Iniziative ammissibili Gli interventi ammissibili sono:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziative ammissibili Gli interventi ammissibili sono:"

Transcript

1 La Regione Lombardia, con D.G.R. n. X/1692/14, ha approvato il bando per l aggregazione delle imprese del territorio e la creazione di club di prodotto per favorire l attrattività in vista di Expo in collaborazione con la Camera di commercio di Bergamo nell ambito dell ADP competitività - Asse 2 Attrattività e competitività dei territori. Obiettivo dell intervento è favorire la creazione di club di prodotto mediante l aggregazione di imprese per promuovere e valorizzare le risorse turistiche, culturali e paesistiche del territorio bergamasco secondo logiche di posizionamento distintivo sui mercati internazionali. In particolare i temi in relazione ai quali si chiederà agli operatori di puntare per il finanziamento sono: - Arte e cultura del territorio: fa riferimento al turista motivato dal godimento del patrimonio storico, artistico, paesaggistico e monumentale, oltre alle tradizioni e alle produzioni tipiche locali; - Famiglie: fa riferimento al turista che si muove insieme alla famiglia con bambini. L obiettivo è di promuovere in forma integrata il patrimonio culturale e l offerta turistica, utilizzando anche il web per la promozione e la vendita; le reti sociali per offrire servizi a comunità web di turisti via app, valorizzando la cultura attraverso le nuove tecnologie: multimedialità, musei virtuali, realtà aumentata, commercio elettronico e così via. L iniziativa potrà favorire la candidatura delle imprese coinvolte nei club di prodotto di Explora. Beneficiari Sono prevedibili tre tipologie di partecipanti: 1. Soggetti beneficiari: aggregazioni di imprese (minimo tre imprese) rientranti nella categoria di micro, piccole e medie imprese, come definite nell Allegato 1 al Reg. CE 800/08. L elencazione dei codici ATECO in bando permetterà di includere non soltanto imprese di accoglienza turistica, ma anche quelle della filiera allargata, come le attività commerciali e di servizi e quelle tradizionali dell artigianato. Le imprese dovranno: a) essere iscritte e attive al Registro Imprese ed essere in regola con il pagamento del diritto camerale; b) avere sede operativa nella provincia di Bergamo; c) non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente; d) avere assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro di cui al D.lgs. n. 81/08 e successive modificazioni e integrazioni; e) avere la disponibilità dell immobile interessato da opere di adeguamento e ristrutturazione mediante proprietà, contratto di affitto, concessione, comodato o avere il consenso del proprietario all esecuzione dell intervento, e l impegno da parte dello stesso ad assumere il vincolo di destinazione dell immobile per la durata prevista dalle disposizioni in vigore. 2. Direttore di prodotto: figura manageriale alternativamente operante o in uno dei soggetti beneficiari o figura consulenziale esterna. La figura del direttore di prodotto potrà essere fornita da soggetto non necessariamente in provincia di Bergamo. Dovrà essere incaricato di organizzare e coordinare l aggregazione di imprese e di sovrintendere a tutte le fasi progettuali ed esecutive, necessarie alla realizzazione del progetto. In particolare: - sarà figura obbligatoriamente presente nel progetto; - potrà essere identificato lo stesso direttore di prodotto per un massimo di 2 progetti a valere sul bando; - i relativi costi saranno rendicontati dai soggetti beneficiari. 3. Partner aggiuntivi: imprese, associazioni, ATI, enti, reti di imprese già costituite non necessariamente appartenenti alla filiera turistica.

2 Iniziative ammissibili Gli interventi ammissibili sono: - sviluppo di prodotti turistici integrati relativi ai macro temi individuati; - realizzazione di strumenti e attività di marketing e comunicazione finalizzati alla migliore penetrazione e posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale; - iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici e commerciali, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi; - iniziative per la definizione e la promo-commercializzazione di itinerari turistici che integrino i macro temi; - strumenti di formazione per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione di marchi e club di prodotto; - creazione di attività e servizi (o sviluppo e rivitalizzazione di quelli già esistenti) coerenti con i macro temi, tenuti presenti gli obiettivi di riferimento e il prodotto proposto; - adeguamenti e ristrutturazione strutture la cui fruizione sia vincolante alla completezza dell offerta proposta comprese le spese connesse alla realizzazione di strutture e servizi complementari all attività svolta; - progettazione direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge; - acquisto automezzi commerciali la cui fruizione sia vincolata all offerta proposta; - certificazioni di qualità delle strutture e dei locali; - spese di personale e coordinamento per la funzionalità operativa e gestionale del progetto nel limite del 10%; - attività di consulenza per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione dell aggregazione svolta dal direttore di prodotto; - realizzazione di segnaletica commerciale e turistica finalizzata alla diffusione delle informazioni a favore del cittadino e del turista; - acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie e arredi, nuovi di fabbrica strettamente necessari alla realizzazione del progetto; - interventi mirati al risparmio e al conseguimento dell efficienza energica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energie rinnovabili non esauribili. Il bando indicherà tra le spese non ammissibili anche quelle riferite a: Le spese per l installazione degli apparecchi da gioco d azzardo lecito, ivi comprese eventuali opere murarie che dovessero rendersi necessarie anche a seguito dell adozione da parte di Regione Lombardia del regolamento accessi di cui all art. 4 c. 10 della L.R. n. 8/13. Contributi Il contributo a fondo perduto sarà pari al 50% dell importo delle spese ammesse secondo l ordine di graduatoria. Ammontare massimo del contributo è pari a ,00 per singola aggregazione. L ammontare minimo delle spese ammonta a ,00. Procedure e termini Il percorso di creazione dei club di prodotto potrebbe essere articolato in due fasi: FASE 1: dal 15 maggio al 30 giugno 2014 Un concorso di idee attraverso il quale si intendono raccogliere le progettualità più significative di soggetti animatori e referenti finali dell aggregazione di imprese che si organizzano per progettare in forma collettiva un nuovo prodotto turistico. FASE 2: dal 1 ottobre al 10 novembre 2014

3 Presentazione di un progetto esecutivo con indicazione dettagliata dei contenuti operativi, della tempistica di realizzazione, delle caratteristiche dei prodotti finali, del quadro economico complessivo delle risorse necessarie. La valutazione verrà effettuata assegnando a ciascun progetto un punteggio sulla base dei criteri indicati. La domanda con la relativa documentazione, sottoscritta con firma digitale, dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata. Riferimenti normativi - D.G.R. n. 1692/14 allegata alla presente

4 La Regione Lombardia, con D.G.R. n. 1589/14, ha approvato il bando per l aggregazione delle imprese del territorio e la creazione di club di prodotto per favorire l attrattività in vista di Expo in collaborazione con la Camera di commercio di Lodi nell ambito dell ADP competitività - Asse 2 Attrattività e competitività dei territori. L obiettivo finale è di sostenere la nascita di un sistema di progettazione innovativa dell offerta turistica e commerciale lodigiana attraverso l identificazione delle risorse turistiche che presentano caratteri di unicità, attrattività internazionale e non replicabilità per arrivare a formulare sistemi di offerta innovativa, in grado di generare un posizionamento distintivo sui mercati internazionali. Tale obiettivo sarà perseguito favorendo l aggregazione di imprese turistiche, commerciali e di servizi, incluse le attività tradizionali dell artigianato, attraverso la creazione di marchi e/o club di prodotto che possano rispondere alla domanda del mercato turistico attuale. Beneficiari e iniziative ammissibili Possono usufruire delle agevolazioni previste dal bando esclusivamente aggregazioni di imprese (minimo tre imprese) rientranti nella categoria di micro, piccole e medie imprese, come definite nell Allegato 1 al Reg. 800/2008, di cui ai codici ATECO 2007 (Allegato 1 al bando), ivi comprese le unità locali delle grandi catene alberghiere della provincia di Lodi. Ogni aggregazione dovrà identificare tra i soggetti proponenti il soggetto capofila che potrà svolgere tale ruolo in 1 sola aggregazione. Ogni beneficiario potrà partecipare ad un massimo di 2 aggregazioni. Nel progetto deve essere obbligatoriamente prevista la figura del product manager, una figura manageriale alternativamente operante o in uno dei soggetti beneficiari o figura consulenziale esterna che potrà essere fornita da soggetto giuridico/economico con sede o unità operativa sul territorio nazionale non necessariamente in provincia di Lodi. Il product manager, identificato dai soggetti beneficiari, indicato esplicitamente nel progetto già nella Fase 1 ( Concorso di idee ), dovrà essere incaricato di organizzare e coordinare l aggregazione di imprese e di sovrintendere a tutte le fasi previste, progettuali ed esecutive, necessarie alla realizzazione del progetto. Possono essere partners aggiuntivi: - Imprese, Associazioni, ATI, Enti, reti di imprese già costituite non necessariamente appartenenti alla filiera turistica. - I partners aggiuntivi non sono beneficiari diretti di contributo; possono partecipare all attività progettuale, qualora la loro presenza fornisca un valore aggiunto alla qualità del progetto. - La presenza di partners aggiuntivi nell aggregazione è da ritenersi non vincolante ai fini della presentazione del progetto. Potranno candidarsi imprese della provincia di Lodi, comprese quelle ubicate nel comune di San Colombano, in grado di offrire, consolidare o rivitalizzare, tramite nuove progettualità, un prodotto turistico esperienziale integrato di nuova concezione che possa essere sostenibile, operativamente e temporalmente, anche oltre l Esposizione Universale prevista nel 2015 e che sia identificabile in almeno uno dei seguenti macro temi: NATURA E GUSTO A titolo esemplificativo: natura (aree protette ed in generale tutto ciò che comporta un attività fisica del fruitore), enogastronomia (esperienze gastronomiche, produzioni locali e a km 0), vita rurale (agriturismo e turismo green); ARTE E CULTURA Musei e siti di interesse artistico, siti industriali, percorsi e siti religiosi; BUSINESS, SHOPPING ED ARTIGIANATO

5 Congressi ed eventi, produzioni tipiche e tradizionali rivisitate in ottica di attrattività e offerta commerciale e artigianale, valorizzazione del fashion e dello shopping come fattore di incoming. I prodotti turistici oggetto del bando dovranno rispettare le normative vigenti in tema di attività turistica e commercializzazione con responsabilità a carico dei soggetti beneficiari. L intervento per cui si richiede un contributo deve prevedere un piano di attività che può essere attuato attraverso più servizi reali rivolti all offerta turistica e commerciale articolati in modo da costituire un progetto integrato. Gli interventi ammissibili sono: a) sviluppo di prodotti turistici integrati relativi ai macro temi di cui sopra; b) realizzazione di strumenti ed attività di marketing e comunicazione finalizzati alla migliore penetrazione e posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale anche in coerenza con le nuove linee strategiche della Regione Lombardia (ad esempio: azioni di comunicazione tradizionale e online, siti web, tecnologie di interfaccia per la prenotazione, materiale promozionale multilingue, partecipazione ed organizzazione di eventi promozionali, ecc.); c) iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici e commerciali, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi; d) iniziative per la definizione e la promo-commercializzazione di itinerari turistici che integrino i macro temi di cui al punto a); a titolo esemplificativo: enogastronomia, turismo accessibile, turismo vocato allo shopping e alla valorizzazione dell offerta commerciale, turismo culturale; e) strumenti di formazione (per il personale titolare, dipendente e preposto, in coerenza con il nuovo posizionamento strategico di Regione Lombardia) per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione di marchi e club di prodotto nei limiti del 30% del valore del progetto; f) creazione di attività e servizi (o sviluppo e rivitalizzazione di quelli già esistenti) coerenti con i macro temi di cui al punto a), con i target di riferimento ed con il focus del prodotto proposto; g) adeguamenti e ristrutturazione strutture la cui fruizione sia vincolante alla completezza dell offerta proposta comprese le spese connesse alla realizzazione di strutture e servizi complementari all attività svolta quali, a titolo di esempio, centri di benessere, impianti sportivi, parcheggi riservati, unità commerciali e relative pertinenze (anche magazzini); h) progettazione direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge, fino ad un valore massimo del 10% dell investimento complessivo ammissibile relativo al punto g); i) acquisto automezzi commerciali la cui fruizione sia vincolata all offerta proposta; j) certificazioni di qualità delle strutture e/o dei locali; k) spese di personale e coordinamento per la funzionalità operativa e gestionale del progetto nel limite del 10%; l) attività di consulenza per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione dell aggregazione svolta dal product manager, nel limite del 50%; m) realizzazione di segnaletica commerciale e turistica finalizzata alla diffusione delle informazioni a favore del cittadino e del turista; n) acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie e arredi, nuovi di fabbrica strettamente necessari alla realizzazione del progetto; o) interventi mirati al risparmio e al conseguimento dell efficienza energica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energie rinnovabili non esauribili (es.impianti per l introduzione di tecnologie di risparmio energetico, riciclo dell acqua, energie alternative) che non abbiano già beneficiato di aiuti statali, comunitari e regionali. p) Costi per la fidejussione di cui al paragrafo 10 del bando Erogazione del contributo. Si precisa che tutte le spese ammissibili devono essere: - al netto dell IVA; - comprovate da fatture quietanzate o documentazione fiscalmente equivalente emesse dal fornitore dei beni/servizi;

6 - comprovate da documentazione bancaria o postale che attesti il pagamento effettivo delle somme esclusivamente da parte del soggetto beneficiario; Ogni intervento ammesso potrà essere rendicontato da un solo soggetto beneficiario appartenente alla stessa aggregazione. Sono ammesse le fatture emesse e quietanzate entro il periodo massimo di ammissibilità delle spese ossia dalla data di pubblicazione del bando fino al 30 novembre I progetti devono avere una durata minima di 6 mesi e devono essere realizzati entro 12 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria sul Burl, termine eventualmente prorogabile su richiesta del beneficiario, per motivi non dipendenti dalla sua volontà, per un periodo non superiore complessivamente a 3 mesi. Contributi Contributi a fondo perduto pari al 50% dell importo complessivo delle spese ritenute ammissibili al netto d IVA concessi secondo l ordine individuato da una graduatoria. L ammontare massimo del contributo riconoscibile è pari a ,00 (a fronte di spese pari o superiori a ,00) per singola aggregazione. L ammontare minimo delle spese è pari a ,00 che corrisponde a un contributo minimo di ,00 per singola aggregazione. Gli aiuti concessi non saranno cumulabili con altre agevolazioni pubbliche comprese quelle di origine comunitaria concesse agli stessi beneficiari e per lo stesso progetto. Procedure e termini Il percorso di creazione dei club di prodotto sarà articolato in due fasi: FASE 1 - Concorso di idee: presentazione e valutazione idee progettuali La domanda con relativa documentazione, sottoscritti con firma digitale, dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo a partire dal giorno 15 aprile 2014 fino al 31 maggio Entro 30 giorni dalla data di scadenza del concorso di idee, i progetti ricevuti saranno valutati da una commissione nominata dal Segretario Generale della Camera di Commercio di Lodi, presieduta dallo stesso e composta dal Segretario Generale medesimo, da un rappresentante dell Ente Camerale, da un consulente esterno con comprovati requisiti di terzietà ed esperienza in materia oltre che da due rappresentanti di Regione Lombardia con competenza in materia. FASE 2 - Progetto esecutivo I soggetti capofila dovranno presentare, tra il 1 luglio 2014 e il 31 agosto 2014, la progettazione esecutiva dei progetti ammessi alla Fase 2. Essa dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo utilizzando documentazione resa disponibile. Entro il 30 settembre 2014, i progetti esecutivi saranno valutati dalla medesima commissione istituita per la Fase 1 e la relativa graduatoria sarà approvata con apposito provvedimento dalla Giunta della Camera di Commercio di Lodi. Riferimenti normativi - D.G.R. n. X/1589/14 (Serie Ordinaria n Venerdì 11 aprile 2014, pag. 2).

7 La Regione Lombardia, con D.G.R. n. X/1655/14, ha approvato il bando per l aggregazione delle imprese del territorio e la creazione di club di prodotto per favorire l attrattività in vista di Expo in collaborazione con la Camera di commercio di Lecco nell ambito dell ADP competitività - Asse 2 Attrattività e competitività dei territori. Obiettivo dell intervento è favorire la creazione di club di prodotto mediante l aggregazione di imprese per promuovere e valorizzare la realtà turistica culturale e paesistica del territorio lecchese anche attraverso il digitale, in stretta connessione con il progetto di sistema locale EcoSmartLand / Lecco Eco Smart City verso e oltre EXPO laboratorio territoriale lecchese per la co-creazione di un sistema integrato di offerta turistica e culturale eco-intelligente. In particolare la proposta si caratterizza per l approccio SMART nei seguenti MACRO-TEMI STRATEGICI: 1. Business e Artigianato (Turismo Industriale ecc), 2. Sport e Turismo Attivo - Sport d acqua, 3. Arte e Cultura. L obiettivo è quello di promuovere in forma integrata il patrimonio culturale e l offerta turistica utilizzando anche il web per la promozione e la vendita; i social network per offrire servizi a communities di turisti erogando i servizi stessi in mobilità via app, valorizzando la cultura attraverso le nuove tecnologie: multimedialità, musei virtuali, realtà aumentata, web communities culturali, ecommerce e così via. Inoltre questa iniziativa potrà favorire la candidatura delle imprese coinvolte nel/nei club di prodotto di EXPLORA più affini per segmento di offerta e supportarle nella qualificazione della propria offerta turistica. Beneficiari e iniziative ammissibili Possono usufruire delle agevolazioni previste dal bando esclusivamente aggregazioni di imprese (minimo tre imprese) rientranti nella categoria di micro, piccole e medie imprese, come definite nell Allegato 1 al Reg. 800/2008, di cui ai codici ATECO 2007 (Allegato 1 al bando), ivi comprese le unità locali delle grandi catene alberghiere della provincia di Lecco. Nel progetto deve essere obbligatoriamente prevista la figura del product manager, una figura manageriale alternativamente operante o in uno dei soggetti beneficiari o figura consulenziale esterna che potrà essere fornita da soggetto giuridico/economico con sede o unità operativa sul territorio nazionale non necessariamente in provincia di Lecco. Il product manager, identificato dai soggetti beneficiari, indicato esplicitamente nel progetto già nella Fase 1 ( Concorso di idee ), dovrà essere incaricato di organizzare e coordinare l aggregazione di imprese e di sovrintendere a tutte le fasi previste, progettuali ed esecutive, necessarie alla realizzazione del progetto. Possono essere partners aggiuntivi: - Imprese, Associazioni, ATI, Enti, reti di imprese già costituite non necessariamente appartenenti alla filiera turistica. - I partners aggiuntivi non sono beneficiari diretti di contributo; possono partecipare all attività progettuale, qualora la loro presenza fornisca un valore aggiunto alla qualità del progetto. - La presenza di partners aggiuntivi nell aggregazione è da ritenersi non vincolante ai fini della presentazione del progetto. Possono candidarsi imprese operanti nei settori del turismo, del commercio e dei servizi anche culturali. Le imprese beneficiarie non possono essere attive nei settori della pesca ed acquacoltura, del settore carboniero. Le imprese attive nel settore dei trasporti non potranno beneficiare dell aiuto qualora il finanziamento sia destinato all acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada per conto terzi. Gli interventi ammissibili sono: - sviluppo di prodotti turistici integrati relativi ai macro temi di cui alla premessa;

8 - realizzazione di strumenti ed attività di marketing e comunicazione finalizzati alla migliore penetrazione e posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale (ad esempio: azioni di comunicazione tradizionale e online, siti web, tecnologie di interfaccia per la prenotazione, materiale promozionale in italiano e nelle lingue dei mercati strategici, partecipazione ed organizzazione di eventi promozionali, ecc.); - iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici e commerciali, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi; - iniziative per la definizione e la promo-commercializzazione di itinerari turistici che integrino i macro temi di cui al punto a); a titolo esemplificativo: enogastronomia, turismo accessibile, turismo vocato allo shopping e alla valorizzazione dell offerta commerciale, turismo culturale; - strumenti di formazione (per il personale titolare, dipendente e preposto, in coerenza con il nuovo posizionamento strategico di Regione Lombardia) per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione di marchi e club di prodotto nei limiti del 30% del valore del progetto; - creazione di attività e servizi (o sviluppo e rivitalizzazione di quelli già esistenti) coerenti con i macrotemi di cui sopra, con i target di riferimento ed con il focus del prodotto proposto; - adeguamenti e ristrutturazione strutture la cui fruizione sia vincolante alla completezza dell offerta proposta comprese le spese connesse alla realizzazione di strutture e servizi complementari all attività svolta quali, a titolo di esempio, centri di benessere, impianti sportivi, parcheggi riservati, unità commerciali e relative pertinenze (anche magazzini); - progettazione direzione lavori, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge, fino ad un valore massimo del 10% dell investimento complessivo ammissibile; - acquisto automezzi commerciali la cui fruizione sia vincolata all offerta proposta; - certificazioni di qualità delle strutture e/o dei locali; - spese di personale e coordinamento per la funzionalità operativa e gestionale del progetto nel limite del 10%; - attività di consulenza per la progettazione di offerte turistiche esperienziali e per la realizzazione dell aggregazione svolta dal product manager nel limite del 50%; - realizzazione di segnaletica commerciale e turistica finalizzata alla diffusione delle informazioni a favore del cittadino e del turista; - acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie e arredi, nuovi di fabbrica strettamente necessari alla realizzazione del progetto; - interventi mirati al risparmio e al conseguimento dell efficienza energica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energie rinnovabili non esauribili (es. impianti per l introduzione di tecnologie di risparmio energetico, riciclo dell acqua, energie alternative) che non abbiano già beneficiato di aiuti statali, comunitari e regionali. - Costi per la fidejussione di cui al paragrafo Tipologia ed ammontare del contributo. Contributi Contributi a fondo perduto pari al 50% dell importo complessivo delle spese ritenute ammissibili al netto d IVA concessi secondo l ordine individuato da una graduatoria. L ammontare massimo del contributo riconoscibile è pari a ,00 (a fronte di spese pari o superiori a ,00) per singola aggregazione. L ammontare minimo delle spese è pari a ,00 che corrisponde a un contributo minimo di ,00 per singola aggregazione. Procedure e termini Il percorso di creazione dei club di prodotto sarà articolato in due fasi: FASE 1 - Concorso di idee: presentazione e valutazione idee progettuali La domanda con relativa documentazione, sottoscritti con firma digitale, dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo a partire dal giorno 15 maggio 2014 fino al 30 giugno 2014.

9 FASE 2 - Progetto esecutivo I soggetti capofila dovranno presentare, tra il 1 ottobre 2014 e il 10 novembre 2014, la progettazione esecutiva dei progetti ammessi alla Fase 2. Essa dovrà essere inviata mediante posta elettronica certificata all indirizzo utilizzando documentazione resa disponibile. Riferimenti normativi - D.G.R. n allegata alla presente

10 Si segnala che Camera di Commercio Milano ha pubblicato il Bando Reti Expo. Il bando verrà presentato in data 26 Maggio, ore 15.00, presso Palazzo Turati Sala Conferenze via Meravigli 9/B A chi Micro, piccole e medie imprese, con sede legale e/o sede operativa nella provincia di Milano, che si aggregano in rete Finalità del bando Finalità del Bando è sostenere sia la creazione sia il consolidamento delle reti d'impresa tra le micro, piccole e medie imprese della provincia; saranno sostenuti i progetti di rete innovativi, in grado di ampliare e migliorare l'offerta di beni e/o servizi capaci di accrescere l'attrattività e la competitività del territorio in vista dell'evento Expo, negli ambiti d'intervento di seguito indicati: PRODOTTI/SERVIZI: Interventi mirati ad ampliare e innovare l'offerta di beni e servizi a disposizione, in occasione dell'expo RICETTIVITÀ E SMART CITY: Interventi mirati a migliorare, in vista di EXPO, la ricettività, l'attrattività e la vivibilità del territorio Caratteristiche del contributo A fondo perduto, copre il 50% delle spese fino a un massimo di Euro per ciascuna rete d'impresa Procedimento Bando a valutazione con graduatoria finale. Quando Le domande posso essere presentate: dalle ore del 3 giugno 2014 ed entro le ore del 30 settembre Per informazioni: Tel. 02/ Questo il link di dettaglio del regolamento del bando Per ulteriori indicazioni e per assistenza nell eventuale presentazione di domanda contattare la Camera di Commercio o la sede provinciale di Confcooperative Milano Lodi Monza Brianza. Distinti saluti

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Articolo I. Obiettivi. Articolo II. Disponibilità finanziarie

Articolo I. Obiettivi. Articolo II. Disponibilità finanziarie Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 114 del 23 aprile 2015 BANDO DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE NELLA FORMA DEL CONTRATTO DI RETE Articolo I. Obiettivi L azione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

PAR FAS - Asse 4 - VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE CULTURALI E QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA E COMMERCIALE

PAR FAS - Asse 4 - VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE CULTURALI E QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA E COMMERCIALE ALLEGATO A PAR FAS - Asse 4 - VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE CULTURALI E QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA E COMMERCIALE - Azione 4.1.2."SOSTEGNO ALLE IMPRESE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO" - Sub-azione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN)

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 Comune di Forlì PRESENTANO EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 NOTTE VERDE e dell'innovazione RESPONSABILE e SETTIMANA DEL BUON VIVERE a cura di Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico AZIENDA SPECIALE

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli