Iniziative ammissibili Gli interventi ammissibili sono:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziative ammissibili Gli interventi ammissibili sono:"

Transcript

1 La Regione Lombardia, con D.G.R. n. X/1692/14, ha approvato il bando per l aggregazione delle imprese del territorio e la creazione di club di prodotto per favorire l attrattività in vista di Expo in collaborazione con la Camera di commercio di Bergamo nell ambito dell ADP competitività - Asse 2 Attrattività e competitività dei territori. Obiettivo dell intervento è favorire la creazione di club di prodotto mediante l aggregazione di imprese per promuovere e valorizzare le risorse turistiche, culturali e paesistiche del territorio bergamasco secondo logiche di posizionamento distintivo sui mercati internazionali. In particolare i temi in relazione ai quali si chiederà agli operatori di puntare per il finanziamento sono: - Arte e cultura del territorio: fa riferimento al turista motivato dal godimento del patrimonio storico, artistico, paesaggistico e monumentale, oltre alle tradizioni e alle produzioni tipiche locali; - Famiglie: fa riferimento al turista che si muove insieme alla famiglia con bambini. L obiettivo è di promuovere in forma integrata il patrimonio culturale e l offerta turistica, utilizzando anche il web per la promozione e la vendita; le reti sociali per offrire servizi a comunità web di turisti via app, valorizzando la cultura attraverso le nuove tecnologie: multimedialità, musei virtuali, realtà aumentata, commercio elettronico e così via. L iniziativa potrà favorire la candidatura delle imprese coinvolte nei club di prodotto di Explora. Beneficiari Sono prevedibili tre tipologie di partecipanti: 1. Soggetti beneficiari: aggregazioni di imprese (minimo tre imprese) rientranti nella categoria di micro, piccole e medie imprese, come definite nell Allegato 1 al Reg. CE 800/08. L elencazione dei codici ATECO in bando permetterà di includere non soltanto imprese di accoglienza turistica, ma anche quelle della filiera allargata, come le attività commerciali e di servizi e quelle tradizionali dell artigianato. Le imprese dovranno: a) essere iscritte e attive al Registro Imprese ed essere in regola con il pagamento del diritto camerale; b) avere sede operativa nella provincia di Bergamo; c) non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente; d) avere assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro di cui al D.lgs. n. 81/08 e successive modificazioni e integrazioni; e) avere la disponibilità dell immobile interessato da opere di adeguamento e ristrutturazione mediante proprietà, contratto di affitto, concessione, comodato o avere il consenso del proprietario all esecuzione dell intervento, e l impegno da parte dello stesso ad assumere il vincolo di destinazione dell immobile per la durata prevista dalle disposizioni in vigore. 2. Direttore di prodotto: figura manageriale alternativamente operante o in uno dei soggetti beneficiari o figura consulenziale esterna. La figura del direttore di prodotto potrà essere fornita da soggetto non necessariamente in provincia di Bergamo. Dovrà essere incaricato di organizzare e coordinare l aggregazione di imprese e di sovrintendere a tutte le fasi progettuali ed esecutive, necessarie alla realizzazione del progetto. In particolare: - sarà figura obbligatoriamente presente nel progetto; - potrà essere identificato lo stesso direttore di prodotto per un massimo di 2 progetti a valere sul bando; - i relativi costi saranno rendicontati dai soggetti beneficiari. 3. Partner aggiuntivi: imprese, associazioni, ATI, enti, reti di imprese già costituite non necessariamente appartenenti alla filiera turistica.

2 Iniziative ammissibili Gli interventi ammissibili sono: - sviluppo di prodotti turistici integrati relativi ai macro temi individuati; - realizzazione di strumenti e attività di marketing e comunicazione finalizzati alla migliore penetrazione e posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale; - iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici e commerciali, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi; - iniziative per la definizione e la promo-commercializzazione di itinerari turistici che integrino i macro temi; - strumenti di formazione per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione di marchi e club di prodotto; - creazione di attività e servizi (o sviluppo e rivitalizzazione di quelli già esistenti) coerenti con i macro temi, tenuti presenti gli obiettivi di riferimento e il prodotto proposto; - adeguamenti e ristrutturazione strutture la cui fruizione sia vincolante alla completezza dell offerta proposta comprese le spese connesse alla realizzazione di strutture e servizi complementari all attività svolta; - progettazione direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge; - acquisto automezzi commerciali la cui fruizione sia vincolata all offerta proposta; - certificazioni di qualità delle strutture e dei locali; - spese di personale e coordinamento per la funzionalità operativa e gestionale del progetto nel limite del 10%; - attività di consulenza per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione dell aggregazione svolta dal direttore di prodotto; - realizzazione di segnaletica commerciale e turistica finalizzata alla diffusione delle informazioni a favore del cittadino e del turista; - acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie e arredi, nuovi di fabbrica strettamente necessari alla realizzazione del progetto; - interventi mirati al risparmio e al conseguimento dell efficienza energica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energie rinnovabili non esauribili. Il bando indicherà tra le spese non ammissibili anche quelle riferite a: Le spese per l installazione degli apparecchi da gioco d azzardo lecito, ivi comprese eventuali opere murarie che dovessero rendersi necessarie anche a seguito dell adozione da parte di Regione Lombardia del regolamento accessi di cui all art. 4 c. 10 della L.R. n. 8/13. Contributi Il contributo a fondo perduto sarà pari al 50% dell importo delle spese ammesse secondo l ordine di graduatoria. Ammontare massimo del contributo è pari a ,00 per singola aggregazione. L ammontare minimo delle spese ammonta a ,00. Procedure e termini Il percorso di creazione dei club di prodotto potrebbe essere articolato in due fasi: FASE 1: dal 15 maggio al 30 giugno 2014 Un concorso di idee attraverso il quale si intendono raccogliere le progettualità più significative di soggetti animatori e referenti finali dell aggregazione di imprese che si organizzano per progettare in forma collettiva un nuovo prodotto turistico. FASE 2: dal 1 ottobre al 10 novembre 2014

3 Presentazione di un progetto esecutivo con indicazione dettagliata dei contenuti operativi, della tempistica di realizzazione, delle caratteristiche dei prodotti finali, del quadro economico complessivo delle risorse necessarie. La valutazione verrà effettuata assegnando a ciascun progetto un punteggio sulla base dei criteri indicati. La domanda con la relativa documentazione, sottoscritta con firma digitale, dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata. Riferimenti normativi - D.G.R. n. 1692/14 allegata alla presente

4 La Regione Lombardia, con D.G.R. n. 1589/14, ha approvato il bando per l aggregazione delle imprese del territorio e la creazione di club di prodotto per favorire l attrattività in vista di Expo in collaborazione con la Camera di commercio di Lodi nell ambito dell ADP competitività - Asse 2 Attrattività e competitività dei territori. L obiettivo finale è di sostenere la nascita di un sistema di progettazione innovativa dell offerta turistica e commerciale lodigiana attraverso l identificazione delle risorse turistiche che presentano caratteri di unicità, attrattività internazionale e non replicabilità per arrivare a formulare sistemi di offerta innovativa, in grado di generare un posizionamento distintivo sui mercati internazionali. Tale obiettivo sarà perseguito favorendo l aggregazione di imprese turistiche, commerciali e di servizi, incluse le attività tradizionali dell artigianato, attraverso la creazione di marchi e/o club di prodotto che possano rispondere alla domanda del mercato turistico attuale. Beneficiari e iniziative ammissibili Possono usufruire delle agevolazioni previste dal bando esclusivamente aggregazioni di imprese (minimo tre imprese) rientranti nella categoria di micro, piccole e medie imprese, come definite nell Allegato 1 al Reg. 800/2008, di cui ai codici ATECO 2007 (Allegato 1 al bando), ivi comprese le unità locali delle grandi catene alberghiere della provincia di Lodi. Ogni aggregazione dovrà identificare tra i soggetti proponenti il soggetto capofila che potrà svolgere tale ruolo in 1 sola aggregazione. Ogni beneficiario potrà partecipare ad un massimo di 2 aggregazioni. Nel progetto deve essere obbligatoriamente prevista la figura del product manager, una figura manageriale alternativamente operante o in uno dei soggetti beneficiari o figura consulenziale esterna che potrà essere fornita da soggetto giuridico/economico con sede o unità operativa sul territorio nazionale non necessariamente in provincia di Lodi. Il product manager, identificato dai soggetti beneficiari, indicato esplicitamente nel progetto già nella Fase 1 ( Concorso di idee ), dovrà essere incaricato di organizzare e coordinare l aggregazione di imprese e di sovrintendere a tutte le fasi previste, progettuali ed esecutive, necessarie alla realizzazione del progetto. Possono essere partners aggiuntivi: - Imprese, Associazioni, ATI, Enti, reti di imprese già costituite non necessariamente appartenenti alla filiera turistica. - I partners aggiuntivi non sono beneficiari diretti di contributo; possono partecipare all attività progettuale, qualora la loro presenza fornisca un valore aggiunto alla qualità del progetto. - La presenza di partners aggiuntivi nell aggregazione è da ritenersi non vincolante ai fini della presentazione del progetto. Potranno candidarsi imprese della provincia di Lodi, comprese quelle ubicate nel comune di San Colombano, in grado di offrire, consolidare o rivitalizzare, tramite nuove progettualità, un prodotto turistico esperienziale integrato di nuova concezione che possa essere sostenibile, operativamente e temporalmente, anche oltre l Esposizione Universale prevista nel 2015 e che sia identificabile in almeno uno dei seguenti macro temi: NATURA E GUSTO A titolo esemplificativo: natura (aree protette ed in generale tutto ciò che comporta un attività fisica del fruitore), enogastronomia (esperienze gastronomiche, produzioni locali e a km 0), vita rurale (agriturismo e turismo green); ARTE E CULTURA Musei e siti di interesse artistico, siti industriali, percorsi e siti religiosi; BUSINESS, SHOPPING ED ARTIGIANATO

5 Congressi ed eventi, produzioni tipiche e tradizionali rivisitate in ottica di attrattività e offerta commerciale e artigianale, valorizzazione del fashion e dello shopping come fattore di incoming. I prodotti turistici oggetto del bando dovranno rispettare le normative vigenti in tema di attività turistica e commercializzazione con responsabilità a carico dei soggetti beneficiari. L intervento per cui si richiede un contributo deve prevedere un piano di attività che può essere attuato attraverso più servizi reali rivolti all offerta turistica e commerciale articolati in modo da costituire un progetto integrato. Gli interventi ammissibili sono: a) sviluppo di prodotti turistici integrati relativi ai macro temi di cui sopra; b) realizzazione di strumenti ed attività di marketing e comunicazione finalizzati alla migliore penetrazione e posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale anche in coerenza con le nuove linee strategiche della Regione Lombardia (ad esempio: azioni di comunicazione tradizionale e online, siti web, tecnologie di interfaccia per la prenotazione, materiale promozionale multilingue, partecipazione ed organizzazione di eventi promozionali, ecc.); c) iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici e commerciali, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi; d) iniziative per la definizione e la promo-commercializzazione di itinerari turistici che integrino i macro temi di cui al punto a); a titolo esemplificativo: enogastronomia, turismo accessibile, turismo vocato allo shopping e alla valorizzazione dell offerta commerciale, turismo culturale; e) strumenti di formazione (per il personale titolare, dipendente e preposto, in coerenza con il nuovo posizionamento strategico di Regione Lombardia) per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione di marchi e club di prodotto nei limiti del 30% del valore del progetto; f) creazione di attività e servizi (o sviluppo e rivitalizzazione di quelli già esistenti) coerenti con i macro temi di cui al punto a), con i target di riferimento ed con il focus del prodotto proposto; g) adeguamenti e ristrutturazione strutture la cui fruizione sia vincolante alla completezza dell offerta proposta comprese le spese connesse alla realizzazione di strutture e servizi complementari all attività svolta quali, a titolo di esempio, centri di benessere, impianti sportivi, parcheggi riservati, unità commerciali e relative pertinenze (anche magazzini); h) progettazione direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge, fino ad un valore massimo del 10% dell investimento complessivo ammissibile relativo al punto g); i) acquisto automezzi commerciali la cui fruizione sia vincolata all offerta proposta; j) certificazioni di qualità delle strutture e/o dei locali; k) spese di personale e coordinamento per la funzionalità operativa e gestionale del progetto nel limite del 10%; l) attività di consulenza per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione dell aggregazione svolta dal product manager, nel limite del 50%; m) realizzazione di segnaletica commerciale e turistica finalizzata alla diffusione delle informazioni a favore del cittadino e del turista; n) acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie e arredi, nuovi di fabbrica strettamente necessari alla realizzazione del progetto; o) interventi mirati al risparmio e al conseguimento dell efficienza energica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energie rinnovabili non esauribili (es.impianti per l introduzione di tecnologie di risparmio energetico, riciclo dell acqua, energie alternative) che non abbiano già beneficiato di aiuti statali, comunitari e regionali. p) Costi per la fidejussione di cui al paragrafo 10 del bando Erogazione del contributo. Si precisa che tutte le spese ammissibili devono essere: - al netto dell IVA; - comprovate da fatture quietanzate o documentazione fiscalmente equivalente emesse dal fornitore dei beni/servizi;

6 - comprovate da documentazione bancaria o postale che attesti il pagamento effettivo delle somme esclusivamente da parte del soggetto beneficiario; Ogni intervento ammesso potrà essere rendicontato da un solo soggetto beneficiario appartenente alla stessa aggregazione. Sono ammesse le fatture emesse e quietanzate entro il periodo massimo di ammissibilità delle spese ossia dalla data di pubblicazione del bando fino al 30 novembre I progetti devono avere una durata minima di 6 mesi e devono essere realizzati entro 12 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria sul Burl, termine eventualmente prorogabile su richiesta del beneficiario, per motivi non dipendenti dalla sua volontà, per un periodo non superiore complessivamente a 3 mesi. Contributi Contributi a fondo perduto pari al 50% dell importo complessivo delle spese ritenute ammissibili al netto d IVA concessi secondo l ordine individuato da una graduatoria. L ammontare massimo del contributo riconoscibile è pari a ,00 (a fronte di spese pari o superiori a ,00) per singola aggregazione. L ammontare minimo delle spese è pari a ,00 che corrisponde a un contributo minimo di ,00 per singola aggregazione. Gli aiuti concessi non saranno cumulabili con altre agevolazioni pubbliche comprese quelle di origine comunitaria concesse agli stessi beneficiari e per lo stesso progetto. Procedure e termini Il percorso di creazione dei club di prodotto sarà articolato in due fasi: FASE 1 - Concorso di idee: presentazione e valutazione idee progettuali La domanda con relativa documentazione, sottoscritti con firma digitale, dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo a partire dal giorno 15 aprile 2014 fino al 31 maggio Entro 30 giorni dalla data di scadenza del concorso di idee, i progetti ricevuti saranno valutati da una commissione nominata dal Segretario Generale della Camera di Commercio di Lodi, presieduta dallo stesso e composta dal Segretario Generale medesimo, da un rappresentante dell Ente Camerale, da un consulente esterno con comprovati requisiti di terzietà ed esperienza in materia oltre che da due rappresentanti di Regione Lombardia con competenza in materia. FASE 2 - Progetto esecutivo I soggetti capofila dovranno presentare, tra il 1 luglio 2014 e il 31 agosto 2014, la progettazione esecutiva dei progetti ammessi alla Fase 2. Essa dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo utilizzando documentazione resa disponibile. Entro il 30 settembre 2014, i progetti esecutivi saranno valutati dalla medesima commissione istituita per la Fase 1 e la relativa graduatoria sarà approvata con apposito provvedimento dalla Giunta della Camera di Commercio di Lodi. Riferimenti normativi - D.G.R. n. X/1589/14 (Serie Ordinaria n Venerdì 11 aprile 2014, pag. 2).

7 La Regione Lombardia, con D.G.R. n. X/1655/14, ha approvato il bando per l aggregazione delle imprese del territorio e la creazione di club di prodotto per favorire l attrattività in vista di Expo in collaborazione con la Camera di commercio di Lecco nell ambito dell ADP competitività - Asse 2 Attrattività e competitività dei territori. Obiettivo dell intervento è favorire la creazione di club di prodotto mediante l aggregazione di imprese per promuovere e valorizzare la realtà turistica culturale e paesistica del territorio lecchese anche attraverso il digitale, in stretta connessione con il progetto di sistema locale EcoSmartLand / Lecco Eco Smart City verso e oltre EXPO laboratorio territoriale lecchese per la co-creazione di un sistema integrato di offerta turistica e culturale eco-intelligente. In particolare la proposta si caratterizza per l approccio SMART nei seguenti MACRO-TEMI STRATEGICI: 1. Business e Artigianato (Turismo Industriale ecc), 2. Sport e Turismo Attivo - Sport d acqua, 3. Arte e Cultura. L obiettivo è quello di promuovere in forma integrata il patrimonio culturale e l offerta turistica utilizzando anche il web per la promozione e la vendita; i social network per offrire servizi a communities di turisti erogando i servizi stessi in mobilità via app, valorizzando la cultura attraverso le nuove tecnologie: multimedialità, musei virtuali, realtà aumentata, web communities culturali, ecommerce e così via. Inoltre questa iniziativa potrà favorire la candidatura delle imprese coinvolte nel/nei club di prodotto di EXPLORA più affini per segmento di offerta e supportarle nella qualificazione della propria offerta turistica. Beneficiari e iniziative ammissibili Possono usufruire delle agevolazioni previste dal bando esclusivamente aggregazioni di imprese (minimo tre imprese) rientranti nella categoria di micro, piccole e medie imprese, come definite nell Allegato 1 al Reg. 800/2008, di cui ai codici ATECO 2007 (Allegato 1 al bando), ivi comprese le unità locali delle grandi catene alberghiere della provincia di Lecco. Nel progetto deve essere obbligatoriamente prevista la figura del product manager, una figura manageriale alternativamente operante o in uno dei soggetti beneficiari o figura consulenziale esterna che potrà essere fornita da soggetto giuridico/economico con sede o unità operativa sul territorio nazionale non necessariamente in provincia di Lecco. Il product manager, identificato dai soggetti beneficiari, indicato esplicitamente nel progetto già nella Fase 1 ( Concorso di idee ), dovrà essere incaricato di organizzare e coordinare l aggregazione di imprese e di sovrintendere a tutte le fasi previste, progettuali ed esecutive, necessarie alla realizzazione del progetto. Possono essere partners aggiuntivi: - Imprese, Associazioni, ATI, Enti, reti di imprese già costituite non necessariamente appartenenti alla filiera turistica. - I partners aggiuntivi non sono beneficiari diretti di contributo; possono partecipare all attività progettuale, qualora la loro presenza fornisca un valore aggiunto alla qualità del progetto. - La presenza di partners aggiuntivi nell aggregazione è da ritenersi non vincolante ai fini della presentazione del progetto. Possono candidarsi imprese operanti nei settori del turismo, del commercio e dei servizi anche culturali. Le imprese beneficiarie non possono essere attive nei settori della pesca ed acquacoltura, del settore carboniero. Le imprese attive nel settore dei trasporti non potranno beneficiare dell aiuto qualora il finanziamento sia destinato all acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada per conto terzi. Gli interventi ammissibili sono: - sviluppo di prodotti turistici integrati relativi ai macro temi di cui alla premessa;

8 - realizzazione di strumenti ed attività di marketing e comunicazione finalizzati alla migliore penetrazione e posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale (ad esempio: azioni di comunicazione tradizionale e online, siti web, tecnologie di interfaccia per la prenotazione, materiale promozionale in italiano e nelle lingue dei mercati strategici, partecipazione ed organizzazione di eventi promozionali, ecc.); - iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici e commerciali, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi; - iniziative per la definizione e la promo-commercializzazione di itinerari turistici che integrino i macro temi di cui al punto a); a titolo esemplificativo: enogastronomia, turismo accessibile, turismo vocato allo shopping e alla valorizzazione dell offerta commerciale, turismo culturale; - strumenti di formazione (per il personale titolare, dipendente e preposto, in coerenza con il nuovo posizionamento strategico di Regione Lombardia) per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione di marchi e club di prodotto nei limiti del 30% del valore del progetto; - creazione di attività e servizi (o sviluppo e rivitalizzazione di quelli già esistenti) coerenti con i macrotemi di cui sopra, con i target di riferimento ed con il focus del prodotto proposto; - adeguamenti e ristrutturazione strutture la cui fruizione sia vincolante alla completezza dell offerta proposta comprese le spese connesse alla realizzazione di strutture e servizi complementari all attività svolta quali, a titolo di esempio, centri di benessere, impianti sportivi, parcheggi riservati, unità commerciali e relative pertinenze (anche magazzini); - progettazione direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge, fino ad un valore massimo del 10% dell investimento complessivo ammissibile; - acquisto automezzi commerciali la cui fruizione sia vincolata all offerta proposta; - certificazioni di qualità delle strutture e/o dei locali; - spese di personale e coordinamento per la funzionalità operativa e gestionale del progetto nel limite del 10%; - attività di consulenza per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione dell aggregazione svolta dal product manager nel limite del 50%; - realizzazione di segnaletica commerciale e turistica finalizzata alla diffusione delle informazioni a favore del cittadino e del turista; - acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie e arredi, nuovi di fabbrica strettamente necessari alla realizzazione del progetto; - interventi mirati al risparmio e al conseguimento dell efficienza energica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energie rinnovabili non esauribili (es. impianti per l introduzione di tecnologie di risparmio energetico, riciclo dell acqua, energie alternative) che non abbiano già beneficiato di aiuti statali, comunitari e regionali. - Costi per la fidejussione di cui al paragrafo Tipologia ed ammontare del contributo. Contributi Contributi a fondo perduto pari al 50% dell importo complessivo delle spese ritenute ammissibili al netto d IVA concessi secondo l ordine individuato da una graduatoria. L ammontare massimo del contributo riconoscibile è pari a ,00 (a fronte di spese pari o superiori a ,00) per singola aggregazione. L ammontare minimo delle spese è pari a ,00 che corrisponde a un contributo minimo di ,00 per singola aggregazione. Procedure e termini Il percorso di creazione dei club di prodotto sarà articolato in due fasi: FASE 1 - Concorso di idee: presentazione e valutazione idee progettuali La domanda con relativa documentazione, sottoscritti con firma digitale, dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo a partire dal giorno 15 maggio 2014 fino al 30 giugno 2014.

9 FASE 2 - Progetto esecutivo I soggetti capofila dovranno presentare, tra il 1 ottobre 2014 e il 10 novembre 2014, la progettazione esecutiva dei progetti ammessi alla Fase 2. Essa dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo utilizzando documentazione resa disponibile. Riferimenti normativi - D.G.R. n allegata alla presente

10 Si segnala che Camera di Commercio Milano ha pubblicato il Bando Reti Expo. Il bando verrà presentato in data 26 Maggio, ore 15.00, presso Palazzo Turati Sala Conferenze via Meravigli 9/B A chi Micro, piccole e medie imprese, con sede legale e/o sede operativa nella provincia di Milano, che si aggregano in rete Finalità del bando Finalità del Bando è sostenere sia la creazione sia il consolidamento delle reti d'impresa tra le micro, piccole e medie imprese della provincia; saranno sostenuti i progetti di rete innovativi, in grado di ampliare e migliorare l'offerta di beni e/o servizi capaci di accrescere l'attrattività e la competitività del territorio in vista dell'evento Expo, negli ambiti d'intervento di seguito indicati: PRODOTTI/SERVIZI: Interventi mirati ad ampliare e innovare l'offerta di beni e servizi a disposizione, in occasione dell'expo RICETTIVITÀ E SMART CITY: Interventi mirati a migliorare, in vista di EXPO, la ricettività, l'attrattività e la vivibilità del territorio Caratteristiche del contributo A fondo perduto, copre il 50% delle spese fino a un massimo di Euro per ciascuna rete d'impresa Procedimento Bando a valutazione con graduatoria finale. Quando Le domande posso essere presentate: dalle ore del 3 giugno 2014 ed entro le ore del 30 settembre Per informazioni: Tel. 02/ Questo il link di dettaglio del regolamento del bando Per ulteriori indicazioni e per assistenza nell eventuale presentazione di domanda contattare la Camera di Commercio o la sede provinciale di Confcooperative Milano Lodi Monza Brianza. Distinti saluti

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ. Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta

LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ. Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta 17 luglio 2014 LA STRATEGIA PER L ATTRATTIVITÀ Attivazione di iniziative per potenziare l attrattività del territorio

Dettagli

DAT PERCORSI DI TERRA E DI LAGO.

DAT PERCORSI DI TERRA E DI LAGO. DAT PERCORSI DI TERRA E DI LAGO. D.d.g. 14 luglio 2014 - n. 6759 - Distretti dell attrattività. Iniziative di area vasta per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia

Dettagli

BRIANTECH, un territorio a port@ta di smartphone

BRIANTECH, un territorio a port@ta di smartphone Bando per gli esercizi e le imprese commerciali, le imprese turistiche del Distretto dell attrattività di Regione Lombardia BRIANTECH, un territorio a port@ta di smartphone Art. 1 Premesse Regione Lombardia

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

Bandi di finanziamento

Bandi di finanziamento Bandi di finanziamento per neo -imprese e aspiranti imprenditori 1Mantova 16 ottobre 2015 DUE INTERVENTI DISTINTI 1) BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE (1508 Bando Neo-Imprese) DOTAZIONE FINANZIARIA:

Dettagli

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività :

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività : Comune di Darfo Boario Terme Bando a sportello per gli esercizi ese e le imprese commerciali e turistiche del Distretto dell attrattività : Nel Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

Allegato alla Delib. G.R. n. 25/6 del 2.7.2013 1/6

Allegato alla Delib. G.R. n. 25/6 del 2.7.2013 1/6 DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Linea di Attività 4.2.4.a Incentivi per la realizzazione di postazioni per la promozione di prodotti espressione dell identità locale ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Le presenti

Dettagli

GARDA L@KE, un lago di opportunità

GARDA L@KE, un lago di opportunità Bando per gli esercizi, le imprese commerciali e le imprese turistiche del Distretto dell attrattività di Regione Lombardia GARDA L@KE, un lago di opportunità (Comuni di Desenzano del Garda, Lonato del

Dettagli

AVVISO PER L ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE CONTENENTI PROPOSTE PROGETTUALI PRELIMINARI PER LA PROMOZIONE

AVVISO PER L ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE CONTENENTI PROPOSTE PROGETTUALI PRELIMINARI PER LA PROMOZIONE ALLEGATO 1) AVVISO PER L ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE CONTENENTI PROPOSTE PROGETTUALI PRELIMINARI PER LA PROMOZIONE DELL ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO IN OCCASIONE DELL EVENTO EXPO

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE, ASSOCIAZIONI, CONSORZI.

BANDO PER LE IMPRESE, ASSOCIAZIONI, CONSORZI. D.d.g. 14 luglio 2014 - n. 6759 - Distretti dell attrattività. Iniziative di area vasta per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia (Linea B) - d.g.r. X/1613 del 4

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE CONTRIBUTI PER LA COMPARTECIPAZIONE A PROGETTI FINALIZZATI A

Dettagli

Programma annuale degli interventi Fondo Rotativo Termalismo Agevolazioni a favore delle Imprese operanti nel settore del turismo termale

Programma annuale degli interventi Fondo Rotativo Termalismo Agevolazioni a favore delle Imprese operanti nel settore del turismo termale LEGGE REGIONALE 08/07/1999 n. 18 e s.m.i Interventi a sostegno dell offerta turistica e LEGGE REGIONALE 03/10/1994 n 42 e s.m.i. Interventi per la tutela e lo sviluppo dell industria termale in Piemonte

Dettagli

LEGGE REGIONALE 08/07/1999 n. 18 e s.m.i.

LEGGE REGIONALE 08/07/1999 n. 18 e s.m.i. LEGGE REGIONALE 08/07/1999 n. 18 e s.m.i. Programma annuale degli interventi - Fondo Rotativo Turismo Agevolazioni a favore delle Imprese operanti nel settore del turismo 1. Premessa Con la Legge regionale

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI 1 ALLEGATO A DEFINIZIONI Si intendono per: a) microimpresa, piccola impresa e media impresa : le PMI rispondenti alle definizioni di cui al Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18/04/2005,

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo - anno 2012 Asse

Dettagli

SCHEDA BANDO SVILUPPO DELLE RETI E/O DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE

SCHEDA BANDO SVILUPPO DELLE RETI E/O DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE SVILUPPO DELLE RETI E/O DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE Tempistica Presentazione delle domande dalle ore 10.00 del 30 marzo 2015 al 30 novembre 2015 (salvo esaurimento delle risorse disponibili). Oggetto

Dettagli

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Frosinone, nell ambito delle proprie iniziative volte a favorire lo sviluppo dell economia

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni.

Gli incentivi sono cumulabili fino a un contributo massimo di Euro 500.000 in quattro anni. Palermo, 20 novembre 2013 Oggetto: SMART & START In relazione all ampia disponibilità di fondi ancora non utilizzati e considerato il buon esito dei progetti fin ora presentati si ripropongono di seguito

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura MISURA 313 INCENTIVAZIONE DI ATTIVITA TURISTICHE PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 313 Comunicazione a cura del Dipartimento Interventi Infrastrutturali

Dettagli

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008)

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Assessorato alle Attività Produttive, Sviluppo economico e Piano Telematico Direzione Generale Attività Produttive,

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1. PREMESSA

Dettagli

ALLEGATO B. Città di. Città di. Comune. Comune di. Comune di. Comune di Cantù. Giussano. Mariano. Carugo. Figino S. Lentate S.S. Comense.

ALLEGATO B. Città di. Città di. Comune. Comune di. Comune di. Comune di Cantù. Giussano. Mariano. Carugo. Figino S. Lentate S.S. Comense. Distretto dell Attrattività Brianza Shopping Experience Bando pubblico a favore delle imprese dei settori commercio e turismo del territorio distrettuale Città di Comune Città di Città di Meda Cantù Cabiate

Dettagli

Finanziamenti in atto per le Imprese con. sede nella Regione Friuli Venezia Giulia

Finanziamenti in atto per le Imprese con. sede nella Regione Friuli Venezia Giulia Codroipo, lì 12 marzo 2014 Prot. 1814LM Finanziamenti in atto per le Imprese con sede nella Regione Friuli Venezia Giulia Introduzione Cercando di fornire ai nostri spettabili Clienti delle informazioni

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

ART. 3 - LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI

ART. 3 - LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI Comunità Montana del Sebino Bresciano Sale Marasino (BS) n. tel. 030/986314 Int. 1 n. fax 030/9820900 www.cmsebino.brescia.it ----- E mail info@cmsebino.brescia.it BANDO ATTIVITA COMMERCIALI (ANNO 2009)

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2304 Seduta del 01/08/2014

DELIBERAZIONE N X / 2304 Seduta del 01/08/2014 DELIBERAZIONE N X / 2304 Seduta del 01/08/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Rimini Startup 15 dicembre 2015 COOWEB AGEVOLAZIONI, BANDI E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO 15 DICEMBRE 2015 - COOWEB

Rimini Startup 15 dicembre 2015 COOWEB AGEVOLAZIONI, BANDI E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO 15 DICEMBRE 2015 - COOWEB Rimini Startup 15 dicembre 2015 COOWEB AGEVOLAZIONI, BANDI E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO 15 DICEMBRE 2015 - COOWEB PRINCIPALI TIPOLOGIE DI AGEVOLAZIONE Credito d imposta Detassazione redditi Finanziamenti

Dettagli

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14.

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14. Comune di Nave CONTRIBUTI ALLE IMPRESE/ENTI/ASSOCIAZIONI AGGIORNAMENTO TERZO AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2014 Consulta l archivio completo sul sito del Comune: http://www.comune.nave.bs.it nella home page in

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2.

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2. BANDO 2011 - PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE DEL COMMERCIO, IN ATTUAZIONE DEL D.M. 17 APRILE 2008 (L. 266/1997, ART. 16, COMMA 1), DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE 1842/2008. AZIONE 2 - PROGETTI

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO InnovaCultura

AVVISO PUBBLICO InnovaCultura AVVISO PUBBLICO InnovaCultura Sostegno all innovazione dell offerta culturale lombarda attraverso prodotti e servizi forniti dalle Imprese Culturali e Creative 1 Indice 1. Finalità... 3 2. Soggetti beneficiari...

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 08 agosto 2014 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 08 agosto 2014 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Anno XLIV N. 200 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

IMPORTANTE: una società che vuole accedere agli incentivi SMART può richiedere anche le agevolazioni START, se ne ha i requisiti.

IMPORTANTE: una società che vuole accedere agli incentivi SMART può richiedere anche le agevolazioni START, se ne ha i requisiti. Smart&Start finanzia progetti imprenditoriali innovativi, la cui validità e sostenibilità deve essere dimostrata dal piano di impresa contenuto nella domanda. SMART prevede contributi a copertura dei costi

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE Criteri di Assegnazione dei Finanziamenti (Ai sensi della LEGGE REGIONALE N. 33 del 04.11.2002 artt. 101 e 103 e ai sensi del Regolamento (CE) N. 70/2001 della Comunità del

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

BANDO PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA RETE CARBURANTI

BANDO PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA RETE CARBURANTI BANDO PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA RETE CARBURANTI 1 1. DESCRIZIONE E FINALITA Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia, nell ambito degli impegni assunti nell Accordo di programma per lo sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando)

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10 milioni

Dettagli

Condizioni e modalità per la domanda e la concessione dei contributi

Condizioni e modalità per la domanda e la concessione dei contributi Regione autonoma Valle d Aosta Contributi regionali a sostegno dei progetti di sviluppo, promozione e commercializzazione presentati dai raggruppamenti di operatori turistici riconosciuti (raggruppamenti

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

Art. 1- Finalità. Premessa

Art. 1- Finalità. Premessa Approvato con D.G. 13 del 16/10/2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA Premessa La Camera di Commercio di

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

INDICE. 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione

INDICE. 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione F.A.Q. L.R. 18/1999 INDICE 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 Come si presenta una domanda? Quali modalità di spedizione sono ammesse?

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA REGIONE /SISTEMA CAMERALE ASSE 3 CONVENZIONE ARTIGIANATO

ACCORDO DI PROGRAMMA REGIONE /SISTEMA CAMERALE ASSE 3 CONVENZIONE ARTIGIANATO ACCORDO DI PROGRAMMA REGIONE /SISTEMA CAMERALE ASSE 3 CONVENZIONE ARTIGIANATO BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA IMPRESE ARTIGIANE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI Largo C. Felice, 72 09124 Cagliari tel. 070/605121 - sito web: http//www.ca.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011

DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011 DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011 MARCA DA BOLLO 14,62 Alla Comunità Montana dell Appennino

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE MENSILE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE Delegato Giunta UNGDCEC Diego La Vecchia Presidente Giuseppe Arleo Segretario Rossana Giacalone Membri di Commissione: Emiliano Capano Alessandro Caronti Silvia

Dettagli

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014)

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Allegato B Anni 2015 e 2016 Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Modalità e criteri per la concessione delle risorse Art. 1 Finalità e risorse 1. La Regione

Dettagli

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 Allegato 1) 1. FINALITA E RISORSE FINANZIARIE 1.1. Finalità La Regione Umbria, nell ambito delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere

Dettagli

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L AVVIO DI NUOVE IMPRESE IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Art. 1 Finalità

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4253 Seduta del 30/10/2015

DELIBERAZIONE N X / 4253 Seduta del 30/10/2015 DELIBERAZIONE N X / 4253 Seduta del 30/10/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

ALLEGATO C1. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C1. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 13 comma 12 lett. a 2 ALLEGATO C1 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile utilizzato Ordinario

Dettagli

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

deve pervenire in originale, consegnata a mano, entro il termine di 30 giorni

deve pervenire in originale, consegnata a mano, entro il termine di 30 giorni Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

BANDO PUBBLICO. per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015. INFOPLUS - Bando n 2283466

BANDO PUBBLICO. per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015. INFOPLUS - Bando n 2283466 per la concessione di Contributi alle Imprese per la partecipazione ad Expo 2015 Rev. 1 Preparato: Camera di Commercio di Cosenza Approvato: DG n. 49 del 20.07.2015 Pagina 1 di 9 SOMMARIO 1. FINALITA...3

Dettagli

ALLEGATO C3. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA Art. 13 comma 12 lett. a SCHEDA 1

ALLEGATO C3. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA Art. 13 comma 12 lett. a SCHEDA 1 2 ALLEGATO C3 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA Art. 13 comma 12 lett. a SCHEDA 1 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DISTRETTO VALLELAMBRO

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DISTRETTO VALLELAMBRO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DISTRETTO VALLELAMBRO Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale PER

Dettagli

86 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 31 - Martedì 29 luglio 2014

86 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 31 - Martedì 29 luglio 2014 86 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.s. 24 luglio 2014 - n. 7145 Approvazione iniziativa anno 2014 per l accesso ai contributi in conto capitale a fondo perduto per la riqualificazione

Dettagli

2 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 08 aprile 2014

2 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 08 aprile 2014 2 Bollettino Ufficiale C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 4 aprile 2014 - n. X/1613 I distretti dell attrattività: iniziative per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti NOVEMBRE 2015 NEWS - REGIONE PIEMONTE: ASSE I COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Misura 1.9 Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle grandi imprese presenti sul territorio piemontese Strumento Midcap

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

BANDO BENI INVISIBILI, LUOGHI E MAESTRIA DELLE TRADIZIONI ARTIGIANALI

BANDO BENI INVISIBILI, LUOGHI E MAESTRIA DELLE TRADIZIONI ARTIGIANALI BANDO BENI INVISIBILI, LUOGHI E MAESTRIA DELLE TRADIZIONI ARTIGIANALI Il contesto Fondazione Telecom Italia (FTI) ha individuato in questi anni, tra i suoi obiettivi, la valorizzazione del patrimonio storico-

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE ALLEGATO A POR CReO FESR 2007-2013 LINEA DI INTERVENTO 5.4.a Sostegno per la tutela, la valorizzazione e la promozione delle risorse naturali e culturali ai fini dello sviluppo di un turismo sostenibile

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli