RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 7 DEL 31 OTTOBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 7 DEL 31 OTTOBRE 2013"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 7 DEL 31 OTTOBRE 2013 EDITORIALE Cari colleghi, tra poche ore l ufficio di presidenza di ANAPA E UNAPASS incontreranno le Rappresentanze delle Organizzazioni Sindacali dei Dipendenti per affrontare il delicato tema del rinnovo dell Accordo Collettivo dei Dipendenti di Agenzia. A pochi giorni dall avvio del confronto con l Ania ci troviamo a sedere a un nuovo importante tavolo di concertazione, che testimonia il peso politico che la nostra associazione in così pochi mesi di vita si è guadagnata. Lo sforzo che a mio avviso si dovrà compiere da tutte le parti, sarà quello di analizzare sia gli aspetti positivi (e ce ne sono) del CCNL 2011, sia quelli negativi, forse predominanti rispetto a quelli positivi, che hanno generato le frizioni. Uno sforzo tuttavia che non sarà sufficiente se tutti quelli che parteciperanno alla discussione non riusciranno a costruire una piattaforma rispondente alle necessità di un mondo che è molto cambiato anche rispetto al Le Agenzie e, conseguentemente, chi ci lavora, intendendo Agenti, Collaboratori e Dipendenti, stanno già confrontandosi con un quadro normativo ed economico mutato e complicatissimo e nel quale la complessiva capacità di reazione positiva nell affrontare un mondo che non c è più farà la differenza, consentendo, a chi ne avrà la volontà e la capacità di competere. L obiettivo credo debba essere duplice, dare stabilità economica alle Agenzie, e buona parte di questa stabilità sarà determinata e influenzata dallo sviluppo della discussione con l Ania, i cui esiti non sono al momento prevedibili ma che potrebbero disegnare un diverso assetto delle Agenzie e, allo stesso tempo, garantire prospettiva e stabilità economica a chi nelle Agenzie ci lavora, cosa che, allo stato attuale, non è. Probabilmente è il momento di seguire la strada di una vera creazione di valore per tutti, anche attraverso percorsi innovativi. Buona Lettura Il vice presidente Alessandro Lazzaro

2 NOTIZIE DAL MONDO ASSOCIATIVO ANIA TRENDS OTTOBRE: NUOVA PRODUZIONE VITA (AGOSTO 2013) FONTE: INTERMEDIA CHANNEL (30/10/2013) Nel mese di agosto 2013 la nuova produzione vita polizze individuali delle imprese italiane e delle rappresentanze di imprese extra UE, comprensiva dei premi unici aggiuntivi, è stata pari a 3,7 miliardi, il 37,2% in più rispetto allo stesso mese del Si tratta di una prima stima effettuata dall ANIA e riportata da ANIA Trends di ottobre per l intero settore vita che si basa su un campione di imprese rappresentativo di oltre l 85% del totale premi. Considerando anche i nuovi premi vita del campione delle imprese UE, pari a 431 milioni (più che dimezzati rispetto a quelli raccolti nel mese di agosto 2012), i nuovi affari vita complessivi ammontavano a 4,1 miliardi, il 9,7% in più rispetto allo stesso mese del In merito alla sola attività svolta dalle imprese italiane ed extra UE, i premi relativi a nuove polizze di Ramo I hanno continuato a registrare forti incrementi (+62,3% rispetto allo stesso mese del 2012), a fronte di un ammontare premi pari a 3 miliardi, l 83% dell intera nuova produzione emessa. Dai dati raccolti da ANIA Trends, risultano essere in aumento anche le polizze di Ramo V (+20,6% rispetto alla raccolta premi di agosto 2012), con un volume di nuovi affari pari a 107 milioni (solo il 3% dell intera raccolta). La restante quota (14%) della nuova produzione mensile è rappresentata da prodotti linked (Ramo III), che nel mese di agosto hanno registrato, per il secondo mese consecutivo, un andamento negativo ( 27,2% rispetto allo stesso mese del 2012), a fronte di un ammontare premi pari a 512 milioni (l importo più basso da inizio anno). La commercializzazione di polizze unit linked ha segnato per la prima volta da gennaio un decremento rispetto ad agosto 2012 mentre è rimasta pressoché nulla l emissione di nuove polizze index linked. È stato positivo invece l andamento riportato dai contributi relativi a nuove adesioni a forme pensionistiche individuali, pari a 58 milioni, l 11,5% in più rispetto ad agosto 2012.

3 INDAGINE IVASS SUI PRODOTTI VITA/DANNI OFFERTI CON PRODOTTI O SERVIZI NON ASSICURATIVI FONTE: INTERMEDIA CHANNEL (30/10/2013) Con una lettera al mercato diffusa ieri, l IVASS intende avviare un indagine sulle coperture assicurative vendute in abbinamento a prodotti o servizi di natura non assicurativa (non sono compresi i contratti di assicurazione connessi a mutui e ad altri contratti di finanziamento, i c.d. Payment protection product). L indagine dell Istituto è tesa ad acquisire elementi informativi in merito alla diffusione di tali prodotti, alle loro principali caratteristiche e al livello di trasparenza nel loro collocamento presso il pubblico. Si tratta, in linea generale, di polizze collettive stipulate dalle imprese di assicurazione con operatori economici di varia natura che prevedono l attivazione delle garanzie a favore del singolo cliente, generalmente con un esiguo onere economico a suo carico, a seguito di una forma di adesione non sempre esplicita e consapevole da parte di quest ultimo. Esempi di pacchetti di servizi comprensivi di garanzie assicurative si riscontrano nel settore delle c.d. Public Utility Companies ove, unitamente alla fornitura di elettricità, gas e acqua, sono ad esempio offerte coperture finalizzate alla prestazione di assistenza in caso di guasti accidentali degli impianti domestici e dell immobile, ovvero alla copertura dei maggiori costi in bolletta conseguenti a perdite occulte dell impianto idrico. Ulteriori esempi riguardano le aziende di trasporto ferroviario, marittimo ed aereo che, contestualmente al servizio di trasporto, propongono coperture assicurative tese al rimborso della penale connessa alla modifica o all annullamento del biglietto o alla protezione del bagaglio, ma anche le aziende che vendono beni di consumo (ad esempio elettrodomestici, ecc.) e che accompagnano il bene con l offerta di garanzie aggiuntive, di natura assicurativa, per il caso di guasti o malfunzionamenti. Le offerte commerciali del tipo descritto, sottolinea l IVASS, strutturate in pacchetti che comprendono beni e servizi di varia natura, sono in forte diffusione in Italia come negli altri Paesi europei e rappresentano un opportunità di innovazione dei prodotti assicurativi finalizzata ad assecondare l evoluzione dei bisogni e delle esigenze dei consumatori. La diffusione di questi prodotti può determinare un opportunità di sviluppo ed ampliamento per il mercato assicurativo a condizione che venga garantita ai consumatori una efficace tutela in termini di: adesione consapevole al contratto di assicurazione, evitando casi di silenzio assenso; conoscibilità delle coperture assicurative offerte, al fine di consentire al consumatore la attivazione delle garanzie nel caso in cui si verifichi il sinistro; chiara esplicitazione dei costi. Ai fini dell indagine, l IVASS chiede alle imprese interessate di trasmettere informazioni di dettaglio sui singoli prodotti: dati di carattere generale concernenti, tra l altro, il rapporto di partnership commerciale ed il volume di affari e note sul rapporto con il cliente/assicurato in relazione a specifici aspetti, tra cui l informazione

4 sul livello del premio, le relative modalità di pagamento, le possibilità di recesso dal contratto. Le informazioni dovranno essere accompagnati da una relazione descrittiva della tipologia di rapporto contrattuale che lega l impresa al partner commerciale, il contenuto dei pacchetti offerti con riguardo alle coperture assicurative, le modalità e la tipologia di informazioni precontrattuali e contrattuali rese al cliente e quelle previste per l adesione al contratto di assicurazione. NOTIZIE DAL MERCATO ASSICURATIVO GLI AGENTI RESTANO FONDAMENTALI FONTE: PLUS 24 (26/10/2013) Proprio nei giorni in cui parte le prima polizza acquistabile con firma digitale e alla vigilia dell'entrata in vigore dell'obbligo per le compagnie di mettere online i dati aggiornati delle polizze dei clienti (1 novembre) i principali manager delle compagnie italiane ribadiscono all'unanimità l'importanza del ruolo dell'agente nel panorama italiano. lo dicono i numeri di Davide Corradi, partner & managing director di The Boston Consulting Group, che ha spiegato come nei prossimi anni avrà successo il modello ibrido. E lo hanno riconosciuto anche gli esponenti delle principali compagnie riunitisi al 15 Annual Assicurazioni del «Sole 24ore». Le sfumature tuttavia sono diverse. In un modello ideale del gruppo Generali, disegnato da Giovanni Giuliani Head of strategy and business development del leone, il futuro di successo vede una mandate "fabbrica di eccellenza di prodotto" che opera senza il controllo della rete. Una posizione interessante che va nella direzione dell'apertura dei canali. Gian Battista Mazzucchelli, ad di cattolica assicurazione, ha spiegato «come la sfida sia nell'innovazione del ruolo distributivo: dopo la forte concentrazione che ha portato gli agenti da 24mila a 14mila operativi ha spiegato Mazzucchelli il ruolo dell'agente deve essere supportato dalle nuove tecnologie, senza contare che si potrebbe anche creare una rinnovata sinergia tra agenti e banche». nuove sfide che però non possono essere realizzate nel modello rigido contrattuale che ancora oggi prevede la chiusura delle compagnie a mezzogiorno di venerdì, mentre le banche

5 GIÀ DA QUEST'ANNO IL BONUS RIDOTTO SULLE POLIZZE FONTE: IL SOLE 24 ORE (26/10/2013) aprono il sabato. «insomma se il settore non recupera flessibilità farà fatica» come spiega Franco Ellena, dg di Unipol e uomo di riferimento Ania nel dialogo con gli agenti. Confronto che lo scorso lunedì è ripreso con un nuovo incontro tra l'associazione delle compagnie e le tre rappresentanze sindacali: in questa puntata si è discusso sulla definizione di agente. Siamo ancora ai massimi sistemi. Con la conversione in legge del decreto Imu sono state solo in parte accolte le richieste provenienti dal mondo assicurativo che aveva evidenziato l'impatto negativo derivante dalle modifiche al regime di detraibilità dei premi di assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni. Nella prima versione del decreto, il tetto massimo di detrazione dei premi vita era sceso da euro a 630 per l'anno d'imposta 2013, mentre dall'anno d'imposta 2014 in poi tale importo sarebbe sceso a 230 euro. Per chi aveva stipulato un contratto di importo pari o superiore alla vecchia soglia di detraibilità (1.291 euro), la perdita, in termini di minore sconto fiscale, sarebbe stata, rispettivamente, di 126 e di 202 euro per ciascun anno d'imposta. Le modifiche apportate in sede di conversione lasciano invariata la nuova franchigia per l'anno d'imposta 2013 a 630 euro, mentre a partire dal prossimo anno d'imposta tale franchigia sarà fissata a 530 euro. Una delle principali novità introdotte nella legge di conversione del decreto è costituita dal fatto che per i premi versati con riferimento ad assicurazioni aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, la riduzione della franchigia di detraibilità sarà temporanea, ovvero sarà applicata esclusivamente per l'anno d'imposta 2013 (scendendo quindi a 630 euro), mentre dal prossimo anno d'imposta tornerà ad essere pari al "vecchio importo" di euro. In sede di conversione del decreto è stata poi prevista, dall'anno d'imposta 2014, l'indeducibilità totale, ai fini delle imposte sui redditi e dell'irap, del contributo del 10,5%, sostitutivo delle azioni spettanti alle Regioni e agli altri enti che erogano prestazioni a carico del Ssn, che le imprese di assicurazione addebitano al contraente, a titolo di rivalsa, sui premi delle assicurazioni per la responsabilità civile per i danni causati dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti. Per gli anni d'imposta 2012 e 2013 tale contributo sarà deducibile per la parte che supera la soglia di 40 euro, così come previsto dal comma 76 dell'articolo 4 della legge 28 giugno 2012, n. 92, che dal prossimo periodo d'imposta non troverà più applicazione. La riduzione della franchigia di detraibilità dei premi assicurativi

6 potrebbe poi essere accompagnata da una riduzione della percentuale di detraibilità, dal 19 al 18%, ma tale misura è ancora in discussione nell'ambito della legge di stabilità per il AUTO, PREMIO MEDIO IN CALO: BRILLA IL NORD FONTE: AFFARI & FINANZA (28/10/2013) RC AUTO GOVERNO AL VOLANTE ARRIVA LA MINI RIFORMA Il legislatore ha rivisto i limiti delle detrazioni anche ai premi versati per i contratti di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni stipulati o rinnovati entro il periodo d'imposta Il Dlgs 18 febbraio 2000, n. 47, che ha riformato la disciplina fiscale della previdenza complementare e dei prodotti assicurativi vita, ha reso non detraibili fiscalmente i contratti di assicurazione sulla vita, aventi prevalente contenuto finanziario, stipulati dopo il 1 gennaio 2001 lasciando inalterate le condizioni di detraibilità dei contratti stipulati prima di tale data. Con le modifiche introdotte i calcoli di convenienza economica fatti dai contribuenti in sede di stipula del contratto saranno probabilmente oggetto di "revisione". Le mosse a disposizione per i risparmiatori (si veda «Il Sole 24 Ore» del 3 settembre 2013) sono essenzialmente tre: la sospensione, il riscatto o la diminuzione dei versamenti effettuati per ciascun anno. Considerato che in tale calcolo di convenienza bisogna tenere conto non solo della variabile fiscale ma anche di quella finanziaria, in alcuni potrebbe risultare conveniente continuare a versare il premio contrattualmente previsto. L'ultima edizione dell Osservatorio mensile di Segugio.it, comparatore di assicurazioni online, di finanziamenti e di tariffe del Gruppo MutuiOnline, evidenzia una diminuzione del premio medio RC auto offerto dalle 18 Compagnie di Assicurazioni presenti nel panel, passato dai circa euro del secondo semestre 2010 agli 800 euro del secondo semestre Più in dettaglio, analizzando quasi 10 milioni di preventivi assicurativi effettuati su Segugio.it e CercAssicurazioni. it nel corso del periodo in esame, a livello nazionale il premio medio risulta cresciuto significativamente nel 2009 e nel 2010, scendendo poi progressivamente a partire dal primo semestre del Nel 2013 il premio medio ha ripreso a diminuire in modo apprezzabile, registrando un ulteriore calo del 10,1% rispetto alla fine del Complessivamente, fra il secondo semestre 2010 e il secondo semestre 2013 la tariffa media RC ha registrato un calo del 20,8% a livello nazionale. Ma non in tutte le regioni e le province d Italia l andamento è stato uniforme: tra le regioni si differenziano il Trentino Alto Adige ( 22,1%), il Friuli Venezia Giulia ( 21,9%) e il Veneto ( 21,1%), tutte con un calo della tariffa media RC auto superiore a quella nazionale. Si raffredda la tensione sull'rc auto: dopo anni di forti aumenti, infatti, i prezzi hanno cominciato a scendere. Il settore rimane però il grande malato del mercato assicurativo, oltre a rappresentare una voce molto pesante del bilancio familiare. Le tariffe italiane sono le

7 FONTE: CORRIERE ECONOMIA/IO MI ASSICURO (28/10/2013) più care d'europa: alcune compagnie stanno lanciando iniziative per alleggerirne l'onere attraverso la rateazione dei premi (vedi altro articolo in questa pagina). Il pacchetto Il governo, dal canto suo, sta correndo ai ripari con una serie di misure che nei prossimi giorni saranno inserite nel collegato alla legge di Stabilità. «Rappresentano il massimo che in questa fase siamo riusciti a fare spiega Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo economico, che nei mesi scorsi ha coordinato insieme a Ivass e Antitrust un tavolo tecnico che ha raccolto i contributi di tutti gli attori del sistema. Abbiamo trovato una serie di misure equilibrate che puntano a contenere il costo dei risarcimenti, e quindi le tariffe. Il contributo più importante verrebbe dalle tabelle sulle lesioni gravi, di cui da anni si attende il varo, e che per una serie di ricorsi sono ferme al ministero della salute. Per sbloccarle ci vorrebbe una prova di forza». Il pacchetto varato dallo Sviluppo economico prevede una serie di misure, fra cui l'aumento a dieci milioni di euro (senza oneri aggiuntivi per gli assicurati), del massimale previsto per i pullman. Il problema è diventato di drammatica attualità dopo il gravissimo incidente avvenuto nei mesi scorsi sull'a16. Il primo punto del pacchetto è rappresentato dalla scatola nera. «Le compagnie non saranno obbligate a offrire polizze che utilizzano questo sistema spiega Vicari. Il costo dell'installazione, in media sui euro, sarà a carico dell'automobilista che accetta di montarla: la compagnia, però, dovrà da subito riconoscergli uno sconto superiore a quest'importo. Salvo casi di forza maggiore il diritto a richiedere l'indennizzo per i danni materiali decadrà dopo sei mesi dal fatto, rispetto ai due anni attuali». Un altro punto importante riguarda il risarcimento in forma specifica presso carrozzerie convenzionate con la compagnia, dove l'assicurato non paga. «All'automobilista che sottoscrive una polizza basata su questo sistema dovrà essere riconosciuto uno sconto spiega Vicari e sulla riparazione sarà prestata una garanzia di due anni. Per gli intermediari rimarrà l'obbligo di fornire al cliente tre preventivi; sarà realizzato inoltre un preventivatore più completo dell'attuale». Le opinioni Non è entusiasta la reazione delle compagnie, secondo cui non si è fatto abbastanza per contenere l'elevato costo degli indennizzi. «Se le regole per i risarcimenti fossero in linea con quelli degli altri paesi sottolinea Alessandro Santoliquido, direttore generale di Sara assicurazioni e presidente della commissione auto dell'ani i premi dell'rc auto potrebbero essere anche cinque miliardi di euro in meno, un importo più alto della prima rata dell'imu». La voce più consistente è rappresentata dai danni alla persona, che per le

8 compagnie rappresentano circa il 70% dei costi. «La tabella unica per il risarcimento delle lesioni gravi permetterebbe, da subito, una riduzione delle tariffe intorno al 4 5% spiega Santoliquido. Per le altre misure, l'impatto in termini di costi è ben diverso a seconda di come saranno realizzate. Per il risarcimento in forma specifica, se l'assicurato va presso un'officina diversa da quella convenzionata, la compagnia dovrebbe riconoscere l'importo che versa a quest'ultima. Così le tariffe potrebbero scendere del 4% a livello nazionale e dell'8% a Napoli, dove è maggiore l'incidenza dei danni materiali». E' critico il punto di vista delle associazioni dei consumatori. «Queste misure sono utili, ma da sole non bastano sottolinea Fabrizio Premuti, presidente di Konsumer Italia. Manca quella riforma complessiva che sarebbe indispensabile per contenere il costo dei risarcimenti e, quindi, delle tariffe. La scatola nera ha un senso se è montata su tutti i veicoli, altrimenti si rischia che sia scelta solo dai bravi assicurati, e non da chi truffa le compagnie». In base a una disposizione europea, dal 2015 dovrà essere installata su tutti veicoli nuovi. «Si potrebbe anticipare l'obbligo all'anno prossimo spiega Premuti. E per i veicoli già in circolazione, prevedere che debba essere montata a ogni cambio di proprietà». SUL WEB IL BUSINESS RADDOPPIA MA ALLARME ROSSO PER LE TRUFFE FONTE: AFFARI & FINANZA (28/10/2013) L e commerce batte la crisi anche sul ramo assicurazioni. La crescita esponenziale degli utenti Internet ha raddoppiato il numero degli acquirenti online attivi in Italia (+50% da aprile 2012 ad oggi) portandoli a quota 13,6 milioni. Secondo l osservatorio ecommerce B2c Netcomm della School of Management del Politecnico di Milano, il settore continuerà a crescere per tutto il 2013 (+17%) e farà da traino anche alle assicurazioni online, con volumi di polizze stipulate in rialzo del 12%. Il boom del comparto attraversa la Rete in tutta l Europa. Sono 175 milioni cittadini Ue che stanno già acquistando polizze online, contro gli 80 milioni di 6 anni fa, lo stima lo studio Insurance Trend Report della società di consulenza Mount Onyx, realizzato in collaborazione con l Università di Vienna. Nel vecchio continente, paesi come la Gran Bretagna vengono già definiti maturi perché le assicurazioni online viaggiano su quote di mercato superiori al 10%, mentre Italia e Spagna sarebbero in via di sviluppo perché in una forbice compresa tra l 1 e il 10 per centro. In realtà nel nostro paese, stando ai dato Ivass (ex Isvap), la corsa dell e insurance e delle compagnie telefoniche ha già superato quota 8% sul totale delle polizze auto. E il numero dei preventivi Rc auto effettuati online è aumentato del 68% da un anno all altro, secondo l osservatorio SuperMoney, portale Internet per la comparazione delle assicurazioni auto, che ha analizzato un campione di quasi 450 mila richieste da settembre 2011 a settembre E negli ultimi 13 mesi sono arrivati ben preventivi, quasi il 70% in più rispetto al periodo precedente. «È l effetto dell abolizione del tacito

9 rinnovo ha commentato Andrea Manfredi, amministratore delegato di SuperMoney Il 2013 si è aperto con nuove regole che hanno avvantaggiato i consumatori: non potevano che approfittarne». Un opportunità che i proprietari di veicoli non si sono lasciati sfuggire, tanto più oggi, in un periodo sotto pressione per la crisi economica e per i rincari su tutto ciò che riguarda la vita dell automobile e il suo utilizzo. «I dati emersi dallo studio sono assolutamente positivi ha aggiunto Manfredi perché mostrano finalmente un comportamento più consapevole dei consumatori, che si attivano per risparmiare sulle spese più onerose del quotidiano, tra cui anche le polizze auto». Secondo Comparameglio. it, comparatore attivo dal 2011 che confronta online i preventivi di oltre 18 compagnie, l Rc auto sul web potrebbe tagliare il traguardo storico di circa il 25% di tutte le polizze. Stando alle indagini di Comparameglio. it, di questo 25% il 10% sarebbe rappresentato da acquirenti con una tendenza abituale a cambiare assicurazione mentre il 15% sarebbe costituito da individui che cambiano compagnia per la prima volta. Dallo studio emerge anche che per il 69% degli automobilisti italiani il prezzo rappresenti ormai il principale fattore che determina il cambio di compagnia assicurativa. Il profilo tipico di chi acquista la polizza online è quello di un maschio di età compresa tra i 35 e i 44 anni, residente nel centro Italia, impiegato e in classe di merito 1. Tuttavia non mancano le preoccupazioni: perché se è vero che si possono risparmiare anche diverse centinaio di euro con l assicurazione online, bisogna stare all occhio alle truffe. A segnalarlo è l Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni) che ha portato alla luce il problema delle compagnie assicurative fantasma, che magari si offrono al cliente nascondendosi dietro a marchi simili a quello delle società più accreditate. Nell ultimo anno l Ivass ha registrato un aumento del 50% del numero di compagnie che stipulavano assicurazioni truffa. Oltre alle assicurazioni truffa, un altro fenomeno che sta velocemente prendendo piede è quello delle assicurazioni temporanee online che non permettono di identificare l intermediario. L ente di vigilanza ha segnalato già 5 siti non idonei a stipulare polizze perché non in regola con la disciplina assicurativa. E l automobilista che sottoscrive una polizza truffa, non solo non sarà coperto in caso di incidente, ma rischia anche il sequestro del veicolo e una sanzione fino ad un massimo di euro. L automobilista che sottoscrive una polizza truffa, non solo non sarà coperto in caso di incidente, ma rischia anche il sequestro del veicolo e una sanzione

Evoluzione della distribuzione assicurativa i comparatori on line

Evoluzione della distribuzione assicurativa i comparatori on line Evoluzione della distribuzione assicurativa i comparatori on line a cura di S. Paci, P. Contaldo, M. Rosin 29 giugno 2015 Osservatorio Insurance Communication & Customer Care 1 I comparatori on line I

Dettagli

Indice corso Agenti e Broker

Indice corso Agenti e Broker Indice corso Agenti e Broker 1. L evoluzione storica e normativa delle assicurazioni - Premessa - Fonti del diritto di assicurazione: i connotati e i problemi peculiari della disciplina di settore - Il

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI MAGGIO 2016 1 Indice 1. Introduzione e sintesi 2. La dimensione del mercato PPI 2.1. Numero

Dettagli

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS?

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? Dalla Direttiva Europea al art. 22 del DL Cresci Italia 2.0 PREMESSA E QUADRO GENERALE DALLA PRIMA DIRETTIVA EUROPEA ALLA LEGGE BERSANI PASSANDO

Dettagli

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta Consap e l R.C. Auto: il Risarcimento Diretto e la Stanza di compensazione Paolo Panarelli Direttore Generale

Dettagli

Mini Guida. Le assicurazioni online

Mini Guida. Le assicurazioni online Mini Guida Le assicurazioni online Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE ASSICURAZIONI ONLINE In questa guida parleremo delle assicurazioni auto online, le più diffuse

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO Rc auto: Ania, prezzi -6% in 2014, si riduce gap con

Dettagli

Presentazione "contratto base" per RC Auto

Presentazione contratto base per RC Auto Presentazione "contratto base" per RC Auto Roma, 14 febbraio 2013 1 L'azione del Governo nel settore assicurativo ha toccato più fronti Le iniziative hanno contribuito a disegnare un quadro disciplinare

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Il Contratto Base RC Auto nel contesto delle misure di liberalizzazione del settore. Workshop ACB Milano, 4 aprile 2013. Avv.

Il Contratto Base RC Auto nel contesto delle misure di liberalizzazione del settore. Workshop ACB Milano, 4 aprile 2013. Avv. Il Contratto Base RC Auto nel contesto delle misure di liberalizzazione del settore Workshop ACB Milano, 4 aprile 2013 Avv. Andrea Maura Il contesto normativo Qual è il contesto normativo nel quale ci

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

PRESS KIT. Arca Vita S.p.A. Arca Assicurazioni S.p.A. Press Kit maggio 2015 p. 1 di 8

PRESS KIT. Arca Vita S.p.A. Arca Assicurazioni S.p.A. Press Kit maggio 2015 p. 1 di 8 PRESS KIT Arca Vita S.p.A. Arca Assicurazioni S.p.A. Press Kit maggio 2015 p. 1 di 8 ARCA VITA E ARCA ASSICURAZIONI: CHI SIAMO Cenni storici Arca Vita ha iniziato la propria attività nel 1989 con lo scopo

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

Profili economici della riforma dell RC Auto

Profili economici della riforma dell RC Auto PROSPETTIVE EVOLUTIVE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI RC AUTO Per una riforma equilibrata a beneficio della collettività SENATO 30 gennaio 2014 Profili economici della riforma dell RC Auto Vittorio Verdone

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Roma, 15 Febbraio 2012

Roma, 15 Febbraio 2012 HDI ASSICURAZIONI SpA BANCASSICURAZIONE Roma, 15 Febbraio 2012 Distribuzione dei prodotti Assicurativi Vita e Danni 1997-2010 In Italia la distribuzione dei prodotti assicurativi avviene prevalentemente

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Elaborazioni dai resoconti intermedi dei gruppi assicurativi quotati, dai dati di Borsa Italiana e di quelli di

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Testimonianza 6Sicuro. Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico. Monza, 10 giugno 2011.

Testimonianza 6Sicuro. Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico. Monza, 10 giugno 2011. Testimonianza 6Sicuro Economia Cognitivo - Emotiva: presa delle decisioni in campo economico Monza, 10 giugno 2011 Chi presenta oggi 2 Agenda dell intervento Il mercato RC in Italia La struttura organizzativa

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE ALLEGATO 7B INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO PREMESSO che ai sensi della vigente normativa, l intermediario assicurativo

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2014-2015 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

IL PREVENTIVATORE UNICO RC AUTO

IL PREVENTIVATORE UNICO RC AUTO IL PREVENTIVATORE UNICO RC AUTO GUIDA RAPIDA CONTENUTI DELLA GUIDA - Domande e risposte - Consigli utili - La home page del Preventivatore Unico DOMANDE E RISPOSTE Che cos è? Come si accede? Cosa serve

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012 CIRCOLARE 43/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

PROTECTIM LA PROTEZIONE PER GARANTIRSI I BENI ACQUISTATI CON MUTUI E PRESTITI PER SEMPRE!

PROTECTIM LA PROTEZIONE PER GARANTIRSI I BENI ACQUISTATI CON MUTUI E PRESTITI PER SEMPRE! PROTECTIM LA PROTEZIONE PER GARANTIRSI I BENI ACQUISTATI CON MUTUI E PRESTITI PER SEMPRE! LA SERENITA DI REALIZZARE UN PROGETTO SOLIDO Ottenere il mutuo e il prestito è fondamentale per realizzare il proprio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it ! "! # $ % & # Medici e responsabilità professionale. Quasi nove su dieci già assicurati. Ma le polizze non fanno stare comunque

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni Fonti del diritto delle Assicurazioni Il contratto e l impresa nelle fonti di produzione

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Il ruolo dell'industria. della previdenza

Il ruolo dell'industria. della previdenza Il ruolo dell'industria assicurativa nello sviluppo della previdenza La sfida del sistema previdenziale italiano: necessità di adeguare il regime pensionistico alle dinamiche sociali ed economiche in atto

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it:

Osservatorio SosTariffe.it: 1 Osservatorio SosTariffe.it: Cambiare gestore diventa ancora più conveniente grazie alle nuove promozioni di quest anno: aumenta l'entità del risparmio in bolletta fino al 45,5% in più rispetto al 2012

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%)

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 CONVERTITO CON LEGGE 7 AGOSTO 2012 N 134 (SETTEMBRE 2012) Indice: 1. INTRODUZIONE...2 2. TESTO DISPOSIZIONE: ARTICOLO

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2

Premessa. by Gestione Processi Formativi 2 Premessa Una presentazione in cui si affronta il tema della fiscalità delle polizze vita e delle forme di previdenza complementare. Viene ripreso il vecchio regime fiscale (valido per tutte le polizze

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

L impatto delle novità normative sugli aspetti organizzativi delle Compagnie

L impatto delle novità normative sugli aspetti organizzativi delle Compagnie L impatto delle novità normative sugli aspetti organizzativi delle Compagnie Milano, 29 Marzo 2012 Copyright by IAMA Consulting Srl, Milano (2012) All rights of translation, reproduction and adaptation

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

Convenzione Guggenheim

Convenzione Guggenheim Convenzione Guggenheim Ordine Architetti Milano e provincia ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A. AGENZIA DI CITTÀ 567 Via Carbonera, 19 20137, Milano Tel. 02.70.00.17.11 Fax 02.71.73.23 E-mail : milano567@agenzie.generali.it

Dettagli

Usato Smile e l automobilista ti sorride

Usato Smile e l automobilista ti sorride Usato Smile e l automobilista ti sorride Proponi anche tu Usato Smile e otterrai: Nasce un nuovo servizio che ti offre nuove opportunità L accesso a una flotta potenziale di 2,5 milioni di veicoli questo

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa dei Deputati. LAVAGNO e PAGLIA

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa dei Deputati. LAVAGNO e PAGLIA XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Deputati LAVAGNO e PAGLIA Introduzione dell articolo135-bis del Codice delle assicurazioni private, recante istituzione della Banca

Dettagli

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008.

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. N. 01 Novembre 2008 AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. Roma - Dal 15 Ottobre scorso sul sito internet www.agenziadelterritorio.it sono consultabili le quotazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

CASA YOU. L ASSICURAZIONE CHE FAI TU. Metti al sicuro la tua casa con una protezione quotidiana.

CASA YOU. L ASSICURAZIONE CHE FAI TU. Metti al sicuro la tua casa con una protezione quotidiana. Metti al sicuro la tua casa con una protezione quotidiana. SAI COME TUTELARE LA CASA DAL RISCHIO SISMICO? Un terremoto può danneggiare l abitazione, ma anche in questa situazione YOU CASA prevede un indennizzo

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Roberto Manzato Direttore Centrale Vita, Danni e Servizi Le assicurazioni vita Capacità di risparmio

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n..

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Regolamento recante la definizione del «contratto base» di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Workshop di presentazione dei prezzi degli immobili di Milano e Provincia 21 luglio 2015. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Workshop di presentazione dei prezzi degli immobili di Milano e Provincia 21 luglio 2015. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Workshop di presentazione dei prezzi degli immobili di Milano e Provincia 21 luglio 2015 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 Fattori POSITIVI CRITICITA EROGAZIONI in aumento DOMANDA

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Autocaravan & Assicurazione Incredibili novità

Autocaravan & Assicurazione Incredibili novità 64 Associazione Nazionale Autocaravan & Assicurazione Incredibili novità Dal 1 luglio 2009 novità notevoli e significative nella polizza STRADA incamper Nel numero scorso, da pagina 93 a pagina 99 avevamo

Dettagli

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117.

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117. Assicurazioni private: nuovi obblighi di trasparenza dal 1 ottobre 2008 ISVAP, regolamento 09.05.2008, G.U. 20.05.2008 Previsti per le compagnie assicurative e gli intermediari nuovi obblighi di trasparenza

Dettagli

Fondav. I costi: alti e bassi

Fondav. I costi: alti e bassi Fondav Il volo della pensione Per gli assistenti di volo vi è il fondo pensione chiuso Fondav. Dopo la nostra analisi si è rivelato un fondo con pochi alti e molti bassi sia nei costi, sia, soprattutto,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF. Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano, 16 settembre 2010

UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF. Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano, 16 settembre 2010 UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF Regolamento n. 35 : obblighi di informazione e pubblicità dei prodotti assicurativi Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano,

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37 Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati cittadini e compagnie assicurative che obbligano queste ultime a liquidare un beneficiario con una somma oppure sotto forma di una rendita qualora

Dettagli

Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti

Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti Decreto-legge sulle liberalizzazioni: le novità in materia di circolazione e trasporti Nei giorni scorsi il governo ha approvato in consiglio dei ministri il testo del decreto legge relativo alle liberalizzazioni

Dettagli

Informazione per i media

Informazione per i media Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Informazione per i media Risultato semestrale 2014 della

Dettagli

L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO

L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 40 DEL 3 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ARTICOLO 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO 2012

Dettagli