO SANITÀ Bibliografia 8

10 9

11 10

12 1 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO 1.1 IL QUADRO ECONOMICO-FINANZIARIO Nei dodici mesi che sono trascorsi dalla precedente edizione di Meridiano Sanità, la situazione economica mondiale non è migliorata. La crisi dell eurozona si è ulteriormente deteriorata, anche a causa del circolo vizioso che si è creato tra la situazione delle banche, del debito sovrano e dell economia reale che ha portato a livelli record i costi del finanziamento dei titoli di stato e il conseguente premio sul rischio 1. Le stime per il 2012 indicano che l Italia presenta il terzo rapporto Debito/PIL nei Paesi avanzati: 126%. Figura 1 Rapporto Debito/PIL nei Paesi avanzati, stime 2012, 2014 e 2017 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati IMF WEO ottobre, 2012 L evoluzione dell indebitamento è sostanzialmente legata a due determinanti: l andamento del saldo (avanzo o disavanzo) primario, ossia la differenza tra entrate ed uscite (escludendo la spesa per interessi) e la spesa per interessi che dipende dallo stock di debito. Tra le principali economie avanzate, l Italia è anche uno dei Paesi con la pressione fiscale più elevata. Il rapporto entrate/pil nel 2011 ammontava al 46% contro il 36,8% del Regno Unito o il 31,4% degli Stati Uniti. Un elevata tassazione ha effetti distorsivi sui comportamenti degli agenti economici, in quanto disincentiva il lavoro e rende le imprese meno competitive a livello internazionale. Allo stesso tempo, un livello di tassazione troppo elevato può portare al paradosso di ridurre il gettito fiscale (curva di Laffer), in quanto l economia tende a contrarsi e l evasione fiscale viene incentivata. 1 Rapporto FMI, luglio

13 1 Lo scenario di riferimento Figura 2 Entrate in percentuale del PIL in un campione di Paesi Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati IMF WEO, ottobre 2012 Le analisi condotte dalla Ricerca Ambrosetti-Club Come ridurre il Debito Pubblico italiano: il piano d azione dimostrano che la continua crescita del rapporto debito/pil negli ultimi 20 anni è strettamente legata all ingente spesa per interessi connessi alla dimensione dello stock del debito. Figura 3 Andamento del rapporto Debito/PIL italiano Fonte: The European House-Ambrosetti su dati Bankitalia, Eurostat e Istat,

14 La forte instabilità politica del quindicennio , durante il quale si sono succeduti 14 governi, è stata una delle cause principali della forte accumulazione di debito in quegli anni, per cercare di tenere insieme maggioranze molto eterogenee. Tuttavia, le risorse non sembrano essere allocate in modo da rispondere alle dirette esigenze dei cittadini, in quanto, tra i Paesi dell Area Euro, l Italia è il Paese con la spesa pubblica primaria, al netto della spesa per pensioni, più bassa in percentuale del PIL (32,4% contro il 48,3% della Danimarca). In termini di composizione la spesa italiana tende a concentrarsi sulla protezione sociale, come nella maggior parte delle economie avanzate (esclusi gli Stati Uniti). L Italia vanta il primato per la spesa per l Amministrazione Generale, risulta in media per quanto riguarda l Ordine Pubblico e decisamente sotto media rispetto ad Istruzione e Sanità. All interno della spesa previdenziale, l Italia registra la quota più bassa di spesa destinata alla disoccupazione. Figura 4 Composizione della spesa previdenziale pro capite (valori in Euro) Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Eurostat, 2012 Per completare lo scenario economico-finanziario della situazione dell Europa e dell Italia è utile considerare le previsioni di crescita economica dei prossimi anni. Nel 2012 il PIL dell eurozona subirà una contrazione pari allo -0,4%; in Italia si prevede una recessione ben più accentuata pari al -2,3%. 13

15 1 Lo scenario di riferimento Le previsioni per il 2013 e il 2014 indicano una crescita del PIL dell eurozona pari allo 0,2% e all 1,2%. All interno di questo contesto, si prevede che il PIL italiano cali dello 0,7% nel 2013 e cresca dello 0,5% nel Figura 5 Previsioni di crescita del PIL, Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati IMF WEO, ottobre 2012 Anche per il tasso di disoccupazione dell eurozona si prevede un aumento dall 11,2 all 11,5% ; l Italia passerà dal 10,6% all 11,1%. Figura 6 Previsioni sull andamento del tasso di disoccupazione, Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati IMF WEO, ottobre Fonte: IMF WEO, ottobre

16 L incertezza politica ed economica sul futuro dell eurozona ha colpito in modo particolarmente duro l Italia, costretta ad interventi volti a garantire il rispetto degli obblighi comunitari ed a realizzare gli obiettivi di finanza pubblica. Alle necessarie azioni di contenimento della spesa pubblica (Spending Review) e riforma del welfare sono stati affiancati gli strumenti previsti dal Decreto Balduzzi, dal Decredo Sviluppo e dal Disegno di Legge Stabilità. Tuttavia, effetti apprezzabili dal punto di vista della crescita economica non potranno registrarsi nel breve periodo. In questo contesto di grande incertezza e altrettanta interdipendenza dei fenomeni mondiali, si inseriscono le riflessioni sulla spesa sanitaria, nella consapevolezza che la sanità, una voce importante della spesa pubblica, rappresenta anche un ammortizzatore sociale, in un Paese in cui sono 8,3 milioni i cittadini che vivono in povertà, quasi 15 milioni i cittadini a rischio di povertà o esclusione sociale (pari al 24,7% della popolazione contro il 21,2% dell area Euro) 3 e il tasso di disoccupazione giovanile, fra i giovani di 15 e 24 anni, è pari 36,2% 4. La sanità è inoltre un comparto che vede la presenza di settori industriali ad alto valore aggiunto, occupazione qualificata e attività di R&S che possono essere motore di sviluppo per il Paese, che deve riprendere a crescere. 1.2 TREND DEMOGRAFICI ED EPIDEMIOLOGICI L evoluzione demografica La struttura e la dinamica demografica della popolazione 5 rappresentano elementi essenziali per la valutazione del livello generale di salute di un Paese e delle sue possibili dinamiche future. L evoluzione demografica è caratterizzata da trend di lungo periodo che generano impatti significativi sul quadro epidemiologico, sulla domanda di salute della popolazione e, conseguentemente, sull offerta di un sistema sanitario (quali prestazioni servizi e modalità di organizzazione). L invecchiamento della popolazione rappresenta senza dubbio un fenomeno di ampia portata ed una questione ineludibile che un sistema sanitario oggi, e sempre più in futuro, dovrà fronteggiare. Il fenomeno si sostanzia in una crescita del peso percentuale della fascia di popolazione di età pari o superiore ai 65 anni rispetto al totale della popolazione stessa ed in particolare rispetto alla fascia compresa tra 0 e 14 anni. La figura seguente che riporta la composizione della popolazione per fasce di età dei principali Paesi europei, evidenzia chiaramente come la popolazione over 64 italiana sia, insieme a quella tedesca, la più elevata in Europa. 3 Fonte: Poveri di diritti - XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia, Caritas-Fondazione Zancan, Fonte: Bollettino I.Stat, 2 luglio Per dinamica demografica si intende l evoluzione delle componenti naturali come le nascite e le morti e sociali in primis l immigrazione che modificano la consistenza e la struttura di una popolazione 15

17 1 Lo scenario di riferimento Figura 7 Composizione della popolazione per fasce di età, 2011 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Eurostat e Istat, 2012 Un altra tendenza generale è rappresentata dall aumento dell aspettativa di vita. In Italia l aspettativa di vita alla nascita nel 1920 si attestava intorno ai 54 anni, mentre chi nasce oggi si prevede possa vivere mediamente fino ad oltre 80 anni. È inoltre ragionevole ritenere che il trend di crescita dell aspettativa di vita alla nascita prosegua anche nei prossimi decenni, grazie ai progressi nel campo della medicina, alla prevenzione, all aumento dell istruzione e l adozione di stili di vita salutari che hanno permesso di conseguire successi determinanti per la riduzione dei rischi di morte anche nelle età avanzate della vita. Inoltre, negli ultimi 30 anni si è registrata una riduzione della distanza in termini di sopravvivenza tra uomini e donne. La speranza di vita alla nascita in Italia risulta essere pari a 84 anni per le donne ed a 79 anni per gli uomini, facendo registrare un aumento più veloce per questi ultimi. Il vantaggio femminile che alla nascita nel 1990 era di circa 6 anni, si riduce a 5 anni circa nel 2009 continuando una tendenza che si è instaurata dal 1979, quando il vantaggio di sopravvivenza delle donne raggiunse il suo massimo pari a 6,8 anni 6. Dando uno sguardo alla situazione europea, il caso più eclatante risulta essere quello della Germania: in meno di vent anni la popolazione maschile ha aumentato la sua aspettativa di vita di 6 anni, mentre quella femminile di 5. 6 Rapporto Osservasalute 2011, ISTAT 16

18 Figura 8 Aspettativa di vita alla nascita, Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati eurostat, 2012 Secondo recenti stime 7, in Italia dal 2005 al 2050 l aspettativa di vita alla nascita crescerà ulteriormente fino a raggiungere rispettivamente 87,9 anni per le femmine e 82,1 per i maschi. Si tratta di valori superiori a quelli mediamente stimati per i Paesi più sviluppati 8, che nel 2050 sono stimati pari a 85,4 anni per le femmine e a 79,4 per i maschi. Un altro fenomeno demografico che possiamo osservare a livello europeo, è la tendenziale crescita della popolazione. Escludendo la Germania, infatti, secondo le previsioni, la popolazione dei Paesi europei è destinata a crescere con un tasso annuo di crescita media al 2050 pari allo 0,3%. 7 Population Division of the Department of Economic and Social Affairs of the United Nations Secretariat, World Population Prospects: The 2006 Revision and World Urbanization Prospects: The 2005 Revision, 8 ottobre Media tra tutti i Paesi dell Europa, Nord America, Australia, Nuova Zelanda e Giappone 17

19 1 Lo scenario di riferimento Figura 9 Trend demografici europei, (popolazione in milioni di persone) Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati eurostat, 2012 La crescita della popolazione in Italia è determinata, in buona sostanza, dall effetto combinato di: un generalizzato incremento della vita media e dell aspettativa di vita degli individui; un saldo migratorio con l estero positivo che si attesta su un valore nazionale pari a 6,2%, confermando come le regioni del Nord e del Centro siano nettamente più interessate dal fenomeno. A questo scopo risulta utile dare uno sguardo alla piramide per genere ed età della popolazione residente del nostro Paese. Da un primo sguardo appare evidente come il processo di invecchiamento della popolazione sia piuttosto avanzato: la quota dei giovani sul totale della popolazione è, difatti, estremamente contenuta, mentre il peso assoluto e relativo della popolazione anziana è consistente. Si nota anche una presenza, non trascurabile, di residenti stranieri nelle età giovanili e centrali. Per quanto riguarda il rapporto tra generi (ossia il rapporto tra il numero di uomini e quello di donne) si evidenzia come, nelle età più avanzate, questo sia fortemente sbilanciato a favore delle donne, che godono, infatti, di una sopravvivenza più elevata. La forma della piramide per genere ed età non solo, come si è visto, dà un quadro accurato (ed al tempo stesso sintetico) della struttura della popolazione, ma permette anche di delineare con buona approssimazione quale sarà la struttura della popolazione nel prossimo futuro. Infatti, è facilmente prevedibile che si assisterà ad un ulteriore aumento del peso relativo ed assoluto della popolazione anziana dovuto allo slittamento verso l alto (ossia all invecchiamento) delle coorti assai numerose che oggi si trovano nelle classi di età centrali. 18

20 Figura 10 Piramide per genere ed età della popolazione residente in Italia, 2011 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati eurostat, 2012 Al tempo stesso, possiamo supporre che nel futuro prossimo non si registrerà un numero di nascite e/o flussi migratori imponenti tali da contrastare il rapido processo di invecchiamento che si sta delineando, visto che le nuove generazioni (ossia coloro che dovrebbero dar luogo a tali nascite) sono numericamente esigue. Andando ad approfondire ulteriormente il caso italiano, possiamo notare che gli ultra 64enni nel 2011 rappresentavano circa il 20,6% dell intera popolazione (pari a circa 12,6 milioni di persone), mentre la fascia di giovani tra 0 e 14 anni raggiungeva solo il 14,0% (pari a circa 8,6 milioni). Nel 2050 si prevede che la fetta di popolazione over 64 anni in Italia crescerà ulteriormente e sarà pari a circa il 33,1% del totale, a svantaggio soprattutto della popolazione attiva (15-64 anni), mentre calerà solo lievemente il peso della popolazione in età 0-14 anni. In altre parole, nel 2050 si prevede che più di un terzo della popolazione italiana (pari a circa 21 milioni di persone) avrà un età pari o superiore ai 65 anni. 19

21 1 Lo scenario di riferimento Figura 11 Popolazione in Italia per fasce di età, 2011 e 2050 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Previsioni nazionali demografiche Istat, 2012 Figura 12 Proiezioni sulla composizione della popolazione per fasce di età in Italia, (percentuale sul totale della popolazione) Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Istat,

22 Andando ad analizzare a livello regionale la fascia degli over 64 in Italia, la popolazione con 74 anni ed oltre (ossia i molto anziani ) costituisce il 10% del totale della popolazione, ma è possibile scorgere notevoli differenze geografiche. La Liguria è la regione con la struttura per età più sbilanciata verso le classi di età maggiori rispetto alle altre regioni (tale quota della popolazione rappresenta il 14% del totale), ma valori elevati vengono riscontrati anche in Umbria (12,2%), Molise (12,1%), Toscana (12%) e Marche (11,9%). I valori relativamente più contenuti si registrano invece in Campania (7,8%), in Puglia (9%), in Trentino Alto Adige (9,1%) ed in Sardegna (9,2%). Anche con riferimento a questo indicatore la crescita relativa maggiore (ossia la variazione nel periodo ) è avvenuta in quelle realtà territoriali dove la quota di over 75 anni era relativamente più contenuta rispetto al valore nazionale. La forte disparità nella composizione della popolazione delle diverse regioni italiane si può notare soprattutto facendo un confronto tra i due estremi: Liguria e Campania. Nella prima, infatti, la popolazione che supera i 65 anni di età è pari al 26,7%, più di sei punti percentuali sopra la media italiana, mentre la seconda si discosta dalla media di quasi quattro punti percentuali. Figura 13 Popolazione con età pari o superiore ai 65 anni, 2011 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Istat, 2012 Il progressivo invecchiamento della popolazione, come accennato precedentemente, ha senza dubbio forti impatti sul sistema economico e sociosanitario di un Paese, specialmente se la popolazione anziana non risulta essere in buona salute. 21

23 1 Lo scenario di riferimento Un altro dato significativo che impatta sulla struttura socio-demografica della popolazione è il progressivo aumento dei nuclei monofamiliari, vale a dire le persone che vivono sole. Il fenomeno è decisamente in crescita in Italia, sia per quanto riguarda le persone più anziane che quelle più giovani. Il concetto di famiglia come struttura di supporto sociale informale sta venendo meno e, conseguentemente, questo comporta la necessità di un maggior ruolo del sistema socio-sanitario. Questi impatti sono dovuti principalmente ai nuclei monofamiliari formati da persone anziane. A livello nazionale, più di un anziano ogni quattro vive in un nucleo monocomponente. Inoltre, la quota di anziani che vivono soli è in aumento: questi rappresentavano, nel 2009, il 28,3% della popolazione con 65 anni ed oltre, contro il 27,8% del Figura 14 Popolazione over 64 che vive sola, in percentuale degli over 64, 2009 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Istat, Health for All-Italia, 2012 A livello territoriale, è in Liguria che la quota di anziani che vivono soli ha raggiunto, nel 2009, il suo valore massimo (34,1%), mentre valori superiori al 30% vengono registrati anche in Piemonte, Valle d Aosta, Lazio e Sicilia. Il valore più contenuto è registrato nelle Marche (22,9%), seguono la Toscana (23,8%), l Abruzzo (25%) ed il Veneto (25,2%). Oltre alle differenze territoriali appena illustrate, appaiono particolarmente rilevanti le differenze di genere. A livello nazionale, infatti, solo il 15,1% (nel 2008 tale dato era pari a 14,5%) degli uomini di 65 anni ed oltre vive solo, mentre tale percentuale è decisamente più elevata, e pari al 38% contro il 37,5% del 2008, se si considera il corrispettivo contingente femminile. 22

24 1.2.2 Il tasso di mortalità e il quadro delle principali patologie e cause di morte Per quanto attiene al tasso di mortalità della popolazione italiana, i dati definitivi del 2009 mostrano negli uomini un calo generalizzato della mortalità complessiva rispetto al 2008 (da 111,85 per abitanti del 2008 a 110,92 per abitanti del 2009). Andando ad approfondire le analisi si può scoprire che per le fasce di età più giovani si è verificata una sensibile diminuzione della mortalità dovuta al calo di tutte le principali cause di morte, mentre nella fascia di popolazione più anziana si evidenzia un leggero aumento dei rischi di morte, pur in presenza di un ulteriore contrazione della mortalità per malattie del sistema circolatorio e, per gli uomini, dei tumori e delle malattie dell apparato respiratorio. Figura 15 Decessi in Italia per grandi gruppi di cause, 2009 Fonte: rielaborazione The European House-Ambrosetti su dati Istat, 2012 Le principali cause di morte rimangono le malattie cardiovascolari (con circa decessi nel 2009), i tumori (circa decessi), le malattie del sistema respiratorio (circa decessi) e le malattie endocrine, nutrizionali e metaboliche (circa decessi). Inoltre, tra le patologie più rilevanti in età avanzata, di seguito verranno prese in considerazione anche le patologie neurodegenerative e le malattie reumatologiche e osteoarticolari. 23

25 1 Lo scenario di riferimento Malattie cardio e cerebrovascolari Le malattie cardio e cerebrovascolari costituiscono ancora oggi, in Italia, uno dei più importanti problemi di sanità pubblica: esse sono tra le principali cause di morbilità, invalidità e mortalità. Rientrano in questo gruppo le più frequenti patologie di origine arteriosclerotica, in particolare le malattie ischemiche del cuore (infarto acuto del miocardio ed angina pectoris), e le malattie cerebrovascolari (ictus ischemico ed emorragico). Nel nostro Paese, la mortalità per le malattie ischemiche del cuore continua a colpire quasi il doppio degli uomini rispetto alle donne; in particolare, nel 2008, si sono registrati 14,75 decessi (per ) fra gli uomini e 8,22 decessi (per ) fra le donne. È evidente come il tasso di mortalità aumenti per classe di età per entrambi i generi: complessivamente negli uomini il tasso di mortalità per malattie ischemiche passa da 3,31 (per ) nella classe di età anni a 118,08 decessi (per ) negli ultra 75enni, mentre nelle donne il tasso di mortalità cresce da 0,62 (per ) nelle classi di età a 91,48 decessi (per ) nelle ultra 75enni. La prevalenza delle malattie cardio e cerebrovascolari viene stimata nell ambito dell Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare. Nel 2009 la prevalenza aggiustata per età (35-74 anni) di alcune malattie cardio cerebrovascolari in Italia era la seguente: infarto: 1,5% negli uomini e 0,4% nelle donne; ictus: 1,1% negli uomini e 0,8% nelle donne; fibrillazione atriale: 0,8% negli uomini e 0,7% nelle donne; angina pectoris: 3,3% negli uomini e 3,9% nelle donne; ipertrofia ventricolare sinistra: 2,6% negli uomini e 1% nelle donne. E interessante comunque notare come negli ultimi 40 anni, in Italia, la mortalità totale si è più che dimezzata (il tasso standardizzato di mortalità totale si è ridotto del 53% tra il 1970 ed il 2009) ed il contributo delle malattie cardiovascolari è stato quello che più ha influito sul trend in discesa della mortalità. Nonostante la frequenza, queste malattie sono per la gran parte prevenibili attraverso l adozione di comportamenti sani legati allo stile di vita, in particolare attraverso l adozione di una sana alimentazione, attività fisica regolare ed abolizione del fumo di sigaretta; queste abitudini aiutano a ridurre e/o a mantenere i livelli della pressione arteriosa, della colesterolemia, della glicemia a digiuno e dell indice di massa corporea a livelli favorevoli. Così, parallelamente al crescere delle possibilità di trattamento medico e chirurgico della malattia già conclamata, si è venuta affermando la consapevolezza dell importanza di interventi di tipo preventivo, al fine di impedire o ritardare l insorgenza della malattia stessa. I tumori Negli ultimi quarant anni l incidenza dei tumori è aumentata molto rapidamente, passando da nuovi casi nel 1970 a nel

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti Parte II LA VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE A cura di Sara Barsanti Introduzione I problemi di salute sono rappresentati dai rischi e dai danni, individuali e collettivi, che la popolazione

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene UCSC e Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane Il diagramma di Ishikawa

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE CARDIOCIRCOLATORIE

DIPARTIMENTO MALATTIE CARDIOCIRCOLATORIE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO MALATTIE CARDIOCIRCOLATORIE

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014

Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 Lo stato nutrizionale e l alimentazione nell ASL CN2: i dati dei Sistemi di Sorveglianza PASSI 2011-2014 e OKkio alla Salute 2014 La situazione nutrizionale di una popolazione è un determinante importante

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

AREA ONCOLOGICA. Rango Maschi Femmine

AREA ONCOLOGICA. Rango Maschi Femmine AREA ONCOLOGICA 1. EPIDEMIOLOGIA Il tumore è considerato la patologia del secolo, seconda causa di decesso dopo le patologie cardiocircolatorie (AIRTUM 2012). Ogni anno vengono in media diagnosticati 7

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE Roma, gennaio 2012 INDICE Prima parte 1 Donazione del sangue e quadro demografico 1 1. Un Paese che invecchia 2 2. Il quadro demografico

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in PUGLIA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Gianluigi Ferrante Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto Superiore di Sanità Razionale I

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA SCHEDA SOVRAPPESO ED OBESITA IN ETA INFANTILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE OKKIO ALLA SALUTE Conferenza Stampa 7

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Convegno Nazionale Ospedale città territorio Verona, 15 settembre 2007 Carla Collicelli Fondazione Censis Salute e sanità a dura

Dettagli

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti

Salute. Un bene da salvaguardare per tutti CAPITOLO 1 Salute Un bene da salvaguardare per tutti La salute rappresenta un elemento centrale nella vita e una condizione indispensabile del benessere individuale e della prosperità delle popolazioni,

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

Comune di Modena Modena per il Cuore

Comune di Modena Modena per il Cuore Comune di Modena Modena per il Cuore Le malattie del sistema circolatorio: al primo posto tra le cause di morte Nella realtà modenese le malattie del sistema cardiocircolatorio sono un tema di salute prioritario:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4 UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Lo stato di salute della popolazione

Dettagli

Il governo della spesa sanitaria e gli investimenti per la salute

Il governo della spesa sanitaria e gli investimenti per la salute Il governo della spesa sanitaria e gli investimenti per la salute Esmeralda Ploner CREA Sanità Università di Roma «Tor Vergata» Contesto Il passaggio al federalismo voluto prioritariamente per ragioni

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE. Paolo Feltrin

LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE. Paolo Feltrin LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE Paolo Feltrin Indice Definizione di fabbisogno 2 L offerta di lavoro 6 La domanda di lavoro 11 I fabbisogni di lavoro 18 Riflessioni e

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

La salute in Toscana Anno 2012

La salute in Toscana Anno 2012 La salute in Toscana Anno 2012 Elaborazioni a cura di: Osservatorio di epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana aprile 2013 Demografia toscana in sintesi I residenti sono 3.667.780 Nel 2012

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

AREA ONCOLOGICA. Rango Maschi Femmine

AREA ONCOLOGICA. Rango Maschi Femmine AREA ONCOLOGICA 1. EPIDEMIOLOGIA Il tumore è considerato la patologia del secolo, seconda causa di decesso dopo le patologie cardiocircolatorie (AIRTUM 2012). Ogni anno vengono in media diagnosticati 7

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti Istituto nazionale di statistica I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti A seguito del processo di invecchiamento della popolazione, nelle zone del mondo più sviluppate i tumori costituiscono una

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA

TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON AUTOSUFFICIENZA MODELLI DI PRESA IN CARICO DELLA DIPENDENZA IN ITALIA E IN EUROPA: IL DOPPIO RUOLO DI SERVIZIO SOCIO-SANITARIO E DI MOTORE PER LO SVILUPPO ECONOMICO TREND E COMPONENTI DI SPESA PUBBLICA IN MATERIA DI NON

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

I nuovi scenari della medicina

I nuovi scenari della medicina Dove sta andando la medicina? L appropriatezza terapeutica e la ricerca di nuove evidenze I nuovi scenari della medicina Sergio Dompé Presidente Farmindustria Milano, 12 dicembre 2009 Dalle nuove tecnologie

Dettagli

OPZIONI DI WELFARE E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE LE EVIDENZE DELL VIII RAPPORTO CEIS

OPZIONI DI WELFARE E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE LE EVIDENZE DELL VIII RAPPORTO CEIS OPZIONI DI WELFARE E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE LE EVIDENZE DELL VIII RAPPORTO CEIS Il contesto economico-finanziario La crisi economica che si è palesata nel 211, e da cui certamente nel momento in

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: dalla Piattaforma su alimentazione, attività fisica e tabagismo al Progetto Mi Voglio Bene

Il PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: dalla Piattaforma su alimentazione, attività fisica e tabagismo al Progetto Mi Voglio Bene Il PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: dalla Piattaforma su alimentazione, attività fisica e tabagismo al Progetto Mi Voglio Bene Dott.ssa Maria Teresa Menzano XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria

Dettagli