9. Edilizia, costruzioni, impiantistica 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9. Edilizia, costruzioni, impiantistica 10"

Transcript

1 Quadro Regionale degli Standard Professionali QRSP della INTEGRAZIONE E REVISIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI IN FUNZIONE DELL EVENTO EXPO 2015

2 INDICE PROFILI OGGETTO DI REVISIONE ALLEGATO A Hostess congressuale e fieristica (ridefinizione del profilo di Hostess 3 congressuale) Buyer - tecnico dell acquisto (ridefinizione del profilo di e-buyer) Promoter (ridefinito con competenze di valorizzazione prodotti tipici e 8 tradizionali locali ) NUOVI PROFILI ALLEGATO B 9. Edilizia, costruzioni, impiantistica Installatore Pannelli fotovoltaici Tecnico dell'ispezione e manutenzione degli edifici storici Servizi turistici Gestore di campeggio Gestore di rifugi alpini ed escursionistici Addetto alle attività di informazione ed accoglienza turistica Butler (maggiordomo) Addetto al ricevimento (receptionist) Servizi di public utilities Pianificatore dell emergenza Servizi culturali e di spettacolo Tecnico collaboratore restauratore di beni culturali - superfici decorate 32 di beni architettonici Operatore specializzato dei servizi di accoglienza e custodia del 35 patrimonio culturale Tecnico dei servizi di accoglienza e custodia del patrimonio culturale Comunicazione, pubbliche relazioni, pubblicità Vetrinista-visual merchanidiser Tecnico di allestimento fieristico Tecnico per la gestione di fiere e congressi 43 2

3 PROFILI OGGETTO DI REVISIONE ALLEGATO A Hostess congressuale e fieristica DESCRIZIONE PROFILO L Hostess congressuale e fieristica è la figura professionale che si occupa di fornire assistenza ai congressisti o ai visitatori durante l intero svolgimento dell evento. Le hostess si occupano di ricevere ed identificare i congressisti o i visitatori, forniendo informazioni e materiale sulla manifestazione. La loro professione le mette a diretto contatto col visitatore/congressista, svolgono quindi una funzione importante e delicata per la quale sono richieste doti comunicative, conoscenze linguistiche, buona presenza e una sicura conoscenza dell organizzazione e del contenuto dell evento. Inoltre deve conoscere gli aspetti logistici per il trasferimento dei partecipanti verso il luogo dove si svolge la manifestazione (e viceversa) e le opportunità dalla città ELEMENTI DI CONTESTO Contesti lavorativi Ambito/i di riferimento: L Hostess congressuale e fieristica svolge la propria attività per agenzie specializzate nei servizi alle imprese in diversi ambiti (sport, cultura, spettacolo, formazione, turismo, ecc, ecc) Collocazione/i organizzativa/e: L Hostess congressuale e fieristica svolge la propria attività con tipi di rapporti contrattuali a tempo determinato, in quanto collegati alle singole iniziative: contratti a tempo determinato, lavori a progetto, collaborazioni occasionali o contratti a chiamata (job on call). Modalità di esercizio del lavoro: La hostess congressuale e fieristica lavora a diretto contatto con i visitatori della manifestazione; l impegno è articolato sul calendario dell evento e include in genere anche giornate festive. REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Hostess, steward ed assimilati Attività Economiche ATECO Organizzazione di fiere, esposizioni, convegni Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Addetti al ricevimento e servizio informazioni 3

4 COMPETENZE Effettuare l accoglienza dei visitatori o dei congressisti Principi di Customer Satisfaction Caratteristiche servizi tecnici a supporto di eventi Applicare procedure di identificazione e registrazione Lingua straniera Nozioni di qualità del servizio Elementi di customer care Tipologie di location per convegni Processi organizzativi di fiere Processi organizzativi di convegni Organizzazione reception Applicare tecniche di accoglienza della clientela Applicare tecniche di comunicazione efficace (allestimento, catering, interpretariato) Applicare procedure di registrazione e deposito bagagli- vestiario Effettuare assistenza ai congressisti durante lo svolgimento del convegno-congresso Principi di Customer Satisfaction Caratteristiche servizi tecnici a supporto di eventi (allestimento, catering, interpretariato) Lingua straniera Nozioni di qualità del servizio Elementi di customer care Tipologie di location per convegni Processi organizzativi di eventi Processi organizzativi di convegni Applicare procedure per la predisposizione di voucher Applicare tecniche di comunicazione efficace Utilizzare strumentazione a supporto dell attività d ufficio (fax, fotocopiatrice) Somministrare strumenti di rilevazione della customer satisfaction Normativa in materia di tutela della Privacy Principi di customer satisfaction Lingua straniera Applicare tecniche di conduzione interviste Applicare tecniche di comunicazione efficace Applicare tecniche di ascolto attivo 4

5 Buyer - tecnico dell acquisto DESCRIZIONE PROFILO Il Buyer si occupa, per la struttura commerciale e lo specifico settore merceologico di competenza, di studiare il mercato di riferimento, rilevando i bisogni d acquisto e gestendo - anche attraverso strumenti di ecommerce e di Net economy - la definizione dell assortimento e tutte le attività del processo di acquisto. Partecipa alla definizione, pianificazione, esecuzione e controllo delle attività promo-pubblicitarie che interessano l assortimento di sua competenza. ELEMENTI DI CONTESTO Contesti lavorativi Ambito/i di riferimento: Opera nell ambito dell Ufficio acquisti-approvvigionamenti o presso Buying Offices Collocazione/i organizzativa/e: Fa riferimento al responsabile area approvvigionamenti, alla funzione Marketing e commerciale o al responsabile acquisti di una specifica area merceologica. Modalità di esercizio del lavoro: Nel caso di esercizio della professione come libero professionista, la figura si pone come un imprenditore della propria attività relazionandosi direttamente con le interfaccia descritte. Il lavoro implica frequenti spostamenti per la partecipazione a fiere nazionali e/o internazionali e per gli acquisti su mercati internazionali. REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Approvvigionatori e responsabili acquisti Attività Economiche ATECO 51.1 Intermediari del commercio Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Compratori COMPETENZE Definire il bisogno d acquisto Elementi di marketing Elementi di statistica Analisi previsionale dell'andamento del mercato Elementi di vendita e distribuzione Processo d acquisto Elementi di sociologia dei consumi Tecniche di definizione prezzi - pricing Discipline merceologiche Applicare tecniche di analisi risultati di vendita Applicare tecniche di definizione obiettivi di vendita Applicare criteri di strutturazione dell offerta commerciale Applicare tecniche di marketing di acquisto Applicare tecniche di budgeting Utilizzare software applicativi per la gestione acquisti 5

6 Effettuare ricerca e selezione fornitori Elementi di economia aziendale Inglese Sistema di Qualità e principali modelli (TQM, EQUA, etc.) Caratteristiche del mercato di riferimento Caratteristiche merceologiche dei prodotti di riferimento Fonti per individuazione fornitori (tradizionali e web based) Condizioni di fornitura del settore di riferimento Tecniche di marketing di acquisto Processo d acquisto Elementi di pianificazione degli acquisti E-marketing Applicare criteri di valutazione offerte Applicare tecniche di benchmarking Applicare tecniche di analisi dei costi Applicare tecniche di ricerca su internet Applicare tecniche di valutazione della performance della fornitura (vendor rating) Applicare tecniche di value analysis (supporto alla scelta di alternative di fornitura) Applicare tecniche di analisi dei costi Condurre le trattative di acquisto Elementi di contrattualistica internazionale Inglese Elementi di contrattualistica fornitori Condizioni di fornitura del settore di riferimento Strumenti informatici per la gestione degli acquisti Applicare tecniche di gestione delle relazioni commerciali con i fornitori Applicare tecniche di negoziazione Applicare tecniche comparative della qualità dei prodotti/servizi offerti Gestire il processo di acquisto-approvvigionamento Elementi di contrattualistica internazionale Elementi di economia aziendale Inglese Elementi di contrattualistica fornitori Elementi di approvvigionamento prodotti Condizioni di fornitura del settore di riferimento Processo d acquisto Elementi di Marketing intelligence Elementi di Business Intelligence Discipline merceologiche Principi e metodi del controllo di gestione Modalità di gestione delle scorte Analisi previsionale andamento del mercato Applicare criteri di valutazione offerte Applicare procedure di gestione degli ordini Utilizzare dispositivi di comunicazione in rete Applicare tecniche di ricerca su internet Applicare tecniche di valutazione della performance della fornitura (vendor rating) Applicare tecniche di value analysis (supporto alla scelta di alternative di fornitura) Utilizzare strumenti di e-commerce Applicare tecniche di budgeting Utilizzare strumenti applicativi di controllo gestione 6

7 Effettuare analisi di mercato Elementi di statistica Sistema distributivo Analisi previsionale dell'andamento del mercato Elementi di Marketing Elementi di sociologia Caratteristiche del mercato di riferimento Caratteristiche merceologiche dei prodotti di riferimento Applicare tecniche di analisi di dati di mercato Applicare tecniche di benchmarking Applicare tecniche di ricerca (dati/informazioni/notizie) Effettuare l ottimizzazione del processo d acquisto aziendale Elementi di economia aziendale E-marketing Inglese Processo d acquisto Elementi di Business Intelligence Principi di Sourcing Principi di facility management Applicare procedure Just in time Applicare tecniche di ottimizzazione dei processi Applicare tecniche di analisi dei costi Utilizzare dispositivi di comunicazione in rete Applicare tecniche di ricerca su internet Utilizzare strumenti di e-commerce 7

8 Promoter DESCRIZIONE PROFILO La figura professionale si inserisce nel processo di merchandising operativo sul punto vendita finalizzato a promuovere prodotti e servizi. Il prodotto/servizio può variare a seconda della tipologia dell azienda che ha commissionato la promozione (food, no food, prodotti di largo consumo, o ad alto contenuto tecnologico, servizi base o specializzati, prodotti tipici e/o tradizionali, ecc). Il promoter presenta e promuove il prodotto/servizio mettendone in risalto gli aspetti tecnici e commerciali, al fine di invitare il cliente all acquisto. Si occupa anche di curare l aspetto espositivo all interno dello spazio di vendita, mediante materiali promopubblicitari, identificativi dell azienda e dei prodotti/servizi in oggetto. Si tratta normalmente di stand, banchetti, isole promozionali personalizzate all interno di centri commerciali, fiere, convegni o anche di punti vendita del prodotto. ELEMENTI DI CONTESTO CONTESTI LAVORATIVI Ambito/i di riferimento: Commercio tradizionale, grande distribuzione organizzata e specializzata, altri canali distributivi, eventi pubblici e privati di aggregazione (fiere, convegni, ecc). Collocazione/i organizzativa/e: La figura professionale opera all interno di agenzie di promozione che si occupano della selezione e talvolta anche della formazione della stessa (marketing relazionale caratteristiche del prodotto e dell azienda promotrice). Il suo diretto referente in agenzia è il Responsabile addetto alla pianificazione e alla gestione delle risorse (addetto al planning) che verifica che il servizio sia erogato secondo le modalità indicate dal cliente (orario di presidio, luogo di presidio, divisa, ecc). Il rapporto di lavoro si configura esclusivamente con le agenzie stesse con forme contrattuali atipiche che vanno dal contratto a tempo determinato, a progetto, a collaborazioni occasionali, a seconda della durata del presidio e della tipologia dei punti vendita. Modalità di esercizio del lavoro: Le condizioni di lavoro variano a seconda della tipologia della commessa acquisita: può trattarsi di iniziative presso punti vendita con orari di negozio o presso fiere, convegni, eventi in genere con appuntamenti anche festivi, serali, o residenziali. La figura professionale opera da sola, in coppia o in piccoli gruppi, con turni di rotazione nel caso di presidi continuativi per lunghi periodi con turni e orari estremamente flessibili in base alla pedonabilità dei punti vendita; talvolta anche REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Tecnici della vendita e della distribuzione Attività Economiche ATECO Organizzazione di fiere, esposizioni, convegni Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Venditori e dimostratori nei negozi di vendita 8

9 COMPETENZE Effettuare la messa in opera dello spazio promozionale Tecniche promozionali Gamma di prodotti/servizi in vendita Elementi di merchandising Applicare tecniche di esposizione merce Applicare tecniche di presentazione prodotti Effettuare la presentazione di un prodotto/servizio al cliente/utente Elementi di comunicazione interpersonale Tecniche promozionali Elementi di customer care Gamma di prodotti/servizi in vendita prodotti/servizi del territorio Elementi di storia e cultura e costume territoriale Elementi di legislazione regionale e comunitaria in materia di certificazioni e marchi Applicare tecniche di comunicazione efficace Applicare tecniche di presentazione prodotti Applicare tecniche di interazione col cliente 9

10 NUOVI PROFILI ALLEGATO B 9. Edilizia, costruzioni, impiantistica 9.22 Installatore Pannelli fotovoltaici DESCRIZIONE PROFILO La figura professionale dell Installatore pannelli fotovoltaici gestisce le attività relative all installazione e manutenzione dei pannelli fotovoltaici, con riferimento alla messa a punto dell impianto, eseguendo assemblaggio, controllo e messa in opera, in conformità con le normative e secondo le specifiche tecniche definite dalla progettazione. ELEMENTI DI CONTESTO CONTESTI LAVORATIVI Ambito/i di riferimento: Opera nell edilizia sia civile che industriale, prevalentemente nell ambito di aziende artigianali di installazione e costruzione impianti.; Modalità di esercizio del lavoro: L attività viene esercitata in cantieri edili di nuove costruzioni, di immobili in ristrutturazione, o presso abitazioni private. Prevede orari giornalieri, tuttavia le attività di manutenzione possono comportare prolungamento di orario; REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Installatori e riparatori di apparati elettrici ed elettromeccanici Attività Economiche ATECO Installazione di impianti elettrici e tecnici Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Installatori e riparatori di apparecchi elettrici 10

11 COMPETENZE Effettuare l installazione di impianti elettrici Elementi di elettrotecnica Normativa sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori in tutti i settori di attività privati o pubblici Elementi di impiantistica civile Elementi di impiantistica industriale Elementi di elettronica Disegno tecnico elettrico Componentistica elettrica Normative tecniche per installazione impianti elettrici Applicare tecniche di collegamento scatole e derivazioni per impianti elettrici Applicare procedure di collaudo impianti elettrici Applicare modalità di collaudo di materiali elettrico ed elettronico Applicare tecniche di montaggio di apparati elettrici Utilizzare strumenti di verifica impianti elettrici Applicare metodi di distribuzione carichi di tensione Applicare procedure di redazione del verbale di collaudo impianto elettrico Applicare procedure per la messa in sicurezza di impianti elettrici Effettuare l installazione di impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Elementi di elettrotecnica Normativa sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori in tutti i settori di attività privati o pubblici Elementi di impiantistica civile Elementi di impiantistica industriale Elementi di elettronica Norme per la installazione di impianti fotovoltaici Principi del conto energia per il fotovoltaico Applicare procedure di collaudo impianti fotovoltaici Applicare procedure di redazione verbale di collaudo Applicare tecniche di montaggio di impianti fotovoltaici Applicare tecniche di regolazione e taratura impianti fotovoltaici Applicare tecniche di assemblaggio impianti fotovoltaici Effettuare la manutenzione di impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Elementi di elettrotecnica Elementi di termotecnica Normativa sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori in tutti i settori di attività privati o pubblici Utilizzare strumenti di misurazione parametri elettrici Elementi di elettronica Principi del conto energia per il fotovoltaico Applicare modalità di riparazione elettrica condizionamento Applicare tecniche di diagnosi guasti impianti fotovoltaici Utilizzare strumenti di verifica impianti fotovoltaici Applicare tecniche di misurazione parametri energetici Applicare procedure di manutenzione ordinaria impianti fotovoltaici Applicare procedure di sostituzione componenti impianti fotovoltaici 11

12 9.23 Tecnico dell'ispezione e manutenzione degli edifici storici DESCRIZIONE PROFILO Il tecnico dell ispezione e manutenzione di edifici storici è incaricato di riconoscere i dati relativi ai materiali costitutivi, alle tecniche di esecuzione e allo stato di conservazione degli edifici storici al fine di individuare ed eseguire interventi di conservazione e manutenzione per prevenire, limitare e/o rimuovere dall edificio le cause di degrado e di dissesto delle superfici. Il tecnico dell ispezione e manutenzione degli edifici storici svolge la sua attività in costante collaborazione e sotto la supervisione dell esperto di riferimento (ad esempio l architetto) con cui condivide il linguaggio tecnico-operativo dei materiali costitutivi, delle tecniche di esecuzione e dello stato di conservazione degli edifici storici. ELEMENTI DI CONTESTO CONTESTI LAVORATIVI Ambito/i di riferimento: Il tecnico dell ispezione e manutenzione di edifici storici opera nel settore della conservazione architettonica nell ambito di imprese di restauro private, all interno di istituzioni culturali pubbliche e private. REFERENIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Tecnici delle costruzioni civili ed assimilati Attività Economiche ATECO Lavori generali di costruzione di edifici Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Tecnici di ingegneria civile COMPETENZE Realizzare attività di analisi delle caratteristiche strutturali e dello stato di degrado dell edificio Strumenti, interventi, materiali, attività e tecniche proprie della conservazione e manutenzione degli edifici Storia della tecnologia edilizia Storia dell architettura Fisica Chimica Disegno Tecniche e strumentazione di riproduzione grafica e fotografica Utilizzare tecniche e metodologie del lavoro in équipe Utilizzare tecniche di rilievo dei manufatti architettonici e del disegno (tradizionali e informatiche) Utilizzare tecniche di redazione di dossier grafici e fotografici Utilizzare tecniche di documentazione del lavoro Riconoscere e valutare condizioni di alterazione, degrado e/o dissesto Applicare procedure di valutazione delle condizioni di conservazione delle superfici 12

13 Collaborare alla definizione del piano di conservazione e manutenzione dell edificio e degli interventi in esso contenuti, proponendo eventuali integrazioni / correzioni / aggiornamenti Progettazione di implementazione di piani e programmi di lavoro Strumenti, interventi, attività e tecniche proprie della conservazione e manutenzione degli edifici Tecniche di definizione preventivi, gestione di budget, rendicontazione Materiali e tecniche edilizie Fisica Chimica Software di progettazione, visualizzazione e documentazione (ECDL Advanced) Storia dell architettura Storia della tecnologia edilizia Utilizzare tecniche e metodologie del lavoro in équipe Utilizzare tecniche di documentazione del lavoro Applicare tecniche di progettazione delle attività, delle risorse e dei mezzi Effettuare gli interventi di conservazione e manutenzione, relazionandosi con le altre figure impegnate nelle attività Normativa sui beni culturali e paesaggistici e sulle attività culturali Normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Strumenti, interventi, attività e tecniche proprie della conservazione e manutenzione degli edifici Materiali e tecniche edilizie Effettuare ispezioni e controlli Allestire e manutenere il cantiere Utilizzare tecniche di arrampicata (discesa in corda doppia, etc.) Riconoscere e valutare condizioni di alterazione, degrado e/o dissesto Utilizzare i dispositivi di sicurezza specifici del settore Applicare tecniche specifiche di conservazione e manutenzione Effettuare le operazioni di chiusura del cantiere Comunicare le attività svolte e i risultati ottenuti a seconda delle diverse categorie di interlocutori e destinatari Lingua straniera (B1-B2) Tecniche di produzione fotografica e digitalizzazione Strumenti informatici e multimediali per la comunicazione (ECDL Advanced Utilizzare tecniche di comunicazione Applicare metodologie di redazione di documenti Applicare tecniche informatiche, fotografiche e audiovisive Utilizzare banche dati esistenti Gestire rapporti e relazioni 13

14 11. Servizi turistici Gestore di campeggio DESCRIZIONE PROFILO Gestisce l impresa ricettiva all aria aperta/campeggio avvalendosi anche di personale specializzato. Definisce il posizionamento commerciale della struttura e gestisce l impresa dal punto di vista amministrativo, fiscale e di marketing. Si occupa della ricettività mettendo a disposizione gli spazi e organizzando i servizi comuni. ELEMENTI DI CONTESTO Collocazione/i organizzativa/e: Il gestore del campeggio è, in genere, proprietario dell azienda. Modalità di esercizio del lavoro: Le dimensioni, la localizzazione, la tipologia, la specializzazione dei collaboratori e le modalità organizzative dei campeggi possono essere molto diverse fra loro, compresa anche la conduzione famigliare. Nel caso di azienda medio-grande il gestore di campeggio svolge una funzione di coordinamento organizzativo e gestionale; nel caso di struttura piccola si può anche occupare direttamente dello sviluppo di alcune attività. REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese negli alberghi e pubblici esercizi Esercenti e gestori di servizi alberghieri ed assimilati Attività Economiche ATECO Campeggi ed aree attrezzate per roulotte Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Direttori generali (PMI): alberghi, ristoranti e servizi turistici COMPETENZE Effettuare la gestione commerciale di strutture di campeggio Elementi di gestione d'impresa Mercato del turismo Elementi di tecnica commerciale Organizzazioni turistiche Elementi di Marketing Adempimenti e scadenze fiscali Organizzazione strutture ricettive campeggistiche Elementi di contrattualistica del lavoro Elementi di contabilità Normativa nazionale e regionale di settore Applicare tecniche di controllo di gestione Applicare criteri di selezione fornitori Applicare criteri di valutazione offerte Applicare modalità di calcolo margini di vendita Applicare tecniche di definizione prezzi Applicare modalità di verifica piani commerciali Applicare procedure di approvvigionamento materiali Applicare tecniche per l'analisi del mercato turistico Utilizzare modelli di gestione operativa attività commerciale Applicare tecniche di budgeting 14

15 Effettuare la gestione del personale di strutture campeggistiche Gestione delle risorse umane Elementi di organizzazione aziendale Procedure di gestione del personale Normativa sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori in tutti i settori di attività privati o pubblici Organizzazione strutture ricettive campeggistiche Tecnica strutture ricettive Elementi di contrattualistica del lavoro Applicare modalità di coordinamento del lavoro Applicare tecniche di gestione del personale Applicare tecniche di motivazione risorse umane Applicare tecniche di pianificazione delle attività Pianificare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria Norme e dispositivi sicurezza e igiene ambienti, attrezzature, persone Normativa servizi/strutture ricettive Standard di qualità del sevizio Elementi di organizzazione aziendale Metodi per il monitoraggio del processo Strategie e tecniche per ottimizzare i risultati e per affrontare eventuali criticità Applicare norme, disposizioni e procedure sulla sicurezza e igiene sul lavoro Controllare operazioni di manutenzione Organizzare processo di lavoro Sovrintendere lavoro collaboratori Effettuare servizio secondo standard qualità previsto Monitorare qualità servizio Ottimizzare procedure Formulare proposte miglioramento standard aziendali Gestire le criticità nei rapporti con i clienti Tecniche di comunicazione Standard di qualità del sevizio normativa servizi e strutture ricettive servizi e opportunità della struttura ricettiva Utilizzare tecniche di comunicazione con utenza interpretare richieste cliente Gestire reclami Gestire inconvenienti Effettuare servizio secondo standard qualità previsto Formulare proposte miglioramento standard aziendali Rapportarsi con altre aree operative Gestire le relazioni e la comunicazione con l'esterno Marketing strategico Normativa nazionale e internazionale di settore Comunicazione d impresa Territorio Tecniche di comunicazione Applicare politiche marketing azienda Gestire rapporti e relazioni interagire con Enti e Istituzioni Curare fidelizzazione Utilizzare strategie e tecniche di comunicazione 15

16 Effettuare il rifornimento delle forniture della struttura Normativa di settore Organizzazione strutture ricettive Elementi di contabilità Elementi di controllo di gestione Applicare criteri di selezione fornitori Applicare modalità di gestione delle scorte Applicare procedure di controllo ordini Applicare procedure per l'approvvigionamento Applicare tecniche di definizione ordini commerciali Applicare tecniche di valutazione di offerte Applicare tecniche di budgeting 16

17 11.26 Gestore di rifugi alpini ed escursionistici DESCRIZIONE PROFILO Il gestore del rifugio alpino o escursionistico esercita le attività di ospitalità e ristoro accogliendo turisti, escursionisti ed alpinisti, mettendo loro a disposizione le stanze per il pernottamento e gli spazi di accoglienza. Il gestore è anche il riferimento informativo della zona. In caso di incidenti ed infortuni ad alpinisti o escursionisti nell area di pertinenza, collabora nelle attività di soccorso. ELEMENTI DI CONTESTO Collocazione/i organizzativa/e: Il gestore del rifugio lavora solitamente in proprio, in qualità di proprietario della struttura o come affidatario della stessa; è coadiuvato da altre persone che possono essere alle sue dipendenze o suoi collaboratori. REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese negli alberghi e pubblici esercizi Esercenti e gestori di servizi alberghieri ed assimilati Attività Economiche ATECO Rifugi di montagna Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Direttori generali (PMI): alberghi, ristoranti e servizi turistici COMPETENZE Effettuare procedure di check-in e check-out Organizzazione alberghiera Tecnica alberghiera Applicare tecniche di accoglienza della clientela Applicare procedure di custodia valori Applicare procedure standard di check-in e checkout alberghiero Applicare procedure di registrazione documenti contabili Applicare procedure di gestione pagamenti Allestire e gestire gli spazi ricettivi e attrezzati per il pernottamento Elementi di igiene personale Normativa sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori in tutti i settori di attività privati o pubblici Elementi di igiene ambientale Manutenzione di dotazioni e arredi alberghieri Applicare tecniche di cambio della biancheria Applicare procedure di sanificazione, sanitizzazione e sterilizzazione di ambienti, materiali ed apparecchiature Applicare tecniche di pulizia degli ambienti e riordino delle camere Utilizzare attrezzature per la pulizia degli ambienti Utilizzare prodotti per la pulizia dei locali 17

18 Gestire il servizio di prima colazione e di erogazione dei pasti Tradizioni enogastronomiche del territorio Applicare tecniche per l'apparecchiatura dei tavoli Normativa sulla disciplina igienica prodotti Applicare tecniche di preparazione snack e menù alimentari rapidi Ricette per preparazione snack e menù rapidi Applicare tecniche per servire cibi e bevande Caffetteria Applicare norme di igiene e sicurezza alimentare Normativa nazionale e regionale di settore Effettuare servizio secondo standard qualità previsto Effettuare la gestione commerciale della struttura ricettiva Normativa di settore Elementi di contabilità Elementi di contrattualistica del lavoro Organizzazione strutture ricettive Adempimenti e scadenze fiscali Elementi di tecnica commerciale Elementi di Marketing Elementi di controllo di gestione Applicare criteri di selezione fornitori Applicare tecniche di controllo di gestione Applicare tecniche di budgeting Applicare procedure di approvvigionamento Applicare tecniche di definizione prezzi Applicare modalità di calcolo margini di vendita Applicare criteri di valutazione offerte Applicare tecniche di marketing (inserire il rifugio nei circuiti turistici e in Internet) Applicare modalità di gestione delle scorte Applicare procedure di controllo ordini Gestire le operazioni di vigilanza e manutenzione della struttura ricettiva Procedure dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) Norme e dispositivi sicurezza e igiene ambienti, attrezzature Funzionamento dei generatori di energia elettrica Assicurare il servizio chiavi secondo le procedure della struttura Espletare il servizio sveglia Espletare il servizio di custodia valori Far funzionare e riparare in caso di guasto il generatore di energia elettrica Applicare norme, disposizioni e procedure sulla sicurezza e igiene sul lavoro Accogliere e gestire la relazione con i clienti Seconda lingua estera lessico tecnico in lingua italiana ed estera Tecniche di comunicazione Tecniche di accoglienza clienti Condurre conversazione in lingua italiana Condurre conversazione in lingua straniera Utilizzare tecniche di comunicazione Utilizzare forme di accoglienza per diversi tipi di clientela (singoli, gruppi, ecc.) proporre servizi e prodotti Interpretare richieste cliente Gestire reclami effettuare il servizio secondo standard di qualità previsto fornire informazioni sul territorio e sull ambiente circostante raccogliere richieste e osservazioni 18

19 Utilizzare attrezzature di pronto soccorso e mezzi di comunicazione efficaci in caso di emergenza Territorio circostante (vie d' accesso al rifugio, ai rifugi limitrofi ed ai posti di soccorso più vicini, sentieri percorribili, loro accessibilità e tempi di percorrenza) Nozioni di primo intervento pronto soccorso Utilizzare software di base e per la gestione della posta elettronica e software gestionali per l'interrogazione di banche dati utilizzare telefonia mobile ed apparecchi radiotelefonici di emergenza gestire ed aggiornare una rete di contatti e/o connessioni internet per l assistenza ed il pronto soccorso rapido utilizzare attrezzature di pronto soccorso (cassetta pronto soccorso, barelle, slitte, corde, altro) guidare mezzi di trasporto speciali su percorsi fuoristrada 19

20 11.27 Addetto alle attività di informazione ed accoglienza turistica DESCRIZIONE PROFILO L Addetto alle attività di informazione e accoglienza turistica assiste i clienti in tutti gli aspetti che riguardano l'erogazione e la fruizione del servizio turistico e provvede a rilevare il loro grado di soddisfazione. Riceve i turisti e soddisfa le loro esigenze di informazione e risoluzione di problemi inerenti l offerta ricettiva e di ospitalità, gli spostamenti ed il sistema della mobilità, i ristoranti ed i circuiti enogastronomici, le attrattive locali, le iniziative culturali, sportive e ricreative, gli eventi ed altre notizie che rendano piacevole la visita e la permanenza sul territorio. Effettua la prenotazione di posti e servizi, l emissione e vendita di biglietti, voucher e documenti di viaggio anche per mezzo di terminali elettronici o altre macchine emettitrici. Gestisce i flussi amministrativo contabili delle operazioni poste in essere, nonché le attività relative alla raccolta e trasmissione dei dati. ELEMENTI DI CONTESTO Ambito/i di riferimento: La figura opera prevalentemente nelle agenzie di viaggio e turismo sia di intermediazione e/o di produzione di pacchetti / servizi turistici, in uffici di accoglienza turistica o negli Info Point. Collocazione/i organizzativa/e: La figura svolge le proprie attività nel quadro delle modalità operative predisposto dal responsabile del servizio e nel rispetto della normativa regionale, nazionale, internazionale. Dovendo fronteggiare situazioni e richieste diversificate, deve possedere la capacità di analizzare ed interpretare le caratteristiche del contesto di compito (tipologie dei clienti, specificità dei servizi richiesti ed offerti, disponibilità di servizi, ecc.) e di predisporre soluzioni adeguate. REFERENZIAZIONI Classificazione Nazionale delle Professioni ISTAT Addetti all accoglienza ed assimilati Attività Economiche ATECO Attività delle agenzie di viaggio e turismo e dei tour operator Classificazione Internazionale delle Professioni ISCO Addetti alla reception, alle informazioni e al call center COMPETENZE Gestire procedure di prenotazione Principi di customer care Gestione dei reclami Normativa in materia di tutela della privacy Nozioni di qualità del servizio Tecniche di prenotazione Tecniche di comunicazione Applicare tecniche di analisi dei bisogni dell'utenza Applicare tecniche di prenotazione Utilizzare software gestione delle prenotazioni 20

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli