Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 1 di 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10"

Transcript

1 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 1 di 10 INDICE INDICE SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE DIAGRAMMA DI FLUSSO RESPONSABILITÀ DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ RIFERIMENTI ALLEGATI...10 Preparato (Firma): SIC Interno e Servizio Ingegneria Clinica Autorizzato (Firma): Direttore sanitario P.P.O.O. di Rete Autorizzato (Firma): Direttore Sanitario Aziendale Autorizzato (Firma): Direttore Amministrativo aziendale Approvazione (Firma): Direttore Generale Data:

2 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 2 di SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità operative e le responsabilità attraverso le quali deve essere attivata una richiesta di intervento tecnico di manutenzione correttiva sulle apparecchiature biomediche oggetto del Servizio di Ingegneria Clinica. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti i reparti/servizi della ASL di Nuoro nel momento in cui, a seguito di un avaria riscontrata su di un apparecchiatura biomedica, è necessario procedere ad una richiesta di intervento tecnico correttivo. Le apparecchiature oggetto del servizio, a qualunque titolo in uso alla ASL di Nuoro, sono indicativamente le seguenti: Apparecchiature elettromedicali e relativi accessori (sostanzialmente tutti i dispositivi elettrici utilizzati a scopo di diagnosi, trattamento, monitoraggio, supporto, riabilitazione) Apparecchi di laboratorio e relativi accessori utilizzati per l effettuazione di esami chimici Apparecchi per bioimmagini e relativi accessori Attrezzature biomedicali ( lampade scialitiche, tavoli operatori, letti da degenza e terapia intensiva, unità per dialisi, frigoriferi biologici,ecc.) Computer e relative periferiche, collegati alle apparecchiature di cui ai precedenti punti, con uso specifico a corredo delle tecnologie biomediche. Sono in particolare escluse dal servizio le attività manutentive riguardanti: attrezzature tecnico economali attrezzature informatiche non funzionalmente connesse alle apparecchiature medicali oggetto del servizio impianti attivi e passivi per l evacuazione dei gas impianti di trattamento/addolcimento acque ottiche rigide sfigmomanometri, fonendoscopi strumentario chirurgico

3 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 3 di 10 trasformatori d isolamento/ gruppi di continuità (se non inseriti all interno delle apparecchiature) 3. DIAGRAMMA DI FLUSSO FASE 1 Richiesta di intervento tecnico correttivo (Referente di reparto) Modulo di Richiesta di Intervento Allegato n.1 FASE 2 Accettazione richiesta di intervento (Operatore Call Center) Software di gestione FASE 3 Sopralluogo in reparto Primo intervento (Tecnico Incaricato) FASE 4 Risoluzione dell avaria (Tecnico Incaricato, Tecnico ditta esterna) FASE 5 Chiusura dell intervento (Tecnico incaricato, Referente di reparto) Rapporto di Lavoro Allegato n.2

4 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 4 di RESPONSABILITÀ Il Referente di reparto/servizio è abilitato a comunicare al Servizio di Ingegneria Clinica le richieste di intervento sia telefonicamente ( numero verde ) che via fax. L elenco dei referenti abilitati a richiedere l intervento sarà predisposto dal SIC interno in accordo con le direzioni sanitarie di presidio. Sarà cura del SIC interno aggiornare quando necessario tale elenco. In linea generale i referenti sono identificati come qui di seguito specificato: caposala-capotecnico se presente medico di guardia se caposala-capotecnico non presente Il Referente di reparto o suo delegato è responsabile di apporre il timbro, la firma e il nome in stampatello sul rapporto di lavoro compilato dal Tecnico incaricato alla chiusura dell intervento. L Operatore del Call Center è la risorsa che, registrando i dati dell apparecchiatura e procedendo alla sua identificazione mediante il software di gestione, accetta la chiamata assegnando all intervento un numero di protocollo univoco e lo comunica al SIC interno. Il Tecnico incaricato del Servizio di Ingegneria Clinica è la risorsa responsabile di gestire l intervento, mediante un primo sopralluogo in reparto, la raccolta di tutte le informazioni utili all identificazione dell avaria e l effettuazione di tutte le operazioni necessarie al ripristino della funzionalità dell apparecchiatura. Il Tecnico specializzato della ditta costruttrice è la risorsa destinata ad intervenire nei casi in cui l apparecchiatura sia sotto garanzia o contratto di manutenzione oppure nel caso in cui l intervento sia di particolare complessità.

5 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 5 di 10 Il Direttore Tecnico della SPV ha la responsabilità della verifica del corretto andamento del servizio di manutenzione e dell effettiva esecuzione degli interventi richiesti. Ha inoltre la responsabilità di segnalare tempestivamente al SIC interno eventuali criticità operative. IL SIC interno verifica tutte la fasi del percorso degli interventi di manutenzione tramite il sistema informativo. Verifica inoltre gli aspetti qualitativi e l efficienza dell organizzazione del laboratorio tecnico, l adeguatezza del magazzino dei pezzi di ricambio e dei consumabili e il curriculum professionale dei tecnici impiegati presso l Azienda Sanitaria di Nuoro. 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ FASE 1 Richiesta di intervento Per aprire una richiesta di intervento occorre chiamare il Call Center telefonando al seguente numero verde: Il Call Center è attivo sei giorni la settimana secondo l orario: dal lunedì al venerdì : 8,30 17,00 e il sabato : 8,30 13,00. Al di fuori dell orario sopra specificato è disponibile un servizio di reperibilità 24h al giorno per le chiamate di emergenza provenienti dai reparti critici e per le apparecchiature vitali. Il servizio viene attivato mediante chiamata diretta al tecnico di turno attraverso il numero di cellulare: In allegato (All. 1) è disponibile un facsimile del modulo per la Richiesta di Intervento via fax.

6 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 6 di 10 Presso ciascun reparto/servizio sarà reso disponibile un blocco di tali moduli per evadere le varie richieste di intervento. Il referente di reparto deve fornire i seguenti dati fondamentali: 1. Numero di inventario dell apparecchiatura (etichetta nera) 2. Nominativo e telefono del referente per ulteriori contatti 3. Nome de Reparto/Servizio che richiede l intervento 4. Tipo di apparecchiatura, marca, modello e numero di matricola 5. Descrizione del problema riscontrato 6. Tipo di guasto (bloccante, non bloccante l attività sanitaria) 7. Disponibilità dell apparecchiatura (fascia oraria in cui si richiede l intervento) Il modulo andrà compilato in tutte le sue parti e in particolare è necessario inserire il numero di inventario biomedicale dell apparecchiatura; in mancanza di tale identificativo non sarà possibile processare la richiesta di intervento. E altrettanto determinante, al fine di evadere la chiamata, fornire almeno il nominativo e il telefono del referente di reparto e una descrizione dell avaria riscontrata. NOTA - APPARECCHIATURE NON PRESENTI IN INVENTARIO: Nel caso in cui si evidenzi che l apparecchiatura risulta per qualche motivo non censita, occorrerà procedere alla sua inventariazione contestualmente all apertura della chiamata di manutenzione correttiva. In tal caso il Call Center attiverà anche le risorse opportune per procedere al censimento dell apparecchio. NOTA - APPARECCHIATURE IN SERVICE, NOLEGGIO, VISIONE, ECC. : Per le apparecchiature in uso nei Presidi Ospedalieri e nelle strutture Territoriali della ASL a titolo diverso dalla proprietà (service, noleggi, visioni, ecc.), il Servizio di Ingegneria Clinica garantirà

7 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 7 di 10 comunque le attività di supporto alla gestione inventariale, le verifiche di sicurezza elettrica e la gestione informatizzata di tutte le attività anche effettuate da terzi su tali apparecchiature. Questo significa che tutte le richieste di assistenza su tali apparecchiature dovranno essere inoltrate secondo le medesime modalità operative elencate nella presente procedura, mediante l invio della richiesta al Call Center tramite numero verde o fax. FASE 2 Gestione della richiesta La seconda fase è rappresentata dalla gestione della richiesta. Il Call Center si avvarrà di un operatore specializzato in grado di interloquire efficacemente con gli utilizzatori in caso di necessità di reperire ulteriori informazioni. L operatore registra i dati comunicati dal richiedente sul software di gestione, identificando l apparecchiatura mediante il numero di inventario e indicando la data e l ora della richiesta. L operatore provvede quindi a verificare la correttezza e la completezza di tutti dati riportati nella richiesta nonché la presenza di eventuali richieste già attive a carico dello stesso apparecchio e assegna, tramite il software di gestione, un numero alla richiesta di intervento e lo comunica al referente di reparto. Tale numero è univoco e può essere utilizzato in qualsiasi momento per verificare lo stato della chiamata. L operatore quindi verifica la posizione gestionale dell'apparecchiatura di cui si richiede la riparazione: se è di proprietà, in comodato d'uso, in service, a noleggio, e se è sotto garanzia o coperta da un contratto di manutenzione diretto tra ASL e ditte terze. Sulla base di queste informazioni l operatore procede ad attivare il Capo Tecnico del Servizio di Ingegneria Clinica o la Ditta pertinente per quell apparecchio. Il Capotecnico potrà procedere successivamente, se è il caso, ad attivare uno dei tecnici residenti in laboratorio per effettuare il primo intervento, tenendo conto anche di eventuali segnalazioni del reparto circa la disponibilità della macchina. FASE 3 Sopralluogo in reparto e primo intervento La terza fase è costituita dal primo intervento.

8 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 8 di 10 Avuto in consegna il foglio di richiesta, il tecnico, nei tempi previsti dal disciplinare, ma anche in base alla urgenza e a eventuali fasce orarie di disponibilità del reparto, si reca presso i locali dove è ubicata l apparecchiatura oggetto della richiesta, identificandola e verificando, anche con la raccolta di informazioni da parte degli operatori sanitari, la congruità del motivo della richiesta e la complessità dell intervento di riparazione eventualmente necessario. In funzione del tipo di avaria riscontrata e/o di altre valutazioni, lo stesso provvede alla immediata riparazione; diversamente attiva le procedure per l esecuzione di un successivo intervento risolutivo. Nel caso in cui l intervento non sia risolutivo il Tecnico incaricato procede comunque alla compilazione di un rapporto di lavoro in cui dichiara che l apparecchiatura è in attesa di riparazione indicandone il motivo. Una copia di tale rapporto viene lasciata al Referente di reparto, che la controfirma per accettazione. L apparecchiatura in attesa di riparazione non deve essere adoperata. MANUTENZIONE CORRETTIVA TEMPI PER SOPRALUOGO IN REPARTO E PRIMO INTERVENTO Entro due ore (più il tempo tecnico per raggiungere la sede dell intervento) dalla ricezione della chiamata nelle sedi ospedaliere Aziendali, Entro quattro ore (più il tempo tecnico per raggiungere la sede dell intervento) in quelle extraospedaliere dei Distretti di Sorgono, Macomer e Siniscola. FASE 4 Risoluzione dell avaria La quarta fase è la risoluzione dell avaria. In alcuni casi può coincidere col primo intervento. I casi in cui il primo intervento non è risolutivo possono essere schematizzati come segue: Attesa materiali: necessità di specifico materiale o parte di ricambio, non disponibile in Laboratorio; Trasferimento in Laboratorio: il medesimo personale del Servizio di Ingegneria Clinica rileva la necessità di intervenire con mezzi tecnici disponibili presso i Laboratori interni; Richiesta esterna: è necessario procedere ad un intervento specialistico da parte della Ditta costruttrice;

9 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 9 di 10 Altri casi: ad esempio qualora si necessiti di altro personale qualificato del Servizio di Ingegneria Clinica con specifica competenza sul prodotto; Il Capo Tecnico sulla base del rapporto di lavoro compilato dal Tecnico incaricato provvede, se è il caso, ad attivare le eventuali ulteriori attività: Approvvigionamento del materiale necessario Contatta con la Ditta costruttrice per l esecuzione di un intervento specialistico Seleziona, sollecita, controlla gli interventi non conclusi o non ancora effettuati dalle ditte esterne Predispone la spedizione dell apparecchiatura presso il produttore, attivando uno specifico servizio di trasporto Qualora la risoluzione dell intervento si prospetti particolarmente lunga, il Capo Tecnico provvede a informare il SIC interno e la Direzione Sanitaria di presidio circa i tempi di ripristino previsti e a sostituire temporaneamente l apparecchiatura con il muletto, nei casi previsti. Per la risoluzione di casi di estrema urgenza su apparecchi in aree critiche il Servizio di Ingegneria Clinica potrà richiedere un autorizzazione alla Direzione Sanitaria per l utilizzo di dispositivi sanitari uguali, o loro parti funzionanti, già presenti nelle strutture dell Azienda Sanitaria e disponibili per una sostituzione provvisoria. MANUTENZIONE CORRETTIVA TEMPO DI RISOLUZIONE DEL GUASTO 80% dei casi entro la fine della giornata lavorativa successiva a quella di ricezione della richiesta (nel caso di guasti che sono stati risolti esclusivamente con risorse umane e materiali interne alla ditta appaltatrice); 90% dei casi entro 5 giorni lavorativi dall'accertamento dell avaria (nel caso di guasti che richiedono la sostituzione di parti di ricambio e/o la spedizione dell'apparecchio presso laboratori esterni). FASE 5 Chiusura dell intervento

10 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 10 di 10 L ultima fase è la chiusura dell intervento. Una volta risolto definitivamente l intervento, l apparecchiatura sarà riconsegnata al reparto. Per ogni intervento il Tecnico incaricato redigerà un dettagliato Rapporto di Lavoro finale. Tale rapporto dovrà essere controfirmato dal personale ASL abilitato e i relativi dati saranno inseriti nel sistema informativo di gestione. Particolari situazioni operative, quali la non rintracciabilità dei ricambi, la non riparabilità, o il decadere delle essenziali condizioni di sicurezza dell apparecchiatura, saranno documentate dal Capo Tecnico e trasmesse al Direttore Tecnico che congiuntamente al SIC interno valuterà quali azioni è opportuno intraprendere. Se il caso lo richiede si potrà arrivare a disporre il fuori uso del bene. L apparecchiatura dichiarata fuori uso sarà identificata mediante opportuno cartellino e non dovrà assolutamente essere adoperata. Segnalazione di non conformità Il referente di Reparto o Servizio qualora si verificasse il mancato rispetto della presente procedura dovrà segnalare le eventuali anomalie alla Direzione Sanitaria del Presidio e al SIC interno tel. n , fax n RIFERIMENTI Disciplinare di gestione del servizio di ingegneria clinica. Procedura Generale linee di comportamento per la stesura delle procedure in ASL 7. ALLEGATI All. 1 - Modulo di richiesta di intervento All. 2 - Rapporto di lavoro

Procedura di Acquisto Attrezzature Biomedicali

Procedura di Acquisto Attrezzature Biomedicali e g i o n e A u t o n o m a d e l l a S a r d e g n a COD. 004 VESIONE 001 DATA 26/05/2009 Pagina 1 di 9 POCEDUA INDICE INDICE...1 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. DIAGAMMA DI FLUSSO...3...3

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA.

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA. REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA. LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI INGEGNERIA CLINICA Il Servizio di Ingegneria Clinica si occupa dell'aspetto gestionale e strategico

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA Allegato A) ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 795 DEL 21 DICEMBRE 2015 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA LINEE GUIDA SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI INGEGNERIA

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE Ingegneria Clinica PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE 05/06/2014 Pag. 2 di 13 INDICE 1) Diagrammi di flusso... 2)

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Brindisi

Azienda Sanitaria Locale di Brindisi Azienda Sanitaria Locale di Brindisi Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito e in prova/visione. SOMMARIO Titolo I Disposizioni generali Art.

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

VERBALE n. 5. Svolge le funzioni di segretario l Ing. Geido Elio.

VERBALE n. 5. Svolge le funzioni di segretario l Ing. Geido Elio. VERBALE n. 5 della COMMISSIONE GIUDICATRICE dell APPALTO per AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI ED ATTREZZA- TURE TECNICO SCIENTIFICHE IN UNIONE DI ACQUISTO

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese MODALITA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE Approvato con delib. G.C. n. 9 del 21.01.2006 - esecutiva Per l utilizzo corretto del sistema informatico,

Dettagli

Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito. Art. 1. Art. 2

Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito. Art. 1. Art. 2 Regolamento per l accettazione di donazioni e per l acquisizione dei beni in comodato d uso gratuito Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina il procedimento d accettazione di donazioni

Dettagli

VERBALE n. 4 --------------------------

VERBALE n. 4 -------------------------- VERBALE n. 4 della COMMISSIONE GIUDICATRICE dell APPALTO per AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI ED ATTREZZA- TURE TECNICO SCIENTIFICHE IN UNIONE DI ACQUISTO

Dettagli

Regolamento per l accettazione di donazioni, comodati e di concessione di usufrutto e di attrezzature.

Regolamento per l accettazione di donazioni, comodati e di concessione di usufrutto e di attrezzature. Regolamento per l accettazione di donazioni, comodati e di concessione di usufrutto e di attrezzature. Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina il procedimento d accettazione di

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

APPARECCHIATURE BIOMEDICALI E ATTREZZATURE ACCESSORIE

APPARECCHIATURE BIOMEDICALI E ATTREZZATURE ACCESSORIE Ingegneria Clinica ========================================================= FOGLIO DI CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA ALL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 54.2015/00046 del 20/05/2015 OGGETTO Intervento tecnico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

Tecnologia Web. Personalizzabile. CLINGO Asset management on web. Tecnologia Web. Personalizzabile Facile da usare. Facile da usare. www.clingo.

Tecnologia Web. Personalizzabile. CLINGO Asset management on web. Tecnologia Web. Personalizzabile Facile da usare. Facile da usare. www.clingo. www.clingo.it CLINGO Asset management on web Tecnologia Web Tecnologia Web CLINGO è un sistema per la gestione dei servizi biomedicali totalmente basato su WEB che può essere utilizzato ovunque all interno

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI di tutti i contratti specifici di: SicurNet Liguria S.r.l. SOMMARIO: 1. Fonti legislative e riferimento agli impianti; 2. Condizioni economiche; 3. Esclusioni,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI

CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI CAPITOLATO SPECIALE DI LEASING OPERATIVO ED ASSISTENZA TECNICA MACCHINE FOTOCOPIATRICI E STAMPANTI MONOCROMATICHE/COLORI E MULTIFUNZIONI PORTATILI Art. 1 Oggetto dell appalto...1 Art. 2 Caratteristiche

Dettagli

PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO

PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO PROTOCOLLO AZIENDALE SULLA MODALITÁ DI FORMULAZIONE DELLE RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO PREMESSE Il presente Regolamento intende disciplinare le modalità con le quali dovranno essere formulate le richieste

Dettagli

Azienda USL 3 Pistoia Via Sandro Pertini, 708 51100 PISTOIA Partita IVA 01241740479

Azienda USL 3 Pistoia Via Sandro Pertini, 708 51100 PISTOIA Partita IVA 01241740479 Oggetto: Regione Toscana Azienda USL 3 Pistoia Via Sandro Pertini, 708 51100 PISTOIA Partita IVA 01241740479 Lavori di manutenzione ordinaria delle opere edili ed affini, degli impianti idrico sanitari,

Dettagli

LOTTO1 CAPITOLATO TECNICO

LOTTO1 CAPITOLATO TECNICO Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Ufficio II LOTTO1 Procedura comunitaria

Dettagli

Prot.113766. Bologna, 8/11/2013 RC/SZ DISCIPLINARE DI GARA

Prot.113766. Bologna, 8/11/2013 RC/SZ DISCIPLINARE DI GARA Dipartimento Amministrativo Servizio Acquisti Metropolitano Settore Attrezzature e Prodotti Informatici Il direttore Prot.113766 RC/SZ Bologna, 8/11/2013 DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA N.146 /2013:

Dettagli

Sommario ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱȱ ȱ

Sommario ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱ ȱȱ ȱ Sommario Sommario... 2 1. Definizioni... 4 2. Oggetto dell appalto... 6 3. Servizi Esclusi... 8 4. Gruppi a onerosità di servizio omogenea... 9 5. Durata dell appalto... 10 6. Importo dell appalto... 10

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI APPALTO 1/21. Per accettazione Il legale rappresentante (timbro e firma):

CAPITOLATO TECNICO DI APPALTO 1/21. Per accettazione Il legale rappresentante (timbro e firma): SERVIZI INTEGRATI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI AUSILI ELETTRICI E NON DI CUI AL D.M.332/99 E DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI IN DOTAZIONE PRESSO I PAZIENTI DOMICILIARI E PRESENTI AL SERVIZIO

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI. CODICE CIG. N. 4665032A2E N. Gara 4598255 ART. 1 OGGETTO E IMPORTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO D ONERI. CODICE CIG. N. 4665032A2E N. Gara 4598255 ART. 1 OGGETTO E IMPORTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA PER L ASSEGNAZIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE GLOBALE DELLE APPARECCHIATURE/ATTREZZATURE BIOMEDICHE/ELETTROMEDICALI IN USO PRESSO LE STRUTTURE TERRITORIALI E OSPEDALIERE

Dettagli

"PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013" Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013 Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro CONTESTO PATRIMONIALE QUO ANTE TIPOLOGIA DELL INTERVENTO: Progettazione, riqualificazione e ampliamento delle

Dettagli

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale DISCIPLINARE TECNICO Allegato A al Capitolato d Oneri 1 Premessa Il presente capitolato tecnico

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Approvvigionamenti delegato dal Direttore Generale dell Azienda con delibera regolamentare

Dettagli

DEFINIZIONI PRELIMINARI

DEFINIZIONI PRELIMINARI DEFINIZIONI PRELIMINARI PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DELLA PRIMA FASE DI ACCREDITAMENTO PROVVISORIO Si riportano di seguito alcune definizioni di termini utilizzati nel presente documento. ALLEGATO N. 2

Dettagli

Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione

Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione CAPITOLATO TECNICO PER CONSEGNA, COLLAUDO, GARANZIA E MANUTENZIONE DI N. 1 SISTEMA PET/CT (Positron Emission

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA U.L.S.S. n. 7 UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA Sede : Via Lubin 16, - 31053 PIEVE DI SOLIGO - Telefono (0438) 663931 Codice Fiscale - P. IVA 00896790268 UNI EN ISO 9001:2000 certificato n 13724/05/S DOCUMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL MATERIALE FUORI USO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL MATERIALE FUORI USO Settore Patrimonio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL MATERIALE FUORI USO pg. 1 Settore Patrimonio T. 0706093891 - F. 0706093201 INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - DISMISSIONE DEI BENI MOBILI ART. 3 - DISMISSIONE

Dettagli

Allegato E. Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio

Allegato E. Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio Allegato E Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio ISTRUZIONE OPERATIVA 19.04 Manutenzione Preventiva INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 MODALITA 4 RIFERIMENTI 5 GESTIONE

Dettagli

Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi

Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi Pagina

Dettagli

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO 1. DEFINIZIONI Lavori di pronto intervento: tutte quelle opere di cui all art. 176 del DPR 207/2010, che si rendono necessarie in ragione di eventi

Dettagli

Direttore Scientifico FOCUS Prof. Sebastiano Andò

Direttore Scientifico FOCUS Prof. Sebastiano Andò Università della Calabria Centro Sanitario Regione Calabria Scuola di FOrmazione Continua Universitaria in Sanità Ente NO PROFIT fondato dall ASP di Cosenza e dall Università della Calabria Accreditato

Dettagli

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI 1 CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale, nell ambito dell ordinamento

Dettagli

più alternative proposte: barrare l alternativa presentata in questa scheda alternativa A alternativa B alternativa C alternativa D alternativa E

più alternative proposte: barrare l alternativa presentata in questa scheda alternativa A alternativa B alternativa C alternativa D alternativa E (da compilarsi a cura della ditta concorrente) TIPOLOGIA DI APPARECCHIATURA RICHIESTA: VITRECTOMO Quantità di apparecchiature identiche richieste all interno del lotto in questione: 1 proposta unica più

Dettagli

FORNITURA DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP 6 SERVIZI IN CONVENZIONE

FORNITURA DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP 6 SERVIZI IN CONVENZIONE FORNITURA DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP 6 SERVIZI IN CONVENZIONE 1. SERVIZI COMPRESI NEL PREZZO DEI PERSONAL COMPUTER I servizi descritti nel presente paragrafo sono connessi ed accessori alla fornitura

Dettagli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli Convegno A.R.E. Rimini 2009 L acquisto e la gestione del farmaco Governare il post-gara: magazzini farmaceutici interaziendali e problematiche relative alla gestione logistica efficiente del contratto

Dettagli

1.2 TIPOLOGIA DI ACQUISIZIONE Acquisto Noleggio Service Leasing Donazione Comodato d'uso. 1.3 PRIORITA' PER IL REPARTO Alta Media Bassa

1.2 TIPOLOGIA DI ACQUISIZIONE Acquisto Noleggio Service Leasing Donazione Comodato d'uso. 1.3 PRIORITA' PER IL REPARTO Alta Media Bassa Modello Acquisto Nuova Apparecchiatura Sanitaria Al Direttore Generale SEDE U.O. Proponente Dipartimento Centro di Costo Telefono Unità Operativa Protocollo e Data E-mail Prima richiesta Richiesta successiva

Dettagli

Sistema Informativo. Gestione Servizio Ingegneria Clinica

Sistema Informativo. Gestione Servizio Ingegneria Clinica Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.org Servizio con sistema di gestione certificato ISO 9001:2008 Sistema Informativo

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008 LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008 INDICE Informazioni sul prodotto e sul servizio...2 Servizi accessori...3 Monitoraggio del servizio...3 Tempi di avvio della

Dettagli

info@biotecnica.eu www.biotecnica.eu

info@biotecnica.eu www.biotecnica.eu Apparecchiature elettromedicali - Assistenza tecnica specializzata Consulenza e servizi per la sanità - Servizi di ingegneria clinica Servizi di logistica e deposito - Verifiche norme CEI - Prodotti sanitari

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi CATANIA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI DELL AZIENDA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ASL TO 1 S.C. GESTIONE ATTREZZATURE SANITARIE ALLEGATO A Procedura negoziata per l affidamento in economia del servizio di manutenzione ordinaria conservativa, di riparazione di tutti gli impianti gas

Dettagli

Applicazioni per Centri Assistenza

Applicazioni per Centri Assistenza Applicazioni per Centri Assistenza SOLUZIONI GESTIONALI PER LE AZIENDE //TDAINFORMATICA/ ERP/ CENTRO ASSISTENZA TECNICA INTRODUZIONE GESTIONE DEGLI INTERVENTI TREND TNG CENTRO ASSISTENZA TECNICA: LO STRUMENTO

Dettagli

Controlli di Qualità ICRP Ruolo del responsabile sanitario

Controlli di Qualità ICRP Ruolo del responsabile sanitario Sez. Radioprotezione e Radiobiologia Controlli di Qualità ICRP Ruolo del responsabile sanitario Dario Visconti Direttore U.O. Radiologia Ospedale Cavalese Dipartimento Strutturale di Radiodiagnostica APSS

Dettagli

PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA

PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA Rev 2 del 01.07.2010 UNI EN ISO 9001: 2008 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 01.07.2010 Dr. Ing. C. Dr. Ing. C. Dr.ssa M.G. Colombo

Dettagli

89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877

89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 GARA INFORMALE PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA DITTA CUI AFFIDARE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E

Dettagli

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO

STRUTTURA AZIENDALE PROVVEDITORATO ECONOMATO IL DIRIGENTE RESPONSABILE: DR. DAVIDE A. DAMANTI CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO AI SENSI DELL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA HARDWARE E

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SCHEDA ASSISTENZA TECNICA

CAPITOLATO SPECIALE SCHEDA ASSISTENZA TECNICA CAPITOLATO SPECIALE SCHEDA ASSISTENZA TECNICA OGGETTO: PROCEDURA APERTA N. 58/2014 PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E POSA IN OPERA DI UNA TAC DUAL ENERGY PRESSO L ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI DI BOLOGNA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI ART. 1 OGGETTO DELL INVENTARIO Sono assoggettate all inventario, secondo le norme del presente regolamento, tutte le immobilizzazioni

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

1. TIPOLOGIA DEL SERVIZIO

1. TIPOLOGIA DEL SERVIZIO Contratto di fornitura di assistenza tecnica n. / 2014 Tra C.A.Datalab Via Sambuco, 102 37032 Monteforte d Alpone (VR) Tel.: +39 366-1854712, Cod. Fisc. e P.IVA: 03713290231 e Ragione sociale P.IVA/codice

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA POLICLINICO VITTORIO EMANUELE CATANIA SERVIZI INTEGRATI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE E DEI DISPOSITIVI SANITARI DI PROPRIETÀ DELL AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA

Dettagli

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel UNI EN ISO 9001:2008 ALL. 3/1 QUESTIONARIO TECNICO PER SISTEMI DI MONITORAGGIO PAZIENTI, SISTEMI DA ANESTESIA E VENTILATORI PER NIV PER REPARTI VARI DEL NUOVO BLOCCO NORD DELL OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA. Allegato B

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA. Allegato B AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA Allegato B CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA IN SERVICE, LA MANUTENZIONE E LA CONDUZIONE OPERATIVA PER 5 ANNI, DEL GESTIONALE PER I LABORATORI DI ANALISI

Dettagli

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI, DEGLI ACQUISTI, DELLA LOGISTICA E GLI AFFARI GENERALI UFFICIO X CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA FORNITORI DI MATERIALI

SCHEDA ANAGRAFICA FORNITORI DI MATERIALI Pag.1 1) Denominazione o ragione sociale.. 2) Forma giuridica e/o costitutiva: Ditta individuale Società di capitali: S.p.A. S.r.l. S.a.p.A. Cooperativa Società di persone: S.a.s. S.n.c. S.d.f. Consorzio

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 SOMMARIO 1. Scopo 2 2. Generalità 2 3. Applicabilità 2 4. Termini e Definizioni 2 5. Riferimenti 2 6. Responsabilità ed Aggiornamento 3 7. Modalità operative 3 REVISIONI N REV.

Dettagli

ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA

ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA Nel caso di inconvenienti tecnici che dovessero protrarsi oltre le 48 ore sui collegamenti telematici o comunque sul funzionamento del sistema di protocollo, su disposizione

Dettagli

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini L IMPORTANZA DELLA GESTIONE OPERATIVA DA PARTE DELLA STRUTTURA SANITARIA: l Allegato G della norma UNI EN ISO 7396-1, campo di applicazione, obiettivi responsabilità e funzioni chiave coinvolte. Relatore

Dettagli

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI 04/2013 Certificazione di malattia e visite mediche di controllo INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI COME OTTENERE IL CERTIFICATO DI MALATTIA Per ottenere il certificato

Dettagli

La gestione integrata di safety e security in ospedale

La gestione integrata di safety e security in ospedale La gestione integrata di safety e security in ospedale Focus su: Centrale gestione Allarmi Tecnologici Gas medicali, antincendio, security, controllo accessi, frigoriferi, ascensori, impianti elettrici

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA SULLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA - PARTE ALTA TECNOLOGIA

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA SULLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA - PARTE ALTA TECNOLOGIA CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA SULLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA - PARTE ALTA TECNOLOGIA ART. 1) OGGETTO ART. 2) MANUTENZIONE PREVENTIVA ART. 3) MANUTENZIONE

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015 RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO A.I.S.O 17 aprile 2015 Sterilizzazione : lo stato di fatto Momento fondamentale di prevenzione nel controllo del rischio infettivo Direttiva CEE 42/93 Norme UNI-EN

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA'

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' Art. 1 Servizio di Pronta Reperibilità- Istituzione e finalità 1.Nell ambito del Territorio del Comune di Ruffano è

Dettagli

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it www.oppaterni.com P.IVA 00526840558 cod. fisc. 80000070559 CAPITOLATO TECNICO Art.

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERCORSO DI ADATTAMENTO E FORNITURA DELLE PROTESI ACUSTICHE PER LE AZIENDE AUDIOPROTESICHE CONVENZIONATE CON L ASL DI MILANO

REGOLAMENTO DEL PERCORSO DI ADATTAMENTO E FORNITURA DELLE PROTESI ACUSTICHE PER LE AZIENDE AUDIOPROTESICHE CONVENZIONATE CON L ASL DI MILANO Dipartimento SSB - Cure Primarie SC Assistenza Protesica, Integrativa e Medicina Complementare SS Protesica Maggiore REGOLAMENTO DEL PERCORSO DI ADATTAMENTO E FORNITURA DELLE PROTESI ACUSTICHE PER LE AZIENDE

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS.

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. 1 PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. CAPITOLATO TECNICO 1 OGGETTO Il presente appalto prevede la manutenzione ordinaria ed evolutiva del sistema RIS PACS a marchio FujiFilm

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO DI EMERGENZA OFFERTO AI CLIENTI PISANO ASCENSORI. 3

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO DI EMERGENZA OFFERTO AI CLIENTI PISANO ASCENSORI. 3 Il Servizio CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO DI EMERGENZA OFFERTO AI CLIENTI PISANO ASCENSORI. 3 Orari e regolamentazione 4 Tipologie del servizio 6 ISTRUZIONI OPERATIVE 7 Chiamate per persone rimaste

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA ASSICURATIVA MONTE ORE A SCALARE EROGABILE SOLO NELLE PROVINCE DI MILANO, MONZA E BRIANZA, COMO, LECCO, BERGAMO.

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA ASSICURATIVA MONTE ORE A SCALARE EROGABILE SOLO NELLE PROVINCE DI MILANO, MONZA E BRIANZA, COMO, LECCO, BERGAMO. Via A.Volta 15 20852 Villasanta (MB) Tel 02/320621045 039/2878371 Fax 039/8942443 Partita I.V.A. 03481330961 http://www.helpdeskcomputer.it Mail: contact-us@helpdeskcomputer.it CONTRATTO DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Fermo quanto disposto dal Codice Civile-Titolo V, art. 769 e segg.,

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE (REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE)

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE (REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE) GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE (REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE) FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari

Dettagli

STRUTTURE SANITARIE E SOCIOSANITARIE

STRUTTURE SANITARIE E SOCIOSANITARIE Sono i requisiti minimi autorizzativi che devono essere soddisfatti da tutte le strutture sanitarie e socio sanitarie pubbliche e private per l esercizio dell attività sanitaria. REQUISITI STRUTTURALI

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Sistema di visualizzazione e manipolazione di immagini medicali tramite monitor ampio doppio touchscreen

Sistema di visualizzazione e manipolazione di immagini medicali tramite monitor ampio doppio touchscreen Allegato A CAPITOLATO TECNICO Sistema di visualizzazione e manipolazione di immagini medicali tramite monitor ampio doppio touchscreen LUOGO DI ESECUZIONE DELLA FORNITURA: Il sistema deve essere installato

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PER MEDICAL MALPRACTICE AMBULATORI, POLIAMBULATORI DAY SURGERY PRIVATI CONVENZIONATI E NON CONVENZIONATI

ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PER MEDICAL MALPRACTICE AMBULATORI, POLIAMBULATORI DAY SURGERY PRIVATI CONVENZIONATI E NON CONVENZIONATI ASCURAZIONE DELLA RESPONSABILITA CIVILE PER MEDICAL MALPRACTICE AMBULATORI, POLIAMBULATORI DAY SURGERY PRIVATI CONVENZIONATI E N CONVENZIONATI Istituzione sanitaria: Proposta - Questionario DATI IDENTIFICATIVI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI FARMACIE. 3.3 Area di informazione ed educazione sanitaria

CARTA DEI SERVIZI FARMACIE. 3.3 Area di informazione ed educazione sanitaria Contratto di Servizio Allegato A Approvato con Deliberazione CC n. 64 del 29/11/2011 CARTA DEI SERVIZI FARMACIE Articolo 1 Natura del servizio e finalità della carta Articolo 2 - Principi fondamentali

Dettagli

Guida ai Servizi. Servizio di Ingegneria Medica. Redazione RSGQ/SIM. Approvazione RSP/SIM. Validazione UATP-URP. Emissione RSGQ/SIM

Guida ai Servizi. Servizio di Ingegneria Medica. Redazione RSGQ/SIM. Approvazione RSP/SIM. Validazione UATP-URP. Emissione RSGQ/SIM Servizio di Ingegneria Medica Guida ai Servizi Causale preparazione / modifica documento: Varie Modifiche Redazione RSGQ/SIM Approvazione RSP/SIM Validazione UATP-URP Emissione RSGQ/SIM Prof. N. Rosato

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 80 del 18/12/2006 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI ART.1 L INVENTARIO DEI BENI PROVINCIALI. 1. L inventario generale costituisce

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI VILLA SOFIA - CERVELLO SEDE LEGALE VIALE STRASBURGO, 233 CAP 90146 PALERMO CODICE FISCALE 05841780827 C.I.G. 2989359116

Dettagli

REGIONE SICILIANA Universitaria Vittorio Emanuele, Ferrarotto, S. Bambino Catania ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE - I PARTE -

REGIONE SICILIANA Universitaria Vittorio Emanuele, Ferrarotto, S. Bambino Catania ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE - I PARTE - 110 4. RISORSE STRUTTURALI E TECNOLOGICHE 4.3 111 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alle risorse umane e tecnologiche consistono nella: 4.3.1 identificazione di un referente per

Dettagli

Il service di ISC Group si distingue nel panorama della distribuzione delle macchine per la pulizia

Il service di ISC Group si distingue nel panorama della distribuzione delle macchine per la pulizia ISC SERVICE efficace, veloce, misurabile! Il service di ISC Group si distingue nel panorama della distribuzione delle macchine per la pulizia per l elevato livello di servizio, in termini di velocità ed

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

Programma di gestione dei laboratori di chimica, fisica e biologia PROGRAMMA DI GESTIONE DEI LABORATORI DI CHIMICA, FISICA E BIOLOGIA

Programma di gestione dei laboratori di chimica, fisica e biologia PROGRAMMA DI GESTIONE DEI LABORATORI DI CHIMICA, FISICA E BIOLOGIA PROGRAMMA DI GESTIONE DEI LABORATORI DI CHIMICA, FISICA E BIOLOGIA maggio 2006 1 Premessa Lo scopo principale del programma è la gestione dell attività dei laboratori di chimica, fisica e biologia presso

Dettagli