Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino."

Transcript

1 Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il contorno e di accumulo di acqua all'interno del volume costituiscono la trasformazione afflussi-deflussi. Lo studio della trasformazione afflussi-deflussi implica in modo essenziale l'applicazione dell'equazione di continuità al volume di controllo, dal quale dipende la definizione dei flussi e delle forme di accumulo, e quindi la scrittura dell'equazione. Dal punto di vista fisico i flussi d'acqua possono corrispondere a diversi fenomeni (scorrimento sulla superficie, nel suolo e nel sottosuolo; infiltrazione nel suolo; evaporazione e traspirazione), tutti riconducibili ai tre fenomeni fisici fondamentali di scorrimento, infiltrazione ed evaporazione. L'acqua che si accumula nel bacino esce, in un tempo molto variabile, attraverso i fenomeni fisici fondamentali di scorrimento, infiltrazione ed evaporazione. Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il deflusso superficiale in uscita dal bacino può corrispondere all'intero idrogramma osservato, oppure soltanto a una sua componente. La suddivisione dell'idrogramma osservato in componenti si può basare su due criteri diversi. In primo luogo, la suddivisione si può operare in base al tempo di arrivo alla sezione di chiusura (che dipende dalla velocità dell'acqua e dalle distanze percorse). Il deflusso totale, che corrisponde all'intero idrogramma, si suddivide allora in due componenti fondamentali: deflusso di pioggia e deflusso di base. Il deflusso di pioggia corrisponde allo scorrimento veloce, quello di base allo scorrimento lento. (Si fa riferimento alla velocità, che è il fattore da cui i tempi dipendono, a parità di distanza percorsa.) In secondo luogo, la suddivisione si può operare in base al tipo di scorrimento. Si può distinguere allora tra deflusso dovuto a scorrimento superficiale, deflusso dovuto a scorrimento ipodermico e deflusso dovuto a scorrimento sotterraneo. Il deflusso provocato dall'insieme di scorrimento superficiale e scorrimento ipodermico coincide, con buona approssimazione, con il deflusso di pioggia (dovuto allo scorrimento veloce). Si può dunque definire il deflusso superficiale in tre modi diversi: - come il deflusso prodotto dal solo scorrimento superficiale (definizione stretta); - come il deflusso prodotto dal solo scorrimento veloce (deflusso di pioggia, sostanzialmente prodotto dallo scorrimento superficiale e dallo scorrimento ipodermico) (definizione larga); - come l'intero deflusso misurato alla sezione di chiusura, prodotto sia dallo scorrimento veloce (deflusso di pioggia), sia da quello lento (deflusso di base) (definizione larghissima). Quando si considera il volume di controllo minore (con fondo sulla superficie del suolo) il deflusso superficiale in uscita dal bacino è quello prodotto dal solo scorrimento superficiale (definizione stretta, usata principalmente nelle descrizioni), oppure quello prodotto dallo scorrimento veloce (definizione larga, secondo la quale il deflusso superficiale sostanzialmente coincide con quello di pioggia). Quando si considera il volume maggiore (con fondo sullo strato impermeabile) il deflusso superficiale a cui si fa riferimento è il deflusso totale misurato alla sezione di chiusura. 1

2 E` molto raro che si definiscano le perdite d'acqua con riferimento alla somma del deflusso superficiale totale misurato alla sezione di chiusura e del deflusso sotterraneo in uscita dal bacino (che è molto difficile da valutare e spesso si assume come trascurabile). Volume di controllo minore (trasparente con figura) P entrante E a uscente E v uscente E t non si considera (si trascura l'eventuale immagazzinamento del vapore) T non si considera (si trascura l'eventuale immagazzinamento del vapore) Q ie entrante (scorrimento ipodermico) Q se entrante (scorrimento sotterraneo) Q uscente (scorrimento superficiale) Q iu uscente (scorrimento ipodermico) Q su uscente (scorrimento sotterraneo) F uscente Indicando con Q p il deflusso di pioggia e con Q b il deflusso di base: Q + Q iu Q p Q su Q b Quando il deflusso superficiale coincide con Q, la perdita per infiltrazione coincide con F. Quando coincide con Q p, la perdita per infiltrazione è uguale al volume di infiltrazione F diminuito del volume entrante Q ie dovuto a scorrimento ipodermico. Fenomeni fisici di trasporto per cui l'acqua delle precipitazioni esce dal bacino: scorrimento superficiale, infiltrazione, evaporazione. Forme di accumulo dell'acqua (sulla superficie del bacino): invaso superficiale o detenzione superficiale, invaso nella rete idrografica, invaso nelle depressioni superficiali, intercettazione da parte della vegetazione. Volume di controllo maggiore (trasparente con figura) P entrante E a uscente E v uscente E t uscente T uscente F non si considera (flusso interno al volume) Q uscente (deflusso complessivo misurato) Q s uscente (deflusso sotterraneo) Fenomeni di trasporto per cui l'acqua delle precipitazioni esce dal bacino: scorrimento superficiale, scorrimento sotterraneo, evaporazione. 2

3 Forme di accumulo dell'acqua (sopra e sotto la superficie del bacino): invaso superficiale o detenzione superficiale, invaso nella rete idrografica, invaso nelle depressioni superficiali, intercettazione, accumulo nel suolo (umidità del suolo), accumulo nel sottosuolo (acquiferi). Il rapporto tra il deflusso superficiale misurato alla sezione di chiusura e l'afflusso meteorico (relativo allo stesso intervallo di tempo) prende il nome di coefficiente di deflusso. Il coefficiente di deflusso può essere maggiore di uno. La quantità d'acqua uscita dal bacino (rappresentato con il volume maggiore, poggiante sullo strato impermeabile) in forma diversa dallo scorrimento (quindi per evaporazione o per traspirazione) prende il nome di deficit di scorrimento. Il concetto di deficit di scorrimento torna utile quando è trascurabile il deflusso sotterraneo in uscita (difficile o addirittura impossibile da misurare), così che il deflusso per scorrimento risulta praticamente coincidente con il deflusso superficiale misurato alla sezione di chiusura. Il rapporto tra la frazione dell'afflusso meteorico a cui corrisponde il deflusso veloce e l'afflusso meteorico totale prende il nome di coefficiente di afflusso. L'afflusso meteorico totale è quello di un assegnato evento di pioggia. Il coefficiente di afflusso non può essere mai maggiore di uno. All'accumulo d'acqua che avviene in diverse forme all'interno del bacino corrispondono, in parte o per intero, delle perdite (per esempio una parte dell'acqua accumulata nelle depressioni superficiali evapora). Quando si considera il volume di controllo minore si può suddividere la pioggia in componenti (trasparente): Pioggia efficace: differenza tra pioggia lorda e perdite per intercettazione. Pioggia eccedente: differenza tra pioggia efficace e perdite per infiltrazione. Pioggia netta: è quella che corrisponde al deflusso superficiale. Si hanno due definizioni di pioggia netta, corrispondenti a due definizioni diverse del deflusso superficiale. Se si definisce il deflusso superficiale come quello prodotto esclusivamente da scorrimento superficiale (definizione stretta), la pioggia netta è la differenza tra pioggia eccedente e perdite rimanenti (invaso nelle depressioni superficiali, evaporazione dalle superfici liquide). Se si definisce il deflusso superficiale come quello prodotto da scorrimento veloce (definizione larga), la pioggia netta è ancora la differenza tra pioggia eccedente e perdite rimanenti, però la pioggia eccedente è ridefinita, escludendo dalle perdite per infiltrazione quelle che alimentano lo scorrimento ipodermico. Non si prende praticamente mai in considerazione, per definire la pioggia netta, il deflusso superficiale totale misurato alla sezione di chiusura. Comunque i fenomeni fisici che causano le perdite, sottraendo acqua al deflusso superficiale, sono l'evaporazione e l'infiltrazione. 3

4

5

6 Perdite del bacino Perdite per immagazzinamento nelle depressioni superficiali: si stimano in funzione delle caratteristiche del terreno e della pioggia efficace (trasparente). Perdite per evaporazione (trasparente) Superfici che alimentano l'evaporazione: superfici umide naturali: copertura vegetale attraverso velo d'acqua durante la pioggia specchi d'acqua neve ghiaccio terreno umido intercettazione traspirazione Evaporazione totale o evapotraspirazione Studi particolari e globali Altezza di evaporazione (trasparente) Tasso di evaporazione (dimensioni) Il tasso di evaporazione dipende da attitudine dell'atmosfera a provocare l'evaporazione, attitudine della superficie ad alimentare l'evaporazione. Il fenomeno dell'evaporazione è dovuto a diffusione turbolenta o dispersione, diffusione molecolare. La diffusione è proporzionale all'opposto del gradiente di concentrazione di vapore nell'aria e avviene nel rispetto dell'equazione di continuità. E` molto importante definire la situazione di regime. Legge di Dalton (trasparente), valida in generale (non solo a regime). Casi possibili evaporazione condensazione evaporazione e condensazione Semplificazione della legge di Dalton (stesso trasparente): fattori dell'evaporazione sono velocità del vento, temperatura dell'acqua, pressione parziale di vapore dell'aria; oppure, approssimativamente (trasparente), velocità del vento, temperatura dell'aria, umidità relativa. 4

7 Transitorio Nel transitorio i valori di T ac e p v cambiano a causa di un meccanismo di azione e reazione controllato da diversi fattori ambientali: T ac dipende da insolazione (anche altitudine) p v dipende essenzialmente dal vento (che ha un duplice effetto, su K e su p v ) Diversi possibili risultati a regime, in caso di mancata rimozione del vapore: l'evaporazione si annulla l'evaporazione continua con condensazione nell'aria Evaporazione a regime Ha grande importanza. E` influenzata da insolazione (energia) e vento (ricambio), che si limitano reciprocamente, attraverso l'effetto del ricambio su un aumento di insolazione, l'effetto dell'insolazione su un aumento del ricambio. A regime l'energia ricevuta dall'acqua uguaglia l'energia fornita al vapore. Il potere evaporante dell'atmosfera: - coincide con l'evaporazione dall'acqua quando T ac = T ar, - è caratterizzato dall'evaporazione di un evaporimetro con piccola massa d'acqua. Evaporimetri necessità di misure di pioggia coefficienti per passare da un evaporimetro all'altro evaporimetro Piche (figura) evaporimetro di classe A del Weather Bureau (figura) Evaporazione dalle superfici umide naturali (trasparente) Evaporazione dagli specchi d'acqua naturali dipendenza dell'evaporazione dall'altitudine (figure) effetto di volano termico (figura) importanza nei serbatoi valori medi dell'evaporazione annua (tabella) coefficiente (annuale) dell'evaporimetro (classe A USWB: 0,7) maggiore variabilità dei coefficienti mensili Evaporazione dalla neve (1/5 rispetto all'acqua) Evaporazione da un suolo spoglio di vegetazione (saturo, non saturo) Intercettazione (trasparente) 25% della precipitazione annua con foresta densa misura (come differenza) due elementi costitutivi: accumulo ed evaporazione dipende dalla durata t p e dall'altezza totale h p della precipitazione 5

8 Traspirazione (trasparente) descrizione dipende da umidità: potere evaporante umidità del terreno apertura degli stomi capacità di ritenzione del terreno (6% sabbie, 35% argilla) punto di appassimento Le perdite per evaporazione sono dovute principalmente all'evaporazione dai terreni umidi e alla traspirazione delle piante Evapotraspirazione (trasparente) evapotraspirazione reale ET evapotraspirazione potenziale ET p ET p evaporazione da specchio d'acqua poco profondo Strumenti di misura dell'evapotraspirazione uso dell'equazione di continuità recipienti e lisimetri (figura) parcelle sperimentali serre Infiltrazione: definizione Suolo e sottosuolo sono mezzi porosi (trasparente). Porosità η: 0,25-0,40 per la ghiaia, 0,40-0,70 per l'argilla. Mezzo saturo e non saturo. Contenuto d'acqua θ: θ = 0-η. Forze in un mezzo saturo (trasparente): gravità e resistenza viscosa. Velocità di filtrazione: V = KJ. K = cm/s per la ghiaia, per l'argilla. Forze in un mezzo non saturo: gravità, resistenza viscosa e tensione superficiale. AncoraV = KJ, però K = f(q) cresce al crescere di θ. La percolazione è verticale, la filtrazione è (circa) orizzontale (trasparente). Tessitura del suolo. Struttura del suolo. Tasso di infiltrazione f (f r reale) Il tasso di infiltrazione f dipende da: - entità della precipitazione - struttura del suolo - contenuto di umidità del suolo - e da cause minori (impatto delle gocce di pioggia sul terreno, alternarsi delle stagioni, tipo di copertura vegetale, topografia) 6

9 Tasso di infiltrazione potenziale Infiltrazione potenziale o capacità di infiltrazione (f oppure f p ) trasparente) Fattori principali: struttura del suolo, contenuto di umidità del suolo Il tasso di infiltrazione potenziale dipende dall'andamento nel tempo precedente del tasso di infiltrazione reale. Curve di infiltrazione (trasparente) Descrivono l'andamento nel tempo del tasso di infiltrazione reale o potenziale. - Curve del tasso di infiltrazione reale (variano a seconda dell'evento) - Curve del tasso di infiltrazione potenziale (variano a seconda dell'evento) - Curve normalizzate del tasso di infiltrazione potenziale (o curve normalizzate della capacità di infiltrazione) Schematizzazione delle perdite per infiltrazione: - modelli fisicamente basati - modelli empirici I modelli empirici spesso coincidono con quelli che forniscono la perdita totale del bacino. Importanza dell'omogeneità dell'area considerata. La curva normalizzata del tasso di infiltrazione potenziale fisicamente basata (anche se il modello è solo approssimato) più nota è quella di Horton: f(t) = f c + (f 0 - f c )e-kt 7

10 Pioggia efficace: è la differenza tra pioggia lorda e perdite per intercettazione. Pioggia eccedente: è la differenza tra pioggia efficace e perdite per infiltrazione. Pioggia netta: è la parte della pioggia che si trasforma nel deflusso superficiale.

11

12 Perdite dovute al fenomeno dell'evaporazione L'evaporazione è alimentata da superfici umide naturali costituite da - velo d'acqua che copre il terreno durante la pioggia - specchi d'acqua - neve - ghiaccio - terreno umido copertura vegetale attraverso - intercettazione - traspirazione Evaporazione totale o evapotraspirazione

13 Altezza di evaporazione Tasso di evaporazione Il tasso di evaporazione dipende - dall'attitudine dell'atmosfera a provocare l'evaporazione, - dall'attitudine della superficie ad alimentare l'evaporazione. Il fenomeno dell'evaporazione è dovuto - alla diffusione turbolenta o dispersione, - alla diffusione molecolare. La diffusione - è proporzionale all'opposto del gradiente di concentrazione del vapore; - rispetta l'equazione di continuità.

14 Legge di Dalton: E = K p vs(t ac ) - p v p Casi possibili: evaporazione, condensazione sull'acqua, evaporazione e condensazione nell'aria. Semplificazione della legge di Dalton: E = K*[p vs (T ac ) - pv] ε = p v p vs (T ac ) E = K*p vs (T ac )(1 - ε) Fattori dell'evaporazione: velocità del vento, temperatura dell'acqua, pressione parziale di vapore dell'aria; oppure, approssimativamente: velocità del vento, temperatura dell'aria, umidità relativa.

15 Il potere evaporante dell'atmosfera Coincide con l'evaporazione dall'acqua quando T ac = T ar. E` caratterizzato dall'evaporazione di un evaporimetro con piccola massa d'acqua. Evaporimetri: a superficie porosa, a bacinella. Necessità di misure di pioggia Coefficienti per passare da un evaporimetro all'altro Fattori di riduzione per le applicazioni

16 Nel transitorio l'evaporazione è governata da un meccanismo di azione e reazione A regime il tasso di evaporazione dipende dal rifornimento di energia (insolazione) e dal ricambio d'aria (vento) L'insolazione pone un limite all'effetto del vento e viceversa Metodi di calcolo del tasso di evaporazione a regime: - metodo del bilancio energetico - metodo aerodinamico - metodo misto

17

18 Perdite riconducibili al fenomeno dell'evaporazione Da superfici naturali: specchi d'acqua (e velo d'acqua durante la pioggia) neve (e ghiaccio) terreno umido Intercettazione Traspirazione

19 E = -0,626z E [mm] z [m] Shoa (Etiopia). Relazione tra evaporazione totale annua altitudine z (Moisello, 1998) E e 200 S A E [mm] D G F N M O A M G L T [ C] Walker Lake (Nevada, Stati Uniti). Evaporazione media mensile E in funzione della temperatura T (Réméniéras, 1965).

20 Evaporazione media annua di grandi superfici d'acqua in diverse zone climatiche (Réméniéras, 1965) Zona climatica Evaporazione media annua [mm] Regioni tropicali Regioni tropicali umide 1500 Francia (esclusi i bacini mediterranei) Francia meridionale e Spagna Germania nord-occidentale e Polonia Svezia meridionale 600 Italia (media altitudine) 1200 Lago di Ginevra Alpi (2000 m di altitudine) Russia Mar Morto 2400 Lago Michigan e Lago Huron 6 4 3

21 Intercettazione E` uguale a circa il 25% della precipitazione annua con foresta densa. Si misura come differenza tra due altezze di pioggia: quella lorda e quella efficace. E` costituita da due elementi: accumulo ed evaporazione. Dipende da due variabili fondamentali: h i = f(t p, h p )

22 Traspirazione Dipende da - potere evaporante dell'atmosfera, - umidità del terreno, - apertura degli stomi. Umidità del terreno: - la traspirazione è legata alla capacità di ritenzione del terreno (6% sabbie, 35% argilla); - cessa al punto di appassimento. Apertura degli stomi: variazioni giornaliere, variazioni stagionali. Misure della traspirazione: - altezza d'acqua traspirata, - tasso di traspirazione.

23 Evapotraspirazione Evapotraspirazione reale ET Evapotraspirazione potenziale ET p L'evapotraspirazione potenziale ET p di un terreno ben ricoperto di vegetazione è circa uguale all'evaporazione da uno specchio d'acqua poco profondo.

24 Strumenti per la misura dell'evapotraspirazione: - recipienti e lisimetri, - parcelle sperimentali, - serre. Equazione di continuità ET = P - Q - V V si misura pesando tutto il terreno oppure effettuando campionamenti.

25

26 Moto nei mezzi porosi Porosità η 0,25 0,40 per la ghiaia 0,40 0,70 per l'argilla Contenuto d'acqua θ Mezzo saturo e non saturo

27 Forze in un mezzo saturo: - gravità - resistenza viscosa Velocità di filtrazione: V = KJ ghiaia K = cm/s argilla K = cm/s Forze in un mezzo non saturo: - gravità - resistenza viscosa - tensione superficiale (sacche d'aria)

28 Infiltrazione Il moto di percolazione è verticale (la filtrazione è circa orizzontale). Tessitura del suolo Struttura del suolo Tasso di infiltrazione f (fr reale) Il tasso di infiltrazione f dipende da - entità della precipitazione - struttura del suolo - contenuto di umidità del suolo - e da cause minori (impatto delle gocce di pioggia sul terreno, alternarsi delle stagioni, tipo di copertura vegetale, topografia)

29 Infiltrazione potenziale o capacità di infiltrazione Tasso di infiltrazione potenziale (f oppure f p ) Fattori principali: struttura del suolo contenuto di umidità del suolo Nei primi 20 min di pioggia è sopra tutto importante il contenuto iniziale di umidità. E` possibile che il tasso di infiltrazione reale scenda al disotto del tasso di infiltrazione potenziale per qualche tempo.

30 60 50 f p [mm h -1 ] u [%] Dipendenza del tasso di infiltrazione potenziale nei primi 10 min di pioggia f p dal contenuto iniziale di umidità del suolo u (Neal, 1938) f p [mm h -1 ] suolo asciutto medio impasto sabbioso di Cecil medio impasto nero di Houston suolo umido t [min] Curve di infiltrazione potenziale per due diversi tipi di suolo in diverse condizioni di umidità iniziale (Free et al., 1940)

31 Curve di infiltrazione Le curve di infiltrazione descrivono l'andamento nel tempo del tasso di infiltrazione reale o potenziale. - Curve del tasso di infiltrazione reale (variano a seconda dell'evento) - Curve del tasso di infiltrazione potenziale (variano a seconda dell'evento) - Curve normalizzate del tasso di infiltrazione potenziale (o curve normalizzate della capacità di infiltrazione).

32 Schematizzazione delle perdite per infiltrazione: - con modelli fisicamente basati - con modelli empirici I modelli empirici spesso coincidono con quelli che forniscono la perdita totale del bacino. E` importante l'omogeneità dell'area considerata. Tra i modelli fisicamente basati è molto importante il modello di Horton f(t) = f c + (f 0 - f c )e- kt

33 Modello di Horton Curva del tasso dil infiltrazione potenziale f p f p (t) =f c + (f 0 - f c ) e - k t f p [mm h -1 ] f p (t) = 35,6 + (482,6-35,6) e -38,3t t [h] (Moisello, 1998)

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione Sansavini_p145-172_c06 24/03/2005 08:58 Pagina 145 6. L acqua e la tecnica dell irrigazione CristosXiloyannis, Rossano Massai, Bartolomeo Dichio 6.1. Il ruolo dell acqua nella pianta L acqua è il costituente

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Panoramica L'energia solare fa evaporare le nubi e la produzione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

CONVENZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA - AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA

CONVENZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA - AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA AUTORIITA DII BACIINO IINTERREGIIONALE DEL F.. MAGRA UNIIVERSIITA' ' DEGLII STUDII DII SIIENA GRUPPO DII LAVORO DEL DIIPARTIIMENTO DII SCIIENZE DELLA TERRA Coooorrddi innaat toorri i: : PPrroof f.. PPi

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli