Il metodo SonReb per la caratterizzazione meccanica di calcestruzzi estratti da edifici esistenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il metodo SonReb per la caratterizzazione meccanica di calcestruzzi estratti da edifici esistenti"

Transcript

1 M.T.Cristofaro,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze A.D Ambrisi,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze M.DeStefano,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze R.Pucinotti,DipartimentoPatrimonioArchitettonicoedUrbanistico,UniversitàMediterraneadiReggioC. M.Tanganelli,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze IlmetodoSonRebperlacaratterizzazione meccanicadicalcestruzziestrattidaedifici esistenti SOMMARIO Lavalutazionedellaresistenzaacompressionedelcalcestruzzoèdifondamentaleimportanza nella verifica sismica degli edifici esistenti in c.a secondo le più recenti normative. Essa può esserecondottaconmetodidistruttivi(carotaggio)enondistruttivi(sclerometroedimpulsi ultrasonici). Tali metodologie non distruttive, pur offrendo il vantaggio di essere poco invasive e facilmente estendibili ad un numero elevato di elementi, sono influenzate da numerosifattorichepossonocondizionarel esitodelleprove.ilmetodosonreb,combinando il metodo dello sclerometro e quello degli ultrasuoni, permette di compensare i limiti ed i marginidiincertezzapropridiciascunmetododiprovaconsideratosingolarmente. Nelpresentelavoro,utilizzandoundata basesignificativodiprovedistruttiveenon,eseguite suedificiesistentiinc.a.ubicatiindifferentiareegeografichedelterritoriotoscanoecostruiti traglianni 50ed 80delXXsecolo,vengonoeffettuateanalisistatistichesulleprovecondotte siain situcheinlaboratorioperlastimadellaresistenzaacompressionedelcalcestruzzocon ilmetodosonreb.inparticolaresidimostracome,peredificiesistentiinc.a.,leformulazioni di letteratura tecnica per la definizione della resistenza a compressione del calcestruzzo forniscono, nella maggior parte dei casi, risultati che si discostano sensibilmente dal valore reale;mentreconilmetodosonreb,calibratosulsingoloedificio,siottengonovaloriprossimi a quelli reali ed in ogni caso mai superiori. Si evidenzia inoltre la necessità di condurre un ampiacampagnadiprovein situutiliadefinireilvalorediresistenzadell edificioconuna maggioreaffidabilità. luglio 12 1

2 1. INTRODUZIONE A seguito di numerosi disastri che sono avvenuti negli ultimi decenni sia a causa di eventi sismici che per ragioni di cattiva qualità dei materiali le recenti normative nazionali ed internazionali in materia di prevenzione sismica si sono evolute, ponendo particolare attenzione alla sicurezza delle costruzioni sia nuove che esistenti. In particolare, con l emanazionedell OPCM3274[1]sièavviataunaseriedinuoveiniziativevolteagarantirela sicurezzastrutturaledegliedificiesistentinonsolopercarichiverticalimaanchepercarichi sismici, disponendo di procedere alla verifica sismica del patrimonio edilizio di interesse strategico entro cinque anni dall entrata in vigore della suddetta Ordinanza. Le successive modificheedintegrazioniqualil Ordinanza3316[2],l Ordinanza3431[3],leNormeTecniche perlecostruzioni[4]elenuovenormetecnicheperlecostruzioni[5]nonhannomodificato sostanzialmente quanto prescritto dall OPCM 3274 sulla valutazione della sicurezza per gli edifici esistenti. Tale problematica è stata affrontata anche a livello internazionale[6] e[7], conalcunevariazionisulladefinizionedellaresistenzaacompressione. La Regione Toscana, già negli anni 90, nell ambito di programmi nazionali e regionali di prevenzionesismica,haintrapresounaseriedicampagnediindaginiperlaprevenzionedel rischiosismicodiedificistrategicierilevantiinc.a.costruitineicomuniamaggioresismicità ubicatinellafasciaappenninicatoscana.l attività,voltaprincipalmenteall analisidellaqualità del calcestruzzo, è stata avviata in quasi completa assenza di normativa specifica e di riferimenti scientifici relativi agli edifici esistenti. Pertanto sono state elaborate specifiche procedured indaginefinalizzateaduniformarelemodalitàdiraccoltaediinterpretazionedei risultati. Nell ambito del programma Vulnerabilità Sismica Edifici in Cemento Armato VSCA [8] la Regione Toscana ha codificato una propria metodologia d indagine, basandosi sui pochi riferimentiscientificipresentiinletteraturaesulsistemanormativoeuropeo,perl esecuzione diprovedistruttive(carotaggi)enondistruttive.talemetodologiaprevedel esecuzione,nella medesimaarea,diunaprovanondistruttivaediunasuccessivaprovadistruttiva,inmododa poterconfrontareidatiraccoltiequinditarareirisultatidelleprovenondistruttivesullabasedi quelliderivantidaicarotaggi. Gli edifici indagati, prevalentemente scuole dell infanzia, primarie e secondarie, sono stati costruiti tra gli anni 50 ed 80. Studi di tipo statistico condotti su tali edifici[9][10] hanno consentito da una parte di riscontrare l estrema variabilità della resistenza a compressione del calcestruzzo appartenente allo stesso organismo strutturale e dall altra la scarsa luglio 12 2

3 correlazione fra i dati ottenuti con le prove distruttive e quelli ottenuti con le prove non distruttivesullostessoelementostrutturalemedianteleformulazionipresentiinletteratura. 2. RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO Per la valutazione della sicurezza strutturale di edifici esistenti in c.a. è necessaria la determinazione delle proprietà meccaniche del calcestruzzo attraverso l estrazione di campionicilindrici(carote)dasottoporreaprovedicompressionefinoarotturaperdefinirne laresistenzaacompressione.leattualinorme[5]prevedonocheleprovedistruttivepossono essereintegratedaunaseriediindagininondistruttive,didocumentataaffidabilità,purchéi risultati siano tarati sulla base di quelli ottenuti dalle prove distruttive. Indagini in situ limitate, accurate od esaustive, servono a definire il livello di conoscenza che il progettista adotteràedinfunzionedelqualedefiniràilfattorediconfidenzadaassumerenelleanalisie verifiche.ladefinizionedellacampagnadiindaginidacondurrein situèunafasediestrema importanza, infatti, il campione di calcestruzzo prelevato da un elemento strutturale può essereintesocomeunaporzionediunapopolazionedidimensioniinfinitedellaqualesivuole definireleproprietàmeccaniche.nonpotendocondurreunnumeroillimitatodiosservazioni sperimentaliènecessarioottenereunapopolazionecostituitadaunnumerofinitodidatile cui caratteristiche siano rappresentative statisticamente delle caratteristiche della popolazione in senso lato. Data l impossibilità di condurre un numero significativo di prove distruttive in situ, sia per ragioni economiche che di invasività sulla struttura, risulta utile estendere la campagna di indagini in situ mediante prove non distruttive su un numero maggioredielementistrutturali. 2.1 Indagini distruttive Leprovedicompressioneinlaboratoriovengonoeseguitesuprovinicilindricidicalcestruzzo, estratti dagli elementi strutturali sottoposti ad indagine, dai quali si determina il corrispondente valore della tensione di rottura fcore. La fcore a causa di molti fattori perturbativi intrinseci alla metodologia di prova è pari a circa l 83% della corrispondente resistenzacubicarcub.inletteraturatecnicasonopresentinumeroseformulazioniempiriche per il passaggio dalla fcore alla Rcub. Tali formulazioni tengono conto del valore della fcore, della direzione di prelievo della carota, della snellezza del provino, della classe del calcestruzzoedeldisturboarrecatodallaperforazione. luglio 12 3

4 Le formule di più ampio utilizzo in campo scientifico per la determinazione della resistenza cubicaacompressionercubapartiredallaresistenzaacompressionedellacarotafcoresono: BritishStandard[11]eConcreteSociety[12](1),Bragaetal[13](2)eCestelliGuidieMorelli [14](3). Rcub,1=fcore K1 1,5+Dh [MPa] (1) Nell Eq.(1) D ed h sono rispettivamente il diametro e l altezza della carota mentre K1 è un coefficiente che tiene conto della direzione di prelievo della carota e vale 2.5 nel caso di perforazioneorizzontalee2.3nelcasodiperforazioneverticale. Rcub,2=fcore K2 β1,5+dh φ [MPa] (2) Rcub,3=fcore K2 1,5+Dh φ [MPa] (3) nelle quali K2 rappresenta un coefficiente che tiene conto della direzione di prelievo della carota e vale 2.00 nel caso di perforazione orizzontale ed 1.84 nel caso di perforazione verticale;βèuncoefficientechetienecontodelrimaneggiamentodovutoallaperforazionee vale1.1edinfineφèuncoefficienteperilpassaggiodallaresistenzacilindricaaquellacubica evale1/0.83nell Eq.(2)mentrenell Eq.(3)dipendedallaclassedelcalcestruzzo. Nelpresentelavorosifaràriferimentoallaresistenzacubicaottenutacomemediadeivalori cubicidelletreformuleprecedenti: Rcub_med.lab.=(Rcub,1+Rcub,2+Rcub,3)/3 [MPa] (4) Un ulteriore formulazione in grado di fornire la stima della resistenza caratteristica a compressione cubica del calcestruzzo in sito a partire direttamente dal valor medio della resistenza a compressione misurata su carote estratte dagli elementi strutturali indagati è quellapropostain[15]dovesiadottaunapproccio,analogoaquelloprevistodalleen13791 [16],alfinediottenereunastimaaccuratadellaresistenzecaratteristicadelcalcestruzzoin situ. luglio 12 4

5 2.2 Indagini non distruttive Traimetodinondistruttiviperladefinizionedellaresistenzaacompressionedelcalcestruzzo i più utilizzati sono il metodo dello sclerometro, il metodo degli impulsi ultrasonici ed il metodo combinato SonReb (sclerometro + ultrasuoni). Tali metodologie pur offrendo il vantaggiodiesserepocoinvasiveefacilmenteestendibiliadunnumeroelevatodielementi, sono influenzate da numerosi fattori come la carbonatazione, la porosità, la presenza di fessurazioniodiinertiaffiorantielecondizioniambientali(umiditàetemperatura)presenti durante l effettuazione della prova. Il metodo combinato SonReb(sclerometro + ultrasuoni) permettedicompensareinparteilimitiedimarginidiincertezzapropridiciascunmetododi provapresosingolarmente. In letteratura tecnica esistono numerose formulazioni, di natura empirica, per la determinazione della resistenza a compressione del calcestruzzo con il metodo combinato SonReb[17].Nelseguitovengonopreseinesametreditaliformulazioni:la formulazionedi GiacchettieLacquaniti[18](5),quelladiGašparik[19](6)equelladiDiLeoePascale[20](7). Rcub= Ir 1.4 Vus 2.6 [MPa,m/s] (5) Rcub= Ir Vus 1.85 [MPa,km/s] (6) Rcub= Ir Vus 2.446[MPa,m/s] (7) Non sempre però le formulazioni presenti in letteratura tecnica risultano affidabili, soprattuttoperchéinalcunicasisovrastimanosensibilmentelecaratteristichemeccanichedel calcestruzzo[10].pertaleragioneilprofessionistapotrebbetrovarsinell incertezzadidover scegliere quale formulazione, tra tutte quelle disponibili in letteratura, restituisce una stima dellarcubprossimaaquellareale.nasce,dunque,l esigenzadivalidarespecificheespressioni chepresentinomiglioricapacitàprevisionali,calibratesulsingoloedificiodaverificare.perla definizione di tali espressioni è possibile utilizzare l analisi di regressione, che consente di trovare una relazione matematica fra una variabile dipendente ed una o più variabili indipendenti.nelcasodelmetodocombinatosonreblavariabiledipendenteèlarcubmentre levariabiliindipendentisonorispettivamentel indicesclerometricomedioirelavelocitàdi propagazione degli ultrasuoni Vus. La correlazione che ne consegue è espressa nel modo seguente[21]: Rcub=a Ir b Vus c [MPa,m/s] (8) luglio 12 5

6 Iparametria,becrappresentanoivaloridadeterminarepertararelaleggedicorrelazioneal casodivoltainvoltaconsiderato. 3. VALUTAZIONI STATISTICHE 3.1 Descrizione della popolazione Il campione di dati su cui vengono condotte le valutazioni di tipo statistico è riferito a 745 elementistrutturaliappartenentiad89edificiesistentiinc.a.costruititraglianni 50ed 80 del secolo scorso, su cui sono state condotte prove distruttive e non. Tale campione appartieneadundatabasepiùestesodi277edifici[17].infigura1èriportatalapercentuale degliedifici,deicarotaggiedellesonrebeffettuatiperciascundecenniodicostruzione:anni 50, anni 60, anni 70 ed anni 80. Dal grafico si evince come il maggior numero di edifici indagati appartiene ai decenni corrispondenti al periodo del boom edilizio delle costruzioniinc.a.initalia. Figura 1. Percentuale di edifici indagati, carotaggi e SonReb effettuati. In tabella 1 sono riportati, per i quattro decenni considerati, i parametri statistici più significatividellaresistenzaacompressionecubicarcubcalcolataconla(5),(6),(7)ed(8): media,mediana,deviazionestandardecoefficientedivariazione. luglio 12 6

7 Tabella 1. Parametri statistici della Rcub_med. lab. e della Rcub per i quattro decenni considerati. Media (MPa) Mediana (MPa) Dev.Stand. (MPa) Coef.Var. Anni R cub_med.lab. Anni (4) Anni Anni Giacchetti, Anni Anni Lacquaniti Anni (5) Anni Anni Gašparik Anni (6) Anni Anni DiLeo, Anni Anni Pascale Anni (7) Anni Anni (8) Anni Anni Anni Analisi statistica Perciascunedificioindagatoèstatacalcolatalaresistenzaacompressionecubicamediadel calcestruzzorcub med.lab.datadall Eq.(4). In figura 2 sono riportate le correlazioni tra la Rcub med. lab. e la Rcub calcolata con la formulazione di Giacchetti e Laquaniti, Gašparik, Di Leo e Pascale e la (8), relative ad un edificiocherisultasignificativoperildecennioconsideratointerminidiresistenzaenumero didati:anni 50edificioL035,anni 60edificioL010,anni 70edificioV008,anni 80edificio M020[17].Daigraficisievincecomeperglianni 50, 60e 70sihannovaloridiresistenza medio bassimentreperglianni 80talivaloririsultanoelevati. luglio 12 7

8 Anni 50:edificioL035 Anni 60:edificioL010 Anni 70:edificioV008 Anni 80:edificioM020 Figura 2.Correlazione tra Rcub_med. lab. ed Rcub calcolata con la (5), (6), (7) ed (8). InoltreèstatodefinitoloscostamentopercentualeD%nelmodoseguente: %=Rcub Rcub_med._lab.Rcub_med._lab. (9) Nell Eq. (9), Rcub rappresenta la resistenza a compressione del calcestruzzo calcolata rispettivamenteconla(5),la(6)ela(7)comeèevidenziatoindettagliointabella2. Dallo scostamento percentuale è stato calcolato quello medio D_med.% sui singoli edifici suddivisiperiquattrodecenniconsiderati. TalescostamentoD_med.%,calcolatoperletreformulazionidiletteraturascelte(5),(6)e(7), oltre a quella proposta (8) calibrata sul singolo edificio, è riportato nelle figure 3a 6a per luglio 12 8

9 ciascun decennio, mentre nelle figure 3b 6b sono riportate le distribuzioni normali degli scostamentimedipercentualiperisingolidecennieperlevarieformulazioniconsiderate. Insintesiintabella2sonoriportati,periquattrodecenniconsiderati,iparametristatisticipiù significativi dello scostamento medio percentuale D_med.%: media, mediana, deviazione standardecoefficientedivariazione. Tabella 2. Parametri statistici del D_med.% per i quattro decenni considerati. Media D _med. % Mediana D _med. % Dev.Stand. D _med. % Coef.Var. D _med. % Giacchetti, Anni Anni Lacquaniti Anni (5) Anni Anni Gašparik Anni (6) Anni >200 Anni >200 DiLeo, Anni >200 Anni >200 Pascale Anni >200 (7) Anni >200 Anni (8) Anni Anni Anni In figura 3a è illustrata la distribuzione dei D_med.% per le singole formule al variare della resistenzacubicamediadilaboratoriorcub_med.lab.perglianni 50.Sievidenziacometutte etreleformulediletteraturasovrastimanoosottostimanoilvaloreatteso,mentreleformule sperimentali,alvariaredellaresistenza,presentanocircailmedesimoscartoequasiintuttii casi risultano prossimi al dato atteso. L affidabilità delle relazioni tarate ad hoc è evidente anche dall osservazione delle distribuzioni normali riportate in figura 3b, infatti la curva ottenuta con la relazione proposta per il decennio considerato, mostra una campana più stretta ed un valore medio degli scarti pari al 2%. Le altre tre formulazioni presentano campanepiùampie,indicediunamaggioredispersione. Infigura4aèriportataladistribuzionedeiD_med.%perglianni 60.Sinotacomele(5),(6)e (7)sidiscostanodalvaloreatteso,mentrelarelazioneproposta(8),costruitaadhocpertale decennio,presentailmedesimoscartointuttiicasiavvicinandosimoltoaldatoatteso. luglio 12 9

10 Siprecisacheleformulazioni(5),(6)e(7)adottanoun espressioneanaloga,cioèdipotenza, comeanchela(8). Ladifferenzatralevarieformulazioniriguardasoltantolataratura.Quellediletteraturasono taratesucalcestruzziindagatidaivariautorienonhannoalcunarelazioneconleformulazioni tarateperisingoliedificiindagaticomenelcasoinesame.infatti,nelleformulazioniproposte perivariedificiindagati,ivalorideicoefficientinumericia,bec,sonostatiottenutitarando la (8) sui risultati delle prove a compressione ricavate dai singoli gruppi di campioni omogenei. Infigura4bèriportataladistribuzionenormaledelD_med.%perglianni 60.Ladistribuzione normale ottenuta per la relazione proposta (8) mostra una campana molto stretta ed un valore medio degli scarti pari al 2%. Le altre tre formulazioni presentano anche per tale decenniounadispersionedeidati,tuttavialaformuladidileoepascalepresentaunvalore medio degli scarti uguale ad uno, ma con una significativa dispersione, maggiore del 200%, comeriportatointabella2. In figura 5a è riportata la distribuzione dei D_med.% per gli anni 70. Si nota come le tre formule di letteratura si discostano dal valore atteso, mentre le formule sperimentali presentano uno scarto costante ed in ogni caso prossimo al dato atteso. In figura 5b è riportataladistribuzionenormaledeidatideld_med.%perglianni 70. La distribuzione normale ottenuta per le relazioni sperimentali mostra un ampiezza della campanaridottaedunvaloremediodegliscartiparial1%.la(5),(6)e(7)presentanouna notevole dispersione dei dati, superiore anche al 200% nel caso della (6) e della (7), come evidenziatointabella2. Infigura6aèriportataladistribuzionedeiD_med.%perglianni 80.Sinotacomeancheper questodecennioletreformulediletteraturasidiscostanodalvaloreatteso,mentreleformule sperimentalipresentanounoscartocostanteedinognicasoprossimoaldatoatteso.infigura 6bèriportataladistribuzionenormaledeidatidelD_med.%perglianni 80. La distribuzione normale ottenuta per le relazioni sperimentali (8) mostra una campana moltostrettaesebbenetutteleformulazioni(5),(6),(7)ed(8)presentanounadispersione elevata dei dati, come riportato in tabella 2, la(8) di contro presenta un valore medio degli scartipariad1%. luglio 12 10

11 (a) Figura 3. Anni 50: (a) scostamento medio percentuale - (b) distribuzione normale. (b) (a) (b) Figura 4. Anni 60: (a) scostamento medio percentuale - (b) distribuzione normale. luglio 12 11

12 (a) Figura 5. Anni 70: (a) scostamento medio percentuale - (b) distribuzione normale. (b) (a) (b) Figura 6. Anni 80: (a) scostamento medio percentuale - (b) distribuzione normale. CONCLUSIONI Lastimadellaresistenzaacompressionedelcalcestruzzoèdifondamentaleimportanzaper unacorrettavalutazionesiastaticachedinamicadellestruttureesistentiinc.a.. Comeèstatoevidenziatonelpresentelavoro,ladefinizionedellaresistenzaacompressione non sempre risulta facilmente definibile tant è che le recenti norme hanno introdotto la possibilitàdiintegrareleconsolidateproveditipodistruttivoconprovenondistruttive. luglio 12 12

13 Ciò sia per limitare i danni indotti dalle operazioni di carotaggio che per contenere il costo delleindaginistesse. Tra i metodi non distruttivi di più ampio utilizzo il metodo combinato SonReb presenta maggiore affidabilità rispetto ad altre metodologie più semplici ed a volte comunque valide. Nonostante in letteratura tecnica siano presenti numerose formulazioni che consentono di definirelaresistenzaacompressionedelcalcestruzzomedianteilmetodocombinatosonreb, spessolastimadellarcubmedtendeadesseresottostimataosovrastimata. Nelpresentelavorosièmostratochetaliformulazionidiletteraturafornisconorisultatinon sempreattendibilieconscostamentisignificativirispettoalvalorereale.lavalutazionedella Rcub mediante modelli calibrati sul singolo edificio consente di ottenere stime della resistenza piùattendibiliedinognicasoconscostamentilimitati. Il confronto condotto su un campione significativo di edifici esistenti in c.a. evidenzia come l utilizzo delle ben note metodologie distruttive (carotaggi), associato ad un metodo non distruttivo (SonReb), consente di ottenere un livello di conoscenza superiore ed un attendibilità maggiore sulla stima della resistenza a compressione del calcestruzzo se la relazionevienecalibrataadhocsulsingoloedificio. Inconclusione,comegiàosservatosusingolicasistudiodavariautori,ilmetodoSonRebcosì applicatorestituisceunastimaaffidabileeconminoriincertezzerispettoalleformulazionidi letteratura tecnica, che risulta sicuramente di ausilio al progettista per la conduzione delle verifichesismiche. BIBLIOGRAFIA [1] OPCM 3274 (2003). Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica, G.U. 8/5/2003n.105. [2] OPCM3316(2003).Modificheedintegrazioniall'ordinanzadelPresidentedelConsiglio deiministrin.3274del20marzo2003,g.u.10ottobre2003n.236. [3] OPCM 3431 (2005). Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 maggio 2005 Ulteriorimodificheedintegrazioniall OrdinanzadelPresidentedelConsigliodei Ministrin.3274del20marzo2003,G.U.10/5/2005n.107. [4] NTC(2005)TestoUnitario NormeTecnicheperleCostruzioni,G.U.23/9/2005n.222. luglio 12 13

14 [5] NTC(2008).NuoveNormeTecnicheperleCostruzioni DMInfrastrutture14gennaio 2008,G.U.4/2/2008n.29. [6] FEMA 356(2000). American Society of Civil Engineering, Prestandard for the Seismic RehabilitationofBuildings,Reston,Va,2000. [7] CEN (2004). Eurocode 8 Design of structures for earth quake resistance Part 3: Assessmentandretrofittingofbuildings (draftn.6),pren1998 3,Brussels,2004. [8] Regione Toscana (2004). Delibera di G.R.T. n del 21 luglio 2004 Istruzioni Tecniche con i criteri per lo svolgimento di indagini diagnostiche in edifici esistenti in cementoarmato(vsca)esuccessiviaggiornamenti,firenze,2004. [9] D AmbrisiA.,CristofaroM.T.,DeStefanoM.,FerriniM.,PellicciaP.eSignoriniN.(2007). Resistenzaacompressionedelcalcestruzzodistruttureinc.a.esistenti,XII Convegno L IngegneriaSismicainItalia10 14giugno2007,Pisa,2007. [10] CristofaroM.T.,D AmbrisiA.eDeStefanoM.(2009). Nuovimodelliprevisionaliperla stima della resistenza a compressione del calcestruzzo con il metodo Sonreb, XIII ConvegnoL IngegneriaSismicainItalia28giugno 2luglio2009,Bologna,2009. [11] BritishStandard1881(1983). TestingConcrete.Part120:Methodsfordetermination ofthecompressivestrengthofconcretecores,1983. [12] Concrete Society. (1987). Concrete core testing for strength, Technical Report n. 11, TheConcreteSociety,London,1987. [13] Braga F., Dolce M., Masi A., Nigro D. (1992). Valutazione delle caratteristiche meccanichedibassaresistenzamedianteprovenondistruttive,l industriaitalianadel Cemento,n.3,1992. [14] Cestelli Guidi M, Morelli G. (1981). Valutazione della resistenza dei calcestruzzi sulle strutturefinite,l industriaitalianadelcemento,n.3,1981. [15] Pucinotti R., (2008) Resistenza Caratteristica del Calcestruzzo in Opera, Reluis Valutazioneeriduzionedellavulnerabilitàsismicadiedificiesistentiinc.a.,Roma29 30 maggio 2008; Editors Cosenza E. Manfredi G. Monti G.; Polimetrica, pp , ISBN/ISSN: [16] UNI EN (2008). Valutazione della resistenza a compressione in sito nelle struttureeneicomponentiprefabbricatidicalcestruzzo. [17] Cristofaro M.T. (2009). Metodi di valutazione della resistenza a compressione del calcestruzzodistruttureinc.a.esistenti,tesididottorato,universitàdifirenze,2009. luglio 12 14

15 [18] Giacchetti R., Laquaniti L. (1980). Controlli non distruttivi su impalcati da ponte in calcestruzzo armato, Nota Tecnica 04, Università degli Studi di Ancona, Facoltà di Ingegneria,IstitutodiScienzaeTecnicadelleCostruzioni,Ancona,1980. [19] Gašparik J. (1992). Prove non distruttive nell edilizia, Quaderno didattico AIPnD, Brescia,1992. [20] DiLeoA.,PascaleG.(1992). Provenondistruttivesullecostruzioniinc.a.,Ilgiornale delleprovenondistruttive,n.4,1992. [21] Pucinotti R. (2005). Patologia e diagnostica del cemento armato, Dario Flaccovio Editore,Palermo,dicembre2005. luglio 12 15

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE R. Pucinotti, M.R. Udardi Dipartimento Patrimonio, Architettura e Urbanistica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dettagli

Calcolo della resistenza del calcestruzzo di strutture esistenti

Calcolo della resistenza del calcestruzzo di strutture esistenti Calcolo della resistenza del calcestruzzo di strutture esistenti Adriano Castagnone Davide Cerroni 1 2 Sommario RESISTENZA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA... 4 Prove dirette su carote... 4 Metodo A.C.I. (American

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Professor Alessandro De Stefano PROVINCIA DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA ITC PASCAL Via Carducci, n. 4 - GIAVENO

Dettagli

INDAGINI SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO

INDAGINI SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO LABORATORIO D E L T A via Savonarola 106 a,b,c,e Lucca Tel. 0583 419226 583326 Fax. 0583 419347 Email: info@laboratoriodelta.it Laboratorio prove su material da costruzione Decreto di Concessione n 5552

Dettagli

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY La valutazione della resistenza a compressione del calcestruzzo in opera: dalla resistenza del campione cilindrico prelevato mediante

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DI CALCESTRUZZI ESTRATTI DA EDIFICI ESISTENTI CON IL METODO SONREB. Vito, Reggio Calabria

CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DI CALCESTRUZZI ESTRATTI DA EDIFICI ESISTENTI CON IL METODO SONREB. Vito, Reggio Calabria CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DI CALCESTRUZZI ESTRATTI DA EDIFICI ESISTENTI CON IL METODO SONREB M.T. Cristofaro 1, A. D Ambrisi 1, M. De Stefano 1, R. Pucinotti 2, M. Tanganelli 1 1 Dipartimento di Costruzioni

Dettagli

GLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A. Le indagini sui materiali

GLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A. Le indagini sui materiali Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003) GLI EDIFICI ESISTENTI IN C.A. Le indagini sui materiali Prof. Ing.. Angelo MASI DiSGG, Università di Basilicata Centro

Dettagli

INDAGINI DIAGNOSTICHE

INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE ESEMPIO DI SCHEDE OPERATIVE 1. Report di sopralluogo 2. Minute: rilievo armature prove sclerometriche prelievo carote prelievo barre di armature indagini soniche diagnostica manufatti

Dettagli

Analisi statistica sulla dispersione dei valori. prelevato da edifici esistenti

Analisi statistica sulla dispersione dei valori. prelevato da edifici esistenti In Concreto n 104 Calcestruzzo di Qualità Analisi statistica sulla dispersione dei valori della resistenza a compressione del calcestruzzo prelevato da edifici esistenti Maria Teresa Cristofaro, Angelo

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Gaetano Manfredi gaetano.manfredi@unina.it Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

ANALISI STATISTICA SULLA DISPERSIONE DEI VALORI DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO PRELEVATO DA EDIFICI ESISTENTI

ANALISI STATISTICA SULLA DISPERSIONE DEI VALORI DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO PRELEVATO DA EDIFICI ESISTENTI ANALISI STATISTICA SULLA DISPERSIONE DEI VALORI DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO PRELEVATO DA EDIFICI ESISTENTI M.T. Cristofaro 1, A. D Ambrisi 1, M. De Stefano 1, R. Pucinotti, M. Tanganelli

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Sezione Prove su Strutture, Monitoraggi e Controlli Non Distruttivi

Dettagli

Indagini Strutturali ANALISI E CORRELAZIONE DEI RISULTATI NELLE INDAGINI NON DISTRUTTIVE. Ponti & Viadotti SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO

Indagini Strutturali ANALISI E CORRELAZIONE DEI RISULTATI NELLE INDAGINI NON DISTRUTTIVE. Ponti & Viadotti SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Una campagna di indagini di Sidercem Srl per acquisire un Livello di Conoscenza Accurata (LC3) indispensabile per l identificazione strutturale di un viadotto e per l eventuale progetto di adeguamento

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT)

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Insegnamento di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell Ambiente di Lavoro Tutor Docente neoassunto Prof. Andrea

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Caserta

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Caserta Orne degli Ingegneri della Provincia Caserta SEMINARIO LA NTC ED IL CONTROLLO DEI MATERIALI: TECNICA, PROFESSIONE E ADEMPIMENTI SU EDIFICI NUOVI O ESISTENTI ing. Andrea Basile Prove Non Distruttive testare

Dettagli

La valutazione di edifici in c.a. Applicazione dei metodi di indagine distruttive e non distruttive

La valutazione di edifici in c.a. Applicazione dei metodi di indagine distruttive e non distruttive Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2012 2013 La valutazione di edifici in c.a. Applicazione dei metodi di indagine distruttive e non distruttive Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università

Dettagli

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

Dettagli

Regione Toscana - Servizio Sismico Regionale. A cura di M. Ferrini, V. Prestifilippo N. Signorini, A. Tonelli, L. Tovazzi

Regione Toscana - Servizio Sismico Regionale. A cura di M. Ferrini, V. Prestifilippo N. Signorini, A. Tonelli, L. Tovazzi Ordinanza P.C.M. n 3274 del 20 Marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi

Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi E. Lo Giudice 1 1 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122 km 28 92024 Canicattì (AG), tel. 0922 859406,

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

La stima della resistenza del calcestruzzo in situ mediante prove distruttive e non distruttive

La stima della resistenza del calcestruzzo in situ mediante prove distruttive e non distruttive La stima della resistenza del calcestruzzo in situ mediante prove distruttive e non distruttive A. Masi DiSGG, Università degli Studi di Basilicata, Potenza (masi@unibas.it) Sommario Le resistenza a compressione

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

METODI NDT E MONITORAGGIO A FIBRE OTTICHE: PROPOSTA DI UNA

METODI NDT E MONITORAGGIO A FIBRE OTTICHE: PROPOSTA DI UNA METODI NDT E MONITORAGGIO A FIBRE OTTICHE: PROPOSTA DI UNA METODOLOGIA SPERIMENTALE INTEGRATA PER IL CONTROLLO DELLA FUNZIONALITÀ STATICA DEGLI EDIFICI IN C.A. DI NUOVA COSTRUZIONE - M. Condino +, M. Morrone*,

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONI SUI METODI NON DISTRUTTIVI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PROPRIETA MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO

ALCUNE CONSIDERAZIONI SUI METODI NON DISTRUTTIVI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PROPRIETA MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO Estratto dagli atti del 17 Congresso C.T.E. Roma, 5-6-7-8 novembre 2008 ALCUNE CONSIDERAZIONI SUI METODI NON DISTRUTTIVI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PROPRIETA MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO CIRO FAELLA, ENZO

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

Premessa 1. Prove non Distruttive 1.1 Obsolescenza del e costruzioni 1.2 Recente evoluzione normativa

Premessa 1. Prove non Distruttive 1.1 Obsolescenza del e costruzioni 1.2 Recente evoluzione normativa Premessa La turbata sensibilità nazionale scaturita dalle recenti tragedie verificatesi in concomitanza di eventi naturali, ha di fatto posto all ordine del giorno in modo drammatico il tema della sicurezza

Dettagli

Importanza dei Controlli Non Distruttivi e del Monitoraggio nel settore dell Ingegneria Civile e sui Beni Culturali ed Architettonici

Importanza dei Controlli Non Distruttivi e del Monitoraggio nel settore dell Ingegneria Civile e sui Beni Culturali ed Architettonici E-TRAIN s.r.l. Via Solari 27 60025 LORETO (AN) etrain@pec.it info@etrain-learning.com tel. 071.4604349 fax. 071.9203600 Importanza dei Controlli Non Distruttivi e del Monitoraggio nel settore dell Ingegneria

Dettagli

Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi

Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi In Concreto n 103 Calcestruzzo di Qualità Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi Elio Lo Giudice 46 Memoria tratta dagli Atti del 14 Congresso

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia ortolani@dicea.unifi.it PISTOIA 28/09/2012 ASPETTI GENERALI Malta: acqua

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA CAPITOLATO PRESTAZIONALE CAMPAGNA DI INDAGINI DI IDENTIFICAZIONE GEOMETRICO-STRUTTURALE

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A PRIMO VANTAGGIO: MIGLIORA LA QUALITÀ DEL DETTAGLIO ESECUTIVO Il Decreto Interministeriale del 15/11/2011

Dettagli

METODI COMBINATI PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO GABRIELE CINIGLIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

METODI COMBINATI PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE DEL CALCESTRUZZO GABRIELE CINIGLIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI DOTTORATO IN INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI DOTTORATO IN INGEGNERIA DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE Coordinatore: Prof. Ing. Domenico Acierno XXI

Dettagli

Corso di Riabilitazione Strutturale. POTENZA, a.a. 2011 2012

Corso di Riabilitazione Strutturale. POTENZA, a.a. 2011 2012 Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 La valutazione di edifici in c.a. Il processo di conoscenza della struttura (2) Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it

Dettagli

silpa esegue rilievi topo-fotogrammetrici con tecnologia iscan, riconoscimento e misurazione automatica con notevole risparmio di tempo.

silpa esegue rilievi topo-fotogrammetrici con tecnologia iscan, riconoscimento e misurazione automatica con notevole risparmio di tempo. La silpa è una società che opera dal 1986 nei settori dell ingegneria civile e ambientale. Possiede attrezzature, strumenti e competenze per la produzione di servizi tecnici all ingegneria dell ambiente

Dettagli

La gestione del rischio sismico in Italia

La gestione del rischio sismico in Italia La gestione del rischio sismico in Italia Mauro Dolce Direttore Generale, Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di

Dettagli

PREMAC Srl Laboratorio Prove Zona Ind Fondaco F. 88040 Feroleto Antico CZ Tel 0968 453848 Fax 0968 455015 E-mail Info@premac.it WWW.premac.

PREMAC Srl Laboratorio Prove Zona Ind Fondaco F. 88040 Feroleto Antico CZ Tel 0968 453848 Fax 0968 455015 E-mail Info@premac.it WWW.premac. DETERMINAZIONE DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI IN BASE AL LIVELLO DI CONOSCENZA DELLE STRUTTURE IN CA INDAGINI DISTRUTTIVE E NON DISTRUTTIVE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI D.M.

Dettagli

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A.

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Contratto di Ricerca tra FERALPI SIDERURGICA S.p.A. e CONSORZIO CIS-E STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Relazione finale Prof. Ing. Carlo Poggi Prof.

Dettagli

Corso di Riabilitazione Strutturale

Corso di Riabilitazione Strutturale Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 211 212 INFLUENZA DEL CAROTAGGIO SULLA STRUTTURA Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA PROVA SCLEROMETRICA Introduzione Nella pratica edilizia e dell ingegneria civile, la stima della qualità del calcestruzzo è necessaria, sia per i controlli di qualità dei nuovi edifici che per indagini

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO IN-SITU

CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO IN-SITU CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO IN-SITU M.T. Cristofaro 1, M. De Stefano 1, R. Pucinotti 2, M. Tanganelli 1 1 Dipartimento di Costruzioni e Restauro Università degli Studi di Firenze Piazza

Dettagli

Termoflussimetri N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o

Termoflussimetri N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o REVISIONE DATA 1.0 Marzo 2012 Sommario Capitolo 1. TRASMISSIONE DEL CALORE... 3 1.1 Generalità... 3 1.2 La trasmittanza U... 3 1.3 Misura in opera della trasmittanza...

Dettagli

Normativa e controllo di qualità del calcestruzzo: dalla produzione alla verifica in sito

Normativa e controllo di qualità del calcestruzzo: dalla produzione alla verifica in sito 72 Normativa e controllo di qualità del calcestruzzo: dalla produzione alla verifica in sito di Vito Alunno Rossetti e Antonella Ferraro 1. Premessa La certezza della qualità del conglomerato cementizio,

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI Claudio Barandoni Pisa 01/07/2015 Ingegnere Civile Edile Dottore di Ricerca in Materiali e strutture per L Architettura Via F. Rismondo, 39 56123 PISA MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA

Dettagli

in collaborazione con organizza il

in collaborazione con organizza il in collaborazione con Ordine degli Ingegneri della Provincia di Catanzaro Collegio Geometri e Geometri Laureati Catanzaro organizza il Corso di Qualificazione e Certificazione di Livello 2 (rif. UNI EN

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

Curve di correlazione per il controllo dell affidabilità dei calcestruzzi ordinari

Curve di correlazione per il controllo dell affidabilità dei calcestruzzi ordinari Curve di correlazione per il controllo dell affidabilità dei calcestruzzi ordinari M. Cetraro 1, S. De Paola 2, M. Massaccesi 3, G. Menditto 4, G. Porco 5 1 Centro Studi e Ricerche Sposato P&P s.r.l. Villapiana

Dettagli

Misura della profondità di carbonatazione

Misura della profondità di carbonatazione Controllo tecnico della qualità delle costruzioni Strutture edifici esistenti La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su edifici esistenti è caratterizzata da un grado di incertezza

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

Curva di Taratura.xls

Curva di Taratura.xls Seconda fase: INDAGINI IN SITU PROVE SUL CALCESTRUZZO PROVE SCLEROMETRICHE COSTRUZIONE DELLE CURVE DI TARATURA: ESEMPIO Costruzione Curva di Taratura.xls Seconda fase: INDAGINI IN SITU PROVE SUL CALCESTRUZZO

Dettagli

Perchè. Quando utilizzare lo sclerometro

Perchè. Quando utilizzare lo sclerometro made in Italy L'Affidabilà e selezione dei componenti, decennale esperienza nella produzione di strumenti nd, desing funzionale ed innovativo e la continua ricerca scientifica grazie alla collaborazione

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS Protocollo GEOLAB DATA: marzo 2013 GEOLAB S.R.L. Corso Galileo

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

INDAGINI NON DISTRUTTIVE TRAVI PREFABBRICATE VIA NOBEL MONZA (MB)

INDAGINI NON DISTRUTTIVE TRAVI PREFABBRICATE VIA NOBEL MONZA (MB) INDAGINI NON DISTRUTTIVE TRAVI PREFABBRICATE VIA NOBEL MONZA (MB) PROVA n. 10373-A-B-C/MI 21-25-30 ottobre 2013 Committente: Responsabile: Relatore: Provincia di MONZA BRIANZA Ing. Francesco Silva Geom.

Dettagli

Lezione 1. Obiettivi prestazionali e normativa vigente. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni)

Lezione 1. Obiettivi prestazionali e normativa vigente. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Lezione 1 Obiettivi prestazionali e normativa vigente Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Obiettivi prestazionali Obiettivi progettuali Sono definiti dall associazione associazione tra

Dettagli

1. INTRODUZIONE. Marzo 2015 1

1. INTRODUZIONE. Marzo 2015 1 Esempio di indagini sperimentali eseguite per il controllo e la qualificazione meccanica del calcestruzzo in opera mediante la prova di estrazione (pull out) con l'impiego di innovativo tassello post inserito

Dettagli

Valutazione dell Affidabilità di Strutture Esistenti con il MetododeiValoridiProgetto

Valutazione dell Affidabilità di Strutture Esistenti con il MetododeiValoridiProgetto Valutazione dell Affidabilità di Strutture Esistenti con il MetododeiValoridiProgetto Prof. Ing. Pietro CROCE Prof. Ing. Dimitris DIAMANTIDIS Francesca MARSILI Contenuti 1 2 3 4 5 6 7 Metodo del Fattore

Dettagli

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio; Via A. Foresti, 5 25127 Brescia www.aipnd.it SEMINARIO INTERNACIONAL: Diagnòstico No Destructivo en Construcciones Civiles e Hidroeléctricas I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

Dettagli

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 VALUTAZIONI SPERIMENTALI

Dettagli

CAROTAGGIO PULL-OUT PONTE SUL CANALE LARGON BRIAN ERACLEA

CAROTAGGIO PULL-OUT PONTE SUL CANALE LARGON BRIAN ERACLEA CAROTAGGIO PULL-OUT PONTE SUL CANALE LARGON BRIAN ERACLEA PROVA n. 3665/PD 29 settembre 2011 Committente: Direzione Lavori: Relatore: A.I. Progetti Architettura.Ingegneria S.c. ing. Antonio Alessandri

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

Curva di isteresi per carico concentrato. Prove di carico e indagini sui materiali Edificio Comunale, via Trento n 2, Limbiate (MI) pag.

Curva di isteresi per carico concentrato. Prove di carico e indagini sui materiali Edificio Comunale, via Trento n 2, Limbiate (MI) pag. Forza kn Curva di isteresi per carico concentrato ALLEGATO PROVA MI 8599/0 30 Area di carico 17,94 kn * mm Area di isteresi 1,86 kn * mm Salita Discesa 25 Area di isteresi/area di carico 10,37 % 20 15

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE Il Responsabile Scientifico Dott. Ing. Fausto Mistretta Il

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6 11.2 CALCESTRUZZO PROVA A COMPRESSIONE SU CALCESTRUZZO INDURITO UNI EN 12390-3 DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELL'INTERNO 14/01/2008 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI. 11 MATERIALI E PRODOTTI

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA LUIGI COPPOLA

VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA LUIGI COPPOLA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA LUIGI COPPOLA VALUTAZIONE RESISTENZA IN OPERA R c-insitu NUOVE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI Errori e difetti durante la messa in opera Esito negativo dei controlli

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1)

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) 151 Introduzione Un esperimento è una prova o una serie di prove. Gli esperimenti sono largamente utilizzati nel campo dell ingegneria. Tra le varie applicazioni;

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1 Sommario 1 RELAZIONE TECNICA GENERALE.... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO.... 1 1.4 METODO DI VERIFICA.... 1 2 RELAZIONE

Dettagli

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE NELL AMBITO DELLE NTC 08 IL SOFTWARE:

Dettagli

PROVE SUL CALCESTRUZZO IN SITU

PROVE SUL CALCESTRUZZO IN SITU PROVE SUL CALCESTRUZZO IN SITU dott. ing. Nicola Longarini Consorzio CIS-E Politecnico di Milano Sommario 1- INTRODUZIONE...87 2- ADEMPIMENTI DEL COLLAUDATORE...87 3- PROVE NON DISTRUTTIVE...88 4- PROVA

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo mediante misure di velocità di onde acustiche

Valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo mediante misure di velocità di onde acustiche Valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo mediante misure di velocità di onde acustiche Rocco Ditommaso, Marco Mucciarelli, Marco Vona*, Maria De Bonis, Angelo Masi *marco.vona@unibas.it

Dettagli

Verifica di una struttura esistente

Verifica di una struttura esistente Il metodo agli Stati Limite per la verifica delle strutture in c.a. Giovanni A. Plizzari Università di Bergamo Paolo Riva Università di Brescia Corso Pandini Bergamo, 14-15 Novembre, 2003 Verifica di una

Dettagli

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione

IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione IL CONTROLLO DI ACCETTAZIONE SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Parte II Calcestruzzo a prestazione M. Collepardi Politecnico di Milano E-mail: mario.collepardi@polimi.it In un precedente articolo (Parte

Dettagli

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza MICHELE VINCI Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Articolo 2 Ottobre 2013 Bibliografia:

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

Operazione "Impariamo a ricostruire" rif. PA 2012-2511/RER GLI INTERVENTI POST-SISMA

Operazione Impariamo a ricostruire rif. PA 2012-2511/RER GLI INTERVENTI POST-SISMA Operazione "Impariamo a ricostruire" rif. PA 2012-2511/RER GLI INTERVENTI POST-SISMA STRUTTURE IN C.A. LIVELLI DI CONOSCENZA E TECNICHE SPERIMENTALI II. Indagini sui materiali Prof. Ing. Nerio TULLINI

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522 RAPPORTO DI CALCOLO Analisi FEM VALUTAZIONE NUMERICA DEL CONTRIBUTO ALLA RESISTENZA LIMINARE DI PARETE OPACA VERTICALE ED ORIZZONTALE DI VERNICE TERMORIFLETTENTE A BASSA EMISSIVITA (UNI EN ISO 6946:2008)

Dettagli

Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei

Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei CONTROLLI INNOVATIVI PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI COMPONENTI MECCANICI ED OPERE INFRASTRUTTURALI Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei Angelo Tatì Laboratorio

Dettagli

Identificazione dei materiali delle strutture esistenti. Antonio Brencich

Identificazione dei materiali delle strutture esistenti. Antonio Brencich Identifiazione dei materiali delle strutture esistenti Antonio Brenih ACCIAIO Prelievi diretti + dati statistii di arhivio CLS Metodi NDT (Non Destrutive Tests) esami, prove e rilievi he non alterano il

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

INDAGINI E VERIFICHE DI STRUTTURE IN C.A. E ACCIAIO

INDAGINI E VERIFICHE DI STRUTTURE IN C.A. E ACCIAIO INDAGINI E VERIFICHE DI STRUTTURE IN C.A. E ACCIAIO Committente: COMUNE DI VIADANA Indirizzo: P.zza Matteotti, 2 VIADANA (MN) Opera: Tecnico incaricato delle verifiche Palasport G.Farina Via Vanoni, 15

Dettagli

CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SUL RECUPERO DI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA

CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SUL RECUPERO DI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA BOLOGNA - PIAZZA ROOSEVELT, 4 - TEL. +39 05122.60.64 - FAX +39 05165.65.656 - C.F. 92042840378 sito web: www.assoinar.it e-mail: assoemiliaromagna@eur.it CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Lezione 1: La normativa

Lezione 1: La normativa CORSO DI ISTRUZIONE CALCOLO AGLI STATI LIMITE STRUTTURE IN LEGNO Lezione 1: La Ing. Marco Ballerini Università di Trento Padova, 5 marzo 2004 SOMMARIO allo stato ultimo (SLU) i coefficienti di sicurezza

Dettagli

Installazione e spostamento dell attrezzatura entro 50 km 105,00 84,00

Installazione e spostamento dell attrezzatura entro 50 km 105,00 84,00 N ordine Descrizione dell articolo Unità di misura Prezzo unitario ( ) GEORADAR Esecuzione di indagine georadar lungo percorsi longitudinali, con assetto di investigazione tramite antenna singola, di opportuna

Dettagli

Un metodo di calcolo della capacità portante di micropali realizzati con resina espandente in terreni superficiali

Un metodo di calcolo della capacità portante di micropali realizzati con resina espandente in terreni superficiali Un metodo di calcolo della capacità portante di micropali realizzati con resina espandente in terreni superficiali Roberto Valentino e Davide Stevanoni Introduzione La ditta Novatek ha recentemente intrapreso

Dettagli

L Ordine degli Ingegneri della Provinciadi Bari in collaborazione con DRC Srl organizza

L Ordine degli Ingegneri della Provinciadi Bari in collaborazione con DRC Srl organizza L Ordine degli Ingegneri della Provinciadi Bari in collaborazione con DRC Srl organizza Seminario Tecnico Formativo su VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: Procedure di gestione e tecniche di

Dettagli