Questa presentazione sarà scaricabile da martedì sul sito: Nella sezione documenti.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questa presentazione sarà scaricabile da martedì sul sito: www.pgpartners.it. Nella sezione documenti."

Transcript

1 Questa presentazione sarà scaricabile da martedì sul sito: Nella sezione documenti.

2 International Background of Transfer Pricing

3 International Background PG & Partners Growing personal and corporate mobility Development of ecommerce CFC avoidance planning by multinationals Expansion of large trade groups Importance of IFRS Commercial change creating tax planning opportunities, especially in the EU area Growing numbers of transfer pricing cases being referred to competent authority 3

4 Transfer Pricing aim to assure the correct allocation of taxable incomes among the various countries where the same group of enterprises operates 4

5 OECD Model Treaty Article 9 [When] conditions are made or imposed between two [associated] enterprises in their commercial or financial relations which differ from those which would be made between independent enterprises, then any profits which would, but for those conditions, have accrued to one of the enterprises, but, by reason of those conditions, have not so accrued, may be included in the profits of that enterprise and taxed accordingly 5

6 Transfer Pricing disputes Primary adjustment one state adjusts a transfer price in accordance with the arm s length principle Corresponding adjustments the other state adjusts the taxable income, accepting the primary adjustment Secondary adjustments 6

7 International Transfer Pricing Guidelines 7

8 The road to here US UE 1917 first US transfer pricing legislation Early 1800 s development of arm s length principle 1970 s & 1980 s Unitary taxation pressures 1915 first UK transfer pricing legislation 1986 treasury task force report on unitary taxation 1916 OECD model taxation convention 1986 Tax Reform Act 1977 Mutual Assistance Directive 1988 White Paper 1984 OECD report 1992 proposed regulations 1980 s International opposition to unitary taxation 1993 temporary US regolations 1990 (2003) Parent-Subsidiary Directive 1995 OECD Guidelines 1-5 final 1990 (2005) Merger Directive 1997 OECD Guidelines 8 final OECD report on 1992 temporary regulations 2002 EU Joint Transfer Pricing Forum OECD report on 1992 proposed regulations 2004 proposed US service regulations 1994 OECD Guidelines Part I (draft) 1995 OECD Guidelines Part II (draft) 1996 OECD Guidelines 6 and 7 final 1997 Code of Conduct for business taxation 2004 Code of Conduct on transfer pricing adjustments 2006 Code of Conduct on transfer pricing documentation 8

9 The OECD Guidelines International consensus on application of the arm s length standard Do not have force of law, but influential in many jurisdictions 9

10 The OECD Guidelines Part I, July 1995 Tangible Transactions Reaffirms arm s length principle p (rejects global formulary approach) Provides standards of comparability that emphasize: Functions performed Risks assumed Assets employed Introduces transactional net margin method Recommends prudent documentation Acknowledges role of penalties in encouraging taxpayer compliance 10

11 The OECD Guidelines Part II, April 1996 Intangibles / Services Recognizes difficulty of finding comparable uncontrolled transactions for intangibles Suggests consideration of anticipated i t benefits possibly net present value R&D costs 11

12 TRANSFER PRICING Transfer prices Income allocation prices charged for transactions provided by one enterprise to an another legal entity of the same group Problem: calculation of intra-group prices between related companies in absence of market forces determination of market prices? 12

13 TRANSFER PRICING / OECD Problem: determination of correct transfer prices for goods, services, technical assistance of trademarks Solution: Separate Entity Approach each enterprise is treated as an independent entity Arm s Length principle transfer prices charged between related parties have to be equivalent to those which would have been charged between independent parties in the same or similar circumstances (art. 9 OECD Model Treaty) 13

14 Arm s Length Principle Transaction between related parties -> market value The market value -> the amount paid between independent parties for the same good / service Failure to comply -> adjustments of revenues / expenses need for comparable data where to get it? 14

15 Types of comparable Controlled Affiliate Controlled Transaction Controlled Affiliate Compare with: Controlled Affiliate Internal comparable Third Party Third Party Et External comparable Third Party 15

16 Traditional Transactional Methods Comparable Uncontrolled Price (CUP) Cost Plus (CP) Resale Price (RP) Transactional Profit Methods Transactional Net Margin (TNM) Profit Split (PS) 16

17 Comparable Uncontrolled Price Method (CUP) OECD s most preferred method Compares the price charged in a controlled transaction to that charged in a comparable uncontrolled transaction Use in practice: commissions, royalties, financing 17

18 Costs Plus Method (CP) Starts from the costs incurred by a supplier of goods / services to which a mark up is added to generate a reasonable profit in light of the functions performed and market conditions Use in practice: sale of finished goods, sale of raw materials, management services, technology cost sharing 18

19 Resale Price Method (RP) Starts from the price at which a product purchased from a related party is resold to an independent party; this is then reduced by the resale price margin so as to generate an appropriate gross profit in light of the functions performed and market conditions Use in practice: distributors 19

20 Transactional Net Margin Method (TNM) Method for testing prices, not setting them Examines the net profit margin relative to an appropriate base (e.g. sales, costs, assets) realised on the transaction Common profit level indicators used in practice (e.g. ROS, ROCE, ROA) Use in practice: routine distribution, manufacturing 20

21 Profit Split (PS) Starts with identifying the combined profit to be split between related parties in a controlled transaction, in a way that would be consistent with division of profits between independent enterprises in a joint venture relationship Use in practice: very interrelated transactions which cannot be evaluated on a separate basis 21

22 Selecting the Most Appropriate Method Economic circumstances Availability of data Accuracy of adjustments Activities carried out Circumstances of the specific case Availability of documentation (v. circolare 32/1980) 22

23 The EU initiatives The Code of Conduct The Common Consolidated Tax Base (CCTB) European Court of Justice (ECJ) cases The Code of Conduct on Transfer Pricing Documentation (TPD) 23

24 The Code of Conduct Major aim: to fight Harmful Tax Competition and preserve tax revenue (avoiding poaching on other countries tax bases) But progress in the CdC (and state aid policies) is leading (by explicit recognition of policy makers) to a surge in competition on the general tax system. Clear examples are: the reduction in tax rates (Ireland, but also the new accession countries), and the diffusion of the participation exemption for inter- company dividends and capital gains Paradoxically, tax revenue might decrease (and tax induced distortions increase) 24

25 The Common Consolidated Tax Base (CCTB) Proposal for a common consolidated tax base (CCTB), with formula apportionment (FA), (COM(2001), 582) Major aims: to reduce compliance costs, allow full cross border loss offset and remove transfer pricing problems In fact, problems of transfer pricing would re-emergeemerge if value added (at origin) was used as factor of apportionment. Tax rate competition to attract profits (profit shifting) would not be removed If capital was included in the formula, there would be tax rate competition to attract capital and multinationals 25

26 The Common Consolidated Tax Base (CCTB) In perspective, the success of this proposal would increase tax competition on rates. In the USA (adopting a similar system) there is strong tax competition on weights in the formula (towards sales only). It is suggested that in the EU weights should be fixed. The setting of rates will remain the only tool available (maybe along with some investment incentives, compatible with the Treaty and the definition of the common tax base) In the USA the federal tax rate (35%) acts as a floor, and the divergence between states rate is much narrower (about 5 percentage point) than in the EU (about 40 pp.) 26

27 European Court of Justice decisions Increasing number of cases in direct (corporate) tax issues Major guiding principle: no discrimination between domestic and other EU member states taxpayers Defence by member states based on the fiscal cohesion principle, the need to ensure effective fiscal supervision and to prevent tax avoidance are no more considered (in recent decisions) valid justification to discriminate The ECJ decisions aim at defending the basic principles of fthe Treaty (freedom of establishment) t)but also end up dismantling important aspects of the national tax systems, and might be very costly in terms of revenue losses 27

28 The Code of Conduct on Transfer Pricing Documentation (TPD) Regards the documentation to be filed for fiscal purposes: Masterpiece Country Specific Requirements 28

29 Masterpiece 1. General description of the business and business strategy including changes in the business strategy compared to the previous tax year and sector analysis 2. General description of the group s organisational, legal and operational structure 3. General identification of the associated enterprises engaged in controlled transactions involving enterprises in the European Union (EU) 4. General description of the functions performed and risks assumed and description of their changes compared to the previous tax year 5. General description of the controlled transactions involving enterprises in the EU 6. Ownership of intangibles and royalties paid or received 7. Group s intercompany Transfer Pi Pricingi policy or description of the Group s Transfer Pricing system that explains the arm s length nature of the Company s Transfer Prices 8. Collection of the whole documents to comply with EU regulation 29

30 1. Detailed description of the business and business strategy, including changes in the business strategy compared to the previous tax year 2. Information about controlled transactions 3. Explanation about the selection and application of the Transfer Pricing methods, i.e. why a specific Transfer Pricing method was selected and how it was applied 4. Comparability analysis and information on internal and/or external comparables if available 5. Description of the implementation and application of the Group's inter-company Transfer Pricing policy 30

31 Normativa locale Arm s lenght nella rete delle convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni (vertice della gerarchia delle norme) TUIR: artt. 9 c. 3, e 110 c. 7 (più, ovviamente, le norme generali sui componenti di reddito) Circolare: 32/1980

32 PROBLEMATICHE INFRAGRUPPO PG & Partners ASPETTI CIVILISTICI E CONTRATTUALI DEI CONTRATTI INFRAGRUPPO 32

33 FORMA PG & Partners E NECESSARIA LA FORMA SCRITTA? Il contratto è concluso nel momento in cui chi ha fatto la proposta ha conoscenza dell accettazione dell altra parte. La forma, pertanto, ex art c.c. è libera se non risulta prescritta dalla legge. Tuttavia, è di fatto necessario che i contratti infragrup- po abbiano forma scritta sia per ragioni i di carattere fiscale, che per ragioni di responsabilità civile con riferi- mento all operato degli amministratori. 33

34 VALIDITA PG & Partners DUALISMO FRA VALIDITA CIVILISTICA E DEDUCIBILITA FISCALE Gli elementi richiesti per la validità civilistica del contratto sono essenziali anche per la deducibilità dei costi dei relativi servizi infragruppo. Un contratto civilisticamente nullo non può generare costi fiscalmente deducibili per mancanza del requisito della certezza di cui all art. 109, c. 1, T.U.I.R.. 34

35 VALIDITA REQUISITI PER LA VALIDITA : Anche i contratti infragruppo devono rispettare le norme generali sulla validità dei contratti con riferimento a: l oggetto (ex art e sg. c.c.) la causa (ex art e sg. c.c.) il contenuto dell accordo e le modalità di esecuzione 35

36 VALIDITA PG & Partners UN ERRORE DA EVITARE Il contratto firmato dalla stessa persona che è contemporaneamente amministratore sia della casa madre, sia della filiale, è annullabile. 36

37 RESPONSABILITA OBBLIGO DEGLI AMMINISTRATORI Con riferimento alle società soggiacenti a direzione e coordinamento, l art prevede una responsabilità diretta degli amministratori che devono verificare che le direttive ricevute (condizioni contrattuali infragruppo) corrispondano ai principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale. 37

38 RESPONSABILITA OBBLIGO DEGLI AMMINISTRATORI Con particolare riferimento ai rapporti economicopatrimoniale infragruppo,,gli amministratori della dominata italiana hanno il dovere di non applicare le direttive sui prezzi di trasferimento che risultano lesive degli interessi dei soci e dei creditori sociali (come avverrebbe trasferendo utili all estero per effetto di meccanismi di sovra o sotto fatturazione) qualora i danni da queste derivanti non risultino compensati da altri benefici di appartenenza al gruppo. 38

39 RESPONSABILITA OBBLIGO DEGLI AMMINISTRATORI Come conseguenza di quanto prima esposto, gli amministratori devono esercitare fino in fondo i diritti contrattuali contenuti nel service agreement a beneficio della società che rappresentano. Peraltro, i costi derivanti dal mancato esercizio di un diritto non sono deducibili (per mancanza di inerenza) a meno che si provi che da tale comportamento deriva un beneficio per la società. 39

40 RESPONSABILITA PG & Partners OBBLIGO DEGLI AMMINISTRATORI Ne deriva che, ove ciò rappresentasse un indiscusso vantaggio per la società che rappresentano, gli amministratori devono avvalersi anche delle eventuali possibilità di: recedere dall accordo per inadempimento della controparte (ex art e sg) risolvere il contratto per eccessiva onerosità (ex art sg) richiedere l annullamento del contratto per errore essenziale e riconoscibile dalla controparte (ex art c.c.). 40

41 RESPONSABILITA PG & Partners NON OTTEMPERAMENTO Il mancato rispetto dell obbligo precedentemente indicato potrebbe comportare l indeducibilità dei costi in capo alla società e conseguenze patrimoniali i personali in capo agli amministratori. In assenza di dolo, difficilmente le problematiche inerenti ai servizi infragruppo possono comportare rischi penali. 41

42 LE CONSEGUENZE FISCALI DELLE NUOVE NORME IN TEMA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO E DI STABILE ORGANIZZAZIONE NEI RAPPORTI INFRAGRUPPO 42

43 LE INCERTEZZE INIZIALI Le nuove norme sulla "direzione e coordinamento" e sul concetto fiscale di stabile organizzazione hanno aumentato il rischio che la filiale l italiana possa essere considerata una stabile organizzazione della controllante estera? In quali casi la filiale Italiana potrebbe essere considerata stabile organizzazione della casa madre estera? Con quali conseguenze? La "casa madre" estera che esercita la direzione e coordinamento può essere chiamata a rispondere dei debiti per gli accertamenti tributari subiti dalla controllata italiana? Questo rischio potrebbe essere maggiore in caso di transfer pricing errato imposto dalla casa madre? In caso di prezzi di trasferimento inadeguati possono esservi responsabilità civili e penali in capo agli amministratori in Italia? 43

44 RIFERIMENTI NORMATIVI E FINALITA PG & Partners La normativa in esame è stata introdotta con la riforma del diritto societario ed è raccolta negli attuali articoli sexies del Codice Civile. Non è stata proprio una novità. Uno dei principi cardini del Codice Civile italiano è contenuto nell art che, al fine di rendere ognuno responsabile del proprio operato o mancato operato, prevede che: chiunque cagioni ad altri un danno ingiusto è tenuto a risarcirlo. Era quindi già esistente una responsabilità per la società controllante/dominante che impartisce direttive che arrecano pregiudizio agli interessi dei soci di minoranza o dei creditori delle società controllate/dominate (c n GI 1986, I, 1, 1650; Trib. Orvieto GI 1988, I,2,501; C App. Milano ). 1995) 44

45 RIFERIMENTI NORMATIVI E FINALITA PG & Partners Nella relazione di accompagnamento al D. lgs. 6/2003 (riforma societaria) si legge che il legislatore ha ritenuto che il problema centrale del fenomeno del gruppo fosse quello di definire la responsabilità della dominante nei confronti dei soci e dei creditori sociali della dominata. 45

46 NON E STATA FORNITA UNA DEFINIZIONE DI GRUPPO A differenza della normativa tedesca che prevede una specifica definizione di Gruppo di Imprese ( 18 AktG - Konzern) e che ben definisce il dominio di fatto ( 311 Aktg faktischer Aktienkonzern), nella normativa italiana non si ha una definizione generale di gruppo, bensì si hanno diversi richiami al concetto di unica impresa operante tramite più forme giuridiche diverse secondo la finalità a cui la singola normativa è destinata. 46

47 ALCUNI PRE-ESISTENTI RICHIAMI NORMATIVI AL CONCETTO DI GRUPPO Art c.c., concetto di controllo (influenza dominante) e di collegamento ; Testo Unico Bancario, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, artt. 60 ss.: disciplina speciale del gruppo creditizio e direzione unitaria della capogruppo; Art. 90 d.lg. 270/1999: responsabilità degli amministratori i t i per abuso di direzione unitaria nell amministrazione straordinaria; Art. 80, c.1., n. 3 d.lg. 270/1999: laddove cita le imprese che, per la composizione degli organi amministrativo e sulla base di altri concordanti elementi, risultano soggetti ad una direzione comune ; D.lg. 127/1991: attuazione della VII direttive europea in materia di bilancio consolidato di gruppo; 47

48 ALTRI PRE-ESISTENTI RICHIAMI NORMATIVI AL CONCETTO DI GRUPPO Il gruppo di società è considerato come un unica impresa anche per il diritto comunitario della concorrenza e questa posizione è stata condivisa anche dall Autorità garante della concorrenza e del mercato (Relazione annuale per il 1990, Gcomm. 1992, I, 181). 48

49 ALTRI PRE-ESISTENTI RICHIAMI NORMATIVI AL CONCETTO DI GRUPPO Il termine gruppo è utilizzato, senza una specifica definizione, nel Codice civile agli articoli: 2545-septies; 2621, 2622 e2634 Mentre la normativa fiscale si occupa dei gruppi di impresa in materia di: società controllate estere, prezzi di trasferimento, stabile organizzazione, capitalizzazione sottile, consolidato fiscale e dichiarazione IVA di gruppo. 49

50 IL LEGISLATORE HA SCELTO DI NON DEFINIRE IL CONCETTO DI GRUPPO Lo si legge nella Relazione e di accompagnamento a o al D. lgs. 6/2003 (riforma societaria). Il legislatore si è uniformato al prevalente orientamento dottrinale secondo il quale non sarebbe possibile dare una definizione unitaria di gruppo a valenza generale ma sarebbe meglio mantenere diverse nozioni secondo le diverse discipline e le diverse finalità a cui le stesse si riferiscono. Per questo motivo la suddetta Relazione spiega che qualunque nuova nozione (di gruppo) si sarebbe dimostrata inadeguata all incessante evoluzione della realtà sociale, economica e giuridica. 50

51 LA NORMA NON FORNISCE UNA DEFINIZIONE DI DIREZIONE E COORDINAMENTO è tuttavia possibile ritenere che una società sia soggetta a direzione e coordinamento da parte di un altra società quando: i suoi organi amministrativi subiscono le direttive/decisioni provenienti dall altra società; rilevanti compiti direttivi e/o funzioni amministrative riguardanti la sua gestione sono accentrati presso l altra società, o presso società da questa dominate; i suoi amministratori dipendono di fatto dall altra società e non sono dotati dell autonomia gestionale tipica degli amministratori 51

52 L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO SI CONCRETIZZA IN: direttive impartite dalla società dominante e trasmesse attraverso deliberazioni o altri mezzi formali alle singole società dominate le quali sono tenute ad uniformarsi. (Si veda già in passato la Corte di Cassazione: n n CI 1992 n n FI 1996, I, 1222) 52

53 VI E QUINDI UN POTENZIALE CONFLITTO DI INTERESSI PG & Partners in cui potrebbero trovarsi gli amministratori delle società dominate nell eseguire le direttive della società dominante e di conseguenza sorge la necessità di tutelare i soci di minoranza e i creditori delle società dominate Ciò si traduce a sua volta nella necessità di definire: gli interessi da tutelare i soggetti obbligati ad assicurare la tutela le modalità di attuazione della tutela 53

54 GLI INTERESSI DA TUTELARE: sono individuati id nell art. 2497: nella redditività ità e nel valore della partecipazione i (per i soci di minoranza) nell integrità del patrimonio sociale (per i creditori) 54

55 I SOGGETTI OBBLIGATI AD ASSICURARE LA TUTELA: PG & Partners Sono gli amministratori sotto il controllo del Collegio Sindacale o del Consiglio di Sorveglianza, ove esistenti. Lo si rileva: sia dai preesistenti articoli 2394 (Responsabilità degli amministratori verso i creditori sociali per la conservazione dell integrità del patrimonio) e 2394 bis 2395 (azione di responsabilità contro gli amministratori da parte del curatore fallimentare o del singolo socio); sia dai nuovi obblighi previsti in capo agli amministratori dall art. art bis (indicazione nella corrispondenza, iscrizione nell apposita sezione del Registro delle Imprese, esposizione nella nota integrativa, indicazione nella Relazione sulla Gestione). 55

56 LE MODALITA DI ATTUAZIONE DELLA TUTELA: 1. istituzione di nuovi obblighi di pubblicità al fine di individuare il soggetto che esercita la direzione e coordinamento e di soppesarne l influenza avuta sui risultati ti economici, i finanziari i i e patrimoniali i della società dominata (art bis); 2. presunzione relativa di esercizio dell attività di direzione e coordinamento da parte della controllante ai sensi dell art (art sexies) e concetto di direzione e coordinamento sulla base di un contratto (art septies) V. contratto di dominazione nel diritto tedesco ( 291 AktG Beherschungsvertrag Gewinnabfuerungsvertrag) 3. individuazione delle fattispecie di responsabilità della società dominante e del relativo diritto del socio danneggiato o del creditore insoddisfatto di poter agire contro quest ultima (art. 2497); 4. assegnazione di uno specifico diritto itt di recesso al socio di società dominata (art quater); 5. postergazione dei rimborsi dei finanziamenti ricevuti dalla società dominata o da altre società da questa dominate (art quinquies). 56

57 RESPONSABILITA DELLA SOCIETA DOMINANTE: si verifica quando le direttive da questa impartite: in violazione dei principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale i arrecano pregiudizio alla redditività e al valore della partecipazione sociale o cagionano lesioni all integrità del patrimonio della società (art. 2497). 57

58 RESPONSABILITA DELLA SOCIETA DOMINANTE Il legislatore ha ritenuto di tutelare gli interessi di gruppo, per via delle sinergie i e della maggiore efficienza i che questi possono apportare alle singole società appartenenti al gruppo, stabilendo che: Non vi è responsabilità della società dominante: quando il danno risulta mancante alla luce del risultato complessivo dell attività di direzione e coordinamento ovvero integralmente eliminato anche a seguito di operazioni a ciò dirette (art. 2497) 58

59 NECESSITA DI PROVARE IL NESSO CAUSALE Esiste la presunzione relativa che la società controllante (ai sensi del 2359) esercita anche un attività di direzione e coordinamento (art.2497 sexies), ma resta a carico dell attore in giudizio dover provare che: 1. il pregiudizio agli interessi dei soci e/o dei creditori sia stato creato dall esecuzione delle direttive impartite dalla società dominante; 2. le direttive hanno violato i principi p di corretta gestione societaria e imprenditoriale. 59

60 LA LEGGE NON DEFINISCE I PRINCIPI DI CORRETTA GESTIONE SOCIETARIA E IMPRENDITORIALE Questo è un altro problema a carico dell attore in giudizio. Sempre nella relazione al D. lgs 6/2003, si legge che il richiamo a formule generali è ineliminabile nella gestione commercialistica (alcuni esempi sono: i principi di correttezza professionale di cui all art e i principi p di corretta amministrazione di cui all art. 2403) e che spetterà a dottrina e giurisprudenza individuare e costituire i principi di corretta gestione imprenditoriale e societaria posti nel nuovo testo a tutela del bene partecipazione. 60

61 RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI DELLA SOCIETA DOMINATA L art prevede una responsabilità diretta degli amministratori che va ad aggiungersi alla tutela del socio di cui all art art e a quella dei creditori sociali di cui all art La normativa riconosce il diritto di dirigere e coordinare le società controllate/dominate demandano agli amministratori della società dominata il compito di: ottemperare agli obblighi di pubblicità di cui all art 2497 bis verificare la correttezza (da cui la legittimità) delle direttive impartite dalla società dominante

62 RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI DELLA SOCIETA DOMINATA Gli amministratori devono esaminare e filtrare le direttive provenienti dalla società dominante al fine di verificare: 1. se comportano pregiudizio ai prima menzionati interessi dei soci di minoranza e dei creditori sociale della società dominata; 2. se sono contrarie ai i principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale ; i 3. se i danni causati ai soci e ai creditori dalle singole direttive vengono eliminati da altri benefici derivanti dall appartenenza appartenenza al gruppo o da specifiche operazioni destinate a questo scopo.

63 RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI DELLA SOCIETA DOMINATA Gli amministratori della società dominata possono essere chiamati a rispondere patrimonialmente dei danni causati ai soci di minoranza o ai creditori dall esecuzione delle direttive impartite dalla società dominante o dalla mancata ottemperanza degli obblighi di pubblicità di cui all art bis. 63

64 LA NORMATIVA ESAMINATA HA AUMENTATO IL RISCHIO CHE LA CONTROLLATA ITALIANA POSSA ESSERE RICONOSCIUTA STABILE ORGANIZZAZIONE DELLA CONTROLLANTE ESTERA? La risposta è no per due motivi: 1. la normativa sulla direzione e coordinamento non ha obiettivi fiscali come invece ha la normativa in tema di stabile organizzazione. I presupposti affinché una filiale italiana di società straniera possa essere riconosciuta come stabile organizzazione della sua controllante continuano a dipendere dall accertamento degli elementi reali che sono individuati nelle convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni stipulate dall Italia e nell art. 162 del nuovo TUIR; 2. si tratta di normativa locale, pertanto, anche qualora avesse apportato delle modifiche alle fattispecie di legge italiana per l individuazione di una stabile organizzazione, prevalgono le norme di cui alle convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni stipulate dall Italia. 64

65 LA DOMINANTE ESTERA PUO ESSERE CHIAMATA A RISPONDERE DEI DEBITI TRIBUTARI DELLA DOMINATA ITALIANA DETERMINATI DALLE DIRETTIVE IMPARTITE SUI PREZZI DI TRASFERIMENTO? La risposta è sì. Infatti, un errata definizione dei prezzi trasferimento può produrre: sia una lesione degli interessi dei soci di minoranza (diminuzione della redditività e del valore della partecipazione), sia una lesione degli interessi dei creditori (lesione all integrità del patrimonio). 65

66 LA DOMINANTE ESTERA PUO ESSERE CHIAMATA A RISPONDERE DEI DEBITI TRIBUTARI DELLA DOMINATA ITALIANA DETERMINATI DALLE DIRETTIVE IMPARTITE SUI PREZZI DI TRASFERIMENTO? Abbiamo appena visto che la risposta è sì. Aggiungiamo che: ai fini civilistici l amministrazione finanziaria è un creditore sociale, ma col vantaggio di poter accedere a informazioni non facilmente accessibili agli altri creditori. Può quindi più facilmente dimostrare il nesso causale fra la direttiva eseguita e il danno creato. 66

67 PREZZI DI TRASFERIMENTO: I RISCHI PATRIMONIALI PER GLI AMMINISTRATORI gli amministratori i t i della dominata italiana hanno il dovere di non applicare le direttive sui prezzi di trasferimento che risultano lesive degli interessi dei soci e dei creditori sociali (come avverrebbe trasferendo utili all estero per effetto di meccanismi di sovra o sotto fatturazione) qualora i danni da queste derivanti non risultino compensati da altri benefici di appartenenza al gruppo. 67

68 PREZZI DI TRASFERIMENTO: I RISCHI PATRIMONIALI PER GLI AMMINISTRATORI PG & Partners L esistenza di una specifica normativa in materia di prezzi di trasferimento (art. 110 TUIR e art. 9 Conven- zion bilaterali contro le doppie imposizioni su Modello OCSE) fornisce, in questo caso, anche i parametri di riferimento per valutare se sono stati applicati i principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale che non sono espressamente definiti iti nella normativa civilistica. ili Ciò aumenta i rischi in capo agli amministratori e alla società dominante. 68

69 PREZZI DI TRASFERIMENTO: I RISCHI PENALI PER GLI AMMINISTRATORI Dichiarazione fraudolenta di cui all art. 2 D. lgs. 74/2000: presuppone l uso di fatture o documenti per operazioni inesistenti al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto. Non coinvolge i prezzi di trasferimento se: le operazioni sono realmente esistenti e vengono effettivamente fatturate (anche se sovra o sotto fatturate rispetto al valore normale di cui all art art. 9 TUIR) per gli importi effettivamente corrisposti. 69

70 PREZZI DI TRASFERIMENTO: I RISCHI PENALI PER GLI AMMINISTRATORI Dichiarazione fraudolenta di cui all art. 3 D. lgs. 74/2000: presuppone una condotta fraudolenta, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, che si concretizzi nell utilizzo di false rappresentazioni nelle scritture contabili obbligatorie e di mezzi fraudolenti idonei ad ostacolarne l accertamento. Il reato non sussiste se per ogni imposta evasa non si superano ,33 euro o se l ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all imposizione non è superiore al 5% dell ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o non supera ,69 euro. Non coinvolge i prezzi di trasferimento se: le operazioni sono realmente esistenti e vengono effettivamente fatturate (anche se sovra o sotto fatturate rispetto al valore normale di cui all art. 9 TUIR) per gli importi effettivamente corrisposti. 70

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO

La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013. dott. Andrea DE VIDO La disciplina del Transfer Price Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO Definizione: Transfer Pricing Il transfer price (prezzo di trasferimento) è il corrispettivo dello scambio di beni o servizi

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA ITALIANA Aspetti pratici, legali e tributari, dei contratti di distribuzione, di licenza di marchi e brevetti, i prezzi di trasferimento e l accertamento fiscale Bologna,

Dettagli

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing

TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing TRANSFER PRICING PREVENIRE O ATTENDERE? Introduzione al transfer pricing Per cominciare 6 domande sul transfer pricing COSASONOI«PREZZIDITRASFERIMENTO»? PERCHÉSENEPARLA? COMESIDETERMINANO? INCHEMODOSIDOCUMENTANO?

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO

LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO LA DISCIPLINA DEI PREZZI DI TRASFERIMENTO Articolo 9 MC Imprese associate [Associated enterprises] Allorché a) un impresa di uno Stato contraente partecipa direttamente o indirettamente alla direzione,

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Transfer Pricing Perugia 9 LUGLIO 2015 Dott. Antonio Telesca

Transfer Pricing Perugia 9 LUGLIO 2015 Dott. Antonio Telesca Direzione Regionale dell Umbria Transfer Pricing Perugia 9 LUGLIO 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI Art. 110 comma 7 del T.U.I.R.; Circ. Ministeriale 22 settembre 1980, n.32/9/2267; Art. 26 del D.L.

Dettagli

Profili fiscali dell e-commerce. Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista

Profili fiscali dell e-commerce. Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista Il commercio elettronico: aspetti legali, finanziari e tecnologici Profili fiscali dell e-commerce Giovanni Rolle Centro Universitario per il Commercio Europeo ed Estero Dottore Commercialista Torino,

Dettagli

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva

Fiscal News N. 334. Cessione di partecipazioni estere. La circolare di aggiornamento professionale 04.12.2013. Potestà impositiva Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 04.12.2013 Cessione di partecipazioni estere Potestà impositiva Categoria: Imposte dirette Sottocategoria: Varie La tassazione della plusvalenza

Dettagli

Prot. n. 2016/ 49121. IL DIRETTORE in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

Prot. n. 2016/ 49121. IL DIRETTORE in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2016/ 49121 Imprese bancarie non residenti. Metodi di calcolo del fondo di dotazione di cui all art. 152, comma 2, secondo periodo, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R.

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

PROBLEMI DI TRANSFER PRICING PER LE STABILI ORGANIZZAZIONI. Giuseppe Ascoli. Milano, 5 dicembre 2012

PROBLEMI DI TRANSFER PRICING PER LE STABILI ORGANIZZAZIONI. Giuseppe Ascoli. Milano, 5 dicembre 2012 PROBLEMI DI TRANSFER PRICING PER LE STABILI ORGANIZZAZIONI Giuseppe Ascoli La determinazione del reddito della Stabile Organizzazione - Reddito di impresa e stabile organizzazione - Rapporti tra stabile

Dettagli

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi Contrasto alla delocalizzazione dei redditi Giusta repressione o fobia anti-elusiva?

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI:

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI: 6. Finanze 1 - Operazioni di capitalizzazione e di finanziamento delle PMI e proposte per contrastare la crisi economica in adesione ai principi europei dello Small Business Act Sono noti i motivi finanziari

Dettagli

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015 Appunti euroritenuta Torino 30 giugno 2015 Agreements between the EU and five European countries On 2 June 2004, the Council adopted a Decision on the signature and conclusion of an Agreement between the

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Ciclo di conversazioni sul transfer pricing

Ciclo di conversazioni sul transfer pricing ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI di Ivrea-Pinerolo-Torino Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali Ciclo di conversazioni sul transfer pricing Mauro Ranalli Torino, maggio 2005 CICLO DI CONVERSAZIONI SUL

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

TRANSFER PRICING. Avv. Tommaso Fonti. nuovi oneri di documentazione. Ancona, 16 Giugno 2011

TRANSFER PRICING. Avv. Tommaso Fonti. nuovi oneri di documentazione. Ancona, 16 Giugno 2011 TRANSFER PRICING nuovi oneri di documentazione Avv. Tommaso Fonti Ancona, 16 Giugno 2011 CONTENUTO DELLA PRESENTAZIONE Tratteremo nell ordine: 1) Considerazioni preliminari sulla strutturazione del gruppo

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner

Prezzi di trasferimento in Italia. Rödl & Partner Prezzi di trasferimento in Italia 1 Contenuto 01 Introduzione e contesto normativo 02 Documentazione sui prezzi di trasferimento 03 Altre tematiche di transfer pricing e servizi di R&P 2 Contenuto 01 Introduzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici

Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici Con il D.Lgs. 192/212 il governo ha anticipato l adozione delle disposizioni contenute nella direttiva 2011/7/UE (la cui attuazione era

Dettagli

Aree Target. Evasione Fiscale. Frode. Piergiorgio Valente. Pianificazione Fiscale Aggressiva

Aree Target. Evasione Fiscale. Frode. Piergiorgio Valente. Pianificazione Fiscale Aggressiva ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE DEL TRANSFER PRICING: Analisi funzionale: come predisporla Analisi di comparabilità: come realizzarla Benchmarking analysis: quali i contenuti essenziali Contrattualistica: come

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE MANOVRA D ESTATE 2008: LA DEDUCIBILITA AI FINI IVA E PER LE IMPOSTE SUI REDDITI Il D.L. n. 112/2008, ha adeguato la normativa nazionale

Dettagli

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali E-commerce Aspetti giuridici e fiscali Le principali problematiche legali e fiscali legate all e-commerce Milano 22 ottobre 2015 Dott. Beniamino Lo Presti www.avvghibellini.com www.studiovlp.it www.madv.eu

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Jacopo Berengario, 51 41121 Modena tel. +39 059.2056745/2 - fax. +39 059.2056743

COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Jacopo Berengario, 51 41121 Modena tel. +39 059.2056745/2 - fax. +39 059.2056743 CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA EX ARTT. 2222 E SS. C.C. La..., in persona del suo legale rappresentante, sig.., nato a.. ( ) il / /, con sede legale in. ( ), Via.., C.F. e P.IVA:.., di seguito denominata

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Workshop Regionale. Il contratto di rete. Aspetti civilistici e fiscali. Bologna, 3 aprile 2012

Workshop Regionale. Il contratto di rete. Aspetti civilistici e fiscali. Bologna, 3 aprile 2012 Workshop Regionale Il contratto di rete Aspetti civilistici e fiscali Bologna, 3 aprile 2012 Il contratto di rete: scopo Con il contratto di rete più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9)

OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9) giugno 2011 OCSE: Modello di convenzione contro le doppie imposizioni (art. 9) OCSE: Transfer pricing guidelines for multinational enterprises and tax administration (giugno 2000) Contesto t normativo

Dettagli

L inquadramento fiscale delle! operazioni immobiliari! 28/02/2013!

L inquadramento fiscale delle! operazioni immobiliari! 28/02/2013! L inquadramento fiscale delle operazioni immobiliari 28/02/2013 Le conseguenze fiscali di un operazione di trasferimento immobiliare sono differenti in base alla natura e allo status dei soggetti coinvolti

Dettagli

Economia e gestione dei gruppi Anno accademico 2013/2014 IL BILANCIO CONSOLIDATO. Bilancio Consolidato l eliminazione delle operazioni infragruppo

Economia e gestione dei gruppi Anno accademico 2013/2014 IL BILANCIO CONSOLIDATO. Bilancio Consolidato l eliminazione delle operazioni infragruppo Economia e gestione dei gruppi Anno accademico 2013/2014 IL BILANCIO CONSOLIDATO 1 Il metodo integrale l eliminazione delle operazioni infragruppo Il metodo di consolidamento integrale è disciplinato dall

Dettagli

Il contratto di agenzia Profili fiscali

Il contratto di agenzia Profili fiscali Il contratto di agenzia Profili fiscali Giorgio Orlandini 11/05/2010 Le provvigioni Le provvigioni in capo all agente si qualificano come redditi d impresa, a prescindere che l attività sia svolta in forma

Dettagli

Decreto Crescita e internalizzazione: le novità

Decreto Crescita e internalizzazione: le novità Periodico informativo n. 131/2015 OGGETO: Decreto Crescita e internalizzazione: le novità Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è stato

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come successivamente modificato (il Regolamento Emittenti AIM

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 -

MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - Premessa In applicazione dell art. 11 combinato con l art. 17 e l art. 31 del Regolamento Emittenti AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale (il Regolamento

Dettagli

DECRETO CRESCITA E INTERNALIZZAZIONE

DECRETO CRESCITA E INTERNALIZZAZIONE INFORMAZIONE FLASH N. 35 17/11/2015 Gentili clienti Loro sedi DECRETO CRESCITA E INTERNALIZZAZIONE Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

Assegnazione e cessione beni ai soci

Assegnazione e cessione beni ai soci MAP Assegnazione e cessione beni ai soci Le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 A cura di Alberto Marengo Dottore Commercialista in Torino L articolo esamina la disciplina introdotta dalla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA

CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA Tra - la società/ditta individuale (di seguito, per brevità: il Cedente), con sede in, P.IVA ; rappresentata ai fini del presente atto dal sig., C.F. e - la società Alma

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

Studio E. GUARDUCCI - C. LORENZINI & ASSOCIATI dottori commercialisti

Studio E. GUARDUCCI - C. LORENZINI & ASSOCIATI dottori commercialisti Dott. Enrico Guarducci Dott. Domenico Ciafardoni Dott. Salvatore Marchese Ai Preg.mi Signori Clienti Loro Sedi Perugia, 23.03.2010 Approfondimento n. 1/2010 RISERVATO ALLE SOCIETA DI CAPITALI E DI PERSONE

Dettagli

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE

RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 10/2014 del 27 marzo 2014 RIMANENZE di MAGAZZINO CONTABILITÀ e VALUTAZIONE SOMMARIO 1. CATEGORIE OMOGENEE... 2 2. CRITERI di VALUTAZIONE... 2 Criterio base...

Dettagli

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA Natura giuridica e attivita dell Ufficio di Rappresentanza L ufficio di rappresentanza (Representative Office, RO) e la forma piu semplice di presenza in Cina per le imprese

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA Le problematiche che attengono alla concessione di un finanziamento da parte dei soci di una società sono diverse, a secondo che si

Dettagli

Il Revisore Principale e i revisori secondari vengono in seguito denominati congiuntamente Revisori di Gruppo.

Il Revisore Principale e i revisori secondari vengono in seguito denominati congiuntamente Revisori di Gruppo. LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A SOCIETÀ DI REVISIONE 1. Oggetto della procedura La presente procedura (di seguito la Procedura ) disciplina il conferimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

La prova della cessione intracomunitaria

La prova della cessione intracomunitaria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 97 31.03.2014 La prova della cessione intracomunitaria Le maggiori difficoltà si rinvengono nelle cessioni con la clausola franco fabbrica Categoria:

Dettagli

Nota integrativa nel bilancio abbreviato

Nota integrativa nel bilancio abbreviato Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 120 23.04.2014 Nota integrativa nel bilancio abbreviato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie La redazione del bilancio in forma

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong di Cristiano Donnet La Convenzione è stata firmata in data 14 gennaio 2013 Il Segretario ai Servizi Finanziari del Tesoro, Professor KC Chan,

Dettagli