Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 1 di 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10"

Transcript

1 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 1 di 10 INDICE INDICE SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE DIAGRAMMA DI FLUSSO RESPONSABILITÀ DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ RIFERIMENTI ALLEGATI...10 Preparato (Firma): SIC Interno e Servizio Ingegneria Clinica Autorizzato (Firma): Direttore sanitario P.P.O.O. di Rete Autorizzato (Firma): Direttore Sanitario Aziendale Autorizzato (Firma): Direttore Amministrativo aziendale Approvazione (Firma): Direttore Generale Data:

2 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 2 di SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità operative e le responsabilità attraverso le quali deve essere attivata una richiesta di intervento tecnico di manutenzione correttiva sulle apparecchiature biomediche oggetto del Servizio di Ingegneria Clinica. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti i reparti/servizi della ASL di Nuoro nel momento in cui, a seguito di un avaria riscontrata su di un apparecchiatura biomedica, è necessario procedere ad una richiesta di intervento tecnico correttivo. Le apparecchiature oggetto del servizio, a qualunque titolo in uso alla ASL di Nuoro, sono indicativamente le seguenti: Apparecchiature elettromedicali e relativi accessori (sostanzialmente tutti i dispositivi elettrici utilizzati a scopo di diagnosi, trattamento, monitoraggio, supporto, riabilitazione) Apparecchi di laboratorio e relativi accessori utilizzati per l effettuazione di esami chimici Apparecchi per bioimmagini e relativi accessori Attrezzature biomedicali ( lampade scialitiche, tavoli operatori, letti da degenza e terapia intensiva, unità per dialisi, frigoriferi biologici,ecc.) Computer e relative periferiche, collegati alle apparecchiature di cui ai precedenti punti, con uso specifico a corredo delle tecnologie biomediche. Sono in particolare escluse dal servizio le attività manutentive riguardanti: attrezzature tecnico economali attrezzature informatiche non funzionalmente connesse alle apparecchiature medicali oggetto del servizio impianti attivi e passivi per l evacuazione dei gas impianti di trattamento/addolcimento acque ottiche rigide sfigmomanometri, fonendoscopi strumentario chirurgico

3 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 3 di 10 trasformatori d isolamento/ gruppi di continuità (se non inseriti all interno delle apparecchiature) 3. DIAGRAMMA DI FLUSSO FASE 1 Richiesta di intervento tecnico correttivo (Referente di reparto) Modulo di Richiesta di Intervento Allegato n.1 FASE 2 Accettazione richiesta di intervento (Operatore Call Center) Software di gestione FASE 3 Sopralluogo in reparto Primo intervento (Tecnico Incaricato) FASE 4 Risoluzione dell avaria (Tecnico Incaricato, Tecnico ditta esterna) FASE 5 Chiusura dell intervento (Tecnico incaricato, Referente di reparto) Rapporto di Lavoro Allegato n.2

4 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 4 di RESPONSABILITÀ Il Referente di reparto/servizio è abilitato a comunicare al Servizio di Ingegneria Clinica le richieste di intervento sia telefonicamente ( numero verde ) che via fax. L elenco dei referenti abilitati a richiedere l intervento sarà predisposto dal SIC interno in accordo con le direzioni sanitarie di presidio. Sarà cura del SIC interno aggiornare quando necessario tale elenco. In linea generale i referenti sono identificati come qui di seguito specificato: caposala-capotecnico se presente medico di guardia se caposala-capotecnico non presente Il Referente di reparto o suo delegato è responsabile di apporre il timbro, la firma e il nome in stampatello sul rapporto di lavoro compilato dal Tecnico incaricato alla chiusura dell intervento. L Operatore del Call Center è la risorsa che, registrando i dati dell apparecchiatura e procedendo alla sua identificazione mediante il software di gestione, accetta la chiamata assegnando all intervento un numero di protocollo univoco e lo comunica al SIC interno. Il Tecnico incaricato del Servizio di Ingegneria Clinica è la risorsa responsabile di gestire l intervento, mediante un primo sopralluogo in reparto, la raccolta di tutte le informazioni utili all identificazione dell avaria e l effettuazione di tutte le operazioni necessarie al ripristino della funzionalità dell apparecchiatura. Il Tecnico specializzato della ditta costruttrice è la risorsa destinata ad intervenire nei casi in cui l apparecchiatura sia sotto garanzia o contratto di manutenzione oppure nel caso in cui l intervento sia di particolare complessità.

5 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 5 di 10 Il Direttore Tecnico della SPV ha la responsabilità della verifica del corretto andamento del servizio di manutenzione e dell effettiva esecuzione degli interventi richiesti. Ha inoltre la responsabilità di segnalare tempestivamente al SIC interno eventuali criticità operative. IL SIC interno verifica tutte la fasi del percorso degli interventi di manutenzione tramite il sistema informativo. Verifica inoltre gli aspetti qualitativi e l efficienza dell organizzazione del laboratorio tecnico, l adeguatezza del magazzino dei pezzi di ricambio e dei consumabili e il curriculum professionale dei tecnici impiegati presso l Azienda Sanitaria di Nuoro. 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ FASE 1 Richiesta di intervento Per aprire una richiesta di intervento occorre chiamare il Call Center telefonando al seguente numero verde: Il Call Center è attivo sei giorni la settimana secondo l orario: dal lunedì al venerdì : 8,30 17,00 e il sabato : 8,30 13,00. Al di fuori dell orario sopra specificato è disponibile un servizio di reperibilità 24h al giorno per le chiamate di emergenza provenienti dai reparti critici e per le apparecchiature vitali. Il servizio viene attivato mediante chiamata diretta al tecnico di turno attraverso il numero di cellulare: In allegato (All. 1) è disponibile un facsimile del modulo per la Richiesta di Intervento via fax.

6 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 6 di 10 Presso ciascun reparto/servizio sarà reso disponibile un blocco di tali moduli per evadere le varie richieste di intervento. Il referente di reparto deve fornire i seguenti dati fondamentali: 1. Numero di inventario dell apparecchiatura (etichetta nera) 2. Nominativo e telefono del referente per ulteriori contatti 3. Nome de Reparto/Servizio che richiede l intervento 4. Tipo di apparecchiatura, marca, modello e numero di matricola 5. Descrizione del problema riscontrato 6. Tipo di guasto (bloccante, non bloccante l attività sanitaria) 7. Disponibilità dell apparecchiatura (fascia oraria in cui si richiede l intervento) Il modulo andrà compilato in tutte le sue parti e in particolare è necessario inserire il numero di inventario biomedicale dell apparecchiatura; in mancanza di tale identificativo non sarà possibile processare la richiesta di intervento. E altrettanto determinante, al fine di evadere la chiamata, fornire almeno il nominativo e il telefono del referente di reparto e una descrizione dell avaria riscontrata. NOTA - APPARECCHIATURE NON PRESENTI IN INVENTARIO: Nel caso in cui si evidenzi che l apparecchiatura risulta per qualche motivo non censita, occorrerà procedere alla sua inventariazione contestualmente all apertura della chiamata di manutenzione correttiva. In tal caso il Call Center attiverà anche le risorse opportune per procedere al censimento dell apparecchio. NOTA - APPARECCHIATURE IN SERVICE, NOLEGGIO, VISIONE, ECC. : Per le apparecchiature in uso nei Presidi Ospedalieri e nelle strutture Territoriali della ASL a titolo diverso dalla proprietà (service, noleggi, visioni, ecc.), il Servizio di Ingegneria Clinica garantirà

7 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 7 di 10 comunque le attività di supporto alla gestione inventariale, le verifiche di sicurezza elettrica e la gestione informatizzata di tutte le attività anche effettuate da terzi su tali apparecchiature. Questo significa che tutte le richieste di assistenza su tali apparecchiature dovranno essere inoltrate secondo le medesime modalità operative elencate nella presente procedura, mediante l invio della richiesta al Call Center tramite numero verde o fax. FASE 2 Gestione della richiesta La seconda fase è rappresentata dalla gestione della richiesta. Il Call Center si avvarrà di un operatore specializzato in grado di interloquire efficacemente con gli utilizzatori in caso di necessità di reperire ulteriori informazioni. L operatore registra i dati comunicati dal richiedente sul software di gestione, identificando l apparecchiatura mediante il numero di inventario e indicando la data e l ora della richiesta. L operatore provvede quindi a verificare la correttezza e la completezza di tutti dati riportati nella richiesta nonché la presenza di eventuali richieste già attive a carico dello stesso apparecchio e assegna, tramite il software di gestione, un numero alla richiesta di intervento e lo comunica al referente di reparto. Tale numero è univoco e può essere utilizzato in qualsiasi momento per verificare lo stato della chiamata. L operatore quindi verifica la posizione gestionale dell'apparecchiatura di cui si richiede la riparazione: se è di proprietà, in comodato d'uso, in service, a noleggio, e se è sotto garanzia o coperta da un contratto di manutenzione diretto tra ASL e ditte terze. Sulla base di queste informazioni l operatore procede ad attivare il Capo Tecnico del Servizio di Ingegneria Clinica o la Ditta pertinente per quell apparecchio. Il Capotecnico potrà procedere successivamente, se è il caso, ad attivare uno dei tecnici residenti in laboratorio per effettuare il primo intervento, tenendo conto anche di eventuali segnalazioni del reparto circa la disponibilità della macchina. FASE 3 Sopralluogo in reparto e primo intervento La terza fase è costituita dal primo intervento.

8 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 8 di 10 Avuto in consegna il foglio di richiesta, il tecnico, nei tempi previsti dal disciplinare, ma anche in base alla urgenza e a eventuali fasce orarie di disponibilità del reparto, si reca presso i locali dove è ubicata l apparecchiatura oggetto della richiesta, identificandola e verificando, anche con la raccolta di informazioni da parte degli operatori sanitari, la congruità del motivo della richiesta e la complessità dell intervento di riparazione eventualmente necessario. In funzione del tipo di avaria riscontrata e/o di altre valutazioni, lo stesso provvede alla immediata riparazione; diversamente attiva le procedure per l esecuzione di un successivo intervento risolutivo. Nel caso in cui l intervento non sia risolutivo il Tecnico incaricato procede comunque alla compilazione di un rapporto di lavoro in cui dichiara che l apparecchiatura è in attesa di riparazione indicandone il motivo. Una copia di tale rapporto viene lasciata al Referente di reparto, che la controfirma per accettazione. L apparecchiatura in attesa di riparazione non deve essere adoperata. MANUTENZIONE CORRETTIVA TEMPI PER SOPRALUOGO IN REPARTO E PRIMO INTERVENTO Entro due ore (più il tempo tecnico per raggiungere la sede dell intervento) dalla ricezione della chiamata nelle sedi ospedaliere Aziendali, Entro quattro ore (più il tempo tecnico per raggiungere la sede dell intervento) in quelle extraospedaliere dei Distretti di Sorgono, Macomer e Siniscola. FASE 4 Risoluzione dell avaria La quarta fase è la risoluzione dell avaria. In alcuni casi può coincidere col primo intervento. I casi in cui il primo intervento non è risolutivo possono essere schematizzati come segue: Attesa materiali: necessità di specifico materiale o parte di ricambio, non disponibile in Laboratorio; Trasferimento in Laboratorio: il medesimo personale del Servizio di Ingegneria Clinica rileva la necessità di intervenire con mezzi tecnici disponibili presso i Laboratori interni; Richiesta esterna: è necessario procedere ad un intervento specialistico da parte della Ditta costruttrice;

9 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 9 di 10 Altri casi: ad esempio qualora si necessiti di altro personale qualificato del Servizio di Ingegneria Clinica con specifica competenza sul prodotto; Il Capo Tecnico sulla base del rapporto di lavoro compilato dal Tecnico incaricato provvede, se è il caso, ad attivare le eventuali ulteriori attività: Approvvigionamento del materiale necessario Contatta con la Ditta costruttrice per l esecuzione di un intervento specialistico Seleziona, sollecita, controlla gli interventi non conclusi o non ancora effettuati dalle ditte esterne Predispone la spedizione dell apparecchiatura presso il produttore, attivando uno specifico servizio di trasporto Qualora la risoluzione dell intervento si prospetti particolarmente lunga, il Capo Tecnico provvede a informare il SIC interno e la Direzione Sanitaria di presidio circa i tempi di ripristino previsti e a sostituire temporaneamente l apparecchiatura con il muletto, nei casi previsti. Per la risoluzione di casi di estrema urgenza su apparecchi in aree critiche il Servizio di Ingegneria Clinica potrà richiedere un autorizzazione alla Direzione Sanitaria per l utilizzo di dispositivi sanitari uguali, o loro parti funzionanti, già presenti nelle strutture dell Azienda Sanitaria e disponibili per una sostituzione provvisoria. MANUTENZIONE CORRETTIVA TEMPO DI RISOLUZIONE DEL GUASTO 80% dei casi entro la fine della giornata lavorativa successiva a quella di ricezione della richiesta (nel caso di guasti che sono stati risolti esclusivamente con risorse umane e materiali interne alla ditta appaltatrice); 90% dei casi entro 5 giorni lavorativi dall'accertamento dell avaria (nel caso di guasti che richiedono la sostituzione di parti di ricambio e/o la spedizione dell'apparecchio presso laboratori esterni). FASE 5 Chiusura dell intervento

10 COD. 002 VERSIONE 001 DATA Pagina 10 di 10 L ultima fase è la chiusura dell intervento. Una volta risolto definitivamente l intervento, l apparecchiatura sarà riconsegnata al reparto. Per ogni intervento il Tecnico incaricato redigerà un dettagliato Rapporto di Lavoro finale. Tale rapporto dovrà essere controfirmato dal personale ASL abilitato e i relativi dati saranno inseriti nel sistema informativo di gestione. Particolari situazioni operative, quali la non rintracciabilità dei ricambi, la non riparabilità, o il decadere delle essenziali condizioni di sicurezza dell apparecchiatura, saranno documentate dal Capo Tecnico e trasmesse al Direttore Tecnico che congiuntamente al SIC interno valuterà quali azioni è opportuno intraprendere. Se il caso lo richiede si potrà arrivare a disporre il fuori uso del bene. L apparecchiatura dichiarata fuori uso sarà identificata mediante opportuno cartellino e non dovrà assolutamente essere adoperata. Segnalazione di non conformità Il referente di Reparto o Servizio qualora si verificasse il mancato rispetto della presente procedura dovrà segnalare le eventuali anomalie alla Direzione Sanitaria del Presidio e al SIC interno tel. n , fax n RIFERIMENTI Disciplinare di gestione del servizio di ingegneria clinica. Procedura Generale linee di comportamento per la stesura delle procedure in ASL 7. ALLEGATI All. 1 - Modulo di richiesta di intervento All. 2 - Rapporto di lavoro

Procedura di Acquisto Attrezzature Biomedicali

Procedura di Acquisto Attrezzature Biomedicali e g i o n e A u t o n o m a d e l l a S a r d e g n a COD. 004 VESIONE 001 DATA 26/05/2009 Pagina 1 di 9 POCEDUA INDICE INDICE...1 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. DIAGAMMA DI FLUSSO...3...3

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA.

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA. REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ATTIVITA DEL SERVIZIO INTERNO DI INGEGNERIA CLINICA. LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI INGEGNERIA CLINICA Il Servizio di Ingegneria Clinica si occupa dell'aspetto gestionale e strategico

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese MODALITA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE Approvato con delib. G.C. n. 9 del 21.01.2006 - esecutiva Per l utilizzo corretto del sistema informatico,

Dettagli

Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione

Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione Allegato sub 3 al Capitolato d Oneri Capitolato Tecnico Consegna, Collaudo, Garanzia e Manutenzione CAPITOLATO TECNICO PER CONSEGNA, COLLAUDO, GARANZIA E MANUTENZIONE DI N. 1 SISTEMA PET/CT (Positron Emission

Dettagli

Tecnologia Web. Personalizzabile. CLINGO Asset management on web. Tecnologia Web. Personalizzabile Facile da usare. Facile da usare. www.clingo.

Tecnologia Web. Personalizzabile. CLINGO Asset management on web. Tecnologia Web. Personalizzabile Facile da usare. Facile da usare. www.clingo. www.clingo.it CLINGO Asset management on web Tecnologia Web Tecnologia Web CLINGO è un sistema per la gestione dei servizi biomedicali totalmente basato su WEB che può essere utilizzato ovunque all interno

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI. CODICE CIG. N. 4665032A2E N. Gara 4598255 ART. 1 OGGETTO E IMPORTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO D ONERI. CODICE CIG. N. 4665032A2E N. Gara 4598255 ART. 1 OGGETTO E IMPORTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA PER L ASSEGNAZIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE GLOBALE DELLE APPARECCHIATURE/ATTREZZATURE BIOMEDICHE/ELETTROMEDICALI IN USO PRESSO LE STRUTTURE TERRITORIALI E OSPEDALIERE

Dettagli

89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877

89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 89900 - Vibo Valentia - Piazza Martiri d Ungheria - P.I. 00302030796 Telefono 0963/599111 - Telefax 0963/43877 GARA INFORMALE PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA DITTA CUI AFFIDARE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO E DI SERVIZI di tutti i contratti specifici di: SicurNet Liguria S.r.l. SOMMARIO: 1. Fonti legislative e riferimento agli impianti; 2. Condizioni economiche; 3. Esclusioni,

Dettagli

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale DISCIPLINARE TECNICO Allegato A al Capitolato d Oneri 1 Premessa Il presente capitolato tecnico

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI APPALTO 1/21. Per accettazione Il legale rappresentante (timbro e firma):

CAPITOLATO TECNICO DI APPALTO 1/21. Per accettazione Il legale rappresentante (timbro e firma): SERVIZI INTEGRATI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI AUSILI ELETTRICI E NON DI CUI AL D.M.332/99 E DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI IN DOTAZIONE PRESSO I PAZIENTI DOMICILIARI E PRESENTI AL SERVIZIO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi CATANIA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI DELL AZIENDA

Dettagli

"PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013" Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013 Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro CONTESTO PATRIMONIALE QUO ANTE TIPOLOGIA DELL INTERVENTO: Progettazione, riqualificazione e ampliamento delle

Dettagli

Direttore Scientifico FOCUS Prof. Sebastiano Andò

Direttore Scientifico FOCUS Prof. Sebastiano Andò Università della Calabria Centro Sanitario Regione Calabria Scuola di FOrmazione Continua Universitaria in Sanità Ente NO PROFIT fondato dall ASP di Cosenza e dall Università della Calabria Accreditato

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA POLICLINICO VITTORIO EMANUELE CATANIA SERVIZI INTEGRATI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE E DEI DISPOSITIVI SANITARI DI PROPRIETÀ DELL AZIENDA OSPEDALIERA-UNIVERSITARIA

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008 LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERASSI ANTIDECUBITO Versione 16 maggio 2008 INDICE Informazioni sul prodotto e sul servizio...2 Servizi accessori...3 Monitoraggio del servizio...3 Tempi di avvio della

Dettagli

Allegato E. Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio

Allegato E. Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio Allegato E Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio ISTRUZIONE OPERATIVA 19.04 Manutenzione Preventiva INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 MODALITA 4 RIFERIMENTI 5 GESTIONE

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA ASSICURATIVA MONTE ORE A SCALARE EROGABILE SOLO NELLE PROVINCE DI MILANO, MONZA E BRIANZA, COMO, LECCO, BERGAMO.

CONTRATTO DI ASSISTENZA TECNICA ASSICURATIVA MONTE ORE A SCALARE EROGABILE SOLO NELLE PROVINCE DI MILANO, MONZA E BRIANZA, COMO, LECCO, BERGAMO. Via A.Volta 15 20852 Villasanta (MB) Tel 02/320621045 039/2878371 Fax 039/8942443 Partita I.V.A. 03481330961 http://www.helpdeskcomputer.it Mail: contact-us@helpdeskcomputer.it CONTRATTO DI ASSISTENZA

Dettagli

1.2 TIPOLOGIA DI ACQUISIZIONE Acquisto Noleggio Service Leasing Donazione Comodato d'uso. 1.3 PRIORITA' PER IL REPARTO Alta Media Bassa

1.2 TIPOLOGIA DI ACQUISIZIONE Acquisto Noleggio Service Leasing Donazione Comodato d'uso. 1.3 PRIORITA' PER IL REPARTO Alta Media Bassa Modello Acquisto Nuova Apparecchiatura Sanitaria Al Direttore Generale SEDE U.O. Proponente Dipartimento Centro di Costo Telefono Unità Operativa Protocollo e Data E-mail Prima richiesta Richiesta successiva

Dettagli

Frontespizio da restituire firmato e timbrato da parte datore di lavoro appaltatore

Frontespizio da restituire firmato e timbrato da parte datore di lavoro appaltatore ALLEGATO E Regione Piemonte AZIENDA SANITARIA LOCALE CN1 Via Carlo Boggio n. 12 12100 CUNEO protocollo@aslcn1.legalmailpa.it P.IVA 01128930045 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi Misure

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Servizio Sanitario Nazionale Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Il presente Capitolato Speciale ha per

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE. Servizio Approvvigionamenti REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Approvvigionamenti delegato dal Direttore Generale dell Azienda con delibera regolamentare

Dettagli

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO 1. DEFINIZIONI Lavori di pronto intervento: tutte quelle opere di cui all art. 176 del DPR 207/2010, che si rendono necessarie in ragione di eventi

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS.

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. 1 PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. CAPITOLATO TECNICO 1 OGGETTO Il presente appalto prevede la manutenzione ordinaria ed evolutiva del sistema RIS PACS a marchio FujiFilm

Dettagli

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI 04/2013 Certificazione di malattia e visite mediche di controllo INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI COME OTTENERE IL CERTIFICATO DI MALATTIA Per ottenere il certificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI ART. 1 OGGETTO DELL INVENTARIO Sono assoggettate all inventario, secondo le norme del presente regolamento, tutte le immobilizzazioni

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN ARCHITETTURA, TECNOLOGIA ED ORGANIZZAZIONE DELL OSPEDALE Anno Accademico 2007 2008 Codice

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE (REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE)

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE (REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE) GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE (REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE) FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari

Dettagli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli Convegno A.R.E. Rimini 2009 L acquisto e la gestione del farmaco Governare il post-gara: magazzini farmaceutici interaziendali e problematiche relative alla gestione logistica efficiente del contratto

Dettagli

1. TIPOLOGIA DEL SERVIZIO

1. TIPOLOGIA DEL SERVIZIO Contratto di fornitura di assistenza tecnica n. / 2014 Tra C.A.Datalab Via Sambuco, 102 37032 Monteforte d Alpone (VR) Tel.: +39 366-1854712, Cod. Fisc. e P.IVA: 03713290231 e Ragione sociale P.IVA/codice

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA. Allegato B

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA. Allegato B AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE REGGIO CALABRIA Allegato B CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA IN SERVICE, LA MANUTENZIONE E LA CONDUZIONE OPERATIVA PER 5 ANNI, DEL GESTIONALE PER I LABORATORI DI ANALISI

Dettagli

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 SOMMARIO 1. Scopo 2 2. Generalità 2 3. Applicabilità 2 4. Termini e Definizioni 2 5. Riferimenti 2 6. Responsabilità ed Aggiornamento 3 7. Modalità operative 3 REVISIONI N REV.

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO DI EMERGENZA OFFERTO AI CLIENTI PISANO ASCENSORI. 3

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO DI EMERGENZA OFFERTO AI CLIENTI PISANO ASCENSORI. 3 Il Servizio CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO DI EMERGENZA OFFERTO AI CLIENTI PISANO ASCENSORI. 3 Orari e regolamentazione 4 Tipologie del servizio 6 ISTRUZIONI OPERATIVE 7 Chiamate per persone rimaste

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale DISCIPLINARE TECNICO Allegato A al Capitolato d Oneri 1 Premessa Il presente capitolato tecnico

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015 RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO A.I.S.O 17 aprile 2015 Sterilizzazione : lo stato di fatto Momento fondamentale di prevenzione nel controllo del rischio infettivo Direttiva CEE 42/93 Norme UNI-EN

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE Art. 1 Il servizio di economato di questo comune, istituito dall art. 83 del Regolamento Comunale di Contabilità, è in accordo con la normativa vigente

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 DI TORINO BANDO DI GARA

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 DI TORINO BANDO DI GARA AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 DI TORINO BANDO DI GARA 1. Ente appaltante: ASL TO1 - Via San Secondo 29-10128 TORINO (Tel. 011/5662433 - fax 011/5662232) Indirizzo elettronico: www.aslto1.it. 2. Procedura

Dettagli

Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi

Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi Guida al Contratto Generale per la fornitura di fotocopiatori in noleggio e dei servizi connessi Pagina

Dettagli

Applicazioni per Centri Assistenza

Applicazioni per Centri Assistenza Applicazioni per Centri Assistenza SOLUZIONI GESTIONALI PER LE AZIENDE //TDAINFORMATICA/ ERP/ CENTRO ASSISTENZA TECNICA INTRODUZIONE GESTIONE DEGLI INTERVENTI TREND TNG CENTRO ASSISTENZA TECNICA: LO STRUMENTO

Dettagli

La gestione integrata di safety e security in ospedale

La gestione integrata di safety e security in ospedale La gestione integrata di safety e security in ospedale Focus su: Centrale gestione Allarmi Tecnologici Gas medicali, antincendio, security, controllo accessi, frigoriferi, ascensori, impianti elettrici

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA ak TRACK GESTIONE MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA IL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI MATERIALI NELLA PRODUZIONE La norma ISO 8402 definisce la tracciabilità

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO APPALTO PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO IN DOTAZIONE

CAPITOLATO TECNICO APPALTO PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO IN DOTAZIONE ALLEGATO A AL DISCIPLINARE DI GARA APPALTO PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO IN DOTAZIONE ALL AZIENDA U.S.L. ROMA H STRUMENTAZIONE HARDWARE E RELATIVO SOFTWARE DI BASE

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE CONCLUSIVA REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le attività relative alla gestione e

Dettagli

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel

Impresa: Ragione Sociale. Città..(Provincia) Indirizzo.Tel UNI EN ISO 9001:2008 ALL. 3/1 QUESTIONARIO TECNICO PER SISTEMI DI MONITORAGGIO PAZIENTI, SISTEMI DA ANESTESIA E VENTILATORI PER NIV PER REPARTI VARI DEL NUOVO BLOCCO NORD DELL OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Descrizione dell assistenza e modalità di esecuzione delle prestazioni.

CAPITOLATO TECNICO. Descrizione dell assistenza e modalità di esecuzione delle prestazioni. CAPITOLATO TECNICO Gara per la fornitura del Servizio di Outsourcing Fonia e Dati per complessive nr. 40 ore settimanali (nr. 8 ore giornaliere) per n.1 unità lavorativa da effettuarsi presso le sedi AGEA,

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Dalla gestione dell asset ospedaliero alla produttività dell Imaging Riccardo Toma Asset Management Solutions di GE Healthcare

Dalla gestione dell asset ospedaliero alla produttività dell Imaging Riccardo Toma Asset Management Solutions di GE Healthcare Dalla gestione dell asset ospedaliero alla produttività dell Imaging Riccardo Toma Asset Management Solutions di GE Healthcare Facoltà di Ingegneria Biomedica Università di Cagliari 28 febbraio 2014 Imagination

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROGETTO DELLA REGIONE LAZIO FACILITAZIONE DELLA COMUNICAZIONE NEI PAZIENTI CON GRAVI PATOLOGIE NEUROMOTORIE Azienda Complesso Ospedaliero S. Filippo Neri www.sanfilipponeri.roma.it ausili.comunicazione@sanfilipponeri.roma.it

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

C O. M. E. S. T. S. r. l. GESTIONE DEGLI INCIDENTI DISTRIBUZIONE GAS METANO PAG. 1 / 9 PREMESSA

C O. M. E. S. T. S. r. l. GESTIONE DEGLI INCIDENTI DISTRIBUZIONE GAS METANO PAG. 1 / 9 PREMESSA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DISTRIBUZIONE GAS METANO PAG. 1 / 9 PREMESSA Questa procedura redatta a cura del Responsabile Incidenti da Gas è distribuita alle figure professionali coinvolte, a cura del Sistema

Dettagli

Informazioni per l acquisto di Mexiletina Cloridrato 50 mg capsule rigide

Informazioni per l acquisto di Mexiletina Cloridrato 50 mg capsule rigide STABILIMENTO CHIMICO FARMACEUTICO MILITARE UFFICIO PROGRAMMAZIONE Informazioni per l acquisto di Mexiletina Cloridrato 50 mg capsule rigide La fornitura del farmaco è subordinata all invio contemporaneo

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO E IN PROVA/VISIONE

DISCIPLINARE PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO E IN PROVA/VISIONE DISCIPLINARE PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO E IN PROVA/VISIONE Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e per

Dettagli

CONVENZIONE ACQUISTO PESONAL COMPUTER NOTEBOOK - SERVIZI IN CONVENZIONE -

CONVENZIONE ACQUISTO PESONAL COMPUTER NOTEBOOK - SERVIZI IN CONVENZIONE - CONVENZIONE ACQUISTO PESONAL COMPUTER NOTEBOOK - SERVIZI IN CONVENZIONE - 1. SERVIZI COMPRESI NEL PREZZO DEI PERSONAL COMPUTER NOTEBOOK I servizi descritti nel presente paragrafo sono connessi ed accessori

Dettagli

Piano della Qualità. Help desk Utenti CSI Piemonte. Inva Spa. Emesso Data Firma. Approvato Data Firma

Piano della Qualità. Help desk Utenti CSI Piemonte. Inva Spa. Emesso Data Firma. Approvato Data Firma Pag. 1/16 Inva Spa Emesso Data Firma Approvato Data Firma INVA Spa Via Xavier de Maistre, 24 11100 Aosta, Italy T: +39 0165 367711 F: +39 0165 262336 E: inva@invallee.it www.invallee.it Pag. 2/16 PROGETTO

Dettagli

Corso di 60 ore. Presentazione del corso. Aspetti giuridico normativi, metodologia del corso, l aggiornamento obbligatorio.

Corso di 60 ore. Presentazione del corso. Aspetti giuridico normativi, metodologia del corso, l aggiornamento obbligatorio. Via Turati, 4/D Diran Center 09045 Quartu Sant Elena www.consulteamsrl.com info@consulteamsrl.com -PROGRAMMA DEL CORSO- RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO B 3 (DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI

ISTITUTO GIANNINA GASLINI ISTITUTO GIANNINA GASLINI L esperienza dell Istituto Gaslini nel passaggio da una gestione tradizionale a quella in Global Service Ing. Alessandro Gallo Roma, 12 luglio 2005 PARLEREMO DI... l organizzazione

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER FORNITURA DI MICROSCOPIO OPERATORIO DA DESTINARE ALLA UOC OTORINOLARINGOIATRIA.

GARA A PROCEDURA APERTA PER FORNITURA DI MICROSCOPIO OPERATORIO DA DESTINARE ALLA UOC OTORINOLARINGOIATRIA. GARA A PROCEDURA APERTA PER FORNITURA DI MICROSCOPIO OPERATORIO DA DESTINARE ALLA UOC OTORINOLARINGOIATRIA. INDICE Art. 1 STAZIONE APPALTANTE Art. 2 OGGETTO DELL APPALTO Art. 3 PROCEDURA DI GARA E CRTITERIO

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA

ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA Nel caso di inconvenienti tecnici che dovessero protrarsi oltre le 48 ore sui collegamenti telematici o comunque sul funzionamento del sistema di protocollo, su disposizione

Dettagli

INDAGINE DI MERCATO SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA E SISTEMISTICA SULLE TECNOLOGIE INFORMATICHE PRESSO I PRESIDI DELLE AA.SS.

INDAGINE DI MERCATO SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA E SISTEMISTICA SULLE TECNOLOGIE INFORMATICHE PRESSO I PRESIDI DELLE AA.SS. INDAGINE DI MERCATO SERVIZIO DI MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA E SISTEMISTICA SULLE TECNOLOGIE INFORMATICHE PRESSO I PRESIDI DELLE AA.SS.LL. TO 2 E TO4 1. OGGETTO DELL INDAGINE La presente indagine

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÀ

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÀ REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÀ Emanato con D.R. 687 del 31.07.2001 INDICE Art. 1 - Scopo 2 Art. 2 - Campo di applicazione 2 Art. 3 - Gestione servizio di reperibilità 3 Art. 4 - Tipi di emergenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITA (emanato con D.R. n.244, prot. n. 4156-I/3 del 19.02.2010) INDICE DEGLI ARTICOLI Art. 1 Finalità del servizio di reperibilità...

Dettagli

AVVISO DI ASTA PUBBLICA per la vendita di n. 2 apparecchiature per la riabilitazione

AVVISO DI ASTA PUBBLICA per la vendita di n. 2 apparecchiature per la riabilitazione U.O. APPROVVIGIONAMENTI ED ECONOMATO Responsabile: dr.ssa Giuseppina Agazzi Tel. 0371/372406 giuseppina.agazzi@ao.lodi.it Referente: dr.ssa Alessia Antoniazzi Tel. 0371/374455 Fax 0371/372507 alessia.antoniazzi@ao.lodi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Fermo quanto disposto dal Codice Civile-Titolo V, art. 769 e segg.,

Dettagli

Patrimonio e Servizi Tecnici Settore Apparecchiature Elettromedicali

Patrimonio e Servizi Tecnici Settore Apparecchiature Elettromedicali OGGETTO: PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DELL EVENTUALE FORNITURA, IN UN UNICO LOTTO DI DEFIBRILLATORI DA DESTINARE AI DIVERSI PRESIDI DELLA ASL DI CAGLIARI. (Rif.Pistis/Secci). CAPITOLATO

Dettagli

Chiarimenti richiesti via fax in data 26 novembre 2012. Chiarimenti richiesti via fax in data 27 novembre 2012

Chiarimenti richiesti via fax in data 26 novembre 2012. Chiarimenti richiesti via fax in data 27 novembre 2012 Chiarimenti richiesti via fax in data 26 novembre 2012 QUESITO N. 65: La scrivente società chiede se sia possibile avere gli allegati E2 (Dichiarazione Amministrativa), E5 (Sopralluogo) ed E6 (Scheda di

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÄ

NUOVO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÄ NUOVO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REPERIBILITÄ Divisione Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane Divisione Servizi Tecnici Dicembre 2007 Art. 1 - Scopo 1. Il servizio di reperibilitä costituisce

Dettagli

Distinti Saluti, IL DIRETTORE DEL SERVIZIO INGEGNERIA CLINICA (Ing. M. Garagnani)

Distinti Saluti, IL DIRETTORE DEL SERVIZIO INGEGNERIA CLINICA (Ing. M. Garagnani) Servizio Ingegneria Clinica Il Direttore Modena, li 16/10/2009 Riferimento : Classificazione : PRO Filecode : \\Sic-asp Documenti-SIC\Lettere prova\aa_pa809_pdi_roche_diabetologia Carpi_09 Pagine : 1 Prot.

Dettagli

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese.

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. Nell ottica di favorire ulteriormente l accesso alle prestazioni da parte degli utenti e facilitare le modalità di prenotazione,

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

Offerta di Manutenzione. Offerta di Manutenzione. Offerta Hardware. Preparata per il

Offerta di Manutenzione. Offerta di Manutenzione. Offerta Hardware. Preparata per il Offerta di Manutenzione Offerta Hardware Preparata per il Offerta di Manutenzione OFFERTA SERVIZI INTEGRATI COMPUTER ASSISTANCE : A Servizi di assistenza tecnica B Gestione finanziaria Noleggi operativi,

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell ULSS

Dettagli

Il criterio di aggiudicazione per la gara di cui in oggetto è quello del prezzo più basso.

Il criterio di aggiudicazione per la gara di cui in oggetto è quello del prezzo più basso. Codice Fiscale/Partita Iva 09737190018 Sede legale: C.so Svizzera, 164-10149 Torino 011/4393111 S.C. ECONOMATO Via Botticelli n. 151-10154 Torino 011240.2613/2616 011/2402686 email: area.economato@aslto2nord.it

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

3 Al fine di poter effettuare una corretta quotazione economica dei servizi aggiuntivi, si chiede cortesemente di conoscere:

3 Al fine di poter effettuare una corretta quotazione economica dei servizi aggiuntivi, si chiede cortesemente di conoscere: Quesito 1 La scrivente società dal 2004 gestisce in A.T.I. con la società Beta, il servizio di prenotazione telefonica, call center, per la prenotazione delle prestazioni specialistiche dell A.S.L. XX.

Dettagli

Indice. Pagina 2 di 11

Indice. Pagina 2 di 11 Pagina 1 di 11 CAPITOLATO TECNICO Procedura Aperta per l affidamento del servizio di soccorso stradale, di traino e/o sollevamento di automezzi del parco aziendale AMA S.p.A., per un periodo di 24 mesi.

Dettagli

Il software per le Ortopedie & Sanitarie

Il software per le Ortopedie & Sanitarie Il software per le Ortopedie & Sanitarie L introduzione in azienda di un software applicativo, che si pone come obiettivo la informatizzazione completa di tutti gli aspetti legati all attività dell azienda,

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO CONTRATTO ESTIMATORIO PREMESSO CHE la società con offerta in data accettava le condizioni indicate dall'asl2 Savonese nel Capitolato Speciale/lettera invito in data prot. ; con provvedimento n del alla

Dettagli

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE.

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. BOLLO BOLLO Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. SOMMARIO 1 OGGETTO...4 2 DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Nome ANSANELLI MATILDE Nazionalità ITALIANA Data di nascita 21 GENNAIO 1957 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Date (da a) DAL 1/5/2003 AD OGGI Indirizzo sede Lavorativa

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE

LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE II UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano Tel. 02 70024.1 Fax. 02 70105993

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI Sommario CAPO I - OGGETTO E SCOPO... 2 Art. 1 - Oggetto... 2 Art. 2 - Scopo... 2 CAPO II - DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 3 - Campo

Dettagli

A.O.U. Sassari. Pagina 1 di 6 CONTO DEPOSITO

A.O.U. Sassari. Pagina 1 di 6 CONTO DEPOSITO CONTO DEPOSITO 1 - Oggetto Consegna, in Conto Deposito, dei beni di cui alla procedura di gara PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA ANNUALE, IN LOTTI DISTINTI DI ENDOPROTESI TORACICHE DA DESTINARE ALL UNITA

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli