NOTIZIARIO NOVITÀ FISCALI ECOBONUS 2015: L'ENEA HA PUBBLICATO LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA DETRAZIONE AREA LAVORO AREA IMPRESA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIARIO NOVITÀ FISCALI ECOBONUS 2015: L'ENEA HA PUBBLICATO LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA DETRAZIONE AREA LAVORO AREA IMPRESA."

Transcript

1 NOTIZIARIO I N F O R M A T I V O Maggio 2015 AREA IMPRESA Page 5 Seminario 21 maggio - Capire la finanza in azienda: l'analisi dei flussi finanziari e della liquidità d'impresa Page 4 La nuova sede di Euroimprese in Veneto è lo Studio Bercelli&Ferrarese Page 6 Se stai pensando di aggiungere un nuovo canale di vendita in azienda apri un e- commerce! NOVITÀ FISCALI ECOBONUS 2015: L'ENEA HA PUBBLICATO LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA DETRAZIONE 5 PER MILLE: MODALITÀ OPERATIVE E-COMMERCE IN GAZZETTA UFFICIALE LE NUOVE REGOLE APPROFONDIMENTO: PERDITE SU CREDITI IVA E REDDITI SU STRADE SEPARATE AREA LAVORO NASPI DAL 1 MAGGIO 2015 DIS-COLL TFR IN BUSTA PAGA, LA PRIMA LIQUIDAZIONE A MAGGIO IMPORTI 2015 INDENNITÀ DI MALATTIA E MATERNITÀ 1

2 IN QUESTO NUMERO Ecobonus 2015: l'enea ha pubblicato la documentazione necessaria per la detrazione La detrazione per le schermature solari Studi di settore: approvate nuove modifiche Black list "ridisegnata" in base alla legge di stabilità Corte di Cassazione: benefici prima casa Reverse charge: i codici Ateco 5 per mille: modalità operative Fatturazione elettronica: attenzione ai doppi invii Documenti informatici: le sanzioni sui bolli Split payment: chiarimenti su rimborsi e sanzioni E-commerce: in GU le nuove regole APPROFONDIMENTO Perdite su crediti: Iva e redditi su strade separate Naspi dal 1 maggio DIS-COLL Tfr in busta paga. Da maggio la prima liquidazione 14 15

3 Malattia e maternità forniti gli importi 2015 Niente sgravio contributivo per le stabilizzazioni dei collaboratori Lavoro accessorio. Rivalutati i limiti economici

4 Bercelli&Ferrarese con Euroimprese Da Aprile 2015 lo Studio Bercelli & Ferrarese, a seguito di un accordo di partnership, è la nuova sede per la Regione Veneto di Euroimprese, sigla dell Associazione Nazionale a sostegno del Sistema economico nei settori dell artigianato, del Commercio, del Turismo, dell agroalimentare, dei Servizi, delle Professioni e delle Imprese Industriali. Euroimprese è una Associazione datoriale riconosciuta e accreditata presso gli Organi istituzionali, che rappresenta soggetti attivi in ambito economico, sociale e culturale, con una propria struttura nazionale e sedi internazionali, che si avvale della stretta collaborazione di un network professionale altamente qualificato come lo Studio Bercelli & Ferrarese, con il supporto di reti commerciali dirette ed indirette, particolarmente attiva negli ambiti di consulenza considerati strategici, quali sono l internazionalizzazione, l euro progettazione, la finanza strutturata, in quanto necessari al sostegno ed allo sviluppo del Sistema economico del Paese. L adesione ad Associazione Euroimprese include i seguenti servizi: Analisi della situazione economica e finanziaria. Analisi delle anomalie bancarie. Analisi dei consumi energetici e consulenza per la riduzione dei costi, con ottimizzazione della sostenibilità ambientale ed economica. L Associazione rappresenta inoltre i comparti economici in cui viene gestito Il Fondo Paritetico Nazionale per la formazione interprofessionale: Formazienda. Il Fondo opera a favore dei dipendenti, degli apprendisti, dei dirigenti e delle reti commerciali delle aziende in una logica di relazioni sindacali, ispirata alla qualificazione professionale, allo sviluppo occupazionale ed alla competitività imprenditoriale nel quadro delle politiche stabilite dai contratti collettivi nazionali. Lo Studio Bercelli & Ferrarese collabora con Euroimprese fornendo consulenza specializzata alle aziende associate e promuovendone i servizi. 4

5 Capire la finanza in azienda: l'analisi dei flussi finanziari e della liquidità d'impresa 21 maggio 2015 Studio Bercelli&Ferrarese Legnago Piazza Don Cirillo Boscagin, 18 Capire come le scelte operative, commerciali e produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda Relatore Gianluca Sanchioni Seminario gratuito OBIETTIVI Saper leggere un bilancio d esercizio e saper trarre le informazioni essenziali dai più importanti report Favorire una visione trasversale e interdisciplinare nella gestione finanziaria d impresa Saper dialogare in modo efficace con i responsabili amministrativi e finanziari dell azienda e con gli istititi di credito Gestire con successo gli aspetti finanziari strategico- operativi di un azienda Analisi e gestione economico- finanziaria dell impresa Modalità attraverso cui viene generata o assorbita la liquidità in condizioni di normalità gestionale La rappresentazione dei flussi finanziari attraverso il rendiconto finanziario 5

6 Bercelli&Ferrarese partner di «Apri un ecommerce» Continuano gli appuntamenti del primo Roadshow gratuito di: Il 15 Maggio 2015 presso la sede di Apindustria di Verona, lo Studio Bercelli&Ferrarese in collaborazione con Banca Sella, Mediarete, Bugnion e Logistica Uno presentano il workshop dedicato all ecommerce. Dalla fiscalità alla logistica, dagli aspetti legali alle strategie di marketing. Un percorso completo per tutte le aziende e i privati interessati ad aprire un negozio on line. Tutte le informazioni su: Verona, 15 Maggio 2015 APINDUSTRIA, via Albere 21 Verona 6

7 Novità in materia Fiscale Ecobonus 2015: l'enea ha pubblicato la documentazione necessaria per la detrazione L ENEA ha pubblicato la documentazione per richiedere le detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici che verranno realizzati nel corso del Rientrano nel beneficio: gli interventi per i pannelli solari termici, per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, per le strutture opache verticali (pareti isolanti, cappotti), strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi e gli interventi per la riqualificazione energetica generale dell edificio. La detrazione per le schermature solari L Enea ha pubblicato sul proprio sito le caratteristiche che devono avere le schermature solari per poter fruire della detrazione per risparmio energetico (detrazione 65%) prevista dalla Legge di Stabilità La Legge di Stabilità 2015 ha prorogato la detrazione Irpef/ Ires del 65% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici sostenute in tutto il 2015, allineando alla medesima scadenza sia gli interventi sulle singole unità immobiliari sia gli interventi sulle parti comuni condominiali. La Legge di Stabilità 2015 ha previsto inoltre che la detrazione Irpef/Ires del 65% venga estesa alle spese sostenute dall al per l acquisto e la posa in opera delle schermature solari, entro la soglia massima di spesa pari a , e all acquisto e la posa in opera degli impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, entro la soglia massima di spesa pari a Per le schermature solari si fa presente che sono 3 le categorie essenziali in cui si divide il concetto di schermatura solare: da interno, da esterno, fra vetri. Le 3 aree sono egualmente coperte dall estensione dell Ecobonus 65%. Ecco l elenco dei manufatti che sono compresi all interno del raggio applicativo del Bonus schermature solari: scuri; tende alla veneziana; tapparelle; persiane a battente, alla veneziana o a soffietto; tende esterne a bracci pieghevoli o rotanti, a rullo, verticali; tende per lucernari e finestre su tetto. Per usufruire dell incentivo le schermature solari devono avere le seguenti caratteristiche tecniche: devono essere a protezione di una superficie vetrata; devono essere applicate in modo solidale con l involucro edilizio e non liberamente montabili e smontabili dall utente; possono essere applicate, rispetto alla superficie vetrata, all interno, all esterno o integrate; possono essere in combinazioni con vetrate o autonome (aggettanti); devono essere mobili; devono essere schermature tecniche ; per le chiusure oscuranti (persiane, veneziane, tapparelle, ecc.), vengono considerati validi tutti gli orientamenti; per le schermature non in combinazione con vetrate, vengono escluse quelle con orientamento a Nord. In sintesi possono essere detratte al 65% tutte le tipologie di schermature solari tecniche (interne, esterne, integrate nelle vetrazioni), ad esclusione delle tende esterne posizionate su pareti esposte a Nord. 7

8 Studi di settore: approvate nuove modifiche Il MEF, con decreto del 30 marzo 2015, pubblicato in GU n. 75 del 31 marzo, ha apportato modifiche agli studi di settore, applicabili a partire dal periodo d'imposta Si tratta di modifiche prodotte dagli andamenti economici e dei mercati e riportate in allegato al decreto con relative note tecniche e metodologiche: "Territorialità dei Factory Outlet Center" (studio WM05U); "Aggregazioni comunali" (studio WG44U); "Territorialità del livello delle tariffe applicate per l'erogazione del servizio taxi" (studio WG72A); "Valori di soglia inferiore per circondario della tipologia di attività ed ambito specialistico di intervento" (studio WK04U). Black list "ridisegnata" in base alla legge di stabilità Con un comunicato il Mef ha reso noto che il ministro dell economia e delle Finanze ha firmato due decreti che rivedono le black list sulla indeducibilità dei costi e sulle controlled foreign companies, in base alle disposizioni introdotte dalla legge di stabilità 2015, volte a favorire l attività economica e commerciale transfrontaliera delle imprese.. Corte di Cassazione: benefici prima casa Con l'ordinanza n. 4800/2015, la Corte di Cassazione torna a ribadire quanto segue: "il contribuente che non trasferisce la residenza nel Comune di ubicazione dell immobile acquistato come prima casa entro il termine di diciotto mesi dall acquisto, perde i benefici connessi. Le lungaggini burocratiche per il rilascio delle autorizzazioni edilizie necessarie alle opere di ristrutturazione dell immobile non sono configurabili come causa di forza maggiore, ostativa all adempimento dell obbligo legale di trasferimento della residenza. Reverse charge: i codici Ateco Ai fini del reverse charge, argomento di attualità viste le novità normative e la circolare di chiarimento 14/E dell'agenzia delle Entrate, è importante riferirsi ai codici Ateco. Esattamente, per individuare le prestazioni soggette a reverse charge bisogna fare riferimento solo alla loro natura, senza tenere conto dell'attività normalmente svolta dal prestatore. Il rinvio ai codici Ateco è rivolto ad individuare in senso oggettivo la tipologia della prestazione e non quella del prestatore. Non è nemmeno richiesto che la prestazione avvenga in forza di un contratto di subappalto, come invece avviene nell'ipotesi prevista all'articolo 17, comma 6, lettera a, Dpr n. 633/72. Questa disposizione trova applicazione, dal 1 gennaio 2015, solo nei casi di subappalto nel settore edile diverse da quelle di installazione d'impianti, demolizione e completamento. L'Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti con la circolare 14/E del 27 marzo In particolare si sofferma sul regime sanzionatorio: in considerazione della circostanza che la disciplina artt. 17, sesto comma, lettere a- ter), d- bis), d- ter) e d- quater), e 74, settimo comma, del DPR n. 633 del 1972, produce effetti già in relazione alle fatture emesse a partire dal 1 gennaio 2015, vista l'assenza di chiarimenti fino alla data di emissione della circolare in argomento, sono fatti salvi e quindi non soggetti a sanzioni, eventuali comportamenti difformi adottati dai contribuenti, anteriormente all emanazione della circolare (27 marzo 2015). 8

9 Sono escluse dal reverse charge le cessioni di beni con posa in opera perché si inquadrano come cessioni di beni e non prestazioni di servizi. Se il confine tra cessione con posa e appalto è sottile, occorre eseguire un'accurata indagine circa la reale intenzione delle parti e le caratteristiche dell'operazione. Nel caso, un riferimento potrebbe essere costituito dal valore economico della cessione rispetto alla prestazione. 5 per mille: modalità operative La circolare n. 13/E/2015 contienre tutte le informazioni per essere ammessi al contributo del 5 per mille In sintesi: la domanda di iscrizione deve essere trasmessa all'agenzia delle Entrate, esclusivamente in via telematica, direttamente dai soggetti interessati in possesso di pin code, oppure tramite intermediari abilitati (quest'anno dal 26 marzo al 7 maggio); la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, che attesti il possesso dei requisiti, con allegata copia fotostatica di un documento d'identità del rappresentante legale dell'ente, deve essere presentata entro il 30 giugno a mezzo raccomandata A/R o posta elettronica certificata per gli enti di volontariato; per gli enti aventi i requisiti per accedere al beneficio alla data originaria di scadenza dei termini di presentazione della domanda di iscrizione, è possibile sanare la domanda di iscrizione o la dichiarazione sostitutiva non presentate entro i termini, sanare la dichiarazione sostitutiva a cui non sia stata allegata la copia fotostatica del documento d'identità del rappresentante legale dell'ente, entro il 30 settembre. Fatturazione elettronica: attenzione ai doppi invii Attenti al doppio invio delle fatture digitali. Secondo i report dell'agenzia delle Entrate l'invio plurimo è stata la prima causa di scarto del documento digitale in questi nove mesi di applicazione della fattura elettronica. E' uno sbaglio molto comune; nel caso resta valido il primo invio, tutti gli altri finiscono su un binario morto senza che né il fornitore né l'ente pubblico perdano altro tempo. Documenti informatici: le sanzioni sui bolli Con la risoluzione n. 32/E del 23 marzo, l'agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo 2502 e 2503 per consentire il rispetto delle modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi a sanzioni e interessi, riguardanti l imposta di bollo su libri, registri e altri documenti rilevanti ai fini tributari, in particolare, documenti informatici e alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto. I codici devono essere riportati nella sezione Erario in corrispondenza delle somme indicate nella colonna importi a debito versati, con l indicazione, nel campo anno di riferimento, dell anno d imposta per cui si effettua il versamento, nel formato aaaa. 9

10 Split payment: chiarimenti su rimborsi e sanzioni La circolare Agenzia delle Entrate n. 15/E/2015 fornisce chiarimenti su rimborsi e sanzioni in materia di Split payment. I fornitori della PA addebitano l'imposta al committente/cessionario senza inserirla in liquidazione periodica perché non incassata; si può così determinare un'eccedenza di Iva detraibile. La Legge di Stabilità 2015 ha modificato l'art. 30, DPR n. 633/1972, inserendo le operazioni soggette a Split payment tra i casi di diritto al rimborso Iva in seguito a calcolo dell'aliquota media. Il fornitore avrà diritto al rimborso Iva annuale o infrannuale nel caso in cui l'aliquota media delle operazioni attive effettuate nel periodo di riferimento è inferiore a quella dell'iva sugli acquisti e importazioni. In materia di sanzioni, in caso di omissione dell'indicazione "scissione dei pagamenti" o "Split payment" sulla fattura, il fornitore è sottoposto a sanzione amministrativa di cui all'art. 9, co. 1, Dl n. 471/1997. Le sanzioni non si applicano alle violazioni commesse entro il 13 aprile, sempre che l'imposta sia stata assolta. Dal 2016 dichiarazione Iva anche per gli agricoltori minimi, purchè attivi novità previste per gli agricoltori minimi, a partire dalla Dichiarazione IVA Con la riforma della Politica Agricola Comune (PAC) cambia, a partire dal 2015, l'erogazione dei contributi alle aziende agricole e viene definito un nuovo ruolo per l'agricoltore, che sarà tenuto agli adempimenti IVA, se vuole ricevere i contributi (sopra soglia). E- commerce: in Gazzetta Ufficiale le nuove regole È stato pubblicato sulla G.U. n. 90 del , il D.Lgs. 42/2015, approvato nel CDM del , con il quale si dà attuazione alla direttiva 2008/8/CE, che modifica la direttiva 2006/112/CE, per quanto riguarda il luogo delle prestazioni di servizi. In particolare, con il citato Decreto Legislativo si interviene sui criteri di determinazione, ai fini IVA, del luogo della prestazione di servizi di telecomunicazione, teleradio diffusione ed elettronici rese nei confronti di committenti non soggetti passivi d imposta. Viene stabilito che l IVA è dovuta nel luogo ove il committente è stabilito ovvero ha il domicilio o la residenza. Il nuovo decreto legislativo sostituisce le lettere f) e g) dell articolo 7- sexies del D.P.R. n. 633/72 e sopprime le lettere h) ed i) del successivo articolo 7- septies e inoltre riscrive l articolo 74- quinquies (dedicato alle imprese extra Ue che già applicavano un analoga procedura per l e- commerce), introducendo gli articoli 74- sexies, septies e octies. In base alle nuove regole, le prestazioni rientranti nel commercio elettronico diretto rese da un soggetto passivo italiano a un privato consumatore comunitario si considerano effettuate nel luogo in cui il fruitore del servizio è stabilito. Per evitare ai vari operatori di doversi identificare nei vari paesi in cui sono residenti i propri clienti, è stato istituto il regime denominato Mini one stop shopping (MOSS), operativo a partire dal 1 gennaio Tale regime opzionale per l assolvimento dell imposta relativa ai servizi resi da soggetti passivi nazionali nei confronti di privati stabiliti in altri Stati dell Unione europea è disciplinato dai nuovi articoli 74- sexies e 74- septies del decreto IVA. 10

11 L adesione al regime speciale, seguendo l apposita procedura dettata dall Amministrazione Finanziaria, consente ai soggetti passivi IVA stabiliti in Italia, nonché ai soggetti passivi extra UE che scelgono di identificarsi in Italia, che effettuano prestazioni di servizi di telecomunicazione, di teleradio diffusione o elettronici resi a committenti non soggetti passivi d imposta domiciliati o residenti nell Unione europea, di assolvere agli obblighi IVA in Italia senza doversi identificare nei vari Paesi UE di residenza dei committenti privati. Grazie al Moss, non è più obbligatoria l identificazione dei fornitori in ciascuno degli Stati membri in cui vengono effettuate le operazioni Iva. Infatti, le dichiarazioni Iva trimestrali e i versamenti, trasmessi telematicamente attraverso il Portale Moss saranno inviati automaticamente ai rispettivi Stati membri di consumo, utilizzando una rete di comunicazioni sicura. L adesione al MOSS consente di dichiarare in un unico Stato membro le prestazioni rese nei confronti dei consumatori finali residenti nei territori dell Unione europea e di procedere al versamento dell imposta applicata in ciascuno degli stessi, previa presentazione di una dichiarazione. Si prevede inoltre l inserimento di un nuovo comma 6- ter, nell art. 22, Decreto IVA, in base al quale l'emissione della fattura non è obbligatoria, se non è richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell'operazione, per le prestazioni di servizi di telecomunicazione, di servizi di teleradio diffusione e di servizi elettronici resi a committenti che agiscono al di fuori dell'esercizio d'impresa, arte o professione. 11

12 Approfondimento Perdite su crediti: Iva e redditi su strade separate Una disciplina ai fini Iva diversa da quella prevista ai fini reddituali: il risultato non può che essere una gran confusione e soprattutto una notevole difficoltà nell individuare il comportamento che risulti conforme a entrambe le normative. Stiamo parlando della rilevazione delle perdite su crediti a seguito dell apertura di una procedura concorsuale. Ma andiamo con ordine e analizziamo le due discipline. La disciplina prevista ai fini Iva Ai fini Iva è consentita la possibilità di emettere la nota di credito solo qualora sia dimostrata l infruttuosità della procedura. È quindi necessario attendere la ripartizione dell attivo, quindi la chiusura della procedura, per poter procedere al recupero dell Iva precedentemente addebitata in fattura. La disciplina prevista ai fini reddituali Ai fini delle imposte sui redditi, l articolo 101 comma 5 del Tuir prevede che, se il debitore è sottoposto a procedure concorsuali (ovvero fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, accordo di ristrutturazione o amministrazione straordinaria) l eventuale perdita su crediti che potrebbe essere rilevata in bilancio si considera in ogni caso deducibile. Più precisamente, la deducibilità è consentita: - dalla data della sentenza dichiarativa del fallimento; - dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa o del decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo o del decreto di omologazione dell'accordo di ristrutturazione o del decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi. È tuttavia bene ricordare che questi eventi rappresentano la data a decorrere dalla quale è possibile dedurre la perdita su crediti: ciò significa, quindi, che, anche dopo questi termini il creditore potrà comunque rilevare una perdita su crediti, magari a seguito della sopravvenuta conoscenza di nuovi elementi. Gli aspetti che invece continuano a destare ancora qualche preoccupazione in merito alla disciplina reddituale prevista per le perdite su crediti riguardano, in primo luogo, il piano attestato di risanamento di cui all articolo 67, lettera d), della legge fallimentare. In questo caso i dubbi sono correlati al fatto che, ai fini degli effetti per il debitore l articolo 88 del Tuir lo assimila alle procedure concorsuali, mentre, nell articolo 101 Tuir, non viene richiamato. Orbene, in questo caso deve ritenersi che il piano attestato possa rappresentare un possibile elemento certo e preciso da cui far discendere la deducibilità della perdita su crediti, sebbene la deducibilità fiscale non sia automaticamente ammessa. 12

13 I problemi procedurali Si genera quindi una differenza temporale tra il momento in cui la perdita è fiscalmente deducibile e quello nel quale può essere emessa la nota di credito che, oltre ad essere difficile da comprendere, comporta notevoli problemi operativi. Si pensi, infatti, a una società che, ricevuta la comunicazione del fallimento del suo debitore, decida di rilevare la perdita su crediti. Sempre la stessa società, però, non potrà emettere una nota di credito, in quanto dovrà eventualmente attendere il termine della procedura concorsuale. Qual è, quindi, l ammontare della perdita su crediti da rilevare in bilancio e fiscalmente deducibile? Soltanto l imponibile? Oppure anche l Iva? In questo caso diverse sono le strade scelte dai contribuenti. Alcuni decidono di rilevare una perdita su crediti di importo pari al totale fatturato. Successivamente, nel caso in cui fosse possibile emettere nota di credito e recuperare quindi l Iva, sarebbe necessario rilevare una sopravvenienza attiva. In altri casi, invece, si preferisce rilevare una perdita su crediti di importo pari al solo imponibile, lasciando aperte le possibilità di recuperare in futuro l Iva. In linea di massima, deve ritenersi corretta la prima procedura, soprattutto in considerazione di due aspetti: - in primo luogo non necessariamente dovrà essere emessa nota di credito, rimanendo questa una mera facoltà per il contribuente. Procedere quindi anche allo stralcio dell Iva non deve ritenersi errato; - in secondo luogo, l iscrizione in bilancio del credito relativo all Iva non può ritenersi corretta, in virtù del fatto che non vi è un vero e proprio debitore. Da un lato, infatti, il cliente è fallito e abbiamo ormai ritenuto inesigibile il credito; dall altra non sono ancora riconosciuti i presupposti per l esistenza di un credito nei confronti dell Erario, in quanto, fino a quando la procedura concorsuale non si conclude, non è possibile emettere una nota di variazione ai fini Iva. 13

14 NOVITA IN MATERIA DI LAVORO Naspi dal 1 maggio 2015 La Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI), disciplinata dall art. 1 del D.Lgs. n. 22/2015, è rivolta ai lavoratori dipendenti che perdono involontariamente il lavoro. Restano esclusi, invece, i lavoratori a tempo indeterminato delle P.A. e degli operai agricoli. Per accedervi è necessario che i lavoratori abbiano perduto involontariamente la propria occupazione e che presentino congiuntamente i seguenti requisiti: stato di disoccupazione (art. 1, co. 2, lett. c del D.Lgs. n. 181/2000); almeno 13 settimane di contribuzione, nei 4 anni precedenti l inizio del periodo di disoccupazione; 30 giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi che precedono l inizio del periodo di disoccupazione. L assegno è rapportato alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi 4 anni divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il numero 4,33. Se l importo derivante da tale calcolo è pari o inferiore a euro, la NASpI è pari al 75% della retribuzione mensile. In caso contrario l importo è pari al 75% incrementato di una somma pari al 25% della differenza tra la retribuzione mensile e il predetto importo. In ogni caso, essa non può superare l importo mensile di euro. Il lavoratore può fruire della NASpI per un periodo massimo di 24 mesi (104 mesi), mentre per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1 gennaio 2017 la NASpI è corrisposta mensilmente per un massimo di 78 settimane. Si ricorda, inoltre, che dal 4 mese (91 giorno) la prestazione va ridotta del 3%. DIS- COLL La nuova indennità di disoccupazione per i collaboratori con rapporto di co.co.co. anche a progetto, disciplinata dall art. 15 del D.Lgs. n. 22/2015, sostituisce l indennità una tantum introdotta dalla Riforma Fornero (art. 2, c della L. n. 92/2012). Essa scatta in via sperimentale per gli eventi di disoccupazione involontaria verificatisi nel periodo 1 gennaio 31 dicembre di quest anno ed è rivolta ai rapporti di co.co.co. e co.co.pro. iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, non pensionati e privi di partita IVA. Restano esclusi, invece, gli amministratori e i sindaci. Affinché il lavoratore abbia diritto alla DIS- COLL, è necessaria la presenza congiunta dei seguenti requisiti: stato di disoccupazione al momento della presentazione della domanda (art. 1, co. 2, lett. C) del D.Lgs. n. 181/2000). 14

15 L interessato è tenuto a inviare al servizio competente in ogni ambito territoriale dello Stato o anche tramite posta elettronica certificata (PEC), sia la dichiarazione attestante l attività lavorativa precedentemente svolta sia la dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa (DID); maturazione di almeno tre mesi di contribuzione nel periodo che va dal 1 gennaio dell anno solare precedente l evento di cessazione dal lavoro al predetto evento; maturazione, nell anno solare in cui si verifica l evento di cessazione dal lavoro, di un mese di contribuzione oppure un rapporto di collaborazione di durata pari almeno ad un mese e che abbia dato luogo a un reddito almeno pari alla metà dell importo che dà diritto all accredito di un mese di contribuzione. La domanda va presentata telematicamente all INPS, entro il termine di decadenza di 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Tfr in busta paga. Da maggio la prima liquidazione Maggio sarà il primo mese utile per la liquidazione della quota integrativa della retribuzione nel caso in cui il lavoratore abbia prodotto la domanda al datore di lavoro entro il 30 aprile Tale termine vale per tutte quelle aziende che decidono di non ricorrere ai finanziamenti agevolati stabiliti nell Accordo- quadro stipulato il 20 marzo In caso contrario, la Qu.I.R. sarà corrisposta dal quarto mese successivo a quello di presentazione dell istanza. La novità deriva dall ultima Manovra Finanziaria (art. 1, co della L. n. 190/2015), che ha previsto per i lavoratori appartenenti al settore privato la possibilità di poter anticipare il proprio trattamento di fine rapporto in busta paga nel periodo dal 1 marzo 2015 fino al 30 giugno Affinché il lavoratore abbia diritto alla Qu.I.R. è necessario che il lavoratore maturi un anzianità di servizio di almeno 6 mesi presso lo stesso datore di lavoro. Malattia e maternità forniti gli importi 2015 Ai fini della liquidazione delle indennità di malattia, maternità/paternità e tubercolosi, la cui misura deve essere calcolata con riferimento a periodi di paga compresi nell anno 2015, gli importi giornalieri sono stati così rideterminati: 47,68 euro per i lavoratori soci di società e di enti cooperative, anche di fatto, di cui all art. 4 DPR n. 602/1970; 42,33 euro per i lavoratori agricoli a tempo determinato; 54,65 euro per i compartecipanti familiari e piccoli coloni; 41,87 euro per le coltivatrici dirette, colone, mezzadre, imprenditrici agricole professionali; 47,68 euro per le artigiane e commercianti; 26,49 euro per le pescatrici delle acque interne. Per quanto riguarda invece, i lavoratori italiani e stranieri addetti ai servizi domestici e familiari, per l anno 2015 bisogna utilizzare le seguenti retribuzioni convenzionali orarie: 15

16 euro 6,97 per le retribuzioni orarie effettive fino a euro 7,88; euro 7,88 per le retribuzioni orarie effettive superiori a euro 7,88 e fino a euro 9,59; euro 9,59 per le retribuzioni orarie effettive superiori a euro 9,59; euro 5,07 per i rapporti di lavoro con orario superiore a 24 ore settimanali. Gestione separata L art. 1, c. 788, della L. n. 296/2006 (Legge Finanziaria 2007) ha introdotto anche per i co.co.pro. l'indennità giornaliera in caso di assenza per malattia, simile a quella prevista per i dipendenti. La misura della prestazione si calcola applicando una percentuale prestabilita all'importo che si ottiene dividendo per 365 il massimale contributivo. Tale percentuale è pari al 4%, al 6% o all'8% a seconda delle mensilità di contribuzione che ha accreditate il lavoratore nei 12 mesi precedenti l'evento. Sul punto, va precisato che la misura della prestazione è pari al 50% dell importo corrisposto a titolo di indennità per degenza ospedaliera a favore dei lavoratori iscritti alla Gestione separata. Degenza ospedaliera - Per le degenze iniziate nell anno 2015 l indennità, calcolata su euro 274,86, corrisponderà per ogni giornata indennizzabile a: euro 21,99 (8%), in caso di accrediti contributivi da 3 a 4 mesi; euro 32,98 (12%), in caso di accrediti contributivi da 5 a 8 mesi; euro 43,98 (16%), in caso di accrediti contributivi da 9 a 12 mesi. Niente sgravio contributivo per le stabilizzazioni dei collaboratori Il testo iniziale del Decreto Legislativo all art. 1, 48 precisava che le stabilizzazioni dei rapporti di co.co.co anche a progetto in contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, entro il 31 dicembre 2015, comportava l estinzione delle violazioni previste dalle disposizioni in materia di obblighi contributivi, assicurativi e fiscali connessi alla eventuale erronea qualificazione del rapporto di lavoro pregresso. Inoltre, ciò consentiva di fruire dello sgravio triennale contributivo, pari a euro annui, previsto dalla recente Manovra Finanziaria (L. n. 190/2014). Ora, l atto n. 158 del Governo ha modificato radicalmente il suddetto articolo, prevedendo che la stabilizzazione dei rapporti di lavoro in discussione potrà essere effettuata, ma solo a decorrere dal 1 gennaio La differenza è sostanziale perché se inizialmente il datore di lavoro che procedeva a stabilizzare un proprio collaboratore entro la fine dell anno poteva godere dell esonero per tre anni dal versamento di contributi previdenziali, ora ciò non è più possibile. Infatti, la norma che ha istituito lo sgravio contributivo è limitata esclusivamente all anno

17 Sul punto, si ricorda che restano salvi, quindi non soggetti all abrogazione, i seguenti rapporti: le collaborazioni per le quali gli accordi collettivi stipulati dalle confederazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale prevedono discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore; le collaborazioni prestate nell esercizio di professioni intellettuali per le quali è necessaria l'iscrizione in appositi albi professionali; le attività prestate nell esercizio della loro funzione dai componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società e dai partecipanti a collegi e commissioni; le prestazioni di lavoro rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I. come individuati e disciplinati dall articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 Lavoro accessorio. Rivalutati i limiti economici L Inps con la circolare n.77 del 16/04/2015 ha comunicato la rivalutazione annuale degli importi economici per lavoro accessorio per l anno Sulla base della variazione dello 0,20% dell indice dei prezzi al consumo per l anno 2014 fornita dall ISTAT, gli importi economici da prendere a riferimento sono netti ( lordi ), per la totalità dei committenti, e ( lordi ), per ciascun singolo imprenditore commerciale o professionista, nel corso di un anno solare. 17

18 18

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190

Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (A.C. 2679-bis-B) Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015).

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE DETRAZIONI FISCALI PER LE SCHERMATURE SOLARI

GUIDA PRATICA ALLE DETRAZIONI FISCALI PER LE SCHERMATURE SOLARI GUIDA PRATICA ALLE DETRAZIONI FISCALI PER LE SCHERMATURE SOLARI PRESENTAZIONE È il momento giusto per acquistare una tenda da sole Pratic! Infatti, fino al 31 dicembre 2015 si può approfittare delle agevolazioni

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli